RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI"

Transcript

1 Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Chieti al n.649, in merito all intervento oggetto della presente denominato formazione del catasto degli aggregati da realizzarsi nel Comune di San Demetrio Ne Vestini (Aq), in seguito all Avviso Pubblico del 17/04/2010 con il quale è stato avviato il procedimento amministrativo per la formazione e la successiva adozione del Catasto degli aggregati edilizi, esaminate le richieste accolte a protocollo e gli allegati elaborati grafici per la formazione di consorzi spontanei e la perimetrazione degli aggregati edilizi in base alle OPCM n.3820 del 12/11/2009, OPCM n.3832 del 22/12/2009 e successive disposizioni e/o integrazioni, sulla base degli elementi emersi e verificati sul posto, espone la seguente relazione parte integrante e sostanziale degli elaborati grafici. 2. ANALISI DEL TESSUTO URBANO 2.1 Formazione ed evoluzione del tessuto urbano La formazione del tessuto urbano di San Demetrio N.V. risale al basso Medioevo e precisamente ai secoli X e XI. Il tessuto urbano, sin dalla sua formazione, è distinto in aggregazioni ancora oggi ben distinte e rintracciabili con il nome di ville. Le stesse portano ancora i nomi rintracciate nelle fonti storiografiche: Cavantoni, Colle, Cardabello, Collarano, Cardamone, San Giovanni, Villa Grande e la frazione di Stiffe. La storia di San Demetrio è strettamente collegata con quella della città di L'Aquila e alla sua fondazione nel Dalla fine del XV secolo rivendica una sua autonomia amministrativa, economica ed ecclesiastica rispetto all'egemonia aquilana. Man mano che la popolazione aumenta, grazie anche alle risorse economiche del paese, basate sulla coltivazione di cereali, dello zafferano e sulla pastorizia, nasce una nuova borghesia legata alle famiglie Marimpietri, Cappa, Cappelli e Visca. L economia del paese si sviluppa ulteriormente fino al XVI secolo. Nelle epoche successive San Demetrio N.V. segue le vicende dell aquilano e dell Abruzzo fino all eversione della feudalità e l unità d Italia. 2.2 Individuazione degli aggregati edilizi storici Da una lettura della cartografia attuale e sulla scorta delle fonti storiografiche si possono individuare gli aggregati edilizi storici. Di questi si possono facilmente individuare quelli di Cardamone, Cardabello e Collarano, distinti dal nucleo centrale di San Demetrio N.V. e caratterizzate da un tessuto edilizio aggregatosi sulle strade storiche che li attraversano. La villa di San Giovanni si trova su un altura nella direzione Nord-Est del territorio ed è caratterizzata da un edilizia omogenea ed un evidente nucleo urbanistico. La frazione di Stiffe, nella parte meridionale del territorio di San Demetrio N.V. presenta forti analogie con Villa S.Giovanni per la sua conformazione ed omogeneità urbanistica. L aggregato edilizio presenta segni di fortificazione testimoniate anche da eventi storici come la resistenza all assedio del Le rimanenti ville di Cavantoni, Colle e Villa Grande costituiscono il nucleo più omogeneo e riconoscibile nella parte centrale del territorio con chiese, palazzi ed edifici rappresentativi del periodo rinascimentale di formazione e delle epoche più recenti con le chiese di S.Maria, S.Giovanni ed il Palazzo Cappelli. Arch. Tiziana Del Roio - Via S.Antonio n. 1 - Atessa (Ch) pag. 1 di 7

2 Il territorio di San Demetrio N.V. Arch. Tiziana Del Roio - Via S.Antonio n. 1 - Atessa (Ch) pag. 2 di 7

3 Planimetria ed individuazione delle Ville Arch. Tiziana Del Roio - Via S.Antonio n. 1 - Atessa (Ch) pag. 3 di 7

4 3. I DANNI DEL SISMA DEL 6 APRILE Individuazione dei danni I danni del sisma del 6 aprile 2009 sono concentrati negli aggregati edilizi storici o comunque realizzati in muratura portante. La vasta casistica registrata dalle squadre di sopralluogo nel rilevamento dei danni, ha evidenziato una disomogeneità delle costruzioni prevalentemente in muratura portante. I rimaneggiamenti, le modifiche e le ristrutturazioni affrontate senza miglioramento sismico, hanno causato differenti tipologie di danni e comportamenti strutturali che non rendono omogeneo il quadro generale. Nelle classificazioni e gli esiti delle squadre impegnate nei sopralluoghi per l individuazione dei danni, si riscontrano il maggior numero di danni nell edilizia storica, mentre gli edifici di recente costruzione delle zone di espansione non hanno avuto danni significativi. 3.2 Tipologia, tecniche costruttive e danni I danni registrati sono legati, in molteplici casi, non alle tecniche costruttive che tengono comunque conto della sismicità dell area, ma all indebolimento strutturale degli edifici. I motivi, oltre a quelli già menzionati sono anche legati alla scarsa manutenzione. I danni più diffusi sono quelli legati all assenza di cerchiature/tiranti negli orizzontamenti e nelle coperture spingenti, le lesioni per cattivo ammorsamento nei nodi strutturali e lo spanciamento delle murature a sacco. Arch. Tiziana Del Roio - Via S.Antonio n. 1 - Atessa (Ch) pag. 4 di 7

5 Arch. Tiziana Del Roio - Via S.Antonio n. 1 - Atessa (Ch) pag. 5 di 7

6 4. COSTITUZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 4.1 Direttive sulla costituzione degli aggregati edilizi Il Comune di San Demetrio N.V. è incluso nell elenco dei Comuni interessati dal sisma del 6 aprile 2009 come si evince dal Decreto Legge del 28/04/2009 n.39 convertito e modificato dalla Legge n.77 del 24/06/2009. L amministrazione comunale, tenuto conto delle OPCM n.3820 e 3832, promuove la formazione e la successiva adozione del Catasto degli Aggregati edilizi. La formazione del Catasto degli aggregati edilizi è propedeutica alla perimetrazione dei centri e dei nuclei di particolare interesse storico, alla ripianificazione del territorio comunale e alla predisposizione del Piano di Ricostruzione del centro storico di cui ai commi 12 bis dell art. 2 e 5 bis dell art. 14 del decreto legge 39/09, convertito e modificato con la Legge n. 77 del 24 giugno La perimetrazione dei centri e dei nuclei di particolare interesse storico, la ripianificazione del territorio comunale e la predisposizione del Piano di Ricostruzione del centro storico seguiranno le direttive del Commissario delegato. L individuazione degli edifici o di complessi di edifici aventi unitarietà e tra loro strutturalmente collegati che costituiranno oggetto di progetti unitari nonché le indicazione e le modalità di redazione dei progetti esecutivi saranno annoverate nel Piano di Ricostruzione. Con l Avviso Pubblico del 17/04/2010, con il quale è stato avviato il procedimento amministrativo per la formazione e la successiva adozione del Catasto degli aggregati edilizi, in forma di consorzi spontanei e non, si procederà alla perimetrazione degli aggregati edilizi in base alle OPCM n.3820 del 12/11/2009, OPCM n.3832 del 22/12/2009 e successive disposizioni e/o integrazioni. 4.2 Perimetrazione degli aggregati Sono state individuate delle perimetrazioni degli aggregati edilizi distinguendo, con opportuna simbologia, l edilizia corrente, gli edifici pubblici, gli edifici di interesse storico-architettonico (in particolare gli edifici di culto) e gli edifici artigianali e/o industriali. Per aggregato strutturale si intende un insieme di edifici tra loro collegati strutturalmente in genere coincidente con un isolato. All interno di quest ultimi vengono individuati, con consorzio spontaneo dei proprietari, o con delimitazione secondo le direttive suddette, gli aggregati edilizi delle dimensioni comprese tra 300 e 1000 mq. All interno degli aggregati edilizi vengono distinte le UMI (unità minime di intervento), non necessariamente coincidenti con le particelle catastali, caratterizzate da omogeneità tipologica, continuità delle chiusura verticali, omogeneità delle quote degli orizzontamenti. Per l argomento si rimanda alla/alle planimetria/e allegata/e con l individuazione degli aggragati 5. CONCLUSIONI 5.1 Consorzi spontanei Nella fase avviata con l Avviso Pubblico del 17/04/2010 con il quale è iniziato il procedimento amministrativo per la formazione e la successiva adozione del Catasto degli aggregati edilizi, vengono incentivate le formazioni di consorzi spontanei per la perimetrazione degli aggregati edilizi in base alle OPCM n.3820 del 12/11/2009, OPCM n.3832 del 22/12/2009 e successive disposizioni e/o integrazioni. Tali consorzi spontanei consentono la formazione del Catasto degli aggregati edilizi. 5.2 Svincoli per interventi su singoli edifici e ridefinizione degli aggregati All interno degli aggregati individuati sarà consentito, previa autorizzazione comunale, l intervento nei singoli immobili. Tali interventi potranno essere autorizzati dietro dimostrazione della compatibilità complessiva del singolo intervento all interno degli interventi unitari e sulla base di una perizia tecnica che riguardi l intero aggregato e le Arch. Tiziana Del Roio - Via S.Antonio n. 1 - Atessa (Ch) pag. 6 di 7

7 relazioni dei singoli edifici. È disposto che per ogni aggregato edilizio, per le parti comuni, sia previsto un solo progettista e direttore dei lavori e/o una sola associazione di progettisti e direttori dei lavori. Nelle more della individuazione e perimetrazione degli aggregati, le proposte progettuali relative a interventi su singoli edifici/umi di un aggregato sono autorizzate se è dimostrata la compatibilità complessiva dei singoli interventi con riferimento agli interventi unitari, sulla base di una perizia tecnica che riguarda l intero aggregato e le relazioni fra i singoli edifici. Le modalità e le tipologie d intervento da attuare nel singolo edificio/umi, non dovranno inficiare e/o influenzare l intervento unitario successivo dell aggregato edilizio. Il progetto dell intervento riguardante il singolo immobile/umi deve contenere e dimostrare, attraverso opportuni elaborati tecnici, le prescrizioni progettuali unitarie e garantire la compatibilità con l intervento unitario da realizzare. A tal proposito è opportuno che, all interno dell aggregato, il progettista tenga conto delle tipologie di danno differenti (esplicitate con esito diverso) anche in presenza di elementi strutturali comuni (ad esempio muro portante in comunione, strutture fondali comuni, porzione di solai e strutture di copertura comuni) tra edifici con esiti diversi. Il proponente autorizzato ai lavori nel singolo edificio/umi rilascerà nulla osta per eventuali ulteriori lavori all interno della sua proprietà o su parti comuni ad essa che siano necessari per l esecuzione dell intervento unitario nell aggregato edilizio a cui appartiene. L intervento nel singolo immobile/umi potrà interessare solo quelli classificati con esito A e B. A seguito dell autorizzazione per gli interventi nei singoli immobili/umi, questi ultimi verranno stralciati dalla perimetrazione dell aggregato al quale appartengono che, conseguentemente, verrà nuovamente perimetrato ed aggiornato con l esclusione dell immobile/umi svincolato. Per gli interventi sugli immobili/umi in atto, già attuati o autorizzati con la procedura descritta nella presente, il direttore dei lavori dovrà certificare il ripristino della funzionalità strutturale ed abitativa necessarie per le autorizzazioni comunali di abitabilità. 5.3 Perimetrazione finale degli aggregati e adempimenti successivi Nella fase successiva alla scadenza dell Avviso Pubblico del 17/04/2010 il Catasto degli aggregati edilizi dovrà necessariamente essere ultimato d ufficio con l individuazione, sulla base degli stessi parametri, dei rimanenti aggregati edilizi. All ultimazione del Catasto degli aggregati edilizi seguiranno la perimetrazione dei centri e dei nuclei di particolare interesse storico, la ripianificazione del territorio comunale e la predisposizione del Piano di Ricostruzione del centro storico di cui ai commi 12 bis dell art. 2 e 5 bis dell art. 14 del decreto legge 39/09, convertito e modificato con la Legge n. 77 del 24 giugno In allegato planimetrie con perimetrazione degli aggregati San Demetrio Ne Vestini (Aq), Arch. Tiziana Del Roio Arch. Tiziana Del Roio - Via S.Antonio n. 1 - Atessa (Ch) pag. 7 di 7

COMUNE DI CELANO SISMA 6 APRILE 2009- LINEE GIUDA AGGREGATI EDILIZI. Area Tecnica Ufficio Sisma. I Bozza

COMUNE DI CELANO SISMA 6 APRILE 2009- LINEE GIUDA AGGREGATI EDILIZI. Area Tecnica Ufficio Sisma. I Bozza COMUNE DI CELANO SISMA 6 APRILE 2009- LINEE GIUDA AGGREGATI EDILIZI I Bozza Area Tecnica Ufficio Sisma 1 Indice Introduzione pag. 3 Descrizione della procedura pag. 4 Regolamento - Art 1 Definizioni pag.

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

QUESITI SUGLI EDIFICI Siamo proprietari di un edificio classificato E. Il computo redatto per la riparazione e il miglioramento sismico dell edificio

QUESITI SUGLI EDIFICI Siamo proprietari di un edificio classificato E. Il computo redatto per la riparazione e il miglioramento sismico dell edificio QUESITI SUGLI EDIFICI Siamo proprietari di un edificio classificato E. Il computo redatto per la riparazione e il miglioramento sismico dell edificio supera il limite di convenienza economica di cui al

Dettagli

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PROGETTO : PROPOSTA DI INTERVENTO PORZIONE AGGREGATO IN FORMATO DIGITALE

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PROGETTO : PROPOSTA DI INTERVENTO PORZIONE AGGREGATO IN FORMATO DIGITALE MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PROGETTO : PROPOSTA DI INTERVENTO PORZIONE AGGREGATO IN FORMATO DIGITALE Avviso pubblico di cui al co.3, art.6 Decreto Commissario Delegato alla Ricostruzione n.3,

Dettagli

COMUNE DI CAPESTRANO

COMUNE DI CAPESTRANO COMUNE DI CAPESTRANO Provincia di L Aquila (AQ) AREA EMERGENZA SISMA-UFFICIO RICOSTRUZIONE DECRETO DEL SINDACO DECRETO PROT. N 3363 del 7 dicembre 2012 OGGETTO: PROGRAMMA DI INTERVENTI PREVISTI DAL PIANO

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari PROPOSTA DI DELIBERAZIONE N. 218 DEL 31.07.2015 CONSIGLIO COMUNALE GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL COMUNE DI SAN VITO (CA) FRAZIONE DI SAN

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ABRUZZO

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ABRUZZO Prot. n. 11 / FR / AQ L Aquila, 14 marzo 2012 Al Commissario delegato per la Ricostruzione Dr. Gianni Chiodi Al Coordinatore della Struttura Tecnica di Missione Arch. Gaetano Fontana Alla ReLUIS c/o Scuola

Dettagli

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO. Nucleo: CIVITELLA

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO. Nucleo: CIVITELLA PROVINCIA DI FORLI'-CESENA COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEI CENTRI STORICI Art. A-7 L.R. 24 marzo 2000, n. 20 SCHEDE DI

Dettagli

PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA-bis Modulo redatto da DS

PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA-bis Modulo redatto da DS PSD D62 -bis PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: DISEGNO E PROGETTAZIONE DOCENTE: UGO NIEDDU PIANO DELLE DELLA 5 GEO A.S. 2012-2013 della ABILITA n. 1 SISTEMI COSTRUTTIVI i tipi di strutture portanti

Dettagli

IV ASPETTI TECNICI DELLA RICOSTRUZIONE

IV ASPETTI TECNICI DELLA RICOSTRUZIONE IV ASPETTI TECNICI DELLA RICOSTRUZIONE 1. Novità Procedurali Rispetto ai precedenti terremoti che hanno interessato l Italia negli ultimi 10-15 anni, significative novità tecnico-procedurali per l attuazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa

Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa REPORT Febbraio 2012 Analisi conoscitiva preliminare morfologia urbana percorsi e spazi pubblici stato di danno rilievo speditivo degli aggregati lessico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAMENTO

SCHEDA DI RILEVAMENTO SCHEDA DI RILEVAMENTO Comune di Calcio Provincia di Bergamo Patrimonio edilizio di antica formazione SCHEDA DI RILEVAMENTO Data 28/07/2003 1 2 3 3 LOCALITA : N. UNITA DI ISOLATO 23 Via P.ZZA GIROLAMO SILVESTRI

Dettagli

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea).

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea). VARIANTE URBANISTICA AL PRG VIGENTE RELATIVA A CINQUE IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI FIRENZE, DELLA REGIONE TOSCANA, DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E DEL DEMANIO DELLO STATO A SEGUITO DELPROTOCOLLO D

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale REGIONE ABRUZZO DIREZIONE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO, GESTIONE INTEGRATA DEI BACINI IDROGRAFICI, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA Allegato 1 Servizio Edilizia Residenziale Via Salaria Antica

Dettagli

Associazione Nazionale Geometri Per la Protezione Civile

Associazione Nazionale Geometri Per la Protezione Civile ATTIVITA DEL GEOMETRA NELLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA AeDES.: FABBRICATO con esito di agibilità E C.O.C. VIGARANO MAINARDA (FE) Sisma 2012 EMILIA ROMAGNA Geom. Michele Levorato Geom. Pietro Tracco PADOVA,

Dettagli

ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA

ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA Oggetto: L.R. n. 29/98 e successive modifiche e integrazioni: Tutela e valorizzazione dei centri storici della Sardegna Bando Per concessione ed erogazione di un contributo per interventi di recupero,

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 RELAZIONE GENERALE DEL PROGETTO ESECUTIVO Articolo 34 del Regolamento approvato con D.P.R.207/2010

Dettagli

Disposizioni applicative della legge regionale 21 /12 /2012 n.16

Disposizioni applicative della legge regionale 21 /12 /2012 n.16 3 SETTORE TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO URBANISTICA Disposizioni applicative della legge regionale 21 /12 /2012 n.16 per gli interventi di riparazione, ripristino con miglioramento sismico e

Dettagli

ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE

ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE Norme di Attuazione 1^Variante Generale al PGT approvato con D.C.C. n. 33 dl 23.07.2008 o la modifica della tipologia

Dettagli

C O M U N E D I L O R O C I U F F E N N A P R O V I N C I A D I A R E Z Z O

C O M U N E D I L O R O C I U F F E N N A P R O V I N C I A D I A R E Z Z O C O M U N E D I L O R O C I U F F E N N A P R O V I N C I A D I A R E Z Z O UNI EN ISO 9001 BANDO PER IL FINANZIAMENTO A FONDO PERSO DI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E/ O RESTAURO CONSERVATIVO DI

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sui beni Immobili detenuti dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2012

Patrimonio della PA. Rapporto sui beni Immobili detenuti dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2012 Patrimonio della PA Rapporto sui beni Immobili detenuti dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2012 Luglio 2014 INDICE Premessa e sintesi 2 1 Le Amministrazioni che hanno comunicato i dati 3 2

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via Roma/Q. Di Vona n civico: s.n.c Superficie

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Interventi locali, miglioramenti, adeguamenti, demolizioni e ricostruzioni in aggregato. Problemi progettuali e attuativi

Interventi locali, miglioramenti, adeguamenti, demolizioni e ricostruzioni in aggregato. Problemi progettuali e attuativi Seminario Interventi di Ricostruzione negli Edifici Aggregati Interventi locali, miglioramenti, adeguamenti, demolizioni e ricostruzioni in aggregato Problemi progettuali e attuativi di cosa parliamo Definizione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Piano della Ricostruzione

Piano della Ricostruzione COMUNE di BONDENO Provincia di Ferrara Settore Tecnico Servizio Pianificazione e Paesaggio Piano della Ricostruzione ai sensi dell'art. 12 della L.R. N. 16/2012 e s.m.i. Piano Organico ai sensi dell'art.1

Dettagli

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici Provincia di Pavia ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Progettisti Incaricati dott. ing. Fabrizio Sisti via C. Battisti, 46-27049 Stradella (PV) dott. arch. Giuseppe Dondi via San Pietro,

Dettagli

1. Modalità di intervento ammesse per il patrimonio storico edilizio esistente

1. Modalità di intervento ammesse per il patrimonio storico edilizio esistente Indice 1. Modalità di intervento ammesse per il patrimonio storico edilizio esistente 1.1 Legge Regionale 11 marzo 2005, n. 12 Legge per il governo del territorio 1.2 Modalità di intervento ammesse nella

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE

AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Schema di Disegno di Legge Regionale

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 12 ottobre 2007 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri per la valutazione e la riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

FALLIMENTO n 15/04 TRIBUNALE DI BENEVENTO SEZIONE FALLIMENTARE

FALLIMENTO n 15/04 TRIBUNALE DI BENEVENTO SEZIONE FALLIMENTARE TRIBUNALE DI BENEVENTO SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO n 15/04 RELAZIONE TECNICA INTEGRATIVA DI STIMA DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETA DELLA CASALIA CONSORTIUM in Airola alla Via Schito GIUDICE DELEGATO

Dettagli

Comune di Barisciano (AQ) Comune di Barisciano. _IL SINDACO Responsabile Area Sisma geom. Francesco di Paolo

Comune di Barisciano (AQ) Comune di Barisciano. _IL SINDACO Responsabile Area Sisma geom. Francesco di Paolo Comune di Barisciano (AQ) PIANO DI RICOSTRUZIONE DI BARISCIANO : VILLA DI MEZZO AMBITO: P.A -P.A Comune di Barisciano _IL SINDACO Responsabile Area Sisma geom. Francesco di Paolo _UFFICIO AREA SISMA Ing.

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

Analisi delle microzone catastali 1 e 2 ( M1 e M2 ) del Comune di Lecce.

Analisi delle microzone catastali 1 e 2 ( M1 e M2 ) del Comune di Lecce. Analisi delle microzone catastali 1 e 2 ( M1 e M2 ) del Comune di Lecce. L Ordine degli Ingegneri della Provincia di Lecce, su sollecitazione di numerosi iscritti, ha istituito apposito gruppo di lavoro

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli

STUDIO BETA ASSOCIATI via Castiglione, 31 40124 BOLOGNA tel. 051 270290 fax 051 2915203 E-Mail: info@studiobeta.bo.it P.

STUDIO BETA ASSOCIATI via Castiglione, 31 40124 BOLOGNA tel. 051 270290 fax 051 2915203 E-Mail: info@studiobeta.bo.it P. STUDIO BETA ASSOCIATI via Castiglione, 31 40124 BOLOGNA tel. 051 270290 fax 051 2915203 E-Mail: info@studiobeta.bo.it P.IVA 01998241200 COMUNE DI CARPI MO OSSERVAZIONE ALLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

CALCOLO COMPETENZE DA PORRE A BASE DI GARA

CALCOLO COMPETENZE DA PORRE A BASE DI GARA CALCOLO COMPETENZE DA PORRE A BASE DI GARA QUADRO ECONOMICO opera complessiva A1) Importo presunto lavori A CORPO posti a base d'asta 4 980 000,00 di cui per oneri sulla sicurezza non soggetti a ribasso

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Regolarizzazione chiusura verande e balconi (art. 20 L.R. 16 aprile 2003 n. 4) Immobile sito in via Ditta - P.E. n.

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Regolarizzazione chiusura verande e balconi (art. 20 L.R. 16 aprile 2003 n. 4) Immobile sito in via Ditta - P.E. n. RELAZIONE TECNICA Oggetto: Regolarizzazione chiusura verande e balconi (art. 20 L.R. 16 aprile 2003 n. 4) Immobile sito in via Ditta - P.E. n. Il sottoscritto.., nato a... il..., (C.F....), residente a..

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

riformulato dall art. 36 del T.U. 380/01, dei lavori realizzati in assenza dell atto autorizzativo

riformulato dall art. 36 del T.U. 380/01, dei lavori realizzati in assenza dell atto autorizzativo PERIZIA GIURATA Oggetto: Accertamento doppia conformità opere realizzate in assenza di atto autorizzativo nell immobile sito in via. Distinto in catasto al Foglio.. p.lla Ditta -.. Il sottoscritto Ing/Arch....,

Dettagli

OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila.

OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila. ORDINANZA 814 Prot. n 42760 del 25 ottobre 2010 OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila. PREMESSO Che il territorio del Comune dell Aquila, insieme a quello di altri

Dettagli

QUADRO RIEPILOGATIVO DEL PIANO DI RICOSTRUZIONE... 2 1. DATI QUANTITATIVI... 2 2. QUADRO DI SINTESI DEGLI INTERVENTI PREVISTI... 3

QUADRO RIEPILOGATIVO DEL PIANO DI RICOSTRUZIONE... 2 1. DATI QUANTITATIVI... 2 2. QUADRO DI SINTESI DEGLI INTERVENTI PREVISTI... 3 Comune di Fagnano Alto (AQ) Pag. 1 di 9 INDICE QUADRO RIEPILOGATIVO DEL PIANO DI RICOSTRUZIONE... 2 1. DATI QUANTITATIVI... 2 2. QUADRO DI SINTESI DEGLI INTERVENTI PREVISTI... 3 3. QUADRO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

VARIANTE PARZIALE N. 245 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.)

VARIANTE PARZIALE N. 245 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.) DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA COORDINAMENTO PIANIFICAZIONE URBANISTICA SETTORE STRUMENTAZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA VIA MEUCCI, 4 VARIANTE PARZIALE N. 245 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi. dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.it Comune di xxx Provincia di xxx C O L L A U D O S T A T I C O SCUOLA

Dettagli

RELAZIONE DI ANALISI

RELAZIONE DI ANALISI CITTA DI VENTIMIGLIA Prov. di Imperia P. Iva/C.f. 00247210081 Piazza della Libertà, 3 18039 Ventimiglia (IM) Tel. 0184 2801 - Fax 0184-352581 PEC comune.ventimiglia@legalmail.it PIANO DEL COLORE DEL CENTRO

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO per la disciplina I.M.U. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. n del INDICE ART. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE E SCOPO DEL REGOLAMENTO ART. 2 - ABITAZIONE

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE Dal 1 ottobre 2015 entrano in vigore i nuovi decreti attuativi in materia di prestazione e certificazione energetica. Cosa cambia concretamente?

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA. 16,10 32.200,00 6.559,56 autorimesse 14 305 3 C6 Stalle, scuderie, rimesse,

RELAZIONE DI STIMA. 16,10 32.200,00 6.559,56 autorimesse 14 305 3 C6 Stalle, scuderie, rimesse, RELAZIONE DI STIMA Protocollo n 2266656 Fascicolo 1546 Data incarico 30/12/2009 Data sopralluogo 04/01/2010 GENERALITÀ DEL PERITO INCARICATO Nome Arch. Nato il 30/10/1949 Studio presso Note: Iscrizione

Dettagli

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST CONSISTENZA (mq) 5.000 circa CONSISTENZA RAGGUAGLIATA 3.805

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

Oggetto: Osservazioni al Piano di Governo del Territorio (PGT) ai. sensi dell art. 13 comma 4 della legge Regione Lombardia 11.03.

Oggetto: Osservazioni al Piano di Governo del Territorio (PGT) ai. sensi dell art. 13 comma 4 della legge Regione Lombardia 11.03. Egr. Sig. Sindaco del Comune di Ospedaletto Lodigiano (LO) Piazza Roma, 6 26864 Ospedaletto Lodigiano (LO) Oggetto: Osservazioni al Piano di Governo del Territorio (PGT) ai sensi dell art. 13 comma 4 della

Dettagli

Consulenza tecnica all atto di trasferimento

Consulenza tecnica all atto di trasferimento Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica P08 Estimo e attività peritale Consulenza tecnica all atto di trasferimento Sommario Il presente documento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. INDICE ART. 1 - FINALITA ART. 2 - ABITAZIONE PRINCIPALE ART. 3 PERTINENZE ART. 4 - FABBRICATI NON ULTIMATI, COLLABENTI O SOGGETTI AD

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

COMUNE DI PRETORO Provincia di Chieti

COMUNE DI PRETORO Provincia di Chieti COMUNE DI PRETORO Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI AI FINI DELL IMPOSTA COMUNALE IMMOBILI (I.C.I.) PER INTERVENTI SU IMMOBILI UBICATI NEL CENTRO STORICO. Approvato con delibera

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

REGIONE CALABRIA. (OCDPC 171 del 19.06.2014 - art. 2 Comma 1 punto b) IL DIRIGENTE GENERALE

REGIONE CALABRIA. (OCDPC 171 del 19.06.2014 - art. 2 Comma 1 punto b) IL DIRIGENTE GENERALE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA ESECUZIONE DI INTERVENTI STRUTTURALI DI RAFFORZAMENTO LOCALE O DI MIGLIORAMENTO SISMICO O, EVENTUALMENTE, DI DEMOLIZIONE E

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

RINFORZO STRUTTURALE DEL CAPANNONE DELLA SANOFI AVENTIS A SEGUITO DEL SISMA DELL ABRUZZO DEL 6 APRILE 2009

RINFORZO STRUTTURALE DEL CAPANNONE DELLA SANOFI AVENTIS A SEGUITO DEL SISMA DELL ABRUZZO DEL 6 APRILE 2009 RINFORZO STRUTTURALE DEL CAPANNONE DELLA SANOFI AVENTIS A SEGUITO DEL SISMA DELL ABRUZZO DEL 6 APRILE 2009 L intervento è finalizzato al rinforzo dei pilastri con l impiego di materiali fibrorinforzati

Dettagli

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente.

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. PREMESSO Che con D.C.C. n. 106 del 21.12.1993 modificata con DCC n.17 del 1997 si approvava

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Rientra il consigliere comunale Dilillo IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: In data 14/04/2005, con nota Prot. n.22485 i Sigg.ri Palmitessa Francesco,Palmitessa Giuseppe, Palmitessa Angela Raffaella, nella

Dettagli

CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA

CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA AI FINI DELL'ATTESTAZIONE DELLA SUSSISTENZA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA - ART. 24 T.U.E. (PER OPERE NON SOGGETTE A DENUNCIA C.A. ART. 65 T.U.E.) E AI SENSI ART. 35 LEGGE

Dettagli

MARCA DA BOLLO. DATI RELATIVI AI RICHIEDENTI Il / i sottoscritto /i Cognome denominazione o ragione sociale

MARCA DA BOLLO. DATI RELATIVI AI RICHIEDENTI Il / i sottoscritto /i Cognome denominazione o ragione sociale MARCA DA BOLLO RISERVATO ALL UFFICIO CITTÀ DI CHIERI AREA PROGRAMMAZIONE TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA ai sensi del D.L. n.269/2003 convertito nella

Dettagli

Edilizia ed Energie Alternative

Edilizia ed Energie Alternative Edilizia ed Energie Alternative Università degli Studi di Firenze Ordine degli ingegneri della Dipartimento Ingegneria Civile e Ambientale Provincia di Firenze ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Gestione del Territorio

Gestione del Territorio Il Sistema Informativo Territoriale Halley (SITH) Consultazione immediata delle informazioni collegate ai residenti, ai tributi pagati (Tares, Imu, ecc.), alle pratiche edilizie rilasciate e alle attività

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA In un mercato dell edilizia che in generale pone sempre più l accento su soluzioni che siano ecocompatibili e performanti

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 COMUNE DI BIBBIENA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E AL PIANO STRUTTURALE RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 Relazione ai sensi della Legge 1/2005, art.53 comma 3, lett c) bis e c) ter e art. 55

Dettagli

Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001

Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001 COMUNE DI CARRARA Provincia di Massa Carrara SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO, URBANISTICA U.O. CONTROLLO DEL TERRITORIO Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001 RELAZIONE TECNICA Progetto a cura del

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE PIANO DI RECUPERO AREA DI RIQUALIFICAZIONE RQ12B EX CENTRO ZOOTECNICO LE PALLE. REGIME GIURIDICO DEI SUOLI. ATTO INTEGRATIVO ALLA CONVENZIONE STIPULATA IN DATA

Dettagli

Comune di Ollolai. Premessa PIANO OPERATIVO PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER IL CENTRO DI ANTICA E PRIMA FORMAZIONE

Comune di Ollolai. Premessa PIANO OPERATIVO PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER IL CENTRO DI ANTICA E PRIMA FORMAZIONE Comune di Ollolai PIANO OPERATIVO PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER IL CENTRO DI ANTICA E PRIMA FORMAZIONE (Attuazione della DGR n. 33/35 del 10.8.2011 Protocollo di Intesa per la condivisione

Dettagli

SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA

SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA CHIARIMENTI E RISPOSTE AI QUESITI Aggiornamento al 23.07.2013 Quesito N. 1 A pag. 19 del Disciplinare è scritto max.

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1)

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1 - Premessa Il presente Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera è relativo dell intervento di ristrutturazione

Dettagli

Criteri e Procedure per la ricostruzione degli edifici privati in Abruzzo

Criteri e Procedure per la ricostruzione degli edifici privati in Abruzzo Convegno, 20 aprile 2015, Basilica di San Giovanni Maggiore, Napoli Criteri e Procedure per la ricostruzione degli edifici privati in Abruzzo Mauro Dolce Dipartimento della Protezione Civile, Roma 6 Aprile

Dettagli

12 SPECIFICHE TECNICHE PER L ATTIVAZIONE E LA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEGLI INTERVENTI SU EDIFICI PRIVATI DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI

12 SPECIFICHE TECNICHE PER L ATTIVAZIONE E LA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEGLI INTERVENTI SU EDIFICI PRIVATI DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI Allegato 12 SPECIFICHE TECNICHE PER L ATTIVAZIONE E LA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEGLI INTERVENTI SU EDIFICI PRIVATI DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI (art. 2, comma 1, lett. c) dell O.C.D.P.C. n.

Dettagli

MODELLO INTEGRATO PER I COMUNI DEL CRATERE

MODELLO INTEGRATO PER I COMUNI DEL CRATERE UFFICIO SPECIALE PER LA RICOSTRUZIONE DEI COMUNI DEL CRATERE MODELLO INTEGRATO PER I COMUNI DEL CRATERE Allegato tecnico 9 ottobre 2014 V04 Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere

Dettagli

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO Consulenza Tecnica per l Edilizia Regionale ROMA Viale Dei Quattro Venti 98 interno 18 piano

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N. 348 14/10/2013. Data:

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N. 348 14/10/2013. Data: COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 348 Data: 14/10/2013 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno QUATTORDICI del mese di OTTOBRE dell'anno DUEMILATREDICI

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL RILIEVO, L ANALISI ED IL PROGETTO DI INTERVENTI DI RIPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO SISMICO DI EDIFICI IN MURATURA IN AGGREGATO

LINEE GUIDA PER IL RILIEVO, L ANALISI ED IL PROGETTO DI INTERVENTI DI RIPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO SISMICO DI EDIFICI IN MURATURA IN AGGREGATO LINEE GUIDA PER IL RILIEVO, L ANALISI ED IL PROGETTO DI INTERVENTI DI RIPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO SISMICO DI EDIFICI IN MURATURA IN AGGREGATO Dipartimento Protezione Civile ReLUIS Ufficio del Vice-Commissario

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

../../2013 Tra PREMESSO

../../2013 Tra PREMESSO CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MONTE SAN PIETRO E LA PROPRIETA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL COMPARTO URBANISTICO AD USO RESIDENZIALE DENOMINATO CUT 11 VIA BEGHELLI, LOCALITA BADIA Il

Dettagli

COMUNE DI CREMA Provincia di Cremona

COMUNE DI CREMA Provincia di Cremona Spett.le: Alla c. a.: Comune di CREMA Piazza Duomo, 25 26013 - Crema (CR) Ufficio Tecnico Servizio Edilizia Privata Piano di Recupero Comune: CREMA Provincia: CREMONA Richiedente: Progettista: ZAMBELLI

Dettagli

Piano delle Regole NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO D. Piani di Recupero in Ambito N

Piano delle Regole NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO D. Piani di Recupero in Ambito N Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO D Piani di Recupero in Ambito N Approvato con delibera C.C. n.59

Dettagli