La due diligence. Definizione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La due diligence. Definizione"

Transcript

1 La due diligence Definizione Attività organizzata finalizzata alla raccolta e a alla verifica delle informazioni di natura patrimoniale, finanziaria, economica, gestionale, strategica, fiscale ed ambientale relativamente ad una azienda in modo da ottenere una fotografia particolareggiata della realtà in essere Revisione contabile Verifica contabile che si conclude con un giudizio in ordine alla correttezza della situazione economica, patrimoniale e finanziaria da bilancio Valutazione d azienda Definizione del valore teorico del capitale economico della società attraverso metodologie e tecniche specifiche

2 Principali tipologie di due diligence In base al committente Richiesta dall acquirente la società Richiesta dalla società in vendita Richiesta da una parte della compagine sociale Richiesta da uffici giudiziari in procedimenti legali, civili o penali In base al momento Effettuata prima dell eventuale acquisizione Effettuata dopo l acquisizione In base all oggetto Analisi sull attività della società, sui prodotti, sul mercato e sui concorrenti Analisi patrimoniale finanziaria e reddituale a livello contabile Analisi di natura fiscale Analisi di natura legale Indagine dei rischi di natura ambientale

3 CARATTERISTICHE DELLA DUE DILIGENCE PONE IN RILIEVO I PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA DELLA REALTA INDAGATA INDIVIDUA GLI ELEMENTI DI VALUTAZIONE UTILI PER L ACQUISIZIONE DELLA SOCIETA TARGET

4 AREE DELLA DUE DILIGENCE AREA STRATEGICA E DI MERCATO AREA CONTABILE AREA LEGALE AREA FISCALE AREA FINANZIARIA AREA AMBIENTALE AREA DEI SISTEMI INFORMATIVI

5 LA DUE DILIGENCE FISCALE ATTIVITA DI VERIFICA (FORMALE E SOSTANZIALE) E CONTROLLO DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI POSTI IN ESSERE DALLA SOCIETA OGGETTO DI ACQUISIZIONE L EMERSIONE DI RILIEVI FISCALI DI UNA CERTA IMPORTANZA POSSONO PORTARE ALL ABBANDONO DELLA TRATTATIVA

6 TIPOLOGIE DI DUE DILIGENCE FISCALE TEMPO D INTERVENTO PRE ACQUISITION TAX DUE DILIGENCE INDAGINE PRIMA DELL ACQUISIZIONE POST ACQUISITION TAX DUE DILIGENCE INDAGINE SUCCESSIVA ALL ACQUISIZIONE

7 TIPOLOGIE DI DUE DILIGENCE FISCALE LUOGO DELL INDAGINE TAX DATA ROOM INDAGINE PRESSO UNA SOLA SEDE (CONSULENTE LEGALE O FISCALE) DELLA SOLA DOCUMENTAZIONE IVI ESISTENTE TAX EXTENSIVE DUE DILIGENCE INDAGINE PRESSO LA SEDE DELLA SOCIETA (NON CI SONO VINCOLI ALLA RACCOLTA DI INFORMAZIONI)

8 TIPOLOGIE DI DUE DILIGENCE FISCALE SOGGETTO CHE COMMISSIONA L INDAGINE TAX VENDOR DUE DILIGENCE INDAGINE COMMISSIONATA DAL VENDITORE TAX ACQUISITION DUE DILIGENCE INDAGINE COMMISSIONATA DAL POTENZIALE ACQUIRENTE

9 TIPOLOGIE DI DUE DILIGENCE FISCALE AREE D INDAGINE FULL TAX DUE DILIGENCE INDAGATE TUTTE LE AREE FISCALI LIMITED TAX DUE DILIGENCE INDAGINE LIMITATA SOLO SU TALUNA DELLE AREE D INDAGINE PRESENTI

10 TIPOLOGIE DI DUE DILIGENCE FISCALE LA TIPOLOGIE D INTERVENTO CAMBIA IN BASE NECESSITA DEL COMMITTENTE TIPO DI SOCIETA OGGETTO D INDAGINE

11 OBIETTIVI DELLA DUE DILIGENCE FISCALE INDIVIDUARE I PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA DELLA SOCIETA TARGET EVIDENZIARE LO STATUS FISCALE GENERALE DELLA SOCIETA TARGET AREE DI CRITICITA FISCALE CHE POTREBBERO PORTARE : CONTENZIOSO PASSIVITA LATENTI IN CASO DI VERIFICA TRIBUTARIA INDICARE LE FATTISPECIE DA CUI POSSONO GENERARSI LE PASSIVITA FISCALI POTENZIALI

12 OBIETTIVI DELLA DUE DILIGENCE FISCALE PUNTI DI DEBOLEZZA INDIVIDUANO IL RISCHIO FISCALE LATENTE INFORMAZIONI RILEVANTI SU: ADEMPIMENTI FORMALI E SOSTANZIALI PREVISTI DALLA NORMATIVA TRIBUTARIA AREE DI RISCHIO FISCALE PASSIVITA FISCALI POTENZIALI NON EVIDENZIATE DAL VENDITORE

13 FASI DELLA DUE DILIGENCE FISCALE GLI STEP DA SEGUIRE a) Incontri preliminari con il cliente b) Identificazione delle aree d indagine c) redazione della proposta di due diligence d) redazione di un team di specialisti in materia tributaria e) raccolta informazioni sulla societa f) esecuzione dell attività di tax due diligence g) redazione dell executive summary h) redazione e discussione del report finale i) valutazione dell operazione di acquisizione

14 INCONTRI CON IL CLIENTE SCOPI: - verificare gli obiettivi e gli oggetti d indagine fiscale - pianificare i tempi di esecuzione - stabilire le modalità di intervento - definire il tipo di indagine richiesto - parametri di riferimento e le fees EMISSIONE DI UNA PROPOSTA DI DUE DILIGENCE (LETTERA D INCARICO)

15 IDENTIFICAZIONE DELLE AREE D INDAGINE ANALISI APPROFONDITA DELL OGGETTO DI VERFICA, DELL ATTIVITA SVOLTA E DELL APPARTENENZA AD UN GRUPPO SOCIETARIO INDAGINE DA SVOLGERE CON IL COMMITTENTE PER VALUTARE IL SUO GRADO DI CONOSCENZA FISCALE SULLA SOCIETA

16 FORMAZIONE TEAM DI LAVORO REQUISITI - CONOSCENZE ADEGUATE ALLA TIPOLOGIA DI SOCIETA INDAGATA - ESPERIENZA PLURIENNALE NEL SETTORE MERGER & ACQUISITION - PERSEVERANZA, INTUITO, PAZIENZA - RISERVATEZZA - INTEGRITA MORALE ED ASSENZA DI CONFLITTO D INTERESSI - CAPACITA DI SCAMBIO D INFORMAZIONI CON GLI ALTRI TEAM FISCALI

17 ATTIVITA DI VERIFICA - RICHIESTA SCRITTA DOCUMENTI CONTABILI E FISCALI - INTERVISTE VERBALI O SCRITTE AL MANAGEMENT - ANALISI DELLE CARTE DI LAVORO DELLA SOCIETA DI REVISIONE - INCONTRI CON I CONSULENTI ESTERNI DEL VENDITORE - ANALISI DI REPORT DI DUE DILIGENCE GIA ESISTENTI - DISCUSSIONI ED APPROFONDIMENTI CON IL TEAM LEGALE

18 ESAME DELLA SOCIETA TARGET: ORGANIGRAMMA SOCIETARIO VERIFIARE SE LA SOCIETA E COLLEGATA O CONTROLLATA DA PARTE DI SOCIETA APPARTENENTI ALLO STESSO GRUPPO DETERMINAZIONE DI TUTTI I RAPPORTI DI NATURA FINANZIARIA, COMMERCIALE E DI ALTRA NATURA ESISTENTI FRA LE SOCIETA DEL GRUPPO ANALISI DELL UBICAZIONE DELLE SINGOLE SOCIETA (BLACK LIST) L ANALISI IN PAROLA PERMETTE L IDENTIFICAZIONE DELLE POLITICHE DI PIANIFICAZIONE FISCALE A LIVELLO DI GRUPPO ESAMINARE LA POSIZIONE DELLE SOCIETA CON RIFERIMENTO AI PERIODI D IMPOSTA ANCORA ACCERTABILI

19 ESAME DELLA SOCIETA TARGET: DEFINIZIONE PERIODI D IMPOSTA ANCORA ACCERTABILI VERIFIARE L ESISTENZA DI PASSIVITA FISCALI POTENZIALI ONDE LIMITARE L INTERVENTO DA PARTE DEL FISCO PER I PERIODI ANCORA VERIFICABILI VARIABILI: TERMINI DI PRESCRIZIONE ATTI POSTI IN ESSERE DAL FISCO CHE POSSONO AVER INTERROTTO IL DECORRERE DEI TERMINI DI PRESCRIZIONE ACCESSO DELLA SOCIETA AD ISTITUTI CHE HANNO PERMESSO LA DEFINIZIONE PARZIALE O TOTALE DEL PERIODO D IMPOSTA ACCESSO DELLA SOCIETA AD OPERAZIONI STRAORDINARIE CHE HANNO COMPORTATO LA RESPONSABILITA SOLIDALE PER ALTRI PERIODI D IMPOSTA

20 ESAME DELLA SOCIETA TARGET: ESAME DEI CONDONI ED ALTRI ISTITUTI DEFINITIVI O DEFLATIVI VERIFIARE SE LA SOCIETA SI E AVVALSA SPESSO DI TALI ISTITUTI ALLO SCOPO DI RETTIFICARE ERRORI DI NATURA FORMALE E/O SOSTANZIALE RICORSO COSTANTE A TALI ISTITUTI POTREBBE INDICARE SCARSA EFFICIENZA E CONTROLLO INTERNO DELLA VARIABILE FISCALE IDENTIFICARE LE AREE FISCALI OGGETTO DI SANATORIA, PER INDIRIZZARVI I CONTROLLI PER GLI ANNI SUCCESSIVI L ANALISI DEGLI ISTITUTI IN PAROLA E PROPEDEUTICA ALLA CORRETTA DETERMINAZIONE DEI PERIODI D IMPOSTA ANCORA ACCERTABILI

21 ESAME DELLA SOCIETA TARGET: CONTROLLO DEL CONTENZIOSO - ELENCAZIONE DI OGNI PRATICA DI CONTENZIOSO PER AREE FISCALI DINDAGINE - STATUS DEL CONTENZIOSO - IDNETIFICAZIONE E QUALIFICAZIONE DELLEPASSIVITA FISCALI CORRELATE AD OGNI CONTENZIOSO QUALIFICAZIONE DELLA PASSIVITA CORRELATA COME PROBABILE O CERTA E RELATIVO ACCANTONAMENTO A FONDO RISCHI SE L ACCANTONAMENTO NON E STATO EFFETTUATO O RISULTA PARZIALE, DEVE ESSERE EVIDENZITO IN SEDE DI REPORT

22 ESAME DELLA SOCIETA TARGET: CONTROLLO DELLE DICHIARAZIONI FISCALI E DELLE IMPOSTE DOVUTE VERIFICA DELLA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI NEI TERMINI DI LEGGE E DELLA CORRETTA DETERMINAZIONE DELLE IMPOSTE E LORO VERSAMENTO CONTROLLO SOSTANZIALE DELLE SINGOLE RIPRESE FISCALI COMPIUTE DAL CONTRIBUENTE IN SEDE DI DICHIARAZIONE ED IL RISPETTO DEI PRINCIPI TRIBUTARI FONDAMENTALI CONTROLLI DETTAGLIATI DELLA DOCUMENTAZIONE FISCALE EVENTUALE RIDETERMINAZIONE DELL IMPONIBILE FISCALE E DELLE IMPOSTE - DETERMINAZIONE DELLE PASSIVITA FISCALI POTENZIALI- PROSPETTO DI RACCORDO

23 ESAME DELLA SOCIETA TARGET: ESAME DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE VERIFICA LA NECESSITA DI ESTENDERE L INDAGINE AD ENTITA GIURIDICHE DI CUI SI IGNORAVA L ESISTENZA (RESPONSABILITA DI NATURA TRIBUTARIA) VERIFICARE L ESISTENZA DI RISCHI FISCALI IN CAPO ALLA SOCIETA TARGHET VERIFICARE L ESISTENZA DI PASSVITA FISCALI RELATIVE ALLE OPERAZIONI STRAORDINARIE VERIFICARE L APPLICAZIONE DELLE DISCIPLINE TRIBUTARIE PARTICOLARI ALLE OPERAZIONI IN PAROLA VERIFICA DELLE RAGIONI ECONOMICHE O RIORGANIZZATIVE

24 ESAME DELLA SOCIETA TARGET: DEFINIZIONE DELLE AREE DI RISCHIO FISCALE LA LORO IDENTIFICAZIONE PERMETTE ALL ACQUIRENTE DI RICHIEDERE SUPPLEMENTI D INDAGINE PER VERIFICARE LA POSSIBILE PRESENZA DI PASSIVITA FISCALI POTENZIALI DIVIENE PARTICOLARMENTE RILEVANTE NEL CASO DI VERIFICHE IN CUI LA DOCUMENTAZIONE ED IL TEMPO SIANO RIDOTTI (TAX DATA ROOM) AL VARIARE DEL TIPO DI ATTIVITA E DELLA DIMENSIONE DELLA SOCIETA SI MODIFICANO LE AREE DI CRITICITA L UBICAZIONE PERMETTE DI VERIFICARE SE LA SOCIETA GODE DI REGIMI FISCALI PRIVILEGIATI LE CARATTERISTICHE DEL VENDITORE POSSONO PERMETTERE L IDENTIFICAZIONE DELLE AREE DI RISCHIO

25 IL PROCESSO DI ACQUISIZIONE E DUE DILIGENCE IL PROGRAMMA DI DUE DILIGENCE VA PIANIFICATO IN BASE ALLO SCHEMA CONTRATTUALE DI ACQUISIZIONE 1. LA CONOSCENZA DELLO SCHEMA CONTRATTUALE CONSENTE DI LIMITARE O ESTENDERE IL PROCESSO DI DUE DILIGENCE 2. IN ASSENZA DI UNO SCHEMA CONTRATTUALE DI ACQUISIZIONE I RILIEVI DELLA TAX DUE DILIGENCE POTREBBERO INFLUENZARE LE SCELTE FINALI DI ACQUISIZIONE OPERATE DAI SOGGETTI COINVOLTI DOPPIA INTERFERENZA FRA PROCESSO DI ACQUISIZIONE E ATTIVITA DI DUE DILIGENCE

26 VERIFICA FISCALE DELL OPERAZIONE DI ACQUISIZIONE ACQUISTO DI UN RAMO AZIENDALE (ASSET DEAL) VERIFICA DI UN NUMERO LIMITATO DI PERIODI D IMPOSTA ACQUISTO DI UN PACCHETTO AZIEONARIO (ASSET DEAL) VERIFICA A TUTTI I PERIODI D IMPOSTA ANCORA SOGGETTI AD ACCERTAMENTO

27 INTERFERENZA DELL OPERAZIONE DI ACQUISTO SULLA TAX DUE DILIGENCE IL VENDITORE HA RICHIESTO IL CERTIFICATO LIBERATORIO DEI CARICHI FISCALI PENDENTI DELLA SOCIETA VENDUTA (comma 3 art. 14 D.Lgs 472/97) IL VENDITORE NON HA RICHIESTO IL CERTIFICATO LIBERATORIO DEI CARICHI FISCALI PENDENTI DELLA SOCIETA VENDUTA (comma 3 art. 14 D.Lgs 472/97) SE E NEGATIVO O SONO DECORSI 40 GG DALLA RICHIESTA SENZA ALCUNA RISPOSTA L ACQUIRENTE E LIBERATO DALLA RESPONSABILITA SOLIDALE POTREBBE DECIDERE DI NON EFFETTUARE LA TAX DUE DILIGENCE RESPONSABILITA DELL ACQUIRENTE SI LIMITA ALLE IMPOSTE EVASE NELL ANNO DI CESSIONE DEL RAMO AZIENDALE E NEI DUE PRECEDENTI POTREBBE LIMITARE LA TAX DUE DILIGENCE A QUESTI PERIODI D IMPOSTA

28 INTERFERENZA DELLA DUE DILIGENCE SULL OPERAZIONE DI ACQUISTO ASSENZA DI UNO SCHEMA CONTRATTUALE SONO EMERSI RILIEVI FISCALI E PASSIVITA POTENZIALI NOTEVOLI NON SONO EMERSI RILIEVI FISCALI O PASSIVITA POTENZIALI RILEVANTI LA DECISIONE FINALE SI RIVOLGE VERSO LA LIMITAZIONE DELLA RESPONSABILITA TRIBUTARIA DELL ACQUIRENTE IL COMPRATORE POTREBBE VARIARE L OPERAZIONE ORIGINARIA (ES. DALL ACQUISTO DI UN RAMO AZIENDALE ALL ACQUISIZIONE DELL INTERO PACCHETTO AZIONARIO

29 RISCHI FISCALI DELL OPERAZIONE DI ACQUISIZIONE IL RISCHIO FISCAL EVARIA IN BASE ALL OPERAZIONE PIANIFICATA DALL ACQUIRENTE ACQUISTO DI AZIONI ASSUNZIONE DI TUTTI GLI OBBLIGHI TRIBUTRI E PASSIVITA FISCALI POTENZIALI SENZA ALCUN LIMITE PER I PERIODI D IMPOSTA NON DEFINITI OPERAZIONE DI FUSIONE LA SOCIETA INCORPAORANTE SUBENTRA IN TUTTI I DIRITTI ED OBBLIGHI SENZA LIMITAZIONI OPERAZIONE DI SCISSIONE STESSE CONCLUSIONI DELLA FUSIONE

30 SEGUE ACQUISTO DI AZIENDA RESPONSABILITA SOLIDALE E SUSSIDIARIA DELL ACQUIRENTE NEI LIMITI DEL VALORE DELL AZIENDA. LIMITAZIONE QUALITATIVA: TRE PERIODI D IMPOSTA LIMITAZIONE QUANTITATIVA. VALORE DELL AZIENDA CEDUTA CONFERIMENTO D AZIENDA STESSE CONCLUSIONI DELL ACQUISTO DI AZIENDA

31 RISCHI FISCALI DEI RILIEVI EMERSI DALLA TAX DUE DILIGENCE IL CONSULENTE REDIGE L EXECUTIVE SUMMARY DOCUMENTO INFORMATIVO CHE ILLUSTRA I RILIEVI FISCALI E LE RELATIVE PASSIVITA POTENZIALI SE IL RISCHIO E ELEVATO IL DOCUMENTO INDICA INDICA LE CAUTELE E LE GARANZIE CHE L ACQUIRENTE DEVE RICHIEDERE VALGONO I RIFERIMENTI IN RELAZIONE ALL OPERAZIONE DI ACQUISIZIONE PROGETTATA

32 LA DETERMINAZIONE DELLE PASSIVITA FISCALI L ESISTENZA DI PASSIVITA FISCALI PUO COMPORTARE L ABBANDONO DELLA TRATTATIVA LA RETTIFICA DEL PREZZO PATTUITO RICHIESTA DI GARANZIE CONTRATTUALI E REALI

33 SEGUE PASSIVITA FISCALI POSSONO DERIVARE: 1. DA ACCADIMENTI MAI RILEVATI DAL FISCO (ES. VIOLAZIONI NON ANCORA ACCERTATE) 2. FATTI GIA RILEVATI (QUALI IL PVC) PER I QULI NON OSNO STATI COSTITUITI GLI OPPORTUNI FONDI DI ACCANTONAMENTO RISCHI L ADVISOR DEVE CALCOLARE PER OGNI FATTISPECIE IL QUANTUM CHE LA SOCIETA DOVREBBE SBORSARE A FRONTE DELL ILLECITO COMMESSO (IMPOSTE E SANZIONI) STIMA PER OGNI PERIODO D IMPOSTA ANCORA OGGETTO DI ACCERTAMENTO DEVE FAR RIFERIMENTO ALLE SINGOLE NORME SANZIONATORIE PREVISTE

34 SEGUE RAPPRESENTAZIONE DELLA PASSIVITA a) descrizione della fattispecie che ha causato l illecito b) il periodo d imposta c) la quantificazione della ripresa fiscale effettuata d) quantificazione dell imposta evasa e) indicazione della sanzione minima f) indicazione dell imposta massima quantificabile g) gli interessi maturati h) l ammontare complessivo della passività potenziale PASSIVITA TOTALE = d) + e) + g) IMPOSTA EVASA + SANZIONE MINIMA+ INTERESSI

35 SEGUE CRITICITA - IL CALCOLO DELLE PASSIVITA PUO ESSERE COMPLICATO IN BASE AL TIPO DI SANZIONI CORRISPOSTE - NON SEMPRE SI PUO ARRIVARE AD UNA QUANTIFICAZIONE DELLA PASSIVITA POTENZIALE (Es. Inattendibilità delle scritture contabili, problemi di transfer pricing)

36 LA QUALIFICAZIONE DELLE PASSIVITA FISCALI GRADO DI PROBABILITA PASSIVITA FISCALE CERTA PASSIVITA FISCALE PROBABILE PASSIVITA FISCALE POSSIBILE PASSIVITA FISCALE REMOTA UNA PASSIVITA CERTA PERMETTE LA RICHIESTA DI UNA RETTIFICA DEL PREZZO PATTUITO

37 GLI EFFETTI DELLE PASSIVITA FISCALI SUL PROCESSO DI ACQUISIZIONE ABBANDONO DELLA TRATTATIVA RETTIFICA DEL PREZZO (può essere prevista una soglia minima sopra la quale è possibile chiedere l aggiustamento del prezzo) RICHIESTE DI IDONEE GARANZIE COME CONDIZIO SINE QUA NON PER LA CONCLUSIONE DELLA TRATATTIVA (garanzie contrattuali non opponibili all amministrazione finanziaria - garanzie reale come la fideiussione bancaria che aumentano il costo dell operazione)

Studio in via Romanino 16 25122 Brescia Tel.030.375828 Fax 030.3758279

Studio in via Romanino 16 25122 Brescia Tel.030.375828 Fax 030.3758279 PRESENTAZIONE DELLO STUDIO VOLLONO & ASSOCIATI Lo Studio Vollono & Associati, dottori commercialisti e revisori contabili, è stato fondato nel 1980 dal titolare Dottore Francesco Vollono affiancato poi

Dettagli

2. LE CARATTERISTICHE DELLA DUE DILIGENCE CONTABILE 2.1. Definizione pag. 11 2.2. Obiettivi pag. 11 2.3. Tipologie pag. 12

2. LE CARATTERISTICHE DELLA DUE DILIGENCE CONTABILE 2.1. Definizione pag. 11 2.2. Obiettivi pag. 11 2.3. Tipologie pag. 12 1. DUE DILIGENCE CONTABILE: ASPETTI GENERALI 1.1. Premessa pag. 3 1.2. L accordo di riservatezza pag. 4 1.3. La lettera di intenti pag. 5 1.4. Il contratto pag. 7 1.5. I consulenti pag. 7 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale 1 Argomenti trattati La lettera di intenti Il contratto di acquisizione

Dettagli

OPERAZIONI STRAORDINARIE

OPERAZIONI STRAORDINARIE IN BREVE Seges S.r.l., costituita a Trieste nel dicembre 1993, opera nel campo dei servizi reali alle imprese, ha il suo punto di forza nell accogliere al suo interno professionisti di esperienza e dedicati

Dettagli

GLI ASPETTI LEGALI DELLE OPERAZIONI DI M&A

GLI ASPETTI LEGALI DELLE OPERAZIONI DI M&A SOMMARIO Parte prima CONSIDERAZIONI GENERALI 1. Osservazioni introduttive... pag. 3 2. Il fenomeno, le cause e l evoluzione delle operazioni di acquisizione e di M&A su aziende e partecipazioni... 5 3.

Dettagli

SOMMARIO Parte prima CONSIDERAZIONI GENERALI. Parte seconda GLI ASPETTI LEGALI DELLE OPERAZIONI DI M&A

SOMMARIO Parte prima CONSIDERAZIONI GENERALI. Parte seconda GLI ASPETTI LEGALI DELLE OPERAZIONI DI M&A SOMMARIO Parte prima CONSIDERAZIONI GENERALI 1. Osservazioni introduttive.... 3 2. Il fenomeno, le cause e l evoluzione delle operazioni di acquisizione e di M&A su aziende e partecipazioni... 5 3. La

Dettagli

La business due diligence

La business due diligence La business due diligence Strumenti per la crescita delle imprese Vincenzo Ferragina Matteo Mancaruso Partners KON Dottori commercialisti e revisori contabili Definizione Fornire una definizione di due

Dettagli

1. AMBITI E DEFINIZIONI. di Marco Fazzini

1. AMBITI E DEFINIZIONI. di Marco Fazzini 1. AMBITI E DEFINIZIONI di Marco Fazzini Ambiti e definizioni 1. 1.1. PREMESSA La due diligence aziendale consiste in un indagine conoscitiva attraverso la quale sono raccolte informazioni su un impresa,

Dettagli

società di revisione legale iscritta al registro dei revisori legali al n. 166055 del MEF

società di revisione legale iscritta al registro dei revisori legali al n. 166055 del MEF società di revisione legale iscritta al registro dei revisori legali al n. 166055 del MEF Le giuste soluzioni alle sfide del futuro società di revisione legale RENOVA AUDIT Srl è una giovane realtà che

Dettagli

1. AMBITI E DEFINIZIONI di Marco Fazzini. 2. DUE DILIGENCE CONTABILE di Marco Fazzini

1. AMBITI E DEFINIZIONI di Marco Fazzini. 2. DUE DILIGENCE CONTABILE di Marco Fazzini 1. AMBITI E DEFINIZIONI di Marco Fazzini 1.1. Premessa... 3 1.2. La committenza e la tipologia di operazione... 3 1.3. Gli ambiti della due diligence... 4 1.4. Le fasi della due diligence... 6 2. DUE DILIGENCE

Dettagli

OPERAZIONI M&A NEL SETTORE DEL REAL ESTATE: QUALI SOLUZIONI?

OPERAZIONI M&A NEL SETTORE DEL REAL ESTATE: QUALI SOLUZIONI? OPERAZIONI M&A NEL SETTORE DEL REAL ESTATE: QUALI SOLUZIONI? Operazioni M&A nel settore del Real Estate: quali soluzioni? 1 Ogni negoziazione può essere compromessa da un potenziale deal breaker. Per questo

Dettagli

Cos è un incarico di due diligence? Schema tipico di un operazione di acquisizione Strategia di acquisizione e analisi strategica Due diligence

Cos è un incarico di due diligence? Schema tipico di un operazione di acquisizione Strategia di acquisizione e analisi strategica Due diligence Cos è un incarico di due diligence? Schema tipico di un operazione di acquisizione Strategia di acquisizione e analisi strategica Due diligence preliminare Due diligence approfondita Contenuto atteso di

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L attività di disinvestimento Principi fondamentali del disinvestimento Individuazione del momento più opportuno per disinvestire Definizione del canale di disinvestimento

Dettagli

Revidere Società di Revisione Srl COMPANY PROFILE

Revidere Società di Revisione Srl COMPANY PROFILE Revidere Società di Revisione Srl COMPANY PROFILE Professionalità, integrità, indipendenza That's REVIDERE! REVIDERE è una società di revisione e organizzazione contabile ed è iscritta nel registro dei

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d'azienda 2

Metodologie e determinazioni quantitative d'azienda 2 Metodologie e determinazioni quantitative d'azienda 2 Parte speciale: LE OPERAZIONI STRAORDINARIE D IMPRESA Prof. F. Nappo Anno Accademico 2015/2016 OPERAZIONI STRAORDINARIE Opzioni strategiche di cui

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

LA DUE DILIGENCE FISCALE. Le regole di comportamento per i professionisti negli incarichi relativi ai processi di acquisizione

LA DUE DILIGENCE FISCALE. Le regole di comportamento per i professionisti negli incarichi relativi ai processi di acquisizione LA DUE DILIGENCE FISCALE Le regole di comportamento per i professionisti negli incarichi relativi ai processi di acquisizione 1 - Premessa Nell'odierno scenario economico caratterizzato, con ascendente

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica Dott. Francesco Masci Definizione Limitazione della nostra trattazione al conferimento d azienda o di ramo d

Dettagli

Newsletter n.84 Febbraio 2011. Approfondimento_42

Newsletter n.84 Febbraio 2011. Approfondimento_42 Newsletter n.84 Febbraio 2011 Approfondimento_42 DUE DILIGENCE: Definizioni e procedure di valutazione nelle operazioni aziendali straordinarie La PROIND SRL : il vostro consulente esterno per le attività

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 novembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Opere ultrannuali Costi relativi ai SAL liquidati in via provvisoria al subappaltatore Articoli 93

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA FQR

PROPOSTA FORMATIVA FQR PROPOSTA FORMATIVA FQR 1. Modulo: Contabilità Generale COGE 1: La contabilità generale COGE 2: Analisi di bilancio COGE 3: I principi contabili internazionali CONSO 1: Il bilancio consolidato (corso base)

Dettagli

LO STUDIO ASSOCIATO LA STRUTTURA. Lo Studio, fondato nel 1965, ha assunto l attuale forma di associazione tra professionisti a partire dal 1987.

LO STUDIO ASSOCIATO LA STRUTTURA. Lo Studio, fondato nel 1965, ha assunto l attuale forma di associazione tra professionisti a partire dal 1987. TARTUFERI & ASSOCIATI Studio di Consulenze Aziendali Piazza Oberdan, n. 8-62100 Macerata Tel. 0733/232452 (r.a.) Telefax 0733/231658 Codice Fiscale e Partita Iva 00962750436 E-Mail: segr@tartuferi.it Web:

Dettagli

CONTENUTO DELL OFFERTA TECNICA E CRITERI DI VALUTAZIONE

CONTENUTO DELL OFFERTA TECNICA E CRITERI DI VALUTAZIONE ALLEGATO 2 CONTENUTO DELL OFFERTA TECNICA E CRITERI DI VALUTAZIONE All offerta tecnica saranno attribuiti un massimo di 70 punti suddivisi tra i seguenti criteri: 1. Conoscenze acquisite: 15 punti; 2.

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER IL CONFERIMENTO A TERZI DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA E CONSULENZA E DI INCARICHI IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CAMERALE N. 5 DEL 15/06/2009

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CAMERALE N. 5 DEL 15/06/2009 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CAMERALE N. 5 DEL 15/06/2009 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI A SOGGETTI ESTERNI ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI PARMA. Art. 1 Oggetto Finalità-

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * *

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * * Economia dei gruppi e bilancio consolidato Esempi di quesiti d esame (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) Q. 1 Il Candidato, ricorrendo alla costruzione del foglio di lavoro di stato

Dettagli

Innovation Lab TEAM MOTIVAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI

Innovation Lab TEAM MOTIVAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI Dott. Paolo Roccatagliata Innovation Lab TEAM MOTIVAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI I COLLOQUI CON L AZIENDA FORMAZIONE ALLA TENSIONE EMOTIVA DEL TEAM TENSIONE CREATIVA & INNOVAZIONE ALLINEAMENTO COMPETENZE

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986. RISOLUZIONE n. 313/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R.

Dettagli

GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE

GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE AUTOGRILL SPA GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE Novembre 2012 Indice 1. Oggetto della procedura... 3 2. Revisore principale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 216/E

RISOLUZIONE N. 216/E RISOLUZIONE N. 216/E Roma 09 agosto 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto:Istanza di interpello - Afa S.p.a. - Applicazione dei principi contabili internazionali - Deduzione di costi

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione dell impresa e del suo contesto e la valutazione dei rischi di errori significativi Ottobre 2013 Indice 1. La comprensione dell impresa e del suo contesto

Dettagli

Roma,05 novembre 2009

Roma,05 novembre 2009 RISOLUZIONE N. 274/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 procedura di reso nella vendita per corrispondenza

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Revisione Legale dei conti

Revisione Legale dei conti Revisione Legale dei conti L attuale normativa in tema di revisione legale (e problemi non ancora risolti) D.Lgs. 39/2010 Studio Duodo & Associati 1 Agenda: L attuale normativa in tema di revisione legale

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

Glenalta Food S.p.A. PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELL OPERAZIONE RILEVANTE

Glenalta Food S.p.A. PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELL OPERAZIONE RILEVANTE Glenalta Food S.p.A. PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELL OPERAZIONE RILEVANTE PREMESSA La presente procedura regola il processo decisionale di Glenalta Food S.p.A. ( Glenalta Food o la Società ) al fine di

Dettagli

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ANNO 2005 PRIMA SESSIONE PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 1) Il candidato rediga il I bilancio di verifica al 31/12/200_ della società

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 Normativa, adempimenti, sanzioni, verifiche, flusso operativo procedura Antonello Valentini TeamUfficio S.r.l. 1 Cos è l Antiriciclaggio? Con Antiriciclaggio si intende l azione

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE CONTABILE ED ALLE PROVE DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. n.231 DEL 2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. n.231 DEL 2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. n.231 DEL 2001 PRINCIPI ED ELEMENTI DI RIFERIMENTO PARTE SPECIALE C - CODICE DISCIPLINARE INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3 1.1

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

PFCONSULT Financial & Business Service

PFCONSULT Financial & Business Service Business Solutions Rapporto Banca-Impresa Miglioramento della propria posizione finanziaria e maggior accesso al credito PFCONSULT Financial & Business Service Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

MILANO TORINO GENOVA

MILANO TORINO GENOVA MILANO TORINO GENOVA International Audit Services Srl IAS è una società di revisione nata dall iniziativa di un gruppo di professionisti con esperienza ultra ventennale nelle discipline economiche e giuridiche

Dettagli

Supplemento al Prospetto Informativo RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI DI AZIONI ORDINARIE E DI AZIONI PRIVILEGIATE DI. SISAL S.p.A.

Supplemento al Prospetto Informativo RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI DI AZIONI ORDINARIE E DI AZIONI PRIVILEGIATE DI. SISAL S.p.A. Supplemento al Prospetto Informativo RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI DI AZIONI ORDINARIE E DI AZIONI PRIVILEGIATE DI SISAL S.p.A. Sede in Milano, Via A. di Tocqueville n. 13 Capitale Sociale

Dettagli

Chi siamo Il Laboratorio Utilities & Enti Locali (LUEL) nasce dall incontro di professionisti di settori economici, finanziari e giuridici allo scopo di offrire in modo completo e integrato il proprio

Dettagli

L inquadramento fiscale delle! operazioni immobiliari! 28/02/2013!

L inquadramento fiscale delle! operazioni immobiliari! 28/02/2013! L inquadramento fiscale delle operazioni immobiliari 28/02/2013 Le conseguenze fiscali di un operazione di trasferimento immobiliare sono differenti in base alla natura e allo status dei soggetti coinvolti

Dettagli

La Due Diligence come strumento per la valutazione della solidità di un azienda

La Due Diligence come strumento per la valutazione della solidità di un azienda La Due Diligence come strumento per la valutazione della solidità di un azienda Oggi giorno si parla tanto di Due Diligence, ma cos è? La Due Diligence è uno Strumento per una valutazione complessiva di

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

Dalle intese verbali al closing: Il ruolo dell Advisor nella compravendita d azienda e nel passaggio generazionale

Dalle intese verbali al closing: Il ruolo dell Advisor nella compravendita d azienda e nel passaggio generazionale Dalle intese verbali al closing: Il ruolo dell Advisor nella compravendita d azienda e nel passaggio generazionale Dott. Mario Basilico Partner Studio Interprofessionale ESAMINIAMO DUE FATTISPECIE TRASLATIVE:

Dettagli

Tecnico/a vendite. Ordinamento formativo dell apprendistato di II livello

Tecnico/a vendite. Ordinamento formativo dell apprendistato di II livello Tecnico/a vendite Ordinamento formativo dell apprendistato di II livello 1. Descrizione del profilo professionale 2. Requisiti di accesso 3. Durata dell apprendistato 4. Formazione formale 5. Quadro formativo

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

LO STUDIO. Lo Studio conta su 15 collaboratori che operano nelle sedi di Novara, Milano e Fagnano Olona, in provincia di Varese.

LO STUDIO. Lo Studio conta su 15 collaboratori che operano nelle sedi di Novara, Milano e Fagnano Olona, in provincia di Varese. LO STUDIO Ballarè Sponghini e Associati - Studio Commercialisti e Consulenti Tributari, opera nei principali settori dell economia aziendale e del diritto, trattando tutti i temi propri della vita delle

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 560 EVENTI SUCCESSIVI

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 560 EVENTI SUCCESSIVI PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 560 EVENTI SUCCESSIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente)

Dettagli

PLUS. Syllabus rev. 1.04

PLUS. Syllabus rev. 1.04 PLUS Syllabus rev. 1.04 Al fine di facilitare il collegamento tra i Syllabus degli EQDL Start, Plus e quello del EQDL Full, nel testo che segue sotto il numero di codice di ogni sezione, tema e argomento

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

Riforma dei compensi professionali (DM n. 140/2012)

Riforma dei compensi professionali (DM n. 140/2012) Riforma dei compensi professionali (DM n. 140/2012) Compensi professionali: disposizioni su dottori commercialisti ed esperti contabili Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 22.08.2012 Capo

Dettagli

business consultants financial & tax advisors

business consultants financial & tax advisors business consultants financial & tax advisors LA NOSTRA MISSION Da tempo, accanto alle tradizionali competenze nelle materie fiscali e contabili, sta crescendo il nostro impegno nel fornire assistenza

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A ESPERTI ESTERNI ALL AMMINISTRAZIONE. ART. 1 Oggetto

PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A ESPERTI ESTERNI ALL AMMINISTRAZIONE. ART. 1 Oggetto PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A ESPERTI ESTERNI ALL AMMINISTRAZIONE ART. 1 Oggetto 1. Le presenti disposizioni regolamentari disciplinano i criteri, i requisiti e le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA. Relazione di stima ex art. 2343 c.c. dell azienda di pertinenza della società Rossi S.p.A.,

TRIBUNALE DI MODENA. Relazione di stima ex art. 2343 c.c. dell azienda di pertinenza della società Rossi S.p.A., TRIBUNALE DI MODENA Relazione di stima ex art. 2343 c.c. dell azienda di pertinenza della società Rossi S.p.A., con sede in Modena, via Emilia n. 100, capitale sociale euro 1.000,00 i.v., iscritta al Registro

Dettagli

Indice XIII. Introduzione

Indice XIII. Introduzione Indice Introduzione XIII 1 L evasionefiscaleel usodellostrumentopenalepercontrastarla 1 1.1 Il fenomeno dell evasione 2 1.1.1 Le frodi fiscali 6 1.1.2 Alcuni dati sull evasione 11 1.2 Il ricorso allo strumento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 417/E

RISOLUZIONE N. 417/E RISOLUZIONE N. 417/E Roma, 31 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Cessione complesso aziendale Adempimenti procedimentali

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili Realizzato in collaborazione con Procedura Valutazione Beni Immobili Descrizione Generale: Il seguente flusso descrive le procedure operative, nonché gli attori

Dettagli

TEST DI ANALISI VOLTO ALLA PIANIFICAZIONE DI PERCORSI TEMATICI DI NATURA GIURIDICA

TEST DI ANALISI VOLTO ALLA PIANIFICAZIONE DI PERCORSI TEMATICI DI NATURA GIURIDICA TEST DI ANALISI VOLTO ALLA PIANIFICAZIONE DI PERCORSI TEMATICI DI NATURA GIURIDICA INTRODUZIONE Il presente test è volto all individuazione del fabbisogno formativo degli imprenditori, dei dirigenti e

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

Studio legale Rossi. Studio legale Turco. Avvocato Edoardo Rossi. Avvocato Gianni Turco. Avvocato Melissa Buoncristiani

Studio legale Rossi. Studio legale Turco. Avvocato Edoardo Rossi. Avvocato Gianni Turco. Avvocato Melissa Buoncristiani Law Business Studio legale Turco Studio legale Rossi Avvocato Gianni Turco Avvocato Edoardo Rossi Si laurea in giurisprudenza in diritto d impresa, presso l Università Cattolica di Milano nel 1984. Nato

Dettagli

Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017. Aggiornamento 2015

Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017. Aggiornamento 2015 Pia triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017 Aggiornamento 2015 AREA 1. AREA 2. AREA 3. AREA 4. AREA 5. AREA 6. Provvedimenti ampliativi della sfera giuridica con effetto ecomico diretto

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

CRITERI E MODALITÀ PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI CRITERI E MODALITÀ PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI Assemblea dei Fondatori 16 Ottobre 2012 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... - 3-2. DESCRIZIONE/MODALITÀ

Dettagli

Legam Diritto Societario, Commerciale e Proprietà Intellettuale

Legam Diritto Societario, Commerciale e Proprietà Intellettuale Legam offre la sua attività di consulenza Legale e Tributaria sia in Italia che negli Stati Uniti attraverso i suoi Headquarters di Milano e New York e attraverso le sedi di Washinghton e di importanti

Dettagli

INCARICO DI CONSULENZA ESTERNA AD ALTO CONTENUTO PROFESSIONALE. L anno., il giorno. del mese di in Velletri, presso la TRA

INCARICO DI CONSULENZA ESTERNA AD ALTO CONTENUTO PROFESSIONALE. L anno., il giorno. del mese di in Velletri, presso la TRA REP. N. INCARICO DI CONSULENZA ESTERNA AD ALTO CONTENUTO PROFESSIONALE. L anno., il giorno del mese di in Velletri, presso la sede della Società Volsca Ambiente e Servizi S.p.A. - TRA il quale dichiara

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 375/E.. Roma 06 ottobre 2008

RISOLUZIONE N. 375/E.. Roma 06 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 375/E. Roma 06 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello Alfa S.r.l. - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Trasformazione di azienda speciale in società

Dettagli

Problematiche connesse alla normativa e alle procedure antiriciclaggio per i professionisti

Problematiche connesse alla normativa e alle procedure antiriciclaggio per i professionisti Problematiche connesse alla normativa e alle procedure antiriciclaggio per i professionisti Vantaggi dell utilizzo di un software standardizzato Fabio Roncarati Problematiche connesse alla normativa e

Dettagli

Procedura Gestione delle Risorse Umane

Procedura Gestione delle Risorse Umane Pag. 1 di 7 Procedura Gestione delle Risorse Umane Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 7 del 23.09.2015 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RESPONSABILITÀ...2 4. PROCESSO

Dettagli

PLUS Syllabus rev. 1.03

PLUS Syllabus rev. 1.03 PLUS Syllabus rev. 1.03 Syllabus EQDL Rev. 1.03 1 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Scopi del modulo: Contenere i complementi al modulo 1 della EQDL START per completare il modulo 1 ed il modulo

Dettagli

Il Revisore Principale e i revisori secondari vengono in seguito denominati congiuntamente Revisori di Gruppo.

Il Revisore Principale e i revisori secondari vengono in seguito denominati congiuntamente Revisori di Gruppo. LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A SOCIETÀ DI REVISIONE 1. Oggetto della procedura La presente procedura (di seguito la Procedura ) disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Argomen( tra,a( Definizioni e riferimen( norma(vi su strumen( ed a,ori del risparmio energe(co

Dettagli

BUSINESS PLAN CESSIONI FUSIONI ACQUISIZIONI RISTRUTTURAZIONI FINANZIARIE REPERIMENTO RISORSE FINANZIARIE PERCHÈ MARCAP

BUSINESS PLAN CESSIONI FUSIONI ACQUISIZIONI RISTRUTTURAZIONI FINANZIARIE REPERIMENTO RISORSE FINANZIARIE PERCHÈ MARCAP BUSINESS PLAN CESSIONI FUSIONI ACQUISIZIONI RISTRUTTURAZIONI FINANZIARIE PERCHÈ MARCAP Concentrato nella complessa gestione della normale attività aziendale, l Imprenditore non sempre riesce a valutare

Dettagli

PRIMA PROVA TEMA N. 1

PRIMA PROVA TEMA N. 1 PRIMA PROVA TEMA N. 1 II candidato illustri, anche'mediante I'utilizzo di opportuni esempi: l)l'iscrizione e la valutazione delle partecipazioni nel bilancio d'esercizio. 2)II trattamento contabile e fiscale

Dettagli