La riforma delle Procedure concorsuali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La riforma delle Procedure concorsuali"

Transcript

1

2

3 2 La riforma delle Procedure concorsuali iuaderni di formazione Collana di incontri e studi a cura della Federazione delle Banche di Credito Cooperativo dell Emilia Romagna

4 GIORNATA DI STUDIO - BOLOGNA, 28 aprile 2006 PRESENTAZIONE Giulio Magagni Presidente Federazione Regionale BCC Emilia Romagna e Iccrea Holding INTERVENTO Pier Filippo Verzaro Responsabile Funzione consulenza di Federcasse INTRODUZIONE Luigi Filippo Paolucci Ordinario di Diritto Commerciale nell'università di Bologna RELATORI Andrea Maria Azzaro Associato Diritto Privato nell'università di Urbino "Carlo Bo'" Leopoldo Sambucci Straordinario di Diritto Commerciale nell'università di Foggia Fausto Basile Consigliere dell'ufficio legislativo del Ministero della Giustizia Stefano Cardinali Giudice del Tribunale di Roma Paolo Felice Censoni Ordinario di Diritto Commerciale nell'università di Urbino Massimo Ferro Giudice del Tribunale di Bologna Antonio La Malfa Giudice del Tribunale di Roma Amedeo Pomponio Avvocato in Roma CONCLUSIONI Daniele uadrelli Direttore Generale Federazione Regionale BCC Emilia Romagna Federazione Banche di Credito Cooperativo dell Emilia Romagna Via Calzoni, 1/ Bologna - Tel Fax

5 Presentazione uesta pubblicazione raccoglie le relazioni svolte nella giornata di studi tenuta a Bologna il 28 aprile 2006 e promossa dalla Federazione delle Bcc dell Emilia Romagna allo scopo di analizzare in modo organico risvolti e implicazioni della riforma delle Procedure concorsuali, attraverso quattro distinte sessioni. Il legislatore, prima con la legge di conversione del decreto legge numero 25/2005 e successivamente con la riforma organica della disciplina introdotta dal D.L. n.5 del gennaio 2006, ha profondamente innovato le procedure concorsuali come venivano regolate dalla Legge fallimentare del I relatori, docenti universitari, professionisti affermati, magistrati, hanno guidato la trattazione con maestria,tra comprensibili difficoltà di interpretazione e di applicazione che, del resto, ogni nuovo corpus normativo introduce specie in materie così delicate nonché nei problemi di coordinamento con altre disposizioni. Cito, ad esempio, il D.L. 170/04 in tema di contratti e di garanzie finanziarie. Vorrei tuttavia sottolineare gli aspetti della riforma che a noi, operatori del sistema bancario, appaiono possibili di sviluppi ulteriori. 3

6 La riforma si pone nella prospettiva di conservazione e non di liquidazione delle imprese come appare dagli accordi di ristrutturazione dei debiti. La riforma incide in maniera significativa sulle azioni revocatorie fallimentari sia dimezzando i periodi sospetti sia introducendo nuove fattispecie di esenzioni.tra esse ricordo le rimesse su conto corrente bancario purchè le stesse non abbiano titolo in maniera consistente e durevole sull esposizione debitoria del fallito. E evidente pertanto che saranno l elaborazione dottrinale e soprattutto l applicazione giurisprudenziale a chiarirci l effettiva portata dell esenzione ma intanto i contributi presentati a questo convegno aiuteranno ad evitare situazioni abnormi e passibili di compromettere l integrità stessa delle aziende di credito. Ai relatori il più vivo ringraziamento anche per la recente revisione dei testi che, a quasi un anno di distanza, appaiono pienamente attuali. Giulio Magagni Presidente della Federazione delle Banche di Credito Cooperativo dell Emilia Romagna 4

7 Intervento Pierfilippo Verzaro Responsabile Funzione consulenza di Federcasse La riforma delle Procedure concorsuali è tema complesso che va approcciato con umiltà e attenzione a tutte le novità tanto a livello di normativa quanto a livello della sua applicazione. Il momento della crisi dell impresa non è un momento positivo per le banche sia perché abbiamo sempre avuto problemi sul profilo della revocatoria sia perché vediamo uscire dal sistema economico soggetti con i quali invece avremmo utilità a lavorare. Tra l altro per le Banche di Credito Cooperativo che sempre si pongono come motore del territorio, perdere un impresa che magari ha svolto una funzione positiva di sviluppo di una comunità locale è qualcosa che sicuramente dispiace. Molti sono i punti di interesse della riforma che va applicata concretamente partendo da un assunto inevitabile: che noi non possiamo che accettare bene l idea che il legislatore voglia rivedere le procedure nel senso di tenere comunque in vita l impresa e di conseguenza di consentire di avere degli strumenti a disposizione perché l impresa prosegua la propria attività nel territorio d insediamento. Certamente occorre attenzione e un bilanciamento di interessi per vedere se effettivamente vi sono i presupposti affinché l impresa vada avanti oppure se questo non venga fatto a danno di altri soggetti che invece si sono mossi nell idea di poter recuperare quanto avevano concesso all impresa. Evidentemente il tema importante riguarda il concordato preventivo e gli accordi giudiziali e extra giudiziali che sono i primi che il convegno ha affrontato per comprendere se essi possono essere qualcosa che anticipa e, se possibile, evita il fallimento dell impresa. 5

8 Introduzione Luigi Filippo Paolucci Ordinario di Diritto Commerciale nell'università di Bologna Dopo la legge bancaria del 1993, la riforma del mercato mobiliare del 1998 (anch essa recentemente modificata dalla l. n. 262 del 28 dicembre 2005) e la nuova normativa sulle società di capitali, la riforma della legge fallimentare rappresenta l ultimo atto di una serie di interventi resi necessari, sia per rilanciare la competitività nel nostro Paese, sia per l esigenza stessa di aggiornamento della nostra legislazione, anche per adeguarla alla normativa europea. E che in materia fallimentare vi fosse necessità di una riforma era più che evidente, considerando il fatto che la vecchia legge aveva più di sessantanni e, in molti casi, si era reso necessario cedere alla tentazione di interventi specifici, o per risolvere problematiche nuove e di carattere generale, come si è verificato con la cosiddetta legge Prodi, o, addirittura, per coprire situazioni particolari, come si è verificato nei casi Cirio e Parmalat. Non è questa certo la sede per prendere posizione sulla logica di questi interventi e sulle scelte di principio che ne sono state alla base, anche se certamente si può escludere che si tratti 6 di scelte unitarie, e, addirittura si può anche dubitare che alla base vi siano state delle scelte di principio e non soltanto il tentativo di risolvere situazioni contingenti. Ritengo infatti opportuno lasciare ogni spunto polemico, che potrebbe estendersi allo stesso metodo seguito nella riforma della legge fallimentare, che è sostanzialmente avvenuta in due tappe, prima, attraverso la soluzione del decreto legge (d.l. 14 marzo 2005, n. 35, convertito nella l. 14 maggio 2005, n. 80), provvedimento certamente auspicato, ma che faceva sorgere molti dubbi sulla effettiva esistenza delle condizioni di necessità e di urgenza, rispetto al successivo provvedimento definitivo (il d.lg. 9 gennaio 2005, n. 5) che ha completato la disciplina della materia. uello che preme sottolineare è che, finalmente, ci troviamo di fronte a una nuova disciplina che, come è stato osservato in uno dei primi commenti, diviene la procedura generale di insolvenza delle imprese medio grandi. Ma, proprio considerando il criterio dimensionale, appare imme-

9 diatamente evidente, venendo anche ai temi oggetto di questa giornata di studio, uno degli aspetti più caratteristici della nuova legge, dato che ha riscritto sostanzialmente il concetto di piccolo imprenditore e, fissando i criteri alternativi, dell investimento non superiore a trecentomila euro e della realizzazione di ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo lordo non superiore a duecentomila euro, calcolati sulla media degli ultimi tre anni, o dall inizio dell attività, e prevedendo l aggiornamento ogni tre anni di queste cifre sulla base della variazione degli indici ISTAT, ha consentito di superare una serie di problematiche che, nel vigore del vecchio testo, continuavano ad essere sollevate. Come pure ha consentito di superare tutte le problematiche che sorgevano con riferimento all impresa artigiana che, ai fini del fallimento ora, non rileva più, come tipologia soggettiva, ma dovrà essere di volta in volta oggetto di accertamento quanto alla sua natura di impresa non piccola. Infine, superando la distinzione fra impresa individuale e impresa collettiva, ai fini della qualifica di piccolo imprenditore e della conseguente sottrazione al fallimento, la norma ha indubbiamente consentito il superamento di molti contrasti giurisprudenziali, anche se la possibilità di definire piccola impresa una società di capitali non può non far sorgere preoccupazioni nel panorama economico italiano in cui è tanto frequente il fenomeno di sottocapitalizzazione, considerando il fatto che non è stato ancora riempito il vuoto normativo riguardante i soci di società irregolare, del socio tiranno e di chi, comunque, anche se formalmente a responsabilità limitata, abbia disposto, anche indirettamente, dei beni sociali come cosa propria, in un sistema che continua ad essere retto soltanto dall art. 147 della legge fallimentare che estende il fallimento ai soci illimitatamente responsabili di s.n.c., s.a.s. e s.a.p.a., escludendo però da tale estensione il socio di s.r.l. unipersonale e l unico azionista. Ma al di là di queste prime osservazioni che dovrebbero essere necessariamente ampliate oltre i limiti di quanto consente una semplice relazione introduttiva, l altro aspetto caratteristico della nuova legge è l accentuata privatizzazione delle procedure concorsuali, dato che, con l eliminazione dell art. 6 della vecchia legge (certamente in applicazione del nuovo art. 111 della costituzione), scompare il fallimento d ufficio e si riduce drasticamente la possibilità di intervento giudiziale al fine di trasformare le notizie sull insolvenza commerciale in vera e propria attività istruttoria. Intervento che nel passato non ha mai avuto grande rilevanza dal punto di vista quantitativo, ma tuttavia il rischio del fallimento di ufficio ha sempre avuto un notevole effetto di persuasione nella fase prefallimentare. Né l impossibilità di dichiarazione di fallimento di ufficio può considerarsi controbilanciata dal riconoscimento del potere di iniziativa al Pubblico Ministero, al quale la noti- 7

10 zia della decozione può essere inviata dal giudice nel corso di un giudizio civile, dato che manca la stessa possibilità per i giudici tributari e amministrativi e, inoltre, l art. 147, comma 4, non contempla il P.M. fra i soggetti che possono chiedere l estensione del fallimento ad altri soci illimitatamente responsabili. Le novità della riforma sono anche altre che si ritiene necessario ricordare, pur non indugiandovi per non uscire dai temi oggetto del presente convegno, e riguardano, in particolare, le nuove norme che disciplinano l istruttoria prefallimentare (art. 15), il nuovo assetto degli organi preposti al fallimento, in particolare quello del tribunale fallimentare e del giudice delegato, che non è più l organo motore della procedura, ma ha, soprattutto, compiti di vigilanza e di controllo, del curatore, che ha acquistato un ruolo autonomo e diviene il vero motore della procedura, e del comitato dei creditori, che non ha più soltanto un ruolo meramente formale e di facciata, ma è chiamato a svolgere un importante ruolo, con poteri di autorizzazione e di partecipazione all attività gestoria, dato che le sue deliberazioni sono vincolanti. Ma tornando ai temi oggetto della presente giornata uno degli aspetti toccati dalla riforma è quello della revocatoria e, anche se la nuova formulazione delle norma ha mantenuto la tradizionale distinzione tra atti anomali (caratterizzati da una forte sproporzione tra le prestazioni) che, depauperando 8 il patrimonio del fallito, determinano una sicura lesione della par condicio creditorum, e rispetto ai quali vige una presunzione di conoscenza dello stato d insolvenza, ed atti normali in relazione ai quali, invece, l elemento soggettivo deve essere provato dal curatore, il nuovo testo prevede però un numero elevato di esenzioni dalla revocatoria cosicché la revoca degli atti normali diviene un ipotesi meramente residuale. E se, in molti casi, queste eccezioni sono senza dubbio giustificabili, come nel caso delle rimesse effettuate in un conto corrente bancario, quando non hanno ridotto in maniera consistente e durevole l esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca, dato che con questa soluzione si è consentito di superare una giurisprudenza non sempre certa e, comunque, a volte palesemente punitiva nei confronti degli istituti bancari, non si può non sottolineare che, attraverso queste esenzioni, si è attuato un depotenziamento della revocatoria fallimentare che comporterà una importanza sempre crescente di quella ordinaria. Appare invece in linea con l orientamento della giurisprudenza, che già in varie occasioni ha sottratto alla revocatoria le prestazioni eseguite durante il periodo sospetto, se la sproporzione non era eccessiva e rientrava nell alea di un contratto sinallagmatico, la precisazione che, in relazione agli atti anomali, non parla più di notevole sproporzione, ma di differenza di oltre un quarto tra le obbligazioni e le

11 prestazioni assunte dal fallito e ciò che a lui è stato dato e promesso. Come pure è in linea con il panorama normativo europeo la scelta del nostro legislatore di dimezzare il periodo sospetto, che è portato ad un anno per gli atti anomali ed a sei mesi per gli altri. Il precedente periodo sospetto, giudicato eccessivo, metteva infatti in discussione la certezza dei rapporti, poiché gli effetti del contratto concluso rimanevano incerti per un periodo troppo prolungato. Ma è evidente che la nuova revocatoria è fondata sulla teoria indennitaria, stabilendo l inefficacia dei soli atti anomali che abbiano arrecato pregiudizio ai creditori ed esentando gli altri (dal quadro comparato emerge, del resto, una generale tendenza degli ordinamenti a restringere la revocabilità degli atti normali per garantire maggiore stabilità e certezza ai traffici commerciali). Restano quindi esclusi dalla revocatoria i pagamenti di beni e servizi effettuati nell esercizio dell attività d impresa nei termini d uso; i pagamenti ai fornitori ed ai lavoratori, siano o meno subordinati; le rimesse su conto corrente bancario purchè non abbiano ridotto in modo consistente e durevole l esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca; le vendite, a giusto prezzo, di immobili destinati ad abitazione principale dell acquirente o di un suo familiare; gli atti, i pagamenti, le garanzie poste in esecuzione di procedure minori (concordato preventivo, amministrazione controllata o accordo di ristrutturazione dei debiti) o in esecuzione di piani di risanamento al 9

12 fine di agevolare il ricorso a soluzioni concordate dalla crisi. Tale disposizione consente di evitare l allontanamento dei fornitori o dei finanziatori del fallito, garantendo loro la possibilità di proseguire i rapporti commerciali con il debitore senza essere assoggettati al rischio di revocatoria dei pagamenti e permette, così, di non aggravare la situazione dell imprenditore in crisi. Esaminando la nuova disciplina del concordato, che pure è oggetto del presente incontro si osserva che, per quanto riguarda il concordato preventivo, la grande novità è che la proposta non deve essere presentata dall imprenditore che versi necessariamente in stato d insolvenza, essendo, invece, sufficiente che egli si trovi in stato di crisi ma, questa contingenza sfavorevole non viene definita e si finisce per gravare la giurisprudenza dell onere di chiarire la portata del termine. Scompaiono, comunque, i requisiti di meritevolezza per la proposizione della domanda e l obbligo di garantire ai creditori chirografari almeno il 40% del pagamento dei loro crediti. Oggetto della proposta può essere qualunque accordo con i creditori che assicuri la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei crediti attraverso qualsiasi forma. I creditori, inoltre, possono essere suddivisi in classi, purchè in ciascuna di esse vengano inseriti soggetti titolari di posizione giuridica ed interessi economici omogenei. Se si effettua tale suddivisione, al tribunale, cui in genere è demandato un controllo meramente formale in relazione 10 alla regolarità ed alla completezza dei documenti allegati alla domanda, è assegnato l incarico di valutare i criteri di correttezza nella formazione delle classi. Al di fuori dell ipotesi sopra menzionata al giudice non è assegnato alcun potere di delibazione sul merito della proposta avanzata. Il concordato è approvato, se riporta il voto favorevole della maggioranza dei creditori e, nel caso in cui siano previste classi diverse, è necessario ottenere il consenso di tanti soggetti che rappresentino la maggioranza di ciascuna di esse. Tuttavia, all autorità giudiziaria è riconosciuto il potere di omologare il piano nonostante il dissenso di una o più classi, ove il documento abbia ottenuto il favore della maggioranza dei votanti ed ove il giudice ritenga che i dissenzienti possano essere soddisfatti in misura non inferiore alle alternative concretamente praticabili. Ma il potere in capo al debitore di suddividere i creditori in classi se, da una parte, consente all imprenditore di disporre di una maggiore autonomia nella gestione della crisi, aumentando le possibilità che egli riesca ad elaborare un accordo che incontri il consenso dei creditori, dall altra, ma si concilia con l enorme proliferazione dei privilegi nel nostro ordinamento e con il correlato obbligo di rispettare l ordine degli stessi nella classificazione dei creditori. Risulta, infatti, estremamente difficile tenere conto di situazioni comuni nell opera di suddivisione dal momento che creditori chirografari e privilegiati

13 od anche privilegiati di ordine diverso devono essere trattati differentemente. Inoltre, la riduzione del potere d intervento dell autorità giudiziaria, cui è assegnato un potere di controllo nel merito della proposta solo in caso di suddivisione in classi dei creditori, se, da un lato, risponde ad uno spirito d insofferenza, sviluppatosi nei confronti di un giudice gestore della crisi lontano dal ruolo di soggetto super partes, dall altro lato mal si concilia con la possibilità che l autorità giudiziaria omologhi il piano, nonostante il dissenso di alcune classi, con un ruolo di primaria rilevanza, che le permette di valutare la convenienza della proposta presentata e di confermarne la validità anche di fronte all opposizione di alcuni creditori, anche se tale previsione ha come obiettivo quello di agevolare una soluzione della crisi imprenditoriale che si fondi sulle intese tra creditori ed imprenditore, favorendo la formalizzazione di accordi tra le due parti e consentendo una maggiore autonomia alle stesse nella gestione della procedura giudiziale. Ma anche in tema di concordato fallimentare numerose e consistenti sono le novità; tra queste occorre segnalare l estensione della legittimazione alla proposta a uno o più creditori o a un terzo, mentre il fallito (o le società cui egli partecipi o le società sottoposte a comune controllo) può presentare la proposta in un arco temporale limitato: non prima che siano decorsi sei mesi dal fallimento e non dopo i due anni dal decreto di esecutività dello stato passivo, ciò al fine di evitare che l istituto soffra di strumentalizzazione. L altra grande novità è costituita dalla suddivisione dei creditori in classi e, soprattutto, dalla possibilità di prevedere per i creditori privilegiati una soddisfazione non integrale; tale ultimo profilo costituisce un tratto molto competitivo del concordato fallimentare rispetto a quello preventivo. La possibilità, prevista dall art. 182 bis, della facoltà per il debitore di stipulare accordi di ristrutturazione dei debiti con i creditori che rappresentino almeno il sessanta per cento della totalità, depositando in tribunale l accordo unitamente ad una relazione redatta da un esperto sull attuabilità dello stesso con particolare riferimento alla sua idoneità ad assicurare il regolare pagamento dei creditori estranei rappresenta una delle novità principali della riforma. L accordo deve essere pubblicato nel registro delle imprese (è infatti efficace dal giorno successivo alla pubblicazione) in modo da consentire ai creditori e ad ogni altro soggetto interessato di proporre opposizione entro trenta giorni. Il tribunale provvederà all omologazione dopo aver deciso sulle eventuali opposizioni. La previsione, contenuta nell articolo 182 bis, degli accordi di ristrutturazione ha l obiettivo di salvaguardare intese intercorse tra il debitore ed alcuni dei creditori prima che si vada di fronte all autorità giudiziaria. Si tratta, cioè, di un contratto che determina una rinegoziazione del credito 11

14 12 con efficacia limitata ai soggetti che vi abbiano partecipato quello che nel diritto commerciale americano viene definito prepackeged bankruptcy, ossai un accordo raggiunto con alcuni tra i creditori che non pregiudica in alcun modo coloro che non vi hanno aderito ed ai quali, invece, deve essere assicurato il regolare pagamento delle pretese vantate (lo stesso è previsto dal nostro art. 182 bis). Il carattere negoziale della fattispecie, che consente all autonomia dei soggetti coinvolti di gestire la crisi, si ricava dall inopponibilità dell accordo ai creditori estranei e dall efficacia dello stesso condizionato all omologazione del giudice. Ma sul punto dell efficacia nei confronti dei creditori, che non hanno aderito, sorgono già i primi dubbi, dato che i primi due provvedimenti del Tribunale di Milano in materia sono espressione di due posizioni completamente divergenti. Per concludere non resta che prendere atto che una riforma della materia concorsuale è entrata in vigore anche se forse qualche dubbio può sorgere sull affermazione della relazione che da ora in poi le procedure concorsuali non debbono più essere viste in termini meramente liquidatori-sanzionatori, ma, piuttosto, come destinate a un risultato di conservazione dei mezzi dell impresa, assicurando la sopravvivenza, ove possibile, di questa e, negli altri casi, procurando alla collettività e, in primo luogo, agli stessi creditori, una più consistente garanzia patrimoniale, attraverso il risanamento e il trasferimento a terzi delle strutture aziendali e, soprattutto, sull affermazione che si tratti di una riforma che avrà come effetto di sveltire le procedure. uello che è certamente positivo è che si sia giunti a una riforma e l auspicio è che, in futuro il legislatore non cada nuovamente nella tentazione di creare procedure sostitutive del fallimento per far fronte ad esigenze particolari che possono soltanto portare a delle distorsioni della concorrenza e alla negazione della funzione del fallimento, come sanzione per la mancanza di correttezza giuridica ed etica del commerciante.

15 Accordo di ristrutturazione dei debiti e autonomia privata nelle procedure concorsuali Andrea Maria Azzaro Associato Diritto Privato nell'università di Urbino "Carlo Bo" PREMESSA Volevo ringraziare il Direttore uadrelli che ci ha fatto l onore di invitarci a questo convegno, che ha lo scopo di individuare le linee guida della riforma delle procedure concorsuali, una riforma che abbisognerà di qualche assestamento sia in sede giurisprudenziale che in sede legislativa. L argomento di cui parlo insieme al Consigliere Ferro è il nuovo istituto degli accordi di ristrutturazione, ex art. 182-bis. l. fall. Mi trovo a introdurre il discorso indicando le linee guida, qualche spunto problematico e qualche mia personale osservazione, laddove invece il Consigliere Ferro, oltre a rappresentare la figura del magistrato, in questo caso rappresenta anche la dottrina. Farò quindi un introduzione lasciando poi a lui il compito di indicarci qual è lo stato di vitalità di questo istituto, quale potrà essere la sua funzione e che cosa succede oggi quando un accordo di ristrutturazione viene depositato in tribunale, cosa l imprenditore e i suoi creditori devono attendersi, cosa le banche, quali creditori più forti. In limine si devono ricordare i connotati essenziali dell istituto. Si tratta di un accordo a cui devono partecipare almeno il 60% dei creditori che viene depositato in tribunale con una serie di documenti e un piano di ristrutturazione che deve essere pubblicato nel registro delle imprese e che il tribunale, decise le eventuali opposizioni, omologa con l effetto che si produce l esonero dalle revocatorie per gli atti, i pagamenti e le garanzie posti in esse- 13

16 re dall esecuzione di questo accordo. Vi sono altri due elementi da sottolineare subito: il deposito di questo piano non sterilizza le attività esecutive dei propri crediti da parte dei creditori, nè impedisce eventuali istanze di fallimento. Altro elemento fondamentale di riflessione è che questo istituto si colloca in un sistema in cui esistono varie procedure di carattere giudiziale o amministrativo introdotte senza un preciso progetto dal legislatore negli ultimi anni, di cui, se possibile allo stato attuale della legislazione, si deve cercare una relazione che consenta di trovare per ciascuna una collocazione, una sua ragion d essere, compatibile e funzionale con le altre. IL DILEMMA DELL'AUTONOMIA O DIPENDENZA DAL CONCORDATO PREVENTIVO L accordo di ristrutturazione proviene dai sistemi di Common Law, ordinamenti che hanno formanti assolutamente diversi e quindi non comparabili direttamente con il nostro, il che pone il problema di studiare il suo posto nel nostro ordinamento alla luce del particolare momento storico che stiamo vivendo. Il primo e fondamentale dato da cui partire è, in questo senso, la collocazione sistematica della norma che è posta nel medesimo contesto in cui si colloca il concordato, tanto che il problema fondamentale che si è posta sin qui la dottrina - date le forti ricadute applicative che comporta - è se si tratta di una mera variante del concordato o di un istituto autonomo. Vari sono i riferimenti testuali che portano a parlare di autonomia. In particolare, a mio avviso, rileva in tal senso il fatto che nell art. 182-bis vengano richiamate solo due norme del concordato preventivo, il che fa pensare che il legislatore applica questa norma in quanto compatibile, tecnica utilizzata quando si vuol dire che si tratta di due cose diverse. Non si tratta dell unico dato positivo richiamabile a favore dell una o dell altra tesi. Ma al di là del dato letterale - la cui interpretazione in fase di prima applicazione non può che ispirarsi alla ratio che ha mosso il legislatore - fondamentale è capire se e in che cosa si distinguono i due istituti. ui anticipo le conclusioni cui perverrò. Innanzi tutto mi sembra che sia diverso il presupposto, perché nel concordato si parte da una proposta, da un piano che l impresa presenta al tribunale, non da un accordo. Il piano, se ammesso, va al vaglio dei creditori sulla base della relazione del commissario e poi, dopo l approvazione della maggioranza dei creditori, all omologa del tribunale. Nell accordo di ristrutturazione invece il presupposto di partenza è un altro: c è già un accordo con il 60% dei creditori. Perciò si potrebbe dire che il tribunale, in un caso esamina un attività (economica) dell impresa, soggetta ai limiti generali di cui al combinato degli artt. 14

17 2 e 41 Cost.; nell altro caso un accordo, il che pone subito all esame del giudice un atto di autonomia privata nel senso di cui all art. 1322, co. 1, del Codice Civile, con l apparto di controlli e rimedi che ne consegue. Diverso di conseguenza è il procedimento, poiché se nel concordato c è una fase di ammissibilità essendo oggetto di tale scrutinio un piano del debitore che solo se ammesso viene sottoposto all approvazione della maggioranza dei creditori e all omologa, qui invece c è direttamente l omologa, giacchè, venendo in esame un atto di autonomia privata qualificato dalla particolare maggioranza prevista dalla legge, esso è considerato dal legislatore come un atto in qualche modo meritevole di approvazione, salve eventuali opposizioni che giustificano il particolare sistema di pubblicità del piano stesso. Ancora, dal differente presupposto deriva un diverso sistema di pesi e contrappesi, perché mentre nel concordato, di fronte alla proposta dell impresa, il legislatore dice in sostanza ai creditori state fermi, vediamo se la proposta può andare bene per coloro che l approvano e per coloro che non l approvano, in questo caso no. In tal senso ci si deve chiedere se vi è una ragione precisa che giustifichi il fatto che qui i creditori - anche partecipanti all accordo - possono agire esecutivamente, e l ulteriore circostanza, ugualmente assai rilevante, che a differenza che nel concordato qui c è la possibilità di dichiarare il fallimento pendente la procedura. Si tratta di questioni centrali nella ricostruzione sistematica dell istituto, sempre che non si acceda all idea di considerarlo una mera variante del concordato, caso in cui il problema verrebbe risolto dall applicazione della relativa disciplina. INTERESSI RILEVANTI NELL'ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE EX ART. 182-BIS Per comprendere quale dei due percorsi sia preferibile e opportuno, nella logica della riforma, è necessario preliminarmente indagare quali siano, nella fattispecie normativa, gli interessi tutelati e, quindi, le funzioni che il legislatore assegna all istituto. Ci si deve domandare innanzitutto se nel concordato e negli accordi gli interessi tutelati sono gli stessi, a fronte dell interesse dell imprenditore di evitare il fallimento e ristrutturare l impresa - fossero anche solo interessi legati al diverso modo di perseguire il medesimo scopo economico, finanziario ecc. -, ovvero se vi siano, e quali, differenze. L elemento di partenza che ci offre in tal senso il legislatore è dato, a mio avviso, dall effetto principale che deriva dell accordo di ristrutturazione che venga omologato, vale a dire l esonero dalle revocatorie per gli atti, i pagamenti, e le garanzie poste in essere in esecuzione del medesimo. Altro spunto problematico che occorre 15

18 indagare è che tipo di contratto è quello che viene depositato per l omologa, essendovi al riguardo un unica indicazione normativa nel senso che si tratta di un accordo di ristrutturazione dei debiti concordato con i creditori rappresentanti (almeno) il 60%. La maggioranza prevista dalla legge, ci si deve in tal senso domandare ancora, costituisce dal punto di vista dei requisiti del contratto (art c.c.) una condizione di validità oppure un semplice presupposto per consentire a questo accordo di pervenire all effetto che la legge, nel caso specifico, vi collega? Io sono portato a pensare che sia questa seconda l ipotesi da preferire. Così si potrebbe ritenere che il contratto possa essere valido, se espressamente previsto, anche a prescindere dal raggiungimento della maggioranza richiesta e/o dalla successiva omologa - sempre che questa non ne costituisca condizione sospensiva -, ma per conseguire l effetto che la legge vi collega - esonero dalle revocatorie - deve avere il consenso di almeno il 60% dei creditori che vi aderisce e deve essere omologato. Potrebbero in tal modo, venire contemperati - nella fattispecie regolamentare - due classi di interessi convergenti. La prima di natura privata consistente da un lato nell interesse dei creditori a veder soddisfatto il proprio credito in parte, ma con celerità e sicurezza, e dall altro in quello parallelo del debitore a ristrutturare la propria esposizione debitoria. Interesse quest ultimo che, nell intenzione del legislatore, corrisponde e viene a soddisfare anche l interesse pubblico alla conservazione di aziende ancora bene accette dal mercato. RAGIONI DEL MANTENIMENTO A FAVORE DEI CREDITORI, PENDENTE LA PROCEDURA, DELLA POSSIBILITA' DI AGIRE ESECUTIVAMENTE E DI PROPORRE ISTANZA DI FALLIMENTO. Della prima classe di interessi i contraenti possono disporre come vogliono, ma quando viene in campo anche un interesse pubblico il legislatore si preoccupa di riequilibrare la fattispecie con una disciplina di tutela di coloro - i creditori partecipanti al patto - che aderendovi, - in tal modo consentendo appunto il raggiungimento di quell interesse pubblico - potrebbero, ove la loro posizione non venisse tutelata, essere eccessivamente sacrificati a favore di coloro che non vi aderiscono. Se infatti, solo per i creditori contraenti fosse previsto il congelamento delle azioni esecutive, va da sé che si creerebbe una enorme riserva circa la opportunità di aderire all accordo di ristrutturazione. Di qui la conservazione (anche) a loro favore della facoltà di dar corso alle procedure esecutive. C è poi un altra ragione, che in realtà è presupposta dallo schema descritto. Se il piano di ristrutturazione che si presenta è serio conviene ai creditori aderirvi - rinunciando a procedu- 16

19 re esecutive spesso lunghe e costose - poiché, e nei limiti in cui, vi sia la concreta e affidabile prospettiva di una soddisfazione ragionevole del proprio credito. Dunque un limite, quella della persistenza dell azione esecutiva, che esiste in teoria, ma si riduce in pratica tanto quanto maggiore è l affidabilità e veridicità del piano presentato all omologa. Tanto è vero quanto precede, che l accordo in questione può essere presentato solo se munito di una maggioranza qualificata di creditori, il che non potrà avvenire - di regola - se il piano non è serio e fattibile (almeno a favore dei creditori che vi aderiscono). Si spiegherebbe così dunque il perché non si sia previsto il congelamento delle procedure esecutive, nonché il fatto che possano essere proposte medio tempore istanze di fallimento. Da un lato, infatti, vi sono i creditori partecipanti al patto, che aderiscono al piano di ristrutturazione concordando la misura e i tempi del pagamento del credito, consentendo così in sostanza che il debitore ci provi. Ad essi, che pure potrebbero come detto vincolarsi anche a prescindere dall omologa, il legislatore garantisce che possano conservare intatte le loro possibilità satisfattive, posto che, essendo il loro consenso da intendersi come una sorta di lasciapassare al tentativo del debitore anche in vista di un interesse pubblico, devono, ove i presupposti dell accordo (omologa) diventino di difficile realizzabilità, poter comunque azionare tempestivamente il proprio credito. D altro canto, e in ogni caso, sarebbe ingiusto privare i creditori estranei all accordo, - dato l ampio spazio di manovra che è dato al debitore di accordarsi con i creditori più forti - di uno strumento di pressione e garanzia dei loro interessi quali possono essere istanze di fallimento o procedure esecutive che piombano sul più bello sulla procedura attivata dalla richiesta di omologa dell accordo di ristrutturazione. La situazione è diversa invece nel concordato, ove si parte con una semplice proposta o non con un accordo qualificato dalla particolare maggioranza richiesta dalla legge, ed i poteri del tribunale, soggetto terzo, sono quindi molto più ampi sin dalla fase di ammissione del piano, proprio a tutela, in primis, dei creditori più deboli. Ciò che a mio parere si giustifica, dal punto di vista sistematico, con il fatto che oggetto di controllo è nel concordato - e non solo nella fase di ammissione - un atto qualificabile come espressione dell iniziativa economica (art. 41 Cost.) e non, come atto di autonomia privata, il che spiega, più in generale, 17

20 come sia possibile, in tal caso, prevedere ex lege il congelamento delle procedure esecutive e delle istanze di fallimento. SUGLI ELEMENTI COSTITUTIVI DE (I CONTRATTI CONFLUENTI NE) LL'ACCORDO DI RISTRUTTU- RAZIONE: IL COLLEGAMENTO NEGOZIALE. Altro problema che si è posto è se l accordo in questione costituisce un contratto plurilaterale con comunione di beni o altra figura contrattuale, con la non secondaria differenza che nel primo caso, venendo meno l adesione di una delle parti, cadrebbe l intero contratto. Una considerazione basilare si impone preliminarmente. E dubbio che si tratti di contratto plurilaterale, perché tali sono quelli con più di due parti, mentre qui sembra che ci siano solo due parti, il debitore e i(l) creditori(e che da solo possiede il 60% dei crediti), intesi quale parte plurisoggettiva. Nessuna rilevanza spiega poi al riguardo il dato formale che vi sia un unico documento o più documenti, anche perché il debitore potrebbe fare accordi distinti con i vari creditori che poi aderiscono a questo accordo o a quest insieme di accordi. Evenienza che ovviamente non ha luogo quando sia un unico creditore con il 70% che per l effetto stipula col debitore un unico contratto. L ipotesi di più creditori che stipulano contratti distinti sembra forse più probabile. In tal caso non sembra improprio parlare di contratti collegati che, se in relazione allo specifico (diverso) contenuto (delle modalità di ristrutturazione del debito) potrebbero essere riconducibili ciascuno ad un tipo contrattuale diverso, sarebbero tuttavia collegati dall intento ulteriore, che ne segna la funzione comune, di ottenere l omologa onde far conseguire al debitore l esonero dalla revocatorie. Né l esservi più contratti collegati muterebbe gli effetti della mancata omologa, giacchè essendo il nesso di relazione necessariamente limitato a tale effetto i contratti seguirebbero, in caso di mancata omologa e in detti limiti funzionali, la stessa sorte, sulla base del noto brocardo simul stabunt simul cadent, salvo che non vi sia,in alcuno di essi, una clausola di efficacia inter partes a prescindere dalla omologa. Nessuna differenza si dà quindi con l ipotesi di unico contratto, bensì dei vantaggi conseguenti alla possibilità di modulare diversamente il contenuto dei singoli accordi di ristrutturazione nonché di poter prevedere, con taluno piuttosto che con altro creditore,l efficacia del contratto o altra clausola indipendente dalla procedura di omologa. uesto per quanto riguarda, in estrema sintesi, la natura del contratto. Riguardo alla forma, c è un primo decreto del Tribunale di bari che ci dice che deve avere forma scritta e le firme dei creditori devono essere autenticate. Non sembra che al riguardo possano esservi perplessità. 18

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Autore: Cristian Fischetti Categoria News: Fallimento e procedure concorsuali L ennesima mini riforma del diritto fallimentare ha visto

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte)

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) Gli accordi di ristrutturazione dei debiti (prima parte) http://www.commercialistatelematico.com/nuoviarticoli/private/43517... 1 di 6 23/06/2010 12:39 A-PDF Merger DEMO : Purchase from www.a-pdf.com to

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012 2 ottobre 2012 Practice Group: Restructuring & Bankruptcy Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. Di Andrea Pinto (A) Introduzione La Legge n. 134 del 7 agosto 2012, pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA Riferimenti: - D.L. 22 giugno 2012, n 83 (Decreto Sviluppo) convertito dalla legge 7 agosto 2012, n 134: art.33

Dettagli

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi

di Umberto Tombari, Avvocato e Professore 1. Premessa. I finanziamenti nel diritto societario della crisi 20.12.2012 I FINANZIAMENTI DEI SOCI E I FINANZIAMENTI INFRAGRUPPO DOPO IL DECRETO SVILUPPO: PREDEDUCIBILITÀ O POSTERGAZIONE? PRIME CONSIDERAZIONI SUL DIRITTO SOCIETARIO DELLA CRISI di Umberto Tombari,

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Art. 182bis e 182 ter R.D. 16 marzo 1942, n. 267 Paolo Bonolis Fabrizio Spagnolo Federico Raffaelli Roma, GLI ACCORDI EX ART. 182 BIS LEGGE FALLIMENTARE Istituto

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO

VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO VADEMECUM SULLA PROCEDURA DI ESDEBITAZIONE DELL IMPRENDITORE AGRICOLO A) GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE EX ARTICOLO 182-BIS DEL REGIO DECRETO DEL 1942 N.267 Generalità Una delle novità di maggior rilievo

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del debitore civile, quale rimedio alle conseguenze derivanti

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

LE NOVITA INTRODOTTE ALLA LEGGE FALLIMENTARE DAL D.L. SVILUPPO N. 83/2012 Il Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, è stato definitivamente approvato, con

Dettagli

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO Alla procedura di concordato preventivo possono accedere quei soggetti - già imprenditori commerciali privati non piccoli - cui è riservata la procedura di fallimento. Presupposto

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F..

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE ART. 182 bis L.F.. Avv. Alessio Marchetti Pia Monza, 04 febbraio 2010 Esigenza Con l entrata in vigore del D.L. 14 marzo 2005 n.35 convertito in Legge 14 maggio 2005 l istituto

Dettagli

L ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI E IL CONCORDATO PREVENTIVO

L ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI E IL CONCORDATO PREVENTIVO Massimiliano Di Pace Mini riforma fallimentare 2 L ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI E IL CONCORDATO PREVENTIVO Massimiliano Di Pace Massimiliano Di Pace è professore straordinario di Politica economica

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Con la Legge 9 agosto 2013 n. 80 (S.O. n. 63 alla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 194 del 20 agosto 2013) è stato convertito

Dettagli

Recupero dell Iva per accordi ristrutturazione debiti e piani attestati

Recupero dell Iva per accordi ristrutturazione debiti e piani attestati Recupero dell Iva per accordi ristrutturazione debiti e piani attestati di Davide David e Giovanni Turazza Il Decreto Semplificazioni ha introdotto la possibilità di recuperare l Iva in ipotesi di mancato

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO

IL CONCORDATO PREVENTIVO CORSO PROCEDURE CONCORSUALI E SOVRAINDEBITAMENTO IL CONCORDATO PREVENTIVO spunti di approfondimento: CONCORDATO CON RISERVA, ATTESTAZIONI, FINANZIAMENTI IN CORSO DI PROCEDURA IL CONCORDATO CON RISERVA

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti SPECIALE DECRETO SVILUPPO I LIMITI ALLA DISCIPLINA SOCIETARIA SULLA PERDITA DI CAPITALE di Giacomo D Attorre, Avvocato Sommario: 1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti - 2.

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI Federazione Artigiani Pensionati Italiani offre un servizio concreto ai suoi associati.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis l.fall. alla luce delle novità introdotte dall art. 48 del DL n.

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis l.fall. alla luce delle novità introdotte dall art. 48 del DL n. Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis l.fall. alla luce delle novità introdotte dall art. 48 del DL n. 78/2010 Avv. Domenico Benincasa d.l. n. 35/2005 I. Il debitore può depositare,

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

Avvocato ROBERTO FATTORI

Avvocato ROBERTO FATTORI GLI ATTI E GLI ACCORDI PER EVITARE IL FALLIMENTO DELL IMPRESA IN CRISI: I PIANI ATTESTATI DI RISANAMENTO E GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLE RECENTI RIFORME DELLA LEGGE FALLIMENTARE Premessa

Dettagli

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.)

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Avv. Vittorio Lupoli 14 febbraio 2014 www.beplex.com II. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI EX ART. 182-BIS L. FALL. Sommario: 1.

Dettagli

BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO)

BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO) BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO) di Giorgio Tarzia, Avvocato e Professore Sommario: 1. Premessa - 2. La salvaguardia dei

Dettagli

Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali

Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali Gestire efficacemente il debito: concordati stragiudiziali, piani di ristrutturazione e transazioni fiscali Martedì 19 Gennaio 2010 Avv.to Paolo Manzato, Avv.to Patrizia Pietramale e Dott. Italo Vitale

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CARISMI CONVEGNI L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CENTRO STUDI I CAPPUCCINI 28 Marzo 2013 LA SOLUZIONE DELLE CRISI DI IMPRESA DOPO IL DECRETO SVILUPPO

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE E RISANAMENTO D IMPRESA SECONDO LA NORMATIVA FALLIMENTARE FALLIMENTARE

RISTRUTTURAZIONE E RISANAMENTO D IMPRESA SECONDO LA NORMATIVA FALLIMENTARE FALLIMENTARE RISTRUTTURAZIONE E RISANAMENTO D IMPRESA SECONDO LA NORMATIVA FALLIMENTARE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Genova, 10 febbraio 2010 Audiotorium Confindustria CENNI

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento Inserire testo Inserire testo Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento La risoluzione per inadempimento e l annullamento del Concordato dopo l omologa A cura dell Avv. Simona Cardillo LA RISOLUZIONE

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Fallimento del consumatore e sovraindebitamento: procedura di liberazione dai debiti

Fallimento del consumatore e sovraindebitamento: procedura di liberazione dai debiti Fallimento del consumatore e sovraindebitamento: procedura di liberazione dai debiti La procedura di liberazione dai debiti per il consumatore dopo le modifiche della legge 179/2012: ecco come funziona

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

di Daniela Savi N. 382-9 ottobre 2012

di Daniela Savi N. 382-9 ottobre 2012 N. 382 - LA TRANSAZIONE FISCALE E PREVIDENZIALE: UN EFFICACE STRUMENTO DI NEGOZIAZIONE CON FISCO E ENTI PREVIDENZIALI. LA TRATTATIVA PER I DEBITI ERARIALI (PRIMA PARTE) di Daniela Savi Nell ottica di salvaguardia

Dettagli

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA SOMMARIO CAPITOLO 1 ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA 1. Le ragioni della gestione privatistica dell insolvenza... 1 1.1. I rischi della negoziazione privata dell insolvenza

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

IL CASO.it 18 marzo 2006 1

IL CASO.it 18 marzo 2006 1 La rilevanza della distinzione tra conto scoperto e conto passivo nella nuova disciplina della revocatoria di rimesse in conto corrente bancario Brevi note 1. Premessa. Con specifico riferimento all azione

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

Le schede di pratica professionale di Ettore Trippitelli e Gianluca Festa

Le schede di pratica professionale di Ettore Trippitelli e Gianluca Festa Le schede di pratica professionale di Ettore Trippitelli e Gianluca Festa Concordato preventivo e accordi di ristrutturazione dei debiti: novità giurisprudenziali Considerazioni preliminari Mai come in

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Agenda Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa: - Ristrutturazioni in bonis - Piani

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO Tribunale di Roma, Sez. Fall., 24 maggio 2012 così composto: IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE dott. Marco Vannucci dott. Giuseppe Di Salvo dott. Aldo Ruggiero Presidente Giudice Giudice rel. riunito

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

SEMINARIO DI FORMAZIONE D ECCELLENZA IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE E IL DIRITTO DELLA CRISI DI IMPRESA E DEL SOVRAINDEBITAMENTO

SEMINARIO DI FORMAZIONE D ECCELLENZA IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE E IL DIRITTO DELLA CRISI DI IMPRESA E DEL SOVRAINDEBITAMENTO SEMINARIO DI FORMAZIONE D ECCELLENZA IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE E IL DIRITTO DELLA CRISI DI IMPRESA E DEL SOVRAINDEBITAMENTO Ottobre - Dicembre 2013 Il Seminario offre un ampia panoramica della procedura

Dettagli

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 Chiara Nappini Assegnista di ricerca in diritto commerciale nell Università di Siena

Dettagli

2. Ambito applicativo e requisiti di accesso alla nuova composizione della crisi

2. Ambito applicativo e requisiti di accesso alla nuova composizione della crisi SOVRAINDEBITAMENTO, LA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI PER IL DEBITORE NON SOGGETTO A PROCEDURE CONCORSUALI: LA LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3 a cura di Marcello Pollio e Pietro Paolo Papaleo 1. Premessa

Dettagli

Composizione della crisi da sovraindebitamento

Composizione della crisi da sovraindebitamento Periodico informativo n. 68/2015 Composizione della crisi da sovraindebitamento Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che la Legge n. 3 del

Dettagli

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA:

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA: Firenze, 18-19 19 maggio 2012 La scuola per il Praticante Dottore Commercialista ed Esperto Contabile Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo

Dettagli

3. Il concordato in continuità radici storiche e finalità

3. Il concordato in continuità radici storiche e finalità GIORNATE DI STUDIO DEGLI AFFARI GIURIDICI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA, IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Secondo incontro - La tutela del credito nel diritto dell'energia Guido D Auria IL CONCORDATO

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Documento per la consultazione I PROCEDIMENTI DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO E DI LIQUIDAZIONE PER I SOGGETTI NON FALLIBILI. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

11. Il finanziamento dei soci come nuova finanza nel concordato preventivo

11. Il finanziamento dei soci come nuova finanza nel concordato preventivo Massimo Rubino De Ritis Art. 2467 11. Il finanziamento dei soci come nuova finanza nel concordato preventivo L art. 182 quater l. fall., così come introdotto dal d.l. 31.5.2010, n. 78, convertito in legge

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE EX ARTT. 182 BIS E QUATER L.F. Bergamo, 5 dicembre 2011 DOTT. ALBERTO GUIOTTO SOLUZIONI DELLA CRISI D IMPRESA L accordo ex art. 182-bis ha le caratteristiche per mediare

Dettagli

CRISI D IMPRESA, CONCORDATI E FALLIMENTO MASTER DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

CRISI D IMPRESA, CONCORDATI E FALLIMENTO MASTER DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE La Forum srl organizza per il periodo Maggio/Luglio 2014 CRISI D IMPRESA, CONCORDATI E FALLIMENTO MASTER DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DIREZIONE SCIENTIFICA Cons. Fabrizio Di Marzio Magistrato

Dettagli

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Normativa di riferimento modifiche -apportate dal legislatore al R.D.267/1942 (legge fallimentare

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Le novità nelle procedure esecutive, concorsuali e PGT introdotte dal convertito DL Giustizia per la crescita n. 83/2015

Le novità nelle procedure esecutive, concorsuali e PGT introdotte dal convertito DL Giustizia per la crescita n. 83/2015 Le novità nelle procedure esecutive, concorsuali e PGT introdotte dal convertito DL Giustizia per la crescita n. 83/2015 Relatore: Avv. Prof. Raffaella Muroni Docente di diritto processuale civile Università

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE Tribunale di Torino - sez. fallimentare - 4 novembre 2011, decr. TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE In composizione collegiale nelle persone di Sigg.ri Magistrati Dott. Francesco DONATO Dott. Michela

Dettagli

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. La disciplina attuale. 2.1. Nelle società per azioni. 2.2. Nelle società a responsabilità limitata. 3. La nuova disciplina.

Dettagli

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito Riccardo Tiscini Professore Associato di Economia Aziendale presso l Universitas Mercatorum Roma

Dettagli

GENTE MONEY OTTOBRE 2013

GENTE MONEY OTTOBRE 2013 PROTEZIONE DE PATRIMONIO: CHI NE HA BISOGNO E QUALI SONO I LIMITI (*) (*) Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati La ricerca e individuazione di forme di protezione del patrimonio è sicuramente argomento

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA

I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA di Clelia Maltese, Magistrato Sommario: 1. La necessità della tutela dei terzi, la prevalenza della

Dettagli

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI 1 A R T. 2 6 D. P. R. 6 3 3 / 1 9 7 2 C O N D I Z I O N I T E R M I N I E M O N I T O R A G G I O W O R K S H O P GISI 8 O T T O B R E 2 0 1 4 Dott. Bellavite Pellegrini

Dettagli

Ultime novità legislative in materia di restructuring

Ultime novità legislative in materia di restructuring Ultime novità legislative in materia di restructuring A sei anni dall ultima riforma del diritto fallimentare sono state approvate e stanno per entrare in vigore nuove norme destinate a disciplinare le

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

La nuova revocatoria fallimentare Appunti per una relazione - Giuseppe Rebecca

La nuova revocatoria fallimentare Appunti per una relazione - Giuseppe Rebecca La nuova revocatoria fallimentare Studio Rebecca & Associati di Vicenza Partner Synergia Consulting Group Convegno IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE: OPERATORI A CONFRONTO 17 febbraio 2006 Palazzo dei Congressi

Dettagli

SPECIALE DECRETO SVILUPPO IL CONCORDATO IN BIANCO. di Luciano Panzani, Presidente del Tribunale di Torino

SPECIALE DECRETO SVILUPPO IL CONCORDATO IN BIANCO. di Luciano Panzani, Presidente del Tribunale di Torino SPECIALE DECRETO SVILUPPO IL CONCORDATO IN BIANCO 14.09.2012 di Luciano Panzani, Presidente del Tribunale di Torino Sommario: 1. Il contenuto del ricorso e i rapporti con il piano - 2. Gli effetti della

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli