2. Fabula e intreccio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Fabula e intreccio"

Transcript

1 2. Fabula e intreccio

2 Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti distinguere, all interno di una narrazione, la FABULA e l INTRECCIO. FABULA: insieme degli avvenimenti disposti secondo l ordine logico e cronologico. INTRECCIO: insieme degli avvenimenti nell ordine in cui ci vengono presentati nel corso della narrazione.

3 Chiariamo subito con un esempio: Un ladro, fingendosi esperto di arte, ruba un quadro in un museo; i custodi scoprono il furto e chiamano la polizia, vengono svolte delle indagini e alla fine si scopre il colpevole. Questi sono i fatti nel loro ordine logico e cronologico, cioè la fabula. Questi stessi fatti in un testo narrativo possono essere raccontati presentando all inizio il custode che entra in una sala del museo, scopre il furto di un quadro e chiama la polizia; poi si passa a raccontare delle indagini e della scoperta e solo alla fine si racconta com è avvenuto il furto: questo è l intreccio del racconto. Quando noi leggiamo un testo narrativo leggiamo sempre l intreccio. La fabula deve essere ricostruita dal lettore, e può essere ricostruita con certezza solo alla fine della lettura, quando il lettore è in possesso di tutti gli elementi. In teoria, la fabula e l intreccio possono anche coincidere. In realtà vi sono sempre delle differenze, a volte minime, a volte molto rilevanti: nessuna narrazione, infatti, può essere semplicemente la riproduzione esatta degli avvenimenti così come si sono svolti.

4 La struttura della fabula Alcuni elementi della fabula sono ricorrenti e si possono facilmente schematizzare:

5 ç ANTEFATTO O PROLOGO: è ciò che è accaduto prima dell inizio della storia; spesso resta sottinteso, o vi si allude indirettamente nel corso del racconto. SITUAZIONE INIZIALE: è la situazione esistente nel momento in cui la storia ha inizio; di solito, nella narrativa classica, si tratta di una situazione di equilibrio, di quiete, che viene bruscamente interrotta dall avvenimento che dà inizio alla vicenda. è ç CRISI: è l avvenimento che rompe l equilibrio iniziale e dà avvio alla storia; è detta anche rottura dell equilibrio.

6 ê SCIOGLIMENTO: è il momento in cui la vicenda si avvia alla conclusione, in cui cioè avviene qualcosa che permette di tornare a una nuova situazione di equilibrio. ç PERIPEZIE: sono i casi, le avventure, le vicissitudini che costituiscono l argomento della storia. In genere, la maggior parte del testo narrativo è occupata dalle peripezie, la cui varietà o il cui carattere straordinario suscitano é CLIMAX O MOMENTO CULMINANTE l interesse del (SPANNUNG): è il momento in cui la lettore vicenda raggiunge il massimo di complessità o di tensione. In una fabula vi possono essere più momenti culminanti. EPILOGO: è ciò che avviene dopo la conclusione della vicenda vera e propria, il nuovo equilibrio che si viene a creare; come l antefatto, può essere sottinteso o appena accennato. è

7 Lo schema proposto, com è ovvio, non si applica meccanicamente a tutte le storie. In molti casi, per esempio, vi sono più momenti di crisi, le peripezie possono essere molto complesse, etc. Uno schema applicabile a tutte le storie non esiste. Possiamo però indicare almeno i 3 elementi che dovrebbero essere sempre riconoscibili: ROTTURA DELL EQUILIBRIO, PERIPEZIE, SCIOGLIMENTO.

8 L ordine degli avvenimenti: flash back, flash forward e montaggio incrociato. Abbiamo detto che fabula e intreccio possono differire perché gli avvenimenti della storia sono presentati in un ordine diverso da quello logico cronologico. In alcuni generi (il giallo in primis) l ordine deve essere alterato. Tre sono le tecniche principali mediante le quali lo scrittore modifica l ordine dei fatti:

9 IL FLASH BACK (o retrospezione) Giunto ad un certo punto, chi racconta sente il bisogno di spiegare qualcosa che è accaduto in precedenza e quindi compie un salto all indietro. È quanto avviene, per esempio, quando si presenta in scena un nuovo personaggio e la narrazione si interrompe per spiegare chi è, cos ha fatto, com è arrivato lì, etc. Il genere che più fa ricorso al flash-back è senz altro il giallo. IL FLASH FORWARD ( o anticipazione) È la tecnica opposta a quella del flashback e consiste nell interrompere l ordine degli avvenimenti per anticiparne alcuni. È un caso meno frequente, perché rischia di togliere interesse alla storia, rivelandone la conclusione; è una tecnica però molto usata nell epica, proprio perché il pubblico dell epica conosceva già la storia e quindi l autore non toglieva interesse alla vicenda anticipandone alcuni elementi.

10 IL MONTAGGIO INCROCIATO consiste nel passare da una scena a un altra e viceversa, facendo capire che le due o più scene si svolgono contemporaneamente. Di fronte a due avvenimenti contemporanei, il testo narrativo è costretto a raccontare prima l uno e poi l altro, segnalando la loro contemporaneità con espressioni come intanto, nel frattempo, mentre accadeva ciò e simili.

11 Il ritmo narrativo: scene, analisi, sommari, ellissi

12 Le differenze tra fabula e intreccio non riguardano soltanto l ordine degli avvenimenti narrati, anche se questo è il caso più frequente e facilmente riconoscibile. L intreccio, rispetto alla fabula, modifica anche la durata reale degli avvenimenti (il tempo che occupano nella realtà) e la durata narrativa (lo spazio/tempo che occupano sulla pagina). Anche in questo caso, analizziamo schematicamente i casi più importanti:

13 SCENA: è il caso in cui tempo reale e tempo narrativo coincidono. Le sequenze in cui prevalgono i dialoghi, ad esempio, sono di solito delle scene, e così pure le sequenze in cui si descrivono passo passo i gesti dei protagonisti, i loro spostamenti, etc. TR = TN

14 ANALISI: è il caso in cui il tempo reale è più breve del tempo narrativo, perché l autore si sofferma ad analizzare tutti gli avvenimenti, dilatando la loro durata. Un caso tipico di analisi è quello in cui l autore segue i pensieri di un personaggio: una riflessione che nella realtà può richiedere un istante, o pochi secondi, può così dilatarsi fino a riempire molte righe o addirittura pagine intere. TR < TN

15 RIASSUNTO O SOMMARIO: è il caso contrario al precedente, in cui cioè il tempo reale viene abbreviato nella narrazione. È un caso frequentissimo, dato che spesso i testi narrativi riassumono interi periodi di tempo in poche righe, o in poche parole (con espressioni come passarono alcune settimane senza che accedesse nulla di importante, o trascorse gli ultimi anni di vita in campagna, e simili). TR > TN

16 ELLISSI: è un vero e proprio salto temporale, che si ha quando un periodo di tempo non viene raccontato. Si riconosce facilmente da espressioni come due giorni dopo e simili. È una delle tecniche più comuni,perché è molto raro che un racconto segua passo passo tutta la vicenda, fin nei dettagli; in alcuni casi, l ellissi serve a creare una specie di mistero, spingendo il lettore a chiedersi cosa sia successo in quel lasso di tempo.

17 Le tecniche che abbiamo elencato riguardano la durata degli avvenimenti. Si tratta di tecniche molto importanti per il ritmo del racconto: come è facile intuire, un testo con molte analisi - ad esempio un racconto psicologico tenderà ad avere un ritmo lento; un testo con molte scene un racconto d azione o d avventura tenderà, invece, ad avere un ritmo più rapido ed incalzante.

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

La nascita di un corto

La nascita di un corto La nascita di un corto Short Animated Movie in 3D Short: breve, dai 30 ai 5 minuti. Perché? Che vincoli impone all artista? Animated Movie: le scene non sono reali, né realistiche. Spezzoni di filmato

Dettagli

INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE

INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE PROGRAMMA 10.15 11.30 Teoria del montaggio 11.30 13.00 Cinetecnica: uso di AVS editor 13.00 14.00 Pausa pranzo 14.00 17.30 Laboratorio: montaggio

Dettagli

I tipi di narrazione e le sequenze

I tipi di narrazione e le sequenze cav allo a lato Storia d i c ap p uccetto ross o sec ondo l e f asi d i 1.Esp osi zione, 2.Es ord io, 3. Perip ezi e, 4.Sp annung, 5.Sciog limento, 6.C onclusione. I tipi di narrazione e le sequenze Un

Dettagli

Capitolo 2. Il racconto cinematografico: scrivere un film

Capitolo 2. Il racconto cinematografico: scrivere un film Capitolo 2 Il racconto cinematografico: scrivere un film IL RACCONTO CINEMATOGRAFICO Tim Burton il raccontastorie Big Fish Una storia non sempre ha un senso, e quasi mai è veritiera E la storia sotto forma

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

I promessi sposi. Capitolo 9

I promessi sposi. Capitolo 9 I promessi sposi Capitolo 9 Le sequenze 1. Separazione di Renzo dalle due donne 2. Arrivo di Lucia e Agnese al convento dei cappuccini di Monza 3. Trasferimento con il padre guardiano al monastero 4. Incontro

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

LA FIABA. C era una volta

LA FIABA. C era una volta LA FIABA C era una volta Che cos è la FIABA: Una storia fantastica ricca di magia, di trasformazioni e di misteri Un racconto antico di origine POPOLARE che inizialmente veniva tramandato oralmente e

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

Prova invalsi 1. Il mistero elettronico. PRIMA PARTE - analisi DeL TesTo

Prova invalsi 1. Il mistero elettronico. PRIMA PARTE - analisi DeL TesTo Prova invalsi 1 LiveLLo 3 Ascolta l audio del brano sul MEbook PRIMA PARTE - analisi DeL TesTo Il mistero elettronico 5 10 15 20 25 30 Che quel giorno era il suo compleanno glielo ricordò la figlia. Era

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI 4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI Rafforzare l autonomia e la stima di sé, l identità. Rispettare e aiutare gli altri cercando di capire i loro pensieri, azioni e sentimenti. Rispettare

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data Scheda Prima Capitolo primo 1. A caccia di indizi. Le Epigrafi - Francis Scott Fitzgerald Aimee Mann Il mimetismo secondo Walter Bates 2. Il Prologo. Con quale procedimento narrativo ha inizio il romanzo?

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA Acquisire la consapevolezza della convenzionalità del codice alfabetico Seguire il senso di scrittura da sinistra a destra e dall alto in basso Conoscere la scrittura

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/ Salve a tutti è un po che vedo e leggo su internet discussioni infinite sulla RR e sul paradosso dei gemelli, ma alla fine si gira sempre intorno al problema senza mai risolverlo e capirlo. Io non sono

Dettagli

Motivazioni del percorso

Motivazioni del percorso "Fiabe di tutti i colori " Motivazioni del percorso Scegliere la fiaba come oggetto di un percorso permette di offrire ai bambini un genere letterario già conosciuto, coinvolgente a livello emotivo, rassicurante

Dettagli

La sceneggiatura! cinematografica! Shelley Duvall, Jack Nicholson e Stanley Kubrick, tratto da Shining. Stadi del! processo creativo!

La sceneggiatura! cinematografica! Shelley Duvall, Jack Nicholson e Stanley Kubrick, tratto da Shining. Stadi del! processo creativo! La sceneggiatura! cinematografica! Shelley Duvall, Jack Nicholson e Stanley Kubrick, tratto da Shining Stadi del! processo creativo! Stadi del processo creativo : idea Che cos è la sceneggiatura?!

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE TERZA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto. Processi di controllo da mettere in atto durante l ascolto

Dettagli

oppure raccontare una storia su una sola pagina creando una tavola --> e ancora raccontare tutto su una sola striscia -->

oppure raccontare una storia su una sola pagina creando una tavola --> e ancora raccontare tutto su una sola striscia --> LA GRAMMATICA Il fumetto è una forma d'arte che unisce le regole della scrittura a quelle del disegno e le impiega per numerosi scopi: narrare, divertire, spaventare, inventare, commuovere...dando vita

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI

ESSERE GENITORI OGGI ESSERE GENITORI OGGI II Ciclo di incontri a sostegno della genitorialità 6 0 INCONTRO: Almese 10 Dicembre 2008 TEMA: FAVOLANDO 1 All ingresso del museo dei bambini di Boston c è questa iscrizione: Qui

Dettagli

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili POSTFAZIONE 389 390 E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili costruzioni in cui il lettore viene

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

ELEMENTI DI ANALISI TESTUALE

ELEMENTI DI ANALISI TESTUALE ELEMENTI DI ANALISI TESTUALE a.s. 2011/2012 Prof.ssa Sofia Giardino LA ST RUTT URA DEI T EST I NARRAT IVI Per capire la struttura dei testi narrativi occorre partire da un attenta lettura del testo, dialogare

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 ASCOLTARE Comprendere l argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere

Dettagli

PROIETTILI DI MEMORIA MATERIALE DI GIOCO PROIETTILI DI MEMORIA PREPARAZIONE. Preparazione del mazzo Carte Pistola

PROIETTILI DI MEMORIA MATERIALE DI GIOCO PROIETTILI DI MEMORIA PREPARAZIONE. Preparazione del mazzo Carte Pistola PROIETTILI DI MEMORIA MATERIALE DI GIOCO Una plancia di gioco disponibile nel pacchetto dei file. 54 carte disponibili nel pacchetto dei file. 32 token colorati (anche dello stesso colore) non disponibilli

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO OBIETTIVO GENERALE COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE 1. Prestare attenzione a chi parla 2. Saper comprendere messaggi orali 3. Capire il significato globale delle

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA

SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE SECONDA ITALIANO, STORIA, EDUCAZIONE ALL IMMAGINE, EDUCAZIONE MOTORIA INSEGNANTE FINCATO SUSANNA Unità d apprendimento

Dettagli

LA FIABA E UN RACCONTO FANTASTICO RICCO DI ELEMENTI MAGICI, MERAVIGLIOSI : VI SI INCONTRANO FATE, STREGHE, DIAVOLI, ORCHI, MAGHI, NANI, ESSERI BUONI

LA FIABA E UN RACCONTO FANTASTICO RICCO DI ELEMENTI MAGICI, MERAVIGLIOSI : VI SI INCONTRANO FATE, STREGHE, DIAVOLI, ORCHI, MAGHI, NANI, ESSERI BUONI LA FIABA E UN RACCONTO FANTASTICO RICCO DI ELEMENTI MAGICI, MERAVIGLIOSI : VI SI INCONTRANO FATE, STREGHE, DIAVOLI, ORCHI, MAGHI, NANI, ESSERI BUONI O CATTIVI, DTATI DI POTERI STRAORDINARI, SOPRANNATURALI.

Dettagli

Il racconto poliziesco o Giallo

Il racconto poliziesco o Giallo Il racconto poliziesco o Giallo deve il suo nome, almeno in Italia, a una famosa collana dell editore Arnoldo Mondadori. Nel lontano 1929, infatti, Mondadori diede vita a una collana con la copertina gialla,

Dettagli

Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo

Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo MICROPROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI DIDATTICA ORIENTATIVA

Dettagli

E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che

E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che azzannano una cerva. Tecnicamente è un trapezophoros, un sostegno

Dettagli

Lezione 15: Animazione

Lezione 15: Animazione Lezione 15: Animazione Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione Origini Produrre animazioni Animazione tradizionale (2D) Animazione digitale 2D Animazione digitale 3D

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA IDEATA DA CLAUDIA GASPERONI E REALIZZATA NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ PER L INTEGRAZIONE

UNITÀ DIDATTICA IDEATA DA CLAUDIA GASPERONI E REALIZZATA NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ PER L INTEGRAZIONE UNITÀ DIDATTICA IDEATA DA CLAUDIA GASPERONI E REALIZZATA NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ PER L INTEGRAZIONE SCUOLA MEDIA DI SERRAVALLE ANNO SCOLASTICO 2004-2005 1 IL FUMETTO HA CARATTERISTICHE PARTICOLARI CHE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione, passim.

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione, passim. FINALITA La storia è la disciplina nella quale si imparano a conoscere e interpretare fatti, eventi e processi del passato; le conoscenze del passato, in particolare i temi della memoria, dell'identità

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE 1 CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE Conoscenze Abilità Competenze - Conoscere le strategie di ascolto di testi orali: racconti, argomentazioni,

Dettagli

Il Neorealismo italiano

Il Neorealismo italiano Il Neorealismo italiano La realtà è là perché manipolarla? (Roberto Rossellini) Le formule in cui si è cercato di racchiudere l esperienza del Neorealismo riassumibili nella frase di Rossellini che titola

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

Dialogiche. Descrittive

Dialogiche. Descrittive ANALISI DI UN TESTO NARRATIVO Modello narrativo In ogni testo narrativo sono presenti: Situazione di equilibrio iniziale Esordio Avventure e peripezie Climax e spannung Scioglimento Tipologie delle sequenze

Dettagli

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA LEZIONE 2 SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA Immaginate la scrittura creativa come un cerchio dai tanti raggi o come una

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Istituto Statale Giulia Molino Colombini A. S. 2015/16. Programma di italiano

Istituto Statale Giulia Molino Colombini A. S. 2015/16. Programma di italiano Istituto Statale Giulia Molino Colombini A. S. 2015/16 Programma di italiano Classe: I SU B Docente: Cristina Maserati EDUCAZIONE LINGUISTICA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Ripasso di aspetti fondamentali dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina ITALIANO a.s. 2015/2016 Classe: 1 Sez. E INDIRIZZO: Tecnico Nautico Trasporti e Logistica Docente : Prof.ssa Pasqualina Marrosu ANNO SCOLASTICO 2015/16

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Vincenzo Antonio Manganaro vincenzomang@virgilio.it, www.statistica.too.it Indice 1 Architettura di un generico algoritmo di DM. 2 2 Regole di associazione:

Dettagli

Un corto lungo un anno scolastico un romanzo epistolare al tempo del digitale

Un corto lungo un anno scolastico un romanzo epistolare al tempo del digitale Un corto lungo un anno scolastico un romanzo epistolare al tempo del digitale classe II media Prof.ssa Alessia Riccardi 1 L'obiettivo di questa attività è quello di produrre un cortometraggio che riguardi

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

CORSI. I corsi principali sono: Anatomia del racconto I-II-II-IV, Scrivere l'amore e Come costruire un personaggio.

CORSI. I corsi principali sono: Anatomia del racconto I-II-II-IV, Scrivere l'amore e Come costruire un personaggio. CORSI Sulla base della nostra esperienza professionale di sceneggiatrici abbiamo tenuto, in Italia e all estero, una serie di corsi di scrittura creativa partendo dall assunto che le regole base della

Dettagli

La Progettazione Multimediale

La Progettazione Multimediale La Progettazione Multimediale Design Document comunicare la visione del progetto in modo sufficientemente dettagliato da rendere possibile la sua implementazione DD: Design Document è un documento scritto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO - INCISA. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO Classe 2^

ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO - INCISA. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO Classe 2^ ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO - INCISA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO Classe 2^ primo quadrimestre INDICATORI Ascoltare e parlare OBIETTIVI Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione,

Dettagli

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti.

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti. Indice 7 Introduzione 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi 33 3 Emozioni e sentimenti 52 4 Dimensioni 59 5 Dialoghi e suoni 68 6 Velocità 74 7 Ambientazioni 82 8 Aspetti

Dettagli

Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010).

Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010). ARRIETTY Per i più grandi. Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010). Sotto il pavimento di una grande casa nella campagna di

Dettagli

Il linguaggio dei fumetti

Il linguaggio dei fumetti Il linguaggio dei fumetti I fumetti sono messaggi visivi composti prevalentemente di immagini accompagnate da parole, che servono a rendere più comprensibile ed efficace la comunicazione. Un fumetto racconta

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

Scuola secondaria di 1 grado

Scuola secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Monsignor Saba Via Buscaglia, snc 09030 ELMAS (CA) Tel 070/2135088 Fax 070/243511 e-mail caic84400e@istruzione.it;a.flaviani@tiscali.it; sito web: www.scuolaelmas.it Scuola

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

le immagini Di un AvventurA 1. Riordina, numerandole, le immagini dell avventura che Nerina e Furettola vivono insieme subito dopo essersi conosciute.

le immagini Di un AvventurA 1. Riordina, numerandole, le immagini dell avventura che Nerina e Furettola vivono insieme subito dopo essersi conosciute. 4 le immagini Di un AvventurA 1. Riordina, numerandole, le immagini dell avventura che Nerina e Furettola vivono insieme subito dopo essersi conosciute. 16 5 un FAtto DoPo l Altr o 1. Numera da 1 a 9 gli

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

PAROLE, TESTI E STORIE. 3 Modulo PENSARE PER STORIE

PAROLE, TESTI E STORIE. 3 Modulo PENSARE PER STORIE PAROLE, TESTI E STORIE 3 Modulo PENSARE PER STORIE E OGGI COSA MI RACCONTI? ASCOLTA.E LA MIA STORIA 20-21 Settembre 2010 1 Indice Tra le Indicazioni per il Curricolo 07e gli Orientamenti 91 Il pensiero

Dettagli

Storia Classe I- TRAGUARDI DI COMPETENZE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA

Storia Classe I- TRAGUARDI DI COMPETENZE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA Storia Classe I- TRAGUARDI DI COMPETENZE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA L alunno: Riconosce elementi significativi del passato del suo ambiente di vita. Riconosce ed esplora in modo via via più approfondito

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME A.S. 2014-2015 ITALIANO 1 - Ascoltare e parlare. Ascoltare, comprendere ed

Dettagli

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI U.A. ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B TITOLO DOCENTI OBIETTIVI FORMATIVI DISCIPLINE COINVOLTE STRUMENTI LE NOSTRE PAROLE VALGONO Ascoltare le comunicazioni

Dettagli

I.I.S.S. ELENA DI SAVOIA PIERO CALAMANDREI. Classe 1E Progetto

I.I.S.S. ELENA DI SAVOIA PIERO CALAMANDREI. Classe 1E Progetto I.I.S.S. ELENA DI SAVOIA PIERO CALAMANDREI Classe 1E Progetto La nascita del fumetto risale alla fine del secolo scorso, quando il disegnatore americano Richard Felton Outcault, nel 1895, iniziò a pubblicare,

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

Programmazione annuale classi prime

Programmazione annuale classi prime DIREZIONE DIDATTICA STATALE IV CIRCOLO - GELA 1 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSI PRIME PREREQUISITI PREMESSA La programmazione annuale che viene presentata si muove in un ottica

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO (Testo narrativo - tutte le tipologie affrontate) Saper ascoltare e comprendere le narrazioni. Saper raccontare esperienze personali. Dimostra piacere

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Digital Storytelling:

Digital Storytelling: Digital Storytelling: una pluralità di approcci Seminari 2015 Michele Capalbo Progetto: POF 2015\2016 L.S. E. Fermi (CS) Percorso: Orientiamoci sulle TIC nella didattica curriculare Facciamo innovativamente

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

Cosa i libri ci raccontano

Cosa i libri ci raccontano Cosa i libri ci raccontano Molto spesso, quando apriamo un libro, non abbiamo voglia di leggerlo a causa delle troppe parole inserite in modo casuale nelle infinite pagine. Attraverso i libri portati per

Dettagli

Chi è lo sceneggiatore

Chi è lo sceneggiatore Chi è lo sceneggiatore Lo sceneggiatore, così come l autore di programmi televisivi, due ruoli assimilabili nei diversi processo di produzione dei rispettivi prodotti audiovisivi, è quel creativo che possiede

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta Percorso di Storia e Geografia per la classe seconda della Scuola Primaria Insegnante: Di Nucci Nicoletta Questo percorso è stato svolto nelle classi seconde, nell anno scolastico 2007/2008. In teoria

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli