Bambini e famiglie di altre culture: rappresentazioni e pratiche educative nei servizi dell infanzia. Giuseppina Messetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bambini e famiglie di altre culture: rappresentazioni e pratiche educative nei servizi dell infanzia. Giuseppina Messetti"

Transcript

1 Bambini e famiglie di altre culture: rappresentazioni e pratiche educative nei servizi dell infanzia Abstract Giuseppina Messetti La comunicazione presenta i risultati di una ricerca qualitativa avente lo scopo di esplorare le rappresentazioni e indagare le pratiche educative di insegnanti di Nido e Scuola d infanzia in merito alla presenza di bambini (e famiglie) di altre culture nel proprio gruppo classe. La ricerca si colloca al confine tra la riflessione pedagogica sull infanzia e i servizi ad essa dedicati (Musatti, 1992; Pontecorvo,1992; Mantovani, 2003), gli studi di educazione interculturale (Nigris,1996; Demetrio, Favaro 1997; Cambi, 2001; Portera, 2003; Bove, Mantovani, 2006; Favaro, Mantovani, Musatti, 2006; Mantovani, 2007); e il più recente filone di indagine sull analisi delle pratiche educative e didattiche (Altet, 2003, 2006; Laneve, 2005; Damiano, 2006; Mortari, 2010; Day, Laneve, 2011). I risultati della ricerca evidenziano una realtà articolata e complessa, individuano nei partecipanti istanze formative di tipo interculturale e, dal punto di vista metodologico, mette in luce la rilevanza di un approccio di indagine misto (Mixed Methods). Nella prospettiva dello sviluppo delle competenze interculturali, dalla ricerca emerge quanto sia fondamentale promuovere negli insegnanti la consapevolezza delle proprie rappresentazioni, precomprensioni, credenze, vissuti soggettivi, in una parola delle dimensioni implicite dell azione educativa, che tacitamente permeano e improntano le pratiche didattiche e gli stili relazionali. In this presentation I report on a qualitative research whose goals were to investigate: (a) preschool and nursery school teachers representations of the presence of children and families from other cultures in their class groups; (b) the educational practices that these teachers employ to foster learning of the Italian language and to nurture the culture and native language of the pupils. The research involved 115 teachers in an Italian region (Veneto) with a high percentage of foreign residents (one of the highest in the country). The teachers were participating in the training project Reading to grow Interculture funded by GlaxoSmithKline in collaboration with theveneto Regional Observatory on New Generations and Families. The research is situated at the boundary between educational reflection on childhood and childhood services (Musatti, 1992; Pontecorvo,1992; Mantovani, 2003), studies of intercultural education (Nigris,1996; Demetrio, Favaro 1997; Cambi, 2001; Portera, 2003; Bove, Mantovani, 2006; Favaro, Mantovani, Musatti, 2006; Mantovani, 2007) and the more recent strand of inquiry analysing educational and instructional practices (Altet, 2003, 2006; Laneve, 2005; Damiano, 2006; Mortari, 2010; Day, Laneve, 2011). The results reveal an articulated and complex reality, identify intercultural training needs in the participants and, on the methodological level, highlight the relevance of a mixed methods approach. From the point of view of the development of intercultural competencies, the results suggest that it is essential to foster teachers awareness of their own representations, pre-understandings, beliefs and subjective experiences; in one word, of all those implicit aspects of educational action that tacitly permeate and shape instructional practices and relational styles. 1. Introduzione Il problema che la ricerca indaga sorge in un preciso contesto, quello di un percorso di formazione rivolto ad educatori operanti nei servizi prescolastici del Veneto 1. Il Veneto si colloca ai primi posti tra le regioni italiane per incidenza di residenti stranieri. L immigrazione straniera è diventata rilevante nell ultimo decennio e in particolare a partire dal 2002, anno della grande regolarizzazione. Da allora gli stranieri regolarmente residenti sono più che triplicati, con un progressivo aumento dell incidenza percentuale sul 1 Il progetto Leggere per crescere Intercultura finanziato e organizzato da GlaxoSmithKline in collaborazione con l Osservatorio Regionale Nuove generazioni e famiglia.

2 totale della popolazione che passa dal 3,4% nel 2001, al 6,8% nel 2006, il 10,7% nel A seguito dei processi di stabilizzazione delle famiglie migranti, i bambini stranieri che frequentano i servizi prescolastici sono in larga maggioranza nati in Italia come attestano gli ultimi Rapporti del MIUR che registrano il dato delle presenze nella scuola dell infanzia. Come stanno vivendo il fenomeno migratorio le educatrici e le insegnanti in queste realtà territoriali, dove i nidi e le scuola dell infanzia accolgono un numero sempre crescente di bambini di altre culture? Abbiamo ritenuto che indagare i loro pensieri avesse una duplice utilità: ai fini della ricerca educativa l allargamento dello sguardo su un settore, quello dei servizi prescolastici, ancora poco esplorato, permette di conoscere il punto di vista di chi in essi opera, soggetti raramente coinvolti in ricerche di questo tipo. 1. Domande di ricerca Comprendere il punto di vista delle insegnanti riguardo alla presenza di bambini di altre culture nel proprio gruppo-classe Conoscere gli aspetti di difficoltà che le insegnanti incontrano nel rapportarsi con le famiglie di altre culture Rilevare la percezione che le insegnanti hanno dei problemi che incontrano i genitori di altre culture nel rapportarsi con le istituzioni educative italiane Esplorare le opinioni e le pratiche in merito al riconoscimento e alla valorizzazione della lingua d origine dei bambini di altre culture In Italia, mentre sono note alcune ricerche sulle rappresentazioni che gli insegnanti di scuola primaria e secondaria hanno degli studenti di cittadinanza non italiana (Bettinelli G., Demetrio D., 1992; Ciccardi F., 1994; Ministero della Pubblica Istruzione, 2001; Selleri P., 2005; Kanitzsa, 2007), sono ancora pochi gli studi nel settore prescolastico dei servizi all infanzia. 2. Partecipanti Hanno preso parte alla ricerca 115 soggetti: 53 educatrici di Nido e 62 insegnanti di Scuola d infanzia che hanno aderito al Progetto di formazione Leggere per crescere Intercultura. Il progetto ha coinvolto i servizi educativi di otto Comuni del Veneto, individuati tra i più significativi per l elevata presenza di residenti stranieri. 3. Inquadramento teorico La ricerca si colloca al confine tra la riflessione pedagogica sull infanzia e i servizi ad essa dedicati (Musatti, 1992; Pontecorvo,1992; Mantovani, 2003), gli studi di educazione interculturale (Nigris,1996; Demetrio, Favaro 1997; Cambi, 2001; Portera, 2003; Bove, Mantovani, 2006; Favaro, Mantovani, Musatti, 2006; Mantovani, 2007) e il più recente filone di indagine sull analisi delle pratiche educative e didattiche (Altet, 2003, 2006; Laneve, 2005; Damiano, 2006; Mortari, 2010; Day, Laneve, 2011). In particolare, all interno di quest ultimo ambito, alcuni studi fanno della dimensione implicita della didattica e del pensiero quotidiano dell insegnante un fertile terreno di esplorazione empirica (Stadler M.A., Frensch P. A., 1998; Perla, 2010). Secondo questa prospettiva, occuparsi dell agire educativo significa guardare oltre la dimensione esplicita della pratica, per esplorare quelle dimensioni nascoste (rappresentazioni, precomprensioni, credenze, percezioni soggettive) che tacitamente permeano e guidano le attività didattiche e gli stili relazionali degli educatori, talvolta in contrasto con le convinzionie e gli obiettivi dichiarati. Dunque l analisi del come ci si rappresentano i bambini e le famiglie di altre culture è parte integrante di una pedagogia inteculturale intesa come riflesssione critica e prospettiva empirica rispetto alla pratica educativa (Bove, Mantovani, 2006). 4. Metodologia 2 Osservatorio Regionale sull Immigrazione (2011). Immigrazione straniera in Veneto: rapporto Venezia: Regione del Veneto.

3 La ricerca, di tipo qualitativo, si muove nella prospettiva fenomenologica che non prevede la formulazione di ipotesi ma, a partire dall individuazione di un area di indagine, una progressiva focalizzazione delle domande di ricerca. Si è optato per un metodo misto (mixed method) utilizzando due strumenti secondo un impianto metodologico ad imbuto". Nella prima fase esplorativa, è stato interpellato con un questionariointervista, un numero consistente di persone: l intero gruppo delle partecipanti al Progetto di formazione. La garanzia di anonimato dello strumento e la formulazione delle domande-stimolo hanno inteso salvaguardare ampia libertà e apertura nelle risposte. Nella seconda fase si è proceduto con interviste a bassa strutturazione allo scopo di approfondire temi e questioni emersi dall analisi dei dati acquisiti nella prima fase. Sulla base della disponibilità delle partecipanti e di criteri di rappresentatività state effettuate le interviste, fino alla saturazione dei dati. Si è prestata particolare attenzione alla fase della raccolta dei dati e successivamente alla loro analisi quantitativa e qualitativa.il processo di codifica ha tenuto conto delle indicazioni derivanti dalla grounded theory (B. Glaser e A. Strauss, 1967): attraverso il processo di open coding si è pervenuti all identificazione delle categorie, che secondo questo orientamento di ricerca non vengono stabilite a priori, ma emergono dai dati raccolti. Due ricercatori, separatamente, hanno proceduto ad una provvisoria concettualizzazione dei testi discorsivi integralmente trascritti, attraverso una loro catalogazione in etichette. Il successivo confronto ha permesso una verifica incrociata e l accordo sulle unità di significato emerse. Successivamente, le unità di significato (etichette) sono state raggruppate in ambiti specifici e sono state così identificate le categorie. Ad un secondo livello le categorie sono state successivamente ordinate in macro-categorie. 5. Analisi dei dati Nelle classi in cui operano le partecipanti alla ricerca, l incidenza di alunni figli di genitori stranieri, nati in larga maggioranza in Italia, si attesta su valori piuttosto elevati, attorno al 25 %. Per quanto riguarda le aree geografiche di provenienza prevalgono i Paesi africani (Nord Africa 25%, Centro Africa 12%), seguono i Paesi dell Est Europeo (31%), la Cina (15%), quindi con percentuali sotto la soglia del 10% i Paesi del Subcontinente indiano (9%), del Sud America (5%) La percezione-rappresentazione dei bambini di altre culture L analisi delle unità di significato relative alla prima domanda: Sulla base della sua esperienza, che cosa comporta la presenza di bambini di altre culture nel gruppo classe/sezione? ha portato all identificazione di dodici categorie, dall esame delle quali è scaturito un successivo livello di strutturazione dei dati. Risaltava con evidenza, infatti, il punto di vista adottato dalle educatrici ed insegnanti nel rispondere alla sollecitazione. Tale punto di vista era prevalentemente quello dell insegnante, rispetto a quello dei diversi attori (bambini e genitori) presenti sulla scena educativa. All interno delle cinque categorie riguardanti l assunzione del punto di vista dell insegnante, una soltanto si connota positivamente ( stimolo per l insegnante ), le altre quattro segnalano ambiti nei quali, la presenza nella propria sezione di bambini di altre culture, viene percepita come problematica. La tabella n.1 illustra le categorie emerse e i diversi punti di vista adottati nelle risposte. Dal punto di vista dell educatrice o insegnante 1. Stimolo per l'insegnante 2. Difficoltà per l insegnante: maggiore impegno sul piano didattico 3. Difficoltà per l insegnante nella comunicazione verbale con i bambini di altre culture 4. Difficoltà per l insegnante nella relazione con i genitori di altre culture 5. Difficoltà per l insegnante nella relazione con i bambini di 3 La percentuale residua è relativa ad altri Paesi non raggruppabili (3%).

4 altre culture Dal punto di vista dei bambini 1. Opportunità per i bambini: confronto con la diversità 2. Difficoltà per i bambini di altre culture Dal punto di vista dei genitori 1. Arricchimento reciproco per le famiglie 2. Difficoltà per i genitori Non specificato 1. Arricchimento reciproco 2. A volte ostacolo, a volte arricchimento 3. Nessun problema L analisi quantitativa delle unità di significato (etichette) evidenzia una prevalenza, se pur minima, della percezione di difficoltà (44%) rispetto a quella di arricchimento (42%), cui fa seguito una posizione ambivalente ostacolo e arricchimento (10,5%) ed infine una neutrale nessun problema (3,5%). Si potrebbe sintetizzare con un immagine questa percezione dei bambini di altre culture: quella di un soggetto metà risorsa e metà problema. Si tratta di una rappresentazione che non si discosta molto da quella rilevata nei contesti della scuola primaria e secondaria, di cui hanno dato conto alcune ricerche condotte negli scorsi anni (Bettinelli G., Demetrio D., 1992; Ciccardi F., 1994; MIUR, 2001; Selleri P., 2005). In questi ordini scolastici l alunno straniero - soprattutto se di recente immigrazione - può essere considerato problematico e suscitatore di ulteriori problemi sia per l insegnante, che si sente chiamato ad un ulteriore sforzo e impegno senza magari avere la preparazione necessaria, sia per la classe nel suo complesso, nel senso che può far perdere tempo e rallentare il programma (Kanitzsa, 2007). Di segno opposto la rappresentazione dei bambini stranieri come ambasciatori di culture diverse, testimoni viventi di altri mondi, usi, costumi e tradizioni. Bambino problema Nella nostra indagine le maggiori difficoltà rilevate sono a carico delle insegnanti che segnalano un aumento del carico di lavoro sul piano didattico e ostacoli a livello di comunicazione linguistica con i bambini, in modo particolare in relazione ad alcune culture di provenienza (quella cinese) e alla fase iniziale del loro inserimento. L elevato numero di bambini per classe, la scarsità di risorse umane a disposizione (mediatori e ore aggiuntive per le insegnanti) sono le ragioni determinanti la situazione problematica. Bambino risorsa Gli aspetti positivi che emergono maggiormente sono l arricchimento tra pari derivante dall incontro di culture ed etnie diverse. In più di una affermazione la diversità appare associata a paure da superare, sia da parte dei bambini che dei loro genitori ed è piuttosto forte l idea che l affrontare fin da piccolissimi la diversità sia per i bambini un grosso vantaggio per la loro crescita personale. I dati provenienti dalle interviste mettono in luce aspetti differenti e decisamente più positivi. I bambini provenienti da altre culture richiedono alle insegnanti una diversa articolazione del fare scuola: disponibilità, attenzione e apertura verso stili educativi altri, capacità di mettersi in gioco, in relazione. Sollecitano una crescita dal punto di vista professionale (e personale) attraverso un ripensamento delle pratiche, degli stili relazionali, del proprio modo di porsi di fronte a ciò che è sconosciuto e diverso. Nella pratica educativa la diversità porta a rompere schemi rigidi e consolidati, a cercare nuove strategie e soluzioni. Un operatrice afferma che è la condizione più favorevole per misurare veramente il passo su bambine e bambini reali nella progettazione delle attività. Infatti, ogni bambino ha caratteristiche e problematiche diverse, alle quali ogni insegnante dovrebbe porre particolare attenzione. Altre considerazioni mettono in evidenza come la valorizzazione delle differenze sia una pratica trasversale che avvantaggia tutti i bambini: tutto cambia in classe quando c è un bambino di altra cultura. Sono i bambini di altre culture che pongono prepotentemente il problema dei limiti di una scuola che fa della parola l asse portante di tutte le attività. Il codice linguistico non è che uno dei cento linguaggi dei bambini, per cui la necessità di diversificare le proposte didattiche e i registri comunicativi conduce a risultati positivi per tutti i bambini. L indagine ha consentito di focalizzare ulteriori questioni a proposito dell integrazione. A fronte di un idea piuttosto diffusa di una facile e spontanea integrazione tra pari, alcune interviste mettono in evidenza il ruolo

5 centrale che in essa svolgono i condizionamenti pregiudiziali degli adulti (insegnanti e familiari). L arricchimento reciproco è possibile solo là dove c è azione consapevole e intenzionale dell insegnante: la qualità positiva o negativa della diversità dipende sempre dall adulto che gestisce il gruppo, dal modo in cui egli sente e vive il rapportocon il diverso da sé, con l altro, in una parola dipende dalle sue competenze interculturali. Vigilare su questi aspetti attraverso la consapevolezza di sé e delle proprie precomprensioni è conditio sine qua non perché la scuola diventi davvero un laboratorio privilegiato dell integrazione, altrimenti essa non fa che riprodurre gli stereotipi culturali esistenti che incasellano l altro in una semplificata e anonima diversità. 5.2 Il rapporto con le famiglie di altre culture Nei servizi educativi dell infanzia il rapporto con le famiglie riveste un importanza fondamentale. Non è mai un gesto facile e indolore affidare il proprio piccolo alle cure di chi ci è estraneo, così come non è facile accoglierlo e averne cura quando mancano le parole per allacciare mondi lontani. I dati quantitativi evidenziano che la maggiore difficoltà che le educatrici e insegnanti incontrano nel rapporto con le famiglie riguarda la comunicazione linguistica che raccoglie il 75% delle unità di significato relative a questa domanda. Solo come seconda risposta vengono nominate problematiche connesse a fattori legati alle differenze culturali 4. Il problema principale è la lingua, i genitori non capiscono quello che noi diciamo loro. L analisi qualitativa restituisce a questo proposito l immagine di un servizio educativo che tende prevalentemente a dire piuttosto che ad ascoltare. Così il problema diffusamente lamentato della scarsa partecipazione dei genitori stranieri alla vita scolastica, mette in luce l imporsi di una particolare concezione della scuola, ripiegata su se stessa e poco aperta alle differenze culturali. Dalle interviste emerge una maggiore complessità e una diversa sensibilità delle operatrici. Chi riesce a tener conto delle diverse prospettive, la propria e quella dell altro, afferma: noi facciamo più fatica per la lingua, loro per abitudini diverse dalle nostre, anche le più semplici, come quelle di cura del bambino e diventa quindi comprensibile l impatto che può comportare l incontro con un diverso investimento sull infanzia, vale a dire una diversa concezione di bambino, diverse modalità relazionali, differenti metodi educativi e gesti di cura. Un insegnante in modo assertivo afferma che il problema per i genitori stranieri quando entrano nei nostri servizi educativi è quello di sentirsi accolti e accettati per davvero. Quando ciò avviene sono i genitori stranieri ad esprimere in misura maggiore la gratitudine alle insegnanti per quello che la scuola fa per i loro figli e a confidare le loro perplessità per il passaggio al grado successivo. C è chi riscontra in loro molta disponibilità ce ne sono che vorrebbero avvicinarsi a noi, alla nostra cultura, ma anche noi dobbiamo fare un passo in più nei loro confronti. Per avere la loro collaborazione è fondamentale trovare le parole giuste, avvicinarli nel modo giusto con tatto e sensibilità. È interessante segnalare come i problemi dell integrazione dei genitori stranieri offrano lo stimolo per ripensare più in generale ai rapporti tra scuola e famiglia. La grande crisi educativa che attraversa il nostro tempo impegna tutte le istituzioni (di ogni ordine e grado) alla ricerca di nuove e non formali alleanze con le famiglie, oggi indispensabili se si ha a cuore la crescita delle nuove generazioni. 6. La valorizzazione della lingua e della cultura di origine Poiché la lingua è un veicolo fondamentale della cultura, abbiamo esplorato le opinioni e le pratiche delle partecipanti al Progetto Leggere per crescere Intercultura, in merito al riconoscimento e alla valorizzazione del patrimonio linguistico del bambino. Sono solite le educatrici e insegnanti parlare della lingua materna con i genitori? Dare consigli circa il suo uso in famiglia? Il 65% delle educatrici e insegnanti risponde negativamente o afferma di entrare nel merito di questo argomento assai raramente. Dagli enunciati che accompagnano le risposte negative, si evince talora una sorta di pudore ad entrare nel mondo familiare: un educatrice dice di non dare consigli perchè ritiene sia una 4 In questa categoria il rapportarsi agli usi e costumi italiani appare come l elemento più problematico delle differenze culturali (44,26%), cui fanno seguito la difficoltà nel capire come funzionano i nostri servizi dell infanzia (19,67%), nel confrontarsi con metodi educativi e stili di allevamento diversi (11,48%) e infine la difficoltà nel conformarsi alle nostre regole (8,20%).

6 cosa troppo intima, che non richiede invadenze, talaltra un implicita svalorizzazione: nelle assemblee, se capita, viene detto di usare la lingua madre senza sentirsi in colpa. D altro canto se entriamo nel merito delle risposte positive, scopriamo che i consigli che vengono dati sull uso della lingua nel contesto familiare sono prevalentemente indirizzati all utilizzo sia della lingua materna che dell italiano (45%), solo meno della metà (41%) delle operatrici che hanno l abitudine di dare consigli (quindi solo il 15% dei soggetti della ricerca) li esprime a favore della lingua d origine, il restante 14% a favore della lingua italiana. È evidente la preoccupazione delle insegnanti per un adeguato apprendimento della nostra lingua ai fini dell integrazione scolastica. Le interviste invece evidenziano un diffuso riconoscimento dell importanza per il bambino di conoscere e conservare la lingua materna. C è consapevolezza del fatto che, anche per i genitori, perdere la propria lingua significa perdere la propria origine, la propria identità. La lingua rappresenta la continuità con la propria cultura, con le proprie radici, il sostrato degli affetti più profondi. Talvolta sono i bambini stessi ad essere riluttanti a parlare a scuola nella loro lingua. Racconta un insegnante che capita qualche volta sentirli parlare tra di loro nel gioco, un gruppetto di tre o quattro provenienti dallo stesso paese: Chiedo fatemi imparare qualche parolina. E loro stanno zitti, non dicono niente. Come se la lingua non la sapessero, come se fosse una cosa che non devono fare. 7. Osservazioni conclusive La ricerca nel cogliere le difficoltà delle operatrici intercetta un diffuso bisogno di formazione. Ma quale formazione? La domanda esplicita va nella direzione di una maggiore conoscenza delle altre culture, culture per lo più intese come realtà statiche e indipendenti dalle persone che le veicolano. Ciò che sembra mancare è la consapevolezza della natura processuale e dinamica propria dei processi di acculturazione e la prospettiva interculturale che chiede all operatore di mettersi in discussione e assumere la postura di chi è continuamente in ascolto e in ricerca. Ad essere cruciale è la realtà dell incontro con l altro-diverso nella sua dimensione relazionale. Per poter fare spazio all altro occorre fare un passo indietro, prendere consapevolezza delle proprie griglie mentali, della propria arroganza culturale e della difficoltà tutta umana di affrontare ciò che ci estraneo. Riflettere sulle rappresentazioni, sulle precomprensioni diventa quindi un momento irrinunciabile al quale ancorare percorsi di crescita professionale, in modo particolare quando essi si muovono nella direzione dell interculturalità perché si tratta in fondo di trovare uno sguardo diverso non solo sull altro, ma con l altro.

7 Bibliografia Altet, M. (2003). La ricerca sulle pratiche d insegnamento in Francia. Brescia: Editrice La Scuola. Altet, M., Paquay L., Charlier E. et Perrenoud, Ph. (eds)(2001). Former les einsegnants professionels. Bruxelles: De Boeck Université. Bettinelli, G. et Demetrio, D. (1992). Insegnanti e rappresentazioni del bambino straniero nella scuola elementare. Scuola e città, 8, Bondioli, A. et Mantovani, S. (1992). Manuale critico dell asilo nido. Milano: Franco Angeli. Bove, C. et Mantovani, S. (2006). Alle soglie della consapevolezza. Dans Favaro, G. Mantovani, S. et Musatti, T. (eds), Nello stesso Nido. Famiglie e bambini stranieri nei servizi educativi (pp ). Milano: Franco Angeli. Cambi, F. (2001). Intercultura: fondamenti pedagogici. Roma: Carocci. Ciccardi, F. (ed.) (1994). Atteggiamenti verso gli alunni extracomunitari. Indagine tra i Capi d Istituto e docenti della scuola dell obbligo. Milano: IRRSAE Lombardia. Damiano, E. (2006). La nuova alleanza. Brescia: Editrice La Scuola. Day, C. et Laneve, C. (eds.) (2011). Analysis of educational practices. A comparison of research models. Brescia: Editrice La Scuola. Demetrio, D. et Favaro, G. (1997). Bambini stranieri a scuola. Accoglienza e didattica interculturale nella scuola dell infanzia e nella scuola elementare. Firenze: La Nuova Italia. Favaro, G. Mantovani, S. et Musatti, T. (eds) (2006). Nello stesso Nido. Famiglie e bambini stranieri nei servizi educativi. Milano: Franco Angeli. Glaser, B. et Strauss, A. (1967). The discovery of grounded theory: Strategies for qualitative research. Chicago-New York: Aldine. Husserl, E. (1981). Idee per una fenomenologia pura e per una filosofia fenomenologica. Torino: Einaudi. Kanitzsa, S. (eds.) (2007). Il lavoro educativo: l importanza della relazione nel processo di insegnamentoapprendimento. Milano: Bruno Mondadori. Laneve, C. (2005). Analisi della pratica educativa. Brescia: Editrice La Scuola. Mantovani, S. (2001). Infant Toddler Centers in Italy Today: tradition and innovation. Dans L. Gandini, Edwards, C. (eds.). Bambini: the italian approach to infant-toddler care (pp.23-37). New York: Teachers College Press, Columbia University. Mantovani, S. (2007). Bambini e genitori immigrati nelle scuole dell infanzia in cinque Paesi. Educazione interculturale, Vol. 5, n.3, Mantovani, S., Caggio, F. et Favaro, G. (2003). Educare i bambini in un contesto multiculturale. Rapporto di Ricerca. Roma: CNR- Agenzia 2000, Ministero della Pubblica Istruzione, Le trasformazioni della scuola nella società multiculturale, Roma, Mortari, L. (eds) (2010). Dire la pratica. Milano: Bruno Mondadori. Nigris, E. (eds) (1996). Educazione interculturale. Milano: Mondadori. Osservatorio Regionale sull Immigrazione (2011). Immigrazione straniera in Veneto: rapporto Venezia: Regione del Veneto. Perla, L. (2010). Didattica dell implicito. Ciò che l insegnante non sa. Brescia: Editrice la Scuola. Pontecorvo, C. (1992). Etnografia dell infanzia e delle pratiche educative in Italia. Rassegna di Psicologia, 9 (3), Portera, A. (2003). Pedagogia interculturale in Italia e in Europa. Aspetti epistemologici e didattici. Milano: Vita e Pensiero. Selleri, P. (2005). Di loro non si sa nulla: storie di immigrazione tra scuola ed extrascuola. Psicologia dell educazione e della formazione, 7 (2): Stadler, M. A., Frensch, P. A. (1998). Handbook of implicit learning. CA, Sage: Thousand Oaks.

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli