Bambini e famiglie di altre culture: rappresentazioni e pratiche educative nei servizi dell infanzia. Giuseppina Messetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bambini e famiglie di altre culture: rappresentazioni e pratiche educative nei servizi dell infanzia. Giuseppina Messetti"

Transcript

1 Bambini e famiglie di altre culture: rappresentazioni e pratiche educative nei servizi dell infanzia Abstract Giuseppina Messetti La comunicazione presenta i risultati di una ricerca qualitativa avente lo scopo di esplorare le rappresentazioni e indagare le pratiche educative di insegnanti di Nido e Scuola d infanzia in merito alla presenza di bambini (e famiglie) di altre culture nel proprio gruppo classe. La ricerca si colloca al confine tra la riflessione pedagogica sull infanzia e i servizi ad essa dedicati (Musatti, 1992; Pontecorvo,1992; Mantovani, 2003), gli studi di educazione interculturale (Nigris,1996; Demetrio, Favaro 1997; Cambi, 2001; Portera, 2003; Bove, Mantovani, 2006; Favaro, Mantovani, Musatti, 2006; Mantovani, 2007); e il più recente filone di indagine sull analisi delle pratiche educative e didattiche (Altet, 2003, 2006; Laneve, 2005; Damiano, 2006; Mortari, 2010; Day, Laneve, 2011). I risultati della ricerca evidenziano una realtà articolata e complessa, individuano nei partecipanti istanze formative di tipo interculturale e, dal punto di vista metodologico, mette in luce la rilevanza di un approccio di indagine misto (Mixed Methods). Nella prospettiva dello sviluppo delle competenze interculturali, dalla ricerca emerge quanto sia fondamentale promuovere negli insegnanti la consapevolezza delle proprie rappresentazioni, precomprensioni, credenze, vissuti soggettivi, in una parola delle dimensioni implicite dell azione educativa, che tacitamente permeano e improntano le pratiche didattiche e gli stili relazionali. In this presentation I report on a qualitative research whose goals were to investigate: (a) preschool and nursery school teachers representations of the presence of children and families from other cultures in their class groups; (b) the educational practices that these teachers employ to foster learning of the Italian language and to nurture the culture and native language of the pupils. The research involved 115 teachers in an Italian region (Veneto) with a high percentage of foreign residents (one of the highest in the country). The teachers were participating in the training project Reading to grow Interculture funded by GlaxoSmithKline in collaboration with theveneto Regional Observatory on New Generations and Families. The research is situated at the boundary between educational reflection on childhood and childhood services (Musatti, 1992; Pontecorvo,1992; Mantovani, 2003), studies of intercultural education (Nigris,1996; Demetrio, Favaro 1997; Cambi, 2001; Portera, 2003; Bove, Mantovani, 2006; Favaro, Mantovani, Musatti, 2006; Mantovani, 2007) and the more recent strand of inquiry analysing educational and instructional practices (Altet, 2003, 2006; Laneve, 2005; Damiano, 2006; Mortari, 2010; Day, Laneve, 2011). The results reveal an articulated and complex reality, identify intercultural training needs in the participants and, on the methodological level, highlight the relevance of a mixed methods approach. From the point of view of the development of intercultural competencies, the results suggest that it is essential to foster teachers awareness of their own representations, pre-understandings, beliefs and subjective experiences; in one word, of all those implicit aspects of educational action that tacitly permeate and shape instructional practices and relational styles. 1. Introduzione Il problema che la ricerca indaga sorge in un preciso contesto, quello di un percorso di formazione rivolto ad educatori operanti nei servizi prescolastici del Veneto 1. Il Veneto si colloca ai primi posti tra le regioni italiane per incidenza di residenti stranieri. L immigrazione straniera è diventata rilevante nell ultimo decennio e in particolare a partire dal 2002, anno della grande regolarizzazione. Da allora gli stranieri regolarmente residenti sono più che triplicati, con un progressivo aumento dell incidenza percentuale sul 1 Il progetto Leggere per crescere Intercultura finanziato e organizzato da GlaxoSmithKline in collaborazione con l Osservatorio Regionale Nuove generazioni e famiglia.

2 totale della popolazione che passa dal 3,4% nel 2001, al 6,8% nel 2006, il 10,7% nel A seguito dei processi di stabilizzazione delle famiglie migranti, i bambini stranieri che frequentano i servizi prescolastici sono in larga maggioranza nati in Italia come attestano gli ultimi Rapporti del MIUR che registrano il dato delle presenze nella scuola dell infanzia. Come stanno vivendo il fenomeno migratorio le educatrici e le insegnanti in queste realtà territoriali, dove i nidi e le scuola dell infanzia accolgono un numero sempre crescente di bambini di altre culture? Abbiamo ritenuto che indagare i loro pensieri avesse una duplice utilità: ai fini della ricerca educativa l allargamento dello sguardo su un settore, quello dei servizi prescolastici, ancora poco esplorato, permette di conoscere il punto di vista di chi in essi opera, soggetti raramente coinvolti in ricerche di questo tipo. 1. Domande di ricerca Comprendere il punto di vista delle insegnanti riguardo alla presenza di bambini di altre culture nel proprio gruppo-classe Conoscere gli aspetti di difficoltà che le insegnanti incontrano nel rapportarsi con le famiglie di altre culture Rilevare la percezione che le insegnanti hanno dei problemi che incontrano i genitori di altre culture nel rapportarsi con le istituzioni educative italiane Esplorare le opinioni e le pratiche in merito al riconoscimento e alla valorizzazione della lingua d origine dei bambini di altre culture In Italia, mentre sono note alcune ricerche sulle rappresentazioni che gli insegnanti di scuola primaria e secondaria hanno degli studenti di cittadinanza non italiana (Bettinelli G., Demetrio D., 1992; Ciccardi F., 1994; Ministero della Pubblica Istruzione, 2001; Selleri P., 2005; Kanitzsa, 2007), sono ancora pochi gli studi nel settore prescolastico dei servizi all infanzia. 2. Partecipanti Hanno preso parte alla ricerca 115 soggetti: 53 educatrici di Nido e 62 insegnanti di Scuola d infanzia che hanno aderito al Progetto di formazione Leggere per crescere Intercultura. Il progetto ha coinvolto i servizi educativi di otto Comuni del Veneto, individuati tra i più significativi per l elevata presenza di residenti stranieri. 3. Inquadramento teorico La ricerca si colloca al confine tra la riflessione pedagogica sull infanzia e i servizi ad essa dedicati (Musatti, 1992; Pontecorvo,1992; Mantovani, 2003), gli studi di educazione interculturale (Nigris,1996; Demetrio, Favaro 1997; Cambi, 2001; Portera, 2003; Bove, Mantovani, 2006; Favaro, Mantovani, Musatti, 2006; Mantovani, 2007) e il più recente filone di indagine sull analisi delle pratiche educative e didattiche (Altet, 2003, 2006; Laneve, 2005; Damiano, 2006; Mortari, 2010; Day, Laneve, 2011). In particolare, all interno di quest ultimo ambito, alcuni studi fanno della dimensione implicita della didattica e del pensiero quotidiano dell insegnante un fertile terreno di esplorazione empirica (Stadler M.A., Frensch P. A., 1998; Perla, 2010). Secondo questa prospettiva, occuparsi dell agire educativo significa guardare oltre la dimensione esplicita della pratica, per esplorare quelle dimensioni nascoste (rappresentazioni, precomprensioni, credenze, percezioni soggettive) che tacitamente permeano e guidano le attività didattiche e gli stili relazionali degli educatori, talvolta in contrasto con le convinzionie e gli obiettivi dichiarati. Dunque l analisi del come ci si rappresentano i bambini e le famiglie di altre culture è parte integrante di una pedagogia inteculturale intesa come riflesssione critica e prospettiva empirica rispetto alla pratica educativa (Bove, Mantovani, 2006). 4. Metodologia 2 Osservatorio Regionale sull Immigrazione (2011). Immigrazione straniera in Veneto: rapporto Venezia: Regione del Veneto.

3 La ricerca, di tipo qualitativo, si muove nella prospettiva fenomenologica che non prevede la formulazione di ipotesi ma, a partire dall individuazione di un area di indagine, una progressiva focalizzazione delle domande di ricerca. Si è optato per un metodo misto (mixed method) utilizzando due strumenti secondo un impianto metodologico ad imbuto". Nella prima fase esplorativa, è stato interpellato con un questionariointervista, un numero consistente di persone: l intero gruppo delle partecipanti al Progetto di formazione. La garanzia di anonimato dello strumento e la formulazione delle domande-stimolo hanno inteso salvaguardare ampia libertà e apertura nelle risposte. Nella seconda fase si è proceduto con interviste a bassa strutturazione allo scopo di approfondire temi e questioni emersi dall analisi dei dati acquisiti nella prima fase. Sulla base della disponibilità delle partecipanti e di criteri di rappresentatività state effettuate le interviste, fino alla saturazione dei dati. Si è prestata particolare attenzione alla fase della raccolta dei dati e successivamente alla loro analisi quantitativa e qualitativa.il processo di codifica ha tenuto conto delle indicazioni derivanti dalla grounded theory (B. Glaser e A. Strauss, 1967): attraverso il processo di open coding si è pervenuti all identificazione delle categorie, che secondo questo orientamento di ricerca non vengono stabilite a priori, ma emergono dai dati raccolti. Due ricercatori, separatamente, hanno proceduto ad una provvisoria concettualizzazione dei testi discorsivi integralmente trascritti, attraverso una loro catalogazione in etichette. Il successivo confronto ha permesso una verifica incrociata e l accordo sulle unità di significato emerse. Successivamente, le unità di significato (etichette) sono state raggruppate in ambiti specifici e sono state così identificate le categorie. Ad un secondo livello le categorie sono state successivamente ordinate in macro-categorie. 5. Analisi dei dati Nelle classi in cui operano le partecipanti alla ricerca, l incidenza di alunni figli di genitori stranieri, nati in larga maggioranza in Italia, si attesta su valori piuttosto elevati, attorno al 25 %. Per quanto riguarda le aree geografiche di provenienza prevalgono i Paesi africani (Nord Africa 25%, Centro Africa 12%), seguono i Paesi dell Est Europeo (31%), la Cina (15%), quindi con percentuali sotto la soglia del 10% i Paesi del Subcontinente indiano (9%), del Sud America (5%) La percezione-rappresentazione dei bambini di altre culture L analisi delle unità di significato relative alla prima domanda: Sulla base della sua esperienza, che cosa comporta la presenza di bambini di altre culture nel gruppo classe/sezione? ha portato all identificazione di dodici categorie, dall esame delle quali è scaturito un successivo livello di strutturazione dei dati. Risaltava con evidenza, infatti, il punto di vista adottato dalle educatrici ed insegnanti nel rispondere alla sollecitazione. Tale punto di vista era prevalentemente quello dell insegnante, rispetto a quello dei diversi attori (bambini e genitori) presenti sulla scena educativa. All interno delle cinque categorie riguardanti l assunzione del punto di vista dell insegnante, una soltanto si connota positivamente ( stimolo per l insegnante ), le altre quattro segnalano ambiti nei quali, la presenza nella propria sezione di bambini di altre culture, viene percepita come problematica. La tabella n.1 illustra le categorie emerse e i diversi punti di vista adottati nelle risposte. Dal punto di vista dell educatrice o insegnante 1. Stimolo per l'insegnante 2. Difficoltà per l insegnante: maggiore impegno sul piano didattico 3. Difficoltà per l insegnante nella comunicazione verbale con i bambini di altre culture 4. Difficoltà per l insegnante nella relazione con i genitori di altre culture 5. Difficoltà per l insegnante nella relazione con i bambini di 3 La percentuale residua è relativa ad altri Paesi non raggruppabili (3%).

4 altre culture Dal punto di vista dei bambini 1. Opportunità per i bambini: confronto con la diversità 2. Difficoltà per i bambini di altre culture Dal punto di vista dei genitori 1. Arricchimento reciproco per le famiglie 2. Difficoltà per i genitori Non specificato 1. Arricchimento reciproco 2. A volte ostacolo, a volte arricchimento 3. Nessun problema L analisi quantitativa delle unità di significato (etichette) evidenzia una prevalenza, se pur minima, della percezione di difficoltà (44%) rispetto a quella di arricchimento (42%), cui fa seguito una posizione ambivalente ostacolo e arricchimento (10,5%) ed infine una neutrale nessun problema (3,5%). Si potrebbe sintetizzare con un immagine questa percezione dei bambini di altre culture: quella di un soggetto metà risorsa e metà problema. Si tratta di una rappresentazione che non si discosta molto da quella rilevata nei contesti della scuola primaria e secondaria, di cui hanno dato conto alcune ricerche condotte negli scorsi anni (Bettinelli G., Demetrio D., 1992; Ciccardi F., 1994; MIUR, 2001; Selleri P., 2005). In questi ordini scolastici l alunno straniero - soprattutto se di recente immigrazione - può essere considerato problematico e suscitatore di ulteriori problemi sia per l insegnante, che si sente chiamato ad un ulteriore sforzo e impegno senza magari avere la preparazione necessaria, sia per la classe nel suo complesso, nel senso che può far perdere tempo e rallentare il programma (Kanitzsa, 2007). Di segno opposto la rappresentazione dei bambini stranieri come ambasciatori di culture diverse, testimoni viventi di altri mondi, usi, costumi e tradizioni. Bambino problema Nella nostra indagine le maggiori difficoltà rilevate sono a carico delle insegnanti che segnalano un aumento del carico di lavoro sul piano didattico e ostacoli a livello di comunicazione linguistica con i bambini, in modo particolare in relazione ad alcune culture di provenienza (quella cinese) e alla fase iniziale del loro inserimento. L elevato numero di bambini per classe, la scarsità di risorse umane a disposizione (mediatori e ore aggiuntive per le insegnanti) sono le ragioni determinanti la situazione problematica. Bambino risorsa Gli aspetti positivi che emergono maggiormente sono l arricchimento tra pari derivante dall incontro di culture ed etnie diverse. In più di una affermazione la diversità appare associata a paure da superare, sia da parte dei bambini che dei loro genitori ed è piuttosto forte l idea che l affrontare fin da piccolissimi la diversità sia per i bambini un grosso vantaggio per la loro crescita personale. I dati provenienti dalle interviste mettono in luce aspetti differenti e decisamente più positivi. I bambini provenienti da altre culture richiedono alle insegnanti una diversa articolazione del fare scuola: disponibilità, attenzione e apertura verso stili educativi altri, capacità di mettersi in gioco, in relazione. Sollecitano una crescita dal punto di vista professionale (e personale) attraverso un ripensamento delle pratiche, degli stili relazionali, del proprio modo di porsi di fronte a ciò che è sconosciuto e diverso. Nella pratica educativa la diversità porta a rompere schemi rigidi e consolidati, a cercare nuove strategie e soluzioni. Un operatrice afferma che è la condizione più favorevole per misurare veramente il passo su bambine e bambini reali nella progettazione delle attività. Infatti, ogni bambino ha caratteristiche e problematiche diverse, alle quali ogni insegnante dovrebbe porre particolare attenzione. Altre considerazioni mettono in evidenza come la valorizzazione delle differenze sia una pratica trasversale che avvantaggia tutti i bambini: tutto cambia in classe quando c è un bambino di altra cultura. Sono i bambini di altre culture che pongono prepotentemente il problema dei limiti di una scuola che fa della parola l asse portante di tutte le attività. Il codice linguistico non è che uno dei cento linguaggi dei bambini, per cui la necessità di diversificare le proposte didattiche e i registri comunicativi conduce a risultati positivi per tutti i bambini. L indagine ha consentito di focalizzare ulteriori questioni a proposito dell integrazione. A fronte di un idea piuttosto diffusa di una facile e spontanea integrazione tra pari, alcune interviste mettono in evidenza il ruolo

5 centrale che in essa svolgono i condizionamenti pregiudiziali degli adulti (insegnanti e familiari). L arricchimento reciproco è possibile solo là dove c è azione consapevole e intenzionale dell insegnante: la qualità positiva o negativa della diversità dipende sempre dall adulto che gestisce il gruppo, dal modo in cui egli sente e vive il rapportocon il diverso da sé, con l altro, in una parola dipende dalle sue competenze interculturali. Vigilare su questi aspetti attraverso la consapevolezza di sé e delle proprie precomprensioni è conditio sine qua non perché la scuola diventi davvero un laboratorio privilegiato dell integrazione, altrimenti essa non fa che riprodurre gli stereotipi culturali esistenti che incasellano l altro in una semplificata e anonima diversità. 5.2 Il rapporto con le famiglie di altre culture Nei servizi educativi dell infanzia il rapporto con le famiglie riveste un importanza fondamentale. Non è mai un gesto facile e indolore affidare il proprio piccolo alle cure di chi ci è estraneo, così come non è facile accoglierlo e averne cura quando mancano le parole per allacciare mondi lontani. I dati quantitativi evidenziano che la maggiore difficoltà che le educatrici e insegnanti incontrano nel rapporto con le famiglie riguarda la comunicazione linguistica che raccoglie il 75% delle unità di significato relative a questa domanda. Solo come seconda risposta vengono nominate problematiche connesse a fattori legati alle differenze culturali 4. Il problema principale è la lingua, i genitori non capiscono quello che noi diciamo loro. L analisi qualitativa restituisce a questo proposito l immagine di un servizio educativo che tende prevalentemente a dire piuttosto che ad ascoltare. Così il problema diffusamente lamentato della scarsa partecipazione dei genitori stranieri alla vita scolastica, mette in luce l imporsi di una particolare concezione della scuola, ripiegata su se stessa e poco aperta alle differenze culturali. Dalle interviste emerge una maggiore complessità e una diversa sensibilità delle operatrici. Chi riesce a tener conto delle diverse prospettive, la propria e quella dell altro, afferma: noi facciamo più fatica per la lingua, loro per abitudini diverse dalle nostre, anche le più semplici, come quelle di cura del bambino e diventa quindi comprensibile l impatto che può comportare l incontro con un diverso investimento sull infanzia, vale a dire una diversa concezione di bambino, diverse modalità relazionali, differenti metodi educativi e gesti di cura. Un insegnante in modo assertivo afferma che il problema per i genitori stranieri quando entrano nei nostri servizi educativi è quello di sentirsi accolti e accettati per davvero. Quando ciò avviene sono i genitori stranieri ad esprimere in misura maggiore la gratitudine alle insegnanti per quello che la scuola fa per i loro figli e a confidare le loro perplessità per il passaggio al grado successivo. C è chi riscontra in loro molta disponibilità ce ne sono che vorrebbero avvicinarsi a noi, alla nostra cultura, ma anche noi dobbiamo fare un passo in più nei loro confronti. Per avere la loro collaborazione è fondamentale trovare le parole giuste, avvicinarli nel modo giusto con tatto e sensibilità. È interessante segnalare come i problemi dell integrazione dei genitori stranieri offrano lo stimolo per ripensare più in generale ai rapporti tra scuola e famiglia. La grande crisi educativa che attraversa il nostro tempo impegna tutte le istituzioni (di ogni ordine e grado) alla ricerca di nuove e non formali alleanze con le famiglie, oggi indispensabili se si ha a cuore la crescita delle nuove generazioni. 6. La valorizzazione della lingua e della cultura di origine Poiché la lingua è un veicolo fondamentale della cultura, abbiamo esplorato le opinioni e le pratiche delle partecipanti al Progetto Leggere per crescere Intercultura, in merito al riconoscimento e alla valorizzazione del patrimonio linguistico del bambino. Sono solite le educatrici e insegnanti parlare della lingua materna con i genitori? Dare consigli circa il suo uso in famiglia? Il 65% delle educatrici e insegnanti risponde negativamente o afferma di entrare nel merito di questo argomento assai raramente. Dagli enunciati che accompagnano le risposte negative, si evince talora una sorta di pudore ad entrare nel mondo familiare: un educatrice dice di non dare consigli perchè ritiene sia una 4 In questa categoria il rapportarsi agli usi e costumi italiani appare come l elemento più problematico delle differenze culturali (44,26%), cui fanno seguito la difficoltà nel capire come funzionano i nostri servizi dell infanzia (19,67%), nel confrontarsi con metodi educativi e stili di allevamento diversi (11,48%) e infine la difficoltà nel conformarsi alle nostre regole (8,20%).

6 cosa troppo intima, che non richiede invadenze, talaltra un implicita svalorizzazione: nelle assemblee, se capita, viene detto di usare la lingua madre senza sentirsi in colpa. D altro canto se entriamo nel merito delle risposte positive, scopriamo che i consigli che vengono dati sull uso della lingua nel contesto familiare sono prevalentemente indirizzati all utilizzo sia della lingua materna che dell italiano (45%), solo meno della metà (41%) delle operatrici che hanno l abitudine di dare consigli (quindi solo il 15% dei soggetti della ricerca) li esprime a favore della lingua d origine, il restante 14% a favore della lingua italiana. È evidente la preoccupazione delle insegnanti per un adeguato apprendimento della nostra lingua ai fini dell integrazione scolastica. Le interviste invece evidenziano un diffuso riconoscimento dell importanza per il bambino di conoscere e conservare la lingua materna. C è consapevolezza del fatto che, anche per i genitori, perdere la propria lingua significa perdere la propria origine, la propria identità. La lingua rappresenta la continuità con la propria cultura, con le proprie radici, il sostrato degli affetti più profondi. Talvolta sono i bambini stessi ad essere riluttanti a parlare a scuola nella loro lingua. Racconta un insegnante che capita qualche volta sentirli parlare tra di loro nel gioco, un gruppetto di tre o quattro provenienti dallo stesso paese: Chiedo fatemi imparare qualche parolina. E loro stanno zitti, non dicono niente. Come se la lingua non la sapessero, come se fosse una cosa che non devono fare. 7. Osservazioni conclusive La ricerca nel cogliere le difficoltà delle operatrici intercetta un diffuso bisogno di formazione. Ma quale formazione? La domanda esplicita va nella direzione di una maggiore conoscenza delle altre culture, culture per lo più intese come realtà statiche e indipendenti dalle persone che le veicolano. Ciò che sembra mancare è la consapevolezza della natura processuale e dinamica propria dei processi di acculturazione e la prospettiva interculturale che chiede all operatore di mettersi in discussione e assumere la postura di chi è continuamente in ascolto e in ricerca. Ad essere cruciale è la realtà dell incontro con l altro-diverso nella sua dimensione relazionale. Per poter fare spazio all altro occorre fare un passo indietro, prendere consapevolezza delle proprie griglie mentali, della propria arroganza culturale e della difficoltà tutta umana di affrontare ciò che ci estraneo. Riflettere sulle rappresentazioni, sulle precomprensioni diventa quindi un momento irrinunciabile al quale ancorare percorsi di crescita professionale, in modo particolare quando essi si muovono nella direzione dell interculturalità perché si tratta in fondo di trovare uno sguardo diverso non solo sull altro, ma con l altro.

7 Bibliografia Altet, M. (2003). La ricerca sulle pratiche d insegnamento in Francia. Brescia: Editrice La Scuola. Altet, M., Paquay L., Charlier E. et Perrenoud, Ph. (eds)(2001). Former les einsegnants professionels. Bruxelles: De Boeck Université. Bettinelli, G. et Demetrio, D. (1992). Insegnanti e rappresentazioni del bambino straniero nella scuola elementare. Scuola e città, 8, Bondioli, A. et Mantovani, S. (1992). Manuale critico dell asilo nido. Milano: Franco Angeli. Bove, C. et Mantovani, S. (2006). Alle soglie della consapevolezza. Dans Favaro, G. Mantovani, S. et Musatti, T. (eds), Nello stesso Nido. Famiglie e bambini stranieri nei servizi educativi (pp ). Milano: Franco Angeli. Cambi, F. (2001). Intercultura: fondamenti pedagogici. Roma: Carocci. Ciccardi, F. (ed.) (1994). Atteggiamenti verso gli alunni extracomunitari. Indagine tra i Capi d Istituto e docenti della scuola dell obbligo. Milano: IRRSAE Lombardia. Damiano, E. (2006). La nuova alleanza. Brescia: Editrice La Scuola. Day, C. et Laneve, C. (eds.) (2011). Analysis of educational practices. A comparison of research models. Brescia: Editrice La Scuola. Demetrio, D. et Favaro, G. (1997). Bambini stranieri a scuola. Accoglienza e didattica interculturale nella scuola dell infanzia e nella scuola elementare. Firenze: La Nuova Italia. Favaro, G. Mantovani, S. et Musatti, T. (eds) (2006). Nello stesso Nido. Famiglie e bambini stranieri nei servizi educativi. Milano: Franco Angeli. Glaser, B. et Strauss, A. (1967). The discovery of grounded theory: Strategies for qualitative research. Chicago-New York: Aldine. Husserl, E. (1981). Idee per una fenomenologia pura e per una filosofia fenomenologica. Torino: Einaudi. Kanitzsa, S. (eds.) (2007). Il lavoro educativo: l importanza della relazione nel processo di insegnamentoapprendimento. Milano: Bruno Mondadori. Laneve, C. (2005). Analisi della pratica educativa. Brescia: Editrice La Scuola. Mantovani, S. (2001). Infant Toddler Centers in Italy Today: tradition and innovation. Dans L. Gandini, Edwards, C. (eds.). Bambini: the italian approach to infant-toddler care (pp.23-37). New York: Teachers College Press, Columbia University. Mantovani, S. (2007). Bambini e genitori immigrati nelle scuole dell infanzia in cinque Paesi. Educazione interculturale, Vol. 5, n.3, Mantovani, S., Caggio, F. et Favaro, G. (2003). Educare i bambini in un contesto multiculturale. Rapporto di Ricerca. Roma: CNR- Agenzia 2000, Ministero della Pubblica Istruzione, Le trasformazioni della scuola nella società multiculturale, Roma, Mortari, L. (eds) (2010). Dire la pratica. Milano: Bruno Mondadori. Nigris, E. (eds) (1996). Educazione interculturale. Milano: Mondadori. Osservatorio Regionale sull Immigrazione (2011). Immigrazione straniera in Veneto: rapporto Venezia: Regione del Veneto. Perla, L. (2010). Didattica dell implicito. Ciò che l insegnante non sa. Brescia: Editrice la Scuola. Pontecorvo, C. (1992). Etnografia dell infanzia e delle pratiche educative in Italia. Rassegna di Psicologia, 9 (3), Portera, A. (2003). Pedagogia interculturale in Italia e in Europa. Aspetti epistemologici e didattici. Milano: Vita e Pensiero. Selleri, P. (2005). Di loro non si sa nulla: storie di immigrazione tra scuola ed extrascuola. Psicologia dell educazione e della formazione, 7 (2): Stadler, M. A., Frensch, P. A. (1998). Handbook of implicit learning. CA, Sage: Thousand Oaks.

BAMBINI E FAMIGLIE DI ALTRE CULTURE:

BAMBINI E FAMIGLIE DI ALTRE CULTURE: BAMBINI E FAMIGLIE DI ALTRE CULTURE: RAPPRESENTAZIONI E PRATICHE EDUCATIVE NEI SERVIZI PER L INFANZIA Giuseppina Messetti Università degli Studi di Verona, Italia Presentazione Contesto Partecipanti Obiettivi

Dettagli

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur 1. Nella scuola: esercizi di mondo Una buona scuola è una scuola buona per tutti

Dettagli

Le idee e le teorie sul bilinguismo infantile di educatori d infanzia a Parma: una riflessione. Seminario di studio Parma 17 giugno 2008

Le idee e le teorie sul bilinguismo infantile di educatori d infanzia a Parma: una riflessione. Seminario di studio Parma 17 giugno 2008 Le idee e le teorie sul bilinguismo infantile di educatori d infanzia a Parma: una riflessione Seminario di studio Parma 17 giugno 2008 Francesca Linda Zaninelli 1 Lo sviluppo e la condizione linguistica

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

Esperienze e attese delle educatrici e delle insegnanti

Esperienze e attese delle educatrici e delle insegnanti Indice del capitolo 1 INTRODUZIONE Le precomprensioni nell azione educativa GLI OBIETTIVI E GLI STRUMENTI DELLA RICERCA I RISULTATI DELLA RICERCA I bambini stranieri all asilo nido e nelle scuole dell

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Scuola Primaria Statale Salvo D Acquisto I Circolo di Pioltello. PROGETTO SPAZIO, LINGUA, BAMBINO Laboratorio Interculturale di Italiano L2

Scuola Primaria Statale Salvo D Acquisto I Circolo di Pioltello. PROGETTO SPAZIO, LINGUA, BAMBINO Laboratorio Interculturale di Italiano L2 Scuola Primaria Statale Salvo D Acquisto I Circolo di Pioltello PROGETTO SPAZIO, LINGUA, BAMBINO Laboratorio Interculturale di Italiano L2 Premessa Il I circolo di Pioltello è composto da due plessi di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale.

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale. Master in Social pedagogy and fight against youth violence Doposcuola popolare nel Quartiere Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale di SILVIA BOSI S.Fereolo di Lodi Piano

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI Anno scolastico 2010/2011 Protocollo di accoglienza per l inserimento alunni stranieri pag. 1 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA... 3 CHE COS È...

Dettagli

Apprendere una lingua in età adulta e in condizione di migrazione: risorse, strategie, criticità

Apprendere una lingua in età adulta e in condizione di migrazione: risorse, strategie, criticità Certifica il tuo italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere Apprendere una lingua in età adulta e in condizione di migrazione: risorse, strategie, criticità Brescia - Mercoledì 26 gennaio 2011

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2008 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2008 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2008 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Gli stranieri in Lombardia I cittadini stranieri presenti in Lombardia al 31.12.2007 sono oltre 953.600 in base alla stima massima

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Anno scolastico 2010/11 1 PROGETTO PER IL QUALE SI RICHIEDE IL FINANZIAMENTO PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE. Carlo Petracca carlo.petracca@tin.it

VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE. Carlo Petracca carlo.petracca@tin.it VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE carlo.petracca@tin.it VALUTAZIONE NON PROVE STANDARDIZZATE

Dettagli

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Comune di Brescia Settore Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2013/2014 PROGETTO EDUCATIVO Profilo territorio La scuola comunale dell

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

a cura di Luisa Cortelli

a cura di Luisa Cortelli a cura di Luisa Cortelli La nostra società (e anche la scuola) si è trovata ad affrontare e gestire il fenomeno dell immigrazione che ha interessato i Paesi del nord Europa negli anni 70. Si è constatato

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana dal POF 6.. Progettii comunii a tuttii ii pllessii Progetto di accoglienza per alunni di lingua non italiana Il Progetto di Accoglienza del nostro Istituto è articolato in diversi interventi educativo

Dettagli

Intercultura e inclusione scolastica La problematica e il quadro normativo Stefano Gestri Dirigente scolastico Liceo Niccolò Copernico - Prato Contenuti Dati sugli alunni stranieri in Toscana La situazione

Dettagli

Scuole dell Infanzia Istituto Comprensivo di Leno

Scuole dell Infanzia Istituto Comprensivo di Leno Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO Via F.lli De Giuli 1, 25024 LENO ( Brescia) ; Tel. 030.9038250 Fax 030.9068974 codice ministeriale BSIC89600Q - C.F.

Dettagli

LA SCUOLA: UN MONDO DA ESPLORARE Dora Mattia*

LA SCUOLA: UN MONDO DA ESPLORARE Dora Mattia* LA SCUOLA: UN MONDO DA ESPLORARE Dora Mattia* *docente di scuola primaria IC n. 5, Bologna Lo spazio, insieme al tempo, è categoria fondamentale per strutturare conoscenze ed esperienze nel soggetto in

Dettagli

PERCORSI INTERCULTURALI PER LE SCUOLE DELL INFANZIA E PRIMARIE DEL CIRCOLO. NINNENANNE USI E TRADIZIONI DA TUTTO IL MONDO

PERCORSI INTERCULTURALI PER LE SCUOLE DELL INFANZIA E PRIMARIE DEL CIRCOLO. NINNENANNE USI E TRADIZIONI DA TUTTO IL MONDO PERCORSI INTERCULTURALI PER LE SCUOLE DELL INFANZIA E PRIMARIE DEL CIRCOLO. STORIE, RACCONTI, FILASTROCCHE, NINNENANNE USI E TRADIZIONI DA TUTTO IL MONDO Il progetto è teso a favorire l incontro tra la

Dettagli

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014 L educazione è un diritto di tutti i bambini e ragazzi, che devono poterne fruire senza limitazioni Ma è anche un bene degli adulti, di tutti gli adulti che la difendono e la arricchiscono e con la partecipazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI Istituto Comprensivo A. Momigliano Via Leopoldo Marenco, 1-12073 CEVA - Cuneo PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI Nell Istituto è ormai consolidata la presenza di alunni provenienti

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

t a n t e t i n t e La classe multiculturale: i dispositivi e le pratiche quotidiane

t a n t e t i n t e La classe multiculturale: i dispositivi e le pratiche quotidiane Centro t a n t e t i n t e A cura di Annalisa Peloso 1999/2000 PICCOLO STRUMENTO OPERATIVO UTILE NELLA CONSULENZA AL CENTRO t a n t e E NEL FAI-DA-TE QUOTIDIANO DELL INSEGNANTE t i n t e Il quadro d insieme

Dettagli

Raccomandazioni concernenti la pedagogia interculturale negli istituti di formazione delle docenti e dei docenti

Raccomandazioni concernenti la pedagogia interculturale negli istituti di formazione delle docenti e dei docenti Raccomandazioni concernenti la pedagogia interculturale negli istituti di formazione delle docenti e dei docenti COHEP, novembre 2007 Stato del rapporto: Accolte dall assemblea dei membri della COHEP il

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Scuola dell infanzia Presentazione

Dettagli

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Tante diversità. Uguali diritti INTEGRAZIONE Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale MIUR MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA.

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA. DIVERSI DA CHI? Sintesi delle linee guida dell Osservatorio Nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del MIUR e protocollo di accoglienza dell IC di Porlezza 1) DIRITTO

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. a.s.15/16

SCHEDA PROGETTO. a.s.15/16 SCHEDA PROGETTO a.s.15/16 Denominazione Istituto: I.C.S. Capaccio Paestum Titolo del progetto: Favole e magia: percorso di fantasia, lettura, biblioteca Tipologia delle attività: potenziamento recupero

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA P.O.F.

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA P.O.F. ISTITUTO COMPRENSIVO VIA VOLSINIO Via Volsinio, 23-25 - 00199 Roma Tel./Fax 06/8546344 E-MAIL: rmic8d900r@istruzione.it PEC: rmic8d900r@pec.istruzione.it SITO WEB: www.istitutoviavolsinio.it PIANO dell

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE.

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. PROGETTI SPECIFICI Scuola dell infanzia di Cuasso al Monte I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. Attività psicomotoria

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4

PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4 PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4 PREMESSA Il corso di formazione a distanza PAD (Progetto Ascolto Docenti) in collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, è giunto alla sua quarta

Dettagli

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016 Finalità della Scuola del primo ciclo Compito fondamentale della scuola del primo ciclo d istruzione, che comprende la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado, è la promozione del pieno sviluppo

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO A seguito dell assemblea dei nuovi iscritti, i genitori sono invitati ad un colloquio con l educatrice di riferimento. Questa si pone come tramite tra il servizio e la famiglia,

Dettagli

INSEGNARE E APPRENDERE L ITALIANO LINGUA 2 nella scuola multiculturale

INSEGNARE E APPRENDERE L ITALIANO LINGUA 2 nella scuola multiculturale INSEGNARE E APPRENDERE L ITALIANO LINGUA 2 nella scuola multiculturale IC Figino Serenza 21 giugno 2012 Mara Clementi Fondazione ISMU 1 caratteristiche del corso corso di base destinatari: docenti di scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI Il progetto si propone l obiettivo di avvicinare con maggiore consapevolezza il mondo della scuola

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

Responsabilità educativa a cura di Sabrina De Clemente e Iole Mattei

Responsabilità educativa a cura di Sabrina De Clemente e Iole Mattei Responsabilità educativa a cura di Sabrina De Clemente e Iole Mattei Se si riesce ad aiutare gli alunni a sviluppare il proprio senso di controllo personale, essi saranno portati ad assumersi autonomamente

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

Per una definizione del profilo del docente CLIL da parte di lend - lingua e nuova didattica

Per una definizione del profilo del docente CLIL da parte di lend - lingua e nuova didattica CLIL: QUALE DOCENTE? Per una definizione del profilo del docente CLIL da parte di lend - lingua e nuova didattica 1. Cosa intendiamo con CLIL Il CLIL è un approccio didattico con doppia focalizzazione

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

SCOPI DEL PROTOCOLLO FAVORIRE UN CLIMA DI ACCOGLIENZA SCOLASTICA E SOCIALE CHE PREVENGA E RIMUOVA EVENTUALI OSTACOLI ALLA PIENA INTEGRAZIONE.

SCOPI DEL PROTOCOLLO FAVORIRE UN CLIMA DI ACCOGLIENZA SCOLASTICA E SOCIALE CHE PREVENGA E RIMUOVA EVENTUALI OSTACOLI ALLA PIENA INTEGRAZIONE. ISTITUTO COMPRENSIVO 8 BOLOGNA PROTOCOLLO PER L ACCOGLI EN ZA DEGLI ALUNNI STRANIERI SCOPI DEL PROTOCOLLO FAVORIRE UN CLIMA DI ACCOGLIENZA SCOLASTICA E SOCIALE CHE PREVENGA E RIMUOVA EVENTUALI OSTACOLI

Dettagli

Progetto: Educazione a colori

Progetto: Educazione a colori Progetto: Educazione a colori Cammino tra identità, intercultura e pace per i bambini della scuola primaria ed i preadolescenti della scuola secondaria di primo grado 1 Camminando si apre il cammino, non

Dettagli

PROGETTO STRANIERI Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO STRANIERI Anno scolastico 2011-2012 Analisi del contesto Istituto Comprensivo Statale Pasquale Sottocorno Via Monte Popera, 12-20138 Milano C.F. 97504710159 Tel 02/510193 Fax 02/55700035 www.icsottocorno.it miic8dr008@istruzione.it PROGETTO

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il ruolo del docente di conversazione in lingua straniera non è quello di dare modelli fonologicamente o formalmente corretti in lingua, ma è quello di contribuire

Dettagli

P.O.F. Piano dell Offerta Formativa

P.O.F. Piano dell Offerta Formativa P.O.F. Piano dell Offerta Formativa Documento sintetico estratto e rielaborato a partire dal Progetto Pedagogico delle scuole dell infanzia gestite da Pro.Ges., ParmaInfanzia e ParmaZeroSei. Il documento

Dettagli

UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15

UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15 UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15 Iniziative didattiche di prevenzione e di contrasto della dispersione scolastica Premessa: a cura di Patrizia Selleri e Isabella

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori Nel biennio 2012/2014 il progetto Principio Attivo di titolarità del Comune di Brescia - Settore servizi sociali e

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione La presenza dei valori in tutti i campi di vita del bambino implica il dovere da parte dell insegnante e degli

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2015

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2015 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE ISTITUTO COMPRENSIVO MAZZINI C.so XVIII Settembre 25 60022 (AN) Codice Fiscale: 80015050422 Codice

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli