IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE"

Transcript

1 CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001

2 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il costo del lavoro Il costo del lavoro subordinato è composto da quattro voci elencate nel Conto Economico al raggruppamento B) Costi della produzione, classe 9) costi per il personale: 1) le retribuzioni lorde liquidate mensilmente, alle quali si sommano mensilità aggiuntive (tredicesima, e, per alcuni settori, quattordicesima mensilità). Sono esposte nella voce 9.a) salari e stipendi; 2) gli oneri sociali: contributi previdenziali (da versare all INPS) e assicurazione contro gli infortuni (da versare all INAIL) a carico dell azienda. Figurano nella voce 9.b) oneri sociali; 3) il trattamento di fine rapporto (TFR) che figura nella voce 9.c) trattamento di fine rapporto; 4) il trattamento di quiescenza e simili: accantonamenti a eventuali fondi di previdenza integrativi diversi dal TFR, previsti dai contratti collettivi di lavoro, o da accordi aziendali. E nella voce 9. d); Lavoro interinale. Contratto mediante il quale un agenzia per il lavoro mette a disposizione di un impresa uno o più lavoratori per un tempo determinato. 5) altri costi sostenuti per il personale, come i servizi sociali interni (asili nido e colonie per i figli dei dipendenti, centri ricreativi), corsi di formazione e addestramento. In questa voce, per il principio della prevalenza della sostanza sulla forma, sono compresi anche i costi derivanti da contratti di lavoro interinale, o temporaneo, o somministrazione lavoro. Figurano nella voce 9.e) altri costi.

3 La rilevazione delle retribuzioni mensili Schematizziamo il contenuto dei conti interessati alla liquidazione delle retribuzioni mensili al personale: Salari e stipendi (C.E. 9.a Salari e stipendi) Salari e stipendi lordi liquidati al personale Personale c/retribuzione (S.P. D.14 Altri debiti) Ritenute sociali a carico dei dipendenti Debiti per salari e stipendi lordi liquidati al personale Oneri sociali (C.E. 9.b Oneri sociali) Contributi dovuti dal datore di lavoro Ritenute fiscali d acconto Importi netti pagati Assegni per il nucleo familiare Indennità spettanti (indennità di malattia e maternità) Debiti per ritenute da versare (S.P. D.12 Debiti tributari) Istituti di previdenza (S.P. D.13 Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale) Versamento delle ritenute entro il giorno 16 del mese successivo Debiti per ritenute fiscali effettuate sulle retribuzioni del personale Crediti per indennità e per assegni per il nucleo familiare pagati al personale Debiti per contributi dovuti dal datore di lavoro e dal personale Saldo versato a mezzo banca (Eventuale saldo a credito del datore di lavoro)

4 ESEMPIO: Liquidazione e pagamento delle retribuzioni mensili e dei contributi sociali Il 10/3 il mobilificio Celotto anticipa in contanti ai propri dipendenti 2.500,00 euro sulla retribuzione del mese di marzo. Il 31/3 liquida salari e stipendi lordi per ,00 più assegni per il nucleo familiare e indennità di malattia e maternità per 6.840,00. Il pagamento degli importi netti spettanti ai dipendenti è effettuato con bonifico bancario, al netto degli acconti, delle ritenute sociali di ,90 e delle ritenute fiscali per ,50. Sempre alla fine del mese si liquidano i contributi a carico dell impresa (comprensivi del contributo con diritto di rivalsa sulla quota TFR) per complessivi ,30 euro. I versamenti all Erario e all INPS sono eseguiti il 16/4. Presentiamo le scritture a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 10/ PERSONALE C/ACCONTI acconti in denaro 2.500, 00 10/ DENARO IN CASSA acconti ai dipendenti 2.500, 00 31/ SALARI E STIPENDI retribuzioni mese marzo ,00 31/ ISTITUTI DI PREVIDENZA assegni nucleo familiare 6.840,00 31/ PERSONALE C/RETRIBUZIONI somme lorde spettanti , 00 31/ PERSONALE C/RETRIBUZIONI regolamento retribuzioni , 00 31/ ISTITUTI DI PREVIDENZA ritenute sociali ,90 31/ DEBITI PER RITENUTE DA ritenute fiscali ,50 31/ PERSONALE C/ACCONTI storno acconti del mese 2.500,00 31/ BANCA CARIGE C/C pagato il personale ,60 31/ ONERI SOCIALI contributi a nostro carico ,30 31/ ISTITUTI DI PREVIDENZA contributi a nostro carico ,30 16/ DEBITI PER RITENUTE DA versamento ritenute fiscali ,50 16/ ISTITUTI DI PREVIDENZA versamento a saldo ,20 16/ BANCA CARIGE C/C versamento con F ,70 Nella voce Oneri Sociali si comprendono anche i premi che l azienda versa annualmente all INAIL (Istituto Nazionale Assicurazioni contro gli Infortuni sul Lavoro) per assicurare i propri dipendenti contro gli infortuni e le malattie professionali. Il premio è liquidato annualmente e versato entro il 16 febbraio.

5 TFR e previdenza complementare Il TFR (trattamento di fine rapporto) rappresenta una forma di retribuzione differita che spetta alla cessazione del rapporto di lavoro sotto forma di liquidazione una tantum o di pensione integrativa, secondo che il prestatore di lavoro abbia deciso di mantenerlo nell azienda, o destinarlo a un fondi pensione. Al riguardo, la riforma della previdenza complementare (legge 27/12/2006 n. 296) a partite dal 1 gennaio 2007 ha consentito ai lavoratori subordinati di devolvere il TFR maturando a un fondo pensione, o di lasciarlo in azienda. In ogni caso, il fondo accantonato sino al 31/12/2006 permane nell impresa e sarà gestito come prima. Se le quote maturate dal 1 gennaio 2007 non sono state trasferite a un fondo pensione, occorre distinguere se l azienda occupa fino a 49, o cinquanta o più dipendenti. Nel primo caso (l azienda occupa meno di 50 persone) le quote di TFR rimangono in azienda. Nel secondo (l azienda occupa almeno 50 dipendenti), le quote capitale che via via maturano sono versate mensilmente al Fondo di tesoreria dell INPS. Alla cessazione del rapporto di lavoro l azienda liquiderà il TFR al dipendente per conto dell INPS. Se il TFR è devoluto a forme di previdenza complementare, l impresa versa mensilmente al fondo pensione la quota capitale maturata, pari alla retribuzione lorda mensile : 13,5 al netto del contributo dello 0,50% con diritto di rivalsa. ESERCIZIO 1. Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). A. Il TFR maturato fino al 31/12/2006 rimane in ogni caso in azienda V F B. I dipendenti possono scegliere di devolvere il TFR a un fondo pensione solo nelle aziende con più di 50 occupati V F C. Per i dipendenti che hanno optato di lasciare il TFR in azienda, alla cessazione del rapporto di lavoro la liquidazione sarà a cura del datore di lavoro anche nelle aziende con più di 49 occupati V F D. Nelle aziende con almeno 50 dipendenti la liquidazione e il pagamento del TFR è a cura del Fondo di tesoreria dell'inps V F E. Il dipendente che ha trasferito il TFR maturato all'1/1/2007 presso un fondo pensione, alla cessazione del rapporto di lavoro incasserà il TFR dallo stesso fondo pensione in un unica soluzione V F F. I dipendenti che hanno iniziato il rapporto di lavoro prima del 2007, e optato per la pensione integrativa, quando lasciano l'azienda che ha più di 49 dipendenti percepiscono dal datore di lavoro il TFR maturato prima del 2007 e dal fondo pensione una pensione integrativa V F

6 Il TFR versato mensilmente al Fondo di Tesoreria INPS e al fondo pensione Solo nel caso l impresa abbia meno di 50 dipendenti ed il TFR rimanga in azienda il 31 dicembre si redigerà la scrittura di accantonamento per il TFR maturato nell anno, sia per la quota capitale, sia per la rivalutazione del debito preesistente, Nelle altre ipotesi, ogni mese occorre liquidare e versare la parte di TFR maturata per la sola quota capitale al netto del contributo dello 0,50% con diritto di rivalsa. Se il TFR è destinato ai fondi pensione, l azienda ne determina l importo maturato alla fine del mese di competenza e lo versa al fondo il mese successivo. Al 31/12 si limiterà a rilevare la quota di dicembre, ed eventualmente la rivalutazione del TFR preesistente al 31/12/2006. Se il TFR è trasferito al Fondo di Tesoreria gestito dall INPS (Fondo per l erogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto, di cui all art del codice civile), l azienda liquida mensilmente la quota capitale maturata al netto del contributo dello 0,50% con diritto di rivalsa e la versa il 16 del mese successivo. Al 31/12, oltre che rilevare la quota di dicembre ed eventualmente la rivalutazione del TFR preesistente al 31/12/2006, calcola e versa per conto dell INPS l imposta sostitutiva dell 11% sul debito TFR accumulato dal 2007.

7 ESEMPIO : Liquidazione e pagamento del TFR destinato al Fondo di tesoreria dell INPS e al Fondo pensione Il 31/3 il mobilificio Celotto, che occupa oltre duecento persone, ha liquidato salari e stipendi lordi per , di cui relativi a dipendenti che hanno scelto di destinare il TFR al fondo pensione di categoria, e euro in capo ai dipendenti che hanno scelto il Fondo di tesoreria INPS. Il versamento dei rispettivi importi avviene il 10 del mese successivo per il Fondo pensione, ed il giorno 16 per il Fondo di tesoreria INPS. Presentiamo i calcoli e le registrazioni a libro giornale. 1) Determinazione delle quote da versare al fondo pensione e al Fondo di tesoreria dell INPS La quota di TFR maturata nel mese è pari a 1/13,5 della retribuzione lorda, da cui va detratto il contributo dello 0,50%: quota capitale del TFR aziendale: : 13,5 = ,74 - contributo 0,50% sulla retribuzione del mese: x 0,50% = 1.751, Quota capitale netta del TFR aziendale maturata nel mese = ,74 ========= Quota capitale netta da devolvere al Fondo pensione: quota capitale del mese : 13,5 = ,78 - contributo 0,50% sulla retribuzione del mese: x 0,50% 1.254, Quota capitale netta del TFR da versare al fondo pensione = ,78 ========= Quota capitale netta da devolvere al Fondo di tesoreria dell INPS: quota capitale del mese : 13,5 = 7.362,96 - contributo 0,50% sulla retribuzione del mese: x 0,50% 497, Quota capitale netta del TFR da versare al Fondo di tesoreria INPS = 6.865,96 =========

8 2) Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 31/ TRATTAMENTO FINE TFR maturato nel mese ,74 RAPPORTO 31/03 31/ DEBITI V/ FONDI PENSIONE DEBITI V/ FONDO TESORERIA TFR al Fondo pensione TFR al Fondo di tesoreria ,78 10/04 10/ INPS PER TFR DEBITI V/ FONDI PENSIONE BANCA CARIGE C/C dell INPS per TFR versato TFR al fondo pensione versato TFR al fondo pensione , , ,78 16/04 16/ DEBITI V/ FONDO TESORERIA INPS PER TFR BANCA CARIGE C/C versato TFR al Fondo di tesoreria dell INPS versato TFR al Fondo di tesoreria dell INPS 6.865, ,96 Il TFR nelle scritture di assestamento Sappiamo che mensilmente il TFR viene devoluto ai fondi pensione e al Fondo di Tesoreria dell INPS secondo le scelte fatte dai lavoratori e che solo nelle aziende con meno di 50 dipendenti può restare investito nell azienda stessa. Pertanto a fine esercizio, in sede di scritture di completamento, si possono avere i seguenti casi: 1) nelle aziende con meno di 50 dipendenti: a) per il personale che ha scelto di lasciare il TFR in azienda occorrerà effettuare: - l accantonamento della quota capitale annua pari alla retribuzione lorda annua: 13,50, diminuita della rivalsa del contributo di solidarietà dello 0,50%; - l accantonamento della quota finanziaria per la rivalutazione del fondo accumulato negli anni precedenti ad un tasso pari all 1,50% + il 75% dell aumento del costo della vita (indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati). Questa quota finanziaria è tassata in via definitiva con la ritenuta fiscale dell 11%; b) per le persone che hanno optato per la devoluzione del TFR a un fondo pensione occorre effettuare il calcolo e la registrazione della quota di rivalutazione annua del fondo TFR al 31/12/2006 rimasto in azienda;

9 2) nelle aziende con più di 49 dipendenti, occorre calcolare: - la quota di rivalutazione finanziaria del TFR al 31/12/2006 rimasto in azienda. Inoltre a dicembre, ma non in sede di scritture di assestamento, occorrerà registrare le consuete quote mensili da versare al Fondo di Tesoreria dell INPS, e ai fondi pensione, secondo le scelte fatte dai dipendenti. ESEMPIO: Rilevazione del TFR annuo in un azienda con meno di 50 dipendenti Alla fine delle scritture ordinarie d esercizio il saldo del conto debiti per TFR ammonta a ,00. Tutti i dipendenti hanno optato per il mantenimento del TFR in azienda. Nell esercizio sono state corrisposte retribuzioni lorde per ,00. L indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati è pari a 101,90 rispetto al mese di dicembre dell anno precedente. Procedere alle registrazioni contabili di completamento. 1) Calcolo del TFR maturato nell anno Calcoliamo i debiti per trattamento di fine rapporto maturati a fine esercizio: quota maturata nell anno: : 13, ,00 a) rivalsa del contributo di solidarietà : ,5% ,00 b) rivalutazione TFR preesistente: (1,5 + 1,9 75%) ,66 costo per TFR maturato nell esercizio ,66 ritenuta fiscale dell 11% su 2.879,66-316,76 c) incremento netto del TFR maturato nell esercizio ,90 ========= 2) Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 31/ TRATTAMENTO FINE quota maturata nell esercizio ,66 RAPPORTO 31/ DEBITI PER TFR quota netta maturata ,90 31/ DEBITI PER RITENUTE DA Ritenuta fiscale dell 11% sulla rivalutazione del TFR 316,76

10 ESEMPIO: Rilevazione della quota TFR maturata in un azienda con più di 50 dipendenti Al 31/12/2010, in un azienda che occupa oltre cento lavoratori, occorre determinare la quota di TFR maturata nell esercizio. Al riguardo tutti i dipendenti hanno optato per il mantenimento del TFR in azienda. Poiché il personale supera le cinquanta unità, il TFR maturato dall 1/1/2007 è stato versato mensilmente al Fondo di tesoreria dell INPS. Al 31/12/2009 il saldo del conto debiti per TFR rimasto in azienda ammontava a ,00. Al 31/12/2009, l ammontare che i dipendenti avevano maturato presso il Fondo di tesoreria gestito dall INPS era di ,00. L indice dei prezzi al consumo dell ISTAT rispetto al mese di dicembre dell anno precedente è aumentato di 1,9 punti. Procedere ai calcoli e alle registrazioni contabili di completamento. Svolgimento Poiché il TFR maturato nel corso dell anno è stato versato mensilmente sul conto di Tesoreria dell INPS, in sede di scritture di assestamento non occorre registrare la quota maturata nell esercizio. Occorre invece: - calcolare e registrare la rivalutazione del fondo TFR rimasto in azienda; - calcolare la rivalutazione del fondo presso l INPS e la relativa imposta sostitutiva dell 11% che sarà versata per conto dell INPS. 1) Calcolo della rivalutazione dei fondi TFR rimasti in azienda e all INPS a) rivalutazione del fondo TFR rimasto in azienda al 31/12/2009 : ,00 (1,5 + 1,9 75%) ,66 - ritenuta fiscale dell 11% ,02 Rivalutazione netta dell esercizio ,64 ========= b) rivalutazione del fondo TFR presso l INPS al 31/12/2009: ,00 (1,5 + 1,9 75%) = ,70

11 Ritenuta fiscale dell 11% da versare per conto dell INPS: ,70 x 11% 1.391,25 2) Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 31/ TRATTAMENTO FINE quota maturata nell esercizio ,66 RAPPORTO 31/ DEBITI PER TFR quota netta maturata ,64 31/ DEBITI PER RITENUTE DA ritenuta 11% su rivalutazione 2.865,02 TFR 31/ DEBITI V/ FONDO ritenuta 11% su TFR da versare TESORERIA INPS PER TFR per conto Fondo Tesoreria INPS 1.391,25 31/ DEBITI PER RITENUTE DA ritenuta 11% su TFR da versare per conto Fondo Tesoreria INPS 1.391,25 Secondo i principi contabili internazionali il debito per TRF rientra nella categoria dei piani a benefici definiti per i dipendenti successivi al rapporto di lavoro. Applicando il principio dello IAS 19 occorrerebbe attualizzare il debito per TFR, ossia occorre calcolare il valore attuale di quanto presumibilmente sarà versato al dipendente alla presunta data di cessazione del rapporto di lavoro. Mentre secondo i principi contabili nazionali il debito per TFR definisce quanto avrebbero diritto i dipendenti se lasciassero l azienda alla data del bilancio, secondo i principi internazionali nel bilancio occorre riportare a oggi l importo che il dipendente presumibilmente percepirà quando lascerà l azienda. Ciò richiede complessi calcoli attuariali. La liquidazione del TFR alla cessazione del rapporto di lavoro Anche alla cessazione del rapporto di lavoro occorre distinguere i tre casi: 1) se il TFR è rimasto in azienda (aziende con meno di 50 dipendenti), sarà la stessa a corrispondere la somma maturata sino al giorno in cui il dipendente lascia l azienda; 2) se il TFR è stato trasferito all INPS (aziende con più di 49 dipendenti), l azienda liquiderà e pagherà per conto dell INPS quanto è maturato sino al giorno in cui cessa il rapporto di lavoro; 3) se il TFR è stato devoluto a un fondo pensione, l azienda non dovrà compiere alcuna operazione: il fondo corrisponderà periodicamente al dipendente una pensione integrativa. In ogni caso, il TFR che è stato trattenuto in azienda sino al 31/12/2006, sarà da questa liquidato e pagato.

12 liquidazione del TFR maturato sino al 31/12/2006 maturato dall 1/01/2007 rimane in azienda non versato ai fondi pensione versato ai fondi pensione aziende fino a 49 dipendenti aziende oltre 49 dipendenti rimane in azienda è versato al Fondo di tesoreria dell INPS liquidato e pagato dall azienda liquidato e pagato dall azienda liquidato e pagato dall azienda per conto dell INPS pagato dal fondo come pensione integrativa ESEMPIO: Liquidazione e pagamento del TFR a un dipendente dimissionario in un azienda con meno di 50 addetti Il 30 settembre 2010, l impiegato Luigi Bianchi cessa il rapporto di lavoro con la MAG snc, azienda che occupa meno di 50 addetti. Nel 2007 aveva optato per il mantenimento del TFR in azienda. Il 5 ottobre 2010, gli viene liquidato un TFR lordo di complessivi ,00 euro, di cui ,00 maturati nei precedenti esercizi. Il TFR di 2.015,00 (già al netto della rivalsa dello 0,50% del contributo integrativo) maturato dall inizio dell anno, include 1.150,00 riguardanti la rivalutazione del TFR pregresso, soggetto all imposta sostitutiva dell 11%. Il pagamento è disposto con bonifico bancario il 7 di ottobre al netto della ritenuta IRPEF di 5.828,00.

13 1) Calcolo della liquidazione del TFR a ) TFR maturato al 31/12/ ,00 b) quota TFR maturata dall 1/1 al 30/09/10 al netto della rivalsa dello 0,50%: ( ) 865,00 c) quota rivalutazione TFR dall 1/1 al 30/ ,00 d) imposta sostitutiva: 11% di 1.150,00-126,50 TFR liquidato al lordo dell IRPEF ,50 e) - ritenuta fiscale assoggettata a tassazione separata 5.828, somma netta corrisposta ,50 ======= 2) Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 05/ DEBITI PER TFR liquidato a Bianchi il TFR ,00 maturato al 31/12 / / TRATTAMENTO FINE RAPPORTO liquidato a Bianchi TFR maturato dall 1/1 al 30/ , 00 05/10 05/ DEBITI PER RITENUTE DA PERSONALE C/LIQUIDAZIONE imposta 11% su rivalutazione TFR dall 1/1 al 30/9 -Bianchi TFR lordo spettante a Bianchi 126, ,50 07/ PERSONALE C/ LIQUIDAZIONE pagato TFR a Bianchi ,50 07/ DEBITI PER RITENUTE DA ritenute IRPEF sul TFR di , 00 Bianchi 07/ BANCA ANTONVENETA C/C bonifico a Bianchi per TFR ,50 Nelle aziende con 50 o più addetti, il datore di lavoro corrisponde al dipendente anche la parte di liquidazione a carico del Fondo di Tesoreria dell INPS, al quale ha versato mensilmente le quote di TFR maturate. Perciò, per il TFR a carico dell INPS (dall 1/1/2007) l azienda rileva un credito nei suoi confronti che potrà essere utilizzato in compensazione con i successivi versamenti al Fondo di Tesoreria e, per l eccedenza, con gli altri contributi dovuti all INPS.

14 ESEMPIO : Liquidazione e pagamento del TFR a un dipendente dimissionario in un azienda con più di 50 dipendenti Il 30 giugno 2010, il signor Ciro Esposito cessa il rapporto di lavoro con la Edilpartenope, che occupa più di 50 addetti. Nel 2007 aveva optato per il mantenimento del TFR in azienda. Il 5 luglio gli è liquidato un TFR al lordo dell IRPEF così composto: a) per il TFR rimasto in azienda al 31/12/2006 e rivalutato sino al 31/12/ ,00 b) per la rivalutazione dall 1/1 al 30/6/2010 del TFR rimasto in azienda 274,95 c) - 11% imposta sostitutiva su 274,95 30, d) TFR a carico azienda al lordo dell IRPEF ,71 e) - ritenuta fiscale assoggettata a tassazione separata 3.120, f) TFR netto a carico azienda , g) TFR maturato sul Fondo di Tesoreria dell INPS al 30/6/ ,00 h) - 11% imposta sostitutiva sulla rivalutazione dall 1/1 al 30/6/ , i) TFR a carico Fondo Tesoreria INPS al lordo dell IRPEF 6.338,02 l) - ritenuta fiscale assoggettata a tassazione separata 1.215, m) TFR netto a carico del Fondo di Tesoreria dell INPS 5.123, l) somma netta corrisposta a Ciro Esposito (f + m) ,23 ========== Il pagamento è disposto con bonifico bancario il 10 luglio.

15 Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 05/ DEBITI PER TFR liquidato TFR a Ciro Esposito maturato in azienda al 31/12/09 05/ TRATTAMENTO FINE liquidato TFR a Ciro Esposito RAPPORTO rivalutazione dall 1/1 al 30/06 05/ DEBITI PER RITENUTE DA imposta sostitutiva 11% su rivalutazione dall 1/1 al 30/06 05/ PERSONALE C/ TFR a nostro carico spettante a LIQUIDAZIONE Ciro Esposito ,00 274,95 30, ,71 05/07 05/07 05/ DEBITI V/ FONDO TESORERIA INPS per TFR DEBITI PER RITENUTE DA PERSONALE C/ LIQUIDAZIONE TFR a carico INPS spettante a Ciro Esposito imposta sostitutiva 11% su rivalutazione dall 1/1 al 30/06 TFR spettante a Ciro Esposito a carico INPS 6.360,00 21, ,02 10/07 10/07 10/ PERSONALE C/ LIQUIDAZIONE DEBITI PER RITENUTE DA BANCA ANTONVENETA C/C TFR spettante a Ciro Esposito ritenute IRPEF su TFR di Ciro Esposito bonifico a Ciro Esposito per TFR , , ,23

Le retribuzioni del personale dipendente

Le retribuzioni del personale dipendente Le retribuzioni del personale dipendente Liquidate retribuzioni pari a 100,00 Variazione economica negativa (sostenimento di costi di competenza dell esercizio) Variazione finanziaria negativa (aumento

Dettagli

Conoscere le forme di contabilizzazione del lavoro dipendente

Conoscere le forme di contabilizzazione del lavoro dipendente Corso di Contabilità e bilancio Contabilita www.massimilianobonacchi.net La retribuzione di lavoro dipendente oggetto della lezione LE REGISTRAZIONI CONTABILI LEGATE ALLA RETRIBUZIONE DEI DIPENDENTI 2

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE CONTABILITA GENERALE 19 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 29 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 17. Michele Devastato COMPLETAMENTO

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 17. Michele Devastato COMPLETAMENTO Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Risultati attesi Sapere: il contenuto fondamentale delle norme vigenti relative al Tfr. Saper fare: i calcoli relativi al Tfr maturato dai dipendenti a seconda

Dettagli

L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 *

L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 * L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 * La legge di stabilità per il 2015 interviene pesantemente sulla tassazione del TFR, secondo tre modalità differenti: 1. TFR

Dettagli

COSTI DEL PERSONALE. B) CONTRIBUTI SOCIALI In PARTE a carico dell AZIENDA ed in PARTE a carico del LAVORATORE

COSTI DEL PERSONALE. B) CONTRIBUTI SOCIALI In PARTE a carico dell AZIENDA ed in PARTE a carico del LAVORATORE COSTI DEL PERSONALE A) RETRIBUZIONE ONERE A CARICO DELL AZIENDA B) CONTRIBUTI SOCIALI In PARTE a carico dell AZIENDA ed in PARTE a carico del LAVORATORE C) RITENUTE FISCALI A CARICO DEL LAVORATORE D) TRATTAMENTO

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 46 17.12.2014 Il TFR genera una duplice registrazione contabile Le poste in bilancio dipendono dal numero dei lavoratori Categoria: Bilancio e contabilità

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

Consulenti del Lavoro in Udine

Consulenti del Lavoro in Udine Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine CONSULENTI DEL LAVORO: Rag. Gioacchino De Marco Dott. Riccardo Canu Dott. Elena Zanon P.az Roberta Gregoris Via Zanon 16/6 33100 Udine

Dettagli

Prof. Luigi Trojano. Esci

Prof. Luigi Trojano. Esci 1 LE FORME DI RETRIBUZIONE GLI ELEMENTI DELLA RETRIBUZIONE IL SISTEMA DELLE ASSICURAZIONI SOCIALI GESTIONI INPS MOBILITA CONTRIBUTI INPS E RILEVAZIONE ASSEGNI FAMILIARI RAPPORTI CON L INAILL INAIL: CONGUAGLIO

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

di Patrizia Della Serra

di Patrizia Della Serra TFR E FONDI PENSIONE COSA CAMBIA PER LE AZIENDE di Patrizia Della Serra Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Il Tfr fino al 31 dicembre 2006...4 Il Tfr dall'1 gennaio 2007...4 Agevolazioni

Dettagli

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI INDICE Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI Definizione di TFR... pag. 10 Fonti normative...» 10 Soggetti beneficiari... pag. 12 Decesso del dipendente...» 12 Cessione e pignoramento del TFR...» 13 Calcolo

Dettagli

Società di persone: scritture di assestamento, chiusura, riapertura e riparto dell utile

Società di persone: scritture di assestamento, chiusura, riapertura e riparto dell utile Società di persone: scritture di assestamento, chiusura, riapertura e riparto dell utile Esercitazione per la 4ª classe IGEA e la 5ª classe IPSC di Lidia Sorrentino La Fontana & Robotti s.n.c. con capitale

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

Le operazioni accessorie

Le operazioni accessorie Albez edutainment production Le operazioni accessorie III Classe ITC 1 I servizi di riscossione Sono servizi svolti dalla banca per conto dell impresa e riguardano principalmente le disposizioni elettroniche

Dettagli

COSTI DEL PERSONALE TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO ONERE A CARICO DELL AZIENDA DETERMINATO A FINE ESERCIZIO

COSTI DEL PERSONALE TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO ONERE A CARICO DELL AZIENDA DETERMINATO A FINE ESERCIZIO COSTI DEL PERSONALE RETRIBUZIONE ONERE A CARICO DELL AZIENDA CONTRIBUTI SOCIALI In PARTE a carico dell AZIENDA ed in PARTE a carico del LAVORATORE RITENUTE FISCALI A CARICO DEL LAVORATORE TRATTAMENTO DI

Dettagli

Ragioneria Generale ed Applicata

Ragioneria Generale ed Applicata Ragioneria Generale ed Applicata Corso 00-49 LEZIONE n. 17 Prof.ssa Anna Paris anna.paris@unisi.it Università degli Studi di Siena School of Economics and Management Dip. di Studi Aziendali e Giuridici

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

TASSAZIONE DEI RENDIMENTI

TASSAZIONE DEI RENDIMENTI GLI ASPETTI FISCALI Deducibilità dei contributi A tutti i lavoratori è riconosciuta la deducibilità dei contributi a proprio carico versati alle forme pensionistiche complementari fino ad un massimo di

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro I commi da 26 a 34, introducono, in via sperimentale dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, la possibilità, per il lavoratore dipendente, che abbia un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 21 FATTORE LAVORO Fonti che regolano il rapporto

Dettagli

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO chiuso alla data del 31 dicembre 2012 COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Denominazione 80078750587 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Indirizzo di posta elettronica. Cognome 2 PRNCGS59A54E379V PERINI CADIGIA ESTER

Denominazione 80078750587 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Indirizzo di posta elettronica. Cognome 2 PRNCGS59A54E379V PERINI CADIGIA ESTER CUD 2014 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL ART. 4, COMMI -ter e -quater, DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, n. 322, RELATIVA ALL ANNO 2013 AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA Codice fiscale

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI PRESENTAZIONE SOMMARIO GLI AUTORI Capitolo 1 - IL TFR DEFINIZIONE DI TFR Indennità di anzianità Trattamento di Fine Rapporto BENEFICIARI ANTICIPAZIONI 1. Limiti numerici al numero dei richiedenti 2. Limitazioni

Dettagli

tfr MEGLIO IN AZIENDA O ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE?

tfr MEGLIO IN AZIENDA O ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE? tfr MEGLIO IN AZIENDA O ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE? Il Trattamento di Fine Rapporto è una forma di retribuzione differita, liquidata al momento della cessazione del lavoratore dipendente. Il TFR si

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Il TFR TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 Criteri di formazione Criteri di valutazione Immobilizzazioni Il

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 IL LAVORO E L IMPRESA LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B illustrazione di Gianni Chiostri Comitato Assise Italo

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

5. ANALISI DEI COSTI DETERMINAZIONE DEL COSTO

5. ANALISI DEI COSTI DETERMINAZIONE DEL COSTO DETERMINAZIONE DEL COSTO DETERMINAZIONE DEL COSTO 5. ANALI DEI COSTI DETERMINAZIONE DEL COSTO TIPOLOGIE DI CONTRATTI Al fine di procedere con una comparazione quanto più omogenea, si raffrontano i vari

Dettagli

OGGETTO: Imposta sostitutiva Tfr. Acconto 2014

OGGETTO: Imposta sostitutiva Tfr. Acconto 2014 Informativa per la clientela di studio N. 182 del 10.12.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Imposta sostitutiva Tfr. Acconto 2014 Il prossimo 16 dicembre 2014, i datori di lavoro (in qualità di

Dettagli

Il regime fiscale della previdenza complementare

Il regime fiscale della previdenza complementare Il regime fiscale della previdenza complementare INCA Regime fiscale dei fondi pensione Le fasi di partecipazione alla previdenza complementare Il finanziamento del fondo (contribuzione) la gestione finanziaria

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA 2015

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 CERTIFICAZIONE UNICA 201 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART., COMMI -ter e -quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 199, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 201 DATI ANAGRAFICI AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Guida alla lettura della busta paga

Guida alla lettura della busta paga Guida alla lettura della busta paga La busta paga è un documento che deve essere obbligatoriamente consegnato dal datore di lavoro al lavoratore dipendente al fine di certificare la retribuzione e le ritenute

Dettagli

Come leggere la busta paga

Come leggere la busta paga Come leggere la busta paga Indice Che cosa è pag. 3 A cosa serve pag. 4 La struttura della busta paga pag. 5 Intestazione (dati ditta dati anagrafici e contrattuali lavoratore) pag. 6 Corpo della Busta

Dettagli

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337 mod. C/P01 (Rev. Nov 2010) FONDO PENSIONE MEDICI C/P01 - PENSIONAMENTO RICHIESTA DI PRESTAZIONE PENSIONISTICA Da compilarsi e sottoscrivere a cura dell'aderente Il Sottoscritto.. nato a.. (prov....) il...

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

All Agenzia delle Entrate Ufficio di Ricorso per rimborso Irpef trattenuta dal sostituto di imposta e non dovuta.

All Agenzia delle Entrate Ufficio di Ricorso per rimborso Irpef trattenuta dal sostituto di imposta e non dovuta. All Agenzia delle Entrate Ufficio di Ricorso per rimborso Irpef trattenuta dal sostituto di imposta e non dovuta. Il sottoscritto nato a il 19, residente a Codice fiscale Premesso che presso la Cassa di

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

I vantaggi fiscali della Previdenza Complementare

I vantaggi fiscali della Previdenza Complementare C O N V E G N O Fondo territoriale di previdenza complementare del Friuli Venezia Giulia: un occasione per lavoratori e residenti della Regione di integrare la pensione pubblica con quella complementare

Dettagli

OIC. Appendice alla Guida operativa n. 1 per la transizione ai principi contabili internazionali (Ias/Ifrs)

OIC. Appendice alla Guida operativa n. 1 per la transizione ai principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) OIC Appendice alla Guida operativa n. 1 per la transizione ai principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) APPROVATO DAL COMITATO ESECUTIVO IN DATA 26/09/07 IAS 19: Trattamento di fine rapporto (Riferimento:

Dettagli

Esposizione del quesito

Esposizione del quesito RISOLUZIONE N. 30/E Roma, 31 gennaio 2002 Oggetto: Istanza di interpello n../2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dalla Banca XY società cooperativa per azioni a responsabilità

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sul Regime Fiscale Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa

Dettagli

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati.

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati. Guida alla lettura della busta paga Riferimenti normativi e nozione R.D.L. 10 settembre 1923, n. 1955 R.D.L. 28 agosto 1924, n. 1422 (*) L. 5 gennaio 1953, n. 4, art. 1 D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797, artt.

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni. LAVORO (codice A)

Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni. LAVORO (codice A) 378 Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni LAVORO (codice A) Codice INPS vecchio nuovo Descrizione della tipologia di reddito Dettaglio dei redditi Note 1 A1 Lavoro dipendente

Dettagli

Compendio riassuntivo particolari operazioni di gestione classe quinta

Compendio riassuntivo particolari operazioni di gestione classe quinta - immobilizzazioni finanziarie - la gestione del personale - outsourcing e subfornitura - lo smobilizzo dei crediti - il sostegno pubblico alle imprese Compendio riassuntivo particolari operazioni di gestione

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine Rapporto (aggiornamento dicembre 09) Trattamento di Fine Rapporto Edizione novembre 2010 Pagina 1 (aggiornamento novembre 2010) INDICE 1 NOZIONI GENERALI pag. 3 2 TFR E FONDI PENSIONE pag. 3 3 TRATTAMENTO FISCALE

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA 1 Il Consiglio di Stato, nella seduta del 12 febbraio 2015, ha dato il via libera al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che regola le modalità con

Dettagli

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga.

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. Lavorofisco.it Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. La legge di Stabilità 2015 prevede, infatti, in via sperimentale

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 2 febbraio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati a FONDENEL dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR)

La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR) La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR) Indice 1. Introduzione 1 2. Datore di lavoro: calcolo dell imposta, dati del 770 ed esempi 2 3. Agenzia delle entrate: calcolo dell imposta, dati del

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana Buona parte dei dati sono stati tratti da fonte Governativa certa (www.tfr.gov.it)

Dettagli

BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2007

BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2007 FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI AMMINISTRATIVI DELLE AGENZIE GENERALI MEDIO-PICCOLE INA-ASSITALIA 00187 ROMA (RM) Via del Tritone, 53 Iscritto all'albo Fondi Pensione Sezione Speciale I Fondi Pensione Preesistenti

Dettagli