Valutazione di intangibili e impairment

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione di intangibili e impairment"

Transcript

1 IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1

2 La valutazione di asset si ha di solito a seguito di operazioni di acquisizione Il principio contabile internazionale IFRS3 stabilisce che l acquirente di un azienda allochi il costo della business combination, rilevando immobilizzazioni, attività e passività, anche contingenti, al loro fair value alla data dell acquisizione, rilevando in via residuale il goodwill -Purchase Price Allocation -Identificare gli asset intangibili acquisiti, i criteri per la rilevazione e la vita utile stimata -Determinare il fair value dei principali asset immateriali acquisiti -Nell acquisizione di un gruppo editoriale si individuano come principali asset intangibili acquisiti le testate editoriali 2

3 -Il fair value, che è la base per le valutazioni di intangible, è definito come l ammontare per cui un asset può essere scambiato tra soggetti informati e consapevoli in una transazione a valore normale -L IFRS 3 indica i seguenti 3 approcci come adeguati per determinare il fair value di asset -Market approach definisce il fair value sulla base dei multipli o dei prezzi di mercato relativi a transazioni comparabili -Income approach definisce il fair value sulla base del valore attuale degli utili attribuibili all asset o ai costi evitati possedendo l asset. Questo può essere determinato con metodi diretti (Relief-of-royalty method, excess earnings method) o con metodi indiretti (Multi period excess earnings method) 3

4 -Cost approach definisce il fair value sulla base dei costi di sostituzione, rettificati per obsolescenza e ammortamento - Base della purchase price è la definizione dell excess purchase price che deve essere allocato -L excess purchase price rappresenta la differenza tra il valore dell attivo netto pre acquisizione, rilevato alla data di acquisizione e il prezzo di acquisizione -L excess purchase price è attribuibile a identificabili asset intangibili e quanto residua è attribuibile al goodwill 4

5 -Metodo di valutazione: approccio reddituale -E il più appropriato per misurare il fair value di un asset e consente di convertire i benefici in un singolo valore attuale -L approccio reddituale basa il valore sui cash flow che l asset ci si aspetta che generi durante la sua vita utile -Nella determinazione dei cash flow generati dall asset bisogna escudere ragionevolmente i cash flow generati da altri asset -Il metodo di valutazione adottato è il multi period excess earnings method (MEEM) -Si tratta del metodo generalmente utilizzato per valutare singoli asset e in particolare asset come le testate editoriali -Si è calcolato il net present value alla data della valutazione, dei cash flow allocati che saranno generati nella vita utile dallo stesso asset -Si considera una vita utile tra 25 e 30 anni 5

6 -Il metodo MEEM è basato sui cash flow operativi del singolo asset come definiti nel business plan, sottratti i costi relativi ai contributory asset, che sottratti dal cash flow operativo consentono di derivare il cash flow dell asset -I contributory asset charges rappresentano i costi di asset complementari quali il working capital, altri asset materiali, la forza lavoro -Il contributory asset charge rappresenta il costo degli altri asset aziendali necessari per produrre il cash flow dell asset oggetto di valutazione -Considerando tale costo si assume che gli altri asset aziendali siano affittati o assunti in leasing e quindi agli stessi viene attribuito un costo 6

7 -Il secondo metodo utilizzato per determinare il valore di un asset intangibile marketing related è il metodo delle royalty (Relief-from-royalty) -Il valore di un asset è stimato capitalizzando le royalties risparmiate che sarebbero dovute al proprietario della testata se la stessa non fosse posseduta -Le royalties risparmiate sono determinate sulla base di un tasso di royalty ai ricavi prospettici derivanti dalla vendita di prodotti o servizi associati all intangibile oggetto di valutazione -Il royalty rate è quindi una percentuale dei ricavi netti in base al quale chi ha la proprietà dell asset lo concede in uso ad un licenziatario 7

8 -La stima del tasso di royalty -Si analizzano contratti di licensing comparabili -Le royalties che consentono di pubblicare contenuti e di utilizzare le testate sono le più alte e si collocano in media tra il 25% e il 40% -I valori medi di royalty rate sono compresi tra il 16% e il 19% -I flussi di cassa vanno attualizzati, utilizzando un tasso WACC -La determinazione del WACC si basa sul CAPM (capital asset pricing model) WACC= Kd*(1-t)*D/D+E + Ke*E/D+E Ke= Rf+ β *(Rm-Rf) + specific risk premium Kd= costo del debito 8

9 -Per il rapporto debito/equity viene considerato il rapporto ottimale per società operanti nello stesso mercato e comparabili -Per la determinazione del valore delle testate non si è considerato uno specifico premio per il rischio da considerare nel WACC -Il metodo principale per la valutazione delle testate è il MEEM, si basa sulle risultanze del piano strategico predisposto dal management -Le principali fonti di ricavo per le testate sono la pubblicità e la diffusione -Sono flussi di ricavo rilevabili separatamente ma strettamente correlati -Entrambi questi ricavi concorrono alla valutazione del fair value della testata 9

10 -MEEM -Si calcola il valore attuale netto alla data della valutazione dei cash flow che saranno generati dall asset durante il periodo di vita utile dello stesso -Si sottrae dai cash flow derivati dal MEEM un costo per il contributo degli altri asset (CAC), come fair value degli asset noleggiati da una ipotetica terza parte -Metodo di controllo Relief from royalty -Si capitalizzano le royalties risparmiate -Si stimano i valori delle testate separatamente, attualizzando i valori dell affitto dell asset e si attualizzano i ricavi realizzati dalla testata -Implicitamente si determina il tasso di royalty, da comparare con dati di mercato 10

11 -Conclusione -Il fair value dell intangible asset testata editoriale è il minore valore tra quanto ottenuto con il metodo MEEM e il metodo delle royalty evitate -Parte dell excess purchase price dell acquisizione, pari al fair vaule della testata, può essere allocato all intangible testata -Tale valore viene ammortizzato in base alla vita utile Valutazione per impairment test -Analisi teorica -Caso pratico 11

12 IAS 36 Sintesi Il principio contabile IAS 36 prevede che: La società deve valutare in fase di redazione del bilancio se un attività possa avere subito una riduzione durevole di valore Se esiste una indicazione di perdita durevole di valore, deve stimare il valore recuperabile La società deve verificare annualmente per le attività immateriali a vita utile indefinita e gli avviamenti che il valore contabile non abbia subito riduzioni di valore confrontando il valore contabile con il valore recuperabile 2 3 IAS 36 Ambito di applicazione L impairment test si applica a: - Attività materiali e immateriali soggette ad ammortamento, se vi sono indicazioni di riduzione di valore - Attività immateriali a vita indefinita e goodwill, almeno annualmente

13 IAS 36 Definizioni Valore recuperabile è il maggior valore tra fair value e valore d uso -Fair value: valore che si forma sul mercato e rappresenta quanto si può ottenere dalla vendita dell attività oggetto di test o è rappresentato da un prezzo di mercato -Valore d uso: per calcolare il valore d uso di un attività si fa riferimento alla stima dei flussi finanziari prospettici dell attività stessa e si utilizza un modello di valutazione basato sul metodo DCF 2 5 IAS 36 Definizioni Valutazione degli assets aziendali: - Identificazione di cash generating unit o attività - Applicazione di impairment test: con cadenza annuale (almeno con ) e ad ogni manifestazione di indicatori di impairment (Trigger Event) Se il valore d uso dell attività o della CGU risulta inferiore al valore contabile, quest ultimo deve essere adeguato e la perdita di valore viene rilevata a conto economico

14 Definizione delle CGU (IAS 36, IFRS 3) Cash Generating Unit Il più piccolo insieme di attività identificabile in un impresa in grado di generare flussi di cassa e che contribuisce in modo autonomo al conseguimento dei benefici aziendali Attribuzione di tutte le attività e passività identificabili alle appropriate CGU Previsione dei flussi finanziari attesi dalla CGU (DCF) Valutazione del valore recuperabile dall attività oggetto d analisi e confronto con il valore contabile per rilevare eventuali perdite di valore Creazione di modelli per il calcolo del discounted cash flow 2 7 Valutazione con IT dei Goodwill ed Asset immateriali Flusso Impairment Test Analisi e validazione Piani per IAS Piani Analisi e validazione parametri WACC Incontri Revisori e Controller Approvazione CDA soc. CGU Definizione Valore CGU Modello Impairment test Definizione/aggiornamento parametri WACC Approvazione CDA soc. CGU Approvazione CDA Capogruppo Capogruppo 28 14

15 Modello di calcolo Il modello di calcolo utilizzato per la valutazione degli IT richiede tutta una serie di dati di input necessari alla simulazione, i principali sono: - il tasso WACC esplicitato nelle sue differenti componenti, anche di mercato; - il tasso di crescita previsto per gli anni di previsione implicita (g); - la definizione del periodo di previsione esplicita; - l orizzonte temporale della valutazione: Durata finita / infinita; 2 9 Modello di calcolo - la durata implicita; - le aliquote fiscali; - gli eventuali asset/liabilities da valorizzare separatamente; - le proiezione di Conto Economico, Stato Patrimoniale e Free Cash Flow Una volta inseriti i dati di input nel modello di calcolo, sono effettuate delle simulazioni, ottenendo output relativi all Enterprise Value, all Equity Value, ed ancora analisi di Sensitività

16 Cash Generating Unit: XYZ Impairment Test Modello di calcolo 3 1 XYZ Conto Economico Preconsuntivo BUDGET Previsione Previsione Previsione Previsione Importi in Milioni di Euro CONTO ECONOMICO 5% 3% 3% 3% RICAVI NETTI 55,600 56,990 59,840 61,635 63,484 65,388 COSTI OPERATIVI Costi per il personale (12,000) (12,500) (12,750) (13,005) (13,265) (13,530) Ammortamenti (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) Ammortamento avviamento Ammortamenti immobilizzazioni immateriali (0,200) (0,200) (0,200) (0,200) (0,200) (0,200) Ammortamento immobilizzazioni materiali (0,100) (0,100) (0,100) (0,100) (0,100) (0,100) Altri costi operativi (39,600) (39,700) (38,454) (39,223) (40,008) (40,608) Totale costi operativi (51,900) (52,500) (51,504) (52,528) (53,573) (54,438) REDDITO OPERATIVO (EBIT) 3,700 4,490 8,336 9,107 9,911 10,950 Proventi (oneri) finanziari netti (0,192) (0,262) (0,200) (0,200) (0,200) (0,200) Altri proventi (oneri) non operativi REDDITO ANTE IMPOSTE 3,508 4,228 8,136 8,907 9,711 10,750 Imposta sul reddito ante-imposte (0,993) (1,197) (2,311) (2,530) (2,759) (3,054) Imposta su EBIT più costo del personale (0,430) (0,450) (0,584) (0,612) (0,642) (0,678) Imposte sul reddito (1,423) (1,647) (2,895) (3,143) (3,401) (3,732) REDDITO NETTO 2,085 2,581 5,240 5,764 6,310 7,018 16

17 XYZ Stato Patrimoniale Preconsuntivo BUDGET Previsione Previsione Previsione Previsione Importi in Milioni di Euro STATO PATRIMONIALE IMMOBILIZZAZIONI NETTE Immobilizzazioni finanziarie 0,585 0,467 0,467 0,467 0,467 0,467 Avviamento 9,300 9,300 9,300 9,300 9,300 9,300 Immobilizzazioni immateriali nette 0,700 0,700 0,700 0,700 0,700 Immobilizzazioni materiali nette 0,729 0,547 0,547 0,547 0,547 0,547 Totale Immobilizzazioni nette 10,614 11,014 11,014 11,014 11,014 11,014 CAPITALE CIRCOLANTE NETTO Crediti verso clienti netti 22,070 20,000 19,475 19,774 20,082 20,400 Altri crediti 3,492 2,681 3,000 3,000 3,000 3,000 Magazzino 1,891 1,867 1,900 1,900 1,900 1,900 Debiti verso fornitori (19,800) (17,400) (16,777) (17,162) (17,554) (17,854) Altri debiti (6,900) (6,200) (6,500) (6,500) (6,500) (6,500) Totale CCN 0,753 0,948 1,098 1,012 0,928 0,946 FONDI Fondi relativi al personale (2,700) (2,700) (2,700) (2,700) (2,700) (2,700) Altri fondi (0,200) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) Totale fondi (2,900) (3,000) (3,000) (3,000) (3,000) (3,000) TOTALE IMPIEGHI 8,467 8,962 9,112 9,026 8,942 8,960 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA (*) (8,900) (9,038) (8,908) (9,006) (9,103) (9,099) PATRIMONIO NETTO 17,367 18,000 18,000 18,000 18,000 18,000 TOTALE FONTI 8,467 8,962 9,092 8,994 8,897 8,901 XYZ Flussi di cassa Importi in Milioni di Euro Budget Previsione Previsione Previsione Previsione CALCOLO DEI FREE CASH FLOW Reddito operativo (EBIT) escluso ammortamento avviamento 4,490 8,336 9,107 9,911 10,950 Imposte sul reddito operativo (EBIT) (1,721) (2,952) (3,200) (3,458) (3,789) NOPLAT 2,769 5,383 5,907 6,453 7,161 Ammortamenti immobilizzazioni 0,300 0,300 0,300 0,300 0,300 Gross cash flow 3,069 5,683 6,207 6,753 7,461 Diminuzione (aumento) del capitale circolante netto (0,195) (0,150) 0,085 0,084 (0,017) Investimenti in immobilizzazioni (0,700) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) Variazione altre attività operative nette 0, Investimento lordo (0,795) (0,450) (0,215) (0,216) (0,317) Free cash flow 2,275 5,233 5,992 6,537 7,

18 XYZ - Calcoli di attualizzazione ATTUALIZZAZIONE DEI FLUSSI DI PREVISIONE ESPLICITA Free cash Fattore Valore Anno Flow di sconto attuale ,275 0,933 2, ,233 0,870 4, ,992 0,812 4, ,537 0,757 4, ,144 0,707 5,048 Totale valore attuale dei flussi di previsione esplicita 21,541 CALCOLO DEL VALORE RESIDUO VALORE TERMINALE A DURATA FINITA - 1 STADIO Flusso Fattore Valore Anno NOPLAT di sconto attuale ,161 0,933 6, ,161 0,870 6, ,161 0,812 5, ,161 0,757 5, ,161 0,707 5, ,161 0,659 4, ,161 0,615 4, ,161 0,574 4, ,161 0,535 3, ,161 0,499 3, ,161 0,466 3, ,161 0,435 3, ,161 0,405 2, ,161 0,378 2, ,161 0,353 2,526 Valore terminale al ,430 XYZ - Calcoli di attualizzazione ATTUALIZZAZIONE DEL VALORE TERMINALE Valore Fattore Valore Anno terminale di sconto attuale ,430 0,707 45,526 Totale valore attuale del valore terminale (valore residuo) 45,526 CALCOLO DEL VALUE OPERATIVO Inc. % Valore Totale valore attuale dei flussi di previsione esplicita 32,1% 21,541 Totale valore attuale del valore terminale (valore residuo) 67,9% 45,526 Totale valore operativo 100,0% 67,067 18

19 XYZ - Conclusioni (importi in milioni di Euro) CAPITALE INVESTITO NETTO al 31_12_2010 8,467 AVVIAMENTI DI CONSOLIDATO 40,000 TOTALE ASSET OGGETTO DI IMPAIRMENT 48,467 ENTERPRISE VALUE 67,067 ENTERPRISE VALUE - TOTALE ASSETS OGGETTO DI IMPAIRMENT 18,600 IMPAIRMENT TEST SUPERATO XYZ Analisi di sensitività Analisi di sensitività: enterprise value WACC 67,067 6,19% 6,69% 7,19% 7,69% 8,19% -1,0% 69,711 66,835 64,129 61,581 59,180-0,5% 71,356 68,372 65,567 62,927 60,441 g 0,0% 73,072 69,976 67,067 64,330 61,754 0,5% 74,862 71,649 68,630 65,793 63,123 1,0% 76,731 73,394 70,261 67,318 64,550 Analisi di sensitività: plusvalori (minusvalori) WACC 18,600 6,19% 6,69% 7,19% 7,69% 8,19% -1% 21,244 18,368 15,662 13,114 10,713-1% 22,889 19,905 17,100 14,460 11,974 g 0% 24,605 21,509 18,600 15,863 13,287 1% 26,395 23,182 20,163 17,326 14,656 1% 28,264 24,927 21,794 18,851 16,

20 β α XYZ - Parametri DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL CAPITALE PROPRIO rf Tasso di rendimento di attività prive di rischio (risk free rate ); rm - rf Premio per il rischio di mercato (market premium ) Beta applicabile Premio per il rischio aggiuntivo Costo del capitale proprio 9,05% DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL CAPITALE DI TERZI Aliquota fiscale 27,5% Costo del debito 4,79% Costo del capitale di terzi, al netto dell'effetto fiscale 3,47% DETERMINAZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Debt/Equity ratio 0,50 Peso del capitale proprio 66,67% Peso dei debiti onerosi 33,33% DETERMINAZIONE DEL COSTO MEDIO PONDERATO DEL CAPITALE Costo del capitale proprio 9,05% % peso del capitale proprio 66,67% Costo del debito 3,47% % peso del debito 33,33% WACC (post-tax) 7,19% XYZ Altri Parametri DATA DI RIFERIMENTO DELLA VALUTAZIONE Giorno gg 31 Mese mm 12 Anno aaaa /12/2010 PERIODO DI ESTENSIONE DEL PIANO Selezionare il numero di anni di Piano (da 3 a 10) CALCOLO DEL VALORE RESIDUO: PERIODO DI ESTENSIONE Valore residuo a durata (finita/infinita) e numero di stadi (1 o 2) Infinita - 1 stadio finita Infinita - 12 stadi Finita - 1 stadio Finita - 2 stadi Se valore residuo a durata finita, indicare il numero di anni (fino a 30) 15 CALCOLO DEL VALORE RESIDUO: PROIEZIONE DEI FLUSSI FINANZIARI Valore da utilizzare per le proiezioni (EBIT / FCF) EBIT EBIT FCF Tasso di crescita g 0,0% Modalità di valutazione (senza imposte / con imposte) senza imposte con con imposte ALIQUOTE FISCALI Imposta sul reddito ante-imposte (IRES in Italia) 28,46% Imposta su EBIT più costo del personale (IRAP in Italia) 2,75% 20

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali Angelo Cattaneo Milano, 22 febbraio 2010 INDICE Pirelli RE Immobilizzazioni

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs 1 Framework Business combination (acquisizione del controllo) Purchase Price Allocation (valutazione

Dettagli

Finalità. Stephane Beck Photograph by Philippe Matsas

Finalità. Stephane Beck Photograph by Philippe Matsas IAS 36 IMPAIRMENT OF ASSET PWC 1 Finalità Definire i principi che l entità deve seguire per assicurarsi che le proprie attività siano iscritte a un valore non superiore al valore recuperabile. 2 Stephane

Dettagli

Teoria del valore dell'impresa L IMPAIRMENT TEST

Teoria del valore dell'impresa L IMPAIRMENT TEST Teoria del valore dell'impresa L IMPAIRMENT TEST L impairment a.a. 2005-2006 test (IT) Oggetto: riguarda la svalutazione per perdite di valore di attività Finalità: evita che le attività siano iscritte

Dettagli

IAS 36 - OIC 9: Riduzione di valore delle attività

IAS 36 - OIC 9: Riduzione di valore delle attività IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 36 - OIC 9: Riduzione di valore delle attività Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 La mappa allo stato attuale IFRS PC OIC 16/24

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Amministrazione e controllo d impresa Corso di Revisione. L applicazione 1 OIC. Impairment e avviamento

Corso di Laurea magistrale in Amministrazione e controllo d impresa Corso di Revisione. L applicazione 1 OIC. Impairment e avviamento Corso di Laurea magistrale in Amministrazione e controllo d impresa Corso di Revisione L applicazione 1 OIC Impairment e avviamento IAS 36 impairment of Assets Ambito di riferimento (IAS 36.2): Trattamento

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Si determini, utilizzando il metodo unlevered discounted cash flow, il valore del capitale economico di un impresa alla data del 1 gennaio 2008 operante

Dettagli

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000 TEMI D ESAME N.1 QUESITO In data 1 gennaio 2005 Alfa S.p.A. ha acquistato una partecipazione dell 80% in Beta S.p.A., pagando un prezzo pari a euro 60.000. Il patrimonio netto contabile di Beta alla data

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. L Impairment Test (Ias 36)

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. L Impairment Test (Ias 36) 1 L Impairment Test (Ias 36) 2 Oggetto: riguarda la svalutazione per perdite di valore di attività Finalità: evita che le attività siano iscritte a un valore superiore a quello recuperabile Ambito: in

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli Agenda Metodi di valutazione in generale Il metodo dei multipli Il DCF (Discounted Cash Flow) Un esempio concreto Gli elementi extra-contabili

Dettagli

IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS

IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS , 26 Febbraio 2009 IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS RIDUZIONE DI VALORE DELLE ATTIVITÀ Paolo Pietro Biancone , 26 Febbraio 2009 AGENDA Finalità e ambito di applicazione Principali definizioni Identificazione

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dall entità in in conseguenza di di eventi passati e dalla quale

Dettagli

La valutazione d azienda

La valutazione d azienda Maria-Gaia Soana Università degli Studi di Parma corso di Corporate Banking Agenda La valutazione d azienda I metodi patrimoniali, reddituali, misti e i multipli Agenda I metodi patrimoniali I metodi patrimoniali

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Gli Intangibili Asset di Bilancio

Gli Intangibili Asset di Bilancio Università Pavia Convegno del sestante 2015 Asset intangibili e creazione di valore, Mercoledì 16 settembre 2015, ore 13.30, Villa d Este, Cernobbio (CO) 1 Indice 1 Cosa Sono gli Intangibili (nella prospettiva

Dettagli

Il trattamento contabile delle immobilizzazioni immateriali, dell avviamento e l impairment test secondo i principi contabili internazionali

Il trattamento contabile delle immobilizzazioni immateriali, dell avviamento e l impairment test secondo i principi contabili internazionali Il trattamento contabile delle immobilizzazioni immateriali, dell avviamento e l impairment test secondo i principi contabili internazionali 24 settembre 2008 Relatore Andrea Restelli Revisore contabile

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Corso di Analisi degli Equilibri Gestionali della Banca Project work Enrico Baesso Matteo Chiavegato Fabio Fanini Edoardo Sartori

Corso di Analisi degli Equilibri Gestionali della Banca Project work Enrico Baesso Matteo Chiavegato Fabio Fanini Edoardo Sartori Impairment Test dell'avviamento di 4 Banche Europee Corso di Analisi degli Equilibri Gestionali della Banca Project work Enrico Baesso Matteo Chiavegato Fabio Fanini Edoardo Sartori 1 Campione analizzato

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Concetta Viglianti Torino, 22 ottobre 2008 1 Business Combination (Ifrs 3):definizione Business Combination (Ifrs 3):definizione Unione di entità o attività

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013 NOME: BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013 COGNOME: N. DI MATRICOLA: Utilizzando lo spazio sottostante a ciascun quesito: 1) Il candidato, dopo avere brevemente spiegato

Dettagli

La Valutazione di una Start-up

La Valutazione di una Start-up La Valutazione di una Start-up I metodi di valutazione più utilizzati sono: Discounted Cash Flow e Multipli di Mercato, cui vanno applicati dei correttivi per riflettere le specificità della start-up All

Dettagli

Lezioni 12 & 13. IAS 38 Attività immateriali

Lezioni 12 & 13. IAS 38 Attività immateriali Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Lezioni 12 & 13 IAS 38 Attività immateriali by Marco Papa Outline o Ambito d applicazione o Definizione di

Dettagli

3. Principi contabili

3. Principi contabili gli utili emergenti da vendite effettuate da società controllate a joint-venture o società collegate sono eliminati limitatamente alla quota di possesso nella società acquirente; gli utili emergenti da

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri La valutazione La valutazione rappresenta il processo

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

Aspetti pratici della valutazione degli intangibili in situazioni di crisi aziendali e nell'ambito fiscale

Aspetti pratici della valutazione degli intangibili in situazioni di crisi aziendali e nell'ambito fiscale Aspetti pratici della valutazione degli intangibili in situazioni di crisi aziendali e nell'ambito fiscale ESTRATTO DELLA PRESENTAZIONE Enrico Rovere Responsabile Divisione Corporate Finance e membro del

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora FAC-SIMILE Mod.PEF/Pitagora Comune di Monza Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO,

Dettagli

OIC 9 Immobilizzazioni tecniche Perdite permanenti di valore. Premessa... 1. Il quadro normativo e regolamentare... 2. Gli aspetti fiscali...

OIC 9 Immobilizzazioni tecniche Perdite permanenti di valore. Premessa... 1. Il quadro normativo e regolamentare... 2. Gli aspetti fiscali... Sommario Premessa... 1 Il quadro normativo e regolamentare... 2 Gli aspetti fiscali... 6 Premessa La valutazione delle immobilizzazioni tecniche sta attraversando un periodo critico. Mi riferisco soprattutto

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * *

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * * Economia dei gruppi e bilancio consolidato Esempi di quesiti d esame (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) Q. 1 Il Candidato, ricorrendo alla costruzione del foglio di lavoro di stato

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo Indice Presentazione, di Gilberto Gabrielli Introduzione Significato dei simboli e degli acronimi XI XII XXI Parte prima - Il costo del capitale per la determinazione del rendimento finanziario obiettivo

Dettagli

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 La valutazione delle azioni Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 1 La natura dell investimento in titoli azionari INVESTIMENTO IN AZIONI CAPITALE DI RISCHIO NELL ASPETTO SOGGETTIVO: STATUS

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE Dott. Lorenzo Batacchi Banca popolare dell Emilia Romagna lorenzo.batacchi@bper.it METODI DI VALUTAZIONE DELLE AZIENDE I più utilizzati nella pratica: Metodo finanziario: DCF,

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

Impairment e avviamento

Impairment e avviamento OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ SERIE: APPLICAZIONI IAS/IFRS Impairment e avviamento Applicazione n. 2 dicembre 2009 INDICE 1. PREMESSA 4 1.1 I Principi contabili applicabili per le diverse attività

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore Indice 5 Parte 1 - Valore e valutazione capitolo 1 - Azienda e valore Valutazioni d azienda: situazione attuale e orientamenti evolutivi...19 Definizione economica di azienda...22 Definizione giuridica

Dettagli

Valutazione d aziende. Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore. di Pasquale De Luca (*)

Valutazione d aziende. Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore. di Pasquale De Luca (*) Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore di Pasquale De Luca (*) Un azienda che intenda accedere a fonti di finanziamento esterne, sia che si tratti di accedere a capitale di debito

Dettagli

Valutazione degli Intangibles

Valutazione degli Intangibles Valutazione degli Intangibles Gruppo Fondiaria-SAI 1 Gruppo Fondiaria-SAI Le principali attività immateriali del Gruppo sono rappresentate da: Avviamento ( mil 1.636 al 30 giugno 2008) Gli avviamenti iscritti

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 38 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, anno accademico 2010/2011 Febbraio2011 INDICE le attività immateriali (IAS 38) richiamo

Dettagli

Modello indicativo di Piano economico-finanziario (P.E.F.)

Modello indicativo di Piano economico-finanziario (P.E.F.) Concessione del diritto di superficie a tempo determinato dell'immobile di proprietà comunale sito in Lentate sul Seveso denominato "Parco Militare" ALLEGATO B Modello indicativo di Piano economico-finanziario

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le componenti base Alessio Di Angelantonio PREMESSA. Che cos è un investimento? Tante, troppe volte, all interno delle

Dettagli

2. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE

2. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE 2. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE Di seguito sono riportati i principali criteri e i principi contabili applicati nella preparazione del bilancio consolidato e delle informazioni finanziarie

Dettagli

ASPETTI CRITICI APPLICATIVI OIC n. 9. Dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca

ASPETTI CRITICI APPLICATIVI OIC n. 9. Dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca ASPETTI CRITICI APPLICATIVI OIC n. 9 Dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca 1 Finalità Verificare che il valore delle proprie attività non superi

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Teoria del Valore d impresa a.a. 2009/2010 Università degli Studi di Verona. Esercitazione METODO REDDITUALE

Teoria del Valore d impresa a.a. 2009/2010 Università degli Studi di Verona. Esercitazione METODO REDDITUALE Esercitazione METODO REDDITUALE L impresa Beta, produttrice di mobili per arredo, presenta il seguente profilo reddituale: I risultati netti contabili* desunti dal pre-consuntivo 2009, dal budget 2010

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A.

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. Appendice FTA LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. INDICE A. Premessa B. Principi contabili e criteri di valutazione C. Riconciliazione

Dettagli

Applicazione: Pianificazione di un impianto con il valore attuale netto

Applicazione: Pianificazione di un impianto con il valore attuale netto Applicazione: Pianificazione di un impianto con il valore attuale netto Un azienda intende produrre un farmaco che sarà venduto in modo esclusivo per 20 anni, dopo di che il brevetto diverrà pubblico.

Dettagli

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it Piacenza, 20 marzo 2003 Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it I domini dell armonizzazione Armonizzazione de jure Armonizzazione de facto Norme e principi contabili Armonizzazione Bilanci effettivamente

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità)

Esercitazione II. 16.500 per rischi ed oneri) Altre attività (inclusi crediti. Patrimonio netto 10.000. 11.500 commerciali e liquidità) Esercitazione II In data 28 Febbraio X la società Alfa S.p.A. acquista una partecipazione del 75% nella società Beta S.p.A. pagando un prezzo di euro 13.000. Lo stato patrimoniale della società controllata

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Lezione 3 IAS 16: Immobili, impianti e macchinari Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2012 2013 4 marzo

Dettagli

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI FAC SIMILE mod/pef Ambrosini Comune di Monza Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI anni 20 PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO,

Dettagli

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali La fiscalità del bilancio IAS Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

Analisi finanziaria e valore dell impresa

Analisi finanziaria e valore dell impresa Analisi finanziaria e valore dell impresa Metodi ed analisi di casi concreti (parte seconda) 1 Società: Software Alfa Spa consuntivo consuntivo budget piano 1 piano 2 piano 3 2010 2011 2012 2013 2014 2015

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Commissione Osservatorio Società Quotate ODCEC Napoli

Commissione Osservatorio Società Quotate ODCEC Napoli Commissione Osservatorio Società Quotate ODCEC Napoli GENERALI ASSICURAZIONI SPA GESTIONE VITA 31/12/2008 var 31.12.2007 Risultato operativo 1979,7-27,69% 2.737,9 Premi Netti 42034,6-2,31% 43.027,0 Oneri

Dettagli

Business Plan 2010-2016 Campobasso, Novembre 2010

Business Plan 2010-2016 Campobasso, Novembre 2010 Gestione Agroalimentare Molisana S.r.l. Business Plan 2010-2016 2016 Campobasso, Novembre 2010 Indice 1. Premessa 1.1 La GAM pag. 4 1.2 La Filiera Avicola Molisana pag. 5 2. Business Plan 2.1 Ipotesi generali

Dettagli

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro)

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro) Prospetti contabili infrannuali della Capogruppo per il semestre chiuso al 30 giugno 2007 Conto economico 1 semestre 2007 1 semestre 2006 Ricavi verso terzi 14.025 8.851 Ricavi parti correlati 2.772 3.521

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

Stefano Vescovi. Commercialista. Valutazione della. Farmacia Comunale di Rocca Priora. Buero

Stefano Vescovi. Commercialista. Valutazione della. Farmacia Comunale di Rocca Priora. Buero Stefano Vescovi Commercialista Valutazione della Farmacia Comunale di Rocca Priora Buero INDICE 1 NATURA E FINALITA DEL LAVORO... 3 2 PROFILO DELLA SOCIETÀ... 4 2.1 Informazioni generali... 4 2.2 Dati

Dettagli

Le immobilizzazioni immateriali

Le immobilizzazioni immateriali Le immobilizzazioni immateriali B) IMMOBILIZZAZIONI I - Immobilizzazioni immateriali 1) costi di impianto e di ampliamento; 2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità; 3) diritti di brevetto industriale

Dettagli

IAS 36 Riduzione di valore di CGU con avviamento

IAS 36 Riduzione di valore di CGU con avviamento Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende IAS 36 Riduzione di valore di CGU con avviamento by Marco Papa L impairment test (1) o La perdita di valore

Dettagli

VALUTAZIONE E VALORIZZAZIONE ECONOMICA DEGLI ATTIVI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE IN UN AZIENDA DI SOFTWARE

VALUTAZIONE E VALORIZZAZIONE ECONOMICA DEGLI ATTIVI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE IN UN AZIENDA DI SOFTWARE VALUTAZIONE E VALORIZZAZIONE ECONOMICA DEGLI ATTIVI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE IN UN AZIENDA DI SOFTWARE Pisa, 10 Dicembre 2008 Ing. Andrea Tiburzi 1 Obiettivi e Argomenti I beni di IP ed il software;

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO. - Esempio Pratico - PAOLO TERAZZI

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO. - Esempio Pratico - PAOLO TERAZZI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Purchase Price Allocation - Esempio Pratico - PAOLO TERAZZI 04 Giugno 2011 Agenda Acquisizione NHC Group da parte del Gruppo Amplifon (Dicembre 2010) Amplifon

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. XVII Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO SEZIONE PRIMA LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1. GLI OBIETTIVI DELLE ANALISI PER INDICI 1.1. L

Dettagli

Concetto di flusso. Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X

Concetto di flusso. Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X Concetto di flusso Valore dell elemento patrimoniale al 1/1/X Valore dell elemento patrimoniale al 31/12/X Flusso (variazione) dal 1/1/X al 31/12/X Il prospetto di sintesi di rappresentazione dei flussi

Dettagli

2. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE

2. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE 2. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE Di seguito sono riportati i principali criteri e i principi contabili applicati nella preparazione del bilancio consolidato e delle informazioni finanziarie

Dettagli

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 -

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 - SOLUZIONI ESERCIZIO 1 Bilancio consolidato In data 01/01/X la società ALFA acquista una partecipazione del 70% in BETA al prezzo di 21.000. Il patrimonio netto contabile di BETA alla data dell operazione

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO al 31 dicembre 2012

BILANCIO CONSOLIDATO al 31 dicembre 2012 BILANCIO CONSOLIDATO al 31 dicembre 2012 PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI: Situazione patrimoniale finanziaria consolidata Conto economico separato consolidato Conto economico complessivo consolidato Rendiconto

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli