HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO. Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO. Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT"

Transcript

1 HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT

2 HCC incidenza 5% di tutti i tumori 85% circa dei tumori primitivi del fegato Rapporto uomini donne 7.4% vs 3.2% Diversa distribuzione geografica Diversa incidenza secondo l eziologia Incidenza aumenta sempre nelle cirrosi

3 HCC incidenza In base all incidenza le varie aree geografiche possono essere divise in Bassa incidenza (< 3 casi per uomini) Incidenza intermedia (fra i 3 ed i 30 casi) Incidenza elevata (> 30 casi)

4 Incidenza per eziologia HBV : 0.3% in portatori di HBsAg, da 1.5% a 6.6% nei pazienti con cirrosi HCV: % in portatori con transaminasi persistentemente elevate, 2.5% in cirrosi Alcohol: non direttamente carcinogenetico, il rischio aumenta con la cirrosi, in Italia rischio fra i bevitori 13 volte maggiore ( Cottone J Hep 1994)

5 Incidenza per eziologia Patologie metaboliche Emocromatosi: rischio 200 volte maggiore che la popolazione generale, 30% in 10 anni (Niederau N Engl J Med 1985) Deficit α1 antitripsina: rischio incrementato negli omozigoti anche in assenza di cirrosi (Eriksson N Engl J Med 1986) Basso rischio per le altre sindromi metaboliche (porfiria cutanea tarda, tirosinemia, citrullinemia, glicogenosi ecc..) (Okuda Hepat 1992)

6 Incidenza per eziologia patologia autoimmune Epatiti autoimmuni : rischio basso,0.2% per anno.( Ryder S Hepat 1995) PBC: incidenza annua 0.7%, ma aumenta negli uomini ed in pazienti con cirrosi sino a raggiungere il 6% (Howel et al Gut 1991)

7 SORVEGLIANZA? Zhang et al (J Cancer Res Clin Oncol 2004) pz sottoposti a sorveglianza, riduzione di mortalità del 37% nei pz con buona aderenza Stroffolini et al multicentrico (in pubblicazione) pz: vantaggio della sorveglianza nell identificare patologia più precocemente

8 Caratteristiche cliniche dei dati incidenti di HCC in relazione alla sorveglianza ecografia CARATTERISTICA SORVEGLLIANZA Si No Nodulo singolo 65.6% 47.1% <0.01 p Se nodulo singolo diametro medio Se multinodulare, numero medio Se multinodulare, diametro medio del magiore Invasione vascolare 3 cm 4.3 cm < < cm 5.1 cm < % 26.4% <0.01 Concessione del Prof. Stroffolini

9 Sorveglianza Si..ma.. A chi? Quando? Con che strumenti?

10 Sorveglianza a chi.. Sui dati dell incidenza- a tutti i cirrotici e gli epatopatici senza cirrosi? Per una corretta analisi valutare anche Dati sulla riduzione della mortalità Rapporti di costo/beneficio

11 Sorveglianza a chi.. La maggior parte degli studi :buon rapporto costo beneficio (con varizioni a seconda delle metodiche..eco, T.C. RMN..) con aumento della sopravvivenza per incidenze > 1.4% - 1.5% Lin et al: uso combinato AFP + ecografia è cost-effective indipendentemente dall incidenza

12 Sorveglianza con che strumenti Test a più basso costo e buona sensibilità e specificità, test poco invasivi. - AFP (sens 60%, buona spec.) - ECOGRAFIA (sens 65%-80% Spec. >90%) - AFP+ Ecog. $ 3000 per tumore diagnosticato - Ecografia $2000 per tumore diagnosticato NB: AFP bassa sensibilità mai da solo Buona specificità per valori > 200 ng

13 Sorveglianza con che strumenti Incidenza di HCC nei pazienti che afferiscono a cliniche epatologiche specializzate 5% AFP cut-off : 20 ng/ml PPV 41.5% 400ng/ml PPV 60% L incidenza nella popolazione generale a rischio di HCC è spesso <1% PPV : Positive Predictive Value

14 Distribuzione di fraquenza dei valori di AFP nei casi incidenti di HCC al momento della diagnosi ecografica <20 ng/ml 55.4% ng/ml 30.7% >200 ng/ml 13.9% Per Concessione del Prof. Stroffolini

15 Sorveglianza.. quando.. L intervallo di tempo ideale non è noto Intervallo di 6-12 mesi è proposto sulla base dei tempi di raddoppiamento del tumore Diversi studi* hanno suggerito che la probabilità di diagnosi precoce (singolo nodulo) è uguale per screening a 6 o 12 mesi Tuttavia molti esperti preferiscono screening a 6 mesi * Trevisani et al: AmJ Gastroenterol 2002; Santagostino et al Blood 2003

16 Sorveglianza.. quando.. AASLD PRACTICE GUIDELINE The surveillance interval is determined by the tumor growth rates and not by the degree of risk PRATICA CLINICA Intervallo di 6 mesi pz cirrotici Intervallo di 12 mesi pz non cirrotici

17 AASLD PRACTICE GUIDELINE Recommendation La sorveglianza per HCC dovrebbe essere eseguita usando l ecografia L AFP da sola non dovrebbe essere usata per la sorveglianza tranne quando l ecografia non sia disponibile in quell area L intervallo di sorveglianza dovrebbe essere di 6-12 mesi L intervallo di sorveglianza non deve essere ridotto per pazienti ad elevato rischio di HCC

18 DIAGNOSI RADIOLOGIA (TC, RM, Ecografia, CEUS) ANALISI DI LABORATORIO ANATOMIA PATOLOGICA

19 LESIONI > 2 CM Se AFP > 200 e l immagine radiologica è tipica per HCC non necessità di biopsia. Se l immagine è atipica la biopsia va considerata Indipendentemente dall AFP diagnosi può essere fatta se 2 indagini radiologiche concordano per immagine caratteristica per HCC Recentemente è stato riconosciuto il valore del washout in fase venosa. Per cui se la lesione presenta ipervascolarità arteriosa e washout venoso una singola tecnica di imaging con m.d.c. è sufficiente a fare diagnosi EASL conference Barcellona 2000 & AASLD practice guideline 2005

20 LESIONI FRA 1-2 cm L affidabilità del riconoscimento di un pattern vascolare specifico è ridotta per cui è necessaria la concordanza di due metodiche di immaging con m.d.c.(tc, RM, CEUS) Il 25% delle lesioni< 2cm con enhancement arterioso ma senza woshout restano stabili nel tempo e non sono HCC AASLD practice guideline 2005

21 LESIONI FRA 1-2 cm Biopsia è indicata se il comportamento vascolare è atipico o non è concordante ACCURATEZZA DELLA BIOPSIA MIRATA NELLA DIAGNOSI DI HCC Sensibilià ~ % Specificità ~ 100% Accuratezza ~ 90% Almeno il 30% dei noduli<2 cm non è visibile ecograficamente e quindi non bioptizabile AASLD practice guideline 2005

22 LESIONI FRA 1-2 cm Una biopsia positiva è diagnostica ma una biopsia negativa non può MAI essere ritenuta conclusiva. Lesioni 1-2 cm che non hanno un profilo vascolare specifico e con biopsia negativa devono proseguire follow-up ravvicinato (CT- RM per verificarne la crescita eventuale ripetizione biopsia). Così come le lesioni con elevata displasia alla biopsia epatica AASLD practice guideline 2005

23 LESIONI < 1 cm Tali lesioni, specialmente in un fegato cirrotico, sono considerate a bassa probabilità di essere HCC soprattutto se non mostrano presa di contrasto Seguire questi noduli ad intervalli di 3 mesi circa. La mancata crescita in un periodo di 1-2 anni esclude che siano HCC AASLD practice guideline 2005

24 Pattern vascolare tipico ipervascolarizzazione in fase arteriosa e washout in fase portale Tecniche d immagine in grado di documentare il Pattern vascolare tipico : T.C multifasica, CEUS, RM con m.d.c,

25 RAZIONALE ALL USO DEI M.D.C. Accrescere la differenza fra lesione e fegato circostante per aumentare l individuabilità della lesione Il mezzo di contrasto deve raggiungere o in modo prevalente o in tempi diversi la lesione ed il fegato circostante I mezzi di contrasto delle varie metodiche sono molto diversi ma la loro farmacocinetica ha diversi punti comuni

26 RAZIONALE ALL USO DEI M.D.C. La duplice vascolarizzazione del fegato (arteriosa e venosa) accresce la possibilita del mdc di individuare la lesione Fegato vascolarizzazione prevalentemente portale Molte lesioni vascolarizzazione prevalentemente arteriosa

27 HCC- Comportamento diagnostico dopo m.d.c. Fase arteriosa Fase portale Fase tardiva

28 BASALE

29 Fase Arteriosa

30 Fase Portale

31 Fase Tardiva

32 BCLC stadiazione e algoritmo terapeutico HCC Stage 0 PST0, CP A Stage A-C PST0-2, CP A-B Stage D PST>2, CP C Very early stage 0 Single<2cm, Ca in situ Early stage A Single or 3<3cm, PS0 Intermediate st B Multinodular PS0 Advanced st C Portal inv, M,PS1-2 Terminal St D single 3 nod<3cm Portal pressure/bil normal Resection increased OLT Associated disease no yes 5yrs survival 50-70% curative trt Pei/RF TAE/TACE Sorafenib 3yrs survival 20-40% Symptomatic trt 1yr survival 10-20%

33 laser Opzioni terapeutiche HCC IL TRATTAMENTO è INFLUENZATO DA: 1. Le caratteristiche di HCC per numero, dimensioni, sede e diffusione. 2. La funzione epatica e la presenza di Ipertensione portale 3. Il performance status del paziente. Terapia locoregionale Resezione chirurgica OLT Terapia medica SORAFENIB Percutanea guidata intrarteriosa PEI Termica RF/microwave TAE/TACE SIRT Solo il 20% candidati a resezione con recidiva 80% a 5 aa

34 Terapie percutanee (PEI- RF) Le terapie locoregionali percutanee non incidono significativamente sulla funzione epatica. Lo stesso nodulo può essere trattato con varie metodiche di associazione. Sono ripetibili in caso di residuo di malattia o insorgenza de novo Il trattamento va scelto ed adattato ai parametri già citati (numero, sede, dimensioni ).

35 PEI (alcolizzazione) Indicazione: noduli<3cm; pz non resecabili Metodica: Etanolo introdotto con ago sottile (21-22G)in più sessioni s.o. L alcol determina una necrosi coagulativa e trombosi; diffonde in HCC per minore consistenza e maggiore vascolarizzazione rispetto al parenchima cirrotico Mortalità 0.09%; morbidità 3.2%

36

37 31pz con HCC<15mm trattati con PEI(Taniguchi 2008) Sopravvivenza: 3aa 5aa 7aa 10aa % La sopravvivenza è influenzata solo dalla funzione epatica, 270 pz con small HCC<30mm, (Ebara 2005) Sopravvivenza a 3-5aa è di 81.6 vs 60.3% Nodulo singolo<2cm Child A ha una sopravvivenza a 3 e 5 aa di 87.3 vs 74.3%

38 Radio Frequenza Metodica che sta sostituendo la PEI per Noduli>2cm con effetto necrotizzante maggiore. Utilizza aghi ad uncini espandibili (più stabili e modulabili)o ago freddo(più sottile e veloce). Mortalità RF (emorragia, perforazione) vs PEI(emoperitoneo) (0.3vs 0.09%). Complicanze maggiori (emorragia, colecistite, sepsi, seeding) Complicanze minori: dolore in sede, febbre, alterazioni enzimatiche, trombosi portale transitoria

39 RF risposta in rapporto al diametro lesione Diametro< 30mm 90% Diametro 30-50mm 71% Diametro>50mm 56% Risultati peggiori per HCC infiltrante La RF assicura una migliore risposta in HCC, con numero di applicazioni inferiore rispetto alla PEI. RF ottiene una percentuale di necrosi maggiore vs PEI del 10% in lesioni piccole in quanto consente di superare i limiti della diffusione dell alcol in lesioni settate e comunque evita effetti collaterali dovuti a somministrazione grandi quantità di etanolo.

40 CONTROINDICAZIONI ALLA RF Lesioni pericolecistiche Lesioni presso l ilo epatico Lesioni sulla superficie inferiore (colon-stomaco) Lesioni in sede difficilmente raggiungibili In vicinanza di vasi Portatori di PM Lesioni<15mm AASLD guidelines 2005: PEI and RF sono ugualmente efficaci in HCC<2cm; l effetto necrotizzante della RF è più definito e la sua efficacia specialmente in tumori di dimensioni maggiori è superiore alla PEI (livello I); la RF presenta maggior costo e maggior tasso (fino a 10%) di eventi avversi.

41 3 Metanalisi RF vs PEI Endpoint sopravvivenza e recidiva 1. 5 RCT s 701pz con small HCC; la RF presenta maggiore sopravvivenza globale e libera da malattia (Orlando Am J gastroent 2009) 2. 4 RCT s 652 pz; migliore sopravvivenza per RF vs PEI a 3 aa (Cho hepatology 2009) 3. 6 RCT s 396RF vs 391PEI con HCC 25mm CTP A. Migliore sopravvivenza a 1-4 aa con maggior tasso di eventi avversi per RF(Bouza gastroent 2009)

42 CONCLUSIONI La PEI è una metodica di facile esecuzione che ha consentito i primi risultati con scarse complicanze e bassi costi. Tuttavia la PEI ha dei limiti nell ottenere una necrosi completa, specie negli HCC di maggiori dimensioni e spesso necessita di più sedute RF efficace per HCC <30mm spesso basta una sola seduta, ma al costo di maggiori complicanze

43 Trattamenti endovascolari Embolizzazione (TAE) Chemioembolizzazione (TACE) Radioembolizzazione (SIRT) TACE e sorafenib??? RAZIONALE: Il fegato presenta un doppio apporto ematico di cui 67-80% portale e 20-33% dall arteria epatica. HCC apporto ematico prevalentemente arterioso 80-90% arteria epatica.

44 Occlusione dell afflusso arterioso al neocircolo tumorale; Riduzione volumetrica della massa Controllo locale della malattia

45

46 Indicazioni e controindicazioni alla TAE/TACE INDICAZIONI Consolidate Lesioni multifocali Nodulo eccedente i criteri di Milano Nodulo singolo non trattabile diversamente INDICAZIONI emergenti Bridge to OLT Downstaging Invasione vascolare CONTROINDICAZIONI assolute Child C PS>2 CONTROINDICAZIONI relative Occlusione v. porta e rami Ostruzione biliare Encefalopatia epatica Metastasi extraepatiche Shunt artero-portale e arterovenoso

47 Embolizzazione non selettiva COMPLICANZE: Arteria cistica: infarto colecistico Arteria gastrica ds e sn: gastriti e ulcere Reflusso in arteria gastro-duodenale: ulcera duodenale Arteria splenica: infarto splenico Arteria frenica inferiore: atelettasia, versamento pleurico Possono essere evitate con studi pre TACE (..TC -scan e studio varianti arteriose..) Fondamentale la maggiore selettività possibile.

48 Complicanze TACE

49

50

51 TACE neoadiuvante? Prima della resezione Aumento della sopravvivenza in paz con noduli>10cm Non incremento del periodo tumor free. Nel 10% dei pz si è ottenuto un downstaging che ha consentito la resezione Prima di OLT Controllo HCC,prevenzione della progressione Considerata se lista di attesa>6mesi Non aumenta l incidenza di complicanze dell anastomosi arteriosa.

52 Profilo farmacocinetico favorevole Bassa concentrazione plasmatica Elevata concentrazione tumorale Completa necrosi peri-tumorale Rilascio prolungato in 2 settimane

53 Rct prospettico DEB TACE vs TACE convenzionale (lammer 2009) 112 pz; età media 67aa. Child A o B; noduli multipli; non resecabili Risposta completa DEB vs TACEc 27vs 22%. Risposta oggettiva: 52vs44% Controllo di malattia: 63 vs 52%

54

55 Conclusioni: embolizzazione La TACE ha significativamente ridotto la mortalità complessiva a 2 aa vs al trattamento conservativo. La mortalità si è rivelata più bassa nella tecnica selettiva rispetto alla non selettiva. Non sono riportati dati che dimostrano un aumento della sopravvicenza della TACE vs TAE. La DEB TACE comporta un incidenza inferiore di effetti avversi e complicanze rispetto alla TACE. TACE/TAE combinate con la RF per HCC di diametro> 3 cm o per noduli multipli

56 Terapia radiometabolica 90y SIR- Spheres-1860MBq(50mCi) 90yttrium microsfere in resina biocompatibile Max penetrazione nei tessuti molli di 11mm, 35mcr di diametro Emettitori Beta, emivita 64.1h. VALUTAZIONE PRE SIR: 1. TC. 2. Embolizzazione collaterali arteria epatica (gastrica ds e sn, esofagee inferiori, freniche, falciforme, coronaria stomacica). 3. Valutazione shunt extraepatici (polmone) 4. In ultimo SIR

57 Applicazioni SIR HCC diffuso o infiltrante HCC>5cm e multifocale Failure di TACE o precedenti trattamenti Trombosi portale Downstaging???

58

59

60 HCC stadio avanzato RCT trattamento vs terapia di supporto Disegno dello studio Doxorubicina vs terapia di supporto Doxorubicina vs altre CT Tamoxifene vs terapia di supporto Conclusione Doxorubicina non è indicata come terapia di HCC inoperabile Doxorubicina è equivalente a altri CT Tamoxifene non migliora la sopravvivenza

61 Sorafenib: proliferazione tumorale e angiogenesi

62 RCT s Sorafenib STUDIO SHARP STUDIO ASIATICO HCC Avanzato, Child A, PS 0-2, non precedenti terapie sistemiche Sopravvivenza media Sorafenib vs Pla 10.7ms vs 7.9 ms 6.5ms vs 4.2 ms HR Eventi avversi 21% 45%

63 Predittori di sopravvivenza studio SHARP Variabili P HR Tratt Sorafenib PS 0 vs Limiti Hcc (invasione, M) Invasione macro vascolare Alfafetoproteina basale Albumina basale Bilirubina basale VEGF basale <

64 Variazione AFP rispetto alla sopravvivenza in pz con valori basali elevati vs pz con valori basali normali

65 Ongoing Sorafenib dopo PEI/RF per ridurre la recidiva Sorafenib iniziato 7gg prima della TACE e poi continuato

66 BCLC stadiazione e algoritmo terapeutico HCC Stage A-B PST0-2, CP A-B-C Early stage A Single or 3<3cm, PS0 Intermediate st B Multinodular (>3) single 3 nod<3cm Portal pressure/bil increased OLT no Associated disease TAE/TACE 5yrs survival 50-70% curative trt

67 HCC e OLT? Criteri di Milano: 1 nodulo<5cm Fino a 3 noduli <3cm autore anno n. Survival 1aa Survival 5 aa recidiva Mazzaferro % 75% 8% Bismuth % 74% 11% Llovet % 75% 4% Iwatsuki % 49% 24% Jonas % 71% 17% Yao % 73% 12%

68 UCSF: 1 nodulo<6.5cm Oltre i criteri di Milano? Fino a 3 noduli con<4.5cm, con un diametro HCC totale<8cm. Survival: 90% a 1aa; 72%a 5aa. METROTICKET (Up to seven) La somma del n di noduli e del diametro max del nodulo deve essere al massimo sette (Per es 1 nodulo di diametro 6cm; oppure 4 noduli di diametro max 3). Paz oltre i criteri di Milano, che rientrano nel up to seven presentano una survival a 5 aa del 71%

69 Up to seven o metroticket Studio retrospettivo seppur su 1274pz di cui 1112 oltre i criteri di Milano. All analisi multivariata FR sono numero e dimensione di noduli e la presenza di microinvasione vascolare. Sebbene l effetto della dimensione del nodulo è lineare sul Rischio, il numero dei noduli mostra invece un incremento del rischio evidente per i primi 3 noduli per poi ridurre drasticamente lo slop della curva.

70 Overall survival m. in. no m.in. si

71 Management HCC in lista OLT Durante l attesa per OLT, HCC può crescere e superare i criteri con un rischio di esclusione del 25% se l attesa è>di 6mesi(expanded pool con donazioni non standard, split, LD ) Necessario bilancio fra rischio di esclusione da OLT e rischio legato al trattamento. Nessuna strategia codificata da linee guida. Comune buon senso è nel trattare chi eccede un tempo di lista>6mesi oppure già vicino al limite max dei criteri. Come? TACE la più usata (attenzione ai vasi e Child dipendente), ma anche TAE e RF.

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A cura della Commissione Terapia Antivirale dell Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (A.I.S.F.) Finito

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli