Studio di funzioni ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio di funzioni ( )"

Transcript

1 Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente eventuali massimi o minimi assoluti.. f() = 4 3. f() = ( ) 3. f() = e 4. f() = e 5. f() = e 6. f() = ln()

2 Soluzioni. Per prima cosa determiniamo il dominio della funzione. Poiché abbiamo a che fare esclusivamente con somme di funzioni potenza (non c è pericolo che si divida per zero o che si stia facendo il logaritmo di un numero minore o uguale a zero, o la radice quadrata di un numero negativo, ecc.), evidentemente il dominio della funzione è (-, ). Il secondo passo è determinare (se, a seconda dei calcoli, questo è possibile) gli intervalli in cui f() > e, quindi, gli intervalli dove la funzione è negativa. La funzione f() risulta positiva se e solo se 4 3 >, cioè, mettendo in evidenza 3, 3 ( ) > Quindi la funzione è positiva quando il prodotto delle due quantità 3 e è positivo, cioè quando questi due fattori hanno lo stesso segno (ricorda che per è, e per è ). Studiamo dunque separatamente il segno dei due fattori 3 e. Si noti che 3 = e quindi (essendo sempre maggiore o uguale a ) 3 > se e solo se >. Invece l altro fattore,, è maggiore di se e solo se >. Per confrontare i segni dei due fattori, rappresentiamo graficamente la situazione: 3 > > Dal confronto dei segni dei due fattori, segue che il loro prodotto è positivo per < oppure per >. Quindi f() > negli intervalli (, ) e (, ). Riportiamo, per nostra convenienza, sia il dominio sia la positività della funzione, su due linee, una sotto l altra: D: f()>: Può essere comodo avere a disposizione qualche punto che appartiene al grafico della funzione. Tali punti possono essere ottenuti, per esempio, trovando le intersezioni con gli assi. Le intersezioni con l asse (y = ) sono tutti i punti le cui ascisse soddisfano l equazione 4 3 = cioè = e =. Quindi i punti di coordinate (,) e (,) appartengono al grafico della funzione. Per ottenere le intersezioni con l asse y, dobbiamo invece sostituire = a y = 4 3. Si ottiene che necessariamente = e quindi l unica intersezione con l asse y è il punto (,), punto che avevamo già trovato. Procediamo nel nostro studio calcolando i limiti della funzione negli estremi del dominio, anche al fine di trovare eventuali asintoti orizzontali e verticali. Dato che D = f lim f. Si ha che: (, ), dobbiamo calcolare lim ( ) e ( ) Prescinderemo, sia per ragioni di tempo che per coerenza con i libri di testo consigliati, dalla ricerca di eventuali asintoti obliqui.

3 ( ) ( ) = 4 3 = 4 lim f lim lim = dato che / tende a. Per che tende a - non vi è invece alcuna forma indeterminata e concludiamo direttamente che lim f 4 3 ( ) = lim ( ) = Non vi è quindi alcun asintoto orizzontale (e nemmeno verticale, chiaramente), ma in ogni caso il risultato dei limiti ci dice che per valori di (positivi o negativi) via via sempre più grandi in valore assoluto la funzione tende ad assumere valori positivi via via sempre più grandi. Ciò è in accordo anche con lo studio della positività della funzione (che, appunto, risultava positiva agli estremi del dominio). A questo punto calcoliamo la derivata della funzione e ottenendo che f () = Al fine di determinare gli intervalli dove la funzione è crescente o decrescente e quindi gli eventuali punti di massimo, minimo o flesso a tangente orizzontale, studiamo la disequazione f () >, cioè ( 3) >. 3 Tale disequazione è verificata per >. Rappresentiamo graficamente la situazione evidenziando con delle frecce le zone dove la funzione è crescente o decrescente: 3 f () > : Pertanto la funzione è decrescente nell intervallo, e crescente in,. Nei 3 3 punti = e = la derivata si annulla: f ( ) =, f =. Dato che la funzione è decrescente sia a sinistra che a destra di =, si ha che = è un punto di flesso a tangente orizzontale. Tale flesso ha quindi coordinate (,f()) = (,). Invece, come si vede chiaramente anche dalla rappresentazione grafica in alto, = 3 è un punto di minimo relativo. In tale punto la funzione vale f = = =, cioè circa,69. Quindi il minimo m ha coordinate,

4 Man mano che acquisiamo tutte queste informazioni, è bene cominciare a rappresentarle nella bozza di grafico (quindi, per esempio, si possono segnare le intersezioni con gli assi, il massimo relativo, il flesso a tangente orizzontale, ecc.). Concludiamo con lo studio del segno della derivata seconda, al fine di determinare gli intervalli dove la concavità della funzione è rivolta verso l alto o verso il basso, ed eventuali altri punti di flesso. Effettuiamo quindi la derivata di f () = 4 3 6, ottenendo f () = = ( ). Studiamo dunque la disequazione f () >. Si tratta di una disequazione di secondo grado, che è verificata negli intervalli esterni rispetto ai valori = e = f ()>: Pertanto la funzione ha la concavità rivolta verso l alto negli intervalli (, ) e (, ), mentre ha la concavità rivolta verso il basso nell intervallo (,). Rappresentiamo questo graficamente con degli archetti. Nei punti = e = la concavità subisce un cambiamento e la derivata seconda si annulla, cioè f () = e f () =. Concludiamo quindi che = e = sono punti di flesso. Notiamo peraltro che il flesso in = era stato già determinato precedentemente, con lo studio della crescenza / decrescenza della funzione; concentriamoci quindi sul secondo punto di flesso, quello in =. In tale punto la funzione assume valore f() = 4 3 =. Quindi, oltre al flesso F (,), già trovato prima, abbiamo trovato anche il flesso F (, ). In tali punti, lo ricordiamo, la concavità della funzione cambia. A questo punto cerchiamo di tirare le somme su tutte le informazioni sin qui ottenute e abbozziamo uno schizzo di grafico. Può anche essere utile dare alla valori arbitrari e ottenere i corrispondenti valori di y = 4 3, onde ottenere ulteriori punti per i quali il grafico passa. Nel cominciare a disegnare si può per esempio partire a sinistra del foglio, cioè quando tende a -. Qui abbiamo visto che la funzione tendeva a, quindi dobbiamo cominciare a disegnare dall angolo superiore sinistro del foglio. Sappiamo che la funzione è decrescente fino a = 3/ e che ha la concavità verso l alto fino a = (punto di flesso a tangente verticale), e quindi con la penna scendiamo sino a =, dove la funzione vale (informazione che avevamo ottenuto quando abbiamo trovato le intersezioni con gli assi). In = la concavità cambia ma la funzione rimane decrescente. La concavità cambia nuovamente nell altro flesso F (, ). La funzione rimane decrescente fino al minimo m 3 7,. Dopo tale minimo, la funzione sale intersecando l asse delle in = e, 6 mantenendo la concavità rivolta verso l alto, tende a man mano che tende a. Il disegno così ottenuto dovrebbe essere simile a quello in basso:

5 F F m Infine, quanto ai massimi e minimi assoluti, notiamo che la funzione non ha massimi 3 7 assoluti (infatti tende a ), mentre l unico minimo relativo m, è anche minimo 6 assoluto: come ben si vede dal grafico, tale punto è il punto di ordinata più bassa di tutto il grafico.

6 . La funzione f() = è quella funzione che ad un numero associa il numero ( ) diviso per ( ). Poiché, come è noto, è vietato dividere per zero (!), dobbiamo assicurarci, appunto, di non dividere per zero e quindi dobbiamo imporre che ( ), cioè, cioè. Quindi il dominio D è costituito da tutta la retta reale con l esclusione del punto. Quindi, D = (, ) (, ). Intersezione con gli assi. Cominciamo con l intersezione con l asse delle (cioè la retta di equazione y = ). Dobbiamo risolvere il sistema y y = = ( ) Otteniamo quindi che ( ) =, che è verificata se e solo se il numeratore si annulla (e, naturalmente, il denominatore è diverso da ), cioè quando =. Quindi il grafico della funzione interseca l asse unicamente nel punto (,). Per quanto riguarda le intersezioni con l asse delle y (cioè la retta di equazione = ), risolviamo il sistema y = = ( ) che, sostituendo = nella prima equazione, ci dà anche in questo caso come unica soluzione il punto (,). Per studiare la positività della funzione f() =, dobbiamo studiare il segno di ( ) numeratore e denominatore. Il numeratore è evidentemente positivo se >, mentre il denominatore, essendo il quadrato di qualcosa, è sempre positivo tranne quando è, cioè quando = : > : ( ) > : Poiché stiamo cercando i valori della variabile per i quali f() >, dobbiamo prendere in considerazione le zone (contrassegnate con il ) dove numeratore e denominatore hanno lo stesso segno (cosicché, appunto, il risultato della divisione avrà segno positivo). Quindi la funzione sarà positiva (cioè il suo grafico giace al di sopra dell asse delle ) per >. Rappresentiamo nella figura in basso il dominio e la positività della funzione sulla retta reale: D: f() > :

7 Con le freccette blu abbiamo indicato graficamente tutti i limiti che dobbiamo calcolare, in corrispondenza degli estremi del dominio. In totale 4: a e, e poi a da sinistra e da destra. lim = ( ) Si tratta di una forma indeterminata che si può risolvere applicando il teorema de l Hôpital: lim = lim =, ( ) poiché il numeratore è un numero, mentre il denominatore tende, nel suo complesso, a. Analogamente, nello stesso modo, si vede che lim = lim =. ( ) Dunque la funzione ammette un asintoto orizzontale: la retta y =. Inoltre, lim ( ) = in quanto il numeratore tende a (da sinistra), quindi è un numero negativo, mentre il denominatore è un numero comunque positivo (è il quadrato di ) che tende a. Si noti che tale risultato è coerente con lo studio della positività di f(), dato che la funzione risulta negativa a sinistra di. Ragionando allo stesso modo si ha che lim ( ) =. La retta = è un asintoto verticale. Il grafico provvisorio della funzione è quindi il seguente, tenendo conto delle informazioni che finora abbiamo trovato: dominio, positività, intersezioni con gli assi, asintoti orizzontali e verticali. y -

8 Calcoliamo ora la derivata della funzione. ( ) ( ) ( ) ( ) 4 ( )( ) = ( ) 4 ( ) 3 f = =. Studiamo quando f ( ) >. Studiamo quindi il segno di numeratore e denominatore. Per quanto riguarda il numeratore, si noti che > se <, cioè <. Invece, riguardo al denominatore, si ha che ( ) 3 = ( ) ( ) > se e solo se >, cioè >. Riassumendo > : ( ) 3 > : Quindi si ha che f ( ) > se e solo se < <. Rappresentiamo graficamente il segno della derivata sotto il dominio: D: f () > : Se ne deduce che la funzione è decrescente nell intervallo (, ), crescente nell intervallo (,) e di nuovo decrescente in (, ). Il punto di ascissa = risulta essere un punto di massimo relativo. Erroneamente si potrebbe concludere che il punto di ascissa = sia un punto di minimo relativo. Tuttavia = non appartiene al dominio e quindi non ha nemmeno senso chiederci se tale valore sia un punto di minimo, perché in tale punto la funzione non è proprio definita. Calcolando il valore della funzione nel punto di ascissa, si ottiene quindi il massimo M,. 4 Infine, per studiare la concavità della funzione, dobbiamo provare a calcolare la derivata seconda, sperando che i calcoli non siano troppo complicati. Si ha che f ( ) = ( ) 3 = 3 ( ) ( ) 3( ) ( ) 6 = ( ) 3( ) ( ) 4 = ( ) ( ) 4. Se ne conclude che f () > se e solo se > cioè se e solo se >. Rappresentiamo graficamente il segno della derivata seconda sotto il dominio. D: f () > :

9 Quindi il grafico della funzione rivolge la concavità verso il basso nell intervallo (,), verso l alto nell intervallo (, ). Il punto di ascissa =, dove la concavità cambia e la derivata seconda si annulla, è un flesso. Calcoliamo, al fine di rappresentarlo nel grafico, il valore della funzione in questo punto: si ha che f() = /9. Quindi il flesso è il punto F,. 9 Ora abbiamo tutte le informazioni per tracciare il grafico della funzione: M F e 3. Per determinare il dominio di f() = dobbiamo innanzitutto capire quali sono le funzioni coinvolte. Esse sono: la funzione esponenziale, che è definita su tutto R, e la funzione che prende un numero e restituisce /. Quest ultima operazione di divisione di per è consentita purché sia diverso da zero (è severamente vietato dividere per zero!). Quindi il dominio della funzione è dato da tutti i numeri reali eccetto : D = (,) (, ). Quanto al segno della funzione, si noti che la funzione risulta essere sempre strettamente positiva, in quanto f() è sempre l esponenziale di qualcosa (precisamente di /) e come tale è sempre positivo per qualsiasi valore di. Rappresentiamo come al solito graficamente, sulla retta reale, il dominio e la positività della funzione: D: f() > :

10 Troviamo le intersezioni con gli assi. Non vi è alcuna intersezione con l asse y dal momento che il valore = è fuori dal dominio. D altra parte le eventuali intersezioni con l asse sono date dalle soluzioni del sistema y y = e = che è equivalente all equazione e =. Ma tale equazione non ha alcuna soluzione, in quanto la funzione esponenziale è sempre strettamente positiva. Concludiamo che la nostra funzione non ha alcuna intersezione né con l asse né con l asse y. Passiamo quindi a studiare il comportamento della funzione agli estremi del dominio. Dobbiamo calcolare 4 limiti, uno per ciascuna delle freccette azzurre disegnate in alto. Si ha che: lim e =, in quanto / per che tende a. Per lo stesso motivo si ha anche che lim e =. Vi è quindi un asintoto orizzontale, e precisamente la retta di equazione y =. Inoltre, poiché quando lim e la funzione = e e quindi, a sua volta,. Pertanto la retta = è un asintoto verticale (destro), cioè il grafico della funzione si avvicinerà sempre più alla retta = fino quasi ad apporgiarvisi dal lato destro. Invece dal momento che quando lim e = la funzione e quindi e (tieni a mente il grafico della funzione esponenziale). Ci aspettiamo quindi che la funzione quando si avvicina a da sinistra sia molto vicina al valore ; in altre parole il grafico della funzione sfiora l origine (,). Di ciò dobbiamo tenere conto quando disegneremo il grafico. Passiamo ora al calcolo della derivata, in modo da studiare la crescenza e decrescenza della funzione. Si ha che f e ( ) = e ( ) = e ( ) =.

11 e Di conseguenza, f () > se e solo se >, che è equivalente a risolvere e <. Si noti che tale disequazione non è mai verificata. Infatti il numeratore è sempre positivo (lo abbiamo visto prima, l esponenziale di qualcosa è sempre un numero positivo) ed anche il denominatore è sempre positivo tranne che in (punto che però è escluso dal e dominio). Quindi è il rapporto tra due numeri positivi e quindi è a sua volta un numero positivo. Graficamente quindi il segno della derivata è rappresentato da una linea continua in cui non vi alcun tratto calcato : f () > : La funzione quindi risulta essere sempre decrescente, in tutti i punti del suo dominio. Dato che l espressione della derivata non appare particolarmente complicata, proviamo a calcolare la derivata seconda: e e e e ( ) f = = =. 4 4 Di conseguenza f ( ) > se e solo se >, cioè se e solo se > : D: / f ( ) > : Pertanto il grafico della funzione ha la concavità rivolta verso il basso nell intervallo, e verso l alto in, e (, ) (chiaramente abbiamo escluso il valore = in quanto non appartiene al dominio). Nel punto di ascissa = la concavità cambia e la derivata seconda si annulla esso è quindi un punto di flesso. L ordinata è pari a f = e =. Quindi la funzione ammette il flesso F,. e e

12 Abbiamo quindi tutte le informazioni per disegnare il grafico della funzione, che è approssimativamente il seguente: F 4. Il dominio della funzione f() = e è evidentemente tutta la retta reale, dal momento che la funzione esponenziale è definita su tutto R, come pure la funzione y =. D: Gli intervalli dove la funzione è positiva si trovano risolvendo la disequazione e >. Per risolverla dobbiamo studiare separatamente il segno di ciascuno dei due fattori, ed e, e poi confrontare il loro segno tenendo conto della ben nota regola dei segni (una quantità positiva moltiplicata per una negativa dà una quantità negativa, una positiva per una positiva dà una quantità positiva, ecc.). > e > Dato che stiamo cercando le zone dove la quantità e è positiva, dobbiamo prendere in considerazione gli intervalli contrassegnati dal. In definitiva e > per appartenente all intervallo (, ). D: f() > :

13 Procediamo a determinare le intersezioni con gli assi cartesiani. Le intersezioni con l asse sono tutte le soluzioni dell equazione e =. Si noti che tale equazione ammette l unica soluzione = dal momento che l altro fattore, e, è una quantità sempre strettamente diversa da zero (positiva, per la precisione). Quindi l origine O(,) è l unica intersezione della funzione con l asse. Le intersezioni con l asse y sono date dai punti di ascissa e ordinata y = e =. In definitiva anche in questo caso l unica intersezione trovata è l origine. Possiamo ora cominciare a studiare il comportamento della funzione agli estremi del dominio, cioè a e. D: lim e =, poiché sia la funzione y = che y = e tendono a quando. Invece lim e =. La ragione di questo risultato è la seguente. Quando la funzione y = tende a, mentre la funzione y = e tende a. Abbiamo quindi una forma indeterminata del tipo. Tuttavia è sufficiente notare che e tende a più rapidamente di quanto tenda a in pratica tra le due funzioni ( ed e ) quella che vince è e. Un modo più classico di risoluzione può essere quello di utilizzare la regola de l Hôpital. Come noto, il teorema di de l Hôpital si può però utilizzare solo per risolvere le forme indeterminate / oppure /. Di conseguenza riscriviamo il nostro limite in questo modo e lim e = lim. Abbiamo così trasformato la forma indeterminata in una forma indeterminata. Ora sì che possiamo applicare la regola di de l Hôpital! Si ha: ( ) lim e = lim = lim = lim =. ( ) e e e L ultimo passaggio si spiega col fatto che il numeratore è un numero (il numero ), mentre il denominatore è una quantità che tende a per. Pertanto vi è un asintoto orizzontale, la retta y =. Calcoliamo la derivata: ( ) = e e = e ( ) f. Non dovresti avere difficoltà a concludere che f () > se e solo se >. f ( ) > :

14 Pertanto la funzione è decrescente nell intervallo (, ) e crescente in (, ), e in vi è un minimo. Dato che f( ) = e = /e, il minimo m avrà coordinate (, /e). Procediamo con il calcolo della derivata seconda, dato che i calcoli appaiono piuttosto agevoli: f = e ( ) e = e. ( ) ( ) Di conseguenza f () > se e solo se >, cioè se e solo se > : f ( ) > : Otteniamo dunque un altra informazione e cioè che il grafico della funzione avrà la concavità rivolta verso il basso nell intervallo (, ) e verso l altro in (, ). In abbiamo un flesso. Per trovarne l ordinata calcoliamo f( ) = e =. Quindi il nostro e flesso sarà il punto F,, che ci segniamo sugli assi cartesiani. e Abbiamo dunque tutti gli strumenti per disegnare uno schizzo del grafico, che è rappresentato dalla figura in basso: F m

15 5. Esattamente come nell esercizio precedente, anche in questo caso il dominio (o campo di esistenza) della funzione f() = e è tutta la retta reale. Inoltre la funzione risulta essere sempre non-negativa, in quanto essa è il prodotto di una quantità sempre non negativa ( ) con una sempre strettamente positiva (e ). L unica intersezione del grafico della funzione tanto con l asse quanto con l asse y è data dall origine O(,). D: f() > : Passiamo a studiare il comportamento della funzione agli estremi del dominio, al fine di trovare eventuali asintoti. Cominciamo con : lim e = dal momento che entrambi i fattori, ed e, tendono a quando tende a. Inoltre lim e =. Infatti, anche in questo caso vi è una forma indeterminata del tipo, che può essere risolta esattamente come nell esercizio precedente, cioè utilizzando la regola di de l Hôpital oppure osservando che, quando, e tende a più velocemente di quanto tenda a. Il tutto ti viene lasciato come utile esercizio. Quindi la retta y = è un asintoto orizzontale. Calcoliamo ora la derivata: ( ) e. f ( ) = e e = Dato che e è una quantità sempre positiva, abbiamo che f () > se e solo se >. Tale disequazione è verificata per valori esterni a e. Quindi, ricapitolando, f () > quando < oppure > : f ( ) > : Pertanto la funzione risulta essere crescente negli intervalli (, ) e (, ), e decrescente nell intervallo (, ). In = vi sarà un minimo relativo, mentre in = un massimo relativo. Dato che f() = e f( ) = ( ) e = 4/e, il minimo sarà dato dal punto m(,), cioè l origine degli assi, mentre il massimo dal punto M(,4/e ). Può essere utile già disegnare questi due punti su un sistema di assi cartesiani. Infine, la derivata seconda è data da f ( ) = ( ) e ( ) e = ( 4 ) e

16 e quindi f ( ) > se e solo se 4 >. Risolviamo quest ultima disequazione. Le soluzioni dell equazione di secondo grado associata sono 4 ± ± 8 = = = ±, cioè =, 59 e = 3, 4. La disequazione è soddisfatta per valori della esterni rispetto ad e : f ( ) > : Pertanto la funzione ammette flessi: F nel punto di ascissa =, 59, per il quale l ordinata vale f( ),9, e F nel punto di ascissa = 3, 4, per il quale l ordinata vale f( ),38. Tenuto conto di tutte le informazioni raccolte, il grafico della funzione è approssimativamente del tipo di quello disegnato nella figura in basso F M F m

17 6. La funzione f() = ln() è definita dove è definita la funzione logaritmo. Cioè dobbiamo imporre che >. Il dominio è dunque D = (, ). Riguardo alle intersezioni con gli assi, ha senso solo trovare quella con l asse, perché quella con l asse y ci condurrebbe ad imporre =, valore non appartenente al dominio. Le eventuali intersezioni con l asse sono date dalle soluzioni del sistema y y = ln( ) = vale a dire dalle soluzioni dell equazione ln() =. Tale equazione è soddisfatta se e solo se = oppure ln() =. Le intersezioni quindi sono date da = e =. Passiamo a studiare la positività / negatività della funzione, cioè trovare gli intervalli dove la funzione è positiva e quelli dove è negativa. Dobbiamo sostanzialmente risolvere la disequazione ln() >. Studiamo quindi ciascuno dei due fattori, e ln(). Infatti la disequazione sarà soddisfatta per quei valori della per i quali i due fattori e ln() hanno segno concorde. Tenuto conto che ln() > equivale a chiedere che ln() > ln(), e quindi (dato che ln è una funzione strettamente crescente!) >, possiamo schematizzare il tutto nel modo seguente: > ln() > Siccome stiamo risolvendo la disequazione ln() >, cioè stiamo cercando i valori di per i quali il prodotto di e di ln() è positivo, dobbiamo scegliere le zone contrassegnate dal simbolo, che corrispondono proprio agli intervalli in cui e ln() hanno segno concorde. Si noti però che i valori a sinistra di non appartengono al dominio e quindi vanno esclusi. In conclusione, la funzione è positiva per >. In basso abbiamo rappresentato schematicamente il dominio e la positività della funzione: D: f() > : Studiamo ora il comportamento agli estremi del dominio, cioè, in questo caso, a (da destra) e. Intanto si ha subito che lim ln( ) = dal momento che sia che ln() tendono a quando. Quando invece, il limite lim ln( )

18 dà luogo ad una forma indeterminata ( ). Trasformiamo tale forma indeterminata in una del tipo /, in modo da poter utilizzare la regola de l Hôpital. È sufficiente scrivere il limite in modo leggermente diverso: ln ( ln ) lim ln( ) = lim = lim = lim = lim =. Quindi non ci sono asintoti orizzontali o verticali, ma la funzione in sfiora il valore. Cioè pur essendo l origine degli assi un punto non appartenente al grafico della funzione (perché non appartiene al dominio), nelle sue immediate vicinanze la funzione tende a sfiorarlo. Il calcolo della derivata mostra che f ( ) = ln( ) = ln( ). Pertanto f () > se e solo se ln() >, cioè se e solo se ln( ) e > e, cioè > : e D: f () > : /e Quindi la funzione è decrescente in (, /e) e crescente in (, ). In = /e,37 vi è un punto di minimo relativo, la cui ordinata è data da f = ln =, 37 e e e e. In questo caso anche la derivata seconda è molto semplice ed è data semplicemente da f ( ) = ( ln( ) ) =. Pertanto f () > se e solo se >. Questo risultato, tenendo conto che il dominio è (, ), ci dice che il grafico della funzione ha la concavità sempre rivolta verso l alto: Il grafico della funzione è rappresentato nella figura in basso. D: f () > :

19 m

SOLUZIONI D = (-1,+ ).

SOLUZIONI D = (-1,+ ). SOLUZIONI. Data la funzione f() ( ) ln( ) a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli intervalli in cui f() risulta positiva e quelli in cui risulta negativa c) determina le eventuali intersezioni

Dettagli

Anno 4 Grafico di funzione

Anno 4 Grafico di funzione Anno 4 Grafico di funzione Introduzione In questa lezione impareremo a disegnare il grafico di una funzione reale. Per fare ciò è necessario studiare alcune caratteristiche salienti della funzione che

Dettagli

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali.

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali. 1 y 4 CAMPO DI ESISTENZA. Poiché data è una irrazionale con indice di radice pari, il cui radicando è un polinomio, essa risulta definita solo per i valori della per i quali il radicando è positivo, ovvero

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = log a (x) si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = log a (x) si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y INTRODUZIONE Osserviamo, in primo luogo, che le funzioni logaritmiche sono della forma y = log a () con a costante positiva diversa da (il caso a = è banale per cui non sarà oggetto del nostro studio).

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

3. Quale affermazione è falsa?

3. Quale affermazione è falsa? 1. Quale affermazione è falsa? Se la funzione f) è continua e monotona crescente su R e se f) = 1 e f4) =, allora ha un unico zero nell intervallo, 4) f) non si annulla mai in R f ) > nell intervallo,

Dettagli

Studio di una funzione. Schema esemplificativo

Studio di una funzione. Schema esemplificativo Studio di una funzione Schema esemplificativo Generalità Studiare una funzione significa determinarne le proprietà ovvero Il dominio. Il segno. Gli intervalli in cui cresce o decresce. Minimi e massimi

Dettagli

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10 FUNZIONE OMOGRAFICA ASINTOTO VERTICALE: ASINTOTO ORIZZONTALE: 1 abbiamo verificato che, applicando all iperbole equilatera base, la dilatazione verticale di coefficiente 7 e la traslazione di vettore di

Dettagli

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R Studio di funzione Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R : allo scopo di determinarne le caratteristiche principali.

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1.

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1. NOME:... MATRICOLA:.... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 007/008 Analisi Matematica, Esame scritto del 08.0.008 Indicare per quali R vale la seguente diseguaglianza : + >. Se y - - è il grafico

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

7 - Esercitazione sulle derivate

7 - Esercitazione sulle derivate 7 - Esercitazione sulle derivate Luigi Starace gennaio 0 Indice Dimostrare il teorema 5.5.3.a................................................b............................................... Dimostrazioni.a

Dettagli

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ANALISI MATEMATICA I - A.A. 0/0 FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ESERCIZIO. Data la funzione f () = determinare l insieme f (( +)). Svolgimento. Poiché f (( +)) = { dom f : f () ( +)} = { dom f : f () > } si

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

G6. Studio di funzione

G6. Studio di funzione G6 Studio di funzione G6 Come tracciare il grafico di una funzione data Nei capitoli precedenti si sono svolti tutti gli argomenti necessari per tracciare il grafico di una funzione In questo capitolo

Dettagli

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno),

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno), 6 - Grafici di funzioni Soluzioni Esercizio. Studiare il grafico della funzione f(x) = x x + 3. ) La funzione è definita per x 3. ) La funzione non è né pari, né dispari, né periodica. 3) La funzione è

Dettagli

Esercizi di Matematica. Funzioni e loro proprietà

Esercizi di Matematica. Funzioni e loro proprietà www.pappalardovincenzo.3.it Esercizi di Matematica Funzioni e loro proprietà www.pappalardovincenzo.3.it ESERCIZIO www.pappalardovincenzo.3.it ESERCIZIO ESERCIZIO www.pappalardovincenzo.3.it ESERCIZIO

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

UNO STUDIO DI FUNZIONE CON DERIVE a cura del prof. Guida. 4 x

UNO STUDIO DI FUNZIONE CON DERIVE a cura del prof. Guida. 4 x UNO STUDIO DI FUNZIONE CON DERIVE a cura del prof. Guida Con questa guida si vuol proporre un esempio di studio di funzione con Derive. La versione che ho utilizzato per questo studio è la 6.0. Consideriamo

Dettagli

Esercizi sullo studio completo di una funzione

Esercizi sullo studio completo di una funzione Esercizi sullo studio completo di una funzione. Disegnare il grafico delle funzioni date, utilizzando ogni informazione utile che si può ricavare dalla funzione e dalle sue derivate prima e seconda. a.

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x)

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x) Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f() 1 Ecco i passi utili allo studio di una funzione reale: Determinare il dominio della funzione Ricercare l eventuale intersezione

Dettagli

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3.

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3. 7 LEZIONE 7 Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2 2 6x, x3 +2x 2 6x, 3x + x2 2, x3 +2x +3. Le derivate sono rispettivamente,

Dettagli

Liceo linguistico Trento Classi quarte vecchio ordinamento Studio di funzioni (prima parte) Visita il sito: www.raimondovaleri.it

Liceo linguistico Trento Classi quarte vecchio ordinamento Studio di funzioni (prima parte) Visita il sito: www.raimondovaleri.it Liceo linguistico Trento Classi quarte vecchio ordinamento Studio di funzioni (prima parte) Visita il sito: www.raimondovaleri.it Esempio 1 y= f (x)= x 1 x 2 9 a Dominio: D= R { 3,3} Il denominatore deve

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI MATEMATICA PER LA CLASSE QUINTA T.G.A. (5^B) E LA CLASSE QUINTA T.I.T. (5^C) a.s. 2003/2004 a cura di prof.ssa Mina Maria Letizia

APPUNTI DI ANALISI MATEMATICA PER LA CLASSE QUINTA T.G.A. (5^B) E LA CLASSE QUINTA T.I.T. (5^C) a.s. 2003/2004 a cura di prof.ssa Mina Maria Letizia \ I[ è la scrittura matematica che esprime un legame tra la variabile y e la variabile x; tale legame consiste in una serie di operazioni da eseguirsi su x per ottenere y (f indica l insieme delle operazioni

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi 1. Studio del grafico di una funzione: esercizi Esercizio 1.6. Studiare ciascuna delle seguenti funzioni in base allo schema di pagina 194, eseguendo anche il computo della derivata seconda e lo studio

Dettagli

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R?

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R? PROVA N 1 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(). Studiare la funzione f()= 8+ 7 9 (Sono esclusi i flessi) 3. Data la funzione f()= 1 6 3 - +5-6

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO DOCENTE: Laura Marchetto CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 RIPASSO ARGOMENTI PROPEDEUTICI L insieme dei numeri razionali. Equazioni di primo e di secondo grado Sistemi di disequazioni di primo grado Equazione

Dettagli

DOMINIO = R INTERSEZIONI CON ASSI

DOMINIO = R INTERSEZIONI CON ASSI STUDIO DELLA FUNZIONE CUBICA a cura di Maria Teresa Bianchi La funzione è razionale intera ed è espressa in forma normale da: #1: y = a x + b x + c x + d I coefficienti del polinomio di grado a secondo

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 01 1. Determiniamo l espressione analitica di g() dividendo il suo dominio in intervalli. La circonferenza di diametro AO ha equazione (+) + = + + = 0

Dettagli

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra Funzioni Parte prima Daniele Serra Nota: questi appunti non sostituiscono in alcun modo le lezioni del prof. Favilli, né alcun libro di testo. Sono piuttosto da intendersi a integrazione di entrambi. 1

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Studio del grafico di una funzione reale

Studio del grafico di una funzione reale Capitolo 1 Studio del grafico di una funzione reale Questo testo è una guida per lo studio del grafico di una funzione. Non è un testo completo ma solo una bozza che servirà agli studenti per arrivare

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2 SOLUZIONE DEL PROBLEMA CORSO DI ORDINAMENTO. Studiamo la funzione f(x) = x R). Notiamo che f( x) = 4 + x, con dominio R (infatti x + 4 per ogni 4 + ( x) = 4 + x = f(x), cioè la funzione è pari e il grafico

Dettagli

FUNZIONI ESPONENZIALE E LOGARITMICA

FUNZIONI ESPONENZIALE E LOGARITMICA FUNZIONI ESPONENZIALE E LOGARITMICA Le potenze con esponente reale La potenza a x di un numero reale a è definita se a>0 per ogni x R se a=0 per tutti e soli i numeri reali positivi ( x R + ) se a

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

G3. Asintoti e continuità

G3. Asintoti e continuità G3 Asintoti e continuità Un asintoto è una retta a cui la funzione si avvicina sempre di più senza mai toccarla Non è la definizione formale, ma sicuramente serve per capire il concetto di asintoto Nei

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 L insieme dei numeri razionali. Equazioni e disequazioni di primo grado Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado.. IL PIANO CARTESIANO Il piano cartesiano.

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 015 1. Indicando con i minuti di conversazione effettuati nel mese considerato, la spesa totale mensile in euro è espressa dalla funzione f()

Dettagli

Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture. Tassi equivalenti. Rendite temporanee e perpetue. Rimborso di prestiti.

Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture. Tassi equivalenti. Rendite temporanee e perpetue. Rimborso di prestiti. Pagina 1 di 9 DISCIPLINA: MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CLASSE: 4 SI DOCENTE : ENRICA GUIDETTI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture 1 Ripasso Retta e coniche;

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Svolgimento 1 Scriviamo la funzione f(x) che rappresenta la spesa totale in un mese: Figura 2 Il grafico di f(x).

Svolgimento 1 Scriviamo la funzione f(x) che rappresenta la spesa totale in un mese: Figura 2 Il grafico di f(x). Problema 1 Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di euro al mese, più centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando con

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

( ) ( ) Verifica di matematica classe 5 a A LST

( ) ( ) Verifica di matematica classe 5 a A LST Verifica di matematica classe 5 a A LST - Dopo aver dato le definizioni di asintoto orizzontale, verticale ed obliquo, determina il Dominio e scrivi le equazioni degli asintoti della seguente funzione.

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI 1) Determinare il dominio delle seguenti funzioni di variabile reale: (a) f(x) = x 4 (c) f(x) = 4 x x + (b) f(x) = log( x + x) (d) f(x) = 1 4 x 5 x + 6 ) Data la funzione

Dettagli

Lezione 6 (16/10/2014)

Lezione 6 (16/10/2014) Lezione 6 (16/10/2014) Esercizi svolti a lezione Esercizio 1. La funzione f : R R data da f(x) = 10x 5 x è crescente? Perché? Soluzione Se f fosse crescente avrebbe derivata prima (strettamente) positiva.

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

B. Vogliamo determinare l equazione della retta

B. Vogliamo determinare l equazione della retta Risoluzione quesiti ordinamento Quesito N.1 Indicata con α la misura dell angolo CAB, si ha che: 1 Area ( ABC ) = AC AB sinα = 3 sinα π 3 sinα = 3 sinα = 1 α = Il triangolo è quindi retto in A. La misura

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari Anno 5 4 Funzioni reali elementari 1 Introduzione In questa lezione studieremo alcune funzioni molto comuni, dette per questo funzioni elementari. Al termine di questa lezione sarai in grado di definire

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

2 Argomenti introduttivi e generali

2 Argomenti introduttivi e generali 1 Note Oltre agli esercizi di questa lista si consiglia di svolgere quelli segnalati o assegnati sul registro e genericamente quelli presentati dal libro come esercizio o come esempio sugli argomenti svolti

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1 LE FUNZIONI EALI DI VAIABILE EALE Soluzioni di quesiti e problemi estratti dal Corso Base Blu di Matematica volume 5 Q[] Sono date le due funzioni: ) = e g() = - se - se = - Determina il campo di esistenza

Dettagli

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Roberto Boggiani Versione 4.0 9 dicembre 2003 1 Esempi che inducono al concetto di ite Per introdurre il concetto di ite consideriamo i seguenti

Dettagli

matematica per le quinte

matematica per le quinte istituto professionale versari-macrelli, cesena lorenzo pantieri matematica per le quinte Dipartimento di Matematica Anno scolastico 2015-2016 Questo lavoro spiega il programma di matematica agli alun-

Dettagli