STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate"

Transcript

1 STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi e/o della qualita di vita IST-GENOVA

2 LO STUDIO CLINICO CONTROLLATO POPOLAZIONE 'TARGET' RANDOM TRATT. A TRATT.B ESITO ESITO CONFRONTO STATISTICO

3 Sperimentazione Clinica Controllata Identificazione dello/gli scopo/i dello studio Reclutamento prospettico dei pazienti Assegnazione casuale dei trattamenti Criteri di selezione espliciti Rilevazione oggettiva/unbiased dell endpoint Piano statistico appropriato Comportamenti adeguati?

4 L aspetto piu importante di uno studio e il suo scopo primario Disegno SCOPO Endpoint -Mascheramento Criteri di selezione dei pazienti Protoc. terapeutico Analisi Statistica Follow-up

5 Disegno di studio Disegni corretti Exp vs Stand Exp.+ Stand vs Standard Exp vs niente Exp1 +Exp2 vs standard? Disegni non corretti Exp vs Exp.+Standard Exp+Standard vs niente Exp1 vs Exp2 Studi a >2 braccia: E1 vs E2 vs Standard? Studi fattoriali Studi cross-over

6 Confronto di sequenze terapeutiche POPOLAZIONE 'TARGET' RANDOM Terapia medica Chirurgia Chirurgia Terapia Medica Esito Esito Confronto statistico

7 Disegni particolari POPOLAZIONE 'T ARGET' RANDOM Intervento Preventivo A Intervento Preventivo B Esito A Esito B Confronto A Contronto B Due studi!!

8 Esempio: screening per c. prostatico e colorettale POPOLAZIONE 'TARGET' RANDOM PSA (screening c. prost.) Colonscopia Inc. c. prostatico Inc. C.Colorettale Confronto Confronto Vantaggi: Nessun gruppo e senza trattamento

9 RANDOMIZZAZIONE Assegnazione dei trattamenti con una sequenza: Casuale Ignota sia al medico che al paziente Imprevedibile Non sistematica Riproducibile Deve essere descritta in dettaglio nell articolo di presentazione dei risultati

10 RANDOMIZZAZIONE Metodi accettati: Centralizzata telefonica Centralizzata via fax/internet/ Locale su computer? Tecniche: Semplice Stratificata con bilanciamenti a blocchi Minimizzazione Altre Rapporto di randomizzazione: Qualsiasi

11 Bilanciamento per fattori prognostici Non necessario: possibile aggiustare in sede di analisi Negli studi di dimensioni adeguate il bilanciamento si ottiene naturalmente Negli studi piccoli e difficile da ottenere Bilanciare solo per pochi fattori (4 fattori con 2 livelli + 1 con 3 livelli= 48 strati 500 pz diviso 48 strati = 10 pz per strato in media Consigliabile stratificare sempre x centro

12 Endpoint Variabile misurata in ogni paziente, utilizzata per valutare l efficacia del trattamento sperimentale Identificazione -Definizione Protocollo di rilevazione Classificazione Mascheramento

13 Scelta dell endpoint (Variabile di risposta, Outcome variable, etc) Criteri: Scopo dello studio Validita scientifica dei risultati Rilevanza sanitaria dei risultati Potenza statistica Fattibilita

14 Esempio: Trial con un ace-inibitore nello scompenso cardiaco Frazione di eiezione a 6 mesi Capacita di esercizio (test specifico) a 1 anno Incidenza di eventi avversi (specificati) a 3 anni Mortalita CVD a 3 anni Mortalita globale a 5 anni

15 Endpoint: Protocollo di rilevazione e classificazione Fonti/metodi accettati/gerarchie Protocollo di rilevazione Ricerca attiva/controlli di qualita Codifica delle informazioni Persi al follow-up/classificazione Comitato di revisione degli endpoints Mascheramenti

16 Mascheramento (Doppio o Triplo Cieco): Metodi per nascondere il braccio di assegnazione al paziente, al terapeuta e ai valutatori Scopo : Prevenire - bias nella rilevazione dell endpoint - bias nella classificazione dell endpoint - non compliance - contaminazione -bias nella decisione di interrompere lo studio

17 Mascheramento Fattori da considerare Tipo di endpoint Gravita della malattia Via di somministrazione Tossicita dei due trattamenti Consenso informato Costi e problemi organizzativi Scopo dello studio Mascheramenti differenziati per pz, medico, classificatori e valutatori

18 Criteri di selezione dei pazienti Informazioni disponibili alla randomizzazione Caratteristiche anagrafiche Caratteristiche della malattia (stadio, biologia, sede, etc.) Storia clinica specifica (es. terapie precedenti) Storia clinica generica (es. malattie precedenti) Stato del paziente (es.esami ematologici) Disponibilita di test Valutabilita?

19 Criteri di selezione dei pazienti Selettivi: - Scarsa generalizzabilita dello studio - Difficolta di reclutamento Generici - Sottostima dell efficacia? - Minore validita scientifica dei risultati SCOPO DELLO STUDIO!

20 Criteri di selezione dei pazienti: esempio Studio per valutare l efficacia di una chemioterapia aggressiva Selettivi: - Pazienti con c. mammario operato radicalmente - Eta <65 e >40 - Infiltrazione linfonodale e Biologia aggressiva - Ecocardiogramma FE >50% Generici - Pazienti con c. mammario operato radicalmente

21 100 Pazienti con c. mammario operabile 10 pz < 45 anni 50 pz anni 40 pz >65 anni 25 pz N - 25 pz N+ 10 T. non aggress. 15 T. aggressivi 5 pz cardiop. 10 pz ELEGGIBILI

22 Aspetti Statistici Significativita Statistica Errore di I e II tipo Potenza dello studio Significativita vs stima di effetto Dimensioni dello studio Piano di analisi Conduzione dell analisi

23 Significativita, Anche se i due trattamenti sono equiefficaci (ipotesi nulla), in ogni singolo studio, per puro caso, si osserveranno differenze (di solito piccole) Se queste differenze sono troppo grosse per essere attribuite al caso si rifiuta l ipotesi nulla Troppo grosse? = probabilita di verificarsi per puro caso <5%

24 P <0.05 = I due trattamenti sono differenti Interpretazioni del test di significativita P >0.05 I due trattamenti sono uguali

25 Interpretazioni del test di significativita P <0.05 = I due trattamenti sono differenti P >0.05 I due trattamenti sono uguali P<0.05 : se fosse vera l ipotesi nulla, difficilmente si sarebbero ottenuto risultati di questo tipo per puro caso P>0.05. Se fosse vera l ipotesi nulla, risultati come quelli osservati non sarebbero troppo improbabili

26 Test di Significativita vs Stime di effetto Confronto Mortalita. A vs B 15% vs 10% N= 600 P=0.06 A vs C 15% vs 12.5% N=12000 P =

27 Test di Significativita vs Stime di effetto Coerenza degli effetti in studi diversi Valutazioni costi-benefici Scelte cliniche Linee guida Le Riviste scientifiche chiedono stime di effetto + Limiti di confidenza (+/- 2 E.S.)

28 Esempio: Efficacia = Mortalita Riduzione della mortalità: p=0.01? Mortalita controllo 20% Mortalita Sperimentale 15% Efficacia relativa = Relative Risk ( Hazard ratio) 15/20=75% Riduzione del 25% Odds Ratio:(15/85)/(20/80) = 0.7 Efficacia assoluta (Rislk Difference) 15-20=5% = ogni 100 pz trattati col nuovo tratt. se ne salvano 5. Number needed to treat (NTT) = 1/5% = 20 Estrapolazioni?

29 Lo studio perfetto: checklist Razionale Scopo primario Disegno Endpoint-Mascheramento Registr./Randomizzazione Criteri di selezione Protocollo di trattamento Piano Statistico VALIDITA DI UNO STUDIO= Protocollo di studio + qualita dei comportamenti

30 Razionale: Plausibilita' dell'ipotesi in studio Scopo primario: Definito in maniera univoca Disegno: Semplice e chiaro Endpoint: Sensibile, specifico e validato Mascheramento: Adeguato all endpoint Registrazione: Prospettica, senza eccezioni Randomizzazione: Imprevedibile, ignota e non sistematica Criteri di selezione: Univoci, adeguati allo scopo dello studio Protocollo di trattamento: Come sopra Piano statistico: Se possibile, semplice - Deve essere previsto tutto

31 Come interpretare i risultati di uno studio clinico Coordinate interpretative Coordinate statistiche Quadro complessivo di riferimento

32 LO STUDIO CLINICO CONTROLLATO POPOLAZIONE 'TARGET' RANDOM TRATT. A TRATT.B ESITO ESITO CONFRONTO STATISTICO

33 Criteri tradizionali per valutare/ interpretare i risultati di un trial Validita interna: Validita statistica, assenza di bias/errore sistematico Risultati = Verita +/- caso Validita esterna: Possibilita di estrapolare/generalizzare i risultati Applicabilita

34 Validita interna Protocollo di ricerca Disegno di studio Identificazione dello scopo(i) primario(i) Procedure di randomizzazione Scelta/Rilevazione dell endpoint/mascheramento Piano statistico Persi al follow-up/non valutati Analisi intention to treat Progetto -Comportamenti

35 Validita Esterna VALIDITA INTERNA! Criteri di selezione dei pazienti Caratteristiche dei pazienti Tipologia dei centri partecipanti Protocollo terapeutico Endpoint Protocollo di follow-up Precisione delle stime Analisi intention to treat

36 Coordinate di riferimento nell analisi di una S.C.C. Statistica: Tutte le analisi statistiche devono essere esplicitamente predeterminate (endpoint, trasformazione, test, tempi, sottogruppi) Metodologica: Tutti i pazienti randomizzati devono essere inseriti nell analisi statistica in base al trattamento assegnato (intention to treat)

37 MOLTEPLICITA - ENDPOINT:.Non si sono osservate differenze statisticamente significative trai i due trattamenti per quanto riguarda O.S., P.F.S., Q.o.L., e tossicita. Il trattamento X si e pero dimostrato SIGNIFICATIVAMENTE piu efficace di Y nel ridurre la mortalita per emorragie gastriche - SOTTOGRUPPI:. si e pero osservato che nei pazienti maschi di eta inferiore ai 55 anni con neoplasia epidermoide il tr. Sperimentale induceva un miglioramento prognostico SIGNIFICATIVO (P<0.05). Questo f a ritenere - ANALISI RIPETUTE:Nel corso del secondo anno dello studio ha pero iniziato a manifestarsi, nel confronto tra le proporzioni di pazienti rispondenti nei due gruppi, un trend a favore del trattamento sperimentale che al 34 mese ha raggiunto la SIGNIFICATIVITA STATISTICA (P<0.05), inducendoci all interruzione dello studio.

38 Il problema della molteplicità P statistica : Probabilità di osservare un fenomeno raro quanto quello osservato (o più raro) se è vera l ipotesi nulla (Eguale efficacia dei due trattamenti). Es. BRACCIO A Risposte 30/40 ( 75 % ) BRACCIO B Risposte 20/40 ( 50 % ) P = 0.02 La probabilità di osservare un risultato come questo per puro caso è del 2 %. Livello di significatività convenzionale per rifiutare l ipotesi nulla : 5 %

39 segue Si considerano non casuali le differenze che si verificherebbero, per caso, meno del 5 % delle volte. Livello di significatività = Frequenza di analisi falsamente positive 5 % ogni 100 studi (analisi) che confrontano trattamenti di eguale efficacia, mediamente, in 5 un trattamento sarà dichiarato superiore all altro per un errore dovuto al caso.

40 Conseguenze La probabilità che almeno 1 di più studi/analisi fornisca, per caso, risultati statisticamente significativi è > 5 % Quindi, se in uno studio vengono eseguiti più test di significatività la probabilità di un risultato falsamente positivo è > 5 % La probabilità di un risultato falsamente positivo aumenta all aumentare del numero di test di significatività

41 Esempio: Acqua S. Bernardo vs Acqua Fiuggi nel trattamento del c. polmonare inoperabile Probabilita di trovare un risultato SIGNIFICATIVO Confronto principale: 5% SB vs F nei giovani - SB vs F nei vecchi: 9.75 Nei giovani PS<2 - giovani PS>2 -vecchi <2 - vecchi >2 : 18.5 G,<2, Epidermoide,.V,>2, Epidermoide, G,<2,ADK..V,>2,ADK, G<2 Altri V>2,Altri = 12 strati 46% Tutte le 20 analisi possibili : 64% (probabilita di trovare almeno una differenza significativa)

42 Fattori prognostici nel c. mammario (operabile) Eta - Stato menopausale - Obesita - Altezza - Terapie ormonali precedenti T, N, Angiogenesi G, MI, TLI, ER, PgR Neu-erb, p53 15 fattori: > 100 combinazioni di 2 fattori: praticamente e certo che in qualche sottogruppo vi sara una differenza significativa tra i due trattamenti

43 Possibili fonti di molteplicita in un clinical trial Endpoints multipli Trasformazione degli endpoints (es. curva di sopravvivenza vs % di pz vivi a 3 anni) Test statistico Misura di effetto Dati mancanti Analisi per sottogruppi Analisi nel corso dello studio

44 Test multipli vs Analisi derivate dai dati Test multipli : Predeterminati (Protocollo di studio) Numero finito Possibile correzione statistica Analisi derivate dai dati L osservazione di un particolare fenomeno induce all esecuzione di un test di significatività Numero potenzialmente illimitato Prive di alcuna validità statistica

45 MOLTEPLICITA : Regole generali Viene stabilito, prima dell inizio dello studio, il numero e tipo (tempo) delle analisi (ES. 2 analisi per soggetti < 50 e >50 anni, oppure 3 analisi, dopo 100, 200 e 300 eventi (finale) Viene stabilito un insieme di regole per decidere che lo studio ha dato un risultato significativo (o per interrompere lo studio) Queste regole sono dei livelli di significativita (tutti < α) calcolati in modo che la probabilita di errore α complessiva sia quella desiderata (ES. 5%)

46 Analisi Per Sottogruppi: Metodo piu utilizzato (sbagliato) IL TEST DI SIGNIFICATIVITA VIENE RIPETUTO IN OGNI SOTTOGRUPPO AL LIVELLO DI SIGNIFICATIVITA CONVENZIONALE

47 Esempio: trial ipotetico con 120 pz a braccio Osserviamo 72 risposte (60%) (tratt.sper.) contro 48 (cont.) (40%), p<0.002 (molto signif.) Tre sottogruppi: < 30anni: p= anni: p=0.2 n.s. > 50anni: p=0.2 n.s. Conclusioni?

48 Esempio: trial ipotetico con 120 pz a braccio Osserviamo 72 risposte (60%) (tratt.sper.) contro 48 (cont.) (40%), p<0.002 (molto signif.) Tre sottogruppi: < 30anni: 48/80 (60%) vs 32/80 (40%), p= anni: 12/20 (60%) vs 8/20 (40%), p=0.2 n.s. > 50anni: 12/40 (60%) vs 8/20 (40%), p=0.2 n.s.

49 Esempio: trial ipotetico con 120 pz a braccio Osserviamo 72 risposte (60%) (tratt.sper.) contro 48 (cont.) (40%), p<0.002 (molto signif.) Tre sottogruppi: < 30anni: p=0.07 n.s anni: p=0.07 n.s. > 50anni: p=0.07 n.s. Conclusioni?

50 Esempio: trial ipotetico con 120 pz a braccio Osserviamo 72 risposte (60%) (tratt.sper.) contro 48 (cont.) (40%), p<0.002 (molto signif.) Tre sottogruppi: < 30anni: 24/40 (60%) vs 16/40 (40%), p=0.07 n.s anni: 24/40 (60%) vs 16/40 (40%), p=0.07 n.s. > 50anni: 24/40 (60%) vs 16/40 (40%), p=0.07 n.s.

51 Soluzioni tipiche (Sottogruppi) Viene definita come analisi primaria l analisi sull intero gruppo Viene introdotta come analisi secondaria l analisi per alcuni sottogruppi predefiniti se significativita nell analisi primaria. Questa si basa su un test di interazione Il test di significativita nei vari sottogruppi e privo di senso e produce risultati assurdi

52 Analisi per sottogruppi: test di interazione Nuova ipotesi nulla: Omogeneita dell effetto (o del non effetto) in tutti i sottogruppi (l effetto e lo stesso?) In qualche sottogruppo esiste evidenza significativa di un effetto diverso? Analisi stratificata o multivariata Scarsa potenza statistica Suggerimento per nuovi studi o meta-analisi

53 Esempio: trial ipotetico con 120 pz a braccio Osserviamo 72 risposte (60%) (tratt.sper.) contro 48 (cont.) (40%), p<0.002 (molto signif.) Tre sottogruppi: < 30anni: 48/80 (60%) vs 32/80 (40%), O.R.= anni: 12/20 (60%) vs 8/20 (40%), O.R.= 2.25 > 50anni: 12/40 (60%) vs 8/20 (40%), O.R.= 2.25

54 Analisi dei Risultati: Strategia Analisi Primaria (t. di significativita e/o stima di effetto) Analisi Intermedie Analisi secondarie previste Altri endpoints Sottopopolazioni Per sottogruppi (Interazioni) Analisi multivariate Analisi non previste : scopo puramente esplorativo -> per pianificare altri studi P R O T O C O L L O

55 Problemi in una S.C.C Sperim.Clinica Reclutamento Pazienti Randomizzazione Trattamento Follow-up e Rilevazione esito (metodologici) Problemi Criteri di selezione Pz. Randomizzati ma ineleggibili Rifiuti-Errori-Modif. x Tossicita o non risposta Persi al follow-up Non valutabili

56 Trial nello scompenso cardiaco Endpoint: Durata dell esercizio decessi test non eseg. per motivi clinici Drop Outs Durata media esecizio Braccio A: 100 pz (+/-1 ) Braccio B: 100 pz (+/-1 )

57 Principio Intention to treat Tutti i pazienti randomizzati, indipendentemente dall eleggibilita, dal trattamento ricevuto,e dalla compliance al follow-up devono essere inseriti nell analisi dei risultati Motivazioni: Validita statistica Applicabilita alla pratica clinica

58 Intention to treat (validita interna) Pazienti ineleggibili erroneamente randomizzati (bias?) Pazienti che non seguono il protocollo assegnato (rifiuto, tossicita, non risposta :bias?) Pazienti non valutati (persi al follow-up, rifiuti: bias?)

59 Trial nello scompenso cardiaco Endpoint: Durata dell esercizio decessi test non eseg. per motivi clinici Drop Outs Durata media esecizio Braccio A: 100 pz (+/-1 ) Braccio B: 100 pz (+/-1 )

60 Intention to treat e validita statistica T. standard (non tossica) 100 pz 40 decessi (40%) Popol. target Random T. speriment. (tossica) 100 pz 60 compliers 12 decessi (20%) 40 interruzioni (x tossicita ) 28 decessi (70%) Morti totali: 40/100

61 Example: RCT of surgery vs wait-andsee in prostate cancer Surgery: 100 patients 1 surgical death 30 ineligible (surgical stage) Wait and See 100 patients 10 want surgery 20 relapses 40 relapses- surgery 10 deaths 10 deaths 30 pts with incontinence 15 pts with incontinence

62 Intention to treat e dati mancanti Per rispettare il principio dell ITT e necessario includere nell analisi anche i pazienti con dati mancanti sull endpoint primario (Dati mancanti sui fattori prognostici - problema secondario)

63 Intention to treat e dati mancanti Proporzione di dati mancanti accettabile? Analisi di sensibilita (es. tutti morti/tutti vivi) Motivi presumibili per la mancanza del dato Missing at random? Proporzione di missing nei due gruppi IMPUTAZIONE FORZATA Tipo di endpoint

64 L Intention to Treat e una filosofia di analisi di uno studio Nella presentazione dei risultati e necessario descrivere in dettaglio tutti i pz randomizzati ma: Ineleggibili Con compliance indadeguata o nulla Persi al follow-up, non valutati, etc. e spiegare come sono stati trattati nell analisi.

65 Intention to treat e pratica clinica Attivita' clinica Diagnosi e stadiazione Scelta terap. Trattamento Problemi Errori diagnostici Rifiuti-Errori Tossicita Effetti sui pazienti

66 Applicabilita dei risultati di una sperimentazione clinica Nuovo trattamento Efficacia??? TRIAL Centri specializz. Pz ideali Protocolli rigidi USO LARGA SCALA Centri? Pazienti? Procedure? Dimostrazione Efficacia Registrazione

67 Efficacia? Efficacy: Efficacia del trattamento in condizioni ottimali, su pazienti ideali e in centri specializzati Effectiveness: Efficacia nella pratica clinica su larga scala

68 Efficacy vs Effectiveness Tecnologie disponibili (Es. Appendicectomia) Risorse ( MRI mammaria) Capacita (Chirurgia laparoscopica) Selezione dei pazienti (Eta, Stadio, Biologia, Condizioni del paziente) Attenzione Prospettiva del paziente verso prospettiva di sanita pubblica

69 STUDI ESPLICATIVI STUDI PRAGMATICI EFFICACY STUDI ESPLICATIVI EFFECTIVENESS STUDI PRAGMATICI- LARGE AND SIMPLE CLINICAL TRIALS - META-ANALISI IST-GENOVA

70 Efficacy vs effectiveness Trial Explanatory Pragmatic Scopo Pazienti Protocolli Follow-up Endpoint Centri Size Efficacy Selezionati Approfonditi Ad hoc Strum/Clinico Specializzati Media Effectiveness Pratica clinica Generici Pratica clinica Clinico Generici Grande

71 Large and Simple Clinical Trials Studi-intervento per la valutazione e l introduzione nella routine clinica di nuove pratiche cliniche Dimensioni enormi Centri e pazienti non selezionati Riproducono la pratica clinica + randomizzazione tra due terapie ITT rigida Studi epidemiologici-sanita pubblica

72 STUDI PRAGMATICI FASE III LARGE AND SIMPLE CLINICAL TRIALS 100 FASE II Attività Efficacy Effectiveness IST-GENOVA

73 Interpretazione dei risultati di uno studio L interpretazione dei risultati di uno studio e un operazione complessa, che deve soppesare: Limiti dello studio (Validita interna, bias) Le dimensioni degli effetti, primari e secondari, osservati per il gruppo sperimentale rispetto a quello di controllo Le probabilita che questi siano dovuti al caso Tutte le evidenze esterne, dirette e indirette che abbiano qualche rilevanza rispetto allo studio

74 Problemi residui Molteplici studi con risultati contrastanti Studi di qualita non omogenea (falsi positivi e falsi negativi) Studi di dimensioni insufficienti (falsi negativi) Pubblication bias

75 Evidence-based Medicine Sforzo collettivo della comunita medica per rifondare la pratica della medicina su principi scientifici. Il suo aspetto qualificante e la valutazione critica di tutte le informazioni disponibili utilizzando criteri, sia qualitativi che quantitativi, espliciti e riproducibili

76 EvidenceBasedMedicine PROBLEMA CLINICO RICERCA DELLA LETTERATURA REVISIONE NARRATIVA SISTEMATICA

77 REVISIONE NARRATIVA PRO s 1. Evidenze a priori 2. Collegamenti trasversali 3. Coerenza 4. Validita clinica 5. Costruzione di una teoria terapeutica (falsificabile)

78 REVISIONE NARRATIVA CON s CRITERI NON ESPLICITI E ARBITRARI PER 1. Ricerca delle evidenze 2. Selezione/citazione studi 3.Arbitrarieta giudizi 4. Metodi statistici 5. Stime quantitative di effetto?

79 REVISIONE SISTEMATICA: Studio epidemiologico degli studi rilevanti rispetto a un quesito clinico Ricerca esaustiva, Classificazione sistematica, Valutazione oggettiva e Analisi pooled di tutta l evidenza disponibile

80 REVISIONE SISTEMATICA Coordinate Metodologiche: Esaustivita Criteri espliciti Oggettivita Approccio quantitativo = RIPRODUCIBILITA (e la qualita dei comportamenti clinici?)

81 Criteri di selezione degli studi Patologia (Tipo, Conferma diagnostica, Stadio) Disegno (Randomizzati -Non controllati) Caratteristiche dei pazienti (eta sesso, terapie precedenti, etc) Terapia di controllo Terapia sperimentale PUBBLICATI VS TUTTI (Bias di pubblicazione)

82 Strategia di ricerca degli studi Banche dati (Med-line, etc.) Full papers vs Abstracts Lingua inglese vs tutte Passa-parola REGISTRI PROSPETTICI Nota bene: Studi interrotti precocemente: BIAS?

83 Criteri di valutazione degli studi Espliciti Obiettivi - Riproducibili Predefiniti Validati? a) Procedure di randomizzazione b) Mascheramento - Rilevazione dell endpoint c) Persi al follow-up-esclusioni d) Analisi statistica

84 Analisi=Meta-analisi Analisi congiunta dei risultati di tutti gli studi eleggibili trovati nella ricerca 1. Possibilita di eseguire la meta-analisi 2. Tecniche Statistiche 3. Analisi per sottogruppi 4. Eteterogeneita tra i risultati degli studi 5.Interpretazione e problemi

85 Fig 1. Overall survival with adjuvant chemotherapy compared with surgery alone Hotta, K. et al. J Clin Oncol; 22: Copyright American Society of Clinical Oncology

86 Interpretazione di Meta- Analisi/LSCT s Eterogeneità dei pazienti Eterogeneità dei centri Eterogeneità dei comportamenti Complessita del trattamento sperimentale Qualita dei dati Efficacia Media? Efficacia relativa a un determinato contesto?

87 Interpretazione e problemi La revisione sistematica (con l eventuale metaanalisi) e uno studio epidemiologico con tutti i limiti e i possibili difetti Meta-analisi diverse sullo stesso argomento possono dare risultati diversi Il principale risultato e la stima quantitativa dell effetto medio e del range di effetti ottenuti dal trattamento in tutti gli studi Il valore di una meta-analisi dipende dalla qualita degli studi che la compongono

88 Qualita degli studi? Qualita metodologica: verificabile Qualita dei dati? Qualita dei comportamenti? diagnosi e stadiazione trattamenti valutazioni La meta-analisi e uno studio osservazionale che fornisce una stima riassuntiva dei risultati degli studi, senza entrare nel merito della qualita dei dati o dei comportamenti

89 Conclusioni Studio clinico randomizzato: fondamento della Medicina Moderna Nella sua rappresentazione ideale: risposte statisticamente valide e generalizzabili (disegno di studio) Realta : nessuno studio e esente da difetti (pianificazione, conduzione, analisi) Generalizzabilita : sempre discutibile Meta-analisi:analisi di uno studio epidemiologico degli studi condotti su un quesito

90 Conclusioni (segue) Nessuno studio o meta-analisi e in grado di consegnarci la verita assoluta Sono strumenti difettosi che forniscono una visione piu o meno distorta di una verita relativa al periodo e alle condizioni di esecuzione dei vari studi Linee guida? Pratica clinica? E necessario che il medico continui a esercitare giudizio e spirito critico

91 MODERNA Decisione Clinica: SCIENZA e COSCIENZA SCIENZA: Opinione COLLETTIVA della comunita medica BASATA SU PROVE SCIENTIFICAMENTE VALIDE COSCIENZA: Esclusivo interesse del paziente (stabilito dal PAZIENTE, CON L AIUTO del medico) NUOVO CONTRATTO TERAPEUTICO

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica [CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica Stesura: Luglio 2006 A cura di: Alessandro Battaggia, Area Cardiovascolare SIMG Titolo: Critical

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE 8. Disposizioni attuative. Con il decreto ministeriale di cui al precedente punto 3.3. verranno individuate le priorita' cui i progetti strategici dovranno ispirarsi, le modalita' di presentazione degli

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

L EBM e le risorse bibliografiche. Un introduzione alle pratiche EBM ed alle risorse bibliografiche correlate

L EBM e le risorse bibliografiche. Un introduzione alle pratiche EBM ed alle risorse bibliografiche correlate L EBM e le risorse bibliografiche Un introduzione alle pratiche EBM ed alle risorse bibliografiche correlate Evidence Based Medicine (EBM) Per poter comprendere la necessità della consultazione di articoli

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

SISTEM Studio Italiano su Suscettibilità Individuale, Temperatura e Mortalità TEMPERATURE ESTIVE ELEVATE, VULNERABILITÀ INDIVIDUALE E MORTALITÀ

SISTEM Studio Italiano su Suscettibilità Individuale, Temperatura e Mortalità TEMPERATURE ESTIVE ELEVATE, VULNERABILITÀ INDIVIDUALE E MORTALITÀ 30 giugno 2005 SISTEM Studio Italiano su Suscettibilità Individuale, Temperatura e Mortalità TEMPERATURE ESTIVE ELEVATE, VULNERABILITÀ INDIVIDUALE E MORTALITÀ STUDIO CASE-CROSSOVER IN QUATTRO CITTÀ ITALIANE,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Come scrivere un articolo scientifico

Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Come scrivere un articolo scientifico Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche Come scrivere un articolo scientifico Giancarlo Cicolini g.cicolini@unich.it Elisabetta Palma e.palma@unich.it La ricerca della verità

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING COLORETTALE PREVENZIONE SERENA

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING COLORETTALE PREVENZIONE SERENA PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING COLORETTALE PREVENZIONE SERENA Workshop 2012 Cosa poss(iam iam)o imparare dall esperienza del Piemonte Romano Sassatelli 1962 - Quand'ero bambino, parlavo da bambino, pensavo

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli