LATTUGA CAPPUCCIA PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO. confronto e panoramica varietale. lattuga

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LATTUGA CAPPUCCIA PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO. confronto e panoramica varietale. lattuga"

Transcript

1 LATTUGA CAPPUCCIA PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO confronto e panoramica varietale lattuga 47

2 introduzione LATTUGA L andamento della superficie investita a lattuga in pieno campo in Veneto nel triennio 2006/2008 (fig. 1) evidenzia una consistente diminuzione, infatti si è passati dai ha del 2006 agli 890 ha del Tale risposta è stata determinata, soprattutto, dalla minore estensione colturale che si è verificata negli ultimi due anni nelle province di Venezia e Verona. A livello delle coltivazioni praticate in ambiente protetto, invece, la superficie, nei 3 anni presi in considerazione, risulta essere più costante attestandosi su poco più di 600 ha (fig. 2, fonte SISTAR). In Veneto le tipologie più coltivate, determinate dalla maggior richiesta del mercato, sono rappresentate, in ordine di importanza, da gentile e cappuccia. Successivamente, seppur con superfici abbastanza trascurabili, troviamo la lattuga Iceberg, romana, canasta e foglia di quercia verde e rossa. Il Regolamento (CE) n. 1137/2009 della Commissione, del 25 novembre 2009, con la terminologia Insalata di Lusia (così indicata dal disciplinare di produzione dell Indicazione Geografica Protetta) intende due tipologie di lattuga, cappuccia e gentile, che vengono prodotte nella zona geografica di Lusia e altri paesi limitrofi. Questa si è fregiata del marchio IGP ed è stata inserita nel registro delle denominazioni d origine protette e delle indicazioni geografiche. Chi vorrà quindi utilizzare il marchio, in queste zone di produzione, dovrà rispettare determinate metodologie di produzione così come previsto dal disciplinare, comprese le modalità di raccolta, lavorazione, confezionamento e caratteristiche qualitative del prodotto. Le prove varietali impostate nel 2009 da Veneto Agricoltura sulle tipologie cappuccia e gentile sono state condotte presso il Centro Sperimentale Ortofloricolo Po di Tramontana scegliendo, all interno di un panorama varietale molto dinamico e in continua evoluzione, quelle più adatte alla coltivazione primaverile ed estiva in pieno campo che meglio rispondono alle esigenze di mercato. Per i coltivatori, infatti, risulta di importanza sempre maggiore la disponibilità di resistenti alle più comuni fisio-fitopatie e che nello stesso tempo possano offrire rese elevate, caratterizzate da prodotto sano e con elevati requisiti qualitativi, merceologici e intrinseci. In particolare le caratteristiche merceologiche richieste, oltre alla produzione unitaria, riguardano principalmente le qualità estetiche delle piante che fanno riferimento alla morfologia del cespo, alla conformazione della parte basale dello stesso, all aspetto e colore delle foglie e alle dimensioni della zona di taglio (colletto). Fig. 1 Superficie coltivata a lattuga nel Veneto nel triennio 2006/2008: totale regionale e per singola provincia (SISTAR Veneto Sistema Statistico Regionale ) ha PADOVA ROVIGO TREVISO VENEZIA VERONA VICENZA VENETO

3 LATTUGA introduzione Fig. 2 Produzione commerciabile di lattuga nel Veneto nel triennio 2006/2008: totale regionale e per singola provincia (SISTAR Veneto Sistema Statistico Regionale ) ha PADOVA ROVIGO TREVISO VENEZIA VERONA VICENZA VENETO

4 confronto e panoramica varietale LATTUGA CAPPUCCIA PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO SCOPO DELLA PROVA L esperienza è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze sui principali parametri quanti-qualitativi di 15. MATERIALI E METODI Si sono poste a confronto 15, 13 delle quali già valutate nelle precedenti annate, mentre 2 sono state inserite nella prova per la prima volta. L elenco delle unitamente alle ditte sementiere fornitrici del seme è riportato nella tabella 2. Nella tabella 1 vengono sinteticamente riportate alcune operazioni colturali adottate per la conduzione e gestione della prova. Tab. 1 Conduzione e gestione della prova Disegno sperimentale Concimazione di base organica blocchi randomizzati con 3 ripetizioni stallatico pellettato = 2 t/ha N = 20 kg/ha sotto forma di complesso ternario ( ) Concimazione di base chimica P 2 O 5 = 60 kg/ha sotto forma di complesso ternario ( ) K 2 O = 60 kg/ha sotto forma di complesso ternario ( ) Semina in vivaio 18/02/09 in contenitori alveolari da 160 fori Trapianto 24/03/2009 su prose prive di pacciamatura Copertura pacciamatura soffice 24/03/2009 Scopertura pacciamatura soffice 15/04/2009 Concimazione di copertura N = 30 kg/ha in un unico intervento sotto forma di azoto nitrico (15,5%) Modalità d'impianto fila semplice Distanza tra le file 0,30 m Distanza sulla fila 0,35 m Densità 9,5 pp/m 2 Raccolta 12/05/2009 ESPOSIZIONE DEI RISULTATI E CONSIDERAZIONI Per quanto riguarda gli aspetti produttivi (tab. 2 e fig. 1) tutte le hanno superato abbondantemente i 2,5 kg/m 2, con le produzioni più alte e superiori a 3,5 kg/m 2 registrate da ANNALENA, FEMENA e FERRADO, seguite da ESTELLE, GUETARY (C11), MADITTA, MAFALDA e RS 0458, mentre la più bassa è stata fornita da EGERY. Le più produttive hanno fornito anche i migliori pesi unitari dei cespi (> 380 g) e nessuna di quelle testate in prova ha fatto registrare prodotto di scarto. Relativamente alle caratteristiche qualitative (tab. 2), che assieme alla resa determinano il buon comportamento e quindi la scelta varietale, sono da segnalare: ESTELLE, FABIETTO, MADITTA e MAFALDA. ESTELLE: si è distinta per aver fornito buone rese produttive con altrettanto buon peso medio del cespo. Caratterizzata da foglie di colore verde medio e disposte aperte leggermente accostate le une alle altre nel formare la testa del cespo. Il fondo del cespo (parte basale della pianta) presenta un ottima spallatura e una ridotta dimensione del colletto. Non completa la resistenza dichiarata dalla ditta sementiera relativa ai ceppi del patogeno Bremia lactucae (tab. 2). FABIETTO: tra le 4 segnalate si è distinta come la più produttiva, con 3,5 kg/m 2, e altrettanto più elevato peso medio del cespo (372 g). Le foglie presentano una colorazione verde medio brillante e accostate le une alle altre nel formare la testa del cespo. Ottima la spallatura e sufficientemente ridotta la dimensione del colletto. Presenta, relativamente alle resistenze dichiarate dalla ditta sementiera, similarmente alla precedente, la mancanza di alcune razze di resistenza alla bremia (tab. 2). MADITTA: si è fatta apprezzare per la buona produzione commerciabile e per l altrettanto buono peso medio del cespo con foglie di un bel colore verde medio brillante. Ottima la parte basale della pianta caratterizzata da 50

5 LATTUGA CAPPUCCIA PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO confronto e panoramica varietale un ottima spallatura e un piccolo diametro al colletto. Ottime le resistenze dichiarate dalla ditta sementiera, ivi compresa la presenza della 26 razza di Bremia lactucae e della resistenza all afide rosso della lattuga. MAFALDA: che si è distinta per la buona produzione commerciabile e per il buon peso medio del cespo (tab. 2). Le foglie sono caratterizzate da colore verde medio e accostate le une alle altre nel formare la testa del cespo. Relativamente alla parte basale della pianta, ottima la spallatura e ridotto il diametro al colletto. Tab. 2 Caratteristiche produttive delle in prova ditta produzione commerciabile (kg/m 2 ) peso medio cespo (g) produzione di scarto (kg/m 2 ) ALTADIS CORA SEEDS 3,0 bc 313 bc 0 ANNALENA ENZA ZADEN 3,7 a 384 a 0 DACIA VILMORIN 3,0 bc 311 bc 0 EGERY (C31) GAUTIER SEMENCES 2,7 c 287 c 0 ESTELLE NUNHEMS 3,3 abc 343 abc 0 FABIETTO RIJK ZWAAN 3,5 ab 372 ab 0 FEMENA ZETA SEEDS 3,6 a 383 a 0 FERRADO RIJK ZWAAN 3,7 a 388 a 0 GEODIS CORA SEEDS 3,0 bc 319 bc 0 GUETARY (C11) GAUTIER SEMENCES 3,1 abc 329 abc 0 LS8695* S&G 3,0 bc 317 bc 0 MADITTA ENZA ZADEN 3,2 abc 336 abc 0 MAFALDA NUNHEMS 3,3 abc 345 abc 0 NATEXIS CORA SEEDS 3,0 bc 314 bc 0 RS 0458* SEMINIS 3,3 abc 348 abc 0 Significatività * * ns Nell ambito di ciascuna colonna i valori senza alcuna lettera in comune differiscono significativamente per P <_ 0,05 secondo il test di Duncan. Significatività: ns = non significativo; * P <_ 0,05; ** P <_ 0,01; *** P <_ 0,

6 confronto e panoramica varietale LATTUGA CAPPUCCIA PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO Tab. 3 Caratteristiche qualitative del cespo delle in prova colore pagina fogliare margine fogliare disposizione delle foglie cespo compattezza spallatura colletto uniformità ALTADIS VMO 5 D I ANNALENA VMB 5 L-O AC-I DACIA VS 6 O AC EGERY (C31) VMO 8 D AP ESTELLE VM 7 D AP-AC FABIETTO VM 6 O-D AC FEMENA VMB 4 O-D B FERRADO VCO 5 D-O B GEODIS VM 6 D AP GUETARY (C11) VCO 6 D-O I-B LS8695* VMO 7 O-D I MADITTA VMB 3 O-D AP-AC MAFALDA VM 7 D AC-I NATEXIS VC 6 D I-B RS 0458* VSB 3 O AP-AC CESPO: colore: VC = verde chiaro; VCO = verde chiaro opaco; VM = verde medio; VMO = verde medio opaco; VMB = verde medio brillante; VS = verde scuro; VSB = verde scuro brillante; VR = verde-rosso; R = rosso pagina fogliare: da 1 = molto bollosa a 9 = liscia margine fogliare: L = liscio; O = ondulato; P = poco inciso; D = dentato; F = frastagliato disposizione delle foglie: AP = aperta; AC = accostata; I = intermedia; B = ben serrata compattezza: spallatura: colletto: da 1 = molto grosso a 9 = molto piccolo uniformità: 52

7 LATTUGA CAPPUCCIA PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO confronto e panoramica varietale Tab. 4 Stato sanitario e resistenze/tolleranze dichiarate delle in prova stato sanitario prefioritura batteriosi Bremia marciume Tip Burn ricacci resistenze/tolleranze dichiarate ALTADIS BL 1-26 NR Fol ANNALENA BL 1-25 NR DACIA BL 1-26 NR EGERY (C31) BL 1-26 NR ESTELLE BL 1,3-22,24,25 NR FABIETTO BL 1-22,24,25 NR FEMENA BL 1-23 FERRADO BL 1-26 NR GEODIS BL 1-25 NR GUETARY (C11) BL 1-26 NR LS8695* BL 1-25 NR MADITTA BL 1-26 NR MAFALDA BL 1-25 NR NATEXIS BL 1-26 NR Fol RS 0458* BL 1-26 NR Le resistenze/tolleranze riportate provengono da fonti diverse e pertanto sono da ritenersi indicative. Per maggiori informazioni si consiglia quindi di rivolgersi alle ditte sementiere di riferimento. STATO SANITARIO: da 1 = sintomi evidenti a 9 = assenza di sintomi Tip Burn: necrosi del bordo fogliare RESISTENZE: BL: peronospora (Bremia lactucae) NR: afide rosso della lattuga (Nasonovia ribisnigri) Fol: Fusarium oxisporum f. sp. lactucae Fig. 1 Produzione commerciabile e peso medio delle in prova 4, , kg/m 2 3,00 2,50 2,00 1,50 1, g 0, ALTADIS ANNALENA DACIA EGERY (C31) ESTELLE FABIETTO FEMENA FERRADO GEODIS GUETARY (C11) LS8695* MADITTA MAFALDA NATEXIS RS 0458* 0 commerciabile (kg/m 2 ) g 53

8 confronto e panoramica varietale LATTUGA CAPPUCCIA ESTIVA IN PIENO CAMPO SCOPO DELLA PROVA Tale prova è stata condotta al fine di approfondire i giudizi sulla valutazione dell attitudine commerciale di 15. MATERIALI E METODI Si sono considerate 15, 8 delle quali valutate nelle precedenti annate, mentre 7 sono state considerate per la prima volta. L elenco delle unitamente alle ditte sementiere fornitrici del seme è riportato nella tabella 2. Nella tabella 1 vengono sinteticamente riportate alcune operazioni colturali adottate per la conduzione e gestione della prova. Tab. 1 Conduzione e gestione della prova Disegno sperimentale blocchi randomizzati con 3 ripetizioni Concimazione di base organica stallatico pellettato = 2 t/ha Concimazione di base chimica N = 40 kg/ha sotto forma di calciocianammide (20%) Semina 22/05/09 in contenitori alveolari da 160 fori Trapianto 17/06/2009 su prose prive di pacciamatura Concimazione di copertura N = 22,5 kg/ha in un unico intervento sotto forma di azoto nitrico (15,5%) Modalità d'impianto fila semplice Distanza tra le file 0,30 m Distanza sulla fila 0,35 m Densità 9,5 pp/m 2 Raccolta 27/07/2009 ESPOSIZIONE DEI RISULTATI E CONSIDERAZIONI In merito agli aspetti produttivi (tab. 2), ad esclusione di ALJEVA con una resa inferiore ai 2 kg/m 2, tutte le altre hanno fornito quantitativi superiori ai 2,2 kg/m 2, con la produzione di cespi commerciabili più elevata, pari a 3,1 kg/m 2, fornita dalla cv In merito ai pesi medi dei cespi, come osservabile in tabella 2 e figura 1, ALJEVA è ancora la che ha fornito, con 203 g, il valore unitario più basso. In merito alle caratteristiche qualitative, la valutazione finale, per segnalare le per il ciclo estivo, ha tenuto in considerazione, come nel ciclo primaverile, gli aspetti complessivi determinati da un buon andamento delle rese produttive con le caratteristiche estetiche delle piante (colorazione fogliare e disposizione delle stesse nel costituire la testa del cespo, compattezza, spallatura, colletto, uniformità e per concludere stato sanitario e resistenze/tolleranze dichiarate dalle ditte sementiere fornitrici del seme). In base a queste considerazioni sono da indicare: 8618, BALLERINA, ICARO, MAXINA e PAOLA (EX NUN 4508). 8618: che si è distinta per aver fornito discrete rese produttive (2,7 kg/m 2 ) e un buon peso medio del cespo (322 g). Quest ultimo è caratterizzato da foglie di colore verde medio brillante e accostate le une alle altre a formare la testa. Il fondo della pianta è apparso caratterizzato da una discreta spallatura e ridotta dimensione del colletto. BALLERINA: che si è fatta apprezzare per l ottima produzione commerciabile e per l ottimo peso medio del cespo. Altrettanto ottimo il colore verde medio brillante delle foglie apparse tuttavia troppo serrate nel formare la testa del cespo. Ottimo il fondo della pianta per i positivi punteggi registrati a livello di spallatura e per le ridotte dimensioni del colletto. ICARO: che si è distinta, oltre che per le buone caratteristiche commerciabili in riferimento alla resa (2,9 kg/m 2 ) e al peso medio del cespo (305 g), anche e soprattutto per i requisiti qualitativi delle piante. Ottimo, infatti, il colore verde medio brillante delle foglie disposte in maniera ordinata, aperte e leggermente accostate tra di loro nel formare la testa del cespo. Altrettanto ottimo è apparso il fondo della pianta, con valori positivi nei confronti della spallatura e della dimensione del colletto risultata molto piccola. 54

9 LATTUGA CAPPUCCIA ESTIVA IN PIENO CAMPO confronto e panoramica varietale MAXINA: si è distinta per aver fornito ottime produzioni (resa a m 2 e peso medio del cespo). Cultivar caratterizzata da piante con foglie di un bel colore verde medio brillante che si sono accresciute, a formare la testa del cespo, accostandosi le une alle altre. Buona la spallatura e le dimensioni ridotte del colletto. PAOLA (ex NUN 4508): molto simile a quella precedente, ad esclusione del colore verde medio leggermente opaco e delle resistenze dichiarate dalla ditta sementiera che risultano più complete. Ottima la produzione commerciabile (resa per m 2 e peso medio del cespo), così pure l aspetto estetico della pianta. Tab. 2 Caratteristiche produttive delle in prova ditta produzione commerciabile (kg/m 2 ) peso medio cespo (g) produzione di scarto (kg/m 2 ) 8618* S&G 2,7 a 322 a * S&G 3,1 a 285 a 0 ALJEVA ENZA ZADEN 1,9 b 203 b 0 BALLERINA RIJK ZWAAN 3,0 a 311 a 0 CADRILA* RIJK ZWAAN 2,8 a 297 a 0 ELIANA (42019) ISI 2,9 a 310 a 0 FEMENA ZETA SEEDS 2,9 a 305 a 0 ICARO GAUTIER SEMENCES 2,9 a 305 a 0 ITALINA RIJK ZWAAN 2,7 a 286 a 0 MAXINA NUNHEMS 3,0 a 317 a 0 MONIQUE* NUNHEMS 2,9 a 305 a 0 PAOLA (ex NUN 4508) NUNHEMS 3,0 a 311 a 0 OFELIA* VILMORIN 2,8 a 293 a 0 RS 0458 (ATELLA)* SEMINIS 2,8 a 292 a 0 VERONIQUE* NUNHEMS 2,3 ab 244 ab 0 Significatività * * ns Nell ambito di ciascuna colonna i valori senza alcuna lettera in comune differiscono significativamente per P <_ 0,05 secondo il test di Duncan. Significatività: ns = non significativo; * P <_ 0,05; ** P <_ 0,01; *** P <_ 0,

10 confronto e panoramica varietale LATTUGA CAPPUCCIA ESTIVA IN PIENO CAMPO Tab. 3 Caratteristiche qualitative del cespo delle in prova colore pagina fogliare margine fogliare disposizione delle foglie cespo compattezza spallatura colletto uniformità 8618* VMB 4 O-D AC * VCO 6 D-F I ALJEVA VMB 7 O I BALLERINA VMB 5 O-D I-B CADRILA* VMB 6 O-D AC-I ELIANA (42019) VCB 3 O-D AC FEMENA VMO 8 O-D AC ICARO VMB 4 D AP-AC ITALINA VM 7 O-D I-B MAXINA VMB 6 O-D AC MONIQUE* VS 6 O AP-AC PAOLA (ex NUN 4508) VMO 6 O-D AC OFELIA* VSB 2 D AC-I RS 0458 (ATELLA)* VSO 4 O-D AC VERONIQUE* VMO 6 O-D AC CESPO: colore: VC = verde chiaro; VCO = verde chiaro opaco; VCB = verde chiaro brillante; VM = verde medio; VMO = verde medio opaco; VMB = verde medio brillante; VS = verde scuro; VSO = verde scuro opaco; VSB = verde scuro brillante; VR = verde-rosso; R = rosso pagina fogliare: da 1 = molto bollosa a 9 = liscia margine fogliare: L = liscio; O = ondulato; P = poco inciso; D = dentato; F = frastagliato disposizione delle foglie: AP = aperta; AC = accostata; I = intermedia; B = ben serrata compattezza: spallatura: colletto: da 1 = molto grosso a 9 = molto piccolo uniformità: 56

11 LATTUGA CAPPUCCIA ESTIVA IN PIENO CAMPO confronto e panoramica varietale Tab. 4 Stato sanitario e resistenze/tolleranze dichiarate delle in prova stato sanitario prefioritura batteriosi Bremia marciume Tip Burn ricacci resistenze/tolleranze dichiarate 8618* BL * BL 1-26 ALJEVA BL 1-22,24,25 NR BALLERINA BL 1-17,21,23 LMV CADRILA* BL 1-27 NR PB LMV ELIANA (42019) BL 1-24 FEMENA BL 1-23 ICARO BL 1-24 ITALINA BL 1-27 LMV MAXINA BL 1-17,19,21 NR LMV NR MONIQUE* BL 1, NR PAOLA (ex NUN 4508) BL 1,3-22,24,25 NR LMV OFELIA* BL 1-26 RS 0458 (ATELLA)* BL 1-26 NR LMV VERONIQUE* BL 1-26 NR LMV Le resistenze/tolleranze riportate provengono da fonti diverse e pertanto sono da ritenersi indicative. Per maggiori informazioni si consiglia quindi di rivolgersi alle ditte sementiere di riferimento. STATO SANITARIO: da 1 = sintomi evidenti a 9 = assenza di sintomi Tip Burn: necrosi del bordo fogliare RESISTENZE: BL: peronospora (Bremia lactucae) NR: afide rosso della lattuga (Nasonovia ribisnigri) PB: afide delle radici della lattuga (Pemphigus bursarius) LMV: virus del mosaico della lattuga (Lettuce Mosaic Virus) Fig. 1 Produzione commerciabile e peso medio delle in prova 3, , , , kg/m 2 1, g 1, , * 8691* ALJEVA BALLERINA CADRILA* ELIANA (42019) FEMENA commerciabile (kg/m 2 ) ICARO ITALINA g MAXINA MONIQUE* PAOLA (ex NUN 4508) OFELIA* RS 0458 (ATELLA)* VERONIQUE* 0 57

12 confronto e panoramica varietale LATTUGA GENTILE PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO SCOPO DELLA PROVA L esperienza è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze sui principali parametri quanti-qualitativi di 19. MATERIALI E METODI Si sono considerate 19, 8 delle quali già valutate nelle precedenti annate, mentre 11 sono state considerate per la prima volta. L elenco delle unitamente alle ditte sementiere fornitrici del seme è riportato nella tabella 2. Nella tabella 1 vengono sinteticamente riportate alcune operazioni colturali adottate per la conduzione e gestione della prova. Tab. 1 Conduzione e gestione della prova Disegno sperimentale Concimazione di base organica blocchi randomizzati con 3 ripetizioni stallatico pellettato = 2 t/ha N = 20 kg/ha sotto forma di complesso ternario ( ) Concimazione di base chimica P 2 O 5 = 60 kg/ha sotto forma di complesso ternario ( ) K 2 O = 60 kg/ha sotto forma di complesso ternario ( ) Semina in vivaio 18/02/09 in contenitori alveolari da 160 fori Trapianto 24/03/2009 su prose prive di pacciamatura Copertura paccimatura soffice 24/03/2009 Scopertura pacciamatura soffice 15/04/2009 Concimazione di copertura N = 30 kg/ha in un unico intervento sotto forma di azoto nitrico (15,5%) Modalità d'impianto fila semplice Distanza tra le file 0,30 m Distanza sulla fila 0,35 m Densità 9,5 pp/m 2 Raccolta 12/05/2009 ESPOSIZIONE DEI RISULTATI E CONSIDERAZIONI Le produzioni commerciabili (tab. 2), con valori abbondantemente superiori a 2,2 kg/m 2, sono apparse molto positive per tutte le in prova. Le prestazioni più elevate sono state fornite da IRAZU, con 3,9 kg/m 2, seguita dalla cv EXQUISE con 3,7 kg/m 2. Inoltre le stesse hanno fatto registrare i migliori pesi unitari dei cespi con valori pari a 412 e 389 g rispettivamente. In merito alle caratteristiche qualitative, che assieme alla resa determinano il buon comportamento delle e quindi la scelta varietale, sono da indicare: ESTAC, INVENTION, LIRICE (30173 VIL) e SUSYBEL. ESTAC: che si è distinta principalmente per gli aspetti qualitativi. Infatti la produzione commerciabile, con 2,7 kg/m 2, seppur positiva non è stata tra le più elevate. Molto positive sono apparse, invece, le caratteristiche estetiche: ottimo il colore verde medio brillante e il lembo fogliare molto ondulato; altrettanto ottimo il fondo della pianta con una buona spallatura e una ridotta dimensione del colletto. INVENTION: si è distinta per le buoni prestazioni produttive sia nei confronti della resa che del peso medio del cespo e per le ottime caratteristiche estetiche delle piante, ad eccezione della presenza, a livello del colletto, di qualche piccolo ricaccio. LIRICE (30173 VIL): che ha fatto registrare buone produzioni commerciabili abbinate, a esclusione del colletto apparso di medio-piccole dimensioni e della colorazione delle foglie risultate leggermente opache, a ottime valutazioni estetiche. SUSYBEL: che si è fatta apprezzare, oltre che per le buone prestazioni produttive (resa a m 2 e peso medio cespo), anche per le discrete caratteristiche qualitative del cespo. Particolarmente interessante risulta essere la resistenza genetica, dichiarata dalla ditta sementiera fornitrice del seme, al patogeno Fusarium oxisporum f. 58

13 LATTUGA GENTILE PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO confronto e panoramica varietale sp. lactucae razza 1, che offre quindi la possibilità di coltivare questa in terreni con un elevata carica di inoculo del patogeno in questione. Tab. 2 Caratteristiche produttive delle in prova ditta produzione commerciabile (kg/m 2 ) peso medio cespo (g) produzione di scarto (kg/m 2 ) 80-09* RIJK ZWAAN 3,2 abcde 332 abcde * RIJK ZWAAN 2,7 def 285 def * RIJK ZWAAN 2,1 f 221 f * RIJK ZWAAN 3,3 abcd 351 abcd 0 BELDY ENZA ZADEN 2,7 def 282 def 0 CORANY ENZA ZADEN 3,5 abc 368 abc 0 ESTAC* SEMINIS 2,7 def 285 def 0 EXQUISE VILMORIN 3,7 ab 389 ab 0 FOLLOMY ENZA ZADEN 2,2 f 234 f 0 IMAGINATION RIJK ZWAAN 3,4 abcd 354 abcd 0 INVENTION* RIJK ZWAAN 3,0 bcde 319 bcde 0 IRAZU NUNHEMS 3,9 a 412 a 0 JAZZIE RIJK ZWAAN 2,6 ef 273 ef 0 LIRICE (30173 VIL)* VILMORIN 3,0 bcde 316 bcde 0 LORYBEL* CORA SEEDS 3,3 abcd 344 abcd 0 LUSITANA* ZETA SEEDS 2,8 def 296 def 0 MARITIMA* ENZA ZADEN 2,8 cdef 299 cdef 0 MARTINICA (43083)* ISI 2,8 def 291 def 0 SUSYBEL CORA SEEDS 3,3 abcd 344 abcd 0 Significatività *** *** ns Nell ambito di ciascuna colonna i valori senza alcuna lettera in comune differiscono significativamente per P <_ 0,05 secondo il test di Duncan. Significatività: ns = non significativo; * P <_ 0,05; ** P <_ 0,01; *** P <_ 0,

14 confronto e panoramica varietale LATTUGA GENTILE PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO Tab. 3 Caratteristiche qualitative del cespo delle in prova cespo colore compattezza spallatura colletto uniformità 80-09* VMB * VM * R * VR BELDY VM CORANY VMB ESTAC* VMB EXQUISE VM FOLLOMY VM IMAGINATION VM INVENTION* VMB IRAZU VM JAZZIE VM LIRICE (30173 VIL)* VM LORYBEL* VM LUSITANA* VM MARITIMA* VM MARTINICA (43083)* VM SUSYBEL VM CESPO: colore: VC = verde chiaro; VCO = verde chiaro opaco; VM = verde medio; VMO = verde medio opaco; VMB = verde medio brillante; VS = verde scuro; VSB = verde scuro brillante; VR = verde-rosso; R = rosso compattezza: spallatura: colletto: da 1 = molto grosso a 9 = molto piccolo uniformità: 60

15 LATTUGA GENTILE PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO confronto e panoramica varietale Tab. 4 Stato sanitario e resistenze/tolleranze dichiarate delle in prova stato sanitario prefioritura batteriosi Bremia marciume Tip Burn ricacci resistenze/tolleranze dichiarate 80-09* BL * BL 1-26 NR 81-67* BL 1-26 NR 81-92* BL 1-26 NR BELDY BL 1-16,18-24 CORANY BL 1-26 NR ESTAC* BL 1-26 NR EXQUISE BL 1-25 FOLLOMY BL 1-24 NR IMAGINATION BL 1-25 NR INVENTION* BL 1-26 NR IRAZU BL 1,2,4,6-16,18-20,22-24 NR JAZZIE BL 1-24 LIRICE (30173 VIL)* BL 1-26 NR LORYBEL* BL 1-27 NR Fol LUSITANA* BL 1-25 MARITIMA* BL 1-26 NR MARTINICA (43083)* BL 1-25 SUSYBEL BL 1-26 NR Fol 1 Le resistenze/tolleranze riportate provengono da fonti diverse e pertanto sono da ritenersi indicative. Per maggiori informazioni si consiglia quindi di rivolgersi alle ditte sementiere di riferimento. STATO SANITARIO: da 1 = sintomi evidenti a 9 = assenza di sintomi Tip Burn: necrosi del bordo fogliare RESISTENZE: BL: peronospora (Bremia lactucae) NR: afide rosso della lattuga (Nasonovia ribisnigri) PB: afide delle radici della lattuga (Pemphigus bursarius) Fol 1: Fusarium oxisporum f. sp. lactucae razza 1 61

16 confronto e panoramica varietale LATTUGA GENTILE PRIMAVERILE IN PIENO CAMPO Fig. 1 Produzione commerciabile e peso medio delle in prova 4, , , ,0 300 kg/m 2 2,5 2, g 1, , , * 81-19* 81-67* 81-92* BELDY CORANY ESTAC* EXQUISE FOLLOMY IMAGINATION commerciabile (kg/m 2 ) INVENTION* IRAZU JAZZIE LIRICE (30173 VIL)* LORYBEL* g LUSITANA* MARITIMA* MARTINICA (43083)* SUSYBEL 0 62

17 LATTUGA GENTILE ESTIVA IN PIENO CAMPO confronto e panoramica varietale SCOPO DELLA PROVA La prova è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze sui principali parametri quanti-qualitativi idonei alla valutazione commerciabile di 12. MATERIALI E METODI Si sono considerate 12, 7 delle quali già valutate nelle precedenti annate, mentre 5 sono state inserite nella prova per la prima volta. L elenco delle unitamente alle ditte sementiere fornitrici del seme è riportato nella tabella 2. Nella tabella 1 vengono sinteticamente riportate alcune operazioni colturali adottate per la conduzione e gestione della prova. Tab. 1 Conduzione e gestione della prova Disegno sperimentale blocchi randomizzati con 3 ripetizioni Concimazione di base organica stallatico pellettato = 2 t/ha Concimazione di base chimica N = 40 kg/ha sotto forma di calciocianammide (20%) Semina 22/05/09 in contenitori alveolari da 160 fori Trapianto 17/06/2009 su prose prive di pacciamatura Concimazione di copertura N = 22,5 kg/ha in un unico intervento sotto forma di azoto nitrico (15,5%) Modalità d'impianto fila semplice Distanza tra le file 0,30 m Distanza sulla fila 0,35 m Densità 9,5 pp/m 2 Raccolta 27/07/2009 ESPOSIZIONE DEI RISULTATI E CONSIDERAZIONI Tutte le in prova hanno presentato caratteristiche produttive molto positive: la produzione commerciabile è stata superiore ai 3 kg/m 2 e il peso medio del cespo è stato superiore a 311 g. BELDY è comunque la che ha fatto registrare i valori più elevati di produzione commerciabile (4,2 kg/m 2 ) e di peso medio del cespo (445 g). Dalle valutazioni complessive eseguite su tutti i parametri quanti-qualitativi considerati sono da segnalare: ESTAC, ESTONY, IMPULSION e LIRICE (30173 VIL). ESTAC: si è distinta oltre che per le buone produzioni commerciabili valutabili sotto gli aspetti legati alla resa (4 kg/m 2 ) e peso medio del cespo (424 g), anche per le caratteristiche qualitative delle piante. Ottimo il colore verde chiaro brillante delle foglie, apparse con il lembo molto ondulato. Molto positiva la parte basale della pianta (fondo del cespo) con un ottima spallatura e un ridotto colletto. ESTONY: apprezzabile per la buona produzione commerciabile e per l altrettanto buon peso medio del cespo. Ottimo colore verde medio brillante delle foglie e positivo il fondo del cespo determinato da ottimi punteggi relativi alla spallatura e dimensione molto ridotta del colletto. Nell ambito delle resistenze dichiarate dalla ditta sementiera fornitrice del seme, si nota la mancanza della venticinquesima e ventiseiesima razza al patogeno Bremia lactucae, che potrebbe comportare alcuni problemi nella coltivazione in ambienti con forte pressione della malattia. IMPULSION: si è distinta sia per le buone caratteristiche produttive (3,9 kg/m 2 ) che per il peso medio del cespo (413 g), oltre che per gli aspetti estetici della pianta. Ottimo il colore delle foglie, verde medio brillante, che si sono accresciute in maniera molto composta e ordinata a formare il cespo. Ottimi i valori registrati per il fondo della pianta: spallatura e ridotte dimensioni del colletto. Relativamente alla resistenza dichiarata dalla ditta sementiera fornitrice del seme, assenti alcune razze di resistenza alla bremia (la diciassettesima, venticinquesima e ventiseiesima). 63

18 confronto e panoramica varietale LATTUGA GENTILE ESTIVA IN PIENO CAMPO LIRICE (30173 VIL): che, a differenza della colorazione delle foglie verde chiaro brillante e della più completa presenza di ceppi di resistenza alla bremia e all afide rosso della lattuga, presenta analoghe caratteristiche produttive ed estetiche della precedente. Tab. 2 Caratteristiche produttive delle in prova ditta produzione commerciabile (kg/m 2 ) peso medio cespo (g) produzione di scarto (kg/m 2 ) 81-51* RIJK ZWAAN 3,4 cd 353 cd * RIJK ZWAAN 3,0 d 311 d * RIJK ZWAAN 3,7 abc 389 abc 0 BELDY ENZA ZADEN 4,2 a 445 a 0 CINDERELLA ZETA SEEDS 3,8 abc 401 abc 0 CORANY ENZA ZADEN 3,6 bc 384 bc 0 ESTAC SEMINIS 4,0 ab 424 ab 0 ESTONY ENZA ZADEN 3,8 abc 405 abc 0 IMPULSION RIJK ZWAAN 3,9 abc 413 abc 0 LIRICE (30173 VIL)* VILMORIN 3,9 abc 412 abc 0 LORYBEL CORA SEEDS 3,8 abc 396 abc 0 TOURBILLON RIJK ZWAAN 3,7 abc 390 abc 0 Significatività ** ** ns Nell ambito di ciascuna colonna i valori senza alcuna lettera in comune differiscono significativamente per P <_ 0,05 secondo il test di Duncan. Significatività: ns = non significativo; * P <_ 0,05; ** P <_ 0,01; *** P <_ 0,001. Tab. 3 Caratteristiche qualitative del cespo delle in prova cespo colore compattezza spallatura colletto uniformità 81-51* VMO * VR * VR BELDY VCO CINDERELLA VMO CORANY VM ESTAC VCB ESTONY VMB IMPULSION VMB LIRICE (30173 VIL)* VCB LORYBEL VCO TOURBILLON VMB CESPO: colore: VC = verde chiaro; VCB = verde chiaro brillante; VCO = verde chiaro opaco; VM = verde medio; VMO = verde medio opaco; VMB = verde medio brillante; VS = verde scuro; VSB = verde scuro brillante; VR = verde-rosso; R = rosso compattezza: spallatura: colletto: da 1 = molto grosso a 9 = molto piccolo uniformità: 64

19 LATTUGA GENTILE ESTIVA IN PIENO CAMPO confronto e panoramica varietale Tab. 4 Stato sanitario e resistenze/tolleranze dichiarate delle in prova stato sanitario prefioritura batteriosi Bremia marciume Tip Burn ricacci resistenze/tolleranze dichiarate 81-51* BL 1-26 NR PB 81-67* BL 1-26 NR 81-92* BL 1-26 NR BELDY BL 1-16,18-24 CINDERELLA BL 1-16 CORANY BL 1-26 NR ESTAC BL 1-26 NR ESTONY BL 1-24 NR IMPULSION BL 1-16,18-24 LIRICE (30173 VIL)* BL 1-26 NR LORYBEL BL 1-27 NR Fol 1 TOURBILLON BL 1-27 NR Le resistenze/tolleranze riportate provengono da fonti diverse e pertanto sono da ritenersi indicative. Per maggiori informazioni si consiglia quindi di rivolgersi alle ditte sementiere di riferimento. STATO SANITARIO: da 1 = sintomi evidenti a 9 = assenza di sintomi Tip Burn: necrosi del bordo fogliare RESISTENZE: BL: peronospora (Bremia lactucae) NR: afide rosso della lattuga (Nasonovia ribisnigri) PB: afide delle radici della lattuga (Pemphigus bursarius) Fol 1: Fusarium oxisporum f. sp. lactucae razza 1 65

20 confronto e panoramica varietale LATTUGA GENTILE ESTIVA IN PIENO CAMPO Fig. 1 Produzione commerciabile e peso medio delle in prova 4,5 500 kg/m 2 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0, g * 81-67* 81-92* BELDY CINDERELLA CORANY ESTAC ESTONY IMPULSION LIRICE (30173 VIL)* LORYBEL TOURBILLON 0 commerciabile (kg/m 2 ) g 66

Lattuga gentile confronto materiali pacciamanti 2014

Lattuga gentile confronto materiali pacciamanti 2014 Lattuga gentile confronto materiali pacciamanti 04 Scopo della prova Valutare l efficacia della copertura del terreno (pacciamatura) con film biodegradabile nei confronti di un tradizionale film di PE

Dettagli

RADICCHIO ROSSO DI CHIOGGIA

RADICCHIO ROSSO DI CHIOGGIA RADICCHIO ROSSO DI CHIOGGIA Classe di maturazione precoce Confronto varietale 2015 Scopo della prova L esperienza è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze sui principali parametri quanti-qualitativi

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17 CENTRO PO DI TRAMONTANA Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17 LATTUGA CAPPUCCIA LATTUGA GENTILE I ciclo - confronto e pag. 5 II ciclo - confronto e» 10 III

Dettagli

ZUCCHINO SERRA. introduzione

ZUCCHINO SERRA. introduzione zucchino serra introduzione ZUCCHINO SERRA Nel Veneto (fonte SISTAR Veneto Sistema Statistico regionale) la superficie interessata alla coltivazione dello zucchino nel 2008 si è attestata sui 1.340 ha

Dettagli

cavolfi ore autunnale

cavolfi ore autunnale cavolfiore autunnale introduzione CAVOLFIORE AUTUNNALE La coltivazione del cavolfiore in Italia ha subito, nell ultimo decennio, una contrazione media del 3%, stabilizzandosi negli ultimi anni su una superficie

Dettagli

RADICCHIO ROSSO DI CHIOGGIA 2013 INTRODUZIONE Il radicchio, a livello nazionale, ha interessato una superficie di circa di ha fino al 2011 per

RADICCHIO ROSSO DI CHIOGGIA 2013 INTRODUZIONE Il radicchio, a livello nazionale, ha interessato una superficie di circa di ha fino al 2011 per RADICCHIO ROSSO DI CHIOGGIA 2013 INTRODUZIONE Il radicchio, a livello nazionale, ha interessato una superficie di circa di 15.000 ha fino al 2011 per poi avere un calo abbastanza significativo di circa

Dettagli

RADICCHIO ROSSO DI TREVISO E DI VERONA 2011

RADICCHIO ROSSO DI TREVISO E DI VERONA 2011 RADICCHIO ROSSO DI TREVISO E DI VERONA 2011 INTRODUZIONE Il radicchio Rosso di Treviso (tipo precoce e tardivo) rappresenta dopo il Rosso di Chioggia il più coltivato nel Veneto con il 19 e il 13% nei

Dettagli

CETRIOLO SERRA 2013 INTRODUZIONE

CETRIOLO SERRA 2013 INTRODUZIONE CETRIOLO SERRA 2013 INTRODUZIONE La coltura del cetriolo in coltura protetta in Italia ha registrato, nel triennio 2010/2012 (dati ISTAT), un netto incremento, soprattutto in termini di superfici, attestandosi

Dettagli

Tab. 1 Conduzione e gestione della prova Disegno sperimentale blocchi randomizzati con 3 ripetizioni 30/03/15 in contenitori alveolati da 40 fori

Tab. 1 Conduzione e gestione della prova Disegno sperimentale blocchi randomizzati con 3 ripetizioni 30/03/15 in contenitori alveolati da 40 fori MELANZANZA STRIATA confronto e panoramica varietale 2015 Scopo della prova Valutare sulla base dei principali parametri quali-quantitativi, l attitudine alla produzione commerciale di 6 cultivar di melanzana.

Dettagli

MELANZANZA VIOLA confronto e panoramica varietale 2014 Scopo della prova Materiali e Metodi Tab. 1 Conduzione e gestione della prova

MELANZANZA VIOLA confronto e panoramica varietale 2014 Scopo della prova Materiali e Metodi Tab. 1 Conduzione e gestione della prova MELANZANZA VIOLA confronto e panoramica varietale 2014 Scopo della prova Valutare sulla base dei principali parametri quali-quantitativi, l attitudine commerciale di 7 cultivar di melanzana viola. Materiali

Dettagli

CAVOLFIORE AUTUNNALE Confronto e panoramica varietale 2014

CAVOLFIORE AUTUNNALE Confronto e panoramica varietale 2014 CAVOLFIORE AUTUNNALE Confronto e panoramica varietale 214 Scopo della prova L esperienza è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze sui principali parametri quanti-qualitativi di 45 cultivar

Dettagli

2 t/ha di stallatico pellettato (Fertildung 3-3-3) 4 q/ha di complesso ternario

2 t/ha di stallatico pellettato (Fertildung 3-3-3) 4 q/ha di complesso ternario MELANZANA VIOLA confronto e panoramica varietale 2015 Scopo della prova Valutare sulla base dei principali parametri quali-quantitativi, l attitudine commerciale di 13 cultivar di melanzana viola. Materiali

Dettagli

ANGURIA. introduzione

ANGURIA. introduzione anguria introduzione ANGURA La superficie coltivata nel Veneto (fonte SSTAR Veneto Sistema Statistico regionale) ad anguria insiste per oltre l 8% nelle province di Rovigo (32 ha) e Padova (27 ha). Nelle

Dettagli

Materiali e metodi. Tab. 1 Conduzione e gestione della prova

Materiali e metodi. Tab. 1 Conduzione e gestione della prova MELANZANZA LUNGA indicazione e confronto varietale 2014 Scopo della prova Valutare in termini di adattabilità all ambiente e di prestazioni produttive quanti-qualitative 11 cultivar di melanzana lunga

Dettagli

PORRO AUTUNNALE. introduzione

PORRO AUTUNNALE. introduzione porro autunnale introduzione PORRO AUTUNNALE A livello nazionale (ISTAT 2008) la coltivazione del porro incide su una superficie di circa 600 ha per una produzione complessiva superiore a 15.000 t. Il

Dettagli

LATTUGA 2014 INTRODUZIONE

LATTUGA 2014 INTRODUZIONE LATTUGA 2014 INTRODUZIONE Le prove varietali, sulle tipoloie cappuccia e entile, impostate durante il 2014 da Veneto Aricoltura sono state condotte in pieno campo presso il Centro Sperimentale Ortofloricolo

Dettagli

ANGURIA confronto varietale 2014

ANGURIA confronto varietale 2014 ANGURIA confronto varietale 2014 Scopo della prova L esperienza è stata condotta al fine di valutare l attitudine commerciale di 21 cultivar di minianguria, in coltura primaverile. Materiali e metodi L

Dettagli

Cetriolo SCOPO DELLA PROVA MATERIALI E METODI. CENTRO PO DI TRAMONTANA Risultati Sperimentali 2007 nel settore orticolo

Cetriolo SCOPO DELLA PROVA MATERIALI E METODI. CENTRO PO DI TRAMONTANA Risultati Sperimentali 2007 nel settore orticolo Cetriolo Indicazioni variet ali SCOPO DELLA PROVA Valutare, sulla base dei principali parametri quanti-qualitativi, l attitudine commerciale di 3 di cetriolo in coltura protetta primaverile. MATERIALI

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17 CENTRO PO DI TRAMONTANA Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17 RADICCHIO ROSSO DI CHIOGGIA precoce pag. 4 tardiva» 6 RADICCHIO ROSSO DI TREVISO TIPO PRECOCE

Dettagli

MELANZANA TONDA E OBLUNGA IN COLTURA PROTETTA 2013

MELANZANA TONDA E OBLUNGA IN COLTURA PROTETTA 2013 MELANZANA TONDA E OBLUNGA IN COLTURA PROTETTA 213 A livello nazionale la superficie interessata alla coltivazione della melanza in serra negli ultimi quattro anni (29-21-211-12 dati ISTAT), ha manifestato,

Dettagli

Perfectpeel (Seminis) 11/04/2016 in contenitori da 160 fori

Perfectpeel (Seminis) 11/04/2016 in contenitori da 160 fori Pomodoro da industria prova di confronto materiali pacciamanti incolori 0 Scopo della prova Valutare l efficacia della copertura del terreno (pacciamatura) con differenti materiali biodegradabili in confronto

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17 CENTRO PO DI TRAMONTANA Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17 ZUCCHINO serra ZUCCHINO pieno campo confronto varietale pag. 4 panoramica varietale» 7 confronto

Dettagli

POMODORO da industria

POMODORO da industria POMODORO da industria Indicazioni variet ali SCOPO DELLA PROVA Valutare sulla base dei principali parametri quanti-qualitativi, l attitudine alla trasformazione industriale di cultivar a bacca tonda e

Dettagli

ASPARAGO 2013 INTRODUZIONE

ASPARAGO 2013 INTRODUZIONE ASPARAGO 2013 INTRODUZIONE L asparago a livello nazionale interessa una superficie che negli ultimi tre anni (2010/2012 dati ISTAT), seppur in leggera flessione, è apparsa abbastanza costante e approssimativamente

Dettagli

RETE COLTURE ORTICOLE Sperimentazione orticola in Lombardia Cavolo verza 2011

RETE COLTURE ORTICOLE Sperimentazione orticola in Lombardia Cavolo verza 2011 in collaborazione con: RETE COLTURE ORTICOLE Sperimentazione orticola in Lombardia Cavolo verza 2011 (Dec. DGA N. 275 del 06/06/2011) CAVOLO VERZA Negli ultimi cinque anni la coltura del cavolo verza in

Dettagli

Lattughe: risultati di due prove varietali in pieno campo

Lattughe: risultati di due prove varietali in pieno campo Lattughe: risultati di due prove varietali in pieno campo Costantino Cattivello, Federico Capone, Angelo Mattiussi, Elena Valent, Mattia Spessot Costantino Cattivello, Renato Danielis, Angelo Mattiussi,

Dettagli

Melone semiforzato. Confronto varietale e indicazioni varietali SCOPO DELLA PROVA MATERIALI E METODI

Melone semiforzato. Confronto varietale e indicazioni varietali SCOPO DELLA PROVA MATERIALI E METODI Melone semiforzato Confronto varietale e indicazioni varietali SCOPO DELLA PROVA Valutare, sulla base dei principali parametri quanti-qualitativi, l attitudine commerciale di 21 cultivar di melone, 3 delle

Dettagli

www.regione.lombardia.it Rete Colture Orticole Sperimentazione orticola in Lombardia LATTUGA 2013

www.regione.lombardia.it Rete Colture Orticole Sperimentazione orticola in Lombardia LATTUGA 2013 www.regione.lombardia.it Rete Colture Orticole Sperimentazione orticola in Lombardia LATTUGA 2013 in collaborazione con: LATTUGA produzione della piantina (cassetta in polistirolo con 160 alveoli; cubetto

Dettagli

Rete Colture Orticole Sperimentazione orticola in Lombardia RADICCHIO 2012

Rete Colture Orticole Sperimentazione orticola in Lombardia RADICCHIO 2012 www.regione.lombardia.it Rete Colture Orticole Sperimentazione orticola in Lombardia RADICCHIO 2012 in collaborazione con: RADICCHIO Nel 2012 la superficie di radicchio in pieno campo in Lombardia si è

Dettagli

POMODORO NASONE in tunnel 2014

POMODORO NASONE in tunnel 2014 POMODORO NASONE in tunnel 2014 prova varietale (Prova finanziata dal progetto BIONET 2012/2014 - Rete regionale di interesse agrario; misura 214/H del PSR 2007-2013) Scopo della prova La prova è stata

Dettagli

Cipolle: risultati finali di un biennio di prove varietali

Cipolle: risultati finali di un biennio di prove varietali Cipolle: risultati finali di un biennio di prove varietali Costantino Cattivello, Renato Danielis ERSA Sala del lavoro contadino Pozzuolo del Friuli 19/1/215 ASPETTI SALIENTI Località: Fiumicello (213);

Dettagli

Melone prova di confronto materiali pacciamanti 2016

Melone prova di confronto materiali pacciamanti 2016 Melone prova di confronto materiali pacciamanti 06 Scopo della prova Valutare l efficacia della copertura del terreno (pacciamatura) con differenti materiali biodegradabili (tab. ), sulle rese areiche

Dettagli

MELANZANZA OBLUNGA indicazione e confronto varietale 2014 Scopo della prova Materiali e Metodi Tab. 1 Conduzione e gestione della prova

MELANZANZA OBLUNGA indicazione e confronto varietale 2014 Scopo della prova Materiali e Metodi Tab. 1 Conduzione e gestione della prova MELANZANZA OBLUNGA indicazione e confronto varietale 214 Scopo della prova Valutare sulla base dei principali parametri quali-quantitativi, l attitudine alla produzione commerciale di 12 cultivar di melanzana

Dettagli

Risultati prova varietale spinacio. Federico Capone

Risultati prova varietale spinacio. Federico Capone Risultati prova varietale spinacio Federico Capone federico_capone@yahoo.it La sperimentazione è compresa fra le attività del progetto "Filiera ortive" del CRITA L obbiettivo è quello di valutare alcuni

Dettagli

CIPOLLA: Tipologia bianca, dorata, rossa - Azienda LONGO Paolo - Racconigi CN

CIPOLLA: Tipologia bianca, dorata, rossa - Azienda LONGO Paolo - Racconigi CN CIPOLLA: Tipologia bianca, dorata, rossa - Azienda LONGO Paolo - Racconigi CN Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Roberto Giordano*; Carola Barberis **; Marcella Dibraganze *; Daniele Pettiti ** * CReSO

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Roberto Giordano*; Sandro Frati*; Marcella Dibraganze*; Cinzia Bosio* * Tecnico CReSO

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Roberto Giordano*; Sandro Frati*; Marcella Dibraganze*; Cinzia Bosio* * Tecnico CReSO ORTAGGI A FOGLIA- ciclo autunnale- coltura protetta Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Roberto Giordano*; Sandro Frati*; Marcella Dibraganze*; Cinzia Bosio* * Tecnico CReSO 1. Introduzione Negli ambienti

Dettagli

Peperone giallo mezzo lungo innestato confronto varietale 2015

Peperone giallo mezzo lungo innestato confronto varietale 2015 Peperone giallo mezzo lungo innestato confronto varietale 2015 Scopo della prova Valutare sulla base dei principali parametri quali-quantitativi l attitudine produttiva di 4 cultivar di peperone giallo,

Dettagli

Insalate, novità varietali Alta resistenza alle necrosi

Insalate, novità varietali Alta resistenza alle necrosi Insalate, novità varietali Alta resistenza alle necrosi L ampio ventaglio di proposte per il 2013 conferma la vivacità dell innovazione per tutte le tipologie produttive e commerciali sia per il consumo

Dettagli

Confronto di cultivar di lattuga in coltura protetta a ciclo autunno-vernino

Confronto di cultivar di lattuga in coltura protetta a ciclo autunno-vernino Confronto di cultivar di lattuga in coltura protetta a ciclo autunno-vernino Riccardo Riccardi EURECO Relazione tecnica Area tematica Orientamento varietale in orticoltura Centro per il Collaudo delle

Dettagli

Signs of success DIALOGO. Dialogare con i clienti per trovare insieme le migliori soluzioni. SOSTENIBILITà

Signs of success DIALOGO. Dialogare con i clienti per trovare insieme le migliori soluzioni. SOSTENIBILITà Catalogo Lattuga Seminis Seminis è il marchio leader di Monsanto in oltre 150 Paesi in tutto il mondo, nella ricerca, produzione e commercializzazione di sementi orticole professionali per il pieno campo

Dettagli

POMODORO ALLUNGATO A FRUTTO SINGOLO confronto varietale 2014

POMODORO ALLUNGATO A FRUTTO SINGOLO confronto varietale 2014 POMODORO ALLUNGATO A FRUTTO SINGOLO confronto varietale 2014 Scopo della prova Valutare, sulla base dei principali parametri quanti-qualitativi, l attitudine commerciale di 6 di pomodoro allungato già

Dettagli

www.isisementi.com Frazione Ponte Ghiara, 8/A - 43036 FIDENZA (PR) - ITALY Tel. +39 0524/528439 - Fax +39 0524/524255 Email: info@isisementi.

www.isisementi.com Frazione Ponte Ghiara, 8/A - 43036 FIDENZA (PR) - ITALY Tel. +39 0524/528439 - Fax +39 0524/524255 Email: info@isisementi. www.isisementi.com Frazione Ponte Ghiara, 8/A - 43036 FIDENZA (PR) - ITALY Tel. +39 0524/528439 - Fax +39 0524/524255 Email: info@isisementi.com La ISI Sementi S.p.A. vanta una lunghissima esperienza nel

Dettagli

Melone semiforzato prova di confronto materiali pacciamanti 2011

Melone semiforzato prova di confronto materiali pacciamanti 2011 Melone semiforzato prova di confronto materiali pacciamanti 0 SCOPO DELLA PROVA Valutare l efficacia della copertura del terreno (pacciamatura) con 5 differenti materiali film biodegradabili ( di Mater-bi

Dettagli

MATERIALI E METODI Impostazione

MATERIALI E METODI Impostazione Melone serra Confronto varietale e indicazioni varietali SCOPO DELLA PROVA Valutare, sulla base dei principali parametri quanti-qualitativi, l attitudine commerciale di 16 cultivar di melone, 3 delle quali

Dettagli

Tab. 1 Conduzione e gestione della prova

Tab. 1 Conduzione e gestione della prova Peperone rosso mezzo lungo confronto varietale 2014 Scopo della prova Valutare sulla base dei principali parametri quali-quantitativi la produttività di 22 cultivar di peperone rosso resistenti/tolleranti

Dettagli

Resistenza a Bl:32. Fairly Frelita Anandra Chavela Duende Osiride Elixir Vili

Resistenza a Bl:32. Fairly Frelita Anandra Chavela Duende Osiride Elixir Vili Resistenza a Bl:32 Fairly Frelita Anandra Chavela Duende Osiride Elixir Vili la forza del breeding la forza di Enza Zaden Alessandro Del Gaudio, Crop Specialist Oggigiorno gli agricoltori devono confrontarsi

Dettagli

TELI SEMITRASPARENTI prova di confronto tra materiali pacciamanti 2015

TELI SEMITRASPARENTI prova di confronto tra materiali pacciamanti 2015 TELI SEMITRASPARENTI prova di confronto tra materiali pacciamanti 05 Scopo della prova Testare l efficacia delle sole proprietà meccaniche della copertura del terreno (pacciamatura) di film biodegradabile

Dettagli

Uranus. Mercurius. Ciclo medio tardivo gg dal trapianto. Ottima produttività e conservabilità. Qualità e resa al taglio elevate

Uranus. Mercurius. Ciclo medio tardivo gg dal trapianto. Ottima produttività e conservabilità. Qualità e resa al taglio elevate Uranus Ciclo medio tardivo 80-90 gg dal trapianto Ottima produttività e conservabilità Qualità e resa al taglio elevate Pianta vigorosa e rustica Colore verde attraente Nord dal 05-08 al 20-08 Centro Est

Dettagli

MATERIALI E METODI. Impostazione e conduzione della prova

MATERIALI E METODI. Impostazione e conduzione della prova POMODORO a verde Indicazioni variet ali SCOPO DELLA PROVA Approfondire, mediante una verifica in diversi ambienti, la valutazione dell attitudine produttiva di 5 di pomodoro da mensa a verde, 1 delle quali

Dettagli

MATERIALI E METODI. Impostazione e conduzione della prova O 5. O 100 kg/ha (solfato di potassio 200 kg/ha) Concimazione in copertura.

MATERIALI E METODI. Impostazione e conduzione della prova O 5. O 100 kg/ha (solfato di potassio 200 kg/ha) Concimazione in copertura. POMODORO a grappolo Indicazioni variet ali SCOPO DELLA PROVA Approfondire, mediante una verifica in diverse località, la valutazione dell attitudine commerciale di 4 di pomodoro da mensa a grappolo, 1

Dettagli

MATERIALI E METODI. Impostazione e conduzione della prova O (mm/l) 1,15 (mm/l) fosfato monopotassico SO 4

MATERIALI E METODI. Impostazione e conduzione della prova O (mm/l) 1,15 (mm/l) fosfato monopotassico SO 4 POMODORO ovale Indicazioni variet ali SCOPO DELLA PROVA Approfondire, mediante una verifica in diverse località, la valutazione dell attitudine produttiva di 6 di pomodoro da mensa a frutto ovale. MATERIALI

Dettagli

RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER

RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER AXS M31 di Zambanini Silvana bio-formulazione avanzata per l agricoltura RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER Relazione Tecnica 2006-2010 SPINELLI Azienda Agricola tecnologia disinquinante Loc.

Dettagli

21/02/14 in contenitori alveolati da 45 fori

21/02/14 in contenitori alveolati da 45 fori POMODORO A GRAPPOLO indicazioni varietali 2014 Scopo della prova Approfondire la valutazione sulle caratteristiche produttive di 3 di pomodoro a grappolo. Materiali e metodi Si sono considerate 3 innestate

Dettagli

MATERIALI E METODI. Impostazione e conduzione della prova O (mm/l) 1,15 (mm/l) fosfato monopotassico SO 4

MATERIALI E METODI. Impostazione e conduzione della prova O (mm/l) 1,15 (mm/l) fosfato monopotassico SO 4 POMODORO allungato Indicazioni variet ali SCOPO DELLA PROVA Approfondire, mediante una verifica in diverse località, la valutazione dell attitudine commerciale di 6 di pomodoro da mensa a frutto allungato,

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17 CENTRO PO DI TRAMONTANA Risultati Sperimentali 28 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17 MELONE MELONE serra MELONE semiforzato prova pacciamatura pag. 4 confronto varietale e indicazioni

Dettagli

ZUCCHINO IN COLTURA PROTETTA. indicazioni e confronto varietale 2014. Scopo della prova. Materiali e metodi

ZUCCHINO IN COLTURA PROTETTA. indicazioni e confronto varietale 2014. Scopo della prova. Materiali e metodi ZUCCHINO IN COLTURA PROTETTA indicazioni e confronto varietale 2014 Scopo della prova L esperienza è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze sui principali parametri quanti-qualitativi di

Dettagli

Lattuga in pien aria

Lattuga in pien aria DEFINIZIONE DI LISTE VARIETALI ORTICOLE IN CAMPANIA Lattuga in pien aria Premessa Nell ambito del programma Definizione di liste varietali orticole in Campania - annualità 2005, è stato allestito un campo

Dettagli

PEPERONE IN COLTURA PROTETTA 2013

PEPERONE IN COLTURA PROTETTA 2013 PEPERONE IN COLTURA PROTETTA 2013 INTRODUZIONE A livello nazionale la superficie interessata alla coltivazione del peperone in serra negli ultimi quattro anni (2009-2010-2011-12 dati ISTAT), ha manifestato

Dettagli

Le cicorie. Cicoria selvatica da campo. Cicoria. spadona da taglio. Cicoria. Cicoria zuccherina da taglio Triestina. variegata di Lusia.

Le cicorie. Cicoria selvatica da campo. Cicoria. spadona da taglio. Cicoria. Cicoria zuccherina da taglio Triestina. variegata di Lusia. selvatica da campo Forma un cespo aperto, aderente al terreno, formato da foglie lunghe, strette e frastagliate, dal gusto amaro. Si consuma preferibilmente cotta dall autunno alla primavera ma è anche

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17

CENTRO PO DI TRAMONTANA. Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERIMENTAZIONI E ORIENTAMENTI 17 CENTRO PO D TRAONTANA Risultati Sperimentali 2008 nel settore orticolo SPERENTAZON E ORENTAENT 17 ANGURA confronto varietale pag. 4 panoramica varietale» 8 NTRODUZONE n Veneto (fonte SSTAR Veneto Sistema

Dettagli

Risultati del confronto varietale campagna Dal campo allo stabilimento 03/02/2015

Risultati del confronto varietale campagna Dal campo allo stabilimento 03/02/2015 Progetto di sperimentazione varietale del pomodoro da industria, dello sviluppo della filiera e agrotecnica in Provincia di Alessandria Risultati del confronto varietale campagna 2014 Dal campo allo stabilimento

Dettagli

MELONE PROVA PACCIAMATURA

MELONE PROVA PACCIAMATURA melone introduzione MELONE PROVA PACCIAMATURA I materiali per pacciamatura rappresentano una porzione consistente dell ammontare complessivo delle plastiche utilizzate in agricoltura, pari al 41% del valore

Dettagli

MELONE. Cucumis melo L.

MELONE. Cucumis melo L. MELONE Cucumis melo L. confronto fra portainnesti MELONE SERRA Scopo della prova La prova ha messo a confronto 15 portainnesti, con il testimone non innestato, in coltura protetta. La cultivar presa in

Dettagli

Freedom F1. Abeni F1

Freedom F1. Abeni F1 Cavolfiori Cavolfiori Bromha F1 Freedom F1 Ciclo: precocissimo, 55-60 gg dal trapianto. - Ibrido maschio sterile, semitropicale, indicato per raccolte da piena estate a primo autunno. - Elevata qualità

Dettagli

Risultati delle prove varietali di primo livello su pomodoro ovale e non solo. Costantino Cattivello, Renato Danielis, Giulio Franco

Risultati delle prove varietali di primo livello su pomodoro ovale e non solo. Costantino Cattivello, Renato Danielis, Giulio Franco Risultati delle prove varietali di primo livello su pomodoro ovale e non solo Costantino Cattivello, Renato Danielis, Giulio Franco Villa Chiozza Scodovacca di Cervignano 16 dicembre 2009 Casa sementiera

Dettagli

MELANZANA OVALE PROVA PORTAINNESTI

MELANZANA OVALE PROVA PORTAINNESTI MELANZANA OVALE PROVA PORTAINNESTI confronto varietale 2016 Scopo della prova L esperienza è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze sui principali parametri quanti-qualitativi di una cultivar

Dettagli

MELANZANA LUNGA PROVA PORTAINNESTI confronto varietale 2016

MELANZANA LUNGA PROVA PORTAINNESTI confronto varietale 2016 MELANZANA LUNGA PROVA PORTAINNESTI confronto varietale 2016 Scopo della prova L esperienza è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze sui principali parametri quanti-qualitativi di una cultivar

Dettagli

Insalate, ampia gamma di novità per il 2014

Insalate, ampia gamma di novità per il 2014 Insalate, ampia gamma di novità per il 2014 Il numeroso ventaglio di proposte varietali conferma la vivacità dell innovazione per tutte le tipologie produttive e commerciali di Giuseppe Francesco Sportelli

Dettagli

Lattuga da serra. Il catalogo più completo delle lattughe da serra

Lattuga da serra. Il catalogo più completo delle lattughe da serra Lattuga da serra Il catalogo più completo delle lattughe da serra Lavoriamo per sviluppare progetti ti di ricerca che rispondano o ai differenti bisogni di consumatori, commercianti e produttori. Seguiamo

Dettagli

E voi, innovazione LATTUGHE DA SERRA ITALIA STAGIONE 2014/2015. innovazione

E voi, innovazione LATTUGHE DA SERRA ITALIA STAGIONE 2014/2015. innovazione E voi, quale Gautier preferite? LATTUGHE DA SERRA ITALIA STAGIONE 2014/2015 La lattuga secondo Gautier Sementi: Resistenze e qualità agronomiche Le nostre équipe si impegnano ogni giorno affinché i nostri

Dettagli

Risultati della sperimentazione orticola in Lombardia: aspetti agronomici

Risultati della sperimentazione orticola in Lombardia: aspetti agronomici Risultati della sperimentazione orticola in Lombardia: aspetti agronomici Massimo Schiavi CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso Lombardo) Motivazioni della sperimentazione varietale Elevata

Dettagli

Spinacio Baby Leaf IV gamma. Gamma

Spinacio Baby Leaf IV gamma. Gamma Spinacio Baby Leaf IV gamma Gamma 2015-201 Spinacio Baby Leaf IV gamma Varietà a Gentile Varietà Cliente, Resistenze Pfs Crescita 1= lenta il costante lavoro di miglioramento che Manatee portiamo RZ avanti

Dettagli

Gamma Spinacio da industria

Gamma Spinacio da industria Gamma 2013-2014 Spinacio da industria Spinacio da industria INDICE Gentile Cliente, Tipologia Orientale a foglia liscia Elephant RZ F1 ciclo extra precoce Walibi RZ F1 Kangaroo RZ F1 51-144 RZ F1 Tipologia

Dettagli

D'INNOVAZIONE PER VOI

D'INNOVAZIONE PER VOI E voi, quale innovazione Gautier preferite? Gautier Sementi LATTUGHE DA SERRA ITALIA STAGIONE 2012/2013 60 anni D'INNOVAZIONE PER VOI Da 60 anni, facciamo progredire gli ortaggi per voi. Questi nostri

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPERIMENTAZIONE VARIETALE CIPOLLA 2013

RELAZIONE TECNICA SPERIMENTAZIONE VARIETALE CIPOLLA 2013 RELAZIONE TECNICA SPERIMENTAZIONE VARIETALE CIPOLLA 2013 PROGETTO: VALUTAZIONE DELLE NUOVE ORTICOLE DA MERCATO FRESCO, AZIONE N 8: SPERIMENTAZIONE VARIETALE CIPOLLA OBIETTIVI E FINALITÀ Negli ultimi anni

Dettagli

POMODORO DA MENSA 2013

POMODORO DA MENSA 2013 POMODORO DA MENSA 2013 INTRODUZIONE A livello nazionale, osservando i dati ISTAT (www.agri.istat.it) relativi al pomodoro da mensa in serra degli ultimi quattro anni (2009-2010-2011-2012), si è osservato

Dettagli

RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER

RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER AXS M31 di Zambanini Silvana bio-formulazione avanzata per l agricoltura RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER Relazione Tecnica 2004-2010 Azienda Agricola Scandola Riccardo - Emiliano tecnologia

Dettagli

Gamma Spinacio Baby Leaf e Mercato Fresco

Gamma Spinacio Baby Leaf e Mercato Fresco Gamma 2013-2014 Spinacio Baby Leaf e Mercato Fresco Spinacio Baby Leaf e Mercato Fresco Gentile Cliente, il costante lavoro di miglioramento che portiamo avanti nei laboratori Rijk Zwaan ha l obiettivo

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SAVONA Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola "Franco Ugo" RELAZIONE FINALE

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SAVONA Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola Franco Ugo RELAZIONE FINALE RELAZIONE FINALE Descrizione sintetica della prova N complessivo delle prove 1 Sito sperimentale Ce.R.S.A.A., Regione Rollo 98, 17031 Albenga (SV) Superficie complessivamente interessata dalla prova 50

Dettagli

POMODORO cuore di bue

POMODORO cuore di bue POMODORO cuore di bue Indicazioni variet ali SCOPO DELLA PROVA Approfondire, mediante una verifica in diverse località, la valutazione dell attitudine commerciale di 8 di pomodoro da mensa a cuore di bue,

Dettagli

Sperimentazione varietale pomodoro da industria in Emilia-Romagna anno 2013

Sperimentazione varietale pomodoro da industria in Emilia-Romagna anno 2013 Sperimentazione varietale pomodoro da industria in Emilia-Romagna anno 2013 S. Cornali Azienda Agraria Sperimentale Stuard - Parma A. Innocenti Azienda Agraria Sperimentale Marani - Ravenna D. Tassi; F.

Dettagli

Confronto varietale MELANZANA Attività di ricerca condotta nell ambito del progetto finanziato da Regione Piemonte

Confronto varietale MELANZANA Attività di ricerca condotta nell ambito del progetto finanziato da Regione Piemonte Confronto varietale MELANZANA 2012 Attività di ricerca condotta nell ambito del progetto finanziato da Regione Piemonte Tipologie a buccia bianca CLARA L Ortolano Tipologie a buccia striata LEIRE Rijk

Dettagli

RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER

RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER AXS M31 di Zambanini Silvana bio-formulazione avanzata per l agricoltura RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER Relazione Tecnica 2009-2010 Azienda Agricola GHISLANDI LUCIO tecnologia disinquinante

Dettagli

Impianto Modalità... fila semplice - Distanza tra le file... 2 m - Distanza sulla fila... 0,75 m - Densità... 0,66 pp/m 2. Tab. 1 - Tesi a confronto

Impianto Modalità... fila semplice - Distanza tra le file... 2 m - Distanza sulla fila... 0,75 m - Densità... 0,66 pp/m 2. Tab. 1 - Tesi a confronto MELONE Prova di confronto materiali pacciamanti SCOPO DELLA PROVA Valutare l efficacia della copertura del terreno (pacciamatura) con differenti materiali biodegradabili a confronto con testimoni non biodegradabili

Dettagli

Lattuga da serra. Cappuccio Gentile Romana

Lattuga da serra. Cappuccio Gentile Romana Lattuga da serra 2017 2018 Cappuccio Gentile Romana Cappuccio Volare Tipologia: lattuga da serra a giorni lunghi per raccolte da marzo a metà giugno e da metà settembre a metà ottobre al nord. Pianta:

Dettagli

pomodoro da mensa Lycopersicon esculentum Mill.

pomodoro da mensa Lycopersicon esculentum Mill. pomodoro da mensa Lycopersicon esculentum Mill. indicazioni varietali POMODORO cuore di bue Scopo della prova L esperienza è stata condotta al fine di approfondire e confermare la valutazione dell attitudine

Dettagli

POMODORO DATTERINO confronto varietale 2015 Scopo della prova Materiali e metodi Tab. 1 Conduzione e gestione della prova

POMODORO DATTERINO confronto varietale 2015 Scopo della prova Materiali e metodi Tab. 1 Conduzione e gestione della prova POMODORO DATTERINO confronto varietale 2015 Scopo della prova Valutare, sulla base dei principali parametri quanti-qualitativi, la produttività di 18 di pomodoro datterino già conosciute negli ambienti

Dettagli

Melanzana in pien aria

Melanzana in pien aria Assessorato all Agricoltura ed alle Attività Produttive Se.S.I.R.C.A. Melanzana in pien aria Premessa Nell ambito del programma Definizione di liste varietali orticole in Campania - annualità 2005, è stato

Dettagli

IL SORGO DI KWS 1) IL SORGO CRESCE: COLTURA SOSTENIBILE PER COLTIVAZIONI A BASSO INPUT COLTURALE

IL SORGO DI KWS 1) IL SORGO CRESCE: COLTURA SOSTENIBILE PER COLTIVAZIONI A BASSO INPUT COLTURALE IL SORGO DI KWS 1) IL SORGO CRESCE: COLTURA SOSTENIBILE PER COLTIVAZIONI A BASSO INPUT COLTURALE Come produrre la massima energia per ettaro Come produrre un buon sorgo Gli ibridi KWS per il 2014 COME

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SAVONA Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola "Franco Ugo"

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SAVONA Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola Franco Ugo RELAZIONE FINALE Descrizione sintetica della prova N complessivo delle prove 1 Sito sperimentale Ce.R.S.A.A., Regione Rollo 98, 17031 Albenga (SV) Superficie complessivamente interessata dalla prova 50

Dettagli

Crinò Paola, Ciccotti Giovanna ENEA - Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e Protezione della Salute

Crinò Paola, Ciccotti Giovanna ENEA - Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e Protezione della Salute Programma triennale di ricerca agricola, agroambientale, agroalimentare, agroindustriale della Regione Lazio 2003-2005 (PRAL 2003/31) Caratterizzazione bio-agronomica e qualitativa di ecotipi e linee alto-laziali

Dettagli

GLI ASPETTI AGRONOMICI

GLI ASPETTI AGRONOMICI GLI ASPETTI AGRONOMICI Dott. Antonio Troccoli, Ph.D. Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l Analisi dell Economia Agraria (CREA) Centro di Ricerca per la Cerealicoltura S.S. 673 km 25+200, 71122 FOGGIA

Dettagli

RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER

RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER AXS M31 di Zambanini Silvana bio-formulazione avanzata per l agricoltura RISULTATI RELATIVI ALL IMPIEGO DI BIO AKSXTER tecnologia Relazione Tecnica 2006-2010 Coffani Bettino, Maurizio, Licio e Menta Alba

Dettagli

Caratterizzazione di ecotipi locali di fagiolo da granella

Caratterizzazione di ecotipi locali di fagiolo da granella Caratterizzazione di ecotipi locali di fagiolo da granella CUNEO 27 novembre 2009 Dr Michele BAUDINO - CReSO Il fagiolo da granella in provincia di Cuneo Fagiolo per produzione di granella secca dati 2008

Dettagli

ALLEGATO 8 BOZZA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

ALLEGATO 8 BOZZA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ALLEGATO 8 BOZZA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO DELLA TRIFOLLA DE L HAUTE VALLEE DU GRAND ST. BERNARD/ PATATA DELL ALTA VALLE DEL GRAN SAN BERNARDO C:\Documents and Settings\dd\Documenti\grand-combain\4

Dettagli

2.3 - Impiego di film biodegradabili o con diverse proprietà nella solarizzazione del terreno per il controllo dei patogeni tellurici della cipolla.

2.3 - Impiego di film biodegradabili o con diverse proprietà nella solarizzazione del terreno per il controllo dei patogeni tellurici della cipolla. Attività 2013-2014 del Centro Orticolo Campano Area Tematica Messa a punto di tecniche colturali ecosostenibili 2.3 - Impiego di film biodegradabili o con diverse proprietà nella solarizzazione del terreno

Dettagli

Cavolfiore. a ciclo invernale

Cavolfiore. a ciclo invernale Cavolfiore a ciclo invernale Premessa Nell anno 2005, è stato allestito un campo di confronto varietale di cavolfiore a ciclo invernale delle tipologie bianco napoletano, verde maceratese e romanesco.

Dettagli

Zucchino: aggiornamenti varietali per la campagna 2015

Zucchino: aggiornamenti varietali per la campagna 2015 Zucchino: aggiornamenti varietali per la campagna 215 Costantino Cattivello Pozzuolo del Friuli 19/1/215 Note colturali Località della prova: Fiumicello (UD) Cultivar complessivamente provate: 34 Schema

Dettagli

baby leaf Research & Italian Passion

baby leaf Research & Italian Passion baby leaf Research & Italian Passion Research & Italian Passion Mettiamo la passione ed il gusto italiano in tutto ciò che facciamo perché crediamo nei valori della tradizione e innoviamo in modo sostenibile

Dettagli

POMODORO CUORE DI BUE Indicazioni varietali 2015

POMODORO CUORE DI BUE Indicazioni varietali 2015 POMODORO CUORE DI BUE Indicazioni varietali 2015 Scopo della prova L esperienza è stata condotta al fine di approfondire le conoscenze relative all attitudine di 3 già verificate nelle annate precedenti,

Dettagli