S.P. 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM IN COMUNE DI GARZIGLIANA. LOTTO 1.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S.P. 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM 39+200 IN COMUNE DI GARZIGLIANA. LOTTO 1."

Transcript

1 SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI VIABILITÀ II S.P. 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM IN COMUNE DI GARZIGLIANA. LOTTO 1. PROGETTO DEFINITIVO PARTE GENERALE Elenco elaborati: DF.RG Relazione tecnico - illustrativa DF.01 Corografia 1:5.000 DF.DF.1 Documentazione fotografica Planimetria DF.DF.2 Documentazione fotografica Foto STUDI ED INDAGINI Geologia e geotecnica DF.GEO.1 DF.GEO.2 Relazione di inquadramento geologico Planimetria con vincoli idro-geologici Strutture DF.CS Urbanistica DF.URB.1 Relazione di calcolo strutturale Comune di Garzigliana: Estratto P.R.G.C zona di intervento Sottoservizi DF.IR Planimetria interferenze con reti esistenti 1:500 ESPROPRI DF.PPE Piano particellare di esproprio - Planimetria 1:1.500 DF.ED Piano particellare di esproprio Elenco ditte PROGETTO DELL INFRASTRUTTURA DF.02 Planimetria stato di rilievo con indicazione delle demolizioni 1:500 DF.03 Profilo e sezioni stato di fatto Tav.1 1:200/1:200 DF.04 Profilo e sezioni stato di fatto Tav.2 1:200/1:200 DF.05 Planimetria stato di progetto 1:500 DF.06 Profilo e sezioni stato di progetto Tav.1 1:200/1:200 DF.07 Profilo e sezioni stato di progetto Tav.2 1:200/1:200 DF.08 Sezioni tipo e particolari costruttivi varie STUDIO IDROLOGICO - IDRAULICO DF.IDR Relazione idrologico - idraulica STUDIO DI FATTIBILITÀ AMBIENTALE DF.AMB. Studio di fattibilità ambientale SICUREZZA: DF.RC DF.CP Relazione sulla cantierizzazione Cronoprogramma DISCIPLINARE E STIMA DELLE OPERE DF.CME Computo metrico estimativo DF.QE Quadro economico DF.DDP Disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici elaborati.doc 20/12/2010

2

3 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE GENERALE INDICE 1. PROGRESSIVE CHILOMETRICHE DELLA STRADA OGGETTO DI INTERVENTO PREMESSA VINCOLI URBANISTICI STATO DI FATTO INTERVENTO IN PROGETTO INTERFERENZE CON IMPIANTI A RETE GESTIONE DEI MATERIALI INERTI /12/ DF_RG.doc 1

4 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO 1. PROGRESSIVE CHILOMETRICHE DELLA STRADA OGGETTO DI INTERVENTO 20/12/ DF_RG.doc 2

5 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO 2. PREMESSA Il presente progetto definitivo si riferisce alla realizzazione da parte dell Amministrazione Provinciale del I Lotto di me ssa in sicurezza del ponte sul Torrente Pellice a servizio della S.P. n 589 dei L aghi di Avigliana. L intervento prevede il rifacimento della sponda destra a valle della spalla e il rivestimento in massi del fondo alveo in corrispondenza dell attraversamento. Per garantire la funzionalità alla platea di massi rispetto ad una potenziale erosione di valle, sarà realizzato un taglione in massi. I lavori si situano nel quadro di una serie di interventi volti a ripristinare i danni provocati dall evento alluvionale verificatosi a fine maggio Il progetto risponde all esigenza di portare in condizioni di sicurezza e stabilità il ponte in questione, evitando il pericolo di scalzamenti al piede delle spalle e delle pile. 20/12/ DF_RG.doc 3

6 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO 2. VINCOLI URBANISTICI Con riferimento alla zona oggetto dell'intervento in progetto occorre sottolineare le seguenti caratteristiche territoriali ed ambientali: l area risulta compresa all interno delle fasce fluviali del Pellice, dunque fa parte delle aree protette regionali istituite e le opere sono soggette all autorizzazione in linea idraulica da parte dell A.I.Po (ex Magistrato per il Po); trattandosi di ponte sul Torrente Pellice esiste di conseguenza il vincolo ai sensi dell art. 142 del D.Lgs 42/2004; il Comune di Garzigliana risulta classificato nella classe 2 relativamente alla sismicità della zona ai sensi della normativa vigente; dal punto di vista prettamente urbanistico, il Comune di Garzigliana è dotato di Piano Regolatore; si veda a questo proposito l elaborato PR.URB; l intervento non rientra in una zona sottoposta a vincolo idrogeologico ex R.D. 30/12/1923, n 3267; dalla consultazione delle tavole di P.T.C. e del sito internet della Regione Piemonte, l area in esame non ricade in zone di parco o in siti di cui alla rete natura 2000 né in aree boscate; il Torrente Pellice è censito all elenco delle acque pubbliche ex R.D. 11/12/33, n /12/ DF_RG.doc 4

7 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO 3. STATO DI FATTO Le più importanti linee di comunicazione che attualmente attraversano i territori in oggetto sono: la S.P. n 589, che collega a sud Cavour e Pinerol o, proseguendo poi verso nord fino ai Laghi di Avigliana; la S.P. n 153 che, attraversando Garzigliana in d irezione est-ovest, collega Bibiana con Villafranca Piemonte; la S.P. n 158 che, sempre in direzione est-ovest, collega Garzigliana con Bricherasio. Il ponte sul Pellice oggetto di intervento, realizzato nel , è un ponte a quattro campate, interamente in cemento armato, di 24 m ciascuna, per un totale di 96 m circa. Attualmente sono presenti difese spondali in destra a monte del ponte e a valle tanto in sinistra che in destra: le opere sono disposte in sagoma definita ma senza intasamento in cls. A monte, in sponda sinistra, è presente una fabbricato di civile abitazione, locali tecnici e il Santuario di Montebruno; in sponda destra sono presenti impianti per la lavorazione di inerti; gli altri terreni su questa sponda sono a prato e/o parzialmente alberati. Nessun fabbricato verrà interessato dai lavori. In corrispondenza del ponte si rileva l esistenza di una dismessa opera di derivazione irrigua in cls (di competenza della Gora di Babano), che attraversa il torrente in diagonale da monte verso destra: la derivazione, non più in esercizio, è stata sostituita da un canale-sifone realizzato a quota più bassa. Seppur parzialmente distrutto dalle ultime piene, questo manufatto funge da soglia diagonale direzionando il deflusso del torrente verso destra. Questo fenomeno ha causato non trascurabili problemi di erosione alle fondazioni dell attraversamento: in particolare appare rilevante lo scalzamento della spalla destra che risulta mediamente pari a 2,50 metri dal plinto in calcestruzzo del muro di sponda. A servizio del Canale della Gora di Babano è situato in sponda destra, proprio in corrispondenza della scogliera in progetto, un manufatto in cemento che funge da pozzetto, con paratoia di chiusura. Sulla rampa lato Cavour è presente, a ridosso della sponda oggetto di intervento, l accesso veicolare agli impianti di lavorazione degli inerti. 20/12/ DF_RG.doc 5

8 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO 4. INTERVENTO IN PROGETTO. Il quadro conoscitivo sviluppato ha permesso di definire gli interventi necessari per conseguire condizioni di sicurezza idraulica compatibili per il ponte oggetto di intervento. Tali interventi sono stati definiti tenendo conto delle opere di sistemazione idraulica del tratto di alveo in corrispondenza del ponte, previsti nell ambito del Programma di Gestione dei Sedimenti recentemente predisposto, per i quali la Provincia ha in corso le diverse fasi di progettazione. L obiettivo è di conseguire un assetto complessivamente congruente per l intero nodo idraulico in ordine alla morfologia dell alveo stesso e alle opere di difesa spondale che controllano la tendenza alla divagazione trasversale. Si richiamano nel seguito in sintesi gli elementi derivanti dalle analisi conoscitive relativi alle condizioni di vulnerabilità del ponte che sono stati esaminati. 1. Le verifiche strutturali sulla fondazioni del ponte hanno posto in evidenza che, nella attuale configurazione del fondo alveo del corso d acqua, senza tenere conto quindi del maggiore scalzamento che si manifesta in concomitanza del deflusso di una piena, la capacità portante dei pali più scalzati (la scopertura dei pali al di sotto del plinto di fondazione è di circa 3,0 m) è al limite delle condizioni ammissibili. Tale condizione si è determinata prevalentemente a causa dell abbassamento generalizzato del fondo alveo e in minima parte per fenomeni localizzati di erosione a ridosso delle fondazioni. 2. Le condizioni di sicurezza delle fondazioni non sono di conseguenza verificate se allo scenario morfologico attuale si somma quello derivato del valore dello scalzamento locale che si può manifestare in condizioni di piena, la cui quantificazione è stata condotta in altra parte della presente relazione e i cui valori massimi sono particolarmente elevati tenuto conto delle specifiche interazioni tra condizioni di deflusso e struttura di attraversamento. Il ponte presenta pertanto una vulnerabilità particolarmente elevata in condizioni di piena, anche con riferimento ad eventi non particolarmente intensi, tale da metterne in serio pericolo le condizioni stabilità per effetto dei possibili cedimenti delle fondazioni soprattutto per la spalla destra e le pile in alveo. 20/12/ DF_RG.doc 6

9 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO 3. Si rende pertanto necessario e urgente un intervento di consolidamento delle fondazioni stesse che porti la struttura a condizioni accettabili di vulnerabilità idraulica. In relazione all importo economico disponibile, stanziato dalla Provincia per l opera in oggetto, è stato previsto l intervento primario di rivestimento del fondo alveo con massi di grandi dimensioni disposti a scogliera e collegati con le opere di protezione di sponda. 4. L intervento in progetto, descritto nel dettaglio ai punti successivi, ha le caratteristiche per inibire completamente i fenomeni di scalzamento sulle fondazioni in corso di piena; inoltre mantiene complessivamente una caratteristica di flessibilità generale, in grado si seguire eventuali ulteriori abbassamenti generalizzati del fondo alveo, che si prevedono per altro modesti, senza creare l effetto di una vera e propria soglia, evitando in tal modo l irrigidimento eccessivo del profilo di fondo alveo nel tratto considerato. La corretta realizzazione della soglia/platea di fondo appare pertanto strategica nel quadro di interventi complessivo. Il presente assetto progettuale si concretizza nella realizzazione di una platea in massi di cava sciolti posta in corrispondenza dell attraversamento, a controllo di azioni erosive e scavi localizzati, e di una difesa spondale sempre in massi di cava sciolti realizzata in sponda destra a valle della spalla a tutela da fenomeni di divagazione laterale dell alveo. In seconda fase progettuale sarà necessario prevedere, a completamento della messa in sicurezza dell opera, la realizzazione di una soglia profonda mediante cortina di micropali profondi. 4.1 Platea La platea sarà realizzata mediante posa di massi a spigoli vivi di pietra non geliva di pezzatura media avente diametro caratteristico non inferiore a 1 m: a tale diametro caratteristico corrisponde un volume minimo di 0.8 m³ e un peso non inferiore a 19 kn. L ampiezza trasversale si estende per circa 95 m a ricoprire, da spalla a spalla, tutte le quattro campate del ponte. Lateralmente il raccordo con le difese laterali esistenti 20/12/ DF_RG.doc 7

10 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO di sinistra e destra e centralmente con i plinti di fondazione delle pile avviene mediante la realizzazione di un cordolo avente sezione 2x2 m. Longitudinalmente la platea si estende a monte dei plinti di fondazione delle pile per circa 5 m; sempre a monte l opera prevede un taglione di immorsamento al fondo di sezione trasversale 2x2 m a difesa da fenomeni erosivi localizzati. A valle la platea si estende oltre i plinti di fondazione delle pile per circa 6.5 m prima di infiggersi nel sottosuolo con un taglione di valle profondo circa 4 m (quota m s.m.) e inclinato 2/3. La profondità di infissione del taglione è stata definita sul massimo valore di scalzamento atteso alle pile nella configurazione ANTE OPERAM. Anche il taglione è di tipo flessibile realizzato con massi di cava a spigoli vivi di pietra non geliva di pezzatura media avente diametro caratteristico non inferiore a 1 m. L opera verrà realizzata, previa predisposizione del piano di appoggio regolarizzato e la stesa di geotessile (punzonamento CBR da 4.3kN, resistenza a trazione da 25 kn/m), secondo una pendenza trasversale di progetto pari a 1%. 4.2 Scogliera Contestualmente alla platea, il 1 Lotto funzionale prevede la realizzazione di una difesa spondale in destra, a valle della spalla, a ripristino dell opera crollata durante l evento del maggio La difesa, di lunghezza pari a circa 40 m, sarà realizzata mediante posa di massi a spigoli vivi di pietra non geliva di pezzatura media avente diametro caratteristico non inferiore a 1 m. A tale diametro caratteristico corrisponde un volume minimo di 0.8 m³ e un peso non inferiore a 19 kn. L altezza dell opera, variabile tra e m s.m., è tale da garantire almeno un franco minimo di 0.5 m rispetto al profilo idraulico di riferimento TR200 anni. L inclinazione del paramento è fissata in 45. In corrispondenza della spalla destra il cordolo laterale della platea, di dimensione 2x2 m, sarà realizzato in continuità con la difesa spondale di progetto. In corrispondenza del taglione il piede della difesa proseguirà sino alla quota di posa di m s.m. (circa 4 m dall attuale fondo alveo); tale quota dovrà essere garantita anche a valle della platea sino alla intestazione della difesa stessa nel terrazzo morfologico retrostante. 20/12/ DF_RG.doc 8

11 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO La scogliera verrà realizzata, previa predisposizione del piano di appoggio regolarizzato e la stesa di geotessile (punzonamento CBR da 4.3kN, resistenza a trazione da 25 kn/m), secondo una pendenza non superiore a 2/3 e per uno spessore minimo di 1,0 m. 4.3 Rilevato stradale Completeranno i lavori opportuni interventi di sistemazione dei giunti sul ponte esistente, nonché una accurata compattazione del materiale da rilevato dietro la spalla destra. Questo materiale, infatti, è stato messo in opera nell ambito di un pronto intervento immediatamente successivo all evento alluvionale del maggio Successivamente ha subito un cedimento, che con il presente progetto si intende risanare procedendo al taglio della pavimentazione, compattazione e stesura di misto granulare cementato, seguito da ripristino delle bitumature. 4.4 Demolizioni Durante la realizzazione delle opere sarà inoltre eliminata la derivazione dismessa in cls del consorzio di irrigazione La Rocca, che taglia in diagonale il corso d acqua, e le fondazioni superficiali del ponte stradale crollato nel /12/ DF_RG.doc 9

12 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO 5. INTERFERENZE CON IMPIANTI A RETE. Come si evince dalla tav. DF.IR Planimetria interferenze con reti esistenti, si è rilevata la presenza nel sito di intervento delle seguenti linee: Telecom Fibra ottica Enel 150 kv ACEA Acquedotto Alle reti dei sottoservizi si deve aggiungere anche l interferenza con il canale consortile non più in uso ed affiorante dall alveo (di cui si è già parlato nei paragrafi precedenti) e con il canale consortile attuale che, come dichiarato dai Gestori del Consorzio, resta interrato ad una quota di circa 3.5 m dal fondo alveo medio: in fase di realizzazione del taglione in massi di valle, occorrerà prestare massima attenzione durante la fase di scavo e di posa. Per quanto riguarda gli impianti a rete, Telecom, la fibra ottica e ACEA passano sul ponte, dunque occorrerà prestare la massima cura durante l intervento di consolidamento del corpo stradale a tergo della spalla. La linea Telecom passa però anche sul sito dove verrà realizzata la scogliera, creando una vera e propria interferenza la cui soluzione verrà studiata in fase di progettazione esecutiva, previo consulto degli Uffici Tecnici Telecom. La linea ENEL, invece, pur passando in prossimità dell intervento, non crea reali interferenze. 20/12/ DF_RG.doc 10

13 S.P. n 589 dei Laghi di Avigliana.Lavori per reali zzazione difese spondali spalla destra km in Comune di Garzigliana. Relazione generale. PROGETTO DEFINITIVO 6. GESTIONE DEI MATERIALI INERTI. L intervento in progetto prevede la seguente movimentazione di materiale litoide: regolarizzazione di fondo alveo per la realizzazione della pista di cantiere; scavo e successivo tombamento del canale provvisionale di deviazione; scavo e tombamento della fondazione della scogliera: il materiale in eccesso sarà localizzato a ripascimento della scogliera stessa; regolarizzazione del fondo alveo mediante scavi/riporti a definire la sagoma di fondazione della platea in massi: parte del materiale di scavo sarà localizzato a ripascimento della nuova sponda di destra; scavo e tombamento del taglione in massi di fondo della platea: il materiale in eccesso sarà localizzato a ripascimento della nuova sponda di destra; a termine della posa di scogliera e massi, le opere saranno opportunamente raccordate mediante regolarizzazione del materiale litoide e sagomatura del letto del torrente. In ogni caso il materiale litoide d alveo sarà rilocalizzato in alveo stesso. Tutti i quantitativi movimentati dovranno essere verificati durante i lavori a seguito di rilievi di maggiore dettaglio e alle eventuali variazioni dell assetto del Torrente Pellice. Nelle immediate vicinanze dell intervento sussistono impianti ad attività estrattiva e di trasformazione inerti che però, trattando materiale alluvionale per aggregati, non risultano direttamente utili per la realizzazione dell intervento. L Impresa affidataria dei lavori potrà reperire il materiale da scogliera per l intervento rivolgendosi ad una delle cave site in Comune di Luserna San Giovanni, dove si estrae prevalentemente pietra ornamentale ma, in alcuni casi, anche materiali di pezzatura adatta. Nelle vicinanze degli impianti citati risulta, dalla tav. A2 del Piano Territoriale di Coordinamento, la presenza di una discarica che si potrebbe utilizzare per lo smaltimento del materiale in esubero. 20/12/ DF_RG.doc 11

14

15 SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI VIABILITÀ II MOD.: HD4_Relazione_rev01 S.P. N 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA. LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM IN COMUNE DI GARZIGLIANA. DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 1 di 16

16 Fotografia 1: vista della sponda destra a valle del ponte oggetto di un primo intervento di rinforzo provvisorio post alluvione maggio 2008 Fotografia 2: In sponda destra, sono visibili il pozzetto di risalita del sifone sotto il Pellice della Gora Irrigua di Babano, ricostruito ex-novo dopo la sua distruzione nel maggio 2008, e l area di cava Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 2 di 16

17 Fotografia 3: Il tratto di valle della sponda destra è stato ricostruito con una scogliera di massi non cementati, a protezione della strada di accesso all area di cava Fotografia 4: particolare della sponda su cui verrà progettata la nuova difesa in massi cementati (scogliera di massi) Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 3 di 16

18 Fotografia 5: vista della sponda destra a valle del ponte dalla strada di accesso alla area di cava Fotografia 6: vista da valle (sponda destra) del ponte della SP 589. Si possono già notare anche a valle notevoli depositi di materiale alluvionale in prossimità delle pile. : Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 4 di 16

19 Fotografia 7: vista da valle sponda dx in primo piano il nuovo manufatto del consorzio irriguo della Gora di Babano da cui diparte a valle del Pellice la gora irrigua Fotografia 8: vista della scogliera presente a valle del ponte sulla sponda sinistra (opera del Magistrato per il Po ora AIPO - ante alluvione 2000) Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 5 di 16

20 Fotografia 9: vista del Pellice a monte del ponte si notino la recente movimentazione degli accumuli detritici in alveo ad opera dell AIPO dopo l alluvione di maggio 2008 con il santuario della Madonna di Monte Bruno sulla sponda sinistra. Fotografia 10: la stessa vista un mese prima con il Pellice in magra invernale si noti il manufatto del sifone in cls della Gora di Babano che attraversa in diagonale il Torrente Pellice in sub-alveo Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 6 di 16

21 Fotografia 11: particolare della difesa spondale in blocchi esistente a monte del ponte in sponda destra (foto dalla spalla dx del ponte verso monte) Fotografia 12: vista della andamento della corrente in fase di moderata piena del Pellice a monte del ponte si notino i pilastri realizzati per un eventuale futuro allargamento della sede stradale davanti alle pile ed il manufatto del canale in sub-alveo affiorante. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 7 di 16

22 FOTO IN FASE DI MAGRA (OTTOBRE 09) Fotografia 12a: da valle Fotografia 13: alveo a monte. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 8 di 16

23 Fotografia 14: recente movimentazione accumuli detritici Fotografia 15: recente movimentazione accumuli detritici. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 9 di 16

24 Fotografia 16: manufatto Canale Gora di Babano Fotografia 17: vista delle pile e parziale scalzamento. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 10 di 16

25 Fotografia 18: manufatto Canale Gora di Babano Fotografia 19: sito realizzazione nuova scogliera. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 11 di 16

26 Fotografia 20: particolare fondazione spalla destra Fotografia 21: sito realizzazione nuova scogliera. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 12 di 16

27 Fotografia 22: particolare sito realizzazione nuova scogliera Fotografia 23: particolare spalla destra. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 13 di 16

28 Fotografia 24: vista movimentazione accumuli detritici a valle del ponte Fotografia 25: resti manufatto canale parzialmente distrutto da alluvione. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 14 di 16

29 Fotografia 26: vista terza campata. Fotografia 27: vista quarta campata. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 15 di 16

30 Fotografia 28: particolare terza campata. Fotografia 29: vista prima campata. Corso Lanza TORINO - TEL / 3011 / FAX P.IVA DF.DF.2.doc Pagina 16 di 16

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Progetto Anno 2003-2005 Committenti Autorità Portuale Venezia Localizzazione geografica di Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Attività Svolte PROGETTAZIONE GEOTECNICA Progettista Prof.

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA In seguito agli eventi atmosferici avversi del marzo 2011, la provincia di Biella ha richiesto un finanziamento alla regione Piemonte, al fine di ripristinare

Dettagli

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza ENEL Produzione Sicurezza Dighe e Opere Idrauliche Nord Ovest Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza Relatore: Giovanna de Renzis Enel Produzione - ICI-SDOI Nord-Ovest

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL NUOVO PONTE IN LOCALITA' BERTENGA NEL COMUNE DI TORRE PELLICE

RICOSTRUZIONE DEL NUOVO PONTE IN LOCALITA' BERTENGA NEL COMUNE DI TORRE PELLICE COMUNE D TORRE PELLCE Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile SERVZO NFRASTRUTTURE E ASSSTENZA TECNCA ENT LOCAL RCOSTRUZONE DEL NUOVO PONTE N LOCALTA' BERTENGA NEL COMUNE D TORRE PELLCE l Comune

Dettagli

(ORGANISMO FINANZIATORE) (ENTE ATTUATORE) S.S.n 658 BRADANICA ELENCO ELABORATI GIUGNO 2012. n. 620 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO:

(ORGANISMO FINANZIATORE) (ENTE ATTUATORE) S.S.n 658 BRADANICA ELENCO ELABORATI GIUGNO 2012. n. 620 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: (ORGANISMO FINANZIATORE) (ENTE ATTUATORE) S.S.n 658 BRADANICA TITOLO: ELENCO ELABORATI scala: Data GIUGNO 2012 nome file: estensore: - 01 - commessa: n. 620 disegno n. PROGETTISTA E DIRETTORE DEI LAVORI:

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... 7 6. COMPETENZE TECNICHE PROFESSIONALI... 7 1 1. PREMESSA

Dettagli

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI All D PREMESSA Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

AREA VIABILITA. Servizio Progettazione ed Esecuzione Interventi Viabilità III

AREA VIABILITA. Servizio Progettazione ed Esecuzione Interventi Viabilità III ALL. 01 HD5_TESTALINODOC_R EV00 AREA VIABILITA Servizio Progettazione ed Esecuzione Interventi Viabilità III S.P.13 DI FRONT - Km 11+100 PONTE SUL RIO VALMAGGIORE INTERVENTO URGENTE DI CONSOLIDAMENTO SPALLE

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO ADEGUAMENTO A 4 CORSIE NEL TRATTO GROSSETO SIENA (S.S. 223 DI PAGANICO ) DAL KM 30+040 AL KM 41+600 LOTTI 5, 6, 7, 8 IL TRACCIATO DELLA

Dettagli

BRILLADA VITTORIO & C. S.n.c.

BRILLADA VITTORIO & C. S.n.c. 1 Demolizione di pavimento in cls, dello spessore fino a cm. 20 e smaltimento in discarica MC. 28,50 2 Demolizione di aree asfaltate dello spessore fino a cm. 15 e smaltimento in discarica MC. 18,92 3

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO - 1 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PIANO DELLE OO.PP. E VIABILITA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO - 1 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PIANO DELLE OO.PP. E VIABILITA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO - 1 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PIANO DELLE OO.PP. E VIABILITA LAVORI URGENTI DI RICOSTRUZIONE DI UN TRATTO DI MURO AD ALTO RISCHIO CROLLO SULLA S.P. 41 TAVOLA

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN SOTTOPASSAGGIO FERROVIARIO AL Km. 294 + 943 DELLA LINEA BOLOGNA - LECCE PROGETTO ESECUTIVO DICEMBRE 2010 ELENCO DEGLI ELABORATI N. NOME DESCRIZIONE ELABORATO 00 ELENCO ELABORATI

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Crostolo Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 9,0 Tratto: PO_49000 - CR_0000 confluenza Crostolo in Po - località Santa

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

SOMMARIO... Errore. Il segnalibro non è definito.

SOMMARIO... Errore. Il segnalibro non è definito. SOMMARIO... Errore. Il segnalibro non è definito. 1. PREMESSA... 2 2. TIPOLOGIA DI MATERIALI... 3 3. MODALITA DI RIMOZIONE... 6 4. SMALTIMENTO DEL MATERIALE... 7 5. RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI...

Dettagli

1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER MOVIMENTI DI TERRENO DOCUMENTAZIONE MINIMA

1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER MOVIMENTI DI TERRENO DOCUMENTAZIONE MINIMA 1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER MOVIMENTI DI TERRENO Domanda in bollo a norma di legge (Euro 14,62) diretta alla Provincia di Savona - Settore Tutela del Territorio e dell'ambiente - Servizio Piani

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

CITTA DI PINEROLO CRONOPROGRAMMA ALLEGATO ALLE VERIFICHE DI PRGC. Scheda n 1 AREE 1 E 2. Scala 1:5000

CITTA DI PINEROLO CRONOPROGRAMMA ALLEGATO ALLE VERIFICHE DI PRGC. Scheda n 1 AREE 1 E 2. Scala 1:5000 Scheda n 1 AREE 1 E 2 Area 1: potrebbe essere utilizzata dopo l avvenuta realizzazione delle opere di difesa spondale a monte del nuovo ponte Chisone; dovrà inoltre essere eseguito un argine sul limite

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI U.O. PROGETTAZIONE STRADE ED ESPROPRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE OPERE D'ARTE POSTE AL SERVIZIO DELLA RETE STRADALE PROVINCIALE FINALIZZATI

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA. Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV

IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA. Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV OGGETTO DI INTERVENTO: PREMESSA Tratto di strada alzaia del naviglio Martesana che collega la statale

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA SOMMAIRE INDICE RESUME / RIASSUNTO 3 1. INTRODUZIONE 4 2. CARRIÈRE DU PARADIS 4 2.1 DESCRIZIONE 4 2.2 TRASPORTO DEI MATERIALI A DEPOSITO 4 2.3 MODALITÀ DI POSA A DEPOSITO 4 2.4 OPERE IDRAULICHE 4 3. SITO

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano

PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano Committente: Passante di Mestre S.C.p.A./Gruppo Adige Bitumi Impresa Esecutrice Lavori: Gruppo Adige Bitumi Periodo Progettazione Esecutiva:

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO Legenda. Elenco tavole. Tavole R: Elaborati grafici Rilievo architettonico. Tavole P: Elaborati grafici Progetto architettonico

PROGETTO ESECUTIVO Legenda. Elenco tavole. Tavole R: Elaborati grafici Rilievo architettonico. Tavole P: Elaborati grafici Progetto architettonico PROGETTO ESECUTIVO Legenda Tavole R: Elaborati grafici Rilievo architettonico Tavole P: Elaborati grafici Progetto architettonico Tavole S: Elaborati grafici Strutture Tavole ELE: Elaborati grafici Impianto

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSE Nell ambito della programmazione all art. 31 della L.183/89 e dell art. 9 della L. 253/90 il Ministero delle LL.PP. assegnava alla Regione dell Umbria la somma

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO COMUNE DI MALOSCO Provincia di Trento PROGETTO INTERVENTO DI SOMMA URGENZA RECUPERO E CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SU P.F. 666 C.C. MALOSCO I IN VIA MIRAVALLE. Relazione di calcolo COMMITTENTE

Dettagli

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del Cortile delle Carrozze nel complesso della Venaria Reale. Il cortile attualmente è occupato da un cantiere per la sistemazione

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

R.D. 523/1904, D.P.G.R.

R.D. 523/1904, D.P.G.R. REGIONE PIEMONTE BU33 20/08/2015 Codice A18110 D.D. 11 giugno 2015, n. 1392 R.D. 523/1904, D.P.G.R. 06.12.2004 n. 14/R e s.m.i. Autorizzazione idraulica n. 35/15 relativa alla posa di un tritubo in PEHD

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

CONSIDERAZIONI GENERALI

CONSIDERAZIONI GENERALI CONSIDERAZIONI GENERALI FUNZIONI DELLE FONDAZIONI La funzione delle fondazioni è quella di trasferire i carichi provenienti dalla struttura in elevazione al terreno sul quale l edificio poggia. La scelta

Dettagli

DISMISSIONE DELL IMPIANTO

DISMISSIONE DELL IMPIANTO PREMESSA Nell ambito del progetto dell impianto fotovoltaico da 2,5 MWp da realizzare in località Ottaduna nella tipologia di installazione a campo solare, il seguente studio ha per oggetto il progetto

Dettagli

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMMITTENTE: MANCINELLI GIUSEPPINA OPERA DELL INGEGNO RIPRODUZIONE VIETATA OGNI

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti sul torrente Gesso attraversamento di Cuneo

Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti sul torrente Gesso attraversamento di Cuneo Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione e Difesa del Suolo Via Petrarca, 44 Torino Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA

COMUNE DI RIO MARINA COMUNE DI RIO MARINA REGOLAMENTO URBANISTICO Documentazione Fotografica di supporto alle verifiche idrauliche sul Fosso di Riale 1 foto 1 - Fosso di Riale immediatamente a monte del ponte sulla Provinciale

Dettagli

LAVORI A BASE D'ASTA DOCUMENTAZIONE GENERALE PARTE GENERALE

LAVORI A BASE D'ASTA DOCUMENTAZIONE GENERALE PARTE GENERALE . AUTOSTRADA A14: BOLOGNABARITARANTO Ampliamento alla terza corsia del tratto Rimini NordPedaso Tratto CattolicaFano Opere compensative Comune di Fano Progetto definitivo Codice elaborato STP 001 Elenco

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

AREA VIABILITA. Servizio Progettazione ed Esecuzione Interventi Viabilità III

AREA VIABILITA. Servizio Progettazione ed Esecuzione Interventi Viabilità III ALL. 11 HD5_TESTALINODOC_R EV00 AREA VIABILITA Servizio Progettazione ed Esecuzione Interventi Viabilità III S.P. n. 32 di VIÙ - CONSOLIDAMENTO MURO DI SOTTOSCARPA IN LOCALITÀ FUCINE. UFFICI TECNICI DEL

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI MURO LECCESE (Provincia di LECCE) Lavori di COMPLETAMENTO E MIGLIORAMENTO INFRASTRUTTURALE DELLA ZONA PIP CUP: CIG: RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA Premesso che: con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO OGGETTO: STRADA DI COLLEGAMENTO ALL ACCESSO EST DELLO STABILIMENTO

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Progetto Esecutivo Oggetto : Realizzazione di una rotatoria all incrocio tra la S.P. n. 2 Sirolo-

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

COMUNE DI VARAZZE (Prov. di Savona)

COMUNE DI VARAZZE (Prov. di Savona) COMUNE DI VARAZZE (Prov. di Savona) Oggetto: Creazione di vasca di sedimentazione e ricostruzione ponte su via Fossello -PROGETTO ESECUTIVO- Richiedente: Comune di Varazze Viale Nazioni unite 5 17019 Varazze

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" A-12 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale Area ex Funghi del Montello A-12 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE PROVINCIA di TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" PROGETTO DEFINITIVO INDICAZIONE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI SICUREZZA 3 2 1 0 REV PROGETTISTI: Arch. CON: Urb.

Dettagli

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso...

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso... I N D I C E 1 Premessa... 2 2 Scheda identificativa dell opera... 3 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4 4 Manuale d uso... 4 5 Manuale di manutenzione... 6 6 Programma di manutenzione...

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE COMPOSIZIONE: Mix di fibre sintetiche in fiocco (Poliestere 100%). CARATTERISTICHE: Tessuto non tessuto calandrato e termofissato.esente da collanti o leganti chimici. Prodotto ecologico completamente

Dettagli

COMUNE DI MARZABOTTO

COMUNE DI MARZABOTTO COMUNE DI MARZABOTTO RELAZIONE GENERALE La relazione in argomento è relativa ad un intervento di adeguamento viario delle rampe di accesso al cavalcavia carrabile della Linea Ferroviaria Pistoia Bologna

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Interventi di sistemazione idraulica a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Moti di filtrazione nei terreni H 2 1 H 1 2 H Ing. M. Ponte 2 Se il moto

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

ACEA Pinerolese Industriale S.p.A. Pinerolo (TO) STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE

ACEA Pinerolese Industriale S.p.A. Pinerolo (TO) STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE ACEA Pinerolese Industriale S.p.A. Pinerolo (TO) SERVIZI DI INGEGNERIA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI COLLETTAMENTO FOGNARIO E DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE DELLE VALLI CHISONE E GERMANASCA, VAL

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 124 DEL 25.03.2013 OGGETTO: U.T. LAVORI PUBBLICI - SISTEMAZIONE IDRAULICA TORRENTE CERVO. LAVORI DI MANUTENZIONE SUL CORSO D ACQUA

Dettagli