IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE"

Transcript

1 CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001

2 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il costo del lavoro Il costo del lavoro subordinato è composto da quattro voci elencate nel Conto Economico al raggruppamento B) Costi della produzione, classe 9) costi per il personale: 1) le retribuzioni lorde liquidate mensilmente, alle quali si sommano mensilità aggiuntive (tredicesima, e, per alcuni settori, quattordicesima mensilità). Sono esposte nella voce 9.a) salari e stipendi; 2) gli oneri sociali: contributi previdenziali (da versare all INPS) e assicurazione contro gli infortuni (da versare all INAIL) a carico dell azienda. Figurano nella voce 9.b) oneri sociali; 3) il trattamento di fine rapporto (TFR) che figura nella voce 9.c) trattamento di fine rapporto; 4) il trattamento di quiescenza e simili: accantonamenti a eventuali fondi di previdenza integrativi diversi dal TFR, previsti dai contratti collettivi di lavoro, o da accordi aziendali. E nella voce 9. d); Lavoro interinale. Contratto mediante il quale un agenzia per il lavoro mette a disposizione di un impresa uno o più lavoratori per un tempo determinato. 5) altri costi sostenuti per il personale, come i servizi sociali interni (asili nido e colonie per i figli dei dipendenti, centri ricreativi), corsi di formazione e addestramento. In questa voce, per il principio della prevalenza della sostanza sulla forma, sono compresi anche i costi derivanti da contratti di lavoro interinale, o temporaneo, o somministrazione lavoro. Figurano nella voce 9.e) altri costi.

3 La rilevazione delle retribuzioni mensili Schematizziamo il contenuto dei conti interessati alla liquidazione delle retribuzioni mensili al personale: Salari e stipendi (C.E. 9.a Salari e stipendi) Salari e stipendi lordi liquidati al personale Personale c/retribuzione (S.P. D.14 Altri debiti) Ritenute sociali a carico dei dipendenti Debiti per salari e stipendi lordi liquidati al personale Oneri sociali (C.E. 9.b Oneri sociali) Contributi dovuti dal datore di lavoro Ritenute fiscali d acconto Importi netti pagati Assegni per il nucleo familiare Indennità spettanti (indennità di malattia e maternità) Debiti per ritenute da versare (S.P. D.12 Debiti tributari) Istituti di previdenza (S.P. D.13 Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale) Versamento delle ritenute entro il giorno 16 del mese successivo Debiti per ritenute fiscali effettuate sulle retribuzioni del personale Crediti per indennità e per assegni per il nucleo familiare pagati al personale Debiti per contributi dovuti dal datore di lavoro e dal personale Saldo versato a mezzo banca (Eventuale saldo a credito del datore di lavoro)

4 ESEMPIO: Liquidazione e pagamento delle retribuzioni mensili e dei contributi sociali Il 10/3 il mobilificio Celotto anticipa in contanti ai propri dipendenti 2.500,00 euro sulla retribuzione del mese di marzo. Il 31/3 liquida salari e stipendi lordi per ,00 più assegni per il nucleo familiare e indennità di malattia e maternità per 6.840,00. Il pagamento degli importi netti spettanti ai dipendenti è effettuato con bonifico bancario, al netto degli acconti, delle ritenute sociali di ,90 e delle ritenute fiscali per ,50. Sempre alla fine del mese si liquidano i contributi a carico dell impresa (comprensivi del contributo con diritto di rivalsa sulla quota TFR) per complessivi ,30 euro. I versamenti all Erario e all INPS sono eseguiti il 16/4. Presentiamo le scritture a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 10/ PERSONALE C/ACCONTI acconti in denaro 2.500, 00 10/ DENARO IN CASSA acconti ai dipendenti 2.500, 00 31/ SALARI E STIPENDI retribuzioni mese marzo ,00 31/ ISTITUTI DI PREVIDENZA assegni nucleo familiare 6.840,00 31/ PERSONALE C/RETRIBUZIONI somme lorde spettanti , 00 31/ PERSONALE C/RETRIBUZIONI regolamento retribuzioni , 00 31/ ISTITUTI DI PREVIDENZA ritenute sociali ,90 31/ DEBITI PER RITENUTE DA ritenute fiscali ,50 31/ PERSONALE C/ACCONTI storno acconti del mese 2.500,00 31/ BANCA CARIGE C/C pagato il personale ,60 31/ ONERI SOCIALI contributi a nostro carico ,30 31/ ISTITUTI DI PREVIDENZA contributi a nostro carico ,30 16/ DEBITI PER RITENUTE DA versamento ritenute fiscali ,50 16/ ISTITUTI DI PREVIDENZA versamento a saldo ,20 16/ BANCA CARIGE C/C versamento con F ,70 Nella voce Oneri Sociali si comprendono anche i premi che l azienda versa annualmente all INAIL (Istituto Nazionale Assicurazioni contro gli Infortuni sul Lavoro) per assicurare i propri dipendenti contro gli infortuni e le malattie professionali. Il premio è liquidato annualmente e versato entro il 16 febbraio.

5 TFR e previdenza complementare Il TFR (trattamento di fine rapporto) rappresenta una forma di retribuzione differita che spetta alla cessazione del rapporto di lavoro sotto forma di liquidazione una tantum o di pensione integrativa, secondo che il prestatore di lavoro abbia deciso di mantenerlo nell azienda, o destinarlo a un fondi pensione. Al riguardo, la riforma della previdenza complementare (legge 27/12/2006 n. 296) a partite dal 1 gennaio 2007 ha consentito ai lavoratori subordinati di devolvere il TFR maturando a un fondo pensione, o di lasciarlo in azienda. In ogni caso, il fondo accantonato sino al 31/12/2006 permane nell impresa e sarà gestito come prima. Se le quote maturate dal 1 gennaio 2007 non sono state trasferite a un fondo pensione, occorre distinguere se l azienda occupa fino a 49, o cinquanta o più dipendenti. Nel primo caso (l azienda occupa meno di 50 persone) le quote di TFR rimangono in azienda. Nel secondo (l azienda occupa almeno 50 dipendenti), le quote capitale che via via maturano sono versate mensilmente al Fondo di tesoreria dell INPS. Alla cessazione del rapporto di lavoro l azienda liquiderà il TFR al dipendente per conto dell INPS. Se il TFR è devoluto a forme di previdenza complementare, l impresa versa mensilmente al fondo pensione la quota capitale maturata, pari alla retribuzione lorda mensile : 13,5 al netto del contributo dello 0,50% con diritto di rivalsa. ESERCIZIO 1. Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). A. Il TFR maturato fino al 31/12/2006 rimane in ogni caso in azienda V F B. I dipendenti possono scegliere di devolvere il TFR a un fondo pensione solo nelle aziende con più di 50 occupati V F C. Per i dipendenti che hanno optato di lasciare il TFR in azienda, alla cessazione del rapporto di lavoro la liquidazione sarà a cura del datore di lavoro anche nelle aziende con più di 49 occupati V F D. Nelle aziende con almeno 50 dipendenti la liquidazione e il pagamento del TFR è a cura del Fondo di tesoreria dell'inps V F E. Il dipendente che ha trasferito il TFR maturato all'1/1/2007 presso un fondo pensione, alla cessazione del rapporto di lavoro incasserà il TFR dallo stesso fondo pensione in un unica soluzione V F F. I dipendenti che hanno iniziato il rapporto di lavoro prima del 2007, e optato per la pensione integrativa, quando lasciano l'azienda che ha più di 49 dipendenti percepiscono dal datore di lavoro il TFR maturato prima del 2007 e dal fondo pensione una pensione integrativa V F

6 Il TFR versato mensilmente al Fondo di Tesoreria INPS e al fondo pensione Solo nel caso l impresa abbia meno di 50 dipendenti ed il TFR rimanga in azienda il 31 dicembre si redigerà la scrittura di accantonamento per il TFR maturato nell anno, sia per la quota capitale, sia per la rivalutazione del debito preesistente, Nelle altre ipotesi, ogni mese occorre liquidare e versare la parte di TFR maturata per la sola quota capitale al netto del contributo dello 0,50% con diritto di rivalsa. Se il TFR è destinato ai fondi pensione, l azienda ne determina l importo maturato alla fine del mese di competenza e lo versa al fondo il mese successivo. Al 31/12 si limiterà a rilevare la quota di dicembre, ed eventualmente la rivalutazione del TFR preesistente al 31/12/2006. Se il TFR è trasferito al Fondo di Tesoreria gestito dall INPS (Fondo per l erogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto, di cui all art del codice civile), l azienda liquida mensilmente la quota capitale maturata al netto del contributo dello 0,50% con diritto di rivalsa e la versa il 16 del mese successivo. Al 31/12, oltre che rilevare la quota di dicembre ed eventualmente la rivalutazione del TFR preesistente al 31/12/2006, calcola e versa per conto dell INPS l imposta sostitutiva dell 11% sul debito TFR accumulato dal 2007.

7 ESEMPIO : Liquidazione e pagamento del TFR destinato al Fondo di tesoreria dell INPS e al Fondo pensione Il 31/3 il mobilificio Celotto, che occupa oltre duecento persone, ha liquidato salari e stipendi lordi per , di cui relativi a dipendenti che hanno scelto di destinare il TFR al fondo pensione di categoria, e euro in capo ai dipendenti che hanno scelto il Fondo di tesoreria INPS. Il versamento dei rispettivi importi avviene il 10 del mese successivo per il Fondo pensione, ed il giorno 16 per il Fondo di tesoreria INPS. Presentiamo i calcoli e le registrazioni a libro giornale. 1) Determinazione delle quote da versare al fondo pensione e al Fondo di tesoreria dell INPS La quota di TFR maturata nel mese è pari a 1/13,5 della retribuzione lorda, da cui va detratto il contributo dello 0,50%: quota capitale del TFR aziendale: : 13,5 = ,74 - contributo 0,50% sulla retribuzione del mese: x 0,50% = 1.751, Quota capitale netta del TFR aziendale maturata nel mese = ,74 ========= Quota capitale netta da devolvere al Fondo pensione: quota capitale del mese : 13,5 = ,78 - contributo 0,50% sulla retribuzione del mese: x 0,50% 1.254, Quota capitale netta del TFR da versare al fondo pensione = ,78 ========= Quota capitale netta da devolvere al Fondo di tesoreria dell INPS: quota capitale del mese : 13,5 = 7.362,96 - contributo 0,50% sulla retribuzione del mese: x 0,50% 497, Quota capitale netta del TFR da versare al Fondo di tesoreria INPS = 6.865,96 =========

8 2) Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 31/ TRATTAMENTO FINE TFR maturato nel mese ,74 RAPPORTO 31/03 31/ DEBITI V/ FONDI PENSIONE DEBITI V/ FONDO TESORERIA TFR al Fondo pensione TFR al Fondo di tesoreria ,78 10/04 10/ INPS PER TFR DEBITI V/ FONDI PENSIONE BANCA CARIGE C/C dell INPS per TFR versato TFR al fondo pensione versato TFR al fondo pensione , , ,78 16/04 16/ DEBITI V/ FONDO TESORERIA INPS PER TFR BANCA CARIGE C/C versato TFR al Fondo di tesoreria dell INPS versato TFR al Fondo di tesoreria dell INPS 6.865, ,96 Il TFR nelle scritture di assestamento Sappiamo che mensilmente il TFR viene devoluto ai fondi pensione e al Fondo di Tesoreria dell INPS secondo le scelte fatte dai lavoratori e che solo nelle aziende con meno di 50 dipendenti può restare investito nell azienda stessa. Pertanto a fine esercizio, in sede di scritture di completamento, si possono avere i seguenti casi: 1) nelle aziende con meno di 50 dipendenti: a) per il personale che ha scelto di lasciare il TFR in azienda occorrerà effettuare: - l accantonamento della quota capitale annua pari alla retribuzione lorda annua: 13,50, diminuita della rivalsa del contributo di solidarietà dello 0,50%; - l accantonamento della quota finanziaria per la rivalutazione del fondo accumulato negli anni precedenti ad un tasso pari all 1,50% + il 75% dell aumento del costo della vita (indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati). Questa quota finanziaria è tassata in via definitiva con la ritenuta fiscale dell 11%; b) per le persone che hanno optato per la devoluzione del TFR a un fondo pensione occorre effettuare il calcolo e la registrazione della quota di rivalutazione annua del fondo TFR al 31/12/2006 rimasto in azienda;

9 2) nelle aziende con più di 49 dipendenti, occorre calcolare: - la quota di rivalutazione finanziaria del TFR al 31/12/2006 rimasto in azienda. Inoltre a dicembre, ma non in sede di scritture di assestamento, occorrerà registrare le consuete quote mensili da versare al Fondo di Tesoreria dell INPS, e ai fondi pensione, secondo le scelte fatte dai dipendenti. ESEMPIO: Rilevazione del TFR annuo in un azienda con meno di 50 dipendenti Alla fine delle scritture ordinarie d esercizio il saldo del conto debiti per TFR ammonta a ,00. Tutti i dipendenti hanno optato per il mantenimento del TFR in azienda. Nell esercizio sono state corrisposte retribuzioni lorde per ,00. L indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati è pari a 101,90 rispetto al mese di dicembre dell anno precedente. Procedere alle registrazioni contabili di completamento. 1) Calcolo del TFR maturato nell anno Calcoliamo i debiti per trattamento di fine rapporto maturati a fine esercizio: quota maturata nell anno: : 13, ,00 a) rivalsa del contributo di solidarietà : ,5% ,00 b) rivalutazione TFR preesistente: (1,5 + 1,9 75%) ,66 costo per TFR maturato nell esercizio ,66 ritenuta fiscale dell 11% su 2.879,66-316,76 c) incremento netto del TFR maturato nell esercizio ,90 ========= 2) Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 31/ TRATTAMENTO FINE quota maturata nell esercizio ,66 RAPPORTO 31/ DEBITI PER TFR quota netta maturata ,90 31/ DEBITI PER RITENUTE DA Ritenuta fiscale dell 11% sulla rivalutazione del TFR 316,76

10 ESEMPIO: Rilevazione della quota TFR maturata in un azienda con più di 50 dipendenti Al 31/12/2010, in un azienda che occupa oltre cento lavoratori, occorre determinare la quota di TFR maturata nell esercizio. Al riguardo tutti i dipendenti hanno optato per il mantenimento del TFR in azienda. Poiché il personale supera le cinquanta unità, il TFR maturato dall 1/1/2007 è stato versato mensilmente al Fondo di tesoreria dell INPS. Al 31/12/2009 il saldo del conto debiti per TFR rimasto in azienda ammontava a ,00. Al 31/12/2009, l ammontare che i dipendenti avevano maturato presso il Fondo di tesoreria gestito dall INPS era di ,00. L indice dei prezzi al consumo dell ISTAT rispetto al mese di dicembre dell anno precedente è aumentato di 1,9 punti. Procedere ai calcoli e alle registrazioni contabili di completamento. Svolgimento Poiché il TFR maturato nel corso dell anno è stato versato mensilmente sul conto di Tesoreria dell INPS, in sede di scritture di assestamento non occorre registrare la quota maturata nell esercizio. Occorre invece: - calcolare e registrare la rivalutazione del fondo TFR rimasto in azienda; - calcolare la rivalutazione del fondo presso l INPS e la relativa imposta sostitutiva dell 11% che sarà versata per conto dell INPS. 1) Calcolo della rivalutazione dei fondi TFR rimasti in azienda e all INPS a) rivalutazione del fondo TFR rimasto in azienda al 31/12/2009 : ,00 (1,5 + 1,9 75%) ,66 - ritenuta fiscale dell 11% ,02 Rivalutazione netta dell esercizio ,64 ========= b) rivalutazione del fondo TFR presso l INPS al 31/12/2009: ,00 (1,5 + 1,9 75%) = ,70

11 Ritenuta fiscale dell 11% da versare per conto dell INPS: ,70 x 11% 1.391,25 2) Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 31/ TRATTAMENTO FINE quota maturata nell esercizio ,66 RAPPORTO 31/ DEBITI PER TFR quota netta maturata ,64 31/ DEBITI PER RITENUTE DA ritenuta 11% su rivalutazione 2.865,02 TFR 31/ DEBITI V/ FONDO ritenuta 11% su TFR da versare TESORERIA INPS PER TFR per conto Fondo Tesoreria INPS 1.391,25 31/ DEBITI PER RITENUTE DA ritenuta 11% su TFR da versare per conto Fondo Tesoreria INPS 1.391,25 Secondo i principi contabili internazionali il debito per TRF rientra nella categoria dei piani a benefici definiti per i dipendenti successivi al rapporto di lavoro. Applicando il principio dello IAS 19 occorrerebbe attualizzare il debito per TFR, ossia occorre calcolare il valore attuale di quanto presumibilmente sarà versato al dipendente alla presunta data di cessazione del rapporto di lavoro. Mentre secondo i principi contabili nazionali il debito per TFR definisce quanto avrebbero diritto i dipendenti se lasciassero l azienda alla data del bilancio, secondo i principi internazionali nel bilancio occorre riportare a oggi l importo che il dipendente presumibilmente percepirà quando lascerà l azienda. Ciò richiede complessi calcoli attuariali. La liquidazione del TFR alla cessazione del rapporto di lavoro Anche alla cessazione del rapporto di lavoro occorre distinguere i tre casi: 1) se il TFR è rimasto in azienda (aziende con meno di 50 dipendenti), sarà la stessa a corrispondere la somma maturata sino al giorno in cui il dipendente lascia l azienda; 2) se il TFR è stato trasferito all INPS (aziende con più di 49 dipendenti), l azienda liquiderà e pagherà per conto dell INPS quanto è maturato sino al giorno in cui cessa il rapporto di lavoro; 3) se il TFR è stato devoluto a un fondo pensione, l azienda non dovrà compiere alcuna operazione: il fondo corrisponderà periodicamente al dipendente una pensione integrativa. In ogni caso, il TFR che è stato trattenuto in azienda sino al 31/12/2006, sarà da questa liquidato e pagato.

12 liquidazione del TFR maturato sino al 31/12/2006 maturato dall 1/01/2007 rimane in azienda non versato ai fondi pensione versato ai fondi pensione aziende fino a 49 dipendenti aziende oltre 49 dipendenti rimane in azienda è versato al Fondo di tesoreria dell INPS liquidato e pagato dall azienda liquidato e pagato dall azienda liquidato e pagato dall azienda per conto dell INPS pagato dal fondo come pensione integrativa ESEMPIO: Liquidazione e pagamento del TFR a un dipendente dimissionario in un azienda con meno di 50 addetti Il 30 settembre 2010, l impiegato Luigi Bianchi cessa il rapporto di lavoro con la MAG snc, azienda che occupa meno di 50 addetti. Nel 2007 aveva optato per il mantenimento del TFR in azienda. Il 5 ottobre 2010, gli viene liquidato un TFR lordo di complessivi ,00 euro, di cui ,00 maturati nei precedenti esercizi. Il TFR di 2.015,00 (già al netto della rivalsa dello 0,50% del contributo integrativo) maturato dall inizio dell anno, include 1.150,00 riguardanti la rivalutazione del TFR pregresso, soggetto all imposta sostitutiva dell 11%. Il pagamento è disposto con bonifico bancario il 7 di ottobre al netto della ritenuta IRPEF di 5.828,00.

13 1) Calcolo della liquidazione del TFR a ) TFR maturato al 31/12/ ,00 b) quota TFR maturata dall 1/1 al 30/09/10 al netto della rivalsa dello 0,50%: ( ) 865,00 c) quota rivalutazione TFR dall 1/1 al 30/ ,00 d) imposta sostitutiva: 11% di 1.150,00-126,50 TFR liquidato al lordo dell IRPEF ,50 e) - ritenuta fiscale assoggettata a tassazione separata 5.828, somma netta corrisposta ,50 ======= 2) Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 05/ DEBITI PER TFR liquidato a Bianchi il TFR ,00 maturato al 31/12 / / TRATTAMENTO FINE RAPPORTO liquidato a Bianchi TFR maturato dall 1/1 al 30/ , 00 05/10 05/ DEBITI PER RITENUTE DA PERSONALE C/LIQUIDAZIONE imposta 11% su rivalutazione TFR dall 1/1 al 30/9 -Bianchi TFR lordo spettante a Bianchi 126, ,50 07/ PERSONALE C/ LIQUIDAZIONE pagato TFR a Bianchi ,50 07/ DEBITI PER RITENUTE DA ritenute IRPEF sul TFR di , 00 Bianchi 07/ BANCA ANTONVENETA C/C bonifico a Bianchi per TFR ,50 Nelle aziende con 50 o più addetti, il datore di lavoro corrisponde al dipendente anche la parte di liquidazione a carico del Fondo di Tesoreria dell INPS, al quale ha versato mensilmente le quote di TFR maturate. Perciò, per il TFR a carico dell INPS (dall 1/1/2007) l azienda rileva un credito nei suoi confronti che potrà essere utilizzato in compensazione con i successivi versamenti al Fondo di Tesoreria e, per l eccedenza, con gli altri contributi dovuti all INPS.

14 ESEMPIO : Liquidazione e pagamento del TFR a un dipendente dimissionario in un azienda con più di 50 dipendenti Il 30 giugno 2010, il signor Ciro Esposito cessa il rapporto di lavoro con la Edilpartenope, che occupa più di 50 addetti. Nel 2007 aveva optato per il mantenimento del TFR in azienda. Il 5 luglio gli è liquidato un TFR al lordo dell IRPEF così composto: a) per il TFR rimasto in azienda al 31/12/2006 e rivalutato sino al 31/12/ ,00 b) per la rivalutazione dall 1/1 al 30/6/2010 del TFR rimasto in azienda 274,95 c) - 11% imposta sostitutiva su 274,95 30, d) TFR a carico azienda al lordo dell IRPEF ,71 e) - ritenuta fiscale assoggettata a tassazione separata 3.120, f) TFR netto a carico azienda , g) TFR maturato sul Fondo di Tesoreria dell INPS al 30/6/ ,00 h) - 11% imposta sostitutiva sulla rivalutazione dall 1/1 al 30/6/ , i) TFR a carico Fondo Tesoreria INPS al lordo dell IRPEF 6.338,02 l) - ritenuta fiscale assoggettata a tassazione separata 1.215, m) TFR netto a carico del Fondo di Tesoreria dell INPS 5.123, l) somma netta corrisposta a Ciro Esposito (f + m) ,23 ========== Il pagamento è disposto con bonifico bancario il 10 luglio.

15 Registrazioni a libro giornale Data Codici Denominazione conti e descrizione Dare Avere 05/ DEBITI PER TFR liquidato TFR a Ciro Esposito maturato in azienda al 31/12/09 05/ TRATTAMENTO FINE liquidato TFR a Ciro Esposito RAPPORTO rivalutazione dall 1/1 al 30/06 05/ DEBITI PER RITENUTE DA imposta sostitutiva 11% su rivalutazione dall 1/1 al 30/06 05/ PERSONALE C/ TFR a nostro carico spettante a LIQUIDAZIONE Ciro Esposito ,00 274,95 30, ,71 05/07 05/07 05/ DEBITI V/ FONDO TESORERIA INPS per TFR DEBITI PER RITENUTE DA PERSONALE C/ LIQUIDAZIONE TFR a carico INPS spettante a Ciro Esposito imposta sostitutiva 11% su rivalutazione dall 1/1 al 30/06 TFR spettante a Ciro Esposito a carico INPS 6.360,00 21, ,02 10/07 10/07 10/ PERSONALE C/ LIQUIDAZIONE DEBITI PER RITENUTE DA BANCA ANTONVENETA C/C TFR spettante a Ciro Esposito ritenute IRPEF su TFR di Ciro Esposito bonifico a Ciro Esposito per TFR , , ,23

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE I Consorzi, ove ritengano di avvalersi della facoltà di ricorrere a rapporti di lavoro a tempo parziale ai sensi

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

GUIDA. di FINE. A cura dello

GUIDA. di FINE. A cura dello GUIDA OPERATIVAA AL TRATTAMENTO di FINE RAPPORTO Fondo per l'erogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto di cui all' 'articolo 2120 del codice civile (con particolare

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli