Pippo Russo. L importo della

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pippo Russo. L importo della"

Transcript

1 Pippo Russo L importo della ferita e altre storie Frasi veramente scritte dagli autori italiani contemporanei Faletti, Moccia, Volo, Pupo e altri casi della narrativa di oggi Edizioni Clichy

2 Beaubourg Il Centre Pompidou, luogo d incontro di giovani artisti e performer, musicisti e skater, presta il nome alla collana di Edizioni Clichy che dà voce allo spirito della cultura pop, in tutte le sue espressioni: dalla musica al cinema alla danza, alla narrativa postmoderna che sappia venire incontro ai lettori più diversi. Un percorso aperto, curioso, che si apre a ogni tipo di espressione, compresa la graphic novel, e che esplora senza snobismi quello che si muove intorno a noi. Edizioni Clichy Edizioni Clichy Via Pietrapiana, Firenze Isbn

3 Indice Introduzione. A tavola con Freak Antoni Parte prima. I libro-panettonisti Capitolo 1. Giorgio Faletti, «l incredibile più grande scrittore italiano» 1.1. I thriller più lenti della storia 1.2. Quel sofferto rapporto con la lingua italiana 1.3. La sagra del nonsense, le ricorrenze e le sciatterie assortite 1.4. Product placement 1.5. Il Faletti solenne e l onnipresente Vito Catozzo 1.6. L Evidente Manifesto. Ovvero: e se avesse sbagliato il titolo? Appendice: da quando a ora a boh Capitolo 2. Fabio Volo e il suo mondo di volette 2.1. I diciamo-così-romanzi del diciamo-così-scrittore 2.2. Mescolando la stessa minestra 2.3. Il sesso e il cesso 2.4. Fabio Volo ama le donne 2.5. Un mondo di coglioni 2.6. Un fine umorista 2.7. Il Buddha di Calcinate e la sua penna-badile Capitolo 3. Federico Moccia e la classe coatta che va in paradiso I mattoni light del coattologo 3.2. I coatti del coattologo 3.3. Spot non stop 3.4. Uno stile senza pari. Né dispari 3.5. Sadomaso? No, sadomoccia 3.6. Lui cita, noi Tarzan 3.7. Del legittimo modo di disprezzare Parte seconda. I narratori improvvisati Capitolo 4. Pupo, inventore del romanzo marrone

4 4.1. Nelle pieghe del romanzo marrone 4.2. Nel marrone dipinto di marrone 4.3. La lingua creativa del romanzo marrone 4.4. In attesa di cosa? Capitolo 5. Il petulante strillo narrativo di Giuliano Sangiorgi 5.1. Il romanzo mandato al macello 5.2. Uno stile im-pulp-abile 5.3. L apoteosi del Niente e l anti-sofia 5.4. La scrittura preterintenzionale Parte terza. I premiati Capitolo 6. Antonio Scurati, ovvero: Operazione Piombo Fuso 6.1. La Biblioteca d Acciaio 6.2. Una prosa tersa 6.3. Un mondo putrescente 6.4. Il Furio sociologo 6.5. Il Grande Cauterizzatore dell Eros 6.6. A mo di Scurati Capitolo 7. Alessandro Piperno, il Predestinato 7.1. Saghe e seghe familiari. Ovvero, teoria e pratica della musturbazione letteraria 7.2. La lingua neo-geroglifica del Predestinato 7.3. L inesauribile vena musturbatoria 7.4. Voleva essere South Park Conclusione (?)

5 Introduzione A tavola con Freak Antoni A tutti i cani del mondo. Che non scrivono perché è poco commendevole scrivere da cani. Ogni persona è libera di scrivere e pubblicare un libro. Enuncio e rivendico questo principio benché sia contrario a un mio fermo convincimento: che al giorno d oggi vengano pubblicati troppi libri, e che sarebbe cosa buona e giusta arginare drasticamente la marea. La mia esperienza di assiduo lettore dice che, ogni dieci libri letti, il bilancio è il seguente: sei/sette sono da macero, tre/due sono accettabili, e non più di uno è degno d essere ricordato e consigliato alle persone care. E certo un bilancio così catastrofico sarà effetto di idiosincrasie personali e gusti estetici che con l andare del tempo si sono fatti più esigenti. Proprio per questo m impongo di mettere da parte i miei pre-giudizi in materia di letture e affermo con forza la libertà di scrivere e pubblicare come un diritto della persona da garantire. E tuttavia, enunciato il principio garantista della Libertà Universale di Scrivere e Pubblicare, faccio seguire un principio ancor più tassativo: ogni persona che scrive e pubblica ha il DOVERE di farlo nel modo più rigoroso e inappuntabile. Un rigore e un inappuntabilità che dovrebbero essere assicurati attenendosi a pochi, elementari dettami. Il primo è il rispetto assoluto della lingua. Del suo corretto uso, delle sue forme, delle elementari regole di grammatica e sintassi, dell appro- 5

6 Pippo Russo priato significato delle parole utilizzate. Chi legge starà pensando che quella appena scritta sia un ovvietà, qualcosa data talmente per scontata da non meritare d essere rimarcata. Purtroppo così non è. Molta libraglia odierna sembra essersi arruolata in una milizia rivoluzionaria, il cui obiettivo è la disarticolazione della lingua. E ciò si nota in particolar modo nei libri nati per essere best seller, e destinati a un pubblico vasto. A questi libri toccherebbe un supplemento di responsabilità sociale, consistente nell attenta manutenzione della lingua; perché in quelle pagine uno sfondone linguistico ha ricadute di massa. Ciò che si trova stampato in un libro viene assorbito dal pubblico come lingua corrente, ulteriore declinazione della correttezza formale nel discorso pubblico. Su questo versante autori e editori non vigilano abbastanza, o forse non ritengono sia il caso d intristirsi a fare i notai della lingua. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il secondo elemento è il rispetto di un patto originario col lettore. Ogni libro è una promessa fatta dall autore al lettore, che a sua volta investe risorse di vario tipo (denaro, tempo, facoltà cognitive, riserve emotive) ma tutte caratterizzate dalla condizione di scarsità: nel senso che la quota parte di quelle risorse destinate dal lettore al libro è sottratta a altri libri o a altre attività. Dunque, è ineludibile dovere dell autore mantenere ciò che promette al lettore; e attenersi a ciò che il lettore si aspetta nel momento in cui investe, a scatola chiusa, una quota parte delle sue risorse scarse nella lettura del libro. Se la promessa era quella d un romanzo, allora bisogna attenersi scrupolosamente ai canoni del romanzo. Il che significa non cedere alle seguenti tentazioni: improvvisarsi saggisti, deviando dal registro di scrittura che si conviene al romanzo; cimentarsi in esercizi di scrittura autocompiacente, mettendosi a fabbricare ampolle e riempiendo le pagine di pesantezze barocche; disseminare il testo di citazioni libresche a vanvera, col solo intento di far sfoggio muscolare di cultura personale; essere sciatti nel fare quelle citazioni e ogni altro tipo di riferimento; tromboneggiare; soprattutto, andare fuori misura in termini meramente quantitativi, e per la sola libidine di scrivere «il librone all americana». Infine, dovrebbe esserci da parte dello scrittore un dovere di non innamorarsi del personaggio di se stesso. Scrivere per pubblicare è una forma di narcisismo, una ricerca di riconoscimento, una volontà di imporre la propria visione del mondo come versione degna d essere eletta a punto di riferimento; se così non fosse, ogni autore terrebbe nel cas- 6

7 L'importo della ferita e altre storie setto le cose che scrive e le rileggerebbe di tanto in tanto per scoprire qualcosa in più di se stesso. Dunque, nella ricerca di protagonismo da parte dello scrittore non c è nulla di disdicevole. Il problema sta piuttosto nella misura di tale protagonismo. Che troppo spesso esonda. E allora succede che gli scrittori diventino animali da talk show quando in tempi ancora recenti facevano dell assenza un elemento indispensabile per la costruzione dell aura personale; o che pretendano di costruire gruppi d azione e elaborazione collettiva, quando invece il ruolo comanderebbe uno stretto individualismo; o che sgomitino per entrare a far parte delle giurie dei premi letterari, magari per fare in seguito il bel gesto d andarsene sbattendo la porta e inveendo contro il «sistema corrotto». Che poi la defezione avvenga perché il defezionante non si sia visto premiare a sua volta, è solo un dettaglio. Questo libro nasce sulla spinta delle motivazioni appena illustrate. E si muove su un piano dell analisi del testo che non è quello della critica letteraria. Un operazione del genere non m interessa, né minimamente m appassiona. Ciò che qui viene condotto è un lavoro di sezionamento e analisi del testo scritto: gli strafalcioni, i luoghi comuni, le stracche retoriche, le ricorrenze, le trombonerie, et similia. Per chi la conosce, il concetto di base è lo stesso che ispirò la mia fortunata rubrica Pallonate, nata sulle colonne del Manifesto e successivamente ospitata dall Unità e dal Fatto Quotidiano. Nella rubrica veniva preso in esame un segmento importante della cultura popolare italiana: quello del giornalismo sportivo. Gli articoli pubblicati quotidianamente dalle tre testate sportive nazionali e dalle pagine sportive dei giornali d informazione venivano passati al setaccio per fare emergere gli sfondoni, le inesattezze, le forzature, e le «troppo licenziose licenze». La rubrica ebbe un successo inatteso, tanto da indurmi a dedicarle un libro. Pubblicato da Meltemi nel 2003, esso arrivò in libreria col titolo Pallonate. Tic, eccessi e strafalcioni del giornalismo sportivo italiano. L approccio utilizzato è lo stesso che decretò il successo di Pallonate. Qui non si discetta della qualità di un libro e del suo autore, se non in modo molto rapido. Qui si fa una lettura molto approfondita del testo. Che per l autore può rivelarsi una trappola, e lui non lo sa. L autore può difendersi in ogni modo dalle critiche sullo stile, sui temi scelti, sulla qualità della scrittura; perché riguardo a questi aspetti siamo nel campo della critica di merito, e riguardo al merito ciascuno è libero di pensare e giudicare come vuole senza che vi siano giudizi più validi di 7

8 Pippo Russo altri a prescindere. Ma come fa l autore a difendersi dalle cose che ha scritto? Non può. Scrivendole e dandole alla stampa se ne è assunto la responsabilità, ha legato indissolubilmente il nome e la faccia a quel testo. E se infine il testo gli si rivolta contro per qualsiasi motivo (perché scorretto, o impreciso, o eccessivo, o sciatto, o per qualunque altra ragione sia possibile immaginare), egli non potrà difendersi in nessun modo. Dovrà incassare il colpo di boomerang e ingoiare la frustrazione. Tu l hai scritto, tu te lo tieni per come è venuto fuori. In queste pagine troverete analisi del testo. E vi godrete uno a uno i boomerang che tornano in piena fronte agli autori presi in esame. Dai nomi che trovate nell indice scoprite che sono tutti quanti personaggi di chiara fama. Una fama acquisita sia nel ruolo di scrittori, sia in altri ruoli a partire dai quali i personaggi in questione hanno voluto cimentarsi come narratori. Perché oggi un romanzo può scriverlo davvero chiunque, specie se ha un buon capitale di notorietà da spendere sul mercato editoriale. E specie se gode del favore da parte di critici compiacenti e ben allocati nei grandi giornali. Il libro è diviso in tre sezioni. La prima è dedicata ai libropanettonisti, gli autori di libri di cassetta concepiti come fossero cinepanettoni. Obiettivo dell operazione editoriale è in questi casi la conquista del grande pubblico. In questa sezione trovano spazio i capitoli su Giorgio Faletti, Fabio Volo e Federico Moccia. La seconda sezione ospita i narratori improvvisati. Si tratta di personaggi famosi che un bel giorno, poiché non avevano di meglio da fare, hanno deciso di scrivere un romanzo. Gli autori passati in rassegna sono i cantanti Pupo e Giuliano Sangiorgi (leader e voce dei Negramaro). La terza sezione è dedicata ai premiati, e ospita tre scrittori che grazie alle loro fatiche narrative hanno portato a casa ambiti premi letterari: qui trovate i capitoli su Antonio Scurati e Alessandro Piperno. Prima di passare alla lunga rassegna dei testi scritti dai nostri eroi mi tocca controbattere preventivamente alle due ovvie obiezioni che in molti si sentiranno di muovere. La prima riguarda il fatto che alcuni di questi autori siano stati insigniti di prestigiosi premi letterari. Rispondo che l analisi dei loro testi dovrebbe far riflettere su quanto prestigiosi vadano considerati quei premi. 8

9 L'importo della ferita e altre storie La seconda obiezione è ancora più sollecitante, e ha a che fare con la categoria dei libropanettonisti. Succede che, se vi azzardate a criticare la qualità dei loro libri, troverete sempre qualcuno pronto a saltar su e sbattervi in faccia il numero delle copie vendute. «Ma sta zitto, che Faletti ha venduto 12 milioni di copie!». Per carità, il dato è incontrovertibile, e i numeri sono indiscutibili più di quanto lo sia un errore di grammatica. Ma se così stanno le cose - se il piano della discussione è quello dei grandi numeri, e se la quantità si trasforma automaticamente in qualità -, allora bisogna comportarsi di conseguenza in ogni campo dell agire quotidiano. Tutte le cose che realizzano grandi numeri devono essere assunte come buone e giuste, e essere elette a riferimento di qualità. Se questo è il principio, mi può anche star bene. E anzi ne rilancio e ne radicalizzo la logica, rifacendomi a una vecchia e geniale battuta di Roberto Freak Antoni. Che tempo fa scrisse: «Mangiate merda! Miliardi di mosche non possono avere torto!». Ecco, questo è il punto. A chi sostiene che i grandi numeri siano automaticamente fonte di legittimazione e indice di qualità, chiedo di essere conseguente e coerente applicando il principio a 360 gradi nella propria vita quotidiana. E mangiando un bel piatto di merda tutte le sere a cena. Ha facoltà di sceglierla di qualsiasi qualità. A patto che non sia la propria. 9

10

11 Parte prima I libro-panettonisti Capitolo 1 Giorgio Faletti, «l incredibile più grande scrittore italiano» «Non ci crederete, ma quest uomo è il più grande scrittore italiano». La copertina di Sette, il magazine settimanale del Corriere della Sera, sbatté in faccia ai lettori questo titolo un giovedì di novembre E lì campeggiava una foto che molti lettori fecero fatica a associare. Non perché non riconoscessero il personaggio, ma perché proprio non riusciva loro capire come quello lì potesse essere «il più grande scrittore italiano». Ma chi, Giorgio Faletti? Quello che faceva Vito Catozzo a Drive In? Quello che voleva sempre regalarti il giumbotto? Quello che soave come le unghie passate sulla lavagna cantava «Minchia signor tenente»? 1 Davvero roba quasi impossibile da credere, come del resto avvertiva il titolo di copertina. E invece da allora quell incredibile evento è andato avanti a accadere, trascinandosi fino all oggi. Infatti, dal giorno in cui i lettori si ritrovarono quella copertina fra le mani sono trascorsi undici anni. Il settimanale allegato il giovedì al Corriere della Sera ha fatto in tempo a cambiare denominazione, venendo ribattezzato Magazine, e a mutare il giorno dell uscita settimanale passando al venerdì e tornando alla vecchia denominazione Sette. E Faletti ha riempito l'intero periodo con altri sette libri dopo quello d esordio. Incredibile. Ma vero. Dunque, è dall elemento d incredibilità che bisogna partire. Cioè, 1 Potete godervi la memorabile e prolungata stonatura esibita sul palco del Festival di Sanremo digitando la url 11

12 Pippo Russo dalla reazione di chi stentò a credere che davvero Giorgio Faletti potesse (e possa) essere considerato il più grande scrittore italiano. In quella reazione ci sono la diffidenza e il pregiudizio riservati all ex cabarettista, autore di performance dall umorismo grasso che cauterizzavano la risata sulle labbra, e suscitavano la medesima tenerezza riservata al mago che sul palco della parrocchia non riesca a estrarre il coniglio dal cilindro. Atteggiamenti comprensibili, questi della diffidenza verso uno scrittore che giunge alle sponde della narrativa portandosi dietro un curriculum siffatto. Ma in nessun modo tali atteggiamenti e pregiudizi possono far velo a chi deve valutare un opera letteraria. Obiettività e esperienza impongono di non lasciarsi condizionare dalle idee preconcette, e di giudicare le azioni delle persone per i loro contenuti e non partendo dall opinione che su quelle stesse persone ci si era formati. Dunque, questo è l assunto dal quale bisogna partire: che anche un cabarettista che scatenava le risate soltanto se preregistrate, o un cantante stonatissimo e dalla verve funebre (o entrambe le cose messe insieme), può essere un grande scrittore. La sola cosa che conti davvero per dare una corretta valutazione è il confronto coi testi. Su questo intendo basarmi, così come farò nel caso degli altri autori passati qui in rassegna. Tuttavia, non sarebbe giusto sottrarmi dal dare un giudizio sulla qualità letteraria dei libri di Faletti. Cioè, prima di guardare all aspetto formale di quei volumi, ci tengo a far conoscere il mio giudizio da lettore sulle opere dell incredibile più grande scrittore italiano. A ciò è dedicato il prossimo paragrafo, che precede quelli rivolti all analisi formale della prosa falettiana. 1.1 I thriller più lenti della storia Di Faletti si dice che sia uno scrittore più americano che italiano. Che abbia «reinventato» il noir in Italia. Che i suoi libri abbiano un ritmo incalzante e avvincente. Che sia impossibile staccarsene. Si dice. In fondo, il bello della letteratura è anche questo: che ognuno la vede a modo suo, e ci si può far piacere tutto. È così anche per la gastronomia. C è chi detesta al palato il mix dei gelati al cioccolato e alla fragola, e chi invece trova che ne sortisca un contrasto sublime. E c è pure chi mette il formaggio sugli spaghetti alle vongole, ciò che 12

13 L'importo della ferita e altre storie molti (come me) trovano semplicemente criminale. De gustibus non disputandum est. Detto questo, esprimo il mio personale parere estetico a proposito dei romanzi di Giorgio Faletti, senza preoccuparmi di confutare l opinione di chi la pensi in modo diverso. Per fortuna i gusti letterari non sono uniformi, e come in campo gastronomico esistono palati fini e palati grassi. Saranno i paragrafi successivi a supportare i miei gusti e dis-gusti. Per il momento, dovendo dare un giudizio da lettore, e cioè basandomi sulle sensazioni e le emozioni suscitate in me dai libri di Giorgio Faletti, posso valutare i suoi romanzi e racconti come i thriller più lenti della storia. Allungati come brodi da servire a venti invitati in sovrannumero, costruiti su trame parecchio malferme e a volte infantili, e con finali di quelli che quando salta fuori il colpevole si è spinti a esclamare: «Ma fammi il piacere!». E il libro viene scaraventato nell angolo più lontano della stanza. Ma detto questo, com è il Faletti scrittore? Risposta complessa a domanda semplice, e non lo dico per usare a mia volta un luogo comune. C è che Faletti è una personalità molteplice, e lo dico senza voler dare luogo a interpretazioni maliziose. Sforzandomi di ridurre per quanto possibile il numero delle identità autoriali falettiane, posso indicare le seguenti: - il Faletti da scuola Holden, autore di quelle parti di libro che, pur suscitando la medesima tensione emotiva che darebbe il vedere un trancio di pizza della sera prima scaldarsi nel forno a microonde, quantomeno sono scritte con un barlume di tecnica; - il Faletti solenne, che imbraccia il trombone e si lancia in spericolati assolo, come se anziché un thriller stesse scrivendo The Holy Bible Reloaded; - il Faletti allungatore di brodi, cioè il fratello cattivo e dispettoso del Faletti da scuola Holden, che rovina il lavoro di quello stravolgendo il ritmo di alcuni capitoli e zavorrandoli; - il Faletti-Vito Catozzo, quello che proprio non riesce a resistere al richiamo delle origini e regala battute umoristiche raggelanti. A questo punto, di un autore così molteplice non resta che valutare sommariamente l opera, dando un voto in decimi a ciascuno dei suoi libri. Il primo, in ordine di pubblicazione è Io Uccido (Baldini Castoldi Dalai, 2002), da adesso in avanti IU. Per gran parte dei lettori si tratta del libro meglio riuscito fra quelli di Faletti. Giunti in fondo alle 13

14 Pippo Russo 679 (seicentosettantanove!) pagine, il primo commento è: «Se questo è il migliore, non oso pensare cosa siano gli altri». Che dire? Il libro è lungo almeno il triplo, se non più, di quanto necessario per dargli un ritmo compatibile. La storia è improbabile. Tanto quanto il colpevole e i poliziotti che lo braccano in modo maldestro, senza accorgersi di dettagli che una polizia seria e realistica noterebbe in 5 minuti. Per di più, l identità del serial killer viene svelata a pagina 458; nonostante ciò, la storia va avanti ancora per 221 (!) pagine, misura sufficiente per scrivere un altro romanzo. Mentre leggevo quel finale che non finiva mai, e che forse meriterebbe d essere battezzato sfinale perché proprio di sfinimento del lettore si tratta, mi tornava in mente ciò che pensai a proposito di un altro romanzo esageratamente lungo, ma ovviamente non paragonabile per qualità del prodotto e dell autore a IU: L età di mezzo di Joyce Carol Oates. Allora immaginai che l editore avesse messo nel contratto dell autrice la seguente clausola: «Devi scrivermi un romanzo da 600 pagine. Se me lo scrivi da 599 pagine, non ti pago». A ogni modo, il voto per IU è 3. Il secondo romanzo è Niente di vero tranne gli occhi (Baldini Castoldi Dalai, 2004, da adesso in avanti NVTO). Con le sue 496 pagine è un libro meno corposo del precedente, ma come IU dura almeno il triplo di quanto dovrebbe. È in queste pagine che emerge con maggiore insistenza il Faletti solenne. L intreccio è ancora una volta stanco e improbabile. La trovata della donna che riceve un trapianto di cornee, e per questo rivede le immagini e le esperienze vissute dalla persona espiantata, non è nemmeno originale: chi ha visto Quattro mosche di velluto grigio, il terzo film di Dario Argento, lo sa bene. Il voto per questo libro è 2,5. Il terzo libro è Fuori da un evidente destino (Baldini Castoldi Dalai 2006, da ora in poi FED), e con esso si inaugura il filone del mistery. Si tratta di una storia ambientata in Arizona, nella terra abitata dalle tribù Navajo. E Faletti ci tiene a avvisare i lettori che per scriverla si è documentato sulla cultura Navajo. Come specifica nella breve nota in coda al romanzo, egli ha letto ben 3 (tre!) libri sull argomento, più il Conversational Navajo Dictionary di Gareth Wilson. Aggiunge che è stato «in loco», per dire che mica qui si sta a pettinare le bambole! Lui in Arizona c è andato davvero, è uno che si documenta, mica come quelli che orecchiano e riportano facendo credere d avere avuto un esperienza diretta e dettagliata. A questa pretesa di verità risponde in modo arguto 14

15 L'importo della ferita e altre storie e spietato una lettrice, Cristina, che in data 22 settembre 2008 lascia su Internet Bookshop un giudizio sul libro con tanto di voto (il minimo consentito, 1/5) meritevole d essere letto: Sono andata sul sito di Faletti e ho guardato con attenzione le foto del suo viaggio in Arizona e dintorni. Ebbene, non per sfatare un mito, ma, a cominciare dalla foto a cavallo, fa tutto parte di un copione da pacchetto turistico e niente di più (è stata scattata a Monument Valley, al Glen Ford Point, dove un indiano Navajo presta per un paio di dollari il proprio ronzino per una foto ricordo). Visto ciò, come si fa poi ad avere il coraggio di rivendicare un minuzioso approfondimento delle tematiche di cui si parla nel libro? Il mondo è piccolo e globalizzato, caro Giorgio, e non solo i grandi letterati possono permettersi un viaggio in USA di un paio di settimane... Quindi un po più di sana modestia non guasterebbe. Di FED posso dire una cosa positiva: è un rimedio infallibile contro l insonnia. In quelle pagine succede quasi nulla, e quel pochissimo avviene a un ritmo talmente lento da passare inosservato. Se non avessi dovuto passarlo al microscopio l avrei mollato a meno di metà, e io per principio tendo a non mollare la lettura di un libro anche a costo di farmi violenza. Non nego, tuttavia, che lo stato di narcosi provocato a più riprese dalla lettura di quelle pagine possa avermi fatto sfuggire dettagli degni di menzione. Quanto al rapporto fra lunghezza reale e lunghezza opportuna del libro, è presto detta: su 492 pagine, almeno 420 sono di troppo. E a questo punto il voto congruo per quest opera sarebbe 2, se non fosse che essa mostra la Magagna delle Magagne Falettiane. Una roba talmente grossa da meritare il Guinness dei Primati. La illustrerò al paragrafo 1.6. A ogni modo, si tratta di un dettaglio più che sufficiente per far scendere il voto a 0,5. Il quarto libro è un caso a sé. Si tratta di una raccolta di racconti, Pochi inutili nascondigli (Baldini Castoldi Dalai, 2008, da ora in poi PIN). Con questo volume Faletti prosegue lungo il filone del mistero. Inoltre, tornando al motivo della poliedricità dell autore, direi che questo è il libro in cui egli è più vero, quello nelle cui pagine esprime al massimo grado se stesso. E si vede. Risultato? Per giudizio unanime, si tratta del libro peggiore. Per dare un idea, nel 2011 l editore BCD lanciò una collana di best seller in edizione economica, denominata Dieci e lode perché raccoglieva i 10 titoli di maggior successo commerciale della casa editrice. In quella collana vennero ripubblicati tutti i libri di Faletti: i già citati IU e NVTO, più i successivi Io sono Dio e Appunti 15

16 Pippo Russo di un venditore di donne. Tutti tranne PIN. Al momento dell uscita il libro venne presentato come un tentativo dell autore di misurarsi coi grandissimi dei generi mistery e horror. Per intenderci, H. P. Lovercraft, Edgar Allan Poe e, per rimanere alla contemporaneità, Stephen King. Una volta letti quei racconti sembrano scritti, a esser generosi, da Rocco Smitherson reggista de paura, glorioso personaggio interpretato da Corrado Guzzanti a Avanzi, inizio anni Novanta. Voto a PIN: 1. E nel darlo mi torna alla mente una frase di Pasquale Pulvirenti, il mio mitico professore di matematica e fisica al Liceo Classico Empedocle di Agrigento. Un giorno, sul finire del primo quadrimestre, gli chiesi che voto avrebbe dato in pagella a chi aveva risposto sempre «impreparato» al momento dell interrogazione. E presumevo che il voto fosse 2, come è solito in questi casi. Lui rispose invece che avrebbe dato loro 1. «Ma come 1?» chiesi stranito. E lui, stizzito della mia sorpresa: «E gli regalo pure un voto!». Ecco, dando 1 a PIN ho davvero l impressione di regalargli un voto in più di quanto meriti. Col quinto libro si torna al romanzo e al thriller: si tratta di Io sono Dio (Baldini Castoldi Dalai, 2009, da ora in poi ISD). Subito un annotazione positiva: rispetto alla desolazione di PIN il livello si risolleva. E del resto sarebbe stato impossibile fare il contrario. La storia è ancora una volta ambientata negli Usa, con New York come scenario principale. Un reduce dal Vietnam, che porta nel corpo e nell anima i segni dell esperienza bellica, decide di vendicarsi contro il mondo intero. E poiché non gli basta farlo da solo, coinvolge nella vendetta il figlio nato illegittimamente da un rapporto con la figlia di un notabile locale. Questo notabile, come da stereotipo, osteggia la relazione fra i due e è l artefice della partenza del (futuro) killer per il Vietnam. Uno schema già visto in FED. La storia si sviluppa tra i primi anni Settanta e l oggi, con un ritmo che per lentezze quasi eguaglia FED. Certo, rispetto a quest ultimo in ISD si sussegue qualche evento in più. Ma ancora una volta la cadenza è narcotizzante, e l allungamento di brodo raggiunge in certi passaggi il picco dell estenuazione. Superfluo sottolineare che anche stavolta la misura del romanzo è esagerata: su 520 pagine almeno 300 sono di troppo. Ma la cosa più rimarchevole di questo libro è che esso risulta il più incomprensibile della lista. A un certo punto la confusione sull identità dei killer (padre e figlio) diventa quasi inestricabile. Con risultati grotteschi alla lettura. Immaginate di giungere alla fine di un giallo, o thriller che dir si voglia, e di scoprirvi a chiedere: 16

17 L'importo della ferita e altre storie «Ok, ma chi era l assassino?». Vi pare una cosa impossibile? E invece è esattamente ciò che è successo a molti lettori, come ancora una volta testimoniano i giudizi lasciati su Internet Bookshop, qui riportati testualmente senza correggere gli errori di battitura. Inizia Tizigolf il 6 novembre 2010, che sotto il voto 1/5 scrive: no vabbé ma che noia di libro. ma scusate alla fine chi é il figlio???? 500 pagine x non capire neanche come finisce è il colmo Da lì s apre il dibattito sull incomprensibile finale. Tocca a zs, che il 4 marzo 2011 dà voto 1/5 e scrive: proprio non ci siamo... trama scontata e inverosimile... e finale incomprensibile... ho anche provato a rileggere le ultime pagine ma proprio nn ci siamo!!! Si associa felly 66, che pure sul voto è un po più indulgente (2/5). Ecco cosa scrive il 6 settembre 2011: Beh, mi consolo perchè non sono l unica che non ha capito bene il finale!! Peccato perchè, anche se a tratti un po lento, si è lasciato leggere bene e non mancava una certa suspance... Chiude la serie «RobertaMilano», che per di più a accompagnare il voto di 2/5 scrive un giudizio da cui si deduce un suo atteggiamento non pregiudizialmente contrario all autore: Inizio secondo me un pochino lento. Bellissimo e avvincente poi(impossibile non appassionarsi alla storia tra vivien e russell!)ma le ultime 20 pagine.. no comment! finale a sorpresa che non ho ben capito!!! delusione.. concordo con chi chiedeva in altre recensioni indietro «chi è il figlio e se ci sono quindi due copevoli»... io uccidio rimane il migliore! Non mi sembra sia necessario aggiungere dell altro. Voto: 2. Il sesto libro viene pubblicato a strettissimo giro di posta, e ancora una volta è etichettabile come thriller. Si tratta di Appunti di un venditore di donne (BC Dalai, 2010, da adesso in poi AVD). Di tutte le improbabili storie falettiane, a parte i racconti compresi in PIN, è la più improbabile. Ambientata a Milano durante i giorni del sequestro Moro, dunque fra il 16 marzo e il 9 maggio del 1978, essa mescola confusamente terrorismo, malavita milanese, trame di servizi segreti deviati e esponenti politici collusi con la mafia. Una gran macedonia che di per sé potrebbe anche avere un sapore coerente, sapendola amalgamare. Il problema è che i terroristi tratteggiati sono dei brigatisti da operetta, gli ndranghetisti trapiantati al nord sono più fessi di mister Bean, gli 007 infedeli lì dipinti sarebbero incapaci di ordire un blocco del traffico, e i 17

18 Pippo Russo personaggi compromessi con la mafia sembrano di quelli che la mafia l hanno vista soltanto nelle commedie all italiana. Il protagonista è un magnaccia castrato che si ritrova tirato dentro a un complotto nel quale vengono mescolati terrorismo e servizi segreti deviati. Il motivo per cui Francesco Marcona alias Bravo alias Nicola Sangiorgi viene coinvolto è d esilissima credibilità, ma questo è il meno. A non reggere sono i personaggi dei brigatisti, soprattutto quello di Carla: che a sua volta è un agente del Sisde infiltrato nelle BR, capace di tradire e uccidere chiunque tranne Francesco-Bravo-Nicola senza che se ne capisca il perché. Tutta la storia ha un impianto debolissimo, e tuttavia nella parte centrale mantiene quantomeno un ritmo accettabile, abbastanza da far pensare che la scrittura falettiana possa far segnare una leggera tendenza al rialzo e riapprossimarsi a quel 3 di IU che rimane il massimo di valutazione. Dunque, per gran parte dello svolgimento di AVD il Faletti da scuola Holden pone quantomeno le condizioni per portare a casa la pagnotta. Ma poi, purtroppo, nel finale interviene il Faletti solenne col suo infallibile fiuto per i colpi di scena improbabili. Lì viene piazzato l ennesimo disvelamento d identità, come già era avvenuto in quasi tutti i precedenti romanzi. Così è in IU, riguardo all assassino. Idem in ISD, dove addirittura le identità cambiate sono due, quelle del padre e del figlio assassini. In AVD si scopre che il magnaccia evirato è in realtà figlio di un senatore democristiano vicino alla mafia. E ancora non è tutto. C è da aggiungere che a evirare Marcona-Bravo-Sangiorgi sono stati dei picciotti di mafia, per punire la storia d amore fra lui e la pupa di un boss, e che il padre era consapevole di quanto stava per accadere al figlio ma aveva lasciato fare per non sacrificare la propria scalata politica. Ancora una volta, tutto molto credibile. Plausibile soprattutto che Marcona-Bravo-Sangiorgi ottenga in pochi giorni la possibilità di espatriare e rifarsi una vita nonostante si trovi al centro di cotanto casino. Per dare un idea di quanto sia breve il lasso temporale, la vicenda inizia quando Aldo Moro è già stato rapito (dunque, dopo il 16 marzo) e si conclude, con l espatrio del personaggio uno e trino, quando ancora l ex segretario della DC non è stato ammazzato dalle BR (dunque, prima del 9 maggio). In così poco tempo, pur trovandosi nel mezzo di un intrigo da far saltare in aria il paese, e per di più con la tensione sociale e politica al diapason per il perdurare della prigionia di Moro, Marcona-Bravo-Sangiorgi si sgrava di tutte le accuse, prende il malloppo e espatria col beneplacito dei servizi segreti. Giudicate voi quanto possa reggere un intreccio del genere. Voto: 1,5. 18

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO STRUMENTI BOMPIANI 2009 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano I edizione Strumenti Bompiani maggio 2009 ISBN 978-88-452-5929-6 INDICE

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER!

IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER! IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 AL COMPUTER, AL COMPUTER! S T R U M EN T O E 7 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER! Atto I, scena I: La terra promessa (ovvero le

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Anna e Alex alle prese con i falsari

Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato: insieme, ne hanno viste delle belle. Sono proprio due

Dettagli

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/ Salve a tutti è un po che vedo e leggo su internet discussioni infinite sulla RR e sul paradosso dei gemelli, ma alla fine si gira sempre intorno al problema senza mai risolverlo e capirlo. Io non sono

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Regole di buona scrittura

Regole di buona scrittura Regole di buona scrittura Cosa serve sapere prima di scrivere Questo documento non è completo né esaustivo riguardo i temi trattati e non contiene delle regole definitive ma solo dei punti cardine da cui

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Fare l editore una professione da non improvvisare. Parola di un editor cattiva.

Fare l editore una professione da non improvvisare. Parola di un editor cattiva. Fare l editore una professione da non improvvisare. Parola di un editor cattiva. N on sarò un esperta del settore, ma nel corsivo di Livia Belardelli sulla cosiddetta editoria a pagamento apparso su Liberal

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima)

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) Indice Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11 FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) FAVOLA 2 La rana Susanna 29 (La paura del giudizio degli altri) FAVOLA 3 Il cavallo Riccardo 41 (Il dover essere

Dettagli

Di solito è così. Questa volta no. Ho cominciato a leggere questo libro perché dovevo comprare un frullatore. Su Amazon. Steinway to heaven

Di solito è così. Questa volta no. Ho cominciato a leggere questo libro perché dovevo comprare un frullatore. Su Amazon. Steinway to heaven Oggi gli autori riescono a pubblicarsi da soli. E, a volte, è davvero un successo. Come accade a Luca Rossi con le sue opere. Lui davvero ha costruito la sua scala per il paradiso (narrativo) Ho voglia

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Le attività Fragile (l ombra che resta)

Le attività Fragile (l ombra che resta) Introduzione all uso (per gli studenti) Cari studenti e studentesse di italiano, questo Cdlibro è uno strumento con il quale speriamo di farvi apprezzare lo studio della lingua, di aspetti della cultura

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Riassunto secondo focus (lettori forti)

Riassunto secondo focus (lettori forti) Riassunto secondo focus (lettori forti) Il focus group si è svolto sabato 8 maggio tra le 10.00 e le 11.30, avendo come partecipanti dei lettori forti, vale a dire, persone che leggono più di 20 libri

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci

LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO La buona notizia di oggi è sulla scuola. Gli studenti che quest'anno sono entrati in classe sono 7milioni e 806 mila. La scuola è obbligatoria

Dettagli

LE PAROLE CHE AIUTANO A RITROVARSI

LE PAROLE CHE AIUTANO A RITROVARSI LE PAROLE CHE AIUTANO A RITROVARSI Fare un giornale di strada a cura di Giorgio Bombieri LADRI DI BICICLETTE Ladri di Biciclette (LdB) nasce a Venezia come newsletter per persone tossicodipendenti, nel

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada NOME... COGNOME... CLASSE... DATA... Dal lato della strada 5 10 15 20 25 30 35 40 Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava

Dettagli

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La splendida storia d amore di Ferruccio e Fabiola, due coniugi brindisini, ha fatto commuovere tutta l Italia. Ieri sera, i due sono stati

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli