Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione XII: La differenziazione del prodotto"

Transcript

1 Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione dell offerta) potrebbero sem- brare (quasi) perfettamente competitivi, ma la cui prestazione tuttavia appare molto diversa: un buon esempio è il mercato italiano delle assicurazioni contro il furto e l incendio dell automobile (un altro esempio è il mercato statunitense delle carte di credito), per il quale il margine di profitto è apparentemente molto alto. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 1

2 Differenziazione del prodotto e switching cost Due possibili spiegazioni, non indipendenti, sono relative alla possibile presenza di: 1) effettiva differenziazione del prodotto (differenza nelle clausole contrattuali, nell affidabilità delle compagnie assicurative, nella distanza da casa delle agenzie, etc.). In tal caso, come vedremo, gli effetti della competizione risultano indeboliti, e i prezzi di equilibrio possono effettivamente essere superiori ai costi marginali anche in presenza di molti competitori. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 2

3 Differenziazione del prodotto e switching cost: continuazione 2) switching cost: costi relativi al cambiamento del fornitore di natura informativa e amministrativa, potenzialmente creati strategicamente dalle stesse imprese (ex: niente ass. furto senza la RC auto), e in generale radicati nell atteggiamento tendenzialmente passivo di molti consumatori. Anche in questo caso, i beni offerti dai diversi competitori possono di fatto risultare come differenziati, e gli effetti sui prezzi di equilibrio sono analoghi a quelli implicati da tale condizione. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 3

4 Differenziazione del prodotto In molti casi i prodotti proposti sul mercato nella stessa tipologia merceologica sono di fatto differenti, e/o vengono valutati diversamente da consumatori differenti. Si parla di differenziazione orizzontale (o per varietà) tra due prodotti se alcuni consumatori hanno preferenze opposte relativamente alla scelta tra essi. Vi è invece differenziazione verticale (o per qualità) se a parità di prezzo (e di eventuali altri aspetti contrattuali) tutti i consumatori preferiscono (magari con intensità diversa) il medesimo prodotto all altro. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 4

5 L approccio delle caratteristiche In molti casi reali, i beni presentano elementi di differenziazione sia verticale che orizzontale. Per esempio, un computer potrebbe essere mol- to potente ma piuttosto pesante, e un altro molto leggero ma poco potente. Perciò, persino se tutti i potenziali utenti fossero d accordo nell apprezzare sia la leggerezza sia la potenza, potrebbe ben essere che alcuni preferiscano il primo e alcuni il secondo. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 5

6 L approccio delle caratteristiche: continuazione L ultimo esempio suggerisce di pensare ai beni come pacchetti (bundle) di caratteristiche (assunte misurabili), la cui domanda è di fatto derivata dalla domanda per le caratteristiche contenute. Quest approccio delle caratteristiche (dovuto a Lancaster, 1971), è illustrato sul Cabral nel caso della scelta tra due automobili nelle Tab di p. 257, in cui le valutazioni ( disponibilità a pagare ) di due potenziali consumatori per le caratteristiche rilevanti sono presentate in migliaia di euro. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 6

7 Tabb , p. 257: IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 7

8 L approccio delle caratteristiche: continuazione Esso assume che la disponibilità a pagare complessiva di uno specifico consumatore i per un dato bene k, u ik, sia ottenuta come somma del valore che egli associa alle singole caratteristiche contenute: u ik = Σ j b ij c kj - p k, dove b ij la valutazione del consumatore i per la caratteristica j, c kj è l ammontare di caratteristica j contenuta nel bene k, e p k è il prezzo di quest ultimo. Il bene k è dunque identificato dal vettore delle sue m caratteristiche c k = [c k1, c k2,, c km ]: verrà acquistato al posto del bene h se u ik > u ih. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 8

9 L approccio delle caratteristiche: conclusione L approccio delle caratteristiche permette di modellare sia il caso di beni differenziati verticalmente (la Porsche e la Panda se solo le caratteristiche 1, 2 e 4 fossero rilevanti), sia il caso di beni differenziati o- rizzontalmente (la Porsche e la Panda nell esempio). Permette inoltre di concentrare l anali empirica su di un numero (m) relativamente contenuto di caratteristiche, in presenza di una dimensione di varietà (n) potenzialmente molto più elevata (si stimano m x n parametri invece di n 2 elasticità di prezzo incrociate). Permette di strutturare semplicemente le strategie di posizionamento (positioning) delle imprese. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 9

10 Differenziazione e potere di mercato Si consideri il seguente modello di differenziazione orizzontale: due venditori di gelato sono collocati agli estremi di una spiaggia (di lunghezza 1 Km, per semplicità). Anche se vendono gli stessi gelati, e magari agli stessi prezzi, il loro prodotto sarà considerato differentemente dai consumatori sparsi lungo la spiaggia, in funzione della collocazione di questi ultimi. In particolare, la differenza la faranno (almeno potenzialmente) i costi di trasporto che i consumatori devono sostenere per recarsi presso i venditori. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 10

11 Il Modello di Hotelling In effetti, è chiaro che per un consumatore collocato all inizio della spiaggia, recarsi a comprare il gelato al capo opposto potrebbe (dipenderà dai prezzi e dalla distanza) essere meno conveniente che andare dal gelataio più vicino. Si noti inoltre che la situazione appena descritta, che caratterizza il considdetto modello di Hotelling (1929), è analoga a quella di un qualunque altro caso di distribuzione geografica dei venditori, se i costi di trasporto sono a carico dei compratori (ex: ristoranti, distributori di benzina, agenzie di viaggio). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 11

12 Il Modello di Hotelling: continuazione Non è infine difficile capire che in effetti la situazione descritta dal modello di Hotelling è simile anche a quella nella quale i consumatori hanno gusti diversi rispetto ad una certa caratteristica, e affrontano dei costi di trasporto (cioè perdono utilità) in funzione della distanza tra la loro versione ideale e quella che di fatto trovano sul mercato. Per esempio, si pensi all amante dell aranciata amara che debba però scegliere tra due bevande contenenti quantità diverse di zucchero. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 12

13 Il Modello di Hotelling: continuazione Secondo la versione duopolistica del modello di Hotelling, i consumatori sono uniformente distribuiti lungo il segmento unitario che rappresenta la spiaggia, e le due imprese competono à la Bertrand. In particolare, l impresa 1 è localizzata nel punto 0 (inizio della spiaggia), e l impresa 2 nel punto 1 (fine della spiaggia). I consumatori sopportano dunque un costo di trasporto ( lineare ) pari a t per la distanza percorsa (td i, i = 1,2). Se dunque il consumatore localizzato nel punto x [0,1] si reca a comprare dal gelataio 1, sopporta un costo totale pari a tx + p 1, mentre pagherebbe t(1 x) + p 2 se comprasse dall impresa 2. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 13

14 Il Modello di Hotelling: continuazione Formalmente, immaginiamo che acquistando dal venditore i il consumatore in x ottenga un utilità pari a: U i = u p i td i (x), dove d i (x) è la distanza tra x e la localizzazione dell impresa i. Supponiamo che l utilità del bene (u) sia così elevata che comunque i consumatori comprino (una singola unità, per semplicità), l unico loro problema decisionale essendo dunque quello di decidere da quale impresa comprare. Il consumatore acquisterà perciò da i se U i > U j (i,j = 1,2, i j), mentre sarà indifferente se U i = U j. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 14

15 Graficamente (dati i prezzi p 1 e p 2 ): x è il consumatore indifferente p1 p 2 + t(1 x) p 1 + tx p 2 p 2 + td 2 p 1 + td 1 p 1 α α p 2 d 1 (x) d 2 (x) 0 x x 1 p 1 + tx = p 2 + t(1 x), tgα = t IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 15

16 Il Modello di Hotelling: continuazione Si vede chiaramente nella precedente figura che il consumatore indifferente tra i due venditori è collocato in x, mentre quelli collocati alla sua sinistra (rispettivamente alla sua destra) preferiscono comprare da 1 (rispettivamente da 2), a cui sono più vicini. Si noti inoltre che pur essendo nella figura p 2 > p 1, e pur competendo à la Bertrand le imprese, la domanda dell impresa 2 non è (necessariamente) nulla. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 16

17 Il Modello di Hotelling: continuazione Si può in effetti facilmente dedurre che le domanda di 1 e 2, dati i prezzi da loro decisi, e nell ipotesi che tutti acquistino, saranno in generale pari a D 1 = x e D 2 = 1 x (assumiamo per semplicità che il numero complessivo di consumatori, N, sia uguale a 1), dove x è il consumatore indifferente tra i due venditori (assumendo che questi esista). Poiché la condizione di indifferenza risulta: p 1 + tx = p 2 + t(1 x), si ottiene facilmente che: D 1 (p 1, p 2 ) = ½ + (p 2 - p 1 )/(2t) e D 2 (p 1, p 2 ) = ½ + (p 1 - p 2 )/(2t). Si noti che D i (p i, p j ) è una funzione lineare di p i, che si sposta parallelamente verso l alto all aumentare di p j (i j). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 17

18 Il Modello di Hotelling: continuazione Si noti poi che D i diventa nulla se p i = p j + t (il consumatore indifferente si localizza dove il venditore i ha il suo negozio), ed è pari a 1 se p i = p j - t (il consumatore indifferente si localizza dove il venditore j ha il suo negozio). Perciò (i j): D i = 0 se p i p j + t, D i (p i, p j ) = ½ + (p j - p i )/(2t) se p j + t p i p j t, D i = 1 se p i p j t. La domanda dell impresa 1 è illustrata graficamente nella prossima figura. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 18

19 La domanda nel modello di Hotelling (p 2 > t) p 1 p 2 p 2 + t p 2 + t(1 x) p 1 + tx D 1 (p 1,p 2 ) p 1 α α p 2 p 2 - t α β 0 x 1 D 1 (p 1,p 2 ) = x, tgα = t, tg β = 2t IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 19

20 Il Modello di Hotelling: continuazione Si noti che la domanda ad angolo precedentemente identificata assume che sia p j t. Se invece p j < t, allora anche fissando p i = 0 l impresa i non può appropriarsi di tutti i consumatori, e la sua domanda avrà un intercetta sull asse delle ascisse pari a D i (0, p j ) = (t + p j )/(2t). Ovvero: D i = 0 se p i p j + t, D i (p i, p j ) = ½ + (p j - p i )/(2t) se p j + t p i 0. Tale caso è illustrato graficamente nella prossima figura. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 20

21 La domanda nel modello di Hotelling (p 2 < t) p 1 p 2 p 2 + t p 1 p 2 + t(1 x) α D 1 (p 1,p 2 ) p 1 + tx t α 0 x (t + p j )/(2t) 1 D 1 (p 1,p 2 ) = x, tgα = t, tg β = 2t β α p 2 IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 21

22 Il Modello di Hotelling: curve di reazione Assumendo un costo unitario costante pari a c, la funzione di profitto di ciascuna impresa risulta: π i (p i, p j ) = (p i - c)d i (p i, p j ). Diversamente dal caso standard del duopolio à la Bertrand, la curva di domanda (e pertanto quella di profitto) non è discontinua e la curva di reazione di ciascuna impresa può essere caratterizzata (come in Cournot) utilizzando la condizione del primo ordine (FOC) per la massimizzazione del profitto (nell ipotesi che la produzione delle imprese copra complessivamente tutto il mercato). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 22

23 Il Modello di Hotelling: curve di reazione Ignorando la possibilità di un ottimo di frontiera (nell angolo della curva di domanda) in cui un impresa da sola copra l intero mercato poiché questo non può corrispondere a un equilibrio di duopolio (l altra impresa non venderebbe nulla), la FOC risulta: D i (p i, p j ) + (p i - c) D i (p i, p j )/ p i = ½ + (p j - p i )/(2t) - (p i - c)/(2t) = ½ + (p j + c)/(2t) - p i /t = 0 (la SOC, - 1/t < 0, è sempre soddisfatta), ovvero: p i *(p j ) = (p j + t + c )/2. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 23

24 Il Modello di Hotelling: equilibrio Si noti che le curve di reazione sono lineari e crescenti, con un intercetta che cresce al crescere di t (e di c) e un coefficiente angolare pari a ½. In effetti, il valore della curva di reazione non è altro che il prezzo di monopolio per un impresa che aves- se come curva di domanda (lineare) quella sopra identificata. Nell (unico, simmetrico) equilibrio di Nash (rappresentato nei due grafici che seguono) si ottiene pertanto: p in = p jn = c + t. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 24

25 Graficamente: le curve di reazione e l equilibrio nel modello di Hotelling p i p N i p j *(p i ) 45 p i *(p j ) (c+t)/2 ρ tgρ = 1/2 ρ (c+t)/2 p j N p j IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 25

26 L equilibrio nel modello di Hotelling p 1 p 2 c + 2t p 2N + t(1 x) p 1N + tx D 1 (p 1, p 2N ) p 1 N α α p 2 N c α β 0 1/2 1 R 1 (q 1 ) tgα = t, tg β = 2t, p 1N = p 2N = c + t. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 26

27 Il Modello di Hotelling: conclusione Si noti che P 1 (q 1 ) = (2t + c) 2tq 1 è la curva di domanda inversa ( residuale ) dell impresa 1 nell ipotesi che l impresa 2 adotti il prezzo p 2N = c + t. Perciò nel grafico precedente R 1 (q 1 ) = (2t + c) 4tq 1 è il ricavo marginale rilevante dell impresa 1. Si noti soprattutto che p in > c, a causa del fatto che la presenza di costi di trasporto rende il prodotto di fatto differenziato. Se infatti fosse t = 0 allora le curve di domanda sarebbero perfettamente elastiche al prezzo c e il paradosso di Bertrand (si veda il Capitolo 7) si applicherebbe (ovvero si otterrebbe p in = c). Si noti infine che L in = t/(c + t), ovvero il potere di mercato esercitato dalle imprese cresce al crescere di t. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 27

28 Il Modello di Hotelling: welfare E il caso di notare anche che, prendendo per dato il posizionamento delle imprese, dal punto di vista del benessere collettivo il potere di mercato, nell ipotesi che questo sia comunque interamente servito ( coper- to ) dalle imprese, non crea alcuna inefficienza allocativa ma ha solo effetti distributivi a favore delle imprese e a danno dei consumatori (la conclusione sarebbe diversa se alcuni consumatori finissero per non acquistare il bene a causa di un prezzo troppo elevato). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 28

29 Le scelte di posizionamento Se il prodotto è potenzialmente differenziato, le imprese devono dunque effettuare cruciali scelte di posizionamento, per e- sempio geografico (dove aprire i negozi), ma più in generale in termini della varietà da produrre (quanto zuccherata l aranciata?). Il problema essenziale è quello di scegliere se e quanto differenziarsi ( allontanarsi ) dalla varietà scelta dalle concorrenti. Possiamo immaginare che tali scelte strategiche avvengano all interno di un gioco a due stadi, in cui la posizione/varietà viene scelta per prima (in quanto scelta di lungo periodo ), come già nel caso delle scelte di capacità à la Edgeworth. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 29

30 Le scelte di posizionamento: continuazione Naturalmente, nell SPNE del gioco, le scelte di posizionamento andranno effettuate tenendo conto dell influenza che avranno, nel secondo stadio, sulle scelte di prezzo. Ci sono essenzialmente due effetti che vanno considerati: il cosiddetto effetto diretto consiste nel fatto che, a parità dei prezzi, avvicinandosi alle scelte di posizionamento delle concorrenti si copre meglio il mercato e la propria quantità domandata aumenta. L effetto strategico emerge invece tenuto conto del fatto che più vicine sono le scelte di posizionamento più tendenzialmente intensa sarà la concorrenza (e più bassi i prezzi di equilibrio). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 30

31 Le scelte di posizionamento: continuazione Con riferimento al modello di Hotelling, si supponga ora che le imprese 1 e 2 scelgano di collocarsi in a e in b, dove 1 > b > a > 0. Dati i prezzi scelti dalle imprese, un consumatore indifferente esisterà solo se l equazione: p 1 + t(x a) = p 2 + t(b x) ha una soluzione x [a, b] (altrimenti una sola delle imprese servirà tutto il mercato, sotto l usuale ipotesi che esso sia comunque interamente coperto). Risolvendo si ottiene facilmente: D 1 (p 1, p 2 ) = x = (a + b)/2 + (p 2 - p 1 )/(2t), D 2 (p 1, p 2 ) = 1 - x = 1 - (a + b)/2 + (p 1 - p 2 )/(2t). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 31

32 L effetto diretto nel modello di Hotelling L espressione per la domanda D i (p i, p j ) sopra derivata illustra chiaramente l effetto diretto: all aumentare di a (rispettivamente al diminuire di b) la domanda D 1 (rispettivamente D 2 ) aumenta, a parità di prezzi e del posizionamento delle concorrente (purché b > a). In particolare, la posizione del consumatore indifferente si sposta in tal caso verso la concorrente, aumentando la quota di mercato dell impresa esaminata (con consumatori uniformemente distribuiti). L idea intuitiva è che avvicinandosi al concorrente (a parità di prezzi) gli si sottraggono clienti. Si veda il grafico successivo. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 32

33 L effetto diretto nel modello di Hotelling p 1 p 2 p p 1 + t(x a) 1 + t(1 a) p 2 + tb p 2 + t(b x) b a p 2 p 1 d 2 (x) 0 a x b 1 D 1 (p 1, p 2 )= x, D 2 (p 1, p 2 ) = 1 x IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 33

34 L effetto di posizionamento strategico Tuttavia, com è altrettanto intuitivo, tanto più vicini si è al concorrente in termini di posizionamento, minore sarà il suo prezzo di equilibrio, e minori pertanto i profitti estraibili dal mercato. Si consideri per esempio il caso in cui a = b: in tale situazione i prodotti non sono di fatto diffe- renziati e il risultato di Bertrand perciò si applica, con imprese che fanno prezzi uguali al costo marginale e profitti nulli. L effetto strategico punta dunque in direzione opposta a quello diretto (incentiva alla differenziazione), e la sintesi finale dipende dai costi di trasporto (e dalla distribuzione dei consumatori). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 34

35 Posizionamento: conclusioni Quello che si può concludere è che tanto minore la competizione di prezzo, tanto più vicine saranno le scelte di posizionamento delle imprese, e viceversa. Si pensi per esempio al caso in cui i prezzi siano regolamentati esogenamente: in tal caso ci si dovrebbe aspettare una convergenza nel posizionamento delle imprese (si applicherebbe una sorta di principio di minima differenziazione, già ipotizzato da Hotelling). Si noti però che, nell ipotesi di mercato coperto, la localizzazione delle imprese allocativamente efficiente dovrebbe mirare piuttosto alla minimizzazione dei costi di trasporto complessivi. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 35

36 Informazione imperfetta e switching costs Talora le differenze del prodotto sono in larga misura soggettive, dovute all imperfetta conoscenza dei consumatori (magari abilmente manipolata dalle tecniche di marketing). Dal punto di vista dell analisi del potere di mercato, tuttavia, l analisi precedente si applica senza problemi (diverse saranno però le conseguenze in termini di welfare, che divengono problematiche). Un caso diverso (ma simile negli effetti) è quello nel quale i consumatori, pur in presenza di prodotti sostanzialmente omogenei, non sono inizialmente perfettamente informati sui prezzi (e devono pertanto sostenere dei costi di ricerca delle informazioni ), oppure sostengono costi nel caso in cui cambino il loro fornitore. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 36

37 Search costs Supponiamo che vi siano molti consumatori interessati al prodotto (omogeneo) di n imprese diverse, e che l utilità dell acquisto di una unità di bene sia u. Supponiamo inoltre che i prezzi delle imprese non siano inizialmente noti ai consumatori, che per sco- prirli devono sostenere un costo di ricerca pari a s per ciascuna impresa. Ci sono molti equilibri possibili se le imprese competono scegliendo i prezzi (à la Bertrand), e i consumatori formulano delle congetture confermate dai comportamenti delle imprese in termini di prezzo. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 37

38 Costi di ricerca: continuazione In uno di questi equilibri tutte le imprese praticano il prezzo di monopolio (pari a u - s: Diamond, 1971)! Infatti se tutte le imprese praticano lo stesso prezzo nessun consumatore ha ragione di effettuare ri- cerche, e in tal caso nessuna impresa ha un incen-tivo ad abbassare il prezzo (ciò vale in effetti per ciascun equilibrio simmetrico). Dunque la presenza di costi di ricerca (per quanto eventualmente piccoli) può indurre prezzi di monopolio anche con prodotto omogeneo e comportamento à la Bertrand! IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 38

39 Switching costs In molti casi il cambiamento di fornitore causa ai consumatori un costo: si pensi alla necessità di far pratica di un nuovo programma o addirittura di un nuovo sistema operativo per computer. La situazione è simile al caso della presenza di costi di ricerca, anche se tutti i consumatori sono perfetta- mente informati sui prezzi. Supponiamo infatti che s sia ora il costo di switch: si capisce facilmente che nel setting precedente esiste adesso un unico equilibrio con p in = u, se s è sufficientemente grande da scoraggiare le imprese a tagliare i prezzi abbastanza da attrarre altri consumatori. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 39

40 Search and Switching costs In effetti, per ogni prezzo inferiore a u le imprese avrebbero convenienza ad aumentarlo (di un ammontare non superiore a s: Klemperer, 1995). Anche se i risultati di perfetta monopolizzazione sopra esposti sono dovuti all estrema semplificazione del modello presentato, si può dire più in generale e in via di sintesi che più alti sono i costi di ricerca che i consumatori devono sopportare, o i costi per mutare il fornitore precedente, più elevato è l esercizio del potere di mercato da parte delle imprese. Per questa ragione le imprese hanno potenzialmente un forte incentivo a creare artatamente simili costi! IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 40

41 La dispersione dei prezzi Le differenze di prezzo tra paesi, fornitori e mezzi di vendita (per esempio in agenzia o via internet) per prodotti apparentemente omogenei sono molto comuni. Esse possono essere dovute a pratiche di discriminazione di prezzo (Capitolo 10), a differenze nella tas- sazione o nella regolamentazione tra paesi/operatori, oppure a effettive differenze nei costi della distribuzione. In alcuni casi (per esempio i biglietti aerei), è possibile fornire anche una spiegazione basata sulla presenza di costi (oggettivi o soggettivi) di ricerca. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 41

42 La dispersione dei prezzi: continuazione Se infatti i consumatori hanno costi di ricerca differenti, è possibile che le imprese specializzino le proprie politiche di prezzo come segue. Supponiamo che vi siano due tipi di consumatori, uno con significativi costi di ricerca e uno con costi di ricerca essenzial- mente nulli. Se le imprese praticano prezzi elevati oppure bassi con differenze non troppo elevate (rispetto ai costi di ricerca), allora i consumatori con costi di ricerca comprano dal primo venditore nel quale si imbattono, pur consapevoli della possibilità che ne esistano altri con prezzi inferiori. Invece, naturalmente, i consumatori con costi di ricerca nulli si servono dalle imprese che praticano i prezzi più bassi. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 42

43 La dispersione dei prezzi: conclusione Un comportamento del genere da parte delle imprese può in effetti costituire un equilibrio (in un cosiddetto modello con turisti e residenti ) se le imprese che praticano prezzi bassi compensano con vendite maggiori i minori margini unitari (tali imprese vendono in effetti ai consumatori informati e anche ad alcuni degli altri, che li scelgono casualmente). Si tratta di una razionalizzazione delle cosiddette trappole per turisti. Si noti che i turisti potrebbero anche avere un costo opportunità del tempo speso in ricerca più basso, ma i residenti hanno incentivi maggiori ad informarsi per il fatto che i loro acquisti si ripetono nel tempo! IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 43

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/2994353 XIV LEZIONE 12/11/2012 Intervento A.D. Rainbow Magic Land Il giorno 16 novembre, dalle 16 alle 18 si terrà in aula T1 l'intervento

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Differenziazione del prodotto Differenziazione

Dettagli

Lezione XIII: La pubblicità

Lezione XIII: La pubblicità Lezione XIII: La pubblicità Le spese per la pubblicità (per la promozione delle vendite) sono ingenti in molti settori (per esempio quello farmaceutico, o quello delle bevande analcoliche), e si configurano

Dettagli

Lezione XI: Relazioni verticali

Lezione XI: Relazioni verticali Lezione XI: Relazioni verticali In molti casi i clienti delle imprese non sono consumatori finali ma altre imprese (intermediarie o di trasformazione): si pen- si alla catena produttore/grossista/dettagliante

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Economia e Statistica Regionale. Roberto Basile

Economia e Statistica Regionale. Roberto Basile Economia e Statistica Regionale Modelli teorici, modelli statistici ed evidenze empiriche Roberto Basile Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Economia Dispense preparate per il corso di

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 LA CONCORRENZA DEI PREZZI Differenziazione/Oligopolio Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 4635 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 Economia industriale: Prof. Gianmaria Martini

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado Lezione 3 omportamento monopolistico ome dovrebbe fissare il prezzo un monopolista? Fino ad ora abbiamo pensato al monopolio come ad un impresa che deve vendere il suo prodotto allo stesso prezzo per ogni

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

1996: il prezzo salì a $5.00 per bushel con contestazioni sui vecchi contratti

1996: il prezzo salì a $5.00 per bushel con contestazioni sui vecchi contratti MICRO ECONOMIA Analisi della Domanda e dell Offerta 1. Motivazioni 2. Definizione di Mercati Competitivi 3. La Funzione di Domanda di Mercato 4. La Funzione di Offerta di Mercato 5. Equilibrio e sue caratteristiche

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 9 Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato Forme di concorrenza imperfetta Esistono tre forme di concorrenza imperfetta: 1) Monopolio una singola impresa tratta con molti acquirenti;

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Lezione X: La discriminazione di prezzo

Lezione X: La discriminazione di prezzo Lezione X: La discriminazione di prezzo Difficilmente due passeggeri di un volo di linea avranno pagato prezzi simili per quello stesso volo, pur tenendo conto del tipo di biglietto (classe di volo, cambiabilità,

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

COMPORTAMENTO MONOPOLISTICO

COMPORTAMENTO MONOPOLISTICO COMPORTAMENTO MONOPOLISTICO LE DISCRIMINAZIONI DI PREZZO In mercato concorrenziale, esistono molte imprese che vendono prodotto identico. Se un impresa tenta di vendere il suo prodotto ad un prezzo superiore

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria. Corso di ECONOMIA INDUSTRIALE. Introduzione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria. Corso di ECONOMIA INDUSTRIALE. Introduzione Corso di ECONOMIA INDUTRIALE roff Gianmaria Martini, Giuliano Masiero UNIVERITÀ DEGLI TUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria Lezione 13: Effetti della spesa pubblicitaria Ve 19 Nov 2004 Introduzione er

Dettagli

13.4 Risposte alle domande di ripasso

13.4 Risposte alle domande di ripasso 86 Capitolo 13 13.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il modello di Cournot è incentrato sull ipotesi che ciascuna impresa consideri costante il livello attuale di output delle concorrenti. Il modello

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO Diego Medici Gli investitori e gli analisti in questi mesi non ritengono più sufficienti

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro Introduzione all economia dell informazione Varian, Farrell, Shapiro In economia, l informazione ha un duplice ruolo. Da un lato, l informazione perfetta è un elemento chiave per raggiungere l efficienza:

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale anna-randaccio Lezione n. 2 Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale Commercio dovuto al vantaggio comparato (commercio inter-industriale) e commercio dovuto alla presenza di

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Pubblicità (Forma di investimento strategico) Introduzione L intensità

Dettagli

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1 Esame di Microeconomia: Soluzioni Università di Bari - Corso di laurea in Economia e Commercio prof. Coco e dott. Brunori 30-01-2012 VERSIONE A Esercizio 1 Carmen e Tosca sono due sorelle hanno una funzione

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Monopolio e regolamentazione Introduzione Regola dell elasticità Inefficienza

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

MD6 Formazione dei prezzi. Domanda e offerta Concorrenza perfetta Monopolio

MD6 Formazione dei prezzi. Domanda e offerta Concorrenza perfetta Monopolio MD6 Formazione dei prezzi Domanda e offerta Concorrenza perfetta Monopolio Domanda e Offerta In occasione delle festività natalizie, la tratta Milano-Londra è molto richiesta. Diverse compagnie Low Cost

Dettagli

DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.)

DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.) DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.) 1) Scrivete la funzione di profitto di un'impresa e definite i termini che la

Dettagli

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia)

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) Capitoli: 1-9 Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) 1 Capitolo 1 Problema 2 Coltivazione di pomodori: prezzo al mercato 30 cent. al KG La produzione finale dipende dall utilizzo di concime

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Pagine di apertura VII XXII 26-05-2003 14:45 Pagina VII Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Capitolo 1 L economia di mercato

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Restrizioni verticali e integrazione verticale

Restrizioni verticali e integrazione verticale Restrizioni verticali e integrazione verticale Spesso le imprese operanti in diversi stadi della filiera produttiva (es. produttore-distributore) sottoscrivono contratti finalizzati a 1. ridurre i costi

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Differenziazione del Prodotto (DP)

Differenziazione del Prodotto (DP) Differenziazione del Prodotto (DP) DP significa che le imprese vendono beni che il consumatore percepisce come differenti In caso contrario beni omogenei DP è molto diffusa, anche in presenza di beni apparentemente

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Introduzione Discriminazione di prezzo Tipologie di discriminazione Prezzi

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

L'oligopolio di Cournot

L'oligopolio di Cournot L'oligopolio di Cournot Esaminiamo la soluzione di Cournot al problema della formazione dei prezzi e delle quantità di equilibrio in oligopolio. Partiamo dal caso più semplice, quello in cui gli oligopolisti

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizi Modulo Impresa Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizio 1 lez.6 Una donna che lavora in un negozio di fotocopie guadagnando

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

Capitolo 5 L influenza del prezzo e del reddito degli acquirenti

Capitolo 5 L influenza del prezzo e del reddito degli acquirenti Capitolo 5 L influenza del prezzo e del reddito degli acquirenti Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia,, cap.5 McGraw-Hill, 2001

Dettagli

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus omanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus Il comportamento dei consumatori relativamente ad un certo bene viene, come noto, descritto di solito tramite una curva di domanda: una curva

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Differenziazione del prodotto: aspetti generali

Differenziazione del prodotto: aspetti generali Capitolo 11 Differenziazione del prodotto: aspetti generali 11.1. Pervasività ed importanza del fenomeno della differenziazione del prodotto 11.2. Differenziazione del prodotto e concetto di industria

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

Struttura di mercato e potere di mercato

Struttura di mercato e potere di mercato Struttura di mercato e potere di mercato Valutazione del potere di mercato Potere di mercato dal punto di vista teorico: P>Cma Come valutare il potere di mercato in concreto? Prima problema cosa intendiamo

Dettagli

Il Business Plan. Concetti base

Il Business Plan. Concetti base Il Business Plan Concetti base LA PIANIFICAZIONE E il processo con il quale Si stabiliscono gli obiettivi da raggiungere nel periodo (3-5 anni) Si individuano le risorse (umane e finanziarie) e gli strumenti

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE V LE FORME DI MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 1.1. Le

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI 11-1. Fate l ipotesi che ci siano 100 lavoratori in un economia in cui operano due imprese. Per l impresa A, il prodotto marginale dei lavoratori è pari a 35 l ora. Per

Dettagli

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A COMPITO TIPO A - QUESTO TESTO DEVE ESSERE RI-CONSEGNATO Cognome: Nome: Matricola: AVVISI IMPORTANTI 1. PROPEDEUTICITA : ogni voto assegnato PRIMA di aver superato gli

Dettagli