Indicazioni per la certificazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indicazioni per la certificazione"

Transcript

1 Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale

2 Indicazioni per la certificazione Le statistiche di mortalità per causa si basano sulla cosiddetta causa iniziale di morte. Essa, a livello internazionale, è definita come : a) La malattia o il traumatismo che ha dato inizio a quella catena di eventi morbosi che porta direttamente a morte b) L insieme delle circostanze dell accidente o della violenza che hanno provocato la lesione traumatica mortale La mortalità per causa ha una prospettiva di sanità pubblica, mirando a individuare, a livello di popolazione, condizioni morbose su cui intervenire precocemente

3 Indicazioni per la certificazione Al Medico certificatore è richiesto di esprimere, in base agli elementi a sua disposizione, la sua MIGLIORE OPINIONE MEDICA in relazione alla sequenza di eventi che ha portato il decesso In linea generale si ritiene che il Medico che ha in cura il soggetto al momento del decesso sia il professionista che, meglio di chiunque altro, può esprimere la migliore opinione medica Per questo motivo spetta al Medico curante la compilazione del certificato delle cause di morte Solo se il decesso avviene senza assistenza medica il certificato deve essere compilato dal medico che accerta il decesso (necroscopo)

4 Indicazioni generali Scrivere in modo chiaro e comprensibile (stampatello o a macchina)

5 گ ںھہ ث جخدز سش ضظ غ ف ق كم نهوي ظ ع غ ف ق كه ثجخدذرس

6 MN NMMN

7 Indicazioni generali Scrivere in modo chiaro e comprensibile (stampatello o a macchina) Non sovrapporre le schede

8 CARDIOPATIA CANCRO POLMONARE ISCHEMICO IPERTENSIVA SCOMPENSO CARDIACO METASTASI CEREBRALI MN NMMN CACHESSIA NEOPLASTICA BRONCOPOLMONITE

9 Indicazioni generali Scrivere in modo chiaro e comprensibile (stampatello o a macchina) Non sovrapporre le schede Non utilizzare abbreviazioni o sigle

10 S.I.G.H. Le prime sigle sono chiaramente di fantasia. L ultima, invece, è tuttora utilizzata in un ospedale della regione Veneto e significa Encefalopatia vascolare cronica aterosclerotica EVCA

11 Indicazioni generali Scrivere in modo chiaro e comprensibile (stampatello o a macchina) Non sovrapporre le schede Non utilizzare abbreviazioni o sigle Compilare i vari campi previsti

12 Indicazioni generali Scrivere in modo chiaro e comprensibile (stampatello o a macchina) Non sovrapporre le schede Non utilizzare abbreviazioni o sigle Compilare i vari campi previsti Evitare termini generici, sintomi o constatazioni del decesso

13 Dispnea e febbre In questa scheda non è menzionata nessuna condizione morbosa: sono riportati solamente sintomi o segni clinici Arresto cardiocircolatorio

14 Indicazioni generali Scrivere in modo chiaro e comprensibile (stampatello o a macchina) Non sovrapporre le schede Non utilizzare abbreviazioni o sigle Compilare i vari campi previsti Evitare termini generici, sintomi o constatazioni del decesso Indicare la durata per le condizioni morbose riportate

15 Indicazioni generali Come indicare la durata? Deve essere riportato l intervallo di tempo fra l insorgenza della condizione morbosa e il decesso. Non è necessario un dettaglio estremo, ma è importante l ordine di grandezza: il periodo trascorso tra l insorgenza della condizione morbosa e il decesso va indicato o in anni, o in mesi o in giorni (in mesi, giorni od ore per i decessi nel primo anno di vita).

16 Indicazioni generali Come indicare la durata? Esempio Decesso il 10 luglio 2009, maschio 76 anni. Soggetto con cardiopatia ischemica (pregresso infarto nel 1998), da sei mesi comparsa di fibrillazione atriale. Il 7 luglio improvvisa comparsa di emiplegia destra: ricovero in ospedale diagnosi di ictus cardioembolico le condizioni peggiorano fino al decesso.

17 Cardiopatia ischemica post-infartuale 11 In questo esempio la tempistica delle varie condizioni morbose è riportata correttamente Fibrillazione atriale 6 Ictus ischemico 3

18 Indicazioni generali Come indicare la durata? Gli intervalli di tempo delle condizioni morbose riportate ai quesiti 1, 2 e 3 devono essere coerenti fra di loro: una condizione morbosa riportata al quesito 1 non può essere posteriore rispetto a condizioni morbose riportate ai quesiti 2 e 3.

19 Broncopolmonite 7 La sequenza di eventi morbosi riportata in questa scheda può essere considerata plausibile da un punto di vista fisiopatologico. Ictus ischemico 1 Tuttavia la tempistica riportata contraddice la sequenza: l ictus è antecedente alla polmonite e pertanto non può esserne una complicazione o evoluzione

20 Broncopolmonite In questo caso la tempistica è stata indicata con la data di insorgenza: è un modo errato.

21 Broncopolmonite 7 In questa scheda la tempistica è segnalata correttamente

22 Indicazioni generali Come indicare la durata? Gli intervalli di tempo vanno indicati anche in modo approssimativo: si può tranquillamente usare il termine circa. Se sono sconosciuti, ciò va segnalato. È importanto non lasciare in bianco l informazione relativa alla durata delle condizioni morbose

23 Indicazioni generali Scrivere in modo chiaro e comprensibile (stampatello o a macchina) Non sovrapporre le schede Non utilizzare abbreviazioni o sigle Compilare i vari campi previsti Evitare termini generici, sintomi o constatazioni del decesso Indicare la durata per le condizioni morbose riportate Rendersi rintracciabili

24 Indicazioni generali Scrivere in modo chiaro e comprensibile (stampatello o a macchina) Non sovrapporre le schede Non utilizzare abbreviazioni o sigle Compilare i vari campi previsti Evitare termini generici, sintomi o constatazioni del decesso Indicare la durata per le condizioni morbose riportate Rendersi rintracciabili

25 Indicazioni generali

26 Indicazioni generali Nel quesito 4 Parte I è richiesto di indicare la sequenza di eventi morbosi che ha portato al decesso La causa iniziale è la patologia o traumatismo/avvelenamente che ha dato inizio alla sequenza La causa iniziale deve essere unica Nel caso di più sequenze morbose, al medico è chiesto di indicarne una sola, quella a suo giudizio più rilevante Le righe 2, 3 e 4 del quesito 4 parte I, sono opzionali, possono anche non essere compilate Non devono essere riportate indicazioni che sono equivalenti alla constatazione di decesso (morte cerebrale, arresto cardiaco, arresto respiratorio ) Eventuali altri stati morbosi rilevanti vanno riportati al quesito 4 Parte II

27 Indicazioni generali

28 Indicazioni generali Per i decessi da traumatismo/avvelenamento è necessario compilare anche: Il quesito 5 (circostanza che ha dato origine alle lesioni indicate nel quesito 4)

29 Indicazioni generali

30 Indicazioni generali Per i decessi da traumatismo/avvelenamento è necessario compilare anche: Il quesito 5 (circostanza che ha dato origine alle lesioni indicate nel quesito 4) Il quesito 6 (Modalità del traumatismo/avvelenamento)

31 Indicazioni generali

32 Indicazioni generali Per i decessi da traumatismo/avvelenamento è necessario compilare anche: Il quesito 5 (circostanza che ha dato origine alle lesioni indicate nel quesito 4) Il quesito 6 (Modalità del traumatismo/avvelenamento) Il quesito 8 (Data dell accidente, suicidio, omicidio)

33 Indicazioni generali

34 Indicazioni generali Per i decessi da traumatismo/avvelenamento è necessario compilare anche: Il quesito 5 (circostanza che ha dato origine alle lesioni indicate nel quesito 4) Il quesito 6 (Modalità del traumatismo/avvelenamento) Il quesito 8 (Data dell accidente, suicidio, omicidio) Il quesito 9 (luogo dell accidente, infortunio, suicidio, omicidio)

35 Indicazioni generali

36 Indicazioni generali Per i decessi da traumatismo/avvelenamento è necessario compilare anche: Il quesito 5 (circostanza che ha dato origine alle lesioni indicate nel quesito 4) Il quesito 6 (Modalità del traumatismo/avvelenamento) Il quesito 8 (Data dell accidente, suicidio, omicidio) Il quesito 9 (luogo dell accidente, suicidio, omicidio)

37 Indicazioni generali Il quesito 5 La causa esterna, ovvero la modalità che ha provocato il traumatismo o l avvelenamento indicato al quesito 4, ai fini di sanità pubblica è considerata l informazione più importante, tanto che nelle attuali statistiche di mortalità per causa i decessi da causa violenta vengono riportati per tipo di causa esterna e non per tipo di lesione. Al Medico certificatore è richiesto di soffermarsi particolarmente su questo quesito e di cercare di fornire una descrizione dettagliata.

38 Indicazioni generali Incidenti stradali Nel caso di decesso da incidente stradale nel nuovo modello di scheda ISTAT è richiesta la compilazione delle informazioni al quesito 7: 7.1 Mezzo di trasporto della vittima 7.2 Ruolo della vittima 7.3 Tipo di incidente 7.4 In caso di scontro indicare l oggetto

39 Indicazioni generali

40 Indicazioni generali Incidenti stradali Indicazioni non classificabili Utilizzo mezzi di protezione (casco, cintura di sicurezza, seggiolini) Mancato rispetto codice della strada (velocità elevata, stato di ebbrezza, mancato rispetto della segnaletica ) Condizioni esterne di pericolosità (nebbia, neve, )

41 M, 37 anni Politrauma della strada In questa scheda sia la descrizione della lesione sia la descrizione della causa esterna (dinamica dell incidente) sono sintetiche e potevano essere maggiormente dettagliate 21

42 F, 62 anni Frattura della base cranica e del rachide cervicale La lesione e la dinamica dell incidente sono descritte in modo dettagliato Ciclista investita da camion

43 F, 39 anni La lesione e la dinamica dell incidente sono descritte in modo dettagliato. Il compilatore aggiunge altre informazioni sull incidente (guida ad alta velocità in stato di ebbrezza) che, al momento, non sono utilizzabili ai fini della codifica. Il compilatore inoltre qualifica l evento come omicidio. Va ricordato che nella scheda ISTAT si tratta di applicare categorie epidemiologiche e non giuridiche: l omicidio va inteso come intenzionalità nell azione violenta Gravissimo politraumatismo toraco-addominale Pedone investito da auto ad alta velocità con conducente in stato di ebbrezza 21

44 Incidenti stradali - dettaglio Decessi per incidente stradale mezzo occupato dalla vittima Veneto 2009 Pedone 35 Ciclista 37 Motociclista 30 Occupante di auto 42 Altri mezzi 13 Veicoli coinvolti senza indicazione di quello occupato dalla vittima Incidente stradale senza altre indicazioni 216 Totale

45 Indicazioni specifiche

46 Indicazioni specifiche - Tumori Quando la causa di morte è un tumore, per una corretta classificazione è importante che dalla scheda di morte possano essere individuati i seguenti elementi: la sede primitiva il comportamento biologico la morfologia Se la sede primitiva non è nota, è utile che ciò sia chiaramente indicato nella scheda di morte

47 Neoplasia vescicale 6 Il termine neoplasia vescicale non è informativo sul comportamento biologico del tumore, né vi sono indicazioni su manifestazioni a distanza che indichino un comportamento maligno Macroematuria infezione vie urinarie Shock settico 6 6 1

48 Tumore metastatico del polmone e del rene 6 Si è di fronte sicuramente a una situazione di malignità: tumore definito metastatico e segnalazione di cachessia neoplastica. Tuttavia non è chiara la sede primitiva: polmone? rene? entrambi? nessuno dei due? Cachessia neoplastica

49 Microcitoma polmonare 1 Metastasi cerebrale 2 Questa scheda permette una identificazione chiara della sede primitiva e del comportamento biologico Emorragia intracranica 1

50 Tumore primitivo di sede non nota 3 In questo caso il medico non ha conoscenza riguardo alla sede primitiva del polmone e lo indica chiaramente: si tratta di una scheda compilata correttamente in relazione agli elementi a disposizione del certificatore Metastasi epatiche diffuse Encefalopatia porto-sistemica 3 6

51 Tumori qualche numero Decessi per tumore Sedi mal definite 93 Sedi secondarie 63 Sedi non note 362 Veneto 2009

52 Tumori qualche numero Sede Maligno Non indicato Totale Rene (9%) 326 Vescica (18%) 417 Prostata (9%) 559 Encefalo (30%) 452 Veneto 2009

53 Tumori La classificazione dei tumori maligni prevede, per la maggior parte delle sedi primitive, un dettaglio che arriva alla parte dell organo lobo superiore del polmone antro dello stomaco corpo del pancreas Ai fini dei dati di mortalità per causa è generalmente sufficiente l indicazione dell organo di origine Vi è un caso in cui il dettaglio della parte dell organo è rilevante a fini di prevenzione e sanità pubblica

54 Tumori qualche numero Tumori maligni dell'utero 11% Cervice uterina 28% Corpo dell'utero 61% Parte non specificata Veneto 2009

55 Indicazioni specifiche malattie del sistema circolatorio I termini: - Scompenso cardiaco - Cardiopatia dilatativa - Insufficienza cardiovascolare - sono considerati come indicativi di condizioni morbose più specifiche che è opportuno indicare (es. cardiopatia ischemica, malattia valvolare, cardiomiopatie primitive ) Il termine arresto cardiaco andrebbe evitato

56 Malattie del sistema circolatorio qualche numero Cardiopatia ischemica 6242 Malattia ipertensiva 2049 Cardiopatia mal definita Insufficienza cardiaca Arresto cardiaco 256 Veneto 2009

57 Malattie del sistema circolatorio qualche numero Emorragia subaracnoidea 77 Emorragia cerebrale 665 Altra emorragia intracranica 56 Infarto cerebrale 717 Accidente cerebrale non specificato 769 Malattie cerebrovascolari mal definite 727 Sequele di malattie cerebrovascolari 898 Veneto, 2009

58 Indicazioni specifiche miscellanea Cercare di dettagliare le caratteristiche della condizione morbosa, in particolare dal punto di vista eziopatogenetico Cirrosi epatica: alcolica, post-virale, biliare primitiva Diabete mellito: tipo 1 o tipo 2 Non utilizzare termini che indicano sintomi o segni clinici o alterazioni bioumorali Dolore toracico, febbre, dispnea, ittero, coma Meglio scrivere una condizione morbosa definita accompagnata da un espressione dubitativa che scrivere una condizione morbosa scarsamente definita Cardiopatia di probabile (possibile) natura ischemica Cardiopatia non precisata

59 Sintomi e segni Tasso grezzo* di mortalità per sintomi, segni e condizioni morbose mal definite residenti in Veneto tassi per residenti Maschi Femmine *Andamento temporale aggiustato per il coefficiente di raccordo ICD9/ICD10

60 Le cause esterne

61 Cadute accidentali Caduta allo stesso livello interessante ghiaccio e neve Caduta allo stesso livello per sdrucciolamento, passo falso o inciampamento Caduta interessante pattini da ghiaccio, sci, pattini a rotelle o skateboard Altra caduta allo stesso livello per scontro con o per spinta di un altra persona Caduta durante trasporto o sostegno da parte di altre persone Caduta interessante sedia a rotelle Caduta interessante letto Caduta interessante sedia Caduta interessante altro mobile Caduta interessante attrezzi di terreno di gioco Caduta su e da scale a gradini Caduta su e da scale a pioli Caduta su e da impalcatura.

62 F, 84 anni Frattura del collo del femore Broncopolmonite Disidratazione Stato settico Nel vecchio modello di scheda ISTAT era una situazione molto frequente la segnalazione della frattura di femore nel riquadro riservato alle morti da causa naturale. Ciò comportava la perdita delle informazioni relative all intenzionalità delle evento e alla sua dinamica. 21

63 Decessi per frattura di femore modalità della frattura Veneto 2009 Incidente stradale 2 Caduta interessante sedia a rotelle 1 Caduta interessante letto 4 Caduta su e da scale a gradini 2 Caduta non specificata 63 Causa esterna non indicata 259 Totale 331

64 Grazie per l attenzione

Uso della terminologia per la compilazione delle schede di morte con riferimento alle cause violente

Uso della terminologia per la compilazione delle schede di morte con riferimento alle cause violente Le schede ISTAT per la denuncia delle cause di morte Castelfranco Veneto, 12 febbraio 2009 Uso della terminologia per la compilazione delle schede di morte con riferimento alle cause violente Stefano Brocco

Dettagli

LA CODIFICA DEI TUMORI

LA CODIFICA DEI TUMORI LA CODIFICA DEI TUMORI San Severino Marche, 22 novembre 2007 Stefano Brocco Obiettivo Evidenziare le peculiarità ed i principi nella codifica dei tumori nella schede di morte con ICD10 - Classificazione

Dettagli

Principali differenze ICD9-ICD10

Principali differenze ICD9-ICD10 Principali differenze - La decima versione della classificazione internazionale delle malattie e dei problemi sanitari correlati si pone in continuità con le precedenti versioni per quanto riguarda i principi

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

Le REGOLE di MODIFICAZIONE della CAUSA INIZIALE di MORTE

Le REGOLE di MODIFICAZIONE della CAUSA INIZIALE di MORTE Le REGOLE di MODIFICAZIONE della CAUSA INIZIALE di MORTE Rimini, 23-25 ottobre 2007 Giuliano Rigoni e Maria Teresa Cassinadri Dipartimento di Sanità Pubblica Ausl Piacenza e Reggio Emilia 1 Codici ICD-10

Dettagli

Il girotondo della vita

Il girotondo della vita Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Ufficio di Statistica Il certificato di Morte : Potenzialità e limiti ai fini della ricerca in Sanità Pubblica Dr.ssa Paola Meli

Dettagli

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Gli indicatori di tipo sanitario utilizzati sono stati tratti dagli archivi organizzati e istituzionalizzati, quali i Registi di mortalità e

Dettagli

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*)

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*) 2.2. MORTALITÀ 2.2.1. Mortalità generale Risultano 203 i decessi di persone residenti nella Repubblica di San Marino avvenuti nel 2002 (114 maschi e 89 femmine) con un tasso grezzo di mortalità del 7,1.

Dettagli

Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Ferrara

Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Ferrara Edizione Special e 2 Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Ferrara PRESENTAZIONE Del dott. Bruno Di Lascio Presidente dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della

Dettagli

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT SANITÀ NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.4/2015 La rilevazione sui decessi e le cause

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

ALLEGATO 1 - II parte

ALLEGATO 1 - II parte CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE - ICD-9-CM MALATTIE E CONDIZIONI CHE DANNO DIRITTO ALL'ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE AL Codice Definizione di malattia Codice esenzione 394 MALATTIE DELLA

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Febbraio, 2012 Dipartimento di Epidemiologia del

Dettagli

Maschio di 79 anni Ricovero 21.10.1999 per patologia polmonare sospetta TC Cerebrale senza e con MDC RMN 4.11.1999 2.11.1999 Scintigrafia ossea

Maschio di 79 anni Ricovero 21.10.1999 per patologia polmonare sospetta TC Cerebrale senza e con MDC RMN 4.11.1999 2.11.1999 Scintigrafia ossea Maschio di 79 anni Ricovero 21.10.1999 per patologia polmonare sospetta ed esegue: TC Cerebrale senza e con MDC In sede parasagittale sinistra superiormente al tetto del ventricolo laterale di sinistra,

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico

Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite Banca Dati Assistito Rischi Ambientali per la Salute Catena di montaggio Recupero delle informazioni Medici

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Tumori e Cause di Morte, Aspetti Problematici: I Tumori Maligni Multipli

Tumori e Cause di Morte, Aspetti Problematici: I Tumori Maligni Multipli Modena 21 maggio 2015 Giornata di Studio Registri Tumori / Registri di Mortalità) Tumori e Cause di Morte, Aspetti Problematici: I Tumori Maligni Multipli A cura di Pier Carlo Vercellino S.O.S. Epidemiologia

Dettagli

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Paolo Conci Direzione Area Territorio Comprensorio sanitario di Bolzano Azienda sanitaria dell Alto Adige Epidemiologia delle malattie

Dettagli

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata,

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

ANNO 2004 Totale Provincia 3796

ANNO 2004 Totale Provincia 3796 ANNO 2004 Totale Provincia 3796 Codice Distretto 7 Totale 640 Comuni Distretto Sciacca - Menfi - Caltabellotta - Santa Margherita Belice - Montevago - Sambuca di Sicilia Comune testo Caltabellotta Totale

Dettagli

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001 Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001 U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione - Direttore Dott.

Dettagli

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75]

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 0.15 ) Donne, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9]

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 1.37 ) Uomini, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

LA MORTALITA IN PIEMONTE NEGLI ANNI 2001-2003

LA MORTALITA IN PIEMONTE NEGLI ANNI 2001-2003 DIREZIONE SANITA PUBBLICA LA MORTALITA IN PIEMONTE NEGLI ANNI 2001-2003 Osservatorio Epidemiologico Regionale Autori del volume: M. Dalmasso(1), S. Bellini(1), M. Gulino(2), D. Sarasino(3), P.C. Vercellino(4),

Dettagli

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Elisa Albini - Medico Competente Spedali Civili di Brescia, Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione

Dettagli

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

ANNO 2003. Totale Provincia 4342. Codice Distretto 7 Totale 780

ANNO 2003. Totale Provincia 4342. Codice Distretto 7 Totale 780 ANNO 2003 Totale Provincia 4342 Codice Distretto 7 Totale 780 Comuni Distretto Sciacca - Menfi - Caltabellotta - Santa Margherita Belice - Montevago - Sambuca di Sicilia Comune testo Caltabellotta Totale

Dettagli

Imprecisioni riscontrate nella compilazione delle schede di morte Cause violente

Imprecisioni riscontrate nella compilazione delle schede di morte Cause violente Le schede ISTAT per la denuncia delle cause di morte Castelfranco Veneto, 12 febbraio 2009 Imprecisioni riscontrate nella compilazione delle schede di morte Cause violente Stefano Brocco Centro Regionale

Dettagli

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAPITOLO LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAP. LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO. LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTALITA Per mezzo delle analisi finora compiute si sono potute evidenziare

Dettagli

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale 05_16.doc 1 La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. R.I. 16/05 Settembre 2005

Dettagli

( ) %'!"#$%!&'(!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'(!)"$& +1 (( (!)*%%!"(!!($%!&(

( ) %'!#$%!&'(!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'(!)$& +1 (( (!)*%%!(!!($%!&( !"##"$!"#!" %&#' ) %'!"#$%!&'!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'!)"$& +1!)*%%!"!!$%!&!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 2 & * ## $! #!"! "!""!+"&#,-!&! 1/3 4#56!7#5 # 8 1#/ 3 ' *,,!9%"$%!- 8 / #8,*)$!*:$9%"$%!-'

Dettagli

Scheda Prodotto Airbag Salute FederAgenti. 11/02/2015 Welcome to ACE in EMEA1

Scheda Prodotto Airbag Salute FederAgenti. 11/02/2015 Welcome to ACE in EMEA1 Scheda Prodotto Airbag Salute FederAgenti 11/02/2015 Welcome to ACE in EMEA1 Introduzione - Analisi dati statistici In Italia nel 2012 le cause di morte sono attribuibili soprattutto a malattie ischemiche

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Controllare lo stato di aggiornamento sul sito web dell ISTAT http://www.istat.it sezione Dati e prodotti > Tavole di dati > Cause di morte

Controllare lo stato di aggiornamento sul sito web dell ISTAT http://www.istat.it sezione Dati e prodotti > Tavole di dati > Cause di morte Controllare lo stato di aggiornamento sul sito web dell ISTAT http://www.istat.it sezione Dati e prodotti > Tavole di dati > Cause di morte Guida alla lettura La codifica della causa di morte Le statistiche

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

AMBIENTE E SALUTE A TARANTO: IL QUADRO DELLE EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

AMBIENTE E SALUTE A TARANTO: IL QUADRO DELLE EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE AMBIENTE E SALUTE A TARANTO: IL QUADRO DELLE EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE Premessa La consapevolezza della compromissione ambientale che caratterizza Taranto, e del suo potenziale impatto sulla salute, ha

Dettagli

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 1995-1999

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 1995-1999 Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 1995-1999 U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione - Direttore Dott.

Dettagli

XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità

XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità Paolo D Argenio Roma, 19 novembre 2014 Salvator Mundi International Hospital Peso socio-economico

Dettagli

SCHEDA MEDICA INFORMATIVA

SCHEDA MEDICA INFORMATIVA IdL 8 Edizione n 07 del 01/01/2009 Pagina 1 di 7 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott.ssa Cavalieri Luisa Idl 8 Edizione n 07 del 01/01/2009 Pag.2 di 6 SCHEDA MEDICA INFORMATIVA (

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ.

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ. ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 sez. 1 Dati Servizio sez. 2 Tipologia mezzo

Dettagli

Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA

Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA Allegato 3 Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA Edizione aggiornata Tradotto e adattato da: Centers for Medicare and Medicaid Services (CMS) and National Center for

Dettagli

ANNO 2006 Totale Provincia 4047

ANNO 2006 Totale Provincia 4047 ANNO 2006 Totale Provincia 4047 Codice Distretto Totale 93 Comuni Distretto Comune testo Totale 37 Patologia 1 TUMORI MALIGNI DELL'OROFARIGE Patologia 1 3 Patologia 1 TUMORI MALIGNI DEL COLON Patologia

Dettagli

Stato di salute della popolazione del comune di Bergamo

Stato di salute della popolazione del comune di Bergamo Azienda Sanitaria Locale della Direttore Generale dr.ssa Mara Azzi Direttore Sanitario dr. Giorgio Barbaglio Osservatorio Epidemiologico Dipartimento di Prevenzione Medico Atlante di Epidemiologia Geografica

Dettagli

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO Centro Accoglienza e Servizi CAS Il CAS è responsabile del percorso di presa in carico del paziente oncologico attraverso figure

Dettagli

STUDIO EPIDEMIOLOGICO SULLA MALATTIA TUMORALE NEL VCO

STUDIO EPIDEMIOLOGICO SULLA MALATTIA TUMORALE NEL VCO STUDIO EPIDEMIOLOGICO SULLA MALATTIA TUMORALE NEL VCO Morti nel VCO per patologie tumorali dati ISTAT tutta la pop 2006 2007 2008 ICD10 ICD9 Descrizione N casi N casi N casi C00-C14 140.0-149.9 le faringe

Dettagli

Roma, dicembre 2010. Introduzione

Roma, dicembre 2010. Introduzione Roma, dicembre 2010 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Introduzione L obiettivo di questo

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

Le previsioni demografiche ISTAT

Le previsioni demografiche ISTAT Le previsioni demografiche ISTAT Le previsioni demografiche riportate nel capitolo 1 sono elaborate dall ISTAT sulla base di diversi scenari di dinamica demografica. Sono di seguito esplicitate le ipotesi

Dettagli

Registro tumori TARANTO

Registro tumori TARANTO Registro tumori TARANTO Asl Taranto S.C. Statistica Epidemiologia RTP Puglia REGISTRI TUMORI ACCREDITATI IN ITALIA 1 13 1 MARZO AIRTUM associazione italiana registri tumori Maschi triennio Registro Tumori

Dettagli

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i LO SHOCK Corso Base. Relatore: Monitore CRI Roberto Valeriani Lo shock è l insieme dei sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta. Questo stato patologico esprime la reazione

Dettagli

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it TREND DI EVENTI SANITARI

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto Luglio 2011 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Treviso: periodo 2003-2005. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S,

Dettagli

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus TRIAGE Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo DEFINIZIONE Parola di origine francese che significa semplicemente "selezionare". Il TRIAGE è la metodica di selezione dei pazienti, cioè il riconoscimento

Dettagli

Dimissioni dagli istituti di cura in Italia

Dimissioni dagli istituti di cura in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza dagli istituti di cura in Italia Anni 2001-2002 Contiene cd-rom Informazioni n. 12-2006 I settori AMBIENTE

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Mortalità (I) - Mortalità infantile e aborti spontanei (I) - Infortuni sul lavoro e malattie professionali (I) - Qualità delle produzioni alimentari (I) 1 MORTALITÀ (I) Mortalità

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa (traduzione, adattamento e sintesi a cura della redazione di EpiCentro) Dopo l allargamento a est dell Unione

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

Ipertensione arteriosa. Patologie cardiovascolari e neoplastiche Ospedalizzazioni prevenibili. Apparato cardiovascolare

Ipertensione arteriosa. Patologie cardiovascolari e neoplastiche Ospedalizzazioni prevenibili. Apparato cardiovascolare Apparato cardiovascolare Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno La Qualità del Sistema Socio Sanitario Regionale del Veneto: aspetti professionali Patologie cardiovascolari e neoplastiche Ospedalizzazioni

Dettagli

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto luglio 2014, SER Sistema Epidemiologico Regionale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Area Sanità e Sociale - Sezione Controlli Governo e Personale SSR Regione Veneto La sopravvivenza dei malati di tumore in

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Principale causa di morte Responsabili di morbosità e invalidità permanente

MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Principale causa di morte Responsabili di morbosità e invalidità permanente MALATTIE CARDIOVASCOLARI Principale causa di morte Responsabili di morbosità e invalidità permanente Forme principali -cardiopatia ischemica -ipertensione arteriosa -malattie circolatorie dell encefalo

Dettagli

GESTIONE TELESOCCORSO Linea Vita

GESTIONE TELESOCCORSO Linea Vita GESTIONE TELESOCCORSO Linea Vita SCHEDA SANITARIA La presente scheda deve essere compilata a discrezione del medico curante che dovrà indicare le patologie che ritiene opportuno segnalare nel caso di attivazione

Dettagli

REGOLE DI SELEZIONE DELLA CAUSA DI MORTE REGOLE PER LA SELEZIONE DELLA CAUSA INIZIALE. (ICD X)

REGOLE DI SELEZIONE DELLA CAUSA DI MORTE REGOLE PER LA SELEZIONE DELLA CAUSA INIZIALE. (ICD X) REGOLE DI SELEZIONE DELLA CAUSA DI MORTE REGOLE PER LA SELEZIONE DELLA CAUSA INIZIALE. (ICD X) Causa iniziale di morte. La codifica è : Un atto di umiltà nei confronti del medico curante Che ha assistito

Dettagli

1 - GESTIONE DELLE SCHEDE DI MORTE

1 - GESTIONE DELLE SCHEDE DI MORTE 1 - GESTIONE DELLE SCHEDE DI MORTE 1.1 - IL FLUSSO INFORMATIVO SULLE CAUSE DI MORTE L'attuale flusso informativo sulle cause di morte è normato dal Regio Decreto n.1238 del 9.7.1939 e dal più recente DPR

Dettagli

2 Stato di salute. Tabella 2.1 - Mortalità per settore - Comune di Arezzo 1999-2001

2 Stato di salute. Tabella 2.1 - Mortalità per settore - Comune di Arezzo 1999-2001 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa Lo studio della mortalità di una popolazione costituisce una buona base per la comprensione della diffusione delle patologia ad alta letalità quali

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

Decessi per causa. Causa1 Causa2 Maschi Femmine Totale

Decessi per causa. Causa1 Causa2 Maschi Femmine Totale Decessi per causa Causa1 Causa2 Maschi Femmine Totale Condizioni morbose di origine perinatale Disturbi relativi a gestazione breve e a basso peso alla nascita non specificato 4 0 4 4 0 4 Disturbi psichici

Dettagli

Registro Tumori della Regione Puglia Centro di Coordinamento IRCCS Istituto Tumori Giovanni Paolo II

Registro Tumori della Regione Puglia Centro di Coordinamento IRCCS Istituto Tumori Giovanni Paolo II Registro Tumori della Regione Puglia Centro di Coordinamento IRCCS Istituto Tumori Giovanni Paolo II Analisi dei dati di mortalità e ospedalizzazione della popolazione della provincia di Foggia nel periodo

Dettagli

LINEA PROGETTUALE 4. Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine. Studio di coorte sulla popolazione residente

LINEA PROGETTUALE 4. Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine. Studio di coorte sulla popolazione residente LINEA PROGETTUALE 4 Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine AZIONE 1 Studi epidemiologici sulla popolazione residente Studio di coorte sulla popolazione residente Allegato

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA

NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA Opere Pie d Onigo - Pederobba (TV) NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA Via Roma 65 Per ricoveri tel. 0423 694711-7-8 fax 0423 694710 segreteria@operepiedionigo.it http://www.operepiedionigo.it/ - Medico Nucleo

Dettagli

Parte II. Introduzione. A cura di Sara Barsanti

Parte II. Introduzione. A cura di Sara Barsanti Parte II LA VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE A cura di Sara Barsanti Introduzione I problemi di salute sono rappresentati dai rischi e dai danni, individuali e collettivi, che la popolazione

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Patologie neurologiche e traumatologia cranicocervicale

Patologie neurologiche e traumatologia cranicocervicale Sistema nervoso Patologie neurologiche e traumatologia cranicocervicale Catania 18.02.2006 Anatomia e Fisiologia Trauma cranico Trauma della colonna vertebrale Convulsione Epilessia Coma Prof. F. Ventura

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute SCHEDA I NUMERI DEL TABAGISMO Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. L epidemia del tabacco è una delle più grandi

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico

Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite Banca Dati Assistito Rischi Ambientali per la Salute Dimmi come muori e ti dirò chi sei anonimo SMR (rapporto

Dettagli

STUDIO DI LOCALIZZAZIONE DEL TERMOVALORIZZATORE DELLA ZONA NORD DELLA PROVINCIA DI TORINO

STUDIO DI LOCALIZZAZIONE DEL TERMOVALORIZZATORE DELLA ZONA NORD DELLA PROVINCIA DI TORINO STUDIO DI LOCALIZZAZIONE DEL TERMOVALORIZZATORE DELLA ZONA NORD DELLA PROVINCIA DI TORINO Capitolo 12 Componente salute pubblica SOMMARIO 12 COMPONENTE SALUTE PUBBLICA... 3 12.2 Obiettivi e contenuti del

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Gli accidenti cerebrovascolari sono un rilevante problema di sanità pubblica nel mondo occidentale e meno nei paesi in via

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Servizio di Epidemiologia, Azienda USL

Dettagli

Nuovo manuale di gestione e codifica delle cause di morte in ICD-10

Nuovo manuale di gestione e codifica delle cause di morte in ICD-10 Nuovo manuale di gestione e codifica delle cause di morte in ICD-10 Aggiornamento 2008 Il documento è stato redatto da Dott. Daniele Agostini Dott.ssa Mariangela Autelitano Dott. Stefano Brocco Ausl Bologna

Dettagli

Indicatori territoriali: Risultati

Indicatori territoriali: Risultati Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno Indicatori di Qualità del Servizio Sanitario nella Regione Veneto Indicatori territoriali: Risultati Roberto Turra Mestre, 30-11-2006 Contenuto Definizione

Dettagli