STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ ATTIVITÀ ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA"

Transcript

1 STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ ATTIVITÀ RIGUARDANTI LE PREVISIONI METEOROLOGICHE ATTIVITÀ ALTRE ATTIVITÀ DI CONSULENZA TECNICA N.C.A. Marzo 2009

2 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SK30U Altre attività tecniche è stata condotta analizzando i modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore per il periodo d imposta I contribuenti interessati sono risultati pari a Nella prima fase di analisi contribuenti sono stati scartati in quanto, pur tenuti alla compilazione dei modelli, non risultano utilizzabili nelle successive fasi dell elaborazione dello studio di settore (cessazione di attività, situazioni di non normale svolgimento dell attività, contribuenti forfettari, ecc.). Sui modelli studi di settore della restante platea sono state condotte analisi statistiche per rilevare la completezza, la correttezza e la coerenza delle informazioni in essi contenute. Tali analisi hanno comportato, ai fini della definizione del campione dello studio, lo scarto di ulteriori 477 posizioni. A seguito degli scarti effettuati, il numero dei contribuenti oggetto delle successive analisi è stato pari a Distribuzione dei contribuenti per Forma Giuridica Numero % sugli elaborati Persone fisiche ,4 Società di persone ,2 Società di capitali, enti commerciali e non ,4 2

3 INQUADRAMENTO GENERALE Lo studio in questione analizza il settore delle altre attività tecniche. I fattori principali che hanno contribuito alla definizione dei modelli di business sono i seguenti: attività svolta; rilevanza del committente principale; tipologia di clientela. L attività svolta ha consentito di distinguere i contribuenti che si occupano di: informatica (cluster 1), direzione lavori in campo edile (cluster 2), consulenza in ambito ambientale (cluster 3), topografia, rilievi e misurazioni (cluster 4), pubblicità e marketing (cluster 5), progettazione (cluster 6), consulenza in materia di sicurezza (cluster 7), consulenza in campo immobiliare (cluster 10), consulenza nell ambito della certificazione di qualità (cluster 11), consulenza nel campo della geologia (cluster 12), assistenza alla vendita (cluster 13), esecuzione di disegni, illustrazioni, fumetti, decorazioni artistiche o realizzazione di prototipi e modelli (cluster 14), consulenza nelle aree sanitaria e biomedica (cluster 15), assistenza tecnica (cluster 16), consulenza fiscale ed amministrazione di beni (cluster 17). La rilevanza del committente principale ha contribuito ad individuare i soggetti che operano quasi esclusivamente per il committente principale (cluster 18). La tipologia di clientela ha portato ad individuare quei contribuenti che operano prevalentemente per banche ed assicurazioni, e che svolgono in genere attività peritale (cluster 8). Infine, sono stati distinti quei contribuenti che operano per una committenza diversificata (cluster 9). Si segnala che, in genere, la dotazione di beni strumentali è poco significativa. Nelle successive descrizioni dei cluster emersi dall analisi, salvo segnalazione contraria, l indicazione di valori numerici riguarda valori medi. 3

4 DESCRIZIONE ECONOMICA DEI CLUSTER Cluster 1 Contribuenti specializzati in informatica Numerosità: 692 Questo cluster è formato da contribuenti specializzati in informatica (83% dei compensi/ricavi) che svolgono attività di consulenza in ambito informatico ed edizioni di software (74% dei compensi/ricavi). Si tratta in maggioranza di liberi professionisti (77% del totale), che utilizzano l abitazione in uso promiscuo e che quasi mai si avvalgono di dipendenti o collaboratori. I soggetti organizzati sotto forma di impresa operano su 39 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività e si avvalgono di 2 addetti. Va specificato che il 21% delle imprese del cluster occupa 2-3 dipendenti. La clientela di riferimento è costituita da altri imprenditori individuali e società (71% dei compensi/ricavi). Cluster 2 Contribuenti che svolgono attività di direzione lavori in campo edile Numerosità: I contribuenti appartenenti a questo cluster svolgono attività di direzione lavori, dalla quale ottengono il 60% dei compensi/ricavi, con una specializzazione prevalente in campo edile (73% dei compensi/ricavi). Coerentemente con quanto osservato a livello di specializzazione, la principale tipologia di clientela cui si rivolgono i contribuenti del cluster è rappresentata da imprese edili, dalle quali ottengono il 68% dei compensi/ricavi. Va segnalato anche che il 24% dei contribuenti percepisce approssimativamente i due terzi dei propri compensi/ricavi da altri imprenditori individuali e società, mentre il 14% riceve il 48% dei propri compensi/ricavi da studi tecnici. I liberi professionisti, il 71% del totale, utilizzano l abitazione in uso promiscuo nel 65% dei casi e, molto raramente, si avvalgono di dipendenti o collaboratori. 4

5 Le imprese operano invece su 42 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività occupando 2 addetti (dipendenti nel 20% dei casi). Cluster 3 Contribuenti che svolgono attività di consulenza in ambito ambientale Numerosità: I contribuenti di questo cluster (professionisti nel 72% dei casi) svolgono prevalentemente attività di consulenza in ambito ambientale (63% dei compensi/ricavi) e, coerentemente con tale attività, risultano specializzati nelle aree ambiente, agricoltura, territorio e foreste (73% dei compensi/ricavi). I liberi professionisti lavorano quasi sempre senza l ausilio di dipendenti e collaboratori e, nel 69% dei casi, utilizzano l abitazione in uso promiscuo. I soggetti organizzati in forma di impresa operano su 67 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività e si avvalgono di 3 addetti (dipendenti nel 38% dei casi). La clientela, piuttosto eterogenea, comprende soprattutto altri imprenditori individuali e società (51% dei compensi/ricavi), Enti Pubblici Territoriali (49% dei compensi/ricavi per il 24% dei soggetti), studi tecnici (41% per il 20%), altri Enti Pubblici (39% per il 15%), consorzi e cooperative agricole (37% per il 15%) ed imprese agricole, con le quali l 8% dei contribuenti realizza il 55% dei compensi/ricavi. Cluster 4 Contribuenti specializzati in topografia, rilievi e misurazioni Numerosità: 760 Il cluster riunisce i contribuenti (imprese nel 55% dei casi) che risultano specializzati prevalentemente in topografia, rilievi e misurazioni (77% dei compensi/ricavi) e si occupano di attività catastali (71% dei compensi/ricavi) e di aerofotogrammetria, fotorestituzione digitale e georeferenziazione e redazione di carte tematiche (71% dei compensi/ricavi per il 16% dei soggetti), 5

6 I liberi professionisti utilizzano nel 56% dei casi l abitazione in uso promiscuo e, raramente, si avvalgono di dipendenti o collaboratori. Le imprese del cluster, che occupano 2-3 addetti (nel 40% dei casi i dipendenti sono pari a 3), impegnano in genere 68 mq di locali per l esercizio dell attività. La clientela di riferimento è costituita da: studi tecnici (32% dei compensi/ricavi), altri imprenditori individuali e società (54% dei compensi/ricavi per il 50% dei soggetti), imprese edili (37% per il 29%), ed Enti Pubblici Territoriali (35% per il 23%). Cluster 5 Contribuenti che si occupano di pubblicità e marketing Numerosità: 475 Questo cluster è formato da contribuenti che svolgono attività di comunicazione, promozione, pubblicità e marketing (81% dei compensi/ricavi). Il 59% dei contribuenti del cluster è rappresentato da liberi professionisti che nella maggioranza dei casi utilizza l abitazione in uso promiscuo, quasi mai avvalendosi di dipendenti o collaboratori. Le imprese operano su 65 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività e si avvalgono di 2 addetti che, nel 22% dei casi, sono dipendenti. La clientela di riferimento è costituita prevalentemente da altri imprenditori individuali e società (62% dei compensi/ricavi) e, nel 24% dei casi, da studi di promozione pubblicitaria o agenzie di pubbliche relazioni (58% dei compensi/ricavi). Cluster 6 Contribuenti specializzati in attività di progettazione Numerosità: 884 Questo cluster comprende contribuenti che ottengono il 75% dei loro compensi/ricavi dalle attività di progettazione di nuove opere e di progettazione finalizzata a recupero, ripristino e restauro. Tali soggetti sono prevalentemente specializzati in ambito edile (42% dei compensi/ricavi). Le altre aree specialistiche che contraddistinguono i contribuenti 6

7 del cluster sono l impiantistica (68% dei compensi/ricavi per il 24% dei soggetti), la meccanica (70% per l 8%), l arredamento (60% per il 7%) e l idraulica (36% per il 7%). Si tratta in maggioranza di imprese (62% del totale) che operano su 99 mq di superficie, occupando 2-3 addetti. Si segnala che, nel 46% dei casi, le imprese in oggetto si avvalgono di 3 dipendenti. I professionisti che rientrano nel gruppo molto raramente si avvalgono di dipendenti o collaboratori e, nella metà dei casi, utilizzano l abitazione in uso promiscuo. La principale tipologia di clientela è rappresentata da altri imprenditori individuali e società (46% dei compensi/ricavi), seguiti da imprese edili (42% dei compensi/ricavi per il 32% dei soggetti), studi tecnici (35% per il 32%) ed Enti Pubblici Territoriali (33% per il 20%). Cluster 7 Contribuenti che svolgono attività di consulenza in materia di sicurezza Numerosità: I contribuenti di questo cluster (liberi professionisti nel 63% dei casi) risultano specializzati in sicurezza/antinfortunistica (77% dei compensi/ricavi) e, coerentemente con tale specializzazione, svolgono prevalentemente attività di redazione di piani di sicurezza e di coordinamento lavori relativi alle norme antinfortunistiche (77% dei compensi/ricavi). Da segnalare inoltre che, nel 24% dei casi, tali soggetti ricevono approssimativamente un quinto dei loro compensi da attività di addestramento e formazione del personale. I liberi professionisti lavorano quasi sempre senza l ausilio di dipendenti e collaboratori e, nel 67% dei casi, utilizzano l abitazione in uso promiscuo. I soggetti organizzati in forma di impresa operano su 72 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività avvalendosi di 2-3 addetti. Da segnalare che, nel 42% dei casi, dispongono di 3 dipendenti. 7

8 La clientela, piuttosto variegata, comprende soprattutto altri imprenditori individuali e società (61% dei compensi/ricavi), imprese edili (30% dei compensi/ricavi per il 28% dei soggetti), studi tecnici (30% per il 24%), ed Enti Pubblici Territoriali (16% per il 23%). Cluster 8 Contribuenti che svolgono attività peritale per banche ed assicurazioni Numerosità: 421 Il cluster riunisce i contribuenti (liberi professionisti nel 74% dei casi) che si riferiscono ad una clientela rappresentata in maniera prevalente da banche e compagnie di assicurazione (62% dei compensi/ricavi), per le quali svolgono perizie assicurative (83% dei compensi/ricavi). Coerentemente, il 57% dei loro compensi/ricavi proviene dall area bancaria/assicurativa. I liberi professionisti, operanti raramente con l ausilio di dipendenti e collaboratori, utilizzano l abitazione in uso promiscuo approssimativamente nella metà dei casi. Il restante 26% di contribuenti, rappresentato da imprese, opera su 52 mq di superficie, occupando 2 addetti (dipendenti nel 32% dei casi). Cluster 9 Contribuenti che operano per una committenza diversificata Numerosità: Il cluster raggruppa quei contribuenti (liberi professionisti nel 52% dei casi) che originano il flusso dei propri compensi/ricavi da una committenza diversificata rappresentata principalmente da: altri imprenditori individuali e società (53% dei compensi/ricavi), studi tecnici (42% dei compensi/ricavi per il 25% dei soggetti), privati (32% per il 21%) e imprese edili (34% per il 15%). Le attività di assistenza e consulenza alla progettazione e di esecuzione di disegni tecnici con l ausilio di strumentazione CAD o grafica digitale rappresentano la fonte principale di compenso/ricavo per una quota rilevante dei contribuenti. 8

9 Per quanto attiene la specializzazione, si osserva una preponderanza del campo edile (71% dei compensi/ricavi per il 23% dei soggetti), seguito dalla meccanica (76% per il 13%) e dall impiantistica (62% per il 13%). Il 62% dei liberi professionisti utilizza l abitazione in uso promiscuo e, molto raramente, si avvale di dipendenti o collaboratori. Le imprese del cluster dispongono in genere di 69 mq di locali per l esercizio esclusivo dell attività, occupando 2 addetti. Va evidenziato infine che, nel 35% dei casi, tali soggetti si avvalgono di 3 dipendenti. Cluster 10 Contribuenti che svolgono attività di consulenza in campo immobiliare Numerosità: 223 Questo cluster è formato da contribuenti che svolgono attività di consulenza ed intermediazione immobiliare (96% dei compensi/ricavi). Coerentemente con l attività svolta, quella immobiliare è l area specialistica che dà luogo ai maggiori compensi/ricavi (91%). Si tratta in maggioranza di liberi professionisti (81% del totale) che, nel 61% dei casi, utilizzano l abitazione in uso promiscuo e che, raramente, si avvalgono di dipendenti o collaboratori. I soggetti organizzati sotto forma di impresa operano su 26 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività, che generalmente è condotta dal solo titolare. La clientela di riferimento è costituita prevalentemente da altri imprenditori individuali e società (71% dei compensi/ricavi) oltre che da privati (58% dei compensi/ricavi per il 14% dei soggetti) e da imprese edili, da cui i contribuenti originano il 66% dei propri compensi nel 12% dei casi. 9

10 Cluster 11 Contribuenti che operano nell ambito della certificazione di qualità Numerosità: 415 I contribuenti di questo cluster (liberi professionisti nel 75% dei casi) risultano specializzati in qualità (62% dei compensi/ricavi) e, coerentemente con tale specializzazione, svolgono prevalentemente attività nell ambito della certificazione di qualità (68% dei compensi/ricavi). Va segnalato inoltre che, nel 19% dei casi, tali soggetti ricevono circa un quarto dei loro compensi da attività di addestramento e formazione del personale. I liberi professionisti lavorano quasi sempre senza l ausilio di dipendenti e collaboratori e, nel 70% dei casi, utilizzano l abitazione in uso promiscuo. Le imprese appartenenti al cluster operano su 37 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività e si avvalgono di 2 addetti. Da evidenziare che il 30% di tali imprese occupa 2-3 dipendenti. La clientela di riferimento è rappresentata da altri imprenditori individuali e società (72% dei compensi/ricavi). Cluster 12 Contribuenti che si occupano di attività geologiche Numerosità: 497 Questo cluster comprende contribuenti che si occupano di attività geologiche, ottenendone il 71% dei compensi/ricavi. Tali soggetti sono prevalentemente specializzati in ambito edile (73% dei compensi/ricavi per il 42% dei soggetti), seguito da idraulica (67% per il 38%), geofisica (56% per il 17%) e topografia, rilievo e misurazioni (58% per il 16%). I professionisti (71% del totale) molto raramente si avvalgono di dipendenti o collaboratori e, nel 65% dei casi, utilizzano l abitazione in uso promiscuo. Il 29% dei soggetti, organizzato in forma di impresa, opera su 69 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività ed occupa 2 addetti (dipendenti nel 29% dei casi). 10

11 La clientela cui si rivolgono risulta piuttosto eterogenea. Cluster 13 Contribuenti che svolgono attività di assistenza alla vendita Numerosità: 438 Questo cluster è formato da contribuenti (liberi professionisti nel 67% dei casi) che svolgono attività di assistenza e consulenza alla vendita (92% dei compensi/ricavi). Nel 63% dei casi i liberi professionisti utilizzano l abitazione in uso promiscuo, quasi mai avvalendosi di dipendenti o collaboratori. Va segnalato che il 27% dei professionisti del cluster dichiara di essere pensionato. Le imprese appartenenti al cluster operano su 32 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività e si avvalgono di 1-2 addetti. Va evidenziato infine che, nel 12% dei casi, tali soggetti si avvalgono di 3 dipendenti. La clientela di riferimento è costituita prevalentemente da altri imprenditori individuali e società (85% dei compensi/ricavi). Cluster 14 Contribuenti che si occupano di esecuzione di disegni, illustrazioni, fumetti, decorazioni artistiche o realizzazione di prototipi e modelli Numerosità: 338 Questo cluster comprende contribuenti che si occupano di esecuzione di disegni, illustrazioni, fumetti, decorazioni artistiche e/o realizzazione di prototipi/modelli, dalla quale ottengono il 95% dei loro compensi/ricavi. Tali soggetti sono specializzati con una certa prevalenza nell editoria (84% dei compensi/ricavi per il 26% dei soggetti), seguita dalle specializzazioni in arredamento, e negli ambiti edile e tessile-abbigliamento. Si tratta in maggioranza di professionisti (60% del totale) che molto raramente si avvalgono di dipendenti o collaboratori e che, nel 68% dei casi, utilizzano l abitazione in uso promiscuo. Le imprese del cluster operano su 62 mq di locali destinati esclusivamente all attività, che generalmente è condotta dal solo titolare. 11

12 La principale tipologia di clientela è rappresentata da altri imprenditori individuali e società, dai quali provengono i due terzi dei compensi/ricavi. Cluster 15 Contribuenti specializzati nelle aree sanitaria e biomedica Numerosità: 237 I contribuenti di questo cluster (liberi professionisti nel 65% dei casi) risultano specializzati nelle aree sanitaria e biomedica (75% dei compensi/ricavi). Le principali attività svolte sono riconducibili ad attività in ambito sanitario e del benessere della persona (79% dei compensi/ricavi per il 43% dei soggetti), oltre che a redazione di piani di sicurezza e di coordinamento lavori relativi alle norme antinfortunistiche (39% per il 17%). I liberi professionisti (pensionati nel 18% dei casi) lavorano quasi sempre senza l ausilio di dipendenti e collaboratori e, nel 61% dei casi, utilizzano l abitazione in uso promiscuo. I soggetti organizzati in forma di impresa operano su 62 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività avvalendosi di 2-3 addetti. Da segnalare che, nel 38% dei casi, le imprese del cluster dispongono di 3-4 dipendenti. La clientela comprende soprattutto altri imprenditori individuali e società (58% dei compensi/ricavi), imprese individuali ed esercenti arti e professioni (38% dei compensi/ricavi per il 20% dei soggetti), altri Enti Pubblici (54% per il 17%), Enti Pubblici Territoriali (31% per il 19%) e privati (38% per l 11%). Cluster 16 Contribuenti che svolgono attività di assistenza tecnica Numerosità: 872 I contribuenti di questo cluster (professionisti nel 57% dei casi) svolgono prevalentemente attività di assistenza tecnica (94% dei compensi/ricavi) e risultano specializzati in impiantistica (82% dei compensi/ricavi per il 37% dei soggetti), meccanica (83% per il 35%), ed elettrotecnica-elettronica (73% per il 18%). 12

13 I liberi professionisti, che dichiarano di essere pensionati nel 46% dei casi, lavorano quasi sempre senza l ausilio di dipendenti e collaboratori e, nel 68% dei casi, utilizzano l abitazione in uso promiscuo. I soggetti organizzati in forma di impresa operano su 50 mq di locali destinati esclusivamente all esercizio dell attività e si avvalgono di 2 addetti. Da segnalare che, nel 26% dei casi, le imprese del cluster dispongono di 3 dipendenti. La clientela di riferimento è rappresentata da altri imprenditori individuali e società (83% dei compensi/ricavi). Cluster 17 Contribuenti che svolgono attività di consulenza fiscale ed amministrazione di beni Numerosità: 301 Il cluster riunisce i contribuenti (professionisti nel 51% dei casi) che si occupano prevalentemente di attività di consulenza fiscale ed amministrazione di beni (41% dei compensi/ricavi), e che sono specializzati prevalentemente negli ambiti edile (68% dei compensi ricavi per il 36% dei soggetti), immobiliare (65% per il 28%) e contabilità/auditing (34% per il 17%). I liberi professionisti utilizzano l abitazione in uso promiscuo nel 58% dei casi e, molto raramente, si avvalgono di dipendenti o collaboratori. Le imprese del cluster, che occupano 2 addetti, dispongono in genere di 46 mq di locali dedicati all esercizio esclusivo dell attività. Da segnalare che, nel 38% dei casi, le imprese del cluster dispongono di 2-3 dipendenti. La eterogenea clientela di riferimento è costituita da altri imprenditori individuali e società (34% dei compensi/ricavi), condomini (57% per il 49%), studi tecnici (38% per il 23%), imprese edili (31% per il 23%) ed infine i privati, con i quali il 27% dei contribuenti appartenenti al cluster realizza il 22% dei compensi/ricavi. 13

14 Cluster 18 Contribuenti che operano quasi esclusivamente per il committente principale Numerosità: Il cluster raggruppa quei contribuenti (liberi professionisti nel 73% dei casi) che ottengono il 97% dei propri compensi/ricavi dal committente principale, in genere rappresentato da: altri imprenditori individuali e società (60% dei compensi/ricavi) e studi tecnici (90% dei compensi/ricavi per il 21% dei soggetti). Le attività di assistenza e consulenza alla progettazione e di esecuzione di disegni tecnici con l ausilio di strumentazione CAD o grafica digitale rappresentano la fonte principale di compenso/ricavo per una quota rilevante dei contribuenti. Per quanto attiene la specializzazione, si osserva una preponderanza del campo edile (85% dei compensi/ricavi per il 17% dei soggetti), seguito dalla meccanica (87% per il 15%) e dall impiantistica (76% per il 10%). I liberi professionisti (pensionati nel 21% dei casi) utilizzano l abitazione in uso promiscuo nel 67% dei casi e, molto raramente, si avvalgono di dipendenti o collaboratori. Le imprese del cluster dispongono in genere di 37 mq di locali ad uso esclusivo dell attività ed occupano 2 addetti. Va evidenziato infine che, nel 17% dei casi, tali soggetti si avvalgono di 3 dipendenti. 14

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM40B

STUDIO DI SETTORE VM40B A L L E G AT O 15 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM40B ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM40B sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

via quarenghi 32 24122 bergamo tel. 035 21 71 28 libreria@incrocioquarenghi.it www.incrocioquarenghi.it il regolamento

via quarenghi 32 24122 bergamo tel. 035 21 71 28 libreria@incrocioquarenghi.it www.incrocioquarenghi.it il regolamento via quarenghi 32 24122 bergamo tel. 035 21 71 28 libreria@incrocioquarenghi.it www.incrocioquarenghi.it il regolamento La tessera giovani è una tessera che permette di ottenere uno sconto immediato del

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497. Art. 1 - L'indennità risarcitoria di cui all'art.15 L. 29 giugno 1939 n.1497 si

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Quesiti su reverse charge e split payment

Quesiti su reverse charge e split payment Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa POLITICHE FISCALI E SOCIETARIE DIREZIONE POLITICHE FISCALI Quesiti su reverse charge e split payment REVERSE CHARGE Applicazione

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli