I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre"

Transcript

1 I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre Anno 29 Convegno Produrre meno rifiuti: esperienze a confronto 25 novembre 21 - Treviso

2 PRODUZIONE RIFIUTI URBANI ITALIA VENETO VENETO Indice Unità di misura Produzione RU pro capite kg/abanno ,371 milioni di t - 1,8% 2.. tonnellate Pro capite 483 kg/ab*anno - 2,6% La produzione totale è diminuita: - seguendo il calo dei consumi delle famiglie (-1,6%) - nonostante l incremento demografico (+,8%)

3 PRODUZIONE RIFIUTI URBANI... Andamento provinciale produzione procapite 7 Venezia ,6 Rovigo 6 Verona kg/ab*anno ,9 495,1 49,2 469, Padova Belluno ,5 Vicenza 4 377,1 Treviso

4 RACCOLTA DIFFERENZIATA ITALIA VENETO VENETO Indice Unità di misura Percentuale di RD % ,9 56, Raccolta differenziata Residuo ,9% 56,3% tonnellate ,6% 15,3% 28,4% 24,% 39,5% 34,5% 45,1% 47,5% 49,% 51,% 43,1% Superati gli obbiettivi del: - Piano Regionale 5% - D.Lgs. 152/6 5% entro il 29 Variazione 28-29: 29: Crescita delle raccolte differenziate del +2,4% Diminuzione del rifiuto residuo del -6,8%

5 RACCOLTA DIFFERENZIATA % 64% 71% 58% % % RD % 45% 2 1 Belluno Padova Rovigo Treviso Venezia Vicenza Verona Tutte le PROVINCE, tranne Belluno e Venezia, hanno superato l obiettivo del 5% (previsto dal Piano regionale e dalla normativa nazionale per il 29). La provincia di Treviso, con il 71% di raccolta differenziata, si conferma al primo posto nella classifica regionale.

6 RACCOLTA DIFFERENZIATA Popolazione 29% 46% 25% % RD < > 65 5% entro il 31 dic. 29 (Finanziaria 27) 6% entro il 31 dic. 211 (Finanziaria 27) 65% entro il 31 dic. 212 (D.Lgs. 152/6) % RD < > 65

7 RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa e quanto si raccoglie? tonnellate mila t 296 mila t 185 mila t 91 mila t 21 mila t Organico Vetro Carta e cartone Plastica Imballaggi metallici Altro da ecocentri (legno, metalli, RAEE, plastica, ).31 mila t mila t

8 Fattori che determinano questa situazione diffusione della RACCOLTA SECCO UMIDO diffusione della RACCOLTA DOMICILIARE elevata presenza di ECOCENTRI ridotta ASSIMILAZIONE applicazione della TARIFFA PUNTUALE COMPOSTAGGIO DOMESTICO

9 RACCOLTA DIFFERENZIATA e. SISTEMA DI RACCOLTA 6 n. Comuni Raccolta secco-umido 519 comuni su % dei comuni veneti 4,5 milioni di abitanti 92% della popolazione Secco-Umido porta a porta Secco-Umido misto Secco-Umido stradale Raccolta RU indifferenziato Raccolta secco-umido domiciliare o porta a porta: modalità prevalente 433 comuni 74,5% della popolazione

10 RACCOLTA DIFFERENZIATA e. SISTEMA DI RACCOLTA DOMICILIARE Raccolta secco-umido domiciliare spinta 315 comuni 43% degli abitanti Raccolta domiciliare o porta a porta di tutte le frazioni Rifiuto residuo Rifiuto secco recuperabile FORSU (umido) e Verde

11 FRAZIONE ORGANICA SISTEMI DI RACCOLTA - ANNO COMUNI 43% degli abitanti

12 SISTEMA DI RACCOLTA E. RIFIUTO PROCAPITE - ANNO kg/ab*anno RU indifferenziato secco-umido stradale secco-umido misto secco-umido domiciliare secco-umido domiciliare spinto

13 SISTEMA DI RACCOLTA E. PROCAPITE RESIDUO E PROCAPITE RACCOLTA DIFFERENZIATA ANNO 29 kg/ab*anno % 45% 51% Proc.RESIDUO Proc.RD 67% 68% RU indifferenziato secco-umido stradale secco-umido misto secco-umido domiciliare secco-umido domiciliare spinto

14 RACCOLTA DIFFERENZIATA e. SISTEMA DI RACCOLTA DOMICILIARE Vantaggi della raccolta domiciliare spinta: migliori performance di raccolta differenziata limitazione del conferimento dei rifiuti speciali permette la presa di coscienza di quanti rifiuti ciascuno produce permette l applicazione di un sistema perequativo nella tariffazione (più produco più pago)

15 RACCOLTA DIFFERENZIATA e. ECOCENTRI servizio attivo in 443 comuni su 581 quasi 9% degli abitanti sono serviti da ecocentro

16 RACCOLTA DIFFERENZIATA e. ECOCENTRI Provincia n. Comuni serviti % Comuni serviti n. Abitanti serviti % Abitanti serviti Belluno 56 81, Padova 57 54, ,3 Rovigo ,3 Treviso 93 97, ,1 Venezia 38 86, ,7 Vicenza 13 85, ,5 Verona 79 8, ,8 REGIONE , ,7 servito oltre l 8% dei Comuni in 5 province su 7

17 PRODUZIONE DI RIFIUTI e. MODALITA DI TARIFFAZIONE Diffusione dei Comuni in Tariffa 1% 9% 8% 7% 6% 5% 4% 3% 272 2% 1% % comuni in tariffa comuni in tassa

18 TARIFFA 47% dei comuni 74% degli abitanti

19 PRODUZIONE DI RIFIUTI e. MODALITA DI TARIFFAZIONE n. Comuni tariffa parametrica tariffa mista tariffa puntuale

20 PRODUZIONE DI RIFIUTI e. MODALITA DI TARIFFAZIONE Procapite di rifiuto totale kg/ab*anno tariffa parametrica tariffa mista tariffa puntuale Procapite di rifiuto residuo kg/ab*anno tariffa parametrica tariffa mista tariffa puntuale

21 COMPOSTAGGIO DOMESTICO CHI LO PRATICA: 483 Comuni su 581 (oltre l 83%) 1.. circa di abitanti (2% della popolazione) 1 composter ogni 15 abitanti

22 COMPOSTAGGIO DOMESTICO % di utenze compostanti DIFFUSIONE PROVINCIALE BL PD RO TV VE VI VR % utenze compostanti BL1 PD1 PD2 PD3 PD4 RO1 TV1 TV2 TV3 VE1 VE2 VE3 VE4 VE5 VI1 VI2 VI3 VI4 VI5 VR1 VR2 VR3 VR4 VR5 BL PD RO TV VE VI VR

23 COMPOSTAGGIO DOMESTICO ATTENZIONE DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI 246 (il 51%) lo ha adottato con provvedimento di Giunta (o di Consiglio) 36 effettuano corsi di formazione 149 distribuiscono composter 15 GRATIS 44 IN COMODATO 37 CON CONTRIBUTO 52 VENDUTO 483 comuni che lo prevedono 164 (il 34%) effettua regolarmente dei controlli 362 hanno concesso agevolazioni 246 nella tariffa (con una riduzione media del 2% della parte variabile) controlli nel 29 ( 9 controlli per comune)

24 COMPOSTAGGIO DOMESTICO dove è più diffuso 3 25 n.comuni nei comuni sotto i 15. abitanti 5 < >5 n. Comuni < >5 nei comuni con %RD > 5%

25 COMPOSTAGGIO DOMESTICO dove è più diffuso n. Comuni Secco-Umido RU indifferenziato nei comuni con sistema di raccolta secco-umido n. Comuni nei comuni con sistema di raccolta secco-umido DOMICICLIARE 5 Domiciliare Stradale Misto

26 COMPOSTAGGIO DOMESTICO e produzione di rifiuti Procapite di rifiuto totale kg/ab*anno VENETO COMUNI SENZA CD COMUNI CON CD Procapite di rifiuto organico kg/ab*anno VENETO COMUNI SENZA CD COMUNI CON CD

27 COMPOSTAGGIO DOMESTICO RIFIUTO ORGANICO NON PRODOTTO nel 29: per ogni abitante che lo pratica = - 91 kg all anno t di organico non entrano nel circuito di raccolta equivalente a quanto trattano ogni anno 3 impianti di compostaggio di medie dimensioni più di 25. t di compost prodotto dai cittadini veneti nei loro giardini

28 ...in conclusione MOLTO SI E E GIA FATTO ALTRO SI PUO FARE ESPERIENZE CHE VERRANNO PRESENTATE OGGI Per prevenire la produzione dei rifiuti acqua del sindaco vuoto a rendere risparmio di carta negli uffici eliminazione imballaggi superflui pannolini lavabili ecosagre e ecofeste recupero delle eccedenze alimentari mercatini dell usato borse riutilizzabili prodotti alla spina

29 Grazie e buona giornata

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO ARPAV Osservatorio Regionale Rifiuti PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Invece che la terza discarica Esperienze di gestione integrata dei rifiuti e nuove prospettive di sviluppo Orvieto,

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO O.R.SO

CORSO DI AGGIORNAMENTO O.R.SO Servizio Osservatorio Rifiuti CORSO DI AGGIORNAMENTO O.R.SO Treviso, 27 gennaio 2017 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti ORSO3.0 regioni convenzionate VALLE D AOSTA comuni 74 - ab. 128.298

Dettagli

INCONTRO TECNICO SUI RIFIUTI URBANI

INCONTRO TECNICO SUI RIFIUTI URBANI Servizio Osservatorio Rifiuti INCONTRO TECNICO SUI RIFIUTI URBANI 2013 Treviso, 18 giugno 2014 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti Finalità e contenuti Presentazione dei dati RU 2013 Recupero

Dettagli

Il modello Veneto. Osservatorio Regionale Rifiuti

Il modello Veneto. Osservatorio Regionale Rifiuti Il modello Veneto di gestione dei Rifiuti Urbani Osservatorio Regionale Rifiuti RACCOLTA SECCO UMIDO : 98% popolazione RACCOLTE DOMICILIARI : 79% popolazione oltre 500 CENTRI DI RACCOLTA INIZIATIVE diffuse

Dettagli

81% UN ANNO DI RACCOLTA PORTA A PORTA A SUZZARA

81% UN ANNO DI RACCOLTA PORTA A PORTA A SUZZARA 81% UN ANNO DI RACCOLTA PORTA A PORTA A SUZZARA Le modalità tariffarie e di raccolta domiciliare in Veneto. Ing.Walter Giacetti CONSORZIO BACINO DI PADOVA UNO Sintesi srl Convegno sulla Raccolta Differenziata,

Dettagli

raccolta differenziata

raccolta differenziata 1.2. La raccolta differenziata La raccolta differenziata in Veneto nel 29 si attesta al 56,3% del totale prodotto e corrisponde a circa 1.334.28 t, con un aumento di 2,4 punti percentuali rispetto all

Dettagli

raccolta differenziata

raccolta differenziata 1.2. La raccolta differenziata La raccolta differenziata in Veneto nel 21 si attesta al 58,3% del totale prodotto e corrisponde a circa 1.44 mila t, con un aumento di 2 punti percentuali rispetto all anno

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO. Anno Osservatorio Regionale Rifiuti ARPAV - Dipartimento provinciale di Treviso

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO. Anno Osservatorio Regionale Rifiuti ARPAV - Dipartimento provinciale di Treviso PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 21 Osservatorio Regionale Rifiuti ARPAV - Dipartimento provinciale di Treviso INDICE 1. Produzione e raccolta differenziata dei Rifiuti Urbani 1.1.

Dettagli

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Roma, 24 luglio 2014 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti Enti di gestione 33 AZIENDE di GESTIONE

Dettagli

Il Veneto: verso la maturità di un sistema a scala regionale

Il Veneto: verso la maturità di un sistema a scala regionale Sep Pollution Padova 18 aprile 2007 Il Veneto: verso la maturità di un sistema a scala regionale Lorena Franz OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Quando un sistema di gestione dei rifiuti può definirsi maturo?

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2014 ESTRATTO PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI - ANNO 2014 Indicatore Unità Anno Variazione Trend di misura 2014 2014/2013 Produzione totale

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2014

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2014 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2014 Settembre 2015 ARPAV Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Direttore Tecnico Paolo Rocca Direttore Dipartimento Provinciale di Treviso Loris

Dettagli

NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI

NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI La storia ANDAMENTO RACCOLTA DIFFERENZIATA ANNI 2000-2006 Media di Bacino 33,0% 31,0% 31,9% 30,9% 29,0% 27,0% 25,0% 23,0% 21,0% 29,1% 28,2% 19,0% 17,0%

Dettagli

0",1 /"1 2 33%1! 3 %!% " # #849&'"(" &'()*+, - -!""" &)*+ 6()788('- - "# $ #$$"%" !!!! /0"1 #$$"%! #$$"%"2"! #$$"%#3& !#+'"!"!" &"!!

0,1 /1 2 33%1! 3 %!%  # #849&'( &'()*+, - -! &)*+ 6()788('- - # $ #$$% !!!! /01 #$$%! #$$%2! #$$%#3& !#+'!! &!! &'"" &')*+, - -. " " '3. % &'# ' ' &)*+ 6)788'- - ) * * * * + $% "# $ #$$"% #$"$$"% )"' ",,"'% "$ -%" %". /' $ & "# /"1 2 4 $ 55 4'"2'" 5''554"25 2 33%1 ".1 /"1 & #$$"%" #$$"% #$$"%"2" #$$"%#3& #$$"%",#

Dettagli

I DATI DEL 2006 EVIDENZIANO UN SENSIBILE INCREMENTO DELLA PRODUZIONE DI RIFIUTI PASSATA DA t A t. LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA

I DATI DEL 2006 EVIDENZIANO UN SENSIBILE INCREMENTO DELLA PRODUZIONE DI RIFIUTI PASSATA DA t A t. LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA I DATI DEL 2006 EVIDENZIANO UN SENSIBILE INCREMENTO DELLA PRODUZIONE DI RIFIUTI PASSATA DA 525.182 t A 548.198 t. LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA REGISTRATO UN ULTERIORE INCREMENTO (2,4%) RISPETTO ALL ANNO

Dettagli

L implementazione delle differenziate spinte. La realtà del gruppo Contarina Consorzio Priula Consorzio Tv Tre in Provincia di Treviso

L implementazione delle differenziate spinte. La realtà del gruppo Contarina Consorzio Priula Consorzio Tv Tre in Provincia di Treviso L implementazione delle differenziate spinte La realtà del gruppo Contarina Consorzio Priula Consorzio Tv Tre in Provincia di Treviso Ferrara, 16/03/2012 IL TERRITORIO Ente di bacino TV 2 Consorzio Priula

Dettagli

!"!# /#",2."2 3 44%2 /#"12 1"/2 /,, 4 % %43 3 3!1"#!"2 # #95:&'!( &'()*+,!!!!!!!!! !" # #$$!% " " #$!$$!% 01"!2 5 '!3 '! 6'' 665!!!!!

!!# /#,2.2 3 44%2 /#12 1/2 /,, 4 % %43 3 3!1#!2 # #95:&'!( &'()*+,!!!!!!!!! ! # #$$!%   #$!$$!% 01!2 5 '!3 '! 6'' 665!!!!! &'( &'()*+, --../# '4 # $ %& &'& &)*+6()788('-- ) *+++ *++++ '*++++ *+++++, $% # #$$% #$ $$%, ) ' - - $. % %/ 01'1 1$ # 012 '' 3 5 $ /,, 5 '3 ' 6'' 665 36 3 44%2 /#12 1/2 ( #$$% #$$% #$$%3 #$$%#4& #$$%

Dettagli

!"! 0 /"10 1"0 2 44$0 +"30 "10 +/-! 4 $ $42 2 2!3"+.3"30 # #95:&'"( %&'()* +! !"""! "# $ #$$"%" ."/0 #$$"%! #$$"%"3"! #$$"%#4& !#+'"!"!

!! 0 /10 10 2 44$0 +30 10 +/-! 4 $ $42 2 2!3+.330 # #95:&'( %&'()* +! !! # $ #$$% ./0 #$$%! #$$%3! #$$%#4& !#+'!! &'"( %&'()* +,, " " -- &('4 1 % &'(#(( #$ "# $ #$$"% #$"$$"%,)"' "- -"'% "$.%" %"/ 1'1 1$ " '."/ 2 5 # +1+ 5'"3'" 6''665"36 2 44$ +"3 "1 ') #$$"%" #$$"% #$$"%"3" #$$"%#4& #$$"%" +/- 2"3" )"'$ "$" "#4&

Dettagli

Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa 19 maggio 2017

Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa 19 maggio 2017 Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa w.giacetti@etraspa.it 19 maggio 2017 Il territorio Dati sul territorio Etra popolazione residente 601.833 superficie km² 1.709 densità abitanti/km² 352 numero

Dettagli

I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso

I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso Relatori: Stefano Riedi, Elisa Bagolin Consorzio servizi di Igiene del Territorio Autorità

Dettagli

.+"20,"0 2,"0,"0 3 44$0! 4 $!$ "2 /,"0 # #95:&'!( ,+1 %&'()* +, - -!!!!!!!! %()* 6'(788'&- - " "# $ #$$!% " #$!$$!% " /".

.+20,0 2,0,0 3 44$0! 4 $!$ 2 /,0 # #95:&'!( ,+1 %&'()* +, - -!!!!!!!! %()* 6'(788'&- -  # $ #$$!%  #$!$$!%  /. &( %&()* +, - -. &4,+1 %()* 6(788&- - (% %) )% ) ) *% #$ # $ #$$% #$ $$%, ) - -% $. % %/ 11 1$ %%& % /. 3 5 # 2+ 5 3 6 665 36 3 44$ %%&.+2, #$$% #$$% #$$%3 #$$%#4& #$$% +, 23 ) $ $ #4& ) 33 3 %%& 2,, 4

Dettagli

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2.1. La raccolta secco-umido La raccolta separata della frazione organica è effettuata nel 92 dei comuni veneti e rappresenta una realtà oramai consolidata in

Dettagli

% & !"#$ //"!2 "2 #".2 "2 3 44&2 #$! 4 & &43 3 3!"$ 10"2 " "849%&!' 0!# '()*+,!$!!!!!!!!! "# $ "##!$ "#!##!$ ( 1"$2 4 &!2 &! 5&& 554!!!!!

% & !#$ //!2 2 #.2 2 3 44&2 #$! 4 & &43 3 3!$ 102  849%&!' 0!# '()*+,!$!!!!!!!!! # $ ##!$ #!##!$ ( 1$2 4 &!2 &! 5&& 554!!!!! %' ')*+, $ --./0 4 0# % ' ) '*+,6)*788)-- +,---,----,----,-----. % "# $ "##$ "# ##$, ) - -$ #. $ $/ 011 1# "#$ 1"$2 3 5 % 00. 4 2 5 554 25 3 442 //"2 "2 * "##$ "##$ "##$2 "##$"3% "##$ #$ '2 ) # # "3% )

Dettagli

"#$ 0#"2 "2 3 44&2! $"2 0"-2 --# 4 &!& " "2 # #849&'!&' !!!!!!!! " " '*+, 6)*788)(.. "# $ #$$!% " #$!$$!% 1#"2 4 '!2 '! 5'' 554!!!!!

#$ 0#2 2 3 44&2! $2 0-2 --# 4 &!&  2 # #849&'!&' !!!!!!!!   '*+, 6)*788)(.. # $ #$$!%  #$!$$!% 1#2 4 '!2 '! 5'' 554!!!!! &'&' '()*+, -.. /0-/$- (4 '*+, 6)*788)(.. ( ) ) %) ) * # $ #$$% #$ $$% + ( ',,'% $ - % %. /0'0 0$ #$ % 1#2 3 5 % -0$ 4 '2 ' 5'' 554 25 3 44&2 $2 0-2 ' #$$% #$$% #$$%2 #$$%#3& #$$% --# 12 ( '$ $ #3& ( 22

Dettagli

PORTA A PORTA IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA A PONTE NELLE ALPI

PORTA A PORTA IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA A PONTE NELLE ALPI PORTA A PORTA IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA A PONTE NELLE ALPI Come passare del 23% all 85% di raccolta differenziata diminuendo i costi del 15% Un progetto ispirato dal dovere di riconsegnare

Dettagli

&'!(!$)!$ $#1 0/#1 /"#1 $#1 ! "#"$ 2 44&1! $"$$/ 4 &!& "/#3.#"1 " ")6:&'!(!$)!$ !!!!!!!! '*+, 6)*788)(- - "# $ "##!$ % "#!##!

&'!(!$)!$ $#1 0/#1 /#1 $#1 ! #$ 2 44&1! $$$/ 4 &!& /#3.#1  )6:&'!(!$)!$ !!!!!!!! '*+, 6)*788)(- - # $ ##!$ % #!##! &'($)$ '()*+, - -./ (4 ". '*+, 6)*788)(- - ' ( ( ( ( ) & "# $ "##$ "# ##$ - * '..'$ # / $ $ 12'2 2# "#"$ #/1 2 5 $3$ 6 '4 ' 7'' 776 47 2 44&1 $#1 /#1 & "##$ "##$ "##$4 "##$"5& "##$ $"$$/ 34 * '# # "5&

Dettagli

IL BACINO TERRITORIALE ROVIGO

IL BACINO TERRITORIALE ROVIGO IL BACINO TERRITORIALE ROVIGO Comuni (n.) 50 Abitanti (n.) 238.185 Utenze domestiche (n.) 106.188 Utenze non domestiche (n.) 13.690 Comuni con servizio centro di raccolta (n.) 49 Adesioni al compostaggio

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete Sergio Tommasini Responsabile Settore Studi e Progetti Montebelluna (TV) 20 febbraio 2009 consorzio@priula.it COMPETENZE GESTIONE

Dettagli

ESPERIENZE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA REGIONE SARDEGNA

ESPERIENZE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA REGIONE SARDEGNA Comune di Monserrato Comune di Selargius Comune di Sinnai ESPERIENZE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA REGIONE SARDEGNA Dott. Ing. Francesco Bonfiglio Amministratore Delegato Campidano Ambiente Srl GREEN

Dettagli

Allegato A DCR n. 30 del 29 APR pag. 26/560

Allegato A DCR n. 30 del 29 APR pag. 26/560 Allegato A DCR n. 30 del 29 APR. 2015 pag. 26/560 ELABORATO B RIFIUTI URBANI Allegato A DCR n. 30 del 29 APR. 2015 pag. 27/560 1. ANALISI STATO DI FATTO 1.1 - PRODUZIONE DI RIFIUTI URBANI ANNI 2000-2010

Dettagli

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI NEL BACINO TERRITORIALE BELLUNO

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI NEL BACINO TERRITORIALE BELLUNO ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI NEL BACINO TERRITORIALE BELLUNO Scheda sintetica Anno 2015 IL BACINO TERRITORIALE BELLUNO Comuni (n.) 67 Abitanti (n.) 206.960 Densità

Dettagli

Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento

Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento PRINCIPALI ELEMENTI PER LA BUONA GESTIONE 1) Riduzione produzione rifiuto

Dettagli

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un San Costanzo 15 Aprile 2014 Metodo Aset Risultati, vantaggi e criticità Dott. Stefano Sartini Stato attuale: raccolta stradale pluriutenza Raccolta RSU con cassonetti Raccolta RD tramite isole ecologiche

Dettagli

$#21 #%1 ! "#$% 3 44'1! %#1.#"1 "2. 4 '!' "#$.#1 # #(59&'"( ()*+,-. !""" (+,- 6*+788*)/ / "# $ #$$"%" 0#.1 #$$"%! #$$"%"3"!

$#21 #%1 ! #$% 3 44'1! %#1.#1 2. 4 '!' #$.#1 # #(59&'( ()*+,-. ! (+,- 6*+788*)/ / # $ #$$% 0#.1 #$$%! #$$%3! &'"( ()*+,-. / / " " "$" )4." (+,- 6*+788*)/ / ( ) ) ) ) * &' "# $ #$$" #$"$$",)"' "- -"' "$." "/ 01'1 1$ "#$ 0#.1 3 5 & "$ 5'"3'" 6''665"36 3 44'1 #1.#"1 '& #$$ #$$" #$$3" #$$"#4& #$$ "2. 2"3" )"'$ "$"

Dettagli

ESTRATTO RAPPORTO RIFIUTI URBANI Produzione e Gestione 2016

ESTRATTO RAPPORTO RIFIUTI URBANI Produzione e Gestione 2016 ESTRATTO RAPPORTO RIFIUTI URBANI Produzione e Gestione 2016 Edizione 2017 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI 1 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

I DATI DEL 2005 EVIDENZIANO CHE LA PRODUZIONE SI E STABILIZZATA SU VALORI PROSSIMI ALLE t. LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA REGISTRATO UN

I DATI DEL 2005 EVIDENZIANO CHE LA PRODUZIONE SI E STABILIZZATA SU VALORI PROSSIMI ALLE t. LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA REGISTRATO UN I DATI DEL 2005 EVIDENZIANO CHE LA PRODUZIONE SI E STABILIZZATA SU VALORI PROSSIMI ALLE 525.000 t. LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA REGISTRATO UN ULTERIORE INCREMENTO RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE MA COMUNQUE

Dettagli

Rifiuto Urbano (t) BD - BM 55.000 29.111 0 0 29.111. 2 TV Spresiano CDR 84.000 72.877 0 0 72.877

Rifiuto Urbano (t) BD - BM 55.000 29.111 0 0 29.111. 2 TV Spresiano CDR 84.000 72.877 0 0 72.877 3.4. Trattamento e smaltimento del rifiuto urbano residuo 3.4.1. Trattamento meccanico biologico Il rifiuto urbano residuo trattato nel 21 rappresenta il 23,7% del totale ed è pari a 57.692 t (Fig. 3.1.1).

Dettagli

Il modello Veneto. Osservatorio Regionale Rifiuti 19 dicembre 2018

Il modello Veneto. Osservatorio Regionale Rifiuti 19 dicembre 2018 Il modello Veneto di gestione dei Rifiuti Urbani Osservatorio Regionale Rifiuti 19 dicembre 2018 RISULTATI PECULIARITA' PRIMA REGIONE PER %RD PROCAPITE TRA I PIU BASSI D ITALIA PRODUZIONE di RU 2017 2,220

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Servizio Osservatorio Suolo e Rifiuti Dr. Giovanni Gasparetto Convegno Il Futuro del Recupero nella Regione Veneto 10 dicembre 2009, Sala Auditorium Provincia di

Dettagli

Totale

Totale FONTE INPS REGIONE: Veneto Ordinaria Straordinaria ANNO 2009 MESE Gennaio 432.928 31.995 464.923 Febbraio 841.733 53.450 895.183 Marzo 1.198.729 155.248 1.353.977 Aprile 2.213.711 308.222 2.521.933 Maggio

Dettagli

Relatore Wladimiro Boccali

Relatore Wladimiro Boccali Comune di Perugia ISWA World Solid Waste Congress Mercoledì 19 settembre 2012 Relatore Wladimiro Boccali Presidente ATI n. 2 Umbria Sindaco di Perugia L ATI n. 2 dell Umbria ISWA World Solid Waste Congress

Dettagli

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI NEL BACINO TERRITORIALE VICENZA

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI NEL BACINO TERRITORIALE VICENZA ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI NEL BACINO TERRITORIALE VICENZA Scheda sintetica Anno 2015 IL BACINO TERRITORIALE VICENZA Vicenza Comuni (n.) 92 Abitanti (n.) 684.539

Dettagli

Compilazione O.R.So.: inserimento dei dati e problematiche riscontrate

Compilazione O.R.So.: inserimento dei dati e problematiche riscontrate Compilazione O.R.So.: inserimento dei dati e problematiche riscontrate DGRV 288/2014 Obblighi per Comuni/Consorzi 1. 2. 3. Chiusura della scheda entro il 29 febbraio 2016 (ore 24) Invio della DICHIARAZIONE

Dettagli

indica che capite, che precedente Per quanto riguarda il Provincia di Varese Produzione totale rifiuti Anno rifiuti (kg/abitante.

indica che capite, che precedente Per quanto riguarda il Provincia di Varese Produzione totale rifiuti Anno rifiuti (kg/abitante. Raccolta differenziata in crescita: raggiunto il 63% La percentuale di Raccolta Differenziata nel 2013 raggiunge il 63%: siamo al 2 posto a livello regionale (ARPALOMBARDIA 2013) ed al 18 a livello nazionale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ANTICIPAZIONE DATI 2012 DI GESTIONE RIFIUTI

COMUNICATO STAMPA ANTICIPAZIONE DATI 2012 DI GESTIONE RIFIUTI Varese, 30 settembre 2013 COMUNICATO STAMPA ANTICIPAZIONE DATI 2012 DI GESTIONE RIFIUTI Raccolta differenziata in crescita: vicino l'obiettivo del 65% La percentuale di RD nel 2012 raggiunge il 62,94%,

Dettagli

ASCIT SpA Igiene Ambientale. A MARLIA e LAMMARI passiamo al. porta-a-porta. Settembre 2005

ASCIT SpA Igiene Ambientale. A MARLIA e LAMMARI passiamo al. porta-a-porta. Settembre 2005 ASCIT SpA Igiene Ambientale A MARLIA e LAMMARI passiamo al porta-a-porta! ASCIT SpA e la gestione rifiuti ASCIT SpA è azienda responsabile del servizio di igiene urbana per il Comune di Capannori ed altri

Dettagli

RIFIUTI e RESPONSABILITA. Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi

RIFIUTI e RESPONSABILITA. Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi RIFIUTI e RESPONSABILITA Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi Corigliano d Otranto 19 settembre 2012 Comune di Ponte nelle Alpi Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi Responsabilità

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI come rendere più efficiente la gestione dei rifiuti Bergamo, 10 maggio 00 Modello organizzativo provinciale e proposte per le aree turistiche Relatore: dott.ssa

Dettagli

CER % 0% 3% 4% 12%

CER % 0% 3% 4% 12% SETTORE AMBIENTE ED ATTIVITA PRODUTTIVE: La raccolta differenziata raggiunge nell anno 2012 una percentuale pari a 24,3 % della produzione comunale dei rifiuti di 27.863.000 kg, superando per la prima

Dettagli

Trattamento della frazione organica in Italia

Trattamento della frazione organica in Italia Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Roma, 17 maggio 2009 Trattamento della frazione organica in Italia David Newman, CIC Fonte: Andrea Lanz, ISPRA Produzione di Rifiuti Urbani, anni 1997-2007 35.000

Dettagli

SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI AZIONI DI ATTUAZIONE SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Pavia,

Dettagli

I DATI DEL 2004 EVIDENZIANO UN INCREMENTO SOSTANZIALE DELLA PRODUZIONE DI RIFIUTI PARI A CIRCA t. (7,3%). LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA

I DATI DEL 2004 EVIDENZIANO UN INCREMENTO SOSTANZIALE DELLA PRODUZIONE DI RIFIUTI PARI A CIRCA t. (7,3%). LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA I DATI DEL 2004 EVIDENZIANO UN INCREMENTO SOSTANZIALE DELLA PRODUZIONE DI RIFIUTI PARI A CIRCA 36.000 t. (7,3%). LA RACCOLTA DIFFERENZIATA HA REGISTRATO UN LIEVE INCREMENTO MA IL DATO SI MANTIENE COMUNQUE

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI IN LOMBARDIA

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI IN LOMBARDIA PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI IN LOMBARDIA ELABORAZIONI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI Fonte: Arpa Lombardia 11 Gennaio 2019 - Palazzo Lombardia, Milano PRODUZIONE RIFIUTI URBANI TOTALE E PRODUZIONE PRO

Dettagli

IL CICLO DEI RIFIUTI IN VENETO

IL CICLO DEI RIFIUTI IN VENETO Nuova programmazione, tecnologie sostenibili ed organizzazione del lavoro Luca Romano Direttore Local Area Network Padova 28 giugno 2013 Hotel CROWNE PLAZA Limena (Pd) Local Area Network s.r.l. Sede legale:

Dettagli

Da rifiuto a risorsa: l economia circolare nella gestione dei rifiuti urbani in Italia. Focus su Raccolta Differenziata

Da rifiuto a risorsa: l economia circolare nella gestione dei rifiuti urbani in Italia. Focus su Raccolta Differenziata Da rifiuto a risorsa: l economia circolare nella gestione dei rifiuti urbani in Italia Focus su Raccolta Differenziata Raccolta Differenziata Sistema di raccolta dei rifiuti che prevede una prima differenziazione

Dettagli

DGR 34/2016 Risultati sin qui conseguiti, aspetti tecnico-economici della raccolta 'porta a porta' e transizione a sistemi di tariffazione puntuale

DGR 34/2016 Risultati sin qui conseguiti, aspetti tecnico-economici della raccolta 'porta a porta' e transizione a sistemi di tariffazione puntuale DGR 34/2016 Risultati sin qui conseguiti, aspetti tecnico-economici della raccolta 'porta a porta' e transizione a sistemi di tariffazione puntuale RD 50,6% I dati a scala comunale e di ambito evidenziano

Dettagli

RIFIUTI E RESPONSABILITA Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi

RIFIUTI E RESPONSABILITA Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi RIFIUTI E RESPONSABILITA Ezio Orzes Assessore all Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi Responsabilità è Pensare Lontano Scegliere con responsabilità è necessaria una forte volontà politica che rinunci

Dettagli

I FATTORI CHE INFLUENZANO LA QUALITA DELLA FRAZIONE ORGANICA. Cavenago di Brianza (MI) - 11 Ottobre 2007 Cristian Roverato

I FATTORI CHE INFLUENZANO LA QUALITA DELLA FRAZIONE ORGANICA. Cavenago di Brianza (MI) - 11 Ottobre 2007 Cristian Roverato I FATTORI CHE INFLUENZANO LA QUALITA DELLA FRAZIONE ORGANICA Cavenago di Brianza (MI) - 11 Ottobre 2007 Cristian Roverato LA RACCOLTA DELL ORGANICO IN ITALIA -1994: 5 Comuni; -Fine 2006: 1.910 Comuni;

Dettagli

Brescia, nuovo sistema di raccolta rifiuti: cittadini volenterosi, costi in ascesa, risultati modesti. 25 febbraio 2017

Brescia, nuovo sistema di raccolta rifiuti: cittadini volenterosi, costi in ascesa, risultati modesti. 25 febbraio 2017 Brescia, nuovo sistema di raccolta rifiuti: cittadini volenterosi, costi in ascesa, risultati modesti 25 febbraio 2017 Come si valuta l efficacia di un sistema di raccolta? Confrontando i risultati con

Dettagli

Comuni dell Alta Padovana

Comuni dell Alta Padovana Integrazioni alla Prima Relazione Ambientale V.A.S. 1 Indice Depuratori...3 Depuratori e Imhoff con potenza effettiva (Abitanti equivalenti)...4 Aree ad elevata infiltrazione...5 Cave...6 discariche...7

Dettagli

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Paolo Contò Direttore del Consiglio di Bacino Priula 29 Aprile 2016 Milano

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI

RAPPORTO RIFIUTI URBANI RAPPORTO RIFIUTI URBANI L.R. 3/, art. 5 D.Lgs. n. 152/6 e ss mm ii, art. 199 Piano Regionale Gestione Rifiuti Urbani e Speciali, DCR n. 3/15, Elab A art. 5 Edizione 216 Produzione e Gestione 215 ARPAV

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI

RAPPORTO RIFIUTI URBANI RAPPORTO RIFIUTI URBANI L.R. 3/, art. 5 D.Lgs. n. 152/6 e ss mm ii, art. 199 Piano Regionale Gestione Rifiuti Urbani e Speciali, DCR n. 3/15, Elab A art. 5 Edizione 216 Produzione e Gestione 215 ARPAV

Dettagli

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Paolo Ganassi Dirigente Servizi Ambientali AIMAG SPA Impianti Aimag I Comuni

Dettagli

Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna

Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna Sabrina Freda Assessore Ambiente, Riqualificazione urbana 1 Il Sistema Emilia-Romagna: demografia regionale 2 A partire dalla metà degli anni novanta

Dettagli

RIEPILOGO QUANTITA' RIFIUTI CONFERITI - ANNO 2016

RIEPILOGO QUANTITA' RIFIUTI CONFERITI - ANNO 2016 RIEPILOGO QUANTITA' RIFIUTI CONFERITI - ANNO 2016 A SECCO (RESIDUO) 275.080 275,08 25,574 B RESIDUO PULIZIA STRADALE 20.240 20,24 1,882 C UMIDO 381.900 381,9 35,504 D SFALCI E POTATURE 4.200 4,2 0,390

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Abitanti Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Brescia N dei comuni 206 N delle schede da compilare 206 N delle schede compilate 206 % di copertura 10 Abitanti 1.265.359 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 1.265.359 Ab. dei Comuni

Dettagli

La Raccolta Differenziata Multimateriale

La Raccolta Differenziata Multimateriale La Raccolta Differenziata Multimateriale L esperienza del Gruppo Iren Utilitalia Roma, 16 febbraio 2017 1 Indice Iren Ambiente S.p.A.: inquadramento generale Focus Raccolte differenziate sui territori

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio % Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 Prot. n 184 Lavis, 1 marzo 216 OGGETTO: Grafici andamento triennale della raccolta rifiuti con dati aggiornati al 31

Dettagli

Approfondimenti sulla gestione dei rifiuti nel Comune di Casola Valsenio

Approfondimenti sulla gestione dei rifiuti nel Comune di Casola Valsenio Approfondimenti sulla gestione dei rifiuti nel Comune di Casola Valsenio Direzione Servizi Ambientali Area Romagna 9 Giugno 06 CAPITOLO La raccolta differenziata: obiettivi e stato di fatto Direzione Servizi

Dettagli

Città di Gardone Val Trompia Una città più PULITA è una città più TUA

Città di Gardone Val Trompia Una città più PULITA è una città più TUA Città di Gardone Val Trompia Una città più PULITA è una città più TUA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Confronto tra progetto e risultati primo anno Il percorso Criticità servizio vecchio Scarsa raccolta

Dettagli

CER IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 2013

CER IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 2013 Kg Kg RACCOLTA DIFFERENZIATA 213 percentuale frazioni percentuale raccolta CODICE TOTALE differenziate differenziata primo semestre 213 secondo semestre 213 CER 1511 IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 4.7 51.6

Dettagli

NON RIFIUTI MA RISORSE

NON RIFIUTI MA RISORSE Capannori (LU) studio_girardi@libero.it cell 3890792009 NON RIFIUTI MA RISORSE ECOLOGIA ECONOMIA Francesco Girardi I presupposti ECOLOGIA ECONOMIA 1 CONSUMATORE CONSAPEVOLE con le sue scelte condiziona

Dettagli

Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio.

Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio. Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio Dicembre 2016 Obiettivo del lavoro valutare gli effetti ambientali ed economici dell

Dettagli

COMUNE DI RACCUJA CALENDARIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA -DOMESTICO

COMUNE DI RACCUJA CALENDARIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA -DOMESTICO CALENDARIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA -DOMESTICO GENNAIO 2016 1 Venerdì 2 Sabato Umido ed organico 3 DOMENICA 4 Lunedì Umido ed organico 5 Martedì Secco indifferenziato carta e cartone 6 Mercoledì

Dettagli

Provincia di Monza e Brianza

Provincia di Monza e Brianza Provincia di Monza e Brianza N dei comuni 55 N delle schede da compilare 55 N delle schede compilate 55 % di copertura 1,% Abitanti 855.124 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 855.124 Ab. dei

Dettagli

Piano regionale rifiuti e Indicatori di monitoraggio

Piano regionale rifiuti e Indicatori di monitoraggio Servizio Osservatorio Rifiuti Piano regionale rifiuti e Indicatori di monitoraggio Treviso, 18 giugno 2014 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti FASE 1 ELABORAZIONE di Documento Preliminare

Dettagli

Ab x anno. (anagrafe) Regione Ufficio. Comune. Industria e Artigianato D Regione Regione Mio 5077

Ab x anno. (anagrafe) Regione Ufficio. Comune. Industria e Artigianato D Regione Regione Mio 5077 Indicatori per il monitoraggio del PRGR Territo riale dato Valore Aggiunto per Settore Economico Agricoltura D Regione Regione Mio 403 Industria e Artigianato D Regione Regione Mio 5077 Servizi, Turismo

Dettagli

8. Imperia. La produzione e la gestione dei rifiuti urbani nelle province liguri

8. Imperia. La produzione e la gestione dei rifiuti urbani nelle province liguri RAPPORTO RIFIUTI 2009 Imperia 27 REGIONE LIGURIA La produzione e la gestione dei rifiuti urbani nelle province liguri 8. Imperia 8.1 Popolazione della Provincia di Imperia e suddivisione della popolazione

Dettagli

SU MISURA PER VOI A MISURA DI AMBIENTE

SU MISURA PER VOI A MISURA DI AMBIENTE SU MISURA PER VOI A MISURA DI AMBIENTE COMUNE DI LIMANA Aggiornamento a maggio 2017 AREE ECOLOGICHE AREE ECOLOGICHE AREA ECOLOGICA STANDARD DA PROGETTO +2 + +2 AGGIUNTA / SPOSTAMENTO DI DOTAZIONI E DI

Dettagli

Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 2015

Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 2015 Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 215 OGGETTO: Grafici andamento triennale della raccolta rifiuti con dati aggiornati al

Dettagli

Il contributo del compostaggio di comunità al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e di riciclo. Andrea M.

Il contributo del compostaggio di comunità al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e di riciclo. Andrea M. Il contributo del compostaggio di comunità al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e di riciclo Andrea M. Lanz Produzione RU (1.000*t) 29.863,7 30.033,8 31.150,0 31.663,0 32.510,5 32.541,8

Dettagli

Prevenzione e tariffazione puntuale ad un anno dall approvazione della Legge Regionale sull economia circolare * * *

Prevenzione e tariffazione puntuale ad un anno dall approvazione della Legge Regionale sull economia circolare * * * Prevenzione e tariffazione puntuale ad un anno dall approvazione della Legge Regionale sull economia circolare * * * I Comuni e la tariffazione puntuale: L'esperienza del Comune di Soliera, Il secondo

Dettagli

Rifiuti RIFIUTI. Unità di misura. Fonte dei dati. Anno di riferimento. Copertura geografica. Indicatore/Indice DPSIR. Osservatorio Provinciale Rifiuti

Rifiuti RIFIUTI. Unità di misura. Fonte dei dati. Anno di riferimento. Copertura geografica. Indicatore/Indice DPSIR. Osservatorio Provinciale Rifiuti Rifiuti RIFIUTI Le problematiche connesse alla produzione di rifiuti hanno assunto negli ultimi decenni proporzioni sempre maggiori in relazione al miglioramento delle condizioni economiche, al veloce

Dettagli

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI VENEZIA

ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI VENEZIA ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti I URBANI IN PROVINCIA DI VENEZIA Scheda sintetica Anno 2013 LA PROVINCIA DI VENEZIA Comuni (n.) 44 Abitanti (n.) 859.235 Densità di popolazione (ab/km

Dettagli

Passaggi di attivazione dei servizi, esperienze italiani ed europei. Raphael Rossi

Passaggi di attivazione dei servizi, esperienze italiani ed europei. Raphael Rossi Tortona Venerdi 25 maggio Le raccolte domiciliari dei rifiuti urbani Passaggi di attivazione dei servizi, esperienze italiani ed europei Raphael Rossi raph.rossi@tiscali.it 1 Che cos è il porta a porta?

Dettagli

COMUNI RICICLONI Dell Emilia Romagna

COMUNI RICICLONI Dell Emilia Romagna COMUNI RICICLONI Dell Emilia Romagna in collaborazione con: Bologna, 5 febbraio 2010 sponsor: LO STUDIO OBIETTIVI: Verifica del grado di conoscenza e consapevolezza da parte dei comuni Fare emergere situazioni

Dettagli

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI ISOLA VICENTINA 2015

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI ISOLA VICENTINA 2015 NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI ISOLA VICENTINA 2015 INDICE 1. Soraris si presenta 2. La tariffa 3. Il nuovo sistema di raccolta rifiuti 4. Domande SOCIETA PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Dettagli

PREMESSA BOTTIGLIE IN VETRO

PREMESSA BOTTIGLIE IN VETRO PREMESSA Nel Comune di Bastia Umbra, nel corso degli anni 2010 2012 è stato progressivamente attivato un servizio di raccolta domiciliare, cosiddetto «porta a porta», consistente nella consegna di n 4

Dettagli

A.E.M. GESTIONI S.r.l. RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA PORTA = PRIMI RISULTATI = Zona CAVATIGOZZI

A.E.M. GESTIONI S.r.l. RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA PORTA = PRIMI RISULTATI = Zona CAVATIGOZZI = PRIMI RISULTATI = Zona CAVATIGOZZI Periodo di osservazione: 4 settimane (dal 4/10 al 31/10/2010). CARTA 6.590 PLASTICA 3.400 33,40 VETRO + LATTINE 4.380 VERDE cassone 7.060 85,20 verde cassone 16,40

Dettagli

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE integrata con un nuovo sistema di raccolta rifiuti (TIA + -BINGest ) p.i. Zanardello Samuele NOVE (VI) 1- La raccolta dei Rifiuti anno 2016 GRAZIE ALLA COLLABORAZIONE DEI

Dettagli

LE CITTÀ E I RIFIUTI DATI A CONFRONTO 2011

LE CITTÀ E I RIFIUTI DATI A CONFRONTO 2011 LE CITTÀ E I RIFIUTI DATI A CONFRONTO 211 A cura di: Assessore alle Politiche Ambientali Paolo Dalla Vecchia Settore Politiche Ambientali Massimo Gattolin (Dirigente) Gianpietro Manente (Referente) Osservatorio

Dettagli

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI CO.S.R.A.B - CONSORZIO SMALTIMENTO RIFIUTI AREA BIELLESE: Vi partecipano tutti i comuni della Provincia; Ha ruolo di programmazione e gestione in materia di rifiuti;

Dettagli

La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei. rifiuti urbani

La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei. rifiuti urbani La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani Deliberazione Giunta regionale n. 69/15 del 23.12.2016 Cagliari, 21 Settembre 2017 Salvatore Pinna Gerarchia dei rifiuti Elemento

Dettagli

Documento Preliminare Piano d Ambito Gestione Rifiuti ATO 1 Pesaro e Urbino

Documento Preliminare Piano d Ambito Gestione Rifiuti ATO 1 Pesaro e Urbino Documento Preliminare Piano d Ambito Gestione Rifiuti ATO 1 Pesaro e Urbino La programmazione del Piano d Ambito Stato attuale del Documento Preliminare Iter redazione ed approvazione Piano d Ambito Gestione

Dettagli

Roma, 27 maggio 2015. Comune di. Mar-gnacco. Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del. Comune di. Martignacco (Udine)

Roma, 27 maggio 2015. Comune di. Mar-gnacco. Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del. Comune di. Martignacco (Udine) Roma, 27 maggio 2015 Comune di Mar-gnacco Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del Comune di Martignacco (Udine) Comune di Martignacco Ø 7.000 abitanti circa nell hinterland della Città

Dettagli

PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,42 RACCOLTA DIFFERENZIATA (%) 43,9% 2,6% MEDIA COMUNALE DI RACCOLTE 12,7-2,4%

PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,42 RACCOLTA DIFFERENZIATA (%) 43,9% 2,6% MEDIA COMUNALE DI RACCOLTE 12,7-2,4% Rifiuti urbani report regionale 2006 Regione Lombardia N dei comuni 1.546 N delle schede da compilare 1.541 N delle schede compilate 1.541 % di copertura 100,0% Abitanti 9.546.030 Ab. dei Comuni che hanno

Dettagli

PIANO D AMBITO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI

PIANO D AMBITO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI PIANO D AMBITO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI Montecchio Maggiore, 23 novembre 2011 Autorità Procedente ATO Vicentino RU Autorità Competente per la VAS Commissione Regionale VAS Quadro

Dettagli

RIFIUTI & RESPONSABILITA

RIFIUTI & RESPONSABILITA RIFIUTI & RESPONSABILITA L esperienza del Comune di Ponte nelle Alpi Ass. all'ambiente Ezio Orzes Responsabilità istituzionale Superare l approccio delle istituzioni che saltando la raccolta si concentrano

Dettagli