Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parcheggi e altre rendite aeroportuali"

Transcript

1 Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation, tra cui qulla di parchggi, ha garantito ai gstori lvati profitti, a scapito dgli utnti. È in corso un timido mutamnto lgislativo, ch può dar i suoi frutti solo s accompagnato dall istituzion di un autorità di sttor, oggi mancant. Prmssa Qusto articolo ha com focus il rapporto tra gli lvati ricavi ffttuati dai parchggi affrnti l infrastruttur aroportuali la condizion di monopolio natural di cui god l aroporto stsso. La rgolazion dl sistma aroportual dovrbb garantir la simulazion di un mrcato concorrnzial in grado di vitar la formazion di rndit ingiustificat pr il gstor aroportual a discapito di vttori ari, in ultima istanza, dgli utnti. Com vrrà argomntato, la normativa italiana fino al 2007 ha prvisto pr il sttor aroportual la sparazion contabil tra i srvizi lato aria qulli lato trra dll aroporto (sistma chiamato dual till, ma applicato in Italia in manira parzial). Si prvdva pr il primo un sistma di rgolazion 1 mdiant il mccanismo dl pric cap (ch dovva simular un mrcato concorrnzial), mntr il scondo non ra di fatto rgolato (pr dfinirsi un vro dual till, avrbb dovuto prvdr royaltis; snza di ss il sistma è stato particolarmnt favorvol ai gstori aroportuali). Qusto mccanismo ha lgittimato così qualunqu volum di ricavi ottnuti nl sttor dl landsid, poiché sso, rimanndo sparato da qullo ottnuto nl sttor airsid, non partcipava alla dfinizion dll tariff aroportuali richist ai vttori ari. Dal 2007 una dlibra CIPE, ancora in vigor, ha introdotto il conctto di singl till parzial, pr cui almno il 50% dgli introiti dl sttor non-aviation dv concorrr alla dfinizion dll tariff aroportuali. Qusta dlibra ha riscontrato l ostruzionismo di gstori aroportuali, pr cui la sua attuazion è ancora molto limitata. 1 Sono soggtti a rgolamntazion: i diritti di approdo di partnza, di sosta di ricovro; l tass di imbarco di passggri; l tass di imbarco sbarco mrci; i compnsi pr l oprazioni di controllo di sicurzza; i Marco Ponti Elna Scopl Politcnico di Milano corrispttivi pr l uso dll infrastruttur cntralizzat, di bni di uso comun di uso sclusivo; i corrispttivi pr l attività di handling, quando qusta sia svolta, di diritto o di fatto, da un unico prstator (D.Lgs. 18/99). numro 2/2009 Argomnti Mrcato 103

2 Il sistma lgislativo vignt ha gnrato alt rndit pr i srvizi commrciali landsid lgati all aroporto di comptnza dl gstor aroportual, divntando una voc consistnt nl bilancio dll socità di gstion. Tali srvizi, non ssndo sottoposti a controlli di sorta, godono di tariff libr, nlla crtzza di potr contar su una quota prottta di domanda, assicurata dalla natura di monopolio natural dgli aroporti. Inizialmnt vrranno affrontat alcun qustioni torich dlla rgolazion di trasporti, indispnsabili pr chiarir mglio i passaggi succssivi. Una sconda part analizzrà l voluzion dlla lgislazion italiana di rifrimnto, il trzo capitolo ntrrà nl mrito dl srvizio parchggio. Concludranno una sri di considrazioni sui possibili indirizzi da adottar pr protggr gli utnti da rndit monopolistich. Alcuni richiami alla toria 104 Il monopolio natural è una particolar condizion ch si vrifica quando è convnint in trmini di costo complssivo (pr l conomi di scala) avr un unica imprsa o un unica infrastruttura piuttosto ch avrn du o più ch offrono lo stsso srvizio pr la stssa domanda. La condizion di monopolio rnd solitamnt ncssario un sistma di rgolazion in grado di simular l fficinza promossa dai mrcati concorrnziali. Un sttor ch prsnta carattristich di monopolio natural è qullo aroportual. Un infrastruttura aroportual costituisc, infatti, un infrastruttura ssnzial pr l compagni ar, ch non può ssr facilmnt rplicata in quanto consuma molto trritorio, ha bisogno di infrastruttur di collgamnto stradali frroviari, richid ingnti invstimnti pr la sua ralizzazion, prsnta rilvanti conomi di scala risulta soggtta a numros autorizzazioni concssioni. È anch considrata un monopolio lgal, in quanto god di forti barrir normativ all ingrsso (vincoli da pianificazion trritorial). Alcun funzioni spcifich, com pr i srvizi chartr, l mrci, i srvizi intrcontinntali, sono contndibili da altri aroporti vicini, in qusti casi, si può parlar di monopolio natural parzial. Il mrcato aroportual prsnta, dunqu, carattristich di mrcato monopolistico-oligopolistico. In assnza di una struttura rgolativa, si gnra infficinza allocativa ( produttiva, in caso di gstori pubblici, poco motivati a minimizzar i costi). Il gstor aroportual tnd a strarr una rndita monopolistica (o a divntar infficint) a discapito dgli utilizzatori dll aroporto, in ultima istanza, dgli utnti (gnrando anch un problma di quità, oltr ch al già nunciato problma di fficinza). La rgolazion dl sistma aroportual è di comptnza, dal 1997, dll Ent Nazional Aviazion Civil (in sguito ENAC), ch è l organismo rgolator dll attività dl trasporto aro italiano. numro 2/2009 Argomnti Mrcato

3 La normativa italiana prvd ch l infrastruttur di volo siano di proprità pubblica, mntr la loro gstion può ssr affidata a trzi. 2 L oggtto prioritario dll concssioni pr la gstion dll aroporto è la prstazion di srvizi ch prsuppongono l utilizzo dll infrastruttur cntralizzat (D.Lgs. 18/99). 3 Singl till dual till Com si è dtto, il conctto noto com dual till prvd la sparazion contabil tra attività aroportuali ( lato aria o airsid) attività commrciali ( lato trra o landsid) stabilisc ch solo l prim siano sottopost a procdimnti rgolatori, mntr pr l scond, troppo difficili da rgolar data la moltplicità di cspiti, è prvisto un sistma di royaltis a favor dll rario: qusta situazion è nota com dual till. In Italia è stato introdotto un rgim dfinibil com dual till parzial, in quanto sono stat rgolat l tariff lato aria, mntr non sono stat prvist royaltis pr l attivtià lato trra. In qusto modo, si sono lasciat al rgolato l rndit, rilvanti ngli aroporti mdio-grandi, ottnut dall attività monopolistich dl landsid (parchggi, srvizi commrciali cc.). Il mtodo dl singl till valuta complssivamnt la rdditività sia di srvizi lato aria (qulli goduti dall compagni ar) sia qulli dl lato trra (pagati dai passggri) dcid l tariff pr il lato aria ; di fatto, controlla ch non si formino rndit complssiv, o ch qust siano solo tmporan. Solitamnt applicando l approccio singl till vi è un sussidio incrociato tra l attività aronautich qullo non aronautich, in quanto i provnti dll attività non aronautich vngono valutati pr dtrminar il tasso di rdditività complssivo ch non dv ssr suprato dal gstor. Tal mtodo prsnta l inconvnint, non trascurabil, di annullar tndnzialmnt i sgnali di przzo lato aria pr gli aroporti più congstionati, con fftti opinabili sull fficinza allocativa dll tariff. La localizzazion di alcun attività commrciali all intrno dl primtro aroportual fornisc ai gstori di qust attività un fort potr di mrcato prmtt loro di raccoglir importanti introiti. La formazion di tali rndit, a giudizio di vttori ari, è dovuta anch al contributo di vttori stssi in grado di attirar domanda nll infrastruttura aroportual. La dimnsion di provnti commrciali è la causa dll ampio dibattito ch concrn la sclta tra l approccio singl till dual till. 2 Art. 694 dl Codic dlla Navigazion. 3 L infrastruttur cntralizzat comprndono: gstion sistma di smistamnto riconsgna bagagli; gstion tcnica pontili pr l imbarco lo sbarco di passggri o altri sistmi non frazionabili di trasporto di passggri; gstion impianti cntralizzati di alimntazion, condizionamnto riscaldamnto aromobili; gstion sistmi cntralizzati di sghiacciamnto aromobili; gstion sistmi informatici cntralizzati (informativa al pubblico, sala annunci, sistma di scalo CUTE cc.). gstion impianti statici cntralizzati di distribuzion carburanti; gstion impianti cntralizzati di stoccaggio lavaggio matriali catring. numro 2/2009 Argomnti Mrcato 105

4 L socità aroportuali prfriscono una rgolazion dual till, mntr l compagni ar com abbiamo visto prdiligono una rgolazion singl till. I vttori ari, infatti, spingono prché gli introiti dll socità aroportuali drivanti dallo svolgimnto dll attività commrciali siano utilizzati pr ridurr l tariff aronautich, mntr gli aroporti vorrbbro mantnr pr loro i profitti drivanti da attività non aronautich. Pr riassumr, un sistma di tariffazion dll infrastruttur cntralizzat quo d fficint è important pr: un allocazion fficint dll risors; una prvnzion da form di abuso di posizion dominant da part dlla socità di gstion aroportual; una riduzion dlla distorsion dlla concorrnza fra l compagni ar utilizzatrici dll aroporto fra aroporti. Il sistma di tariffazion dovrbb riflttr il costo ral dl srvizio offrto, incluso un ragionvol ritorno sul capital invstito, ma scludndo rndit monopolistich arbitrari, incntivar incrmnti di fficinza tramit la possibilità di lucrar rndit tmporan al di sopra dl WACC (misura standard dl costo dl capital invstito) solo in caso di comportamnti virtuosi. Pric cap 106 Lo strumnto dl pric cap è prvisto nlla mtodologia dl dual till qual dispositivo di rgolazion lato aria. Si prsuppon, infatti, l impossibilità da part dl rgolator di vrificar l fficinza di costi dl gstor aroportual (pr vidnti qustioni di asimmtria informativa ) impon così una traittoria di fficintizzazion ch il rgolato dv sguir in un arco tmporal quinqunnal. Il pric cap prvd ch i przzi ch il gstor rgolato può applicar non possano crscr più dll inflazion, mno un trmin di fficintamnto X, calcolato in rlazion a una sri di fattori, tra i quali l aumnto di volumi di traffico. Qusto paramtro è fondamntal pr una corrtta applicazion dllo strumnto, poiché, s corrttamnt calcolato, è in grado di simular una situazion di mrcato concorrnzial capac di incntivar l fficinza produttiva dl gstor attravrso una riduzion di costi. Il pric cap pr gli aroporti in Italia è stato applicato in modo distorto com mccanismo pr adguar l tariff, incorporando l inflazion programmata, ma tnndo in scarso conto il mccanismo di fficintamnto. Spsso, infatti, il paramtro X è stato posto ugual a zro, giustificando qusta sclta con la gnrica signza di coprir nuovi invstimnti da part dl gstor, o è stato idntificato solo con l incrmnto di traffico prvisto. Il risultato è ch il pric numro 2/2009 Argomnti Mrcato

5 cap si è rivlato un strumnto favorvol pr il gstor aroportual poiché, da una part, si sono crati alti profitti, dall altra, non si sono rilvati riduzioni di tariff in trmini rali ch dovrbbro vrificarsi pr fficintamnto, trmin dll ammortamnto dgli invstimnti passati, conomi di scala cc. Gold plating La quota di invstimnti ffttuata dal concssionario da rmunrar in tariffa rapprsnta un altro punto important dl dibattito. Attualmnt, in Italia, sono rmunrati in tariffa, pur dopo approvazion dl rgolator, tutti gli invstimnti di una qualch dimnsion ffttuati dal concssionario. Anzi, la normativa più rcnt smbra incoraggiar qualsiasi tipo di invstimnto, promuovndo possibili lgami tra durata dll concssioni livllo dgli invstimnti prvisti. L fficinza di tali sps non smbra proccupar il dcisor politico, mntr dovrbb ssr oggtto di fort attnzion da part dl rgolator. Il larghggiar ngli invstimnti compnsabili in tariffa provoca un fnomno noto com fftto Avrch Johnson o gold plating: il rgolato tnd a ralizzar opr di dubbia fficinza conomica, sicuro di non incorrr in alcun rischio, lucrando sulla costruzion, vist l asimmtri informativ di cui god ni confronti dl rgolator (przzi, appalti cc.). Un attggiamnto ch dovrbb dar maggior garanzia agli utnti sarbb qullo di non ammttr in tariffa gli invstimnti dirttamnt produttivi, com, pr smpio, ogni dispositivo ch diminuisca i costi pr il concssionario o ch dtrmini conomi di scala ampliando la capacità dll aroporto. In altri trmini, non dovrbbro ssr ammssi alla rmunrazion in tariffa tutti gli invstimnti rmunrabili a tariff dat ntro la scadnza dlla concssion. Pr tutti gli invstimnti rmunrabili solo con aumnti tariffari sarbb raccomandabil ch qusti fossro ngoziati, anch pr quanto concrn l carattristich i costi unitari, in un tavolo dov siano prsnti anch gli utnti (com solo in minima part avvin con i mccanismi di consultazion attualmnt vignti), al fin di controbilanciar, da part di chi sarà chiamato a pagarn i costi, i rischi dl citato fftto Avrch Johnson. numro 2/2009 Argomnti Mrcato 107

6 La normativa in matria di diritti aroportuali Dlibra CIPE n. 86/2000 La dlibra CIPE n. 86/2000 Schma di riordino dlla tariffazion di srvizi aroportuali offrti in rgim di sclusiva è la prima normativa manata sulla rgolazion aroportual. Oggi non è più in vigor d è stata abrogata dall succssiv normativ. La dlibra CIPE n. 86/2000 introduc il mccanismo dl dual till, ma in modo parzial, poiché, com prcdntmnt accnnato, impon la sparazion contabil tra l attività svolt in rgim di monopolio ( lato aria, rgolat con il mccanismo dl pric cap) qull non rgolat ( lato trra ), ma non prvd un ffttivo mccanismo di royaltis pr qust ultim. Dtrmina, inoltr, la prdisposizion di una contabilità analitica organizzata pr cntro di costo ricavo pr ogni srvizio offrto introduc l obbligo di crtificazion dlla contabilità analitica da part di una socità di rvision. A sguito di ciò, la dlibra CIPE dfinisc un prciso dttagliato itr mtodologico rgolatorio da sguir ai fini dl calcolo di costi attribuibili a ciascun srvizio cntralizzato, in modo da garantir al gstor una normal rmunrazion di costi di prtinnza, valutati tnndo conto dl piano di invstimnti ch il gstor si impgna a ralizzar, dgli standard di qualità sicurzza ch lo stsso dv garantir dll prvisioni di traffico. L attuazion dlla contabilità analitica è il prsupposto pr l applicazion dll procdur rgolatori att a calcolar l tariff orintat ai costi. Compito dll ENAC è vigilar sulla sparazion contabil sui costi ffttivi ni singoli srvizi offrti fatturati dai gstori. La dlibra CIPE stabilisc, infatti, ch i livlli di provnti dvono ssr adguati ai costi, a una normal rmunrazion dl capital invstito a programmi di invstimnto adguati all prospttiv di spansion dl traffico. Essa promuov, inoltr, l fficinza la qualità di srvizi rsi, raggiungibili anch attravrso un approfondito bnchmarking pr tipologi aroportuali simili. La dlibra CIPE è divisa in du parti: nlla prima si disciplina la trasparnza la sparazion contabil di gstori, mntr nlla sconda vngono stabilit l formul matmatich pr la dtrminazion di corrispttivi di singoli bni srvizi forniti dal gstor scondo il mtodo dl pric cap. Dlibra CIPE 38/ La dlibra CIPE n. 38 dl 2007 Dirttiva in matria di rgolazion tariffaria di srvizi aroportuali offrti in rgim di sclusiva introduc l asptto innovativo dl singl till parzial. numro 2/2009 Argomnti Mrcato

7 Il contsto rgolatorio in Italia appariva, infatti, talmnt a favor di concssionari da rndr ncssario un intrvnto normativo pr calmirar, almno in part, la situazion. Il mccanismo normativo introdotto prvd, dunqu, il concorso di una quota non infrior al 50% di ricavi landsid pr il calcolo di diritti aroportuali. In qusto modo si vuol vitar la formazion di part dll rndit da monopolio di localizzazion ottnut dal gstor aroportual, ch gstisc srvizi in sclusiva all intrno dl proprio sdim pr fini commrciali. La dlibra CIPE è, dunqu, rivolta a tutti i srvizi non rgolamntati d è stata introdotta a favor di vttori ari dgli utnti. Pr i suoi conctti innovativi circa il proposito di ridurr l rndit monopolistich, ssa ha trovato molta opposizion ostacoli all attuazion da part di gstori aroportuali, difatti non è ancora compltamnt rcpita dagli scali italiani. La Dirttiva uropa 2009/12/EC La Dirttiva uropa approvata l 11 marzo 2009 si propon qual nuovo quadro di rifrimnto pr la dfinizion dll tariff aroportuali si applica agli aroporti con un traffico annuo maggior di cinqu milioni di passggri (cioè pr l Italia i cinqu maggiori aroporti). La dirttiva prvd, com lmnto innovativo, la consultazion tra gstori aroportuali utnti dgli aroporti pr: dfinir il sistma tariffario; dcidr il livllo dll tariff aroportuali; stabilir la qualità dl srvizio offrto. Inoltr pon l attnzion sulla ncssità di una maggior trasparnza su costi, mtodologi, finanziamnti, srvizi forniti dagli aroporti cc., sull signza di stabilir un autorità indipndnt di suprvision. Non ntra dirttamnt nl mrito dlla rgolazion di suoi mccanismi, lasciando ampi spazi di manovra all singol nazioni, ma appar important pr il ruolo ch attribuisc ai vttori. Riassumndo, il contsto rgolatorio attualmnt vignt in Italia appar ssr un dispositivo ancora favorvol ai concssionari: si tratta di una sclta di politica conomica prfttamnt lgittima, in alcuni casi, anch condivisibil, ma ch costituisc, in ogni caso, un fattor da tnr in considrazion nlla valutazion complssiva dgli onri ch ricadono sui vttori sugli utnti. numro 2/2009 Argomnti Mrcato 109

8 Parchggi I srvizi dl landsid di un aroporto comprndono una sri di attività commrciali no, tra cui ngozi, ristorazion, albrghi, srvizi di trasporto di collgamnto, srvizi di autonolggio, srvizi bancari, parchggi cc. Pr tutt qust attività, com già ricordato, è prvisto un sistma di rgolazion parzial, nlla misura in cui una quota non infrior al 50% dl margin consguito dal gstor aroportual pr qusti srvizi concorr alla dfinizion di ricavi complssivi dl gstor (qusti sottoposti a vincoli). I ricavi di tipo landsid costituiscono una quota molto important di bilanci di gstori aroportuali, ch in alcuni casi possono arrivar a quasi la mtà di ricavi totali. Com si può notar dalla tablla sotto riportata, nl caso di SEA (Socità Esrcizi Aroportuali pr gli aroporti di Linat Malpnsa) si nota addirittura quasi un lggro dcrmnto di ricavi airsid a front di una continua crscita di ricavi ottnuti dal lato trra. 4 Fig. 1 Evoluzion dal 2003 al 2007 di ricavi totali ottnuti dal gstor SEA, divisi in lato aria lato trra milioni di uro ricavi airsid ricavi landsid Font: nostra laborazion su dati di bilancio SEA. Una dll maggiori voci di ntrata nl bilancio lato trra riguarda i parchggi affrnti l aroporto. Qusto srvizio può raggiungr addirittura quasi un quarto di ricavi dll attività non-aviation. È stata rcntmnt pubblicata (dicmbr 2008) dalla rivista Altroconsumo un inchista sui costi di parchggi aroportuali. I numri prsntati sono sorprndnti. Nonostant l trognità dll politich tariffari di parchggi, Lo stabilizzarsi nl tmpo di ricavi airsid è influnzato anch dal blocco dll tariff pr l infrastruttur cntralizzat frm al numro 2/2009 Argomnti Mrcato

9 gli aroporti italiani (gli scali con l tariff più lvat sono qulli con maggior numro di passggri trasportati, com Malpnsa T1, Linat, Palrmo, Roma Bologna) fanno pagar a caro przzo la sosta. S poi si sbaglia la localizzazion dlla propria vttura tra i divrsi parchggi di uno stsso aroporto (non smpr l informazion è chiarissima), si corr il rischio di pagar anch il 200% in più risptto alla tariffa più convnint. Qusto fnomno è sicuramnt lgato alla crscita passata di passggri transitanti ngli scali, al livllo di offrta di occupazion di parchggi, ma, com mrso, soprattutto all lvata tariffazion di bas dl posto auto. Nl caso dl gstor aroportual SEA pr gli aroporti milansi (Linat Malpnsa), si nota ch i srvizi landsid ch hanno riportato una crscita notvol sono principalmnt il sttor rtail qullo di parchggi, mntr hanno subito una dcrscita chiara nl tmpo i srvizi di handling ffttuati da trzi (Fig. 2). Fig. 2 Confronto tra l voci di ricavi lato trra dl gstor aroportual SEA 250 milioni di uro ,01 35,10 37,54 41,95 46,60 ricavi landsid rtail parchggi handling di trzi srvizi altri ricavi cargo Font: nostra laborazion su dati di bilancio SEA. Stssa condizion si è riscontrata anch pr il gstor AdR dgli aroporti di Roma (Fiumicino Ciampino). Nonostant i ricavi totali dl gstor (landsid airsid) crscano fino al 2005 pr poi dcrscr lggrmnt nl tmpo, i passggri passano da circa 28 milioni nl 2003 a 38,5 milioni nl 2007 (facndo riscontrar un aumnto di circa il 34%) i ricavi da parchggi subiscono un incrmnto di quasi il 17% dal 2004 al 2007 (passando da più di 26 milioni di uro a 30,5 milioni di uro di ricavi). Sppur con importi di ordin diffrnt da SEA, anch AdR prsnta una continua costant crscita di ricavi (Fig. 3) almno fino al numro 2/2009 Argomnti Mrcato 111

10 Fig. 3 Confronto tra SEA AdR di ricavi ottnuti dai srvizi di parchggi aroportuali tra il 2004 il 2007 milioni di uro , ,1 46,6 41,95 37,54 26,8 27,9 30, SEA AdR Font: nostra laborazion su dati di bilancio SEA AdR. 112 Gli utili ntti di gstori aroportuali (inclusi gli ammortamnti) sono praticamnt smpr positivi dimostrano la consistnt rdditività prodotta dall infrastruttura aroportual, nonostant l tariff pr l infrastruttur cntralizzat bloccat al Com è possibil qusto risultato? Il fnomno è spigabil solo attravrso il ricorso a sussidi incrociati, oprato dai gstori aroportuali, tra i srvizi rgolamntati qulli non rgolamntati. I parchggi costituiscono una voc di bilancio important una font di rddito vital, ch compnsa sttori in prdita. Qusto mccanismo vin rivrsato in ultima istanza sugli utnti, ch vngono dannggiati da una lgislazion mal dfinita. Qust considrazioni riguardano i parchggi di comptnza di gstori aroportuali, situati tndnzialmnt nl primtro dll infrastruttura aroporto. Ngli ultimi anni si è sviluppato anch un sistma di parchggi strni all aroporto, di possibil comptnza dgli stssi gstori aroportuali, ma anch di privati. Tali parchggi, dtti rmoti, distano da divrs cntinaia di mtri a qualch chilomtro dall aroporto sono collgati con sso tramit srvizi di navtta gratuita. L inchista già citata sui costi di parchggi aroportuali pubblicata sulla rivista Altroconsumo dimostra la possibilità di ottnr un ffttivo consistnt risparmio conomico s si lascia il proprio vicolo in qusti parchggi. L tariff propost sono tndnzialmnt stagionali spsso sono molto vantaggios s la sosta dura almno una sttimana: pr Roma Fiumicino si può ottnr fino a un risparmio dl 42% risptto a una sosta in un parchggio vicino al trminal, mntr a Milano Malpnsa T1 il vantaggio conomico raggiung il 65% in alta stagion. Qusti parchggi possono ssr considrati un primo tntativo di concorrnza, ncssaria pr ridurr l rndit monopolistich. I cofficinti di rimpimnto di parchggi dimostrano, tuttavia, una continua prminnza di par- numro 2/2009 Argomnti Mrcato

11 chggi vicini al trminal, anch s più costosi. Qual è dunqu il motivo di qusta sclta apparntmnt insnsata? La sosta giornalira vin prvalntmnt ffttuata da catgori di utnti ch si spostano pr motivi di affari, pr i quali il costo dl parchggio è ininflunt risptto alla comodità dlla vicinanza al proprio vicolo al consgunt risparmio di tmpo. In qusti casi, i parchggi rmoti non riscono a produrr una ral concorrnza. Pr i viaggi di tipo turistico, invc, l utnza è maggiormnt disposta ad allontanarsi dal trminal, è più snsibil all qustioni rlativ il przzo dlla sosta mostra maggior tollranza risptto ai disagi tmporali causati dallo spostamnto. In qusti casi, i parchggi rmoti possono ssr concorrnziali, producndo un fftto di calmir di przzi. Complssivamnt la rndita dl gstor è comunqu poco intaccata qusto dimostra com il fattor distanza possa ssr una discriminant rilvant nll sclt. La vicinanza di parchggi intrni al primtro aroportual risptto al trminal consolida, dunqu, la condizion di gstori aroportuali di monopolisti nlla fornitura di srvizi landsid. Conclusioni La normativa rgolatoria italiana ha prmsso ai gstori aroportuali di consguir fino al 2007 sostanzios rndit drivanti dall attività non rgolamntat, dovut sia a un continuo aumnto di passggri transitanti (almno fino al 2007) 5 sia a un aumnto di przzi dll attività lato trra. La tndnza lgislativa in atto smbra volr raggiungr in divrs fasi un sistma di singl till, quindi, stndr al 100% la quota di ricavi lato trra ch concorr alla dtrminazion dll tariff lato aria. Qusto passaggio vrso un sistma di ral singl till è vantaggioso pr gli utnti (i gstori sarbbro indotti a limitar tutt l tariff, lato trra lato aria, non solo qull airsid com ora), ma potrbb gnrar sgnali di przzo distorti. Com abbiamo visto, ssndo gli aroporti più trafficati qulli ch gnrano più ricavi lato trra, qusti andrbbro a comprimr l tariff lato aria, almno in modo rlativo. Cioè gli aroporti dov c è maggior congstion sarbbro pr l compagni ar qulli più convninti, mntr dovrbb ssr il contrario. Ch far allora? Pr limitar l possibili rndit monopolistich di gstori aroportuali, occorrrbb ffttuar com prima azion un invrsion di tndnza. Poiché un aroporto gnra rilvanti costi alla collttività in trmini di viabilità di accsso, sistmi di trasporto pubblico cc., un ral dual till fors è una soluzion raccomandabil (la sta applicando il rgolator ingls, passando da un approccio singl till, tra grandi protst di vttori). Si ricorda ch nllo 5 I rcnti dati mostrano uno stazionamnto, in alcuni casi anch un lggro calo, di passggri transitanti ngli aroporti. Qusto è dovuto a vari fattori, tra i quali sicuramnt anch l instabil mutvol normativa italiana la scarsa abilità dll attual nt rgolator a dar sgnali forti, ch può indurr a comportamnti confusionari contraddittori. numro 2/2009 Argomnti Mrcato 113

12 schma dual till i ricavi landsid non contribuiscono a dfinir qulli lato aria attravrso un vincolo complssivo sulla rdditività dl concssionario, ma sono sottoposti a royaltis dcis dal soggtto pubblico chiamato a fornir i srvizi pr l accssibilità all aroporto dscritti sommariamnt sopra. Tali royaltis sono ncssari pr scrmar l rndit dl gstor aroportual lato aria pr finanziar gli invstimnti strni al sdim aroportual, di cui si è dtto sopra. A prscindr dal dibattito sul più opportuno strumnto di rgolazion, bisognrbb innanzitutto prvdr, comunqu, la costituzion di un autorità rgolatoria indipndnt pr l intro sttor di trasporti, smpr auspicata programmata mai ralizzata, capac in primo luogo di mttr in gara priodica l concssioni, com sollcitato invano più volt dalla stssa autorità pr la concorrnza. Inoltr occorr ch tal autorità introduca un ral crdibil sistma di controlli, in grado di monitorar l divrs attività, di sanzioni, pr l socità aroportuali ch non rispttano l dirttiv. Snza un autorità indipndnt, chiamata istituzionalmnt a difndr gli intrssi dgli utnti, appar difficil ch qusti prvalgano su qulli di gstori aroportuali, pubblici o privati. Rifrimnti bibliografici AdR, Bilancio, anni 2003, 2004, 2005, 2006, Altroconsumo, Dov il postggio costa quanto il volo, n. 221, dicmbr Baily, E., Williams, J. R., Sourcs of conomic rnt in th drgulatd airlin industry, Journal of Law and Economics, vol. 31, n. 1, april 1988, pp CAA Civil Aviation Authority, Th singl till and th dual till approach to th pric rgulation of airports, Londra. Ponti, M., Una politica pr i trasporti italiani, Editori Latrza, Bari, SEA, Rlazion bilancio, anni 2003, 2004, 2005, 2006, Vasigh, B., Flming, K., Tackr, T., Introduction to air transport conomics, Ashgat Publishing Limitd, Aldrshot, England, numro 2/2009 Argomnti Mrcato

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO MODELLO 3 MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO Allegato 3 alla Delibera 64/2014 1 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 2. DEFINIZIONI...

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I Srvizio Tnio i Bino Romgn S i Rimini Lvori: 11162_INTERVENTI DI MITIGAZIONE DEL DISSESTO E MESSA IN SICUREZZA DELLA STRADA PROVINCIALE SP. 84 VALPIANO MIRATOIO, IN LOCALITA CA GUIDI LA PETRA, IN COMUNE

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000.

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. Domanda per l esercizio del servizio passeggeri effettuato mediante NCC-bus nella provincia di Bologna. Alla

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli