Sono in grado di Esercizi preliminari per chiarire i significati del termine «competenza»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sono in grado di Esercizi preliminari per chiarire i significati del termine «competenza»"

Transcript

1 capitolo 1 Sono in grado di Esercizi preliminari per chiarire i significati del termine «competenza» In generale Gli esercizi che seguono aiutano a riconoscere e distinguere i significati attribuiti al termine «competenza» e costituiscono un importante preparazione all utilizzo corretto del SESTANTE Definizioni: competenze o capacità Spiegazione dei vari tipi di competenze: specifiche, organizzative, sociali e personali. Conosci...? Sai...? Sei in grado...? L alunno/a classifica una serie di esempi secondo diversi tipi di competenza e valuta in quale misura tali capacità lo/la riguardano. Quale chiave apre quali porte? L alunno/a spiega con parole proprie alcune definizioni ricorrenti negli annunci e nelle offerte di lavoro. La compilazione di questa scheda è un utile esercizio di «riscaldamento» in vista della successiva elaborazione del Sestante-Competenze allo specchio. sono in grado di Un caso esemplare L alunno/a familiarizza con i vari tipi di competenza prendendo a esempio il caso di una persona con una vita e con esperienze simili alle proprie. 1.4 «A scuola servono tante capacità diverse...» Alunne e alunni fanno mente locale sulle competenze che sono quotidianamente chiamati ad attivare/impiegare a scuola. 1.5 Cosa imparo nel tempo libero, nella vita quotidiana e nell ambito delle attività svolte a titolo gratuito? Alunne e alunni fanno mente locale sulle competenze che impiegano ogni giorno al di fuori del contesto scolastico. Questo esercizio serve in particolare a «evidenziare le competenze intrinseche» che vengono attivate per svolgere attività comuni come gli hobby ecc. 1.6 L isola deserta L alunno/a acquista consapevolezza delle sue capacità; inoltre impara che ciascuno dispone di risorse differenti e che ciò è un presupposto fondamentale per il lavoro di squadra. 13

2 capitolo 1 sono in grado di COMPETENZE, CAPACITÀ Le competenze sono capacità, conoscenze ed esperienze impiegate per svolgere una determinata mansione o attività (a scuola, nella vita quotidiana, sul lavoro...). Le competenze si distinguono come segue: Competenze specifiche Conoscenze teoriche (p. es. biologia, matematica, storia...), conoscenze pratiche e cultura generale, conoscenza di lingue straniere ecc. Competenze organizzative Capacità di una persona di pianificare, organizzare, strutturare e gestire sul piano economico il proprio lavoro (p.es. capacità organizzativa, tecniche di lavoro, tecniche di presentazione...) Competenze sociali Capacità di una persona di stabilire contatti con gli altri, risolvere problemi ecc. (p. es. comunicatività, capacità di gestire situazioni conflittuali, attitudine al lavoro di squadra...) Competenze personali Relative alla consapevolezza delle proprie capacità e dei propri punti di forza, nonché al modo di impiegare le proprie doti (p. es. autonomia, creatività, resistenza, capacità di affermarsi...) Esempio Un/a rappresentante degli studenti o di classe possiede le seguenti competenze: specifiche (conoscenza dello statuto degli studenti ecc.), organizzative (pianificare una festa, raccogliere offerte da vari proponenti, raccogliere e gestire denaro ecc.), sociali (capacità di gestire conflitti, di esprimersi correttamente, di convincere gli altri, di non abbandonarli nelle difficoltà ecc.) personali (sapersi affermare, essere sicuri di sé e diplomatici, impegnarsi spontaneamente in qualcosa ecc.) 14

3 sono in grado di... capitolo CONOSCI...? SAI...? SEI IN GRADO...? Nella tabella che segue sono elencate varie competenze/abilità. 1 passo: Per ciascuna voce dell elenco indica con una crocetta se ti riguarda o no. 2 passo: Classifica le competenze che possiedi distinguendo tra competenze specifiche, personali, sociali e organizzative. Ricorda che la classificazione non è sempre e necessariamente univoca! Distingui tra: So = competenze sociali O = competenze organizzative P = competenze personali Sp = competenze specifiche Alla fine della tabella puoi aggiungere altre competenze specifiche che ritieni di possedere (in considerazione del tipo di scuola che frequenti). MI NON MI TIPO DI COM- RIGUARDA RIGUARDA PETENZA Ho le mie idee e le difendo. Mi presento con il mio nome. Durante un colloquio guardo il mio interlocutore negli occhi. Curo il mio aspetto. Tengo sempre a disposizione la documentazione dei miei titoli personali. Mi comporto con rispetto verso gli altri. So accettare le decisioni prese in gruppo. So valutare se una cosa fa bene o male alla mia salute. Prendo appunti di ciò che devo fare. Conosco le regole della buona educazione e so comportarmi come si conviene. Sono puntuale. Conosco le principali regole ortografiche. So affrontare apertamente le difficoltà. Se devo rinviare un appuntamento già concordato, lo faccio tempestivamente. Conosco varie tecniche di apprendimento. So applicarmi e svolgere un compito con perseveranza. Sono disponibile ad aiutare. Conosco vari metodi per ridurre lo stress scolastico. 15

4 capitolo 1 sono in grado di... MI NON MI TIPO DI COM- RIGUARDA RIGUARDA PETENZA Sono sportivo/a. So collaborare con gli altri. Sviluppo nuove possibilità e le sperimento. So accettare le critiche, quando sono motivate. Se non capisco qualche cosa, chiedo spiegazioni. Sono in grado di adempiere un compito in diverse condizioni. Parlo forte e chiaro. Mi prefiggo degli obiettivi e so illustrarli per iscritto. So sbrigare con puntualità i compiti a casa/ compiti specifici. Manifesto le mie aspirazioni, i miei desideri e le mie esigenze. Prendo autonomamente contatto con le persone che ritengo importanti per me. Svolgo coscienziosamente i compiti a casa. So stendere una relazione. Durante la pausa mi comporto in maniera disciplinata. Sono in grado di risolvere eventuali conflitti che insorgono in classe. Appoggio gli insegnanti nella realizzazione dei loro propositi. Non ho difficoltà a parlare in gruppo. So dove cercare aiuto per realizzare meglio i miei obiettivi. Organizzo gite di classe. So capire quando sono malato/a veramente e comportarmi di conseguenza. So ascoltare. So concentrarmi sul lavoro. So parlare del mio passato. Tengo informati i miei genitori su quello che faccio. Tengo un agenda degli impegni e la compilo scrupolosamente. Uso il denaro con giudizio. Posso assumermi responsabilità anche per conto di altre persone. So esprimermi con un linguaggio appropriato all argomento. Tengo un raccoglitore in cui inserisco regolarmente i documenti da conservare. 16

5 sono in grado di... capitolo 1 MI NON MI TIPO DI COM- RIGUARDA RIGUARDA PETENZA Tratto con cura le cose che non mi appartengono. Conosco i miei punti di forza e so descriverli. So sostenere i singoli componenti di un gruppo al fine di raggiungere un buon risultato comune. So leggere gli orari dei mezzi di trasporto. Rispetto l ambiente. Mi presento sempre agli appuntamenti. Rispetto e accetto idee diverse dalle mie. Se commetto un errore, chiedo scusa. Riconosco gli obiettivi mancati e analizzo le cause dell insuccesso. Sono una persona d indole magnanima. So essere ordinato/a. So conciliare gli impegni scolastici e privati. So manifestare e difendere la mia opinione in gruppo/classe. So leggere una pianta topografica. Sono in grado di prendere decisioni che mi riguardano. Gli altri possono fidarsi di me. Ho sempre con me i materiali scolastici occorrenti per la lezione. Rispetto le regole concordate sia a casa che a scuola. So comunicare e motivare le mie decisioni. Sono in grado di distinguere le cose essenziali da quelle secondarie. So capire cosa vuole da me l insegnante. So intraprendere le azioni necessarie per raggiungere i miei obiettivi. Sono in grado di valutare le conseguenze delle mie decisioni. So proporre soluzioni all interno di un gruppo. So tenere una conferenza. So portare argomenti convincenti a sostegno delle mie idee. Cerco soluzioni adatte al caso specifico. So come reperire informazioni in internet. Faccio una promessa solo quando posso mantenerla. Capisco il lavoro che c è da fare e lo svolgo in maniera autonoma. So esprimermi in maniera comprensibile. So come reperire informazioni in una biblioteca. 17

6 capitolo 1 sono in grado di... Possiedi competenze specifiche particolari? Per esempio: So determinare la soglia di redditività di un azienda sia in termini aritmetici che grafici. Conosco i diritti dei lavoratori. So tradurre un testo tecnico dall inglese all italiano Altre competenze MI NON MI TIPO DI COM- RIGUARDA RIGUARDA PETENZA 18

7 sono in grado di... capitolo Quale chiave apre quali porte? Spesso chi presenta una domanda di lavoro è invitato a indicare se possiede determinate «qualifiche chiave». Ti sei mai chiesto/a a cosa ci si riferisce con questa espressione? Cerca di spiegare con parole tue le competenze chiave indicate qui di seguito. Prova anche a pensare a quali sono i requisiti sottintesi dal datore di lavoro che utilizza simili definizioni in un annuncio. COMPETENZA CHIAVE CHE IN PRATICA SIGNIFICA: Collaboratore scrupoloso p. es. essere puntuali, lavorare in maniera pulita e ordinata Cultura generale Attitudine al lavoro di squadra Flessibilità Resistenza Doti comunicative Efficienza Doti organizzative Capacità di gestire situazioni conflittuali Disponibilità alla formazione continua Creatività 19

8 capitolo 1 sono in grado di Un caso esemplare Scegli una persona che conosci direttamente e che per te costituisce un «esempio» da imitare: Indica tre punti di forza che caratterizzano questa persona. Classifica gli elementi che distinguono questa persona (per esempio sul lavoro, a livello caratteriale ecc.) secondo i quattro usuali tipi di competenza. PERSONA PUNTI DI FORZA TIPO DI COMPETENZA p. es. Petra sa ascoltare competenza sociale sa affermare le sue ragioni competenza personale tiene la cassa comune programma le gite di classe competenza organizzativa è brava in fisica competenza specifica 20

9 sono in grado di... capitolo A scuola servono tante capacità diverse! Ti sei mai chiesto/a quante capacità impieghi ogni giorno a scuola senza nemmeno accorgertene? COMPETENZE SOCIALI: Praticamente lavori tante ore a contatto con compagni/e di classe e insegnanti. Descrivi delle situazioni che condividi quotidianamente con altre persone: COMPETENZE PERSONALI: Questa categoria riguarda la tua personalità e la tua consapevolezza delle capacità e dei punti di forza che ti contraddistinguono. Pensa a situazioni in cui emergono le tue competenze personali. COMPETENZE SPECIFICHE: Cosa hai imparato ultimamente nelle materie in cui ritieni di andare meglio? COMPETENZE ORGANIZZATIVE: Oltre alle doverose competenze specifiche, la scuola presuppone che tu conosca anche tecniche di lavoro e metodi di gestione del tempo. Descrivi delle situazioni scolastiche che richiedono capacità organizzative. 21

10 capitolo 1 sono in grado di Cosa imparo nel tempo libero, nella vita quotidiana e nell ambito delle attività svolte a titolo gratuito? A casa svolgo le seguenti attività: Sono iscritto/a alle seguenti organizzazioni (p. es. associazione cattolica, coro, società sportiva) Svolgo le seguenti attività all interno di organizzazioni/associazioni: Pratico i seguenti sport Coltivo i seguenti hobby Indica uno degli hobby o degli sport a cui ti dedichi: Ti sei mai chiesto/a di quali competenze/capacità hai bisogno per praticare tale hobby/sport? Competenze specifiche Competenze organizzative Competenze sociali Competenze personali Indica un altra attività che svolgi a casa e le relative competenze richieste: Competenze specifiche Competenze organizzative Competenze sociali Competenze personali 22

11 sono in grado di... capitolo L isola deserta Immagina di fare naufragio insieme ad alcuni compagni di classe e di finire su un isola deserta. Per sopravvivere fino all arrivo dei soccorsi dovete stabilire i compiti che si assumerà ciascuno. Come un novello Robinson Crusoe, forma una squadra con due vicini di banco. Insieme riflettete sulle capacità di ciascuno di voi e su come potreste metterle a frutto per sopravvivere sull isola. Ognuno scriva le capacità possedute a suo avviso dagli altri membri del gruppo. Ciascun gruppo confronti infine i suoi risultati con quelli delle altre squadre. 23

12 L AVORO capitolo 2 LA SCELTA DELLA PROFESSIONE Questo capitolo consiste in una serie di esercizi utili per mettere a fuoco le idee e le aspettative riguardo al proprio futuro lavorativo, nonché per trarre un primo orientamento alla professione Lavoro, professione, occupazione, carriera, impiego, mestiere per guadagnarsi da vivere o cos altro? L alunno/a riflette su cosa significa per lui/lei la parola «lavoro» e su come immagina il proprio futuro professionale. Procedimento: si comincia chiarendo il concetto di lavoro; dopodiché ciascuno risponde per conto proprio alle domande che seguono. Le esperienze dei singoli alunni vengono infine discusse collegialmente. Un salto nel buio L alunno/a riflette sul proprio futuro e prova a immaginarsi cosa vorrebbe fare d ora in avanti. In particolare si sofferma sulle speranze, le gioie, i timori, le preoccupazioni connesse alla scelta della professione che presto dovrà affrontare. Uno sguardo al futuro Un esercizio per rappresentare il proprio futuro professionale e privato. La mia vita dopo la scuola L alunno/a indica le priorità secondo cui intende impostare la vita dopo la scuola e spiega le sue scelte. la scelta della professione 2.5 Le mie aspettative nella vita e nel lavoro L alunno/a è invitato a illustrare le sue aspettative riguardo al suo futuro. 2.6 Lati positivi e lati negativi L alunno/a analizza vantaggi e svantaggi connessi alle professioni che ha preso in considerazione per il futuro. 2.7 Considerazioni sul futuro professionale Ciascun/a alunno/a analizza alcune dichiarazioni di coetanei riguardo alle loro aspettative professionali e prova a immedesimarsi nel ruolo di consulente.

13 capitolo 2 L AVORO 2.8 Il corso della vita Un esercizio per focalizzare i fattori d influenza e i criteri decisionali adottati nella scelta della professione. Procedimento: Ciascun/a alunno/a illustra il corso della propria vita (scolastica e privata) includendo gli eventi collaterali che a suo avviso influenzano la scelta scolastica e professionale. Il resoconto viene redatto su un foglio DIN A3 in vista della successiva presentazione davanti al resto della classe. la scelta della professione 2.9 La strada degli obiettivi L alunno/a rappresenta graficamente il piano d azione che ha concepito per impostare il proprio futuro lavorativo. Procedimento: Ciascun/a alunno/a prepara un poster disegnando al centro una strada. Alla fine della strada riporta l obiettivo formativo-professionale che persegue attualmente (p. es. formazione professionale, apprendistato, diploma ecc.). Lungo il percorso aggiunge una serie di stazioni corrispondenti agli obiettivi intermedi (p. es. dopo il primo anno di studi vorrei aver dato tre esami, dopo il secondo vorrei essere in grado di ).

14 L AVORO la scelta della professione capitolo Lavoro, professione, occupazione, carriera, impiego, mestiere per guadagnarsi da vivere o cos altro? Concludi le seguenti frasi: Per me il lavoro è Il lavoro dovrebbe Il lavoro mi dà Nel mio caso la scelta della professione dipende dai seguenti fattori Quale delle seguenti (o altre) definizioni corrisponde maggiormente alla tua idea di lavoro? Spiega perché. Lavoro, professione, occupazione, carriera, impiego, mestiere per guadagnarsi da vivere,... Scegli tra le definizioni sopra menzionate quella che corrisponde maggiormente a ciò che fanno tuo padre e/o tua madre. Anche questa volta, spiega perché. Secondo te, quale delle definizioni sopra menzionate sceglierebbero i tuoi genitori per parlare del tuo futuro professionale? Spiega perché. E quale definizione userebbero i tuoi insegnanti per parlare del tuo futuro professionale? Come nei casi precedenti, spiega perché. Quale definizione userebbero i tuoi compagni/le tue compagne di classe per parlare del tuo futuro professionale? Perché? 27

15 capitolo 2 la scelta della professione L AVORO 2.2 Un salto nel buio Pensando al tuo futuro professionale, quali sono gli aspetti che ti fanno piacere, quali quelli che suscitano in te incertezza o che stenti a immaginarti? Mi fa piacere che Sono ottimista riguardo al fatto che Devo ancora decidermi a Stento a immaginare che Mi preoccupa il fatto che Non sono sicuro/a che 28

16 L AVORO la scelta della professione capitolo Uno sguardo al futuro Prova a immaginarti una giornata tra cinque anni e rispondi alle seguenti domande: Dove vorrei vivere? Che lavoro starò facendo/cosa starò studiando o imparando? In che modo vorrei trascorrere il mio tempo? Come si svolgerà una normale giornata di lavoro/di studio? Quanto denaro avrò a disposizione/guadagnerò mensilmente? Chi mi sarà particolarmente vicino? Quale sarà la cosa più importante nella mia vita? 29

17 capitolo 2 la scelta della professione L AVORO 2.4 La mia vita dopo la scuola Guadagnare soldi miei Conquistare una mia indipendenza Studiare Finalmente basta scuola Seguire un corso di formazione professionale Essere autonomo Avere un conto in banca Fare il lavoro che voglio Lavorare quando voglio Avere la mia prima automobile Avere tempo per i miei hobby Avere un mio appartamento Nel seguente riquadro scrivi le cose che assumeranno maggiore importanza nella tua vita dopo la scuola e spiega perché: 30

18 L AVORO la scelta della professione capitolo Le mie aspettative nella vita e nel lavoro VORREI essere una persona creativa svolgere un lavoro utile riscuotere apprezzamento lavorare all estero evitare il più possibile lo stress sul lavoro svolgere un lavoro interessante e stimolante, accettando anche stress e fatica poter mettere a frutto le mie abilità manuali rendermi indipendente con il tempo potermi specializzare fare carriera avere un buon reddito rendermi presto indipendente dal punto di vista economico vedere subito i risultati del mio lavoro mettere a frutto le mie capacità e le mie idee un posto di lavoro che sia gradevole in termini di rumore, pulizia, abbigliamento, mobilio, orario... avere la possibilità di fare carriera autonomia e responsabilità avere a che fare con le persone aiutare gli altri poter conciliare il lavoro e il tempo libero poter studiare e lavorare nel luogo in cui vivo attualmente seguire un corso di studi breve seguire un corso di studi che non impegni troppo seguire un corso di studi impegnativo condurre una vita varia lavorare con colleghe e colleghi simpatici un posto di lavoro sicuro ottenere successi professionali viaggiare molto lavorare in un ambiente molto elegante un lavoro non necessariamente tra i più remunerativi, ma che mi desse soprattutto gioia e soddisfazioni. Barra con una crocetta le affermazioni che corrispondono alla tua idea di futuro lavorativo e discutine con la tua vicina o il tuo vicino di banco. 31

19 capitolo 2 la scelta della professione L AVORO Stila una classifica da 1 (= poco importante) a 12 (= importantissimo) relativa ai seguenti desideri e aspettative per il tuo futuro lavorativo. Desideri/Aspettative molto tempo libero un reddito elevato un lavoro che mi piace buone possibilità di carriera un lavoro molto vario un lavoro autonomo colleghe/colleghi simpatici un lavoro che ha futuro un posto di lavoro bello e pulito riconoscimento, prestigio un orario di lavoro comodo poca distanza tra casa e lavoro La mia valutazione Per avere maggiori informazioni puoi rivolgerti alla banca dati abi dell ufficio orientamento professionale 32

20 L AVORO la scelta della professione capitolo Lati positivi e lati negativi La mia professione preferita al momento è settore professione Lati positivi Lati negativi In alternativa: settore professione Lati positivi Lati negativi 33

21 capitolo 2 la scelta della professione L AVORO 2.7 Considerazioni sul futuro professionale Manuela: Vorrei trovarmi un lavoro divertente. Non mi preoccupo di sapere cosa farò tra un paio d anni. D altronde, adesso come adesso non può prevederlo nessuno. Christian: Quando penso al mio futuro sogno di rendermi autonomo. Sonia: Il mio futuro? Prima devo imparare una professione. Tutto il resto verrà da solo. Ora come ora non sono nemmeno in grado di dire se avrò dei figli. Davide: Un posto di lavoro sicuro. Questa è per me la cosa più importante quando penso al mio futuro. Tanja: Vorrei scegliere una professione che sarà sicuramente richiesta anche un domani. In questo modo non dovrei sbagliare, vi pare? Pietro: Mi sento già sotto pressione. Ho l impressione che, se adesso scelgo la professione sbagliata, il mio futuro sarà tutto in salita. Dico bene? Sara: Sono più che tranquilla. Quando voglio davvero fare qualche cosa, finora ci sono sempre riuscita. Cosa pensi di queste affermazioni? Con quale o quali di questi sette coetanei ti identifichi maggiormente? Quali consigli avresti da dargli? Scrivi la tua opinione nello spazio sottostante: Il mio consiglio a 2.8 IL CORSO DELLA VITA Alunne e alunni analizzano i fattori d influenza e i criteri decisionali adottati nella scelta della professione. Procedimento: Ciascun/a alunno/a illustra il corso della propria vita (scolastica/privata) includendo i fattori che a suo avviso hanno influenzato le scelte scolastiche e professionali. Scrivere il resoconto su un foglio DIN A3 che sarà poi presentato al resto della classe. 2.9 La strada degli obiettivi Finalità: Illustrare graficamente il piano d azione per costruire il proprio futuro professionale. Procedimento: Ciascun alunno/a prepara un poster disegnando al centro una strada. Alla fine della strada indica l obiettivo formativo perseguito attualmente (p. es. formazione professionale, apprendistato, diploma ecc.). Lungo il percorso riporta anche una serie di stazioni che corrispondono agli obiettivi intermedi (p. es. dopo il primo anno di studi vorrei aver dato tre esami, dopo il secondo vorrei essere in grado di...). 34

22 capitolo 3 IMPARIAMO A IMPARARE Il titolo non tragga in inganno. Questo capitolo non si occupa di metodi di studio, ma punta piuttosto a far comprendere che si può imparare anche fuori della scuola, stimolando così a riconsiderare i processi di apprendimento. Alunne e alunni sono dunque chiamati a riflettere sulle situazioni da cui traggono insegnamenti concreti e a illustrare le loro esperienze al riguardo Il mio logo di studente L alunno/a elabora un logo che a suo avviso è rappresentativo del suo ruolo di discente. Quindi spiega il significato del logo stilando un commento sulla falsariga del portfolio delle competenze previsto dalla riforma scolastica. Occasioni di apprendimento Questo esercizio serve a far comprendere che si può imparare in qualunque contesto di vita e non solo a scuola. Riflessione sull apprendimento L alunno/a riflette su ciò che ha imparato fino ad ora e su come porre rimedio ai suoi punti deboli. Condizioni di apprendimento personali L alunno/a analizza il suo modo di apprendere e le tecniche di studio che adotta normalmente. impariamo a imparare 3.5 Resoconto al termine di un modulo didattico di xxxx o di un progetto su xxxx Ognuno riflette sulle capacità di cui ha avuto bisogno per svolgere un determinato modulo didattico o un progetto. 3.6 Che cosa mi serve per imparare bene? L alunno/a si confronta con i compagni di classe alle condizioni che a suo avviso favoriscono l apprendimento. La classe si divide in gruppi, ciascuno dei quali completa per iscritto una serie di spunti di riflessione.

23 capitolo 3 impariamo a imparare 3.1 Il mio logo di studente Nello spazio sottostante disegna il logo che useresti per rappresentarti come studente: Commenta il tuo logo: Data e firma 36

24 impariamo a imparare capitolo Occasioni di apprendimento Racconta un aneddoto della tua vita da cui ritieni di avere tratto un insegnamento. Confronta quindi la tua esperienza con quella del/la compagno/a di banco. Un occasione di apprendimento ovvero quella volta che ho imparato qualche cosa (dalla vita) 37

25 capitolo 3 impariamo a imparare 3.3 Riflessione sull apprendimento Quando senti la parola «imparare», cosa ti viene in mente? Annota il maggior numero di termini che istintivamente associ a questa parola. L importante è che non ci pensi troppo e indichi le prime parole che ti vengono in mente. Tempo a disposizione: circa 3 minuti. Rileggi le parole che hai scritto e rifletti se nel tuo caso hanno una valenza positiva (= +), neutra (= 0) o negativa (= -). Aggiungi accanto a ciascuna parola il simbolo pertinente (+, 0 o -). Quali sono le materie in cui hai difficoltà a imparare? Da che cosa potrebbe dipendere? Cosa potresti fare per ovviare ai tuoi punti deboli nell apprendimento? 38

26 impariamo a imparare capitolo Condizioni di apprendimento personali Per ciascuna delle seguenti affermazioni, indica con una crocetta se corrisponde al tuo caso oppure no. A casa ho un posto fisso per fare i compiti. So che tipo di studente sono. Studiare mi diverte. Faccio fatica a studiare. Quando voglio imparare qualche cosa mi esercito con pazienza e perseveranza. Se nessuno mi sprona, mi passa subito la voglia di studiare. Studio solo quando è indispensabile. Sperimento volentieri nuovi metodi di apprendimento. Quando voglio davvero imparare, ci riesco sempre. Per imparare qualche cosa ho bisogno di una spinta dall esterno. Spesso, quando devo imparare cose nuove, mi domando se ce la farò. Conosco regole e concetti e so servirmene in modo appropriato. Cerco autonomamente le possibili soluzioni a un problema. Per studiare utilizzo uno schedario. So applicare le tecniche di lavoro che ho appreso (consultare pubblicazioni, evidenziare contenuti ecc.). So programmare i risultati di lavoro e impiegare razionalmente il mio tempo. Lavoro tenacemente e non mi lascio distrarre. So collaborare con gli altri. So presentare in modo chiaro e comprensibile i risultati del mio lavoro. Conosco varie tecniche di rilassamento. Analizzo i miei risultati didattici e sono in grado di esporli ad altre persone. Sono in grado di valutare il mio comportamento e le mie prestazioni. So come reperire informazioni (p. es. in internet, in biblioteca ecc.). Conosco i miei blocchi mentali nell apprendimento. Corrisponde perfettamente al mio caso Corrisponde abbastanza Corrisponde poco Non corrisponde affatto Con riguardo al mio modo di apprendere mi viene ancora in mente che: 39

27 capitolo 3 impariamo a imparare 3.5 Resoconto al termine di un modulo didattico di xxx o di un progetto su xxx Obiettivi del modulo didattico/del progetto: Illustra in maniera sintetica ma articolata i principali contenuti del modulo didattico o del progetto Che cosa hai imparato con questo modulo didattico/progetto? Pensa anche alle competenze sociali, personali, organizzative e specifiche che hai acquisito nell occasione. 40

28 impariamo a imparare capitolo Che cosa mi serve per imparare bene? Spunti per una relazione di gruppo L apprendimento comincia e finisce a casa: per imparare bene quando sono a casa ho bisogno di Affinché in classe si crei un ambiente favorevole all apprendimento, durante la lezione mi comporto nel modo seguente Affinché in classe si crei un ambiente favorevole all apprendimento, mi aspetto che i/le miei/mie compagni/e si comportino nel modo seguente Affinché in classe si crei un ambiente favorevole all apprendimento, mi aspetto che gli insegnanti si comportino nel modo seguente 41

29 capitolo 4 RICONOSCERE I PROPRI INTERESSI Questo capitolo costituisce una sorta di «caccia al tesoro» che ha come oggetto gli interessi e le inclinazioni individuali. Una volta definita la propria posizione, l alunno/a sarà agevolato nelle decisioni in merito alle opportunità formative che intende prendere in considerazione per il futuro. Obiettivo degli esercizi che seguono è dunque di porre l accento sull importanza che i propri interessi rivestono nella scelta della professione riconoscere i propri interessi I miei interessi L alunno/a prende coscienza dei suoi ambiti di interesse e delle sue inclinazioni in vista della scelta della professione. Ambiti di interesse, ambiti di lavoro L alunno/a riflette sui propri interessi e sulle figure professionali con cui questi si conciliano maggiormente. Diagramma delle energie e degli interessi L alunno/a riflette su quanto tempo e quante energie investe nei vari ambiti di vita, quindi confronta i risultati con il suo «diagramma delle energie ideale». Procedimento: L alunno/a elabora individualmente il «diagramma delle energie attuale» e il «diagramma delle energie ideale». Segue una discussione collegiale sulle differenze riscontrate e sulle loro ragioni.

30 capitolo 4 riconoscere i propri interessi 4.1 Scheda di lavoro: I miei interessi Quali sono i tuoi hobby e i tuoi interessi? Puoi indicarne anche diversi: Qualcuno ti ha già detto una volta che hai un particolare talento per Come trascorri prevalentemente il tuo tempo libero? A cosa ti piacerebbe dedicare più tempo? Ritieni di aver scelto la scuola giusta per il tipo di professione che vorresti svolgere? Qual è la cosa che ti piace di più nella scuola che frequenti? E quale quella che ti piace di meno? 44

31 riconoscere i propri interessi capitolo 4 Quale nuova materia introdurresti a scuola, se potessi scegliere? Come si chiamerebbe questa materia e quali conoscenze potresti trarne? Immagina che a scuola siano attivi gruppi di discussione su varie tematiche. Puoi scegliere a quali partecipare classificando da 1 a 6 le tematiche che affronteresti più volentieri: Giustizia e ingiustizia, sentenze giudiziarie Scoperte relative al mondo animale e vegetale Amicizia, amore, sessualità Il senso della vita e altri interrogativi fondamentali Viaggi Musica Economia Psicologia e conoscenza della natura umana Umorismo e fumetti Rompicapo e giochi matematici Moda e tendenze Sport Libri e romanzi Poesie e citazioni Politica Attualità dal mondo I giovani d oggi Conflitto generazionale Cinema Novità dal mondo dei VIP Immagina di essere un/a fotografo/a e di avere un ultimo scatto a disposizione sul tuo rullino: cosa fotograferesti? Perché? Se tra vent anni diventerai famoso/a, a che cosa sarà dovuta la tua celebrità? Elenca le dieci cose che contano di più nella tua vita attuale: 45

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

CONOSCERE IL MONDO DEL LAVORO

CONOSCERE IL MONDO DEL LAVORO CONOSCERE IL MONDO DEL LAVORO I lavoratori devono avere: 1. Cultura e professionalità: buona preparazione scolastica, imparare a leggere e scrivere bene 2. Capacità di collaborare e di comunicare 3. Flessibilità:

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Io sono... PRECISA/O SOCIEVOLE CURIOSA/O. Mi piace fare le cose con cura, controllo di non avere fatto errori.

Io sono... PRECISA/O SOCIEVOLE CURIOSA/O. Mi piace fare le cose con cura, controllo di non avere fatto errori. COSTRUISCO IL MIO PROGETTO riflettendo sulle mie caratteristiche Io sono... Metti una crocetta sull omino rosso se la caratteristica in oggetto non ti è propria, sull arancione se ti caratterizza abbastanza

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Concorso educativo per la Scuola Primaria

Concorso educativo per la Scuola Primaria Concorso educativo per la Scuola Primaria anno scolastico 2015-2016 GUIDA E MATERIALI DI LAVORO PER L INSEGNANTE Progetto didattico e testi: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

ORIENTAMENTO ATTIVITA CLASSI SECONDE

ORIENTAMENTO ATTIVITA CLASSI SECONDE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO GALLO-CORDERO-FRANK MONDOVI ORIENTAMENTO ATTIVITA CLASSI SECONDE Bisogna avere il caos dentro di sé per partorire una stella che danzi Nietzsche Amori, paure,

Dettagli

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa Etichetta identificativa TIMSS & PIRLS 2011 Field Test Questionario studenti Classe quarta primaria Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione via Borromini,

Dettagli

Attività n 1 I MODI DI LAVORARE

Attività n 1 I MODI DI LAVORARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MICHELE GRECO DISTRETTO SCOLASTICO N. 55 VIA 1 MAGGIO, 3-74024 MANDURIA (TA) Telefoni: Segreteria e fax 099/9794467 099/9794384 C.F. 90214300734 e-mail taic84800d@istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTI

QUESTIONARIO STUDENTI Ministero della Pubblica Istruzione CEDE Centro Europeo Dell Educazione Italia Italiano QUESTIONARIO STUDENTI Nome della scuola Codice studente Data di nascita / / 198 Mese Giorno Anno Consorzio internazionale

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO Descrizione Questa area introduce e contestualizza il percorso di costruzione del portfolio delle competenze. Attivata nel primo o secondo anno di formazione professionale,

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO PREMESSA L elevamento dell obbligo scolastico e la consapevolezza del superamento di un modello formativo unico e rigido che valga per tutti, impone un ripensamento delle

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

Impiegato/a di commercio profilo E / M. Candidatura a un tirocinio. Foto. Dati personali del/della candidato/a. Rappresentanti legali

Impiegato/a di commercio profilo E / M. Candidatura a un tirocinio. Foto. Dati personali del/della candidato/a. Rappresentanti legali Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione delle risorse DR Personale DFAE Impiegato/a di commercio profilo E / M Tutti i dati contenuti nel presente questionario sottostanno alla legislazione

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO Sommario In questo capitolo scoprirà alcune cose su come - gestire il suo denaro - identificare alcune questioni economiche collegate al gioco - cominciare ad operare dei

Dettagli

AFFINCHE IL FUTURO SIA UNA SCELTA

AFFINCHE IL FUTURO SIA UNA SCELTA AFFINCHE IL FUTURO SIA UNA SCELTA Scegliere consapevolmente è il risultato di un processo formativo continuo che il giovane studente percorre durante gli anni della scuola dell obbligo, con il concorso

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name:

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name: Identification Etichetta identificativa Label School ID: School Name: TIMSS 2011 Questionario studente Scuola secondaria di I grado classe terza Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Formattato: Rientro: Sinistro: 0 cm, Prima riga: 0 cm CM n.24/2006; Direttiva MIUR del 27.12.2012; CM n.8/2013 Intestazione

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

con il patrocinio di:

con il patrocinio di: con il patrocinio di: Programma Formazione ed Innovazione per l Occupazione Scuola e Università, promosso e sostenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per le Politiche

Dettagli

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO B5 queste schede ti aiuteranno a scoprire quanto sia utile autointerrogarsi e autovalutarsi potrai renderti conto di quanto sia utile porsi domande per verificare la propria preparazione se ti eserciterai

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Network (rete personale) La mia RETE di conoscenze e relazioni con persone che possono interessarsi alla mia

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado ALLENDE-CROCI Via Italia, 13 PADERNO DUGNANO

Scuola Secondaria di I grado ALLENDE-CROCI Via Italia, 13 PADERNO DUGNANO Scuola Secondaria di I grado ALLENDE-CROCI Via Italia, 13 PADERNO DUGNANO ALUNNO.... CLASSE.. Data. SCHEDA 1 Su il sipario Ti capita a volte di immaginare te stesso nel futuro? Come ti vedi? Senza andare

Dettagli

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15 Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado Maria Cassani

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

shapes competency development report

shapes competency development report shapes competency development report candidato/a: Max Mustermann amministrazione: 29.07.2005 rapporto creato: 19.02.2007 cut-e gmbh e-mail: info@cut-e.com große bleichen 12 tel: +49-40-3250.3890 20354

Dettagli

5. CARATTERISTICHE DEI CORSI

5. CARATTERISTICHE DEI CORSI 5. CARATTERISTICHE DEI CORSI Area informatica Corso base (30 ore) Alfabetizzazione informatica comprendere i concetti fondamentali delle tecnologie dell'informazione; utilizzare le normali funzioni di

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM)

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) Di seguito sono riportati i principali risultati emersi dalla compilazione del percorso AlmaOrièntati che ha coinvolto 97 studenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

Situazione problematica rivolta alla classe 1^B Scuola Secondaria di 1 Grado-Bartolo da Sassoferrato-IC Sassoferrato- Prof. Ottavi

Situazione problematica rivolta alla classe 1^B Scuola Secondaria di 1 Grado-Bartolo da Sassoferrato-IC Sassoferrato- Prof. Ottavi Situazione problematica rivolta alla classe 1^B Scuola Secondaria di 1 Grado-Bartolo da Sassoferrato-IC Sassoferrato- Prof. Ottavi Contesto La situazione problema è rivolta ad una classe prima della scuola

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

DOPO LA SCUOLA? CHE IMPRESA!

DOPO LA SCUOLA? CHE IMPRESA! DOPO LA SCUOLA? CHE IMPRESA! Diffusione della cultura del lavoro Anno Scolastico 2006-2007 Il colloquio di lavoro in collaborazione con: IL COLLOQUIO DI LAVORO COLLOQUIO DI LAVORO Colloquio è una parola

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Giacomo Papasidero. Formazione INDIRIZZO: DATA DI NASCITA: 30/04/1983 EMAIL: TELEFONO:

Giacomo Papasidero. Formazione INDIRIZZO: DATA DI NASCITA: 30/04/1983 EMAIL: TELEFONO: Giacomo Papasidero Informazioni generali INDIRIZZO: Corso.. NAZIONALITÀ: Italiana DATA DI NASCITA: 30/04/1983 EMAIL: giacomo@diventarefelici.it TELEFONO: 34.. PROFILI SOCIAL: http://it.linkedin.com/pub/giacomo-papasidero/2a/9a2/276

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

TITOLO: Perché non basta saper contare? Il linguaggio matematico nella realtà

TITOLO: Perché non basta saper contare? Il linguaggio matematico nella realtà TITOLO: Perché non basta saper contare? Il linguaggio matematico nella realtà Liceo Classico- Linguistico ARISTOFANE Classe V Ginnasio Sez. F ( PNI) Classe V Ginnasio Sez. G Prof.ssa Oliva Bruziches olivabruz@tiscali.it

Dettagli

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO ITC A. BIANCHINI, COMUNE DI TERRACINA (LT)

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO ITC A. BIANCHINI, COMUNE DI TERRACINA (LT) PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO ITC A. BIANCHINI, COMUNE DI TERRACINA (LT) Di seguito sono riportati i principali risultati emersi dalla compilazione del percorso AlmaOrièntati che ha coinvolto 146 studenti

Dettagli

Primi Passi Guadagno

Primi Passi Guadagno Primi Passi Guadagno Online Questo è un report gratuito. E possibile la sua distribuzione, senza alterare i contenuti, gratuitamente. E vietata la vendita INTRODUZIONE Mai come in questo periodo è scoppiato

Dettagli

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM In questo articolo apprenderai come strutturare una lezione semplice ed efficace per spiegare ai tuoi alunni con DSA e non, quali sono le

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PROGRAMMA ERASMUS+ MOBILITA AI FINI DI TIROCINIO A.A. 2015/2016

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PROGRAMMA ERASMUS+ MOBILITA AI FINI DI TIROCINIO A.A. 2015/2016 UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE A.A. 2015/2016 PROGETTO ERASMUS+ A.A. 2015-2016 Gli studenti interessati a svolgere uno stage all estero, nell ambito del programma Erasmus+,

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA PRIMARIA PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2012/2013 PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA PRIMARIA MOTIVAZIONE Perché orientamento nella scuola primaria. Il progetto di orientamento iniziato nella scuola

Dettagli

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 -

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - Indice: 1. Presentazione di me stesso. 2. Come ho imparato ad usare il p. c. 3. Che programmi ci sono nel

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

SLEST. Modello standardizzato. delle qualifiche linguistiche da raggiungere. livello 1 (A2) reception d albergo

SLEST. Modello standardizzato. delle qualifiche linguistiche da raggiungere. livello 1 (A2) reception d albergo SLEST Modello standardizzato delle qualifiche linguistiche da raggiungere livello 1 (A2) reception d albergo Questo progetto è stato finanziato con l aiuto della Commissione Europea. Responsabile per il

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

L alunno con ADHD: proposte operative

L alunno con ADHD: proposte operative L alunno con ADHD: proposte operative Laura Dentella Ilaria Rota Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Il bambino con ADHD: Alla scuola dell infanzia Alla scuola primaria Alla scuola secondaria Sintesi

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Il garage Informazioni per il PD

Il garage Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/8 Compito Gli alunni imparano come funziona un moderno garage e che profili professionali hanno le persone che vi lavorano. Obiettivo Gli alunni conoscono un garage. Materiale

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

A.A.A LAVORO CERCASI!!!

A.A.A LAVORO CERCASI!!! A.A.A LAVORO CERCASI!!! 1 2 Carissimi, l'amministrazione Comunale di Azzano San Paolo nel corso degli anni ha promosso attività volte al sostegno dei giovani cittadini. Pensiamo che sia fondamentale in

Dettagli

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Nome........ Classe. SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Perché perché Ci sono tanti buoni motivi per impegnarsi nello stage? Individua 3 buoni motivi per cui ritieni che valga la

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Indice. Primo anno... 3

Indice. Primo anno... 3 2 Materiali per il Portfolio Indice Primo anno... 3 Io e la musica... 3 Per conoscerti meglio... 4 L ascolto... 4 Fare musica, fare con la musica... 4 Lascia una traccia sonora... 4 Test d ingresso di

Dettagli

Ins. Elena Rodda Scuola Primaria di Pavone Classe 3 A A. S. 2008/09 NEL TEMPO LA STORIA 3 INDICE DEGLI ALLEGATI

Ins. Elena Rodda Scuola Primaria di Pavone Classe 3 A A. S. 2008/09 NEL TEMPO LA STORIA 3 INDICE DEGLI ALLEGATI INDICE DEGLI ALLEGATI Allegato 1 Griglia ad uso dell insegnante per valutare il testo regolativi. Allegato 2 Rubrica per valutare la capacità di esecuzione di un compito individuale Griglia di autovalutazione

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Secondaria di II grado Classe Seconda

QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Secondaria di II grado Classe Seconda QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Secondaria di II grado Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2014 2015 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Secondaria di II grado Classe Seconda Spazio per

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

TEST PERSONALE RICERCA IL TUO CANALE COMUNICATIVO

TEST PERSONALE RICERCA IL TUO CANALE COMUNICATIVO TEST PERSONALE RICERCA IL TUO CANALE COMUNICATIVO Se facessimo tutto ciò che siamo capaci di fare, rimarremmo letteralmente sbalorditi RISPONDERE ISTINTIVAMENTE ALLE SEGUENTI DOMANDE Quando gli altri si

Dettagli

Informarsi. Raccogliere informazioni

Informarsi. Raccogliere informazioni Fase di lavoro 1 Informarsi Spieghi con parole sue a un collega oppure a un suo parente il compito che ha dovuto svolgere e che vuole descrivere nel suo rapporto È stato in grado di esprimersi in modo

Dettagli