Mercaticoncorrenziali:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mercaticoncorrenziali:"

Transcript

1 Mercaticoncorrenziali: applicazioni

2 Sommario del Capitolo 10 1.Introduzione 2.La mano invisibile 3.Tasse sul consumo(accise) 4.Sussidi 5.La regolamentazione del prezzo: il prezzo massimo 6.La regolamentazione del prezzo: il prezzo minimo 7.Quote di produzione 8.Il sostegno ai prezzi nel settore agricolo 9.Quote di importazione e tariffe doganali 2

3 Introduzione Lo Statointervieneneimercaticon unaseriedi strumenti: imposizionediprezzimassimie minimi, tassazione dei consumi o della produzione di beni, ecc. Vedremoglieffettidiquestiinterventisumercatiche, altrimenti, sarebbero perfettamente concorrenziali. L approcciocheuseremoè di equilibrioparziale e non di equilibrio generale. Studieremo interventi motivati da intenti diversi dalla correzione di esternalità e dalla tutela dei consumatori.

4 L efficienza economica in un mercato concorrenziale 4

5 L efficienza economica in un mercato concorrenziale In corrispondenzadell equilibrioconcorrenziale, R (6,8), il surplus totale è massimo. Surplus dei consumatori: AVR( 36 milioni) Surplus dei produttori: AWR( 18 milioni) Surplus totale: VRW( 54 milioni) 5

6 La mano invisibile Definizione: Si ha efficienza economica quando il beneficio economico netto (somma dei surplus) è massimizzato. Ogni consumatore disposto a pagare un prezzo superiore al costo necessario a produrre un unità addizionale può farlo; ogni consumatore non disposto a pagare almeno il costo di produzione non compra. In corrispondenza dell equilibrio perfettamente concorrenziale, i benefici derivanti dallo scambio (tra consumatori e produttori) sono massimizzati." L equilibrio perfettamente concorrenziale conduce all efficienza economica. 6

7 Tasse sul consumo (accise) Un accisa è una tassa applicata su uno specifico prodotto (benzina, alcol, tabacco, biglietti aerei...) Il prezzo pagato dai consumatori eccede il prezzo ricevuto dai produttori dell ammontare della tassa T La perdita secca è la riduzione del beneficio economico netto risultante da un inefficiente allocazione delle risorse. 7

8 Prezzo (eu uro per unità) A B Gli effetti di un accisa L intersezione tra la curva di domanda D e la curva S+ 6 determina la quantità di equilibrio (4). I consumatori pagano un prezzo di 12 (punto M), mentre i produttori incassano un prezzo di 6 (punto N) H G C M N E F Se il Governo impone una tassa di 6 per unità, la curva S+ 6 indica la quantità che i produttori offriranno quando il prezzo applicato al consumatore è pari al costo marginale di produzione più l importo della tassa. S + 6 Prima dell introduzione della tassa, il surplus del consumatore è pari all area A+B+C+E S mentre il surplus del produttore è pari all area F+G+H 2 4 Quantità (milioni di unità all anno) Dopo l introduzione della tassa, Quindi, mentre il surplus la l area perdita del B+C+Gmisura produttore il surplus del consumatore Dsecca è data si il si riduce gettito dall area fiscale E+FH riduce all area A

9 Gli effetti di un accisa Riassumendo, gli effetti di un accisa sono: 1. Il mercato sottoproduce rispetto al livello di produzione efficiente 2. Il surplus del consumatore e del produttore saranno inferiori a quelli senza l accisa 3. Ci sarà un effetto positivo sul bilancio pubblico 4. Ci sarà una riduzione del beneficio economico netto, cioè ci sarà una perdita secca

10 Gli effetti di un accisa Tali effetti sono indipendenti da chi paga amministrativamente la tassa. L esempio precedente si basa sul fatto che la tassa la paga il produttore (la domanda non cambia a seguito dell intoduzione dell accisa). Il medesimo equilibrio e i medesimi effetti si avrebbero se la tassa la pagasse il consumatore (in tal caso l offerta non cambierebbe a seguito dell accisa)

11 Gli effetti di un accisa 20 S + 6 Prezzo (eu uro per unità) N M S 2 D Quantità (milioni di unità all anno) D 11

12 Gli effetti di un accisa (Es. svolto 10.1) Sia:Qd=10-0,5Pd Qs =-2+Ps seps>=2 = 0 seps<2 a) In assenza di tassa quali sono il prezzo e la quantità di equilibrio? b) Supponete che il Governo imponga una tassa di 6 euro per unità. Quale sarà la nuova quantità di equilibrio? Quale prezzo pagheranno i consumatori? Quale prezzo riceveranno i venditori?

13 Gli effetti di un accisa (Es. svolto 10.1) Sia: a) Inassenzaditassa: Pd=Ps Qs=Qd da cui: 10-0,5P=-2+P => 12=1,5P => P=8 Sostituendo8in10-0,5P=Qsiottiene:Q=10-0,5x8=6 b) Conunatassadi6europerunità Pd=Ps+6 Qs=Qd da cui: 10-0,5Pd=-2+Ps =>10-0,5(Ps+6)=-2+Ps => 9=1,5Ps =>Ps=6 =>Pd=Ps+6=12 =>Q=-2+Ps=-2+6=4

14 L incidenza di una tassa Domanda: chi paga effettivamente l imposta? NB: questa domanda è diversa da chi paga amministrativamente l imposta. L incidenza di una tassa è la misura dell impatto di una tassa sui prezzi che i consumatori pagano e che i venditori ricevono in un mercato. La tassa inciderà di più su quella, fra domanda e offerta, che è più rigida(cioè meno elastica). 14

15 L incidenza di una tassa 15

16 La relazione tra l incidenza di una tassa e le elasticità dell offerta e della domanda è: P d / P s = ε Q s,p /ε Q d,p L incidenza di una tassa ε Q s,p =l elasticitàdell offerta ε Q d,p =l elasticitàalprezzodelladomanda Si consideri l effetto di una piccola tassa in un mercato inequilibrio(q *,P * ). ε Q d,p= ( Q/Q * )/( P d /P * ) Q/Q * = ( P d /P * ) ε Q d,p ε Q s,p= ( Q/Q * )/( P s /P * ) Q/Q * = ( P s /P * ) ε Q s,p ma poichè il mercato sarà in equilibrio, Q/Q * deve avere lo stesso valore in entrambi i casi, quindi ( P d /P * ) ε Q d,p= ( P s /P * ) ε Q s,p 16

17 Esempio: L incidenza di una tassa Sia ε Q d,p =-0,5 e ε Q s,p =2. Allora P d / P s = 2/(-0,5) = -4 Interpretazione: l aumento del prezzo pagato dai consumatori sarà pari a quattro volte la diminuzione del prezzo ricevuto dai produttori. Se vieneimpostaunatassadi 1,ilprezzopagatodai consumatori aumenterà di 0,80, mentre il prezzo ricevuto dai produttori diminuirà di 0,20 17

18 Sussidi (o sovvenzioni) Il sussidio può essere considerato come una tassa negativa. Il prezzo pagato dai consumatori è minore del prezzo ricevuto dai produttori di un ammontare pari al sussidio T Gli effetti di un sussidio sono: 1. Il mercato sovraproduce rispetto al livello di produzione efficiente 2. Il surplus del consumatore e del produttore saranno maggiori a quelli senza l accisa 3. Ci sarà un effetto negativo sul bilancio pubblico 4. Ci sarà una riduzione del beneficio economico netto, cioècisaràunaperditasecca 18

19 Gli effetti di un sussidio Prezzo (eu uro per unità) 20 Prima dell introduzione della tassa, il surplus del consumatore è pari all area A+B P s = 9 P * = 8 P d = 6 A mentre il surplus del produttore è pari all area E+F 2 B E F Se il Governo offre un sussidio di 3 per unità, la curva S- 3 indica la quantità che i produttori offriranno quando il prezzo applicato al consumatore è pari al costo marginale di produzione meno l importo del sussidio. Q * = 6 Q 1 = 7 Quantità (milioni di unità all anno) C G K J S - 3 S Sussidio di 3 per unità prodotta L intersezione tra la curva di domanda De la curva S- 3 determina la quantità di equilibrio (7). I consumatori pagano un prezzo di 6, mentre i produttori incassano un prezzo di 9 D 10 19

20 Gli effetti di un sussidio 20 il surplus del produttore aumenta dell area B+ C. Prezzo (eu uro per unità) P s = 9 P * = 8 P d = 6 L effetto netto complessivo è quello di una perdita secca pari all area J 2 A B E F Q * = 6 Q 1 = 7 Quantità (milioni di unità all anno) C G K J mentre l uscitadel governo è pari all area B+C+E+G+K+J S - 3 S Sussidio di 3 per unità prodotta Dopo l introduzione del sussidio, il surplus del consumatore aumenta dell area E+G+K D 10 20

21 Gli effetti di un sussidio (Es. svolto 10.2) Sia:Qd=10-0,5Pd Qs =-2+Ps seps>=2 = 0 seps<2 NB: stesse curve di domanda e di offerta dell esercizio svolto 10.1 a) Supponete che il Governostabiliscaun sussidio di 3 europer unità. Trovate la quantità di equilibrio, il prezzo che pagheranno i compratori e il prezzo che riceveranno i venditori?

22 Gli effetti di un sussidio (Es. svolto 10.2) Conunsussidioparia3europerunità Pd+3=Ps Qs=Qd da cui: 10 0,5Pd= 2+Ps =>10 0,5(Ps 3)= 2+Ps => 13,5=1,5Ps =>Ps=9 =>Pd=Ps 3=9 3=6 =>Q=-2+Ps=-2+9=7

23 Il prezzo massimo Un governo, in un mercato, può definire un prezzo massimo ammissibile. Esempio: equo canone. Il prezzo massimo ha effetto solo se è inferiore al prezzo di equilibrio. 23

24 Il prezzo massimo Gli effetti di un prezzo massimo sono: 1. Ilmercatononsaràinequilibrioecisaràuneccessodi domanda per il bene 2. Il mercato sottoproduce rispetto alla quantità efficiente 3. Il surplus del produttore sarà minore a quello senza prezzo massimo 4. Parte del surplus del produttore sarà trasferito al consumatore 5. Il surplus del consumatore può aumentare o diminuire a seconda di quali consumatori acquisteranno il bene 6. Ci sarà una riduzione del beneficio economico netto, cioècisaràunaperditasecca

25 Il prezzo massimo

26 Gli effetti di un prezzo massimo (Es. svolto 10.3) Sia:Qd=10-0,5Pd Qs =-2+Ps seps>=2 = 0 seps<2 NB: stesse curve di domanda e di offerta degli esercizi svolti Supponete che il Governo stabilisca un prezzo massimo di 6 euro. a) Qual è la dimensione della carenza (o scarsità) del bene scambiato nel mercato in presenza del prezzo massimo? E qual è il surplus del produttore? b) Nell ipotesi che ad acquistare il bene siano gli acquirenti con la più alta disponibilità a pagare, qual è il massimo surplus del consumatore? Qual è il beneficio economico netto? A quanto ammonta la perdita di beneficio sociale netto(perdita secca)? c) Nell ipotesi che ad acquistare il bene siano gli acquirenti con la minima disponibilità a pagare, qual è il minimo surplus del consumatore? Qual è il beneficio economico netto? A quanto ammonta la perdita di beneficio sociale netto(perdita secca)?

27 Gli effetti di un prezzo massimo (Es. svolto 10.3) 27

28 Il prezzo minimo I governi talvolta stabiliscono prezzi minimi per determinati beni e servizi. Esempio: salario minimo. Un prezzo minimo ha effetto solo se è superiore al prezzo di equilibrio. 28

29 Il prezzo minimo Gli effetti di un prezzo minimo sono: 1. Ilmercatononsaràinequilibrioecisaràuneccessodi offerta per il bene 2. I consumatori acquisteranno una quantità inferiore rispetto alla quantità efficiente 3. Il surplus del consumatore sarà inferiore a quello senza prezzo minimo 4. Parte del surplus del consumatore sarà trasferito al produttore 5. Il surplus del produttore può aumentare o diminuire a seconda di quali produttori venderanno il bene 6. Ci sarà una riduzione del beneficio economico netto, cioècisaràunaperditasecca

30 Il salario minimo

31 Gli effetti di un prezzo minimo (Es. svolto 10.4) Sia:Qd=10-0,5Pd Qs =-2+Ps seps>=2 = 0 seps<2 NB: stesse curve di domanda e di offerta degli esercizi svolti Supponete che il Governo stabilisca un prezzo minimo di 12 euro. a) A quanto ammonta l eccesso di offerta nel mercato in cui vige il prezzo minimo? Qual è il surplus del consumatore? b) Qualèilvaloremassimodelsurplusdelproduttoresesiipotizzachesiano i produttori con costi inferiori a vendere il bene? Qual è il beneficio economico netto? A quanto ammonta la perdita di beneficio sociale netto (perdita secca)? c) Qualèilvaloreminimodelsurplusdelproduttoresesiipotizzachesianoi produttori con i costi più elevati a vendere il bene? Qual è il beneficio economico netto? A quanto ammonta la perdita di beneficio sociale netto (perdita secca)?

32 Gli effetti di un prezzo minimo (Es. svolto 10.4) 32

33 Quote di produzione Una quota di produzione rappresenta un limite posto al numero dei produttori presenti sul mercato oppure all ammontare che ogni produttore può vendere. Esempio: Licenze di taxi. La quota ha lo scopo di limitare la quantità che i produttori possono offrire. 33

34 Quote di produzione Gli effetti delle quote di produzione sono: 1. Ilmercatononsaràinequilibrioecisaràuneccessodi offerta per il bene 2. I consumatori acquisteranno una quantità inferiore rispetto alla quantità efficiente 3. Il surplus del consumatore sarà inferiore a quello senza prezzo minimo 4. Parte del surplus del consumatore sarà trasferito al produttore 5. Il surplus del produttore può aumentare o diminuire a seconda di quali produttori venderanno il bene 6. Ci sarà una riduzione del beneficio economico netto, cioècisaràunaperditasecca

35 Quote di produzione 35

36 Confronto tra tassa, prezzo minimo e quota (Es. svolto 10.5) Negli esercizi precedenti i prezzi per il consumatore aumentano a 12 euro nelle seguenti modalità di intervento: 1. Unatassadi6euro 2. Unprezzominimodi12euro 3. Unaquotadiproduzionedi4milionidiunità a) Quanto saranno differenti i surplus dei consumatori nei 3 casi? b) Con quali forme di intervento è lecito aspettarsi che i produttori presenti nel mercato siano quelli più effcienti(cioè quelli che si trovano nella parte più bassa della curva di offerta)? c) Quale (o quali) delle tipologie di intervento sarà preferita dai produttori? d) Quale (o quali) delle tipologie di intervento pubblico causerà la minore perdita secca?

37 Confronto tra tassa, prezzo minimo e quota (Es. svolto 10.5) a) I surplus dei consumatori nei 3 casi saranno uguali, pagando loroinognicaso12euro b) La tassa non crea disequilibrio, per cui saranno certamente i produttori con i minori costi quelli che produrranno il bene. Le quote dovrebbero garantire meglio del prezzo minimo che i produttori con minori costi producano il bene, anche se dipende dall esistenza di un mercato per le quote. c) I produttori non gradiscono la tassa, perché certamente diminuisce il loro surplus mentre gradiscono il prezzo minimo elequote d) Prezzo e quantità sono uguali nei tre casi. Dipende quindi tutto dal surplus del produttore, e quindi da quali produttori alla fine producono il bene(punto b).

38 Sostegno dei prezzi nel settore agricolo 1. Programmi di limitazione delle superfici coltivate. 2. Programmi di acquisto governativo (per sostenere un prezzo superiore a quello di equilibrio in un mercato). 38

39 Programmi di limitazione delle superfici coltivate 39

40 Programmi di acquisto governativo 40

41 Quote di importazione e tariffe doganali Una quota di importazione (o contingentamento) è un limite posto alla quantità complessiva di un certo bene che può essere importata. Unatariffadoganaleèunatassaimpostasuunbene importato. C è una differenza? Le quote di importazione non generano entrate per lo Stato. Quindi, sebbene i surplus dei consumatori e dei produttori nazionali coincidano nei due casi, la perdita di benessere sociale netto risulta inferiore con la tariffa rispetto alla quota. 41

42 Quote di importazione 42

43 Tariffe doganali 43

44 Gli effetti di una tariffa sulle importazioni (Es. svolto 10.6) Siano Qd = 100 P e Qs = P la domanda e l offerta nazionale di DVD. Le quantità sono in migliaia di unità. I lettori di DVD possono essere importati al prezzo mondiale di 20 euro. Il governo sta pianificando di imporre una tariffa unitaria di 10 euro per ogni DVD importato. a) Con l imposizione della tariffa, quanti lettori saranno importati? Di quanto cambierebbe il surplus dei consumatori nazionali se il governo introducesse un dazio di 10 euro per ogni lettore di DVD importato? Quali entrate potrebbe ricavare il governo dalle importazioni di lettori DVD?

45 Gli effetti di una tariffa sulle importazioni (Es. svolto 10.6)

46 Intervento dello Stato: vincitori & vinti Tipo di intervento Tasse sul consumo Effetto sulla quantità (interna) Effetto sul surplus dei consumatori (nazionali) Effetto sul surplus dei produttori (nazionali) Effetto sul bilancio pubblico (nazionale) Perdita secca (interna)? Diminuisce Diminuisce Diminuisce Positivo Si Sussidi Aumenta Aumenta Aumenta Negativo Si Prezzo massimo Prezzo minimo Quote di produzione Quote di importazione Diminuisce: eccesso di domanda Diminuisce: eccesso di offerta Diminuisce: eccesso di offerta Aumenta o diminuisce Diminuisce Diminuisce Diminuisce Zero Si Aumenta o diminuisce Aumenta o diminuisce Zero Zero Diminuisce Diminuisce Aumenta Zero Si Tariffe doganali Diminuisce Diminuisce Aumenta Positivo Si Si Si 46

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni CAPITOLO 10 Mercati concorrenziali: applicazioni 1 1 L efficienza economica in un mercato concorrenziale 2 2 L efficienza economica in un mercato concorrenziale In corrispondenza dell equilibrio perfettamente

Dettagli

Analisi dei mercati concorrenziali e valutazione delle politiche pubbliche. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Analisi dei mercati concorrenziali e valutazione delle politiche pubbliche. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Analisi dei mercati concorrenziali e valutazione delle politiche pubbliche 1 Efficienza di un mercato concorrenziale Efficienza economica: Massimizzazione del surplus aggregato del consumatore e del produttore.

Dettagli

L analisi dei mercati concorrenziali

L analisi dei mercati concorrenziali Capitolo 9 L analisi dei mercati concorrenziali A.A. 2010-2011 Microeconomia - Cap. 9-1 Argomenti Valutazione dei guadagni e delle perdite derivanti dalle politiche pubbliche: le rendita del consumatore

Dettagli

EQUILIBRIO DI MERCATO, POLITICHE ECONOMICHE E BENESSERE

EQUILIBRIO DI MERCATO, POLITICHE ECONOMICHE E BENESSERE EQUILIBRIO DI MERCATO, POLITICHE ECONOMICHE E BENESSERE CONTROLLO dei PREZZI Vi sono situazioni in cui il principio di efficienza si scontra con quello di equità. Considerazioni di tipo normativo possono

Dettagli

Analisi dei mercati concorrenziali. Sommario. Equilibrio di mercato. Efficienza del mercato concorrenziale Valutazione delle politiche pubbliche:

Analisi dei mercati concorrenziali. Sommario. Equilibrio di mercato. Efficienza del mercato concorrenziale Valutazione delle politiche pubbliche: Analisi dei mercati concorrenziali Sommario Efficienza del mercato concorrenziale Valutazione delle politiche pubbliche: Salario minimo Dazio/quota su importazioni Introduzione imposta Equilibrio di mercato

Dettagli

L analisi dei mercati concorrenziali

L analisi dei mercati concorrenziali apitolo 9 L analisi dei mercati concorrenziali.. 2005-2006 Microeconomia - ap. 9 1 Questo file (con nome cap_09.pdf) può essere scaricato da www.klips.it siti e file Provvisoriamente anche da web.econ.unito.it/terna/micro/..

Dettagli

Prof.ssa Mariarosaria Agostino

Prof.ssa Mariarosaria Agostino ECONOMIA APPLICATA Prof.ssa Mariarosaria Agostino Dispensa 10. Brevi note su: Domanda, Offerta, Equilibrio nei mercati concorrenziali. Esercizi di statica comparata. [Pindyck, Rubinfeld cap2 e cap 9, ed.

Dettagli

Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF) CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE FORESTALI E AMBIENTALI

Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF) CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE FORESTALI E AMBIENTALI Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF) CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE FORESTALI E AMBIENTALI ISTITUZIONI DI ECONOMIA AGRARIA, FORESTALE E AMBIENTALE PRESENTAZIONE DEL CORSO Elena Pisani

Dettagli

CAPITOLO 9. La concorrenza perfetta

CAPITOLO 9. La concorrenza perfetta CAPITOLO 9 La concorrenza perfetta 1 Mercati di concorrenza perfetta Un mercato di concorrenza perfetta è composto da imprese che producono beni identici e che vendono allo stesso prezzo. Il volume di

Dettagli

Capitolo 7. Consumatori, produttori ed efficienza dei mercati

Capitolo 7. Consumatori, produttori ed efficienza dei mercati Capitolo 7 Consumatori, produttori ed efficienza dei mercati Equilibrio di mercato L equilibrio del prezzo e della quantità massimizza il benessere totale dei compratori e venditori? L equilibrio di mercato

Dettagli

Alireza Naghavi. Capitolo 7 (b) Costi e benefici dei dazi. Gli strumenti della politica commerciale

Alireza Naghavi. Capitolo 7 (b) Costi e benefici dei dazi. Gli strumenti della politica commerciale Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 7 (b) Gli strumenti della politica commerciale 1 Costi e benefici dei dazi Un dazio aumenta il prezzo del bene nel paese importatore; pertanto, ci aspettiamo

Dettagli

Le esternalità sono l effetto indesiderato dell attività di un agente economico sul benessere di un altro agente.

Le esternalità sono l effetto indesiderato dell attività di un agente economico sul benessere di un altro agente. ESTERNALITÀ ESTERNALITA Le esternalità sono l effetto indesiderato dell attività di un agente economico sul benessere di un altro agente. La presenza di esternalità in un mercato fa sì che quel mercato

Dettagli

Applicazione: I costi della tassazione

Applicazione: I costi della tassazione Applicazione: I costi della zione Capitolo 8 I costi della zione Come le tasse influenzano il benessere degli agenti economici? 1 I costi della zione Non importa se una è imposta sui consumatori o sui

Dettagli

Politiche Pubbliche Viki Nellas

Politiche Pubbliche Viki Nellas olitiche ubbliche Viki Nellas Esercizio 1 i supponga che il mercato di un certo bene sia caratterizzato dalle seguenti equazioni di domanda e offerta: omanda: = 10 Offerta: = 5 dove è il prezzo in euro

Dettagli

L'analisi dei mercati concorrenziali

L'analisi dei mercati concorrenziali apitolo 9 L'analisi dei mercati concorrenziali.. 2011-2012 Microeconomia - ap. 9 1 Questo file (con nome cap_09.pdf) può essere scaricato da www.klips.it siti e file ppure da web.econ.unito.it/terna/micro/..

Dettagli

Parte 4 MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO IN CONCORRENZA PERFETTA (b) L Impatto dell Intervento Pubblico sull Equilibrio Concorrenziale.

Parte 4 MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO IN CONCORRENZA PERFETTA (b) L Impatto dell Intervento Pubblico sull Equilibrio Concorrenziale. UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 4 MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO IN CONCORRENZA

Dettagli

UN APPLICAZIONE PRATICA: IL COSTO DELLA TASSAZIONE

UN APPLICAZIONE PRATICA: IL COSTO DELLA TASSAZIONE Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2011/2012 UN APPLICAZIONE PRATICA: IL COSTO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Economia Politica Corso di laurea in Scienze Politiche

Economia Politica Corso di laurea in Scienze Politiche Economia Politica Corso di laurea in Scienze Politiche Capitolo 6 Domanda e Offerta e politiche di intervento Domanda e Offerta e interventi del governo In un mercato libero e non regolamentato, le forze

Dettagli

Economia Politica. Cap 8 Tassazione e benessere. Appunti delle lezioni Raffaele Paci

Economia Politica. Cap 8 Tassazione e benessere. Appunti delle lezioni Raffaele Paci Economia Politica Appunti delle lezioni Raffaele Paci testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 24, Zanichelli Cap 8 Tassazione e benessere Inquadramento generale Abbiamo visto come i

Dettagli

ESERCIZI D AULA SVOLTI IN CLASSE PRIMA PARTE DEL CORSO

ESERCIZI D AULA SVOLTI IN CLASSE PRIMA PARTE DEL CORSO ESERCIZI D AULA SVOLTI IN CLASSE PRIMA PARTE DEL CORSO Lezione 1 Vantaggi del commercio internazionale In due paesi, Zenobia e Ottavia, si producono 2 soli beni: pane e burro. L unico input produttivo

Dettagli

Economia Politica. Efficienza dei mercati. Cap 7. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Efficienza dei mercati. Cap 7. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 7 Efficienza dei mercati Vedremo infine in quali circostanze il

Dettagli

7. EFFICIENZA DEL MERCATO CONCORRENZIALE: IL MODELLO DELL EQUILIBRIO CONCORRENZIALE

7. EFFICIENZA DEL MERCATO CONCORRENZIALE: IL MODELLO DELL EQUILIBRIO CONCORRENZIALE 7. EFFICIENZA DEL MERCATO CONCORRENZIALE: IL MODELLO DELL EQUILIBRIO CONCORRENZIALE Edi Defrancesco Dip. Territorio e sistemi agroforestali Università di Padova e-mail edi.defrancesco@unipd.it Defrancesco

Dettagli

Economia Politica Corso di laurea in Scienze Politiche

Economia Politica Corso di laurea in Scienze Politiche Economia Politica Corso di laurea in Scienze Politiche Capitolo 7 Economia del benessere Economia del benessere La quantità e il prezzo di equilibrio consentono di massimizzare il benessere totale di venditori

Dettagli

concorrenza perfetta vs. monopolio

concorrenza perfetta vs. monopolio Lezione di Giacomo Degli Antoni, 20-3- 13 concorrenza perfetta vs. monopolio (Cap. 3 e 4 Carlton - Perloff) Piano della lezione Caratteristiche principali della concorrenza perfetta Caratteristiche principali

Dettagli

GLI STRUMENTI DI POLITICA COMMERCIALE

GLI STRUMENTI DI POLITICA COMMERCIALE GLI STRUMENTI DI POLITICA COMMERCIALE Introduzione Un analisi elementare dei dazi Effetti di un dazio sul benessere (equilibrio parziale) Un analisi dei dazi in equilibrio generale Altri strumenti di politica

Dettagli

Il protezionismo: Gli effetti di un dazio. Il caso del paese piccolo e della UE.

Il protezionismo: Gli effetti di un dazio. Il caso del paese piccolo e della UE. Il protezionismo: Gli effetti di un dazio. Il caso del paese piccolo e della UE. Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Protezionismo - Libero commercio La

Dettagli

Vedremo come i mercati di concorrenza perfetta garantiscono, di norma, il raggiungimento del massimo livello di benessere per il sistema economico.

Vedremo come i mercati di concorrenza perfetta garantiscono, di norma, il raggiungimento del massimo livello di benessere per il sistema economico. Economia Politica ppunti delle lezioni Raffaele Paci testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli ap 7 Efficienza dei mercati MERTI, ENESSERE E INTERVENTO PULIO Questo modulo

Dettagli

Corso di Scelte degli individui, strategie d impresa e strutture di mercato Facoltà di Giurisprudenza LIUC Prof.ssa Donatella Porrini a.a.

Corso di Scelte degli individui, strategie d impresa e strutture di mercato Facoltà di Giurisprudenza LIUC Prof.ssa Donatella Porrini a.a. Corso di Scelte degli individui, strategie d impresa e strutture di mercato Facoltà di Giurisprudenza LIUC Prof.ssa Donatella Porrini a.a. 2013-2014 QUINTA LEZIONE 25 OTTOBRE 2013 I FALLIMENTI DI MERCATO

Dettagli

6014 Principi di Economia Surplus del consumatore, surplus del produttore ed equilibrio (Cap. 7)

6014 Principi di Economia Surplus del consumatore, surplus del produttore ed equilibrio (Cap. 7) 614 Principi di Economia Surplus del consumatore, surplus del produttore ed equilibrio (Cap. 7) Surplus del Consumatore Disponibilità a Pagare prezzo massimo che un consumatore è disposto a pagare per

Dettagli

Esercitazione 10 marzo 2010 Cap. 6, 7, 8 Multiple Choice Cap. 6

Esercitazione 10 marzo 2010 Cap. 6, 7, 8 Multiple Choice Cap. 6 Esercitazione 10 marzo 2010 Cap. 6, 7, 8 Multiple Choice Cap. 6 1. La disponibilità a pagare di Peppe per l acquisto di un CD musicale è 12 euro. Questo significa che: a. 12 euro è il prezzo di mercato

Dettagli

Discriminazione del prezzo

Discriminazione del prezzo Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di studi CLEA Anno accademico 2012/13 Discriminazione del prezzo Ornella Wanda Maietta maietta@unina.it Sommario 1. La discriminazione di prezzo di primo

Dettagli

Parte 4 MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO IN CONCORRENZA PERFETTA (b) L Impatto dell Intervento Pubblico sull Equilibrio Concorrenziale.

Parte 4 MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO IN CONCORRENZA PERFETTA (b) L Impatto dell Intervento Pubblico sull Equilibrio Concorrenziale. UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia(A-E) Matteo Alvisi Parte 4 MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO IN CONCORRENZA

Dettagli

Caffé

Caffé ESEMPIO DI PRE-ESAME ECONOMIA POLITICA SSS. Domande a risposta multipla Usate il grafico per rispondere alle domande 1-3 1. Se un sistema economico sta operando al punto C (sul grafico), il costo opportunità

Dettagli

CAPITOLO II. Il Vantaggio Assoluto

CAPITOLO II. Il Vantaggio Assoluto CAPITOLO II Il Vantaggio Assoluto Ragionare di commercio internazionale facendo uso del modello Domanda-Offerta: le esportazioni (importazioni) corrispondono ad un eccesso di offerta (domanda), ai prezzi

Dettagli

Capitolo 9. La concorrenza perfetta. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 9. La concorrenza perfetta. Soluzioni delle Domande di ripasso Capitolo 9 La concorrenza perfetta Soluzioni delle Domande di ripasso. La differenza tra profitto contabile e profitto economico è dovuta al modo in cui viene misurato il costo totale. Nel caso del profitto

Dettagli

Analisi dell incidenza

Analisi dell incidenza Analisi dell incidenza Incidenza delle imposte Imposte sul consumo (domanda) Imposte sulla produzione (offerta) Imposte sul reddito 1 Imposte sul consumo Imposta specifica: somma applicata ad ogni unità

Dettagli

Esternalità. Capitolo 10. Contenuti. Esternalità e inefficienza del mercato Soluzioni private alle esternalità Intervento pubblico ed esternalità

Esternalità. Capitolo 10. Contenuti. Esternalità e inefficienza del mercato Soluzioni private alle esternalità Intervento pubblico ed esternalità Capitolo 10 Esternalità Contenuti Esternalità e inefficienza del mercato Soluzioni private alle Intervento pubblico ed Efficienza del mercato: Cap. 7 In concorrenza perfetta e con assenza di, il benessere

Dettagli

Lezione 4: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Dazio

Lezione 4: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Dazio Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 4: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Dazio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di

Dettagli

Sussidio all importazione, contigentamento e altre forme di protezionismo

Sussidio all importazione, contigentamento e altre forme di protezionismo Sussidio all importazione, contigentamento e altre forme di protezionismo Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sussidio all importazione 2. Altri strumenti

Dettagli

Capitolo 4. Le forze di mercato della domanda e dell offerta

Capitolo 4. Le forze di mercato della domanda e dell offerta Capitolo 4 Le forze di mercato della domanda e dell offerta Le forze di mercato della domanda e dell offerta La microeconomia moderna si occupa dell offerta, della domanda e dell equilibrio di mercato.

Dettagli

Temi di Unità Didattica xx

Temi di <Nome Insegnamento> Unità Didattica xx <Titolo Unità Didattica> Mx-Ux: diapositiva #1 Mx-Ux: diapositiva #2 Mx-Ux: diapositiva #3 Unità 4: Il valore economico delle risorse Parte I: I di mercato come misura del valore economico Valore

Dettagli

Economia Politica. Cap 9 Commercio internazionale e benessere. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Cap 9 Commercio internazionale e benessere. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 9 Commercio internazionale e benessere Inquadramento generale In

Dettagli

Ist. di economia, Corso di Laurea in Ing. Gestionale, I canale (A-L), A.A Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA OTTAVA SETTIMANA

Ist. di economia, Corso di Laurea in Ing. Gestionale, I canale (A-L), A.A Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA OTTAVA SETTIMANA Ist. di economia, Corso di Laurea in Ing. Gestionale, I canale (A-L), A.A. 2015-2016. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA OTTAVA SETTIMANA L OFFERTA DELL INDUSTRIA Si consideri una industria composta

Dettagli

Microeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Elasticità/ Elasticità/ Elasticità/ Elasticità/4

Microeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Elasticità/ Elasticità/ Elasticità/ Elasticità/4 Microeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 Elasticità/1 La spesa totale di un consumatore per un unico bene é pari a: 100p p 2 Supponendo che la domanda

Dettagli

Efficienza e Scambio. Cap.7

Efficienza e Scambio. Cap.7 Efficienza e Scambio Cap.7 Obiettivi del Capitolo 1. Studiare in quali condizioni e perché i mercati lasciati liberi di agire generano il massimo surplus possibile 2. Per quali ragioni intervenire sui

Dettagli

Struttura della presentazione

Struttura della presentazione Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 7 (a) Gli strumenti della politica commerciale 1 Struttura della presentazione Analisi dei dazi in equilibrio parziale: offerta, domanda e commercio in

Dettagli

Dazi sulle importazioni e sussidi all esportazione

Dazi sulle importazioni e sussidi all esportazione Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 5 (b) Un modello generale del commercio internazionale 1 Dazi sulle importazioni e sussidi all esportazione I dazi sono imposte sulle importazioni I sussidi

Dettagli

Esercitazione 9 17/05/2016 Dott.ssa Sabrina Pedrini. Domande a Risposta multipla

Esercitazione 9 17/05/2016 Dott.ssa Sabrina Pedrini. Domande a Risposta multipla Esercitazione 9 17/05/2016 Dott.ssa Sabrina Pedrini Domande a Risposta multipla 1) Quando un impresa o un consumatore impone un costo esterno a una terza parte non coinvolta nella transazione di mercato:

Dettagli

Struttura di mercato: insieme di elementi che incidono sul comportamento e il rendimento delle imprese di mercato, quali numero di imprese e tipo di

Struttura di mercato: insieme di elementi che incidono sul comportamento e il rendimento delle imprese di mercato, quali numero di imprese e tipo di Struttura di mercato: insieme di elementi che incidono sul comportamento e il rendimento delle imprese di mercato, quali numero di imprese e tipo di bene venduto Concorrenzialità del mercato: dipende dalla

Dettagli

6014 Principi di Economia Elasticità (Cap. 5)

6014 Principi di Economia Elasticità (Cap. 5) 6014 Principi di Economia Elasticità (Cap. 5) Elasticità...... misura di come compratori e venditori rispondono a cambiamenti nelle condizioni di mercato...... permette di analizzare offerta e domanda

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 11/12)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 11/12) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 11/12) Soluzione Esame (28 gennaio 2012) Prima Parte 1. (9 p.) Si supponga che le imprese che producono personal computers siano identiche tra loro

Dettagli

SURPLUS, EFFICIENZA E PERDITA NETTA (brevi richiami di teoria)

SURPLUS, EFFICIENZA E PERDITA NETTA (brevi richiami di teoria) Esercitazioni di Economia olitica (Microeconomia) gaetano.lisi@unicas.it SURLUS, EFFIIENZA E ERITA NETTA (brevi richiami di teoria) Il surplus totale è la somma del surplus del compratore e del surplus

Dettagli

Offerta e Domanda Aggregata Lezione n.4. Corso di Economia Applicata all Ingegneria Anno Accademico Prof. Avv. Cristiano Di Giosa

Offerta e Domanda Aggregata Lezione n.4. Corso di Economia Applicata all Ingegneria Anno Accademico Prof. Avv. Cristiano Di Giosa Offerta e Domanda Aggregata Lezione n.4 Corso di Economia Applicata all Ingegneria Anno Accademico 2013-2014 Prof. Avv. Cristiano Di Giosa Il Mercato La Uno dei temi centrali della Microeconomia è lo studio

Dettagli

Potere di mercato. Sommario. Monopolio. Monopolio

Potere di mercato. Sommario. Monopolio. Monopolio Potere di mercato Monopolio Sommario Perché esistono i monopoli. Confronto Monopolio e Concorrenza perfetta Massimizzazione del profitto e determinazione del prezzo Costo del Monopolio in termini di benessere

Dettagli

Lezione 7. Le politiche commerciali I: il dazio. Slide 8-1

Lezione 7. Le politiche commerciali I: il dazio. Slide 8-1 Lezione 7 Le politiche commerciali I: il dazio Slide 8-1 Road Map Introduzione Un analisi elementare dei dazi Costi e benefici di un dazio Sommario Slide 8-2 Introduzione Questo capitolo si concentra sulle

Dettagli

OTTIMALITA in teoria. Interessi privati VS valori etico-sociali dall altra valutati in moneta. B (S) D (S) = 0 B (S) = D (S)

OTTIMALITA in teoria. Interessi privati VS valori etico-sociali dall altra valutati in moneta. B (S) D (S) = 0 B (S) = D (S) OTTIMALITA in teoria benefici dello sfruttamento dell ambiente: benefici PRIVATI dello scambio e della produzione, costi sociali dello sfruttamento: rappresentabili dal valore del danno provocato alla

Dettagli

2.4 Risposte alle domande di ripasso

2.4 Risposte alle domande di ripasso Domanda e offerta 5 2.4 Risposte alle domande di ripasso 1. La penuria si verifica quando, a un dato prezzo, la domanda è superiore all offerta. Il concetto di scarsità implica invece che non tutti possano

Dettagli

OFFERTA DELL IMPRESA

OFFERTA DELL IMPRESA Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA SETTIMA SETTIMANA OFFERTA DELL IMPRESA Ipotizziamo di essere in regime di concorrenza

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio

Capitolo 12 Il monopolio Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Esercitazione n 3 di Microeconomia

Esercitazione n 3 di Microeconomia Esercitazione n 3 di Microeconomia Esercizio 1 Giulia consuma ogni settimana presso il ristorante "light lunch" alcune porzioni di cinghiale in umido. La disponibilitá di Giulia a pagare per ogni porzione

Dettagli

I fallimenti del mercato. Sommario. Si ha un esternalità... Esternalità

I fallimenti del mercato. Sommario. Si ha un esternalità... Esternalità I fallimenti del mercato Esternalità Sommario Esternalità Negativa Esternalità Positiva Strumenti intervento pubblico nel caso dell inquinamento Si ha un esternalità... quando l azione di un individuo

Dettagli

SOLUZIONI Esercizi sulle politiche commerciali

SOLUZIONI Esercizi sulle politiche commerciali OLUZIONI Esercizi sulle politiche commerciali Esercizio 1 Un paese piccolo può importare un bene al prezzo mondiale di 4 unità. La curva di domanda interna di quel bene è data da = 1000-100P (la domanda

Dettagli

Gli strumenti della politica commerciale

Gli strumenti della politica commerciale Capitolo 9 Gli strumenti della politica commerciale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Analisi dei dazi in equilibrio parziale: offerta, domanda e commercio Costi e

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MICROECONOMIA LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO DEI SINGOLI AGENTI IN UN SISTEMA ECONOMICO Economia

Dettagli

Elementi di microeconomia

Elementi di microeconomia Università degli studi di Teramo Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Lezioni di Economia e gestione delle imprese vitivinicole Elementi di microeconomia Emilio Chiodo Anno Accademico

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MICROECONOMIA LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO DEI SINGOLI AGENTI IN UN SISTEMA ECONOMICO Economia

Dettagli

Elementi di Economia a.a Facoltà di Scienze Politiche - CdL in Sociologia Esercitazione del 16 Marzo 2011

Elementi di Economia a.a Facoltà di Scienze Politiche - CdL in Sociologia Esercitazione del 16 Marzo 2011 Elementi di Economia a.a. 2010-2011 Facoltà di Scienze Politiche - CdL in Sociologia Esercitazione del 16 Marzo 2011 Domande a risposta multipla Fabio ha assunto Luca come assistente nella sua fabbrica

Dettagli

CAPITOLO 1 MODELLO DOMANDA-OFFERTA, ELASTICITÀ DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA EAI PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 2

CAPITOLO 1 MODELLO DOMANDA-OFFERTA, ELASTICITÀ DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA EAI PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 2 CAPITOLO 1 MODELLO DOMANDA-OFFERTA, ELASTICITÀ DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 2 IL MERCATO I soggetti economici possono essere classificati

Dettagli

In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio.

In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. Domande a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Economia Politica I Università Cattolica del Sacro Cuore 14 aprile 2015 PRIMA PROVA INTERMEDIA. Prof. Salvatore Piccolo

Economia Politica I Università Cattolica del Sacro Cuore 14 aprile 2015 PRIMA PROVA INTERMEDIA. Prof. Salvatore Piccolo Economia Politica I Università Cattolica del Sacro Cuore 14 aprile 1 PRIMA PROVA INTERMEDIA Prof. Salvatore Piccolo Istruzioni: La prova si compone di due parti, teoria ed esercizi. Avete un tempo massimo

Dettagli

b) Disegnate, in due grafici distinti, la frontiera di produzione di Zenobia e la frontiera di produzione di Ottavia.

b) Disegnate, in due grafici distinti, la frontiera di produzione di Zenobia e la frontiera di produzione di Ottavia. I VANTAGGI DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE In due paesi, Zenobia e Ottavia, si producono 2 soli beni: pane e burro. L unico input produttivo è il lavoro. Ogni paese dispone di 100 lavoratori. Annualmente

Dettagli

Elementi di Economia a.a Facoltà di Scienze Politiche - CdL in Sociologia Esercitazione del 23 febbraio 2011 Dott.ssa Sabrina Pedrini

Elementi di Economia a.a Facoltà di Scienze Politiche - CdL in Sociologia Esercitazione del 23 febbraio 2011 Dott.ssa Sabrina Pedrini Elementi di Economia a.a. 2010-2011 Facoltà di Scienze Politiche - CdL in Sociologia Esercitazione del 23 febbraio 2011 Dott.ssa Sabrina Pedrini Domande a risposta multipla Capitolo 2 1. Perché la frontiera

Dettagli

Economia Politica (Mod I) Nota integrativa n. 4

Economia Politica (Mod I) Nota integrativa n. 4 Economia Politica (Mod I) Nota integrativa n. 4 Premessa Studiando la curva di offerta e di domanda di un bene abbiamo visto che venditori e consumatori hanno la necessità di incontrarsi per vendere e

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato I fallimenti del mercato Esternalità Si ha un esternalità... quando l azione di un individuo influenza il benessere di un altro individuo non coinvolto senza che questo paghi o riceva qualche compenso

Dettagli

In che quantità verrà acquistato un bene?

In che quantità verrà acquistato un bene? In che quantità verrà acquistato un bene? LEGGE DELLA DOMANDA Se il prezzo aumenta, la quantità domandata diminuisce Se il prezzo diminuisce, la quantità domandata aumenta L entità di tale aumento o diminuzione

Dettagli

Capitolo 2 Domanda e offerta

Capitolo 2 Domanda e offerta Capitolo 2 Domanda e offerta CURVE DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA Un mercato è costituito dall insieme dei compratori e dei venditori di un bene o servizio Gli strumenti fondamentali per lo studio di un

Dettagli

Dato che la domanda è inclinata negativamente, il secondo termine è negativo, il che implica che il ricavo marginale è minore del prezzo.

Dato che la domanda è inclinata negativamente, il secondo termine è negativo, il che implica che il ricavo marginale è minore del prezzo. Capitolo 11 Il monopolio Soluzioni delle Domande di ripasso 1. Un mercato di monopolio è costituito da un unico venditore e da molteplici acquirenti. Poiché, per definizione, l impresa serve l intero mercato,

Dettagli

Microeconomia 2/ed David A. Besanko, Ronald R. Braeutigam Copyright 2012 The McGraw-Hill Companies srl

Microeconomia 2/ed David A. Besanko, Ronald R. Braeutigam Copyright 2012 The McGraw-Hill Companies srl 11.7 MONOPSONIO Mercato di monopsonio Un mercato costituito da un unico acquirente e da molteplici venditori. Un monopsonio è un mercato costituito da un singolo acquirente e da più venditori. Il singolo

Dettagli

15.4 Risposte alle domande di ripasso

15.4 Risposte alle domande di ripasso 98 Capitolo 15 15.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se i saggi marginali di sostituzione dei consumatori fossero diversi, due parti potrebbero trarre vantaggio dallo scambio, dato che una delle due

Dettagli

La Politica Commerciale. Giuseppe De Arcangelis 2016 Economia Internazionale

La Politica Commerciale. Giuseppe De Arcangelis 2016 Economia Internazionale La Politica Commerciale Giuseppe De Arcangelis 2016 Economia Internazionale 1 Introduzione Se la Cina impone un dazio sulle importazioni dall UE e dagli USA, che cosa accade? E se sussidia le proprie esportazioni?

Dettagli

Concorrenza perfetta (Frank - Capitolo 11)

Concorrenza perfetta (Frank - Capitolo 11) Concorrenza perfetta (Frank - Capitolo 11) MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO In economia tradizionalmente si assume che l obiettivo principale dell impresa sia la massimizzazione del profitto Il profitto economico

Dettagli

Economia Politica. Cap 9 Commercio internazionale e benessere. Appunti delle lezioni Raffaele Paci

Economia Politica. Cap 9 Commercio internazionale e benessere. Appunti delle lezioni Raffaele Paci Economia Politica ppunti delle lezioni Raffaele Paci testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 9 Commercio zionale e benessere Inquadramento generale In questa sezione

Dettagli

Capitolo 1 Pensare da economisti. Robert H. Frank Microeconomia - 4 a Edizione Copyright The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 1 Pensare da economisti. Robert H. Frank Microeconomia - 4 a Edizione Copyright The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 1 Pensare da economisti L APPROCCIO COSTI-BENEFICI La microeconomia studia i processi decisionali in condizioni di scarsità Le scelte vengono effettuate seguendo l approccio costi-benefici Se

Dettagli

Prova scritta del 14 dicembre traccia A -

Prova scritta del 14 dicembre traccia A - Università degli studi di Bari A. Moro Corso di laurea in Economia e commercio SCIENZA DELLE FINANZE Anno accademico 2015/2016 Prova scritta del 14 dicembre 2015 - traccia A - Prima parte (per un totale

Dettagli

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Università di Bari aa. 015-16 Es. 3.1 Concorrenza perfetta In un mercato in concorrenza perfetta in equilibrio di lungo periodo il prezzo è P = 00, la quantità

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

La perfetta concorrenza. 2 a Parte

La perfetta concorrenza. 2 a Parte La perfetta concorrenza. 2 a Parte Benessere sociale. Tasse e sussidi. Prezzi imposti. Mario Sportelli Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Bari Via E. Orabona, 4 I-70125 Bari (Italy) (Tel.:

Dettagli

sarà compreso tra quelli in equilibrio in autarchia nei due paesi.

sarà compreso tra quelli in equilibrio in autarchia nei due paesi. 2. (8 p.) Per ciascuna delle affermazioni che seguono si dica se essa è vera o falsa e, nel caso in cui si ritenga che essa sia falsa (o vera solo in parte) perché (sinteticamente); nel caso in cui un

Dettagli

OFFERTA, DOMANDA E POLITICA ECONOMICA

OFFERTA, DOMANDA E POLITICA ECONOMICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2011/2012 OFFERTA, DOMANDA E POLITICA ECONOMICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web:

Dettagli

Sommario. Estrapolare la curva di domanda. Domanda individuale e di mercato. Domanda Individuale. Effetto Reddito e Effetto di Sostituzione

Sommario. Estrapolare la curva di domanda. Domanda individuale e di mercato. Domanda Individuale. Effetto Reddito e Effetto di Sostituzione Domanda individuale e di mercato Sommario Domanda Individuale Effetto Reddito e Effetto di Sostituzione Domanda di mercato Surplus o rendita del consumatore Estrapolare la curva di domanda La curva di

Dettagli

Elementi di Economia a.a. 2010/2011 Corso di Laurea in Sociologia Esercitazione del 23/02/2011 Presentazione di Dott.ssa Sabrina Pedrini

Elementi di Economia a.a. 2010/2011 Corso di Laurea in Sociologia Esercitazione del 23/02/2011 Presentazione di Dott.ssa Sabrina Pedrini Elementi di Economia a.a. 2010/2011 orso di Laurea in Sociologia Esercitazione del 23/02/2011 Presentazione di ott.ssa Sabrina Pedrini omande a risposta multipla apitolo 2 Perché la frontiera delle possibilitàdi

Dettagli

MERCATI, DOMANDA E OFFERTA. Barbara Martini

MERCATI, DOMANDA E OFFERTA. Barbara Martini MERCATI, DOMANDA E OFFERTA Barbara Martini Piano della lezione Economie pianificate vs economie di mercato Le caratteristiche e le determinanti della domanda e dell offerta La determinazione del prezzo

Dettagli

Il protezionismo: Gli effetti di un dazio. Il caso del paese grande (UE).

Il protezionismo: Gli effetti di un dazio. Il caso del paese grande (UE). Il protezionismo: Gli effetti di un dazio. Il caso del paese grande (UE). Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Dazio in un economia grande Se viene introdotto

Dettagli

In un ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla, alla domanda a risposta aperta, e risolvere l esercizio.

In un ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla, alla domanda a risposta aperta, e risolvere l esercizio. In un ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla, alla domanda a risposta aperta, e risolvere l esercizio. Domande a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non

Dettagli

Esercitazione 3 Aprile 2017

Esercitazione 3 Aprile 2017 Esercitazione 3 Aprile 2017 Domanda e Offerta La domanda di computer è D=15 2P, dove P è il prezzo dei computer. Inizialmente, l offerta dei computer è S = P: Trovate il prezzo e la quantita di equilibrio

Dettagli

Prova scritta dell 11 gennaio traccia A -

Prova scritta dell 11 gennaio traccia A - Università degli studi di Bari A. Moro Corso di laurea in Economia e commercio SCIENZA DELLE FINANZE Anno accademico 2015/2016 Prova scritta dell 11 gennaio 2016 - traccia A - Prima parte (per un totale

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A Prof. R. Sestini. SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA OTTAVA e NONA SETTIMANA IL MONOPOLIO

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A Prof. R. Sestini. SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA OTTAVA e NONA SETTIMANA IL MONOPOLIO Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA OTTAVA e NONA SETTIMANA IL MONOPOLIO Caratteristica distintiva: il monopolista gode di potere

Dettagli

CAPITOLO 2. PENSARE DA ECONOMISTI. 1 modello: flusso circolare del reddito (figura 2.1) PIANO DEL CORSO

CAPITOLO 2. PENSARE DA ECONOMISTI. 1 modello: flusso circolare del reddito (figura 2.1) PIANO DEL CORSO CAPITOLO 2. PENSARE DA ECONOMISTI Metodo scientifico, astrazione, ipotesi Scienze sociali, scienze esatte Modelli economici: 1 modello: flusso circolare del reddito (figura 2.1) Analisi positiva e analisi

Dettagli

Introduzione. Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Introduzione

Introduzione. Sloman, Elementi di economia, Il Mulino, 2010 Introduzione Introduzione L oggetto di studio dell economia La differenza tra microeconomia e macroeconomia Perché le relazioni economiche vengono rappresentate per mezzo dei modelli In che modo i diversi sistemi economici

Dettagli

Capitolo 17. Esternalità e beni pubblici. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 17. Esternalità e beni pubblici. Soluzioni delle Domande di ripasso Capitolo 17 Esternalità e beni pubblici Soluzioni delle Domande di ripasso 1. Nel caso di esternalità negativa, il costo marginale privato di un bene è minore del costo marginale sociale. Per esempio,

Dettagli