Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici"

Transcript

1 Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/ Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico Emili 1

2 Introduzione Lo strumento che proponiamo ha una duplice finalità: quella di uniformare il linguaggio di descrizione di un format didattico; quella di proporre uno strumento comune, che a livello meta, possa aiutare ogni ricercatore L4All nella descrizione (esplicitazione/formalizzazione) di format didattici sperimentati/da sperimentare. Prima di illustrare le caratteristiche che dovrebbero essere proprie di un template (metaformat) ci pare utile tentare di chiarire cosa intendiamo per format didattico. Secondo la nostra visione un format didattico è un progetto didattico che si caratterizza per avere un certo grado di astrazione e di de contestualizzazione (rispetto alla sua applicabilità/sperimentazione). Per le sue caratteristiche un format didattico è, appunto, potenzialmente trasferibile in ogni ordine e livello di scuola. Un format non è, invece, un esperienza didattica poiché in questo tipo di esperienze cercano di dare risposta a specifici bisogni (dell alunno, della classe, della scuola, del territorio ) e l elemento della contestualizzazione assume un ruolo centrale. Un format didattico si compone e si muove su tre grandi dimensioni: 1) la dimensione pedagogica e didattica, riferita al modello o ai modelli progettuali di mediazione didattica che possono essere implementati e coesistere all interno di uno stesso format; 2) la dimensione strumentale, riferita alle tecnologie che possono supportare sia i processi di insegnamento e di apprendimento sia la gestione e la valutazione del format didattico (knowledge m anagement, gestione delle valutazioni ); 3) la dimensione organizzativa, che rappresenta la cornice che fa da sfondo e che interagisce) sia con il modello/i didattico/i sia con gli strumenti che vengono adottati (ambienti virtuali, mappe concettuali, authoring tool, LIM, ebook, IPad 1 ). 1 Per una prima analisi degli strumenti si veda il documento prodotto da UniSalento 2

3 Di seguito riassumiamo le principali caratteristiche di un format didattico: è un progetto didattico con un certo grado di astrazione; è potenzialmente sperimentabile in una pluralità di contesti; i contenuti possono variare in relazione ai bisogni (di apprendimento, di socializzazione, di competenze ) del target group; le strategie di insegnamento e apprendimento possono rifarsi (senza escludere l una con l altra) a uno o più paradigmi pedagogici; Se così inteso uno degli elementi centrali di un format didattico è il modello organizzativo. Esso rappresenta l elemento a cui dovrebbero essere fortemente legate la scelta: 1) dei paradigmi didattici (e degli obiettivi/competenze che si intendono conseguire con il target group); 2) degli strumenti di monitoraggio e valutazione; 3) delle tecnologie (software e hardware) che possono supportare i processi d insegnamento e apprendimento, l interazione e lo scambio tra i principali attori del processo educativo/formativo, e la gestione della conoscenza (strumenti e ambienti di knowledge management). Senza pretesa di esaustività lo strumento che proponiamo contribuisce a rispondere alle seguenti domande: Che cos è un format didattico? Come funziona un format didattico? Come può essere riproposto e sperimentato un format didattico? Lo schema che segue propone uno schema di descrizione comune di un progetto didattico supportato dalle TIC (format) al quale ogni partner L4All può contribuire inserendo progetti che presentino le caratteristiche sopra illustrate. 3

4 Informazioni generali sul format Nome del format (es. Policultura) Ordine di scuola in cui si è sperimentato o si vuole sperimentare il format Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Secondaria di secondo grado Specificare: Licei Licei artistici e istituti d arte Istituti tecnici Istituti professionali Abstract (max 10 righe) Sintesi del format. Illustrare le principali caratteristiche del format. 4

5 Bisogni cui si cerca di dar risposta attraverso la sperimentazione del format (max 10 righe) Descrivere le motivazioni che spingono/o che hanno spinto alla sperimentazione specifica: indicare i bisogni (cognitivi, sociali, culturali ) di partenza, una breve indicazione dei passaggi storici attraverso i quali si decide di sperimentare in quel modo specifico e con quegli strumenti, le domande di cui si cerca una risposta. 1. Paradigmi pedagogici e strategie d insegnamento e apprendimento 1.1 Obiettivi didattici del format In questa dimensione si dovrebbe cercare di rispondere alle seguenti domande: - Che cosa dovrebbero apprendere gli studenti coinvolti? - Quali specifiche conoscenze, competenze, abilità, devono acquisire? - Quali competenze specifiche, quali stili cognitivi promuovere o sviluppare? 5

6 Uno strumento da utilizzare per la classificazione degli obiettivi Uno strumento utile per analizzare e definire la componente cognitiva degli obiettivi (la conoscenza/competenza/abilità proposta e, nello stesso tempo, il tipo di prestazione richiesta all utente) sono le tavole tassonomiche degli obiettivi cognitivi, da utilizzarsi contestualmente: nella fase, preliminare, della scelta degli obiettivi del progetto didattico, nella fase della costruzione operativa della sua sequenza didattica, nei momenti di controllo dei risultati ottenuti (verifica degli apprendimenti). Queste tavole sono ottimi strumenti di aiuto per i docenti in quanto rappresentano una sorta di indice sistematico delle competenze cognitive attivabili/stimolabili nello studente attraverso l esperienza didattica da consultare per pianificare, progettare e valutare la qualità dell insegnamento/apprendimento. L uso delle tavole tassonomiche è preferibile se riferito agli obiettivi cognitivi. Le tavole tassonomiche relative alle competenze affettive, estetiche, etico sociali appaiono, infatti, poco fondabili scientificamente e inevitabilmente compromesse in modo strutturale da concezioni ideologiche preliminari. La validità dello strumento è, inoltre, legata al fatto che può essere considerato rappresentativo dei più importanti approcci educativi fatti valere dalle diverse interpretazioni dell apprendimento e non è legato, quindi, in maniera vincolante a visioni univoche o settoriali dell apprendimento stesso. Tuttavia si propone qui anche una classificazione degli obiettivi compresi nella sfera emotivoaffettiva definita di socializzazione. Istruzioni per la compilazione della tabella sottostante: Utilizzare l ultima colonna della tabella per collocare gli obiettivi specifici tenendo presente che solitamente non si programmano obiettivi pertinenti a tutte le sezioni e che pertanto non è necessario completare tutte le caselle. 6

7 Obiettivi Apprendimento (cognitivo) Socializzazione Conoscere Comprendere Scoperta/invenzione Autonomia Partecipazione Condivisione Memorizzazioni: riprodurre, ripetere, fatti, concetti, processi, principi Automatismi cognitivi: classificare e ordinare secondo un criterio noto (fatti, concetti, processi e principi) Operazioni: eseguire operazioni elementari o con catenate Comprensione: descrivere, riconoscere, tradurre (fatti, concetti, processi e principi) Applicazione: eseguire/applicare/verificare fatti, concetti, processi e principi noti in ambiti nuovi Analisi e sintesi: analizzare, confrontare, indurre, sintetizzare, schematizz are, dedurre (fatti, concetti, pro cessi e principi) Intuizione e invenzione: tentare soluzioni, formulare ipotesi, riconoscere il problema chiave, estrapolare leggi e principi, inventare per analogia, formulare soluzioni nuove Saper far scelte individuale rispetto al proprio percorso personale; ecc. consapevole all esperienza sociale attraverso la conoscenza e la pratica critica delle regole della coesistenza culturale ed esistenziale di saperi, progetti, valori con altri singoli e gruppi Contenuti Sapere Ripetere (es: Conoscere: il significato di i fenomeni che caratterizzano, ecc.) es. Conoscere le origini del concetto, il percorso storico del fenomeno, ecc. Descrivere le caratteristiche di, riconoscere gli elementi più significativi di, riconoscere i problemi/ le conseguenze legati/e a, Saper fare.. Imparare ad imparare (utilizzare gli strumenti del pensiero scientifico per imparare altro) es. Svolgere un compito con l applicazione di una regola, Partire dall esperienza per confrontare, dedurre altre conoscenze Partire dalle motivazioni e dalle emozioni (vissuto) del soggetto per attivare processi di invenzione e intuizione. Es. attraverso attività di problem solving Es: uso del computer come strumento per l elaborazione e la conservazione di una documentazione del proprio itinerario culturale Es: la rete (internet) come luogo in cui si conoscono e si praticano le regole dei suoi tanti tavoli di discussione (scambio economicoculturale, confronto tra impostazioni politiche, fedi, interessi) Es: la rete come luogo di costruzione sociale della conoscenza (e come sperimentazione di cooperative learning) Tabella adattata dalla Tavola delle specificazioni prodotta dal gruppo di ricerca coordinato dal prof. Guerra che riprende a sua volta e la Tavola tassonomica degli obiettivi di Frabboni Arrigo 2 2 G. Arrigo, F. Frabboni (a cura di) Programmare nella scuola elementare: dieci tassonomie disciplinari per la scuola elementare, Nicola Milano Editore, Bologna,

8 1.2 Strategie d insegnamento e apprendimento attivate/attivabili (max righe) Le strategie didattiche dovrebbero essere legate (o almeno coerenti) sia agli obiettivi didattici sia ai contenuti che si vogliono veicolare. Esempi di strategie d insegnamento e apprendimento (indicare una o più strategie) sono: Lezione frontale Esercitazioni Discussioni (brainstorming) Lavoro cooperativo (ogni alunno fa un compito specifico del lavoro generale) Lavoro collaborativo (tutti gli alunni possono contribuire contemporaneamente a lavorare su uno specifico oggetto per raggiungere un risultato comune) Learning by doing Autoapprendimento con sistema di supporto (tutor) Autoapprendimento Problem solving Webquest Game based learning Simulazioni in ambienti virtuali immersivi Altro. (specificate) 8

9 1.3 Metodi e strumenti di monitoraggio e valutazione (max righe) ALCUNE PRECISAZIONI La valutazione serve per giudicare sia il raggiungimento degli obiettivi (conoscenze, competenze, abilità) e, quindi, i profitti sia i processi di insegnamento/apprendimento attivati/attivabili. Per quanto riguarda la valutazione riferita al profitto, avendo preventivamente stabilito gli obiettivi da raggiungere, è possibile distinguere la valutazione in: diagnostica o iniziale, effettuata prima di attivare un percorso didattico per accertare, per esempio, le conoscenze già in possesso; intermedia o formativa, attivata durante il processo di apprendimento per permettere di verificarne l andamento e poter eventualmente effettuare delle modifiche in itinere del processo s tesso; sommativa o finale, che si compie al termine dell unità didattica o dell intero percorso didattico per verificare il livello di apprendimento (i risultati ottenuti, le competen ze/ conoscenze acquisite dal discente nell esperienza didattic a). Gli strumenti di valutazione degli apprendimenti sono molteplici, ma principalmente classificabili in prove chiuse o aperte. Le prove chiuse sono quelle strutturate e oggettive, tradizionalmente utilizzate per la valutazione di obiettivi di natura prettamente informativo riproduttiva (si veda la sfera del conoscere nella tabella degli obiettivi). I vantaggi di questo tipo di strumenti sta nel fatto di rendere facilmente e velocemente valutabili le prove stesse (ad esempio con l uso di procedure automatizzate che possono fornire un feedback immediato corrispondente alla validità o meno della risposta3. Altre prove possono, invece, prevedere un feedback da parte di un docente e, quindi, richiedere allo studente di produrre, per esempio, un saggio breve o completare un brano che deve essere sottoposto a correzione e richiedere tempo per ottenere un feedback. Le prove aperte sono non strutturate e, in quanto tali, non valutabili automaticamente da un sistema di verifica (automatizzata o semplificata attraverso l uso, per esempio, di schede delle risposte corrette ). Di conseguenza aumenta il livello di impegno e di tempo impiegato 3 I sistemi informatici più in uso possono prevedere, infatti, un feedback ad ogni risposta (o batteria di risposte), corretta o non corretta, dello studente con una giustificazione, un indicazione esplicativa o un suggerimento per eventuali approfondimenti necessari a seguito, per esempio, di un errore specifico. 9

10 da parte del docente nel processo di valutazione. Le prove di questo tipo hanno, però, il vantaggio di poter valutare l impegno, la creatività particolare, l effettiva interpretazione di quanto studiato dallo studente. Tra le due tipologie di strumenti di valutazione possono esserci anche prove semistrutturate che sono finalizzate ad enfatizzare la qualità della valutazione, ma mantenendo un approccio di tipo quantitativo. Per quanto riguarda, invece, la valutazione dei processi quello che deve essere monitorato è il percorso stesso di insegnamento e di apprendimento: il complesso di atteggiamenti, emozioni e apprendimenti collaterali che lo accompagnano al fine di mettere i partecipanti e il docente nelle condizioni di adattare e regolare il processo stesso in fase operativa (per esempio si possono valutare: l interazione docenti studenti, docenti docenti, studenti studenti; l efficienza e l efficacia della cooperazione e della collaborazione, ecc.). Valutazione di: Profitti (raggiungimento obiettivi) Tipologia Indicare i tempi, le modalità e la sequenza Iniziale Intermedia Finale Strumenti Indicare quali Prove chiuse Es: prove del tipo vero/falso, domande a risposta multipla, corrispondenze, esercizi, risoluzioni di problemi con percorso obbligato, ecc Prove aperte Es: questionari aperti (serie di domande che prevedono risposte aperte), elaborazioni di testi/temi, attività di ricerca, esperienze di laboratorio, partecipazione a forum o newsgroup telematici di discussione su un determinato tema/argomento, l interrogazione orale Prove semistrutturate es: saggio breve con indicazione dei punti da sviluppare, completamento di un brano Supporti tecnici eventualmente usati es. quiz HotPotatoes, blog, eportfolio, Processi Aspetti valutabili Breve descrizione/elenco Interazioni es. Quantità e/o frequenza, contenuti delle interazioni (principali motivazioni), tra studenti e studenti, docenti studenti (e viceversa), ecc. Cooperazione Nello svolgimento di un compito, prevista o meno, facilitata da, ecc. Collaborazione Nello svolgimento di un comp ito, prevista o meno, facilitata da, ecc. Atteggiamenti Positivi o negativi, rilevanti o meno per il giusto svolgimento del processo, Motivazione Elementi che rivelano aumento o diminuzione della motivazione, Emotività Momenti in cui si evidenzia in positivo o in negativo, elementi che ne favoriscono la messa in evidenza, Socializzazione altro Strumenti Es. eportfolio 4 4 Per una definizione di eportfolio si veda: 10

11 1.4 Modalità di coinvolgimento e cooperazione tra gli insegnanti/scuole/famiglie/territorio ( max 10 righe) Indicare se e come si ritiene che vengano (oppure che sono state) attivate forme di coinvolgimento e/o cooperazione tra insegnanti, scuole, famiglie e territorio (enti e servizi dell extrascuola ) 1.5 Attenzione alla dimensione inclusiva (max 10 righe) Alcuni degli indicatori per comprendere la dimensione inclusiva del format didattico potrebbero essere: 1. Attenzione nella dimensione progettuale alla dimensione inclusiva 2. Accessibilità e usabilità delle strumentazioni e degli ambienti che si utilizzano a supporto dei processi di insegnamento e apprendimento 3. Attenzione alla dimensione didattica (differenziare obiettivi e strategie didattiche per rispondere alla diverse specificità individuali/gruppali) e organizzativa (setting, tempi, risorse ) anche rispetto agli alunni con deficit 5 ; 4. Livello di coinvolgimento e partecipazione del singolo studente, della classe, della scuola, della famiglia, del territorio 5. 5 È importante a nostro avviso un chiarimento terminologico. Con la parola deficit intendiamo una qualsiasi menomazione fisica (oggettiva) che può essere biologica o acquisita e che può ostacolare in una persona una o più abilità (deficit motorio, cognitivo, uditivo, visivo ); con la parola handicap intendiamo invece una situazione di svantaggio derivata dall incontro tra la persona e il contesto in cui vive (non sempre l handicap è causato dal deficit). Il lavoro che va fatto è sulla riduzione delle barriere ambientali, strumentali, sociali e culutrali, che possono creare in ognuno di noi situazioni handicappanti. Come afferma Canevaro Occorre accettare il deficit e ridurre l handicap. Per questo assume grande centralità anche nel nostro discorso il concetto del Design for all. 11

12 1.6 Benefici didattici del format (elencare i benefici) Elencare i principali benefici che il format può aiutare a conseguire a livello di acquisizione di abilità e competenze: Esempi 6. Capacità cognitive e sociali di base e superiori (si veda lo schema al punto 1.1) Competenze trasversali (abilità linguistiche, capacità di studio e approfondimento autonomo, problem solving, capacità relazionali ) Competenze di cittadinanza (Imparare ad imparare; Progettare; Comunicare; Collaborare; Agire in modo autonomo e responsabile; Risolvere problemi; Individuare collegamenti e relazioni; Acquisire e interpretare l informazione). - Il concetto di competenza digitale evidenzia la coesistenza di dimensioni più marcate su tre diversi versanti, oltre alla loro integrazione: versante tecnologico: saper esplorare e affrontare con flessibilità problemi e contesti tecnologici nuovi; versante cognitivo: saper leggere, selezionare, interpretare e valutare dati e informazioni sulla base della loro pertinenza ed attendibilità; versante etico: saper interagire con altri soggetti in modo costruttivo e responsabile avvalendosi delle tecnologie; integrazione delle tre dimensioni: saper comprendere il potenziale offerto dalle tecnologie per la condivisione delle informazioni e la costruzione collaborativa di nuova conoscenza. 6 L esempio fa riferimento alle indicazioni fornite dall Università di Perugia nel documento redatto dall Università di Bologna Analisi delle interviste e formulazione ipotesi Track 1. 12

13 2. Organizzazione Indicare nella tabella sottostante gli elementi che costituiscono l organizzazione del format Compilare la tabella seguendo gli esempi che vengono forniti. Dimensioni Esempi Descrizione Setting Disposizione degli spazi fisici/strumenti/ambienti/modalità di lavoro in classe (piccolo gruppo ); relazione con il curriculum; comunicazione docenti/allievi e interazione allievi/allievi Tempi tempi complessivi, ordine e durata temporale delle diverse fasi, propedeuticità di un elemento rispetto agli altri, Risorse umane e competenze figure professionali coinvolte (insegnati, educatori, formatori, esperti, tecnici) e competenze specifiche (dei contenuti, degli strumenti, delle strategie didattiche, ) Ambienti (reali e virtuali) (elenco di:) tipologie di ambienti utilizzati nell implementazione del format. 2.2 Workflow e procedure Rappresentazione grafica e breve descrizione procedurale dell organizzazione del format Tool comune per informatizzare il workflow? Suggerimenti partner tecnologici? 13

14 3. Tecnologie 3.1 Strumenti e ambienti (reali e virtuali) utilizzati Illustrare tutti gli strumenti e ambienti utilizzati/utilizzabili (pc, LIM, ebook, Podcast, altri software e hardware) e, laddove ci siano, le possibili connessioni e interazioni tra gli stessi (LIM e ebook, Smartpone e LIM, piattaforma virtuale e classe ecc.) 3.2 Competenze tecniche richieste per (docenti, studenti, progettisti ) In riferimento all elenco degli strumenti individuare le competenze specifiche richieste per un corretto uso degli stessi. 4. Raccomandazioni tecniche, organizzative e didattiche per l implementazione ottimale del format (max righe) 14

15 5. SWOT (punti di forza, debolezza, opportunità, minacce): Esempio di compilazione: S Se il format è usato in chiave meta e fantacognitiva permette a ogni studente di costruire e creare conoscenza e non solo di riprodurla. O Il format può essere realmente utilizzato in diversi contesti e livelli: istruzione, formazione professionale, università. W Il carattere sequenziale delle attività di lavoro non permette al fruitore dell esperienza di realizzare percorsi personalizzati di navigazione e costruzione della conoscenza. T Poca attenzione agli aspetti Pedagogici e Didattici inerenti l introduzione critica delle tecnologie in classe. 6. Riferimenti biblio sitografici (opzionale) Indicare eventuali riferimenti utili per approfondire alcuni aspetti emersi nella descrizione del format 7. Parole che potrebbero essere indicizzate (almeno 5 parole) Indicare le parole chiave che si ritengono maggiormente utili per poter catalogare il format 15

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300)

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) Classe Indirizzo Denominazione disciplina N ore /sett. Anno scolastico 2009/2010 I SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing 2 Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) PREMESSA Il computer è

Dettagli

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 204-205 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Syllabus a.a. 204-205 versione.0 BREVE INTRODUZIONE AL MODULO Il Syllabus indica

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO Karol Wojtyla Classe: Disciplina: TECNOLOGIA Prof.ssa Mariani Paola PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano Candidata: Maria Ghirardi LA MIA CLASSE La mia classe V di scuola primaria è composta da 20 bambini, di cui 11 maschi e 9 femmine. Tra i

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

Scheda descrittiva del Laboratorio Didattico

Scheda descrittiva del Laboratorio Didattico Scheda descrittiva del Laboratorio Didattico Tipologia: Recupero e consolidamento delle capacità linguistiche Recupero e consolidamento delle capacità logiche Recupero e consolidamento delle capacità matematiche

Dettagli

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto SCUOLA CAPOFILA: Istituto Omnicomprensivo Bianchi- Scigliano SCUOLE IN RETE: Istituto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

Progetto di Valutazione Dell Istituto

Progetto di Valutazione Dell Istituto Progetto di Valutazione Dell Istituto ANNO SCOLASTICO 2013/14 SCUOLA INFANZIA PRIMARIA FINALITA Il presente progetto di valutazione, da attuarsi nell anno scolastico 2013/2014, è volto al potenziamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE. QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 3, di cui 2 in compresenza

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE. QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 3, di cui 2 in compresenza I.I.S. Fermi Galilei via S. G. Bosco, 17-10073 Cirié (TO) tel. 011.9214575-011.9210546 011.9214590 fax 011.9214267 cod. meccanografico TOIS04900C CF: 92047280018 e-mail: fermi@icip.com email: TOIS04900C@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

PROGRAMMA DI LABORATORIO TRATTAMENTO TESTI

PROGRAMMA DI LABORATORIO TRATTAMENTO TESTI PROGRAMMA DI LABORATORIO TRATTAMENTO TESTI classi seconde beat ANNO SCOLASTICO 2010/2011 prof. Sergio Sapetti INDICE 1. Conoscenze disciplinari... 3 2. Competenze trasversali... 3 3. Metodi... 3 4. Strumenti...

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale ITE Falcone e Borsellino Classe: IV ITE Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Materia: LABORATORIO DI INFORMATICA ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI INFORMATICA E LABORATORIO Anno Scolastico: 2014_-_2015 CLASSI 1 e e 2 e CORSI:

Dettagli

Ore settimanali di lezione: 3 h di cui 2 in compresenza con l insegnante di Lab. di Informatica prof.ssa De Gasperi Emanuela

Ore settimanali di lezione: 3 h di cui 2 in compresenza con l insegnante di Lab. di Informatica prof.ssa De Gasperi Emanuela Anno scolastico 2014 / 2015 Piano di lavoro individuale IIS Bressanone ITE Falcone Borsellino Classe: III ITE Insegnante: AMALFI MARIA Materia: INFORMATICA Ore settimanali di lezione: 3 h di cui 2 in compresenza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.SSA Claudia Zardini MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 Finalità della disciplina Nell ambito dell intero processo

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe:

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: 1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (situazione

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA Anno Scolastico 2014/2015 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: GRAFICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA SECONDO BIENNIO/QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITÀ Conoscere

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

PROGETTO PLURIENNALE MATEMATICA & COMPUTER: dalla scuola Primaria alla scuola secondaria di II grado

PROGETTO PLURIENNALE MATEMATICA & COMPUTER: dalla scuola Primaria alla scuola secondaria di II grado Università della Calabria - Via Ponte P. Bucci, Cubo 30/A CAMPUS DI ARCAVACATA - 87036 Rende (CS) ITALY Tel. e Fax +39 0984 496492 496493 WEB SITE URL: http://cird.unical.it. mail: cird@unical.it PROGETTO

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Patrizia

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Un impianto elettrico civile

Un impianto elettrico civile UNITA di APPRENDIMENTO Denominazione Un impianto elettrico civile Compito - Prodotti Si tratta di redigere uno schema di un impianto civile, utilizzando un software specifico Copie di relazioni tecniche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD)

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) Art.5 D.M. n. 5669/2011; Linee guida per diritto studenti con DSA

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento CLASSE 5 a A Serale Comprendente: 1. UDA 2. CONSEGNA AGLI STUDENTI 3. PIANO DI LAVORO 4. RELAZIONE INDIVIDUALE DELLO STUDENTE 5. GRIGLIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016 Istituto di Istruzione Superiore "Don Lorenzo Milani" - Gragnano (NA) Istituto Tecnico Commerciale e Turistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/2016

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Organizzazione didattica e processi valutativi

Organizzazione didattica e processi valutativi Organizzazione didattica e processi valutativi Giovanni Moretti Dipartimento di Scienze della Formazione Corso di Studio in Scienze dell Educazione a.a. 2014-2015 Suddivisione in Moduli Modulo - Percorso

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4^ ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

SUCCESSO SCOLASTICO, COMPETENZE DI BASE, EQUITA DEGLI ESITI

SUCCESSO SCOLASTICO, COMPETENZE DI BASE, EQUITA DEGLI ESITI PROGETTO READY TO GO SUCCESSO SCOLASTICO, COMPETENZE DI BASE, EQUITA DEGLI ESITI DESCRIZIONE Il progetto ha come obiettivo quello di accrescere le competenze di base, il recupero degli alunni con carenze

Dettagli

Laboratorio di robotica: proposte per alcune attività didattiche di Cristana Bianchi Descrizione dell unità di lavoro e apprendimento L unità di lavoro viene programmata e realizzata con l intento di introdurre

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA

PROGRAMMA DI INFORMATICA LICEO SCIENTIFICO STATALE A. MESSEDAGLIA -VERONA Via Bertoni, 3b 37121 VERONA tel 045.596432-8034772 fax 045.8038213 Classe 2 Sezione G Anno scolastico 2014/2015 PROGRAMMA DI INFORMATICA docente: prof.

Dettagli

PIANO SCUOLA DIGITALE

PIANO SCUOLA DIGITALE Ufficio V PIANO SCUOLA DIGITALE INIZIATIVA EDITORIA DIGITALE SCOLASTICA LINEE GUIDA 1. L iniziativa Editoria Digitale Scolastica La recente normativa sui libri di testo, tra cui in particolare l art.15

Dettagli

Istituto Comprensivo Pescara 3. Progetto Bambino oggi, cittadino domani

Istituto Comprensivo Pescara 3. Progetto Bambino oggi, cittadino domani Istituto Comprensivo Pescara 3 Progetto Bambino oggi, cittadino domani Progetto per l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione in un percorso curricolare verticale anno scolastico 2015/2016 1 Presentazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO CLASSE : _I DISCIPLINA: IGIENE, ANATOMIA, FISIOLOGIA_

PIANO DI LAVORO CLASSE : _I DISCIPLINA: IGIENE, ANATOMIA, FISIOLOGIA_ I.P.S.I.A E. DE AMICIS di ROMA PIANO DI LAVORO CLASSE : _I DISCIPLINA: IGIENE, ANATOMIA, FISIOLOGIA_ LIVELLI DI PARTENZA A TEST UTILIZZATI PER LA DIAGNOSI DELLA CLASSE Testo libero, in forma discorsiva

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI Scuola Secondaria di I grado Considerate la vastità degli argomenti trattati e le esigenze peculiari di ogni classe, ciascun insegnante deciderà quali unità didattiche

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA CLASSE II A ANNO SCOLASTICO 2013/2014 La programmazione del

Dettagli

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Anno scolastico 2014/2015 Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Gli alunni stranieri per i quali si prevedere la progettazione di un Piano Didattico Personalizzato sono quelli non ancora

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE COMPLETO DI ASOLA (MN) Via Raffaello Sanzio 4, Asola (MN) tel. 0376/710279 : fax 0376/720953 www.istitutocomprensivoasola.gov.it

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) MATERIA: INFORMATICA TRIENNIO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZO : Sistemi Informativi Aziendali Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Identificare, interpretare

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: Perata Simonetta CLASSE: IV A c SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso base L uso dei blog nella didattica delle discipline artistiche Criteri per la selezione di software

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

IL CURRICOLO AGITO: Metodi, metodologie, ambienti di apprendimento, didattica per competenze

IL CURRICOLO AGITO: Metodi, metodologie, ambienti di apprendimento, didattica per competenze IL CURRICOLO AGITO: Metodi, metodologie, ambienti di apprendimento, didattica per competenze Pordenone, Trieste, Udine 11 dicembre 2013 Gorizia 12 dicembre 2013 A cura dello Staff regionale per le misure

Dettagli

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali:

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali: ICS G. CAPPONI Provincia: Milano Comune: Milano Indirizzo: Via Pestalozzi 13 E-mail della scuola: elementare.pestalozzi@icscapponi.it Dirigente: prof.ssa Giuseppina Izzo Progetto Dai 5 agli a 11 anni:

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici)

INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici) INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 2 Grado (Programmi sintetici) B) Area: METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE PER L INSEGNAMENTO DISCIPLINARE (learning by doing) B1) METODOLOGIA DIDATTICA

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita.

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. - 1 - 1 - PREMESSA a) La cultura della tecnica nel curricolo

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

Capitolo 11 Un esempio concreto

Capitolo 11 Un esempio concreto Capitolo 11 Un esempio concreto Questa è una storia vera e narra di come da un corso in presenza con un supporto su Web si è arrivati ad un corso completamente online, i problemi affrontati nel passaggio

Dettagli