Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego"

Transcript

1 Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze. Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti risulta modificato con intensità negli ultimi decenni e da ultimo con la riforma del rapporto di lavoro con la P.A. (vd d.lgs n. 165/2001 e n. 150 del 2009); peraltro la riforma è continua si ripete praticamente ad ogni manovra finanziaria circa i requisiti per accesso alle prestazioni previdenziali. Il d.lgs. n. 479 del 94 ha istituito l INPDAP istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica che è ente pubblico non economico soggetto alla vigilanza del Ministero del lavoro e del Ministero dell Economia competente per tutte le prestazioni previdenziali per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche. La sede centrale dell INPDAP è in Roma ed ha sedi periferiche in ogni capoluogo di provincia. L INPDAP ha assorbito ed accorpato tutte le preesistenti gestioni previdenziali (ENPAS ente nazionale previdenza ed assistenza per i

2 2 dipendenti statali, ENPDEP per i dipendenti di diritto pubblico, INADEL assistenza per i dipendenti enti locali) ed i vari istituti di previdenza (CPS per i sanitari, CPDEL per i dipendenti di enti locali CPI per gli insegnanti e CPUG per gli ufficiali giudiziari). La legge n. 335 del 95 ha istituto presso l INPDAP la gestione separata dei trattamenti pensionistici ai dipendenti dello Stato (art. 2 co.1) Attualmente l INPDAP ha la gestione di tutti i trattamenti pensionistici dei dipendenti statali. La competenza per tutti i dipendenti dei Ministeri è stata via via acquisita nel tempo: nei primi anni di entrata in vigore della riforma i dipendenti percepivano un trattamento provvisorio determinato dalla propria amministrazione che diventava definitivo una volta determinato dall INPDAP il dovuto. A far data dal l INPDAP è competente direttamente per tutte le amministrazioni statali ed in tutti gli istituti previdenziali riscatto computo, ricongiunzione, liquidazioni, pensioni - subentrando alla gestione della cassa trattamenti pensionistici statali (CTPS) e per le indennità di fine servizio. Attualmente il datore di lavoro certifica la posizione del dipendente a mezzo il modello PA04 e l INPDAP non dovendo chiedere ulteriore documentazione ha tutto quanto necessario per determinare le prestazioni in favore dei dipendenti. Dal 2006 la posizione previdenziale ed assicurativa dipendente è accessibile in tempo reale via internet. di ciascun 2

3 3 L INPDAP effettua ulteriori attività in favore dei dipendenti: - Assicurazioni sulla vita per i dipendenti enti di diritto pubblico; - Gestione centri vacanze estive e vacanze all estero per i figli dei dipendenti; - Erogazione borse di studio per i figli più meritevoli dei dipendenti; - Gestione case di soggiorno per pensionati; - Eroga prestazioni creditizie agevolate in favore degli iscritti (prestiti rimborsabili, prestiti garantiti erogati da istituti di credito con garanzia INPDAP, mutui ipotecari per acquisto prima casa); Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. La contribuzione obbligatoria. Il lavoratore con la sottoscrizione del contratto di lavoro con un ente pubblico ha diritto ex lege con correlativo obbligo in capo al datore di lavoro all iscrizione presso l INPDAP. Scatta da tale iscrizione l obbligo del versamento dei contributi nella misura fissata dalla legge. La normativa precedente distingueva l obbligo contributivo in ragione del tipo di rapporto lavorativo: la P.A. era obbligata all iscrizione solo per il personale utilizzato per i soli servizi dell ente; successivamente l iscrizione è divenuta obbligatoria anche per il personale utilizzato dalla P.A. per eventi eccezionali o straordinario o supplenza o attività non istituzionali e/o in servizio anche non direttamente dell ente pubblico ma di agenzie che allo stesso fanno riferimento costituenti articolazioni dell Ente. 3

4 4 L INPDAP eroga prestazioni per lo più erogazioni economiche - con i contributi previdenziali a carico degli enti pubblici datori di lavoro e dei dipendenti iscritti e con i proventi delle attività finanziarie dei fondi INPDAP. La misura della contribuzione a carico dei soggetti è stabilita ex lege. Per i dipendenti pubblici (ex CTPS) il limite fissato è del 33% della retribuzione, suddivisa in ragione del 24,20 a carico del datore di lavoro e del 8,80 a carico del dipendente. (vd nota INPDAP 16 del 2004 relativamente alla contribuzione sulla retribuzione accessoria ex art. 2 co.9 e 10 lex 335/95). La retribuzione imponibile su cui va calcolato il contributo obbligatorio dovuto è il trattamento fisso e continuativo percepito dal lavoratore o meglio, a far data dalla cd legge Dini (n.335 del 95) costituisce la retribuzione imponibile tutto ciò che il lavoratore percepisce dal datore di lavoro in ragione della dipendenza in denaro o natura tranne quanto è escluso ex lege (vd art. 12 lex 335 riformulato dal d.leg.vo 314 del 97). A tale obbligo sono correlati anche adempimenti accessori. 4

5 5 I datori di lavoro pubblici sono obbligati alla compilazione della parte previdenziale del modello 770, quali sostituti d imposta del lavoratore. Le amministrazioni trasmettono una copia del modello 770 all INPDAP ai fini dell aggiornamento e verifica della posizione previdenziale ed assistenziale del lavoratore e gli stessi dati sono riportati nel CUD consegnato al lavoratore. I dati inviati sono riassuntivi dei dati trasmessi mensilmente (DMA denuncia mensile analitica) e telematicamente dal datore di lavoro all INPDAP ai fini pensionistici, del tfr e sono relativi al pagamento dei contributi effettuati che vanno pagati entro il 15 del mese successivo cui si riferiscono. Tuttavia l INPDAP ha chiarito (con nota 3 del 2008) che il tutto verrà sostituito dal modello 770 divenuto obbligatorio dal Ai fini dei controlli della posizione contributiva il dipendente ha diritto a ricevere l estratto conto individuale in cui sono indicati i dati relativi alla contribuzione, alla posizione assicurativa. La legge Dini (art. 3 co. 9 e 10 ha previsto la revisione della prescrizione dei pagamenti a titolo contributivo. L obbligo a versare il dovuto si prescrive entro 10 anni per i contributi relativi ai periodi sino al ed in cinque anni per i periodi successivi. Inoltre i contributi prescritti non possono essere più versati. Sanzioni civili sono previste in caso di inadempienza contributiva (vd determinazione 228 del 2010). 5

6 6 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. La contribuzione non obbligatoria. La prestazione lavorativa comporta la retribuzione e la corrispondente contribuzione obbligatoria. Ma durante il rapporto lavorativo il dipendente può attivare ed affiancare alla contribuzione obbligatoria varie tipologie di contribuzione non obbligatoria e/o facoltativa. Il lavoratore in costanza del rapporto di lavoro può beneficiare di ulteriori periodi contributivi unitamente ai periodi di contribuzione obbligatoria - ai fini del servizio ritenuto utile ai fini di quiescenza ed ai fini del calcolo della pensione stessa. (vd di seguito) Si tratta degli istituti della contribuzione volontaria, della contribuzione figurativa e della contribuzione da riscatto. (vd seguito) Strumentali alle finalità di gestione unica del rapporto contributivo sono gli istituti della ricongiunzione e della cd totalizzazione.(vd seguito). Ai fini dell accesso al trattamento pensionistico è essenziale il cd. servizio utile prestato; sussistono peraltro delle cd. anzianità convenzionali determinate ex lege in ragione della tipologia peculiare del servizio svolto. (vd seguito) La cd contribuzione integrativa e/o complementare - non concorrendo a formare il servizio utile - integra la misura della pensione.(vd seguito) 6

7 7 A - La contribuzione volontaria La legge 184 del 97 ha esteso ai lavoratori iscritti all INPDAP la normativa sulla contribuzione volontaria. (lex n del 71 e n.47 del 1983). I lavoratori che per diverse cause vedono sospeso, interrotto o cessato il rapporto di lavoro possono continuare il rapporto previdenziale con versamenti volontari a carico ai fini di raggiungere i requisiti per l accesso al diritto a pensione. La contribuzione volontaria non è consentita ed è impedita dal maturare dei requisiti richiesti ex lege (età anagrafica e requisiti contributivi) per la pensione. Tuttavia se il lavoratore ha maturato la pensione - sia sotto il profilo del requisito anagrafico che contributivo - a domanda può continuare a versare contributi volontariamente al fine di incrementare la misura del trattamento pensionistico. Le ragioni della interruzione della obbligatorietà della contribuzione in capo al datore di lavoro si verifica in caso di: - aspettative per motivi di studio; - aspettative per motivi di famiglia; - i periodi vuoti nei lavori a tempo parziale, orizzontale e verticale. Particolare è la situazione dei dipendenti pubblici che usufruiscono della legge 112/2008 (art. 72) per attività di volontariato che consente l esonero dal servizio per il massimo di 5 anni con percezione ridotta della retribuzione. In tali casi permane l obbligo contributivo a carico del datore di lavoro. 7

8 8 In caso di ripresa del rapporto lavorativo non è possibile la contribuzione volontaria vigendo la contribuzione obbligatoria. Medesima impossibilità sussiste per i periodi in cui è consentito il riconoscimento della contribuzione figurativa. I lavoratori per l accesso alla contribuzione volontaria debbono avanzare richiesta all INPDAP di competenza ed è considerata domanda idonea anche la richiesta di pensione respinta al lavoratore carente dei requisiti previsti ex lege (età e contribuzione). La legge n. 388/2000 art. 69 co.10 ha modificato i requisiti previsti che consentono l autorizzazione in caso di possesso alternativo di - Versamento di 3 anni di contribuzione negli ultimi 5 anni; - Versamento di almeno 5 anni di contribuzione a prescindere dall epoca del versamento della contribuzione. La contribuzione deve essere effettiva e relativa alla prestazione lavorativa retribuita e quindi al relativo versamento contributivo o a periodi lavorativi riscattati o ricongiunti. (vd in seguito) Sono esclusi dal conteggio e non possono essere considerati periodi di contribuzione effettiva: - i periodi relativi alla contribuzione figurativa; - il periodo corrispondente al servizio militare; - i periodi relativi a congedi per maternità, parentali per puerperio e gravidanza; - I periodi relativi al godimento di pensione di inabilità in seguito revocata. 8

9 9 - il calcolo dei contributi ed il versamento. La ratio della contribuzione volontaria è far proseguire al lavoratore il rapporto contributivo come se avesse svolto la prestazione lavorativa. Ne consegue che le somme da pagare corrispondono a quelle che avrebbero pagato il datore di lavoro ed il lavoratore; il calcolo si effettua sulla media della retribuzione percepita nell ultimo anno di lavoro antecedente alla domanda. In sostanza l importo retributivo imponibile annuale aggiornato secondo gli indici ISTAT - va diviso per 52 settimane ed a tale importo va riferito la percentuale di contribuzione obbligatoria dovuta (sommando quella a carico del datore di lavoro e quella a carico del lavoratore). Ove vi siano state interruzioni lavorative nell ultimo anno occorre comunque retrocedere al fine di costituire un anno lavorativo utile sotto il profilo contributivo. In caso sia versata somma inferiore verrà accreditato dall Ente previdenziale un periodo inferiore ai fini contributivi corrispondente all importo effettivamente versato. L equiparazione della contribuzione volontaria a quella obbligatoria è totale sicché anche sotto il profilo fiscale le somme versate sono deducibili totalmente dal reddito IRPEF. (vd art. 13 d.lgs n. 47/2000) Il versamento va effettuato trimestralmente a mezzo appositi bollettini rilasciati dall INPDAP entro il trimestre successivo a quello cui si riferiscono i periodi assicurativi (per il primo trimestre il versamento va effettuato entro il 30 giugno, etc ). 9

10 10 I termini sono perentori e se non rispettati i contributi non vengono accreditati e restituiti al lavoratore, salvo l accredito al periodo di competenza con inevitabile scopertura del periodo precedente per cui risulta omesso il versamento. B - La contribuzione figurativa L obbligatorietà della contribuzione è strettamente legata allo svolgimento della prestazione lavorativa. In alcuni eventi durante il rapporto lavorativo è previsto che nonostante non si presti attività lavorativa o la stessa sia ridotta il lavoratore possa beneficiare di contribuzione c.d. figurativa (fittizia) nonostante l assenza della prestazione lavorativa e, conseguentemente, dell assenza di versamenti contributivi. La legge consente in alcuni e tassativi casi e per periodi determinati tale riconoscimento d ufficio o a domanda del lavoratore con il pagamento a carico dell Ente di previdenza. In ragione della particolare rilevanza sociale l ordinamento riconosce tale tutela in casi tassativi nella tipologia e nella durata al fine di evitare pregiudizi al lavoratore. Gli eventi ed i periodi riconosciuti coperti da contribuzione figurativa sono: - il periodo del servizio militare obbligatorio o il periodo a quello equiparato; - il periodo di assenza obbligatoria e facoltativa dal servizio per puerperio e gravidanza. Tale periodo può essere conteggiato anche se gli eventi sono avvenuti al di fuori del rapporto di 10

11 11 lavoro purché sussista almeno una contribuzione minima di 5 anni in costanza di rapporto lavorativo;(art. 25 d.leg.vo 151/2001) - permesso di tre giorni mensile per il lavoratore padre o madre di bambino minore affetto da handicap in situazione di gravità non ricoverato; - permesso di tre giorni mensile per il lavoratore che assiste a tempo pieno un parente e/o affine entro il terzo grado affetto da handicap in situazione di gravità non ricoverato; - i periodi di astensione facoltativa dal lavoro per malattia del figlio sino all ottavo anno di età; - i periodi di 4 mesi ogni anno di servizio per i lavoratori non vedenti; - i periodi di due mesi per ogni anno di servizio per i lavoratori sordomuti o invalidi con menomazione maggiore del 74%; - i periodi di inabilità con percezione pensione in caso di recupero della capacità lavorativa successiva; - i periodi di aspettativa dei dipendenti eletti a funzioni pubbliche (art.3 lex 564/96) o nominati a cariche sindacali; (art.31 lex 300/70). Per i trattamenti pensionistici determinati esclusivamente secondo il sistema contributivo, sono riconosciuti i seguenti periodi di accredito figurativo: a) assenza dal lavoro per periodi di educazione e assistenza dei figli fino al sesto anno di eta' in ragione di centosettanta giorni per ciascun figlio; b) assenza dal lavoro per assistenza a figli dal sesto anno di eta', al coniuge e al genitore purché conviventi, nel caso ricorrano le condizioni previste dall'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, 11

12 12 per la durata di venticinque giorni complessivi l'anno, nel limite massimo complessivo di ventiquattro mesi; c) a prescindere dall'assenza o meno dal lavoro al momento del verificarsi dell'evento maternità, e' riconosciuto alla lavoratrice un anticipo di età - rispetto al requisito di accesso alla pensione di vecchiaia - pari a quattro mesi per ogni figlio e nel limite massimo di dodici mesi. In alternativa al detto anticipo la lavoratrice può optare per la determinazione del trattamento pensionistico con applicazione del moltiplicatore, relativo all'età di accesso al trattamento pensionistico, maggiorato di un anno in caso di uno o due figli, e maggiorato di due anni in caso di tre o più figli.(art. 1 co.40 lex 335 del 1995). La contribuzione figurativa per l evento e per il periodo previsto ex lege comporta l assimilazione al servizio lavorativo effettivo e quindi al regime della contribuzione obbligatoria; è utile, quindi, ai fini del diritto alla pensione ed ai fini della quantificazione. La contribuzione figurativa va calcolata in ragione della retribuzione per ciascuna settimana riconosciuta sulla media delle retribuzioni dell anno in cui va a collocarsi l evento di cui si chiede il riconoscimento. Tuttavia esistono regolamentazioni specifiche per diversi eventi suindicati. Si osserva. - Per l astensione facoltativa dopo il terzo anno di vita del bambino il valore della retribuzione da attribuire alla contribuzione figurativa è limitato al valore pari al doppio della pensione sociale; - Per l assistenza a soggetti portatori di handicap ai sensi lex 104/92 è consentita la contribuzione figurativa fino ad un 12

13 13 massimo di ,98 (VD. 42 CO.5 LEX 151/2001). Tale periodo non è valutabile ai fini del Tfr. - Per i soggetti eletti a cariche elettive per funzioni pubbliche (eletti al parlamento o assemblee regionali etc.) che maturano il diritto ad un assegno vitalizio o ad un incremento contributivo sono obbligati a versare l equivalente dei contributi a carico del lavoratore relativamente al periodo di aspettativa concessa. Il versamento va effettuato all organo elettivo che provvede a destinarlo alla gestione previdenziale di appartenenza. Il mancato versamento impedirà la copertura figurativa del periodo di aspettativa (vd art. 38 lex 488/99 e art.3 lex 564 del 1996). C - La contribuzione da riscatto Il lavoratore può vedersi riconosciuti periodi - ritenuti meritevoli di tutela dall Ordinamento per coprire periodi sforniti di copertura assicurativa obbligatoria con il pagamento a carico come per la contribuzione volontaria a mezzo il cd riscatto. Tra le varie tipologie di periodi riscattabili senz altro più diffuso è il periodo relativo al corso di laurea o titoli equiparati o corsi di studio previsti dalla legge (vd dottorato di ricerca, corsi abilitanti personale scuola ecc.). I lavoratori iscritti all INPDAP possono riscattare il periodo corrispondente al corso legale degli studi universitari per il quale sia stato conseguito: diploma di laurea, diploma universitario, diploma di specializzazione, dottorato di ricerca. Il riscatto rende utilizzabili i periodi di riferimento ai fini dei requisiti contributivi che ai fini della misura della pensione. 13

14 14 In ragione delle tipologie di riscatto diversi sono i termini (due anni prima del raggiungimento del limite di età e/o entro 90 gg dalla data di risoluzione del rapporto di lavoro). La laurea o il titolo equiparato riconosciuto è riscattabile se il titolo sia stato utile ai fini della carriera del pubblico dipendente. La somma dovuta a titolo di riscatto è determinata in ragione del periodo da riscattare con applicazione della aliquota di contribuzione in vigore alla data di domanda di riscatto rapportata alla retribuzione assoggettata a contribuzione obbligatoria. L art. 150 DPR 1092 del 73 disciplina il riscatto per i dipendenti della P.A. con possibilità di versamento in unica soluzione e/o pagamento con trattenute sullo stipendio o sulla pensione. Possono essere riscattati i periodi corrispondenti a: - assenza facoltativa per gravidanza e puerperio (con almeno 5 anni di contribuzione). Tale periodo è riscattabile in alternativa al riscatto per la laurea non essendo sovrapponibili i periodi di contribuzione; - congedo per assistenza familiare a disabili; - i periodi non effettuati di attività lavorativa in part-time orizzontale verticale o a ciclo. Tale periodo non è riscattabile in caso di contribuzione volontaria per i medesimi periodi. - Frequenza di corsi di formazione per l ammissione in servizio; - il servizio all estero non coperto da assicurazione obbligatoria riconosciuta in Italia; - aspettativa per seguire il coniuge in servizio all estero. 14

15 15 D - La ricongiunzione è lo strumento che consente al lavoratore che ha prestato attività lavorativa in diversi settori di lavoro e, quindi, con enti previdenziali e regimi diversi e separati, di unificare sotto un unico ente previdenziale e con identico regime giuridico ed economico i diversi trattamenti previdenziali ai fini del riconoscimento del diritto pensionistico. Il trattamento pensionistico ricongiunto ha un uniforme regime giuridico ed unico ente previdenziale erogante. Gli iscritti o i loro eredi, in caso di pensione ai superstiti, possono chiedere all INPDAP la ricongiunzione di tutti i periodi di contribuzione obbligatoria e periodi assimilati (figurativa e volontaria) esistenti presso altre gestioni. Le gestioni trasferiscono all INPDAP tutti i contributi del lavoratore con interessi che vengono trattati unitariamente dall INPDAP secondo le proprie regole e pagati al lavoratore con un unico regime e trattamento pensionistico in ragione della normativa vigente per il pubblico dipendente. La ricongiunzione è onerosa.(art.2 lex n.29 del 79) Il contributo dovuto dal lavoratore è dato dalle somme che l ente previdenziale dovrà pagare in più al lavoratore per effetto dei maggiori periodi ricongiunti. La quantificazione del costo della ricongiunzione è effettuato secondo un complicato calcolo: le somme contributive in capo al lavoratore di cui si chiede la ricongiunzione vanno detratte dalle somme dovute secondo una cd riserva matematica - ex art. 13 legge 1338 del 62 determinata da una tabella - adeguata in ragione delle diverse riforme previdenziali - in vigore al momento della domanda.(vd legge 122 del 2010 e DM 31 agosto 2007). Il contributo dovuto dal 15

16 16 lavoratore aumenta in ragione dell avvicinarsi all età della pensione. Il pagamento è effettuato in unica soluzione o a rate. E - La totalizzazione. La totalizzazione è lo strumento che consente al lavoratore che ha prestato servizio con diversi datori di lavoro e regimi previdenziali differenti di sommare i trattamenti contributivi che mantengono la regolamentazione di ciascuna gestione previdenziale, a differenza della ricongiunzione in cui vi è anche la unificazione del regime giuridico. Il trattamento pensionistico totalizzato è unificato solo sotto il profilo dell unico pagamento. Il lavoratore o i suoi eredi superstiti - possono totalizzare più periodi contributivi non sovrapposti cronologicamente. La totalizzazione deve essere effettuata per tutti i periodi assicurativi e non per parte di essi; può essere cumulato il trattamento previdenziale con durata di almeno 3 anni (per periodi inferiori è possibile la ricongiunzione a pagamento). Il lavoratore richiedente deve avere 65 anni ed una contribuzione cumulata nei diversi enti previdenziali e possedere almeno 20 anni o, in alternativa, 40 anni di contribuzione a prescindere dall età. La domanda va presentata alla gestione a cui è iscritto il lavoratore nell ultimo periodo di servizio. La totalizzazione è gratuita in quanto i contributi non vedono modificato il regime giuridico previsto dall ente previdenziale di appartenenza ed i contributi materialmente restano accreditati nelle 16

17 17 gestioni previdenziali di appartenenza. La somma erogata al lavoratore corrisponde alla quota di pensione calcolata secondo il trattamento previdenziale di appartenenza. In caso con la totalizzazione non si raggiunga il minimo pensionistico il trattamento è integrato dall ente previdenziale con contribuzione maggiore. La totalizzazione è incompatibile con la ricongiunzione per le evidenti differenze sostanziali. A seguito della legge n. 122 del 30 luglio 2010 i trattamenti pensionistici di vecchiaia e anzianità derivanti dalla totalizzazione maturati dopo il decorrono decorsi 18 mesi dalla maturazione. Per le pensioni maturate nel periodo precedente e comunque per le pensioni di inabilità o ai superstiti la decorrenza è dal primo giorno del mese successivo alla decorrenza della pensione. Il lavoratore potrà scegliere la ricongiunzione o la totalizzazione in ragione della concreta convenienza economica non potendosi prevedere a priori i vantaggi comparative tra i due istituti derivanti e dipendenti dalla concreta posizione soggettiva e contributiva. F - Il servizio utile ai fini contributivi e le anzianità convenzionali. Ai fini dell anzianità contributiva per accedere al trattamento pensionistico ed anche ai fini della liquidazione giova solamente il cd. servizio utile. Il servizio utile è il periodo del servizio prestato dal lavoratore alla dipendenza dello Stato (e con conseguente obbligo di iscrizione all 17

18 18 INPDAP in precedenza cassa speciale presso INPS) a cui si aggiungono i periodi con durata corrispondente a: a) il servizio cumulabile; b) il servizio ricongiungibile; c) il servizio riscattato o riscattabile; d) il servizio corrispondente alla contribuzione figurativa; e) il servizio corrispondente alla contribuzione volontaria. Non può essere conteggiato il periodo di servizio in cui vi è stata sospensione dal servizio o dalla funzione con privazione dello stipendio o vi è stata detenzione per condanna penale. Il legislatore in ragione di particolari servizi attribuisce al pubblico dipendente aumenti del periodo di servizio effettivo cd. anzianità convenzionali. - Lavoratori non vedenti ed i centralinisti non vedenti aumentano 4 mesi di contribuzione ogni anno di servizio effettivo; - I lavoratori che prestano la loro opera in paesi disagiati o particolarmente disagiati aumentano rispettivamente di sei dodicesimi e nove dodicesimi il servizio effettivo; (lex 49/87 e 288/91) - I lavoratori esposti all amianto incrementano l anzianità contributiva (in caso di malattia professionale derivante dall esposizione all amianto o in caso di sola esposizione all amianto per almeno 10 anni); (vd lex 326 del 2003) - Lavoratori a cui sia stata riconosciuta invalidità superiore al 74% hanno una maggiorazione di due mesi di contribuzione figurativa per ciascun anno di servizio effettivo fino ad un massimo di 5 anni; (vd art. 80 lex 388/2000) 18

19 19 - Il personale della Polizia di Stato beneficia di un aumento della contribuzione in ragione di un quinto del servizio fino ad un massimo di cinque anni per servizio di navigazione o su costa, per servizio di volo o di confine, per il servizio di istituto ed il servizio all estero prestato in sedi disagiate e particolarmente disagiate. Per il servizio penitenziario il corpo di polizia penitenziaria ed i dirigenti del DAP personale civile non appartenenti al corpo di polizia - percepiscono medesimo aumento per il servizio d istituto penitenziario. - I lavoratori familiari di vittime del terrorismo (lex 206/2006) beneficiano di vantaggi previdenziali e fiscali vari; - Gli appartenenti al comparto sicurezza e difesa percepiscono un aumento dello stipendio in caso d infermità dipendente da causa di servizio (vd tabella A dpr 915 del 78) (ex lege 133/2008 art. 70). Per i restanti dipendenti è stata abrogata dal 2009 fatto salvo il diritto all equo indennizzo (vd seguito) La normativa comunitaria in materia pensionistica I lavoratori pubblici che hanno prestato attività lavorativa con contribuzione in altri paesi CEE possono cumulare i periodi di lavoro utile a fini pensionistici. La domanda va rivolta all INPDAP competente per l istruttoria della posizione previdenziale. Nuovi regolamenti comunitari sono in vigore dal 2010 (883 del 2004, 988 del 2009, 987 del 2009) che, attuando i principi di uguaglianza e parificazione e sicurezza sociale, estendono al lavoratore italiano che 19

20 20 ha svolto servizio lavorativo in stati esteri il medesimo trattamento dei cittadini di tale Stato. La regola seguita per il cumulo dei diversi servizi lavorativi è in linea di massima quella della totalizzazione delle diverse posizioni previdenziali. BIBLIOGRAFIA M.Persiani Diritto e Previdenza Sociale - Padova M.Persiani G.Proia Diritto del Lavoro Padova A.Di Stasi Diritto del lavoro e della previdenza Sociale Milano S. Merz G.Martorana Manuale pratico della Previdenza e Assicurazione Sociale Padova G.S.Passatelli - diritto del lavoro e della previdenza Sociale Roma T.Bussino - Previdenza - Milano 20

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP)

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP) DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica 1 Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186 Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it Roma lì, 23 ottobre 2008 Prot. n 186 Ai Coordinatori

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli