Cenni. il cui una utilizzo. della. Si usa. statistica: 1)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cenni. il cui una utilizzo. della. Si usa. statistica: 1)"

Transcript

1 Rappresentazioni grafiche Figura 1 Esempi di rappresentazioni grafiche Fonte: Borra, Di Ciaccio 2008; p. 37. Cenni storici e considerazioni generali L introduzione delle rappresentazioni grafiche nel campo della statistica la si attribuisce a Playfair W. ( il cui contributo del 1786 Commercial and Political Atlas produsse il primo (brillante) esempio di come una utilizzo della rappresentazione grafica. La prima edizione dell Atlas consta di 44 diagrammi che rappresentano quasi tutti delle serie storiche (Istat, 1989). Per quanto riguarda i cartogrammi, la tradizione vuole che c la prima carta prodotta da uno statistico fosse quella di Crome A.W. nel 1782 dal titolo Producten Karte von Europa. Per quanto riguarda l Italia, vanno menzionati, fra gli altri, i contributi di Perozzo L. (suu Annali di Statistica del ), ancora l opera di Gabaglio del 1888, i contributii di Benini nel 1905 e di Gini nel Sempre nel negli Statii Uniti l American Society of Mechanical Engineers fu promotrice di una iniziativaa rivolta alle società scientifiche americane affinché si riunissero in un comitato congiunto con lo scopo di definire degli standard per le rappresentazioni grafiche: si costituì in questo modo una Joint Commitee composta da 17 associazionii che come risultato produsse p 177 semplici regole inerenti le rappresentazioni grafiche (fra le associazioni che aderirono c era anche l American Statistical Association ASAA - che più tardi, precisamente nel 1976, creò una Commissione ad hoc per la grafica statistica). s Si usa distinguere (Istat, 1989) fra due possibili usi dei grafici in statistica: 1) a scopo di analisi essi vengono concepiti principalmente in modo m che le ipotesi alternative risultino visivamente ben differenziate 2) a scopo di presentazione neii quali si chiede soprattutto che le caratteristiche e le relazioni presenti nell informazione utilizzata siano rese con semplicità ed accuratezza. Inoltre, usi usa distinguere (Istat, 1989) quattro tipi di rappresentazioni grafiche sul piano: 1) Diagrammi sono gli strumenti più utilizzati e mettono in relazione le componenti distinte focalizzare l attenzione (vengono affrontati diffusamente più avanti) su sui si intende

2 Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Napoli Parthenope 2) Cartogrammi in questo tipo di rappresentazione grafica l informazione di tipo descrittivo va a sovrapporsi graficamente alla rappresentazione della componente geografica che già di per sé occupa entrambe le dimensioni del piano (anch essi vengono affrontati diffusamente più avanti) 3) Grafi essi sono sovente utilizzati in applicazioni molto specifiche come ad esempio l analisi dei gruppi. 4) Ideogrammi essi svolgono un ruolo importante in capo cartografico dove il significato suggerito dall ideogramma (che può o meno richiamarsi al fenomeno) è associato all informazione di tipo spaziale; va tuttavia osservato che la loro utilizzazione sistematica nelle rappresentazioni grafiche dei dati statistici comporta delle difficoltà già per articolare un analisi statistica elementare. Rappresentazione grafica delle distribuzioni semplici Si ricorre alla rappresentazione grafica al fine di rendere più evidenti e di facile lettura le caratteristiche della distribuzione della variabile sul collettivo preso in esame. Il giudizio su una rappresentazione grafica può essere basato essenzialmente su 5 aspetti: - accuratezza, che fa riferimento alla precisione dei dettagli con cui è rappresentata la distribuzione - semplicità, che si riferisce all uso essenziale di elementi grafici senza l aggiunta di particolari simboli superflui ad uso puramente ornamentale - chiarezza, data dalla capacità di comunicare senza ambiguità ed in modo immediato le caratteristiche saliente del fenomeno - aspetto, nel senso che l estetica sia quanto più possibile armoniosa (nei tratti, nei colori, nelle proporzioni etc) - struttura, che deve essere ben definita nel senso che tutti gli elementi grafici devono essere tra loro interdipendenti. Caratteristiche e vantaggi delle rappresentazioni grafiche - Maggiore impatto visivo dei risultati - Maggiore capacità di individuazione delle relazioni e delle connessioni tra più caratteri - Maggiore intuitività Inoltre gli elementi grafici devono essere posti in maniera gerarchicamente in modo tale che un elemento sia messo tanto più in rilevo rispetto agli altri quanto più esso è rilevante. Per evidenziare la gerarchia degli elementi grafici si possono utilizzare dimensioni diverse, contrasti di colore o diversità di forme. In grafici restano sostanzialmente bidimensionali, sebbene in alcuni grafici vengano aggiunti due particolari elementi, la tridimensionalità e la prospettiva, con scopi esclusivamente estetici ma che possono indurre interpretazioni distorte. Una rappresentazione grafica deve presentare i seguenti requisiti: il titolo, che deve indicare con chiarezza l oggetto, il luogo, l epoca cui i dati si riferiscono; il carattere, con le rispettive modalità in funzione delle quali sono classificate le unità statistiche; deve essere chiaramente indicata l unità di misura impiegata per graduare l asse (o gli assi) della rappresentazione dei dati; la fonte di provenienza dei dati. Per ogni distribuzione statistica esiste il tipo di rappresentazione grafica adatta ed una stessa distribuzione può essere rappresentata con più tipi di grafici. Grafici a barre o a nastri Gli ortogrammi generalmente prendono in nome di diagrammi (o grafici) a barre oppure a nastri Nel caso di diagrammi a barre (o a colonne staccate dunque grafici di tipo verticale) ogni frequenza (o intensità della distribuzione) viene rappresentata da una barra così da ottenere una successione di rettangoli aventi tutti la stessa base mentre le altezze saranno proporzionali alle frequenze o intensità.

3 Nel caso di diagrammi a nastri ogni frequenza (o intensità della distribuzione) vienee rappresentata da una nastro (rettangoli o segmenti di tipo orizzontale) così da ottenere una successionee di rettangoli aventi tutti la stessa altezza mentre le basi saranno proporzionali alle frequenze o intensità. Entrambi questi tipi di grafico sono utilizzabili per la rappresentazione delle distribuzioni di frequenza in particolare per i caratteri qualitativi e per la rappresentazione dei caratteri quantitativi discreti (ad esempio il numero di componenti del nucleo familiare o voto ad un certo esame). Si noti che Nell impostazione anglosassone questi tipi di grafico prendono il nome di bar chart orientati orizzontalmente o verticalmente. Figura 2 Alcuni esempi di impostazioni grafiche sconsigliate ed altre consigliate Esempio di impostazioni sconsigliate Esempio di impostazioni consigliate Diagramma a nastri Diagramma a barre Fonte: UNECE (2009) Si noti altresì che mentre per le mutabili sconnessee é da preferire il grafico a nastrii di converso se il carattere è qualitatitivo ordinato oppure quantitativo (discreto) è preferibile utilizzare il grafico a barre rispetto a quello a Nastri, in quanto le barre poste sull asse orizzontale consentono di cogliere meglio l ordinamento delle modalità. Tabella 3 Esempio di diagramma a barre

4 Se per uno stesso carattere sono stare osservate due o più distribuzioni semplici s è possibile metterle a confronto utilizzando un unico grafico a barre (o nastri) multipli che permette di d rappresentare contemporaneamente più distribuzioni semplici mettendo a confronto per ciascuna modalità le diverse frequenze. Figura 3 Esempio di grafico a barre multipli Fonte: Borra, Di Ciaccio 2008; p. 37 Un altro modo di confrontare le distribuzioni è dato dai grafici a barre (o nastri) suddivisi (stacked bar chart). In un grafico a barre suddivise ogni barra è riferita ad un particolare collettivo e viene costruitaa mettendo una sopra l altra le barre corrispondenti alle frequenze dellee singole modalità della distribuzione. Questa rappresentazione risulta meno efficace di quella che si puo ottenre con un grafico a barre multiplo. Figura 4 Esempi di grafico a barre multiple Fonte: Borra Di Ciaccio, 2008; p. 39) e UNECE Statistical Database : I pictogrammi I pictogrammi sono dei grafici il cui scopo è essenzialmente divulgativo, spesso per scopi pubblicitari. Essi sono dei grafici in cui si utilizzano figure, simboli e/o disegni attinenti al carattere considerato, di dimensione o numero proporzionale alle frequenze o quantità della distribuzione. Questi grafici generalmenteg e non permettono una precisa valutazione del fenomeno ma si limitano a rendere piùù evidente qualche sua caratteristica.. Ad esempio il pictogramma a figure ripetute si avvale di figure schematizzate ognunaa delle quali corrisponde ad un certo valore del fenomeno

5 Figura 5 Esempi di pictogrammi Fonte: United Nations Statistics Division on line Il diagramma di Pareto Uno strumento grafico per dati qualitativi che spesso fornisce un informazionee visiva superiore sia rispetto al diagramma a barre e sia rispetto alla torta, in particolare all aumentare del numero delle modalità, m è ill diagrammaa di Pareto. Esso è un diagramma a a barre verticali in cui le modalitàà compaionoo in ordine decrescete rispetto alle frequenze e sono combinate con un poligono cumulativo nella stessa scala (si rappresenta anche la spezzata delle frequenze percentuali cumulate). Il diagramma di Pareto è adatto a rappresentare tutti i casi i cui si verifica il Principio di Pareto (per maggiori dettagli si veda Levine D.M.., Krehbiel T.C., Berenson M.L., 2010, pag. 28 e segg). Il vantaggio di questo grafico consiste nella sua capacità di separare le poche modalità rilevanti (a cui è associata una frequenza più alta) da quelle meno rappresentate, consentendo al lettore di concentrarsi sulle modalità più significative. Esso si costruisce partendo dal diagramma a barre semplicemente scambiando l ordine delle modalità in modo da assicurare l ordinamento decrescente dellee frequenze. Istogrammi Nel caso in ci la distribuzione fa riferimento ad un carattere quantitativo continuo (e se i valori si presentavo suddivisi in classi), è possibile ottenere una rappresentazione efficace mediante gli istogrammi. L istogramma è un grafico costituto da barre non distanziate (insieme di rettangoli allineati ognuno dei quali corrisponde ad una determinata classe) con basi uguali o diverse, dove ogni barra possiedee un area proporzionale alla corrispondente frequenza o quantità. Dato un caratteree quantitativo continuo, è possibile dividere il suo campo di d variazionee in classi di uguale o diversa ampiezza. Si noti che nella costruzione dell istogramma è sottintesa l ipotesi che le unità statistiche della base si distribuiscano uniformementee su tutta la base, più precisamente che ad ogni classe unitaria interna a ciascuna classe competono le stesse unità. Nel caso di classi di diversa ampiezza, l area di ogni rettangoloo deve esseree proporzionale alla frequenza corrispondente e dunque l altezza sarà proporzionale al rapporto tra la frequenzaa da rappresentare e l ampiezza della classe (meglio nota come densità). Figura 6 Esempi di Istrogrammi con classi di uguale e di diversa ampiezza

6 Fonte: ISTAT on line Il valore dei dati In alcuni casi si usa tracciare una poligonale che unisce i punti centrali delle basi superiori dei rettangoli dell istogramma. Questo tipo di grafico è chiamato poligonale di frequenze e presenta il vantaggio di consentire la sovrapposizione in uno stesso grafico di più distribuzioni e quindii il loro confronto. Grafici ad aree Questo grafico consiste in una spezzata che unisce i punti che hanno come c coordinate i valori delle frequenze corrispondenti. L area sotto la spezzata viene quindi opportunamente colorata ed il grafico può essere reso in modo tridimensionale. Esso si presta ad evidenziare l andamento temporale del fenomeno. Nell esempio riportato in figura si possono osservare i diversi trapezi rettangoli uniti tra loro: le basi dei trapezi indicano il numero dei laureati nella popolazione in età anni ed il grafico evidenzia l andamento temporale del fenomeno o Figura 7 Esempi di Grafico ad aree Fonte: Borra Di Ciaccio, Nel caso in cui si vogliano confrontare due o pù distribuzioni è possibile riportarle in un unico grafico sovrapponendole (grafico ad aree sovrapposte) ) oppure posizionandole una a fianco all altra (grafico ad areee affiancate). Ad esempio, in figura 6 riportato il grafico ad aree sovrapposte relativo allaa distribuzione degli occupati per settore di attività economica ai censimenti del 1971,, 1981, 1991, 2001, Figura 8 Esempi di Grafico ad aree sovrapposte

7 Fonte: Borra Di Ciaccio, Come altro esempio, in figura 7 é riportato il grafico ad aree affiancate relativo r alla stessa serie di dati inerenti la distribuzione degli occupati per settore di attività economica ai censimenti del 1971, 1981, 1991, 2001,, Figura 9 Esempi di Grafico ad aree sovrapposte Fonte: Borra Di Ciaccio, Grafici a torta (Pie charts) I grafici a torta (detti anche areali) sono particolarmnte utili quando si vuole rappresentare la composizione di un aggregato (sia in termini di valori assoluti che relativi o percentuali). Il generico settore e circolare corrispondentee all iesima modalità è definito dall angolo al centro corrispondente, ottenuto dalla seguente s proporzione: indicando con p j la percentuale relativa alla j esima modalità e con con g j i gradi dell angolo corrispondenc nte ignoto, si deve avere p j g j da cui p j 360 g j 100 Con questo tipo di grafico è buona norma rappresentare le distribuzioni con unn numero di modalità non troppo elevato in quanto aumentando i settori circolari la loro dimensione diminuisce ed è più difficile poterli confrontare.

8 Figura 10 Esempi di grafici a torta Fonte: UNECE (2009) Sebbene i software disponibili possano produrre con estrema facilità grafici a tre dimensioni da taluni considerati attrattivi, è necessario precisare che essi possono fornire rappresentazioni distorte dei dati (confondendo il lettore) e/o non fornire alcunaa informazione aggiuntiva. Figura 11 Esempi di grafici a torta Esempio di impostazione sconsigliata Esempio di impostazione consigliata Fonte: UNECE Statistical Database Grafici radar Essi si rivelano molto utili quando il carattere è ciclico (ad esempio caratteri rilevati mese per mese pssono trovare una adeguata rappresentazione attraverso tali grafici). Per rappresentaree un caratteree qualitativo ciclico attraverso un grafico radar sii suddivide l angolo di 360 grado con tanti raggi quante sonoo le modalità del carattere ed agli angoli compresi tra coppie di raggi si attribuisce stessa ampiezza (per esempio, se le modalità sono i messi dell anno, si avranno dodicii raggi distanziati da angoli di 30 gradi). Infine su ogni raggio si calcola un segmento di lunghezza proporzionale od uguale alla corrispondente frequenza o quantità.

9 Figura 12 Esempi di grafici radar Fonte: Borra Di Ciaccio, 2008; p. 39 Cartogrammi Per rappresentare le serie territoriali spesso di utlizzaa un particolare grafico chiamato c cartogramma. Questo grafico ha come base una mappa sulla quale sono visibili i contorni delle aree geografiche o territoriali rispetto alla quali vengono analizzate le frequenze e le intensità di un carattere (per esempio, la popolazione residente, i nati, l età media, il reddito medio, etc). Un aspetto che caratterizza il cartogramma è il metodo utilizzato nella rappresentazione delle intensità o frequenze all interno delle aree. I cartogrammi a ripetizioni colorate sono dei cartogrammi in cui ogni area della carta è colorata in base alla distribuzione di frequenza. Se il carattere è quantitativo o ordinale alloora il colore avrà un intensità crescente all aumentare dell intensità del fenomeno f che si vuole rappresentare. Se necessario, il carattere verrà suddiviso in classi di uguale ampiezza(eccetto quellee esterne). Figura 13 Esempi di cartogrammi Fonte: Borra Di Ciaccio, 2008 Oltre ai colori, l intensità cirrspondente ad un area può essere rappresentata con un nastro, con una colonna o con un aereogramma.: in questo caso si hannop i cartogrammi i a nastri, i cartogrammi a colonne ed i cartogrammi a cerchi. Scatter plots e diagrammi cartesiani per la rappresentazione delle serie storiche Uno scatter plot permette di illustrare la relazione tra due variabili. Un esempioo è riportato nella figura seguente. s

10 Figura 14 Scatter plot È notoo che una serie storica si riferisce all evolversi nel tempo di un fenomeno osservatoo in determinati istanti oppure conteggiato in peridodi definiti. Per rappresentare talee serie possiamo utilizzare i grafici ad aree ma la l rappresentazione più usuale è quella del diagramma cartesiano soprattutto se si considerano più serie congiuntamente. Il grafico è costituito da una successione di punti individuati su unn piano cartesiano in cui l asse delle ascisse è il tempo e la sse delle ordinate è dato dal carattere osservato. I punti tracciati sul piano possono essere uniti da segmenti che costituiscono nel loro insieme una spezzata (line charts) che rappresentaa schematicamente l andamento del fenomeno nel tempo. Figura 15 Line charts Dual y-axes La rappresentazione grafica con due assi y come riportato di seguito puà essere utilizzata per la rappresentazione di due differenti variabili (es prezzo e quantità) ) nel tempo ma va utilizzata con estrema attenzione e non deve generare confusione. Figura 16 Dual y-axes chart

11 Piramide della popolazione Questa rappresentazione grafica é costitutia sostanzialmente da due distinti istogrammi degli abiatanti per classi di età, quello dei maschi e quello delle femminee (i rettangoli sono posti orizzontalemnte piuttostoche verticalmente). Il genere maschile è convenzionalmentee riportato a sinistra. Figura 17 Piramide della popolazione Box-plot (diagramma a scatola) Esso si costituisce rappresentando su un asse orizzontale la posizione della mediana e dei due quartili (inferiore e superiore) della distribuzioni e completando il disegno con l individuazione di altri estremi. Ha una struttura unidimensionale che consentee facili confronti fra seriee diverse. Figura 18 Box Plot Fonte: ISTAT on line Il valore dei dati Misure di d dispersione

12 Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Napoli Parthenope Diagramma ramo-foglia (Stem and leaf) Questa rappresentazione grafica si basa sull idea di utilizzare nella rappresentazione le stesse cifre che compongono i valori delle misure: le cifre più significative, ordinate verticalmente, vanno a costituire il ramo del grafico (la sua struttura principale) mentre quelle meno significative costituiscono le foglie del diagramma. Se presta all utilizzo con dati senza numerosità eccessiva. In un ipotetico esempio relativo ai prezzi di unam merce ipotetica espressi in euro come di seguito: 290, 370, 470, 350, 485, 375, 540,445,280,425, 380, 430, 320, 345, 350 Avrà un diagramma ramo foglia (relativo ai dati ordinati) del tipo seguente stem leaf Fonte: Istat (1989) Indicando che i dati si distribuiscono in modo abbastanza simmetrico interno al valore centrale di 37. Bibliografia BORRA S. E DI CIACCIO A. (2008), Statistica. Metodologia per le scienze economiche e sociali, McGraw-Hill companies CRIVELLARI (2006), Analisi statistica con R, Apogeo GIRONE G. E SALVEMINI T. (2007), Lezioni di statistica, Cacucci. ISTAT (1989), Manuale di tecniche di indagine: le rappresentazioni grafiche di dati statistici, Note e relazioni, n. 1. ISTAT (on line), Il valore dei dati, url www3.istat.it/servizi/studenti/valoredati LEVINE D. M., KREHBIEL T. C. E BERENSON M. L. (2010), Statistica, V edizione, Prentice Hall PICCOLO D. (2010), Statistica per le decisioni, il Mulino. UNITED NATIONS ECONOMIC COMMISSION FOR EUROPE - UNECE (2009), Making Data Meaningful - Part 2: A guide to presenting statistics UNITED NATIONS STATISTICS DIVISION - UNSTATS (on line), Methodological publications in statistics WAINER H. (1984), How to Display Data Badly, The American Statistician, Vol. 38, No. 2., pp

Statistica. Le rappresentazioni grafiche

Statistica. Le rappresentazioni grafiche Statistica Le rappresentazioni grafiche Introduzione Le rappresentazioni grafiche costituiscono uno dei mezzi più efficaci, sia per descrivere in forma visiva i risultati di numerose osservazioni riguardanti

Dettagli

DATABASE SU EXCEL: I FILTRI

DATABASE SU EXCEL: I FILTRI DATABASE SU EXCEL: I FILTRI È possibile mettere in relazione i dati in base a determinati criteri di ricerca e creare un archivio di dati E necessario creare delle categorie di ordinamento in base alle

Dettagli

Grafici. Lezione 4. Fondamenti di Informatica 2 Giuseppe Manco Ester Zumpano

Grafici. Lezione 4. Fondamenti di Informatica 2 Giuseppe Manco Ester Zumpano Fondamenti di Informatica 2 Giuseppe Manco Ester Zumpano Grafici Lezione 4 Grafici e cartine Grafici [1/13 1/13] Rappresentare graficamente le informazioni per renderle interessanti e facilmente comprensibili.

Dettagli

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Università degli Studi di Padova Facoltà di Psicologia, L4, Psicometria, Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Statistica descrittiva e inferenziale

Dettagli

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009 Il Concetti generali di Statistica) Corso Esperto in Logistica e Trasporti Elementi di Statistica applicata Elementi di statistica descrittiva I Marzo 009 Concetti Generali di Statistica F. Caliò franca.calio@polimi.it

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1 CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Un breve riepilogo: caratteri, unità statistiche e collettivo UNITA STATISTICA: oggetto dell osservazione

Dettagli

Calcolo delle Probabilità e Statistica CLASSI TERZE

Calcolo delle Probabilità e Statistica CLASSI TERZE Calcolo delle Probabilità e Statistica CLASSI TERZE Descrizione dei fenomeni collettivi 1. Unità statistica e dato statistico L unità statistica è il più piccolo elemento su cui è possibile effettuare

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Grafici Grafico a barre Servono principalmente per rappresentare variabili (caratteri) qualitative, quantitative e discrete. Grafico a settori circolari (torta)

Dettagli

Rappresentazioni grafiche

Rappresentazioni grafiche 1. Le rappresentazioni grafiche delle distribuzioni statistiche: scopi e classificazione Le rappresentazioni grafiche hanno lo scopo di illustrare, mediante figure, linee o segmenti, superfici o aree,

Dettagli

Indice Statistiche Univariate Statistiche Bivariate

Indice Statistiche Univariate Statistiche Bivariate Indice 1 Statistiche Univariate 1 1.1 Importazione di un file.data.............................. 1 1.2 Medie e variabilità................................... 6 1.3 Distribuzioni di frequenze...............................

Dettagli

Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica-Geografia. Libro consigliato: Computer _Riccardo Paci_ZANICHELLI da pag.

Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica-Geografia. Libro consigliato: Computer _Riccardo Paci_ZANICHELLI da pag. 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica-Geografia Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.203 a pag.208 Unità aggiornata: 7/2012

Dettagli

Lezione 1- Introduzione. Statistica medica e Biometria. Statistica medica-biostatistica. Prof. Enzo Ballone

Lezione 1- Introduzione. Statistica medica e Biometria. Statistica medica-biostatistica. Prof. Enzo Ballone Lezione 1- Introduzione Cattedra di Biostatistica Dipartimento di Scienze sperimentali e cliniche, Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti Pescara Prof. Enzo Ballone Statistica medica e Biometria

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

Statistica descrittiva univariata

Statistica descrittiva univariata Statistica descrittiva univariata Elementi di statistica 2 1 Tavola di dati Una tavola (o tabella) di dati è l insieme dei caratteri osservati nel corso di un esperimento o di un rilievo. Solitamente si

Dettagli

La Statistica: individuazione, calcolo e interpretazione delle principali variabili economiche e sociali

La Statistica: individuazione, calcolo e interpretazione delle principali variabili economiche e sociali Orientamento consapevole X incontro La Statistica: individuazione, calcolo e interpretazione delle principali variabili economiche e sociali prof.ssa Angela Maria D'Uggento angelamaria.duggento@uniba.it

Dettagli

Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali - a.a. 2013-2014

Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali - a.a. 2013-2014 Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali - a.a. 2013-2014 Il boxplot o diagramma a scatola e baffi, è un grafico, utilizzato per la rappresentazione di variabili

Dettagli

Indice. 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3 LEZIONE ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA PROF. CRISTIAN SIMONI Indice 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3 1.1. Popolazione --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Introduzione e Statistica descrittiva Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Introduzione

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di Area Tecnica. Corso di Statistica e Biometria. Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di Area Tecnica. Corso di Statistica e Biometria. Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale di Area Tecnica Corso di Statistica e Biometria Statistica descrittiva 1 Statistica Funzioni Descrittiva Induttiva (inferenziale) Statistica

Dettagli

Modelli descrittivi, statistica e simulazione

Modelli descrittivi, statistica e simulazione Modelli descrittivi, statistica e simulazione Master per Smart Logistics specialist Roberto Cordone (roberto.cordone@unimi.it) Statistica descrittiva Cernusco S.N., giovedì 21 gennaio 2016 (9.00/13.00)

Dettagli

GUIDA PER LA SPERIMENTAZIONE UNITA DIDATTICHE (TRACCE)

GUIDA PER LA SPERIMENTAZIONE UNITA DIDATTICHE (TRACCE) Sperimentazione Didattica in Statistica nella Scuola Media GUIDA PER LA SPERIMENTAZIONE UNITA DIDATTICHE (TRACCE) O. Giambalvo, A.M. Milito Materiali per la formazione dei docenti nell'ambito della ricerca

Dettagli

Le figure seguenti sono tratte dal libro di Gabaglio.

Le figure seguenti sono tratte dal libro di Gabaglio. In Italia, Antonio Gabaglio (1840 1909), professore di statistica all Università di Pavia, pubblica nel 1888 la seconda edizione della sua Teoria generale della statistica, un opera importante per affermare

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA

STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA Capitolo zero: STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA La STATISTICA è la scienza che si occupa di fenomeni collettivi che richiedono lo studio di un grande numero di dati. Il termine STATISTICA deriva dalla

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DEI DATI

RAPPRESENTAZIONE DEI DATI Rappresentazione dei Dati RAPPRESENTAZIONE DEI DATI Quando si dispone di un alto numero di misure della stessa grandezza fisica è opportuno organizzarle in modo da rendere evidente Quandoil si loro dispone

Dettagli

Esplorazione dei dati

Esplorazione dei dati Esplorazione dei dati Introduzione L analisi esplorativa dei dati evidenzia, tramite grafici ed indicatori sintetici, le caratteristiche di ciascun attributo presente in un dataset. Il processo di esplorazione

Dettagli

Introduzione al Graphic Design

Introduzione al Graphic Design Introduzione al Graphic Design Principi di Design Utilizzando gli elementi formali, descritti nella prima unità didattica, nella realizzazione di una composizione grafica andremo ad applicare dei principi

Dettagli

Esempio di introduzione. della statistica a scuola

Esempio di introduzione. della statistica a scuola 1 Esempio di introduzione della statistica a scuola 2 3 4 5 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA (EXCEL) IMPARARE A DEDURRE E IPOTIZZARE DAI VARI TIPI DI GRAFICI 6 La rappresentazione grafica: impariamo a rappresentare

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard DISTRIBUZIONE DI FREQUENZE PER CARATTERI QUALITATIVI Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000,

Dettagli

Analisi dei Dati e Statistica a.a. 2011/2012. Prof. Giuseppe Espa. giuseppe.espa@economia.unitn.it 0461/282157. Statistica descrittiva (prima parte)

Analisi dei Dati e Statistica a.a. 2011/2012. Prof. Giuseppe Espa. giuseppe.espa@economia.unitn.it 0461/282157. Statistica descrittiva (prima parte) a.a. 2011/2012 giuseppe.espa@economia.unitn.it 0461/282157 Statistica descrittiva (prima parte) D.J. Sweeney, T.A. Williams, D.R. Anderson (2009) Fundamentals of Business Statistics (5th edition International

Dettagli

AREA LOGICO-MATEMATICA

AREA LOGICO-MATEMATICA SCUOLA DELL INFANZIA AREA LOGICO-MATEMATICA TRAGUARDI SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI NUCLEO: NUMERO E SPAZIO PREREQUISITI -Raggruppare e ordinare secondo criteri diversi, confrontare e valutare

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Biotecnologie. Corso di Statistica Medica. Statistica Descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Biotecnologie. Corso di Statistica Medica. Statistica Descrittiva Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Biotecnologie Corso di Statistica Medica Statistica Descrittiva Corso di laurea in biotecnologie - Statistica Medica Statistica descrittiva 1 I dati

Dettagli

Dai dati ai grafici e ritorno A cura di Paola Ranzani, Gianpaolo Baruzzo, Serenella Bartolomei

Dai dati ai grafici e ritorno A cura di Paola Ranzani, Gianpaolo Baruzzo, Serenella Bartolomei Dai dati ai grafici e ritorno A cura di Paola Ranzani, Gianpaolo Baruzzo, Serenella Bartolomei Introduzione...2 Descrizione dell attività...2 Prima fase - Classifichiamo e analizziamo informazioni espresse

Dettagli

ESERCIZI. Test di autoverifica... 60 Prova strutturata conclusiva... 62 ESERCIZI

ESERCIZI. Test di autoverifica... 60 Prova strutturata conclusiva... 62 ESERCIZI Indice capitolo Elementi di statistica descrittiva... 2 3 4 5 6 Generalità sulla statistica... 2 Distribuzioni statistiche... 3 Rappresentazioni grafiche... 9 Medie statistiche... 6 Indici di variabilità...

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

introduzione alla StatiStica

introduzione alla StatiStica 36 lezioni digitali aritmetica 1 - unità 7 introduzione alla StatiStica tempi In aula: circa 9 ore luoghi contenuti digitali Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Aula multimediale Per alcune attività

Dettagli

Elementi di Statistica descrittiva Parte I

Elementi di Statistica descrittiva Parte I Elementi di Statistica descrittiva Parte I Che cos è la statistica Metodo di studio di caratteri variabili, rilevabili su collettività. La statistica si occupa di caratteri (ossia aspetti osservabili)

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

OCCUPATI SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA

OCCUPATI SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA ESERCIZIO 1 La tabella seguente contiene i dati relativi alla composizione degli occupati in Italia relativamente ai tre macrosettori di attività (agricoltura, industria e altre attività) negli anni 1971

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI Numeri naturali Ordinalità Cardinalità Ricorsività Confronto Misura Valore posizionale Operazioni Contare

Dettagli

Cenni di statistica descrittiva

Cenni di statistica descrittiva Cenni di statistica descrittiva La statistica descrittiva è la disciplina nella quale si studiano le metodologie di cui si serve uno sperimentatore per raccogliere, rappresentare ed elaborare dei dati

Dettagli

Controllo Statistico della Qualità (alcune note)

Controllo Statistico della Qualità (alcune note) Controllo Statistico della Qualità (alcune note) Prof.ssa Paola Vicard 1 Tecniche Statistiche per l Analisi della Qualità e della Soddisfazione 2 Le tecniche statistiche costituiscono (insieme ad altri

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti.

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. MATEMATICA NUCLEO TEMATICO: I NUMERI Classe prima Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. Inglese (concetto di grande e piccolo; Costruire

Dettagli

RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE

RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE Prendiamo in considerazione altre rappresentazioni di dati che sono strumenti utili anche in altre discipline di studio o altri settori della vita quotidiana. Questi strumenti

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

Rappresentazioni grafiche dei dati

Rappresentazioni grafiche dei dati Rappresentazioni grafiche dei dati Una volta raccolti i dati necessari per la propria analisi, si deve scegliere una o più modalità efficaci per evidenziare il valore informativo contenuto nei dati stessi.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI Come abbiamo visto, su ogni unità statistica si rilevano una o più informazioni di interesse (caratteri). Il modo in cui un carattere si manifesta in un unità statistica è

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA MATEMATICA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Raggruppa e ordina secondo criteri diversi. Confronta e valuta quantità. Utilizza semplici simboli per registrare. Compie

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico Capitolo 4 4.1 Il foglio elettronico Le più importanti operazioni richieste dall analisi matematica dei dati sperimentali possono essere agevolmente portate a termine da un comune foglio elettronico. Prenderemo

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA MATEMATICA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L ALUNNO SVILUPPA UN ATTEGGIAMENTO POSITIVO RISPETTO ALLA MATEMATICA,

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico Parte 6 Fogli Elettronici: MS Excel Elementi di Informatica - AA. 2008/2009 - MS Excel 0 di 54 Foglio Elettronico Un foglio elettronico (o spreadsheet) è un software applicativo nato dall esigenza di:

Dettagli

Anno Accademico 2014-2015. Corso di Laurea in Economia Aziendale Università di Bologna STATISTICA

Anno Accademico 2014-2015. Corso di Laurea in Economia Aziendale Università di Bologna STATISTICA Statistica, CLEA p. 1/68 Anno Accademico 2014-2015 Corso di Laurea in Economia Aziendale Università di Bologna STATISTICA Monia Lupparelli monia.lupparelli@unibo.it http://www2.stat.unibo.it/lupparelli

Dettagli

Per forma di una distribuzione si intende il modo secondo il quale si dispongono i valori di un carattere intorno alla rispettiva media.

Per forma di una distribuzione si intende il modo secondo il quale si dispongono i valori di un carattere intorno alla rispettiva media. FORMA DI UNA DISTRIBUZIONE Per forma di una distribuzione si intende il modo secondo il quale si dispongono i valori di un carattere intorno alla rispettiva media. Le prime informazioni sulla forma di

Dettagli

LABORATORIO EXCEL XLSTAT 2008 SCHEDE 2 e 3 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO EXCEL XLSTAT 2008 SCHEDE 2 e 3 VARIABILI QUANTITATIVE Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.unige/pls_statistica Responsabili scientifici M.P. Rogantin e E. Sasso (Dipartimento di Matematica Università di Genova) LABORATORIO EXCEL

Dettagli

PowerPoint: utilizzare al meglio i grafici speciali per realizzare presentazioni efficaci. Se un disegno vale più di.

PowerPoint: utilizzare al meglio i grafici speciali per realizzare presentazioni efficaci. Se un disegno vale più di. PowerPoint: utilizzare al meglio i grafici speciali per realizzare presentazioni efficaci Vi spieghiamo come utilizzare questi potenti strumenti di comunicazione per presentare analisi particolari o descrivere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDA E TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA SETTEMBRE 2003 COMPETENZE IN NUMERO Obiettivi: - Contare, eseguire semplici operazioni

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

STATISTICA E PROBABILITá

STATISTICA E PROBABILITá STATISTICA E PROBABILITá Statistica La statistica è una branca della matematica, che descrive un qualsiasi fenomeno basandosi sulla raccolta di informazioni, sottoforma di dati. Questi ultimi risultano

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE Nella comunicazione una figura vale più di cento numeri e di mille parole! 1 SCOPI DELLE

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

Esercizi di Statistica

Esercizi di Statistica Esercizi di Statistica Selezione di esercizi proposti durante le esercitazioni dei corsi di Statistica tenute presso la Facoltà di Economia dell Università di Salerno Versione del 17 ottobre 2006 2 Per

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA ATTIVITÀ DI ANALISI QUESITI INVALSI GRUPPO DI LAVORO DI PARMA Coordinamento prof. P. VIGHI ANALISI QUESITI RELATIVI A: FASCICOLO somministrato nella 2^ classe PRIMARIA a.s. 2013-2014 FASCICOLO somministrato

Dettagli

Grafici delle distribuzioni di frequenza

Grafici delle distribuzioni di frequenza Grafici delle distribuzioni di frequenza L osservazione del grafico può far notare irregolarità o comportamenti anomali non direttamente osservabili sui dati; ad esempio errori di misurazione 1) Diagramma

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli

1 La Matrice dei dati

1 La Matrice dei dati Dispense sull uso di Excel Daniela Marella 1 La Matrice dei dati Un questionario è costituito da un insieme di domande raccolte su un determinato supporto (cartaceo o elettronico) e somministrate alla

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale NUMERI -L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali entro le centinaia di migliaia. -L alunno si muove nel calcolo scritto e con i numeri naturali entro le migliaia.

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Analisi della performance temporale della rete

Analisi della performance temporale della rete Analisi della performance temporale della rete In questo documento viene analizzato l andamento nel tempo della performance della rete di promotori. Alcune indicazioni per la lettura di questo documento:

Dettagli

Office automation dispensa su Excel 1

Office automation dispensa su Excel 1 Office automation dispensa su Excel 1 EXCEL Introduzione Grazie ai fogli elettronici il lavoro di trattamento e di analisi dei dati numerici è diventato molto più semplice. Oltretutto, questi programmi

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della matematica. Obiettivi di apprendimento NUMERI Acquisire

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento UNITA DI 1 Numeri. MATEMATICA Conoscenze: Rappresentazione dei numeri in base dieci, entro il 100: il valore posizionale delle cifre. Le quattro operazioni tra numeri naturali entro il 100. Il significato

Dettagli

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro Pivot è bello Livello scolare: 1 biennio Abilità Conoscenze interessate Predisporre la struttura della Distribuzioni delle matrice dei dati grezzi con frequenze a seconda del riguardo a una rilevazione

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Capitolo III ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA. 2. Tipi di dati e scale di misurazione

Capitolo III ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA. 2. Tipi di dati e scale di misurazione Cap. III - Elementi di statistica descrittiva 43 Cap. III - Elementi di statistica descrittiva 44 Capitolo III ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA interrelazioni con le variabili considerate influenti sul

Dettagli

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE DESCRIZIONE DEI DATI DA ESAMINARE Sono stati raccolti i dati sul peso del polmone di topi normali e affetti da una patologia simile

Dettagli

Lo scopo di questo capitolo è quello di introdurre le principali tecniche di descrizione dei dati.

Lo scopo di questo capitolo è quello di introdurre le principali tecniche di descrizione dei dati. Indice 1 Descriviamo i Dati 1 1.1 L Informazione in Statistica................... 1 1.2 Variabili Qualitative....................... 5 1.2.1 Distribuzioni di Frequenza................ 5 1.2.2 Rappresentazioni

Dettagli

Laboratorio di ST1 Lezione 2

Laboratorio di ST1 Lezione 2 Laboratorio di ST1 Lezione 2 Claudia Abundo Dipartimento di Matematica Università degli Studi Roma Tre Frequenze in R ESEMPIO Fiori preferiti da n=6 ragazze In R: fiori=c("rosa", "orchidea", "violetta",

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

CONTROLLI STATISTICI

CONTROLLI STATISTICI CONTROLLI STATISTICI Si definisce Statistica la disciplina che si occupa della raccolta, effettuata in modo scientifico, dei dati e delle informazioni, della loro classificazione, elaborazione e rappresentazione

Dettagli

NORMATIVA PER IL DISEGNO TECNICO

NORMATIVA PER IL DISEGNO TECNICO NORMATIVA PER IL DISEGNO TECNICO NORMAZIONE ED UNIFICAZIONE. Il Disegno tecnico è regolato da norme. Una norma è un documento, elaborato con il consenso degli interessati ed approvato da un organismo ufficialmente

Dettagli

Statistica Applicata all edilizia Lezione 2: Analisi descrittiva dei dati

Statistica Applicata all edilizia Lezione 2: Analisi descrittiva dei dati Lezione 2: Analisi descrittiva dei dati E-mail: orietta.nicolis@unibg.it 1 marzo 2011 Prograa 1 Analisi grafica dei dati 2 Indici di posizione Indici di dispersione Il boxplot 3 4 Prograa Analisi grafica

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare

Dettagli

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore.

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale

Biblioteca di Economia aziendale Approfondimenti Strumenti matematici utilizzabili in Economia aziendale Tabelle e grafici nello studio dei fenomeni aziendali Nello svolgimento della loro attività gli operatori economici necessitano di

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SPECIFICHE Numeri! Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure in

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli