Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione"

Transcript

1 Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione Consideriamo il nostro dataset formato da 468 individui e 1 variabili nominali costituite dalle seguenti modalità : colonna D: Age of client (età del cliente) -> 4 modalità (meno di 3;da 3 a 40;da 40 a 50;oltre 50) colonna E: Profession (professione) -> 3 modalità (dipendente ;esecutivo; altra professione) colonna F: Seniority (anzianità) -> 5 modalità( 1 anno o meno;da 1 a 4 anni;da 4 a 6;da 6 a 1;più di 1) colonna G: Family Situation (situazione di famiglia) -> 4 modalità ( single;sposato;divorziato;vedovo) colonna H: Type of client (tipo di cliente) -> modalità ( buono; cattivo) colonna I: Home of employee (a casa del dipendente) -> modalità (stipendio a domicilio e non) colonna J: Size of savings (dimensione dei risparmi) -> 4 modalità(nessun risparmio;meno di 10 KF;da 10 a 100 kf; oltre 100 KF) colonna K: Active mean migliaia di franchi (media attiva in ml di franchi)->3 modalità (meno di KF;da a 5;più di 5) colonna L: Mean of mouvements (media del movim. di trasl.) -> 4 modalità (meno di 10KF;da 10 a 30;da 30 a 50;più di 50) colonna M: Cumulative debits (debiti cumulativi) -> 3 modalità (meno di 40;da 40 a 100;più di 100) colonna N: overdraft authorized (scoperto autorizzato) -> modalità (proibito;autorizzato) colonna O: Checkbook not allowed (assegni ammessi) -> 1 modalità (libretto di assegni ammessi) Totale 37 modalità Figura 1 Matrice di partenza Eseguiamo una statistica semplice per Il calcolo delle frequenze relative delle rispettive modalità 4 modalità 3 modalità 5 modalità 4 modalità modalità modalità 4 modalità 3 modalità 4 modalità 3 modalità modalità 1 modalità

2 Poiché il numero di variabili osservate è superiore a tre, la matrice non è più rappresentabile ma è possibile immaginare una tabella a p vie in cui ciascuna cella contiene le frequenze relative a quella particolare combinazione di modalità. La caratteristica di questa matrice è che quasi sempre il numero di celle è di gran lunga superiore al numero di osservazioni, con il risultato che la maggior parte delle celle risultano vuote. Se infatti consideriamo il dataset sopra con 468 clienti appartenenti ad una banca, osserviamo che ad ogni cliente vengono considerate 1 variabili nominali, ma ad ogni variabile è assegnato un numero di modalità (con un minimo di 1 ad un massimo di 5), per un totale di 37 modalità. La matrice quindi è formata da 468 righe per 37 colonne ( celle) che indicheremo con il nome Z (detta anche in codifica disgiuntiva completa -figura 3). Lo studio di una tabella del genere risulta quindi particolarmente complesso, motivo per cui l analisi viene generalmente semplificata limitando i gradi di interazione e considerando, ad esempio, il solo insieme di tabelle a due vie che dalla matrice iniziale possono essere generate, tale matrice è chiamata Matrice dei dati in codifica ridotta ed è sotto meglio descritta. Figura - Matrice R dei dati in codifica ridotta Id Age Prof. Seniority Family Type of Home of Size Active Mean of Cumulati Over Chec client of mean ve debits draf book Dalla matrice di partenza di figua 1, si passa alla matrice R dei dati in codifica ridotta, in cui ogni colonna rappresenta una variabile che può assumere valori da 1 al numero di modalità previste dalla variabile stessa. La codifica così definita ha il vantaggio di raccogliere i dati osservati in modo compatto e facilmente leggibile. Successivamente si effettua una prima trasformazione e si ottiene quindi definendo con Z una matrice in cui ogni variabile dà origine a tante variabili dicotomiche ( che assumono cioè i soli valori zero o uno) quante sono le modalità previste. Questo tipo di codifica viene detta disgiunta completa perché prevede i soli valori uno e zero (disgiuntiva) e perché per ogni variabile una e una sola delle modalità deve assumere valore uno, non essendo previste modalità diverse da quelle considerate (completa). Dalla matrice R si ottiene quindi la matrice Z o in codifica disgiuntiva completa sotto riportata. Figura 3 Matrice dei dati in codifica disgiuntiva completa Id Age Prof. Seniority Family Type of Home of Size Active Mean of Cumulati client of mean ve debits Figura Matrice dei dati in codifica disgiuntiva completa ( prodotta con softwarexlstat) Over draf Chec book -La matrice Z dei dati in codifica disgiuntiva completa è formata da 468 righe e 37 colonne, in quanto la somma delle colonne riporta la frequenza di ciascuna delle s modalità, avendo indicato con s la somma s1+s+s3+.s1 delle modalità di tutte le variabili. Alla matrice Z possono quindi essere applicati i concetti di profilo riga e profilo colonna, di massa e di distanza del chi-quadrato e quindi gli algoritmi definiti per l analisi delle corrispondenze binarie. Dalla matrice Z è inoltre possibile ottenere la matrice B di Burt in cui vengono considerati tutti i possibili incroci tra le variabili. Tale matrice, ottenuta dal prodotto Z Z, è costituita da p blocchi, dove ciascun blocco diagonale è a sua volta una matrice diagonale di ordine sj i cui elementi riportano le frequenze delle modalità delle variabile pj, mentre i blocchi non diagonali, di dimensioni si x sj, rappresentano le tabelle di contingenza relative alle modalità delle variabili pi e pj. Dalla matrice B di Burt si ottiene la matrice diagonale D, che è anch essa una matrice a blocchi con i blocchi non diagonali pari a zero e blocchi diagonali uguali a quelli di B.

3 La matrice di Burt con p =11 blocchi e la matrice diagonale D sono riportate di seguito. E possibile individuare in queste tabelle le distribuzioni di frequenze delle 1 variabili (matrice D o blocco diagonale di B) e le tabelle di contingenza per tutte gli incroci possibili ( blocchi non diagonali di B). Figura 4 Matrice di Burt (prodotta con software XLSTAT) La trasformazione delle matrici La prima trasformazione è quella di portarla in forma disgiuntiva completa, ossia trasformarla in una matrice casi x modalità. La seconda trasformazione è quella di moltiplicare la matrice disgiuntiva completa per la sua trasposta ottenendo così la matrice di Burt. La matrice di Burt è una matrice variabili x variabili, in quanto ottenuta dalla moltiplicazione della matrice disgiuntiva completa per la sua trasposta; essa, quindi, risulta essere quadrata e diagonale. La matrice di Burt racchiude in sé tutte le tabelle di contingenza tra le variabili ed è su questa che verranno condotte le operazioni che consentono l estrazione dei fattori. Figura 5 Matrice Diagolane D (prodotta con software XLSTAT La metrica

4 Lavorando con variabili categoriali non si può ragionare usando la metrica di tipo Euclideo, ma si dovrà usare la metrica del Chi-quadrato. Le distanze si calcolano tra i profili riga (o colonna). Il calcolo della distanza del chi-quadrato inserisce un coefficiente di ponderazione che rivaluta le componenti a più bassa frequenza e ridimensiona quelle a più alta frequenza. Il coefficiente di ponderazione T/Cj è l inverso del rapporto Cj/T che è la frequenza relativa marginale della modalità J: si pondera ogni elemento per l inverso della sua importanza sul totale delle frequenze) D ( ir) = S (j = 1 q) T/Cj (fij/fi frj/fr) Obiettivo ACM Trovare poche dimensioni in grado di riprodurre la maggior parte dell associazione presente fra le variabili analizzate in un ridotto numero di fattori. E possibile scegliere quali variabili far partecipare alla determinazione dei fattori (variabili attive). Le variabili che non partecipano all elaborazione possono essere analizzate in qualità di variabili illustrative (controllando la loro relazione con i fattori ottenuti con l ACM) I fattori ottenuti con l ACM: - sono ortogonali fra loro - sono combinazioni delle variabili-modalità inserite nell analisi - riproducono, in ordine decrescente, il massimo della dispersione (o inerzia) presente nella matrice di Burt Inerzia totale e tassi di inerzia La matrice Z, di dimensioni (n,s), identifica, nello spazio R n, s punti le cui coordinate sono le righe della matrice D -1 Z ( o le colonne della matrice ZD -1 ). Ciascuna sottomatrice Zq genera, in R n,un sottospazio lineare a p q dimensioni che avrà certamente in comune con tutti gli altri almeno la prima bisettrice, ossia il vettore le cui componenti risultano tutte uguali a uno. Il rango massimo di ZD -1, e quindi di Z, è quindi pari a: s 1+(s -1)+(s 3-1)+.+(s p-1)=s-p+1 D altra parte, degli s-p+1 autovettori della matrice Z ZD -1, uno sarà quello che congiunge l origine con il baricentro e che corrisponde all autovalore banale unitario. Nell analisi centrata, quindi, potranno essere determinati al massimo s-p auto valori non nulli e la percentuale di variabilità spiegata da ciascun fattore sarà rappresentata dalla quantità: α Tassi di inerzia : x100 s p λ j = 1 λ α Tale quantità, che è una misura eccessivamente pessimistica dell effettivo potere esplicativo dei diversi fattori, assume, nel caso dell ACM, valori generalmente molto bassi anche per i primi fattori. Questo perché la codifica disgiuntiva, imponendo una relazione di ortogonalità tra le modalità di una stessa variabile, introduce una sorta di sfericità artificiale della nube dei punti, che si manifesta proprio nei bassi valori dei tassi di inerzia. L inerzia di una modalità, I(j), è data dal quadrato della distanza dal baricentro per il peso mj, rappresentato dal corrispondente marginale di colonna sulla tabella delle frequenze relative: m j= z. j n p Nel nostro caso Inerzia totale:,083 Gli s-p=5 autovalori non nulli che è possibile determinare sono i seguenti: Autovalori e tassi di inerzia Tra i metodi per correggere i valori dei tassi di inerzia e renderli attendibili, soprattutto relativamente ai primi fattori, Benzècri ha introdotto la correzione: p = ( ) x( p 1 1 ) p λ λ per λ >1/p Che, per p elevato, equivale a considerare il quadrato degli autovalori mentre per p= porta all espressione λ *=( λ -1) =µ che individua gli auto valori dell AC sulla tabella di contingenza che incrocia le due variabili.

5 Istogramma Come nell AC, gli autovalori sono tutti minori di 1. Le percentuali di inerzia spiegata risultano molto basse ma è possibile applicare la formula di correzione sotto p = ( ) x( p 1 1 ) p λ λ per λ >1/p Per ottenere i seguenti nuovi valori: Autovalori corretti e tassi di inerzia La corretta interpretazione dei fattori richiede la lettura dei contributi assoluti e della qualità della rappresentazione dei punti, quantità riportata nella tabella sotto.

6

7 Figura 6 Piano fattoriale 1-: modalità attive (prodotto con software XLSTAT

8 La contrapposizione delle modalità sugli assi è ben visibile, in alto abbiamo i clienti che hanno un età superiore a 50 anni che presentano le seguenti caratteristiche: - hanno una media di movimenti superiore ai franchi, con un anzianità superiore a 1 anni e con stato familiare coniugato. Possiamo affermare che queste sono le categorie che risparmiano di più ed hanno una media attiva di oltre 5000 franchi, inoltre, la loro professione è maggiormente executive (dirigenti). - Nella parte centrale del piano fattoriale di fig. 6, abbiamo le categorie tra i 3 e 40 anni, esse risultano essere maggiormente divorziati e per la banca non sono buoni clienti. - I clienti con età compresa tra 40 e 50 si trovano in una situazione intermedia rispetto ai due gruppi analizzati. - Nella parte bassa a sinistra abbiamo i clienti con età al di sotto di 3 anni. Essi risultano essere per la maggior parte Single ed hanno una media attiva in franchi compresa tra e 5 KF, anche perché sono clienti da meno di 1 mesi con cumulo di debiti meno di 40 mila franchi. Analizziamo ora il piano formato da terzo e quarto fattore: Si evince che questo piano contribuisce a definire il profilo dei soggetti analizzati e mette in risalto aspetti quali le professioni e più precisamente: - i clienti sotto i 3 anni non sono dipendenti della banca. Da una prima analisi troviamo pochi individui appartenenti a questa categoria. Un aspetto importante è che pochi individui risparmiano più di franchi. Il tutto conferma che il correntista più anziano ha una buona condizione economica e risulta essere un buon cliente. Tale fattore spiega il fatto che la banca tende a mantenere i rapporti con clienti buoni, in tal modo abbassa il rischio di inadempienza di un debitore (cliente cattivo) e tiene sotto controllo la riserva o il proprio patrimonio di Vigilanza così come stabilito da Basilea. Analisi eseguita dal Prof. Roberto Fantaccione

9 Grafico asimmetrico delle variabili (assi F3 e F4: 10,61 %) 3 Size of savings-more than 100 KF 39 F4 (4,16 %) 1 Active mean migliaia di franchi-more than 5 KF Size of savings-from 10 to 100 KF 10 Age of client-less than Profession-other Mean 3 Seniority-1 years of mouvements-less year or less profession than 10 KF Home of employee-not Profession-executive domicile 43 salary 33 Cumulative overdraft debits-less authorized-forbidden than 40 Mean Age of of mouvements-more client-from 40 to 50 than years 50 KF Family Situation-single 3 Family Type Situation-divorced of client-bad client 38 8 Checkbook 1 not allowed-checkbook 9 allowed Size of Cumulative savings-less than 10 KF 4 debits-more than 100 Cumulative Home Type of debits-from of client-good employee-domicile Size 45 Family 40 client of to savings-no Situation-married 100 salary Age savings of client-over 47Family years Situation-widow Age of client-from 5 3 Active to 40 years mean migliaia Seniority-plus di franchi-from 1 years 34 to 5 KF Seniority-from Seniority-from 6 to Profession-employee 1 overdraft years 11 1 to authorized-authorised 4 Active years 18 mean migliaia di franchi-less than 14 KF 15 Mean Seniority-from of mouvements-from 4 to 6 years 10 to 30 KF Mean 4of mouvements-from 4 30 to 50 KF F3 (6,45 %) Variabili Osservazioni

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come RICHIAMI SULLE MATRICI Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come A = a 11 a 12... a 1n a 21 a 22... a 2n............ a m1 a m2... a mn dove m ed n sono le dimensioni di A. La matrice A può

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it RIPASSO SULLE MATRICI 1 Addizione tra matrici Moltiplicazione Matrice diagonale Matrice identità Matrice trasposta

Dettagli

Statistica multivariata. Statistica multivariata. Analisi multivariata. Dati multivariati. x 11 x 21. x 12 x 22. x 1m x 2m. x nm. x n2.

Statistica multivariata. Statistica multivariata. Analisi multivariata. Dati multivariati. x 11 x 21. x 12 x 22. x 1m x 2m. x nm. x n2. Analisi multivariata Statistica multivariata Quando il numero delle variabili rilevate sullo stesso soggetto aumentano, il problema diventa gestirle tutte e capirne le relazioni. Cercare di capire le relazioni

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti Corso di Analisi Numerica - AN1 Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari Roberto Ferretti Richiami sulle norme e sui sistemi lineari Il Metodo di Eliminazione di Gauss Il Metodo di Eliminazione con

Dettagli

Autovalori e Autovettori

Autovalori e Autovettori Daniela Lera Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica e Informatica A.A. 2008-2009 Autovalori e Autovettori Definizione Siano A C nxn, λ C, e x C n, x 0, tali che Ax = λx. (1) Allora

Dettagli

STATISTICA IX lezione

STATISTICA IX lezione Anno Accademico 013-014 STATISTICA IX lezione 1 Il problema della verifica di un ipotesi statistica In termini generali, si studia la distribuzione T(X) di un opportuna grandezza X legata ai parametri

Dettagli

Analisi discriminante e regressione logistica: applicazione al sondaggio sul tema delle aggregazioni comunali per il Comune di Novazzano

Analisi discriminante e regressione logistica: applicazione al sondaggio sul tema delle aggregazioni comunali per il Comune di Novazzano Analisi discriminante e regressione logistica: applicazione al sondaggio sul tema delle aggregazioni comunali per il Comune di Novazzano Flaminio Cadlini e Roberto Stoppa www.tiresia.ch Giugno 26 Indice

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Federico Lastaria. Analisi e Geometria 2. Matrici simmetriche. Il teorema spettrale. 1/24

Federico Lastaria. Analisi e Geometria 2. Matrici simmetriche. Il teorema spettrale. 1/24 Contenuto Endomorfismi auto-aggiunti. Matrici simmetriche. Il teorema spettrale Gli autovalori di una matrice simmetrica sono tutti reali. (Dimostrazione fatta usando i numeri complessi). Dimostrazione

Dettagli

RICERCHE DI MERCATO. 5.6 Analisi Fattoriale (Componenti Principali)

RICERCHE DI MERCATO. 5.6 Analisi Fattoriale (Componenti Principali) RICERCHE DI MERCATO 5.6 Analisi Fattoriale (Componenti Principali) Prof. L. Neri Dip. di Economia Politica Premessa Come evidenziato in precedenza l approccio di segmentazione per omogeneità prevede la

Dettagli

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione Capitolo 2 MATRICI Fra tutte le applicazioni su uno spazio vettoriale interessa esaminare quelle che mantengono la struttura di spazio vettoriale e che, per questo, vengono dette lineari La loro importanza

Dettagli

Capitolo 11 Test chi-quadro

Capitolo 11 Test chi-quadro Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 11 Test chi-quadro Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Padova

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esame di Geometria (Prof. F. Tovena) Argomenti: Proprietà di nucleo e immagine di una applicazione lineare. dim V = dim

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Terzo Appello del corso di Geometria e Algebra II Parte - Docente F. Flamini, Roma, 7/09/2007 SVOLGIMENTO COMPITO III APPELLO

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

1 La Matrice dei dati

1 La Matrice dei dati Dispense sull uso di Excel Daniela Marella 1 La Matrice dei dati Un questionario è costituito da un insieme di domande raccolte su un determinato supporto (cartaceo o elettronico) e somministrate alla

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE FLAVIO ANGELINI Sommario Queste note hanno lo scopo di indicare a studenti di Economia interessati alla finanza quantitativa i concetti essenziali

Dettagli

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla

Dettagli

L analisi fattoriale

L analisi fattoriale L analisi fattoriale Scopo dell analisi fattoriale e quello di identificare alcune variabili latenti (fattori) in grado di spiegare i legami, le interrelazioni e le dipendenze tra le variabili statistiche

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

Design of Experiments

Design of Experiments Design of Experiments Luigi Amedeo Bianchi 1 Introduzione Cominciamo spiegando cosa intendiamo con esperimento, ossia l investigare un processo cambiando i dati in ingresso, osservando i cambiamenti che

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Chiusura lineare. N.B. A può essere indifferentemente un insieme, finito o no, o un sistema. Es.1. Es.2

Chiusura lineare. N.B. A può essere indifferentemente un insieme, finito o no, o un sistema. Es.1. Es.2 Chiusura lineare Def. Sia A V (K) con A. Si dice copertura lineare (o chiusura lineare) di A, e si indica con L(A), l insieme dei vettori di V che risultano combinazioni lineari di un numero finito di

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

PARTE TERZA. STATISTICA DESCRITTIVA MULTIDIMENSIONALE (Analisi delle Relazioni)

PARTE TERZA. STATISTICA DESCRITTIVA MULTIDIMENSIONALE (Analisi delle Relazioni) PARTE TERZA STATISTICA DESCRITTIVA MULTIDIMESIOALE (Analisi delle Relazioni) La notazione matriciale 3 III.. LA OTAZIOE MATRICIALE III... L analisi statistica dei fenomeni multivariati L intrinseca complessità

Dettagli

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE DESCRIZIONE DEI DATI DA ESAMINARE Sono stati raccolti i dati sul peso del polmone di topi normali e affetti da una patologia simile

Dettagli

Lezioni del corso di Geometria e Algebra. prof. Michele Mulazzani dott. Alessia Cattabriga

Lezioni del corso di Geometria e Algebra. prof. Michele Mulazzani dott. Alessia Cattabriga Lezioni del corso di Geometria e Algebra prof Michele Mulazzani dott Alessia Cattabriga AA 20001/2002 Indice 1 Equazioni e sistemi lineari 4 11 Alcune strutture algebriche 4 12 Operazioni standard su K

Dettagli

Lezione 9: Cambio di base

Lezione 9: Cambio di base Lezione 9: Cambio di base In questa lezione vogliamo affrontare uno degli argomenti piu ostici per lo studente e cioè il cambio di base all interno di uno spazio vettoriale, inoltre cercheremo di capire

Dettagli

Confronto tra media e mediana Indice di Yule-Bowley Indice di Fisher

Confronto tra media e mediana Indice di Yule-Bowley Indice di Fisher ESERCIZIO La tabella littlecompany,disponibile sul sito (in formato pdf e xls) riporta i dati relativi a dipendenti dell'azienda Little Company S.r.l. su cui sono state rilevate le seguenti variabili:

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Educazione Università degli studi Roma Tre

Dipartimento di Scienze dell Educazione Università degli studi Roma Tre Dipartimento di Scienze dell Educazione Università degli studi Roma Tre Materiale del Laboratorio sulle Procedure Statistiche di base con SPSS CASD Centro Analisi Statistica Dati 1 1. Il Questionario Nella

Dettagli

OCCUPATI SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA

OCCUPATI SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA ESERCIZIO 1 La tabella seguente contiene i dati relativi alla composizione degli occupati in Italia relativamente ai tre macrosettori di attività (agricoltura, industria e altre attività) negli anni 1971

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

Esercizi su Autovalori e Autovettori

Esercizi su Autovalori e Autovettori Esercizi su Autovalori e Autovettori Esercizio n.1 5 A = 5, 5 5 5 Esercizio n.6 A =, Esercizio n.2 4 2 9 A = 2 1 8, 4 2 9 Esercizio n.7 6 3 3 A = 6 3 6, 3 3 6 Esercizio n.3 A = 4 6 6 2 2, 6 6 2 Esercizio

Dettagli

Analisi bivariata. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it

Analisi bivariata. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Introduzione : analisi delle relazioni tra due caratteristiche osservate sulle stesse unità statistiche studio del comportamento di due caratteri

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Lucca Servizio Lavoro UO Programmazione

Amministrazione Provinciale di Lucca Servizio Lavoro UO Programmazione Amministrazione Provinciale di Lucca Servizio Lavoro UO Programmazione Appendice tecnica all analisi delle iscrizioni negli elenchi delle persone in cerca di occupazione dei Centri per l Impiego della

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari

Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari N Del Buono 1 Introduzione Consideriamo un sistema di n equazioni in n incognite a 11 x 1 + a 12 x 2 + a 13 x 3 + + a 1n x n = b 1, a 21 x 1 + a 22 x

Dettagli

SP5. Prototipo software per la simulazione di modelli di billing di

SP5. Prototipo software per la simulazione di modelli di billing di SP5 Prototipo software per la simulazione di modelli di billing di tipo PPEV 1 Indice 1. INTRODUZIONE 4 2. GENERAZIONE DI UN DISEGNO ORTOGONALE 6 3. VISUALIZZAZIONE DEL DISEGNO ORTOGONALE E CREAZIONE DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISICHE UNA ANALISI DELLE ESPERIENZE DI EDUCAZIONE FISICA NELLE SCUOLE: I DATI PACES

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISICHE UNA ANALISI DELLE ESPERIENZE DI EDUCAZIONE FISICA NELLE SCUOLE: I DATI PACES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISICHE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE UNA ANALISI DELLE ESPERIENZE DI EDUCAZIONE FISICA NELLE SCUOLE: I DATI PACES

Dettagli

LABORATORIO EXCEL XLSTAT 2008 SCHEDE 2 e 3 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO EXCEL XLSTAT 2008 SCHEDE 2 e 3 VARIABILI QUANTITATIVE Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.unige/pls_statistica Responsabili scientifici M.P. Rogantin e E. Sasso (Dipartimento di Matematica Università di Genova) LABORATORIO EXCEL

Dettagli

AL. Algebra vettoriale e matriciale

AL. Algebra vettoriale e matriciale PPENDICI L. lgebra vettoriale e matriciale Vettori Somma di vettori: struttura di gruppo Come abbiamo richiamato nell introduzione vi sono delle grandezze fisiche caratterizzabili come vettori, cioè tali

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi Lezioni di EXCEL Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi 1 Il foglio elettronico Excel Excel è un foglio elettronico che consente di effettuare svariate operazioni nel campo matematico,

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Esercizio 1 Nella seguente tabella è riportata la distribuzione di frequenza dei prezzi per camera di alcuni agriturismi, situati nella regione Basilicata.

Dettagli

Analisi fattoriale. esplorativa vers. 1.0. Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it. 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Analisi fattoriale. esplorativa vers. 1.0. Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it. 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca Analisi fattoriale esplorativa vers. 1.0 Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca 2009 Rossi (Dip. Psicologia) Analisi fattoriale 2009 1 / 47 Prima

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

IL NUOVO ISEE: come funziona, su chi impatta, come governarne l applicazione

IL NUOVO ISEE: come funziona, su chi impatta, come governarne l applicazione IL NUOVO ISEE: come funziona, su chi impatta, come governarne l applicazione Daniela Mesini Maurizio Motta Istituto per la Ricerca Sociale (Irs) 23 ottobre 2014 Sala Don Ticozzi

Dettagli

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla 21 Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla Analizza Regressione Statistiche Grafici Metodo di selezione Analisi dei dati 21.1 Introduzione 21.2 Regressione lineare multipla con SPSS 21.3 Regressione

Dettagli

Strumenti statistici per l analisi di dati genetici

Strumenti statistici per l analisi di dati genetici Strumenti statistici per l analisi di dati genetici Luca Tardella + Maria Brigida Ferraro 1 email: luca.tardella@uniroma1.it Lezione #1 Introduzione al software R al suo utilizzo per l implementazione

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA MATEMATICA AREA DISCIPLINARE: MATEMATICO- SCIENTIFICO-TECNOLOGICA COMPETENZA DI Mettere in relazione il

Dettagli

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. Definizione 1. La funzione L : V W si dice una applicazione

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A.

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A. APPLICAZIONI LINEARI Siano V e W due spazi vettoriali, di dimensione m ed n sullo stesso campo di scalari R. Una APPLICAZIONE ƒ : V W viene definita APPLICAZIONE LINEARE od OMOMORFISMO se risulta, per

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI Guida alla soluzione degli esercizi d esame Dott. Ing. Marcello Bonfè Esercizi sulla scomposizione di modelli nello spazio degli stati: Gli esercizi nei

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Spazi lineari - PARTE II - Felice Iavernaro. Dipartimento di Matematica Università di Bari. 9 e 16 Marzo 2007

Spazi lineari - PARTE II - Felice Iavernaro. Dipartimento di Matematica Università di Bari. 9 e 16 Marzo 2007 Spazi lineari - PARTE II - Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari 9 e 16 Marzo 2007 Felice Iavernaro (Univ. Bari) Spazi lineari 9-16/03/2007 1 / 17 Condizionamento dei sistemi lineari

Dettagli

Progetto m@t.abel DIARIO DI BORDO E ANALISI DIDATTICA. Silvia Porretti e Nicoletta Oreggia. I.T.C.G. Ruffini Imperia 11/03/08 06/05/2008

Progetto m@t.abel DIARIO DI BORDO E ANALISI DIDATTICA. Silvia Porretti e Nicoletta Oreggia. I.T.C.G. Ruffini Imperia 11/03/08 06/05/2008 Progetto m@t.abel DIARIO DI BORDO E ANALISI DIDATTICA Titolo attività Pivot è bello Docenti Silvia Porretti e Nicoletta Oreggia classe scuola II A IGEA I.T.C.G. Ruffini Imperia Data inizio esperienza Data

Dettagli

Appunti di Statistica

Appunti di Statistica Appunti di Statistica Riccardo Ricci Università di Firenze, Facoltà di Psicologia Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Anno Accademico 2002-2003 1 maggio

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria - Edile ed Edile-Architettura

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria - Edile ed Edile-Architettura Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria - Edile ed Edile-Architettura Primo Esonero del corso di Geometria Docente F. Flamini, Roma, 2//28 SOLUZIONI COMPITO I ESONERO Esercizio.

Dettagli

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Algoritmi Metodo di Gauss-Seidel con sovrarilassamento Metodo delle Secanti Metodo di Newton Studente Amelio Francesco 556/00699 Anno

Dettagli

1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali

1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali 1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali Definizione 1 (Applicazioni lineari) Si chiama applicazione lineare una applicazione tra uno spazio vettoriale ed uno spazio vettoriale sul campo tale che "!$%!

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Università degli Studi di Padova Facoltà di Psicologia, L4, Psicometria, Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Statistica descrittiva e inferenziale

Dettagli

Università degli studi di Padova

Università degli studi di Padova Università degli studi di Padova Facoltà di scienze statistiche corso di laurea in statistica e tecnologie informatiche tesi di laurea Studio del comportamento di visita a due siti web. relatore: dott.

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Edizioni Simone - Vol. 43/1 Compendio di statistica Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Sommario 1. Distribuzioni semplici. - 2. Distribuzioni doppie. - 3. Distribuzioni parziali: condizionate e marginali.

Dettagli

DATABASE SU EXCEL: I FILTRI

DATABASE SU EXCEL: I FILTRI DATABASE SU EXCEL: I FILTRI È possibile mettere in relazione i dati in base a determinati criteri di ricerca e creare un archivio di dati E necessario creare delle categorie di ordinamento in base alle

Dettagli

Parte IV. I fogli elettronici e Excel

Parte IV. I fogli elettronici e Excel Parte IV I fogli elettronici e Excel Caratteristiche principali dei fogli elettronici Organizzazione dei dati in forma tabellare. Ogni cella può contenere: numeri, testi, formule il cui calcolo è aggiornato

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT CONVENZIONE SULLE CIFRE SIGNIFICATIVE La convenzione usata sul troncamento delle cifre è troncare

Dettagli

22.03.07 In alcuni casi è possibile applicare sia l analisi log lineare che la regressione logistica. Analisi log lineare e regressione logistica:

22.03.07 In alcuni casi è possibile applicare sia l analisi log lineare che la regressione logistica. Analisi log lineare e regressione logistica: .03.07 In alcuni casi è possibile applicare sia l analisi log lineare che la regressione logistica. Analisi log lineare e regressione logistica: differenze Nella regressione logistica le variabili vengono

Dettagli

Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso

Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso Luigi De Giovanni Giacomo Zambelli 1 Problemi di programmazione lineare Un problema di ottimizzazione vincolata è definito dalla massimizzazione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

Dai dati al modello teorico

Dai dati al modello teorico Dai dati al modello teorico Analisi descrittiva univariata in R 1 Un po di terminologia Popolazione: (insieme dei dispositivi che verranno messi in produzione) finito o infinito sul quale si desidera avere

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Appunti sull uso di matlab - I

Appunti sull uso di matlab - I Appunti sull uso di matlab - I. Inizializazione di vettori.. Inizializazione di matrici.. Usare gli indici per richiamare gli elementi di un vettore o una matrice.. Richiedere le dimensioni di una matrice

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Codifica binaria dei numeri relativi

Codifica binaria dei numeri relativi Codifica binaria dei numeri relativi Introduzione All interno di un calcolatore, è possibile utilizzare solo 0 e 1 per codificare qualsiasi informazione. Nel caso dei numeri, non solo il modulo ma anche

Dettagli

Metodi basati sugli autovettori per il Web Information Retrieval

Metodi basati sugli autovettori per il Web Information Retrieval Metodi basati sugli autovettori per il Web Information Retrieval HITS, PageRank e il metodo delle potenze LSI e SVD LSI è diventato famoso per la sua abilità nel permettere di manipolare i termini (all

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli