Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva"

Transcript

1 Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva

2 Queste linee guida spiegano nel dettaglio con quali regole e modalità l identità visiva della Carta Regionale dei Servizi debba essere rigorosamente declinata su ogni tipo di materiale. Si tratta di uno strumento in continua evoluzione che può essere integrato, per sopraggiunte necessità, con nuovi esempi di applicazione.

3 Elementi base Marchio Colori Tipografia Indice generale Comunicazioni Carta Regionale dei Servizi Adv Sistema editoriale Internet Marcature Segnaletica interna/esterna

4 1.0 Marchio Marchio Marchio e logotipo Costruzione del marchio Costruttivo Area neutra Versione positiva a colori Versione positiva in nero Versione negativa in bianco Utilizzo su fondi colore chiaro Utilizzo su fondi colore scuro Utilizzo su fondi colori istituzionali Versione su altri fondi colore/immagini Leggibilità formato minimo Versione speciale out line Errori da evitare Flash del marchio Indice Elementi base Marchio Carta Regionale dei Servizi e marchio Regione Lombardia Rapporti dimensionali Norme di convivenza sulla Carta Regionale dei Servizi Colori Colori istituzionali di primo livello Colori istituzionali di secondo livello Tipografia Carattere tipografico istituzionale Prima tipologia Carattere tipografico istituzionale sprima tipologia Famiglia di caratteri tipografici secondari

5 1.1 Un mondo di servizi al servizio del cittadino. Questo, in sintesi, il concetto che ha ispirato il simbolo della Carta Regionale dei Servizi. La sfera dai colori caldi e rassicuranti, intersecata da linee e sezioni in dinamico movimento, esprime la condivisione, la circolarità e la velocizzazione dei numerosi servizi offerti. Elementi base Marchio

6 1.2 Questa tavola rappresenta l unico abbinamento possibile tra il marchio e il logotipo. Il logotipo Carta Regionale dei Servizi è composto in Helvetica Neue Extended nelle versioni Bold e Light. Nella versione originale, qui rappresentata, il logotipo utilizza il colore Pantone 194 C. Elementi base Marchio e logotipo - CartaRegionale deiservizi

7 1.3 Ure vel ercillandio dit, sequat. Ut praese conum diat, quam, sis adipit nim dolor iliquat nit, core consectem nim velenim vercin velit iustisl in ulput iurerate delis aliquis aute modignim inibh ex eugiam, conum zzriliscip essi enisciduipis et er sum zzrit luptat wismoluptat. Ut la consequat. Nosto dolortio dolorerci esequip susciliqui ea cor susci bla am, quis nim nonulla adionsecte dion hent eu faccum auguer sum in eriliquis elent adignisit estie tisiscilit wis exeros nonsectet acip elenim quat. Rosto Elementi base Marchio - Costruzione del marchio

8 1.4 La combinazione del marchio con il logotipo è vincolata e strutturata da proporzioni grafico geometriche ben definite. Non è in alcun modo prevista una diversa combinazione degli elementi. Il modulo stesso definisce la distanza del marchio dal logotipo, definendone la giusta collocazione. Elementi base X X/2 X/2 CartaRegionale deiservizi Marchio e logotipo - Costruttivo X/4 X/2

9 1.5 La leggibilità di marchio e logotipo è maggiore se l area circostante è sufficientemente ampia. Qualsiasi testo o elemento grafico deve essere posto all esterno di una cornice ideale, costruita attorno al marchio. Questo spazio è da considerarsi minimo: pertanto, quando è possibile, deve essere aumentato. Elementi base 1/5X X X X/2 1/5X 1/5X CartaRegionale deiservizi Marchio e logotipo - Area neutra 1/5X

10 1.6 Il marchio e logotipo Carta Regionale dei Servizi è l elemento base del sistema di identità visiva. Questa versione si usa su fondo bianco o molto chiaro. Il marchio e logotipo non può essere mai modificato né utilizzato insieme ad altri elementi ad eccezione dei casi descritti in queste schede. La riproduzione deve avvenire utilizzando solo supporti digitali. Copie riprodotte da altre fonti o dagli esempi riportati nelle schede seguenti sono assolutamente da evitare. CartaRegionale deiservizi Elementi base Marchio e logotipo - Versione positiva a colori Attenersi alle informazioni qui riportate. Pantone 144 C - Arancio Pantone 130 C - Giallo scuro Pantone Giallo chiaro Pantone Rosso

11 1.7 La versione in nero 100% è utilizzata in tutti i casi in cui l unico colore di stampa sia il nero (per esempio: avvisi stampa quotidiana, primo foglio fax o stampa da computer), o dove si renda necessario l impiego del marchio e logotipo a un colore pieno. Non sono previste versioni monocromatiche con l utilizzo dei quattro colori istituzionali. CartaRegionale deiservizi Elementi base Marchio e logotipo - Versione positiva in nero

12 1.8 La versione in negativo del marchio e logotipo è prevista per tutte le riproduzioni su fondo nero o di colore particolarmente scuro. Elementi base CartaRegionale deiservizi Marchio e logotipo - Versione negativa in bianco

13 1.9 Queste Il marchio versioni e logotipo in negativo nella versione del marchio positiva e logotipo a colori può essere applicato su fondi sono cromatici previste chiari. anche su fondi di colore di tono scuro differenti dal nero, come ad esempio Nella tavola sui sono fondi riportati di colore esempi istituzionale di utilizzo Pantone della verde versione 390, a Pantone colori positiva blu 308 del e Pantone marchio. arancio 158. Elementi base Marchio e logotipo - Utilizzo su fondi colore chiaro

14 1.10 Su fondi scuri il marchio esige la variante negativa a colori. Nella tavola sono riportati esempi di utilizzo della versione a colori negativa del marchio. Elementi base 1 3 CartaRegionale deiservizi 2 4 CartaRegionale deiservizi Marchio e logotipo - Utilizzo su fondi colore scuro CartaRegionale deiservizi CartaRegionale deiservizi

15 1.11 Queste versioni in negativo del marchio e logotipo sono previste su fondi differenti dal nero, come ad esempio sui fondi di colore istituzionale Pantone 144 C Arancio, Pantone 130 C Giallo, Pantone 7406 Giallo e Pantone 194 C Rosso. Elementi base 1 3 CartaRegionale deiservizi CartaRegionale deiservizi 2 4 CartaRegionale deiservizi CartaRegionale deiservizi Marchio e logotipo - Utilizzo su fondi colori istituzionali Fondi colori istituzionali logo negativo in bianco 1. Pantone 144 C 3. Pantone 7406 C 2. Pantone 130 C 4. Pantone 194 C

16 1.12 Il marchio logotipo può essere utilizzato su fondi fotografici in versione positiva su fondi chiari e in versione negativa su fondi scuri. Questo tipo di applicazione deve sempre garantire una buona leggibilità con la distinzione del marchio e del logotipo. Nella tavola sono riportati alcuni esempi di applicazione del marchio ideali e altri esempi non idonei alla rappresentazione dello stesso. CartaRegionale deiservizi Elementi base Marchio e logotipo - Versioni su altri fondi colore/immagini CartaRegionale deiservizi

17 1.13 Marchio e logotipo possono essere ridotti fino a una base minima di 22 mm. Nella dimensione minima marchio e logotipo possono essere riprodotti solo nei colori istituzionali o in nero 100%, sia in negativo che in positivo. Elementi base C a r taregionale d e iservizi C a r taregionale d e iservizi Marchio e logotipo - Leggibilità formato minimo 22 mm Attenersi alle informazioni qui riportate. La riduzione massima prevede una larghezza di 22mm.

18 1.14 Marchio e logotipo - Versione speciale out line Elementi base

19 1.15 Il marchio e i suoi colori rappresentano un aspetto fondamentale dell identità visiva dell azienda, che non deve essere alterata. In questa pagina sono illustrati alcuni esempi di errato utilizzo di marchio e logotipo. Elementi base A D B Ex ea facilit nosto commod tie delis exeros autet lutpatet vent venim quis nostion ullamet eum dolum nis aliquis doloboreet, sed E C CartaRegionale deiservizi Marchio e logotipo - Errori da evitare F G È importante evitare di: A. modificare la composizione o le proporzioni interne di marchio e logotipo; B. ignorare l area di rispetto e le disposizioni per l allineamento di marchio e logotipo; C. deformare o distorcere marchio e logotipo; D. modificare i colori istituzionali di marchio e logotipo; E. modificare i caratteri tipografici di marchio e logotipo; F. applicare marchio e logotipo in modo da diminuirne la leggibilità; G. ignorare le differenti versioni positive e negative di marchio e logotipo;

20 2 3 4 Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva 1.16 Per flash del marchio si intende la rappresentazione parziale del marchio. Deve essere applicato secondo le caratteristiche cromatiche illustrate in questa tavola, che prevedono sia la versione serigrafica lucida o opaca, che tipografica nella versione positiva o negativa. Elementi base Marchio e logotipo - Flash del marchio Proporzioni A4 verticale 2. Proporzioni A4 orizzontale 3. Striscia orizzontale 4. Banda orizzontale

21 1.17 Marchio Carta Regionale dei Servizi e marchio Regione Lombardia: Rapporti dimensionali Elementi base X=1 X=1

22 PA 14 PA 14 Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva 1.18 Elementi base Y/2 61% logo Carta Regionale dei Servizi logo Carta Regionale dei Servizi Marchio Carta Regionale dei Servizi e marchio Regione Lombardia: Norme di convivenza sulla Carta Regionale dei Servizi Y

23 1.19 Alla base dell identità visiva di Carta Regionale dei Servizi c è l utilizzo costante, per la stampa, dei colori istituzionali Pantone 144 C, Pantone 130 C, Pantone 7406 C e Pantone 194 C. Nei casi in cui non è possibile usare i colori speciali, il marchio e logotipo può essere riprodotto con i colori di quadricromia usati secondo le percentuali indicate. Nella tavola sono indicati i codici dei colori Pantone, i codici 3M (utilizzabili per la riproduzione a mezzo pellicole autoadesive), il codice RAL (utilizzabile per la stampa a mezzo vernici), il codice per il Web e i corrispondenti valori RGB. Per processi diversi dalla tecnica tipografica, è necessario convertire il colore nel codice cromatico equivalente. 144 C 130 C Elementi base Colori - Colori istituzionali. Primo livello 7406 C 194 C C M Y K RAL CLASSIC e DESIGN R G B 3M _ _ _ _53

24 1.20 Per rendere più flessibile il sistema di identità visiva Carta Regionale dei servizi sono stati individuati dei colori complementari che si aggiungono ai colori istituzionali. Queste tonalità possono essere utilizzate per applicazioni come brochure, biglietti di auguri e marcature. Nella tavola sono indicati i codici dei colori Pantone, i valori di quadricromia e i corrispondenti valori RGB. Per processi diversi dalla tecnica tipografica, è necessario convertire il colore nel codice cromatico equivalente. Elementi base 390 C 385 C 386 C 7494 C Colori - Colori istituzionali. Secondo livello 7519 C 7545 C 7539 C CoolGray 1C 7534 C 7401C 7503 C 7497 C C M Y K R G B

25 1.21 Il carattere lineare Helvetica Neue viene utilizzato su tutto il materiale di stampa e sulle diverse forme di comunicazione visiva dell identità Carta Regionale dei servizi. È previsto l impiego nelle versioni Light Condensed, Condensed, Medium Condensed, Bold Condensed, Heavy Condensed, Thin, Roman, Medium, Bold e Black. È previsto un carattere alternativo per tutti quei casi in cui non sia possibile l utilizzo del carattere istituzionale. Il carattere alternativo è il Trebuchet, facilmente reperibile sia su sistemi Macintosh sia Windows nelle versioni Regular e Bold. Elementi base ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Thin ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Roman ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Medium Tipografia - Carattere tipografico istituzionale. Prima tipologia ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Bold ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Black

26 1.22 Tipografia - Carattere tipografico istituzionale. Prima tipologia Elementi base ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Light Condensed ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Condensed ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Medium Condensed ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Bold Condensed ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Helvetica Neue Heavy Condensed

27 1.23 Il carattere graziato Palatino è indicato unicamente per la composizione di testi e può essere impiegato come carattere complementare a quello istituzionale (Helvetica Neue). Anche per il carattere Palatino è previsto uno sostitutivo per tutti quei casi in cui non sia possibile l utilizzo di quello istituzionale. Questo carattere è il Times New Roman, facilmente reperibile sia su sistemi Macintosh che Windows nelle versioni Regular e Bold. ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Palatino Regular ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Palatino Italic ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Palatino Bold Elementi base Tipografia - Famiglia di caratteri tipografici secondari ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz Palatino Bold Italic

28 2.0 Comunicazioni Carta Regionale dei Servizi Linee guida per la rappresentazione della tessera nei formati previsti Linee guida per la rappresentazione della tessera nei formati previsti Linee guida per la rappresentazione della tessera nei formati previsti. Indice Adv Sistema di format per le principali soluzioni Sistema di format per le principali soluzioni Sistema di format per le principali soluzioni Sistema editoriale Costruzione del sistema di gabbie editoriali Sistema impaginativo/ esempi di cover Sistema impaginativo/ esempio di impaginazione Costruzione del sistema di gabbie editoriali/sestino Sistema impaginativo/ esempio di impaginazione sestino Sistema impaginativo/ esempio di impaginazione sestino Internet Sito internet

29 PA 14 Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva 2.1 In questa sezione sono presentati esemp di elementi di comunicazione che riportano sia la Carta regionale dei Servizi, sia il marchio il marchio Carta regionale dei Servizi. Comunicazioni Carta Regionale dei Servizi Linee guida per la rappresentazione nei formati previsti. PA 14

30 2.2 x/2 x Comunicazioni y 50%y 144 C 144 C 130 C 130 C Carta Regionale dei Servizi Linee guida per la rappresentazione nei formati previsti C 7406 C PANT 194 C PAN 194 Attenersi alle informazioni qui riportate. Per il formato UNI A4-210 x 297 mm è previsto l utilizzo della tessera nella metà superiore della pagina. La larghezza della tessera non deve essere inferiore al 50% della larghezza della pagina.

31 2.3 Comunicazioni 70% x x y 70%y 144 C 144 C 130 C 130 C 7406 C 7406 C 194 C 194 C 70% x x y 50%y Carta Regionale dei Servizi Linee guida per la rappresentazione nei formati previsti. 144 C 144 C 130 C 130 C f.to A5 f.to 100x120 mm Attenersi alle informazioni qui riportate. Per il formato UNI A5-14,8 x 210 mm è previsto l utilizzo della tessera nella porzione pari al 70% superiore della pagina. La larghezza della tessera non deve essere inferiore al 70% della larghezza della pagina. Per il formato verticale con delle proporzioni più strette dell UNI è previsto l utilizzo della tessera nella metà superiore della pagina. La larghezza della tessera non deve essere inferiore al 50% della larghezza della base del formato della pagina.

32 2.4 Esempio di impaginato con l utilizzo di un immagine di supporto Comunicazioni TITOLO NUOVO DI FINTO Sottotitolo di finto testo, sottotitolo di finto testo Sottotitolo sempre di fi ntissimoi verit lorem ver iritremdo erosto t. Molesto dolesequat praesectet lorem ofac cum ibh el eliquis dipit veritpit verit lorem ver iritremdo erosto t. Molesto dolesequat praesectet lorem mo testofac cum ibh el eliquis dipit verit Adv - Sistema di format per le principali soluzioni 144 C 130 C 7406 C 194 C 144 C 130 C 7406 C 194 C Attenersi alle informazioni qui riportate. Fondo Pantone 390 C 1 Titolo Helvetica Neue Bold 2 Titoletto Helvetica Neue Bold Condensed 3 Testo Helvetica Neue Condensed

33 2.5 Esempio di impaginato senza l utilizzo di immagini di supporto Comunicazioni FINTO TESTO PER COMUNICAZIONE HEAD. Sottotitolo di finto testo, Sottotitolo sempre di fi ntissimoi verit lorem ver iritremdo erosto t. praesectet lorem ofac cum ibh el eliquis dipit veritpit verit lorem ver erosto t.molesto dolesequat praesectet lorem mo testofac cum ibh el elinam et catudericaes lesto dolesequat praesectet orem mo testofac cum ibh el elinam et catudericaes omni Sottotitolo di finto testsottotitolo di finto testo, Sottotitolo sempre di fi ntissimoi verit lorem ver iritremdo erosto t. Molesto dolesequat praesectet lorem ofac cum ibh el eliquis dipit veritpit verit lorem ver erosto t.molesto dolesequat praesectet lorem mo testofac cum ibh el elinam et catudericaes olesto dolesequat praesectet lorem mo testofac cum ibh el elinam et catudericaes omni 144 C 144 C 130 C 130 C 7406 C 7406 C Adv - Sistema di format per le principali soluzioni 194 C 194 C Attenersi alle informazioni qui riportate. Fondo Pantone 390 C 1 Titolo Helvetica Neue Bold 2 Titoletto Helvetica Neue Bold Condensed 3 Testo Helvetica Neue Condensed

34 2.6 Esempio di impaginato senza l utilizzo di immagini di supporto Comunicazioni 144 C 144 C 130 C 130 C 7406 C 7406 C Adv - Sistema di format per le principali soluzioni 194 C 194 C Attenersi alle informazioni qui riportate. Fondo Pantone 7545 C 1 Titolo Helvetica Neue Bold 2 Titoletto Helvetica Neue Bold Condensed 3 Testo Helvetica Neue Condensed

35 2.7 Questa griglia, strutturata in moduli uguali tra loro, mostra il limite nel quale testo ed immagine devono risiedere. Non ci sono particolari limitazioni nell utilizzo dei moduli della griglia. La regola principale è contenere immagini e testo all interno di essa, assicurandosi che la lettura visiva delle pagine sia chiara e coerente con l immagine di Carta Regionale dei Servizi. Comunicazioni Sistema editoriale - Costruzione del sistema di gabbie editoriali Attenersi alle informazioni qui riportate. Il formato è un UNI A4-210 x 297 mm. Margini 15 mm Colonne verticali 3 Colonne orizzontali 6

36 2.8 Il sistema editoriale è un elemento fondamentale nella comunicazione di Carta Regionale dei Servizi. Si basa sull utilizzo di un codice grafico e visivo, distintivo ed evocativo, dove la tipografia, la disposizione degli elementi, il trattamento grafico e la scelta fotografica sono parte integrante del sistema di identità dell azienda. Comunicazioni FINTO TITOLO COMUNICAZIONE Sistema editoriale - esempi di cover FINTO TITOLO COMUNICAZIONE Esempi di impaginato

37 Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. Quisit lum nim quat wisiscil ip exer in eu feum velesto od minim vel et, velisit prat nos num zzrit nonsed te modiamet vulput aliquis modipit el doluptat veriure dolessenibh el ulluptat, consequam quat vel ut lortis autpat laortion vent nos ea consed dolesse quisci blam dolendreet praessectet alit dolenisit vulput autat praesecte eum volor sit praesed magna adit aliquat. Illan erit lut ad dolorerat. Giam exero ex ero odo et nulputem nonulputet, conse mod tio et, si. Veril et nullaor sit ut dio deliquip el ipsum iure veliqui sismod min voluptate tat, quatuer cillum illutetummod tat, velesti onulputpat, quissim quisim accum quisl eugue mod tet eriureet lutate feuguercil ipis dio od min essim zzrit ea consequ isisi. Facil utat nim augue min veniam, quis ad exercinim venim aliscinibh exeros adiam, sumsandre digna facipis adiamet prat. Od mod estrud eliquisi blaor sectet, commy nim quatuer ostrud tionum ip exerit ver sit vel utpatum augue dio odiat iliquat, volent nulluptat wis nonsequisim Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore cons Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. Quisit lum nim quat wisiscil ip exer in eu feum velesto od minim vel et, velisit prat nos num zzrit nonsed te modiamet vulput aliquis modipit el doluptat veriure dolessenibh el ulluptat, consequam quat vel ut lortis autpat laortion Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. nostisim adiatumsan vero ent lor si. Carta Regionale dei Servizi Linee guida per l identità visiva 2.9 EM QUISIS NIM DOLORTI SISCIL UT VOLORTINIBH EX ENT ATE VEROSTO ERO ET, SUM EU FACCUM ALIQUISL. Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent ate verosto ero et, sum eu faccum aliquisl diamconsed enibh ea adiamet illum dolobore vel exero et nosto odignim dolorpe rcidui ero commy nullamet ip eu faciduis si. Comunicazioni EM QUISIS NIM DOLORTI SISCIL UT VOLORTINIBH EX ENT ATE VEROSTO ERO ET, SUM EU FACCUM ALIQUISL. Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent ate verosto ero et, sum eu faccum aliquisl diamconsed enibh ea adiamet illum dolobore vel exero et nosto odignim dolorpe rcidui ero commy nullamet ip eu faciduis si. Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. Quisit lum nim quat wisiscil ip exer in eu feum velesto od minim vel et, velisit prat nos num zzrit nonsed te modiamet vulput aliquis modipit el doluptat veriure dolessenibh el ulluptat, consequam quat vel ut lortis autpat laortion vent nos ea consed dolesse quisci blam dolendreet praessectet alit dolenisit vulput autat praesecte eum volor sit praesed magna adit aliquat. Illan erit lut ad dolorerat. Giam exero ex ero odo et nulputem nonulputet, conse mod tio et, si. Veril et nullaor sit ut dio deliquip el ipsum iure veliqui sismod min voluptate tat, quatuer cillum Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent ate verosto ero et, sum eu faccum aliquisvel commy nullamet ip eu faciduis si. Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent ate verosto ero et, sum eu faccum aliquisl diamconsed enibh ea adiamet illum dolobore vel exero et nosto odignim dolorpe rcidui ero commy nullamet ip eu faciduis si. Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili Sistema editoriale - esempio di impaginazione illutetummod tat, velesti onulputpat, quissim quisim accum quisl eugue mod tet eriureet lutate Locale e della Sanità, che richiedono una Quisit lum nim quat wisiscil ip exer in eu feum feuguercil ipis dio od min essim zzrit ea consequ isisi. identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu velesto od minim vel et, velisit prat nos num Facil utat nim augue min veniam, quis ad exercinim venim aliscinibh exeros adiam, sumsandre facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. zzrit nonsed te modiamet vulput aliquis modipit digna facipis adiamet prat. Od mod estrud eliquisi blaor sectet, commy nim quatuer ostrud Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet el doluptat veriure dolessenibh el ulluptat, tionum ip exerit ver sit vel utpatum augue dio odiat iliquat, volent nulluptat wis nonsequisim etuercilis dionsed erillandre ent prat lore cons consequam quat vel ut lortis autpat laortion Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent ate verosto ero et, sum eu faccum aliquisvel commy nullamet ip eu faciduis si. Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent ate verosto ero et, sum eu faccum aliquisl diamconsed enibh ea adiamet illum dolobore vel exero et nosto odignim dolorpe rcidui ero commy nullamet ip eu faciduis si. Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. Esempio di impaginato

38 2.10 Griglia prevista per il sestino. Sistema editoriale - Costruzione del sistema di gabbie editoriali/sestino Comunicazioni Attenersi alle informazioni qui riportate. Il formato chiuso 100x210 mm per n 3 ante Margini 15 mm Colonne verticali 3 Colonne orizzontali 6

39 2.11 FINTO TITOLO COMUNICAZIONE Secte corperos nostd min eugiam volorperci tat. Esempi di impaginato - copertina Esempi di impaginato - interno EM QUISIS NIM DOLORTI SISCIL UT VOLORTINIBH EX ENT ATE VEROSTO ERO ET, SUM EU FACCUM ALIQUISL. Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent 144 C 130 C ate verosto ero et, sum eu faccum aliquisl Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent ate verosto 7406 C EM QUISIS NIM DOLORTI SISCIL UT VOLORTINIBH EX ENT ATE VEROSTO ERO ET, SUM EU FACCUM ALIQUISL. Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent 144 C 130 C ate verosto ero et, sum eu faccum aliquisl Em quisis nim dolorti siscil ut volortinibh ex ent ate verosto Agenzia delle Entrate, ), Regionale, 144 C Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. Quisit lum nim quat wisiscil ip exer in eu feum velesto od minim vel et, velisit 130 C 7406 C 7406 C Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. 194 Quisit C lum nim quat wisiscil ip exer in eu feum velesto od minim vel et, velisit prat nos num zzrit nonsed te modiamet Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. 194 Quisit C lum nim quat wisiscil ip exer in eu feum velesto od minim vel et, velisit prat nos num zzrit 194 C Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore cons Comunicazioni Sistema editoriale - esempio di impaginazione /sestino Agenzia delle Entrate, ), Regionale, 144 C Locale e della Sanità, che richiedono una 130 C 7406 C 194 C identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore consed tatem vel et atummy nim zzriliquis enim augait lore minis ex et, sum veraesequi ea faccum volorem vulla adiam dolorer aessit nit augue molobore diametum zzrit autat alit, voloreet, quis enim esed deleniamet, velisi. Nim delismodion vel utpat. Lutpat. Enis er sum velit, con veliquat. Ut nostisim adiatumsan vero ent lor si. Quisit lum nim quat wisiscil ip exer in eu feum velesto od minim vel et, velisit Agenzia delle Entrate, ), Regionale, Locale e della Sanità, che richiedono una identifi cazione sicura del cittadinrud essi eu facing eriliquatem vercili quamcortin heniat. Ilis exeraesed eliquat, velessed estrud doloreet dionsed erillandre ent prat lore cons Gabbia grafica

Elementi base. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma

Elementi base. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Elementi base Giugno 2007 Elementi Base. Marchio L emblema della Sapienza è costituito da un ovale, di colore porpora, nel quale sono inscritti un cherubino, sovrastato da una fiammella, e la dicitura

Dettagli

Manuale d identità visiva

Manuale d identità visiva Manuale d identità visiva Elementi Base 14 ottobre 2010 Versione 1.0 01 Marchio/Logo. Versione A 02 Marchio/Logo. Versione B 03 Marchio/Logo. Versione C orizzontale 04 Marchio/Logo. Versione C verticale

Dettagli

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA

MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA INDICE GENERALE 1.0 ELEMENTI BASE SIMBOLO... 1.1 MARCHIO... 1.2 TIPOGRAFIA... 1.16 2.0 MODULISTICA CARTA INTESTATA... 2.1 BUSTE... 2.5 BIGLIETTO DA VISITA... 2.7 TEMPLATE PPT...

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE LINEE GUIDA DELL IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE LINEE GUIDA DELL IDENTITÀ VISIVA ELEMENTI BASE UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE LINEE GUIDA DELL IDENTITÀ VISIVA 1.0 Indice sezione 1.1 Versione a colori in positivo 1.2 Versione a colori in positivo 3D 1.3 Area neutra 1.4 Area neutra del solo

Dettagli

LIFE REWARDS BASICS 2014

LIFE REWARDS BASICS 2014 LIFE REWARDS BASICS 2014 Trarre il meglio dall opportunità che 4Life offre Leader In You Distributor Guidebook SETTING THE STAGE SUBHEAD HERE iniam vulla consed magniam venim nulputpat. Ut vulluptat ad

Dettagli

Unione delle Terre d argine Manuale immagine coordinata

Unione delle Terre d argine Manuale immagine coordinata Unione delle Terre d argine Manuale immagine coordinata Unione delle Terre d argine Manuale immagine coordinata 1 il marchio elementi costitutivi 1 colori 3 monocromo 4 monocromo bianco 5 dimensione minima

Dettagli

manuale d uso del marchio di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

manuale d uso del marchio di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena manuale d uso del marchio di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena presentazione marchio rapporti proporzionali marchio / logotipo X 4/5 X 2/3 X 4 X 1/5 X Per una corretta ricostruzione del logo fa fede

Dettagli

MANUALE D IDENTITà VISIVA

MANUALE D IDENTITà VISIVA MANUALE D IDENTITà VISIVA INDICE MARCHIO E LOGOTIPO 3. Il logo originale 3. Il logo.it 4. Colori in quadricromia 4. Colori dichiarati Pantone 4. Colori dichiarati RAL 5. Logo monocromatico nero 6. Logo

Dettagli

Tel: 0376 807807 www.piattaforme.celea.it VERONA. Ore del dolore volore dolobor irilis augiamet lut velisi blam, VENEZIA. aliquis exerostisl ea commy

Tel: 0376 807807 www.piattaforme.celea.it VERONA. Ore del dolore volore dolobor irilis augiamet lut velisi blam, VENEZIA. aliquis exerostisl ea commy CATALOGO NOLEGGI L AZIENDA Ore del dolore volore dolobor irilis augiamet lut velisi blam, sum quatisl iusto commy nonulla oreet, quat vel essendigniam aliquis exerostisl ea commy num zzrit illum velis

Dettagli

Format Nati per Leggere Istruzioni per l uso

Format Nati per Leggere Istruzioni per l uso Format Istruzioni per l uso Format Introduzione Il format, destinato ai responsabili di progetti accreditati, è nato con lo scopo di rendere fruibile la grafica di NpL a tutti coloro che svolgono attività

Dettagli

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C 2 Questo manuale presenta gli elementi del sistema di identità visiva di 50&PiùEnasco. Il presente documento è destinato agli utilizzatori al fine di riprodurre correttamente il simbolo di 50&PiùEnasco,

Dettagli

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag.

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag. Manuale d identità Indice MANUALE D IDENTITÀ 1. Il logo POSIDONIA pag. 04 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05 3. Il logo in bianco e nero pag. 06 4. Il logo a due colori pag. 07 5. Il logo Posidonia

Dettagli

CERTIFICAZIONE. UN VALORE DA COMUNICARE. DRAFT. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso.

CERTIFICAZIONE. UN VALORE DA COMUNICARE. DRAFT. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso. CERTIFICAZIONE. UN VALORE DA COMUNICARE. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso Aprile 2011 1. Introduzione. Le certificazioni del sistema di gestione rilasciate

Dettagli

Manuale applicativo dell immagine visiva del Progetto Fooding

Manuale applicativo dell immagine visiva del Progetto Fooding Manuale applicativo dell immagine visiva del Progetto Fooding Indice 1.1 IMMAGINE VISIVA DI BASE Marchio e logotipo Il logotipo identificativo dell azione è composto dal nome del progetto e da un marchio

Dettagli

Linee guida di utilizzo del marchio

Linee guida di utilizzo del marchio Linee guida di utilizzo del marchio Indice 1. Marchio + logotipo 1.1 Caratteristiche generali 1.2 Schema costruttivo del marchio + logotipo 1.3 Dimensioni minime del marchio + logotipo 1.4 Colori e valori

Dettagli

Modulistica. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma

Modulistica. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Modulistica Giugno 2007 Modulistica. Stampati per corrispondenza. Linea operativa Carta intestata Formato: 210x297 mm. Marchio/Logo: PMS 202 EC. Carta: Fedrigoni Splendorgel Extrawhite 100/115 gr/m 2 o

Dettagli

Manuale di comunicazione aziendale TCS per una solida immagine del marchio

Manuale di comunicazione aziendale TCS per una solida immagine del marchio Manuale di comunicazione aziendale TCS per una solida immagine del marchio Versione 2. 4/212 - Ufficio Materiali di comunicazione aziendale Indice Materiali di comunicazione aziendale Introduzione 3 Corporate

Dettagli

SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA

SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA SALUTE LAZIO SISTEMA SANITARIO REGIONALE MANUALE DI IDENTITÀ VISIVA Versione 2.1. Maggio 2014 ELEMENTI BASE Versione 2.1. Maggio 2014 ELEMENTI BASE INDICE DELLA SEZIONE IL MARCHIO.............................

Dettagli

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO

ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO 2 ASSOBIOMEDICA 2014 GUIDA ALL UTILIZZO DEL LOGO Il Logo ASSOBIOMEDICA è costituido da tre elementi: il simbolo, il lettering e la dicitura SIMBOLO LETTERING

Dettagli

Manuale di identità visiva Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia

Manuale di identità visiva Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia Manuale di identità visiva Questo documento contiene tutte le caratteristiche

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. linee guida. per le azioni di informazione e comunicazione

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale. linee guida. per le azioni di informazione e comunicazione UNIONE EUROPEA linee guida per le azioni di informazione e comunicazione contenuti il marchio ELEMENTI DI BASE I COLORI LA SCALA DI GRIGIO IL BIANCO E NERO IL LETTERING L AREA DI RISPETTO LEGGIBILITÀ E

Dettagli

Partito Socialista Svizzero. Identità grafica del Partito Socialista Svizzero: manuale e modi d uso

Partito Socialista Svizzero. Identità grafica del Partito Socialista Svizzero: manuale e modi d uso Svizzero Identità grafica del Svizzero: manuale e modi d uso Identità grafica del Svizzero: manuale e modi d uso L identità grafica è parte integrante della comunicazione del Svizzero. 6 Impressum Prefazione

Dettagli

Il marchio. Prontuario d uso

Il marchio. Prontuario d uso 2 3 4 5 6 7 8 9 10 13 15 16 Il marchio. Il progetto Colori istituzionali. Identificazione cromatica Versioni in bianco e nero Versione a filetto Utililizzo del marchio a colori su fondi colorati Utililizzo

Dettagli

Manuale di Identificazione standard

Manuale di Identificazione standard Manuale di Identificazione standard Indice 1. Marchio 2. Colori 3. Applicazione su quotidiano 4. Modulistica 5. Insegne e segnaletica 6. Materiali pubblicitari 7. Materiali identificativi 1. Marchio Presentazione

Dettagli

Esempi di applicazione: Introduzione: Presentazione del Marchio: Operatività e declinazioni: INDICE

Esempi di applicazione: Introduzione: Presentazione del Marchio: Operatività e declinazioni: INDICE 1 2 INDICE 01 02 Introduzione: 4 - Cos è un Brand Book 5 - Un brand dai significati particolari 6 - I valori di Itely Hairfashion nel mondo Presentazione del Marchio: 9 - Composizione del Marchio 10 -

Dettagli

Manuale di design marketing TCS per una solida immagine del marchio

Manuale di design marketing TCS per una solida immagine del marchio Manuale di design marketing TCS per una solida immagine del marchio Versione 2.0 04/2012 - Ufficio del marchio Marketing Indice Marketing Introduzione 3 Corporate Design Elementi compositivi 5 Sintesi

Dettagli

MANUALE IMMAGINE COORDINATA

MANUALE IMMAGINE COORDINATA MANUALE IMMAGINE COORDINATA LOGO Il logo rappresenta il primo e più importante veicolo della nuova immagine della Fondazione. Il nuovo logo è costituito da una parte grafica (simbolo bordeaux) e da una

Dettagli

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value dsdas Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value 1 Realizzazione Altravia

Dettagli

Manuale di Identità Visiva. Elementi Base

Manuale di Identità Visiva. Elementi Base Manuale di Identità Visiva Indice 01 Versione colore CMYK pag. 4 02 Versione colore tinte piatte pag. 5 03 Versione colore monocromatica pag. 5 04 Versione colore RGB pag. 6 05 Versione su fondo colorato

Dettagli

BRAND BOOK SANTA TERESA GALLURA

BRAND BOOK SANTA TERESA GALLURA BRAND BOOK Manuale normativo per l uso del marchio e logotipo Santa Teresa Gallura. Corporate identity e modalità d applicazione sui principali strumenti di comunicazione. stiledibologna.com agenzia di

Dettagli

VERSIONE 01_DICEMBRE 2015. Manuale d uso del logotipo ed esempi di applicazioni

VERSIONE 01_DICEMBRE 2015. Manuale d uso del logotipo ed esempi di applicazioni VERSIONE 01_DICEMBRE 2015 Manuale d uso del logotipo ed esempi di applicazioni INDICE 1. Logotipo e colori utilizzabili 3 2. Dimensioni massime e minime 5 3. Area di rispetto 6 4. Logotipo su fondi colorati

Dettagli

GRUPPO LUCEFIN BRAND INTRODUZIONE

GRUPPO LUCEFIN BRAND INTRODUZIONE LIBRO FIRMA GRUPPO LUCEFIN BRAND INTRODUZIONE Il Libro Firma del Gruppo Lucefin rappresenta uno strumento fondamentale per l organizzazione, la comunicazione e il rafforzamento dell Identità Visiva Aziendale.

Dettagli

Gelateria Italiana Marchio di Qualità. Manuale d applicazione

Gelateria Italiana Marchio di Qualità. Manuale d applicazione Gelateria Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione Indice Introduzione 1. 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 1.8 1.9 1.10 1.11 1.12 Marchio ed elementi base Il marchio Progettazione del marchio Il pittogramma

Dettagli

Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013. Insieme c è futuro

Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013. Insieme c è futuro Linee guida per l utilizzo del marchio e degli obblighi informativi dei beneficiari POR FESR MARCHE 2007/2013 Insieme c è futuro LOGO Versione a colori Proporzioni e area di rispetto Codici cromatici Caratteri

Dettagli

Manuale di Corporate Identity L immagine istituzionale di Bellaria Igea Marina

Manuale di Corporate Identity L immagine istituzionale di Bellaria Igea Marina Manuale di Corporate Identity L immagine istituzionale di Bellaria Igea Marina Rimini, Luglio 2007 La Guide Line di Bellaria Igea Marina regola in modo organico e vincolante l uso del marchio e la sua

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 53 DEL 27 NOVEMBRE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 53 DEL 27 NOVEMBRE 2006 REGIONECAMPANIA Giunta Regionale Seduta del 30 ottobre 2006 Deliberazione N. 1740 Area Generale di Coordinamento N. 13 Sviluppo Attività Settore Terziario DGRC n. 1595 del 13/10/2006: Adozione Marchio

Dettagli

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI

Manuale di identità. AZIONE 550 Marchio Consortile CONSORZIO RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento ittico Golfo di Patti AZIONE 550 Marchio Consortile Manuale di identità relativo al marchio consortile del Consorzio ripopolamento

Dettagli

Manuale d uso 2 - Identità visiva. Cancelleria

Manuale d uso 2 - Identità visiva. Cancelleria 1 Manuale d uso 2 - Identità visiva Cancelleria I colori dello stemma ufficiale versione stilizzata 2 Lo stemma ufficiale versione stilizzata di cui all art. 4 del Regolamento n. 3/2012 si presenta in

Dettagli

Corporate identity manual

Corporate identity manual Corporate identity manual Dal punto di vista strettamente operativo l'immagine coordinata è impostata sul marchio e sul logotipo dell'azienda e si sviluppa e si declina su tutte le applicazioni funzionali,

Dettagli

LOGO ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA

LOGO ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA LOGO ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA GUIDELINES Regole principali Colori Pantone 1797 C Pantone 7741 C Pantone Black 3 C C 15 - M 100 - Y 90 - K 10 C 75 - M 25 - Y 100 - K 0 C 11 - M 0 - Y 15 - K 82 R 162

Dettagli

Manuale sull applicazione del marchio CORPORATE IDENTITY

Manuale sull applicazione del marchio CORPORATE IDENTITY Manuale sull applicazione del marchio CORPORATE IDENTITY Manuale Introduzione 1 _ Marcazione Il marchio positivo a colori - CMYK e Pantone Il marchio negativo a colori Il marchio BN - positivo Il marchio

Dettagli

MANUALE D IDENTITÀ VISIVA

MANUALE D IDENTITÀ VISIVA MANUALE D IDENTITÀ VISIVA Parte I - Gli elementi figurativi della Federazione Motociclistica Italiana Gli elementi di base Gli elementi di base Marchio e logotipo FMI Il segno distintivo della Federazione

Dettagli

D Orsi Palmisano. Brand book. Martedì 17 gennaio 2012. www.dorsipalmisano.com

D Orsi Palmisano. Brand book. Martedì 17 gennaio 2012. www.dorsipalmisano.com Martedì 17 gennaio 2012 D Orsi Palmisano Brand book Tavola 2 Marchio Concept Intervista a Piergiorgio Odifreddi. In questo simbolo mi sembra che ci siano piú punte del necessario! Mi ricorda una configurazione

Dettagli

CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE Un valore da comunicare

CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE Un valore da comunicare BUSINESS ASSURANCE CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE Un valore da comunicare Manuale d uso Giugno 2014 SAFER, SMARTER, GREENER Certiicazione Sistema di Gestione - Manuale d uso 2 1.0 COMUNICARE LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

Manuale di identità. relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani

Manuale di identità. relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani Manuale di identità relativo al marchio Territoriale della Provincia di Trapani Introduzione Il marchio territoriale della provincia di Trapani è la componente caratterizzante di tutta la sua comunicazione.

Dettagli

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI MARCHIO E SUE VARIANTI SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI PAG. 2 MARCHIO ORIZZONTALE COMPLETO Il marchio ufficiale

Dettagli

MANUALE IMMAGINE COORDINATA

MANUALE IMMAGINE COORDINATA MANUALE IMMAGINE COORDINATA PREMESSA Per il restyling del logo della Fondazione si è voluto percorrere strade diverse dal neurone attuale, sviluppando una proposta grafica incentrata sulle iniziali della

Dettagli

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO. Fondo Sociale Europeo. Investiamo sul nostro futuro

LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO. Fondo Sociale Europeo. Investiamo sul nostro futuro LINEA GRAFICA PO FSE BASILICATA 2007/2013 MANUALE D USO Fondo Sociale Europeo Investiamo sul nostro futuro Pubblicazione realizzata a cura della Regione Basilicata Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura

Dettagli

I CAMMINI DELLA REGINA PERCORSI TRANSFRONTALIERI LEGATI ALLA VIA REGINA

I CAMMINI DELLA REGINA PERCORSI TRANSFRONTALIERI LEGATI ALLA VIA REGINA WP6 LINEE GUIDA MANUALE D IDENTITÀ VISIVA PERCORSI TRANSFRONTALIERI LEGATI ALLA VIA REGINA Questo manuale nasce per determinare le linee guida di utilizzo del marchio, dell immagine coordinata e della

Dettagli

Manuale del Corporate Design TCS per una solida immagine del marchio

Manuale del Corporate Design TCS per una solida immagine del marchio Manuale del Corporate Design TCS per una solida immagine del marchio Versione 2.0 04/2012 - Ufficio del marchio Indice Corporate Design Introduzione 4 Valori del marchio 5 Principi compositivi 6 Elementi

Dettagli

Marcature. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma

Marcature. Giugno 2007. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Marcature Giugno 2007 Stendardo A Dimensioni: min. 350x1400 mm. Asta: acciaio satinato. Fondo: stampa digitale bifacciale su banner in PVC strutturale. Colore rosso rif. PMS 202 EC (versione A) o bianco

Dettagli

SLOT VINCI SOLO QUANDO SMETTI

SLOT VINCI SOLO QUANDO SMETTI manuale d uso del logo O SLOT VINCI SOLO QUANDO SMETTI INTRODUZIONE La Lombardia è tra le regioni italiane con la maggior spesa assoluta per il gioco: numerose persone hanno manifestato problemi legati

Dettagli

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI.

MANUALE PER L UTILIZZO DEI LOGHI. PER L UTILIZZO DEI LOGHI. 2 MANUALE Indice Dimensioni reali e Proporzioni......................................................... 5 Colori...........................................................................

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA Il presente documento è finalizzato a regolamentare l utilizzo del logotipo e l immagine coordinata della Compagna straordinaria di formazione

Dettagli

Manuale di immagine coordinata

Manuale di immagine coordinata Manuale di immagine coordinata LOGO A LOGO A COLORI B LOGO IN BIANCO E NERO C LOGO IN NEGATIVO UTILIZZO NON CORRETTO DEL LOGO Non spostare i singoli elementi: non cambiare i colori: Non deformare le proporzioni:

Dettagli

Manuale Comunicazione CAT. Linee guida per una corretta comunicazione aziendale dei Centri di Assistenza Tecnica Autorizzati

Manuale Comunicazione CAT. Linee guida per una corretta comunicazione aziendale dei Centri di Assistenza Tecnica Autorizzati Manuale Comunicazione CAT Linee guida per una corretta comunicazione aziendale dei Centri di Assistenza Tecnica Autorizzati La comunicazione fa la forza Hermann Saunier Duval è ormai riconosciuto dal

Dettagli

Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni. BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica

Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni. BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica Soluzioni Integrate e Supporto alle Decisioni BRAND BOOK Sistema di identità visiva Manuale di applicazione grafica introduzionex xil presente documento vuole porsi come strumento di articolazione e

Dettagli

Linee guida. per il corretto utilizzo della grafica coordinata di Paresa SpA

Linee guida. per il corretto utilizzo della grafica coordinata di Paresa SpA Linee guida per il corretto utilizzo della grafica coordinata di Paresa SpA Introduzione Il presente documento costituisce la sintesi di un lungo e complesso lavoro di ideazione della nuova grafica coordinata

Dettagli

SIFA. S. I. F. A. Spa

SIFA. S. I. F. A. Spa SIFA S. I. F. A. Spa S.I.F.A. spa Il marchio Le applicazioni principali Gli elementi di base La cancelleria 9a.01 La costruzione geometrica del simbolo 9b.01 La carta intestata - il primo foglio 9a.02

Dettagli

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida MANUALE GUIDA DI IDENTITÀ VISIVA L autorevolezza di un ente pubblico come di un azienda passa attraverso l autorevolezza del marchio. Utilizzare ogni volta

Dettagli

Logo Gruppi del cuore Istruzioni per l uso

Logo Gruppi del cuore Istruzioni per l uso Logo Gruppi del cuore Istruzioni per l uso Le istruzioni per l uso del logo dei gruppi del cuore contengono informazioni e spiegazioni per utilizzarlo in pratica. Definiscono le proporzioni tra immagine

Dettagli

Manuale d uso del marchio turistico della città di Roma

Manuale d uso del marchio turistico della città di Roma Manuale d uso del marchio turistico della città di Roma Sommario INTRODUZIONE 5 Composizione del marchio 7 Colori istituzionali 8 Versione monocromatica positiva e negativa 9 Utilizzo del marchio, uso

Dettagli

Version 1.0. Corporate Design 2014. valido dal 01/11/2014. Molto più che semplici pompe

Version 1.0. Corporate Design 2014. valido dal 01/11/2014. Molto più che semplici pompe Version 1.0 Corporate Design 2014 valido dal 01/11/2014 - 2 - Indice 1. Generalità 1.1 Il logo 3 1.2 La sigla 3 1.3 Lo slogan 4 1.4 Logo e colori 5 1.5 Impostazione logo 7 1.6 Colori 8 1.7 Caratteri 9

Dettagli

Manuale Identità Visiva

Manuale Identità Visiva Manuale Identità Visiva Versione 1.0 Aggiornamento Giugno 2011 Re-styling e Manuale identità a cura di Melone design e Daniele Latini Giugno 2011 SOMMARIO 1. MANUALE IDENTITÀ VISIVA 1.1 L importanza del

Dettagli

Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione. Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione

Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione. Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Manuale d applicazione Ospitalità Italiana Marchio di Qualità Indice 1.1 Il Marchio 1.2. Il segno 1.3. Colori istituzionali 1.4. Il naming 1.5. Il marchio a un colore 1.6. Il marchio a un colore su fondo nero 1.7. Il marchio

Dettagli

INDICE. IL MARCHIO pg. 8. ELEMENTI DI BASE pg. 9. AREA DI RISPETTO pg. 11. COLORI E FONT pg. 14. VERSIONI IN POSITIVO - NEGATIVO pg.

INDICE. IL MARCHIO pg. 8. ELEMENTI DI BASE pg. 9. AREA DI RISPETTO pg. 11. COLORI E FONT pg. 14. VERSIONI IN POSITIVO - NEGATIVO pg. GUIDELINES Essenziale e forte, moderna e innovativa pur con un chiaro rimando alle origini, la nuova immagine di Regione Lombardia esprime l identità dell istituzione. Rimane fedele alla tradizione senza

Dettagli

Centro Polifunzionale Comune di Pinzolo. Sviluppo immagine coordinata

Centro Polifunzionale Comune di Pinzolo. Sviluppo immagine coordinata Centro Polifunzionale Comune di Pinzolo Sviluppo immagine coordinata Centro Polifunzionale Comune di Pinzolo NAMING e immagine DA CENTRO POLIFUNZIONALE A SPAZIO CONTEMPORANEO Il nome con cui è stato definito

Dettagli

F. Insegne e segnaletica

F. Insegne e segnaletica F. Insegne e segnaletica Indice Premessa 01 Targa esterna 02 Targa esterna per centro storico 03 Reception 04 Targa reception 05 Segnaletica variabile a led luminosi 06 Sinottico generale 07 Sinottico

Dettagli

B. Stampati per corrispondenza

B. Stampati per corrispondenza B. Stampati per corrispondenza Indice Premessa Linea operativa 01 Carta intestata Camere di Commercio 02 Carta intestata con specifica 03 Carta intestata Unioni Regionali 04 Carta intestata Aziende Speciali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Manuale di Identità Visiva, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Perchè un manuale di Identità Visiva e a che cosa serve Ciascuno di noi contribuisce all immagine dell Università e beneficia

Dettagli

Manuale d uso operativo per l applicazione dell immagine coordinata. Premessa

Manuale d uso operativo per l applicazione dell immagine coordinata. Premessa MANUALE D USO Manuale d uso operativo per l applicazione dell immagine coordinata Premessa È vasta la gamma degli interventi che vedono la Fondazione Crup impegnata nei settori di pubblico interesse ed

Dettagli

Web. Francesco Bellon designer. +39 347 49 21 666 fb@fbellon.com. www.fbellon.com

Web. Francesco Bellon designer. +39 347 49 21 666 fb@fbellon.com. www.fbellon.com Web Francesco designer Dipartimento della Protezione Civile (2005) Progettazione sito (Analisi, ricerca, albero, test usabilità, layout) tavola di 49 Home Page Menu 1 Contenuti Menù 4 Stampa Menù 3 Utility

Dettagli

Indice. Web Identity. Introduzione

Indice. Web Identity. Introduzione Manuale di 2007 Indice 1 2 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7 2.8 3 3.1 3.2 3.3 4 4.1 4.2 5 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 5.6 5.7 6 6.1 6.2 6.3 6.4 6.5 7 7.1 7.2 7.3 7.4 7.5 7.6 8 8.1 8.2 8.3 8.4 8.5 8.6 Introduzione Marchio

Dettagli

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Premessa Negli ultimi anni - soprattutto sul web- si è assistito a una proliferazione di svariate versioni del sigillo dell Università degli Studi di Catania,

Dettagli

Corporate Design Manual Hotel Granbaita. www.hotelgranbaita.com/corporate versione agosto 2012. Gardena.Net

Corporate Design Manual Hotel Granbaita. www.hotelgranbaita.com/corporate versione agosto 2012. Gardena.Net Corporate Design Manual Hotel Granbaita www.hotelgranbaita.com/corporate versione agosto 2012 Gardena.Net Introduzione Il Corporate Design è la guida che descrive e caratterizza lo stile di un attività

Dettagli

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia

Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia Manuale d uso del marchio Agriturismo Italia manuale d uso per le istituzioni versione 3.1 2 3 Copyright 2013 Ministero delle politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1.0

Dettagli

Manuale d uso del marchio

Manuale d uso del marchio Manuale d uso del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva Copyright 2013 COMITATO REGIONALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DELL UNIONE NAZIONALE DELLE PRO LOCO D ITALIA Villa Manin di Passariano

Dettagli

manuale di identità visiva - graphic portfolio

manuale di identità visiva - graphic portfolio manuale di identità visiva - graphic portfolio PRISCA PILOT PROJECT EU-LIFE + Environment Policy and Governance LIFE/11/ENV/000277 PRISCA (PILOT PROJECT FOR SCALE RE-USE STARTING FROM BULKY WASTE STREAM)

Dettagli

acca manuale d Uso del logotipo

acca manuale d Uso del logotipo acca manuale d Uso del logotipo indice 1. il logo 1.1 costruzione 1.2 font 2.4. brand 3. colore 3.1. definizione 3.2. monocromia 3.3. monocromia - negativo 3.4. palette colori 3.5. utilizzo 4. utilizzo

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia. Michele Lipreri - Grafica G3A

Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia. Michele Lipreri - Grafica G3A Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia Michele Lipreri - Grafica G3A Brand Identity InsideJob è un progetto che avrà durata tre anni ed affronterà temi ed argomenti precisi: l alimentazione, l

Dettagli

Regolamento e Manuale d uso del marchio Terre di Siena delle sue declinazioni e dell immagine coordinata

Regolamento e Manuale d uso del marchio Terre di Siena delle sue declinazioni e dell immagine coordinata Regolamento e Manuale d uso del marchio delle sue declinazioni e dell immagine coordinata Regole di utilizzo del marchio/logo 1. Il Marchio/Logo logo Il marchio/logo nella sua versione positiva colore

Dettagli

Manuale d uso del Marchio FMMF IL LEGNO

Manuale d uso del Marchio FMMF IL LEGNO 1 Manuale d uso del Marchio FMMF IL LEGNO Marchio e Logo prodotti FMMF il Legno Quando si parla di immagine coordinata si fa riferimento alla comunicazione visiva. L immagine coordinata ha come oggetto

Dettagli

Manuale d uso. allegato b.9

Manuale d uso. allegato b.9 allegato b.9 Manuale d uso. 1. Sintesi elementi base. 1.1 marchio. 1.2 logotipo. 1.3 marchio + logotipo. 1.4 Sintesi elementi base: marchio + logotipo, valorizzazione 3D a colori e in scala di grigi. 2.

Dettagli

Guida redazionale del logo 2015

Guida redazionale del logo 2015 Guida redazionale del logo 2015 IT Foto: David Lliff Gruppo del PPE al Parlamento europeo Rue Wiertz 60 1047 Bruxelles Belgio Editor Indice Introduzione...2 Coerenza grafica...2 Un identità unica...3 Un

Dettagli

ALLEGATO 1 - CAPITOLATO TECNICO per la fornitura e posa in opera di segnaletica di indirizzo e informazione visiva per il Blocco Nord

ALLEGATO 1 - CAPITOLATO TECNICO per la fornitura e posa in opera di segnaletica di indirizzo e informazione visiva per il Blocco Nord ALLEGATO 1 - CAPITOLATO TECNICO per la fornitura e posa in opera di segnaletica di indirizzo e informazione visiva per il Blocco Nord 1 INDICE 1. TIPOLOGIE DI STRUTTURA RICHIESTE... 3 2. ELEMENTI IMMODIFICABILI

Dettagli

Guideline per l utilizzo del logo alcotra. Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera

Guideline per l utilizzo del logo alcotra. Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera Guideline per l utilizzo del logo alcotra Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera 1.1 Costruzione del logo Le proporzioni del logo sono calcolate in base all unità di misura ricavata

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria MANUALE DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Elementi di base del Marchio-Logo istituzionale dell ARPACAL (Agenzia Regionale

Dettagli

IL MARCHIO manuale d uso. immagine coordinata

IL MARCHIO manuale d uso. immagine coordinata IL MARCHIO manuale d uso immagine coordinata indice 1.0 premessa 3 1.1 il marchio 4 1.2 i colori istituzionali del marchio 5 1.3 il marchio a colori 6 1.4 il marchio al tratto 7 1.5 il marchio in scala

Dettagli

MANUALE DI STILE 2013

MANUALE DI STILE 2013 MANUALE DI STILE 2013 Indice 01. LOGO 01.01 - Descrizione - Stemma - Elemento testuale - Costruttivo - Colori utilizzati 01.03 - Declinazioni - Logo OUTLINE versione positiva - Logo OUTLINE versione negativa

Dettagli

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni

F EDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA. Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Manuale d uso del logo e delle sue applicazioni Linee Guida della Corporate Identity Federazione Italiana di Atletica Leggera - aprile 2011 Indice Premessa Nome e acronimo

Dettagli

UTILITÀ. Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio

UTILITÀ. Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio UTILITÀ Sistema di identità visiva Regole generali per la riproduzione del marchio Il marchio di Utilità è rappresentato da un elemento grafico che richiama all appartenenza al mondo Compagnia delle Opere

Dettagli

Manuale di segnaletica TCS per una solida immagine del marchio

Manuale di segnaletica TCS per una solida immagine del marchio Manuale di segnaletica TCS per una solida immagine del marchio Versione 2.0 04/2012 - Ufficio del marchio Segnaletica Indice Segnaletica Introduzione 3 Corporate Design Elementi compositivi 5 Sintesi delle

Dettagli

Manuale di utilizzo del logotipo

Manuale di utilizzo del logotipo Manuale di utilizzo del logotipo INDICE 3 Premessa 4 Logotipo 5 Area di rispetto 6 Colore 7 Versione in positivo bianco/nero 8 Versione in negativo bianco/nero 9 Utilizzo su fondi colore 10 Utilizzo su

Dettagli

1000 volontari all esercitazione di Monza-Brianza del 20 e 21 settembre 800-061160. volontariato di protezione civile 31 OTTOBRE 08 scade il bando

1000 volontari all esercitazione di Monza-Brianza del 20 e 21 settembre 800-061160. volontariato di protezione civile 31 OTTOBRE 08 scade il bando volontariato di protezione civile 31 OTTOBRE 08 scade il bando finanziamenti per RegioneLombardia Bimestrale della Direzione civile, Prevenzione e Polizia locale della Regione Lombardia Anno 10 Settembre/Ottobre

Dettagli

LOREM IPSUM ES OBIETTIVI

LOREM IPSUM ES OBIETTIVI LOREM IPSUM ES OBIETTIVI Vulluptate modolore elit alit ip eugue con vercilit ate dipit alit, commy nullandio core miniate conum quam, corerciduisl eum num ip enibh er ilisi ercing exero dio consenisl ulla

Dettagli

PERITI INDUSTRIALI LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DEL MARCHIO

PERITI INDUSTRIALI LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DEL MARCHIO PERITI INDUSTRIALI LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DEL MARCHIO LA FILOSOFIA DEL SIMBOLO La zona circolare rappresenta la comunità dei periti industriali. Il segno all interno del cerchio raffigura le qualità

Dettagli

Linea dirigenziale 06 Biglietto da visita

Linea dirigenziale 06 Biglietto da visita D. Stampati di presentazione Indice Premessa Linea operativa 01 Biglietto da visita 02 Copertina Power Point ed esempio di slide con testo e grafico 03 Esempio di slide solo testo e testo e immagini 04

Dettagli

IL FORMAT. UTILIZZO DELLA FASCIA NELLE CAMPAGNE ABOVE THE LINE

IL FORMAT. UTILIZZO DELLA FASCIA NELLE CAMPAGNE ABOVE THE LINE IL FORMAT. UTILIZZO DELLA FASCIA NELLE CAMPAGNE ABOVE THE LINE 02 03 Con il suo tono esortativo, il nuovo pay-off invita il tessuto sociale a unirsi alle istituzioni verso nuovi traguardi di crescita per

Dettagli

indice a cosa serve il brand book MARCHIO

indice a cosa serve il brand book MARCHIO 2 Il Brand Book ha il fine ultimo di essere un valido strumento per tutti coloro che sono chiamati, a vario titolo, ad operare con l immagine dell azienda, dando indicazioni e soluzioni sulle principali

Dettagli

Manuale per il corretto uso del nuovo logotipo FIAB. Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS

Manuale per il corretto uso del nuovo logotipo FIAB. Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS Manuale per il corretto uso del nuovo logotipo FIAB Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS giugno 2014 Federazione Italiana Amici della Bicicletta ONLUS Nell aprile di quest anno, a Roma, il

Dettagli