Valutazione di intangibili e impairment

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione di intangibili e impairment"

Transcript

1 IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1

2 La valutazione di asset si ha di solito a seguito di operazioni di acquisizione Il principio contabile internazionale IFRS3 stabilisce che l acquirente di un azienda allochi il costo della business combination, rilevando immobilizzazioni, attività e passività, anche contingenti, al loro fair value alla data dell acquisizione, rilevando in via residuale il goodwill -Purchase Price Allocation -Identificare gli asset intangibili acquisiti, i criteri per la rilevazione e la vita utile stimata -Determinare il fair value dei principali asset immateriali acquisiti -Nell acquisizione di un gruppo editoriale si individuano come principali asset intangibili acquisiti le testate editoriali 2

3 -Il fair value, che è la base per le valutazioni di intangible, è definito come l ammontare per cui un asset può essere scambiato tra soggetti informati e consapevoli in una transazione a valore normale -L IFRS 3 indica i seguenti 3 approcci come adeguati per determinare il fair value di asset -Market approach definisce il fair value sulla base dei multipli o dei prezzi di mercato relativi a transazioni comparabili -Income approach definisce il fair value sulla base del valore attuale degli utili attribuibili all asset o ai costi evitati possedendo l asset. Questo può essere determinato con metodi diretti (Relief-of-royalty method, excess earnings method) o con metodi indiretti (Multi period excess earnings method) 3

4 -Cost approach definisce il fair value sulla base dei costi di sostituzione, rettificati per obsolescenza e ammortamento - Base della purchase price è la definizione dell excess purchase price che deve essere allocato -L excess purchase price rappresenta la differenza tra il valore dell attivo netto pre acquisizione, rilevato alla data di acquisizione e il prezzo di acquisizione -L excess purchase price è attribuibile a identificabili asset intangibili e quanto residua è attribuibile al goodwill 4

5 -Metodo di valutazione: approccio reddituale -E il più appropriato per misurare il fair value di un asset e consente di convertire i benefici in un singolo valore attuale -L approccio reddituale basa il valore sui cash flow che l asset ci si aspetta che generi durante la sua vita utile -Nella determinazione dei cash flow generati dall asset bisogna escudere ragionevolmente i cash flow generati da altri asset -Il metodo di valutazione adottato è il multi period excess earnings method (MEEM) -Si tratta del metodo generalmente utilizzato per valutare singoli asset e in particolare asset come le testate editoriali -Si è calcolato il net present value alla data della valutazione, dei cash flow allocati che saranno generati nella vita utile dallo stesso asset -Si considera una vita utile tra 25 e 30 anni 5

6 -Il metodo MEEM è basato sui cash flow operativi del singolo asset come definiti nel business plan, sottratti i costi relativi ai contributory asset, che sottratti dal cash flow operativo consentono di derivare il cash flow dell asset -I contributory asset charges rappresentano i costi di asset complementari quali il working capital, altri asset materiali, la forza lavoro -Il contributory asset charge rappresenta il costo degli altri asset aziendali necessari per produrre il cash flow dell asset oggetto di valutazione -Considerando tale costo si assume che gli altri asset aziendali siano affittati o assunti in leasing e quindi agli stessi viene attribuito un costo 6

7 -Il secondo metodo utilizzato per determinare il valore di un asset intangibile marketing related è il metodo delle royalty (Relief-from-royalty) -Il valore di un asset è stimato capitalizzando le royalties risparmiate che sarebbero dovute al proprietario della testata se la stessa non fosse posseduta -Le royalties risparmiate sono determinate sulla base di un tasso di royalty ai ricavi prospettici derivanti dalla vendita di prodotti o servizi associati all intangibile oggetto di valutazione -Il royalty rate è quindi una percentuale dei ricavi netti in base al quale chi ha la proprietà dell asset lo concede in uso ad un licenziatario 7

8 -La stima del tasso di royalty -Si analizzano contratti di licensing comparabili -Le royalties che consentono di pubblicare contenuti e di utilizzare le testate sono le più alte e si collocano in media tra il 25% e il 40% -I valori medi di royalty rate sono compresi tra il 16% e il 19% -I flussi di cassa vanno attualizzati, utilizzando un tasso WACC -La determinazione del WACC si basa sul CAPM (capital asset pricing model) WACC= Kd*(1-t)*D/D+E + Ke*E/D+E Ke= Rf+ β *(Rm-Rf) + specific risk premium Kd= costo del debito 8

9 -Per il rapporto debito/equity viene considerato il rapporto ottimale per società operanti nello stesso mercato e comparabili -Per la determinazione del valore delle testate non si è considerato uno specifico premio per il rischio da considerare nel WACC -Il metodo principale per la valutazione delle testate è il MEEM, si basa sulle risultanze del piano strategico predisposto dal management -Le principali fonti di ricavo per le testate sono la pubblicità e la diffusione -Sono flussi di ricavo rilevabili separatamente ma strettamente correlati -Entrambi questi ricavi concorrono alla valutazione del fair value della testata 9

10 -MEEM -Si calcola il valore attuale netto alla data della valutazione dei cash flow che saranno generati dall asset durante il periodo di vita utile dello stesso -Si sottrae dai cash flow derivati dal MEEM un costo per il contributo degli altri asset (CAC), come fair value degli asset noleggiati da una ipotetica terza parte -Metodo di controllo Relief from royalty -Si capitalizzano le royalties risparmiate -Si stimano i valori delle testate separatamente, attualizzando i valori dell affitto dell asset e si attualizzano i ricavi realizzati dalla testata -Implicitamente si determina il tasso di royalty, da comparare con dati di mercato 10

11 -Conclusione -Il fair value dell intangible asset testata editoriale è il minore valore tra quanto ottenuto con il metodo MEEM e il metodo delle royalty evitate -Parte dell excess purchase price dell acquisizione, pari al fair vaule della testata, può essere allocato all intangible testata -Tale valore viene ammortizzato in base alla vita utile Valutazione per impairment test -Analisi teorica -Caso pratico 11

12 IAS 36 Sintesi Il principio contabile IAS 36 prevede che: La società deve valutare in fase di redazione del bilancio se un attività possa avere subito una riduzione durevole di valore Se esiste una indicazione di perdita durevole di valore, deve stimare il valore recuperabile La società deve verificare annualmente per le attività immateriali a vita utile indefinita e gli avviamenti che il valore contabile non abbia subito riduzioni di valore confrontando il valore contabile con il valore recuperabile 2 3 IAS 36 Ambito di applicazione L impairment test si applica a: - Attività materiali e immateriali soggette ad ammortamento, se vi sono indicazioni di riduzione di valore - Attività immateriali a vita indefinita e goodwill, almeno annualmente

13 IAS 36 Definizioni Valore recuperabile è il maggior valore tra fair value e valore d uso -Fair value: valore che si forma sul mercato e rappresenta quanto si può ottenere dalla vendita dell attività oggetto di test o è rappresentato da un prezzo di mercato -Valore d uso: per calcolare il valore d uso di un attività si fa riferimento alla stima dei flussi finanziari prospettici dell attività stessa e si utilizza un modello di valutazione basato sul metodo DCF 2 5 IAS 36 Definizioni Valutazione degli assets aziendali: - Identificazione di cash generating unit o attività - Applicazione di impairment test: con cadenza annuale (almeno con ) e ad ogni manifestazione di indicatori di impairment (Trigger Event) Se il valore d uso dell attività o della CGU risulta inferiore al valore contabile, quest ultimo deve essere adeguato e la perdita di valore viene rilevata a conto economico

14 Definizione delle CGU (IAS 36, IFRS 3) Cash Generating Unit Il più piccolo insieme di attività identificabile in un impresa in grado di generare flussi di cassa e che contribuisce in modo autonomo al conseguimento dei benefici aziendali Attribuzione di tutte le attività e passività identificabili alle appropriate CGU Previsione dei flussi finanziari attesi dalla CGU (DCF) Valutazione del valore recuperabile dall attività oggetto d analisi e confronto con il valore contabile per rilevare eventuali perdite di valore Creazione di modelli per il calcolo del discounted cash flow 2 7 Valutazione con IT dei Goodwill ed Asset immateriali Flusso Impairment Test Analisi e validazione Piani per IAS Piani Analisi e validazione parametri WACC Incontri Revisori e Controller Approvazione CDA soc. CGU Definizione Valore CGU Modello Impairment test Definizione/aggiornamento parametri WACC Approvazione CDA soc. CGU Approvazione CDA Capogruppo Capogruppo 28 14

15 Modello di calcolo Il modello di calcolo utilizzato per la valutazione degli IT richiede tutta una serie di dati di input necessari alla simulazione, i principali sono: - il tasso WACC esplicitato nelle sue differenti componenti, anche di mercato; - il tasso di crescita previsto per gli anni di previsione implicita (g); - la definizione del periodo di previsione esplicita; - l orizzonte temporale della valutazione: Durata finita / infinita; 2 9 Modello di calcolo - la durata implicita; - le aliquote fiscali; - gli eventuali asset/liabilities da valorizzare separatamente; - le proiezione di Conto Economico, Stato Patrimoniale e Free Cash Flow Una volta inseriti i dati di input nel modello di calcolo, sono effettuate delle simulazioni, ottenendo output relativi all Enterprise Value, all Equity Value, ed ancora analisi di Sensitività

16 Cash Generating Unit: XYZ Impairment Test Modello di calcolo 3 1 XYZ Conto Economico Preconsuntivo BUDGET Previsione Previsione Previsione Previsione Importi in Milioni di Euro CONTO ECONOMICO 5% 3% 3% 3% RICAVI NETTI 55,600 56,990 59,840 61,635 63,484 65,388 COSTI OPERATIVI Costi per il personale (12,000) (12,500) (12,750) (13,005) (13,265) (13,530) Ammortamenti (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) Ammortamento avviamento Ammortamenti immobilizzazioni immateriali (0,200) (0,200) (0,200) (0,200) (0,200) (0,200) Ammortamento immobilizzazioni materiali (0,100) (0,100) (0,100) (0,100) (0,100) (0,100) Altri costi operativi (39,600) (39,700) (38,454) (39,223) (40,008) (40,608) Totale costi operativi (51,900) (52,500) (51,504) (52,528) (53,573) (54,438) REDDITO OPERATIVO (EBIT) 3,700 4,490 8,336 9,107 9,911 10,950 Proventi (oneri) finanziari netti (0,192) (0,262) (0,200) (0,200) (0,200) (0,200) Altri proventi (oneri) non operativi REDDITO ANTE IMPOSTE 3,508 4,228 8,136 8,907 9,711 10,750 Imposta sul reddito ante-imposte (0,993) (1,197) (2,311) (2,530) (2,759) (3,054) Imposta su EBIT più costo del personale (0,430) (0,450) (0,584) (0,612) (0,642) (0,678) Imposte sul reddito (1,423) (1,647) (2,895) (3,143) (3,401) (3,732) REDDITO NETTO 2,085 2,581 5,240 5,764 6,310 7,018 16

17 XYZ Stato Patrimoniale Preconsuntivo BUDGET Previsione Previsione Previsione Previsione Importi in Milioni di Euro STATO PATRIMONIALE IMMOBILIZZAZIONI NETTE Immobilizzazioni finanziarie 0,585 0,467 0,467 0,467 0,467 0,467 Avviamento 9,300 9,300 9,300 9,300 9,300 9,300 Immobilizzazioni immateriali nette 0,700 0,700 0,700 0,700 0,700 Immobilizzazioni materiali nette 0,729 0,547 0,547 0,547 0,547 0,547 Totale Immobilizzazioni nette 10,614 11,014 11,014 11,014 11,014 11,014 CAPITALE CIRCOLANTE NETTO Crediti verso clienti netti 22,070 20,000 19,475 19,774 20,082 20,400 Altri crediti 3,492 2,681 3,000 3,000 3,000 3,000 Magazzino 1,891 1,867 1,900 1,900 1,900 1,900 Debiti verso fornitori (19,800) (17,400) (16,777) (17,162) (17,554) (17,854) Altri debiti (6,900) (6,200) (6,500) (6,500) (6,500) (6,500) Totale CCN 0,753 0,948 1,098 1,012 0,928 0,946 FONDI Fondi relativi al personale (2,700) (2,700) (2,700) (2,700) (2,700) (2,700) Altri fondi (0,200) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) Totale fondi (2,900) (3,000) (3,000) (3,000) (3,000) (3,000) TOTALE IMPIEGHI 8,467 8,962 9,112 9,026 8,942 8,960 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA (*) (8,900) (9,038) (8,908) (9,006) (9,103) (9,099) PATRIMONIO NETTO 17,367 18,000 18,000 18,000 18,000 18,000 TOTALE FONTI 8,467 8,962 9,092 8,994 8,897 8,901 XYZ Flussi di cassa Importi in Milioni di Euro Budget Previsione Previsione Previsione Previsione CALCOLO DEI FREE CASH FLOW Reddito operativo (EBIT) escluso ammortamento avviamento 4,490 8,336 9,107 9,911 10,950 Imposte sul reddito operativo (EBIT) (1,721) (2,952) (3,200) (3,458) (3,789) NOPLAT 2,769 5,383 5,907 6,453 7,161 Ammortamenti immobilizzazioni 0,300 0,300 0,300 0,300 0,300 Gross cash flow 3,069 5,683 6,207 6,753 7,461 Diminuzione (aumento) del capitale circolante netto (0,195) (0,150) 0,085 0,084 (0,017) Investimenti in immobilizzazioni (0,700) (0,300) (0,300) (0,300) (0,300) Variazione altre attività operative nette 0, Investimento lordo (0,795) (0,450) (0,215) (0,216) (0,317) Free cash flow 2,275 5,233 5,992 6,537 7,

18 XYZ - Calcoli di attualizzazione ATTUALIZZAZIONE DEI FLUSSI DI PREVISIONE ESPLICITA Free cash Fattore Valore Anno Flow di sconto attuale ,275 0,933 2, ,233 0,870 4, ,992 0,812 4, ,537 0,757 4, ,144 0,707 5,048 Totale valore attuale dei flussi di previsione esplicita 21,541 CALCOLO DEL VALORE RESIDUO VALORE TERMINALE A DURATA FINITA - 1 STADIO Flusso Fattore Valore Anno NOPLAT di sconto attuale ,161 0,933 6, ,161 0,870 6, ,161 0,812 5, ,161 0,757 5, ,161 0,707 5, ,161 0,659 4, ,161 0,615 4, ,161 0,574 4, ,161 0,535 3, ,161 0,499 3, ,161 0,466 3, ,161 0,435 3, ,161 0,405 2, ,161 0,378 2, ,161 0,353 2,526 Valore terminale al ,430 XYZ - Calcoli di attualizzazione ATTUALIZZAZIONE DEL VALORE TERMINALE Valore Fattore Valore Anno terminale di sconto attuale ,430 0,707 45,526 Totale valore attuale del valore terminale (valore residuo) 45,526 CALCOLO DEL VALUE OPERATIVO Inc. % Valore Totale valore attuale dei flussi di previsione esplicita 32,1% 21,541 Totale valore attuale del valore terminale (valore residuo) 67,9% 45,526 Totale valore operativo 100,0% 67,067 18

19 XYZ - Conclusioni (importi in milioni di Euro) CAPITALE INVESTITO NETTO al 31_12_2010 8,467 AVVIAMENTI DI CONSOLIDATO 40,000 TOTALE ASSET OGGETTO DI IMPAIRMENT 48,467 ENTERPRISE VALUE 67,067 ENTERPRISE VALUE - TOTALE ASSETS OGGETTO DI IMPAIRMENT 18,600 IMPAIRMENT TEST SUPERATO XYZ Analisi di sensitività Analisi di sensitività: enterprise value WACC 67,067 6,19% 6,69% 7,19% 7,69% 8,19% -1,0% 69,711 66,835 64,129 61,581 59,180-0,5% 71,356 68,372 65,567 62,927 60,441 g 0,0% 73,072 69,976 67,067 64,330 61,754 0,5% 74,862 71,649 68,630 65,793 63,123 1,0% 76,731 73,394 70,261 67,318 64,550 Analisi di sensitività: plusvalori (minusvalori) WACC 18,600 6,19% 6,69% 7,19% 7,69% 8,19% -1% 21,244 18,368 15,662 13,114 10,713-1% 22,889 19,905 17,100 14,460 11,974 g 0% 24,605 21,509 18,600 15,863 13,287 1% 26,395 23,182 20,163 17,326 14,656 1% 28,264 24,927 21,794 18,851 16,

20 β α XYZ - Parametri DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL CAPITALE PROPRIO rf Tasso di rendimento di attività prive di rischio (risk free rate ); rm - rf Premio per il rischio di mercato (market premium ) Beta applicabile Premio per il rischio aggiuntivo Costo del capitale proprio 9,05% DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL CAPITALE DI TERZI Aliquota fiscale 27,5% Costo del debito 4,79% Costo del capitale di terzi, al netto dell'effetto fiscale 3,47% DETERMINAZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Debt/Equity ratio 0,50 Peso del capitale proprio 66,67% Peso dei debiti onerosi 33,33% DETERMINAZIONE DEL COSTO MEDIO PONDERATO DEL CAPITALE Costo del capitale proprio 9,05% % peso del capitale proprio 66,67% Costo del debito 3,47% % peso del debito 33,33% WACC (post-tax) 7,19% XYZ Altri Parametri DATA DI RIFERIMENTO DELLA VALUTAZIONE Giorno gg 31 Mese mm 12 Anno aaaa /12/2010 PERIODO DI ESTENSIONE DEL PIANO Selezionare il numero di anni di Piano (da 3 a 10) CALCOLO DEL VALORE RESIDUO: PERIODO DI ESTENSIONE Valore residuo a durata (finita/infinita) e numero di stadi (1 o 2) Infinita - 1 stadio finita Infinita - 12 stadi Finita - 1 stadio Finita - 2 stadi Se valore residuo a durata finita, indicare il numero di anni (fino a 30) 15 CALCOLO DEL VALORE RESIDUO: PROIEZIONE DEI FLUSSI FINANZIARI Valore da utilizzare per le proiezioni (EBIT / FCF) EBIT EBIT FCF Tasso di crescita g 0,0% Modalità di valutazione (senza imposte / con imposte) senza imposte con con imposte ALIQUOTE FISCALI Imposta sul reddito ante-imposte (IRES in Italia) 28,46% Imposta su EBIT più costo del personale (IRAP in Italia) 2,75% 20

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Guida alla Valutazione. Listing Guides

Guida alla Valutazione. Listing Guides Guida alla Valutazione Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Aprile 2004): Mario Massari (Università L. Bocconi - Milano) BORSA ITALIANA (Nunzio Visciano, Massimiliano Lagreca) GOLDMAN SACHS INTERNATIONAL

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente e Amministratore Delegato ING. ALDO FUMAGALLI ROMARIO Vice Presidente e Amministratore

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Fincantieri. Accelera sulle navi da crociera. 19 novembre 2014. Nota societaria. Inizio di copertura. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche

Fincantieri. Accelera sulle navi da crociera. 19 novembre 2014. Nota societaria. Inizio di copertura. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche Accelera sulle navi da crociera Fincantieri è il più grande gruppo cantieristico occidentale e il quarto al mondo per dimensioni. Il Gruppo è presente con 21 cantieri navali e impianti produttivi in 13

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli