Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A."

Transcript

1 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle aste utilizzando i seguenti metodi: metodo dell equilibrio ai nodi; metodo delle sezioni di Ritter; metodo diretto (applicazione del principio dei lavori virtuali (..V.) ad una catena cinematica reticolare definita a partire dalla travatura data) Figura Schema della travatura reticolare TR#

2 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi.. Valutazione dell isostaticità della travatura ondizione necessaria per l isostaticità ( l 0) Si valuta il grado di labilità apparente, l, della travatura interpretandola come un sistema in cui i nodi (soggetti ai carichi esterni concentrati o alle reazioni vincolari esterne) sono gli elementi dotati di gradi di libertà di corpo rigido ( G.. nel piano); mentre le aste (non soggette a carichi esterni direttamente applicati su di esse) vengono considerate come dei pendoli interni (di molteplicità unitaria) che collegano i nodi stessi. ertanto si può scrivere: l n a e , essendo: n = numero dei nodi; a = numero delle aste; e = molteplicità globale dei vincoli esterni. a condizione necessaria per l isostaticità della travatura reticolare è quindi soddisfatta. ondizione sufficiente per l isostaticità a travatura in esame è a maglie triangolari semplici ed è quindi un sistema strettamente indeformabile. ssa può considerarsi come un unico corpo rigido piano vincolato all esterno con vincoli di molteplicità globale e 3 ; è sufficiente pertanto verificare l efficacia cinematica dei vincoli esterni. on riferimento alla Figura, nella quale la campitura delle maglie triangolari indeformabili aiuta ad interpretare la travatura come un unico corpo rigido piano, si può verificare l efficacia cinematica dei vincoli... r r.. Figura nalisi dell efficacia cinematica dei vincoli l centro assoluto di rotazione del sistema per la presenza della cerniera deve coincidere con l occhio della cerniera stessa, per la presenza del carrello deve appartenere alla retta r ortogonale al piano di scorrimento del carrello passante per. Non potendo essere soddisfatte contemporaneamente le due condizioni se ne deduce che non esiste un centro assoluto di rotazione. ertanto anche la condizione sufficiente per l isostaticità della travatura risulta soddisfatta e il sistema, nel suo complesso, risulta isostatico. TR#

3 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi.. eterminazione delle reazioni vincolari esterne Metodo analitico Si risolve il sistema in termini di reazioni vincolari esterne; a tal fine si considera lo schema di corpo libero nel quale i vincoli esterni sono sostituiti dalle reazioni che essi sono potenzialmente in grado di esplicare. Tali reazioni si applicano con versi arbitrari, ad esempio concordi a quelli del sistema di riferimento adottato, così come illustrato in Figura 3: R R R Figura 3 Schema di corpo libero per la determinazione delle reazioni vincolari con metodo analitico Si hanno in questo caso 3 componenti di reazioni incognite determinabili attraverso le 3 equazioni cardinali della statica, in dettaglio: F 0 R 0 R F 0 R R 0 R R R M 0 R 0 R l valore analitico della reazione opposto a quello ipotizzato in Figura 3. n definitiva si ha: R risulta negativo, pertanto il verso effettivo del vettore R risulta TR# 3

4 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi R= R= R= Figura Travatura reticolare equilibrata Metodo grafico È possibile ricavare le reazioni vincolari con il metodo grafico, a tal fine è conveniente considerare ciascun carico singolarmente e applicare il principio di sovrapposizione degli effetti. Risulta utile traslare il carico applicato sul nodo parallelamente alla sua retta d azione in modo da centrarlo rispetto alle rette d azione delle reazioni dei vincoli in e, applicando ovviamente il momento dovuto al trasporto come ulteriore condizione di carico da equilibrare R R R Figura 5 Schema per la determinazione delle reazioni vincolari con metodo grafico Si studiano quindi le condizioni di carico in maniera indipendente ricavando, per ognuna di esse, le corrispondenti reazioni vincolari che vengono evidenziate con colori diversi per una più chiara comprensione. TR#

5 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi R= / / / / / / / / R= R= Figura 5bis Travatura equilibrata (risolta con metodo grafico e principio di sovrapposizione degli effetti) È facile verificare che i valori delle reazioni vincolari determinati per via grafica coincidono con quelli valutati per via analitica. 3. alcolo degli sforzi normali Metodo dell equilibrio ai nodi Tale metodo si basa sulla considerazione che una struttura reticolare isostatica, soggetta per ipotesi a forze applicate ai nodi (siano esse carichi esterni o componenti di reazioni vincolari esterne), è in equilibrio se è in equilibrio ogni suo nodo. on riferimento alla Figura può osservarsi quanto segue. Ogni nodo, supposto estratto dalla struttura, è soggetto a forze esterne (carichi o reazioni vincolari esterne) e ad azioni provenienti dalle aste che in esso concorrono. e forze esterne sono note in intensità, direzione e verso. e azioni delle aste sono note solo in direzione (quella dell asse dell asta) essendo incogniti intensità e verso. intensità e il verso delle azioni delle aste sul nodo (e di conseguenza degli sforzi normali sulle aste) possono valutarsi applicando la condizione di equilibrio al nodo che, nel piano, si traduce nelle due condizioni di equilibrio alla traslazione orizzontale e verticale. TR# 5

6 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. asta #i RO STRNO o RZON VNOR STRN Ri Ni NOO GNRO ZON ST SU NOO SFORZ NORM SU ST Figura Nodo estratto da una travatura reticolare piana e forze su di esso agenti a condizione di equilibrio al nodo può essere imposta ovviamente sia con procedimento grafico, richiedendo la chiusura del poligono delle forze agenti sul nodo, che con procedimento analitico e ciò attraverso la scrittura di due equazioni di equilibrio alla traslazione. È evidente quindi che le azioni incognite valutabili non possono essere più di due. Un nodo nel quale tale circostanza è verificata è detto nodo canonico. Una struttura reticolare è a nodi canonici se, rimossi (o risolti) i nodi canonici e le aste che vi concorrono, i nodi rimanenti sono ancora canonici. Una travatura a nodi canonici può essere completamente risolta applicando il metodo in esame in modo sequenziale, considerando cioè di volta in volta l equilibrio di un nodo canonico. È opportuno osservare infine che, una volta individuata l azione di un asta su un nodo, resta individuata anche l azione della stessa asta sull altro nodo di estremità, azione che deve essere uguale in modulo (e direzione) e di verso opposto! on riferimento alla travatura in esame un nodo canonico da cui poter iniziare la procedura risolutiva è ad esempio il nodo (o alternativamente il nodo ), in quanto su di esso le azioni incognite sono soltanto due, ovvero le azioni delle aste e che vi concorrono. ome già osservato, nell imporre le condizioni di equilibrio al nodo occorre considerare non gli sforzi normali N i sulle aste bensì le azioni aste al nodo che, per il rincipio di zione e Reazione, avranno uguale modulo e direzione di opposto (Figura ). R i trasmesse dalle N i ma verso Sul nodo (cerniera esterna) agiscono le due componenti di reazione vincolare precedentemente valutate, R e R, e le forze (azioni) che le aste e trasmettono sul nodo, denotate con R ed R, entrambe incognite da determinare (Figura 7). TR#

7 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. R 5 R Figura 7 quilibrio al nodo (metodo analitico) er convenzione si ipotizza che le azioni R ed R abbiano verso uscente dal nodo, circostanza che equivale a considerare le aste in trazione (nel seguito tale convenzione verrà assunta per ogni nodo anche quando non esplicitamente detto). valori delle azioni R ed R si possono determinare scrivendo le (due) equazioni cardinali della statica relativamente ai due gradi di libertà (traslazioni nelle direzioni ed ) del nodo. on riferimento allo schema di Figura 7 può scriversi: F 0 R R 0 R F 0 R 0 R asta è in trazione (tirante), e ciò in quanto il valore analitico determinato per R è positivo e quindi il verso ipotizzato è corretto, mentre l asta è in compressione (puntone) dal momento che il valore analitico di R è negativo e quindi il verso corretto è opposto a quello ipotizzato in Figura 7. l metodo dell equilibrio ai nodi può, ovviamente e spesso in modo più speditivo, applicarsi per via grafica. a condizione di equilibrio al nodo si traduce graficamente nella condizione di chiusura del poligono delle forze così come riportato nello schema seguente. a costruzione, a scala fissata, di tale poligono fornisce in direzione e verso i valori delle azioni incognite agenti sul nodo. R= R 5 R= R Figura 8 quilibrio al nodo (metodo grafico) TR# 7

8 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. Un efficace visualizzazione delle azioni ( R ) trasmesse dalle aste al nodo e delle azioni (sforzi trasmesse dal nodo alle aste in esso concorrenti è riportata nella Figura seguente. i N i ) N R N R N N R R Figura 9 zioni sul nodo e sforzi nelle aste all esame della Figura 9 si comprende come, una volta risolto il nodo, si conoscono di conseguenza le azioni dell asta sul nodo e dell asta sul nodo. Quest ultimo, tuttavia, non è ancora diventato un nodo canonico in quanto risultano incognite le azioni delle aste 3, 5 e su esso concorrenti. l nodo invece, noto il valore di R, è canonico, poiché risultano incognite solo le azioni R 3 ed R, che possono essere univocamente determinate attraverso due equazioni di equilibrio, scritte qui di seguito con riferimento allo schema di Figura 0: R3 3 5 R= R Figura 0 quilibrio al nodo (metodo analitico) F 0 R3 R 0 R 0 R F 0 R3 0 R3 0 ssendo il valore analitico di R negativo, il verso corretto è opposto a quello ipotizzato e l asta è in compressione (puntone), l asta 3 risulta scarica. TR# 8

9 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. on metodo grafico risulta: R= R3=0 R3 3 R= R= R Figura quilibrio al nodo (metodo grafico) e, analogamente a quanto fatto in precedenza, si ha: R R R3 R= N N 3 R3 Figura zioni sul nodo e sforzi nelle aste Risolto il nodo, si conoscono le azioni dell asta sul nodo e dell asta 3 sul nodo (nulla nel caso esaminato). ntrambi i nodi e sono diventati canonici, in quanto per ogni nodo risultano incognite solo due azioni, rispettivamente, R 5 ed R per il nodo, R 5 ed R 7 per il nodo. a scelta di uno tra i due è indifferente, nel seguito si considera dapprima il nodo : 3 5 R3=0 R= R5 R 5 Figura 3 quilibrio al nodo (metodo analitico) TR# 9

10 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. F 0 R R5 0 R F 0 R5 0 R5 versi di R 5 ed R ipotizzati in Figura 3 sono corretti ed entrambe le aste 5 e sono quindi in trazione (tiranti). on il metodo grafico risulta: R5= R= R= 3 5 R3=0 R= R R5 Figura quilibrio al nodo (metodo grafico), in definitiva: R5 N5 5 3 N5 R3=0 R5 N R R= R N Figura 5 zioni sul nodo e sforzi nelle aste Risolto il nodo, si conoscono le azioni dell asta 5 sul nodo e dell asta sul nodo ; per entrambi i nodi ed l unica incognita da determinare risulta ora l azione trasmessa dall asta 7 ( R 7 ). Ricavata R 7, imponendo l equilibrio in uno qualsiasi di questi due nodi, nel nodo rimanente tutte le azioni (siano esse azioni trasmesse dalle aste siano, come nel caso del nodo, reazioni vincolari esterne precedentemente determinate) sono note; le due equazioni di equilibrio dovranno essere allora identicamente soddisfatte, questa circostanza può essere riguardata come una procedura di verifica dei risultati trovati. TR# 0

11 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. Si ricava il valore dell incognita R 7 imponendo l equilibrio del nodo : R= R5= 5 5 R7 7 Figura quilibrio al nodo (metodo analitico) n presenza di una sola incognita è sufficiente scrivere una sola condizione di equilibrio, ad esempio quella in direzione, si ha: F 0 R7 0 R 7 ( ) onsiderando il valore R7 la condizione di equilibrio in direzione è identicamente soddisfatta, si ha infatti: F 0 R7 0 l valore analitico determinato per R 7 è negativo e quindi il verso corretto è opposto a quello ipotizzato in Figura e l asta 7 è in compressione (puntone). on il metodo grafico si ha: R= R7= R5= R= R5= 5 R7 7 Figura 7 quilibrio al nodo (metodo grafico), in definitiva si ha: TR#

12 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. R= R5= 5 R7 N7 7 N7 R7 Figura 8 zioni sul nodo e sforzi nelle aste a condizione di equilibrio del nodo, nel quale tutte le azioni sono note, è identicamente soddisfatta come risulta dalle equazioni seguenti scritte con riferimento alla Figura 9. 5 R7= 7 R= Figura 9 quilibrio al nodo (metodo analitico) F 0 R7 R 0 F 0 R7 0 conferma del risultato trovato, con il metodo grafico si ottiene che il poligono delle forze (costituito da azioni tutte note) è chiuso: TR#

13 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. R= R7= 7 OK! R7= R= Figura 0 quilibrio al nodo (metodo grafico) n definitiva gli sforzi normali nelle aste della travatura esaminata risultano: N N N 3 N5 N7 5 7 N7 N N5 N N N N Figura Sforzi normali nelle aste della travatura reticolare valori numerici degli sforzi sulle aste sono invece riportati nella Tabella che segue: sta Sforzo normale omportamento N TRNT N UNTON 3 N3 0 / N UNTON 5 N N5 TRNT TRNT 7 N7 UNTON a quanto sin qui sviluppato è evidente che il metodo dell equilibrio ai nodi risulta facilmente applicabile a strutture con un limitato numero di nodi (come quella in esame ad esempio). Nella maggioranza TR# 3

14 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. dei casi pratici però la determinazione degli sforzi nelle aste può diventare eccessivamente onerosa richiedendo la soluzione di molti nodi. Nell analisi di questi sistemi strutturali inoltre è spesso sufficiente conoscere lo sforzo solo in alcune aste. er travature a sostegno di grandi coperture ad esempio può essere importante conoscere, anche in una prima fase di dimensionamento di massima, solo l entità degli sforzi nelle aste più sollecitate, tipicamente situate in prossimità della mezzeria della travatura (e quindi lontane dai nodi canonici dai quali ha inizio la procedura sequenziale di soluzione prima vista). i seguito si illustrano due metodi classici per la determinazione degli sforzi in alcune aste senza dovere necessariamente risolvere l intero sistema (o gran parte di esso); essi sono: il metodo delle sezioni di Ritter e il metodo diretto, quest ultimo basato sull applicazione del principio dei lavori virtuali ad una opportuna catena cinematica reticolare definita a partire dal sistema in esame eliminando l asta nella quale si vuole determinare lo sforzo. Metodo delle sezioni di Ritter Questo metodo prevede di suddividere la travatura reticolare piana in due parti distinte mediante un opportuna sezione, detta appunto sezione di Ritter. a sezione di Ritter dovrà interessare oltre l asta di cui si vuole determinare lo sforzo altre due aste. e tre aste sezionate dovranno inoltre essere a due a due concorrenti nello stesso punto (tipicamente un nodo se le rette d azione si incontrano al finito, un punto all infinito nella direzione degli assi delle aste per coppie di aste parallele tra loro). Operata la sezione di Ritter, sui monconi delle tre aste tagliate si introducono gli sforzi normali incogniti, e ciò nell ipotesi che le aste siano tiranti e quindi con versi uscenti dalle sezioni di taglio. mponendo la condizione di equilibrio alla rotazione di una delle due parti in cui è stata divisa la travatura rispetto al punto d intersezione degli assi di due delle tre aste interessate dalla sezione di Ritter si ottiene lo sforzo normale nella terza asta. on riferimento alla sezione di Ritter s-s indicata nella Figura e atta alla determinazione dello sforzo nell asta ad esempio; l equilibrio alla rotazione di una delle due parti di travatura (già risolta per vincoli esterni) andrà imposto attorno al punto (nodo), intersezione delle aste 3 e. Tale punto è detto polo di Ritter dell asta. TR#

15 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. s s Figura Sezione di Ritter s-s utile per la determinazione degli sforzi nelle aste, 3 e er quanto sin qui osservato la sezione di Ritter s-s indicata in Figura è utile anche per determinare gli sforzi nelle aste 3 e. Si consideri la parte sinistra della struttura già risolta per vincoli esterni (si può ovviamente considerare anche quella di destra) e si applichino sulle aste tagliate gli sforzi (positivi, di trazione) N, N 3 ed N, ottenendo così lo schema di Figura 3. polo di Ritter asta s N 3 polo di Ritter asta 3 R N3 polo di Ritter asta s N Figura 3 orzione di struttura utilizzata per la determinazione degli sforzi nelle aste, 3 e on riferimento alla Figura 3 è facile constatare che: l asta ha come polo di Ritter il nodo in cui si incontrano le linee d asse delle aste 3 e ; l asta avrà come polo di Ritter il nodo intersezione degli assi delle aste e 3; l asta 3, infine, avrà come polo di Ritter il punto all infinito della direzione orizzontale, intersezione delle rette d asse delle aste e. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno a fornisce lo sforzo N sull asta ; si ha: M 0 N 0 N TR# 5

16 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. l valore analitico determinato è positivo, quindi il verso ipotizzato è quello effettivo e l asta risulta sottoposta a trazione (tirante). È opportuno a questo punto osservare che, come appare dall equazione di equilibrio prima scritta e contenente il solo sforzo incognito N, l imposizione della condizione di equilibrio alla rotazione della porzione di struttura scelta intorno a, polo di Ritter dell asta, fa sì che i contributi degli altri due sforzi incogniti, N 3 ed N anch essi agenti sulla porzione di struttura considerata, siano nulli. Sono nulli infatti i bracci di tali forze rispetto a, punto d incontro delle loro rette d azione (linee d asse delle aste 3 e appunto). È questa la strategia risolutiva che rende molto efficace ed immediato il metodo esposto. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno al polo di Ritter dell asta 3 si traduce, ovviamente, in una condizione di equilibrio alla traslazione in direzione verticale che permette la determinazione dello sforzo N 3 ; si ha: F 0 N3 0 N3 0 asta 3 risulta scarica. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno a fornisce infine lo sforzo N ; si ha: M 0 N 0 N l valore analitico determinato è in questo caso negativo e quindi il verso ipotizzato è opposto a quello effettivo; quindi l asta è un puntone (compresso). e. Nella Figura si considera la sezione di Ritter t-t atta alla determinazione degli sforzi nelle aste, 5 t t Figura Sezione di Ritter t-t per la determinazione degli sforzi nelle aste, 5 e onsiderando ad esempio la parte destra della struttura e procedendo in modo analogo a quanto fatto in precedenza si potrà allora fare riferimento allo schema seguente. TR#

17 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. polo di Ritter asta N t 5 polo di Ritter asta 5 R polo di Ritter asta N5 N t Figura 5 orzione di struttura utilizzata per la determinazione degli sforzi nelle aste, 5 e asta avrà come polo di Ritter il nodo, punto di intersezione delle linee d asse delle aste e 5; l asta avrà come polo di Ritter il nodo, intersezione degli assi delle aste 5 e ; l asta 5, infine, avrà come polo di Ritter il punto all infinito della direzione orizzontale, intersezione delle rette d asse delle aste e. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno a fornisce lo sforzo N sull asta ; si ha: M 0 N 0 N asta è dunque un tirante. a condizione di equilibrio alla rotazione attorno al polo di Ritter dell asta 5 si traduce in una condizione di equilibrio alla traslazione in direzione verticale che fornisce lo sforzo N 5 sull asta 5; si ha: F 0 N5 0 N5 asta 5 è quindi sottoposta a trazione (tirante). a condizione di equilibrio alla rotazione attorno a fornisce infine lo sforzo N ; tale condizione non viene scritta in quanto lo sforzo N è già stato precedentemente valutato per mezzo della sezione di Ritter s-s. Metodo diretto o sforzo normale in un asta della travatura reticolare piana può essere valutato considerando la condizione di equilibrio del cinematismo ottenuto sopprimendo l asta in esame (asta i-esima ad esempio) ed introducendo le azioni incognite ( R ) che tale asta trasmette ai nodi che le competono. versi di tali azioni i possono essere scelti arbitrariamente; nel seguito si adotterà la convenzione di ipotizzare lo sforzo normale nell asta soppressa positivo (di trazione) e pertanto le azioni cui l asta era collegata. R i saranno assunte con verso uscente dai nodi TR# 7

18 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. pplicando tale metodo ad una travatura reticolare piana isostatica, già risolta per vincoli esterni, la soppressione di un asta darà luogo ad un cinematismo con un solo grado di libertà e cioè, in questo contesto, ad una catena cinematica reticolare. a condizione di equilibrio di tale catena cinematica reticolare si tradurrà in un unica equazione avente per incognita l azione dell asta soppressa la cui soluzione fornirà, in intensità e verso, tale azione e di conseguenza lo sforzo normale cercato. È opportuno osservare inoltre che la soppressione di un asta di contorno genera tipicamente un sistema costituito da due porzioni (indeformabili) di struttura mutuamente collegate da una cerniera. imposizione della condizione di equilibrio parziale di una delle due porzioni rispetto all altra (equilibrio alla rotazione relativa) fornisce in modo immediato (senza cioè ricorrere allo studio della catena cinematica reticolare) lo sforzo normale cercato. SFORZO NORM N ST on riferimento alla travatura in esame si consideri la catena cinematica reticolare riportata in Figura ed atta, per quanto detto, all individuazione dello sforzo normale nell asta. Tale catena cinematica infatti è stata ottenuta eliminando l asta dalla travatura e introducendo sui nodi e che ad essa competono le azioni R (per ipotesi positive e quindi con versi uscenti dai nodi) che l asta esercita su di essi R R N N Figura atena cinematica reticolare per la determinazione dello sforzo normale sull asta a condizione di equilibrio della catena cinematica reticolare ottenuta può esprimersi attraverso il principio dei lavori virtuali (..V.) considerando a tal fine la classe delle configurazioni spostate individuate da un unico parametro lagrangiano, uno è infatti il grado di labilità del sistema. ome appare dallo schema di Figura, il sistema (labile) in esame risulta costituito da due corpi rigidi collegati mutuamente nel nodo indicati in Figura con (coincidente con l asta ) e (costituito dalle due maglie triangolari campite). a configurazione variata (o spostata) della catena cinematica può allora essere individuata in questo caso considerando che i centri assoluti di rotazione dei corpi e, siano essi e, devono essere allineati TR# 8

19 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. con il centro relativo centro relativo. n particolare: il centro assoluto coincide con l occhio della cerniera ; il coincide con la cerniera ; il centro deve appartenere alla retta r passante per ed ortogonale al piano di scorrimento del carrello in (Figura bis). a posizione di individuarsi per via grafica essendo come mostrato in Figura bis. può quindi punto di intersezione della congiungente - con la retta r così r Figura bis atena cinematica per la determinazione dello sforzo normale nell asta : individuazione dei centri di rotazione Una possibile spostata della catena cinematica in esame è individuabile assegnando una rotazione oraria del corpo attorno a (ciò equivale a scegliere come parametro lagrangiano la rotazione ). n Figura ter si riporta la spostata ottenuta per (il valore unitario è scelto per comodità di conto). a spostata è individuata sia sulla struttura, dove sono evidenziati gli spostamenti assoluti, sia in termini di proiezioni così da rendere più agevole la valutazione delle componenti di spostamento dei punti (nodi) ove sono applicati i carichi. TR# 9

20 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. '' 3 =/3 =/3 =/3 =/3 =/3 u = = ' u ' / u '' = u= u= 3 = u ' /3 3 ' '' u= u= = 3 ' ' u= = ' = = u= = 3 = u / 3 = 3 u= = 3 = u tg( ) u u u 3 tg( ) 3 5 u () u u u 3 3 Figura ter Spostata della catena cinematica reticolare di Fig. equazione dei lavori virtuali ( 0 ) nell unica incognita R si scrive sommando il lavoro compiuto dalle forze i cui punti di applicazione subiscono uno spostamento nella direzione delle forze stesse. iascun contributo, ovviamente, è assunto positivo quando forza e spostamento sono concordi, negativo in TR# 0

21 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. caso contrario. on riferimento alla Fig., ove sono indicati i carichi agenti, e alla Fig. ter, ove sono riportate le corrispondenti componenti di spostamento, può scriversi: u u u R u R 3 3 Si noti che essendo ponendo, per il..v., 0 si ha: u ed R mutuamente ortogonali il contributo al lavoro è identicamente nullo; R 0 R 3 3 l valore analitico determinato per R è positivo, il verso ipotizzato è corretto, e quindi l asta è in trazione (tirante). n modo alternativo, essendo l asta in esame un asta di contorno, la determinazione dello sforzo normale su di essa agente può effettuarsi imponendo una condizione di equilibrio parziale di una delle porzioni (indeformabili) di struttura rispetto all altra R R N N Figura quater Schema per la determinazione dello sforzo normale nell asta per mezzo di un equazione di equilibrio parziale on riferimento alla Fig. quater la condizione di equilibrio parziale è una condizione di equilibrio alla rotazione relativa intorno alla cerniera. mponendo ad esempio l equilibrio alla rotazione della porzione rispetto al nodo si ottiene in modo immediato (senza cioè ricorrere allo studio della catena cinematica reticolare) l azione dell asta soppressa R e quindi lo sforzo normale incognito N (uguale in modulo e direzione ma di verso opposto), si ha infatti: M 0 R 0 R l valore analitico determinato per R è positivo, il verso ipotizzato è corretto, e quindi l asta è in trazione (tirante). TR#

22 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SFORZO NORM N ST Si consideri la catena cinematica reticolare riportata in Figura 7 atta all individuazione dello sforzo normale nell asta e ottenuta appunto eliminando l asta dalla travatura e introducendo sui nodi e le azioni R (positive e quindi con versi uscenti dai nodi) che l asta esercita su di essi. N R R N Figura 7 atena cinematica reticolare per la determinazione dello sforzo normale sull asta a condizione di equilibrio della catena cinematica reticolare ottenuta può esprimersi attraverso il principio dei lavori virtuali (..V.) considerando a tal fine la classe delle configurazioni spostate individuate da un unico parametro lagrangiano, uno è infatti il grado di labilità del sistema. ome appare dallo schema di Figura 7, il sistema (labile) in esame risulta costituito da due corpi rigidi collegati mutuamente nel nodo indicati in Figura con (coincidente con l asta ) e (costituito dalle due maglie triangolari campite). a configurazione variata (o spostata) della catena cinematica può allora essere individuata in questo caso considerando che i centri assoluti di rotazione dei corpi e, siano centro relativo relativo e, devono essere allineati con il. n particolare: il centro assoluto coincide con l occhio della cerniera ; il centro coincide con la cerniera ; il centro deve appartenere sia alla retta r passante per ed ortogonale al piano di scorrimento del carrello in sia alla congiungente - (Figura 7bis). a posizione di Figura 7bis. può quindi individuarsi per via grafica risultando coincidente con come mostrato in TR#

23 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi r Figura 7bis atena cinematica per la determinazione dello sforzo normale nell asta : individuazione dei centri di rotazione Una possibile spostata della catena cinematica in esame è individuabile assegnando un abbassamento verticale del punto (ciò equivale a scegliere come parametro lagrangiano lo spostamento u ). n Figura 7ter si riporta la spostata ottenuta per u (il valore unitario è scelto per comodità di conto). a spostata è individuata sia sulla struttura, dove sono evidenziati gli spostamenti assoluti, sia in termini di proiezioni così da rendere più agevole la valutazione delle componenti di spostamento dei punti (nodi) ove sono applicati i carichi. TR# 3

24 Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. / / u / u u= = u= = 3/ = = u= '' '' '' u ' = u / = ' u= = ' u= 3 =3 u= u= = u / = u u tg( ) tg( ) u u u u 3 u =.5 Figura 7ter Spostata della catena cinematica reticolare di Fig. 7 equazione dei lavori virtuali ( 0 ) nell unica incognita R si scrive sommando il lavoro compiuto dalle forze i cui punti di applicazione subiscono uno spostamento nella direzione delle forze stesse. iascun contributo, ovviamente, è assunto positivo quando forza e spostamento sono concordi, negativo in caso contrario. on riferimento alla Fig. 7, ove sono indicati i carichi agenti, e alla Fig. 7ter, ove sono riportate le corrispondenti componenti di spostamento, può scriversi: u u u R u R u Si noti che il lavoro compiuto dalla forza R applicata in (cfr. Fig. 7) per effetto dello spostamento (cfr. Fig. 7ter) è stato computato, per semplicità, come somma dei lavori compiuti dalle componenti di R secondo e per i corrispondenti spostamenti; si ha in definitiva: 3 3 R R u ponendo, per il..v., 0 si ottiene: TR#

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

SISTEMI VINCOLATI. 1. Punto fisso: il vincolo impedisce ogni spostamento del punto.

SISTEMI VINCOLATI. 1. Punto fisso: il vincolo impedisce ogni spostamento del punto. SISTEMI VINCOLATI Definizione 1 Si dice vincolo una qualunque condizione imposta ad un sistema materiale che impedisce di assumere una generica posizione e/o atto di moto. La presenza di un vincolo di

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno Fisica quantistica Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli Christian Ferrari Liceo di Locarno Sommario La polarizzazione della luce e del fotone Altri sistemi a due livelli L evoluzione

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli