Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione XII: La differenziazione del prodotto"

Transcript

1 Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione dell offerta) potrebbero sem- brare (quasi) perfettamente competitivi, ma la cui prestazione tuttavia appare molto diversa: un buon esempio è il mercato italiano delle assicurazioni contro il furto e l incendio dell automobile (un altro esempio è il mercato statunitense delle carte di credito), per il quale il margine di profitto è apparentemente molto alto. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 1

2 Differenziazione del prodotto e switching cost Due possibili spiegazioni, non indipendenti, sono relative alla possibile presenza di: 1) effettiva differenziazione del prodotto (differenza nelle clausole contrattuali, nell affidabilità delle compagnie assicurative, nella distanza da casa delle agenzie, etc.). In tal caso, come vedremo, gli effetti della competizione risultano indeboliti, e i prezzi di equilibrio possono effettivamente essere superiori ai costi marginali anche in presenza di molti competitori. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 2

3 Differenziazione del prodotto e switching cost: continuazione 2) switching cost: costi relativi al cambiamento del fornitore di natura informativa e amministrativa, potenzialmente creati strategicamente dalle stesse imprese (ex: niente ass. furto senza la RC auto), e in generale radicati nell atteggiamento tendenzialmente passivo di molti consumatori. Anche in questo caso, i beni offerti dai diversi competitori possono di fatto risultare come differenziati, e gli effetti sui prezzi di equilibrio sono analoghi a quelli implicati da tale condizione. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 3

4 Differenziazione del prodotto In molti casi i prodotti proposti sul mercato nella stessa tipologia merceologica sono di fatto differenti, e/o vengono valutati diversamente da consumatori differenti. Si parla di differenziazione orizzontale (o per varietà) tra due prodotti se alcuni consumatori hanno preferenze opposte relativamente alla scelta tra essi. Vi è invece differenziazione verticale (o per qualità) se a parità di prezzo (e di eventuali altri aspetti contrattuali) tutti i consumatori preferiscono (magari con intensità diversa) il medesimo prodotto all altro. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 4

5 L approccio delle caratteristiche In molti casi reali, i beni presentano elementi di differenziazione sia verticale che orizzontale. Per esempio, un computer potrebbe essere mol- to potente ma piuttosto pesante, e un altro molto leggero ma poco potente. Perciò, persino se tutti i potenziali utenti fossero d accordo nell apprezzare sia la leggerezza sia la potenza, potrebbe ben essere che alcuni preferiscano il primo e alcuni il secondo. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 5

6 L approccio delle caratteristiche: continuazione L ultimo esempio suggerisce di pensare ai beni come pacchetti (bundle) di caratteristiche (assunte misurabili), la cui domanda è di fatto derivata dalla domanda per le caratteristiche contenute. Quest approccio delle caratteristiche (dovuto a Lancaster, 1971), è illustrato sul Cabral nel caso della scelta tra due automobili nelle Tab di p. 257, in cui le valutazioni ( disponibilità a pagare ) di due potenziali consumatori per le caratteristiche rilevanti sono presentate in migliaia di euro. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 6

7 Tabb , p. 257: IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 7

8 L approccio delle caratteristiche: continuazione Esso assume che la disponibilità a pagare complessiva di uno specifico consumatore i per un dato bene k, u ik, sia ottenuta come somma del valore che egli associa alle singole caratteristiche contenute: u ik = Σ j b ij c kj - p k, dove b ij la valutazione del consumatore i per la caratteristica j, c kj è l ammontare di caratteristica j contenuta nel bene k, e p k è il prezzo di quest ultimo. Il bene k è dunque identificato dal vettore delle sue m caratteristiche c k = [c k1, c k2,, c km ]: verrà acquistato al posto del bene h se u ik > u ih. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 8

9 L approccio delle caratteristiche: conclusione L approccio delle caratteristiche permette di modellare sia il caso di beni differenziati verticalmente (la Porsche e la Panda se solo le caratteristiche 1, 2 e 4 fossero rilevanti), sia il caso di beni differenziati o- rizzontalmente (la Porsche e la Panda nell esempio). Permette inoltre di concentrare l anali empirica su di un numero (m) relativamente contenuto di caratteristiche, in presenza di una dimensione di varietà (n) potenzialmente molto più elevata (si stimano m x n parametri invece di n 2 elasticità di prezzo incrociate). Permette di strutturare semplicemente le strategie di posizionamento (positioning) delle imprese. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 9

10 Differenziazione e potere di mercato Si consideri il seguente modello di differenziazione orizzontale: due venditori di gelato sono collocati agli estremi di una spiaggia (di lunghezza 1 Km, per semplicità). Anche se vendono gli stessi gelati, e magari agli stessi prezzi, il loro prodotto sarà considerato differentemente dai consumatori sparsi lungo la spiaggia, in funzione della collocazione di questi ultimi. In particolare, la differenza la faranno (almeno potenzialmente) i costi di trasporto che i consumatori devono sostenere per recarsi presso i venditori. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 10

11 Il Modello di Hotelling In effetti, è chiaro che per un consumatore collocato all inizio della spiaggia, recarsi a comprare il gelato al capo opposto potrebbe (dipenderà dai prezzi e dalla distanza) essere meno conveniente che andare dal gelataio più vicino. Si noti inoltre che la situazione appena descritta, che caratterizza il considdetto modello di Hotelling (1929), è analoga a quella di un qualunque altro caso di distribuzione geografica dei venditori, se i costi di trasporto sono a carico dei compratori (ex: ristoranti, distributori di benzina, agenzie di viaggio). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 11

12 Il Modello di Hotelling: continuazione Non è infine difficile capire che in effetti la situazione descritta dal modello di Hotelling è simile anche a quella nella quale i consumatori hanno gusti diversi rispetto ad una certa caratteristica, e affrontano dei costi di trasporto (cioè perdono utilità) in funzione della distanza tra la loro versione ideale e quella che di fatto trovano sul mercato. Per esempio, si pensi all amante dell aranciata amara che debba però scegliere tra due bevande contenenti quantità diverse di zucchero. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 12

13 Il Modello di Hotelling: continuazione Secondo la versione duopolistica del modello di Hotelling, i consumatori sono uniformente distribuiti lungo il segmento unitario che rappresenta la spiaggia, e le due imprese competono à la Bertrand. In particolare, l impresa 1 è localizzata nel punto 0 (inizio della spiaggia), e l impresa 2 nel punto 1 (fine della spiaggia). I consumatori sopportano dunque un costo di trasporto ( lineare ) pari a t per la distanza percorsa (td i, i = 1,2). Se dunque il consumatore localizzato nel punto x [0,1] si reca a comprare dal gelataio 1, sopporta un costo totale pari a tx + p 1, mentre pagherebbe t(1 x) + p 2 se comprasse dall impresa 2. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 13

14 Il Modello di Hotelling: continuazione Formalmente, immaginiamo che acquistando dal venditore i il consumatore in x ottenga un utilità pari a: U i = u p i td i (x), dove d i (x) è la distanza tra x e la localizzazione dell impresa i. Supponiamo che l utilità del bene (u) sia così elevata che comunque i consumatori comprino (una singola unità, per semplicità), l unico loro problema decisionale essendo dunque quello di decidere da quale impresa comprare. Il consumatore acquisterà perciò da i se U i > U j (i,j = 1,2, i j), mentre sarà indifferente se U i = U j. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 14

15 Graficamente (dati i prezzi p 1 e p 2 ): x è il consumatore indifferente p1 p 2 + t(1 x) p 1 + tx p 2 p 2 + td 2 p 1 + td 1 p 1 α α p 2 d 1 (x) d 2 (x) 0 x x 1 p 1 + tx = p 2 + t(1 x), tgα = t IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 15

16 Il Modello di Hotelling: continuazione Si vede chiaramente nella precedente figura che il consumatore indifferente tra i due venditori è collocato in x, mentre quelli collocati alla sua sinistra (rispettivamente alla sua destra) preferiscono comprare da 1 (rispettivamente da 2), a cui sono più vicini. Si noti inoltre che pur essendo nella figura p 2 > p 1, e pur competendo à la Bertrand le imprese, la domanda dell impresa 2 non è (necessariamente) nulla. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 16

17 Il Modello di Hotelling: continuazione Si può in effetti facilmente dedurre che le domanda di 1 e 2, dati i prezzi da loro decisi, e nell ipotesi che tutti acquistino, saranno in generale pari a D 1 = x e D 2 = 1 x (assumiamo per semplicità che il numero complessivo di consumatori, N, sia uguale a 1), dove x è il consumatore indifferente tra i due venditori (assumendo che questi esista). Poiché la condizione di indifferenza risulta: p 1 + tx = p 2 + t(1 x), si ottiene facilmente che: D 1 (p 1, p 2 ) = ½ + (p 2 - p 1 )/(2t) e D 2 (p 1, p 2 ) = ½ + (p 1 - p 2 )/(2t). Si noti che D i (p i, p j ) è una funzione lineare di p i, che si sposta parallelamente verso l alto all aumentare di p j (i j). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 17

18 Il Modello di Hotelling: continuazione Si noti poi che D i diventa nulla se p i = p j + t (il consumatore indifferente si localizza dove il venditore i ha il suo negozio), ed è pari a 1 se p i = p j - t (il consumatore indifferente si localizza dove il venditore j ha il suo negozio). Perciò (i j): D i = 0 se p i p j + t, D i (p i, p j ) = ½ + (p j - p i )/(2t) se p j + t p i p j t, D i = 1 se p i p j t. La domanda dell impresa 1 è illustrata graficamente nella prossima figura. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 18

19 La domanda nel modello di Hotelling (p 2 > t) p 1 p 2 p 2 + t p 2 + t(1 x) p 1 + tx D 1 (p 1,p 2 ) p 1 α α p 2 p 2 - t α β 0 x 1 D 1 (p 1,p 2 ) = x, tgα = t, tg β = 2t IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 19

20 Il Modello di Hotelling: continuazione Si noti che la domanda ad angolo precedentemente identificata assume che sia p j t. Se invece p j < t, allora anche fissando p i = 0 l impresa i non può appropriarsi di tutti i consumatori, e la sua domanda avrà un intercetta sull asse delle ascisse pari a D i (0, p j ) = (t + p j )/(2t). Ovvero: D i = 0 se p i p j + t, D i (p i, p j ) = ½ + (p j - p i )/(2t) se p j + t p i 0. Tale caso è illustrato graficamente nella prossima figura. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 20

21 La domanda nel modello di Hotelling (p 2 < t) p 1 p 2 p 2 + t p 1 p 2 + t(1 x) α D 1 (p 1,p 2 ) p 1 + tx t α 0 x (t + p j )/(2t) 1 D 1 (p 1,p 2 ) = x, tgα = t, tg β = 2t β α p 2 IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 21

22 Il Modello di Hotelling: curve di reazione Assumendo un costo unitario costante pari a c, la funzione di profitto di ciascuna impresa risulta: π i (p i, p j ) = (p i - c)d i (p i, p j ). Diversamente dal caso standard del duopolio à la Bertrand, la curva di domanda (e pertanto quella di profitto) non è discontinua e la curva di reazione di ciascuna impresa può essere caratterizzata (come in Cournot) utilizzando la condizione del primo ordine (FOC) per la massimizzazione del profitto (nell ipotesi che la produzione delle imprese copra complessivamente tutto il mercato). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 22

23 Il Modello di Hotelling: curve di reazione Ignorando la possibilità di un ottimo di frontiera (nell angolo della curva di domanda) in cui un impresa da sola copra l intero mercato poiché questo non può corrispondere a un equilibrio di duopolio (l altra impresa non venderebbe nulla), la FOC risulta: D i (p i, p j ) + (p i - c) D i (p i, p j )/ p i = ½ + (p j - p i )/(2t) - (p i - c)/(2t) = ½ + (p j + c)/(2t) - p i /t = 0 (la SOC, - 1/t < 0, è sempre soddisfatta), ovvero: p i *(p j ) = (p j + t + c )/2. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 23

24 Il Modello di Hotelling: equilibrio Si noti che le curve di reazione sono lineari e crescenti, con un intercetta che cresce al crescere di t (e di c) e un coefficiente angolare pari a ½. In effetti, il valore della curva di reazione non è altro che il prezzo di monopolio per un impresa che aves- se come curva di domanda (lineare) quella sopra identificata. Nell (unico, simmetrico) equilibrio di Nash (rappresentato nei due grafici che seguono) si ottiene pertanto: p in = p jn = c + t. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 24

25 Graficamente: le curve di reazione e l equilibrio nel modello di Hotelling p i p N i p j *(p i ) 45 p i *(p j ) (c+t)/2 ρ tgρ = 1/2 ρ (c+t)/2 p j N p j IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 25

26 L equilibrio nel modello di Hotelling p 1 p 2 c + 2t p 2N + t(1 x) p 1N + tx D 1 (p 1, p 2N ) p 1 N α α p 2 N c α β 0 1/2 1 R 1 (q 1 ) tgα = t, tg β = 2t, p 1N = p 2N = c + t. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 26

27 Il Modello di Hotelling: conclusione Si noti che P 1 (q 1 ) = (2t + c) 2tq 1 è la curva di domanda inversa ( residuale ) dell impresa 1 nell ipotesi che l impresa 2 adotti il prezzo p 2N = c + t. Perciò nel grafico precedente R 1 (q 1 ) = (2t + c) 4tq 1 è il ricavo marginale rilevante dell impresa 1. Si noti soprattutto che p in > c, a causa del fatto che la presenza di costi di trasporto rende il prodotto di fatto differenziato. Se infatti fosse t = 0 allora le curve di domanda sarebbero perfettamente elastiche al prezzo c e il paradosso di Bertrand (si veda il Capitolo 7) si applicherebbe (ovvero si otterrebbe p in = c). Si noti infine che L in = t/(c + t), ovvero il potere di mercato esercitato dalle imprese cresce al crescere di t. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 27

28 Il Modello di Hotelling: welfare E il caso di notare anche che, prendendo per dato il posizionamento delle imprese, dal punto di vista del benessere collettivo il potere di mercato, nell ipotesi che questo sia comunque interamente servito ( coper- to ) dalle imprese, non crea alcuna inefficienza allocativa ma ha solo effetti distributivi a favore delle imprese e a danno dei consumatori (la conclusione sarebbe diversa se alcuni consumatori finissero per non acquistare il bene a causa di un prezzo troppo elevato). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 28

29 Le scelte di posizionamento Se il prodotto è potenzialmente differenziato, le imprese devono dunque effettuare cruciali scelte di posizionamento, per e- sempio geografico (dove aprire i negozi), ma più in generale in termini della varietà da produrre (quanto zuccherata l aranciata?). Il problema essenziale è quello di scegliere se e quanto differenziarsi ( allontanarsi ) dalla varietà scelta dalle concorrenti. Possiamo immaginare che tali scelte strategiche avvengano all interno di un gioco a due stadi, in cui la posizione/varietà viene scelta per prima (in quanto scelta di lungo periodo ), come già nel caso delle scelte di capacità à la Edgeworth. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 29

30 Le scelte di posizionamento: continuazione Naturalmente, nell SPNE del gioco, le scelte di posizionamento andranno effettuate tenendo conto dell influenza che avranno, nel secondo stadio, sulle scelte di prezzo. Ci sono essenzialmente due effetti che vanno considerati: il cosiddetto effetto diretto consiste nel fatto che, a parità dei prezzi, avvicinandosi alle scelte di posizionamento delle concorrenti si copre meglio il mercato e la propria quantità domandata aumenta. L effetto strategico emerge invece tenuto conto del fatto che più vicine sono le scelte di posizionamento più tendenzialmente intensa sarà la concorrenza (e più bassi i prezzi di equilibrio). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 30

31 Le scelte di posizionamento: continuazione Con riferimento al modello di Hotelling, si supponga ora che le imprese 1 e 2 scelgano di collocarsi in a e in b, dove 1 > b > a > 0. Dati i prezzi scelti dalle imprese, un consumatore indifferente esisterà solo se l equazione: p 1 + t(x a) = p 2 + t(b x) ha una soluzione x [a, b] (altrimenti una sola delle imprese servirà tutto il mercato, sotto l usuale ipotesi che esso sia comunque interamente coperto). Risolvendo si ottiene facilmente: D 1 (p 1, p 2 ) = x = (a + b)/2 + (p 2 - p 1 )/(2t), D 2 (p 1, p 2 ) = 1 - x = 1 - (a + b)/2 + (p 1 - p 2 )/(2t). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 31

32 L effetto diretto nel modello di Hotelling L espressione per la domanda D i (p i, p j ) sopra derivata illustra chiaramente l effetto diretto: all aumentare di a (rispettivamente al diminuire di b) la domanda D 1 (rispettivamente D 2 ) aumenta, a parità di prezzi e del posizionamento delle concorrente (purché b > a). In particolare, la posizione del consumatore indifferente si sposta in tal caso verso la concorrente, aumentando la quota di mercato dell impresa esaminata (con consumatori uniformemente distribuiti). L idea intuitiva è che avvicinandosi al concorrente (a parità di prezzi) gli si sottraggono clienti. Si veda il grafico successivo. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 32

33 L effetto diretto nel modello di Hotelling p 1 p 2 p p 1 + t(x a) 1 + t(1 a) p 2 + tb p 2 + t(b x) b a p 2 p 1 d 2 (x) 0 a x b 1 D 1 (p 1, p 2 )= x, D 2 (p 1, p 2 ) = 1 x IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 33

34 L effetto di posizionamento strategico Tuttavia, com è altrettanto intuitivo, tanto più vicini si è al concorrente in termini di posizionamento, minore sarà il suo prezzo di equilibrio, e minori pertanto i profitti estraibili dal mercato. Si consideri per esempio il caso in cui a = b: in tale situazione i prodotti non sono di fatto diffe- renziati e il risultato di Bertrand perciò si applica, con imprese che fanno prezzi uguali al costo marginale e profitti nulli. L effetto strategico punta dunque in direzione opposta a quello diretto (incentiva alla differenziazione), e la sintesi finale dipende dai costi di trasporto (e dalla distribuzione dei consumatori). IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 34

35 Posizionamento: conclusioni Quello che si può concludere è che tanto minore la competizione di prezzo, tanto più vicine saranno le scelte di posizionamento delle imprese, e viceversa. Si pensi per esempio al caso in cui i prezzi siano regolamentati esogenamente: in tal caso ci si dovrebbe aspettare una convergenza nel posizionamento delle imprese (si applicherebbe una sorta di principio di minima differenziazione, già ipotizzato da Hotelling). Si noti però che, nell ipotesi di mercato coperto, la localizzazione delle imprese allocativamente efficiente dovrebbe mirare piuttosto alla minimizzazione dei costi di trasporto complessivi. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 35

36 Informazione imperfetta e switching costs Talora le differenze del prodotto sono in larga misura soggettive, dovute all imperfetta conoscenza dei consumatori (magari abilmente manipolata dalle tecniche di marketing). Dal punto di vista dell analisi del potere di mercato, tuttavia, l analisi precedente si applica senza problemi (diverse saranno però le conseguenze in termini di welfare, che divengono problematiche). Un caso diverso (ma simile negli effetti) è quello nel quale i consumatori, pur in presenza di prodotti sostanzialmente omogenei, non sono inizialmente perfettamente informati sui prezzi (e devono pertanto sostenere dei costi di ricerca delle informazioni ), oppure sostengono costi nel caso in cui cambino il loro fornitore. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 36

37 Search costs Supponiamo che vi siano molti consumatori interessati al prodotto (omogeneo) di n imprese diverse, e che l utilità dell acquisto di una unità di bene sia u. Supponiamo inoltre che i prezzi delle imprese non siano inizialmente noti ai consumatori, che per sco- prirli devono sostenere un costo di ricerca pari a s per ciascuna impresa. Ci sono molti equilibri possibili se le imprese competono scegliendo i prezzi (à la Bertrand), e i consumatori formulano delle congetture confermate dai comportamenti delle imprese in termini di prezzo. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 37

38 Costi di ricerca: continuazione In uno di questi equilibri tutte le imprese praticano il prezzo di monopolio (pari a u - s: Diamond, 1971)! Infatti se tutte le imprese praticano lo stesso prezzo nessun consumatore ha ragione di effettuare ri- cerche, e in tal caso nessuna impresa ha un incen-tivo ad abbassare il prezzo (ciò vale in effetti per ciascun equilibrio simmetrico). Dunque la presenza di costi di ricerca (per quanto eventualmente piccoli) può indurre prezzi di monopolio anche con prodotto omogeneo e comportamento à la Bertrand! IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 38

39 Switching costs In molti casi il cambiamento di fornitore causa ai consumatori un costo: si pensi alla necessità di far pratica di un nuovo programma o addirittura di un nuovo sistema operativo per computer. La situazione è simile al caso della presenza di costi di ricerca, anche se tutti i consumatori sono perfetta- mente informati sui prezzi. Supponiamo infatti che s sia ora il costo di switch: si capisce facilmente che nel setting precedente esiste adesso un unico equilibrio con p in = u, se s è sufficientemente grande da scoraggiare le imprese a tagliare i prezzi abbastanza da attrarre altri consumatori. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 39

40 Search and Switching costs In effetti, per ogni prezzo inferiore a u le imprese avrebbero convenienza ad aumentarlo (di un ammontare non superiore a s: Klemperer, 1995). Anche se i risultati di perfetta monopolizzazione sopra esposti sono dovuti all estrema semplificazione del modello presentato, si può dire più in generale e in via di sintesi che più alti sono i costi di ricerca che i consumatori devono sopportare, o i costi per mutare il fornitore precedente, più elevato è l esercizio del potere di mercato da parte delle imprese. Per questa ragione le imprese hanno potenzialmente un forte incentivo a creare artatamente simili costi! IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 40

41 La dispersione dei prezzi Le differenze di prezzo tra paesi, fornitori e mezzi di vendita (per esempio in agenzia o via internet) per prodotti apparentemente omogenei sono molto comuni. Esse possono essere dovute a pratiche di discriminazione di prezzo (Capitolo 10), a differenze nella tas- sazione o nella regolamentazione tra paesi/operatori, oppure a effettive differenze nei costi della distribuzione. In alcuni casi (per esempio i biglietti aerei), è possibile fornire anche una spiegazione basata sulla presenza di costi (oggettivi o soggettivi) di ricerca. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 41

42 La dispersione dei prezzi: continuazione Se infatti i consumatori hanno costi di ricerca differenti, è possibile che le imprese specializzino le proprie politiche di prezzo come segue. Supponiamo che vi siano due tipi di consumatori, uno con significativi costi di ricerca e uno con costi di ricerca essenzial- mente nulli. Se le imprese praticano prezzi elevati oppure bassi con differenze non troppo elevate (rispetto ai costi di ricerca), allora i consumatori con costi di ricerca comprano dal primo venditore nel quale si imbattono, pur consapevoli della possibilità che ne esistano altri con prezzi inferiori. Invece, naturalmente, i consumatori con costi di ricerca nulli si servono dalle imprese che praticano i prezzi più bassi. IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 42

43 La dispersione dei prezzi: conclusione Un comportamento del genere da parte delle imprese può in effetti costituire un equilibrio (in un cosiddetto modello con turisti e residenti ) se le imprese che praticano prezzi bassi compensano con vendite maggiori i minori margini unitari (tali imprese vendono in effetti ai consumatori informati e anche ad alcuni degli altri, che li scelgono casualmente). Si tratta di una razionalizzazione delle cosiddette trappole per turisti. Si noti che i turisti potrebbero anche avere un costo opportunità del tempo speso in ricerca più basso, ma i residenti hanno incentivi maggiori ad informarsi per il fatto che i loro acquisti si ripetono nel tempo! IO: XII Lezione (P. Bertoletti) 43

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale Entrata e uscita dal mercato In assenza di comportamento strategico, le imprese decidono di entrare/uscire dal mercato confrontando i guadagni attesi con i costi di entrata. In assenza di barriere strategiche

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli