LA DIFESA DELLA VITE NEL BIOLOGICO E NEL CONVENZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DIFESA DELLA VITE NEL BIOLOGICO E NEL CONVENZIONALE"

Transcript

1 Viticoltura a S. Pietro di Feletto Aspetti e problematiche anno 2012 S. Pietro di Feletto, 1 Febbraio 2012 POSSIBILITÀ DI IMPIEGO DELLE TECNICHE DI COLTIVAZIONE BIOLOGICA, BIODINAMICA E INTEGRATA NELLE COLLINE DI CONEGLIANO VALDOBBIADENE. LA DIFESA DELLA VITE NEL BIOLOGICO E NEL CONVENZIONALE Roberto Causin Università di Padova, Dip. TeSAF, Sez. Patologia Vegetale

2 LA DIFESA DELLA VITE Nei nostri ambienti di coltivazione NON E POSSIBILE REALIZZARE UNA VITICOLTURA DA REDDITO SENZA ATTUARE UNA ATTENTA DIFESA DALLE MALATTIE

3 LE MALATTIE DELLA VITE Le patologie che possono colpire la vite possono essere divise in due grandi categorie Malattie ad andamento pseudo-cronico con danni che si vedono nel tempo come deperimento del vigneto e alto tasso di sostituzione delle piante (Mal dell Esca, Malattia di Petri, Black Foot, ecc ) Malattie che esprimono la loro dannosità nel corso dell annata e possono compromettere anche totalmente la produzione, sono le classiche malattie contro cui si lotta normalmente tutti gli anni

4 MALATTIE CLASSICHE DELLA VITE PERONOSPORA La malattia si sviluppa solo se ci sono le condizioni climatiche adatte

5 MALATTIE CLASSICHE DELLA VITE OIDIO Periodo critico a cavallo della fioritura e durante periodi caldi e siccitosi

6 MALATTIE CLASSICHE DELLA VITE ESCORIOSI Potando ci si accorge se serve intervenire

7 MALATTIE CLASSICHE DELLA VITE BOTRITE La malattia è favorita da altre avversità che creano ferite e da condizioni climatiche fresche ed umide. Non tutti gli anni si sviluppa in modo problematico

8 NUOVE CLASSICHE MALATTIE DELLA VITE FITOPLASMOSI La difesa dalla FD è possibile ed efficace lottando in modo corretto contro il vettore; più problematico è il LN. Nel dubbio la pianta sintomatica va eliminata. E GLI ALTRI INSETTI?...

9 MALATTIE CLASSICHE DELLA VITE Gli operatori sono molto attenti alla comparsa di queste malattie; essi ne vedono le immediate conseguenze negative su quantità e qualità della produzione e sono stimolati ad intervenire Per chi opera nell ambito della viticoltura convenzionale, esiste una a ampia scelta di prodotti fitosanitari che, se scelti ed usati con professionalità, sono molto efficaci. Oltre ai vecchi prodotti (Rame, Zolfo, Ditiocarbammati.) oggi ne esistono di più ENDOTERAPICHE moderni, alcuni con PROPRIETÀ

10 ANTIPERONOSPORICI MODERNI Anche un po di copertura (affinità con cere cuticolari)

11 PRINCIPALI ANTIOIDICI MODERNI * Per queste s.a. è necessario gestire la resistenza Sostanze Attive MoA TETRACONAZOLO* IBS; DMI; Gruppo 1 Inibiscono la biosintesi degli ergosteroli impedendo la demetilazione del C14 per blocco PROPICONAZOLO* CYPROCONAZOLO* PENCONAZOLO* FENBUCONAZOLO* dell enzima C14 demetilasi TEBUCONAZOLO* (Citocromo P450) MONOSITO SPECIFICI MYCLOBUTANIL* TRIADIMENOL* SPIROXAMINA* AZOXISTROBIN* PYRACLOSTROBIN* TRIFLOXYSTROBIN* KRESOXIM-METIL* IBS blocca 4 enzimi, Riduttasi, Isomerasi, Epossidasi, Ciclasi Analoghi delle strobilurine QoI; blocco della respirazione per legame esterno al complesso III (cit. bc1), Note per l Uso Endoterapici acropeti con movimento a volte locale. Rischio di resistenza medio, necessario gestire la resistenza (max. 3-4 interventi). Durata circa 10 gg Come IBS ma rischio resistenza più basso Uso preventivo; mai con sintomi visibili. Rischio resistenza elevato (max. 3 interventi) Endoterapici/affinità con cere. Durata più di 10 gg QUINOXYFEN* Disturbo Trasduzione segnali (G_proteins?) PROQUINAZID* Dist.Trasd.Segn.(?)+ stimolazione resistenza Uso preventivo; mai con sintomi visibili. Endoterapici (meno Quinoxifen) e cere+vapore). Max. 3 tratt. Durata + di 10 gg METRAFENONE Crescita anomala per inibizione proteina F-actina Poco endoterapico, cere+vapore BOSCALID* BUPIRIMATE* SDHI inibiz. respiraz. complesso II succinato-deidrogenasi Transl.locosist. durata +di 10gg. Max 3 tratt Inibiz. Sintesi a.acidi (enzima adenosin deaminasi) Translam. Locosist. durata circa 10gg. MEPTYLDINOCAP Inibiz. Respiraz. disaccoppia fosforilaz. ossidativa) Copertura; poco persistente Ampelomyces quisqualis Fungo antagonista Lotta biologica (AQ10)

12 PRINCIPALI ANTIBOTRITICI MODERNI Sostanze Attive MEPANIPYRIM CYPRODINIL PYRIMETHANIL* (anilinopirimidine) FENHEXAMIDE (idrossianilidi) BOSCALID* (anilidi) IPRODIONE* (dicarbossimidi) FLUDIOXONIL* (fenilpirroli) FLUAZINAM (fenilpirroli) TIOFANATO METILE* BACILLUS SUBTILIS TRICHODERMA HARZIANUM MoA * Per queste s.a. è necessario gestire la resistenza Note per l uso Inibizione sintesi metionina, Endoterapico Translaminare proteine, enzimi patogenesi Rischio resistenza (es.poligalatturonasi) IBS Gruppo 3 inibiz. 3Limitata penetrazione parzialmente Ketoreduttasi nella demetilazione translaminare. Intervallo sicurezza 7gg del C4 SDHI inibiz. respiraz. complesso II succinato-deidrogenasi Transl. locosist. durata +di 10gg. Max 3 tratt Non Endoterapico. Rischio resistenza alto max 2-3 tratt. interferenza con MAP/istidinKinasi nella trasduzione segnale osmotico con disturbo Non Endoterapico. Parziale affinità con cere cuticola. Rischio resistenza medio osmoregolazione Multisito. Inibiz. Fosforilaz ossidativa nei mitocondri (disaccopiante fosforilazione) Disturbo mitosi, azione su beta tubulina Antagonismo per antibiosi? Non endoterapico. Affinità per le cere cuticolari resiste a mm pioggia Endoterapico. Anche oidio. Rischio reistenza alto Lotta biologica. Organismi viventi. Non usare basso volume. Attenzione Antagonismo, induz. resistenza? ai P.F. che potrebbero inattivarli

13 La difesa dalle malattie classiche della vite sembra, quindi, non comportare eccessivi problemi INVECE Per i prodotti più sofisticati è in agguato la comparsa di ceppi resistenti di patogeni PERDITA DI EFFICACIA Si corre il rischio di esagerare con l intensità della lotta Numero di interventi esagerato Quantità di prodotto distribuito esagerata

14 Trattamenti fitosanitari della vite, per tipologia 36,6% della sup. 46,5% della sup. 37,5% della sup. Aziende che trattano: 89,6% con superficie trattata 94,3% Dimens. Media az. che trattano:0,6 ha Dimens. Media az. che non trattano: 1,7 ha 97,8% della sup. (Annata agraria Fonte ISTAT)Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite

15 Nell a.a sono stati effettuati 12,28 trattamenti fitosanitari di cui 10,56 fungicidi Fonte ISTAT

16 I viticoltori che operano nell ambito dell agricoltura convenzionale devono adottare protocolli di difesa più sostenibili, fondati sulla lotta guidata ed integrata, non solo per produrre in modo più corretto e conveniente, ma anche perché diventa obbligatorio Ricordiamoci della Direttiva 2009/128 CE

17 Direttiva 2009/128 CE Art. 14, punto 4: difesa integrata obbligatoria entro 1 gennaio 2014, cioè tra 23 mesi

18 DIFESA DELLA VITE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA E più impegnativa e richiede più tempestività, attenzione e professionalità; non essendo consentito l uso di sostanze di sintesi artificiale NON SI PUÒ SBAGLIARE E nei fatti una lotta integrata ma si basa ancora sulla difesa con mezzi chimici, eseguita con zolfo e rame Le altre sostanze ammesse e gli Agenti di Lotta Biologica hanno un efficacia apprezzabile solo con modesta pressione di malattia.

19 ZOLFO TOSSICITA : Xi, n.c. Tossico per i pesci. Intervallo di sicurezza 5 gg EFFICACIA:Attivo contro l OIDIO ma con azione collaterale su ESCORIOSI. Acaro frenante (erinosi). Si ammette che agisca allo stato ELEMENTARE e sottoforma di gas, quindi deve SUBLIMARE; ciò significa temperature minime di circa 1012 C. La temperatura va sempre considerata in relazione alla finezza delle particelle di zolfo: Zolfo grossolano con temperature alte, per evitare ustioni Zolfo fine con temperature basse, perché sia efficace..ma si può anche adattare la dose. (es. dimezzarla con temperature estive) e col caldo trattare nelle ore serali.

20 ZOLFO MoA: Multisito aspecifico; non seleziona ceppi resistenti di patogeno. Sotto forma di gas penetra nella cellula fungina sciogliendosi nella membrana per poi passare al citoplasma; ciò è condizionato dalla composizione lipidica della membrana: quella dell oidio è particolarmente favorevole al processo. Tutto ciò provoca: - danni alla membrana - azione interna di denaturazione delle proteine (enzimi) con - inibizione della respirazione - inibizione della sintesi proteica e di acidi nucleici Si comporta anche come antimetabolita dell Ossigeno fungendo da accettore di elettroni (interferisce con la catena di trasporto degli elettroni tra cit. b e cit. c). Si postula la formazione di H2S e la chelazione di metalli pesanti IMPURITA : Selenio assente Contro l oidio è registrato anche un prodotto BIOLOGICA: Ampelomyces quisqualis (AQ10) Ma la sostanza attiva più utilizzata è ancora lo ZOLFO per la LOTTA

21 IL RAME EFFICACIA: Poco solubile E un esofarmaco che agisce per contatto Agisce come ione Cu++ E attivo contro OOMICETI (Peronospora) con azione collaterale ad ampio spettro contro i patogeni fungini (es. Botrite, Escoriosi) Ha anche azione batteriostatica Può causare Fitotossicità (contenimeto vegetaz. ; polifenoli) Soggetto a dilavamento PRODOTTI: Solfato di Cu (Poltiglia Bordolese), Idrossido di Cu, Ossicloruri di Cu, Ossido di Cu, Solfato di Cu tribasico (Dir. 2009/37/CE; DM 15/09/2009)

22 IL RAME DISPONIBILITA Teoricamente poco disponibile. La solubilità aumenta con il diminuire del ph (acidità) La disponibilità è legata ad acqua meteorica + CO 2; guttazioni della pianta; gruppi amminici Il rame viene mobilizzato grazie alla chelazione con composti aventi gruppo amminico.. Si ritiene che Plasmopara viticola, come altri Oomiceti, liberi Trimetilammina suicida... con comportamento

23 IL RAME MECCANISMO d AZIONE (MoA): Multisito aspecifico Finora mai rilevati fenomeni di resistenza nei patogeni All esterno della cellula interagisce con la parete sostituendosi agli ioni H+, Ca++, Mg++ e con le proteine di mebrana, alterandone la permeabilità. All interno della cellula del patogeno agisce attraverso la denaturazione aspecifica di complessi proteici vari ed enzimi coinvolti nella respirazione (ciclo di Krebs, A.CoA), provvisti di gruppi Sulfidrilici, Idrossilici, Carbossilici, Amminici.

24 IL RAME TOSSICITA : Xn, Xi, n.c. Intervallo di sicurezza (5) 20 gg Tossico per l ambiente, soprattutto per organismi acquatici (pesci!); poco solubile; tende ad accumularsi nel terreno dove non si degrada: pochissima mobilità verticale e laterale (diminuisce con profondità) ; si accumula meno in pendio Ha azione negativa su microfauna e batteri tellurici; ad esempio è tossico per: Lombrichi Coleotteri carabidi Batteri azotofissatori, nitrificanti, ammonificanti

25 IL RAME TOSSICITA Accumulandosi nel terreno risulta Fitotossico per molte piante; per fortuna la vite resiste bene all accumulo di rame ma se il terreno viene destinato a colture diverse, queste possono soffrirne fortemente: il terreno è perso per usi diversi dalla viticoltura. In vecchi vigneti ( più di un secolo), nel terreno lungo i filari può raggiungere concentrazioni di 700 e anche 1000 ppm (casi eccezionali) Limiti DM n /10/99: 120 ppm usi residenziali, 600 ppm usi commerciali e industriali. LMR uva per vino 50 ppm (vecchio limite 20 ppm) Reg 149/2008 CE LMR vino 1 ppm (DM 24/12/86) ADI 0,15 mg/kg p.v./die IMPURITA : Pb eas, in mg/kg < 5X%Cu

26 RAME E VINO Le quantità normalmente presenti nell uva (5 ppm, max 8-10) non disturbano la fermentazione Viene eliminato in gran parte con la feccia (lieviti) dopo la fermentazione (legame con S.); valori nel vino giovane spesso attorno a 0,1 ppm Può essere utile per rimediare note di eccessiva riduzione (si lega con S dando composti insolubili che precipitano) Casse: RARA; solo nel caso di vini con rame vicino ai limiti di legge (1 ppm) e ricchi in solforosa (es. vini bianchi)

27 RAME: CHE FARE? FARNE UN USO PIU RAZIONALE Diminuire le quantità distribuite attraverso: la limitazione del numero di interventi (LOTTA GUIDATA) l integrazione con mezzi alternativi (LOTTA INTEGRATA) La limitazione delle quantità disperse inutilmente nell ambiente (diminuire deriva, aumentare efficacia delle irroratrici, diminuire inquinamenti puntiformi) Utilizzare formulati più efficaci

28 CONCLUDENDO VITICOLTURA CONVENZIONALE Riguadagnare professionalità Ottimizzare l efficacia della distribuzione e contenere i fenomeni di deriva Seguire la lotta guidata Gestire la comparsa di patogeni resistenti EVITARE i p.f. con profilo tossicologico pesante Adottare i principi della lotta integrata anche pratiche agronomiche, uso di antagonisti ecc ) (non solo p.f. di sintesi ma

29 CONCLUDENDO VITICOLTURA BIO: SI PU0 FARE CON SUCCESSO Zone vocate e scelte orientate fin dall impianto Ottimizzare l efficacia della distribuzione e contenere i fenomeni di deriva Seguire la lotta guidata Adottare tecniche colturali specifiche per integrare e completare l effetto dei trattamenti ( lotta integrata)

30 GRAZIE PER L ATTENZIONE Roberto Causin Università di Padova, Dip. TeSAF, Sez. Patologia Vegetale

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici M. COLLINA Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici Incontro tecnico Vite: Problemi fitosanitari e strategie di difesa 27 febbraio,

Dettagli

La muffa grigia della rosa. difesa durante la coltivazione e in post-raccolta

La muffa grigia della rosa. difesa durante la coltivazione e in post-raccolta La muffa grigia della rosa difesa durante la coltivazione e in post-raccolta Carlo Pasini CRA - Istituto Sperimentale per la Floricoltura e-mail: c.pasini@istflori.it micelio e conidiofori di Botrytis

Dettagli

CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010

CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010 CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010 Laboratorio Fitopatologico SFR c/o Fondazione Minoprio, Azienda con Sistema di Qualità Certificato ISO 9001:2008 Norme

Dettagli

Meccanismo d azione d fungicidi per il FRAC

Meccanismo d azione d fungicidi per il FRAC Meccanismo d azione d dei fungicidi per il FRAC FRAC Fungicide Resistance Action Committee Gruppo tecnico specialistico internazionale di difesa delle colture agrarie Nasce nel 1980 in seguito di un corso

Dettagli

Avversità del manto erboso: malattie fungine, parassiti, infestanti

Avversità del manto erboso: malattie fungine, parassiti, infestanti Avversità del manto erboso: malattie fungine, parassiti, infestanti Massimo Mocioni La gestione delle avversità nei tappeti erbosi dei centri sportivi: malattie fungine, parassiti ed infestanti. Bologna,

Dettagli

f u n g i c i d a s i s t e m i c o

f u n g i c i d a s i s t e m i c o fungicida sistemico Vantaggi e benefici Elevata efficacia in campo Azione persistente sui frutti conservati in magazzino Ottimo profilo residuale Brevissimo periodo di carenza sulle drupacee (3 gg) Profilo

Dettagli

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Dott.ssa Flavia Grazia Tropiano Servizio Fitosanitario Regione Campania Le orticole in Campania in cifre Nel 2012

Dettagli

Estensione all impiego contro: Plasmopara viticola Venturia pyrina

Estensione all impiego contro: Plasmopara viticola Venturia pyrina Estensione all impiego contro: Plasmopara viticola Venturia pyrina (Fluazinam 500 g/l - SC) Registrazione n 14165 del 05/03/2012 Classificazione CLP Colture malattie autorizzate: Vite da vino (Botrytis

Dettagli

Linea Vite da vino 2013. Una gamma completa di soluzioni al servizio della redditività di chi coltiva la vite

Linea Vite da vino 2013. Una gamma completa di soluzioni al servizio della redditività di chi coltiva la vite Linea Vite da vino 2013 Una gamma completa di soluzioni al servizio della redditività di chi coltiva la vite 2. Vigne e vini: patrimonio della storia 3. L impegno di BASF per la vite 4. Avversità e difesa

Dettagli

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA IASMA Notizie VITICOLTURA Notiziario tecnico del Centro per l Assistenza Tecnica della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 5 maggio 2008 n. 4 IASMA Notizie - n. 2 - Anno VII

Dettagli

La Septoriosi del frumento

La Septoriosi del frumento La Septoriosi del frumento Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it La Septoriosi del frumento è una malattia comunemente presente nei nostri

Dettagli

Fa per due, fa per te

Fa per due, fa per te NOVITà REVUS TOP Fa per due, fa per te per patata e pomodoro Massima efficacia su peronospora Massima efficacia su alternaria Orticoltura Valore Sementi Agrofarmaci Insetti ausiliari e impollinatori Servizi

Dettagli

In tutti i campi saranno installati dei datalogger per monitorare temperatura e umidità.

In tutti i campi saranno installati dei datalogger per monitorare temperatura e umidità. Nel Progetto Interreg III A Grecia Italia Cooperazione scientifica per lo sviluppo della ricerca e trasferimento delle conoscenze tecnologiche alle imprese biologiche di prodotti locali allo scopo di favorirne

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

IASMA Notizie PERONOSPORA E OIDIO 2014 VITICOLTURA

IASMA Notizie PERONOSPORA E OIDIO 2014 VITICOLTURA IASMA Notizie VITICOLTURA n. Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera Mondi EU Ecolabel: AT/11/001 Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund

Dettagli

Agricoltura biologica - DIFESA

Agricoltura biologica - DIFESA Agricoltura biologica - DIFESA Tecniche di irrorazione a basso dosaggio di rame per la lotta alla peronospora della vite di Paolo Francesconi, Giuseppe Santagata e Flavio Cantelli Sommario Associazione

Dettagli

Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura

Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura Presentazione Il rame, utilizzato come fungicida e battericida, svolge un ruolo

Dettagli

Linea Ornamentali. Un ampia gamma di soluzioni al servizio delle colture ornamentali

Linea Ornamentali. Un ampia gamma di soluzioni al servizio delle colture ornamentali Linea Ornamentali Un ampia gamma di soluzioni al servizio delle colture ornamentali Prodotti registrati per la difesa delle colture ornamentali Indice 2. Il mondo delle Ornamentali 3. L offerta completa

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 22 febbraio 2011 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 L Istat rende disponibili, per l annata agraria 2009-2010, i principali risultati dell indagine

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) Progetto di ricerca finanziato dalla Regione Veneto

Dettagli

IASMA Notizie. Oidio della fragola in coltura protetta e patogeni fungini del mirtillo. Oidio della fragola (mal bianco) in coltura protetta

IASMA Notizie. Oidio della fragola in coltura protetta e patogeni fungini del mirtillo. Oidio della fragola (mal bianco) in coltura protetta IASMA Notizie PICCOLI FRUTTI e ortaggi Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera Mondi EU Ecolabel: AT/11/001 Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione

Dettagli

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Mescalchin Enzo Unità Agricoltura Biologica Fondazione Edmund Mach S. Michele all Adige Parcelle

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA LA COLTURA/CULTURA DEL VERDE

CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA LA COLTURA/CULTURA DEL VERDE CORSO DI ORTO-FLORO FRUTTICULTURA LA COLTURA/CULTURA DEL VERDE 2 a lezione Le malattie delle piante relatore: Davide Mondino Dottore Agronomo L Agrotecnico Cuneo Ronchi Via Basse di Chiusano 23 davidemondino@lagrotecnico.it

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

RISULTATI SPERIMENTAZIONE BIENNALE SUL CONTROLLO DEL PATOGENO. Franco Cioni. www.betaitalia.it

RISULTATI SPERIMENTAZIONE BIENNALE SUL CONTROLLO DEL PATOGENO. Franco Cioni. www.betaitalia.it RISULTATI SPERIMENTAZIONE BIENNALE SUL CONTROLLO DEL PATOGENO Franco Cioni Passo Segni (BO) 30 agosto 2012? BREVE PREMESSA Beta svolge un attività sperimentale sulla barbabietola da zucchero al fine di

Dettagli

Metodologie di difesa fitosanitaria

Metodologie di difesa fitosanitaria Metodologie di difesa fitosanitaria La difesa delle piante con prodotti fitosanitari ebbe inizio con la scoperta della proprietà fungicida del solfato di rame avvenuta oltre un secolo fa. Per molto tempo

Dettagli

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola OBIETTIVI Il presente progetto sperimentale prevedeva l esecuzione di diverse prove di campo, condotte nel 2006, riguardanti

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

BOLLETTINO DI PRODUZIONE BIOLOGICA ED INTEGRATA N 17 DEL 29.07.2015

BOLLETTINO DI PRODUZIONE BIOLOGICA ED INTEGRATA N 17 DEL 29.07.2015 BOLLETTINO DI PRODUZIONE BIOLOGICA ED INTEGRATA N 17 DEL 29.07.2015 Le informazioni di seguito riportate fanno riferimento alle disposizioni relative ai Regolamenti CE sull Agricoltura Biologica n 834/2007

Dettagli

MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU)

MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU) MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU) Titolo: Prodotti fitosanitari utilizzabili in Agricoltura biologica Docente: Renato Capasso Finalità. L'uso dei prodotti fitosanitari di origine naturale si

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 31 del 04/0 /08/2015 /2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

Dettagli

Oidio e black rot. Linea di protezione Syngenta

Oidio e black rot. Linea di protezione Syngenta Oidio e black rot Linea di protezione Syngenta Il fungicida di ultima generazione contro l oidio Cidely è il nuovo antioidico di Syngenta dotato di caratteristiche uniche e innovative che lo rendono uno

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

ERBICIDI. Il controllo delle malerbe presenta dei problemi diversi rispetto a quello del controllo di funghi ed insetti.

ERBICIDI. Il controllo delle malerbe presenta dei problemi diversi rispetto a quello del controllo di funghi ed insetti. ERBICIDI Il controllo delle malerbe presenta dei problemi diversi rispetto a quello del controllo di funghi ed insetti. Le malerbe riducono seriamente la resa o la qualità delle colture solamente quando

Dettagli

DIFESA GUIDATA ED INTEGRATA IN AGRICOLTURA

DIFESA GUIDATA ED INTEGRATA IN AGRICOLTURA -Tutela dell ambiente S.A.T. SERVIZIO AGROMETEOROLOGICO TREVIGIANO DIFESA GUIDATA ED INTEGRATA IN AGRICOLTURA 2 0 1 1 PROVINCIA DI TREVISO DIFESA GUIDATA ED INTEGRATA IN AGRICOLTURA 2 0 1 1 Nella presente

Dettagli

La gestione della difesa in orticoltura biologica

La gestione della difesa in orticoltura biologica Roma, 16 ottobre 2007 La difesa delle colture in agricoltura biologica La gestione della difesa in orticoltura biologica Sergio Gengotti ASTRA - Innovazione e sviluppo CRPV Centro Ricerche Produzioni Vegetali

Dettagli

Bollettino Difesa Integrata Vite Brescia

Bollettino Difesa Integrata Vite Brescia Bollettino Difesa Integrata Vite Brescia Bollettino n. 10/2015 Emesso in data 12/06/15 Indicazioni valide per la sola area di riferimento Adesso in campo: Peronospora Settimana caratterizzata da temperature

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

Strategia per la difesa della vite da peronospora e

Strategia per la difesa della vite da peronospora e Strategia per la difesa della vite da peronospora e oidio A cura di: L.Antoniacci, R.Bugiani, R.Rossi, T.Galassi (Servizio fitosanitario Regione Emilia-Romagna) Coordinatori provinciali per l applicazione

Dettagli

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005 CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER LIMITARE AL MASSIMO LA PRESENZA DI OCRATOSSINA A NEI PRODOTTI DERIVATI DALLA VITE Considerando la Risoluzione CST 1/2002 che fissa il tasso limite di ocratossina

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA;

PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA; Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO N 09 del 23/04/2008 PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA;

Dettagli

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE PRINCIPI DI FITOPATOLOGIA DEFINIZIONE MALATTIA: insorgenza nelle pianta di processi fisiologici anormali di tipo persistente o semipersistente che

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica S. Menardo, P. Balsari Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Agrarie,

Dettagli

POSSIBILITÀ DI DIFESA DI ROSMARINO, TIMO E SALVIA ALLEVATI IN VASO DA PATOGENI FUNGINI

POSSIBILITÀ DI DIFESA DI ROSMARINO, TIMO E SALVIA ALLEVATI IN VASO DA PATOGENI FUNGINI ATTI Giornate Fitopatologiche, 2012, 2,, 593-598 POSSIBILITÀ DI DIFESA DI ROSMARINO, TIMO E SALVIA ALLEVATI IN VASO DA PATOGENI FUNGINI A. MINUTO, A. BOGLIOLO, P. VINOTTI, C. BRUZZONE, E. DANI, G. DELFINO,

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale A G E A Agenzia per le erogazioni in agricoltura Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale Associazione Produttori Olivicoli C.N.O. aderente al Finanziato

Dettagli

Nuovo antioidico per vite e melo

Nuovo antioidico per vite e melo Nuovo antioidico per vite e melo Nota Tecnica 2 Da Syngenta, l innovativo fungicida antioidico per vite da vino, vite da tavola e melo CIDELY è il nuovo antioidico per vite e melo proposto da Syngenta,

Dettagli

APPENDICE alla Guida per il corretto impiego dei prodotti fitosanitari

APPENDICE alla Guida per il corretto impiego dei prodotti fitosanitari APPENDICE alla Guida per il corretto impiego dei prodotti fitosanitari Seconda parte I PRINCIPALI PRODOTTI PER LA DIFESA DELLE PIANTE Fungicidi Insetticidi e acaricidi APPENDICE I principali prodotti per

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque.

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque. SCHEDA TECNICA Liquido Biologico per le Acque. FASCICOLO TECNICO N 001 Gennaio 2014 1 R-Life E un prodotto di nuova concezione in forma liquida, costituito un pool di batteri eterotrofi, coltivati attraverso

Dettagli

L antibotritico leader da sempre? Sicuramente SWITCH

L antibotritico leader da sempre? Sicuramente SWITCH L antibotritico leader da sempre? Sicuramente SWITCH La botrite e i marciumi secondari del grappolo di protezione complet La botrite (Botrytis cinerea) La botrite o muffa grigia della vite, causata dal

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VITICOLTURA DELL OLTREPO PAVESE

SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VITICOLTURA DELL OLTREPO PAVESE PROVINCIA DI PAVIA CO.PRO.VI. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VITICOLTURA DELL OLTREPO PAVESE COMUNICATO N. 4 DEL 15/04/2014 ANDAMENTO CLIMATICO E FENOLOGICO Nel corso della settimana le temperature

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Guida al patentino per l acquisto dei prodotti fitosanitari in Emilia-Romagna MODULO 1 (versione 1.1/2008) OBIETTIVI Al termine di questa unità sarai in grado

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

MERCURIO : FONTI E CICLO BIOLOGICO

MERCURIO : FONTI E CICLO BIOLOGICO MERCURIO : FONTI E CICLO BIOLOGICO 1 CICLO BIOGEOCHIMICO DEL MERCURIO Hg Hg ++ CH 3 Hg Hg ++ CH 3 Hg 2 MERCURIO FONTI 1 L IMMISSIONE DI Hg NELL AMBIENTE E ESSENZIALMENTE LEGATA ALL INQUINAMENTO INDUSTRIALE.

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 6 Disciplina CHIMICA ORGANICA Quinto anno Chimica e materiali Competenze acquisire i dati ed esprimere qualitativamente e quantitativamente i risultati delle osservazioni

Dettagli

Stefano Zanette Presidente Consorzio Tutela Prosecco DOC. Giorgio Piazza Presidente Consorzio Vini Venezia

Stefano Zanette Presidente Consorzio Tutela Prosecco DOC. Giorgio Piazza Presidente Consorzio Vini Venezia VADEMECUM 2015 Il Vademecum Viticolo è ormai giunto alla sua terza edizione e si consolida, anche alla luce delle esperienze maturate in una delle annate più difficili di sempre, come strumento indispensabile

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari I rischi per la salute umana e per l ambiente derivanti dall impiego di prodotti fitosanitari

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari I rischi per la salute umana e per l ambiente derivanti dall impiego di prodotti fitosanitari Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari I rischi per la salute umana e per l ambiente derivanti dall impiego di prodotti fitosanitari OBIETTIVO Ridurre i rischi e gli impatti sulla salute

Dettagli

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI NUTRIZIONE MICROBICA Riproduzione ed accrescimento PER CRESCERE CONDIZIONI AMBIENTALI MICRORGANISMI DEVONO TROVARE TERRENO COLTURALE RIPRODURSI NUTRILITI METABOLISMO NATURA Colture pure e caratteri colturali

Dettagli

I prodotti per la difesa in biologico alla luce delle recenti normative europee. F. Mazzini, L. Antoniacci (SFR) P.

I prodotti per la difesa in biologico alla luce delle recenti normative europee. F. Mazzini, L. Antoniacci (SFR) P. I prodotti per la difesa in biologico alla luce delle recenti normative europee F. Mazzini, L. Antoniacci (SFR) P. Schiatti (ProBER) Programma di revisione UE Dir. 91/414 Lista N. sostanze Scadenza 1 90

Dettagli

Come affrontare. La giusta risposta. forte che mai. permette di soddisfare queste esigenze,

Come affrontare. La giusta risposta. forte che mai. permette di soddisfare queste esigenze, Come affrontare affrontare. Esigenza primaria è ottenere, sane e di, che e della. Proprio qui noi di BASF possiamo offrire competenza ed aiuto grazie al nostro impegno che va oltre i singoli prodotti che

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 11 luglio 2008 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 L Istat rende disponibili i principali risultati dell indagine campionaria sull utilizzo dei prodotti

Dettagli

Michele Ghezzi micheleghezzi@hotmail.it, cell. 348.77.39.048

Michele Ghezzi micheleghezzi@hotmail.it, cell. 348.77.39.048 Agricoltura Biologica in Montagna e Prodotti a base di microorganismi induttori di resistenza. Certificazione Biologica. Una grande opportunità per i giovani e per la montagna? Michele Ghezzi micheleghezzi@hotmail.it,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA SERVIZIO 5 FITOSANITARIO REGIONALE

Dettagli

BIOLOGIA. 10) Quale dei seguenti organismi è sprovvisto di vertebre? a) vipera b) squalo c) aragosta d) salamandra

BIOLOGIA. 10) Quale dei seguenti organismi è sprovvisto di vertebre? a) vipera b) squalo c) aragosta d) salamandra BIOLOGIA 1) I carboidrati sono costituiti da: a) carbonio, idrogeno ed ossigeno b) carbonio ed idrogeno c) carbonio, idrogeno ed azoto d) carbonio, ossigeno ed azoto 2) In che cosa il DNA si differenzia

Dettagli

MIGLIORAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE DELLE TECNICHE DI DIFESA FITOPATOLOGICA IN VIVAIO DI VITE

MIGLIORAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE DELLE TECNICHE DI DIFESA FITOPATOLOGICA IN VIVAIO DI VITE MIGLIORAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE DELLE TECNICHE DI DIFESA FITOPATOLOGICA IN VIVAIO DI VITE Pierluigi Donna *, Marco Tonni *, Enzo Mescalchin ** * Studio Agronomico SATA (pierluigi.donna@agronomisata.it,

Dettagli

Tripidi, afidi, aleurodidi, dorifora, nottue, tignole Azadirachta indica (albero del Neem)

Tripidi, afidi, aleurodidi, dorifora, nottue, tignole Azadirachta indica (albero del Neem) ALLEGATO II B. ANTIPARASSITARI 1. Prodotti fitosanitari Condizione generali applicabili per tutti i prodotti composti o contenenti le sostanze attive appresso indicate: - impiego in conformità ai requisiti

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

Foto a cura di: Silvia L. Toffolatti, Federico Zerbetto, Andrea Pedrazzini, Davide Sordi

Foto a cura di: Silvia L. Toffolatti, Federico Zerbetto, Andrea Pedrazzini, Davide Sordi Sperimentazione effettuata nell ambito del progetto di ricerca n. 1712 Indagini territoriali sulla resistenza ai più comuni fungicidi utilizzati su vite e melo, finanziato da Regione Lombardia con il Piano

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

IASMA Notizie. Cocciniglie. Corineo e batteriosi ORTOFLOROFRUTTICOLTURA

IASMA Notizie. Cocciniglie. Corineo e batteriosi ORTOFLOROFRUTTICOLTURA IASMA Notizie ORTOFLOROFRUTTICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige n. 8 IASMA Notizie - n. 21 - Anno VIII

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Apicoltura Biologica

Apicoltura Biologica Apicoltura Biologica Malattie delle Api e Cure Per APICOLTURA BIOLOGICA si intende l allevamento di famiglie d api, secondo regole ben precise, stabilite dalle normative emesse dalla Comunità Europea in

Dettagli

Batteri (microflora) 1-2 3 500 (x 10 6 ) Funghi (microflora) 2-5 5.000-900.000. Lieviti (microflora) --- 1.000-100.000

Batteri (microflora) 1-2 3 500 (x 10 6 ) Funghi (microflora) 2-5 5.000-900.000. Lieviti (microflora) --- 1.000-100.000 La fertilità biologica La fertilità biologica è collegata all attività delle comunità biotiche residenti nel terreno che stabiliscono associazioni e biocenosi e promuovono trasformazioni metaboliche di

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

Novità. per la protezione in orticoltura. Novità Fungicidi 2013

Novità. per la protezione in orticoltura. Novità Fungicidi 2013 Novità per la protezione in orticoltura & Novità Fungicidi 2013 Indice Ricerca e innovazione per una protezione sempre più efficace delle colture orticole & Soluzioni per la protezione delle principali

Dettagli

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde BIOLOGIA del SUOLO Reazioni nel suolo Riguardano: Chimiche, poche Biologiche, la maggior parte

Dettagli

Nel fornire a viticoltori e tecnici le indicazioni pratiche per il contenimento delle più importanti avversità della vite, si è tenuto conto dei

Nel fornire a viticoltori e tecnici le indicazioni pratiche per il contenimento delle più importanti avversità della vite, si è tenuto conto dei Nel fornire a viticoltori e tecnici le indicazioni pratiche per il contenimento delle più importanti avversità della vite, si è tenuto conto dei risultati delle sperimentazioni e delle esperienze maturate

Dettagli

VII - PRINCIPI ATTIVI ANTIPERONOSPORICI

VII - PRINCIPI ATTIVI ANTIPERONOSPORICI VII - PRINCIPI ATTIVI ANTIPERONOSPORICI Il primo antiperonosporico: il rame 60 Fabio Sozzani, Simone Lavezzaro In passato erano consigliati, per ogni ettaro di vigneto, almeno una macchina a spalla, un

Dettagli

La sostanza organica del suolo

La sostanza organica del suolo La sostanza organica del suolo Per sostanza organica del terreno (SOM) si deve intendere l'insieme complesso ed eterogeneo di componenti organiche, viventi e non viventi (esclusi i residui vegetali grossolani,

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola:professionale DISCIPLINA: Scienze integrate( Scienze della Terra e Biologia) RESPONSABILE: Meri Teti CLASSI SECONDE SEZIONE B INDIRIZZO: Grafico CONOSCENZE/CONTENUTI:

Dettagli

Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite

Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite S.E. Legler, T. Caffi, and V. Rossi Istituto di Entomologia e Patologia Vegetale Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza

Dettagli

PROGETTO DERIVA (Difesa Ecosostenibile per la Riduzione dell Inquinamento nella Viticoltura Avanzata)

PROGETTO DERIVA (Difesa Ecosostenibile per la Riduzione dell Inquinamento nella Viticoltura Avanzata) PROGETTO DERIVA (Difesa Ecosostenibile per la Riduzione dell Inquinamento nella Viticoltura Avanzata) MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014 GIORNATA DIMOSTRATIVA Kit antideriva per il miglioramento delle performances

Dettagli

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino Mi450 - Fotometro per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino L Mi450 è un fotometro di facile utilizzo per la determinazione del colore e dei fenoli totali nel vino. La determinazione

Dettagli