Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia"

Transcript

1 LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni aria scarichi acqua rifiuti rumore energia consumo acqua utilizzo efficiente risorse (materie prime) prodotti chimici e sostanze pericolose contaminazione/consumo suolo Denominazione della tecnologia in esame SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Pagina 1 di 19

2 Descrizione della tecnologia ambientale La tecnologia di filtrazione in continuo Stormfilter è una tra le più avanzate e performanti BAT (Best Available Technology) in materia di trattamento delle acque, internazionalmente riconosciuta. Il sistema è stato infatti utilizzato in più di applicazioni negli Stati Uniti e in Italia. E stato installato per trattare le acque di dilavamento di grandi infrastrutture industriali, portuali, aeroportuali ed autostradali. Il Sistema Stormfilter si basa su un insieme di cartucce filtranti che trattengono il particolato ed assorbono le sostanze inquinanti come metalli disciolti, nutrienti ed idrocarburi. E una tecnologia innovativa di semplice concezione, facile da installare e di semplice manutenzione; è basata su un sistema di filtrazione passiva che si realizza attraverso una cartuccia a riempimento e consente di trattare in linea l intera portata afferente senza necessità di volumi di accumulo. In particolar modo lo Stormfilter è in grado di raggiungere i seguenti obiettivi: capacità di trattamento qualitativamente elevata per un sistema passivo; assenza della necessità di utilizzo di flocculanti e/o prodotti di consumo; funzionamento integralmente a gravità; dimensionamento per trattare il 96% della pioggia annua; semplicità di manutenzione ordinaria e straordinaria; investimenti equilibrati in funzione dell obiettivo da raggiungere. Durante l evento piovoso, le acque meteoriche vengono convogliate all impianto in cui sono alloggiate le cartucce. Man mano che il livello dell acqua aumenta nell impianto, il flusso attraversa radialmente il mezzo filtrante inserito nella cartuccia, fino ad arrivare al tubo centrale. Durante questo passaggio vengono bloccate le particelle che sono sfuggite alla decantazione; le altre sostanze inquinanti vengono trattenute nei micropori del materiale filtrante. L aria presente nella cartuccia viene espulsa attraverso una valvola appositamente collocata sulla parte superiore del rivestimento esterno della cartuccia stessa. Quando nella vasca dei filtri il livello raggiunge un altezza adeguata, il galleggiante si apre e permette all acqua di attraversare radialmente il pacco filtrante per essere trattata e, quindi, scaricarla dalla linea di scarico. Il sistema si attiva anche con eventi meteorici di minima intensità ed una volta attivato rimane in efficienza per l intera durata della pioggia. L eventuale portata in eccesso viene scaricata attraverso un troppo pieno in grado di garantire sempre l efficienza idraulica. Dopo l evento meteorico l impianto, grazie alla sua particolare conformazione, rimane integralmente aperto e funziona con la medesima efficienza e velocità mentre il livello dell acqua al suo esterno tende ad abbassarsi. Quando il livello esogeno giunge al livello degli scrubbles entra dell aria nell intercapedine che c è tra la cartuccia e il suo rivestimento esterno, creando un moto turbolento interno che fa ricadere i sedimenti accumulati sul fondo dell alloggiamento. Questo fenomeno, smuovendo il pacco filtrante, impedisce il determinarsi di percorsi privilegiati per l acqua e determina un controlavaggio del pacco filtrante stesso utile ad allungare l efficienza di filtrazione, e quindi a prolungare la durata del sistema. Dal punto di vista idraulico ogni filtro può avere una capacità di trattamento costante pari ad 1-1,5- e 2 l/sec a seconda delle esigenze. Pagina 2 di 19

3 Figura 1. Schema di funzionamento dello Stormfilter. Fonte: Impianti progettati e realizzati da Stormwater Italia La tecnologia Stormfilter può essere utilizzata in diverse applicazioni ed è attualmente usata per trattare le acque di pioggia in siti di diversa natura. Offre livelli di rimozione delle sostanze inquinanti e capacità di abbattimento fortemente apprezzati dalle autorità competenti. Tra gli elementi di forza di questo sistema sono da sottolineare la sua compattezza e il buon rapporto costi-benefici, oltre che la possibilità di riutilizzare le acque depurate come reintegro delle acque di raffreddamento, come acque di lavaggio piazzali o per altre esigenze. Le acque di pioggia richiedono una gestione integrata che, partendo dall analisi del sito e dall attività che si svolge, ponga in essere tutte le misure di prevenzione della contaminazione delle stesse ed individui il sistema di trattamento più idoneo. Il sistema Stormfilter risponde a questi requisiti di semplicità e di versatilità, oltre che di grande efficienza. Il dimensionamento del sistema si basa su: estensione dell area in esame; piovosità media sulla zona; percentuale di permeabilità/impermeabilità dell area; struttura di collettamento fognario esistente; obiettivi che si intende raggiungere. Caso per caso si valuta la necessità di un sistema di pretrattamento che possa essere costituito da vasche di sedimentazione, pozzetti, separatori olio/acqua, serbatoi di raccolta/decantazione o vasche di accumulo. Lo Stormfilter può essere realizzato sia in opera che prefabbricato ed è idoneo sia per nuove lottizzazioni che per adeguamento di impianti esistenti. Lo Stormfilter utilizza una varietà di mezzi filtranti per rimuovere le sostanze inquinanti dalle acque di pioggia. E l unico sistema di trattamento delle acque di pioggia che offra la Pagina 3 di 19

4 versatilità nella rimozione delle sostanze inquinanti specifiche. Lo Stormfilter viene personalizzato caso per caso usando mezzi filtranti diversi, per rimuovere sedimenti, fosforo solubile, metalli solubili, oli e grassi. In molti casi, una combinazione di materiali filtranti è raccomandata per aumentare l efficacia di rimozione delle sostanze inquinanti. Vengono, infatti, continuamente testati nuovi mezzi filtranti per migliorare sempre le prestazioni. GLI IMPIANTI Caditoia filtrante Fonte: Impianti e progetti realizzati da Stormwater Italia Figura 2. Figura 3. Pagina 4 di 19

5 Figura 4. Impianti prefabbricati Figura 5. Figura 6. Pagina 5 di 19

6 Figura 7. Figura 8. Pagina 6 di 19

7 Figura 9. Impianti su vasche esistenti Figura 10. Pagina 7 di 19

8 Figura 11. Figura 12. Impianti in opera Figura 13. Pagina 8 di 19

9 Figura 14. Figura 15. Figura 16. Pagina 9 di 19

10 Stato di applicazione APPLICAZIONE 1: Gestione e trattamento delle acque meteoriche dilavanti un piazzale di movimentazione mezzi Le acque meteoriche di dilavamento dei piazzali vengono raccolte dalle caditoie filtranti e immesse nella rete fognaria solo dopo aver subìto trattamento. Le acque collettate nella rete fognaria, già depurate in caditoia, vengono accumulate in cisterna e riutilizzate per il lavaggio dei mezzi e dei piazzali. APPLICAZIONE 2: Gestione e trattamento delle acque meteoriche dilavanti un area di uno stabilimento industriale per la produzione di gas L area ha un estensione di circa mq e sono presenti edifici ad uso ufficio, strade e piazzali di movimentazione mezzi e diversi impianti che necessitano di un circuito di raffreddamento. L impianto di filtrazione passiva Stormfilter è stato posizionato fuori terra e le acque meteoriche, una volta depurate, vengono utilizzate come reintegro del circuito di raffreddamento. Per far fronte ad eventi meteorici di particolare intensità è stato previsto un ulteriore impianto per il trattamento degli sfiori, dimensionato sui peggiori eventi medi verificatisi con tempo di ritorno di 30 anni. APPLICAZIONE 3: Gestione e trattamento delle acque meteoriche dilavanti un area di uno stabilimento industriale per la produzione di vetro Nell area, con un'estensione di mq, era già presente una vasca per la raccolta delle acque di pioggia che è stata riutilizzata per l alloggiamento delle cartucce filtranti Stormfilter. APPLICAZIONE 4: Gestione e trattamento delle acque meteoriche dilavanti un area ecologica Il progetto ha previsto la realizzazione di una vasca prefabbricata in CAV all interno della quale sono state alloggiate le cartucce filtranti per il trattamento delle acque meteoriche di dilavamento. Tali acque, una volta trattate, vengono pompate in una cisterna di accumulo e riutilizzate per bagnare i piazzali e i rifiuti. APPLICAZIONE 5: Gestione e trattamento amento delle acque meteoriche dilavanti un area di uno stabilimento dell industria cartiera Il progetto realizzato in una cartiera, con un estensione di circa mq, ha previsto la costruzione in opera di un bacino di accumulo fuori terra in grado di raccogliere anche le acque di pioggia derivanti da eventi meteorici di particolare intensità. Le acque meteoriche, una volta accumulate, vengono inviate ad un trattamento, dimensionato sulle esigenze di reintegro delle acque industriali per le lavorazioni dello stabilimento. Pagina 10 di 19

11 Benefici e vantaggi Efficienze ambientali Le rese ambientali di ogni sistema di trattamento sono strettamente legate alle qualità e quantità delle portate in ingresso al sistema. Particolare attenzione va posta all aspetto delle componenti disciolte (soprattutto ai metalli) ed alle frazioni più fini di sedimento. Gli effluenti derivanti da un sistema di trattamento Stormfilter presentano caratteristiche qualitative significativamente migliori rispetto all acqua in ingresso. Ciò accade nonostante le concentrazioni degli inquinanti residui siano dipendenti da molteplici fattori. Nonostante tale variabilità nell efficacia del trattamento, è possibile definire un range di capacità depurativa come riportato nella tabella sottostante (Tabella1). Parametro Tendenza attesa ph COD Fosforo Azoto Solidi sospesi Oli e grassi Metalli Viene tamponato quindi tende a raggiungere la neutralità La riduzione è variabile e strettamente dipendente dalla frazione solubile Complessiva riduzione del Ptot: significativa riduzione del fosforo in fase solida Riduzione fino al 40% del Ntot (Keldahl) e modesta riduzione di nitriti e nitrati Fino al 96% di rimozione ma dipende molto dalla concentrazione e granulometria del particolato Riduzione ad una concentrazione in genere minore di 5 mg/l; per affluenti molto inquinati (>25 mg/l) si rende necessario un impianto di pretrattamanto Rimozione tra il 30% e l 80% in funzione del metallo e delle caratteristiche dell affluente. Tabella 1 Pagina 11 di 19

12 Figura 17. Parametro Rese Ambientali di rimozione a mezzo Stormfilter (%) Parametro Rese Ambientali di rimozione a mezzo Stormfilter (%) COD 57 Piombo totale 90 Solidi Sospesi Totali 96 Piombo disciolto 60 METALLI Nichel totale 70 Alluminio totale 70 Nichel disciolto 50 Alluminio disciolto 40 Argento totale 50 Arsenico totale 70 Argento disciolto 50 Arsenico disciolto 40 Zinco totale 60 Cadmio totale 70 Zinco disciolto 80 Cadmio disciolto 40 NUTRIENTI Cromo totale 70 Ammoniaca 40 Pagina 12 di 19

13 Cromo disciolto 40 Nitrati 40 Rame totale 70 Nitriti 40 Rame disciolto 40 Fosforo totale 60 Ferro totale 90 OLI e GRASSI 80 Ferro disciolto 50 Tabella 2 Efficienze idrauliche Anche l aspetto idraulico non va sottovalutato. Superando il concetto tradizionale di prima pioggia ci si trova a dover gestire portate anche elevate che arrivano al sistema di trattamento. L approccio prevede progettazioni in grado di intercettare mediamente il 96% della pioggia su base annua. Tabella 3 Semplicità di installazione Intervenendo su piazzali esistenti è fondamentale non interferire né con le infrastrutture Pagina 13 di 19

14 presenti né con le normali attività aziendali. La semplicità e la velocità di costruzione e installazione diventano quindi elementi essenziali. In questi casi sistemi inglobati all interno di caditoie e/o vasche monoblocco prefabbricate sono le soluzioni ideali. Modularità e flessibilità ovvero possibilità di comporre diversi moduli in funzione delle reali necessità di trattamento quali quantitativo Lo Stormfilter è proposto in 4 diverse configurazioni: vasche in opera, prefabbricate, lineari e caditoia con filtro. I modelli prefabbricati, lineari e caditoia con filtro usano vasche standard che facilitano la progettazione e l installazione, mentre i modelli in opera sono personalizzati per grandi flussi e possono essere interrati o fuori terra. Si passa dalla realizzazione dell impianto singolo innestato direttamente al pluviale, di capacità idraulica di 1 litro al secondo, a grandi impianti realizzati in opera, con capacità volumetriche e qualitative di trattamento molto elevate. Figura 18. Figura 19. Per rispondere alle esigenze del cliente, dove possibile, si cerca di utilizzare vasche e linee già esistenti; il design ed il materiale utilizzato per la creazione del sistema - come il calcestruzzo, la plastica e l acciaio sono legati alle esigenze del sito (come l uso dell acciaio inox per siti soggetti a rischio chimico). Pagina 14 di 19

15 Gestione e manutenzioni Qualsiasi forma di controllo, sia essa gestionale o impiantistica, è destinata a non funzionare se non viene sottoposta ad una opportuna manutenzione. I sistemi di trattamento Stormfilter si distinguono per economicità e per la semplicità delle operazioni. La manutenzione è in genere annuale, ma può dipendere dalle caratteristiche del carico inquinante di ogni sito, oltre che da tipologia e intensità degli eventi meteorici. Indicatore della necessità di manutenzione è il controllo visivo del galleggiante. Figura 20. Figura 21. Il fango depositato sul fondo della vasca viene asportato con un camion da espurgo (nella vasca non resta acqua stagnante). Pagina 15 di 19

16 Figura 22. Periodicamente viene sostituito il materiale filtrante con lo smaltimento di quello esausto. Figura 23. Attività di manutenzione La soluzione impiantistica proposta è progettata al fine di realizzare un sistema di trattamento delle acque meteoriche con un elevata capacità di trattamento e una semplicità nella manutenzione ordinaria e straordinaria. Le operazioni di manutenzione dell impianto di trattamento Stormfilter prevedono la realizzazione delle seguenti attività: 1 Tenut enuta del quaderno di manutenzione e gestione; 2 Programma di manutenzione semestrale s - PULIZIA VASCA; 3 Programma di manutenzione annuale a - RIGENERAZIONE Stormfilter Tali attività, di seguito descritte in dettaglio, non richiedono l utilizzo di know-how e di tecnologie specifiche. Vengono normalmente eseguite da operatori di auto espurgo e il materiale per la rigenerazione del media filtrante è facilmente reperibile sul mercato. 2 Programma di manutenzione semestrale verifica dell efficienza idraulica degli impianti di depurazione; verifica dell efficienza del pacco filtrante attraverso il controllo visivo dello stato (sporco Pagina 16 di 19

17 o pulito) del galleggiante interno; campionamento e successiva analisi di una aliquota di materiale filtrante prelevato dall interno delle cartucce Stormfilter al fine della corretta caratterizzazione dei rifiuti prodotti e della loro corretta gestione per quanto attiene lo smaltimento - Il rifiuto viene identificato, di solito, con il codice CER (catalogo europeo dei rifiuti) numero * - fanghi prodotti da altri trattamenti delle acque reflue industriali, diversi da quelli codice CER L asterisco indica che è un codice definito a specchio cioè uno dei codici di rifiuti non pericolosi "diversi" da quelli pericolosi, necessitanti una analisi per la loro caratterizzazione; pulizia a mezzo di camion da espurgo, autorizzato al trasporto di rifiuti, dei fanghi depositati all interno della caditoia; tale operazione può avvenire direttamente attraverso le canale d ingresso dell acqua; pulizia dell impianto con acqua mediante l utilizzo di pompa ad alta pressione canaljet di cui è dotato il camion da espurgo; tale operazione può avvenire direttamente attraverso le canale d ingresso dell acqua; raccolta e trasporto in idoneo impianto di trattamento dei rifiuti sedimentati e delle acque derivanti da detta pulizia; smaltimento dei fanghi e dei liquidi di lavaggio presso idoneo impianto di trattamento dei Rifiuti con il codice CER rifiuti della pulizia delle fognature; registrazione dell intervento nel quaderno di manutenzione e gestione (punto 1 ). 3 Programma di manutenzione annuale a - RIGENERAZIONE Stormfilter S tormfilter verifica dell efficienza idraulica degli impianti di depurazione (come al punto 2 delle attività di manutenzione); verifica efficienza del pacco filtrante attraverso il controllo visivo dello stato del galleggiante interno; pulizia dell impianto con acqua mediante utilizzo di pompa ad alta pressione canal-jet di cui è dotato il camion da espurgo (come al punto 2 ); raccolta e trasporto in idoneo impianto di trattamento dei rifiuti sedimentati e delle acque derivanti da detta pulizia (come al punto 2 ); smaltimento dei fanghi e dei liquidi di lavaggio presso idoneo impianto di trattamento dei Rifiuti con il codice CER rifiuti della pulizia delle fognature (come al punto 2 ); sostituzione del pacco filtrante: rimozione della cartuccia Stormfilter svitandola dall innesto ed issandola in superficie (operazione agevole grazie alla possibilità di agganciare la cartuccia ad una corda sul tappo portante); apertura della cartuccia e svuotamento del materiale filtrante esausto in big bag o cassoni per trasporto rifiuti; pulizia delle componenti della cartuccia con acqua e pompa ad alta pressione; inserimento del nuovo materiale filtrante nelle giuste proporzioni; chiusura della cartuccia rigenerata e riposizionamento della stessa all interno Pagina 17 di 19

18 della vasca; smaltimento in idoneo impianto di trattamento dei rifiuti prodotti nella sostituzione del pacco filtrante - con il codice CER (catalogo europeo dei rifiuti) numero ; fanghi prodotti da altri trattamenti delle acque reflue industriali, diversi da quelli di cui alla voce registrazione dell intervento nel quaderno (punto 1 ). Costi APPLICAZIONE 1: Gestione e trattamento amento delle acque meteoriche dilavanti un piazzale di movimentazione mezzi La quantificazione economica per la realizzazione delle opere necessarie per il trattamento delle acque meteoriche tramite caditoia filtrante Stormfilter, il loro accumulo e il successivo riutilizzo è stimata, a titolo di esempio, in euro e dipende principalmente dall estensione dell area di interesse e dalle caratteristiche delle acque da trattare. APPLICAZIONE 2: Gestione e trattamento delle acque meteoriche dilavanti un area di uno stabilimento industriale per la produzione di gas La quantificazione economica per la realizzazione di un impianto Stormfilter fuori terra per un area di mq e finalizzato al riutilizzo delle acque tratte nel circuito di raffreddamento, prevedendo inoltre la gestione e il trattamento degli sfiori è stimata, a titolo di esempio, in euro. APPLICAZIONE 3: Gestione e trattamento delle acque meteoriche dilavanti un area di uno stabilimento industriale per la produzione di vetro La quantificazione economica per l installazione, all interno di una vasca esistente, delle cartucce filtranti Stormfilter dimensionate per un area di mq è stimata, a titolo di esempio, in euro. APPLICAZIONE 4: Gestione e trattamento delle acque meteoriche dilavanti un area ecologica La quantificazione economica per la realizzazione di un impianto di trattamento Stormfilter, il loro accumulo e il successivo riutilizzo è stimata, a titolo di esempio, in euro e dipende principalmente dall estensione dell area di interesse e dalle caratteristiche delle acque da trattare. APPLICAZIONE 5: Gestione e trattamento delle acque meteoriche dilavanti un area di uno stabilimento dell industria cartiera La quantificazione economica per la realizzazione di un bacino di accumulo fuori terra con capacità di 1500 mc all interno del quale sono installate le cartucce filtranti Stormfilter in grado di trattare le acque meteoriche riducendone il carico inquinante, tanto da poter essere riutilizzate come acque di processo all interno dello stabilimento, è stimata, a titolo di esempio, in euro. Pagina 18 di 19

19

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

COMUNE DI OSPITALETTO Provincia di Brescia. UNITA OPERATIVA ACQUE UFFICIO PROGETTAZIONI PETROLTECNICA S.p.A. IMPIANTO DI TRATTAMENTO

COMUNE DI OSPITALETTO Provincia di Brescia. UNITA OPERATIVA ACQUE UFFICIO PROGETTAZIONI PETROLTECNICA S.p.A. IMPIANTO DI TRATTAMENTO - 1 - COMUNE DI OSPITALETTO Provincia di Brescia UNITA OPERATIVA ACQUE UFFICIO PROGETTAZIONI PETROLTECNICA S.p.A. Progetto: IMPIANTO DI TRATTAMENTO ACQUE REFLUE AUTOLAVAGGIO Oggetto: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta)

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta) -pag.1/6- Oggetto: Relazione Tecnica sui sistemi naturali sostenibili per la riduzione dell inquinamento diffuso delle acque di dilavamento in aree urbanizzate e riutilizzo delle acque meteoriche, per

Dettagli

Impianti di accumulo e trattamento delle acque di Prima Pioggia

Impianti di accumulo e trattamento delle acque di Prima Pioggia Impianti di accumulo e trattamento delle acque di Prima Pioggia Normativa La gestione delle acque di prima pioggia è uno degli obiettivi primari ai fini della tutela dei corpi idrici ricettori. Tali acque,

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5 INDICE 1. Scheda Impianto... 3 2. Caratteristiche Costruttive... 4 3. Processo di depurazione... 5 4. Scelta degli Additivi Chimici e Dosaggio... 5 5. Processo di Chiariflocculazione e Specifiche Vasca

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Realizzazione di urbanizzazioni primarie nel piano di zona della nuova 167, 2 e 3 triennio.

COMUNE DI BARLETTA. Realizzazione di urbanizzazioni primarie nel piano di zona della nuova 167, 2 e 3 triennio. INDICE 1. IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 2 2. PROCESSO DI FUNZIONAMENTO... 4 ~ 1 ~ 1. IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Le specifiche di progetto sono le seguenti

Dettagli

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura Regolamento del servizio di fognatura e depurazione TABELLE E SCHEMI TECNICI (Approvati con Delibera c.d.a. n. 30/7 del 14/01/2004) Aggiornamento

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA Esente dall imposta di bollo ai sensi dell art. 16 Tab. all. B D.P.R. 30. 12. 1982, n. 955 PROVINCIA DI GORIZIA 34170 Gorizia - Corso Italia, 55 - tel. 0481/385277 - FAX 0481/385251 - cod. Fisc e P.IVA

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

CENTRIFUGHE: UN METODO EFFICACE PER IL RICIRCOLO DELLE ACQUE DI PROCESSO NELLA FINITURA SUPERFICIALE. Rösler Italiana srl. Maurizio Foppa Pedretti

CENTRIFUGHE: UN METODO EFFICACE PER IL RICIRCOLO DELLE ACQUE DI PROCESSO NELLA FINITURA SUPERFICIALE. Rösler Italiana srl. Maurizio Foppa Pedretti CENTRIFUGHE: UN METODO EFFICACE PER IL RICIRCOLO DELLE ACQUE DI PROCESSO NELLA FINITURA SUPERFICIALE Rösler Italiana srl Maurizio Foppa Pedretti Un po di storia : l uso delle centrifughe nella vibrofinitura

Dettagli

Interventi di adeguamento alle B.A.T. AREA ACCIAIERIA

Interventi di adeguamento alle B.A.T. AREA ACCIAIERIA Interventi di adeguamento alle B.A.T. AREA ACCIAIERIA Intervento Acciaieria Codice Descrizione ACC/1 ACC/2 AC.1 Adeguamento sistema di depolverazione secondaria ACC/2 X AC.2 Adozione sistema di filtrazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori:

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori: \ La presente Relazione Tecnica, nel primo capitolo, descrive i risultati dei controlli e delle verifiche effettuate nel corso dell anno 2012 sui parametri e con le tempistiche previsti dal Piano di Monitoraggio

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

TUTELA ED UTILIZZO DELLE RISORSE IDRICHE IN AMBITO PRODUTTIVO : GESTIONE DI UN REFLUO INDUSTRIALE Verona, 22 Ottobre 2009 Relatore: dott.ssa Bacuzzi Lorena ... CHI SIAMO opera nel settore della depurazione

Dettagli

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA L'impianto descritto è composto da un reattore biologico a fanghi attivi accoppiato con sistema

Dettagli

SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI

SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI BAIONI CRUSHING PLANTS SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI BAIONI CRUSHING PLANTS La protezione dell ambiente, la necessità di gestire al meglio i fanghi derivanti da scavi

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

SCARICO ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

SCARICO ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE- PROCEDURA DI SCREENING MODIFICA IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI NON PERICOLOSI SITO A VITTORIO VENETO IN VIA PIEMONTE N 5 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA ELABORATO 2.2 SCARICO

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità Roma, 8-9 Ottobre 2015 FORO ITALICO GLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELL ACQUA IN PISCINA

Dettagli

Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna

Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna Sandro Artina Marco Maglionico DISTART Costruzioni Idrauliche Università di Bologna -Facoltà di Ingegneria sandro.artina@unibo.it

Dettagli

Trattamento ACQUE. SISTEMI di FILTRAZIONE. Rimozione polverino di zolfo

Trattamento ACQUE. SISTEMI di FILTRAZIONE. Rimozione polverino di zolfo Trattamento ACQUE SISTEMI di FILTRAZIONE Rimozione polverino di zolfo Case History Industria chimica di produzione dell acido solforico Il problema da risolvere Lo stream idrico sul quale intervenire,

Dettagli

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare di gara 2. RELAZIONI TECNICHE SPECIALISTICHE 2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA Pagina 1 DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare

Dettagli

CATALOGO ACQUE PIOVANE

CATALOGO ACQUE PIOVANE CATALOGO ACQUE PIOVANE TUBI per DRENAGGIO o CORRUGATI o IN CEMENTO FORATI TUBI in PLASTICA per CONVOGLIAMENTO ACQUE PIOVANE o PVC o PVC per acque nere o CORRUGATI o RACCORDERIE FOSSI e CANALI in CLS o

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 SISTEMA INFORMATIVO AMBIENTALE ANNO 2012 1 Zincatura Nazionale srl Stabilimento di Vigonovo (VE) Via Toniolo 32 Aprile 2013 1 Premessa La "Zincatura

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI LINEA TRATTAMENTO BIOLOGICO (CAPACITÀ TECNICA DI TRATTAMENTO 20 mc/h) CER Descrizione Operazioni 02 01 01 fanghi da operazioni di lavaggio

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

Underdrain: brevetto Leopold. Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione

Underdrain: brevetto Leopold. Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione Underdrain: brevetto Leopold 160 Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione Per rimuovere i solidi in sospensione che non si sono depositati nel decantatore dopo la flocculazione o per

Dettagli

Independent Eco System (IES) è un modulo abitativo mobile energeticamente indipendente, utilizzabile in molteplici situazioni in cui è richiesta una

Independent Eco System (IES) è un modulo abitativo mobile energeticamente indipendente, utilizzabile in molteplici situazioni in cui è richiesta una Presenta Independent Eco System (IES) è un modulo abitativo mobile energeticamente indipendente, utilizzabile in molteplici situazioni in cui è richiesta una installazione off-grid, con completo distacco

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa La normativa che disciplina la necessità di sottoporre a trattamento le acque reflue di origine meteorica è il D. Lgs. 152/06 (Testo Unico Ambientale)

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA AMBIENTALE. Ingg. Guido Scarano, Alessandro Scoccia

STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA AMBIENTALE. Ingg. Guido Scarano, Alessandro Scoccia STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA AMBIENTALE Ingg. Guido Scarano, Alessandro Scoccia STAZIIONE DII FIILTRAZIIONE 1. Introduzione La stazione di filtrazione a sabbia e a carboni attivi descritta nella presente

Dettagli

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI AUTRITA DI AMBIT N.2 BASS VALDARN Allegato n. 4 TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI CALCL DELLA TARIFFA La

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Art. 5, D.Lgs 59/2005 SISTEMA INFORMATIVO AMBIENTALE ANNO 2014 1 Zincatura Nazionale srl Stabilimento di Vigonovo (VE) Via Toniolo 32 Febbraio 2015 1 Premessa La "Zincatura

Dettagli

Tecnologia di filtrazione fine CJC TM

Tecnologia di filtrazione fine CJC TM Tecnologia di filtrazione fine CJC TM Pulizia dei sistemi di olio diatermico (per trasmissione del calore) Settori di applicazione : Industria alimentare Raffinerie Industria del legno e della carta Industria

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale:

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE emana il seguente regolamento regionale: Y 32 [BUR2006023] [5.1.3] Regolamento regionale 24 marzo 2006 - n. 4 Disciplina dello smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, in attuazione dell articolo 52, comma 1,

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

ESTRUS Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater

ESTRUS Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater ESTRUS Enhanced and Sustainable TReatment for Urban Stormwater INTRODUZIONE In ambiente urbano il carico inquinante associato alle acque di dilavamento di origine meteorica è oramai riconosciuto come uno

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO.

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. Viene qui presentato il progetto generale dell impianto di trattamento del refluo liquido proveniente dall

Dettagli

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue Sistemi compatti di flottazione La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue L IDEA L ideazione e la realizzazione di questa macchina nasce da un pool

Dettagli

Ordine degli ingegneri FERRARA (FE) 30 ottobre 2015. Pierluigi DELL ONTE Ufficio Tecnico Starplast

Ordine degli ingegneri FERRARA (FE) 30 ottobre 2015. Pierluigi DELL ONTE Ufficio Tecnico Starplast Ordine degli ingegneri FERRARA (FE) 30 ottobre 2015 Pierluigi DELL ONTE Ufficio Tecnico Starplast Norme Breve riassunto NORME: Complesso di disposizioni e principi che regolano un determinato settore disposizioni

Dettagli

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI Le indicazioni sotto riportate sono da riferirsi a

Dettagli

Questa tipologia di impianto garantisce una potenzialità oraria media annua di rifiuto trattato di circa 10 ton/ora.

Questa tipologia di impianto garantisce una potenzialità oraria media annua di rifiuto trattato di circa 10 ton/ora. DECCA IMPIANTI Srl 25064 GUSSAGO (BS) - ITALIA Sede e magazzino: Via Martino Franchi, 3 tel. +39.030.320047-030.322041 Fax +39.030.2410833 WEB: www.decca.it - e-mail: info@decca.it Capitale Sociale 50.000

Dettagli

IMPIANTI AUTOLAVAGGI

IMPIANTI AUTOLAVAGGI GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI AUTOLAVAGGI 2014 Impianto per autolavaggio 2 Rototec Impianti autolavaggi - 2014 Il crescente interesse verso la tutela e la salvaguardia dell ambiente si sta focalizzando sempre

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

IMPIANTO DI SMALTIMENTO ACQUE DI PIAZZALE

IMPIANTO DI SMALTIMENTO ACQUE DI PIAZZALE PREMESSA Il presente progetto prevede la realizzazione di un centro comunale di raccolta rifiuti differenziati. La struttura in oggetto sarà ubicata nel Comune di Lizzano nel lotto individuato nel N.C.E.U.

Dettagli

FLOTTAZIONE AD ARIA DISSOLTA MACCHINE MODERNE, PREFABBRICATE E COMPATTE

FLOTTAZIONE AD ARIA DISSOLTA MACCHINE MODERNE, PREFABBRICATE E COMPATTE FLOTTAZIONE AD ARIA DISSOLTA MACCHINE MODERNE, PREFABBRICATE E COMPATTE AD ALTO RENDIMENTO NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE PRIMARIE, REFLUE CIVILI ED INDUSTRIALI introduzione I processi di flottazione sono

Dettagli

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI INCONTRO TECNICO CON LE IMPRESE Venerdì 20 Aprile 2012, ore 17:00 Piano Primo Autorizzazione allo scarico nelle Reti Fognarie Consortili

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo Idraulica ed Università di Palermo Sistemi localizzati di riuso delle acque reflue e meteoriche in ambiente urbano G. Freni,, G. Mannina,, M. Torregrossa,, G. Viviani Sommario Introduzione alle problematiche

Dettagli

DEPOFIL FILTRO MANUALE O AUTOMATICO A COLONNA CON STAZIONE DI MICRO-FILTRAZIONE

DEPOFIL FILTRO MANUALE O AUTOMATICO A COLONNA CON STAZIONE DI MICRO-FILTRAZIONE DEPOFIL FILTRO MANUALE O AUTOMATICO A COLONNA CON STAZIONE DI MICROFILTRAZIONE DEPOFIL MANUALE Gli impianti modello DEPOFIL sono realizzati per il trattamento delle acque provenienti da autolavaggi ed

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi R IFIUTI PE R IC OLOS I Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi Firenze, 13 dicembre 2007 R elazione a cura di: Dott. Chim. R enato Bargna CS A srl e-mai: r.bargna@

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

Tale scelta non è stata perseguita nel progetto definitivo per 2 ragioni:

Tale scelta non è stata perseguita nel progetto definitivo per 2 ragioni: INDICE 1. PREMESSE... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 4 2.1. CRITERI DI SCELTA ADOTTATI... 5 3. TRATTAMENTO DELLE ACQUE METEORICHE: GENERALITA... 7 3.1. GRIGLIATURA... 7 3.2

Dettagli

SALUBER 04 I - SALUBER 04 S.r.l - Via Marconi, 3 04012 Cisterna di La na - Tel. e Fax: +39 06 9688 1434 www.saluber04.it

SALUBER 04 I - SALUBER 04 S.r.l - Via Marconi, 3 04012 Cisterna di La na - Tel. e Fax: +39 06 9688 1434 www.saluber04.it SALUBER I - T SALUBER S.r.l - Via Marconi, 3 012 Cisterna di La na - Tel. e Fax: +39 06 9688 1434 www.saluber.it SALUBER Campo di applicazione La ns. società ha maturato molta esperienza sugli impianti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 136 del 13/06/2014 - Determinazione nr. 1477 del 13/06/2014 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ATTO DI NOTORIETA

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ATTO DI NOTORIETA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ATTO DI NOTORIETA Il sottoscritto, nato a il residente a in, in qualità di tecnico abilitato incaricato dalla ditta, consapevole che, ai sensi dell art. 767 del DPR n. 445 del

Dettagli

SEPARATORI DI BENZINA E DI OLII MINERALI

SEPARATORI DI BENZINA E DI OLII MINERALI Manufatti e prefabbricati in calcestruzzo SEPARATORI DI BENZINA E DI OLII MINERALI RESIDUI DI IDROCARBURI INFERIORI A 5 MG./L.! SEPARAZIONE CONTINUA DEGLI OLII! CHIUSURA AUTOMATICA CON DISPOSITIVO ANTIRIFLUSSO!

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

flottazione ad aria dissolta

flottazione ad aria dissolta flottazione ad aria dissolta una soluzione chiara Flottazione ad aria dissolta introduzione I processi di flottazione sono stati impiegati nell industria mineraria fin dal 1860. La flottazione ad aria

Dettagli

TM.E. SpA TERMOMECCANICA ECOLOGIA. Riutilizzo di acque reflue per scopi industriali. Impianto ARETUSA - ROSIGNANO

TM.E. SpA TERMOMECCANICA ECOLOGIA. Riutilizzo di acque reflue per scopi industriali. Impianto ARETUSA - ROSIGNANO TM.E. SpA TERMOMECCANICA ECOLOGIA Riutilizzo di acque reflue per scopi industriali Impianto ARETUSA - ROSIGNANO SITUAZIONE IDRICA DEI COMUNI DI ROSIGNANO E CECINA Negli ultimi anni il fabbisogno di acqua

Dettagli

RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Il sottoscritto nato a il titolare o legale rappresentante dell Azienda sita nel Comune di in via CHIEDE il rinnovo dell autorizzazione

Dettagli

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito 04.2009 w w w. t u b i. n e t Pozzetto di cacciata per lo scarico automatico di acqua Pulizia Automatica / Subirrigazione Cos è? E un pozzetto in PE

Dettagli

INVESTIRE IN NUOVE TECNOLOGIE PER UN RITORNO ECONOMICO NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE

INVESTIRE IN NUOVE TECNOLOGIE PER UN RITORNO ECONOMICO NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE INVESTIRE IN NUOVE TECNOLOGIE PER UN RITORNO ECONOMICO NELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE Settala (MI), 18 Ottobre 2005 Relatore: Medolago Albani Alessandro ... CHI SIAMO P.I.ECO opera nel settore della

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE Poste Italiane Spa - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 conv. in L. 46/2004, art.1, c.1 - CB-NO/Torino Anno 7 n. 26 DEA edizioni s.a.s. Strada del Portone, 127-10095 Grugliasco (TO) marzo 2014 anno vii numero

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI Prot. Generale N. 0052482 / 2014 Atto N. 2255 OGGETTO: D.

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI Pg. 1 di 5 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE DEL RIFIUTO Denominazione e Ragione sociale della ditta: I P.IVA.: CODICE FISCALE: CODICE ISTAT/ATECO: Ubicazione ed indirizzo dell insediamento produttivo: CARATTERISTICHE

Dettagli

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali Committente: Spett.le Azienda Vinicola VINI TONON S.R.L. Via Carpesica 1 Loc. Carpesica 31029 Vittorio Veneto (TV) IMPIANTO DI DEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA CANTINA DI VINIFICAZIONE

Dettagli

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche Integrated Management System I M P I A N T I D E P U R A Z I O N E A C Q U E SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO Manuale delle Specifiche Tecniche PRESENTAZIONE

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 216 del 17/10/2014 - Determinazione nr. 2660 del 20/10/2014 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Udine, OGGETTO: D.LGS. N. 152/06 CAFC SPA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO NEL FIUME TAGLIAMENTO DELLE ACQUE REFLUE URBANE

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

Oggetto: IMPIANTO CONTAINERIZZATO PER IL TRATTAMENTO DEL PERCOLATO A 3 STADI CAPACITA 120m3/g

Oggetto: IMPIANTO CONTAINERIZZATO PER IL TRATTAMENTO DEL PERCOLATO A 3 STADI CAPACITA 120m3/g Oggetto: IMPIANTO CONTAINERIZZATO PER IL TRATTAMENTO DEL PERCOLATO A 3 STADI CAPACITA 120m3/g Discarica di Cupinoro La tecnologia prescelta è basata sul principio della OSMOSI INVERSA L Osmosi Inversa

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

http://www.ecomacchine.it/documentazione/3-dissabbiatori.html DISSABBIATORI e DISOLEATORI

http://www.ecomacchine.it/documentazione/3-dissabbiatori.html DISSABBIATORI e DISOLEATORI ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DISSABBIATORI e DISOLEATORI Il secondo trattamento

Dettagli

LA SERIE ZB I modelli ad osmosi inversa della serie ZB sono ZB01, ZB02, ZB04.

LA SERIE ZB I modelli ad osmosi inversa della serie ZB sono ZB01, ZB02, ZB04. LA SERIE ZB I modelli ad osmosi inversa della serie ZB sono ZB01, ZB02, ZB04. Sono macchine molto compatte con la carrozzeria in acciaio inox e tutti i componenti a contatto con l'acqua osmotizzata sono

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

RIMOZIONE DEGLI IDROCARBURI E DEI METALLI PESANTI NELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PER LO SCARICO SUL SUOLO (Limiti di emissione: Tabella 4 D.Lgs.

RIMOZIONE DEGLI IDROCARBURI E DEI METALLI PESANTI NELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PER LO SCARICO SUL SUOLO (Limiti di emissione: Tabella 4 D.Lgs. RIMOZIONE DEGLI IDROCARBURI E DEI METALLI PESANTI NELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PER LO SCARICO SUL SUOLO (Limiti di emissione: Tabella 4 D.Lgs. 152) ESPERIENZE SVOLTE E RISULTATI OTTENUTI MEDIANTE SISTEMI

Dettagli

CURRICULUM. Tale esperienza ha portato l azienda a realizzare tecnologie all avanguardia e prodotti sempre più efficienti, economici e compatti.

CURRICULUM. Tale esperienza ha portato l azienda a realizzare tecnologie all avanguardia e prodotti sempre più efficienti, economici e compatti. CURRICULUM GOST srl Gruppo Operatori Servizi Tecnologici s.r.l. si trova in Umbria, provincia di Perugia, Località Capodacqua di Assisi, Via Romana, 31. La nostra azienda è presente da oltre due decenni

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO 24 Divisione acqua STAZIONI DI IRRIGAZIONE SERBATOI DA ESTERNO SERBATOI DA INTERRO ACCESSORI Divisione acqua 25 MODALITÀ D INTERRO Condotta recupero acque piovane Pozzetto filtro foglie Condotta di troppo

Dettagli

È come mettere una goccia nel mare e ma noi quella goccia l abbiamo messa

È come mettere una goccia nel mare e ma noi quella goccia l abbiamo messa 1 È come mettere una goccia nel mare e ma noi quella goccia l abbiamo messa L acqua è una risorsa di importanza universale. Essa è all origine della vita, è fondamentale in tutti i processi biologici,

Dettagli

FERRARI CLAUDIO AUTODEMOLITORE E OFFICINA MECCANICA

FERRARI CLAUDIO AUTODEMOLITORE E OFFICINA MECCANICA Proponente FERRARI CLAUDIO Studio incaricato STUDIO TECNICO Fogola Geom. Francesco Via della Repubblica 50 54026 Arpiola di Mulazzo (MS). FERRARI CLAUDIO AUTODEMOLITORE E OFFICINA MECCANICA INTEGRAZIONE

Dettagli