Relazione attività svolta dal 2009 al 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione attività svolta dal 2009 al 2013"

Transcript

1 % - 2 ( 3-4 Attività di vigilanza sugli organismi di controllo autorizzati per le produzioni biologiche e attivi in Regione Lazio affidata ad ARSIAL con L.R. 21/98 Norme per l agricoltura biologica. Relazione attività svolta dal 2009 al 2013 LE BASI NORMATIVE L attività è affidata ad ARSIAL dalla legge regionale 30 giugno 1998 n. 21 Norme per l agricoltura biologica che all art. 5 comma 2 riporta L' A.R.S.I.A.L. attua altresì la vigilanza sugli organismi di controllo autorizzati di cui all'articolo 11, comma 1. L articolo 11 prescrive: 1. Le Associazioni o i singoli produttori affidano l'espletamento dei controlli ad organismi privati autorizzati, secondo le modalità previste dal Decreto legislativo 17 marzo 1995, n La Regione, attraverso funzionari dell'a.r.s.i.a.l. e dei Settori decentrati, può disporre ispezioni e controlli a campione sulle aziende biologiche in misura non inferiore al cinque per cento delle aziende. 3. I titolari delle aziende devono consentire ai funzionari di cui al comma 2 incaricati delle ispezioni e dei controlli, il libero accesso all'azienda, agli impianti ed agli uffici, ed il prelevamento dei campioni; devono fornire, altresì, le informazioni richieste e offrire collaborazione per l'adempimento degli obblighi previsti dalle norme comunitarie e statali. Le modalità di svolgimento dell attività, dal 1999, sono regolamentate da un manuale di qualità con relative procedure adottato in ultima revisione con deliberazione n. 196/CD dell 8 maggio 2001 e redatto secondo le norme di qualità EN Criteri generali degli organismi di valutazione e certificazione dei sistemi qualità, in coerenza con quanto previsto dalla normativa comunitaria per gli OdC di essere conformi e accreditati alla norma EN Requisiti generali relativi agli organismi che gestiscono sistemi di certificazione di prodotto. L obiettivo della sorveglianza è quello di tenere sotto controllo l attività degli OdC e, sulla base dei risultati delle verifiche indirette svolte presso gli operatori e delle verifiche dirette realizzate presso le strutture di riferimento regionali, nei casi di rilievo di Non Conformità (NC) vengono formulate Richieste di Azione Correttiva (RAC) finalizzate al miglioramento del sistema di controllo adottato dall OdC. Nel caso l attività di vigilanza rilevi NC che possono avere rilevanza per le attività di competenza di altre autorità ufficiali di controllo, ARSIAL provvede ad informare direttamente gli enti competenti. L Agenzia per avviare tale attività ha programmato una fase iniziale di formazione del personale che è andato a costituire il Nucleo di Vigilanza, successivamente, sono stati fatti corsi di aggiornamento e/o formazione di nuovo personale. Tuttavia, il personale non ha qualifica di UPG. I componenti del Nucleo di Vigilanza sono variati nel tempo sia per numero complessivo sia per qualifica ed esperienza. Dal 2009 il gruppo è composto da circa 12/14 persone, di cui 10 tecnici e 4, di questi, con contratti vari a tempo determinato. Tutto il personale è dedicato a tale attività per un tempo variabile di circa 30 gg/anno per i tecnici che effettuano prevalentemente verifiche c/o operatori, al 40% circa del tempo di lavoro per il responsabile dell attività. Dal 2010, con nota del 22/11/2010 la Direzione Regionale Agricoltura comunica all Ufficio periferico di Roma dell Ispettorato Centrale per la Qualità e Repressione delle Frodi del MiPAAF, gli orientamenti dell Amministrazione regionale in merito all attività di vigilanza sulle strutture autorizzate al controllo e certificazione delle produzioni di qualità regolamentata, nelle more di una %&'()&* (+,++-.-/ 0+1!!"#$!"#$

2 prossima organizzazione di una struttura all uopo dedicata da parte della Regione Lazio. La Direzione Regionale, nella suddetta nota riporta le seguenti indicazioni per una temporanea condivisione delle attività di vigilanza tra Regione Lazio e ICQRF di Roma: - affidamento ad ARSIAL delle verifiche ispettive presso gli operatori campionati dall ICQRF, considerando le funzioni già attribuite dall Agenzia ai sensi della LR 21/98; - autorizzare ARSIAL a rappresentare all ICQRF-Roma le risultanze dell attività di vigilanza svolta presso gli operatori; - poter richiedere all ICQRF le risultanze dell attività di verifica ispettiva presso le sedi degli OdC, al fine di avere riscontro rispetto a quanto rilevato a livello territoriale. Dal 2011, l attività viene programmata secondo le indicazioni espresse dalla Direzione Regionale Agricoltura con nota n del 26/7/2011, nella quale si dava mandato all Agenzia di effettuare un programma triennale di attività che portasse a realizzare almeno il 5% di verifiche c/o operatori iscritti all Albo Regionale e una verifica diretta per OdC nel triennio. Dal 2012, l Agenzia approva un programma di attività con l aggiornamento della modulistica da adottare nel corso delle verifiche e eventuali istruzioni operative di dettaglio si rendano necessarie per gli aggiornamenti normativi intervenuti. Inoltre, con nota del 20/11/2013 dell ICQRF Ufficio Pref2, indirizzata ai componenti del Comitato Nazionale di Vigilanza, è stato inviato un preliminare programma nazionale di vigilanza per l anno 2014, redatto su base unilaterale, richiedendo alle Regioni di dichiarare le attività che svolgeranno, sulla base di accordi esistenti o in corso di definizione ovvero sulla base di autonome scelte. In allegato alla presente relazione viene riportato sinteticamente il procedimento adottato nella esecuzione dell attività di sorveglianza secondo le procedure in essere. (All. 1) RIEPILOGO ATTIVITÁ SVOLTA Nel triennio di riferimento sono state effettuate complessivamente 143 verifiche dirette presso operatori biologici, pari a circa il 5% degli operatori presenti in Albo. Inoltre sono stati prelevati 29 campioni di prodotti e/o mezzi tecnici di cui 3 con presenza di principi attivi non ammessi nella coltivazione, con un incidenza del 10% sul totale dei campioni. Per quanto riguarda le verifiche dirette sull attività svolta dagli OdC in ambito regionale, considerando il periodo , sono state effettuate 8 verifiche su 10 OdC attivi in Regione, dando prevalenza agli OdC con il maggior numero di operatori iscritti in Albo. In ogni caso, nel triennio di riferimento sono state effettuate 5 verifiche dirette su ODC che controllano circa il 50% degli operatori iscritti in Albo. In allegato si riportano i prospetti riepilogativi dell'attività svolta dal 2009 al 2013 (All. 2-4), dove sono rappresentate le verifiche programmate e realizzate presso operatori biologici per OdC e provincia, il numero di rilievi riscontrati, i campionamenti effettuati, le verifiche dirette sulle strutture degli OdC, e le RAC contestate e trattate per OdC. L allegato 5 riporta il riepilogo complessivo dell attività svolta dal 1999 ad oggi. Relativamente alle verifiche indirette effettuate sulla base delle segnalazioni fatte dall'icqrf di Roma si allega un prospetto dettagliato di tutte le verifiche fatte che riporta tempi ed esiti delle verifiche e delle comunicazioni intercorse (All. 6 OMISSIS). Dal 2010, le aziende segnalate dall ICQRF sono state inserite nel programma di attività che veniva predisposto successivamente al 2

3 loro arrivo; le aziende segnalate nel 2011 (34), tranne quelle verificate nell anno precedente o già programmate, sono state inserite nel programma 2012, approvato ad aprile 2012, avviato a ottobre e concluso ad ottobre 2013, delle segnalazioni 2011 devono essere eseguite 11 verifiche, che insieme alle segnalazioni 2012 (19) e 2013 (8) sono tutte inserite nel programma 2014 (130 operatori). Su tale ritardo nello svolgimento dell attività di sorveglianza, oltre alla necessità per ARSIAL di applicare la propria procedura di estrazione degli operatori, legata alla avvenuta pubblicazione dell Albo Regionale, ha inciso anche il fatto che alcuni operatori estratti da ICQRF preso le sedi nazionali degli OdC non risultavano presenti in Albo perché notificati e assoggettati a controllo nell anno di esecuzione della verifica dell ICQRF, pertanto non presenti nell Albo regionale 2010 di riferimento per il Programma AZIONI DI MIGLIORAMENTO e PROGRAMMA 2014 Per l attività 2014, si è ritenuto opportuno introdurre i seguenti adeguamenti: - l attività trasferita dall ICQRF verrà inserita tempestivamente nel corso dell attività annuale, con l obiettivo di comunicarne gli esiti entro l anno solare; - le verifiche indirette verranno condotte previa richiesta all OdC, circa 15 gg prima dell esecuzione della verifica, delle relazioni di ispezione ed eventuale documentazione aggiuntiva si ritenga necessario acquisire; - circa il 10% delle verifiche indirette presso operatori biologici controllati verranno effettuate in affiancamento all Organismo di Controllo; - le verifiche dirette presso le strutture degli OdC, soprattutto nel caso in cui questi non abbiano sede autonoma in Regione Lazio, verranno effettuate in coordinamento con l attività di vigilanza nazionale. Si allegano prospetti riepilogativi del programma 2014 in corso di formale approvazione (All. 7-8) Rettifica del 21/3/2014 Redatto da: d.ssa Sandra Di Ferdinando PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull utilizzo di OGM 06/ Fax: 06/

4 % - 2 ( 3-4 Attività di vigilanza sugli organismi di controllo autorizzati per le produzioni biologiche e attivi in Regione Lazio affidata ad ARSIAL con L.R. 21/98 Norme per l agricoltura biologica. IL PROCEDIMENTO ADOTTATO L attività viene svolta secondo le seguenti fasi: 1) Estrazione del campione di operatori da sottoporre a vigilanza Il campione di operatori viene estratto effettuando una valutazione del rischio delle aziende, secondo criteri diversi che possono essere selezionati a seconda delle criticità rilevate nel corso della sorveglianza. L estrazione viene fatta, attraverso una procedura automatizzata presente nel programma di gestione delle notifiche degli operatori, BIO BANK OPEN Project, che la Regione Lazio adotta per la redazione dell Albo degli operatori. Per ogni programma, viene effettuata l estrazione sugli operatori iscritti nell ultimo Albo Regionale pubblicato. Pertanto, sino ad ora, nella migliore delle ipotesi un programma di attività da realizzarsi nel 2014 poteva essere realizzato sulla base di una estrazione relativa agli operatori in Albo al 31/12/2012 disponibile nella seconda metà del I criteri per la valutazione del rischio per l estrazione delle aziende sono stati aggiornati negli anni in funzione delle risultanze dell attività di vigilanza. I parametri ritenuti a rischio, per le diverse categorie, sono stati i seguenti: - presenza di sanzioni dell OdC e/o segnalazioni da parte di terzi; - tipologia di operatore (es. op. misto o in conversione); - tipologia di attività svolta (es. produttori zootecnici o con attività di preparazione); - orientamenti colturali (es. colture ortofrutticole, vite, etc). In ogni caso, nella predisposizione del programma si rispetta la proporzionalità degli operatori estratti su quelli assoggettati a controllo sia a livello territoriale che tra i diversi organismi. Eventuali scostamenti sono dovuti agli operatori sanzionati dall OdC o segnalati da altre autorità di controllo. Una volta completato il programma delle verifiche, con il periodo opportuno di verifica e il piano di campionamento, si procede all approvazione formale del programma di attività. Successivamente, si comunica agli OdC l avvio del procedimento amministrativo e le modalità di svolgimento. La disponibilità dell Albo Regionale a luglio/settembre dell anno successivo a cui fa riferimento, vincola a predisporre entro novembre un programma di attività per l anno successivo con operatori estratti dall Albo al 31/12 dell anno precedente, escludendo di fatto gli operatori entrati nel sistema nell anno in corso. Tale criticità sarà risolta nel momento in cui entrerà a regime l Albo Nazionale in tempo reale e lo scambio di informazioni tra portale SIB e portale regionale realizzato su piattaforma BIO BANK OPEN Project. 2) Vigilanza presso gli operatori La vigilanza presso gli operatori viene avviata informando l operatore e l OdC, con circa 3/5 gg di anticipo, con una comunicazione mail/fax/telegramma. L esecuzione della visita è condotta con idonee check-list e i risultati vengono riportati in un verbale di visita ispettiva presso operatore, dove vengono descritti i rilievi riscontrati in azienda e alcune informazioni relative alla documentazione aziendale consultata. Nel caso i tecnici abbiano effettuato un campionamento di prodotti e/o mezzi tecnici verrà compilato un modulo di prelievo campioni che descrive gli stessi e riporta le indicazioni di rito in %&'()&* (+,++-.-/ 0+1!!"#$!"#$

5 caso di campionamento. Tutta la documentazione è controfirmata dall operatore o suo delegato presente alla visita. I campioni raccolti vengono riposti in giornata nei congelatori o consegnati ai laboratori per le indagini analitiche che vengono richieste con apposita scheda richiesta analisi. In caso vengano accertate positività si procede alla comunicazione di quanto rilevato all operatore, per garantire il diritto ad effettuare la revisione di analisi, alla Regione Lazio per avviare le procedure di recupero di eventuali premi indebitamente percepiti e all OdC per procedere al trattamento della NC ed, eventualmente, adottare i provvedimenti sull operatore previsti dalla normativa. In tali casi la comunicazione della NC è effettuata entro max 15 gg dalla ricezione del rapporto di analisi positivo e, vengono concessi 15 gg per la richiesta di revisione di analisi, trascorso il quale la NC deve essere considerata accettata dall operatore e, di conseguenza trattata dall OdC e dalle AC coinvolte. 3) Vigilanza presso le sedi degli OdC La vigilanza effettuata presso gli operatori viene rappresentata agli OdC con il Rapporto periodico verifiche ispettive presso operatori, prima di procedere alla verifica presso la struttura competente per l attività di controllo svolta in ambito regionale. Tale rapporto serve direttamente alla svolgimento della visita ispettiva presso le sedi degli OdC, dove viene verificata l effettiva sussistenza dei rilievi riscontrati nelle aziende e, a seconda della maggiore o minore sistematicità delle non conformità, vengono formulati rilievi riepilogativi direttamente contestati agli OdC. In sede di visita ispettiva diretta sull OdC vengono verificati anche altri aspetti dell attività di controllo effettuata sempre attraverso l ausilio di idonee chek-list. A chiusura della visita viene compilato un verbale di visita, controfirmato dal responsabile regionale e/o dal responsabile del controllo e/o della qualità per l OdC. Successivamente verranno classificati i rilievi formulati e, in funzione della loro gravità verranno emesse richieste di azione correttiva (RAC) o semplici Osservazioni, tutto viene riportato in un Rapporto di visita inviato all OdC. L OdC dovrà presentare le AC che verranno valutate dal responsabile del Nucleo di vigilanza per la loro accettazione e successivamente verificate nella loro attuazione. 4) Analisi e rappresentazione dell attività di vigilanza A chiusura dell attività di vigilanza vengono elaborati report conclusivi relativamente sia alla fase presso gli operatori che presso le sedi degli OdC, con l obiettivo di adeguare la successiva attività ai punti critici individuati. Redatto da: d.ssa Sandra Di Ferdinando PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull utilizzo di OGM 06/ Fax: 06/

6 Riepilogo attività di vigilanza su OdC autorizzati in agricoltura biologica e attivi in Regione Lazio Attività Allegato 2 Estrazione Albo ORGANISMO DI CONTROLLO ATTIVI IN REGIONE LAZIO Numero operatori a controllo degli OdC di riferimento per estrazione campione (2010) presso operatori (numero) presso operatori (%) Visite ispettive effettuate presso operatori o documentali provincia provincia provincia Totale Totale FR LT RI RM VT Totale FR LT RI RM VT FR LT RI RM VT FR LT RI RM VT Totale ITBIO002 CODEX % 6% 0% 13% 8% ITBIO003 IMC % 10% 4% 5% 4% 5% ITBIO004 SUOLO E SALUTE % 3% 3% 2% 5% 4% ITBIO005 BIOS % 6% 5% 5% ITBIO006 ICEA % 12% 4% 3% 2% 4% ITBIO007 BIOAGRICERT % 19% 2% 4% 3% 5% ITBIO008 ECOCERT % 100% 17% 6% 15% ITBIO009 CCPB % 9% 25% 4% 2% 5% ITBIO010 BIOZOO % 100% ITBIO012 SIDEL % 5% 0% 7% ITBIO013 ABCert % 0% ITBIO014 Qcertificazioni % 0% 17% 9% 19% 13% TOTALI DATI Albo Regionale % 8% 4% 5% 3% 5% % 76% 79% 67% 83% 78% NOTE: L'attività è stata approvata a marzo 2012 ed è stata assegnata al Nucleo di vigilanza a settembre Le verifiche presso operatori si sono svolte tra novembre e 2012 e ottobre L'unica verifica diretta presso la sede di un OdC si è svolta a novembre Estrazione operatori effettuata con il criterio della proporzionalità per OdC e PR oltre alla selezione di tutti gli operatori segnalati da altre autorità competenti in materia di vigilanza o che hanno ricevuto provvedimenti sanzionatori superiori alla diffida da parte degli OdC. Tra gli operatori a controllo degli OdC sono stati inclusi solo quelli con sedi operative nella Regione Lazio. La differenza tra il numero di operatori riportato per OdC e quelli iscritti in Albo può essere dovuta alle diverse modalità di conteggio di quegli operatori con più sedi operative aziendale. ARSIAL - Unità Vigilanza PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull'utilizzo di OGM d.ssa Sandra Di Ferdinando 1/2 26/02/2014

7 Riepilogo attività di vigilanza su OdC autorizzati in agricoltura biologica e attivi in Regione Lazio Attività Estrazione Albo Codice OdC Rilievi contestati agli ODC in sede di VI presso operatori Rilievi per provincia N. Ril Campioni x provincia % su tot. Campionamenti effettuati presso operatori Campionamenti x matrice Positiv ità Totale FR LT RI RM VT x VI FR LT RI RM VT Tot. Veg. Anim.Mang. Fert. Tot. Rilievi RAC Verifiche dirette su OdC AC AC chiuse % OB OdC / OB TOT ITBIO % 0, ITBIO % 0, ITBIO % 0, ITBIO % 0, ITBIO % 0, ITBIO % 0, ITBIO % 0, rinviata ITBIO % 1, ITBIO % 0, ITBIO % 0, % ITBIO % ITBIO % 1, rinviata TOTALI , % 24% 11% 9% 38% 18% 22% 22% 0% 44% 11% 83% 6% 0% 11% 11% NOTE: Le verifiche presso le strutture di competenza regionale degli organismi di controllo programmate nel 2012 che non è stato possibile effettuare sono state rinviate alla programmazione ARSIAL - Unità Vigilanza PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull'utilizzo di OGM d.ssa Sandra Di Ferdinando 2/2 26/02/2014

8 Riepilogo attività di vigilanza su OdC autorizzati in agricoltura biologica e attivi in Regione Lazio Attività Allegato 3 Estrazione Albo 2008 ORGANISMO DI CONTROLLO ATTIVI IN REGIONE LAZIO Numero operatori regionali di riferimento per estrazione campione (2008) presso operatori (numero) presso operatori (%) Visite ispettive effettuate presso operatori FR LT RI RM VT Totale FR LT RI RM VT FR LT RI RM VT FR LT RI RM VT ITBIO002 CODEX % 9% 2% 7% 0% 6% ITBIO003 IMC % 10% 6% 7% 5% 6% ITBIO004 SUOLO E SALUTE % 5% 5% 8% 5% 6% ITBIO005 BIOS % 13% 4% 6% ITBIO006 ICEA % 6% 2% 4% 6% 5% ITBIO007 BIOAGRICERT % 5% 5% 10% 5% 6% ITBIO008 ECOCERT % 0% 100% 0% 13% 9% ITBIO009 CCPB % 10% 0% 5% 1% 4% ITBIO010 BIOZOO % 100% ITBIO012 SIDEL % 17% 15% ITBIO014 QC&I % 0% 7% 9% 0% 7% TOTALI % 5% 5% 7% 5% 5% Note: Estrazione effettuata con i criteri: 5% proporzionale per OdC e per PR 100% 100% 95% 97% 93% 96% ARSIAL - Unità di vigilanza PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull'utilizzo di OGM d.ssa Sandra Di Ferdinando 1/2 26/02/2014

9 Riepilogo attività di vigilanza su OdC autorizzati in agricoltura biologica e attivi in Regione Lazio Attività Estrazione Albo 2008 Codice OdC Rilievi contestati agli ODC in sede di VI presso operatori Rilievi per % su tot. N. Ril x VI Campioni per provincia Campionamenti effettuati presso operatori Campionamenti x matrice Positiv ità FR LT RI RM VT FR LT RI RM VT Tot. Veg. Anim.Mang. Fert. Tot. Rilievi Verifiche dirette su OdC RAC AC % OB OdC / OB TOT ITBIO % 0, % ITBIO % 1, % ITBIO % 1, % ITBIO % 0, ITBIO % 0, ITBIO % 0, ITBIO % 1, ITBIO % 1, % ITBIO % 0, ITBIO % 0, ITBIO % 0, Totali , % 15% 11% 28% 35% 11% 4% 16% 27% 24% 29% 94% 2% 2% 2% 4% ARSIAL - Unità di vigilanza PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull'utilizzo di OGM d.ssa Sandra Di Ferdinando 2/2 26/02/2014

10 Riepilogo attività di vigilanza su OdC autorizzati in agricoltura biologica e operanti in Regione Lazio Attività Allegato 4 Estrazione Albo 2007 ORGANISMO DI CONTROLLO OPERANTE IN REGIONE LAZIO Numero operatori regionali di riferimento per estrazione campione (2007) presso operatori (numero) presso operatori (%) Visite ispettive effettuate presso operatori FR LT RI RM VT Totale FR LT RI RM VT FR LT RI RM VT FR LT RI RM VT SUOLO E SALUTE % 1% 5% 3% 1% 2% BIOAGRICERT % 7% 4% 0% 2% 3% BIOS % 0% 1% 1% CODEX % 15% 4% 3% 0% 6% CCPB % 0% 0% 5% 26% 15% ECOCERT % 13% 0% 0% 9% 8% ICEA % 0% 1% 3% 2% 2% IMC % 0% 1% 10% 2% 3% QC&I % 0% 0% 0% 20% 6% SIDEL (**) % - - 0% - 0% Note: TOTALI % 3% 2% 4% 3% 3% Estrazione effettuata con i criteri: 100% sanzionati e segnalati, 100% con rapporto UBA/ha>2, con aggiunta del 40% degli operatori a controllo AGEA x l'annualità 2007 programmazione PSR (**) OdC per i quali l'estrazione del campione di operatori ARSIAL vincolata al Campione AGEA non ha selezionato nessun operatore ARSIAL - Unità di vigilanza PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull'utilizzo di OGM d.ssa Sandra Di Ferdinando 1/2 26/02/2014

11 Riepilogo attività di vigilanza su OdC autorizzati in agricoltura biologica e operanti in Regione Lazio Attività Estrazione Albo 2007 ORGANISMO DI CONTROLLO OPERANTE IN REGIONE LAZIO Rilievi contestati agli ODC in sede di VI presso operatori Rilievi per Campioni per provincia Campionamenti effettuati presso operatori Campionamenti x matrice Positivi tà FR LT RI RM VT FR LT RI RM VT Veg. Anim.Mang. Fert. Tot. Verifiche dirette su OdC Rilievi RAC AC acc. % OB OdC / OB TOT SUOLO E SALUTE % BIOAGRICERT % BIOS % CODEX V % CCPB % ECOCERT % ICEA M % IMC % QC&I % SIDEL (**) % Note: TOTALI % (**) OdC per i quali l'estrazione del campione di operatori ARSIAL vincolata al Campione AGEA non ha selezionato nessun operatore ARSIAL - Unità di vigilanza PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull'utilizzo di OGM d.ssa Sandra Di Ferdinando 2/2 26/02/2014

12 Riepilogo attività di vigilanza su OdC autorizzati per le produzioni biologiche e attivi in Regione Lazio Programma attività 2014 Allegato 7 - Relazione Estrazione Albo ORGANISMO DI CONTROLLO OPERANTE IN REGIONE LAZIO Numero operatori regionali di riferimento per estrazione campione (2012) presso operatori provincia Totale presso operatori (%) FR LT RI RM VT Totale FR LT RI RM VT FR LT RI RM VT ITBIO002 CODEX % ITBIO003 IMC % ITBIO004 SUOLO E SALUTE % ITBIO005 BIOS % ITBIO006 ICEA % ITBIO007 BIOAGRICERT % ITBIO008 ECOGRUPPOITALIA % ITBIO009 CCPB % ITBIO010 BIOZOO ITBIO012 SIDEL % ITBIO013 ABCert % ITBIO014 Qcertificazioni % ITBIO015 Valoritalia TOTALI % 6% 3% 5% 4% 4% Totale operatori da Albo Reg.le Note: I dati relativi al totale degli operatori biologici per OdC, sono desunti dalle comunicazioni effettuate dagli stessi OdC, quelli per PR sono invece determinati dall'albo Regionale degli operatori biologici della Regione Lazio. L'estrazione degli operatori è stata effettuata, selezionando tutti gli operatori segnalati da altre autorità competenti in materia di sorveglianza e tutti gli operatori per i quali sono state rilevate infrazioni dagli OdC. Rispetto al totale degli operatori estratti dalla procedura automatizzata, sono stati eliminati gli operatori già oggetto di vigilanza da parte di ARSIAL nell'ultimo triennio. d.ssa Sandra Di Ferdinando PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull'utilizzo di OGM 1/1 26/02/2014

13 Allegato 8 - Relazione ARSIAL Unità Vigilanza Vigilanza sugli Organismi di Controllo autorizzati per l'agricoltura biologica e operanti in Regione Lazio Riepilogo del programma delle verifiche per OdC Attività ANNO 2014 Estrazione operatori Albo 2011 e Albo 2012 AGGIORNAMENTO del 10/02/2014 OdC e sede di riferimento Riepilogo verifiche dirette e indirette anni precedenti Programma attività Monitoraggio attività PR Ultima verifica effettuata da ARSIAL N.Rilievi RAC aperte RAC chiuse Verifiche OB successive all'ultima verifica OdC N. Rilievi OB RAC aperte RAC chiuse N. Campioni RAC aperte RAC chiuse N. VI c/o OB N. campioni N. verifiche operatori in affiancamento all'odc Verifica dirette OdC (% OB controllati) Denominazione COMUNE Sede regionale Data VI prevista Data VI conclusa NOTE (Sospensioni/Revoche, segnalazioni da terzi - VI in collaborazione con altre AC) OdC attivo nel Lazio CODICE identificativo dell'odc N.operatori biologici (OB) controllati (2012) SI ITBIO CODEX srl Scordia CT 28/10/ * * SI ITBIO IMC - ISTITUTO MEDITERRANEO di CERTIFICAZIONE srl Aprilia LT 21/12/ * * VI 2011 in affiancamento con DNV per aggiornamento interno VI 2011 in affiancamento con DNV per aggiornamento interno SI ITBIO SUOLO e SALUTE srl Latina LT 09/08/ * * SI ott-nov 2014 VI 2011 in affiancamento con DNV per aggiornamento interno SI ITBIO BIOS srl Vetralla VT 30/07/ * * SI ITBIO ICEA - ISTITUTO di CERTIFICAZIONE ETICA e AMBIENTALE Zagarolo RM 04/09/ * * SI ITBIO BIOAGRICERT srl Viterbo VT 24/06/ SI ITBIO ECOGRUPPO ITALIA srl LATINA LT SI apr-mag 2014 SI ITBIO CCPB - CONSORZIO CONTROLLO PRODUTTORI BIOLOGICI srl Bologna BO 26/05/ * * NO ITBIO010 0 BIOZOO srl Sassari SS SI ITBIO SIDEL srl Monte Compatri RM 25/11/ * RAC inviate a GEN/2014 NO ITBIO013 1 ABCert srl Terlano BZ SI ITBIO QCertificazioni srl Monteriggioni SI SI mag-giu 2014 NO ITBIO015 0 VALORITALIA Roma RM Totale operatori a controllo OdC 3155 TOTALI 97% % 0 0 d.ssa Sandra Di Ferdinando PL Vigilanza produzioni regolamentate e sull'utilizzo di OGM 1/1 26/02/2014

Convegno. Bologna, 9 settembre 2013 SANA, 25 Salone Internazionale del Biologico e del Naturale

Convegno. Bologna, 9 settembre 2013 SANA, 25 Salone Internazionale del Biologico e del Naturale Convegno La riforma del sistema di certificazione del biologico tra cambiamenti e attese The reform of the certification system of the organic sector between changes and expectations Bologna, 9 settembre

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI (PREF) allegato A Linea di attività Ufficio responsabile dell'attuazione Prodotto Indicatori di Prodotto Obiettivo Individuazione e implementazione di modelli per l analisi e la gestione del rischio di

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 18096 del 26 settembre 2014 Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo nei confronti degli operatori del settore della produzione

Dettagli

LA COLLABORAZIONE TRA IL MIPAAF ED I CONSORZI DI TUTELA DEI VINI A DOP e IGP NELLA LOTTA CONTRO L USURPAZIONE DEI MARCHI E LA CONTRAFFAZIONE

LA COLLABORAZIONE TRA IL MIPAAF ED I CONSORZI DI TUTELA DEI VINI A DOP e IGP NELLA LOTTA CONTRO L USURPAZIONE DEI MARCHI E LA CONTRAFFAZIONE LA COLLABORAZIONE TRA IL MIPAAF ED I CONSORZI DI TUTELA DEI VINI A DOP e IGP NELLA LOTTA CONTRO L USURPAZIONE DEI MARCHI E LA CONTRAFFAZIONE 1 INTRODUZIONE Lo scopo di questa presentazione é evidenziare

Dettagli

GLI ORGANISMI DI CONTROLLO E IL FUTURO DELLA CERTIFICAZIONE BIOLOGICA FABRIZIO PIVA

GLI ORGANISMI DI CONTROLLO E IL FUTURO DELLA CERTIFICAZIONE BIOLOGICA FABRIZIO PIVA GLI ORGANISMI DI CONTROLLO E IL FUTURO DELLA CERTIFICAZIONE BIOLOGICA FABRIZIO PIVA fpiva@ccpb ccpb.it Coordinatore Sezione Soci OdC FederBio GLI ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE ADERENTI BIOAGRICERT srl www.bioagricert.org

Dettagli

IL SISTEMA NAZIONALE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA

IL SISTEMA NAZIONALE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA I L S I S T E M A N A Z I O N A L E D I V I G I L A N Z A I N AG R I C O LT U R A B I O LO G I C A E L E PATO LO G I E AV E PA, 2 6 OT TO B R E 2 017 IL SISTEMA NAZIONALE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA UNIONE

Dettagli

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei

Dettagli

Art. 1: Campo di applicazione.

Art. 1: Campo di applicazione. Allegato 1 alla D.G.R. n 1114 del 20 dicembre 2013 GESTIONE DELLA NOTIFICA DI ATTIVITA CON METODO BIOLOGICO E DELL ALBO DEGLI OPERATORI BIOLOGICI DELLA LOMBARDIA. Sommario ART. 1: CAMPO DI APPLICAZIONE.

Dettagli

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE 2014/2020 e 2007/2013. Venezia 27 maggio INFORMATIVA 9.

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE 2014/2020 e 2007/2013. Venezia 27 maggio INFORMATIVA 9. COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE 2014/2020 e 2007/2013 Venezia 27 maggio 2016 INFORMATIVA 9. Attività di Audit POR CRO VENETO 2007 2013 PARTE FSE POR VENETO FSE 2014/2020

Dettagli

PROCEDURA VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE

PROCEDURA VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE Pag. 1/7 PROCEDURA VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0/0 16.02.04 1/0 31.05.04 VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE Pag. 2/7

Dettagli

Donatella Aureli veterinario ufficiale dipartimento di prevenzione veterinaria Fabrizio Pancini Veterinario Ufficiale Dipartimento di Prevenzione

Donatella Aureli veterinario ufficiale dipartimento di prevenzione veterinaria Fabrizio Pancini Veterinario Ufficiale Dipartimento di Prevenzione Donatella Aureli veterinario ufficiale dipartimento di prevenzione veterinaria - a. s. l. m i l a n o Fabrizio Pancini Veterinario Ufficiale Dipartimento di Prevenzione Veterinaria - A. S. L. L o d i I

Dettagli

Comitato di sorveglianza

Comitato di sorveglianza Comitato di sorveglianza Roma, 26 maggio 2016 Autorità di Audit Illustrazione dei Rapporti Annuali di Controllo 2015 1. Audit della Commissione Europea 2. Audit di sistema 3. Audit delle operazioni 4.

Dettagli

Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario

Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario P29 Attività del servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario Responsabile processo: Dirigente Capo Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario Strutture interessate: Servizio di vigilanza sul

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ DECRETO 21 luglio 2009. Conferimento a «Valoritalia società per la certificazione delle qualità e delle produzioni vitivinicole italiane S.r.l.», dell incarico a svolgere le funzioni di controllo previste

Dettagli

NUCLEO UNIFICATO REGIONALE DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI (NURV) REGOLAMENTO INTERNO

NUCLEO UNIFICATO REGIONALE DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI (NURV) REGOLAMENTO INTERNO NUCLEO UNIFICATO REGIONALE DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI (NURV) REGOLAMENTO INTERNO Allegato A Sommario Art.1 - Oggetto Art.2 - Funzioni Art.3 - Attività di valutazione e monitoraggio

Dettagli

SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO

SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUD I DI PAVIA SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Emanato con D.R. n. 2256-2015 del 2 novembre 2015 INDICE SOMMARIO

Dettagli

seguito Autorità), adottato con Deliberazione n del 26 novembre 2014; Art. 1 (Ambito di applicazione)

seguito Autorità), adottato con Deliberazione n del 26 novembre 2014; Art. 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO SULL ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA COLLABORATIVA IN MATERIA DI CONTRATTI PUBBLICI L AUTORITA VISTO il decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni dalla legge 11

Dettagli

NON CONFORMITA AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

NON CONFORMITA AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE pag. 1 di 7 NON CONFORMITA AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Redatto da: Verificato da: Approvato da: Filaj Fanfani Jacomoni pag. 2 di 7 1. REVISIONI Data Rev.n Descrizione 21 SET 07 1 Inserite modalità relative

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Regione Autonoma della Sardegna Modalità e procedure per l erogazione dell aiuto agli operatori biologici iscritti nell elenco regionale, relativo al rimborso delle spese di controllo e certificazione,

Dettagli

Istituto Tecnico Aeronautico di Stato. Francesco De Pinedo 1. Roma - Via F. Morandini, 30 - Tel PG01 Audit Interni

Istituto Tecnico Aeronautico di Stato. Francesco De Pinedo 1. Roma - Via F. Morandini, 30 - Tel PG01 Audit Interni PG01 Audit Interni Redazione Verifica Approvazione RSQ Firma Data DSGA Firma Data DIRS Firma Data Stato delle Revisioni Num. Data Descrizione 00 24/03/2005 Emissione 01 06/03/2006 Inserito modulo Lista

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ

IL DIRETTORE GENERALE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ E DEI SISTEMI DI QUALITÀ DECRETO 21 luglio 2009. Conferimento a «Toscana CertiÞ cazione Agroalimentare S.r.l.», in breve «TCA S.r.l.», dell incarico a svolgere le funzioni di controllo previste dall articolo 48 del Regolamento

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, Albano Laziale (Roma) Tel Fax

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, Albano Laziale (Roma) Tel Fax PROCEDURE OPERATIVE CONTROLLI UFFICIALI SIAN GESTIONE DELLE NON CONFORMITA ALLA NORMATIVA PRESCRIZIONI SOSPENSIONE DELL ATTIVITA Riferimenti normativi: Regolamento CE 882/2004 art. 54: azioni in caso di

Dettagli

Annualità ISTRUZIONI REGIONALI PER LA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA ISTRUZIONI REGIONALI PER LA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO

Annualità ISTRUZIONI REGIONALI PER LA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA ISTRUZIONI REGIONALI PER LA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI Azione 1 Agricoltura biologica Annualità 2008 ISTRUZIONI REGIONALI PER LA

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara SENATO ACCADEMICO 22 febbraio 2017 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 24 febbraio 2017 DECRETO RETTORALE di 1ª emanazione rep. n. 265/2017-27 febbraio 2017 DECRETO RETTORALE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE

REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER LA VIOLAZIONE DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 65 / 06.10.2003 Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

IISS E. Bona. Copia controllata

IISS E. Bona. Copia controllata Pagina 1 di 6 Copia controllata 1. Scopo e Campo di Applicazione La presente procedura stabilisce le responsabilità e le modalità per l efficace gestione delle non conformità riscontrate durante la progettazione,

Dettagli

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE V Politiche per la Tutela della Salute e Assistenza Socio-Sanitaria Servizio Ospedalità Pubblica e Privata

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE V Politiche per la Tutela della Salute e Assistenza Socio-Sanitaria Servizio Ospedalità Pubblica e Privata REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE V Politiche per la Tutela della Salute e Assistenza Socio-Sanitaria Servizio Ospedalità Pubblica e Privata LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA MODENA DELLA GUARDIA DI FINANZA AI FINI DEL COORDINAMENTO DEI CONTROLLI SOSTANZIALI DELLA POSIZIONE REDDITUALE E

PROTOCOLLO D INTESA MODENA DELLA GUARDIA DI FINANZA AI FINI DEL COORDINAMENTO DEI CONTROLLI SOSTANZIALI DELLA POSIZIONE REDDITUALE E PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI FORMIGINE ED IL COMANDO PROVINCIALE DI MODENA DELLA GUARDIA DI FINANZA AI FINI DEL COORDINAMENTO DEI CONTROLLI SOSTANZIALI DELLA POSIZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE

Dettagli

CHECK-LIST N. 3 - INGEGNERIA FINANZIARIA CONTROLLO DOCUMENTALE E IN LOCO SULL OPERAZIONE FINANZIATA E VERBALE. POR Calabria FSE

CHECK-LIST N. 3 - INGEGNERIA FINANZIARIA CONTROLLO DOCUMENTALE E IN LOCO SULL OPERAZIONE FINANZIATA E VERBALE. POR Calabria FSE CHECK-LIST N. 3 - INGEGNERIA FINANZIARIA CONTROLLO DOCUMENTALE E IN LOCO SULL OPERAZIONE FINANZIATA E VERBALE Controlli eseguiti ai sensi dell art. 60.b del Reg CE 1083/2006 e art. 13.2 del Reg. CE 1828/2006

Dettagli

CONTROLLI SULLE IMPRESE (art. 25 del D.Lgs. n. 33/2013) attività svolte dall Ufficio Metrico

CONTROLLI SULLE IMPRESE (art. 25 del D.Lgs. n. 33/2013) attività svolte dall Ufficio Metrico CONTROLLI SULLE IMPRESE (art. 25 del D.Lgs. n. 33/2013) attività svolte dall Ufficio Metrico Tipologia dei controlli Riferimenti normativi Criteri e modalità dei controlli Coerenza della produzione in

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi REGOLAMENTO INTEGRATIVO contenente disposizioni inerenti alle modalità e ai termini relativi alla

Dettagli

Delibera di Giunta Regionale n. 269 del 18/03/2011

Delibera di Giunta Regionale n. 269 del 18/03/2011 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Delibera di Giunta Regionale n. 269 del 18/03/2011 Regolamento n. 1698/05, Programma regionale di sviluppo rurale 2007-2013: bando di apertura presentazione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Disposizioni per l attuazione del Reg. (CE) n. 1235/2008 recante modalità di applicazione del Reg. (CE) n. 834/2007 del Consiglio per quanto riguarda il regime di importazione di prodotti biologici dai

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 15308 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 24-3-2016 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE ALIMENTAZIONE 1 marzo 2016, n. 55 Decreto 16 febbraio 2012. Sistema nazionale di vigilanza sulle

Dettagli

Disciplina per l Autorizzazione dei percorsi formativi. proposti dagli Organismi di Formazione accreditati

Disciplina per l Autorizzazione dei percorsi formativi. proposti dagli Organismi di Formazione accreditati ALLEGATO A REGIONE ABRUZZO DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, POLITICHE DEL LAVORO, ISTRUZIONE, RICERCA E UNIVERSITÀ SERVIZIO FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO PROFESSIONALE UFFICIO PROGRAMMAZIONE POLITICHE FORMATIVE

Dettagli

«Decreto sugli enti di certificazione»

«Decreto sugli enti di certificazione» «Decreto sugli enti di certificazione» Regolamento recante disciplina delle caratteristiche e dei requisiti richiesti per l espletamento dei compiti di certificazione indipendente della qualità e della

Dettagli

Disciplina per l Autorizzazione dei percorsi formativi. finalizzati al conseguimento di Qualifiche o di Profili Professionali

Disciplina per l Autorizzazione dei percorsi formativi. finalizzati al conseguimento di Qualifiche o di Profili Professionali ALLEGATO A REGIONE ABRUZZO DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, POLITICHE DEL LAVORO, ISTRUZIONE, RICERCA E UNIVERSITÀ SERVIZIO FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO PROFESSIONALE UFFICIO PROGRAMMAZIONE POLITICHE FORMATIVE

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. CASTELLI ROMANI AI SENSI DEL DM 794 del 14/06/2012

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. CASTELLI ROMANI AI SENSI DEL DM 794 del 14/06/2012 PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. CASTELLI ROMANI AI SENSI DEL DM 794 del 14/06/2012 REV. DATA VERIFICATO Il Responsabile Tecnico Dei Piani di Controllo APPROVATO Il Dirigente Area

Dettagli

Articolazioni organizzative che si occupano di sicurezza alimentare auditate:

Articolazioni organizzative che si occupano di sicurezza alimentare auditate: SCHEDA AUDIT N : 04/2013 Azienda USL auditata: USL 6 Livorno Articolazioni organizzative che si occupano di sicurezza alimentare auditate: Strutture organizzative del Dipartimento di Prevenzione della

Dettagli

Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze

Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze Comune di Bagnolo Mella Provincia di Brescia Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA DETERMINAZIONE TEC / 99 Del 17/06/2013 OGGETTO: D.LGS. 81/2008: SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

10. IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE

10. IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE 10. IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI Committente: S.E.A. S.p.A. Società Esercizi Aeroportuali Pagina 128 Viene definito Coordinatore della Sicurezza per l'esecuzione dei Lavori (C.S.E.) il soggetto

Dettagli

COLLAUDO E CERTICAZIONE DI AVVENUTA BONIFICA

COLLAUDO E CERTICAZIONE DI AVVENUTA BONIFICA Art. 242 comma 13 Dlgs 152/06 La procedura di approvazione della caratterizzazione e del progetto di bonifica si svolge in Conferenza di servizi convocata dalla regione e costituita dalle amministrazioni

Dettagli

Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO ATTIVITA UFFICIO ISPETTIVO

Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO ATTIVITA UFFICIO ISPETTIVO Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO ATTIVITA UFFICIO ISPETTIVO Approvato con Disposizione Settore Risorse Umane n. 354/2008 ART. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO ISPETTIVO 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA N. 1222/AFP DEL 22/12/2014 Oggetto: PSR Marche 2007/2013 Filiere Locali - Elenco n. 4629, n. 2 domande istruite Misura 121 Autorizzazione pagamento

Dettagli

VISTA la Legge 27 Marzo 1992 numero 257 ad oggetto Norme relative alla cessazione dell impiego dell amianto

VISTA la Legge 27 Marzo 1992 numero 257 ad oggetto Norme relative alla cessazione dell impiego dell amianto O G G E T T O : Piano Regionale Amianto - Censimento dei prodotti, materiali e manufatti contenenti amianto - Inottemperanza agli obblighi di informazione - Adeguamento al valore dell'euro delle sanzioni.

Dettagli

GESTIONE INFORMATIZZATA DEI PROGRAMMI ANNUALI DI PRODUZIONE VEGETALE, ZOOTECNICA, DELLE PREPARAZIONI E DELLE IMPORTAZIONI PER L AGRICOLTURA BIOLOGICA

GESTIONE INFORMATIZZATA DEI PROGRAMMI ANNUALI DI PRODUZIONE VEGETALE, ZOOTECNICA, DELLE PREPARAZIONI E DELLE IMPORTAZIONI PER L AGRICOLTURA BIOLOGICA Allegato 1 al decreto n 12442 del 19 dicembre 2014 GESTIONE INFORMATIZZATA DEI PROGRAMMI ANNUALI DI PRODUZIONE VEGETALE, ZOOTECNICA, DELLE PREPARAZIONI E DELLE IMPORTAZIONI PER L AGRICOLTURA BIOLOGICA

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRI COLTURA 3 dicembre 2014, n. 428

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRI COLTURA 3 dicembre 2014, n. 428 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRI COLTURA 3 dicembre 2014, n. 428 Reg. (CE) n. 1308/2013 D.M. 23 gennaio 2006 Programma finalizzato al miglioramento della produzione e commercializzazione dei

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE CON IL MARCHIO PSV PLASTICA SECONDA VITA Legge 28/2012 PER SACCHETTI PER ASPORTO MERCI RIUTILIZZABILI

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE CON IL MARCHIO PSV PLASTICA SECONDA VITA Legge 28/2012 PER SACCHETTI PER ASPORTO MERCI RIUTILIZZABILI Pag. 1 / 9 REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE CON IL MARCHIO PSV PLASTICA SECONDA VITA Legge 28/2012 PER SACCHETTI PER ASPORTO MERCI RIUTILIZZABILI ISTITUTO ITALIANO DEI PLASTICI S.r.l. via Velleia,

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG VICO - Segreteria VICO - Prot. Interno N.0013169 del 05/09/2017 Autorizzazione all organismo denominato TCA-Toscana Certificazione Agroalimentare s.r.l. ad effettuare i controlli per l indicazione geografica

Dettagli

Le Verifiche della Regolare tenuta della Contabilità sociale

Le Verifiche della Regolare tenuta della Contabilità sociale Principio di Revisione (SA Italia) 250B Le Verifiche della Regolare tenuta della Contabilità sociale Matteo Maccari Manager Overview ISA 250B Introduzione e Obiettivo Definizioni Regole Contenuti delle

Dettagli

ASSESSORATO DELL'AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE. DETERMINAZIONE N. 7308/254 DEL 16 aprile 2010

ASSESSORATO DELL'AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE. DETERMINAZIONE N. 7308/254 DEL 16 aprile 2010 DETERMINAZIONE N. 7308/254 DEL 16 aprile 2010 Oggetto: PSR 2007-2013. Reg. (CE) n. 169/2005. Misura 214 Pagamenti Agroambientali Azioni 214/1 Agricoltura Biologica, 214/2 Difesa del suolo, 214/4 Tutela

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il decreto-legge 18 giugno 1986, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1986, n. 462, che all articolo 10 ha previsto l istituzione dell Ispettorato Centrale Repressione Frodi

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA PER MANUTENZIONI E VERIFICHE PERIODICHE DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI

ISTRUZIONE OPERATIVA PER MANUTENZIONI E VERIFICHE PERIODICHE DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI Rev. 0 del 15/02/2011 Pagina 1 di 12 Istruzione Operativa ISTRUZIONE OPERATIVA PER MANUTENZIONI E VERIFICHE PERIODICHE DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI Adottata dall Azienda USL 3 di Pistoia a far data

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS DETERMINAZIONE N. 116 DEL 24/10/2011

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS DETERMINAZIONE N. 116 DEL 24/10/2011 Commissario Straordinario DETERMINAZIONE N. 116 DEL 24/10/2011 Oggetto: Organizzazione del sistema di gestione degli adempimenti relativi al trattamento dei dati e delle informazioni ai sensi del D. Lgs.

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 7 agosto 2009 - ARG/gas 114/09 Disposizioni in materia di condizioni e modalità delle procedure concorrenziali di cui all articolo 3, comma 1, del decreto legge 1 luglio 2009 n. 78 e al decreto

Dettagli

ATTO LA GIUNTA REGIONALE

ATTO LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : APPROVAZIONE DEL PROGETTO "LABORATORIO DELLE PROFESSIONI DI DOMANI" E AFFIDAMENTO ALL'AGENZIA LIGURIA LAVORO DELLE ATTIVITA' DI ASSISTENZA TECNICA ALLA GESTIONE DEL PROGETTO (SPESA EURO 65.000,00).

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER L EROGAZIONI IN AGRICOLTURA,

AGENZIA REGIONALE PER L EROGAZIONI IN AGRICOLTURA, (ALLEGATO B) CONVENZIONE TRA LA REGIONE TOSCANA E ARTEA PER LA GESTIONE DEL FONDO PER L INTEGRAZIONE AL REDDITO DEI LAVORATORI DIPENDENTI DA AZIENDE CHE HANNO SOTTOSCRITTO CONTRATTI DI SOLIDARIETA DI CUI

Dettagli

PSR Misure strutturali. Modalità e criteri per estrazione campione controlli in loco

PSR Misure strutturali. Modalità e criteri per estrazione campione controlli in loco 24/03/2011 PSR 2007 2013 Misure strutturali Modalità e criteri per estrazione campione controlli in loco Di seguito si riporta una sintesi della procedura di controllo in carico alla Regione (Ente delegato)

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 5 del 21 1 2016 2745 Il presente decreto è dichiarato esecutivo. Dato a Bari, addì 14 gennaio 2016 EMILIANO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA

Dettagli

Entro 80 giorni: - predispone la bozza di deliberazione che la Direzione Trasporti propone alla Giunta Regionale per l espressione delle valutazioni

Entro 80 giorni: - predispone la bozza di deliberazione che la Direzione Trasporti propone alla Giunta Regionale per l espressione delle valutazioni Deliberazione della Giunta Regionale Piemonte 17/3/2003 n. 44-8734 Procedure per le espressioni di competenza sui progetti preliminari e definitivi previsti dalla Legge Obiettivo di competenza della Regione

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO MINISTERIALE 108/09 DEL 23/07/2009 PER LA MODERNIZZAZIONE E L ADEGUAMENTO AGLI STANDARD DI SICUREZZA ANCHE PER GLI ASCENSORI ENTRATI IN FUNZIONE PRIMA DEL 1999. Il Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

VERBALE Controllo Ufficiale Imprese Alimentari N.

VERBALE Controllo Ufficiale Imprese Alimentari N. VERBALE Controllo Ufficiale Imprese Alimentari N. ANNO MESE GIORNO ORE MINUTI SIGLA OPERATORI Reg. CE 178/2002 - Reg. CE 852/2004 - Reg. CE 853/2004 - Reg. CE 882/2004 - D.Lgvo 190/2006 - D.Lgvo 193/2007

Dettagli

ICQRF - Dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari

ICQRF - Dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari ICQRF - Dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari VICO - Direzione generale per il riconoscimento degli organismi di controllo

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE INDICE

PROVINCIA DI UDINE INDICE PROVINCIA DI UDINE Regolamento provinciale per la concessione dei contributi e l attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati Testo modificato dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO SUL REGISTRO DELLE IMPRESE CAPOGRUPPO

REGOLAMENTO SUL REGISTRO DELLE IMPRESE CAPOGRUPPO REGOLAMENTO SUL REGISTRO DELLE IMPRESE CAPOGRUPPO anno 2014/ numero 03 (Testo consolidato al 01/01/2015 Aggiornamento I) 1 Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente regolamento si intendono per: a) Banca

Dettagli

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 239 DEL 08/04/2013 OGGETTO LEGGE 24.12.2004, N. 313 "DISCIPLINA DELL'APICOLTURA". AVVISO PUBBLICO REGIONALE

Dettagli

Relazione Responsabile per la prevenzione della corruzione

Relazione Responsabile per la prevenzione della corruzione Relazione 2016 del 03/01/2016 Responsabile per la prevenzione della corruzione (articolo 1, comma 14, legge 60 novembre 2012 numero 190 recante le disposizioni per la prevenzione e la repressione della

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 02/01/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 1 Pag.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 02/01/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 1 Pag. 02/01/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 1 Pag. 67 di 155 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 5 dicembre 2012, n. 575 Art. 24 della L.R. 7 giugno

Dettagli

Art. 4 - Procedura di valutazione 10 PUNTI 15 PUNTI 3 PUNTI 1 PUNTO 1 PUNTO

Art. 4 - Procedura di valutazione 10 PUNTI 15 PUNTI 3 PUNTI 1 PUNTO 1 PUNTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA VALUTAZIONE DELL IMPEGNO DIDATTICO, DI RICERCA E GESTIONALE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI A TEMPO INDETERMINATO AI FINI DELL ATTRIBUZIONE DEGLI SCATTI STIPENDIALI Art. 1

Dettagli

Modalità di accesso ad una DOP/IGP

Modalità di accesso ad una DOP/IGP Modalità di accesso ad una DOP/IGP Rev. 00 1 SOMMARIO 1. MODALITÀ DI ACCESSO AD UNA DOP/IGP 3 2. IL PERCORSO CERTIFICATIVO DELLA DOP COLLINA DI BRINDISI 4 3. ALLEGATO 1 - DOCUMENTI DA ALLEGARE AL MODELLO

Dettagli

Ministero politiche agricole alimentari e forestali. Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent

Ministero politiche agricole alimentari e forestali. Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent Ministero politiche agricole alimentari e forestali Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent 1 L ICQRF è organo Tecnico di controllo del Ministero

Dettagli

Gestione delle Visite Ispettive Interne

Gestione delle Visite Ispettive Interne Procedura PQ-SGEQ-VISP Gestione delle Visite Ispettive Interne Rev. Data Descrizione Elaborazione: 0 03/11/2003 Prima emissione. RSGQ Approvazione: Dirigente Scolastico PQ-SGEQ-VISP Rev 0 Gestione delle

Dettagli

Modulistica in uso nel Dipartimento Laboratori di Prova per la Sicurezza degli Alimenti

Modulistica in uso nel Dipartimento Laboratori di Prova per la Sicurezza degli Alimenti ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Modulistica in uso nel Dipartimento Laboratori di Prova per la Sicurezza degli Alimenti Milano, 14 ottobre 2010 Roma, 28 ottobre 2010 Documento sviluppato da:

Dettagli

Allegato A DETERMINAZIONE DG N. 19/08

Allegato A DETERMINAZIONE DG N. 19/08 Allegato A DETERMINAZIONE DG N. 19/08 Procedura per l effettuazione delle attività di controllo di cui all articolo 7, comma 1 dei decreti ministeriali 20 luglio 2004 e s.m.i. e all articolo 14 dell Allegato

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO D.O. ALTO ADIGE O DELL ALTO ADIGE/ SÜDTIROL O SÜDTIROLER

PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO D.O. ALTO ADIGE O DELL ALTO ADIGE/ SÜDTIROL O SÜDTIROLER CAMERA DI COMMERCIO DI PIANO DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO D.O. ALTO ADIGE O DELL ALTO ADIGE/ SÜDTIROL O SÜDTIROLER PIANO DELLE VERIFICHE E DEI CONTROLLI E PROSPETTO TARIFFARIO DELLA D.O. ALTO ADIGE

Dettagli

Articolazioni organizzative che si occupano di sicurezza alimentare auditate:

Articolazioni organizzative che si occupano di sicurezza alimentare auditate: SCHEDA AUDIT N : 05/2011 Azienda USL auditata: USL 1 Massa e Articolazioni alimentare auditate: Strutture organizzative dipartimentali U.F. Gestione Imprese Alimentari U.F. Igiene degli Allevamenti e delle

Dettagli

udita la relazione e la conseguente proposta dell Assessore relatore,

udita la relazione e la conseguente proposta dell Assessore relatore, 9420 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 38 del 18 03 2015 LA GIUNTA udita la relazione e la conseguente proposta dell Assessore relatore, viste la sottoscrizione posta in calce al presente provvedimento

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE PROCEDURA DI GESTIONE DELLE VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: (Responsabile Piani di Audit) (Responsabile del Gruppo Qualità) (Dirigente Scolastico) Doc.:.PQ03 Rev.: 4

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE PER IL LAVORO 5 dicembre 2014, n. 1229

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE PER IL LAVORO 5 dicembre 2014, n. 1229 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 10 del 22 01 2015 2191 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE PER IL LAVORO 5 dicembre 2014, n. 1229 Avviso Pubblico per la costituzione di un elenco

Dettagli

ADEMPIMENTI DEI SOGGETTI PROPONENTI PER LA REALIZZAZIONE DELL ATTIVITA RICONOSCIUTA

ADEMPIMENTI DEI SOGGETTI PROPONENTI PER LA REALIZZAZIONE DELL ATTIVITA RICONOSCIUTA ADEMPIMENTI DEI SOGGETTI PROPONENTI PER LA REALIZZAZIONE DELL ATTIVITA RICONOSCIUTA 2012-2014 ITER E PROCEDURE PER I CORSI APPROVATI Con l atto di approvazione si intende riconosciuto il/i corso/i presentati

Dettagli

zione Presidentee 14 marzo decreto legislativo di pubblicità, legislativo 14 particolare riferimento

zione Presidentee 14 marzo decreto legislativo di pubblicità, legislativo 14 particolare riferimento Autorità Nazionale Anticorruz zione Presidentee Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio ai sensi dell articolo 47 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, come modificato dal

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 90 25.2.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento Sviluppo Rurale

Dettagli

Misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli Scheda integrativa per la determinazione delle riduzioni/esclusioni

Misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli Scheda integrativa per la determinazione delle riduzioni/esclusioni ALLEGATO A Misura Primo imboschimento dei terreni agricoli Scheda integrativa per la determinazione delle riduzioni/esclusioni Elenco degli impegni della Misura Primo imboschimento dei terreni agricoli

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI RETE

AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI RETE AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI RETE 22.1 INTRODUZIONE... 222 22.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 222 22.3 SOGGETTI TITOLATI ABILITATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 223 22.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 28/36 DEL

DELIBERAZIONE N. 28/36 DEL Oggetto: D.Lgs 14.8.2012, n. 150 e Decreto Interministeriale 22 gennaio 2014. Piano d azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Direttive per l organizzazione del servizio di controllo

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE 6 luglio 2012, n. 230

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE 6 luglio 2012, n. 230 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 106 del 19-07-2012 25591 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE 6 luglio 2012, n. 230 Art. 6 del Regolamento

Dettagli

2 CAMPO DI APPLICAZIONE

2 CAMPO DI APPLICAZIONE INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 SCHEMA DI AUDIT 4 QUALIFICA PER AUDIT 5 CONDUZIONE DELL AUDIT INTERNO 5.1 Audit svolto da personale dell Organizzazione 5.2 Audit svolto da Esterni all'organizzazione

Dettagli

LINEA GUIDA PER LE ATTIVITA DEI SERVIZI ESTERNI

LINEA GUIDA PER LE ATTIVITA DEI SERVIZI ESTERNI LINEA GUIDA PER LE ATTIVITA DEI SERVIZI ESTERNI ALIMENTI E BEVANDE DI ARPACAL DIREZIONE SCIENTIFICA AREA COORDINAMENTO SERVIZI TECNICI E LABORATORISTICI Rev. 0 del 28-04-2015 Alimenti e bevande 1 LINEA

Dettagli

Visto il Regolamento di funzionamento dell' ARPEA approvato con Deliberazione della Giunta Regionale 17 dicembre 2007, n ;

Visto il Regolamento di funzionamento dell' ARPEA approvato con Deliberazione della Giunta Regionale 17 dicembre 2007, n ; ARPEA- ORGANISMO PAGATORE DELLA REGIONE PIEMONTE DECRETO N 11 del 26/05/2016 - Domanda Unica Oggetto: REGOLAMENTO (UE) N. 1307/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 dicembre 2013; REGOLAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI

PROVINCIA DI BRINDISI PROVINCIA DI BRINDISI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 423 del 06-06-2017 SERVIZIO: UFFICIO: IMPIANTI TERMICI - PRDAG - 74-2017 OGGETTO: Nuova Campagna di Autodichiarazione Impianti Termici Biennio 2016-2017.

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE

PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE VARIANTE AL P.R.G.C. - ai sensi dell'art. 17 L.R. 56/77 e s.m.i. Elaborato: PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE PROGETTO DEFINITIVO VARIANTE STRUTTURALE n. 1/2011, AI SENSI DELL'ART. 17, comma 4, DELLA L.R.

Dettagli

Relazione sul sistema dei controlli dei progetti finanziati con il POR FESR 2007/2013

Relazione sul sistema dei controlli dei progetti finanziati con il POR FESR 2007/2013 Relazione sul sistema dei controlli dei progetti finanziati con il POR FESR 2007/2013 Riferimenti Normativi UE Regolamento (CE) del Consiglio n. 1083/2006, art. 58 e s.m.i. Regolamento (CE) della Commissione

Dettagli

MARCHIO AGRICOLTURA BIOLOGICA (Elaborato Coldiretti Campania per ATI- SOVIS Coldiretti Campania)

MARCHIO AGRICOLTURA BIOLOGICA (Elaborato Coldiretti Campania per ATI- SOVIS Coldiretti Campania) MARCHIO AGRICOLTURA BIOLOGICA (Elaborato per ATI- SOVIS ) L agricoltura biologica è un sistema di gestione dell'azienda agricola che implica importanti restrizioni in materia di fertilizzanti e antiparassitari.

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO

PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO Al servizio di gente REGIONE unica FRIULI VENEZIA GIULIA PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO UDINE 13/09/2011 DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI Domanda Richiesta

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Legge Regionale 26 luglio 2002, n. 32 e ss.mm. PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N 7/14 del 14/01/2014 Oggetto: GRADUAZIONE DELLE AREE

Dettagli

SSPV di RE CONTROLLO UFFICIALE IN ALLEVAMENTO DI OVINI E CAPRINI CHECK LIST ANAGRAFE

SSPV di RE CONTROLLO UFFICIALE IN ALLEVAMENTO DI OVINI E CAPRINI CHECK LIST ANAGRAFE Pag.1 di 10 LISTA DI RISCONTRO/ STATO DELLE REVISIONI - SERVIZIO VETERINARIO E IGIENE ALIMENTI REGIONE EMILIA ROMAGNA Rev. N. MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA 01 Aggiornamento normativo e Formattazione

Dettagli

Allegato 4. Devono pervenire all OdV tutte le informative di seguito indicate. Descrizione flusso informativo Referente Tempistica

Allegato 4. Devono pervenire all OdV tutte le informative di seguito indicate. Descrizione flusso informativo Referente Tempistica Allegato 4 A. Flussi informativi verso l OdV Devono pervenire all OdV tutte le informative di seguito indicate. Descrizione flusso informativo Referente Tempistica Ogni informazione, proveniente anche

Dettagli

Piano delle verifiche e dei controlli del Cirò DOC D.P.R. 25/09/1989

Piano delle verifiche e dei controlli del Cirò DOC D.P.R. 25/09/1989 D.P.R. 25/09/1989 viticoltore vinificatore imbottigliatore Aggiornato secondo lo schema del DM 17 luglio 2008 Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione dei Vini D.O.C. Cirò e Melissa Via Roma, 88-88811

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE IL CONSIGLIO REGIONALE Allegato 1 Visto il decreto legislativo del 3 aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale e in particolare l art. 199 Piani regionali ; Vista la legge regionale 18 maggio 1998

Dettagli