Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice"

Transcript

1 . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico e poi alfabetico BY a b (0,1,10,11,...,19,2,20,...,a,b,c,...) Stampa di osservazioni: PROC PRINT PROC PRINT DATA=fa VAR a x y PROC PRINT DATA=fa BY a VAR x y PROC PRINT DATA=fa WHERE a='l1' VAR x y normale per livelli del criterio di classificazione "a" (dopo PROC SORT per questo fattore) solo osservazioni del livello "L1" del criterio di classificazione "a" PROC PRINT DATA=fa noobs livelli di "a" come variabile VAR x y di identificazione invece del ID a numero dell'osservazione Correlazione semplice: PROC CORR PROC CORR DATA=fa VAR x y PROC CORR DATA=fa BY a VAR x y PROC CORR DATA=fa WHERE a='l1' VAR x y normale per livelli di "a" (dopo PROC SORT per questo fattore) solo per osservazioni del livello "L1" del criterio di classificazione "a" 258

2 Esecuzione di medie per riga e per colonna : PROC MEANS e funzione MEAN DATA fa INPUT tratt $ x y z a a 4 7. e Per riga: med= (x+y+z)/3 elimina osservazioni con qualche dato mancante med= MEAN(x,y,z) media sui dati disponibili per ogni osservazione Per colonna: PROC SORT BY tratt PROC MEANS MEAN BY tratt VAR x y z PROC MEANS ha, tra le varie opzioni, SUM, CV, RANGE, MIN, MAX, STD. Per default calcola N, MIN, MAX, MEAN e STD. Oltre alla funzione MEAN, esiste SUM, STD,... e SQRT, LOG, LOG10, ARSIN utili per trasformazioni di variabile Esecuzione di medie per colonna con creazione di un file di output DATA fa INPUT fatta $ fattb $ x y s rt s rm t rt v rm PROC SORT BY fatta fattb PROC MEANS MEAN NOPRINT BY fatta fattb VAR x y OUTPUT OUT=fb MEAN=mediax mediay ed eventuale stampa del file di output PROC PRINT DATA=fb VAR fatta fattb mediax mediay 259

3 Esecuzione di tabelle: PROC TABULATE PROC TABULATE CLASS VAR TABLE...,... *... la/e variabili di classificazione la/e variabili di risposta rapporti tra variabili, e statistiche da ottenere in TABLE:, = divisione tra variabili di classificazione i cui livelli sono riportati in righe da quelle i cui livelli sono in colonne a destra della virgola si indica anche la/e variabili di risposta e la/e statistiche richieste * = ordinamento tra livelli di variabili di classificazione incrociate, o tra tali variabili e quella/e di risposta e la/e statistiche variabili indicate in parentesi separate da uno spazio bianco = variabili di classificazione non incrociate, o variabili di risposta, o statistiche richieste Le statistiche richiedibili sono: MEAN, N, SUM, STD, STDERR, MIN, MAX, RANGE, CV, VAR, ecc. L'esecuzione di tabelle separate per livelli di una variabile di classificazione "c" si ottiene inserendo l'istruzione BY c (dopo PROC SORT in funzione di tale fattore) Esempio di uso di PROC TABULATE DATA esempio INPUT fatta $ fattb fattc $ x y a 1 fi a 1 fi a 2 gi b 2 gi PROC TABULATE CLASS fatta fattb fattc VAR x y TABLE fatta*fattb, fattc*(x y)*(mean STD) L'output che si ottiene è del tipo: fi gi x y x y MEAN SUM MEAN SUM MEAN SUM MEAN SUM a a b b

4 Unione/divisione di files per riga o per colonna Data set iniziale: divisione per riga: unione per riga: DATA fa INPUT tratt $ x y z k a b e DATA fb SET fa IF tratt='a' OR tratt='b' DATA fc SET fa divisione per colonna: DATA fe SET fa KEEP tratt x DATA ff SET fa DROP tratt x unione per colonna: IF tratt NE 'a' AND tratt NE 'b' DATA fd SET fb fc DATA fg MERGE fe ff Unione di files per colonna, con numero di osservazioni differente DATA fa INPUT site $ tratt $ resa roma a 78 roma b 89 bari d 34 DATA fb INPUT site $ ei roma 83 bari 29 PROC SORT DATA=fa BY site PROC SORT DATA=fb BY site DATA fc MERGE fa fb BY site 261

5 Uso dell istruzione IF per assegnare valori a nuove variabili DATA fa INPUT condizio $ linea resa stoloni resa2 =. hi =. origine = ' ' purezza purezza consocia consocia DATA fa SET fa IF condizio = 'purezza' then do resa2 = resa hi = resa / stoloni END IF condizio = 'consocia' then do resa2 = resa * 2 END IF linea 9 then origine = 'SARDEGNA' IF linea > 9 then origine = 'LAZIO' RUN Esempio di creazione di file ASCII Nell'esempio, il file ASCII "med11.dat" viene inizialmente letto dal dischetto si crea poi un nuovo file che non contiene le osservazioni la cui variante del criterio di classificazione "ambiente" è "mor" oppure "bor" si crea infine sul dischetto il file ASCII "eser4.dat" che contiene solo 4 delle 5 variabili iniziali e, ad esempio per la variabile "resa", destina un numero complessivo di spazi 6 di cui 2 dopo la virgola più 2 spazi prima della variabile successiva. DATA a INFILE 'a:med11.dat' firstobs=2 INPUT ambiente $ cultivar $ blocco resa precoc DATA b SET a IF ambiente ne 'mor' and ambiente ne 'bor' and ambiente ne 'cas' and ambiente ne 'por' and ambiente ne 'lon' and ambiente ne 'obo' and ambiente ne 'spa'and ambiente ne 'poz' FILE 'a:eser4.dat' PUT ambiente cultivar resa blocco 1.0 RUN 262

Gianluca Della Vedova. Laboratorio Statistico-Informatico. Altre finestre. Finestre. Data Step. Data set. Data Step: Importazione.

Gianluca Della Vedova. Laboratorio Statistico-Informatico. Altre finestre. Finestre. Data Step. Data set. Data Step: Importazione. Univ. Milano Bicocca http://gianluca.dellavedova.org Lab. Statistico-Informatico Ufficio U7-244 http://gianluca.dellavedova.org gianluca.dellavedova@unimib.it 28 febbraio 2012, revisione 3fa2281 Finestre

Dettagli

GESTIONE DEGLI ARCHIVI

GESTIONE DEGLI ARCHIVI GESTIONE DEGLI ARCHIVI ARCHIVIO NON SAS ARCHIVIO NON SAS PUT FILE CARDS PASSO DI DATA SET MERGE OUTPUT UPDATE ARCHIVIO SAS ARCHIVIO SAS La lettura richiede sempre la dichiarazione INPUT in cui si indicano

Dettagli

Gianluca Della Vedova. Laboratorio Statistico-Informatico. Altre finestre. Finestre. Data Step. Data set. Data Step: Importazione.

Gianluca Della Vedova. Laboratorio Statistico-Informatico. Altre finestre. Finestre. Data Step. Data set. Data Step: Importazione. Univ. Milano Bicocca http://www.statistica.unimib.it/~dellavedova Lab. Statistico-Informatico Ufficio U7-244 http://www.statistica.unimib.it/utenti/dellavedova gianluca.dellavedova@unimib.it v. 27 Finestre

Dettagli

Struttura del sistema SAS. Introduzione a SAS SAS PROCESSING. Componenti del linguaggio SAS. a.a. 2011/12 Analisi multivariata

Struttura del sistema SAS. Introduzione a SAS SAS PROCESSING. Componenti del linguaggio SAS. a.a. 2011/12 Analisi multivariata Struttura del sistema SAS Introduzione a SAS a.a. 2011/12 Analisi multivariata Carla Rampichini rampichini@ds.unifi.it Analisi dei dati 2 passi fondamentali: 1. organizzazione dei dati; 2. analisi dei

Dettagli

3 Confronto fra due popolazioni attraverso il test t e test analoghi

3 Confronto fra due popolazioni attraverso il test t e test analoghi 3 Confronto fra due popolazioni attraverso il test t e test analoghi Consideriamo in questo capitolo gli esperimenti comprendenti un solo fattore fisso, e nel loro ambito quelli in cui questo criterio

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

LA GESTIONE DELLE DATE E DEI TEMPI. i formati delle date accettati in INPUT

LA GESTIONE DELLE DATE E DEI TEMPI. i formati delle date accettati in INPUT LA GESTIONE DELLE DATE E DEI TEMPI La data è una stringa che viene utilizzata per calcoli e, quindi, deve avere una rappresentazione interna di un numero. Le regole convenzionale per la lettura delle date

Dettagli

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan]

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility awk serve per processare file di testo secondo un programma specificato dall utente. L utility awk legge riga per riga i file ed esegue una o più

Dettagli

INTRODUZIONE AL SAS. (Prima lezione)

INTRODUZIONE AL SAS. (Prima lezione) INTRODUZIONE AL SAS (Prima lezione) 1 Premessa Il SAS, acronimo per Statistical Analysis System, è uno dei software più utilizzati per condurre analisi che vanno da semplici statistiche descrittive e inferenziali

Dettagli

PROMEMORIA: Come creare, compilare ed eseguire programmi in Fortran 95

PROMEMORIA: Come creare, compilare ed eseguire programmi in Fortran 95 Corso di Laurea in Matematica - Laboratorio di Programmazione gr.2 a.a. 2014/15 SECONDA esercitazione in laboratorio --- Creazione e modifica di files ASCII per mezzo del programma gedit. --- Uso del compilatore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE. Quaderni ASID. Quaderno 1

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE. Quaderni ASID. Quaderno 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Quaderni ASID Quaderno 1 Claudio Agostinelli e Silvia Sartorelli Introduzione al linguaggio di SAS System 2008 INDICE 1. La struttura e

Dettagli

2 Confronto fra due o più distribuzioni di frequenza

2 Confronto fra due o più distribuzioni di frequenza 2 Confronto fra due o più distribuzioni di frequenza I problemi statistici considerati in questo capitolo possono riguardare l'analisi di variabili di risposta sia qualitative, sia quantitative discrete

Dettagli

Istruzioni condizionali. Istruzioni condizionali IF-THEN- ELSE IF-THEN-ELSE. Statistica computazionale Carla Rampichini a.a.

Istruzioni condizionali. Istruzioni condizionali IF-THEN- ELSE IF-THEN-ELSE. Statistica computazionale Carla Rampichini a.a. Istruzioni condizionali Istruzioni condizionali Statistica computazionale Carla Rampichini a.a. 2008/09 Subsetting I I espressione; I-THEN-ELSE I espress THEN istr; [ELSE istr;] DO WHILE DO UNTIL I-THEN-

Dettagli

Introduzione al software SAS

Introduzione al software SAS Introduzione al software SAS Metodi Quantitativi per Economia, Finanza e Management Esercitazione n 1 Orario di ricevimento Alberto Saccardi alberto.saccardi@nunatac.it asaccardi@liuc.it Lunedì 17-18 Aula

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti)

I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti) Prof. G. Ciaschetti Conversione di un numero da binario a decimale Esercizio 1. Convertire in decimale

Dettagli

EDI Manuale Sistemista. EDI Manuale Sistemista

EDI Manuale Sistemista. EDI Manuale Sistemista EDI Manuale Sistemista Paragrafo-Pagina di Pagine 1-1 di 12 Versione 44 del 11/11/2011 SOMMARIO 1 A Chi è destinato... 1-3 2 Pre requisiti... 2-3 3 Obiettivi... 3-3 4 Durata della formazione... 4-3 5 Introduzione

Dettagli

STATISTICA MATEMATICA 1 A.A. 2006/07 LABORATORIO DI SAS A. MICHELETTI

STATISTICA MATEMATICA 1 A.A. 2006/07 LABORATORIO DI SAS A. MICHELETTI STATISTICA MATEMATICA 1 A.A. 2006/07 LABORATORIO DI SAS A. MICHELETTI LEZIONE 2: STATISTICA DESCRITTIVA Istogrammi e torte LAVORO1.SAS data lavoro1; filename dati 'c:\user\sas\laur92fs.txt'; infile dati;

Dettagli

ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti)

ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti) ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti) Realizzato da NiktorTheNat e diffuso in rete da: 8thPHLOOR Iniziato il giorno 8 febbraio 2010 - terminato il giorno

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli

ESEMPI DI QUERY SQL. Esempi di Query SQL Michele Batocchi AS 2012/2013 Pagina 1 di 7

ESEMPI DI QUERY SQL. Esempi di Query SQL Michele Batocchi AS 2012/2013 Pagina 1 di 7 ESEMPI DI QUERY SQL Dati di esempio... 2 Query su una sola tabella... 2 Esempio 1 (Ordinamento)... 2 Esempio 2 (Scelta di alcune colonne)... 3 Esempio 3 (Condizioni sui dati)... 3 Esempio 4 (Condizioni

Dettagli

Punto Print Il programma per stampare. Documentazione Tecnica

Punto Print Il programma per stampare. Documentazione Tecnica Punto Print Il programma per stampare Documentazione Tecnica 1 Punto Software di Iselle Mirko Documentazione tecnica PuntoPrint 1. Installazione Per effettuare l installazione del programma, decomprimere

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

Imparare SAS. Gianluca Della Vedova. Dipartimento di Statistica Università di Milano-Bicocca

Imparare SAS. Gianluca Della Vedova. Dipartimento di Statistica Università di Milano-Bicocca Imparare SAS Gianluca Della Vedova Dipartimento di Statistica Università di Milano-Bicocca gianluca.dellavedova@unimib.it http://www.statistica.unimib.it/utenti/dellavedova/ Versione del 21 novembre 2003

Dettagli

SQL -DDL. FONDISTA(Nome, Nazione, Età) GAREGGIA(NomeFondista, NomeGara, Piazzamento) GARA(Nome, Luogo, Nazione, Lunghezza)

SQL -DDL. FONDISTA(Nome, Nazione, Età) GAREGGIA(NomeFondista, NomeGara, Piazzamento) GARA(Nome, Luogo, Nazione, Lunghezza) 26/03/2013 SQL SQL -DDL Esercizio 4.3 Dare le definizioni SQL delle tre tabelle FONDISTA(Nome, Nazione, Età) GAREGGIA(NomeFondista, NomeGara, Piazzamento) GARA(Nome, Luogo, Nazione, Lunghezza) rappresentando

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Laboratorio di architettura degli elaboratori Progetto finale AA 2005/2006

Laboratorio di architettura degli elaboratori Progetto finale AA 2005/2006 Laboratorio di architettura degli elaboratori Progetto finale AA 2005/2006 Esercizio 1 - Heapsort Si consideri la seguente struttura dati, chiamata heap. Essa è un albero binario semi-completo (ossia un

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (6) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.0) 1 Panoramica T-SQL Variabili Controllo di flusso Trattamento errori Print Operatori e funzioni

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date;

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date; CREAZIONE STRUTTURA DI UNA TABELLA by Marinsalta Fausto CREATE TABLE Personale Matricola char(5), Cognome char(30), Nome char(20), Codfis char(16) not null, Assunzione date, Filiale smallint, Funzione

Dettagli

Stream EDitor (sed) sed NON modifica l'input 2. L'output viene inviato allo standard output e puo' essere rediretto

Stream EDitor (sed) sed NON modifica l'input 2. L'output viene inviato allo standard output e puo' essere rediretto Sed & Awk Stream EDitor (sed) sed: editor di linea che non richiede l'interazione con l'utente sed può filtrare l'input che riceve da un file o una pipe La sintassi di sed NON definisce un output: L'output

Dettagli

Aurora Martina Angelo Raffaele Meo Clotilde Moro Mario Scovazzi. Passo dopo passo impariamo a programmare con PYTHON

Aurora Martina Angelo Raffaele Meo Clotilde Moro Mario Scovazzi. Passo dopo passo impariamo a programmare con PYTHON Aurora Martina Angelo Raffaele Meo Clotilde Moro Mario Scovazzi Passo dopo passo impariamo a programmare con PYTHON Usare Python come calcolatrice Sul tuo computer clicca su: start, programmi, Python,

Dettagli

Corso di avvicinamento al Software Libero. Parte 3 Shell e Comandi

Corso di avvicinamento al Software Libero. Parte 3 Shell e Comandi Corso di avvicinamento al Software Libero Lunedi 6 Febbraio Parte 3 Shell e Comandi Formato comune dei comandi GNU/Linux-Unix comando -opz arg1 arg2... argn comando il comando che si intende dare corrisponde

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Strumenti informatici 13.1

Strumenti informatici 13.1 1 Strumenti informatici 1.1 I test post-hoc nel caso del confronto fra tre o più proporzioni dipendenti e la realizzazione del test Q di Cochran in SPSS Nel caso dei test post-hoc per il test Q di Cochran,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: RIPASSO E APPROFONDIMENTO DEGLI ARGOMENTI PRECEDENTI 1.1. Concetti elementari di informatica Algoritmo, Dato, Informazione Campi di applicazione e classificazione

Dettagli

Produzione di documenti in formato PDF con SAS System

Produzione di documenti in formato PDF con SAS System Produzione di documenti in formato PDF con SAS System Mauro Ghezzi, Giuseppe Marcon (Simbologica Srl Gruppo UP-Tecno) Abstract In questi ultimi anni Simbologica S.r.l. ha gestito la pubblicazione via WEB,

Dettagli

Calcolare il massimo di una lista

Calcolare il massimo di una lista Calcolare il massimo di una lista Ieri abbiamo imparato a calcolare il massimo di una lista predefinita: lista = [4,24,-89,81,3,0,-12,31] max = lista[0] # questo e' un commento: primo elemento di lista

Dettagli

Manuale Utente QueryGenerator

Manuale Utente QueryGenerator SOFTWARE DI GESTIONE DEL CORPUS API Manuale Utente QueryGenerator Cirass Sommario Introduzione 1 1. Presentazione 1 2. Requisiti di Sistema 2 3. Installazione 2 4. Utilizzo 3 5. Logica d interrogazione

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

CLICK ESTRAZIONE DATI ORDINI, FATTURE E PAGAMENTI

CLICK ESTRAZIONE DATI ORDINI, FATTURE E PAGAMENTI CLICK ESTRAZIONE DATI ORDINI, FATTURE E PAGAMENTI IDENTIFICATIVO VERSIONE I N D I C E 1 Generalità... 3 1.1 Scopo ed applicabilità del documento... 3 2... 4 2.1 Descrizione dei Parametri di input... 5

Dettagli

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010 Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003 Excel 2003 Excel 2010 INTRODUZIONE A EXCEL EXCEL è un programma di Microsoft Office che permette di analizzare grandi quantità di dati (database)

Dettagli

INDICE. Opzioni di stampa 2. Nuovo componente di stampa 3. Vecchio componente di stampa 6. Corso Modulo Stampa Pag. 1

INDICE. Opzioni di stampa 2. Nuovo componente di stampa 3. Vecchio componente di stampa 6. Corso Modulo Stampa Pag. 1 Prodotto da INDICE Opzioni di stampa 2 Nuovo componente di stampa 3 Vecchio componente di stampa 6 Corso Modulo Stampa Pag. 1 Capitolo VIII Modulo Stampa Paragrafo I Opzioni di stampa Il comando Opzioni

Dettagli

Operazioni di input e output in Fortran 90

Operazioni di input e output in Fortran 90 Operazioni di input e output in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica

Dettagli

LAB LEZ. 1 STATISTICA DESCRITTIVA CON R

LAB LEZ. 1 STATISTICA DESCRITTIVA CON R LAB LEZ. 1 STATISTICA DESCRITTIVA CON R 1 2 L AMBIENTE DI SVILUPPO DI RStudio 1 3 4 2 1 FINESTRA PER GLI SCRIPT E PER VISUALIZZARE I DATI 2 CONSOLE DEI COMANDI 3 VARIABILI PRESENTI NELLA MEMORIA DEL PROGRAMMA

Dettagli

Strumenti per la costruzione di modelli economici in Excel. Parte 4. Altre Funzioni

Strumenti per la costruzione di modelli economici in Excel. Parte 4. Altre Funzioni Strumenti per la costruzione di modelli economici in Excel Parte 4. Altre Funzioni Agenda 1. Obiettivi del documento 2. Funzioni basilari 3. Strumenti per analisi di sensitività 4. Strumenti di ottimizzazione

Dettagli

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Docente: Roberto Sebastiani - roberto.sebastiani@unitn.it Esercitatori: Mario Passamani - mario.passamani@unitn.it Alessandro Tomasi - alessandro.tomasi@unitn.it

Dettagli

NOTA SULL'ANALISI DI DATI SPERIMENTALI IN AGRICOLTURA TRAMITE IL SAS (Statistical Analysis System)

NOTA SULL'ANALISI DI DATI SPERIMENTALI IN AGRICOLTURA TRAMITE IL SAS (Statistical Analysis System) NOTA SULL'ANALISI DI DATI SPERIMENTALI IN AGRICOLTURA TRAMITE IL SAS (Statistical Analysis System) Seconda Edizione Marcello Donatelli e Paolo Annicchiarico ISTITUTO SPERIMENTALE AGRONOMICO ISTITUTO SPERIMENTALE

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica prova del 04/07/2008

Corso di Fondamenti di Informatica prova del 04/07/2008 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA. Corso di Fondamenti di Informatica prova del 04/07/2008 Esercizio 1 (17 punti) Il file di nome inp.dat contiene

Dettagli

Indice L Analisi dei dati con SPSS

Indice L Analisi dei dati con SPSS Indice 1 L Analisi dei dati con SPSS 1 1.1 Introduzione....................................... 1 1.2 Importazione di un file di dati.............................. 3 1.3 Preparazione di un file dati...............................

Dettagli

Shell di Linux e Comandi Utente

Shell di Linux e Comandi Utente Shell di Linux e Comandi Utente Sistemi Operativi Roberto Aringhieri DTI Crema - Università degli Studi di Milano Sistemi Operativi - Shell di Linux e Comandi Utente Roberto Aringhieri p.1/23 Outline Accesso

Dettagli

Capitolo 5 L ABAP/4 Open SQL

Capitolo 5 L ABAP/4 Open SQL Capitolo 5 L ABAP/4 Open SQL 5.1 Introduzione ABAP/4 Dictionary ABAP/4 Programs DATA BASE S T A M P A Il nostro obiettivo è ora quello di vedere come leggere, modificare, cancellare od inserire i dati

Dettagli

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT Il linguaggio SQL è un linguaggio standard per la definizione, manipolazione e interrogazione delle basi di dati relazionali ed ha le seguenti caratteristiche: è dichiarativo; opera su multiset di tuple,

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.10 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 152 - Manuale di Aggiornamento 9.3 COMMESSE E SERVIZI: Consuntivazione ore del rapportino [5.10.2/ 12] Nel modulo

Dettagli

SELECT scelta_vacanze FROM nometabella WHERE scelta_vacanze = 2

SELECT scelta_vacanze FROM nometabella WHERE scelta_vacanze = 2 Altri tipi di formati ENUM Indica a MySQL le varie possibilitã previste. Ad esempio, con: ENUM('mare','montagna','lago') Si impone l'utente la scelta di uno di queste tre possibilitã. Altri valori, saranno

Dettagli

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL In informatica il Pascal è un linguaggio di programmazione creato da Niklaus Wirth ed é un linguaggio di programmazione strutturata. I linguaggi di programmazione

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon)

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) Sed & Awk Sed e Awk sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) awk: linguaggio per l'elaborazione di modelli orientato ai campi (1977, Bell

Dettagli

Verifica parte IIA. Test (o analisi dinamica) Mancanza di continuità. Esempio

Verifica parte IIA. Test (o analisi dinamica) Mancanza di continuità. Esempio Test (o analisi dinamica) Verifica parte IIA Rif. Ghezzi et al. 6.3-6.3.3 Consiste nell osservare il comportamento del sistema in un certo numero di condizioni significative Non può (in generale) essere

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti I

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli.

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Esercizio 1 Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Tabella A 138 150 144 149 164 132 125 157 161 135 150 145 145 142 156

Dettagli

MySQL Database Management System

MySQL Database Management System MySQL Database Management System http://www.mysql.com/ DATABASE RELAZIONALI Un database è una collezione strutturata di informazioni. I database sono delle strutture nelle quali è possibile memorizzare

Dettagli

Excel Terza parte. Excel 2003

Excel Terza parte. Excel 2003 Excel Terza parte Excel 2003 TABELLA PIVOT Selezioniamo tutti i dati (con le relative etichette) Dati Rapporto tabella pivot e grafico pivot Fine 2 La tabella pivot viene messa di default in una pagina

Dettagli

Impararlo è molto semplice, esistono manuali, o meglio mattoni, su SQL, ma qui verranno illustrati tutti i comandi più utilizzati... e utili.

Impararlo è molto semplice, esistono manuali, o meglio mattoni, su SQL, ma qui verranno illustrati tutti i comandi più utilizzati... e utili. Sql è un linguaggio standard che permette di operare con i database. Per database intendo uno qualsiasi e non il solito Access, ma anche Oracle, Microsoft SQL Server, Informix, DB2, Sybase... Sql sta per

Dettagli

COMANDI MS-DOS. Per ulteriori informazioni su uno specifico comando, digitare HELP nome comando

COMANDI MS-DOS. Per ulteriori informazioni su uno specifico comando, digitare HELP nome comando COMANDI MS-DOS Per ulteriori informazioni su uno specifico comando, digitare HELP nome comando ASSOC Visualizza o modifica le applicazioni associate alle estensioni dei file. AT Pianifica l'esecuzione

Dettagli

ASP 3.0 Il Sito Dinamico

ASP 3.0 Il Sito Dinamico www.idstudio.it ASP 3.0 Il Sito Dinamico di Lorenzo Garassino Introduzione e scopo del libro 1. Scenario 1.1. Il panorama 1.2. Sito Statico o Dinamico? 1.3. Prospettive 2. Cos è ASP 2.1. Descrizione 2.2.

Dettagli

Ridirezione su/da file

Ridirezione su/da file Combinare i comandi Ogni processo è associato a tre flussi di I/O standard: lo standard input dal quale riceve gli ingressi (normalmente la tastiera) lo standard output sul quale produce le uscite regolari

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array Laboratorio di Informatica per Ingegneria elettrica A.A. 2010/2011 Prof. Sergio Scippacercola MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array N.B. le slide devono essere utilizzate solo come riferimento

Dettagli

Nozione ed uso. Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso:

Nozione ed uso. Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Nozione ed uso Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Gestione di vincoli di integrità: Per fallimento Per modifica Auditing: Sicurezza Statistiche Valori derivati

Dettagli

OSSIF WEB. Manuale query builder

OSSIF WEB. Manuale query builder OSSIF WEB Manuale query builder - Maggio 2010 1) Sommario 1) SOMMARIO... 2 INTRODUZIONE... 3 Scopo del documento... 3 Struttura del documento... 3 Descrizione dell interfaccia grafica... 3 SELEZIONE DI

Dettagli

Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB

Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB 1 Il programma MATLAB: indice Introduzione, help e files Punteggiatura e variabili Operatori Matrici Polinomi Istruzione IF-THEN-ELSE e Cicli Stringhe di testo, input ed output Grafici

Dettagli

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati.

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. 1 Esercitazione Stata 18/11/2011 ore 9-12 Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. Stata, che cos'è Stata è un software statistico

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data

Dettagli

07. Ottimizzare le istruzioni SQL

07. Ottimizzare le istruzioni SQL 07. Ottimizzare le istruzioni SQL Introduzione Union, subquery e Join Il piano di esecuzione L ottimizzatore Le statistiche Il comando EXPLAIN Gli Hint A.A. 2005 Laboratorio di basi di dati - LB 2 La UNION

Dettagli

MySQL Database Management System

MySQL Database Management System MySQL Database Management System II parte Progetto gestione booking prenotazioni on-line 1. Progettazione e creazione struttura database che chiameremo booking. 2. Progettazione e creazione di un form

Dettagli

Due algoritmi di ordinamento. basati sulla tecnica Divide et Impera: Mergesort e Quicksort

Due algoritmi di ordinamento. basati sulla tecnica Divide et Impera: Mergesort e Quicksort Due algoritmi di ordinamento basati sulla tecnica Divide et Impera: Mergesort e Quicksort (13 ottobre 2009, 2 novembre 2010) Ordinamento INPUT: un insieme di n oggetti a 1, a 2,, a n presi da un dominio

Dettagli

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI In queste lezioni impareremo ad usare i fogli di calcolo EXCEL per l elaborazione statistica dei dati, per esempio, di un esperienza di laboratorio. Verrà nel seguito spiegato:

Dettagli

scaricato da www.risorsedidattiche.net

scaricato da www.risorsedidattiche.net MOLTIPLICA E DIVIDI PER 10, 100, 1.000 A. Osserva, scrivi i risultati e poi completa la regola. X10 X1.000 X100 1 X 10 = 1 X 100 = 1 X 1.000 = Regola Se moltiplico un numero per 10 scrivo questo numero

Dettagli

In aggiunta si richiede che il server sia in grado di inviare correttamente le email da terminale e abbia un accesso costante a internet.

In aggiunta si richiede che il server sia in grado di inviare correttamente le email da terminale e abbia un accesso costante a internet. Rkhunter è un programma cacciatore di Rootkit in grado di funzionare su sistemi Linux, BSD, Solaris e *NIX. L'installazione e l'uso sono semplici, ma la documentazione non descrive operativamente la fase

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN STATISTICA STATISTICA COMPUTAZIONALE

CORSO DI LAUREA IN STATISTICA STATISTICA COMPUTAZIONALE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA STATISTICA COMPUTAZIONALE Articolazione del corso 1) SAS (Giusti) 2) R (Bertaccini) Prove di esame in aula attrezzata: 1) Prova SAS 2) Prova R 2 Introduzione Rapporto Statistica

Dettagli

Foglio di calcolo. Foglio di calcolo: nomi celle

Foglio di calcolo. Foglio di calcolo: nomi celle Foglio di calcolo L'astrazione offerta da un programma di gestione di fogli di calcolo è quella di una matrice (un foglio a quadretti). Colonne: A, B, C,... Righe: 1, 2, 3,... Ogni cella ha un nome composto

Dettagli

Informazioni generali sul corso

Informazioni generali sul corso abaroni@yahoo.com Informazioni generali sul corso Reporting direzionale Obiettivi del corso h Creare reports con DI 2 Pagina C.1 Argomenti h Cap. 13 Interruzione e Vista struttura h Cap. 14 Sincronizzazione

Dettagli

età sesso luogo-abitazione scuola superiore esperienza insegnamento 1 2 2 2 1 2 2 2 2 2 1 2 3 2 2 2 1 2 4 2 2 2 1 2 5 3 2 2 1 2 6 2 2 2 1 2 7 3 2 1 1

età sesso luogo-abitazione scuola superiore esperienza insegnamento 1 2 2 2 1 2 2 2 2 2 1 2 3 2 2 2 1 2 4 2 2 2 1 2 5 3 2 2 1 2 6 2 2 2 1 2 7 3 2 1 1 età sesso luogo-abitazione scuola superiore esperienza insegnamento 1 1 1 3 1 4 1 5 3 1 6 1 7 3 1 1 8 3 1 9 3 1 10 3 1 11 3 1 1 1 13 4 1 1 14 3 1 15 1 16 1 17 1 18 1 19 1 0 1 1 1 1 3 3 1 4 1 Come analizzare

Dettagli

DUE GRUPPI DI COMANDI

DUE GRUPPI DI COMANDI LEZIONE16 SQL DDL PAG. 1 / 9 PROF. ANDREA ZOCCHEDDU LEZIONE16 SQL DDL LINGUAGGIO SQL DATA DESCRIPTION LANGUAGE DUE GRUPPI DI COMANDI I comandi del linguaggio SQL sono divisi in due grandi gruppi che formano

Dettagli

Basi di dati e sistemi informativi I

Basi di dati e sistemi informativi I Basi di dati e sistemi informativi I mod. laboratorio Alessandro De Luca Università degli Studi di Napoli Federico II Lezione, 11 marzo 2015 Soluzione 1, creazione CREATE TABLE Impiegato ( Cod NUMBER(4),

Dettagli

METODI per effettuare previsioni con analisi di tipo WHAT-IF

METODI per effettuare previsioni con analisi di tipo WHAT-IF METODI per effettuare previsioni con analisi di tipo WHAT-IF 1. TABELLA DATI Una tabella di dati è un intervallo che mostra come la modifica di alcuni valori nelle formule ne influenza i risultati. Le

Dettagli

Istruzioni DML di SQL

Istruzioni DML di SQL Istruzioni DML di SQL Pag. 99 par.4 1 Sintassi: Costrutto: INSERT INTO (Inserimento di dati in tabelle) INSERT INTO [(, ,, )] VALUES (, ,

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Configurazione Stampe

Configurazione Stampe Configurazione Stampe Validità: Febbraio 2013 Questa pubblicazione è puramente informativa. SISECO non offre alcuna garanzia, esplicita od implicita, sul contenuto. I marchi e le denominazioni sono di

Dettagli

Utilizzare il debugger di Visual Studio

Utilizzare il debugger di Visual Studio Appendice F Utilizzare il debugger di Visual Studio Obiettivi Essere in grado di impostare i breakpoint e di eseguire un programma nel debugger. Essere in grado di utilizzare il comando Continue per continuare

Dettagli

Test Excel conoscenze di Base

Test Excel conoscenze di Base Test Excel conoscenze di Base 1)Che tipo di barra ha un foglio di calcolo, che un elaboratore testi non ha? a. La barra dei menu b. La barra della formula c. La barra del titolo d. La barra della formattazione

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

EasyRun-Light 3.5. Supervisore PC-DMIS e TutoRun

EasyRun-Light 3.5. Supervisore PC-DMIS e TutoRun EasyRun-Light 3.5 Supervisore PC-DMIS e TutoRun 1. Descrizione del programma * Permette di eseguire programmi PC-DMIS o Tutor utilizzando interfaccia semplificata. * Permette di eseguire le misure su pallet

Dettagli

Software per la diagnostica dei file batch

Software per la diagnostica dei file batch Software per la diagnostica dei file batch Premessa Il software per la diagnostica dei file batch è riservato alle società di ingegneria che effettuano comunicazione mediante file batch. L applicativo

Dettagli

Semantica dei programmi. La semantica dei programmi è la caratterizzazione matematica dei possibili comportamenti di un programma.

Semantica dei programmi. La semantica dei programmi è la caratterizzazione matematica dei possibili comportamenti di un programma. Semantica dei programmi La semantica dei programmi è la caratterizzazione matematica dei possibili comportamenti di un programma. Semantica operazionale: associa ad ogni programma la sequenza delle sue

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli