Sono in grado di Esercizi preliminari per chiarire i significati del termine «competenza»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sono in grado di Esercizi preliminari per chiarire i significati del termine «competenza»"

Transcript

1 capitolo 1 Sono in grado di Esercizi preliminari per chiarire i significati del termine «competenza» In generale Gli esercizi che seguono aiutano a riconoscere e distinguere i significati attribuiti al termine «competenza» e costituiscono un importante preparazione all utilizzo corretto del SESTANTE Definizioni: competenze o capacità Spiegazione dei vari tipi di competenze: specifiche, organizzative, sociali e personali. Conosci...? Sai...? Sei in grado...? L alunno/a classifica una serie di esempi secondo diversi tipi di competenza e valuta in quale misura tali capacità lo/la riguardano. Quale chiave apre quali porte? L alunno/a spiega con parole proprie alcune definizioni ricorrenti negli annunci e nelle offerte di lavoro. La compilazione di questa scheda è un utile esercizio di «riscaldamento» in vista della successiva elaborazione del Sestante-Competenze allo specchio. sono in grado di Un caso esemplare L alunno/a familiarizza con i vari tipi di competenza prendendo a esempio il caso di una persona con una vita e con esperienze simili alle proprie. 1.4 «A scuola servono tante capacità diverse...» Alunne e alunni fanno mente locale sulle competenze che sono quotidianamente chiamati ad attivare/impiegare a scuola. 1.5 Cosa imparo nel tempo libero, nella vita quotidiana e nell ambito delle attività svolte a titolo gratuito? Alunne e alunni fanno mente locale sulle competenze che impiegano ogni giorno al di fuori del contesto scolastico. Questo esercizio serve in particolare a «evidenziare le competenze intrinseche» che vengono attivate per svolgere attività comuni come gli hobby ecc. 1.6 L isola deserta L alunno/a acquista consapevolezza delle sue capacità; inoltre impara che ciascuno dispone di risorse differenti e che ciò è un presupposto fondamentale per il lavoro di squadra. 13

2 capitolo 1 sono in grado di COMPETENZE, CAPACITÀ Le competenze sono capacità, conoscenze ed esperienze impiegate per svolgere una determinata mansione o attività (a scuola, nella vita quotidiana, sul lavoro...). Le competenze si distinguono come segue: Competenze specifiche Conoscenze teoriche (p. es. biologia, matematica, storia...), conoscenze pratiche e cultura generale, conoscenza di lingue straniere ecc. Competenze organizzative Capacità di una persona di pianificare, organizzare, strutturare e gestire sul piano economico il proprio lavoro (p.es. capacità organizzativa, tecniche di lavoro, tecniche di presentazione...) Competenze sociali Capacità di una persona di stabilire contatti con gli altri, risolvere problemi ecc. (p. es. comunicatività, capacità di gestire situazioni conflittuali, attitudine al lavoro di squadra...) Competenze personali Relative alla consapevolezza delle proprie capacità e dei propri punti di forza, nonché al modo di impiegare le proprie doti (p. es. autonomia, creatività, resistenza, capacità di affermarsi...) Esempio Un/a rappresentante degli studenti o di classe possiede le seguenti competenze: specifiche (conoscenza dello statuto degli studenti ecc.), organizzative (pianificare una festa, raccogliere offerte da vari proponenti, raccogliere e gestire denaro ecc.), sociali (capacità di gestire conflitti, di esprimersi correttamente, di convincere gli altri, di non abbandonarli nelle difficoltà ecc.) personali (sapersi affermare, essere sicuri di sé e diplomatici, impegnarsi spontaneamente in qualcosa ecc.) 14

3 sono in grado di... capitolo CONOSCI...? SAI...? SEI IN GRADO...? Nella tabella che segue sono elencate varie competenze/abilità. 1 passo: Per ciascuna voce dell elenco indica con una crocetta se ti riguarda o no. 2 passo: Classifica le competenze che possiedi distinguendo tra competenze specifiche, personali, sociali e organizzative. Ricorda che la classificazione non è sempre e necessariamente univoca! Distingui tra: So = competenze sociali O = competenze organizzative P = competenze personali Sp = competenze specifiche Alla fine della tabella puoi aggiungere altre competenze specifiche che ritieni di possedere (in considerazione del tipo di scuola che frequenti). MI NON MI TIPO DI COM- RIGUARDA RIGUARDA PETENZA Ho le mie idee e le difendo. Mi presento con il mio nome. Durante un colloquio guardo il mio interlocutore negli occhi. Curo il mio aspetto. Tengo sempre a disposizione la documentazione dei miei titoli personali. Mi comporto con rispetto verso gli altri. So accettare le decisioni prese in gruppo. So valutare se una cosa fa bene o male alla mia salute. Prendo appunti di ciò che devo fare. Conosco le regole della buona educazione e so comportarmi come si conviene. Sono puntuale. Conosco le principali regole ortografiche. So affrontare apertamente le difficoltà. Se devo rinviare un appuntamento già concordato, lo faccio tempestivamente. Conosco varie tecniche di apprendimento. So applicarmi e svolgere un compito con perseveranza. Sono disponibile ad aiutare. Conosco vari metodi per ridurre lo stress scolastico. 15

4 capitolo 1 sono in grado di... MI NON MI TIPO DI COM- RIGUARDA RIGUARDA PETENZA Sono sportivo/a. So collaborare con gli altri. Sviluppo nuove possibilità e le sperimento. So accettare le critiche, quando sono motivate. Se non capisco qualche cosa, chiedo spiegazioni. Sono in grado di adempiere un compito in diverse condizioni. Parlo forte e chiaro. Mi prefiggo degli obiettivi e so illustrarli per iscritto. So sbrigare con puntualità i compiti a casa/ compiti specifici. Manifesto le mie aspirazioni, i miei desideri e le mie esigenze. Prendo autonomamente contatto con le persone che ritengo importanti per me. Svolgo coscienziosamente i compiti a casa. So stendere una relazione. Durante la pausa mi comporto in maniera disciplinata. Sono in grado di risolvere eventuali conflitti che insorgono in classe. Appoggio gli insegnanti nella realizzazione dei loro propositi. Non ho difficoltà a parlare in gruppo. So dove cercare aiuto per realizzare meglio i miei obiettivi. Organizzo gite di classe. So capire quando sono malato/a veramente e comportarmi di conseguenza. So ascoltare. So concentrarmi sul lavoro. So parlare del mio passato. Tengo informati i miei genitori su quello che faccio. Tengo un agenda degli impegni e la compilo scrupolosamente. Uso il denaro con giudizio. Posso assumermi responsabilità anche per conto di altre persone. So esprimermi con un linguaggio appropriato all argomento. Tengo un raccoglitore in cui inserisco regolarmente i documenti da conservare. 16

5 sono in grado di... capitolo 1 MI NON MI TIPO DI COM- RIGUARDA RIGUARDA PETENZA Tratto con cura le cose che non mi appartengono. Conosco i miei punti di forza e so descriverli. So sostenere i singoli componenti di un gruppo al fine di raggiungere un buon risultato comune. So leggere gli orari dei mezzi di trasporto. Rispetto l ambiente. Mi presento sempre agli appuntamenti. Rispetto e accetto idee diverse dalle mie. Se commetto un errore, chiedo scusa. Riconosco gli obiettivi mancati e analizzo le cause dell insuccesso. Sono una persona d indole magnanima. So essere ordinato/a. So conciliare gli impegni scolastici e privati. So manifestare e difendere la mia opinione in gruppo/classe. So leggere una pianta topografica. Sono in grado di prendere decisioni che mi riguardano. Gli altri possono fidarsi di me. Ho sempre con me i materiali scolastici occorrenti per la lezione. Rispetto le regole concordate sia a casa che a scuola. So comunicare e motivare le mie decisioni. Sono in grado di distinguere le cose essenziali da quelle secondarie. So capire cosa vuole da me l insegnante. So intraprendere le azioni necessarie per raggiungere i miei obiettivi. Sono in grado di valutare le conseguenze delle mie decisioni. So proporre soluzioni all interno di un gruppo. So tenere una conferenza. So portare argomenti convincenti a sostegno delle mie idee. Cerco soluzioni adatte al caso specifico. So come reperire informazioni in internet. Faccio una promessa solo quando posso mantenerla. Capisco il lavoro che c è da fare e lo svolgo in maniera autonoma. So esprimermi in maniera comprensibile. So come reperire informazioni in una biblioteca. 17

6 capitolo 1 sono in grado di... Possiedi competenze specifiche particolari? Per esempio: So determinare la soglia di redditività di un azienda sia in termini aritmetici che grafici. Conosco i diritti dei lavoratori. So tradurre un testo tecnico dall inglese all italiano Altre competenze MI NON MI TIPO DI COM- RIGUARDA RIGUARDA PETENZA 18

7 sono in grado di... capitolo Quale chiave apre quali porte? Spesso chi presenta una domanda di lavoro è invitato a indicare se possiede determinate «qualifiche chiave». Ti sei mai chiesto/a a cosa ci si riferisce con questa espressione? Cerca di spiegare con parole tue le competenze chiave indicate qui di seguito. Prova anche a pensare a quali sono i requisiti sottintesi dal datore di lavoro che utilizza simili definizioni in un annuncio. COMPETENZA CHIAVE CHE IN PRATICA SIGNIFICA: Collaboratore scrupoloso p. es. essere puntuali, lavorare in maniera pulita e ordinata Cultura generale Attitudine al lavoro di squadra Flessibilità Resistenza Doti comunicative Efficienza Doti organizzative Capacità di gestire situazioni conflittuali Disponibilità alla formazione continua Creatività 19

8 capitolo 1 sono in grado di Un caso esemplare Scegli una persona che conosci direttamente e che per te costituisce un «esempio» da imitare: Indica tre punti di forza che caratterizzano questa persona. Classifica gli elementi che distinguono questa persona (per esempio sul lavoro, a livello caratteriale ecc.) secondo i quattro usuali tipi di competenza. PERSONA PUNTI DI FORZA TIPO DI COMPETENZA p. es. Petra sa ascoltare competenza sociale sa affermare le sue ragioni competenza personale tiene la cassa comune programma le gite di classe competenza organizzativa è brava in fisica competenza specifica 20

9 sono in grado di... capitolo A scuola servono tante capacità diverse! Ti sei mai chiesto/a quante capacità impieghi ogni giorno a scuola senza nemmeno accorgertene? COMPETENZE SOCIALI: Praticamente lavori tante ore a contatto con compagni/e di classe e insegnanti. Descrivi delle situazioni che condividi quotidianamente con altre persone: COMPETENZE PERSONALI: Questa categoria riguarda la tua personalità e la tua consapevolezza delle capacità e dei punti di forza che ti contraddistinguono. Pensa a situazioni in cui emergono le tue competenze personali. COMPETENZE SPECIFICHE: Cosa hai imparato ultimamente nelle materie in cui ritieni di andare meglio? COMPETENZE ORGANIZZATIVE: Oltre alle doverose competenze specifiche, la scuola presuppone che tu conosca anche tecniche di lavoro e metodi di gestione del tempo. Descrivi delle situazioni scolastiche che richiedono capacità organizzative. 21

10 capitolo 1 sono in grado di Cosa imparo nel tempo libero, nella vita quotidiana e nell ambito delle attività svolte a titolo gratuito? A casa svolgo le seguenti attività: Sono iscritto/a alle seguenti organizzazioni (p. es. associazione cattolica, coro, società sportiva) Svolgo le seguenti attività all interno di organizzazioni/associazioni: Pratico i seguenti sport Coltivo i seguenti hobby Indica uno degli hobby o degli sport a cui ti dedichi: Ti sei mai chiesto/a di quali competenze/capacità hai bisogno per praticare tale hobby/sport? Competenze specifiche Competenze organizzative Competenze sociali Competenze personali Indica un altra attività che svolgi a casa e le relative competenze richieste: Competenze specifiche Competenze organizzative Competenze sociali Competenze personali 22

11 sono in grado di... capitolo L isola deserta Immagina di fare naufragio insieme ad alcuni compagni di classe e di finire su un isola deserta. Per sopravvivere fino all arrivo dei soccorsi dovete stabilire i compiti che si assumerà ciascuno. Come un novello Robinson Crusoe, forma una squadra con due vicini di banco. Insieme riflettete sulle capacità di ciascuno di voi e su come potreste metterle a frutto per sopravvivere sull isola. Ognuno scriva le capacità possedute a suo avviso dagli altri membri del gruppo. Ciascun gruppo confronti infine i suoi risultati con quelli delle altre squadre. 23

12 L AVORO capitolo 2 LA SCELTA DELLA PROFESSIONE Questo capitolo consiste in una serie di esercizi utili per mettere a fuoco le idee e le aspettative riguardo al proprio futuro lavorativo, nonché per trarre un primo orientamento alla professione Lavoro, professione, occupazione, carriera, impiego, mestiere per guadagnarsi da vivere o cos altro? L alunno/a riflette su cosa significa per lui/lei la parola «lavoro» e su come immagina il proprio futuro professionale. Procedimento: si comincia chiarendo il concetto di lavoro; dopodiché ciascuno risponde per conto proprio alle domande che seguono. Le esperienze dei singoli alunni vengono infine discusse collegialmente. Un salto nel buio L alunno/a riflette sul proprio futuro e prova a immaginarsi cosa vorrebbe fare d ora in avanti. In particolare si sofferma sulle speranze, le gioie, i timori, le preoccupazioni connesse alla scelta della professione che presto dovrà affrontare. Uno sguardo al futuro Un esercizio per rappresentare il proprio futuro professionale e privato. La mia vita dopo la scuola L alunno/a indica le priorità secondo cui intende impostare la vita dopo la scuola e spiega le sue scelte. la scelta della professione 2.5 Le mie aspettative nella vita e nel lavoro L alunno/a è invitato a illustrare le sue aspettative riguardo al suo futuro. 2.6 Lati positivi e lati negativi L alunno/a analizza vantaggi e svantaggi connessi alle professioni che ha preso in considerazione per il futuro. 2.7 Considerazioni sul futuro professionale Ciascun/a alunno/a analizza alcune dichiarazioni di coetanei riguardo alle loro aspettative professionali e prova a immedesimarsi nel ruolo di consulente.

13 capitolo 2 L AVORO 2.8 Il corso della vita Un esercizio per focalizzare i fattori d influenza e i criteri decisionali adottati nella scelta della professione. Procedimento: Ciascun/a alunno/a illustra il corso della propria vita (scolastica e privata) includendo gli eventi collaterali che a suo avviso influenzano la scelta scolastica e professionale. Il resoconto viene redatto su un foglio DIN A3 in vista della successiva presentazione davanti al resto della classe. la scelta della professione 2.9 La strada degli obiettivi L alunno/a rappresenta graficamente il piano d azione che ha concepito per impostare il proprio futuro lavorativo. Procedimento: Ciascun/a alunno/a prepara un poster disegnando al centro una strada. Alla fine della strada riporta l obiettivo formativo-professionale che persegue attualmente (p. es. formazione professionale, apprendistato, diploma ecc.). Lungo il percorso aggiunge una serie di stazioni corrispondenti agli obiettivi intermedi (p. es. dopo il primo anno di studi vorrei aver dato tre esami, dopo il secondo vorrei essere in grado di ).

14 L AVORO la scelta della professione capitolo Lavoro, professione, occupazione, carriera, impiego, mestiere per guadagnarsi da vivere o cos altro? Concludi le seguenti frasi: Per me il lavoro è Il lavoro dovrebbe Il lavoro mi dà Nel mio caso la scelta della professione dipende dai seguenti fattori Quale delle seguenti (o altre) definizioni corrisponde maggiormente alla tua idea di lavoro? Spiega perché. Lavoro, professione, occupazione, carriera, impiego, mestiere per guadagnarsi da vivere,... Scegli tra le definizioni sopra menzionate quella che corrisponde maggiormente a ciò che fanno tuo padre e/o tua madre. Anche questa volta, spiega perché. Secondo te, quale delle definizioni sopra menzionate sceglierebbero i tuoi genitori per parlare del tuo futuro professionale? Spiega perché. E quale definizione userebbero i tuoi insegnanti per parlare del tuo futuro professionale? Come nei casi precedenti, spiega perché. Quale definizione userebbero i tuoi compagni/le tue compagne di classe per parlare del tuo futuro professionale? Perché? 27

15 capitolo 2 la scelta della professione L AVORO 2.2 Un salto nel buio Pensando al tuo futuro professionale, quali sono gli aspetti che ti fanno piacere, quali quelli che suscitano in te incertezza o che stenti a immaginarti? Mi fa piacere che Sono ottimista riguardo al fatto che Devo ancora decidermi a Stento a immaginare che Mi preoccupa il fatto che Non sono sicuro/a che 28

16 L AVORO la scelta della professione capitolo Uno sguardo al futuro Prova a immaginarti una giornata tra cinque anni e rispondi alle seguenti domande: Dove vorrei vivere? Che lavoro starò facendo/cosa starò studiando o imparando? In che modo vorrei trascorrere il mio tempo? Come si svolgerà una normale giornata di lavoro/di studio? Quanto denaro avrò a disposizione/guadagnerò mensilmente? Chi mi sarà particolarmente vicino? Quale sarà la cosa più importante nella mia vita? 29

17 capitolo 2 la scelta della professione L AVORO 2.4 La mia vita dopo la scuola Guadagnare soldi miei Conquistare una mia indipendenza Studiare Finalmente basta scuola Seguire un corso di formazione professionale Essere autonomo Avere un conto in banca Fare il lavoro che voglio Lavorare quando voglio Avere la mia prima automobile Avere tempo per i miei hobby Avere un mio appartamento Nel seguente riquadro scrivi le cose che assumeranno maggiore importanza nella tua vita dopo la scuola e spiega perché: 30

18 L AVORO la scelta della professione capitolo Le mie aspettative nella vita e nel lavoro VORREI essere una persona creativa svolgere un lavoro utile riscuotere apprezzamento lavorare all estero evitare il più possibile lo stress sul lavoro svolgere un lavoro interessante e stimolante, accettando anche stress e fatica poter mettere a frutto le mie abilità manuali rendermi indipendente con il tempo potermi specializzare fare carriera avere un buon reddito rendermi presto indipendente dal punto di vista economico vedere subito i risultati del mio lavoro mettere a frutto le mie capacità e le mie idee un posto di lavoro che sia gradevole in termini di rumore, pulizia, abbigliamento, mobilio, orario... avere la possibilità di fare carriera autonomia e responsabilità avere a che fare con le persone aiutare gli altri poter conciliare il lavoro e il tempo libero poter studiare e lavorare nel luogo in cui vivo attualmente seguire un corso di studi breve seguire un corso di studi che non impegni troppo seguire un corso di studi impegnativo condurre una vita varia lavorare con colleghe e colleghi simpatici un posto di lavoro sicuro ottenere successi professionali viaggiare molto lavorare in un ambiente molto elegante un lavoro non necessariamente tra i più remunerativi, ma che mi desse soprattutto gioia e soddisfazioni. Barra con una crocetta le affermazioni che corrispondono alla tua idea di futuro lavorativo e discutine con la tua vicina o il tuo vicino di banco. 31

19 capitolo 2 la scelta della professione L AVORO Stila una classifica da 1 (= poco importante) a 12 (= importantissimo) relativa ai seguenti desideri e aspettative per il tuo futuro lavorativo. Desideri/Aspettative molto tempo libero un reddito elevato un lavoro che mi piace buone possibilità di carriera un lavoro molto vario un lavoro autonomo colleghe/colleghi simpatici un lavoro che ha futuro un posto di lavoro bello e pulito riconoscimento, prestigio un orario di lavoro comodo poca distanza tra casa e lavoro La mia valutazione Per avere maggiori informazioni puoi rivolgerti alla banca dati abi dell ufficio orientamento professionale 32

20 L AVORO la scelta della professione capitolo Lati positivi e lati negativi La mia professione preferita al momento è settore professione Lati positivi Lati negativi In alternativa: settore professione Lati positivi Lati negativi 33

21 capitolo 2 la scelta della professione L AVORO 2.7 Considerazioni sul futuro professionale Manuela: Vorrei trovarmi un lavoro divertente. Non mi preoccupo di sapere cosa farò tra un paio d anni. D altronde, adesso come adesso non può prevederlo nessuno. Christian: Quando penso al mio futuro sogno di rendermi autonomo. Sonia: Il mio futuro? Prima devo imparare una professione. Tutto il resto verrà da solo. Ora come ora non sono nemmeno in grado di dire se avrò dei figli. Davide: Un posto di lavoro sicuro. Questa è per me la cosa più importante quando penso al mio futuro. Tanja: Vorrei scegliere una professione che sarà sicuramente richiesta anche un domani. In questo modo non dovrei sbagliare, vi pare? Pietro: Mi sento già sotto pressione. Ho l impressione che, se adesso scelgo la professione sbagliata, il mio futuro sarà tutto in salita. Dico bene? Sara: Sono più che tranquilla. Quando voglio davvero fare qualche cosa, finora ci sono sempre riuscita. Cosa pensi di queste affermazioni? Con quale o quali di questi sette coetanei ti identifichi maggiormente? Quali consigli avresti da dargli? Scrivi la tua opinione nello spazio sottostante: Il mio consiglio a 2.8 IL CORSO DELLA VITA Alunne e alunni analizzano i fattori d influenza e i criteri decisionali adottati nella scelta della professione. Procedimento: Ciascun/a alunno/a illustra il corso della propria vita (scolastica/privata) includendo i fattori che a suo avviso hanno influenzato le scelte scolastiche e professionali. Scrivere il resoconto su un foglio DIN A3 che sarà poi presentato al resto della classe. 2.9 La strada degli obiettivi Finalità: Illustrare graficamente il piano d azione per costruire il proprio futuro professionale. Procedimento: Ciascun alunno/a prepara un poster disegnando al centro una strada. Alla fine della strada indica l obiettivo formativo perseguito attualmente (p. es. formazione professionale, apprendistato, diploma ecc.). Lungo il percorso riporta anche una serie di stazioni che corrispondono agli obiettivi intermedi (p. es. dopo il primo anno di studi vorrei aver dato tre esami, dopo il secondo vorrei essere in grado di...). 34

22 capitolo 3 IMPARIAMO A IMPARARE Il titolo non tragga in inganno. Questo capitolo non si occupa di metodi di studio, ma punta piuttosto a far comprendere che si può imparare anche fuori della scuola, stimolando così a riconsiderare i processi di apprendimento. Alunne e alunni sono dunque chiamati a riflettere sulle situazioni da cui traggono insegnamenti concreti e a illustrare le loro esperienze al riguardo Il mio logo di studente L alunno/a elabora un logo che a suo avviso è rappresentativo del suo ruolo di discente. Quindi spiega il significato del logo stilando un commento sulla falsariga del portfolio delle competenze previsto dalla riforma scolastica. Occasioni di apprendimento Questo esercizio serve a far comprendere che si può imparare in qualunque contesto di vita e non solo a scuola. Riflessione sull apprendimento L alunno/a riflette su ciò che ha imparato fino ad ora e su come porre rimedio ai suoi punti deboli. Condizioni di apprendimento personali L alunno/a analizza il suo modo di apprendere e le tecniche di studio che adotta normalmente. impariamo a imparare 3.5 Resoconto al termine di un modulo didattico di xxxx o di un progetto su xxxx Ognuno riflette sulle capacità di cui ha avuto bisogno per svolgere un determinato modulo didattico o un progetto. 3.6 Che cosa mi serve per imparare bene? L alunno/a si confronta con i compagni di classe alle condizioni che a suo avviso favoriscono l apprendimento. La classe si divide in gruppi, ciascuno dei quali completa per iscritto una serie di spunti di riflessione.

23 capitolo 3 impariamo a imparare 3.1 Il mio logo di studente Nello spazio sottostante disegna il logo che useresti per rappresentarti come studente: Commenta il tuo logo: Data e firma 36

24 impariamo a imparare capitolo Occasioni di apprendimento Racconta un aneddoto della tua vita da cui ritieni di avere tratto un insegnamento. Confronta quindi la tua esperienza con quella del/la compagno/a di banco. Un occasione di apprendimento ovvero quella volta che ho imparato qualche cosa (dalla vita) 37

25 capitolo 3 impariamo a imparare 3.3 Riflessione sull apprendimento Quando senti la parola «imparare», cosa ti viene in mente? Annota il maggior numero di termini che istintivamente associ a questa parola. L importante è che non ci pensi troppo e indichi le prime parole che ti vengono in mente. Tempo a disposizione: circa 3 minuti. Rileggi le parole che hai scritto e rifletti se nel tuo caso hanno una valenza positiva (= +), neutra (= 0) o negativa (= -). Aggiungi accanto a ciascuna parola il simbolo pertinente (+, 0 o -). Quali sono le materie in cui hai difficoltà a imparare? Da che cosa potrebbe dipendere? Cosa potresti fare per ovviare ai tuoi punti deboli nell apprendimento? 38

26 impariamo a imparare capitolo Condizioni di apprendimento personali Per ciascuna delle seguenti affermazioni, indica con una crocetta se corrisponde al tuo caso oppure no. A casa ho un posto fisso per fare i compiti. So che tipo di studente sono. Studiare mi diverte. Faccio fatica a studiare. Quando voglio imparare qualche cosa mi esercito con pazienza e perseveranza. Se nessuno mi sprona, mi passa subito la voglia di studiare. Studio solo quando è indispensabile. Sperimento volentieri nuovi metodi di apprendimento. Quando voglio davvero imparare, ci riesco sempre. Per imparare qualche cosa ho bisogno di una spinta dall esterno. Spesso, quando devo imparare cose nuove, mi domando se ce la farò. Conosco regole e concetti e so servirmene in modo appropriato. Cerco autonomamente le possibili soluzioni a un problema. Per studiare utilizzo uno schedario. So applicare le tecniche di lavoro che ho appreso (consultare pubblicazioni, evidenziare contenuti ecc.). So programmare i risultati di lavoro e impiegare razionalmente il mio tempo. Lavoro tenacemente e non mi lascio distrarre. So collaborare con gli altri. So presentare in modo chiaro e comprensibile i risultati del mio lavoro. Conosco varie tecniche di rilassamento. Analizzo i miei risultati didattici e sono in grado di esporli ad altre persone. Sono in grado di valutare il mio comportamento e le mie prestazioni. So come reperire informazioni (p. es. in internet, in biblioteca ecc.). Conosco i miei blocchi mentali nell apprendimento. Corrisponde perfettamente al mio caso Corrisponde abbastanza Corrisponde poco Non corrisponde affatto Con riguardo al mio modo di apprendere mi viene ancora in mente che: 39

27 capitolo 3 impariamo a imparare 3.5 Resoconto al termine di un modulo didattico di xxx o di un progetto su xxx Obiettivi del modulo didattico/del progetto: Illustra in maniera sintetica ma articolata i principali contenuti del modulo didattico o del progetto Che cosa hai imparato con questo modulo didattico/progetto? Pensa anche alle competenze sociali, personali, organizzative e specifiche che hai acquisito nell occasione. 40

28 impariamo a imparare capitolo Che cosa mi serve per imparare bene? Spunti per una relazione di gruppo L apprendimento comincia e finisce a casa: per imparare bene quando sono a casa ho bisogno di Affinché in classe si crei un ambiente favorevole all apprendimento, durante la lezione mi comporto nel modo seguente Affinché in classe si crei un ambiente favorevole all apprendimento, mi aspetto che i/le miei/mie compagni/e si comportino nel modo seguente Affinché in classe si crei un ambiente favorevole all apprendimento, mi aspetto che gli insegnanti si comportino nel modo seguente 41

29 capitolo 4 RICONOSCERE I PROPRI INTERESSI Questo capitolo costituisce una sorta di «caccia al tesoro» che ha come oggetto gli interessi e le inclinazioni individuali. Una volta definita la propria posizione, l alunno/a sarà agevolato nelle decisioni in merito alle opportunità formative che intende prendere in considerazione per il futuro. Obiettivo degli esercizi che seguono è dunque di porre l accento sull importanza che i propri interessi rivestono nella scelta della professione riconoscere i propri interessi I miei interessi L alunno/a prende coscienza dei suoi ambiti di interesse e delle sue inclinazioni in vista della scelta della professione. Ambiti di interesse, ambiti di lavoro L alunno/a riflette sui propri interessi e sulle figure professionali con cui questi si conciliano maggiormente. Diagramma delle energie e degli interessi L alunno/a riflette su quanto tempo e quante energie investe nei vari ambiti di vita, quindi confronta i risultati con il suo «diagramma delle energie ideale». Procedimento: L alunno/a elabora individualmente il «diagramma delle energie attuale» e il «diagramma delle energie ideale». Segue una discussione collegiale sulle differenze riscontrate e sulle loro ragioni.

30 capitolo 4 riconoscere i propri interessi 4.1 Scheda di lavoro: I miei interessi Quali sono i tuoi hobby e i tuoi interessi? Puoi indicarne anche diversi: Qualcuno ti ha già detto una volta che hai un particolare talento per Come trascorri prevalentemente il tuo tempo libero? A cosa ti piacerebbe dedicare più tempo? Ritieni di aver scelto la scuola giusta per il tipo di professione che vorresti svolgere? Qual è la cosa che ti piace di più nella scuola che frequenti? E quale quella che ti piace di meno? 44

31 riconoscere i propri interessi capitolo 4 Quale nuova materia introdurresti a scuola, se potessi scegliere? Come si chiamerebbe questa materia e quali conoscenze potresti trarne? Immagina che a scuola siano attivi gruppi di discussione su varie tematiche. Puoi scegliere a quali partecipare classificando da 1 a 6 le tematiche che affronteresti più volentieri: Giustizia e ingiustizia, sentenze giudiziarie Scoperte relative al mondo animale e vegetale Amicizia, amore, sessualità Il senso della vita e altri interrogativi fondamentali Viaggi Musica Economia Psicologia e conoscenza della natura umana Umorismo e fumetti Rompicapo e giochi matematici Moda e tendenze Sport Libri e romanzi Poesie e citazioni Politica Attualità dal mondo I giovani d oggi Conflitto generazionale Cinema Novità dal mondo dei VIP Immagina di essere un/a fotografo/a e di avere un ultimo scatto a disposizione sul tuo rullino: cosa fotograferesti? Perché? Se tra vent anni diventerai famoso/a, a che cosa sarà dovuta la tua celebrità? Elenca le dieci cose che contano di più nella tua vita attuale: 45

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli