1 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 08/03/10 16.46 File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F 0543 401442 pascucci@agraria.it"

Transcript

1 1 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F Silvio Pascucci MALATTIA DI NEWCASTLE E ALTRE INFEZIONI DA PARAMYXOVIRUS AVIARI (Lezione tenuta all 9 Corso di formazione specialistica in tecnica dell allevamento avicolo e patologia aviare, presso l Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Brescia il 10 novembre 2000 Revisionata e aggiornata il 28 febbraio 2010) Sigle usate APMV (paramyxovirus aviare); Arg (arginina); BPIV (Virus della parainfluenza bovina); Ck (pollo); Co (cormorano); Dk (anitra); ELISA (Enzyme-Linked ImmunoSorbent Assay); F (proteina di fusione); Fa (falco); Fi (fringuello); Gln (glutamina); Gly (glicina); Go (oca); gp (glicoproteina); HA (emagglutinazione); HI (inibizione dell emagglutinazione); HN (emagglutinina/neuraminidasi); HPIV (virius della painfluenza umana); ICPI (indice di patogenicità intracerebrale nel pulcino di 1 giorno); ID (immunodiffusione in gel d agar); IF (immunofluorescenza); IVPI (indice di patogenicità endovenosa); Leu (leucina); Lys (lisina); mabs ( anticorpi monoclinali); mca (membrana corionallantoidea); MDT (tempo medio in ore di mortalità embrionaria); ME (microscopia elettronica); ND (Malattia di Newcastle); NDV (Virus della Malattia di Newcastle); nt (nucleotide); Os (struzzo); PCR (reazione a catena della polimerasi);ph (Fagiano); Pi (piccione): PMV (paramyxovirus); Phe (fenilalanina); Qu (Quaglia); RNA (acido ribonucleico); RT-PCR (Trascrittasi inversa-reazione a catena della polimerasi);rrt-pcr (Real Time Trascrittasi inversa-reazione a catena della polimeras) Ty (Tacchino); UEP (uovo embrionato di pollo); VN (virusneutralizzazione) La Malattia di Newcastle (ND) o Pseudopeste aviare è una forma virale dovuta al Paramyxovirus aviare sierotipo 1, capace di provocare ingenti danni economici all allevamento avicolo, particolarmente del pollo e del tacchino, in epizoozie ricorrenti. L infezione provoca un quadro clinico molto vario, da forme asintomatiche o respiratorie di diversa gravità, secondo la specie colpita e la virulenza di NDV, fino alla mortalità del 100% dei soggetti non immuni in ore. La notevole diffusibilità del virus, le gravi perdite per mortalità, i cali di produzione e le ripercussioni commerciali spiegano perché tale malattia sia stata inclusa nella lista A dell OIE e nel Regolamento di Polizia Veterinaria Italiano, come malattia denunciabile, e in sede comunitaria siano state istituite misure particolari con la direttiva 92/66/CEE, regolamentata dal DPR 15 novembre 1996 n Storicamente la malattia è stata segnalata per la prima volta in Europa nel 1926 nella contea di Newcastle, Inghilterra, ma è generalmente riconosciuto che i primi focolai si siano verificati in Indonesia e forse, ancor prima, in Corea nel In Italia la malattia è comparsa per la prima volta nel 1940 all inizio della seconda guerra mondiale, e in seguito gravi epizoozie ricorrenti si sono verificate a metà degli anni 60 e 70 e all inizio degli anni 80, quest ultima con interessamento primario dei piccioni. IL VIRUS La classificazione tassonomonica dei paramyxovirus è stata, di recente, completamente modificata, in base alle ricerche di biologia molecolare. I sierotipi di paramyxovirus aviari noti sono nove e sono stati inclusi nel genere Avulavirus, della famiglia Paramyxoviridae, ordine Mononegavirales, (Figura.1). I Paramyxovirus sono grossi virus pleomorfi, spesso arrotondati, di nm di diametro, a RNA a banda singola non segmentato con polarità negativa, provvisti d envelope. Il genoma codifica per sei proteine (Figura 2), delle quali sono di particolare interesse le due gp superficiali dell envelope, la gp proteina di fusione (F) e l emagglutinina-neuraminidasi (HN), per la loro importanza nella patogenesi e nei processi immunologici, perché contengono gli epitopi neutralizzanti. Anche il gene P, che codifica una fosfoproteina, contribuisce alla virulenza; in alcuni ceppi produce altre due proteine non strutturali, V e W. L emagglutinina è attiva nei confronti delle emazie di numerose specie animali, in particolare di pollo, tacchino, cavia e uomo. I sierotipi di paramyxovirus aviari con i loro prototipi sono elencati nella tabella 1, con l indicazione degli ospiti naturali e della malattia prodotta. 1

2 Ordine Famiglia Sotto-famiglia Genere Specie

3 3 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F Figura 2 Rappresentazione schematica di un paramyxovirus L HN M P/V/W NP F NUCLEOPROTEINA NP Proteina associata al nucleocapside P/V/W Matrice o Membrana M Proteina di fusione (F0) F1 F2 Emagglutinina + Neuroaminidasi HN Proteina larga o Polimerasi L 3

4 4 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F Sierotipi - Prototipi PMV-1 = Virus della Malattia di Newcastle PMV-2 pollo/california/yucaipa/56 PMV-3 tacchino/ Wisconsin/68 PMV-3 parrocchetto/ Olanda/449/75 PMV-4 anatra/hong Kong/D3/75 PMV-5 pappagallino ondulato/giappone/kunitachi/74 PMV-6 anatra/hong Kong/199/77 PMV-7 colombo/ Tennessee/4/75 Ospiti naturali Malattia prodotta nel pollame Numerose Da forme inapparenti ad specie aviari estremamente patogene Tacchino, Forme respiratorie lievi, passeriformi, cali di deposizione anche pollo, gravi psittacidi Tacchino Malattia respiratoria lieve, Psittacidi, gravi perdite di passeriformi produzione nel tacchino Anatre, Nessuna malattia oche, rallidi Pappagallino Nessuna malattia, nessuna ondulato infezione nel pollame Anatra, oca, Malattia inapparente nelle tacchino, anatre e oche, sintomi rallidi respiratori e calo di deposizione nel tacchino Piccione, Malattia respiratoria tortora, attenuata nel tacchino tacchino, struzzo PMV-8 oca/delaware/1053/76 Anatra, oca Nessuna malattia nel pollame PMV-9 anatra/new York/22/78 Anatra Nessuna malattia Tabella 1 I paramyxovirus aviari PATOGENESI I ceppi di NDV sono stati divisi nei seguenti cinque gruppi o patotipi, in base ai sintomi prodotti: Viscerotropi velogeni responsabili d infezioni acute letali, usualmente con lesioni emorragiche necrotiche all apparato digerente. Neurotropi velogeni causano una malattia respiratoria seguita da alta mortalità e sintomi neurologici, usualmente senza lesioni all intestino Mesogeni, agenti di un quadro clinico caratterizzato da sintomi respiratori e nervosi con bassa mortalità Lentogeni causano una lieve sintomatologia respiratoria senza mortalità Asintomatici enterotropi provocano infezioni inapparenti con replicazione virale primariamente nell intestino Questi gruppi, utili a scopo didattico, in realtà non hanno confini ben netti; si riscontrano, infatti, delle sovrapposizioni e alcuni ceppi risultano di difficile collocazione. 4

5 5 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F Ai patotipi corrispondono gli indici di patogenicità sperimentale in vivo, MDT, IVPI e in particolare ICPI, che sono riportati nella tabella 4. Caratteristiche Gruppo Esempio Viscerotropi velogeni A Essex 70 Precedenti viscerotropi velogeni B Herts 33 Velogeni degli psittacidi, ceppi del Medio C1 Kuwait 256 Oriente, epizoozia attuale Lentogeni da anatre C2 1092/81 Neurotropi velogeni in USA D Texas GB/48 Lentogeni vaccinali E Hitchner B1/46 Lentogeni diversi F Ceppo F Asplin Lentogeni da uccelli acquatici e altri uccelli G Ulster 2C/67 diffusi in tutto il mondo Lentogeni da uccelli acquatici H MC110 Lentogeni di uccelli acquatici USA L Loon/83 Mesogeno piccione, PMV-1 pollo e piccione P 561/83 Tabella 2 Classificazione di NDV basato sul legame con anticorpi monoclonali Il processo patogenetico di NDV inizia con l invasione delle cellule epiteliali nelle mucose dell apparato respiratorio e digerente e, dopo una fase viremica, la diffusione a tutti i parenchimi. Gli endoteli vasali, particolarmente danneggiati, spiegano il carattere emorragico edematoso della malattia. Il ruolo delle gp HN e F è determinante per il completamento del processo patogenetico. HN permette l aggancio del virus ai recettori della membrana cellulare e, dopo la moltiplicazione virale, al suo rilascio dalla cellula; F è indispensabile alla penetrazione nella cellula, mediante la fusione del virus con la membrana cellulare e anche la fusione delle membrane di cellule contigue, che permette al virus di passare da cellula a cellula senza subire l azione degli anticorpi. L attivazione della gp F0 è, tuttavia, realizzata soltanto dopo la divisione in F1 e F2, operata da enzimi proteolitici dell organismo ospite. Tali enzimi sono abbondanti e molto attivi a livello delle mucose, ma molti scarsi all interno delle cellule. Il virus, quindi, si moltiplica facilmente nelle mucose, ma può trovare difficoltà ad invadere l organismo. I virus velogeni, che non risentono di quest ostacolo, hanno mostrato una sequenza particolare d aminoacidi al punto di scissione di F. Una doppia coppia di aminoacidi basici, come arginina e lisina, seguita da una fenilalanina (ad esempio Lys-Arg-Gln-Arg-Arg/Phe ) rende la divisione di F possibile anche per l azione debole degli enzimi interni alla cellula. I ceppi a bassa virulenza hanno sequenze nella stessa regione del tipo Gly-Lys-Gln-Gly-Arg/Leu e soltanto gli enzimi tripsino simili delle mucose, che riconoscono anche una sola arginina o lisina, possono attivarli. Altri elementi contribuiscono certamente alla virulenza dei ceppi isolati, essendosi constatato, ad esempio, che alcuni ceppi risultano patogeni senza avere la doppia coppia di aminoacidi basici, come il PMV 1 del piccione che in alcuni ceppi ne presenta solo una. Altri APMV-1 mostrano la scissione anche della gp HN. 5

6 6 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F Anno Patogenicità d Genotipo a Sottotipo a Precedent Divergenza Diffusione Ospiti i genotipi b (%) c principali e 1 nessuno I 14, Asintomatico Mondiale Dk, Ck 2000 Enterico 2 nessuno II Misto Mondiale Ck, Os a III Velogeno Asia, Ck 1999 Australasia Europa 3b IV Velogeno Asia, Africa Europa Qu, Ck 3c V d VIII ,3 4a VIa/VIe b VIb c VIc d VId ,9 5a VIIa b VIIb c VIIc d VIId e , Velogeno Velogeno Africa, America, Europa Africa, Asia, Europa Co, Ck, Ph, Ty Ck, Ty, Go Velogeno Africa, Europa, Medioriente Fa, Ck Velogeno Europa, Pi, Go Medioriente Velogeno Europa, Ck, Fa Medioriente Velogeno Europa Ck, Pi, Os Velogeno Europa Ck, Ph Velogeno Africa, Asia Ck, Ph, Fa, Ty Velogeno Asia, Europa Ck, Ph Velogeno Asia, Ck, Os, Medioriente Go Velogeno Taiwan Ck, Fi Lentogeno Mondiale Dk, Ck Tabella 3 - Analisi filogenetica di una sequenza nucleotidica parziale del gene di fusione F. ( a Aldous et al ; b Herczeg et al (2001); c Divergenza entro il gruppo confrontando le coppie di sequenze in relazione alla filogenia ricostruita da MegAlign; d Beard and Hanson (1984)) 6

7 7 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F Biotipi MDT ICPI IVPI Esempi Viscerotropi velogeni <60 1,5-2,0 2,0-3,0 Herts 33, Essex 70 Neurotropi velogeni <60 1,5-2,0 2,0-3,0 Texas GB Mesogeni ,7-1,5 0,0-0,5 Roakin, Komarov, H Lentogeni >90 0,2-0,5 0,0 Hitchner B1, La Sota, Clone 30, Asplin F Asintomatici >90 0,0-0,2 0,0 Ulster 2c, V4, MC110 Tabella 4 Valutazione della patogenicità di NDV in vivo EPIZOOLOGIA NDV, pur essendo rapidamente inattivato dai più comuni disinfettanti, resiste per diverse ore a variazioni di ph, tra 2 e 10, e ai fattori ambientali, in particolare al calore. Attrezzature e ambiente, non disinfettati, rimangono infetti per più di due mesi. Nella tabella 1 sono stati indicati gli ospiti naturali e occasionali dei diversi APMV. L infezione da NDV è stata accertata in almeno 241 specie d uccelli. La malattia naturale si presenta nel pollo, che è certamente la specie più sensibile, nel tacchino, faraona, quaglia, piccione, fagiano e struzzo. Gli anseriformi sono spesso portatori asintomatici a livello intestinale, ma raramente mostrano sintomi e lesioni di malattia. È stata dimostrata l importanza delle oche selvatiche per la trasmissione del virus a distanza. Tra gli uccelli acquatici, i giovani cormorani e le ochette ammalano con sintomi nervosi e disseminano NDV patogeno con le feci per circa un mese dopo l infezione. Tutto questo mostra la stretta analogia con l epizoozia dell influenza. La trasmissione del virus avviene per contatto diretto e indiretto, tramite essudati, escreti e carcasse dei soggetti, morti. L infezione avviene per via digerente, con l ingestione d alimenti e acqua contaminati, o per via respiratoria e congiuntivale. La trasmissione per via aerea non è considerata molto importante ed è ammessa fino ad una distanza di 100 metri. Per questo motivo, la trasmissione da allevamento rurale ad industriale è evitabile con l applicazione di un minimo di biosicurezza. I vari modi di diffusione della malattia sono riassunti nella tabella 5. Movimento di animali Selvatici e non, pappagalli, piccioni viaggiatori, mostre e fiere, svezzatori Movimento di personale e Capelli, mani, vestiti, scarpe attrezzature Gabbie, cartoni uova, automezzi Movimento di prodotti Carni, uova avicoli Mangime e acqua Materie prime nei porti, acqua da bere di contaminati superficie Diffusione per via aerea Scarsa importanza, non più di 100 m, influenza del clima Vaccini Vaccini contaminati in aree esenti Ospiti non aviari Roditori, insetti, rettili Tabella 5 Diffusione del virus della Malattia di Newcastle 7

8 8 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F L uso dei vaccini vivi in tutto il mondo rende difficile la stima della distribuzione geografica di NDV. In Nazioni che per lungo tempo si sono dichiarate free sono stata riscontrate infezioni asintomatiche, dovute probabilmente a ceppi enterotropi da uccelli acquatici. D altra parte gravi forme di ND sono enzootiche in molti Paesi dell Africa, Asia, America centrale e del sud. In altre aree, come l Europa, ND ad alta virulenza appare con episodi ricorrenti, nonostante le severe norme di prevenzione della CE ed i programmi di vaccinazione, ad onor del vero non sempre applicati correttamente. Le indagini filogenetiche hanno rivelato che all insorgenza di questi focolai corrisponde solitamente la comparsa di nuovi genotipi. NDV è soggetto, quindi, a continue variazioni per ricombinazioni genetiche, che non riguardano solo la virulenza, ma anche altre proprietà, come la diffusibilità, legata in parte alla resistenza ai fattori ambientali. Queste variazioni non sembrano, tuttavia, avere importanza nella scelta del vaccino, perché i vaccini comunemente in uso sono capaci di produrre anticorpi protettivi anche contro ceppi geneticamente divergenti dal ceppo vaccinale. Si può, tuttavia, ragionevolmente sospettare che tali variazioni possano determinare una limitazione dell efficacia dei vaccini e che sia necessaria, pertanto, un iperimmunizzazione per ottenere una sicura protezione dai nuovi genotipi. Una domanda cui non è stata data ancora risposta, riguarda l origine dei ceppi NDV virulenti. Le due ipotesi più attendibili riguardano la commercializzazione con Paesi dove ND è enzootica e la mutazione da un virus precursore a bassa virulenza. La prima ipotesi è molto probabile per il continuo aumento di scambi commerciali, anche a notevole distanza. La seconda ipotesi è avvalorata da quanto è stato osservato in alcuni focolai in Irlanda e Australia, dove i ceppi virulenti isolati erano strettamente correlati antigenicamente e geneticamente ai virus di bassa virulenza isolati dagli uccelli acquatici selvatici e dai polli nella stessa area, e molto distanti da tutti gli altri ceppi NDV. Tuttavia, non esiste alcuna prova che i vaccini lentogeni autorizzati abbiano mai mutato e siano diventati virulenti. SINTOMI E LESIONI Il quadro clinico e anatomopatologico dipende dal patotipo del virus infettante, nonché dalla specie, razza, età degli animali e da fattori climatici e ambientali. Nelle forme sostenute da ceppi velogeni, i sintomi nel pollo sono rappresentati da grave depressione, cresta cianotica, dispnea, respirazione a becco aperto, tosse, ranula, edema alla testa, diarrea verdastra e disturbi nervosi, come paralisi degli arti, tic con movimenti ritmici della testa, tremori e torcicollo. Nella gallina si ha l interruzione della produzione per almeno un mese. I soggetti giovani sono maggiormente sensibili. Il decorso è molto rapido (24-48 ore) e la mortalità può raggiungere il 100%. Nelle forme da virus mesogeni si notano sintomi respiratori anche gravi e in una seconda fase manifestazioni nervose con movimenti convulsivi, maneggio, opistotono e torcicollo. Il decorso è in genere lungo e la mortalità bassa. I virus lentogeni possono provocare lievi sintomi respiratori, che spesso si aggravano per l intervento d altri virus respiratori, micoplasmi ed Escherichia coli. I virus virulenti causano nel pollo in prevalenza lesioni emorragiche in laringe, trachea, proventriglio e nell apparato linfatico intestinale. Patognomoniche sono le placche linfoidi del secondo tratto del duodeno (Figura 3), che si presentano emorragiche, difteroidi e successivamente necrotiche. Nei casi più gravi si notano emorragie anche nel sottocute, nei muscoli, nel pericardio e miocardio, nei polmoni, nel pancreas, nelle meningi e nei follicoli ovarici. Un edema sottocutaneo si può rilevare a livello della testa e del collo. La peritonite per rottura degli ovuli è molto frequente nelle femmine in produzione. I muscoli sono scuri e disidratati. Le lesioni istologiche nel sistema nervoso centrale sono essenzialmente riferibili ad una encefalomielite non purulenta. L apoptosi delle cellule linfoidi, in particolare della milza e del timo, provoca un evidente deplezione linfocitaria. Nelle altre specie aviari solo in qualche episodio, vedi fagiano, tacchino, struzzo e oca, si riscontrano le lesioni emorragiche necrotiche caratteristiche nel pollo. 8

9 9 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F Figura 3 Malattia di Newcastle, placche necrotiche emorragiche al duodeno DIAGNOSI La diagnosi di ND, anche in caso di chiari sintomi e lesioni patognomoniche, deve essere sempre supportata dall isolamento del virus e dalla sua identificazione. A sua volta, l isolamento del virus, in assenza del quadro clinico, non è sufficiente per fare diagnosi, considerato l uso dei vaccini vivi e la vasta diffusione di virus vaccino-simili a bassa patogenicità. In tal caso, si potrà avere la conferma solo dalla valutazione della virulenza del ceppo isolato con il calcolo dell ICPI, che dovrà essere >0,7 o con il sequenziamento dei nucleotidi che codificano il punto di scissione della gp F. I vari metodi diagnostici per le paramyxovirosi aviari sono riassunti nella tabella 6. Le prove sierologiche, come mezzo diagnostico, hanno scarso valore nei gruppi vaccinati. Possono essere utilizzate per valutare, con una certa approssimazione, l efficacia di una vaccinazione. A tale scopo l HI eseguita dopo giorni dalla vaccinazione, è la prova di scelta. Benché non vi sia uno stretto parallelismo tra titoli HI e immunità, si ritiene che un titolo minimo di 1:32 nel pollo sia indice di protezione. I titoli HI da infezione e da vaccinazione con vaccino spento emulsionato non sono differenziabili. La tipizzazione dei ceppi con anticorpi monoclonali o con lo studio del genoma non è utilizzata per la diagnostica corrente, ma solo in laboratori specificamente attrezzati per ricerche epidemiologiche. 9

10 10 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F clinica-anatomopatologica isolamento identificazione prove di patogenicità tipizzazione sierologica depressione, diarrea verdastra, tic nervosi e torticollis, edema alla testa, mortalità. emorragie e necrosi all apparato digerente su UEP (inoculo: cervello, trachea, feci, organi vari) HA, RT-PCR,ID, IF su liquido allantoideo o mca HI con antisieri specifici per APMV microscopia elettronica ICPI e sequenziamento dei nucleotidi del punto di scissione della proteina F (RRT-PCR o sonde) gruppi monoclonali genotipizzazione HI (attenzione al APMV-3 e ai sieri non di pollo); elisa; VN Tabella 6 Diagnosi di Paramyxovirosi aviare PROFILASSI La prevenzione della ND si basa su interventi di profilassi diretta, atti a prevenire che l infezione entri in allevamento e a questo scopo la pratica di una buona igiene e l applicazione rigorosa delle misure di biosicurezza sono di fondamentale importanza. I criteri di biosicurezza dovrebbero essere tenuti presente fin dalla progettazione degli allevamenti, relativi alla loro collocazione, ben separata da altri allevamenti, incubatoi e macelli. Specie diverse dovrebbero essere allevate in luoghi differenti. L applicazione del metodo d allevamento tutto pieno tutto vuoto, dove possibile, aiuta molto a mantenere indenne l allevamento e in caso d infezione a risanarlo. I principali punti di biosicurezza da osservare sono elencati nella Tabella 7. Strutture: reti antipassero, piazzole di disinfezione, superfici perimetrali pulite Movimenti verso e da allevamento ridotti al minimo Veicoli e attrezzature disinfettati prima dell accesso Smistamento d uova, carcasse, pollina, mangime in punti prefissati, il più lontano possibile dagli animali Personale, squadre di vaccinatori o inseminatori, veterinari pubblici e privati obbligati al cambio di vestiario, copricapo e calzari, alle disinfezioni delle mani e braccia Applicare con costanza tutti i restanti provvedimenti di biosicurezza Tabella 7 - Profilassi diretta della Malattia di Newcastle Per la prevenzione della ND, in tutto il mondo, salvo che in pochi Paesi, è ammessa la profilassi indiretta o vaccinale. La vaccinazione deve essere comunque un complemento alle misure igieniche, mai una loro alternativa. Sono disponibili vaccini vivi attenuati e vaccini inattivati, emulsionati acqua in olio. I primi consentono tecniche di somministrazione di massa più economiche mediante spray o in acqua da bere e stimolano una buona immunità generale e locale, umorale e cellulo mediata. La somministrazione individuale del vaccino vivo per via oculo-nasale è poco impiegata negli allevamenti industriali, perché richiede troppo tempo e mano d opera. I ceppi vaccinali attenuati autorizzati, secondo la normativa europea, devono avere ICPI < 4, e comprendono il B1, il La Sota, il Clone 30 e alcuni ceppi enterotropi. I ceppi 10

11 11 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F enterotropi, come l NDV 6/10 o il V4, non provocano alcun sintomo postvaccinale; il La Sota, che è più immunogeno del B1, provoca sintomi respiratori di maggiore intensità. I vaccini inattivati, preparati in Europa con ceppi virali che non devono avere ICPI >0,7, sono somministrati individualmente per via parenterale. Nella pratica, raramente sono impiegati per primi, ma come secondo e terzo intervento dopo un priming con vaccino vivo. I vaccini inattivati stimolano livelli anticorpali umorali elevati e durevoli, garantiscono un dosaggio sicuro, non distribuiscono virus nell ambiente e non trasmettono altri agenti patogeni. Tra gli svantaggi si rilevano l azione scarsa o nulla sull immunità cellulo mediata, la reazione granulomatosa al punto d inoculazione, il costo della vaccinazione e il pericolo in periodo d emergenza di introdurre l infezione con le squadre di vaccinatori. Nella tabella 8 sono riportati i tipi di vaccino e il loro metodo di applicazione. Tipi di vaccino: Vivo attenuato Inattivato Hitchner B1, La Sota. Clone 30 Ceppi enterotropi F Asplin emulsionato acqua in olio Metodi di applicazione Vivo attenuato inattivato Spray, Oculonasale, in acqua da bere nel mangime (?) in ovo via parenterale Tabella 8 Profilassi indiretta della Malattia di Newcastle Per ogni specie e tipo d allevamento sono stati studiati appositi piani vaccinali allo scopo di impedire la malattia e ostacolare l infezione. Quanto di seguito esposto è riferito soprattutto alla profilassi vaccinale delle infezioni da ceppi altamente virulenti e diffusivi. Una protezione sicura si basa su una buona immunità locale e cellulo mediata all apparato respiratorio e digerente e soprattutto su un immunità umorale uniforme, ad alto titolo (l immunità cellulo mediata da sola non protegge). Ciò si può ottenere unicamente con l abbinamento in successione di vaccini vivi e vaccini spenti. Nessuna vaccinazione, tuttavia, potrà impedire in senso assoluto l infezione. Le maggiori difficoltà s incontrano nella vaccinazione dei pulcini durante il primo mese di vita. Per la ripetuta immunizzazione dei riproduttori, essi hanno alla nascita livelli d anticorpi materni, solitamente disomogenei, che interferiscono con il virus vaccinale. Il metodo migliore per aggirare l ostacolo prevede una vaccinazione spray, con ceppo lentogeno in incubatoio, che stimola una buona immunità locale e cellulo mediata e la rivaccinazione con vaccino spento a giorni per ottenere alti titoli anticorpali umorali. In alternativa, per evitare l intervento di squadre di vaccinatori in allevamento, entrambe le vaccinazioni sono eseguite in incubatoio con buoni risultati, anche se meno costanti. Va tenuto presente, inoltre, come criterio generale che: L intervallo ideale tra due vaccinazioni con vaccino vivo è di almeno 3 settimane L intervallo tra due vaccinazioni con vaccino spento deve essere di almeno un mese I vaccini vivi più attenuati devono precedere quelli meno attenuati Il vaccino vivo deve precedere quello inattivato In caso di reazioni abnormi all apparato respiratorio è consigliabile l uso di ceppi enterotropi 11

12 12 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F La gallina deve essere vaccinata prima della deposizione con un vaccino spento La vaccinazione con vaccino vivo, possibilmente spray, nella gallina in produzione ogni tre mesi può essere giustificata in casi di probabile contaminazione Nella tabella 9 sono indicati gli interventi vaccinali minimi suggeriti per ciascuna specie. Specie Tipo di vaccino Specie Tipo di vaccino Pollo da carne 1 vivo + 1 spento (o 1 Piccioni 1 vivo + 1 spento vivo + 1 vivo?) riproduttori Polli riproduttori e ovaiole 2 vivi + 2 spenti prima della deposizione Struzzi 1 vivo + 1 spento, rivaccinare con spento i riproduttori Tacchini da carne Femmine: 1 vivo + 1 spento; maschi: 1 vivo + 2 spenti Tacchini riproduttori 1 vivo + 3 spenti o 2 vivi + 2 spenti prima della deposizione Fagiani da carne o da lancio Fagiani riproduttori Faraone da carne 2 vivi Starne e pernici Faraone da 3 vivi Pollame da riproduzione svezzatori 2 vivi + 1 spento 2 vivi e 2 spenti prima della riproduzione 1 vivo (+ 1 spento nei riproduttori) 1 vivo + 1 spento Tabella 9 Interventi vaccinali minimi consigliati per la prevenzione della Malattia di Newcastle in periodi d emergenza LEGISLAZIONE Il Regolamento di Polizia Veterinaria 8/2/1954 n.320 include nell elenco delle malattie denunciabili dei volatili le affezioni pestose, termine che comprende la peste classica, attuale influenza, e la pseudopeste. Accertata la loro esistenza, il sindaco, oltre ai provvedimenti previsti dagli articoli 10 e 11, ordinava l isolamento degli animali ammalati, le disinfezioni dei pollai e la chiusura dei colombi e altri volatili da cortile, esistenti nelle vicinanze, in luoghi chiusi o recintati. I trattamenti immunizzanti potevano essere resi obbligatori. I provvedimenti sanitari erano revocati 15 giorni dall esito dell ultimo caso di malattia oppure quando tutti gli animali erano stati uccisi. Queste norme, che ovviamente erano rivolte ad un avicoltura esclusivamente rurale, sono state aggiornate con Ordinanza 19 luglio 1991 del Ministero della Sanità sulla Profilassi dell influenza aviare e della pseudopeste aviare, in cui si precisa che le disposizioni del Regolamento di Polizia Veterinaria vanno applicate solo all influenza e pseudopeste da ceppi di virus altamente virulenti. Non era però specificato cosa s intende per altamente virulenti. Agli articoli 6 e 7 dell Ordinanza viene precisato che il sindaco può autorizzare o rendere obbligatoria la vaccinazione da eseguire sotto controllo veterinario o disporre l abbattimento degli animali. Il DPR 15 novembre 1996 n.657 regola l attuazione della direttiva 92/66/CEE, che prevede misure comunitarie contro la malattia di Newcastle. La direttiva stabilisce che per Malattia di Newcastle si intende un infezione dei volatili causata da un ceppo aviare di Paramyxovirus 1 con ICPI superiore a 0,7 nei pulcini di un giorno. Stabilisce inoltre lo stamping out di tutti i volatili dell allevamento infetto, la distruzione delle carcasse e delle uova, quando la diagnosi è ufficialmente confermata. Intorno all azienda infetta è prevista una zona di protezione del raggio minimo di 3 km all interno di una zona di sorveglianza del raggio minimo di 10 km. Le misure applicate nella zona di protezione restano in vigore per almeno 21 giorni e nella zona di sorveglianza per almeno 30 giorni, dopo la pulizia e la disinfezione dell azienda. L autorità competente può autorizzare o rendere obbligatoria la vaccinazione contro la malattia. Col 12

13 13 08/03/ File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F progredire delle ricerche sulla patogenicità a base molecolare è stato ora ammesso che la valutazione della virulenza non sia solo basata sul valore dell ICPI, ma anche sulla presenza di due coppie di aminoacidi basici (arginina, lisina) seguite da fenilalanina nella regione di scissione della gp F. L applicazione delle norme legislative riguardanti la Malattia di Newcastle pone alcuni interrogativi. NDV è stato segnalato come agente di sporadiche congiuntiviti umane, ma non per questo è da considerare un vero virus zoonotico. La malattia rappresenta, quindi, un problema essenzialmente zooeconomico e, di conseguenza, i provvedimenti per combatterla non devono provocare danni maggiori di quelli causati dalla stessa malattia. Questo purtroppo succede quando attorno a focolai rurali, facilmente estinguibili, si decreta la zona di protezione e di sorveglianza in cui cadono allevamenti industriali, incubatoi o macelli. È noto che gli allevamenti rurali sono sempre difficilmente controllabili, riguardo alla loro distribuzione e consistenza e alle vaccinazioni applicate. L andamento epizoologico negli allevamenti rurali, inoltre, appare spesso separato da quello degli allevamenti intensivi. Ci si può chiedere, inoltre, se l eradicazione, mediante stamping out, e la vaccinazione siano sempre conciliabili. Sicuramente la vaccinazione protegge dalla malattia, ma può favorire le infezioni inapparenti e la trasmissione verticale del virus, che rendono impossibile la conoscenza della reale diffusione dell infezione ad alta virulenza da parte della Sanità Pubblica. L uccisione degli ammalati e dei sospettati di contagio nei focolai denunciati non è, quindi, sufficiente ai fini dell eradicazione. Non è possibile, inoltre, aggirare l ostacolo ricorrendo a monitoraggi sierologici, sempre condizionati dalle vaccinazioni. D altra parte i Paesi che hanno proibito la vaccinazione sono spesso dovuti tornare precipitosamente sui propri passi per l arrivo inaspettato del virus patogeno. Negli allevamenti intensivi, per superare i momenti d emergenza ed arrivare ad un eradicazione abbastanza rapida, non rimane che tenere sempre presenti due punti: Soltanto la vaccinazione a tappeto, con l abbinamento di vaccino vivo, seguito da vaccino spento, può impedire la persistenza e la disseminazione del virus Soltanto con l applicazione rigorosa delle principali norme di biosicurezza si può impedire la circolazione del virus Il virus ad alta virulenza continua a diffondersi e la minaccia della Malattia di Newcastle persiste per diversi anni, se non si riesce ad ottemperare anche ad uno solo di questi due punti. 13

Anamnesi Sintomi Lesioni. Diagnosi. Il ricorso agli esami di laboratorio è enormemente ingigantito, in particolare per la diagnosi virologica

Anamnesi Sintomi Lesioni. Diagnosi. Il ricorso agli esami di laboratorio è enormemente ingigantito, in particolare per la diagnosi virologica Silvio Pascucci 1 Anamnesi Sintomi Lesioni Esami : Istologici Virologici Sierologici Diagnosi Il ricorso agli esami di laboratorio è enormemente ingigantito, in particolare per la diagnosi virologica 2

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 78. L Influenza Aviaria e il timore di una pandemia

Bollettino Epidemiologico n. 78. L Influenza Aviaria e il timore di una pandemia Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 78 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel. 0824-322240 - Fax 0824-23154 - e-mail sep@aslbenevento.it L Influenza Aviaria

Dettagli

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

Malattia di Newcastle

Malattia di Newcastle Malattia di Newcastle Giovanni Cattoli e Anna Toffan Centro Nazionale di Referenza e Laboratorio OIE per la Malattia di Newcastle e l Influenza Aviare, Istituto Zooprofilattico Sper.le delle Venezie, Legnaro

Dettagli

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29;

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29; 12210 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 132 del 4-11-2004 DETERMINA di autorizzare, per quanto di competenza della Regione Puglia, la devoluzione del finanziamento per lavori di completamento/ampliamento

Dettagli

Influenza Suina - definizione. Influenza suina. Caratteristiche del Virus. Nomenclatura

Influenza Suina - definizione. Influenza suina. Caratteristiche del Virus. Nomenclatura Influenza Suina - definizione Influenza suina Malattia infettiva, contagiosa, ad andamento acuto Caratterizzata da sintomi respiratori Eziologia virale Orthomyxoviridae Influenza virus tipo A I nfluenzavirus

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

Malattia di Newcastle (Newcastle disease = ND Pseudopeste aviare, pneumoencefalite)

Malattia di Newcastle (Newcastle disease = ND Pseudopeste aviare, pneumoencefalite) Malattia di Newcastle (Newcastle disease = ND Pseudopeste aviare, pneumoencefalite) Malattia acuta altamente contagiosa che colpisce il pollo ed altri volatili domestici e selvatici, caratterizzata da

Dettagli

PROFILASSI DIRETTA IN AVICOLTURA OVVERO BIOSICUREZZA

PROFILASSI DIRETTA IN AVICOLTURA OVVERO BIOSICUREZZA PROFILASSI DIRETTA IN AVICOLTURA OVVERO BIOSICUREZZA Con profilassi si intendono quelle misure che tendono a limitare e/o a impedire l ingresso di una patologia in allevamento. In avicoltura la terapia

Dettagli

Influenza. Prof. Vincenzo Cuteri. Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino

Influenza. Prof. Vincenzo Cuteri. Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino Influenza Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino Orthomyxoviridae: Influenza Pandemie ed epidemie influenzali 1918 Spagnola (H1-N1) 20 milioni di morti 1957 Asiatica

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica Malattia virale che colpisce il bovino causata da un herpesvirus (BHV 1 ), si manifesta con sintomi respiratori (Rinotracheite infettiva

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Le Micoplasmosi nelle produzioni avicole: un problema attuale!

Le Micoplasmosi nelle produzioni avicole: un problema attuale! Le Micoplasmosi nelle produzioni avicole: un problema attuale! "MALATTIE RESPIRATORIE DEL POLLAME«Torino, 3 Ottobre 2013 Massimo Graziani Avian Technical Manager Merial Italia Spa I Micoplasmi Organismi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

Malattie infettive a trasmissione aerea

Malattie infettive a trasmissione aerea Ogni anno, immancabilmente, si ripete un incontro puntuale quanto indesiderato... quello fra l uomo ed i virus influenzali Malattie infettive a trasmissione aerea Ambiente: densità della popolazione occasioni

Dettagli

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Virus delle febbri emorragiche 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Hemorrhagic Fever Viruses JAMA, 2002; 287:2391 Family Disease Vector in Nature Geographic Distribution

Dettagli

La malattia di Aujeszky: aspetti diagnostici

La malattia di Aujeszky: aspetti diagnostici La malattia di Aujeszky: aspetti diagnostici Stefano Nardelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Isola della Scala (VR) 10.05.2011 STORIA (1813) (1902) (1934) prima descrizione USA prurito

Dettagli

1 07/01/04 16:34 File Malattia di Gumboro Brescia 1998.doc Autore Pascucci Silvio Tel/Fax 0543 401442

1 07/01/04 16:34 File Malattia di Gumboro Brescia 1998.doc Autore Pascucci Silvio Tel/Fax 0543 401442 1 07/01/04 16:34 File Malattia di Gumboro Brescia 1998.doc Autore Pascucci Silvio Tel/Fax 0543 401442 S. PASCUCCI LA MALATTIA DI GUMBORO (Lezione tenuta al 7 Corso di formazione specialistica per veterinari

Dettagli

Con l occasione Vi invio, anche a nome del Consiglio Direttivo, i miei più sinceri auguri per le imminenti festività.

Con l occasione Vi invio, anche a nome del Consiglio Direttivo, i miei più sinceri auguri per le imminenti festività. 1 S I V Società Italiana di Virologia Prof. Giorgio Palù, Presidente Padova, 19 dicembre 2005 Caro Socio, ti invio il documento redatto dalle Prof.sse Alberta Azzi e Anna Iorio riguardante il rischio dell

Dettagli

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Schmallenberg virus: l ennesima emergenza sanitaria per la zootecnia della Sardegna? Nuoro, 20 dicembre 2012 Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Annalisa Oggiano Dipartimento

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia ZOONOSI EMERGENTI E RIEMERGENTI: tra vecchie conoscenze e nuove realtà Torino, 26 febbraio 2013 L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia Fabio Ostanello Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie

Dettagli

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Stefano Marangon Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie AGRICOLTURA. Il Ministero ha ridotto l area soggetta a restrizioni per contenere la

Dettagli

Reovirus. Stabili in svariate condizioni di ph, T e negli aerosol.

Reovirus. Stabili in svariate condizioni di ph, T e negli aerosol. Orthoreovirus, Rotavirus, Orbivirus, Coltivirus Caratteri generali: Privi di mantello. Due involucri capsidici. 10-12 segmenti di RNA genomico a doppio filamento. Reovirus Stabili in svariate condizioni

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ALIA A fronte dell emergenza aviaria che ha interessato alcuni territori del nostro Paese nel periodo 14 agosto e 5 settembre 2013,

Dettagli

Orthomyxovirus. G. Di Bonaventura Università di Chieti-Pescara

Orthomyxovirus. G. Di Bonaventura Università di Chieti-Pescara G. Di Bonaventura Università di Chieti-Pescara Caratteri generali I virus dell influenza A, B, C sono gli unici membri della Famiglia Orthomyxoviridae Tutti patogeni per l uomo (A anche per animali) Virione

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

Attualità sull epidemiologia, la diagnosi e la profilassi delle infezioni da Metapneumovirus aviare in Italia

Attualità sull epidemiologia, la diagnosi e la profilassi delle infezioni da Metapneumovirus aviare in Italia SEMINRIO IZS del Piemonte, Liguria e Valle D osta MLTTIE RESPIRTORIO DEL POLLME: Patogenesi, clinica, diagnosi, strategie vaccinali ttualità sull epidemiologia, la diagnosi e la profilassi delle infezioni

Dettagli

MISURA 215 ANNATA 2015/2016

MISURA 215 ANNATA 2015/2016 Prevenzione delle mastiti infettive degli ovini e dei caprini: Immunologia della mammella, antibiotico resistenza e ruolo della profilassi immunizzante MISURA 215 ANNATA 2015/2016 L'ANTIBIOTICO

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

Campylobacter: ancora un patogeno emergente?

Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Ludovico DIPINETO Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali Università degli Studi di Napoli Federico II Campylobacter Batteri appartenenti

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 155/48 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 22.6.2010 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 18 giugno 2010 recante misure di protezione nei confronti dell anemia infettiva equina in Romania [notificata con

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE D.M. 9 gennaio 2006. Istituzione dell'unità centrale di crisi per l'influenza aviaria. (pubbl in Gazz. Uff. n. 18 del 23 gennaio 2006). IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto il regolamento di Polizia veterinaria

Dettagli

Io mi proteggo dall influenza. Vaccinazione anti-influenzale: cosa è necessario conoscere.

Io mi proteggo dall influenza. Vaccinazione anti-influenzale: cosa è necessario conoscere. Io mi proteggo dall influenza Vaccinazione anti-influenzale: cosa è necessario conoscere. Anche quest anno, con l approssimarsi della stagione fredda, è arrivato il momento di vaccinarsi contro l influenza.

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Caratteristiche biologiche dei virus influenzali e del virus di Newcastle. Francesco Tolari Dipartimento di Patologia Animale Università di Pisa

Caratteristiche biologiche dei virus influenzali e del virus di Newcastle. Francesco Tolari Dipartimento di Patologia Animale Università di Pisa Caratteristiche biologiche dei virus influenzali e del virus di Newcastle Francesco Tolari Dipartimento di Patologia Animale Università di Pisa I virus influenzali Famiglia Orthomixoviridae (virus a RNA

Dettagli

Il primo Laboratorio biologico mobile da campo per lo studio delle malattie infettive nell interfaccia uomo/animale

Il primo Laboratorio biologico mobile da campo per lo studio delle malattie infettive nell interfaccia uomo/animale Il primo Laboratorio biologico mobile da campo per lo studio delle malattie infettive nell interfaccia uomo/animale PADOVA - Con l acquisizione del Laboratorio biologico mobile da campo, l Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Influenza aviaria - scheda informativa

Influenza aviaria - scheda informativa Organizzazione mondiale della sanità - aprile 2006 Influenza aviaria - scheda informativa La malattia nei volatili Il ruolo degli uccelli migratori Paesi colpiti da epidemie nei volatili La malattia nell

Dettagli

Quaderni della Società Ornitologica Reggiana

Quaderni della Società Ornitologica Reggiana Quaderni della Società Ornitologica Reggiana UCCELLI DA GABBIA E DA VOLIERA ED INFLUENZA AVIARE info@sor.re.it www.sor.re.it Tel: +39 0522 515118 Fax: +39 0522 515118 SOCIETA ORNITOLOGICA REGGIANA Via

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 20.7.2002 L 192/27 DIRETTIVA 2002/60/CE DEL CONSIGLIO del 27 giugno 2002 recante disposizioni specifiche per la lotta contro la peste suina africana e recante modifica della direttiva 92/119/CEE per quanto

Dettagli

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI CASTELNUOVO RANGONE (MO) 12-13 maggio 2010 FORLI 3-4 giugno 2010 BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI Silvano Natalini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti MOTIVAZIONI E OBIETTIVI DELL INIZIATIVA FORMATIVA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini o bluetongue è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Rhabdovirus Rhabdoviridae: Virus della rabbia a) Vesiculovirus - virus della stomatite

Dettagli

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV)

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) Nel panorama delle patologie che interessano i nostri amici gatti risultano particolarmente degne di nota l Immunodeficienza Felina (FIV) e la

Dettagli

Infezioni da Pneumovirus aviari

Infezioni da Pneumovirus aviari Infezioni da Pneumovirus aviari Rinotracheite Aviare (ART) del Pollo o Sindrome della Testa Gonfia (SHS) Rinotracheite del Tacchino (TRT) (malattia clinicamente indistinguibile dalla Bordetellosi da B.avium)

Dettagli

Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae

Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae Roma, 26-27 Novembre 2014 Roma, 28-29 Febbraio 2012 Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae MARINA CERQUETTI Marina Cerquetti Dipartimento di Malattie

Dettagli

BIOSICUREZZE NEGLI ALLEVAMENTI

BIOSICUREZZE NEGLI ALLEVAMENTI Società Italiana Medicina Veterinaria Preventiva Allevamenti: Aspetti ambientali e zootecnici 12-14 Marzo 2013 BIOSICUREZZE NEGLI ALLEVAMENTI Dott.ssa Fiorella Olivi BIOSICUREZZA Insieme di misure igienicosanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 289/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 289/2008 DELLA COMMISSIONE 1.4.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 89/3 REGOLAMENTO (CE) N. 289/2008 DELLA COMMISSIONE del 31 marzo 2008 che modifica il regolamento (CE) n. 1266/2007 relativo alle misure di applicazione

Dettagli

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014 Bollettino epidemiologico WND 5 gennaio 205 n.6 West Nile Disease in Italia nel 204 Sommario Introduzione 2 Situazione epidemiologica 3 Sorveglianza equidi 4 Sorveglianza uccelli di specie bersaglio 5

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli

POXVIRUS. VIRUS a DNA con ENVELOPE

POXVIRUS. VIRUS a DNA con ENVELOPE POXVIRUS VIRUS a DNA con ENVELOPE POXVIRUS Caratteristiche: Virus molto grande e COMPLESSO Con inviluppo (2 membrane), 200-400 nm Forma ovoidale o a parallelepipedo Genoma dsdna lineare, 130-300 Kbp Unico

Dettagli

Dott. Ternavasio. A.S.L. 8 Carmagnola Servizio Veterinario Piazza Italia Foro Boario

Dott. Ternavasio. A.S.L. 8 Carmagnola Servizio Veterinario Piazza Italia Foro Boario Dott. Ternavasio A.S.L. 8 Carmagnola Servizio Veterinario Piazza Italia Foro Boario 1 _TUBERCOLOSI_ Mycobacterium tuberculosis (uomo) Uccelli = Resistenti * * Eccetto Psittacidae di solito assiocata ad

Dettagli

PSEUDORABBIA. Scheda pseudorabbia Pag. 1. Caratteristiche della patologia E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia

PSEUDORABBIA. Scheda pseudorabbia Pag. 1. Caratteristiche della patologia E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia PSEUDORABBIA Caratteristiche della patologia Informazioni E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia Pseudorabbia (Malattia di Aujeszky). E.1.2 Agente/i eziologico/i Herpesvirus del suino (PRV). E.1.3 Breve descrizione

Dettagli

12 CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA IN TECNICA DELL ALLEVAMENTO AVICOLO E PATOLOGIA AVIARE

12 CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA IN TECNICA DELL ALLEVAMENTO AVICOLO E PATOLOGIA AVIARE FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE E ZOOTECNICHE BRESCIA ISTITUTO PER LA QUALIFICAZIONE E L AGGIORNAMENTO TECNICO PROFESSIONALE IN AGRICOLTURA BRESCIA SOCIETA ITALIANA DI PATOLOGIA AVIARE - SIPA 12

Dettagli

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

A cura del dr. Giovanni Piu

A cura del dr. Giovanni Piu A cura del dr. Giovanni Piu INFLUENZA Parola derivata dalla lingua Italiana, perché si supponeva che la malattia fosse dovuta all influenza climatica svolta da una sfavorevole congiunzione astrale. E una

Dettagli

Programma di vaccinazione nei cuccioli di cane

Programma di vaccinazione nei cuccioli di cane Programma di vaccinazione nei cuccioli di cane Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM 5/2/2007 Prof. Vincenzo Cuteri 1 Importanza della profilassi immunizzante Durata immunità materna:

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM)

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) II Corso Nazionale Teorico Pratico Emergenze in Infettivologia Ferrara, 30 Settembre 2009 Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) Vittorio Sambri Laboratorio CRREM

Dettagli

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche.

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche. Piano di sorveglianza della West Nile disease Approfondimenti su un cluster di positività sierologica sui cavalli saggiati nelle attività di sorveglianza 2008; 1 semestre. Relazione a cura di S.Gavaudan

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1266/2007 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1266/2007 DELLA COMMISSIONE 27.10.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 283/37 REGOLAMENTO (CE) N. 1266/2007 DELLA COMMISSIONE del 26 ottobre 2007 relativo alle misure di applicazione della direttiva 2000/75/CE del Consiglio

Dettagli

IN QUESTI MESI. I principali avvenimenti di interesse epidemiologico in questi ultimi mesi in Italia ed in Unione Europea

IN QUESTI MESI. I principali avvenimenti di interesse epidemiologico in questi ultimi mesi in Italia ed in Unione Europea Ottobre 2013 Numero 14 IN QUESTI MESI I principali avvenimenti di interesse epidemiologico in questi ultimi mesi in Italia ed in Unione Europea RHDV2: un nuovo virus della malattia emorragica virale del

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

RINOTRACHEITE INFETTIVA DEL BOVINO (IBR)

RINOTRACHEITE INFETTIVA DEL BOVINO (IBR) RINOTRACHEITE INFETTIVA DEL BOVINO (IBR) La rinotracheite infettiva dei bovini (IBR) è una malattia infettiva e contagiosa dei bovini causata dall HERPESVIRUS BOVINO tipo 1 (BHV-1). Descritta negli USA

Dettagli

Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM

Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM Definizione Malattia infettiva acuta Altamente contagiosa Colpisce gli animali ad unghia fessa Caratterizzata da febbre vescicole sulle mucose

Dettagli

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio DIAGNOSI (διαγνωσισ = distinguere) individuazione della causa di una patologia Diagnosi su base clinica e/o anatomo-patologica sospetto o orientamento diagnostico Diagnosi di laboratorio (diagnosi eziologica)

Dettagli

Regione Piemonte - Assessorato alla Sanità L INFLUENZA: CONOSCERLA PER COMBATTERLA E PREVENIRLA. Pag. 1

Regione Piemonte - Assessorato alla Sanità L INFLUENZA: CONOSCERLA PER COMBATTERLA E PREVENIRLA. Pag. 1 L INFLUENZA: CONOSCERLA PER COMBATTERLA E PREVENIRLA Pag. 1 Pag. 2 Regione Piemonte - Assessorato alla Sanità INDICE DEGLI ARGOMENTI LA SINDROME INFLUENZALE Che cosa è l influenza? Chi si ammala di influenza?

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Influenza pandemica (A/H1N1p)

Influenza pandemica (A/H1N1p) Influenza pandemica (A/H1N1p) Aggiornamento del 27.11.10 1 INFLUENZA UMANA PANDEMICA - A/H1N1p Aggiornamento al 27 Novembre 2010 Si comunica che a seguito degli ultimi comunicati emessi dall Organizzazione

Dettagli

Allegato 1 alla deliberazione della Giunta regionale n. 15 in data 10/01/2014

Allegato 1 alla deliberazione della Giunta regionale n. 15 in data 10/01/2014 LA GIUNTA REGIONALE - richiamata la legge regionale 13 febbraio 2012, n. 4 recante Disposizioni per l eradicazione della malattia virale rinotracheite bovina infettiva (BHV-1) nel territorio della regione,

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

CAPITOLO 1. L influenza aviaria. Eziologia ed ecologia

CAPITOLO 1. L influenza aviaria. Eziologia ed ecologia CAPITOLO 1 L influenza aviaria 1.1.1 Eziologia ed ecologia Il virus dell influenza aviaria appartiene al genere Orthomyxovirus, famiglia Orthomyxoviridae. E un virus a RNA monocatenario a polarità negativa,

Dettagli

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles)

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Silvia Preziuso silvia.preziuso@unicam.it Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Camerino Streptococcus Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Adenite equina (Strangles)

Dettagli

West Nile Disease in Italia nel 2012

West Nile Disease in Italia nel 2012 19 luglio n. 3, 2012 West Nile Disease in Italia nel 2012 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla

Dettagli

PESTIVIRUS. fam. FLAVIVIRIDAE. Suddivisa in tre generi Flavivirus. Pestivirus. Hepacivirus

PESTIVIRUS. fam. FLAVIVIRIDAE. Suddivisa in tre generi Flavivirus. Pestivirus. Hepacivirus PESTIVIRUS fam. FLAVIVIRIDAE Suddivisa in tre generi Flavivirus Pestivirus Hepacivirus 1 CLASSIFICAZIONE DEI PESTIVIRUS Un tempo classificati in BVDV, CSFV, BDV Questo schema tiene conto SOLO dello spettro

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste dott.fulvio Zorzut Direttore S.C. Igiene Sanità Pubblica Prevenzione Ambientale Dipartimento di Prevenzione di Trieste La Campagna

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Ordinanza sulle epizoozie

Ordinanza sulle epizoozie Ordinanza sulle epizoozie (OFE) Modifica del 23 novembre 2005 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 27 giugno 1995 1 sulle epizoozie è modificata come segue: Sostituzione di termini

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE VETERINARIO Nobilis IB 4-91, liofilizzato per sospensione per polli 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

L'INFLUENZA AVIARIA pesti aviarie siamo preparati

L'INFLUENZA AVIARIA pesti aviarie siamo preparati L'INFLUENZA AVIARIA Negli ultimi 100 anni l umanità ha subito tre grandi pandemie influenzali che hanno causato fino a 50 milioni di morti. Oggi la minaccia sono le cosiddette pesti aviarie, trasmesse

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prof. Paolo Cadrobbi; Dott. Giovanni Carretta Salmonellosi tifoidee e non tifoidee E fondamentale distinguere tra: febbre tifoide, grave infezione che interessa

Dettagli