7 I convertitori Analogico/Digitali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7 I convertitori Analogico/Digitali."

Transcript

1 7 I converiori Analogico/Digiali Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso e che visualizza il risulao in forma numerica su un disposiivo di visualizzazione (display).lo schema a blocchi di un volmero digiale è mosrao in fig. 7.1; S() KS() () Condizionam Visualizzaz ADC mp analogico Numerica Fig Schema a blocchi di un generico volmero digiale In ale schema sono preseni: una sezione di condizionameno del segnale in ingresso, cosiuia da sadi di amplificazione/aenuazione e filraggio, con il compio di adaare la dinamica del segnale per i blocchi successivi un converiore analogicodigiale (ADC) un blocco di elaborazione del segnale digiale, cosiuio da un microprocessore, il quale ha il compio di elaborare il risulao numerico fornio dal converiore per mosrarlo nella forma più conveniene ( ad es. in cifre decimali ) un blocco di visualizzazione La sezione di condizionameno è cosiuia da pariori resisivi, che hanno la funzione di riparire la ensione in ingresso se il suo valore supera la poraa massima dello srumeno e da amplificaori a guadagno variabile, che adaano il valore della amplificazione alle singole porae. Uno semplice schema di condizionameno è mosrao in fig In ingresso vi è un divisore resisivo 1:1, che riduce di un faore 1 il valore della ensione di ingresso, se queso è elevao; vi è poi un amplificaore operazionale in configurazione non inverene, il cui guadagno vale per basse e medie frequenze: A = e può essere variao selezionando diversi valori delle resisenze pose in conroreazione. Ad esempio se la poraa massima dello srumeno è 1 V, una ensione di 1 V sarà divisa per 1 e amplificaa di un faore 1 (scegliendo 2 pari a zero), una ensione di 1 V sarà divisa per 1 e amplificaa per 1 (scegliendo un valore di 2 pari 9 vole 1)e così via. Un paramero molo imporane del blocco di condizionameno è la impedenza di ingresso, che coincide con quella dello srumeno. La resisenza di ingresso di un volmero influenza direamene la precisione della misura, poiché può causare un assorbimeno di poenza non nullo dello srumeno e quindi una perurbazione del sisema ed un errore di misura, è necessario che essa sia più elevaa possibile. In genere una configurazione ad operazionale come quella di fig 7.2 presena una impedenza di ingresso dell orine dei 1 MΩ per le ale porae, che può essere aumenaa fino a 1 1 Ω, per le basse porae, uilizzando configurazioni a FET. 1 Divisore 1: o ADC Fig Semplice configurazione di blocco di condizionameno

2 Il converiore analogicodigiale è il cuore di ui gli srumeni di ipo numerico; vi sono moli ipi di ADC in commercio con differeni caraerisiche e presazioni, infai il principio di funzionameno ne influenza in modo deerminane sia la risoluzione che la velocià di conversione. Una prima classificazione può essere faa fra: 1) converiori isananei 2) converiori ad inegrazione. I primi, generalmene più veloci, deerminano il valore del segnale in deerminai isani, sono perano uilizzai in paricolare quando si abbia un segnale variabile nel empo uniamene a disposiivi di campionameno e di enua (sample&hold) in ingresso. Fig Segnale approssimao con gradini. In queso modo il segnale analogico è approssimao da una successione di gradini, ognuno dei quali di ampiezza pari al valore del segnale nell isane precedene di campionameno (fig. 7.3). Il volmero digiale allora provvede alla elaborazione dei campioni converiii dall ADC ed a deerminare i parameri fondamenali come ad esempio il valor medio e quello efficace di un generico segnale alernao. Se in uno o più periodi del segnale sono conenui N campioni il valor medio e quello efficace sono dai rispeivamene da: V V m 1 N 1 T*V(nT) = 1 N 1 = V(nT) NT n= N n= 1 N 1 T*V (nt) = 1 N 1 2 = V (nt) NT n= N n= 2 2 eff dove: T (supposo cosane) è pari al periodo di campionameno cioè alla disanza emporale fra due campioni successivi V(nT) è il valore assuno dal segnale negli isani di campionameno. Dalle 1 e 2 è inolre possibile deerminare il valore efficace della sola componene alernaa, mediane la relazione: Vca 2 2 = Veff Vm Quese relazioni permeono una deerminazione esaa dei parameri del segnale solo se l inervallo di empo considerao coniene un numero inero di periodi del segnale, per queso moli srumeni di precisione deerminano prevenivamene il periodo del segnale da misurare, adaando di conseguenza la propria frequenza di campionameno Fig Approssimazione per difeo. A vole più semplicemene deerminano un sooinsieme dei campioni acquisii coneno in uno o più periodi del segnale, in queso modo però non c è perfea sincronizzazione con il clock che da il

3 comando di campionameno e nasce un errore dovuo al fao che si rischia o di rascurare una porzione del periodo del segnale (fig. 7.4), oppure di considerarne una pare di roppo. L errore può comunque essere ridoo eseguendo una media di misure su più periodi, in queso modo si riduce il peso relaivo dell approssimazione, ma aumena il numero di campioni richiesa e dunque il empo di misura. Supposo di poer oenere una efficace sincronizzazione, bisogna annoverare l errore inrodoo dall aver approssimao una forma d onda coninua con una cosiuia da un insieme discreo di puni, uavia queso errore si riduce drasicamene uilizzando un campionameno fia con moli puni e osservando che, per segnali alernai con andameno regolare del ipo di fig. 7.5, si ha una compensazione dell errore fra la salia (dove il segnale è approssimao per difeo) e la discesa (dove è approssimao per eccesso). Fig Approssimazione per difeo in fase di salia, per eccesso in discesa. Quesi meodi di misura, basai sull uso di espressioni numeriche, risulano paricolarmene vanaggiosi (in ermini di precisione) in paricolare nel caso di rasformazioni non lineari, come la deerminazione del vero valore efficace di una grandezza non sinusoidale, poiché permeono di eviare l impiego di disposiivi non lineari di ipo analogico. Le presazioni, in ermini di velocià e di precisione, dipendono dalle caraerisiche dei blocchi analogici di ingresso (banda passane, linearià) ma soprauo dal converiore ADC (frequenza di campionameno, numero di bi, idealià). I converiori ad inegrazione vengono invece più diffusamene uilizzai per misure di ensioni coninue, grazie alla loro elevaa reiezione al rumore sovrapposo al segnale. In paricolare quesi converiori hanno largo impiego nei mulimeri, dove ogni grandezza in ingresso è converia in ensione coninua, è possibile, mediane converiori ACDC, converire una ensione alernaa in ingresso, in un valore cosane pari rispeivamene : al valor medio al valore di picco al valore efficace. Lo schema a blocchi di un mulimero che misura ensioni coninue (DC) ed alernaa (AC) è mosrao nella fig v() Vdc Converiore ACDC V ADC up Display Fig Misura del valor medio di un segnale alernao mediane uno srumeno numerico In linea di principio, per misure su ensioni cosani, è possibile uilizzare anche i converiori isananei, prendendo i valori negli isani di campionameno; uavia i volmeri ad inegrazione, poiché eseguono una media del segnale in un cero numero di periodi, eliminano il rumore di ipo gaussiano (che ha media nulla), perano essi permeono, senza eccessive complicazioni circuiali, di avere una risoluzione molo elevaa, fino a 24 bi e più. La presenza del rumore degrada invece la misura eseguia con uno srumeno a valore isananeo, se il converiore ha un numero di bi elevai, le ulime cifre del risulao subirebbero comunque delle oscillazioni dovue alle fluuazioni casuali sovrappose al segnale, rendendo inuile una grande risoluzione del converiore.

4 I converiori ad inegrazione invece porebbero essere uilizzai, in via del uo ipoeica, anche per misure di ensione alernaa, ma essi richiedono un empo di conversione elevao (dell ordine delle decine di ms), in genere conenene uno o più periodi del segnale e dunque effeuando una inegrazione essi danno un valore in uscia comunque nullo. Se del reso si uilizzasse una ecnica di campionameno con enua, non avrebbe senso il loro impiego per due moivi: 1) il empo di conversione dei disposiivi ad inegrazione risula comunque eccessivo 2) il segnale in uscia al S/H non ha rumore sovrapposo e dunque non è richieso un converiore con elevaa reiezione al rumore. Infai il S/H provvede ad eliminare il rumore sovrapposo al segnale eseguendo un filraggio di ipo passa basso, grazie all elemeno di memoria, che in genere è cosiuio da una capacià I principali crieri di scela di un converiore si basano su considerazioni riguardani: a) il ipo di segnale in ingresso b) il empo di misura richieso c) la precisione volua d) la complessià ecnologica e) il coso f) l evoluzione ecnologica di alcuni disposiivi Poiché le caraerisiche e le presazioni di un volmero numerico dipendono prevalenemene dal converiore, nel seguio si esamineranno alcuni ipi di ADC oggi preseni sul mercao e si parlerà indifferenemene di volmeri e converiori Converiore a rampa analogica. volmero di ipo isananeo conversione ensioneempo Si basa sulla misura di un inervallo di empo proporzionale al valore della ensione in ingresso. Lo schema a blocchi è mosrao in fig. 7.7; Vx FILTO COMP1 MISUATOE INTEVALLO DI TEMPO CLOCK VISUALIZZ. Vr COMP2 LOGICA DI CONTOLLO ON OFF GATE CONTATOE GENEATOE DI AMPA CICUITO DI SINCONISMO Fig Schema a blocchi di un volmero a rampa analogica. sono preseni: un filro in ingresso un generaore di una ensione a rampa (Vr) due comparaori analogici, in cui la ensione Vr è comparaa sia con la ensione incognia Vx, sia con una ensione noa (in genere il valore zero) una logica di conrollo un blocco di gae che si apre e chiude comandao in base all uscia dei due comparaori un generaore di impulsi di clock un conaore numerico

5 Vr Vx GATE CLK ON OFF Fig Schema di principio del funzionameno del volmero a rampa analogica. Il principio di funzionameno è illusrao in fig. 7.8: viene generaa una ensione a rampa (che può avere indifferenemene pendenza posiiva o negaiva) e viene misurao l inervallo di empo fra l isane di aperura e quello di chiusura del gae, comandao dai due comparaori. Ad esempio nel caso di pendenza della rampa negaiva e ensione incognia posiiva, si ha aperura del gae quando Vr inconra Vx e chiusura quando la rampa inerseca lo zero; il conaore cona il numero di impulsi del clock conenui nella finesra emporale Ton in cui è rimaso apero il gae. Se la ensione incognia è negaiva (fig. 7.9) quando Vr passa per zero viene apera la pora e quando Vr inerseca Vx viene chiusa; perano è compio del circuio di conrollo deerminare in quale dei due casi ci si rovi ed inerpreare la commuazione di uno dei comparaori. Vr Vx GATE CLK ON OFF Fig Principio di funzionameno nel caso di ensione incognia negaiva La ensione incognia risula proporzionale al empo di aperura Ton, il quale può essere deerminao semplicemene dal numero di impulsi di clock conai. Infai la ensione a rampa è definia da una relazione del ipo: Vr=k* 7.5 dove il coefficiene angolare k vale ΔV/Ton per cui la 1.1. diviene: ΔV=VxV1=kTon 7.6 se la ensione V1 coincide con lo zero si ha: Vx=k*Ton=k*(nTck) 7.7 Perano, poiché la pendenza della rampa è imposa e la frequenza del clock è noa, è possibile deerminare il valore della ensione incognia semplicemene dal numero n di impulsi conai. Le Caraerisiche fondamenali di queso converiore sono: semplicià di realizzazione; precisione dipendene da (i) linearià della rampa (ii) sabilià dell oscillaore e (iii) comporameno dei comparaori che può modificare le soglie di scao;

6 velocià di conversione dipendene dalla pendenza della rampa; possibilià di cambiare il fs dello srumeno semplicemene variando la pendenza della rampa, manenendo il empo di misura cosane; reiezione al rumore bassa, rispeo ai normali volmeri ad inegrazione, perano del rumore sovrapposo al segnale porebbe provocare commuazioni spurie dei comparaori ed il risulao della misura porebbe essere affeo da errore Converiore a rampa numerica. La circuieria inerna di queso converiore è abbasanza semplice, essendo essenzialmene cosiuia da un conaore digiale poso in ingresso ad un converiore D/A. In Fig.7.1 è riporao lo schema a blocchi di queso converiore. Ingresso Comparaore Tensione d'ingresso D/A Uscia numerica Uscia del D/A Logica di Conaore Clock conrollo Fig.7.1 Schema a blocchi di un converiore A/D a rampa numerica. [s] L'uscia di un generaore di clock viene inviaa, mediane alcuni circuii logici di conrollo, ad un conaore. Gli impulsi di clock fanno incremenare l'uscia digiale del conaore e, di conseguenza, anche l'uscia analogica del converiore D/A di un LSB alla vola. Un comparaore analogico provvede a confronare l'uscia del D/A con il segnale da misurare ed apre il collegameno ra il generaore di clock ed il conaore quando l'uscia del D/A supera la ensione di ingresso. L'uscia del conaore rappresena il codice digiale corrispondene alla ensione di ingresso. Queso converiore è relaivamene leno. Il empo di conversione dipende anche dall'ampiezza del segnale in ingresso (se l'ingresso è prossimo allo zero la rampa numerica raggiunge rapidamene queso valore) ed è pari al massimo a 2 N vole il empo necessario ad effeuare un ciclo di confrono. Se l'ingresso non è cosane (es. c'è del rumore sovrapposo) l'uscia digiale non è sabile, cioè queso converiore ha una piccola reiezione al rumore di modo serie. La velocià di misura è legaa a quella del D/A e del comparaore. L'errore dipende anche dalla sabilià ed accuraezza del D/A e del riferimeno di ensione. 7.4 Converiore ad inseguimeno. Un migliorameno delle presazioni del converiore a rampa numerica può essere oenuo sosiuendo il conaore con un conaore avani/indiero (up/down). Il converiore a rampa numerica infai ad ogni ciclo di conversione viene reseao e fao riparire da zero. Queso converiore invece, eseguia una conversione, invece di riparire da zero pare dallo sao relaivo all'ulima conversione. A seconda del confrono ra il valore della ensione d'ingresso e della ensione generaa dal D/A, il generaore di clock provvederà all'avanzameno in avani o indiero del conaore. In queso modo, ipoizzando che il segnale d'ingresso non abbia variazioni roppo rapide, il empo per eseguire la conversione risula noevolmene ridoo. Lo schema a blocchi di queso disposiivo è riporao in Fig.7.11.

7 Ingresso Comparaore Uscia numerica D/A Conaore UP/DOWN UP Logica di conrollo Clock DOWN Fig.7.11 Schema a blocchi di un converiore A/D ad inseguimeno Converiore ad inegrazione Il converiore ad inegrazione è un converiore ensionefrequenza (V/f), infai, queso converiore genera un reno di impulsi con frequenza proporzionale alla ensione da converire. La misura di ale frequenza si esegue conando il numero di impulsi generai durane un inervallo di empo di duraa prefissaa. Lo schema a blocchi di queso converiore è riporao in Fig Il segnale da misurare, che si ipoizza di ampiezza posiiva, genera una correne che araverso la 1 va al circuio inegraore e viene inegraa dando luogo in uscia ad una rampa negaiva. Ogni vola che ale rampa araversa la soglia di scao V s, l'uscia del comparaore aiva un generaore di impulsi che genera un impulso di ampiezza V rif cosane e duraa τ. Tale impulso viene inviao ramie la 2 all'ingresso dell'inegraore. Se l'ampiezza dell'impulso è molo maggiore della ensione d'ingresso, si genererà una rampa posiiva in uscia dall'inegraore (si scarica la capacià, porando la rampa d'uscia a zero). Ingresso I1 1 I2 2 C Inegraore V s Comparaore Generaore di impulsi Conaore Clock V rif Uscia numerica τ V s V rif T Fig Schema a blocchi di un converiore a conversione V/f. A regime nel circuio sarà presene un reno di impulsi di correne che bilancia la correne d'ingresso secondo la relazione 1 : 1 L'effeo della V in sulla carica di C è coninuo, cioè l'inegraore inegra la V in per ua la duraa del ciclo di misura. Se si considera un empo pari ad 1s, la carica Q1 dovua alla V in è daa da:

8 Vin I T I T V rif 1 = 2τ = τ Vin V 1 = rif rif 1 2 f = kf k = V 1 τ τ dove f è la frequenza degli impulsi. La ensione d'ingresso è quindi legaa alla frequenza f secondo una cosane di proporzionalià k che dipende dai valori di alcuni elemeni del circuio. Se la ensione d'ingresso aumena, la rampa in uscia dall'inegraore decresce più rapidamene, producendo impulsi a frequenza maggiore. Poiché il coneggio avviene in un inervallo di empo fissao, il converiore in praica esegue una inegrazione dell'ingresso in queso inervallo di empo e quindi il sisema ha una elevaa reiezione al rumore di modo serie. La precisione è legaa alla sabilià del generaore di impulsi (carica rasferia alla capacià), alla linearià dell'inegraore, alla linearià ed offse del comparaore, alla sabilià della ensione di riferimeno, alla sabilià delle resisenze ed al valore dell'inervallo di empo in cui si misura la frequenza. Uno degli svanaggi di queso sisema è che se la ensione d'ingresso varia roppo rapidamene o presena un elevao rumore sovrapposo al segnale, non si raggiunge mai la condizione di bilanciameno e quindi una leura valida Converiore a doppia rampa. Lo schema a blocchi di queso converiore è riporao in Fig È essenzialmene cosiuio da: un inegraore; un comparaore di zero; un generaore di ensione di riferimeno; un circuio per la misura dei empi. Ingresso C Inegraore Comparaore V rif Clock Logica di conrollo Conaore Uscia numerica Fig Schema a blocchi. La misura avviene in due momeni disini (fig. 7.14): Ic Iu Vx C Vr Id Fig Fasi in cui avviene la misura 1) il segnale da misurare viene applicao all'ingresso del circuio ed ha inizio la fase di conversione; l'inegraore provvede ad inegrare la ensione d'ingresso per un inervallo di empo cosane (T u ); Vs 1 1s Q C V d 1 1 = 1 = C V. in 1 1 L'effeo della V rif sulla carica di C è relaivo solo alla duraa τ degli impulsi generai, cioè la carica dovua alla I2 in 1s è pari a: 1 1s Q C V d 1 C V d 1 2 = 2 = rif = C V rif τ f essendo τ la duraa di un impulso ed f la frequenza degli impulsi. Poiché a regime le due cariche si bilanciano si oiene che Q1=Q2, da cui la (514).

9 la ensione all'uscia dell'inegraore aumena linearmene con velocià dipendene dall'ampiezza della ensione di ingresso; la misura dell'inervallo di empo cosane di inegrazione avviene mediane un oscillaore (che genera un segnale a frequenza noa) ed un conaore che ne cona gli impulsi generai. Quesa fase è dea di runup. 2) dopo il empo T u, il circuio di conrollo commua l'ingresso dell'inegraore verso una ensione di riferimeno, di ampiezza noa e segno opposo a quello della ensione da misurare e riaiva il circuio per la misura dell'inervallo di empo. Avviene quindi una seconda fase di inegrazione durane la quale la ensione si riduce a zero. Quando essa raggiunge lo zero il comparaore segnala il passaggio per lo zero dell'uscia dell'inegraore alla logica di conrollo che inerrompe il coneggio degli impulsi. Tensione uscia inegraore Fondo scala Tu Tempo fissao Td Tempo misurao Fig Principio di misura. La forma d'onda del segnale in uscia all'inegraore è riporaa in Fig In essa sono riporai i segnali nel caso di misura di re diversi livelli di ensione in ingresso. Gli inervalli di empo T u (fisso) e T d, che dipende dalla ensione incognia, sono dai dalla relazione 2 : Tu Vrif d = Vx = V T rif 7.9 Td Vx Tu essendo il empo Td dao da: T d =N d *T c, dove N d è il numero di impulsi conao durane il empo T d e T c il periodo di oscillazione del clock. Poiché V rif, T u e T c sono noi si oiene una relazione di proporzionalià fra la ensione incognia ed il numero di impulsi conai: Vrif V x = T TN V N c d = d rif = knd 7.1 u Nu I vanaggi di queso converiore possono essere riassuni nelle segueni affermazioni: a) la precisione risula indipendene dalla sabilià a lungo ermine del clock e del circuio inegraore (infai nella 7.1 non compaiono né, né C né il periodo dell oscillaore), ma dipende solo dal riferimeno di ensione e dalla linearià dell'inegraore. b) la misura risula essere indipendene dal rumore periodico se esso ha periodo che è soomuliplo di T1 (reiezione al rumore di modo serie). Per queso moivo T1 è muliplo del periodo della ensione di ree, essendo i disurbi prodoi da converiori saici e da carichi empo variani i più 2 Quesa relazione deriva dal fao che l'inegraore alla fine del empo T1 avrà in uscia una ensione di: T d = x x u C V C V T Durane la seconda fase d'inegrazione si pare da queso valore di ensione e si arriva a zero per cui si puo' scrivere che: V(TuTd)= da cui: 1 1 1= 2 C VxT C Vr T.

10 difficili da eliminare. Il empo di inegrazione T1 viene normalmene fissao a 1 o 2 ms. Nei volmeri ad inegrazione, che adoano queso ipo di converiore, T1 è comunque legao alla frequenza della ensione di alimenazione, ramie un apposio circuio emporizzaore. Per quesi moivi è possibile realizzare converiori con elevao numero di bi (ad esempio 18 con conseguene risoluzione dello,4%). Perano quesa ecnica si adoa diffusamene quando sono richiese precisioni elevae senza velocià spine, si possono infai oenere risoluzioni dell'ordine del μv con empi di conversione della decina di ms Converiore ad approssimazioni successive. In queso disposiivo (Fig. 7.24) esise una opporuna caena di reazione che fa variare l uscia si un converiore D/A fin quando essa non uguaglia la ensione del segnale analogico che si vuole misurare. Il conrollo del converiore avviene mediane un regisro ad approssimazioni successive (SA). Il SA pone ad 1 il bi più significaivo (Mos Significan Bi), che corrisponde a meà valore della poraa dell A/D. Il comparaore confrona l'uscia del D/A con l'ingresso analogico ed in base all'esio di queso confrono decide se lasciare queso bi ad 1 (uscia D/A < ingresso) o se porlo a (uscia D/A > ingresso). Il confrono prosegue con il bi successivo, con la sessa ecnica. Dopo N confroni il SA conerrà il valore numerico corrispondene all'ingresso analogico. Le limiazioni di precisione sono legae al rumore dell'amplificaore d'ingresso e del comparaore, olre che alla sabilià del riferimeno di ensione ed all'errore del D/A. Le caraerisiche principali di queso converiore sono del uo simili a quelle dell'a/d a rampa numerica, escluso che la velocià è molo maggiore ed è cosane, poiché ui i bi devono essere valuai per eseguire la conversione. Queso ipo di converiore ha una elevaa risoluzione: da 8 a 18 bi (risoluzioni da.4% a.4%), e basso consumo di poenza (versioni CMOS). La velocià di conversione non è paricolarmene elevae (da 1 μs a 5 μs) e ne limia, quindi, il funzionameno a velocià di campionameno inferiori ad 1 MSample/s. Ingresso Comparaore Tensione d'ingresso Uscia numerica D/A SA Logica di conrollo Clock Uscia del D/A [s] Fig Schema a blocchi di un converiore ad approssimazioni successive Converiore di ipo parallelo (flash). Queso ipo di converiore è il più veloce ra quelli esiseni sul mercao. Lo schema a blocchi di queso disposiivo è riporao in Fig Esso è essenzialmene cosiuio da 2 N 1 comparaori analogici che confronano il segnale d'ingresso con 2 N 1 valori diversi di ensioni di riferimeno. Tali valori sono spaziai ra loro di un inervallo di ensione corrispondene ad 1 LSB e vengono oenui ramie una caena di resisori ed un generaore di ensione di riferimeno. Quando si esegue la conversione, i comparaori, la cui ensione di riferimeno è inferiore a quella d'ingresso, presenano una uscia a livello logico alo menre gli alri preseneranno una uscia a livello basso (codifica ermomerica). Poiché la logica dei comparaori non è di ipo binario, è necessario inserire

11 un circuio di codifica per realizzare la codifica in binario. Il vanaggio maggiore è dovuo al fao che ui i comparaori eseguono il confrono nello sesso isane (in modo parallelo), riducendo il processo di quanizzazione ad un solo passo. Diverse sono le sorgeni d errore. Errori saici sono inrodoi dai comparaori sia come ensioni di offse, che come correni di offse e di bias (ali correni producono delle cadue di ensione nelle resisenze del pariore, che si sommano alle ensioni di offse); alri errori sono dovui alla ree resisiva. Errori dinamici sono dovui ai comparaori (jier di aperura), ai diversi riardi dei lahes (delay mismach), alla capacià non lineare d ingresso (paralello delle impedenze dei comparaori). Lo svanaggio è dovuo alla crescia del numero dei comparaori all'aumenare del numero di bi del converiore (255 per 8 bi, 123 per 1 bi, 495 per 12 bi, per 16 bi). I converiori flash hanno da 4 ad 8 bi, con frequenze di conversione generalmene inferiori ai 5 MHz. V rif 3/2 Ingresso Circuio di codifica /2 f c Fig.7.25 Schema a blocchi di un converiore A/D di ipo parallelo. Un modo per ridurre il numero dei componeni consise nell'eseguire la conversione in due sadi, come riporao in Fig.7.26 per un disposiivo ad 8 bi. Ingresso A/D a 4 bi D/A a 4 bi A/D a 4 bi egisro ad 8 bi Uscia digiale Fig.7.26 Converiore A/D di ipo parallelo a due sadi. Il segnale d'ingresso, converio mediane il primo sadio, viene inviao ad un converiore D/A e sorao dal segnale d'ingresso. La differenza ra quesi segnali viene nuovamene converia dal secondo sadio; può essere previso un blocco di amplificazione del segnale differenza prima del secondo converiore (se i due A/D sono perfeamene uguali dovrà essere eseguia una amplificazione per 16). Le uscie dei due converiori rappresenano rispeivamene i 4 bi più e meno significaivi. Inserendo un blocco per riardare l uscia digiale del primo A/D, è possibile far eseguire al

12 primo sadio la conversione di un nuovo campione menre il secondo A/D ermina la conversione del primo (funzionameno in pipeline). Nauralmene ciò che si guadagna dal puno di visa della complessià circuiale lo si perde in ermini di velocià e di un maggior numero di imperfezioni circuiali. Infai con sadi di conversione a 4 bi e frequenza di funzionameno di 5 1 MSample/s si oengono converiori ad 8 bi a 2 MHz. Quesi converiori hanno in genere dagli 8 ai 12 bi, con frequenze di conversione inferiori agli 8 MSample/s Converiori A/D muliplexai. Una ecnica per aumenare la frequenza di campionameno consise nel porre in parallelo dei converiori A/D facendoli lavorare in modo muliplexao. In Fig.7.27 è riporao lo schema a blocchi di queso converiore. In quesa figura sono riporai quaro converiori ai cui ingressi sono posi quaro blocchi di S/H, ui collegai ad un unico ingresso analogico. Il campionameno ed il manenimeno del dao avvengono nei S/H su comando di quaro diversi segnali di conrollo, generai da un apposio circuio. In paricolare i quao segnali di conrollo hanno frequenza pari ad 1/4 della frequenza complessiva di campionameno del segnale di ingresso x(). S/H A/D x() S/H A/D S/H A/D S/H A/D Conrollo Fig.7.27 Schema a blocchi di un converiore A/D di ipo muliplexao. Se ad esempio i converiori hanno una frequenza massima di funzionameno di 25 MSample/s, con lo schema di Fig.7.27 si oiene una frequenza di campionameno di 1 Gsample/s.

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Appunti di. Misure elettroniche Prof. Ferrero Andrea Pierenrico. Fiandrino Claudio

Appunti di. Misure elettroniche Prof. Ferrero Andrea Pierenrico. Fiandrino Claudio Appunti di Misure elettroniche Prof. Ferrero Andrea Pierenrico Fiandrino Claudio 8 luglio 2009 1 Indice 1 Incertezze 4 1.1 Nozioni di metrologia....................... 4 1.2 Tipi di incertezze.........................

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

Serie PicoScope 3000

Serie PicoScope 3000 YE AR Serie PicoScope 3000 I MIGLIORI OSCILLOSCOPI ALIMENTATI TRAMITE USB Potenza e portatilità. Perché accontentarsi? Memoria buffer da 128 M Decodifica seriale Analizzatore di spettro da 200 MHz Generatore

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? Un convertitore DC / DC è utilizzato, generalmente, quando la tensione di alimentazione disponibile non è compatibile

Dettagli

ADC-20/ADC-24. Registratori di dati ad alta risoluzione. Manuale d'uso. adc20.it r4 Copyright 2005-2013 Pico Technology Limited. All rights reserved.

ADC-20/ADC-24. Registratori di dati ad alta risoluzione. Manuale d'uso. adc20.it r4 Copyright 2005-2013 Pico Technology Limited. All rights reserved. ADC-20/ADC-24 Registratori di dati ad alta risoluzione Manuale d'uso I Indice Indice 1 Introduzione...1...1 1 Panoramica 2 Informazioni...2...2 1 Avviso sulla sicurezza...3 2 Informazioni leg ali...3 3

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Manuale d Istruzioni Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Introduzione Congratulazioni per aver acquistato la Pinza Amperometrica Extech EX820 da 1000 A RMS. Questo strumento misura

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli