CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)"

Transcript

1 CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308)

2 SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone e prevenire danni al CNC o agli elementi collegati allo stesso. Durante l'avvio e la conferma dei parametri del CNC, si verifica lo stato delle seguenti sicurezze. Se uno di essi è disabilitato, il CNC riporta un messaggio di avviso. Allarme di retroazione per assi analogici. Limiti di software per assi lineari analogici e sercos. Monitoraggio dell'errore di inseguimento per assi analogici e sercos (eccetto il mandrino), sia sul CNC che sui regolatori. Test di tendenza sugli assi analogici. FAGOR AUTOMATION non si rende responsabile degli infortuni alle persone, o dei danni fisici o materiali di cui possa essere oggetto o provocare il CNC, imputabili all'annullamento di alcune delle sicurezze. MODIFICHE O INTERVENTI SUL PRODOTTO FAGOR AUTOMATION non si rende responsabile degli infortuni alle persone, o dei danni fisici o materiali di cui possa essere oggetto o provocare il CNC, imputabili a una modifica dell'hardware da parte di personale non autorizzato dalla Fagor Automation. La modifica dell'hardware del CNC da parte di personale non autorizzato dalla Fagor Automation implica la perdita della garanzia. VIRUS INFORMATICI FAGOR AUTOMATION garantisce che il software installato non contiene nessun virus informatico. È responsabilità dell'utente mantenere l'apparecchiatura esente da virus, allo scopo di garantirne il corretto funzionamento. La presenza di virus informatici sul CNC può provocarne il cattivo funzionamento. Se il CNC si collega direttamente ad un altro PC, è configurato all'interno di una rete informatica, o si utilizzano dischetti od altri supporti informatici di trasmissione dati, si raccomanda di installare un software antivirus. FAGOR AUTOMATION non si rende responsabile degli infortuni alle persone, o dei danni fisici o materiali di cui possa essere oggetto o provocare il CNC, imputabili alla presenza di virus informatici nel sistema. La presenza di virus informatici nel sistema implica la perdita della garanzia. Tutti i diritti sono riservati. La presente documentazione, interamente o in parte, non può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, memorizzata in un sistema di registrazione dati o tradotta in nessuna lingua, senza autorizzazione espressa di Fagor Automation. È vietata la copia, parziale o totale, o uso non autorizzato del software. L'informazione di cui al presente manuale può essere soggetta a variazioni dovute a eventuali modifiche tecniche. La Fagor Automation si riserva il diritto di modificare il contenuto del manuale senza preavviso. Tutti i marchi registrati o commerciali riportati nel manuale appartengono ai rispettivi proprietari. L uso di tali marchi da parte di terzi a fini privati può vulnerare i diritti dei proprietari degli stessi. È possibile che il CNC possa eseguire più funzioni di quelle riportate nella relativa documentazione; tuttavia Fagor Automation non garantisce la validità di tali applicazioni. Pertanto, salvo dietro espressa autorizzazione della Fagor Automation, qualsiasi applicazione del CNC non riportata nella documentazione, deve essere considerata "impossibile". FAGOR AUTOMATION non si rende responsabile degli infortuni alle persone, o dei danni fisici o materiali di cui possa essere oggetto o provocare il CNC, se esso si utilizza in modo diverso a quello spiegato nella documentazione connessa. È stato verificato il contenuto del presente manuale e la sua validità per il prodotto descritto. Ciononostante, è possibile che sia stato commesso un errore involontario e perciò non si garantisce una coincidenza assoluta. In ogni caso, si verifica regolarmente l informazione contenuta nel documento e si provvede a eseguire le correzioni necessarie che saranno incluse in una successiva editazione. Si ringrazia per i suggerimenti di miglioramento. Gli esempi descritti nel presente manuale sono orientati all apprendimento. Prima di utilizzarli in applicazioni industriali, devono essere appositamente adattati e si deve inoltre assicurare l osservanza delle norme di sicurezza.

3 INDICE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE. 1.1 Funzioni G per l incremento di prestazioni geometriche Riepilogo della sintassi delle funzioni G... 6 CAPITOLO 2 LINGUAGGIO PROGTL G810-G811. Retta passante per due punti o tangente a due cerchi G813. Definizione di una retta passante per un punto o tangente a un cerchio e formante un angolo noto con l'asse ascisse G820. Definizione di un cerchio o un punto G821. Definizione di Uno smusso G821. Definizione di un raccordo o di un arco G840. Uscita lineare o tangenziale con disattivazione correzione raggio G841/G842. Inizio profilo con compensazione del raggio a sinistra o a destra G850. Disattivare la rototraslazione G851. Attivare la rototraslazione CAPITOLO 3 FUNZIONI ISO. 3.1 G801. Definizione di una semiretta o segmento G802/G803. Definizione di un cerchio o arco G808. Arco tangente alla traiettoria precedente G809. Arco passante per tre punti G831. Definizione di una semiretta o un segmento tangente all elemento precedente G832/G833. Definizione di cerchio o arco tangente all elemento precedente CAPITOLO 4 FUNZIONI AUSILIARI. CAPITOLO 5 ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE. 3

4

5 1 INTRODUZIONE. Il presente documento descrive la sintassi di programmazione, funzionamento e uso del linguaggio ProGTL3 (Professional Geometric Technological Language 3). Il linguaggio PROGTL3 è composto da una serie di funzioni G che consentono di editare profili in modo semplice e veloce. Questo linguaggio è un evoluzione dei precedenti linguaggi di programmazione orientata, perché offre all utente la possibilità di programmare funzioni ProGTL (per definire rette e cerchi che definiscono i punti d intersezione del profilo) e funzioni ISO (per definire segmenti ed archi del profilo). 1.1 Funzioni G per l incremento di prestazioni geometriche. G Significato. G801 Semiretta o segmento. 3.1 INTRODUZIONE. 1. G802 Cerchio o arco in senso orario. 3.2 G803 Cerchio o arco in senso antiorario. 3.2 G808 Arco tangente alla traiettoria precedente. 3.3 G809 Arco da due punti e che inizia sul punto finale precedente. 3.4 G810 Primo punto o cerchio per definire una retta. 2.1 G811 Secondo punto o cerchio per definire una retta. 2.1 G813 Definizione di una retta passante per un punto o tangente a un cerchio e formante un angolo noto con l'asse ascisse. 2.2 G820 Definizione di un cerchio o un punto. 2.3 G821 Definizione di un raccordo o di un arco. Definizione di Uno smusso. 2.5 G831 Semiretta o segmento tangente alla traiettoria precedente. 3.5 G832 Cerchio od arco orario tangente alla traiettoria precedente. 3.6 G833 Cerchio od arco antiorario tangente alla traiettoria precedente. 3.6 G840 Uscita lineare o tangenziale con disattivazione correzione raggio. 2.6 G841 Inizio profilo con compensazione del raggio a sinistra. 2.7 G842 Inizio profilo con compensazione del raggio a destra. 2.7 G850 Disattivare la rototraslazione. 2.8 G851 Attivare la rototraslazione

6 1.2 Riepilogo della sintassi delle funzioni G. Sintassi delle funzioni G (funzioni ProGTL). Funzione. Parametri. Descrizione. 1. INTRODUZIONE. [G810] G811 G813 G820 [X Y] centro del cerchio o punto dappoggio [I] raggio [X Y] centro del cerchio o punto dappoggio [I] raggio [K] numero d'intersezione [X Y] centro del cerchio o punto dappoggio [I] raggio [J] angolo [X Y] centro [I] raggio [K] numero d'intersezione Centro del cerchio o primo punto d appoggio alla retta. Centro del cerchio o secondo punto d appoggio alla retta. Retta. Cerchio con centro e raggio noti. [X Y] punto1 [X Y] punto2 [I] raggio Cerchio passante per due punti e raggio noto. [X Y] punto1 [X Y] punto2 [X Y] punto3 Cerchio passante per tre punti. G821 [I] raggio di raccordo [J] dimensioni dello smusso Definizione di un raccordo o di un arco. Definizione di Uno smusso. G840 [X Y] punto di uscita [K] tipo di uscita [I] raggio Uscita lineare o tangenziale con disattivazione correzione raggio. G841 G842 [X Y] punto di attacco [K] tipo di attacco [I] raggio Inizio profilo con compensazione del raggio a sinistra o a destra. G850 Annulla G851. Disattivare la rototraslazione. G851 [X Y] origine/punto di rotazione [J] angolo [K] tipo di rotazione/traslazione Attivare la rototraslazione. Sintassi delle funzioni G (funzioni ISO). Funzione. Parametri. Descrizione. G801 G802 G803 [X Y] punto finale [J] angolo [X Y] punto finale [I J] centro [I1=] raggio Semiretta o segmento. Cerchio od arco. G808 [X Y] punto finale Arco tangente alla traiettoria precedente. G809 [X Y] punto finale [I J] punto intermedio Arco da due punti e che inizia sul punto finale precedente. G831 [X Y] punto finale [J] angolo Semiretta o segmento tangente alla traiettoria precedente. G832 G833 [X Y] punto finale [I J] centro [I1=] raggio Cerchio od arco tangente alla traiettoria precedente. 6

7 2 LINGUAGGIO PROGTL3. Le funzioni del linguaggio PROGTL3 (G810, G811, G813, G820, G821, G840, G841, G842) danno la possibilità di programmare traiettorie in cui il punto finale di ogni tratto si definisce come un intersezione di altri 2 tratti. Questi tratti, a differenza dei segmenti ed archi del linguaggio ISO, sono rette e cerchi. In questo modo, con tali funzioni il profilo si definisce come il risultato delle intersezioni fra le rette e i cerchi che lo compongono. Le caratteristiche di tali funzioni sono le seguenti. Le quote si possono programmare in pollici o in millimetri e con fattore di scala. I dati eventualmente omessi vengono recuperati dall ultimo dato programmato. Nei cerchi, il raggio si definisce con I (negativa per senso orario e positiva per antiorario). La programmazione di quote incrementali (G91) interessa l ascissa, l ordinata, il raggio e l angolo. LINGUAGGIO PROGTL

8 2. LINGUAGGIO PROGTL3. Linguaggio ProGTL3 2.1 G810-G811. Retta passante per due punti o tangente a due cerchi. La definizione di una retta passante per due punti è sempre composta da due blocchi di programmazione, in cui si specificano i due elementi d appoggio. Una retta passante per due punti. Una retta passante per un punto e tangente ad un cerchio. Una retta tangente ad un cerchio e passante per un punto. Una retta tangente a due cerchi. Il formato di programmazione è il seguente. [G810 [X...] [Y...] [Z...] [A...].[I...]] Primo cerchio o punto d appoggio. G811 [X...] [Y...] [Z...] [A...] [I...] [K...] Secondo cerchio o punto d appoggio. Primo cerchio o punto d appoggio. G810 Primo punto d appoggio o primo cerchio d appoggio tangente alla retta. Opzionale; se si omette, si utilizzerà il punto (o cerchio) del blocco precedente. Coordinate del centro del cerchio o del punto d appoggio della retta. [X...] [Y...] Coordinate cartesiane in G17. [Z...] [X...] Coordinate cartesiane in G18. [Y...] [Z...] Coordinate cartesiane in G19. [Q...] [R...] Coordinate polari. Opzionale. Le coordinate si programmano con il nome degli assi ed i valori. Si può anche specificare il punto in coordinate incrementali con G91. Se si programma uno dei due assi del piano e l altro si omette, si utilizzerà l ultima quota programmata per l asse non programmato. Questi dati si possono omettere completamente se sono identici a quelli dell ultimo cerchio programmato nello stesso profilo. Anche in questo caso, in cui non sarà programmato il raggio I, se nel blocco precedente è stato definito un cerchio, esso sarà utilizzato come cerchio d appoggio della retta. Assi di coordinate che non appartengono al piano di riferimento. [Z...] [A...] Assi di coordinate che non appartengono al piano di riferimento. In questo blocco sono utili tutte le quote programmate, in questo caso con la Z si specifica la profondità da raggiungere alla fine del blocco. Raggio della circonferenza. [I...] Raggio della circonferenza. Opzionale. Valore positivo per il senso antiorario e negativo per il senso orario. Se in precedenza è stata programmata una G91, il valore del raggio sarà incrementale. Se si scrive il valore I, il cerchio si calcola sul piano corrente; piano XY se si è in G17, ZX in G18 e YZ in G19. Se si omette il parametro I, si starà definendo un punto e non un cerchio. Il valore I definito nei blocchi precedenti non viene considerato. Se si omette il punto e si utilizza solo G810 I, si utilizzerà il punto dell ultimo blocco definito come centro del cerchio d appoggio raggio I. 8

9 Secondo cerchio o punto d appoggio. G811 Secondo punto d appoggio o secondo cerchio d appoggio tangente alla retta. Coordinate del centro del cerchio o del punto d appoggio della retta. [X...] [Y...] Coordinate cartesiane in G17. [Z...] [X...] Coordinate cartesiane in G18. [Y...] [Z...] Coordinate cartesiane in G19. [Q...] [R...] Coordinate polari. Opzionale. Le coordinate si programmano con il nome degli assi ed i valori. Si può anche specificare il punto in coordinate incrementali con G91. Se si programma uno dei due assi del piano e l altro si omette, si utilizzerà l ultima quota programmata per l asse non programmato. Questi dati si possono omettere completamente se sono identici a quelli dell ultimo cerchio programmato nello stesso profilo. Anche in questo caso, in cui non sarà programmato il raggio I, se nel blocco precedente è stato definito un cerchio, esso sarà utilizzato come cerchio d appoggio della retta. Assi di coordinate che non appartengono al piano di riferimento. [Z...] [A...] Assi di coordinate che non appartengono al piano di riferimento. LINGUAGGIO PROGTL3. 2. In questo blocco sono utili tutte le quote programmate, in questo caso con la Z si specifica la profondità da raggiungere alla fine del blocco. Raggio della circonferenza. [I...] Raggio della circonferenza. Opzionale. Valore positivo per il senso antiorario e negativo per il senso orario. Se in precedenza è stata programmata una G91, il valore del raggio sarà incrementale. Se si scrive il valore I, il cerchio si calcola sul piano corrente; piano XY se si è in G17, ZX in G18 e YZ in G19. Se si omette il parametro I, si starà definendo un punto e non un cerchio. Il valore I definito nei blocchi precedenti non viene considerato. Se si omette il punto e si utilizza solo G811 I, si utilizzerà il punto dell ultimo blocco definito come centro del cerchio d appoggio raggio I. Numero di intersezione. [K...] Selezione di una delle due intersezioni della retta con un cerchio programmato nel blocco precedente. Opzionale. K1 prima intersezione fra la retta e il cerchio spostandosi nella direzione della retta. K2 seconda intersezione. Se non si programma la K e vi è più di una soluzione, l intersezione selezionata automaticamente sarà in funzione dell elemento precedente. Se l elemento precedente è un cerchio, l intersezione selezionata sarà la prima nella direzione della retta. Se l elemento precedente è un raccordo fra un cerchio e la retta che si sta programmando, l intersezione selezionata dipenderà dal senso della retta, del cerchio e del raccordo fra la retta e il cerchio. 9

10 Esempi. Intersezione retta con cerchio precedente, vi sono due soluzioni possibili, se non si specifica la K sarà uguale a K1. 2. LINGUAGGIO PROGTL3. Intersezione di retta con cerchio in senso orario se K=1. Intersezione retta con cerchio in senso orario se K=2. Intersezione della retta con cerchio precedente e raccordo.. Vi è solo una soluzione possibile seguendo l orientazione del profilo. Raccordo in senso antiorario. Il profilo si risolve con la prima intersezione. Raccordo in senso orario. Il profilo si risolve con la seconda intersezione. 10

11 2.2 G813. Definizione di una retta passante per un punto o tangente a un cerchio e formante un angolo noto con l'asse ascisse. La definizione di una retta si esegue come segue: G813 [X...] [Y...] [Z...] [A...].[I...] J... [K...] Definizione di una retta passante per un punto o tangente a un cerchio e formante un angolo noto con l'asse ascisse. Coordinate del centro del cerchio o del punto d appoggio della retta. [X...] [Y...] Coordinate cartesiane in G17. [Z...] [X...] Coordinate cartesiane in G18. [Y...] [Z...] Coordinate cartesiane in G19. [Q...] [R...] Coordinate polari. Opzionale. Le coordinate si programmano con il nome degli assi ed i valori. Si può anche specificare il punto in coordinate incrementali con G91. Se si programma uno dei due assi del piano e l altro si omette, si utilizzerà l ultima quota programmata per l asse non programmato. Questi dati si possono omettere completamente se sono identici a quelli dell ultimo cerchio programmato nello stesso profilo. Anche in questo caso, in cui non sarà programmato il raggio I, se nel blocco precedente è stato definito un cerchio, esso sarà utilizzato come cerchio d appoggio della retta. LINGUAGGIO PROGTL3. 2. Assi di coordinate che non appartengono al piano di riferimento. [Z...] [A...] Assi di coordinate che non appartengono al piano di riferimento. In questo tipo di blocco si possono utilizzare i nomi di tutti gli assi della macchina. In questo caso si specifica la profondità finale dell asse che sarà raggiunta alla fine del blocco. Raggio della circonferenza. [I...] Raggio della circonferenza. Opzionale. Valore positivo per il senso antiorario e negativo per il senso orario. Se in precedenza è stata programmata una G91, il valore del raggio sarà incrementale. Se si scrive il valore I, il cerchio si calcola sul piano corrente; piano XY se si è in G17, ZX in G18 e YZ in G19. Se si omette il parametro I, si starà definendo un punto e non un cerchio. Il valore I definito nei blocchi precedenti non viene considerato. Se si omette il punto e si utilizza solo G813 I, si utilizzerà il punto dell ultimo blocco definito come centro del cerchio d appoggio raggio I. Angolo della retta. J... Angolo in gradi formato dalla retta con l asse ascissa. Il valore dell angolo sarà incrementale rispetto all angolo programmato precedente se è stata programmata precedentemente una G91. Numero di intersezione. [K...] Selezione di una delle due intersezioni della retta con un cerchio programmato nel blocco precedente. Opzionale. K1 prima intersezione fra la retta e il cerchio spostandosi nella direzione della retta. K2 seconda intersezione. Se non si programma la K e vi è più di una soluzione, l intersezione selezionata automaticamente sarà in funzione dell elemento precedente. Se l elemento precedente è un cerchio, l intersezione selezionata sarà la prima nella direzione della retta. Se l elemento precedente è un raccordo fra un cerchio e la retta che si sta programmando, l intersezione selezionata dipenderà dal senso della retta, del cerchio e del raccordo fra la retta e il cerchio. 11

12 2. LINGUAGGIO PROGTL G820. Definizione di un cerchio o un punto. La definizione di un cerchio o punto si può eseguire come segue. G820 [X...] [Y...] [I...] [Z...] [A...]... [K...] Cerchio con centro e raggio noti. G820 [X...] [Y...], [X...] [Y...] I... [K...] Cerchio passante per due punti e raggio noto. G820 [X...] [Y...], [X...] [Y...], [X...] [Y...] [K...] Cerchio passante per tre punti. Coordinate del centro/punto del cerchio o del punto d appoggio della retta. [X...] [Y...] Coordinate cartesiane in G17. [Z...] [X...] Coordinate cartesiane in G18. [Y...] [Z...] Coordinate cartesiane in G19. [Q...] [R...] Coordinate polari. Opzionale. Le coordinate si programmano con il nome degli assi ed i valori. Nel caso dei cerchi per due punti e con raggio noto, o cerchi per tre punti, le corrodiate saranno sempre in cartesiane assolute. Nel resto dei casi, è anche possibile specificare il punto in coordinate incrementali con G91. Se si programma uno dei due assi del piano e l altro si omette, si utilizzerà l ultima quota programmata per l asse non programmato. Questi dati si possono omettere completamente se sono identici a quelli dell ultimo cerchio programmato nello stesso profilo. Assi di coordinate che non appartengono al piano di riferimento. [Z...] [A...] Assi di coordinate che non appartengono al piano di riferimento. In questo tipo di blocco si possono utilizzare i nomi di tutti gli assi della macchina. In questo caso si specifica la profondità finale dell asse che sarà raggiunta alla fine del blocco. Raggio della circonferenza. [I...] Raggio della circonferenza. Opzionale. Valore positivo per il senso antiorario e negativo per il senso orario. Se in precedenza è stata programmata una G91, il valore del raggio sarà incrementale. Se si scrive il valore I, il cerchio si calcola sul piano corrente; piano XY se si è in G17, ZX in G18 e YZ in G19. Se si omette il parametro I, si starà definendo un punto e non un cerchio. Il valore I definito nei blocchi precedenti non viene considerato. Se si omette il punto e si utilizza solo G820 I, si utilizzerà il punto dell ultimo blocco definito come centro del cerchio d appoggio raggio I. Numero di intersezione. [K...] Selezione dell intersezione con un elemento programmato nel blocco precedente. Opzionale. K1 prima intersezione fra la retta e il cerchio spostandosi nella direzione della retta. K2 seconda intersezione. Se l elemento geometrico precedenti è una linea retta: K1 seleziona la prima intersezione nella direzione della retta precedente. K2 seleziona la seconda intersezione nella direzione della retta precedente. Se l elemento geometrico precedente è un cerchio: K1 seleziona l intersezione a sinistra della linea retta che unisce il centro del cerchio precedente al centro di tale cerchio. K2 seleziona l intersezione a destra della linea retta che unisce il centro del cerchio precedente al centro di tale cerchio. Se non si programma, di default si prende K=1. 12

13 2.4 G821. Definizione di Uno smusso. Uno smusso si definisce come segue. G821 J... J... Dimensioni dello smusso (distanza al vertice). 2.5 G821. Definizione di un raccordo o di un arco. Un raccordo si definisce come segue. G821 I... I... Raggio del raccordo o del arco. Valore positivo per raccordo o arco in senso antiorario e negativo per raccordo (arco) in senso orario. LINGUAGGIO PROGTL

14 2.6 G840. Uscita lineare o tangenziale con disattivazione correzione raggio. 2. LINGUAGGIO PROGTL3. Questa funzione si programma come segue. G840 [X...] [Y...] [Z...] [A...].[K...] [I...] Uscita lineare o tangenziale con disattivazione correzione raggio. Funzione G840. G840 Uscita dal profilo. Punto d'uscita del profilo. [X...] [Y...] [Z...] [A...] Punto d'uscita del profilo. Opzionale. Selezione del tipo d uscita dal profilo. [K...] Selezione fra due tipi d uscita dal profilo e annullo della correzione del raggio dell utensile. K1 uscita automatica dal profilo con una retta perpendicolare all ultimo elemento programmato. K2 uscita automatica dal profilo con un semicerchio tangente all ultimo elemento programmato. Omettendo K, si ottiene un uscita programmata (non automatica) dal profilo. Se non si programma K, il profilo termina con un tratto e un punto, la fine del profilo sarà sulla perpendicolare al tratto sul punto. Se il profilo termina con due tratti, il punto finale del profilo è il punto di intersezione o di tangenza fra il primo e secondo elemento prima della G840, trasferito dal raggio dell utensile. Se non si programma K, l ultimo elemento programmato non farà parte della traiettoria dell utensile, ma servirà solo per definire il punto di intersezione o di tangenza con il penultimo tratto definito. La fine del profilo sarà sul penultimo elemento dichiarato. Raggio per l uscita tangenziale. [I...] Raggio per l uscita tangenziale. 14

15 2.7 G841/G842. Inizio profilo con compensazione del raggio a sinistra o a destra. L'inizio profilo con compensazione si può definire come segue. G841 [X...] [Y...] [Z...] [A...] [K...] [I...] Inizio profilo con compensazione del raggio a sinistra. La funzione G841 specifica che vi è compensazione del raggio utensile a sinistra del profilo (guardando nella direzione della traiettoria). G842 [X...] [Y...] [Z...] [A...] [K...] [I...] Inizio profilo con compensazione del raggio a destra. La funzione G842 specifica che vi è compensazione del raggio utensile a destra del profilo (guardando nella direzione della traiettoria). Punto di ingresso nel profilo. [X...] [Y...] [Z...] [A...] Punto di ingresso nel profilo. Opzionale. Il punto si può programmare anche in coordinate incrementali con G91. Selezione del tipo di ingresso nel profilo. [K...] Selezione fra due tipi di ingresso nel profilo. K1 ingresso automatico nel profilo con una retta perpendicolare al primo elemento programmato. K2 ingresso automatico nel profilo con un semicerchio tangente al primo elemento programmato. LINGUAGGIO PROGTL3. 2. Omettendo K si ottiene un ingresso programmato (non automatico) nel profilo. Se non si programma, il profilo inizia con un punto e un tratto, l inizio del profilo sarà sulla perpendicolare al tratto sul punto. Se il profilo inizia con due tratti, il punto iniziale del profilo è il punto di intersezione o di tangenza fra il primo e secondo elemento dopo le funzioni G841 e G842, trasferito al raggio dell utensile. Se non si programma K, il primo elemento programmato non farà parte della traiettoria dell utensile, ma servirà solo a definire il punto d intersezione o di tangenza con il secondo tratto definito. L inizio del profilo sarà sul secondo elemento definito. Raggio per l ingresso tangenziale. [I...] Raggio per l ingresso tangenziale. Opzionale. Il raggio si può programmare anche in coordinate incrementali con G91, rispetto al raggio programmato precedente. 15

16 2.8 G850. Disattivare la rototraslazione. La funzione G850 disattiva l origine secondaria e torna all origine pezzo principale. 2. LINGUAGGIO PROGTL G851. Attivare la rototraslazione. La rotazione e la traslazione si definiscono come segue. G851 [X...] [Y...] [J...] [K...] Attivare la rototraslazione. Con la G851 si può definire un numero illimitato di origini secondarie spostate o ruotate rispetto all origine pezzo, o rispetto all ultima origine secondaria programmata. È anche possibile ruotare l intero programma rispetto a qualsiasi punto. Rotazione e traslazione. [X...] [Y...] Coordinate della nuova origine rispetto all origine attiva, o punto su cui si desidera ruotare il programma. [J...] Angolo fra l asse X della nuova origine e l asse X dell origine attiva, o angolo di rotazione del programma. [K] K1: Rototraslazione attorno all origine pezzo (opzione di default). K2: Rototraslazione attorno all ultima origine secondario programmata. K3: Rotazione attorno al punto programmato. 16

17 3 FUNZIONI ISO. Le funzioni ISO (G801, G802, G803, G808, G809, G831, G832 e G833) consentono di definire un profilo tramite i segmenti e gli archi di cui è composto, in un modo simile alle funzioni G01, G02, G03, G08, G09 ma con più opzioni. La programmazione di traiettorie nel linguaggio si realizza mediante tratti rettilinei o curvi che partono dal punto finale del tratto precedente e che terminano sul punto programmato su tale tratto. Questo gruppo di funzioni offrono all utente la possibilità di combinare tratti di segmenti od archi con tratti di rette e cerchi. Le caratteristiche di tali funzioni sono le seguenti. Le quote si possono programmare in pollici o in millimetri e con fattore di scala. I dati eventualmente omessi saranno recuperati dal dato precedente solo nel caso di G801, G802, G803. Nel caso di G808 e G809 è necessario definire i punti. Nel caso di G831, G832 e G833 i dati eventualmente omessi saranno calcolati in funzione dei dati programmati. Negli archi, il raggio si definisce con I1= e il senso con G802, G832 (senso orario) o G803, G833 (senso antiorario). Il centro degli archi sarà di default in quote incrementali rispetto al punto finale. FUNZIONI ISO

18 3. FUNZIONI ISO. 3.1 G801. Definizione di una semiretta o segmento. La definizione di una semiretta o segmento con G801 si può realizzare come segue. G801 [X...] [Y...] J [K...] Semiretta che termina in un punto e ad angolo dato. G801 J Semiretta con punto iniziale sul tratto precedente e ad angolo dato. G801 [X...] [Y...] Segmento che termina in un punto (equivalente a G1) o punto finale della semiretta precedente. G801 Punto finale della semiretta definita precedentemente mediante G811 o G813. Coordinate del punto finale della semiretta (modalità 1 e 3). [X...] [Y...] Coordinate cartesiane in G17. [Z...] [X...] Coordinate cartesiane in G18. [Y...] [Z...] Coordinate cartesiane in G19. [Q...] [R...] Coordinate polari. Il punto finale del segmento si può programmare in coordinate assolute o incrementali (cartesiane o polari). Se è stata programmata una G91 prima della G801, le coordinate del punto si prenderanno come incrementali rispetto all'ultimo punto programmato. Per la corretta definizione del segmento, occorre specificare le coordinate del punto finale e l angolo della semiretta; se si omette una delle coordinate, si utilizza l'ultima coordinata programmata in precedenza. Angolo. J... Angolo della semiretta (con G91, incrementale rispetto all angolo precedente programmato). Numero di intersezione. [K...] Numero di intersezione con l elemento precedente. Esempio modalità 1: G801 [X...] [Y...] J [K...] G0 X-2.5 Y0 G841 K1 G813 X0 J90 G801 X10 Y10 J30 18

19 Esempio modalità 2: G801 J 3. G0 X-2.5 Y0 G841 K1 G813 X0 J90 G801 X0 Y5 G801 J20 FUNZIONI ISO. Esempio modalità 3: G801 [X...] [Y...] G0 X-2.5 Y0 G841 K1 G813 X0 J90 G801 X0 Y5 G801 X15 Y5 19

20 3. FUNZIONI ISO. 3.2 G802/G803. Definizione di un cerchio o arco. Un cerchio o un arco si possono definire nei seguenti modi. G802/G803 [X...] [Y...] [I...] [J...] [K...] Cerchio o arco orario/antiorario che inizia sul punto finale dell elemento precedente o sull intersezione con l elemento precedente, termina sul punto programmato e con il centro dato. G802/G803 [X...] [Y...] I1=... Cerchio o arco in senso orario/antiorario che inizia sul punto finale dell elemento precedente, termina sul punto programmato e con il raggio dato. G802/G803 [X...] [Y...] Arco che termina su un punto. Se si programmano le due coordinate, deve essere un punto valido; se ne viene programma solo una, l'altra viene calcolata. G802/G803 [I...] [J...] Cerchio con punto iniziale sul punto finale precedente e con il centro dato. Coordinate del punto finale del cerchio o arco (modalità 1, 2 e 3). [X...] [Y...] Coordinate cartesiane in G17. [Z...] [X...] Coordinate cartesiane in G18. [Y...] [Z...] Coordinate cartesiane in G19. [Q...] [R...] Coordinate polari. Centro del cerchio (Modalità 1 e 4). [I...] [J...] Coordinate del centro del cerchio o arco. Il punto finale dell arco e il centro si possono programmare in coordinate assolute o incrementali (cartesiane o polari). Se si omette una delle coordinate, si utilizza l'ultima coordinata programmata in precedenza. È necessario programmare almeno una delle due coordinate. Se è stata programmata una G91 prima della G802, le coordinate del punto si prenderanno come incrementali rispetto al punto programmato precedente. Il centro dell arco I J sarà di default in incrementali rispetto al punto iniziale dell arco, essendo necessario programmare una G06 nel blocco affinché si prenda come quote assolute o una G262. Raggio del cerchio (modalità 2). I1=... Raggio del cerchio (con G91, incrementale rispetto all angolo precedente programmato). [K...] Numero di intersezione con l elemento precedente. Esempio modalità 1: G802/G803 [X...] [Y...] [I...] [J...] [K...] G0 X0 Y0 Z0 G841 K1 G813 X20 J90 G802 G06 X80 Y0 I40 J-20 K2 20

CNC. Modulo "ABSIND" (Ref. 1309)

CNC. Modulo ABSIND (Ref. 1309) CNC 8065 Modulo "ABSIND" (Ref. 309) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

classe 4 MECCANICI SERALE

classe 4 MECCANICI SERALE TORNIO CNC classe 4 MECCANICI SERALE 1 PARTE COSTRUZIONE DI UN PROGRAMMA TORNIO CNC Il programma di lavorazione deve essere immesso con un formato accettabile dal CNC. Tale formato deve comprendere tutti

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5 LA PROGRAMMAZIONE Un programma per una Macchina Utensile CNC è costituito da una sequenza logica di informazioni geometriche, tecnologiche ed ausiliarie (fasi di lavoro). Le informazioni geometriche riguardano

Dettagli

Corso di Automazione industriale

Corso di Automazione industriale Corso di Automazione industriale Lezione 11 Macchine utensili e controllo numerico Programmazione CNC Università degli Studi di Bergamo, Automazione Industriale, A.A. 2015/2016, A. L. Cologni 1 Introduzione

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC

PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC 1 La programmazione delle M.U. CNC 1 Generalità 2 Geometrie di riferimento 3 Grammatica 4 Lessico 5 Sintassi 6 Esempi 7 Linguaggio APT 2 La programmazione delle M.U. CNC Le

Dettagli

CNC 8055 MC. Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X

CNC 8055 MC. Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X CNC 8055 MC Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X Tutti i diritti sono riservati. La presente documentazione, interamente o in parte, non può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, memorizzata

Dettagli

Appunti per la programmazione ISO (dal manuale OSAI riservato ai propri clienti)

Appunti per la programmazione ISO (dal manuale OSAI riservato ai propri clienti) ITIS Varese Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni Reparto Macchine Utensili TORNIO ANTARES controllo OSAI 8600 T Appunti per la programmazione ISO (dal manuale OSAI riservato ai propri clienti) MOVIMENTI

Dettagli

Esempi di programmazione di un centro di lavoro verticale a CNC

Esempi di programmazione di un centro di lavoro verticale a CNC Istituto Aldini Valeriani VA meccanica, a.s. 2011/2012 Esempi di programmazione di un centro di lavoro verticale a CNC Andrea Burnelli Esempiprogrammazione Andrea Burnelli Pagina 1 Esempiprogrammazione

Dettagli

CONTROLLO NUMERICO NCONEx

CONTROLLO NUMERICO NCONEx CONTROLLO NUMERICO NCONEx I' NCONEx é l'ultimo controllo numerico prodotto da CNI, riassume tutte le funzionalità dei precedenti controlli numerici sviluppati nell'ambito del gruppo CNI ed esprime al meglio

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM)

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) Con la programmazione manuale, il programmatore descrive un ciclo di lavoro nella sequenza voluta ed in un linguaggio comprensibile all unità di governo.

Dettagli

Corso di controllo numerico (Cnc iso)

Corso di controllo numerico (Cnc iso) Corso di controllo numerico (Cnc iso) A cura di Ferrarese Adolfo. - Copyright 2007 - Ferrarese Adolfo - Tutti i diritti riservati - 1 Prefazione: Il corso si articola in 8 sezioni: 7 lezioni più un'ampia

Dettagli

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h)

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 37 4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 4.1 La disposizione degli assi secondo la norma ISO Ogni asse è definito dal verso e dalla direzione di movimento della slitta ed è caratterizzato

Dettagli

CNC PER PANTOGRAFO DA TAGLIO E INCISIONE CATALOGO APPLICAZIONI. Versione 1.1 08/08/2013. ISAC S.r.l.

CNC PER PANTOGRAFO DA TAGLIO E INCISIONE CATALOGO APPLICAZIONI. Versione 1.1 08/08/2013. ISAC S.r.l. CATALOGO APPLICAZIONI CNC PER PANTOGRAFO DA TAGLIO E INCISIONE Versione 1.1 08/08/2013 ISAC S.r.l. CAPITALE SOCIALE 100.000,00 C.F. e P.I. 01252870504 VIA MAESTRI DEL LAVORO, 30 56021 CASCINA (PI) ITALY

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MUCN

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MUCN INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MUCN 1 MACCHINA UTENSILE CN 2 SISTEMA DI RIFERIMENTO Y X Z 3 SISTEMA DI RIFERIMENTO E ASSI MACCHINA L asse Z è sempre coincidente o parallelo con l asse del mandrino.

Dettagli

SINUMERIK 840D/840Di/810D. Manuale di programmazione ISO Fresatura

SINUMERIK 840D/840Di/810D. Manuale di programmazione ISO Fresatura SINUMERIK 840D/840Di/810D Manuale di programmazione Edizione 12.2001 Manuale di programmazione ISO Fresatura Documentazione per l utente Programmazione di base 1 Istruzioni per il richiamo di movimenti

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Prof. Andrea Cataldo andrea.cataldo@itia.cnr.it ARGOMENTI delle ESERCITAZIONI CONTROLLO NUMERICO in AULA CONTROLLO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EIA/ISO Macchine Utensili CNC

PROGRAMMAZIONE EIA/ISO Macchine Utensili CNC PROGRAMMAZIONE EIA/ISO Macchine Utensili CNC A cura di Massimo Reboldi Versione 2.0 7/1/14 La programmazione EIA/ISO! Introduzione! Assi e Riferimenti! Linguaggio di programmazione! Grammatica;! Lessico;!

Dettagli

CNC PILOT 4290 Asse B e Y

CNC PILOT 4290 Asse B e Y Manuale utente CNC PILOT 4290 Asse B e Y Software NC 625 952-xx Italiano (it) 8/2010 CNC PILOT 4290 Asse B e Y CNC PILOT 4290 Asse B e Y Questo manuale descrive le funzioni disponibili nel CNC PILOT 4290

Dettagli

DISPENSA DI GEOMETRIA

DISPENSA DI GEOMETRIA Il software di geometria dinamica Geogebra GeoGebra è un programma matematico che comprende geometria, algebra e analisi. È sviluppato da Markus Hohenwarter presso la Florida Atlantic University per la

Dettagli

CNC 8055 TC. Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X

CNC 8055 TC. Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X CNC 8055 TC Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X Tutti i diritti sono riservati. La presente documentazione, interamente o in parte, non può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, memorizzata

Dettagli

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI PROPRIETA : Finestra Proprietà (tasto destro mouse sull oggetto) Fondamentali: permette di assegnare o cambiare NOME, VALORE, di mostrare nascondere l oggetto, di mostrare

Dettagli

IL CNC IL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PER LA MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti

IL CNC IL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PER LA MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti IL CNC IL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PER LA MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1- La metodologia ed il linguaggio di programmazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

CNC: Caratteristiche Software Base

CNC: Caratteristiche Software Base CNC: Caratteristiche Software Base Gestione assi Gestione di controllo fino a 36 assi con 3 processori. Controllo della accelerazione della velocità e dello spazio. Gestione concorrente tra più interpolatori

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

CNC S4000 CNC S3000 FUNZIONI DI PROGRAMMAZIONE

CNC S4000 CNC S3000 FUNZIONI DI PROGRAMMAZIONE CNC S4000 CNC S3000 FUNZINI DI PRGRAMMAZINE PRNTUARI FUNZINI G Le funzioni di programmazione elencate nelle pagine seguenti sono disponibili sui modelli di Controllo Numerico segnalati con il simbolo

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

CONFRONTO TRA METODO DI LAVORO ALLE:

CONFRONTO TRA METODO DI LAVORO ALLE: CONFRONTO TRA METODO DI LAVORO ALLE: Macchine utensili tradizionali Con i sistemi tradizionali il disegno del pezzo è una memoria con tutte le informazioni, ma la macchina utensile non è in grado di interpretare

Dettagli

Manuale programmazione ISO

Manuale programmazione ISO DOCUMENTAZIONE PER L UTENTE Manuale programmazione ISO SIDAC S.r.L 21017 Samarate (Varese) Via Acquedotto, 111 E_Mail info@sidaccnc.it Tel. 0331.22.30.19 r.a. Fax. 0331.22.30.78 1 Ver. 1.0 - Aggiornamento

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato Nella presente esercitazione si redige il programma CNC per la fresatura del pezzo illustrato nelle Figure 1 e 2. Figura

Dettagli

CNC - SERIE S3000-S4000 PROGRAMMA DI PRESETTING UTENSILI AUTOMATICO CON LASER FOCALIZZATO

CNC - SERIE S3000-S4000 PROGRAMMA DI PRESETTING UTENSILI AUTOMATICO CON LASER FOCALIZZATO CNC - SERIE S3000-S4000 PROGRAMMA DI PRESETTING UTENSILI AUTOMATICO CON LASER FOCALIZZATO AGGIORNAMENTO Ed. Data agg. Pagine aggiornate 00 ------- 13/09/00 -------------- Emissione CMAPRL00090I ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE COSTRUZIONI GEOMETRICHE Anno Accademico 2014-2015 Le Costruzioni Geometriche Nello studio del disegno tecnico, inteso come linguaggio grafico comune fra i tecnici per la progettazione

Dettagli

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse Contenuti 1 Integrali multipli 2 1.1 Integralidoppisudomininormali... 2 1.2 Cambiamento di variabili in un integrale doppio. 6 1.3 Formula di Gauss-Green nel piano e conseguenze. 7 1.4 Integralitripli...

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

Basi di programmazione ISO per macchine CNC con CNC Simulator

Basi di programmazione ISO per macchine CNC con CNC Simulator Basi di programmazione ISO per macchine CNC con CNC Simulator 1. I primi comandi per semplici lavorazioni (coordinate cartesiane assolute)..2 2. Settaggio del software...2 3. Tornitura cilindrica...6 4.

Dettagli

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE.

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE. VERIFIC DI MTEMTIC CLSSI TERZE (S, BS, CS, DS, ES) settembre COGNOME E NOME.. CLSSE. Esercizio In un piano cartesiano ortogonale determinare: a) l equazione della parabola con asse parallelo all asse,

Dettagli

Il linguaggio G-code RS274 Manuale di Programmazione

Il linguaggio G-code RS274 Manuale di Programmazione Il linguaggio G-code RS274 Manuale di Programmazione SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...4 1.1 Premessa... 4 1.2 Il linguaggio RS274/NGC.... 4 2 CENNI GENERALI SUI CENTRI DI LAVORO...4 2.1 Principali componenti

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

Unificazione nel disegno. Enti di unificazione

Unificazione nel disegno. Enti di unificazione Unificazione nel disegno Norme per l esecuzione e la lettura dei disegni finalizzate ad una interpretazione univoca conforme alla volontà del progettista. Enti di unificazione ISO: International standard

Dettagli

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa L automazione 1 L automazione Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa Politecnico di Torino 1 Automazione delle macchine utensili (M.U.)

Dettagli

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi CAPITOLO 1 Iniziare Obiettivi Richiamare i comandi di AutoCAD tramite menu, menu di schermo, digitalizzatore, riga di comando o barre degli strumenti Comprendere il funzionamento delle finestre di dialogo

Dettagli

I. Programmazione di un tornio con asse Y. Indice

I. Programmazione di un tornio con asse Y. Indice 1 I. Programmazione di un tornio con asse Y Indice I. Programmazione di un tornio con asse Y... 1 1.1 Introduzione... 2 1.2 Schema di programmazione specifico per il piano G19... 4 1.3 Esempio di programmazione...

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico

Liceo G.B. Vico Corsico Liceo G.B. Vico Corsico Classe: 3A Materia: MATEMATICA Insegnante: Nicola Moriello Testo utilizzato: Bergamini Trifone Barozzi: Manuale blu.0 di Matematica Moduli S, L, O, Q, Beta ed. Zanichelli 1) Programma

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469) APPELLO del 10 Novembre 2010 Prof. Emanuele Carpanzano Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Modulante Tracciare qualitativamente la risposta

Dettagli

13900 BIELLA REALIZZATO A SCOPO DIDATTICO PER A CURA DEL PROF. ANTONIO GARERI

13900 BIELLA REALIZZATO A SCOPO DIDATTICO PER A CURA DEL PROF. ANTONIO GARERI Corso Autocad 2004 Interfaccia Classica di Autocad L AMBIENTE DI LAVORO I Sistemi di Coordinate Cartesiane Assolute e Relative È possibile utilizzare le coordinate cartesiane assolute o relative (rettangolari)

Dettagli

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI ELEMENTI I TOPOGRFI ESERIZI 1. ato il quadrilatero, i cui vertici si seguono in senso antiorario, di cui si conoscono le coordinate dei vertici e rispetto a un sistema di assi ortogonali: E = 23,55 m N

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl/840di sl/ 828D/802D sl ISO Fresatura. Concetti fondamentali della programmazione. Comandi di movimento 2

SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl/840di sl/ 828D/802D sl ISO Fresatura. Concetti fondamentali della programmazione. Comandi di movimento 2 SINUMERIK SINUMERIK 840D sl/840di sl/828d/802d sl SINUMERIK SINUMERIK 840D sl/840di sl/ 828D/802D sl Manuale di programmazione Concetti fondamentali della programmazione 1 Comandi di movimento 2 Comandi

Dettagli

TOLLERANZE DI POSIZIONE. MDM Metrosoft S.a.s. di DENI Chiara GUIDA UTENTE. Metrosoft Metrology Software and Special Applications. Ver.

TOLLERANZE DI POSIZIONE. MDM Metrosoft S.a.s. di DENI Chiara GUIDA UTENTE. Metrosoft Metrology Software and Special Applications. Ver. MDM Metrosoft S.a.s. di DENI Chiara Metrosoft Metrology Software and Special Applications GUIDA UTENTE TOLLERANZE DI POSIZIONE Ver. Luglio 1996 CopyRight MDM Metrosoft S.a.s. Via IV Novembre, 22-40061

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Tornitura ISO SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl / 828D Tornitura ISO. Concetti fondamentali della. programmazione. Istruzioni di movimento

Tornitura ISO SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl / 828D Tornitura ISO. Concetti fondamentali della. programmazione. Istruzioni di movimento Concetti fondamentali della programmazione 1 Istruzioni di movimento 2 SINUMERIK SINUMERIK 840D sl / 828D Manuale di programmazione Istruzioni di movimento 3 Ulteriori funzioni 4 A Abbreviazioni B Tabella

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA

INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA Una Geometria non può essere più vera di un altra; può essere solamente più comoda. Ora la Geometria Euclidea è e resterà più comoda H. Poincaré

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

Comau Smart NS 12-1.85: una breve introduzione

Comau Smart NS 12-1.85: una breve introduzione Comau Smart NS 12-1.85: una breve introduzione Ivan Lazzero 1 Introduzione Il presente mini-manuale ha lo scopo di introdurre lo studente ad un primo utilizzo del Robot industriale Smart NS 12-1.85 presente

Dettagli

Matteo Moda Geometria e algebra lineare Fasci. Fasci. N.B.: Questo argomento si trova sull eserciziario. Fasci di rette nel piano

Matteo Moda Geometria e algebra lineare Fasci. Fasci. N.B.: Questo argomento si trova sull eserciziario. Fasci di rette nel piano Fasci N.B.: Questo argomento si trova sull eserciziario Fasci di rette nel piano 1 Fasci di piani nello spazio 2 Matteo Moda Geometria e algebra lineare Fasci Date due rette r ed r di equazione: : 0 :

Dettagli

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10 FUNZIONE OMOGRAFICA ASINTOTO VERTICALE: ASINTOTO ORIZZONTALE: 1 abbiamo verificato che, applicando all iperbole equilatera base, la dilatazione verticale di coefficiente 7 e la traslazione di vettore di

Dettagli

CNC mdl Engraver ver. 01a Manuale utente

CNC mdl Engraver ver. 01a Manuale utente CNC mdl Engraver ver. 01a Manuale utente INTRODUZIONE Engraver nasce dall esigenza di ovviare all acquisto di costosi e complicati software CAM che generano un percorso utensile ed il relativo codice G

Dettagli

LIVELLO STUDENT S1. S2. S3. S4. S5. S6.

LIVELLO STUDENT S1. S2. S3. S4. S5.  S6. LIVELLO STUDENT S1. (5 punti ) La figura mostra due quadrati uguali che hanno in comune esattamente un vertice. È possibile precisare la misura dell'angolo ABC? S2. (7 punti ) Negli usuali fogli (rettangolari)

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS Classe: 3 a B Informatica Docente: Gianni Lai PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MATEMATICA e COMPLEMENTI

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

Rev. 2.0.0 Promax srl

Rev. 2.0.0 Promax srl www.promax.it Le informazioni contenute nel manuale sono solo a scopo informativo e possono subire variazioni senza preavviso e non devono essere intese con alcun impegno da parte di Promax srl. Promax

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

ASSIOMI DELLA GEOMETRIA RAZIONALE

ASSIOMI DELLA GEOMETRIA RAZIONALE ASSIOMI DELLA GEOMETRIA RAZIONALE ASSIOMI DI APPARTENENZA A1 Per ogni coppia di punti A e B di un piano π esiste ed è unica la retta che li contiene. A2 Data nel piano π una retta r esistono almeno due

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Comandi base di Autocad

Comandi base di Autocad Comandi base di Autocad Gli appunti di Autocad che seguono sono generali, ma possono subire qualche lieve variazione in base alla versione utilizzata oppure nelle versioni più recenti possono essere stati

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Esercizio Decorazioni

Esercizio Decorazioni Nome Cognome Classe Data La riproduzione di questa pagina tramite fotocopie è autorizzata ai soli fini dell utilizzo nell attività didattica degli alunni delle classi che hanno adottato il testo. Esercizio

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Lezione 1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Informazioni generali sulla progettazione delle strutture È possibile creare segmenti di percorso e strutture utilizzando l applicazione Progettazione

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli