PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, Lido di Camaiore (LU) Tel Fax sito web: POF PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A cura della Funzione Strumentale POF e della Commissione POF 1

2 INDICE Pag. 1. Introduzione 3 2. Mission dell Istituto 3 3. Analisi del contesto socio-ambientale 4 4. Le scuole dell Istituto 6 5. Organizzazione dell orario scolastico e degli uffici Finalità e obiettivi formativi del POF L organizzazione del curricolo Aree di intervento del piano dell offerta formativa Curricoli disciplinari (infanzia, primaria, secondaria) Il progetto senza zaino Interventi mirati a risolvere situazioni di disagio Disturbi specifici di apprendimento Procedure di osservazione e segnalazione Predisposizione del piano didattico personalizzato Disabilità Obiettivi per la disabilità Intercultura Scaffale multiculturale Educazione alla salute Educazione alla cittadinanza Orientamento Continuità La Valutazione di Istituto Valutazione & Miglioramento Autoanalisi di Istituto e Piano di Miglioramento Fasi del processo di Autovalutazione La Valutazione degli apprendimenti Valutazione nella scuola dell infanzia Valutazione nella scuola primaria Valutazione nella scuola secondaria I grado Criteri generali per lo svolgimento degli scrutini finali Formazione Formazione sui processi di digitalizzazione 56 2

3 1. INTRODUZIONE La scuola del primo ciclo di istruzione accoglie alunni dai 3 ai 14 anni. È quindi scuola fondante nel senso letterale del termine, in quanto pone le fondamenta della persona, dall acquisizione delle capacità cognitive e delle abilità strumentali necessarie per comprendere il mondo e agire in esso, alla strutturazione delle relazioni umane, alla capacità di capire e gestire il proprio mondo interiore ed emotivo. In stretto rapporto con la famiglia, questo segmento scolastico contribuisce alla costruzione della coscienza di sé, che accompagnerà, reggendolo, lo sviluppo della persona, in una complessa e mutevole realtà sociale. L impegno che i docenti e l amministrazione locale saprà infondere per questo segmento scolastico sarà decisivo per migliorare i livelli complessivi di formazione e di cittadinanza. Il nostro auspicio è che l impegno di tanti operatori possa essere utile per meglio affrontare vecchie e nuove sfide dell educazione: - come interpretare le caratteristiche psicologiche, cognitive ed affettive dei ragazzi di oggi, per realizzare ambienti di apprendimento e metodi didattici sempre più adeguati e coinvolgenti; - come coniugare la vocazione all accoglienza ed all inclusione della scuola con il miglioramento dei processi ed anche degli esiti di apprendimento; - come concentrare l impegno della scuola sulle competenze fondamentali (core curriculum), anche nella prospettiva di meglio definire standard di risultato e assicurare coerenza e qualità del percorso formativo. Una fase normativa importante si è conclusa con l emanazione delle Indicazioni Nazionali per il primo ciclo di istruzione. Non si conclude però l impegno per rafforzare i percorsi formativi. Farsi buone domande, interrogarsi sul senso del proprio lavoro, capire le ragioni dei successi e degli insuccessi sono elementi costitutivi di quella professionalità riflessiva che è parte integrante dell essere educatori in ogni tempo e in ogni contrada. 2. LA MISSION DELL ISTITUTO La nostra mission può essere condensata in una parola: PARTECIPAZIONE. Coincide con la volontà di realizzare una forte collaborazione tra scuola e territorio finalizzata al miglioramento dell'offerta formativa. L'Istituto si e' fatto promotore di un messaggio chiaro: la scuola e' parte della crescita economica di un territorio e la cura del suo capitale umano e' un investimento per il futuro. Questo significa che tutto il tessuto sociale in cui una scuola e' inserita e' corresponsabile, insieme allo Stato, della crescita delle nuove generazioni: ente locale, genitori, imprenditori e associazioni sul territorio sono stimolati a rispondere a questo messaggio. In un momento di stasi come quello attuale non possiamo fermarci ad aspettare un aiuto per la crescita; al contrario e' auspicabile, per i nostri ragazzi, riscrivere un modo nuovo di fare scuola che parta dal basso, da un interesse diretto e concreto della comunità. Questo messaggio piace a molti genitori, ma anche imprenditori locali e associazioni si stanno impegnando per sostenere l offerta formativa dell'istituto G. Gaber. Esempi forti di un coinvolgimento si stanno attuando attraverso progetti portanti come Senza Zaino per una Scuola Comunità, il Parent Training, gli Orti Scolastici e le Biblioteche. Molti altri genitori, imprenditori locali e enti come l AVIS, la Croce Verde si sono resi disponibili per supportare altre attività' formative, abbellimento della scuola e acquisto di infrastrutture tecnologiche. Che sia l'inizio di una piccola rivoluzione? 3

4 Del resto ci sono ottimi esempi sia a livello europeo che oltreoceano (charter school) dove la Scuola è presa in carico dall intera comunità locale con ottimi risultati. 3. ANALISI DEL CONTESTO SOCIO-AMBIENTALE L Istituto Comprensivo si trova ad operare in un area del Comune di Camaiore, la frazione di Lido di Camaiore-Secco. Dalle finestre dei nostri edifici scolastici, sul lato est, abbiamo una bellissima visione delle Alpi Apuane, punteggiate di numerosi paesini, queste montagne oltre che sollevarci gli animi, ci proteggono, mantenendo un clima ottimale. Ad ovest il mare, libertà, vacanze, sole e tramonti meravigliosi. La conclusione è presto fatta: è la parte del territorio comunale che racchiude tutte le peculiarità dell area geografica di competenza. Lido di Camaiore-Secco sono località turistiche e durante l estate la popolazione raddoppia per il flusso di villeggianti provenienti dalle città del centro e del nord dell Italia. I nomi di queste località sono nati proprio per le particolarità che le caratterizzano: il Secco o Secchino si pensa che in origine fosse un territorio sommerso dal mare (un acquitrino) che poi ritirandosi ha dato il tipico nome. Sul territorio si sono sviluppate prevalentemente le attività produttive nel settore turistico, ma anche agricolo, artigianale e industriale. La maggioranza delle famiglie che vivono in questa località ha mediamente un discreto tenore di vita. L equilibro tra l ambiente urbano e quello naturale è abbastanza rispettato, infatti, oltre al mare, non mancano parchi e pinete. L Istituto è facilmente raggiungibile e per questo alcuni studenti provengono da Comuni limitrofi come Viareggio, Pietrasanta, Forte dei Marmi e Massarosa. L Istituto è stato trasformato da Direzione Didattica a Comprensivo nel 2000 e inizialmente era suddiviso sul territorio con plessi distaccati. Le scuole dell infanzia sono due: una in via Ferrarin al Secco con tre sezioni e l altra E. Cupisti in via Stampa a Lido di Camaiore con 5 sezioni. Le scuole primarie sono suddivise in due plessi: uno in via della Gronda (S. Primaria G. Carducci ) con la sezione della biblioteca Nigro, e l altra (S. Primaria Rita Levi Montalcini) in via Trieste; la scuola secondaria di 1 grado ( M. Rosi ) in via Beata, con attigua biblioteca Amaducci. Per la parte gestionale e amministrativa, invece si è potuto contare sulla continuità di una segreteria sempre presente in via Trieste. Nell anno scolastico 2010 /2011l amministrazione comunale, dopo anni di lavori, ha completato uno stabile (ampliando il preesistente) dove sono stati unificati i plessi della scuola dell infanzia di via Stampa, della scuola primaria di via Trieste, della scuola secondaria 1 grado di via Beata e della biblioteca, creando così un polo unico anche se non completo, dal momento che le altre scuole sono rimaste nelle sedi preesistenti. Fiore all occhiello del Polo Scolastico sono : Due grandi palestre Laboratori didattici di: Arte e immagine Teatro e musicoterapia 2 aule di musica ( ascolto e strumenti) 4

5 Informatica Aula video Biblioteca Amaducci (con apertura anche ad utenti esterni). Attualmente nel nostro Istituto sono presenti n 857 alunni suddivisi in : Alunni nella scuola dell infanzia n 196 Alunni nella scuola primaria n 402 Alunni nella scuola secondaria di I grado n 259 L amministrazione comunale collabora con l Istituto scolastico attraverso i seguenti servizi: - Trasporto con gli scuolabus - Mensa scolastica (infanzia e primaria) - Organizzazione delle uscite collegate ai progetti - Educazione alla legalità Con l Istituto collabora anche la A.S.L. 12 che si impegna a: Formulare diagnosi cliniche Handicap Progetti sulla salute Ulteriore supporto è dato dalla collaborazione della Confraternita di Misericordia e della Croce Verde, che partecipano attivamente sostenendo diverse iniziative di ampliamento dell offerta formativa, inoltre essendo dotate di parchi ricreativi possono organizzare incontri e manifestazioni per bimbi e ragazzi fornendo un prezioso supporto anche per il tempo libero degli studenti. L arma dei Carabinieri, inoltre, offre agli studenti lezioni sulla legalità soprattutto per gli studenti della scuola secondaria di 1 grado che spaziano dai rischi collegati alla rete, l abuso di alcol e droghe ai rischi sulle strade, bullismo e altre tematiche che di volta in volta diventano importanti. 5

6 4. LE SCUOLE DELL ISTITUTO Le scuole dell infanzia del Comprensivo sono due: Scuola infanzia di Via Ferrarin Nella Scuola dell Infanzia di Via Ferrarin funzionano tre sezioni miste, eterogenee per età, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 16. Scuola dell Infanzia di Emanuela Cupisti in Via Carducci 6

7 Nella Scuola dell Infanzia E. Cupisti di Via Carducci funzionano cinque sezioni: quattro miste, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 16 e una sezione con funzionamento antimeridiano prevalentemente omogenea con orario con possibilità di accoglienza alle ore 8. In ognuna delle due scuole dell infanzia sono stati allestiti spazi- gioco e spazi-laboratorio per favorire lo sviluppo autonomo delle competenze cognitive e relazionali. 7

8 Scuola Primaria Rita Levi Montalcini in Via Carducci. Ci sono 13 classi: otto classi funzionanti a tempo modulare e cinque funzionanti a tempo pieno. I bambini frequentano la scuola dal lunedì al venerdì. Quelli del tempo pieno dalle 8,30 alle 16,30. Quelli del modulo il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 8,30 alle 13 e il martedì e il giovedì dalle 8,30 alle 15,45. Il servizio di pre-scuola presente nel plesso permette ai genitori che lavorano di portare a scuola i bambini prima dell inizio delle lezioni. Sempre in relazione alle esigenze lavorative è possibile usufruire anche del servizio mensa, per i bambini del modulo nei giorni non previsti nel rientro pomeridiano. Nei vari laboratori presenti nella scuola viene seguita una metodologia olistica, capace di coinvolgere i bambini in prima persona, rendendoli protagonisti del proprio apprendimento attraverso il fare. 8

9 Scuola primaria G. Carducci ci sono 6 classi con tempo modulare. I bambini frequentano la scuola dal lunedì al venerdì. Il martedì, il giovedì e il venerdì dalle ore 8,35 alle 13,05. Il lunedì e il mercoledì dalle 8,35 alle 15,50. Nella Scuola è attivo un servizio di prescuola che permette ai genitori che lavorano di portare i propri figli a scuola prima dell inizio delle lezioni. Dal corrente anno scolastico nella scuola è attuato il progetto Senza Zaino per una scuola comunità. La biblioteca scolastica A.Nigro rappresenta la particolarità di questa scuola. Offre spazi organizzati per consultare e leggere libri, per svolgere attività manuali di vario genere, per ritrovarsi da soli o con gli altri. La biblioteca dispone inoltre di personale qualificato, presente in orario scolastico ed extrascolastico, per attività di consultazione e prestito e per la sorveglianza sui minori. I laboratori rappresentano un itinerario alla scoperta e allo sviluppo di un linguaggio non convenzionale in un continuo scambio tra immaginario e reale. 9

10 Scuola Secondaria di primo grado M. Rosi sono 11 classi. Quattro classi prime, tre classi seconde e tre classi terze. Tre corsi funzionano con orario 7,50 13,50 dal lunedì al venerdì. Un corso con orario 7,50 12,50 dal lunedì al sabato. La Scuola è dotata di spazi ben attrezzati e funzionali: la palestra rappresenta il fiore all occhiello e consente ai ragazzi di svolgere attività motoria in un luogo molto funzionale, il laboratorio informatico, il laboratorio artistico, musicale, teatrale e la biblioteca M. Amaducci. I ragazzi usufruiscono inoltre dello spazio auditorium per incontri, manifestazioni e rappresentazioni. Gli studenti trovano nella Biblioteca uno spazio di accoglienza e quiete, persone con cui instaurare un rapporto di fiducia, strumenti che offrono una adeguata risposta alle loro curiosità e passioni ed attività che li incentivino alla scoperta di nuove abilità auto gratificanti in una esperienza condivisa con il gruppo. La biblioteca rappresenta tutto questo. Le attività proposte al suo interno in orario scolastico hanno permesso a molti di conoscerla ed ha insegnato ad usufruirne anche in orario extrascolastico sia per il prestito che per la consultazione Piano orario Discipline Classi prime Classi seconde Classi terze Lettere Matematica + scienze Inglese * Francese/Spagnolo Arte Musica Scienze motorie Tecnologia Religione *Gli studenti hanno la possibilità di scegliere la frequenza nella sezione con il potenziamento di lingua straniera dove si prevede lo studio dell inglese per 5 ore settimanali. 10

11 5. ORGANIZZAZIONE DELL ORARIO SCOLASTICO E DEGLI UFFICI SCUOLE DELL INFANZIA Nelle due Scuola dell infanzia E. Cupisti di Via G. Carducci e di Via Ferrarin gli orari di funzionamento delle sezioni a tempo pieno vanno dalle ore 8:00 alle ore 16:00 (40h ) L organizzazione giornaliera è così strutturata: 8:00/9:00 accoglienza 12:15/12:30 prima uscita senza mensa 13:15/13:30 seconda uscita dopo la mensa 15:45/16:00 ultima uscita Nella Scuola dell infanzia di Via G. Carducci funziona anche una sezione antimeridiana dalle ore 8:00 alle ore 13:30 (27,5h) con la seguente organizzazione giornaliera: 8:00/9:00 accoglienza 12:15/12:30 prima uscita senza mensa 13:15/13:30 ultima uscita dopo la mensa SCUOLE PRIMARIE Nelle Scuole Primarie dell Istituto Comprensivo la strutturazione oraria è piuttosto diversificata. Nella Scuola Primaria del Lido ci sono due opportunità orarie: TEMPO PIENO: 8,30/16,30 TEMPO MODULARE: 8,30/13,00 8,30/15,45 (dal Lunedì al Venerdì con due rientri settimanali il Martedì e il Giovedì) SERVIZI: MENSA (anche gli alunni del modulo possono usufruire del servizio mensa tutti i giorni della settimana), PRESCUOLA (dalle 7:30 fino all orario di ingresso), SCUOLABUS. Nella Scuola Primaria G. Carducci del Secco dall anno scolastico 2013/14 è attivo il Modello pedagogico Scuola Senza Zaino per una scuola comunità TEMPO MODULARE: 8,35/13,05 8,35/15,50 (dal Lunedì al Venerdì con due rientri settimanali il Lunedì e Mercoledì) SERVIZI: MENSA, PRESCUOLA (dalle ore 8:00 fino all orario di ingresso), SCUOLABUS SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Anche nella Scuola Secondaria i modelli orari sono strutturati in due modalità distinte di 30 ore: SETTIMANA CORTA (sabato libero): 30 ore settimanali ingresso ore 7.50 uscita ore 13.50; SETTIMANA LUNGA (con il sabato a scuola) 30 ore settimanali ingresso ore 7.50 uscita ore (non attivo dall anno scolastico 2014/15) SERVIZI: PRESCUOLA dalle ore 7.30 alle ore 7.45, SERVIZIO VENDITA MERENDE 11

12 SEGRETERIA Tel Fax sito: La Segreteria, ubicata in Via Trieste, Lido di Camaiore (LU), è aperta al pubblico con il seguente orario: Dalle ore Alle ore Dalle ore Alle ore Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DEL P.O.F. Le Indicazioni Nazionali, costituiscono il quadro di riferimento per la progettazione curricolare affidata alle scuole. La costituzione del curricolo è il processo attraverso il quale si sviluppano e organizzano la ricerca e l innovazione educativa. Ogni scuola predispone il curricolo all interno del Piano dell Offerta Formativa, nel rispetto delle finalità, dei traguardi per lo sviluppo delle competenze, degli obiettivi di apprendimento posti dalle Indicazioni. Le competenze rappresentano il filo rosso che collega i diversi cicli tra loro, ma devono essere intese in termini non vaghi. Le competenze, e non le discipline o le attività, rappresentano il principale riferimento per il curricolo; questo significa che le esperienze di apprendimento proposte assumono un ruolo strumentale, metodologico e vanno intese come mezzi di educazione e formazione, piuttosto che come scopi ai quali portare a termine l impegno della scuola. Il passare dalla scuola dell insegnamento, alla scuola dell apprendimento fa prestare attenzione alla qualità dell azione didattica e quindi alle modalità di promozione dei processi di apprendimento più che alla quantità di nozioni da erogare. Le indicazioni non sono il curricolo, ma lo orientano. Il disegno curricolare che emerge dal nuovo testo delle Indicazioni presenta alcuni elementi distintivi che sono comuni a tutti e tre gli ordini di scuola e che possono essere così riassunti: 12

13 Orientamento delle competenze La competenza è la capacità dimostrata da un soggetto di saper utilizzare le conoscenze, le abilità e le attitudini personali, sociali e/o metodologiche in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale. Ogni competenza ha un carattere fondamentale perché non è un semplice fare, ma un saper fare particolare: è inesauribile. C è sempre un livello ulteriore al quale anche la persona più competente può aspirare di attingere. Definizione dei traguardi di sviluppo attesi Sono definiti i traguardi di sviluppo attesi al termine di alcuni snodi cruciali: al termine della scuola dell Infanzia, della quinta primaria, della scuola secondaria di I grado. Essenzialità Il curricolo si dovrà caratterizzare più sul piano della qualità che su quello quantitativo. Il compito dell insegnamento non va finalizzato ad inseguire l accumulo delle conoscenze ma deve essere focalizzato su alcuni argomenti essenziali intorno ai quali va costituito il curricolo che dovrà avere due dimensioni: una verticale e una orizzontale. Problematicità Il superamento della preoccupazione enciclopedico-quantitativa o di addestramento consente di concentrare l attenzione sulla qualità dell intervento educativo e didattico. 6.1 L organizzazione del curricolo Un altra preoccupazione fortemente presente è quella della significatività dell apprendimento. L aver messo al centro del curricolo il riferimento alla persona umana, non astrattamente considerata, ma vista nella concretezza della sua realtà psicologica, sociale e culturale, rappresenta la premessa indispensabile per la costruzione di un curricolo. Il curricolo deve per questo rispettare dei criteri di verticalità e continuità evitando inutili sovrapposizioni e ripetizioni. Per questo tutta la comunità professionale si trova coinvolta nella costruzione di un curricolo verticale a livello disciplinare e nello stesso tempo di un curricolo che sappia prevedere punti di raccordo interdisciplinari nell ottica di una didattica per competenze che possa travalicare i confini disciplinari. La formulazione del curricolo tiene conto di fondamentali finalità formative comuni ai tre ordini: 1 acquisizione delle strumentalità di base da parte degli alunni 2 sviluppo delle capacità di comunicazione attraverso i linguaggi verbali e non verbali 3 educazione alle problematiche ambientali, alla salute e alla solidarietà 4 continuità con i vari ordini di scuola, con la famiglia e con il territorio L istituzione scolastica concorre, in collaborazione con la famiglia e le altre agenzie educative, alla formazione dell uomo, del cittadino riconoscendo la centralità della persona e il suo diritto al successo formativo in relazione alle capacità personali. Per questi motivi, unitamente ai nostri compiti istituzionali, condividiamo le seguenti 13

14 FINALITA EDUCATIVE La maturazione dell identità personale La conquista dell autonomia Lo sviluppo delle competenze per la scuola dell infanzia La valorizzazione dell esperienza La corporeità come valore L esplicitazione delle idee e dei valori presenti nell esperienza La trasformazione delle categorie empiriche in categorie formali Il confronto interpersonale La diversità delle persone e delle culture come ricchezza La pratica dell impegno personale e della solidarietà sociale per la scuola primaria L educazione integrale della persona L integrazione critica nella società contemporanea L orientamento come sviluppo di un progetto di vita personale La maturazione dell identità La motivazione e il bisogno di significato come condizione fondamentale di qualsiasi apprendimento La prevenzione dei disagi e il recupero degli svantaggi La relazione educativa come attenzione alla persona per la scuola secondaria di I grado 7. AREE DI INTERVENTO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Per il raggiungimento delle finalità formative ed educative comuni ai tre ordini di scuola il Collegio ha individuato le seguenti aree di intervento del P.O.F. Le seguenti aree sono sviluppate attraverso l individuazione di docenti referenti con incarico di Funzione Strumentale, docenti collaboratori delle Funzioni Strumentali e Commissioni di lavoro 14

15 AREA FS COLLABORAZIONE COMMISSIONE BES (H/DSA/STRAN.) 1 4 docenti FS + docenti in collaborazione + GLIC Orientamento e continuità 1 3 docenti Valutazione 2 docenti 6 docenti Area digitale 1 1 docente Biblioteca 2 docenti Curricolo in verticale 1 3 docenti POF Coordinamento progetti e rapporti con il territorio 1 1 docente Tutte le FS Per ciascuna delle seguenti aree sono state individuati degli obiettivi di intervento prioritari di seguito riportati. AREA BES BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI - Indire almeno 3 riunioni all anno del GLI Gruppo di lavoro per l inclusione. All ultimo GLI presentare i risultati del questionario sui livelli di inclusione - Controllo schede rilevazione BES elenco per plesso - Verifica dei modelli del PDP - Resoconto e documentazione delle attività poste in essere dall'istituto per l inclusione/miglioramento degli apprendimenti da inserire nel POF - Predisposizione di protocollo per l insegnamento e la valutazione della lingua straniera per alunni disabili, DSAp, BES da inserire nel POF - Coordinare all'interno dell'istituto le attività di screening per l'individuazione dei DSA; - Stesura dei criteri per rilevare alunni BES su proposte elaborate dai team docenti e CdC - Tabulazione dei dati delle attività di screening - Raccolta e documentazione degli interventi didattico-educativi posti in essere tra scuole in rete e/o in rapporto con azioni strategiche dell Amministrazione; - Progettazioni didattico-educative calibrate sui livelli minimi attesi per le competenze in uscita per ogni grado da inserire nella proposta di Piano Annuale per l Inclusività riferito a tutti gli alunni con BES, - Elaborazione di un questionario di rilevazione, monitoraggio e valutazione del livello di inclusività della scuola; 15

16 - Elaborazione di una proposta di Piano Annuale per l Inclusività riferito a tutti gli alunni stranieri, BES, DSA e disabili da redigere al termine di ogni anno scolastico dove rilevare i bisogni, le strategie adottate (entro il mese di Giugno). - Attivare le procedure per la continuità e l accoglienza degli alunni diversamente abili, stranieri e dsa presenti nell Istituto - Tenere i rapporti con ASL e Reti di Scuole anche sulla base di progetti specifici. - Promuovere il raccordo tra i docenti e il CTS per il Progetto Nuove Tecnologie e Disabilità - Promuovere attività multiculturali anche in collaborazione con i genitori - Fornire Informazioni rivolte agli insegnanti sulle linee guida per alunni stranieri - Divulgazione di informazioni per i docenti (scaffale multiculturale nelle due biblioteche) - Rapporti con mediatore culturale - Seguire il progetto Miriam AREA ORIENTAMENTO E CONTINUITA Orientamento in uscita dalla scuola secondaria di 1 grado - Gestione incontri con le scuole superiori - Incontro informativo con i genitori - Organizzazione Stage - Predisposizione elenchi per le iscrizioni - Raccolta dati presso Scuole secondarie 2 grado per risultati - Predisposizione di una relazione per divulgazione risultati al termine dell obbligo di istruzione - Predisposizione di una brochure di presentazione delle scuole dell Istituto in collaborazione con FS area digitale Orientamento in entrata /continuità - Organizzazione Scuola aperta con i referenti del progetto continuità - Predisposizione delle attività per la scuola aperta con il coinvolgimento degli alunni nella scuola secondaria e primaria (classi quinte) - Predisposizione degli interventi per le attività in continuità (definire le date e le attività) - Predisposizione di una scheda di presentazione riassuntiva delle competenze/abilità/conoscenze da presentare ai passaggi suddivise per livelli o fasce in relazione agli apprendimenti di base. AREA DIGITALE - Pianificazione delle attività di formazione per docenti - Pianificazione di 30 ore di tutoring in classe per supporto attività docenti nell ambito dell uso delle tecnologie - Controllo registrazione di tutto il materiale in collaborazione con la segreteria - Elenco di risorse software gratuiti/app utili e risorse in rete da inserire nel sito per far conoscere agli insegnanti - Elenco materiale da acquistare - Organizzazione della formazione docenti e studenti e utenti esterni: Insegnamento della patente europea del computer ECDL (classi seconde e terze) - Realizzare filmati multimediali su gite d istruzione, uscite didattiche, spettacoli teatrali organizzati dalla scuola 16

17 - Partecipazione a rassegne di giornalismo e/o realizzazione di un giornalino della scuola in formato cartaceo ed informatico - Seguire i progetti regionali o/e territoriali relativi allo sviluppo delle nuove tecnologie AREA CURRICOLO VERTICALE - Coordinamento generale delle attività collegiali riferite ai gruppi di lavoro/studio delle Indicazioni Nazionali preparazione dei lavori, gruppi, materiale - Seguire la formazione specifica delle misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali e divulgazione del materiale proposto - Coordinare lo specifico progetto di rete relativo alle misure di accompagnamento - Studio e divulgazione del materiale posto sul sito - Coordinamento delle attività riferite alla didattica per competenze (scuola primaria e scuola secondaria) progettazione trasversale - Documentazione dei risultati e divulgazione (cartellonistica, video, presentazioni) AREA BIBLIOTECHE - Planning aperture e ore a disposizione Coordinamento del progetto presentato - Predisposizione di una brochure da inviare ai genitori illustrativa delle attività della biblioteca - Passare le consegne alla nuova associazione - Curare il progetto Premio Letterario - Curare la mostra del libro - Coordinamento con associazione per tutte le iniziative e attività - Acquisto nuovi testi AREA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI - Affiancamento della segreteria nella fase di iscrizione INVALSI, gestione delle prove e richiesta di prove in formati speciali per gli alunni DSA - Predisporre le fasi informative per la corretta somministrazione e la correzione - Coordinare le fasi di somministrazione - Coordinare le fasi di correzione svolte in ogni caso dai team di classe e dai Consigli di Classe - Curare la divulgazione dei risultati delle prove (anno scolastico 2012/13) con una relazione informativa per tutti gli insegnanti - Divulgazione delle Metodologie di valutazione degli apprendimenti ai genitori (parent training) - Predisposizione le azioni di accompagnamento del progetto Valutazione e Miglioramento 17

18 - Nell ambito del GAV Gruppo Auto Valutazione di Istituto presa in esame di un ambito di miglioramento predisposizione e somministrazione di questionario docenti e alunni - Elaborare una griglia di Valutazione della competenze - Seguire e coordinare in collaborazione con il DS le fasi del progetto Valutazione & Miglioramento AREA POF - COORDINAMENTO PROGETTI E RAPPORTI CON IL TERRITORIO - Reperimento sponsor e finanziamenti su progetti specifici - Rapporto con l Istituto Chini per il progetto Alternanza e Peer education - Controllo periodico dei seguenti siti per monitorare eventuali proposte progettuali e concorsi: -sito Regione Toscana -sito MIUR -sito USR Toscana -Fondazioni -Banche -Lions -Rotary - Raccolta e controllo della correttezza delle schede di progetto relative all'offerta formativa - Inserimento dei progetti nel POF - Revisione del POF, se necessaria, nella parte generale - Inserimento nel POF delle parti relative al Piano di Inclusione scolastica - Riunione della commissione POF con tutte le FS per il monitoraggio progetti e andamento del POF - Relazione di Monitoraggio dell'andamento dei progetti: criticità, bisogni emersi, aspetti organizzativi, costi, efficacia - Relazione consuntiva globale (per il collegio finale) in base al rendiconto dei diversi referenti di progetto - Valutazione e divulgazione tra i docenti di tutte le proposte/azioni/iniziative che riguardano l'ampliamento dell'offerta formativa. Ida B. avrà una sua mail da cui invierà il materiale a tutti AREA POF Oltre ad una funzione strumentale specifica con il compito della revisione e aggiornamento continuo del Piano dell Offerta Formativa, tutte le altre funzioni strumentali sono corresponsabili, insieme al Collegio dei Docenti, della predisposizione del POF e della ricerca continua di nuove soluzioni didattiche e metodologiche tali da rispondere con efficacia ed efficienza ai bisogni dell utenza. 18

19 8 - CURRICOLI DISCIPLINARI (INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA) Dalle Indicazioni al curricolo Nel rispetto e nella valorizzazione dell autonomia delle istituzioni scolastiche, le Indicazioni costituiscono il quadro di riferimento per la progettazione curricolare affidata alle scuole. Sono un testo aperto, che la comunità professionale è chiamata ad assumere e a contestualizzare, elaborando specifiche scelte relative a contenuti, metodi, organizzazione e valutazione coerenti con i traguardi formativi previsti dal documento nazionale. Il curricolo di istituto è espressione della libertà d insegnamento e dell autonomia scolastica e, al tempo stesso, esplicita le scelte della comunità scolastica e l identità dell istituto. La costruzione del curricolo è il processo attraverso il quale si sviluppano e organizzano la ricerca e l innovazione educativa. Ogni scuola predispone il curricolo all interno del Piano dell offerta formativa con riferimento al profilo dello studente al termine del primo ciclo di istruzione, ai traguardi per lo sviluppo delle competenze, agli obiettivi di apprendimento specifici per ogni disciplina. A partire dal curricolo di istituto, i docenti individuano le esperienze di apprendimento più efficaci, le scelte didattiche più significative, le strategie più idonee, con attenzione all integrazione fra le discipline e alla loro possibile aggregazione in aree, così come indicato dal Regolamento dell autonomia scolastica, che affida questo compito alle istituzioni scolastiche. Nel tentativo di concretizzare un curricolo verticale sempre più completo e rispondente alle esigenze dell utenza, il nostro Istituto ha ritenuto necessario definire il coordinamento dei curricoli, sia sul piano teorico, sia su quello metodologico operativo e riprogrammare l apprendimento nell ottica dell unitarietà e della verticalità. La continuità nasce dall esigenza primaria di garantire il diritto dell alunno ad un percorso formativo organico e completo, che promuova uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto, il quale, pur nei cambiamenti evolutivi e nelle diverse istituzioni scolastiche, costruisce la sua identità. Per curricolo si intende un processo continuo, coerente e progressivo delle tappe dell apprendimento dell allievo in riferimento alle competenze acquisite, intendendo per competenza la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e metodologiche in situazioni di lavoro o di studio nello sviluppo professionale e personale. Nella costruzione del curricolo si intrecceranno il sapere, il saper fare e il saper essere. Ogni apprendimento, pur passando attraverso il conseguimento del saper parlare, leggere e scrivere, dovrà essere misurato in termini di competenza, cioè di capacità di utilizzare quelle conoscenze per comunicare con i compagni, nell ambiente familiare, in diversi ambiti e situazioni, tenendo conto delle loro diverse specificità e dell opportunità di ricorrere a diversi registri comunicativi. L attenzione dell insegnante non è tanto rivolta all elaborazione di materiali e metodi nuovi per insegnare come fare a, quanto a formare quelle abilità mentali superiori che vanno al di là dei semplici processi cognitivi primari (leggere, calcolare, ricordare, ecc.). Ciò significa sviluppare nello studente la consapevolezza di ciò che sta facendo, del perché lo fa, di quanto è opportuno farlo e in quali condizioni. Le principali finalità educative e cognitive del curricolo verticale sono: Assicurare un percorso graduale di crescita globale; 19

20 Consentire l acquisizione di competenze, abilità, conoscenze e quadri concettuali adeguati alle potenzialità di ciascun alunno; Realizzare le finalità dell uomo e del cittadino; Orientare nella comunità; Favorire la realizzazione del proprio progetto di vita. Il modello di possibile traduzione operativa che l Istituto, mediante un apposita commissione, ha elaborato e proposto al Collegio dei docenti che diviso in sottogruppi di lavoro per le quattro aree individuate dalla suddetta commissione:italiano, matematica, inglese e autonomia, parte dall individuazione preventiva delle suddette finalità per poi arrivare alla successiva specificazione degli obiettivi specifici (corrispondenti alla peculiare strutturazione dei contenuti e delle attività delle scuole stesse). La scelta di finalità educative e cognitive garantisce la dimensione della continuità e dell organicità dell iter formativo, mentre la definizione di obiettivi specifici (in parte o completamente diversi ) assicura la necessaria discontinuità e specificità del percorso dei singoli ordini di scuola. L elaborazione del curricolo verticale permette di evitare frammentazioni, segmentazioni, ripetitività del sapere e di tracciare un percorso formativo unitario. Favorisce, inoltre, una positiva comunicazione tra i diversi ordini di scuola del nostro Istituto, costruendo un clima di benessere psico-fisico che è alla base di ogni condizione di apprendimento, stimolando la libera espressione delle proprie emozioni e delle abilità cognitive e comunicative. Il curricolo verticale è uno strumento operativo che ci aiuta a rinnovare il modo di fare cultura e la stessa professionalità docente, aggiornando in profondità le strategie metodologiche quali: didattica laboratoriale, esperienziale, comunicativa, funzionale, esplorativa (di ricerca), ludico-espressiva, partecipativa, collaborativa (di gruppo), trasversale (di integrazione), interdisciplinare. Aree disciplinari e discipline Fin dalla scuola dell infanzia, nella scuola primaria e nella scuola secondaria di primo grado l attività didattica è orientata alla qualità dell apprendimento di ciascun alunno e non ad una sequenza lineare, e necessariamente incompleta, di contenuti disciplinari. I docenti, in stretta collaborazione, promuovono attività significative nelle quali gli strumenti e i metodi caratteristici delle discipline si confrontano e si intrecciano tra loro, evitando trattazioni di argomenti distanti dall esperienza e frammentati in nozioni da memorizzare. Le discipline, così come noi le conosciamo, sono state storicamente separate l una dall altra da confini convenzionali che non hanno alcun riscontro con l unitarietà tipica dei processi di apprendimento. Ogni persona, a scuola come nella vita, impara infatti attingendo liberamente dalla sua esperienza, dalle conoscenze o dalle discipline, elaborandole con un attività continua e autonoma. Oggi, inoltre, le stesse fondamenta delle discipline sono caratterizzate da un intrinseca complessità e da vaste aree di connessione che rendono improponibili rigide separazioni. Nelle Indicazioni le discipline non sono aggregate in aree precostituite per non favorire un affinità più intensa tra alcune rispetto ad altre, volendo rafforzare così trasversalità e interconnessioni più ampie e assicurare l unitarietà del loro insegnamento. 20

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli