Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre"

Transcript

1 Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia, 26 febbraio 2015

2 2 Agenda Introduzione La percezione della crisi economica da parte delle famiglie Gli aspetti economici: il reddito e le spese per consumi Gli aspetti finanziari: il risparmio e gli investimenti Gli aspetti finanziari: le passività finanziarie Riflessioni conclusive

3 3 Introduzione La crisi economica e finanziaria scoppiata nel 2007 si è ripercossa in maniera determinante su tutti gli attori del sistema economico, imponendo tra l altro la necessità di una revisione dei comportamenti di spesa e finanziari dei diversi soggetti. Le famiglie si sono trovate a scontare gli effetti di una crisi che ha dapprima investito le relazioni con il sistema bancario e finanziario e si è, quindi, diffusa alle componenti reali della gestione dei bilanci familiari. Nello scenario tipico, la crisi in parola ha determinato una modifica delle condizioni economiche alle quali venivano regolate le operazioni bancarie,fino a tradursi in crisi dei consumi,a causa del ridotto potere di acquisto delle famiglie, spesso chiamate a scontrarsi anche con seri problemi in ambito occupazionale. Il tasso di disoccupazione in regione ha, infatti, raggiunto nel 2013 il 10,4%, ancora in aumento rispetto al 9,8% del Anche i livelli retributivi riconosciuti ai lavoratori della regione nel 2013, piuttosto modesti, influiscono su tali dinamiche: secondo la Rilevazione sulle forze di lavoro dell Istat, infatti, la media delle retribuzioni mensili dei lavoratori dipendenti in Umbria è di euro pro capite, a prezzi correnti, valore inferiore del 3% circa alla media nazionale. In termini reali ciò corrisponde ad una riduzione di cinque punti percentuali dal 2008.

4 La percezione della crisi economica da parte delle famiglie 4 Le statistiche diffuse dall Istat riguardo al giudizio sulle risorse economiche complessive delle famiglie umbre negli ultimi dodici mesi indicano un aumento dei casi in cui tali risorse sono giudicate scarse; questo risultato è in linea con quello relativo al giudizio sulla situazione economica delle famiglie rispetto all'anno precedente. Anche l Indagine di Banca d Italia sui bilanci familiari ha evidenziato che, a livello nazionale, le condizioni economiche dichiarate dalla famiglie intervistate sono nel complesso peggiorate tra il 2010 e il Da notare, tuttavia, che la percentuale di famiglie umbre che reputano le risorse disponibili assolutamente insufficienti è in diminuzione. Famiglie per giudizio sulle risorse economiche complessive della famiglia negli ultimi 12 mesi e anno, valori percentuali ottime 0,8 1,8 2,0 0,8 0,8 1,2 adeguate 54,7 49,7 57,8 59,0 56,6 51,8 scarse 37,1 39,1 34,9 34,9 35,6 41,7 assolutamente insufficienti 5,6 8,4 4,6 5,0 6,6 4,5 Famiglie per giudizio sulla loro situazione economica rispetto all'anno precedente e anno, valori percentuali molto o poco migliorata 6,7 3,6 2,8 5,2 3,4 2,9 invariata 40,0 44,1 58,7 52,6 42,2 38,1 un poco peggiorata 36,8 37,5 28,3 33,1 40,8 44,1 molto peggiorata 15,1 13,5 9,5 8,7 13,3 14,3 Fonte: Istat.

5 5 Gli aspetti economici: il reddito e le spese per consumi (1/8) La voce principale dei bilanci familiari è rappresentata, sotto il profilo economico, dal reddito da lavoro dipendente; gli ultimi dati diffusi dall Istat, pur evidenziando un incremento della componente relativa ai redditi da lavoro autonomo, registrano infatti un incidenza del 40,7% del reddito da lavoro dipendente sul totale dei redditi familiari in regione. In media, il reddito netto familiare, inclusi i fitti imputati, si è attestato a euro, in aumento dello 0,77% circa rispetto all anno precedente. Dal 2008, la crescita complessiva del reddito medio sui quattro anni è stata del 5,76%. L Indagine sui bilanci familiari della Banca d Italia ha, tuttavia, evidenziato come tra il 2010 e il 2012 il reddito familiare medio in Italia sia calato in termini nominali del 7,3%, quello equivalente del 6%, mentre la ricchezza media è diminuita del 6,9%: ciò rende il dato riferito all Umbria apprezzabile, seppur modesto. Secondo quanto rilevato nell Indagine campionaria di Banca d Italia, il reddito disponibile netto alimenta il risparmio in circa il 92% delle famiglie umbre; la parte destinata ai consumi è, invece, pressoché interamente assorbita da spese per consumi non durevoli. Il dato è in linea con quello per le altre regioni dell Italia centrale, in cui la struttura dei consumi familiari risulta composta per il 95,9% da spesa per beni non durevoli e per il rimanente 4,1% da spesa per beni durevoli.

6 6 Gli aspetti economici: il reddito e le spese per consumi (2/8) Consumi, Reddito disponibile lordo e Risparmio lordo Umbria (milioni di euro a prezzi costanti 2005) Consumi Reddito disponibile lordo Risparmi lordo FONTE: Istat

7 7 Gli aspetti economici: il reddito e le spese per consumi (3/8) Consumi, Reddito disponibile lordo e Risparmio lordo Italia (milioni di euro a prezzi costanti 2005) Consumi Reddito disponibile lordo Risparmio lordo FONTE: Istat

8 8 Gli aspetti economici: il reddito e le spese per consumi (4/8) Consumi, Reddito disponibile lordo e Risparmio lordo pro-capite in Umbria (milioni di euro a prezzi costanti 2005) FONTE: Istat Consumi Pro-capite Reddito Pro-capite Risparmio lordo

9 9 Gli aspetti economici: il reddito e le spese per consumi (5/8) Consumi, Reddito disponibile lordo e Risparmio lordo pro-capite in Italia (milioni di euro a prezzi costanti 2005) Consumi Pro-capite Reddito Pro-capite Risparmio Pro-capite FONTE: Istat

10 10 Gli aspetti economici: il reddito e le spese per consumi (6/8) Propensione al risparmio Umbria, Italia Centrale e Italia % 20% 15% 10% 5% 0% Umbria Italia Italia centrale FONTE: Istat

11 11 Gli aspetti economici: il reddito e le spese per consumi (7/8) Le voci più rilevanti nella spesa media mensile familiare sono quelle per l abitazione (principale e secondaria), per alimentari e bevande e trasporti. Con riguardo alle spese per l abitazione, nel 2012 esse sono imputabili ad immobili di proprietà nell 81,7% dei casi. Spesa per l abitazione per anno, euro e valori percentuali spesa media mensile per abitazione (in euro) 328,0 325,0 306,0 300,0 286,0 rapporto spesa media mensile su reddito medio mensile per abitazione (percentuale) Titolo di godimento dell'abitazione per anno, valori percentuali. abitazione in affitto 13,2 12,8 12,4 12,0 11, ,3 18,9 18,4 23,7 18,3 abitazione di proprietà 84,7 81,1 81,6 76,3 81,7 Fonte: Istat.

12 12 Gli aspetti economici: il reddito e le spese per consumi (8/8) Dal 2011 si rileva una contrazione della spesa media mensile per il totale dei gruppi di spesa, in linea con la limitata crescita dei redditi familiari. Nel 2012, il 50,8% delle famiglie non riesce a far fronte a spese impreviste. Famiglie che non riescono a far fronte a spese impreviste per anno, valori percentuali Spesa media mensile familiare per gruppo di spesa e anno, euro alimentari e bevande 511,1 502,0 494,9 505,1 499,5 467,0 abitazione (principale e secondaria) 622,8 664,3 683,6 689,7 633,3 631,4 combustibili ed energia 145,6 153,8 145,1 125,8 128,3 137,6 mobili, elettrod. e servizi per la casa 139,9 150,9 178,6 136,9 109,2 129,1 sanità 124,5 111,4 113,6 102,0 90,4 78,8 trasporti 504,3 372,0 442,0 333,0 394,5 360,3 totale 33,0 32,9 33,5 39,1 50,8 comunicazioni 51,9 54,0 51,2 41,4 44,6 43,1 istruzione 29,7 12,0 18,7 20,2 26,8 25,4 tempo libero, cultura e giochi 130,0 124,1 113,2 112,2 121,7 116,4 altri beni e servizi 252,8 260,1 253,1 227,0 258,1 235,8 non alimentari 2.174, , , , , ,9 Fonte: Istat. totale 2.685, , , , , ,9

13 13 Gli aspetti finanziari: il risparmio e gli investimenti (1/4) La ricchezza familiare può essere ottenuta come somma delle attività reali e delle attività finanziarie; il valore così determinato può, quindi, essere valutato al netto delle passività finanziarie (mutui e altri debiti), ossia come ricchezza familiare netta. Secondo l Indagine Banca d Italia sui bilanci familiari, le attività finanziarie rappresentano, complessivamente, il 63% circa della ricchezza netta delle famiglie umbre rispondenti, che sembrano prediligere gli investimenti di natura finanziaria rispetto alla detenzione di attività reali; le passività finanziarie sono costituite quasi per intero da debiti verso banche e società finanziarie. Con riferimento alle forme di risparmio, il 95,9% delle famiglie umbre rispondenti al questionario Banca d Italia ha dichiarato il possesso di almeno un deposito bancario o postale, incontocorrenteoarisparmio,conunnumerodidepositibancariopostali,cherisulta variabile tra 1 e 7. Questo dato giustifica la rilevanza, per le famiglie umbre coinvolte nell Indagine, dei redditi da capitale, prevalentemente riconducibili a redditi da capitale finanziario, in forma di interessi attivi su depositi. Solo il 4,10% dei rispondenti non è titolare di alcuna delle forme di risparmio in questione; l 86,94% delle famiglie intervistate detiene un numero di depositi compreso tra 1 e 3. I risultati appaiono sostanzialmente allineati con quelli ottenuti a livello italiano e dell Italia centrale.

14 Ricchezza immobiliare in percentuale della ricchezza totale 14 FONTE:Osservatorio del risparmio UniCredit Pioneer Investments 2013 Elaborazioni su dati Prometeia e Banca d Italia

15 Percentuale delle famiglie con casa di proprietà 15 FONTE:Osservatorio del risparmio UniCredit Pioneer Investments 2013 Elaborazioni su dati ISTAT

16 Ricchezza finanziaria in rapporto al reddito disponibile (CAGR tasso annuo di crescita composto valori %) 16 FONTE:Osservatorio del risparmio UniCredit Pioneer Investments 2013 Elaborazioni su dati Prometeia

17 17 Gli aspetti finanziari: il risparmio e gli investimenti (2/4) Con riguardo ai diversi strumenti, i conti correnti rappresentano, al pari delle altre regioni italiane, la forma più diffusa tra le famiglie umbre, nonostante la contrazione dei tassi di interesse offerti su tale forma di raccolta; molto rilevanti anche i risparmi in forma di depositi rimborsabili con preavviso. In generale, i dati Banca d Italia per le famiglia umbre testimoniano un espansione dei depositi in tutte le forme dal Anche nel 2013, le statistiche Banca d Italia danno conto di una crescita a ritmi piuttosto sostenuti dei depositi della clientela residente. Depositi della clientela Famiglie consumatrici, Istituz. Soc. private, dati non classificabile val. resid., Banche e Cassa Depositi e Presiti , , , , , ,00 giu 11 set 11 dic 11 mar 12 giu 12 set 12 dic 12 mar 13 giu 13 set 13 dic 13 mar 14 Depositi con durata prestabilita Depositi rimborsabili con preavviso Buoni fruttiferi e certificati di depositi emessi (incl. scaduti da rimbors.) Conti correnti Fonte: elaborazioni degli autori su dati Banca d Italia.

18 18 Gli aspetti finanziari: il risparmio e gli investimenti (3/4) Tra le altre forme di risparmio, quelle più diffuse risultano i Buoni fruttiferi postali e le obbligazioni emesse da banche italiane; rilevano anche i prestiti alle cooperative e i Buoni ordinari del Tesoro. Non compaiono, invece, forme di risparmio più complesse e caratterizzate da un profilo di rischio tipicamente più elevato. La composizione dei portafogli di investimento delle famiglie umbre risulta, quindi, orientata versoformedirisparmioditipotradizionale; tuttavia, attenzione particolare merita il dato riferito alla detenzione di obbligazioni bancarie, che indica il persistere di una fiducia da parte dei risparmiatori nei confronti del sistema bancario, nonostante le vicende legate alla crisi finanziaria. La diffusione delle attività finanziarie diverse dai depositi andrebbe, tuttavia, valutata in relazione ai diversi livelli di reddito familiare disponibile, in quanto a livelli di reddito più elevati dovrebbe presumibilmente corrispondere la detenzione di strumenti più complessi in misura maggiore.

19 19 Gli aspetti finanziari: il risparmio e gli investimenti (4/4) Forme di risparmio delle famiglie, valori percentuali. Altre attività finanziarie Prestiti alle cooperative Altri titoli esteri Obbligazioni di società private estere Gestioni patrimoniali Quote di società di persone Azioni di società non quotate in borsa Azioni di società quotate in borsa Fondi comuni ETF azionari in euro Fondi comuni ETF misti, bilanciati o flessibili in Fondi comuni ETF obbligazionari in euro Fondi comuni ETF di liquidità Obbligazioni di banche italiane Obbligazioni di imprese italiane Altri titoli di stato CTZ BTPI BTP CCT BOT Buoni fruttifieri postali Certificati di deposito 1,12% 4,85% 0,75% 0,37% 0,37% 0,37% 0,37% 3,36% 1,49% 1,87% 2,99% 2,61% 2,24% 1,87% 0,37% 0,37% 1,87% 1,87% 4,10% 2,24% 8,96% 13,06% Fonte: elaborazioni degli autori su dati Banca d Italia. 0,00% 2,00% 4,00% 6,00% 8,00% 10,00% 12,00% 14,00%

20 La ripartizione percentuale della ricchezza finanziaria per macroaree anno 2012 (valori in miliardi di ) 20 FONTE:Osservatorio del risparmio UniCredit Pioneer Investments 2013 Elaborazioni su dati Prometeia

21 21 Gli aspetti finanziari: le passività finanziarie (1/4) Dall ultima Indagine sui bilanci delle famiglie italiane condotta da Banca d Italia è risultato che, nel caso delle famiglie umbre, le passività finanziarie sono costituite quasi per intero da debiti verso banche e società finanziarie; debiti commerciali e debiti verso altre famiglie risultano, infatti, opzioni di risposta selezionate con percentuali prossime allo zero. La dipendenza dal credito bancario può rappresentare un motivo di vulnerabilità per le famiglie umbre, in considerazione dell andamento del mercato dei prestiti: le statistiche periodiche sul credito, evidenziano, infatti come nel 2013 sia proseguita la contrazione del credito alle famiglie umbre. Questo fenomeno può essere spiegato dall azione congiunta di due ordini di fattori principali, ossia la domanda di prestiti ancora debole e il persistere di un atteggiamento molto selettivo sul lato dell offerta, a causa del peggioramento delle prospettive dell attività economica e del deterioramento della qualità del credito. Gli indicatori di rischiosità del credito delle famiglie hanno, infatti, registrato un lieve peggioramento, determinando in molti casi l applicazione di maggiorazioni di costo (spread) più gravose da parte degli intermediari. Prestiti alle famiglie, consistenze di fine periodo in milioni di euro Famiglie produttrici Famiglie consumatrici Fonte: Banca d Italia. Sofferenzesuprestiti alle famiglie, consistenze di fine periodo, milioni Famiglie produttrici Famiglie consumatrici Fonte: Banca d Italia.

22 22 Gli aspetti finanziari: le passività finanziarie (2/4) Finanziamenti oltre il breve termine: consistenze per destinazione economica Per le famiglie consumatrici si rileva, nel complesso, una riduzione dei finanziamenti oltre il breve termine, sia per la componente destinata all acquisto di abitazioni che per quella relativa ad altri immobili e beni durevoli. La contrazione dei prestiti ha riguardato, in termini di volume, anche la forma del credito al consumo dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 dic-11 mar-12 giu-12 set-12 dic-12 mar-13 giu-13 set-13 dic-13 mar-14 giu-14 Acquisto beni durevoli Acquisto immobili diversi da abitazioni Credito al consumo dic-08 feb-09 apr-09 giu-09 ago-09 ott-09 dic-09 feb-10 apr-10 giu-10 ago-10 ott-10 dic-10 feb-11 apr-11 giu-11 ago-11 ott-11 dic-11 feb-12 apr-12 giu-12 ago-12 ott-12 dic-12 feb-13 apr-13 giu-13 ago-13 ott-13 dic-13 feb-14 Fonte: elaborazioni dell autore su dati Banca d Italia.

23 23 Gli aspetti finanziari: le passività finanziarie (3/4) I tassi di interesse praticati sulle forme di prestito classificabili tra i rischi a scadenza e destinati all acquisto di abitazioni, in continua diminuzione dagli inizi del 2010 fino a dicembre 2011, hanno poi registrato un aumento fino a dicembre 2012; nei periodi successivi, i tassi si sono mantenuti sostanzialmente sugli stessi livelli dei trimestri precedenti nella classe di fido accordato fino a euro, mentre sono risultati in diminuzione nel caso dei prestiti concessi per importi pari o superiori. Tasso attivo effettivo su rischi a scadenza per acquisto abitazione (operazioni in essere) per classe di grandezza del fido globale accordato, Banche partecipanti alla rilevazione campionaria dei tassi attivi. 5,80 5,60 5,40 5,20 5,00 4,80 4,60 fino a euro pari e oltre euro 4,40 4,20 4,00 dic 08 mar giu 09 set 09 dic 09 mar giu 10 set 10 dic 10 mar giu 11 set 11 dic 11 mar giu 12 set 12 dic 12 mar giu 13 set 13 dic 13 mar Fonte: elaborazioni dell autore su dati Banca d Italia.

24 24 Gli aspetti finanziari: le passività finanziarie (4/) Nel complesso, la quota di famiglie umbre indebitate nel 2012 è stata pari al 29,9%, in aumento rispetto al 2010 (29,1%); l incremento è riconducibile alla componente del credito al consumo, mentre è risultata in diminuzione la quota di famiglie indebitate con solo mutuo. La percentuale di famiglie umbre indebitate, in linea con quella per le altre regioni dell Italia centrale (29,1% nel 2012), è, invece, significativamente più elevata rispetto alla media italiana (25,3 % nel 2012). La condizione di vulnerabilità finanziaria delle famiglie, definita dalla presenza congiunta di una spesa annuale per il servizio del debito superiore al 30 per cento del reddito disponibile (al lordo degli oneri finanziari) e reddito familiare inferiore alla mediana, è tuttavia migliorata nel caso delle famiglie umbre: nel 2012, infatti, la percentuale di famiglie finanziariamente vulnerabili è stata dell 1,8%, contro il 2,2% del Il rapporto tra mutuo residuo e reddito, che può essere considerato un indicatore di sostenibilità dell indebitamento familiare, risulta pari a 2 nel 2012, in crescita rispetto al corrispondente valore registrato per il 2010 (1,4). L incidenza delle rate sul reddito familiare è in diminuzione, risultato questo ascrivibile all effetto combinato della contrazione nei volumi di debito e alle dinamiche occupazionali e, quindi, reddituali delle famiglie.

25 25 Riflessioni conclusive La crisi ha inciso sul reddito delle famiglie e ha ridotto l ammontare dei consumi. Le famiglie umbre hanno comunque mantenuto una notevole propensione al risparmio dimostrando una sorprendente resilienza. Oltre il 60% della ricchezza delle famiglie è costituito da beni immobili (prevalentemente prima abitazione) La ricchezza finanziaria viene destinata in larga maggioranza ad impieghi liquidi, ritenuti sicuri, a basso rischio ma anche a basso rendimento. L indebitamento delle famiglie, nonostante la crisi rimane su livelli medi contenuti, anche se è sensibilmente aumentato il numero di coloro i quali stentano a fronteggiare spese impreviste.

26 26 Riferimenti bibliografici Banca d'italia, Economie Regionali, L'economia dell'umbria, giugno Banca d Italia, Supplementi al Bollettino Statistico, Indagini campionarie, italiane nell anno 2012, Anno XXIV Numero 5, 27 gennaio Banca d Italia, Supplementi al Bollettino Statistico, Indicatori monetari e finanziari, La ricchezza delle famiglie italiane, Anno XXIII Numero 65, 12 Dicembre 2013.

RISPARMI E BILANCI DELLE FAMIGLIE Loris Nadotti - Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni - Università degli Studi di Perugia

RISPARMI E BILANCI DELLE FAMIGLIE Loris Nadotti - Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni - Università degli Studi di Perugia RISPARMI E BILANCI DELLE FAMIGLIE Loris Nadotti - Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni - Università degli Studi di Perugia Questo capitolo del Rapporto si pone l obiettivo di analizzare la

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) 1. A maggio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.815 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.848 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Sardegna nel quarto trimestre del 2008. 2009 Cagliari

Economie regionali. L'andamento del credito in Sardegna nel quarto trimestre del 2008. 2009 Cagliari Economie regionali L'andamento del credito in Sardegna nel quarto trimestre del 2008 2009 Cagliari 2 0 0 9 20 La nuova serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

Economie regionali. Bologna aprile 2010

Economie regionali. Bologna aprile 2010 Economie regionali Bologna aprile 21 L'andamento del credito in Emilia-Romagna nel quarto trimestre del 29 2 1 3 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1

COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1 10 dicembre COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1 In data odierna la Banca centrale europea (BCE) pubblica per la prima volta un

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia?

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia? Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 p. 2 p. 5 p. 6 Single di 30 anni: investimento di 10mila euro p.

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 Maggio 2013 Più raccolta, meno prestiti PIÚ RACCOLTA, MENO PRESTITI Continuano a ridursi gli impieghi, con saggi che nel caso delle famiglie raggiungono valori di massimo

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Settembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 21 L economia del Molise I prestiti bancari È proseguito il calo dei prestiti bancari,

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 REPORT No. 20 del 24 settembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 dicembre 2015 Credito alle imprese in stallo I dati di ottobre 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la ripresa del settore creditizio, con l unica nota stonata

Dettagli

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di 1 di 5 11/09/2011 14:52 LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE A cura di Roberto Praderi. Come nelle elaborazioni precedenti ci siamo basati su documenti ufficiali, in questa facciamo riferimento allo 2

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

Il capitale circolante del settore siderurgico

Il capitale circolante del settore siderurgico Il capitale circolante del settore siderurgico Quale impatto sulla posizione finanziaria nel 21? Analisi elaborata dall Unità di di Centrobanca Pio De Gregorio Stefania Baccalini Gianluca De Sanctis 8

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE aggiornate il 20/01/2009

CONDIZIONI DEFINITIVE aggiornate il 20/01/2009 Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

Campobasso - 10 giugno 2014 - Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso - 10 giugno 2014 - Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 1 giugno 214 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Andamento dei prestiti bancari a dicembre 213 (variazioni, dati corretti per le cartolarizzazioni) totale imprese famiglie Italia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

- 5 - Gen-03 Feb-03 Mar-03 Apr-03 Mag-03 Jun-03 Lug-03 Ago-03 Set-03

- 5 - Gen-03 Feb-03 Mar-03 Apr-03 Mag-03 Jun-03 Lug-03 Ago-03 Set-03 - 5 - Figura 1: Tassi di interesse a breve termine sui depositi bancari e un corrispondente tasso di mercato monetario (valori percentuali in ragione d anno; tassi sulle nuove operazioni) 2,5 2,5 1,5 0,5

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: MERCATO MONETARIO RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: MERCATO MONETARIO RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA CASH FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

Detrazioni fiscali per il risparmio energetico e le Ristrutturazioni Edilizie -aspetti tecnici,giuridico-fiscali e accesso al credito-

Detrazioni fiscali per il risparmio energetico e le Ristrutturazioni Edilizie -aspetti tecnici,giuridico-fiscali e accesso al credito- Detrazioni fiscali per il risparmio energetico e le Ristrutturazioni Edilizie -aspetti tecnici,giuridico-fiscali e accesso al credito- Guglielmo Bernardi Financial Advisor Chi può accedere al credito?

Dettagli

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna INSIEME PER LA RIPRESA LO STATO DELL ECONOMIA REGIONALE intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna 1 La congiuntura

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

IL CREDITO A REGGIO EMILIA

IL CREDITO A REGGIO EMILIA Osservatorio economico, coesione sociali, legalità IL CREDITO A REGGIO EMILIA a cura di Matteo Ruozzi Responsabile Ufficio Studi, Statistica, Osservatori 16 giugno 2015 Provincia di Reggio Emilia Alcuni

Dettagli

L intermediazione finanziaria

L intermediazione finanziaria L intermediazione finanziaria Cremona 15 giugno 215 L andamento dei finanziamenti a imprese e famiglie Le imprese: la situazione economica finanziaria nei dati di bilancio e la dinamica strutturale. Le

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 8 Febbraio 2013 Ancora senza credito ANCORA SENZA CREDITO I primi segnali di inversione del ciclo economico non trovano ancora conferma nei dati del credito. Il 2012 si è infatti

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? L indebitamento delle famiglie italiane Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia 1 Risparmi e debiti delle famiglie

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Questioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) Il mercato del credito alle famiglie dopo cinque anni di crisi: evidenze dall indagine sui loro bilanci di Silvia Magri e Raffaella Pico Ottobre 2014

Dettagli

CREDITO ALLE FAMIGLIE E TRASFORMAZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: VERSO UNO STANDARD EUROPEO?

CREDITO ALLE FAMIGLIE E TRASFORMAZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: VERSO UNO STANDARD EUROPEO? CREDITO ALLE FAMIGLIE E TRASFORMAZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: VERSO UNO STANDARD EUROPEO? Fabio Panetta Servizio Studi - Banca d Italia Intervento al convegno: CONSUMER CREDIT 2005 Credito per la Crescita:

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi La procedura è quasi tutta automatizzata restando a carico dell'utente le seguenti, limitate, attività: 1. Inserimento degli ultimi 2 Bilanci

Dettagli

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali E' un Software ideato e realizzato per poter essere facilmente utilizzato dalle Piccole e Medie Imprese che non possono contare su una struttura

Dettagli

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria La finanza d impresa in Italia: banche e mercato Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria Perugia, 16 aprile 2015 Traccia dell intervento Punti di debolezza della struttura finanziaria

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli