Di pecore, Pastori e altre scienze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Di pecore, Pastori e altre scienze"

Transcript

1 Di pecore, Pastori e altre scienze Storia familiare dell Università di Roma Tor Vergata A cura di Maria Grazia Proiettis

2 Progettazione grafica Impaginazione Stampa Roma Via I. Pettinengo, 31/33 Tel Fax Finito di stampare nel mese di Gennaio 2004

3 Un entusiasmo velato di nostalgia ha animato questo lavoro: non è la storia ufficiale peraltro già scritta ma una raccolta di testimonianze sulle origini di Tor Vergata da parte di alcuni dei pionieri, autentici padri pellegrini, che costituirono il primo nucleo della nuova Università. Il ricordare può fare diventare più giovani di molti anni, o almeno mettere il buon umore, divertire e far pensare. Autunno 1980 Inizia con la nomina di Pietro Gismondi a Rettore della Seconda Università di Roma la fase di avvio di questo Ateneo. Istituita fin dal 1972 con la legge n.771, occorrerà attendere altri sette anni e la successiva legge n.122 del 1979 sulle Università del Lazio, per vederne definita la sua concreta realizzazione. Nata in un clima politico completamente differente da quello attuale e dall esigenza di riequilibrare il sistema universitario laziale per decongestionare l Università di Roma (ora La Sapienza ) che a quel tempo contava circa iscritti la collocazione della seconda Università era stata identificata a sud est della città di Roma, in un comprensorio di 580 ettari. La vastità del terreno, come si vedrà in seguito, costituirà un cospicuo patrimonio per instaurare numerose collaborazioni con i maggiori enti di ricerca nazionali. In un primo momento, tuttavia, rappresentò un problema a causa degli espropri di cui si doveva fare carico l Università per liberare completamente l area che, al tempo, era occupata da coltivatori diretti, da abitazioni abusive, da pastori e greggi vaganti. Queste operazioni non si potevano svolgere in un clima sereno e infatti il più delle volte i funzionari dell Università procedevano agli espropri scortati dalla forza pubblica per evitare di mettere a rischio la propria incolumità fisica! 3

4 Di pecore, Pastori e altre scienze Ricorda l ing. Stanislao Chiapponi, all epoca ingegnere capo dell Ateneo: Tra le varie iniziative nate per contrastare la scelta dell area, la più agguerrita fu quella della battaglia sul rispetto delle aree coltivate con vigneti produttori di vini tipici. I vini tipici, per norma, possono essere classificati tali, e prodotti sotto questa classificazione, se derivanti da vigneti in attività produttiva da almeno cinque anni. Fin dai primi lavori la Commissione ministeriale nominata dall allora Ministro della Pubblica Istruzione (della quale facevano parte per le componenti accademiche, tra gli altri, i proff. Paolo Sylos Labini, Massimo Severo Giannini e Ludovico Quaroni) fu avvertita della possibilità di contrasti dovuti alla presenza di vaste aree destinate a vigneto nell ambito del comprensorio di Tor Vergata. Fu solo attraverso l incontestabile documentazione che presentai che il problema venne risolto. Fin dall inizio degli anni Sessanta infatti furono disposte rilevazioni aeree del territorio per individuare le consistenze edilizie e ambientali più significative. Fu pertanto documentato, attraverso i rilievi aereofotogrammetrici, fatti eseguire dalla Soc.SARA, quali impianti di viti erano presenti nell area, quale la loro consistenza e quali i tempi della loro piantumazione. Fu quindi provato, senza possibilità di equivoco, che i maggiori proprietari terrieri si erano affrettati a impiantare nell area destinata alla costruzione della nuova sede universitaria nuovi vigneti per potere avere il riconoscimento DOC e la protezione produttiva. Certamente non tutti ricordano che in quel dicembre del 1980 la sede dell Ateneo si trovava al II e IV piano di un palazzo di via Lucullo in tre appartamenti e che oltre al Rettore e al Direttore Amministrativo, la dott.ssa Rosa Fusco, il totale del personale amministrativo ammontava a circa 20 unità. Qualche nome va citato, anche perché Tiziana De Rosa, Rita Perugini, Valter Di Gaetano, Riccardo Cemoli, Guerrino Gallenzi, Felice Volpe e Giuseppe Ceccarelli provenivano dalla polverosa soffitta di via degli Apuli lì aveva visto la luce nel 1979 la nuova Università ai quali si aggiunsero l anno dopo: Nando Nuvoloni, Elisabetta Mirante, Cristina Quattrini, Tina Valente, Claudio Minguzzi, Maurizio De Rosa, Andrea Setth e alcuni altri. Nell autunno del 1979 si era insediato il Comitato 4

5 Storia familiare dell Università Tor Vergata Ordinatore composto da tre docenti per ogni Facoltà: per Giurisprudenza i proff.giuseppe Ferri (Presidente), Giovanni Cassandro e Pietro Gismondi; per Medicina e Chirurgia i proff.mario Sangiorgi (Presidente), Carlo Umberto Casciani e Enrico Garaci; per Ingegneria i proff.enrico Mandolesi (Presidente), Giuseppe Vaccaro e Antonio Paoletti; per Lettere e Filosofia i proff.ruggero Moscati (Presidente), Giovanni Vitucci e Aurelio Roncaglia; per Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali i proff.ennio De Giorgi (Presidente), Gianfranco Chiarotti ed Eri Manelli. A seguito della legge n.122 del 1979 era stato anche istituito dal Ministero della Pubblica Istruzione, in accordo con il Ministero dei Lavori Pubblici, il Comitato Tecnico Amministrativo di cui facevano parte, oltre ad un docente per ogni Facoltà, il Rettore e il Pro Rettore, i rappresentanti della Regione Lazio, del Comune di Roma, del Ministero della Pubblica Istruzione, del Consiglio Nazionale delle Ricerche, il Provveditore Regionale delle Opere Pubbliche del Lazio e l Intendente di Finanza della Provincia di Roma. Il corpo docente fu costituito inizialmente con il passaggio, su richiesta degli interessati, dalla prima alla seconda università di Roma, o per trasferimento dalle altre università per i posti rimasti liberi. Analogamente si formò il personale non docente. Il primo nucleo di docenti (vedi Appendice) elaborò l innovativo Statuto dell Ateneo, approvato nel Tale Statuto definiva la funzione dell Università come sviluppo e diffusione del sapere scientifico, mediante il libero esercizio della ricerca, dell insegnamento e dello studio ; la promozione e il coordinamento delle attività di ricerca e didattica hanno al centro i diritti di libertà. Da sottolineare l impegno dell Università, anticipando una sensibilità successivamente diffusa, a rimuovere le situazioni di svantaggio dei disabili, per rendere effettiva la parità nelle condizioni di studio e di lavoro. Una preziosa e ironica testimonianza sugli incerti inizi del futuro Ateneo la fornisce il prof.filippo Chiomenti: Universitari si nasce; professori universitari si diventa. Soleva dire, nemmeno con troppa ironia, il mio nonno materno, Prof. Filippo Vassalli, che tutti in fondo possono diventare professori d Uni- 5

6 Di pecore, Pastori e altre scienze versità, basta insistere. Si trattava allora esclusivamente, o quasi, di insistenze concorsuali; oggi, come si è visto e si vede, a queste si sono aggiunte insistenze ai piani legislativi. Non ero destinato a Tor Vergata, ma alla Sapienza, a quella Facoltà di Giurisprudenza. La Sapienza di Roma era, e ancora è, credo, nella genealogia accademica l apice della carriera. La destinazione non mi era stata verbalmente portata a conoscenza non usava essa traspariva, in chiave di lettura accademica, che il destinatario avrebbe dovuto saper percepire, da un architettura disegnata da persone alle quali, non per questo disegno, ma bensì per mille motivi di cultura e di serena e seria atmosfera di vita va e andrà ogni giorno il mio pensiero riverente, grato e commosso. Per questo disegno ero stato chiamato su una cattedra di Istituzioni di diritto privato nella Facoltà di Scienze Politiche della Sapienza, suscitando addirittura qualche imbarazzo e comprensibile delusione in aspiranti (eccome validi) della disciplina specifica. Ma avrebbe dovuto, e potuto, essere una pole position per uno scatto di carriera in una prossima vacanza di cattedra della mia disciplina nella sede buona: la Facoltà di Giurisprudenza della Sapienza, s intende. Tor Vergata!?!. Retrocedere a Tor Vergata!. Ma Tor Vergata è un passaggio, per la Sapienza, e per i meno valenti o meno fortunati la conclusione, in altri termini lo scambio d attesa fuori stazione o il binario morto. Tor Vergata. Capisco ancora lo sconcerto, la meraviglia costernata, il sospetto di quasi follia che al suo babbo e al suo maestro deve aver cagionati e fatti nascere quello scavezzacollo, quell acqua cheta che ai piani, agli inviti, ai moniti rispondeva con quattro sole identiche parole: No grazie; Tor Vergata. E Tor Vergata fu. A Tor Vergata sedeva Rettore, uno, il principale, dei fondatori dell Ateneo: Pietro Gismondi. Accanto a lui, in un rapporto di assoluta fiducia, si trovava un allievo: il Prof. Cesare Mirabelli. Ho detto accanto non per modo di dire, ma perché fin dall inizio Cesare Mirabelli dava la sensazione di non gradire, quasi di sfuggire, posizioni frontali. E presto capii che con quel modo, forse innato più che studiato, il Prof. Mirabelli esercitava una intelligente, paziente, quotidiana opera di consiglio e collaborazione essenziale, spesso preziosa, 6

7 Storia familiare dell Università Tor Vergata per il Maestro Rettore e per l Ateneo, a cui il Maestro, giustamente, si era affezionato come a sua creatura. Pietro Gismondi era amico della mia famiglia. Ricordo che mi incaricò un giorno di recarmi con la famosa Direttrice Amministrativa, la ferrea, indimenticabile, Dr.ssa Rosa Fusco (che ai suoi più verdi anni era stata segretaria di Presidenza di Facoltà alla Sapienza, s intende del mio avo sopra citato) per ascoltare e ribattere in una riunione di borgata (Giardinetti) le proteste e rivendicazioni degli occupanti dei territori propri dell Università e di cui questa doveva rimpossessarsi per cominciare ad assolvere ai suoi compiti istituzionali. Avvertii il Prof. Gismondi della mia inidoneità e comunque refrattarietà a compiti amministrativi o di trattativa o di contenzioso legale; soggiunsi, credendo di convincerlo, che bastava che chiedesse a mio padre, suo amico, come avessi già nei suoi confronti fatto. il gran rifiuto. Non si convinse e, per cortesia e rispetto, andai in borgata. La serata fredda, la stanza di riunione gremita, affumicata, berciante. La discussione durò più di tre ore. Troneggiò la dr.ssa Fusco, Donna Rosa. Io, messo al suo fianco, tacevo. Ella difendeva e contrattaccava; si batteva, con la passione della sua ideologia, per la proprietà pubblica contro l usurpazione e magari, a quel punto, anche un po di speculazione privata. Io, non passionale, non ideologizzato e sicuramente non nel senso della Dr.ssa Fusco, soltanto irritato e acuito nelle sensazioni dal freddo, mi vedevo in un tribunale del popolo e, cosa abnorme in termini ideologici, vedevo il popolo contro la Dr.ssa e quindi, a rigor di logica, horresco referens, la Dottoressa contro il popolo. Ma, come Dio volle, il popolo retrocesse con un compromesso; la Dr.ssa riconquistò spazi in Giardinetti. Uscimmo. Era buio, si può dire, papalino. La Dr.ssa, con la sigaretta permanentemente in bocca, camminando indifferente nella mota che la pioggia aveva formato, disse rivolgendosi a me che lì e dintorno sarebbero sorte un giorno le Facoltà. Nel silenzio, giurai (sono credente) che lì e nei dintorni non ci avrei messo piede, mai. Accademicamente l incarico conferitomi dal prof. Gismondi significava due cose: una detta, un altra cucita sul rovescio. Quella detta fu la mia destinazione, nella proposta prefiguratami dal prof. Gismondi, a un posto nel Consiglio di Amministrazione. Salva la detta gita di compia- 7

8 Di pecore, Pastori e altre scienze cenza, la proposta venne declinata. Avrei capito di lì a poco che la parte inespressa significava la non previsione di altre destinazioni. I primi passi. Si era ancora a Via Lucullo. Il Comitato ordinatore della Facoltà (Cassandro, Ferri, Gismondi) aveva fatto soltanto chiamate di prima fascia. Ovvio: Roma, Giurisprudenza. Quid pluris? Ma ai neo-chiamati il Prof. Gismondi propose un giorno di allargare ad alcuni, pochissimi, associati la composizione della Facoltà. L animo premuroso del Maestro verso gli allievi più bravi e di sicuro avvenire lo determinava alla proposta: una o due eccezioni, in fondo, confermano una regola. Cesare Mirabelli, Giancarlo Perone, Nicola Picardi e il sottoscritto obiettarono che la proposta e sembrava superfluo indicarne al Maestro, accademico, gli ovvii effetti a catena avrebbe trasformato, qualunque ne fosse il limite numerico, la neonata Facoltà da, come viceversa era nel proposito dello stesso fondatore, sede romana di arrivo nella Giurisprudenza in sede periferica di passaggio di associati, in un primo tempo, e, in un secondo tempo, in sede che avrebbe bandito concorsi di prima fascia per interni, anziché ricorrere per definizione al reclutamento per trasferimento. Eravamo convinti, soggiungemmo, che proprio i più brillanti degli allora giovani, in tutte le materie, avrebbero trovato un giorno l ingresso d onore in Facoltà. La proposta non raggiunse la necessaria maggioranza assoluta. Mirabelli, Perone, Picardi ed io ricevemmo, con la dovuta compunzione di neo-chiamati, una scenata sul campo. Ma Pietro Gismondi era un gentiluomo e per questo, nonostante fosse stato contraddetto e messo in minoranza da professori di una generazione più giovane, da lui chiamati, non insistette sulla proposta, forse riconoscendo nel suo intimo la contrarietà di quella al suo stesso concetto e programma universitario. Si doveva eleggere il Preside. Il Decanato dello stesso Rettore aveva nelle prime settimane supplito alla lacuna, ma il Preside, almeno secondo la legge, sembra una figura necessaria. Si ventilavano nomi, forse anche meno delle aspirazioni. Cesare Mirabelli già allora con una benevolenza, che oggi continua, della quale gli sono grato, costandogli sicuramente un confronto e un superamento caratteriale di 180 gradi di spostamento si propose di formare gradatamente il consenso del Prof. Gismondi sulla mia candi- 8

9 Storia familiare dell Università Tor Vergata datura. Quando gli parve di essere riuscito nell intento, raccomandandomi di non pregiudicarlo, mi esortò a raccogliere la disponibilità del Prof. Gismondi ad esaminarmi. Il colloquio (si chiamano così oggi gli esami preliminari io non ne faccio mai, preferisco il colpo secco) avvenne, in una bella soleggiata passeggiata. Il Prof. Gismondi sondava con precisione, ascoltava con attenzione e crescente, nervosa, preoccupazione (aveva un viso spiccatamente espressivo del nervosismo). Il gentiluomo, l amico paterno, mi riaccompagnò con la macchina a casa. L esito del sondaggio fu comunicato il giorno seguente all allievo sostenitore: negativo. E non fu, per me, una sorpresa. Pietro Gismondi era un universitario e aveva subito capito (in realtà lo aveva già intuito) che il sottoscritto non avrebbe potuto essere, nemmeno una volta, un Preside gismondiano, che avrebbe soltanto potuto e saputo fare il Preside chiomentiano. Ma chi è un universitario, soprattutto un universitario di Giurisprudenza? Oggi forse, in questi tempi, bisogna fissarne il ricordo. Sarebbe infatti sbagliato sovrapporlo e crederlo coincidente con la qualifica di professore universitario. Si è detto che professore universitario ci si diventa e, lo si vede, ci si diventa comunque: basta volerlo finché non lo si ottiene e lo si ha. Ma quando lo si è? L universitario fa dell Università il suo mondo, non un ponte per entrare e collocarsi nel mondo (professionale, finanziario, politico etc.). La gioia degli studi e la libertà della ricerca e dell insegnamento fondata (quantomeno oggi ancora nell Università di Stato) sulla inamovibilità, lo mettono, bisogna riconoscerlo, in una posizione privilegiata, saggiamente custodita (perlomeno fino ad oggi) dalla legge. La libertà di cui gode nel suo mondo crea in lui una quasi naturale insofferenza a farsi dirigere e condizionare. Non prefiggendosi altro scopo primario che di studiare e fare studiare, sapere e fare conoscere, nel quale ravvisa l interesse dell uomo e della società civile, l indipendenza dell Università diventa la sua base vitale e qualunque inframmettenza, di persone o di comandi di altre istituzioni, nociva a quei beni che si riassumono nella formazione e nei metodi per la formazione dell uomo, è da lui sentita come una prevaricazione, personale e istituzionale, che lo spinge, per ratio vivendi, alla resistenza. 9

10 Di pecore, Pastori e altre scienze In particolare le Facoltà di Giurisprudenza, avvezze alla valutazione critica delle leggi, e degli atti degli uomini, sono sensibili agli attacchi alle radici dell Università stessa e la superiorità del ruolo del giurista nella società le pone fra gli obbligati di prima linea nel criticare, difendere, riformare le Università da tali attentati. Il giurista universitario si diminuisce se fosse soltanto un legista che redige, serve e magari controcuore applica. Ma mi si era chiesto qualche ricordo degli inizi di Tor Vergata, nella mia Facoltà. M avvedo che stavo toccando il presente e lo lascio per trattarne, eventualmente, altrove. Nel 1981 l Università acquista dalla Compagnia di Gesù Villa Mondragone, una tra le più belle Ville Tuscolane, edificata sui resti di una villa romana dei Quintili, con un ampio, storico parco di 18 ettari, già dimora di Pontefici, per destinarla, dopo i necessari interventi di ristrutturazione, a Centro Congressi e foresteria. E del maggio 1982 l acquisto dell edificio della Romanina ubicato in un area adiacente al comprensorio universitario che era stato progettato come motel e che, per la sua imponente cubatura ( mc), si poteva adattare alle iniziali esigenze del nascente Ateneo. Fu una decisione coraggiosa per uscire dalla fase di stallo legata alla necessità di costruire i nuovi insediamenti con tempi inevitabilmente lunghi e dare inizio all attività accademica, ora possibile grazie ai passaggi e alle chiamate di un primo gruppo di docenti. La prima manifestazione ufficiale dell Ateneo ebbe luogo l 11 novembre 1982 alla presenza dell allora Presidente della Repubblica, Sandro Pertini nella sede di Villa Mondragone con un convegno dal tema La Seconda Università di Roma: problemi e prospettive. All iniziativa, a cui partecipò il Ministro della Pubblica Istruzione, Guido Bodrato, intervennero docenti, personale amministrativo e studenti in un clima di informale e festosa allegria. Poco prima della scadenza del suo mandato, il prof.pietro Gismondi decise di non ricandidarsi, indicando come suo possibile successore il Prorettore, Enrico Garaci. 10

11 Storia familiare dell Università Tor Vergata Convegno a Villa Mondragone alla presenza del Presidente Sandro Pertini - Novembre 1982 Le prime elezioni per il nuovo Rettore di Tor Vergata si svolsero in un clima acceso, perché videro fronteggiarsi due candidati completamente antitetici anche per appartenenza politica: Enrico Garaci e Carlo Schaerf. Su 110 docenti votarono 105 (una percentuale così alta non si vide mai più!) e questi furono i risultati: Garaci 58, Schaerf 44, Chiarotti 1, schede bianche 2. 11

12 Di pecore, Pastori e altre scienze Invito al Convegno del 1982 a Villa Mondragone Torniamo al novembre del 1982: l Ateneo, guidato da un nuovo e giovane Rettore (all epoca appena quarantenne) era alle prese con i problemi legati alla nuova sede e all inizio delle attività accademiche. Vale qui ricordare, per dare un idea della limitata disponibilità numerica di personale docente e amministrativo, che la sede della Romanina era più che sufficiente ad ospitare il Rettorato, l Amministrazione e le cinque Facoltà attivate: Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere e Filosofia, Medicina e Chirurgia, Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Economia e Commercio nacque solo nel La Romanina, amata e odiata, è servita sempre da spunto per più o meno maliziosi commenti, ma va detto, a suo vantaggio, che racchiudendo al suo interno un intero Ateneo ha agito da catalizzatore nella coesione delle varie componenti. Ha anche ispirato Carla Manfredini, per la sua bella favola La Romanina ha avuto un figlio (Sovera Editore). 12

13 Storia familiare dell Università Tor Vergata Minuta della lettera del prof. Pietro Gismondi con la quale rinuncia a ricandidarsi come Rettore 13

14 Di pecore, Pastori e altre scienze PIANO SETTIMO Terrazzo DIREZIONE AMMINISTRATIVA Terrazzo Terrazzo SALA DEL CONSIGLIO Terrazzo RETTORATO PIANO SES TO UFFICIO TECNICO UFFICI AMMINISTRATTIVI FACO LTA DI INGEGNERIA PIANO QUINTO FACO LTA DI GIURISPRUDENZA FACO LTA DI LETTERE PIANO QUARTO FACO LTA DI GIURISPRUDENZA PIANO TERZO FACO LTA DI SCIENZE E INGEGNERIA FACO LTA DI SCIENZE PIANO SECOND O FACO LTA DI INGEGNERIA FACO LTA DI MEDICINA Alloggio custodi PIANO PRIMO Terrazzo FACO LTA DI INGEGNERI A Laboratori FACO LTA DI MEDICIN A Laboratori PIANO TERRA Corridoio ed ressi ing aul e AULE DIDATTICHE Banca Centralino SEGRETERIE INGRESSO AM BULATORI AULE DIDATTICHE AULE DIDATTICHE LABORATORI DI MEDICINA Schema distributivo degli spazi alla Romanina nel

15 Storia familiare dell Università Tor Vergata La Romanina: un eterno cantiere 15

16 Di pecore, Pastori e altre scienze Il prof. Franco Giannini ricorda quei tempi con molto brio, soprattutto il suo primo incontro con l Università ai tempi di via Lucullo: La prima volta che mi recai nella Seconda Università di Roma, in ascensore, sbagliai piano e mi ritrovai in un centro estetico Luci ben disposte, porte a vetri, modanature di classe: credevo fosse una lussuosa sede di rappresentanza ed invece era solo un elegante centro di manicure, parrucchiere e quant altro. Una rapida perlustrazione, una domanda sciocca della serie ah non è qui l università? una risposta del tipo no, è al piano di sopra, con un aggiunta a mezza bocca aho, è il quarto oggi!!, ed eccomi di nuovo sul pianerottolo. Salii l ultima rampa di scale e suonai alla porta di un appartamento decoroso, con la porta semiaperta su un corridoio lungo, stretto ed ingombro all inverosimile di scatoloni, mobili ed impicci vari. In mano, ricordo, stringevo il passaporto per il nuovo mondo: la lettera del Ministero che, essendo stata accolta la mia domanda di passaggio da Roma I a Roma II, come si diceva allora, mi invitava a presentarmi all ufficio competente. Dov è l Ufficio Professori Ordinari?, chiesi dandomi quel po di tono, che credevo dovesse far parte del bagaglio del perfetto giovane professore di ruolo. Lì a destra, mi rispose una gentile signora che si era materializzata nel corridoio, sbucando dalla cucina dell appartamento (cucina rimasta tale con funzione di bar-tavola calda fai-da-te per giovani funzionari e professori di passaggio, ma anche archivio e ripostiglio di pratiche varie) indicandomi una stanzetta, meglio nota, lo scoprii in seguito, come il ripostiglio delle scope. Dal Rettorato della Città Universitaria, allo stanzino di Via Lucullo.. un salto notevole, non c è proprio che dire, pensai Ma tant è. Il dado era tratto ed era proprio fuori luogo fare paragoni, anche perché, al di là di tutto, l ambiente aveva un sapore da boheme decisamente accattivante. Una breve sosta nell ufficio, un po di convenevoli con il responsabile e factotum dell ufficio stesso, giovane, giovanissimo, al limite del ragazzo che ci fai qui? ed eccomi finalmente nella mia nuova sede, curioso di conoscere i miei compagni di ventura ed alle prese con il mio primo giro nell università.. pardon, nell appartamento. 16

17 Storia familiare dell Università Tor Vergata Scoprii così che non solo l ufficio docenti ma anche tutti gli altri uffici erano allogati in locali adibiti a più usi, o meglio avevano due o più funzioni, a seconda dell ora e del giorno della settimana, visto che, con cinque facoltà e relativi professori solo la tacita ma ferrea regia della Dott.ssa Fusco, potentissimo e autoritario Direttore Amministrativo, era in grado di evitare pericolosi assembramenti. Imparai così che era opportuno andare per uffici in certi orari particolari, che era folle dare appuntamenti a Via Lucullo, che bisognava insomma imparare ad arrangiarsi se si voleva fare un minimo di vita di Facoltà e che, soprattutto, era del tutto inutile chiedere o prenotare stanze per riunioni: semplicemente non ce n erano. Fu così che cominciammo a vederci in un bar all angolo di Via Lucullo finché, quando le discussioni accademiche cominciarono a salire di tono, nel senso letterale del termine, cominciammo a non trovare più sedie libere. Sarà stato un caso, ma ci fu fatto capire, gentilmente ma fermamente, che forse era meglio tenere le nostre importanti riunioni altrove. E tornammo ai piani alti, ovvero all unica stanza di dimensioni tali da accogliere una dozzina di persone: il soggiorno dell appartamento. Pieno come un uovo di tavoli da disegno e di materiale cartaceo tipico di un ufficio tecnico e come tale luogo di lavoro di chi progettava future galattiche sedi dell università, il salone si animava, dopo il tramonto, di piccoli gruppi di passati che cercando un posto dove riunirsi, si ritrovavano immancabilmente ad appollaiarsi sugli sgabelli dei disegnatori, non disdegnando spesso di lasciare scarabocchi ed appunti sulle carte abbandonate incautamente sui tavoli. Fu proprio qui, dunque, che cominciarono e si ripeterono per alcuni mesi le riunioni accademiche con i colleghi della nuova Facoltà d Ingegneria desiderosi di dare quanto prima un senso alla scelta fatta; gente che, come me, andava infatti in modo ossessivo ripetendosi, più che ripetendo agli altri, di quanto era stata astuta ed accorta ad approfittare dell occasione che le aveva consentito il gran passo, l approdo cioè al nuovo Eldorado: Tor Vergata! Vuoi per convinzione, vuoi per non dare soddisfazione a chi, potendo optare per la nuova università era rimasto nella vecchia, vuoi ancora per dare una risposta agli sguardi del tipo tutto bene? mi hanno detto che ci sono delle difficoltà, sta di fatto che trovai incantevole l improvvisazione, intrigante la disorganizzazione, stimolante la novità. 17

18 Di pecore, Pastori e altre scienze Indietro non si torna, ovvero, avanti tutta!! Quindi aspettiamo, impegniamoci, costruiamo: il vero spirito dei pionieri, che, si sa, ha fatto grande il West, aleggiava su di noi. Quanto era calzante l immagine, fu dimostrato molto presto dall incalzare degli eventi. L Università aveva acquisito sul Raccordo Anulare un Motel in costruzione, in località Romanina, ci si disse, e quindi entro breve tempo avremmo avuto una vera sede!!...nella prateria. Difficile da raggiungersi ed ancora più difficile soggiornarci: ma era finalmente casa nostra e come tale cominciammo a curarla con lunghe discussioni con gli addetti ai lavori che, educatamente ci ascoltavano, annuivano, si impegnavano.. e poi facevano di testa loro!! Fu così che al secondo piano il mio laboratorio rimase pianerottolo e che la sala riunioni della Facoltà fu cancellata, perché considerata inutile, come neanche molto elegantemente, ci venne comunicato. E noi, intrepidi professori della neonata Facoltà d Ingegneria? Non facemmo una piega. Seduti sugli scatoloni contenenti le piastrelle per il futuro pavimento, con infissi provvisori alle finestre e con le porte ancora da montare, con assi da muratore come tavolo da lavoro, prendemmo possesso dell unica stanza di dimensioni tali da contenere la solita dozzina e cominciammo la vita di Facoltà eleggendo il Preside e chiudendo l era dei Triunviri del Comitato Ordinatore! Il prescelto, è storia, fu il prof. Paoletti che ricordo arrivare portando con sé la Facoltà, come avevo soprannominato le due enormi borse con tutti i documenti che, per mancanza di armadi dove depositare verbali ed allegati, aveva pensato bene di sistemare in modo praticamente definitivo in quelle due capaci sacche. Per la verità, essendo il segretario del Consiglio mi chiese garbatamente se volevo accollarmi l onere, o meglio l onore, come tentò di presentarmelo, di sostituirlo nel delicato incarico di vestale. Declinai l invito con la battuta, più volte rinfacciatami negli anni successivi, che dopo tutto avevo votato per lui perché la sua nota prestanza fisica mi garantiva che avrebbe custodito la Facoltà nel migliore dei modi! Poi le cose migliorarono (e d altra parte, come poteva essere altrimenti dato il livello da cui si partiva?) e l Università cominciò a vivere raggiungendo, ai miei occhi, un traguardo inaspettato e perciò ancora più prezioso: l integrazione completa di tutti i professori ed assistenti, superando il difetto fondamentale delle grandi strutture che, nei fatti, 18

19 Storia familiare dell Università Tor Vergata limitano le frequentazioni ai soli colleghi dello stesso istituto, dipartimento, facoltà. Ancora oggi, incontro e saluto con affetto colleghi di tutte e cinque le originarie facoltà, colleghi e amici che conosco da più di vent anni e che con me hanno condiviso speranze ed aspettative, compagni della prima ora che, come me, hanno trovato a Tor Vergata qualcosa da amare e di cui andare fieri. Certo, l inizio del primo anno, pur pubblicizzato in tutte le forme e i modi possibili, fu accolto con scetticismo da parte dei giovani romani (e forse soprattutto dalle loro famiglie), ma grande fu la soddisfazione quando, allo scadere della data prevista, ben 600 ragazzi avevano scelto la seconda Università di Roma! Certamente quei primi studenti, pur avendo sofferto per molti disagi dovuti al recente trasloco nell edificio (peraltro non ancora ultimato) e alla mancanza di mezzi di collegamento fra la metropolitana e la Romanina, si saranno sentiti protagonisti di un impresa innovativa ed entusiasmante. Si rendevano pienamente conto di partecipare alla costruzione di qualcosa che era destinato a durare. Erano tempi avventurosi. Basti pensare che quando mancava appena un giorno all inizio delle lezioni l ENEL non aveva ancora provveduto all allacciamento della corrente elettrica. Ricorda ancora l ing.chiapponi le frenetiche telefonate scambiate con il prof.garaci, e la sua gioia quando, sul calare della sera, fu in grado di dire al Rettore: se adesso passa con la macchina sul Raccordo vedrà tutta la Romanina illuminata!. Cosa che il prof. Garaci non mancò certo di fare! Sempre a proposito del primo giorno, qualcuno ancora ricorda la moglie di un docente che, con una scopa trovata per caso nell edificio, spazzava con energia l aula dove, tra poco, il marito avrebbe dovuto tenere la sua prima lezione! Il prof. Salvatore Nicosia ricorda i motivi che lo spinsero a passare a Tor Vergata raccogliendoli sotto il titolo Primi passi di un illuso : Ho vissuto i primi momenti a Tor Vergata con intensità e impegno ma con qualche delusione dovuta probabilmente al mio spirito fatalmente un po deterministico, da buon ingegnere, io dico. 19

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli