Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A."

Transcript

1 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle aste utilizzando i seguenti metodi: metodo dell equilibrio ai nodi; metodo delle sezioni di Ritter; metodo diretto (applicazione del principio dei lavori virtuali (..V.) ad una catena cinematica reticolare definita a partire dalla travatura data) Figura Schema della travatura reticolare TR#

2 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi.. Valutazione dell isostaticità della travatura ondizione necessaria per l isostaticità ( l 0) Si valuta il grado di labilità apparente, l, della travatura interpretandola come un sistema in cui i nodi (soggetti ai carichi esterni concentrati o alle reazioni vincolari esterne) sono gli elementi dotati di gradi di libertà di corpo rigido ( G.. nel piano); mentre le aste (non soggette a carichi esterni direttamente applicati su di esse) vengono considerate come dei pendoli interni (di molteplicità unitaria) che collegano i nodi stessi. ertanto si può scrivere: l n a e , essendo: n = numero dei nodi; a = numero delle aste; e = molteplicità globale dei vincoli esterni. a condizione necessaria per l isostaticità della travatura reticolare è quindi soddisfatta. ondizione sufficiente per l isostaticità a travatura in esame è a maglie triangolari semplici ed è quindi un sistema strettamente indeformabile. ssa può considerarsi come un unico corpo rigido piano vincolato all esterno con vincoli di molteplicità globale e 3 ; è sufficiente pertanto verificare l efficacia cinematica dei vincoli esterni. on riferimento alla Figura, nella quale la campitura delle maglie triangolari indeformabili aiuta ad interpretare la travatura come un unico corpo rigido piano, si può verificare l efficacia cinematica dei vincoli... r r.. Figura nalisi dell efficacia cinematica dei vincoli l centro assoluto di rotazione del sistema per la presenza della cerniera deve coincidere con l occhio della cerniera stessa, per la presenza del carrello deve appartenere alla retta r ortogonale al piano di scorrimento del carrello passante per. Non potendo essere soddisfatte contemporaneamente le due condizioni se ne deduce che non esiste un centro assoluto di rotazione. ertanto anche la condizione sufficiente per l isostaticità della travatura risulta soddisfatta e il sistema, nel suo complesso, risulta isostatico. TR#

3 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi.. eterminazione delle reazioni vincolari esterne Metodo analitico Si risolve il sistema in termini di reazioni vincolari esterne; a tal fine si considera lo schema di corpo libero nel quale i vincoli esterni sono sostituiti dalle reazioni che essi sono potenzialmente in grado di esplicare. Tali reazioni si applicano con versi arbitrari, ad esempio concordi a quelli del sistema di riferimento adottato, così come illustrato in Figura 3: R R R Figura 3 Schema di corpo libero per la determinazione delle reazioni vincolari con metodo analitico Si hanno in questo caso 3 componenti di reazioni incognite determinabili attraverso le 3 equazioni cardinali della statica, in dettaglio: F 0 R 0 R F 0 R R 0 R R R M 0 R 0 R l valore analitico della reazione opposto a quello ipotizzato in Figura 3. n definitiva si ha: R risulta negativo, pertanto il verso effettivo del vettore R risulta TR# 3

4 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi R= R= R= Figura Travatura reticolare equilibrata Metodo grafico È possibile ricavare le reazioni vincolari con il metodo grafico, a tal fine è conveniente considerare ciascun carico singolarmente e applicare il principio di sovrapposizione degli effetti. Risulta utile traslare il carico applicato sul nodo parallelamente alla sua retta d azione in modo da centrarlo rispetto alle rette d azione delle reazioni dei vincoli in e, applicando ovviamente il momento dovuto al trasporto come ulteriore condizione di carico da equilibrare R R R Figura 5 Schema per la determinazione delle reazioni vincolari con metodo grafico Si studiano quindi le condizioni di carico in maniera indipendente ricavando, per ognuna di esse, le corrispondenti reazioni vincolari che vengono evidenziate con colori diversi per una più chiara comprensione. TR#

5 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi R= / / / / / / / / R= R= Figura 5bis Travatura equilibrata (risolta con metodo grafico e principio di sovrapposizione degli effetti) È facile verificare che i valori delle reazioni vincolari determinati per via grafica coincidono con quelli valutati per via analitica. 3. alcolo degli sforzi normali Metodo dell equilibrio ai nodi Tale metodo si basa sulla considerazione che una struttura reticolare isostatica, soggetta per ipotesi a forze applicate ai nodi (siano esse carichi esterni o componenti di reazioni vincolari esterne), è in equilibrio se è in equilibrio ogni suo nodo. on riferimento alla Figura può osservarsi quanto segue. Ogni nodo, supposto estratto dalla struttura, è soggetto a forze esterne (carichi o reazioni vincolari esterne) e ad azioni provenienti dalle aste che in esso concorrono. e forze esterne sono note in intensità, direzione e verso. e azioni delle aste sono note solo in direzione (quella dell asse dell asta) essendo incogniti intensità e verso. intensità e il verso delle azioni delle aste sul nodo (e di conseguenza degli sforzi normali sulle aste) possono valutarsi applicando la condizione di equilibrio al nodo che, nel piano, si traduce nelle due condizioni di equilibrio alla traslazione orizzontale e verticale. TR# 5

6 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. asta #i RO STRNO o RZON VNOR STRN Ri Ni NOO GNRO ZON ST SU NOO SFORZ NORM SU ST Figura Nodo estratto da una travatura reticolare piana e forze su di esso agenti a condizione di equilibrio al nodo può essere imposta ovviamente sia con procedimento grafico, richiedendo la chiusura del poligono delle forze agenti sul nodo, che con procedimento analitico e ciò attraverso la scrittura di due equazioni di equilibrio alla traslazione. È evidente quindi che le azioni incognite valutabili non possono essere più di due. Un nodo nel quale tale circostanza è verificata è detto nodo canonico. Una struttura reticolare è a nodi canonici se, rimossi (o risolti) i nodi canonici e le aste che vi concorrono, i nodi rimanenti sono ancora canonici. Una travatura a nodi canonici può essere completamente risolta applicando il metodo in esame in modo sequenziale, considerando cioè di volta in volta l equilibrio di un nodo canonico. È opportuno osservare infine che, una volta individuata l azione di un asta su un nodo, resta individuata anche l azione della stessa asta sull altro nodo di estremità, azione che deve essere uguale in modulo (e direzione) e di verso opposto! on riferimento alla travatura in esame un nodo canonico da cui poter iniziare la procedura risolutiva è ad esempio il nodo (o alternativamente il nodo ), in quanto su di esso le azioni incognite sono soltanto due, ovvero le azioni delle aste e che vi concorrono. ome già osservato, nell imporre le condizioni di equilibrio al nodo occorre considerare non gli sforzi normali N i sulle aste bensì le azioni aste al nodo che, per il rincipio di zione e Reazione, avranno uguale modulo e direzione di opposto (Figura ). R i trasmesse dalle N i ma verso Sul nodo (cerniera esterna) agiscono le due componenti di reazione vincolare precedentemente valutate, R e R, e le forze (azioni) che le aste e trasmettono sul nodo, denotate con R ed R, entrambe incognite da determinare (Figura 7). TR#

7 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. R 5 R Figura 7 quilibrio al nodo (metodo analitico) er convenzione si ipotizza che le azioni R ed R abbiano verso uscente dal nodo, circostanza che equivale a considerare le aste in trazione (nel seguito tale convenzione verrà assunta per ogni nodo anche quando non esplicitamente detto). valori delle azioni R ed R si possono determinare scrivendo le (due) equazioni cardinali della statica relativamente ai due gradi di libertà (traslazioni nelle direzioni ed ) del nodo. on riferimento allo schema di Figura 7 può scriversi: F 0 R R 0 R F 0 R 0 R asta è in trazione (tirante), e ciò in quanto il valore analitico determinato per R è positivo e quindi il verso ipotizzato è corretto, mentre l asta è in compressione (puntone) dal momento che il valore analitico di R è negativo e quindi il verso corretto è opposto a quello ipotizzato in Figura 7. l metodo dell equilibrio ai nodi può, ovviamente e spesso in modo più speditivo, applicarsi per via grafica. a condizione di equilibrio al nodo si traduce graficamente nella condizione di chiusura del poligono delle forze così come riportato nello schema seguente. a costruzione, a scala fissata, di tale poligono fornisce in direzione e verso i valori delle azioni incognite agenti sul nodo. R= R 5 R= R Figura 8 quilibrio al nodo (metodo grafico) TR# 7

8 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. Un efficace visualizzazione delle azioni ( R ) trasmesse dalle aste al nodo e delle azioni (sforzi trasmesse dal nodo alle aste in esso concorrenti è riportata nella Figura seguente. i N i ) N R N R N N R R Figura 9 zioni sul nodo e sforzi nelle aste all esame della Figura 9 si comprende come, una volta risolto il nodo, si conoscono di conseguenza le azioni dell asta sul nodo e dell asta sul nodo. Quest ultimo, tuttavia, non è ancora diventato un nodo canonico in quanto risultano incognite le azioni delle aste 3, 5 e su esso concorrenti. l nodo invece, noto il valore di R, è canonico, poiché risultano incognite solo le azioni R 3 ed R, che possono essere univocamente determinate attraverso due equazioni di equilibrio, scritte qui di seguito con riferimento allo schema di Figura 0: R3 3 5 R= R Figura 0 quilibrio al nodo (metodo analitico) F 0 R3 R 0 R 0 R F 0 R3 0 R3 0 ssendo il valore analitico di R negativo, il verso corretto è opposto a quello ipotizzato e l asta è in compressione (puntone), l asta 3 risulta scarica. TR# 8

9 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. on metodo grafico risulta: R= R3=0 R3 3 R= R= R Figura quilibrio al nodo (metodo grafico) e, analogamente a quanto fatto in precedenza, si ha: R R R3 R= N N 3 R3 Figura zioni sul nodo e sforzi nelle aste Risolto il nodo, si conoscono le azioni dell asta sul nodo e dell asta 3 sul nodo (nulla nel caso esaminato). ntrambi i nodi e sono diventati canonici, in quanto per ogni nodo risultano incognite solo due azioni, rispettivamente, R 5 ed R per il nodo, R 5 ed R 7 per il nodo. a scelta di uno tra i due è indifferente, nel seguito si considera dapprima il nodo : 3 5 R3=0 R= R5 R 5 Figura 3 quilibrio al nodo (metodo analitico) TR# 9

10 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. F 0 R R5 0 R F 0 R5 0 R5 versi di R 5 ed R ipotizzati in Figura 3 sono corretti ed entrambe le aste 5 e sono quindi in trazione (tiranti). on il metodo grafico risulta: R5= R= R= 3 5 R3=0 R= R R5 Figura quilibrio al nodo (metodo grafico), in definitiva: R5 N5 5 3 N5 R3=0 R5 N R R= R N Figura 5 zioni sul nodo e sforzi nelle aste Risolto il nodo, si conoscono le azioni dell asta 5 sul nodo e dell asta sul nodo ; per entrambi i nodi ed l unica incognita da determinare risulta ora l azione trasmessa dall asta 7 ( R 7 ). Ricavata R 7, imponendo l equilibrio in uno qualsiasi di questi due nodi, nel nodo rimanente tutte le azioni (siano esse azioni trasmesse dalle aste siano, come nel caso del nodo, reazioni vincolari esterne precedentemente determinate) sono note; le due equazioni di equilibrio dovranno essere allora identicamente soddisfatte, questa circostanza può essere riguardata come una procedura di verifica dei risultati trovati. TR# 0

11 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. Si ricava il valore dell incognita R 7 imponendo l equilibrio del nodo : R= R5= 5 5 R7 7 Figura quilibrio al nodo (metodo analitico) n presenza di una sola incognita è sufficiente scrivere una sola condizione di equilibrio, ad esempio quella in direzione, si ha: F 0 R7 0 R 7 ( ) onsiderando il valore R7 la condizione di equilibrio in direzione è identicamente soddisfatta, si ha infatti: F 0 R7 0 l valore analitico determinato per R 7 è negativo e quindi il verso corretto è opposto a quello ipotizzato in Figura e l asta 7 è in compressione (puntone). on il metodo grafico si ha: R= R7= R5= R= R5= 5 R7 7 Figura 7 quilibrio al nodo (metodo grafico), in definitiva si ha: TR#

12 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. R= R5= 5 R7 N7 7 N7 R7 Figura 8 zioni sul nodo e sforzi nelle aste a condizione di equilibrio del nodo, nel quale tutte le azioni sono note, è identicamente soddisfatta come risulta dalle equazioni seguenti scritte con riferimento alla Figura 9. 5 R7= 7 R= Figura 9 quilibrio al nodo (metodo analitico) F 0 R7 R 0 F 0 R7 0 conferma del risultato trovato, con il metodo grafico si ottiene che il poligono delle forze (costituito da azioni tutte note) è chiuso: TR#

13 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. R= R7= 7 OK! R7= R= Figura 0 quilibrio al nodo (metodo grafico) n definitiva gli sforzi normali nelle aste della travatura esaminata risultano: N N N 3 N5 N7 5 7 N7 N N5 N N N N Figura Sforzi normali nelle aste della travatura reticolare valori numerici degli sforzi sulle aste sono invece riportati nella Tabella che segue: sta Sforzo normale omportamento N TRNT N UNTON 3 N3 0 / N UNTON 5 N N5 TRNT TRNT 7 N7 UNTON a quanto sin qui sviluppato è evidente che il metodo dell equilibrio ai nodi risulta facilmente applicabile a strutture con un limitato numero di nodi (come quella in esame ad esempio). Nella maggioranza TR# 3

14 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. dei casi pratici però la determinazione degli sforzi nelle aste può diventare eccessivamente onerosa richiedendo la soluzione di molti nodi. Nell analisi di questi sistemi strutturali inoltre è spesso sufficiente conoscere lo sforzo solo in alcune aste. er travature a sostegno di grandi coperture ad esempio può essere importante conoscere, anche in una prima fase di dimensionamento di massima, solo l entità degli sforzi nelle aste più sollecitate, tipicamente situate in prossimità della mezzeria della travatura (e quindi lontane dai nodi canonici dai quali ha inizio la procedura sequenziale di soluzione prima vista). i seguito si illustrano due metodi classici per la determinazione degli sforzi in alcune aste senza dovere necessariamente risolvere l intero sistema (o gran parte di esso); essi sono: il metodo delle sezioni di Ritter e il metodo diretto, quest ultimo basato sull applicazione del principio dei lavori virtuali ad una opportuna catena cinematica reticolare definita a partire dal sistema in esame eliminando l asta nella quale si vuole determinare lo sforzo. Metodo delle sezioni di Ritter Questo metodo prevede di suddividere la travatura reticolare piana in due parti distinte mediante un opportuna sezione, detta appunto sezione di Ritter. a sezione di Ritter dovrà interessare oltre l asta di cui si vuole determinare lo sforzo altre due aste. e tre aste sezionate dovranno inoltre essere a due a due concorrenti nello stesso punto (tipicamente un nodo se le rette d azione si incontrano al finito, un punto all infinito nella direzione degli assi delle aste per coppie di aste parallele tra loro). Operata la sezione di Ritter, sui monconi delle tre aste tagliate si introducono gli sforzi normali incogniti, e ciò nell ipotesi che le aste siano tiranti e quindi con versi uscenti dalle sezioni di taglio. mponendo la condizione di equilibrio alla rotazione di una delle due parti in cui è stata divisa la travatura rispetto al punto d intersezione degli assi di due delle tre aste interessate dalla sezione di Ritter si ottiene lo sforzo normale nella terza asta. on riferimento alla sezione di Ritter s-s indicata nella Figura e atta alla determinazione dello sforzo nell asta ad esempio; l equilibrio alla rotazione di una delle due parti di travatura (già risolta per vincoli esterni) andrà imposto attorno al punto (nodo), intersezione delle aste 3 e. Tale punto è detto polo di Ritter dell asta. TR#

15 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. s s Figura Sezione di Ritter s-s utile per la determinazione degli sforzi nelle aste, 3 e er quanto sin qui osservato la sezione di Ritter s-s indicata in Figura è utile anche per determinare gli sforzi nelle aste 3 e. Si consideri la parte sinistra della struttura già risolta per vincoli esterni (si può ovviamente considerare anche quella di destra) e si applichino sulle aste tagliate gli sforzi (positivi, di trazione) N, N 3 ed N, ottenendo così lo schema di Figura 3. polo di Ritter asta s N 3 polo di Ritter asta 3 R N3 polo di Ritter asta s N Figura 3 orzione di struttura utilizzata per la determinazione degli sforzi nelle aste, 3 e on riferimento alla Figura 3 è facile constatare che: l asta ha come polo di Ritter il nodo in cui si incontrano le linee d asse delle aste 3 e ; l asta avrà come polo di Ritter il nodo intersezione degli assi delle aste e 3; l asta 3, infine, avrà come polo di Ritter il punto all infinito della direzione orizzontale, intersezione delle rette d asse delle aste e. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno a fornisce lo sforzo N sull asta ; si ha: M 0 N 0 N TR# 5

16 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. l valore analitico determinato è positivo, quindi il verso ipotizzato è quello effettivo e l asta risulta sottoposta a trazione (tirante). È opportuno a questo punto osservare che, come appare dall equazione di equilibrio prima scritta e contenente il solo sforzo incognito N, l imposizione della condizione di equilibrio alla rotazione della porzione di struttura scelta intorno a, polo di Ritter dell asta, fa sì che i contributi degli altri due sforzi incogniti, N 3 ed N anch essi agenti sulla porzione di struttura considerata, siano nulli. Sono nulli infatti i bracci di tali forze rispetto a, punto d incontro delle loro rette d azione (linee d asse delle aste 3 e appunto). È questa la strategia risolutiva che rende molto efficace ed immediato il metodo esposto. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno al polo di Ritter dell asta 3 si traduce, ovviamente, in una condizione di equilibrio alla traslazione in direzione verticale che permette la determinazione dello sforzo N 3 ; si ha: F 0 N3 0 N3 0 asta 3 risulta scarica. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno a fornisce infine lo sforzo N ; si ha: M 0 N 0 N l valore analitico determinato è in questo caso negativo e quindi il verso ipotizzato è opposto a quello effettivo; quindi l asta è un puntone (compresso). e. Nella Figura si considera la sezione di Ritter t-t atta alla determinazione degli sforzi nelle aste, 5 t t Figura Sezione di Ritter t-t per la determinazione degli sforzi nelle aste, 5 e onsiderando ad esempio la parte destra della struttura e procedendo in modo analogo a quanto fatto in precedenza si potrà allora fare riferimento allo schema seguente. TR#

17 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. polo di Ritter asta N t 5 polo di Ritter asta 5 R polo di Ritter asta N5 N t Figura 5 orzione di struttura utilizzata per la determinazione degli sforzi nelle aste, 5 e asta avrà come polo di Ritter il nodo, punto di intersezione delle linee d asse delle aste e 5; l asta avrà come polo di Ritter il nodo, intersezione degli assi delle aste 5 e ; l asta 5, infine, avrà come polo di Ritter il punto all infinito della direzione orizzontale, intersezione delle rette d asse delle aste e. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno a fornisce lo sforzo N sull asta ; si ha: M 0 N 0 N asta è dunque un tirante. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno al polo di Ritter dell asta 5 si traduce in una condizione di equilibrio alla traslazione in direzione verticale che fornisce lo sforzo N 5 sull asta 5; si ha: F 0 N5 0 N5 asta 5 è quindi sottoposta a trazione (tirante). a condizione di equilibrio alla rotazione attorno a fornisce infine lo sforzo N ; tale condizione non viene scritta in quanto lo sforzo N è già stato precedentemente valutato per mezzo della sezione di Ritter s-s. Metodo diretto o sforzo normale in un asta della travatura reticolare piana può essere valutato considerando la condizione di equilibrio del cinematismo ottenuto sopprimendo l asta in esame (asta i-esima ad esempio) ed introducendo le azioni incognite ( R ) che tale asta trasmette ai nodi che le competono. versi di tali azioni i possono essere scelti arbitrariamente; nel seguito si adotterà la convenzione di ipotizzare lo sforzo normale nell asta soppressa positivo (di trazione) e pertanto le azioni cui l asta era collegata. R i saranno assunte con verso uscente dai nodi TR# 7

18 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. pplicando tale metodo ad una travatura reticolare piana isostatica, già risolta per vincoli esterni, la soppressione di un asta darà luogo ad un cinematismo con un solo grado di libertà e cioè, in questo contesto, ad una catena cinematica reticolare. a condizione di equilibrio di tale catena cinematica reticolare si tradurrà in un unica equazione avente per incognita l azione dell asta soppressa la cui soluzione fornirà, in intensità e verso, tale azione e di conseguenza lo sforzo normale cercato. È opportuno osservare inoltre che la soppressione di un asta di contorno genera tipicamente un sistema costituito da due porzioni (indeformabili) di struttura mutuamente collegate da una cerniera. imposizione della condizione di equilibrio parziale di una delle due porzioni rispetto all altra (equilibrio alla rotazione relativa) fornisce in modo immediato (senza cioè ricorrere allo studio della catena cinematica reticolare) lo sforzo normale cercato. SFORZO NORM N ST on riferimento alla travatura in esame si consideri la catena cinematica reticolare riportata in Figura ed atta, per quanto detto, all individuazione dello sforzo normale nell asta. Tale catena cinematica infatti è stata ottenuta eliminando l asta dalla travatura e introducendo sui nodi e che ad essa competono le azioni R (per ipotesi positive e quindi con versi uscenti dai nodi) che l asta esercita su di essi R R N N Figura atena cinematica reticolare per la determinazione dello sforzo normale sull asta a condizione di equilibrio della catena cinematica reticolare ottenuta può esprimersi attraverso il principio dei lavori virtuali (..V.) considerando a tal fine la classe delle configurazioni spostate individuate da un unico parametro lagrangiano, uno è infatti il grado di labilità del sistema. ome appare dallo schema di Figura, il sistema (labile) in esame risulta costituito da due corpi rigidi collegati mutuamente nel nodo indicati in Figura con (coincidente con l asta ) e (costituito dalle due maglie triangolari campite). a configurazione variata (o spostata) della catena cinematica può allora essere individuata in questo caso considerando che i centri assoluti di rotazione dei corpi e, siano essi e, devono essere allineati TR# 8

19 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. con il centro relativo centro relativo. n particolare: il centro assoluto coincide con l occhio della cerniera ; il coincide con la cerniera ; il centro deve appartenere alla retta r passante per ed ortogonale al piano di scorrimento del carrello in (Figura bis). a posizione di individuarsi per via grafica essendo come mostrato in Figura bis. può quindi punto di intersezione della congiungente - con la retta r così r Figura bis atena cinematica per la determinazione dello sforzo normale nell asta : individuazione dei centri di rotazione Una possibile spostata della catena cinematica in esame è individuabile assegnando una rotazione oraria del corpo attorno a (ciò equivale a scegliere come parametro lagrangiano la rotazione ). n Figura ter si riporta la spostata ottenuta per (il valore unitario è scelto per comodità di conto). a spostata è individuata sia sulla struttura, dove sono evidenziati gli spostamenti assoluti, sia in termini di proiezioni così da rendere più agevole la valutazione delle componenti di spostamento dei punti (nodi) ove sono applicati i carichi. TR# 9

20 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. '' 3 =/3 =/3 =/3 =/3 =/3 u = = ' u ' / u '' = u= u= 3 = u ' /3 3 ' '' u= u= = 3 ' ' u= = ' = = u= = 3 = u / 3 = 3 u= = 3 = u tg( ) u u u 3 tg( ) 3 5 u () u u u 3 3 Figura ter Spostata della catena cinematica reticolare di Fig. equazione dei lavori virtuali ( 0 ) nell unica incognita R si scrive sommando il lavoro compiuto dalle forze i cui punti di applicazione subiscono uno spostamento nella direzione delle forze stesse. iascun contributo, ovviamente, è assunto positivo quando forza e spostamento sono concordi, negativo in TR# 0

21 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. caso contrario. on riferimento alla Fig., ove sono indicati i carichi agenti, e alla Fig. ter, ove sono riportate le corrispondenti componenti di spostamento, può scriversi: u u u R u R 3 3 Si noti che essendo ponendo, per il..v., 0 si ha: u ed R mutuamente ortogonali il contributo al lavoro è identicamente nullo; R 0 R 3 3 l valore analitico determinato per R è positivo, il verso ipotizzato è corretto, e quindi l asta è in trazione (tirante). n modo alternativo, essendo l asta in esame un asta di contorno, la determinazione dello sforzo normale su di essa agente può effettuarsi imponendo una condizione di equilibrio parziale di una delle porzioni (indeformabili) di struttura rispetto all altra R R N N Figura quater Schema per la determinazione dello sforzo normale nell asta per mezzo di un equazione di equilibrio parziale on riferimento alla Fig. quater la condizione di equilibrio parziale è una condizione di equilibrio alla rotazione relativa intorno alla cerniera. mponendo ad esempio l equilibrio alla rotazione della porzione rispetto al nodo si ottiene in modo immediato (senza cioè ricorrere allo studio della catena cinematica reticolare) l azione dell asta soppressa R e quindi lo sforzo normale incognito N (uguale in modulo e direzione ma di verso opposto), si ha infatti: M 0 R 0 R l valore analitico determinato per R è positivo, il verso ipotizzato è corretto, e quindi l asta è in trazione (tirante). TR#

22 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SFORZO NORM N ST Si consideri la catena cinematica reticolare riportata in Figura 7 atta all individuazione dello sforzo normale nell asta e ottenuta appunto eliminando l asta dalla travatura e introducendo sui nodi e le azioni R (positive e quindi con versi uscenti dai nodi) che l asta esercita su di essi. N R R N Figura 7 atena cinematica reticolare per la determinazione dello sforzo normale sull asta a condizione di equilibrio della catena cinematica reticolare ottenuta può esprimersi attraverso il principio dei lavori virtuali (..V.) considerando a tal fine la classe delle configurazioni spostate individuate da un unico parametro lagrangiano, uno è infatti il grado di labilità del sistema. ome appare dallo schema di Figura 7, il sistema (labile) in esame risulta costituito da due corpi rigidi collegati mutuamente nel nodo indicati in Figura con (coincidente con l asta ) e (costituito dalle due maglie triangolari campite). a configurazione variata (o spostata) della catena cinematica può allora essere individuata in questo caso considerando che i centri assoluti di rotazione dei corpi e, siano centro relativo relativo e, devono essere allineati con il. n particolare: il centro assoluto coincide con l occhio della cerniera ; il centro coincide con la cerniera ; il centro deve appartenere sia alla retta r passante per ed ortogonale al piano di scorrimento del carrello in sia alla congiungente - (Figura 7bis). a posizione di Figura 7bis. può quindi individuarsi per via grafica risultando coincidente con come mostrato in TR#

23 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi r Figura 7bis atena cinematica per la determinazione dello sforzo normale nell asta : individuazione dei centri di rotazione Una possibile spostata della catena cinematica in esame è individuabile assegnando un abbassamento verticale del punto (ciò equivale a scegliere come parametro lagrangiano lo spostamento u ). n Figura 7ter si riporta la spostata ottenuta per u (il valore unitario è scelto per comodità di conto). a spostata è individuata sia sulla struttura, dove sono evidenziati gli spostamenti assoluti, sia in termini di proiezioni così da rendere più agevole la valutazione delle componenti di spostamento dei punti (nodi) ove sono applicati i carichi. TR# 3

24 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. / / u / u u= = u= = 3/ = = u= '' '' '' u ' = u / = ' u= = ' u= 3 =3 u= u= = u / = u u tg( ) tg( ) u u u u 3 u =.5 Figura 7ter Spostata della catena cinematica reticolare di Fig. 7 equazione dei lavori virtuali ( 0 ) nell unica incognita R si scrive sommando il lavoro compiuto dalle forze i cui punti di applicazione subiscono uno spostamento nella direzione delle forze stesse. iascun contributo, ovviamente, è assunto positivo quando forza e spostamento sono concordi, negativo in caso contrario. on riferimento alla Fig. 7, ove sono indicati i carichi agenti, e alla Fig. 7ter, ove sono riportate le corrispondenti componenti di spostamento, può scriversi: u u u R u R u Si noti che il lavoro compiuto dalla forza R applicata in (cfr. Fig. 7) per effetto dello spostamento (cfr. Fig. 7ter) è stato computato, per semplicità, come somma dei lavori compiuti dalle componenti di R secondo e per i corrispondenti spostamenti; si ha in definitiva: 3 3 R R u ponendo, per il..v., 0 si ottiene: TR#

7 Applicazioni ulteriori

7 Applicazioni ulteriori 7 Applicazioni ulteriori 7 Applicazioni ulteriori 7.1 Strutture con maglie chiuse 7.1.1 Analisi cinematica Si consideri la struttura in figura 7.1: i gradi di libertà sono pari a l =3n c v =3 0 3 = 0,

Dettagli

STRUTTURE RETICOLARI

STRUTTURE RETICOLARI TRUTTURE RETICOARI i considerino un arco a tre cerniere, costituito da due corpi rigidi rappresentabili come travi collegate da cerniere puntuali. upponiamo che in corrispondenza della cerniera interna

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Le travi reticolari sono strutture formate da aste rettilinee, mutuamente collegate

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

6 Statica delle travi

6 Statica delle travi 6 Statica delle travi 6 Statica delle travi 6.1 Forze esterne Si consideri un generico corpo tridimensionale. possono agire i seguenti tipi di forze esterne: forze di volume b = b(x): [b] =[FL 3 ]; Si

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Prof. Daniele Zaccaria Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trieste Piazzale Europa 1, Trieste Sistemi di travi Corsi di Laurea in

Dettagli

3 - Analisi statica delle strutture

3 - Analisi statica delle strutture 3 - nalisi statica delle strutture Metodo analitico ü [.a. 11-1 : ultima revisione 3 settembre 11] Si consideri una struttura piana S, costituita da t tratti rigidi, e si immagini di rimuovere tutti i

Dettagli

Esercizi di Statica. Giacinto A. PORCO Giovanni FORMICA. Corso dell A.A. 2003/2004 titolare prof. G. A. Porco. acuradi

Esercizi di Statica. Giacinto A. PORCO Giovanni FORMICA. Corso dell A.A. 2003/2004 titolare prof. G. A. Porco. acuradi Esercizi di Statica Corso dell A.A. 2003/2004 titolare prof. G. A. Porco acuradi Giacinto A. PORCO Giovanni FORMICA Esercizi di Statica A. G. Porco, G. Formica 1 Indice 1 Calcolo delle reazioni vincolari

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE

STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE ESERCIZI SVOLTI O CON TRACCIA DI SOLUZIONE SU STRUTTURE ISOSTATICHE REAZIONI VINCOLARI ED AZIONI INTERNE v 1.0 1 I PROVA DI VALUTAZIONE 15 Novembre 2006 - Esercizio 2 Data la struttura di figura, ricavare

Dettagli

Prova d esame del 30 giugno 2010 Soluzione

Prova d esame del 30 giugno 2010 Soluzione UNIVERSITÀ I PIS Facoltà di Ingegneria Meccanica nalitica e dei Continui (CS Ing. Nucleare e della Sicurezza Industriale) Scienza delle Costruzioni (C Ing. Nucleare e della Sicurezza e Protezione) Scienza

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

11 Teorema dei lavori virtuali

11 Teorema dei lavori virtuali Teorema dei lavori virtuali Teorema dei lavori virtuali Si consideri una trave ad asse rettilineo figura.). Per essa si definisce sistema carichi sollecitazioni CS) l insieme di tutte le grandezze di tipo

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati Copyright 004 The Companies srl e Corbusier - Progetto per il palazzo dei Soviet a Mosca 1931 Problema 1. Arco Trave di copertura Tirante bielle Membrana di copertura Fig. P1.1 Analizzare il sistema in

Dettagli

1 Introduzione alla Meccanica Razionale 1 1.1 Che cos è la Meccanica Razionale... 1 1.2 Un esempio... 2

1 Introduzione alla Meccanica Razionale 1 1.1 Che cos è la Meccanica Razionale... 1 1.2 Un esempio... 2 Indice 1 Introduzione alla Meccanica Razionale 1 1.1 Che cos è la Meccanica Razionale..................... 1 1.2 Un esempio................................. 2 2 Spazi Vettoriali, Spazio e Tempo 7 2.1 Cos

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Le coperture in legno

Le coperture in legno CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Le coperture in legno LA CAPRIATA Tra scienza ed arte del costruire «Il forte intreccio di storia, tecnologia, architettura e cultura materiale,

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Meccanica e Informatica e corsi V.O. Anno Accademico 2013/2014 Meccanica Razionale, Fisica Matematica

Corsi di Laurea in Ingegneria Meccanica e Informatica e corsi V.O. Anno Accademico 2013/2014 Meccanica Razionale, Fisica Matematica orsi di Laurea in Ingegneria Meccanica e Informatica e corsi V.. nno ccademico 2013/2014 Meccanica Razionale, Fisica Matematica Nome... N. Matricola... ncona, 5 aprile 2014 1. Un sistema materiale è costituito

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare Cap.4 giroscopio, magnetismo e forza di Lorentz teoria del giroscopio Abbiamo finora preso in considerazione le condizionidi equilibrio

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Moti e sistemi rigidi

Moti e sistemi rigidi Moti e sistemi rigidi Dispense per il corso di Meccanica Razionale 1 di Stefano Siboni 1. Moto rigido di un sistema di punti Sia dato un sistema S di N 2 punti materiali P i, i = 1,..., N. Per configurazione

Dettagli

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE.

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE. VERIFIC DI MTEMTIC CLSSI TERZE (S, BS, CS, DS, ES) settembre COGNOME E NOME.. CLSSE. Esercizio In un piano cartesiano ortogonale determinare: a) l equazione della parabola con asse parallelo all asse,

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works Informazioni di base Che cos è COSMOS/Works? COSMOS/Works è un software per sviluppare progettazioni essenzialmente meccaniche completamente integrato col modellatore

Dettagli

Usando il pendolo reversibile di Kater

Usando il pendolo reversibile di Kater Usando il pendolo reversibile di Kater Scopo dell esperienza è la misurazione dell accelerazione di gravità g attraverso il periodo di oscillazione di un pendolo reversibile L accelerazione di gravità

Dettagli

SISSIS. Sezione di Catania Anno 2003-2004 V Ciclo. LA STATICA: Le macchine semplici. Elena La Guidara

SISSIS. Sezione di Catania Anno 2003-2004 V Ciclo. LA STATICA: Le macchine semplici. Elena La Guidara SISSIS Sezione di Catania Anno 2003-2004 V Ciclo LA STATICA: Le macchine semplici di Elena La Guidara Tesina del Corso di Fondamenti della Fisica I Prof. V. Bellini INDICE 1. STATICA DEL PUNTO 1.1 Punto

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

I SISTEMI TRIFASI B B A N B B

I SISTEMI TRIFASI B B A N B B I SISTEMI TRIFSI ITRODUZIOE Un sistema polifase consiste in due o più tensioni identiche, fra le quali esiste uno sfasamento fisso, che alimentano, attraverso delle linee di collegamento, dei carichi.

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 27 settembre

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI 1) Determinare il dominio delle seguenti funzioni di variabile reale: (a) f(x) = x 4 (c) f(x) = 4 x x + (b) f(x) = log( x + x) (d) f(x) = 1 4 x 5 x + 6 ) Data la funzione

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A.

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A. APPLICAZIONI LINEARI Siano V e W due spazi vettoriali, di dimensione m ed n sullo stesso campo di scalari R. Una APPLICAZIONE ƒ : V W viene definita APPLICAZIONE LINEARE od OMOMORFISMO se risulta, per

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Definizione DEFINIZIONE

Definizione DEFINIZIONE Definizione Funzione reale di due variabili reali Indichiamo con R 2 l insieme di tutti i vettori bidimensionali. Dato un sottoinsiemed R 2, una funzione f: D R è una legge che assegna a ogni punto (x,

Dettagli

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni Definizione Statico-Cinematica dei vincoi interni Esempi deo schema strutturae di una struttura in cemento armato e di due strutture in acciaio in cui sono presenti dei vincoi interni cerniera. Vincoo

Dettagli

Meccanica Applicata alle Macchine

Meccanica Applicata alle Macchine Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine A cura di Andrea Bracci Marco Gabiccini Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione Anno Accademico 008-009 Indice

Dettagli

Trasformazioni nello spazio Grafica 3d

Trasformazioni nello spazio Grafica 3d Trasformazioni nello spazio Grafica 3d Giancarlo RINALDO rinaldo@dipmat.unime.it Dipartimento di Matematica Università di Messina Trasformazioni nello spaziografica 3d p. 1 Introduzione In questa lezione

Dettagli

MODULO GRAT PROCEDURA TRASFXY TEST CASES

MODULO GRAT PROCEDURA TRASFXY TEST CASES TC GRAT/TrasfXY 1 MODULO GRAT PROCEDURA TRASFXY TEST CASES 1 TC TRASFXY 1 - Graticcio a 17 aste carico nel perimetro aste ripartizione in direz. Y Trave 1 Trave 2 Trave 3 Traverso 1 Traverso 2 Traverso

Dettagli

Domanda e Offerta - Elasticità Dott. ssa Sabrina Pedrini

Domanda e Offerta - Elasticità Dott. ssa Sabrina Pedrini Microeconomia, Esercitazione 1 (19/02/2015) Domanda e Offerta - Elasticità Dott. ssa Sabrina Pedrini Domande a risposta multipla 1) Siamo di fronte a uno shock positivo di offerta se: a) in corrispondenza

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica TRAVI SU SUOO AA WINKER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Prof.. Cavaleri Ing. F. Di Trapani TRAVI

Dettagli

. Resistenza alle azioni orizzontali delle pareti murarie multipiano. Caratteristiche della parete muraria multipiano

. Resistenza alle azioni orizzontali delle pareti murarie multipiano. Caratteristiche della parete muraria multipiano . Resistenza alle azioni orizzontali delle pareti murarie multipiano Un esempio numerico completo Caratteristiche della parete muraria multipiano La Fig. 64 mostra la pianta di un semplice edificio in

Dettagli

o p e n p r o j e c t. w o r k s h o p LA STRUTTURA DEL CENTRO DI POMPIDOU di Igor Malgrati

o p e n p r o j e c t. w o r k s h o p LA STRUTTURA DEL CENTRO DI POMPIDOU di Igor Malgrati LA STRUTTURA DEL CENTRO DI POMPIDOU di Igor Malgrati Nel 1970 si bandì un concorso internazionale per la costruzione di un centro per la cultura nel cuore di Parigi, con l intento di proporre la cultura

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

Dinamica del corpo rigido: Appunti.

Dinamica del corpo rigido: Appunti. Dinamica del corpo rigido: Appunti. I corpi rigidi sono sistemi di punti materiali, discreti o continui, che hanno come proprietà peculiare quella di conservare la loro forma, oltre che il loro volume,

Dettagli

Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 2008. VERIFICA DI FISICA: lavoro ed energia

Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 2008. VERIFICA DI FISICA: lavoro ed energia Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 8 VERIFIC DI FISIC: lavoro ed energia Domande ) Energia cinetica: (punti:.5) a) fornisci la definizione più generale possibile di energia cinetica, specificando l equazione

Dettagli

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2 N.1 Un cilindro di raggio R = 10 cm e massa M = 5 kg è posto su un piano orizzontale scabro (fig.1). In corrispondenza del centro del cilindro è scavata una sottilissima fenditura in modo tale da ridurre

Dettagli

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10 FUNZIONE OMOGRAFICA ASINTOTO VERTICALE: ASINTOTO ORIZZONTALE: 1 abbiamo verificato che, applicando all iperbole equilatera base, la dilatazione verticale di coefficiente 7 e la traslazione di vettore di

Dettagli

Sistemi di forze: calcolo grafico

Sistemi di forze: calcolo grafico UNTÀ D3 Sistemi di forze: calcolo grafico TEOA Uso del CAD nei procedimenti grafici 2 appresentazione grafica dei vettori 3 Poligono delle forze 4 Poligono delle successive risultanti 5 Poligono funicolare

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

Capriate in legno I edizione aprile 2011. Indice Introduzione

Capriate in legno I edizione aprile 2011. Indice Introduzione Capriate in legno I edizione aprile 2011 Indice Introduzione 1. Il legno e sue applicazioni 1.1. Il legno come materiale da costruzione 1.2. diffusione del legno 1.3. Standardizzazione della produzione

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La Geometria analitica: la retta 1.1 Introduzione......................................... 1. Il piano cartesiano.....................................

Dettagli

Topografia e cartografia digitale

Topografia e cartografia digitale Prof. Fausto Sacerdote Topografia e cartografia digitale Capitolo 1 Fotogrammetria dispense del corso Modulo Professionalizzante Corso per Tecnico in Cartografia Tematica per i Sistemi Informativi Territoriali

Dettagli

Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura

Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura Seconda Università di Napoli Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Architettura Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell

Dettagli

2. TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONALI

2. TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONALI . TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONAI Si vuole costruire un modello di ponte di riferimento e un modello di carico eccezionale che consenta una verifica automatica della possibilità di passaggio del carico su

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI

RESISTENZA DEI MATERIALI I.U.A.V. Clasa Laboratorio Integrato di progettazione 2 LA STRUTTURA Progettazione delle strutture Prof.Bruno Zan EQUILIBRIO STABILE DEFORMABILITA COMPATIBILE RESISTENZA DEI MATERIALI EQUILIBRATA Teoria

Dettagli

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare MDV April 18, 2015 1 Elasticità L elasticità è la proprietà dei corpi soldi di tornare nella loro forma originale dopo avere subito una deformazione

Dettagli

Capitolo 3. Il metodo visto nella geometria dello spazio duale. 3.1 Definizione di spazio duale

Capitolo 3. Il metodo visto nella geometria dello spazio duale. 3.1 Definizione di spazio duale Il metodo visto nella geometria dello spazio duale Nel precedente capitolo e stato esposto in linea generale il metodo a luce debolmente strutturata enfatizzando soprattutto la localizzazione temporale

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica

Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica Quelli che seguono sono osservazioni utili ad evitare alcuni degli errori piu frequenti registrati durante gli scritti di fisica. L elenco

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano Il piano cartesiano Per la rappresentazione di grafici su di un piano si utilizza un sistema di riferimento cartesiano. Su questo piano si rappresentano due rette orientate (con delle frecce all estremità

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

Collegamenti nelle strutture

Collegamenti nelle strutture 1 Collegamenti nelle strutture Le tipologie delle unioni bullonate o saldate sono molteplici e dipendono essenzialmente da: caratteristiche dell unione: nell ambito di quelle bullonate si possono avere

Dettagli