Elementi di topografia parte II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi di topografia parte II"

Transcript

1 Corso di Topografia Istituto Agrario S. Michele Elementi di topografia parte II prof. Maines Fernando Giugno 2010

2 Elementi di meccanica agraria pag. 164 Maines Fernando Sommario 1 Gli errori e il loro trattamento Esercizi proposti Elementi di trigonometria Risoluzione di un triangolo Risoluzione di un triangolo rettangolo Risoluzione quadrilateri Coordinate cartesiane e coordinate polari Coordinate cartesiane Coordinate polari Formule di conversione Coordinate relative Esempio applicativo: perimetro e angoli interni di un poligono Risoluzione poligonali aperte Metodo risolutivo Risoluzione con foglio elettronico Esercizi Risoluzione poligonali chiuse Esercizi Calcolo delle aree Poligoni di cui si è in possesso solo di rappresentazione cartografica Poligoni dei quali sono noti tutti gli elementi ad esclusione di un lato e dei due angoli adiacenti Poligoni dei quali sono note le coordinate di tutti i vertici Esercizi Restituzione grafica Restituzione planimetrica Restituzione altimetrica Esercizio Suddivisione dei terreni, rettifica e spostamento dei confini Suddivisione dei terreni Rettifica e spostamento confini Metodologia operativa Esercizi Tipo di frazionamento Spianamenti Progetto per uno spianamento Spianamenti a compenso Esercizi...268

3 Elementi di meccanica agraria pag. 165 Maines Fernando 1 Gli errori e il loro trattamento

4 Elementi di meccanica agraria pag. 166 Maines Fernando

5 Elementi di meccanica agraria pag. 167 Maines Fernando

6 Elementi di meccanica agraria pag. 168 Maines Fernando

7 Elementi di meccanica agraria pag. 169 Maines Fernando In topografia si parla di errori prima di tutto in riferimento alle misure che si eseguono nel corso dei rilievi. Le misure operate in campo topografico si possono classificare in: misure dirette: ottenute per confronto diretto con l unità campione. misure indirette: ottenute attraverso relazioni analitiche (formule) applicate ad altre grandezze di cui si conosce la misura; misure condizionate: per grandezze che devono soddisfare determinate condizioni come ad esempio la somma degli angoli di un triangolo deve essere pari a π. Inoltre si definisce peso di una misura il livello di precisione di una misura; pertanto le misure della stessa grandezza possono essere dello stesso peso se eseguite dallo stesso operatore, con lo stesso strumento, nelle medesime condizioni operative,. In caso contrario si dicono misure di peso diverso. Per quanto riguarda gli errori due sono le definizioni fondamentali: errore assoluto: differenza fra la misura ed il valore reale (E a =x-x); errore relativo: entità dell errore in rapporto al valore vero (E r =E a /X). Da un punto di vista operativo esistono tre tipi di errori: errori materiali (o grossolani); errori strumentali (o sistematici); errori accidentali (o casuali). Gli errori grossolani sono legati a disattenzione di chi compie la misura; possono essere sia positivi e che negativi e sono facilmente individuabili (ed eliminabili) ripetendo la misura. Se, ad esempio, si effettuano due misure che risultano molto diverse significa che c è un errore grossolano e quindi si effettuerà una terza misura. Gli errori sistematici sono invece legati all imperfezione dello strumento. Sono costanti (proporzionalmente alla misura), sempre in eccesso o in difetto. Si possono ridurre (ma non eliminare) utilizzando strumenti più precisi o rettificando lo strumento. Gli errori accidentali sono dovuti a vari fattori come temperatura, fattori climatici, stanchezza,, e pertanto difficilmente standardizzabili. Si possono ridurre applicando metodologie matematiche di tipo statistico che costituiscono la teoria degli errori. Si tratta di una branca della matematica che può essere utilizzata per gestire e analizzare gli errori casuali e per ridurne l effetto. In particolare ci limiteremo, in questa sede al trattamento statistico delle misure dirette. Descriveremo una metodica da applicare a una popolazione di misure dirette (campione), ottenuto nel corso di un rilievo e rappresentabili efficacemente mediante apposito grafico delle misure. Lo scopo è quello di aumentare la precisione in quanto all aumentare del numero di misure (indicato con n) trattate aumenta l attendibilità del risultato. La metodologia risulta invece inefficace per campioni di numerosità inferiore a 12. Dato che ogni misura umana è affetta da errore e che non è possibile determinare il valore vero di una grandezza, ne consegue che non è possibile determinare l errore.

8 Elementi di meccanica agraria pag. 170 Maines Fernando La statistica ci viene in soccorso poiché consente di definire il valore più probabile (stima del valore vero) e di calcolare con quale probabilità il valore vero è compreso in una determinato intervallo costruito attorno al valore più probabile. Si può dimostrare che il valore più probabile è il valore medio, derivante dalla media aritmetica nel caso di misure dello stesso peso o dalla media pesata nel caso di misure di diverso peso. Queste le formule: x m n xi ( xi pi ) i= = 1 i= 1 xm = n n pi n i= 1 dove: x m = valore medio; x i = misura; n = numero ripetizioni misura; p i = peso della misura. Il valor medio è un ottimo parametro per rappresentare una popolazione di dati relativi alle misure di una grandezza, ma non è sufficiente in quanto, ad esempio, non fornisce informazioni su l entità di errori che ho commesso. Una prima stima dell errore assoluto E a = x- X commesso sulla singola misura può essere fatta mediante il calcolo dello scarto s i dato dall espressione: s i = x i - x m dove: x i è il valore misurato; x m è il valore medio. La stima dell errore medio commesso, invece, non può essere fatta attraverso la media (aritmetica o pesata degli scarti dato che, come è facilmente intuibile, la sommatoria degli scarti dà come valore 0.

9 Elementi di meccanica agraria pag. 171 Maines Fernando Per superare questo limite si possono prendere in considerazione gli scarti al quadrato al fine di ottenere valori tutti positivi la cui somma pertanto non si annulla. Si giunge così alla definisce di due grandezze statistiche particolarmente important1: la varianza ν definita come la media 1 degli scarti al quadrato: 2 si i= 1 ν = ; n 1 lo scarto quadratico medio σ dato dalla radice quadrata 2 della varianza: 2 si i= 1 σ = ν = n 1 Quest ultimo parametro consente di valutare la dispersione della popolazione attorno al valor medio: minore è il valore dello scarto quadratico medio, minore sarà la dispersione (campione più rappresentativo). n n 1 Si divide per n-1 invece che per n, in quanto lo scarto s non rappresenta l errore ma una sua stima. 2 Questo passaggio è motivato dalla convenienza di avere un parametro esprimibile con la stessa unità di misura della grandezza misurata.

10 Elementi di meccanica agraria pag. 172 Maines Fernando Le sperimentazioni relative agli eventi casuali evidenziano che la frequenza (e quindi la probabilità) con la quale di si manifesta un determinato errore casuale ha le seguenti proprietà: gli errori minori hanno più probabilità di verificarsi degli errori maggiori; gli errori positivi si verificano con la stessa probabilità degli errori negativi; anche gli errori molto grandi possono presentarsi, ma con una probabilità molto piccola, tendenze a zero (andamento asintotico). Partendo da queste osservazioni il grande matematico tedesco Gauss ha determinato la funzione di distribuzione della probabilità (campana di Gauss) con la quale si presentano gli errori casuali: y = 1 0,5x e 2π σ dove: y = probabilità; x= errore; σ = scarto quadratico medio (vedi diapositiva specifica). 2 Gauss calcolò inoltre la probabilità di commettere un errore compreso nei seguenti intervalli: 68,26% per l intervallo -1σ e +1σ; 95,45% per l intervallo -2σ e +2σ; 99,73% per l intervallo -3σ e +3σ; E evidente che un errore con valore assoluto maggiore di 3σ è assai poco probabile; pertanto tale valore (3σ) viene assunto come come massimo errore ammissibile detto tolleranza (o errore temibile). Si può dimostrare che, se le misure sono meno di 11, lo scarto è comunque sempre inferiore alla tolleranza. Per questo motivo, per campioni di numerosità inferiore a 11 si deve utilizzare come tolleranza la semidispersione: x max x d = min 2 In entrambi i casi se uno o più valori degli scarti sono superiori alla tolleranza, devo eliminarlo in quanto, probabilmente, sono affetti da errori grossolani. E necessario, pertanto rieseguire tutti i calcoli (anche della tolleranza).

11 Elementi di meccanica agraria pag. 173 Maines Fernando Si tratta, perciò, di un metodo che deve essere reiterato fino a quando tutti i valori degli scarti sono inferiori alla tolleranza. Per completare il processo si calcola un ultimo parametro chiamato valor medio della media, allo scopo di definire la precisione della media: σ σ n = n Siamo giunti alla conclusione in quanto possiamo ora definire il grado di incertezza del valor medio cioè l intervallo nel quale è molto probabile (attenzione non stiamo parlando di certezza) trovare il valore vero (x * ) della grandezza: * x σ < x < x + σ nel caso di n 11 m n m * xm d < x < xm + d nel caso di n < 11. L esecuzione dei calcoli può essere facilmente automatizzata mediante foglio elettronico. La seguente figura ne mostra un esempio: n

12 Elementi di meccanica agraria pag. 174 Maines Fernando Nelle prima colonna della tabella 1 sono riportati i valori delle misure effettuate. Nella cella in alto viene calcolato il valor medio. Nelle successive due colonne vengono calcolati gli scarti e il quadrato degli scarti. Nelle celle di testa vengono inserite le formule per il calcolo delle rispettive sommatorie: la prima deve risultare (approssimativamente) zero, mentre la seconda serve per il calcolo della varianza, dello scarto quadratico e della tolleranza. Quest ultimo valore sarà utilizzato per la verifica degli scarti. Il calcolo viene ripetuto nelle colonne della tabella 2 dove sono stati tolti le eventuali misure affette da scarti superiori alla tolleranza. Di seguito viene riportato un esempio di foglio di calcolo più evoluto nel quale è possibile anche impostare il numero di misure trattate e il numero di cifre decimali richieste. Numero valori (almeno 12, max. 25): Numero di cifre decimali: 15 valore più probabile 3 12,561 ± 0,1019 valori X scarti S scarti al quadrato S , , , , , , , , , , , ,5607 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 Valori 194, , , ,8500 0,0000 0,0000 0,0000 0, ,4811 1,8891 1,8891 1,8891 accettato 1 12, , , , ,4500 0, , , , , , , , accettato 2 12, , , , ,3300 0, , , , , , , , accettato 3 12, , , , ,6500 0, , , , , , , , accettato 4 12, , , , ,0000 0, , , , , , , , accettato 5 12, , , , ,7600 0, , , , , , , , accettato 6 12, , , , ,4400 0, , , , , , , , accettato 7 12, , , , ,8800 0, , , , , , , , accettato 8 12, , , , ,3700 0, , , , , , , , accettato 9 12, , , , ,5600 0, , , , , , , , accettato 10 12, , , , ,3400 0, , , , , , , , accettato 11 13, , , , ,6700-0, , , , , , , , non accettato 12 18, ,5600-5, , accettato 13 12, , , , ,4400 0, , , , , , , , accettato 14 12, , , , ,5100 0, , , , , , , , accettato 15 12, , , , ,4500 0, , , , , , , , Esercizi proposti vertici esercizio 1 esercizio 2 esercizio 3 esercizio 4 1 5, ,45 38, , , ,33 38, , , ,65 38, , , ,00 38, , , ,76 38, , , ,44 38, , , ,88 38, , , ,37 38, , , ,56 38, , , ,34 38, , , ,67 38, ,491

13 Elementi di meccanica agraria pag. 175 Maines Fernando 12 5, ,54 38, , , ,44 38, , , ,51 38, , , ,45 38, , , ,38 38, , , ,44 38, , , ,87 38, , , ,54 38, , , ,69 38, , , ,22 38, , , ,39 38, , , ,99 38, , , ,44 38, , , ,61 38, ,454 valor 5, ,512 38, ,4766 medio σ m 0, ,0448 0, ,00284

14 Elementi di meccanica agraria pag. 176 Maines Fernando 2 Elementi di trigonometria

15 Elementi di meccanica agraria pag. 177 Maines Fernando

16 Elementi di meccanica agraria pag. 178 Maines Fernando

17 Elementi di meccanica agraria pag. 179 Maines Fernando

18 Elementi di meccanica agraria pag. 180 Maines Fernando Nella maggior parte delle applicazioni topografiche le linee curve vengono approssimate con delle spezzate in modo da ottenere elementi rappresentati mediante figure poligonali. Dato che qualsiasi poligono può essere suddiviso comunque in triangoli, è essenziale saper risolvere 3 tale figura per poter eseguire la maggior parte delle procedure utilizzate in topografia. In particolare utilizzeremo gli strumenti analitici forniti dalla trigonometria che consente di definire ogni elemento di un triangolo (perimetro, area, coordinate dei vertici, ) a partire dalla misurazioni di distanze, angoli e dislivelli eseguite nel corso del rilievo topografico. 3 Ricordiamo che per poter risolvere un triangolo è necessario conoscere le dimensioni di almeno tre elementi di cui almeno un lato. Questa regola può essere generalizzata: un poligono di n vertici (n lati e n angoli) può essere risolto trigonometricamente sono se sono noti almeno (2n-3) elementi (lati o angoli).

19 Elementi di meccanica agraria pag. 181 Maines Fernando In questa sede ci limiteremo all utilizzo delle tre funzioni goniometriche principali (seno, coseno, tangente) e della cotangente, il cui significato geometrico e riasuunto nella figura seguente. Si ricorda che quelle goniometriche sono funzione che ricevono un valore angolare e restituiscono un valore numerico. Inoltre valgono le seguenti relazioni fondamentali: tan α = sin α / cos α; cotan α = 1 / tan α. 4 Molto utilizzate nei calcolo trigonometrici sono anche le funzioni goniometriche inverse, e in particolare l arcoseno (arcsen x o sen -1 x), l arcocoseno (arccos x o cos -1 x), l arcotangente (arctan x o tan -1 x) e l arcocotangente (arccotan x o cotan -1 x). Queste funzioni, essendo le inverse delle precedenti, elaborano un valore numerico e restituiscono un valore angolare. E fondamentale ricordare l importanza di non confondere la funzione inversa (arcsen x) dall inverso (1/sen x o sen -1 x o cosec x), errore dovuto anche dal fatto che molte calcolatrici, per motivi di spazio, usano la scritta sen -1 x per indicare arcsen x. A tal proposito ricordiamo anche che per poter utilizzare correttamente le calcolatrici si devono rispettare alcune regole di base: verificare il metodo di immissione dei dati. Le calcolatrici, infatti, possono adottare due protocolli diversi: 4 Questa relazione viene espressa dicendo che la cotangente è l inverso della tangente.

20 Elementi di meccanica agraria pag. 182 Maines Fernando metodo tradizionale o inverso (sempre meno adottato): per inserire l espressione 2 arcsen( a ) si digita la seguente successione di tasti a, x 2, arcsen x, radice. metodo progressivo (ora il più adottato): per inserire l espressione 2 arcsen( a )» si digita la seguente successione di tasti radice, arcsen x, a x 2. se si utilizzano le funzioni goniometriche e le relative funzioni inverse ricordarsi di impostare la calcolatrice sul sistema angolare corretto: DEG per gli angoli sessadecimali; GRAD per gli angoli centesimali; RAD per gli angoli radianti. il risultato fornito dalla calcolatrice talvolta non tiene conto del quadrante in cui si opera. E il caso del teorema dei seni qualora si utilizza la funzione arcoseno: dato un valore del seno compreso fra 0 e 1 esistono due angoli che assumono lo stesso valore di sen x: angolo α 1 compreso fra 0 e π/2 (1 quadrante); angolo α 2 compreso fra π/2 e π (2 quadrante). notare che α 2= π- α Risoluzione di un triangolo Per risolvere un triangolo qualsiasi (avendo almeno tre elementi di cui un lato), è sufficiente utilizzare i seguenti teoremi o formule: teorema dei seni; teorema del coseno (o di Carnot); formule per il calcolo dell area. Nella figura seguente è riportata la convenzione più diffusa per le lettere utilizzate per indicare vertici (A, B, C), lati (a, b, c) e angoli (α, β, γ).

21 Elementi di meccanica agraria pag. 183 Maines Fernando Teorema dei seni Questo primo teorema afferma: in un triangolo qualsiasi il rapporto tra un lato e il seno dell angolo opposto è costante, ed è uguale al diametro della circonferenza circoscritta al triangolo. L enunciato può essere espresso con le seguenti formule: Osservando le espressioni si comprende che il teorema dei seni è applicabile qualora fossero noti gli elementi di una coppia lato e angolo opposto (a, α; b, β; c, γ). In tal caso, conoscendo un elemento di un altra coppia è possibile calcolarne l omologo. Due sono i possibili casi di cui proponiamo un esempio ciascuno: 1. noti a, b, β posso trovare α: 2. noti α, b, β posso trovare a: Teorema del coseno o di Carnot L enunciato del teorema è il seguente: In un triangolo qualsiasi il quadrato di un lato è uguale alla somma dei quadrati degli altri due lati, diminuito del doppio prodotto di questi per il coseno dell angolo compreso. In forma analitica si esprime con le formule seguenti:

22 Elementi di meccanica agraria pag. 184 Maines Fernando Due sono pertanto i casi nei quali è applicabile il teorema del coseno: noti due lati e l angolo compreso (b, c, α; a,c, β; a,b, γ) è possibile calcolare il terzo lato attraverso le espressioni: noti tutti e tre il lati, è possibile ricavare i tre angoli mediante: Formule per il calcolo delle aree Le principali formule per il calcolo dell area di un triangolo qualsiasi sono: formule base da usarsi quando sono noti due lati e l angolo compreso: formula di Erone qualora siano noti tutti i lati: dove p=(a+b+c)/2. ***** A completamento riportiamo le metodiche risolutive dei possibili casi che si possono incontrare 1. tre lati (N.B.: nelle figure successive gli elementi noti sono riportati in rosso): angolo 1 (teorema del coseno inverso); angolo 2 (teorema del coseno inverso); angolo 3 (teorema del coseno inverso); verifico la somma degli angoli; area con formula di Erone. 2. due lati e l angolo compreso: lato 3 (teorema del coseno);

23 Elementi di meccanica agraria pag. 185 Maines Fernando angolo 2 (teorema del coseno inverso); angolo 3 (teorema del coseno inverso); verifico la somma degli angoli; area con formula standard. 3. Due lati e un angolo adiacente: angolo 2 (teorema dei seni): due possibili soluzioni. angolo 3 (differenza a π); lato 3 (teorema del coseno); area con formula standard o con Erone. 4. Un lato e due angoli adiacenti: angolo 3 (differenza a π); lato 2 (teorema dei seni); lato 3 (teorema del coseno); area con formula standard. 5. un lato, l angolo opposto ed un angolo adiacente: lato 2 (teorema dei seni); angolo 3 (differenza a π);

24 Elementi di meccanica agraria pag. 186 Maines Fernando lato 3 (teorema del coseno); area con formula standard. Nel corso della risoluzione di un triangolo si deve prestare particolare attenzione in due particolari situazioni: quando sono noti due angoli è possibile determinare il terzo sottraendo la loro somma a π. E bene, però, utilizzare questa possibilità solo qualora non fosse possibile applicare nessuna altra formula. In tal modo, infatti, sarà possibile la verifica, al termine dei calcoli, dei valori angolari ottenuti (la somma deve essere, con buona approssimazione, pari a π). quando si utilizza il teorema dei seni per calcolare un angolo bisogna ricordarsi che la calcolatrice opera sempre nel primo quadrante (angolo compreso fra 0 e π/2). Non sempre il valore ottenuto è quello giusto in quanto, nel caso di un triangolo ottusangolo, uno degli angoli è maggiore di π/2. Tale situazione può essere riconosciuta in quanto un lato (quello opposto all angolo ottuso) ha una lunghezza decisamente maggiore degli altri due lati. Pertanto se la somma degli angoli interni del triangolo non risultasse pari a π, al posto del valore dato dalla calcolatrice (ottenuto con la funzione arcsen) va sostituito con il suo supplementare (ottenuto sottraendo l angolo della calcolatrice a π). A questo punto è necessario effettuare nuovamente la verifica; un esito positivo è la prova che si tratta proprio di un triangolo ottusangolo. Come sempre accade in ambito matematico è fondamentale esercitarsi; per questo vengono proposti 30 esercizi relativi a triangoli di cui sono dati tre elementi (valori in rosso). Calcolare gli elementi mancanti (valori in nero) e l area. Nell ultima colonna è riportato il sistema angolare in cui è necessario operare. Buon divertimento. a (BC) b (CA) c (AB) α β γ angoli 1 103,753 55,898 62, ,5 27 0, ,9 DEG 2 25,343 26,854 44, , , ,9 DEG 3 103,33 213,48 146, DEG 4 2,438 1,324 1,938 1,6557 0,5718 0,9142 RAD 5 12,6 15,4 19,9 43,65 56,34 100,01 GRAD 6 17,20 15,80 34,55 impos. impos. impos. GRAD 7 24,43 35,63 47,45 33,48 52,30 114,22 GRAD 8 65,29 88,46 76, DEG 9 impos. 188,24 impos impos. DEG 10 63,34 41,21 88,46 45,432 28, ,558 GRAD , , ,456 28, , ,8946 GRAD , , ,0542 GRAD

25 Elementi di meccanica agraria pag. 187 Maines Fernando ,34 244,11 407, DEG ,21 239,44 impos. impos impos. DEG 15 2,364 2,115 3,087 49,876 43,166 86,958 DEG 16 22,345 26,158 23,489 53, , ,2855 DEG 17 81,303 81,303 65,042 73, , ,3956 GRAD ,758 49,876 51,366 RAD 19 80,00 1, ,634 DEG ,30 29, ,34 63,810 8, ,524 GRAD 21 37, , , , , ,0646 DEG 22 15,757 22,345 15,534 44,832 91,137 44,031 DEG 23 4,752 5,453 6,094 53,232 65,475 81,293 GRAD ,33 194,23 455,68 105,987 20,138 53,875 DEG ,4 341,5 49,876 GRAD ,3 355,8 33,55 GRAD 27 24,38 13,24 18,38 GRAD 28 15,80 33,48 114,22 GRAD 29 23,64 21, GRAD 30 88,46 45,58 76,55 GRAD 2.2 Risoluzione di un triangolo rettangolo. Per completezza riportiamo anche le formule specifiche per i triangoli rettangoli sebbene si possano facilmente ricavare dalle formule viste per i triangoli qualsiasi, ponendo semplicemente l angolo γ pari a π/2. Per i triangoli rettangoli valgono le seguenti formule, utilizzabili qualora sono noti, oltre all angolo retto, due elementi di cui almeno uno deve essere un lato: un cateto è uguale all ipotenusa per il seno dell angolo opposto (al cateto) o per il coseno dell angolo adiacente: a = ip senα; a = ip cosβ; b = ip senβ; b = ip cosα. Dalle precedenti formule si possono ricavare le relazioni per il calcolo degli angoli quando sono noti un cateto e l ipotenusa. un cateto è uguale all altro cateto per la tangente dell angolo opposto (al primo cateto) o per la cotangente dell angolo adiacente: a = b tanα; a = b cotanβ; b = a tanβ; b = a cotanα. Dalle precedenti formule si possono ricavare le relazioni per il calcolo degli angoli quando sono noti i due cateti.

26 Elementi di meccanica agraria pag. 188 Maines Fernando 2.3 Risoluzione quadrilateri Per risolvere un quadrilatero qualsiasi devono essere noti almeno 5 degli 8 elementi, di cui almeno due lati. La risoluzione prevede i seguenti passaggi: la divisione del quadrilatero in due triangoli mediante una diagonale; la risoluzione del triangolo con più elementi noti (almeno tre); la risoluzione del secondo triangolo. Per il calcolo dell area si possono sommare le aree dei due triangoli ottenute con le formule viste nel paragrafo precedente, cercando di utilizzare quella che richiede il minor numero possibile di elementi calcolati al fine di ridurre il più possibile la propagazione degli errori (di approssimazione, ). In alternativa è possibile utilizzare la formula del camminamento qualora siano noti tre lati successivi e i due angoli compresi (ad esempio a, b, c, β, γ): Questa metodologia può essere applicato nei seguenti casi: noti quattro lati ed un angolo (nelle figure gli elementi noti sono in rosso); noti tre lati e i due angoli compresi;

27 Elementi di meccanica agraria pag. 189 Maines Fernando noti tre lati e due angoli, di cui uno compreso; noti due lati adiacenti e tre angoli. Vi sono due casi che richiedono una metodica risolutiva diversa: noti tre lati e i due angli non compresi;

28 Elementi di meccanica agraria pag. 190 Maines Fernando noti due lati con contigui e tre angoli: In questi casi la metodica risolutiva prevede i seguenti passaggi: risolvo i triangoli rettangoli 1 e 2; risolvo il triangolo rettangolo 3; ricavo gli elementi mancanti; per la determinazione dell area posso calcolare le quattro aree (3 triangoli rettangoli ed 1 rettangolo) oppure, dopo aver divido il quadrilatero con una diagonale, sommo le aree dei due triangoli ottenuti. Anche per i quadrilateri proponiamo alcuni esercizi. Ancora buon divertimento.

29 Elementi di meccanica agraria pag. 191 Maines Fernando 3 Coordinate cartesiane e coordinate polari

30 Elementi di meccanica agraria pag. 192 Maines Fernando

31 Elementi di meccanica agraria pag. 193 Maines Fernando

32 Elementi di meccanica agraria pag. 194 Maines Fernando

33 Elementi di meccanica agraria pag. 195 Maines Fernando 3.1 Coordinate cartesiane Dobbiamo a René Descartes (Cartesio), filosofo e matematico francese (1596, 1650), la definizione di un sistema di coordinate per descrivere in modo rigoroso la posizione di un punto nel piano (e nello spazio), passaggio essenziale per la costruzione della geometria analitica, branca della matematica che ha rappresentato la sintesi fra la geometria (sviluppata dai Greci) e l algebra (sviluppata dagli Arabi). Le figure geometriche diventano luoghi dei punti ognuno individuato in modo univoco attraverso le coordinate cartesiane, la cui definizione si basa su alcune convenzioni: adozione di due assi perpendicolari tra di loro, di cui uno orizzontale (asse x o asse delle ascisse) e uno verticale (asse y o delle ordinate); il punto di intersezione viene detto origine; l asse delle x è fissato con il verso positivo verso destra mentre l asse y ha verso positivo verso l alto; un punto del piano viene individuato da una coppi di numeri: coordinata x data dalla distanza dall origine della proiezione del punto sull asse x; coordinata y data dalla distanza dall origine della proiezione del punto sull asse y. I due assi cartesiani suddividono il piano in 4 quadranti: 1 quadrante: x > 0; y > 0; 2 quadrante: x > 0; y < 0; 3 quadrante: x < 0; y < 0; 4 quadrante: x < 0; y > 0. Quanto è stato visto per il piano può essere esteso allo spazio. Ai due assi x e y si associa un terzo azze (asse z) anch esso passante per l origine e perpendicolare ad entrambi. Il verso positivo è diretto verso l alto. Pertanto la posizione di un punto nello spazio viene identificata da tre coordinate: nell ordine x, y, z.

34 Elementi di meccanica agraria pag. 196 Maines Fernando 3.2 Coordinate polari Vengono definite utilizzando un solo asse (detto asse polare o asse azimutale), indicato con y o N. Ha direzione e verso predefiniti che, molto frequentemente, coincidono con il Nord. Su tale asse, inoltre, viene fissato un punto (detto polo O), che assume il ruolo di origine. Anche nel caso delle coordinate polari la posizione di un punto P è definita da due coordinate: d P : è un numero che rappresenta la distanza del punto P dall origine O; pertanto varia da 0 a + ; θ P : è un angolo (detta anomalia o angolo di direzione), misurato a partire dall asse Y, ruotando in senso orario. Qualora l asse polare corrispondesse con il Nord, l anomalia coincide con l azimut. In ogni caso θ P varia da 0 a 2π. Y N P(d P, θ P) θ P d P 0 Per definire la posizione di un punto nello spazio, di deve aggiungere una terza coordinata alle due coordinate per il piano. Per la sua determinazione è necessario introdurre un ulteriore asse (asse Z) disposto verticalmente e diretto verso l alto. Si tratta, infatti, dell angolo φ P (angolo verticale o zenitale) misurato a partire dall asse verticale fino alla congiungente P con origine.

35 Elementi di meccanica agraria pag. 197 Maines Fernando 3.3 Formule di conversione Incominciamo con le formule per passare da coordinate polari a cartesiane. Si tratta di formule molto semplici: date le coordinate polari d z e θ P si ottengono x p e y p con le seguenti espressioni: x z = d z senθ P ; y z = d z cosθ P. Per quanto riguarda il passaggio da coordinate cartesiane a polari, le espressioni per ottenere d P e θ P dati x P e y P sono: d P 2 = x P 2 + y P 2 (teorema di Pitagora); θ P = arctan(x P /y P ). Anche in questo caso si tratta di formule molto semplici, ma una precisazione deve essere fatta per l espressione relativa a θ P : la calcolatrice, quando utilizza la funzione arcotangente, esegue i calcoli riferendosi sempre al primo quadrante e pertanto il risultato deve essere interpretato a seconda del quadrante nel quale stiamo operando (riconoscibile dal segno delle due coordinate cartesiane). Nella seguente tabella sono riassunte le correzioni da apportare nei 4 diversi casi. quadrante x P y P θ Pcal θ Pcal 1 > 0 > 0 + θ Pcal 2 > 0 < 0 - θ Pcal + π 3 < 0 < 0 + θ Pcal + π 4 < 0 > 0 - θ Pcal + 2π Vediamone un esempio: quadrante x P y P θ Pcal θ Pcal ,0334 gon 59,0334 gon ,0334 gon 140,9666 gon ,0334 gon 359,0334 gon

LEZIONI DI TOPOGRAFIA

LEZIONI DI TOPOGRAFIA Prof. Ing. Paolo Saija LEZIONI DI TOPOGRAFIA (Appunti per l esame di abilitazione alla professione di Geometra) Anno 2006 II a Edizione 1 SOMMARIO LA TOPOGRAFIA Grandezze geometriche e unità di misura

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 «non si può intendere se prima non s impara a intender lingua, e conoscer i caratteri, nei quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri sono triangoli,

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1.NUMERI CLASSE PRIMA Comprende il significato Comprendere il significato Insiemi numerici NQZ Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico rappresentandole

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ

STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ Sono dispositivi che ci forniscono il valore delle grandezze Sono di 2 tipi ANALOGICO: se il valore delle misure si legge su una scala graduata (c è continuità nell indicazione)

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Funzioni trascendenti

Funzioni trascendenti Funzioni trascendenti Lucia Perissinotto I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave Beatrice Hitthaler I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 17 novembre 007 Sommario Esponiamo la teoria fondamentale delle funzioni

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza fra i saperi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5 ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA PER IL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ana Millán Gasca Luigi Regoliosi La lettura e lo studio del libro Pensare in matematica da parte degli

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

AREA LOGICO-MATEMATICA

AREA LOGICO-MATEMATICA SCUOLA DELL INFANZIA AREA LOGICO-MATEMATICA TRAGUARDI SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI NUCLEO: NUMERO E SPAZIO PREREQUISITI -Raggruppare e ordinare secondo criteri diversi, confrontare e valutare

Dettagli

ESERCIZI DI TOPOGRAFIA per gli Allievi Istituto per Geometri. rel. 0.1. Esercizi di Topografia distribuzione gratuita 1/6

ESERCIZI DI TOPOGRAFIA per gli Allievi Istituto per Geometri. rel. 0.1. Esercizi di Topografia distribuzione gratuita 1/6 ESERCIZI DI TOPOGRAFIA per gli Allievi Istituto per Geometri rel. 0.1 Esercizi di Topografia distribuzione gratuita 1/6 Indice generale ANNO 3...3 1.1 - Esercizi pratica calcolatrice...3 1.2 - Esercizi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Docente I.T.P. Materia Classi AMATA ANTONIO NESCI MATTEO TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1C PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Libro di testo: L. Cremona, R. Demaldè, F.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica 60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo matematica Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità

Dettagli

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego CONVITTO NAZIONALE MARIA LUIGIA di Parma CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12 Disciplina : MATEMATICA Docente Prof.ssa Paola Perego COMPETENZE CONOSCENZE Funzione esponenziale e logaritmica

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Sistemi di forze: calcolo grafico

Sistemi di forze: calcolo grafico UNTÀ D3 Sistemi di forze: calcolo grafico TEOA Uso del CAD nei procedimenti grafici 2 appresentazione grafica dei vettori 3 Poligono delle forze 4 Poligono delle successive risultanti 5 Poligono funicolare

Dettagli

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A. S. 2014/2015 Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri Nuclei fondamentali di LE BASI DELLA RAPPRESENTAZIONE

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN MATEMATICA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. MATEMATICA TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA Fo.Svi.Co International s.a.s. Formazione Sviluppo Competenze (per la competitività in campo internazionale) SEDE LEGALE Corso Magenta, 83 20 123 Milano SEDE OPERATIVA 00100 ROMA, via Arduino, 46 SEDE

Dettagli

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche.

In laboratorio si useranno fogli di carta millimetrata con scale lineari oppure logaritmiche. GRAFICI Servono per dare immediatamente e completamente le informazioni, che riguardano l andamento di una variabile in funzione dell altra. La Geometria Analitica c insegna che c è una corrispondenza

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

L unità immaginaria si indica con la lettera i oppure con la lettera j

L unità immaginaria si indica con la lettera i oppure con la lettera j I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 6 IC PADOVA COMPETENZE SPECIFICHE Numeri conoscere e padroneggiare i contenuti

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico

Liceo G.B. Vico Corsico Liceo G.B. Vico Corsico Classe: 3A Materia: MATEMATICA Insegnante: Nicola Moriello Testo utilizzato: Bergamini Trifone Barozzi: Manuale blu.0 di Matematica Moduli S, L, O, Q, Beta ed. Zanichelli 1) Programma

Dettagli

Utilizzare e leggere il linguaggio specifico della geometria

Utilizzare e leggere il linguaggio specifico della geometria Da Competenze chiave per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo (2005) AREA MATEMATICA - 1 Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia: la competenza matematica

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI Gabellone, Silvagni,Damiano TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE QUARTA Sviluppa

Dettagli

Collegio dei Geometri di Bergamo I.S.I.S. Quarenghi

Collegio dei Geometri di Bergamo I.S.I.S. Quarenghi Collegio dei Geometri di Bergamo I.S.I.S. Quarenghi Corso di preparazione agli Esami di abilitazione alla libera professione di Geometra Sessione 009 TOPOGRAFIA Docente Ing. Aldo Piantoni Come misuriamo

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

Programmazione per competenze del corso Matematica, Secondo biennio

Programmazione per competenze del corso Matematica, Secondo biennio Programmazione per del corso Matematica, Secondo biennio Competenze di area Traguardi per lo sviluppo delle degli elementi del calcolo algebrico algebriche di primo e secondo grado di grado superiore al

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La Geometria analitica: la retta 1.1 Introduzione......................................... 1. Il piano cartesiano.....................................

Dettagli

La trigonometria prima della trigonometria. Maurizio Berni

La trigonometria prima della trigonometria. Maurizio Berni La trigonometria prima della trigonometria Maurizio Berni 9 maggio 2010 Negli istituti tecnici agrari la trigonometria viene affrontata: nella seconda classe in Disegno e Topografia (risoluzione di triangoli

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio. Acquisire una buona conoscenza del sistema grafico in genere;

Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio. Acquisire una buona conoscenza del sistema grafico in genere; CORSO CAT/Geometra Classe prima Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio TECNOLOGIA E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1 FONDAMENTI DEL DISEGNO convenzioni ed elementi base del disegno

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica Come scrivere una relazione di laboratorio Premesso che durante l esperienza di laboratorio è necessario annotare tutto ciò che è utile per poter redigere la relazione, questa deve contenere: gli strumenti

Dettagli

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014 Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L I numeri naturali e i numeri interi Che cosa sono i numeri naturali. L insieme dei numeri naturali N. Le quattro

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013)

PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013) PROVA DI AMMISIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE (10 SETTEMBRE 2013) Linguaggio matematico di base 1. Qual è l area del triangolo avente i vertici nei punti di coordinate (0,2), (4,0) e (7,6)? A 10 B 30

Dettagli

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA I. I. S."MOREA-VIVARELLI" ----- FABRIANO ********************************************************* sez. COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO - a.s.2013/2014 corso di TOPOGRAFIA prof. FABIO ANDERLINI nella classe

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~

FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~ FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~. LE EQUAZIONI "sen = a" E "cos = a" È noto che, fissato un qualsiasi numero reale a compreso tra

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi Dispense di Matematica Analisi Matematica Riccarda Rossi Corso di Laurea in Disegno Industriale Università degli Studi di Brescia Anno Accademico 2009/2010 2 Capitolo 1 Nozioni preliminari 4 Riccarda Rossi

Dettagli

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia L'educazione matematica ha il compito di avviare l'alunno verso una maggiore consapevolezza e padronanza del pensiero

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche Disciplina MATEMATICA Secondo biennio e anno conclusivo Liceo Economico sociale Classe terza Finalità Conoscenze Obiettivi minimi Finalità della matematica nel corso del secondo biennio è di proseguire

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA. Abilità Contenuti Scansione cronologica

Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA. Abilità Contenuti Scansione cronologica Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA 1. Il numero Competenze Obiettivi di apprendimento 1. Conoscere e usare i numeri interi 2. Conoscere e usare le frazioni Abilità

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SPECIFICHE Numeri! Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure in

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI Numeri naturali Ordinalità Cardinalità Ricorsività Confronto Misura Valore posizionale Operazioni Contare

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE TECNICHE AREA CAT Programma di TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA Classe 3 C.A.T. COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Anno scolastico 0 / 03 Docente TINELLI PASQUALE VENTURA ANGELO CRISAFI

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate Via G. Verdi, 1 85025 MELFI (PZ) Tel. 097224434/35 Cod. Min.: PZIS02700B

Dettagli

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più

Dettagli