Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno"

Transcript

1 Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno

2 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Content Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno... 4 L ACCESSIBILITÀ È IMPORTANTE - MA PER CHI?... 4 L'ACCESSIBILITÀ È IMPORTANTE MA PERCHÈ?... 9 Le barriere all'accessibilità Accessibilità per tutti ma come? LE PRINCIPALI RACCOMANDAZIONI PER UN INFORMAZIONE E UNA COMUNICAZIONE PIÙ ACCESSIBILI INDICAZIONI DI BASE PER AVERE SPAZI PUBBLICI PIÙ ACCESSIBILI ALCUNE SEMPLICI RACCOMANDAZIONI PER AVERE TRASPORTI PUBBLICI PIÙ ACCESSIBILI ALCUNE SEMPLICI RACCOMANDAZIONI PER AVERE SERVIZI PUBBLICI PIÙ ACCESSIBILI SEMPLICI RACCOMANDAZIONI PER AVERE UN ASSISTENZA CLIENTI A FINE VIAGGIO ACCESSIBILE L accessibilità non è soltanto un concetto ma anche una questione d abitudine!

3 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Il progetto ISEMOA ISEMOA è un progetto triennale supportato dall'unione Europea nell'ambito del programma EIE. ISEMOA ha l'obiettivo di aiutare i governi locali e regionali Europei ad accrescere l'efficienza energetica nei trasporti migliorando l'accessibilità della "catena delle mobilità", che si ha tra un'origine e una destinazione, così da poter consentire a tutti i cittadini e ai turisti (includendo a pieno titolo le Persone a Ridotta Mobilità) l'adozione di uno stile di vita meno dipendente dall'auto. Inoltre, migliorando l'accessibilità degli spazi pubblici e dei mezzi pubblici, si accresce la qualità e l'attrattività dei trasporti pubblici e si contribuisce a migliorare la sicurezza dei pedoni e dei ciclisti. Per raggiungere questo obiettivo, ISEMOA sviluppa ben calibrati sistemi di gestione della qualità per garantire il continuo miglioramento dell'accessibilità lungo l'intera catena della mobilità, esistente tra origine e destinazione, nei comuni, città e regioni Europee. Al centro degli schemi ISEMOA c'è un processo di monitoraggio e controllo partecipato che consente ai portatori d'interesse locali e regionali di valutare, insieme al certificatore esterno, lo stato dell'accessibilità degli spazi pubblici e dei trasporti pubblici locali e di sviluppare strategie e/o misure per continuare a migliorare la qualità dell'accessibilità. Per maggiori informazioni su ISEMOA è possibile consultare il sito web Coordinatore del progetto: Austrian Mobility Research FGM-AMOR, Michaela Kargl, Liberatoria: La sola responsabilità per il contenuto di questo report è dell'autore. Questa non rappresenta l'opinione della Comunità Europea. La Commissione Europea non è responsabile per qualsiasi uso possa essere fatto delle informazioni qui contenute. Questa brochure è stata realizzata all'interno del progetto Europeo ISEMOA "Improving seamless energy-efficient mobility chains for" all in Ottobre ISEMOA è un progetto cofinanziato dalll'unione Europea all'interno del programma is EIE 2009 STEER. 3

4 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno L accessibilità è importante - ma per chi? Lui è Tobia. Ha 11 anni. Finiti i compiti va a trovare i suoi amici. Lui usa spesso il suo monopattino o la bicicletta, perchè sono più divertenti e gli fanno risparmiare tempo. Quando vuole fare visita al suo compagno di classe, che sta a 15 km di distanza, Tobia prende l autobus. Lei è la Sig.ra G. e ha 85 anni. Ogni giorno lei fa una breve passeggiata per fare un pò d esercizio e prendere aria. Lei può camminare da sola usando il suo bastone da passeggio, ma si sente più sicura se c è qualcuno che l accompagna. Fino all anno scorso amava giocare a carte, ma da quando la sua vista è peggiorata, non può più giocare. 4

5 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Lui è il Sig. M. E diventato papà di un piccolo maschietto quattro mesi fa. Lui fa il carpentiere e ama il suo lavoro, ma non vede l ora di tornare a casa per prendersi cura di sua moglie e suo figlio. Ama fare passeggiate con suo figlio, specie il fine settimana. Lui è il Sig. R. E padre di due bimbi, una bimba di quattro anni e un bimbo di due. E felice che adesso entrambi i bimbi vanno allo stesso asilo. Questo gli semplifica la vita e gli fa risparmiare tempo, dal momento che può portare i suoi figli all asilo la mattina e poi proseguire in bicicletta al lavoro senza fare troppi giri Lei è la Sig. O. Lei si è laureata da poco in geografia e adesso lavora nel settore turistico. Come molte altre ragazze anche lei ama fare shopping e andare fuori la sera. Nelle sue vacanze ama viaggiare e visitare paesi stranieri. Usa la sedia a rotelle da più di 10 anni. 5

6 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Lui è il Sig. R. Lavora come scienziato presso l Istituto di Ricerca Spaziale. Quando deve tenere una lezione all Università, viaggia con mezzi pubblici. Il Sig. S. è non vedente ed è molto felice che al giorno d oggi sugli autobus c è anche un servizio informativo audio per passeggeri, che gli dà maggiore sicurezza per capire quando scendere alla fermata giusta. Lei è la Sig. W. con la sua nipotina Elena, che frequenta le scuole elementari. Entrembe non vedono l ora che Elena possa andare a scuola da sola, ma al momento è ancora troppo pericoloso, perchè ci sono alcune strade molto trafficate da attraversare. La Sig. W. non guida l auto e di solito va a piedi per brevi distanze, ad esempio per fare shopping o andare a prendere Elena a scuola. Lui è il Sig. K. E' già andato in pensione ma si tiene impegnato con piccoli lavoretti domestici, in casa e in giargino, e segue i suoi hobby: gli piacciono le lunghe passeggiate e andare a ballare con sua moglie, in un corpo di ballo locale. Il Sig. K. non ci sente bene e usa l'apparecchio acustico da diversi anni. 6

7 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Queste sono solo alcune delle persone che vivono nel nostro quartiere. A prima vista non hanno nulla in comune. Invece, ciascuno di essi affronta delle barriere e dei problemi quando deve muoversi in spazi pubblici o con i mezzi pubblici, così si dice che tutti appartengono al gruppo delle PRM - Persone a Ridotta Mobilità. Il gruppo delle PRM comprende non solo i disabili, ma anche gli anziani (specie quelli oltre i 75/80 anni) bambini, persone che accompagnano bimbi piccoli, ma include anche persone con difficoltà d'apprendimento, persone che trasportano bagagli pesanti o ingombranti, persone più basse della media, persone che hanno poca dimestichezza con la lingua locale, persone con problemi di orientamento, persone con disagi psichici e mentali, persone con artriti, persone con problemi alle anche o alle coronarie, daltoniche o analfabete, persone in riabilitazione da interventi chirurgici o malattia, e persone con problemi fisici temporanei, quali una gamba rotta, ecc... 7

8 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Secondo le stime degli esperti 1 più di un terzo della popolazione Europea rientra tra le persone a ridotta mobilità (PRM) che incontrano barriere quando camminano o vanno in bicicletta, in spazi pubblici o si muovono con i mezzi di trasporto pubblici. Inoltre, se consideriamo anche le condizioni di disagio temporaneo a brevissimo termine, quale il trasporto di bagagli pesanti, la riabilitazione da interventi chirurgici o malattia, il viaggio in un paese straniero, si può dedurre che ciscuno di noi, in un modo o in un altro, si trova a sperimentare una situazione di ridotta mobilità. Ognuno di noi sperimenta situazioni che a volte ci impediscono di camminare o andare in bicicletta in luoghi pubblici o quando si usano i mezzi pubblici. Soltanto la frequenza e l'intensità con cui questi ostacoli ci limitano, ci distingue gli uni dagli altri. 1 Accesso e inclusione - Migliorare l Accessibilità dei Trasporti per tutti, CEMT/CM(2006)7FINAL, p. 3. 8

9 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno L'accessibilità è importante, ma perchè? La mobilità è parte integrante della nostra vita. Per realizzare i nostri compiti ma anche per il tempo libero ogni giorno siamo "mobili": dobbiamo andare al lavoro, a scuola o dal dottore, svolgere altre commissioni, ma vogliamo anche incontrare amici, andare al ristorante, in palestra o al cinema, o semplicemente fare una bella passeggiata o un giro in bicicletta... Accessibilità significa raggiungere dei luoghi... facilmente Ogni viaggio è composto da diversi elementi che possono essere rappresentati da ciò che chiamiamo "catena della mobilità". Questa è descritta dal grafico seguente, che mostra gli elementi della catena della mobilità prima, durante e dopo il viaggio: Di solito le persone cominciano un viaggio soltanto quando sono abbastanza sicure che ciascun elemento della catena della mobilità funzioni adeguatamente e gli permetta di raggiungere la loro destinazione desiderata. 9

10 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Se soltanto un singolo elemento della catena non funziona adeguatamente, ad es. se c'è una barriera tra uno soltanto degli elementi della catena della mobilità, rischia di non far funzionare l'intera catena. Quindi è di fondamentale importanza che l'intera catena della mobilità sia accessibile. Ciò è particolarmente vero per le PRM, per le quali avere elementi non accessibili nella catena della mobilità non è soltanto un fastidio ma può trasformarsi in un problema insormontabile. Per esempio: se c'è soltanto una strada trafficata che non può essere attraversata in sicurezza, l'intero percorso è inaccessibile per un bambino; se ci sono scarse opportunità per sedersi e riposarsi, l'intero percorso è inaccessibile per un anziano; se la prenotazione per un autobus a richiesta possono farsi soltanto per telefono e in lingua locale, un turista straniero non potrà essere in grado di fare questo viaggio in autobus; se c'è un unico marciapiede in pietra che non può essere oltrepassato, l'intero percorso diventa inaccessibile per un a persona in sedia a rotelle; se c'è solo un'unica rampa di scale per salire, l'intero percorso è inaccessibile per una persona che si porta dietro il trolley della spesa o una valigia pesante. Per avere spazi pubblici e trasporti pubblici più accessibili e consentire a tutte le persone di poter usare quotidianamente modalità di trasporto più sostenibili, (come camminare, andare in bicicletta o altri trasporti pubblici) queste esigenze devono essere tenute in considerazione nella pianificazione, progettazione, costruzione, organizzazione e manutenzione degli spazi pubblici e mezzi pubblici e le barriere devono essere evitate o rimosse. 10

11 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Le barriere all'accessibilità Guardando in dettaglio, ad ogni passaggio della catena della mobilità esistono dei bisogni comuni: prima di iniziare un viaggio è necessario per tutti raccogliere informazioni aggiornate, affidabili, complete e sufficientemente dettagliate: abbiamo tutti bisogno di informazioni sulle strade più rapide, sui servizi disponibili, informazioni sulla rete dei trasporti pubblici, gli orari, le abitudini e le usanze più comuni di trasporto, e le informazioni riguardanti l'accessibilità della strada. durante il viaggio, tutte le persone necessitano di cartelli informativi per orientarsi e trovare la strada giusta, e di condizioni che gli consentano di muoversi in modo sicuro lungo la strada; dopo il viaggio a volte le persone vorrebbero contattare l'operatore del trasporto pubblico o le autorità cittadine per chiedere aiuto (ad es. se hanno perso alcuni beni di proprietà durante il viaggio) oppure fornire un riscontro (ad es. raccontare le proprie esperienze, lamentele o suggerimenti per migliorie) Quando questi bisogni comuni non sono presi in considerazione nella pianificazione, progettazione, costruzione, organizzazione e gestione degli spazi pubblici e mezzi di trasporto pubblici, le barriere esistono a tutti i livelli della catena della mobilità. In basso si possono notare alcuni esempi di barriere comuni: 11

12 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Esempi di alcune barriere comuni prima dell'inizio del percorso che rendono di frequente difficile la pianificazione e l'organizzazione del viaggio: L'informazione necessaria non è disponibile nè accessibile Il servizio clienti non è adatto alle esigenze delle PRM Esempi di barriere comuni lungo il percorso che spesso rendono alle PRM difficile e talvolta impossibile camminare, andare in bicicletta e viaggiare coi mezzi pubblici. I marciapiedi e le fermate dei mezzi pubblici diventano troppo ristretti o limitati 12

13 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Le scale o le scale mobili sono l'unico percorso obbligato e non c'è nessun'altra strada, rampa o scala mobile alternativa I gradini, le rampe o altri ostacoli lungo la strada non sono segnalati con colori contrastanti I corrimano sono posizionati solo su un lato della rampa o delle scale e a volte non esistono proprio I colori del passamano non sono in contrasto con il suolo o la parete a fianco I marciapiedi hanno a volte pendenze trasversali, pendenze lunghe e/o ripide longitudinali 13

14 I bisogni comuni e le barriere più frequenti I marciapiedi hanno superfici irregolari, discontinue o scivolose La manutenzione delle infrastrutture per pedoni non è una priorità Non ci sono delimitazioni tattili quali pareti, ringhiere, marciapiedi, nessuna guida tattile al suolo e i sistemi di guida lungo la strada sono ostruiti (ad es. da biciclette parcheggiate, neve o foglie secche) Non c'è alcun dislivello fisico o segnale tattile tra il marciapiede, la strada e pista ciclabile 14

15 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Ci sono maciapiedi molto alti negli attraversamenti Ci sono semafori che non sono accessibili a tutti Ci sono poche possibilità di attraversare in sicurezza per i pedoni C'è un numero limitato di luoghi dove potersi riposare e/o riparare 15

16 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Ci sono pochi bagni pubblici accessibili I pedoni sono costretti a fare lunghe deviazioni (ad es. a causa di alte reti metalliche, segnalazioni inadeguate, mancanza di scorciatoie per pedoni,...) Ci sono situazioni di alta pericolosità quali l'affollamento o veicoli che passano ad alta velocità,...) Ci sono aree in cui non ci si sente sicuri o a proprio agio come pedoni. Questi luoghi "paurosi" possono essere gli attraversamenti pedonali sotterranei, le stazioni metropolitane sotterranee e aree dove ci sono poche persone o una scarsa illuminazione 16

17 I bisogni comuni e le barriere più frequenti I servizi cui si accede quotidianamente (specialmente supermarket, centri sportivi, cinema, ecc...) non sono progettati per i clienti che arrivano in bicicletta, a piedi o con il trasporto pubblico L'infrastruttura non è progettata per biciclette con rimorchi, tricicli, tandem,... Non ci sono informazioni per i passeggeri, accessibili o facili da comprendere, alle fermate e alle stazioni dei trasporti pubblici E' difficile orientarsi e trovare la strada giusta a causa di stazioni per il trasporto pubblico troppo ampie, complicate e dispersive 17

18 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Ottenere un biglitetto per il trasporto pubblico da un distributore di biglietti automatico a volte è un'impresa E' difficile riconoscere il "giusto" veicolo da prendere alle fermate o stazioni dove si sono parecchi veicoli simili in partenza Il numero della linea e la destinazione finale del mezzo pubblico non si riescono a leggere facilmente, a causa di riflessi, scarsa illuminazione, sporco o polvere Salire o scendere da un mezzo pubblico può essere difficile, a causa grandi spazi o differenze d'altezza tra la piattaforma e il veicolo, o quando ci sono solo gradini all'entrata del veicolo 18

19 I bisogni comuni e le barriere più frequenti I mezzi di trasporto pubblici si fermano troppo lontano dal gradino, sia perchè il conducente non se ne interessa sia perchè l'accesso alla fermata potrebbe essere ostruito da macchine parcheggiate o altri ostacoli Trovare un posto a sedere quando il veicolo è già in movimento può essere molto complicato C'è uno spazio limitato per sedie a rotelle o passeggini Non si riescono a individuare chiaramente i corrimano, cinghie per aggrapparsi o altri supporti all'interno del mezzo pubblico 19

20 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Sebbene i mezzi pubblici siano ancora utilizzati regolarmente, alcune attrezzature, quali rampe, ascensori, autoparlanti o schermi informativi per informazioni in tempo reale ai passeggeri, gabinetti accessibili, sono fuori uso Le informazioni ai passeggeri vengono fornite soltanto in formato audio, oppure non c'è alcun sistema di informazione in tempo reale C'è molto timore di non essere in grado di contattare gli autisti se c'è bisogno durante il percorso A volte gli autisti non sono consapevoli delle esigenze dei diversi gruppi di PRM o non sanno rispondere al meglio ai loro bisogni. Il risultato di ciò è che c'è una reciproca incomprensione tra l'autista e il passeggero che porta a situazioni di incertezza e ostilità 20

21 I bisogni comuni e le barriere più frequenti La mancanza di informazioni chiare e procedure d emergenza, che tengano in considerazione l importanza dell accessibilità, nel caso ci siano improvise deviazioni o interruzioni del servizio Lo stress è solitamente causato dalla calca di gente che procede a passo sostenuto e si presenta tipicamente nelle fasi iniziali o finali del viaggio con mezzi pubblici C è una pausa insufficiente tra l arrivo e la ripartenza, quindi lo scambio modale con altri mezzi pubblici non tiene conto della camminata lenta di molte PRM Quando si pianifica un servizio di trasporto, viene data priorità alla minimizzazione dei tempi di viaggio, trascurando il fatto che molti passeggeri hanno bisogno di tempi più lunghi per salire o scendere dai veicoli. Ciò pone un enorme pressione agli autisti che cercano di non creare ritardi e rispettare la tabella di marcia. A causa di ciò molti autisti non hanno nè pazienza nè la cosiderazione necessaria per trattare i passeggeri PRM con il dovuto rispetto 21

22 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Mancanza di depositi bagagli (accessibili) presso le stazioni e i nodi di scambio inter- modale Acune delle più comuni barriere che si incontrano dopo il viaggio sono: Nessuna chiara o accessibile informazione su chi contattare in caso di reclami o suggerimenti migliorativi, riguardo gli spazi pubblici o i trasporti pubblici. Gli impiegati che lavorano agli sportelli di assistenza alla clientela o agli oggetti smarriti non sono preparati a risolvere le problematiche legate all acessibilità o alla comunicazione con le PRM Non viene fornita nessuna chiara informazione a chi ritrova oggetti smarriti, riguardo a chi consegnarli e dove. Inoltre i luoghi presso cui consegnare gli oggetti smarriti non sono in molti casi accessibili 22

23 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Esistono uffici degli oggetti smarriti che possono essere contattati solo di persona. Questa è una barriera per molte persone specialmente se l ufficio è molto lontano dal posto in cui vivono tali persone o se lo sportello degli oggetti smarriti non è accessibile Uffici degli oggetti smarriti che non possono essere contattati in modo rapido in forma scritta come ad es. via SMS, o fax 23

24 Accessibilità per tutti ma come? Accessibilità per tutti ma come? E molto importate rimuovere le barriere negli spazi pubblici e trasporti pubblici così da migliorare l accessibilità per i passeggeri, i ciclisti e i pedoni per facilitare l accesso ai servizi di uso quotidiano quali negozi, asili e centri sportivi. Esistono molte linee guida per la progettazione senza barriere di spazi pubblici, edifici, veicoli e infrastrutture per i trasporti pubblici e in gran parte dei paesi Europei sono state pubblicate anche norme techniche e standard, per l applicabilità diretta di tali indicazioni. Tuttavia queste norme tecniche e standard non sono uniformi in Europa e variano da paese a paese. Questa brochure fornisce alcune raccomandazioni di base su come evitare le più frequenti barriere lungo la catena della mobilità. Da queste sarà possibile ricavare alcune idee per passare ad azioni mirate. Nell usare questa brochure va considerato che: Non esiste una ricetta universale o una panacea per specificare in dettaglio come rendere gli spazi pubblici e i trasporti pubblici accessibili: nella maggior parte dei casi esistono diverse possibili soluzioni per rimuovere o evitare certe barriere ed è essenziale che le soluzioni applicate siano adattate alle condizioni locali Le seguenti checklists, non possono mai considerarsi esaustive e complete Queste raccomandazioni non definiscono particolari standard (quali l ampiezza minima dei marciapiedi, pendenza minima, ecc...); per avere queste misure è necessario consultare le norme e gli standard nazionali! 24

25 Accessibilità per tutti ma come? Migliorare l accessibilità non è una questione di soluzioni speciali per pochi, ma rendere piuttosto la mobilità più semplice per tutti. Tutte le misure per migliorare l accessibilità devono basarsi sui principi del design universale. Per migliorare con successo l accessibilità di spazi pubblici e trasporti pubblici è estremamente importante che non vengano prese in considerazione soltanto le esigenze di un particolare gruppo di utenti ma che vengano applicati i principi del Design Universale / Design per tutti, così che gli spazi pubblici e i trasporti pubblici possano essere fruibili per tutti, nella massima misura possibile, senza che ci sia bisogno di adattamenti o di un design speciale. Per raggiungere questo scopo bisogna tenere in considerazione i seguenti 7 principi del Design Universale: Il design deve essere utile per persone con diversa abilità Il design soddisfare un ampia gamma di preferenze e abilità L uso del design deve essere facile da capire, indipendente dall esperienza, dalle capacità cognitive, linguistiche, o di concentrazione Il design deve comunicare le necessarie informazioni agli utenti in modo efficace, indipendentemente dalle condizioni di contesto o dale capacità sensoriali degli utenti Il design deve minimizzare i pericoli o le conseguenze avverse di azioni accidentali o non intenzionali Il design può essere usato in modo efficiente, confortevole e col minimo sforzo Lo spazio e le dimensioni appropriate vengono fornite per l uso degli spazi, indipendentemente dalla dimensione del corpo, postura o mobilità 25

26 Accessibilità per tutti ma come? Applicando i principi del design universale possono essere trovate soluzioni anche per requisiti conflittuali, come ad esempio i marciapiedi agli attraversamenti: ad esempio il Grazer T, che è la combinazione fra un sistema a guida tattile e un livello ribassato per l attraversamento, consente a tutti di attraversare la strada in modo sicuro e confortevole. Bisogna ricordarsi che le preoccupazioni per la sicurezza e rischio percepito sono alcune tra le principali barriere che impediscono alla gente di camminare e andare in bicicletta negli spazi pubblici e di viaggiare con i mezzi pubblici. Per superare queste barriere è necessario, da un lato progettare, pianificare, costruire e mantenere gli spazi pubblici e i trasporti pubblici in modo tale che il rischio per la sicurezza sia minimizzato per tutti, incluse le PRM. Comunque, dall altro lato è necessario migliorare la formazione e le misure per accrescere la sensibilità al fine di informare la gente, specialmente le PRM, sulle soluzioni sviluppate, vincere le paure e aumentare il livello di confidenza. 26

27 Accessibilità per tutti ma come? Le principali raccomandazioni per un informazione e una comunicazione più accessibile Offrire sempre informazioni in modo tale che vi si possa accedere almeno attraverso 2 diversi sensi: ad es. fornire informazioni sia audio che video, oppure in formato visivo e tattile Offrire sempre diversi canali di comunicazione (ad es. internet/ , telefono, centro informativo) per contatti con la clientela (quali i servizi di prenotazione, riscontri pratici, richieste di informazione, ecc ) Usare un linguaggio semplice (ad es. evitare frasi lunghe e involute, termini tecnici, giri di parole, abbreviazioni, ecc ) Strutturare l informazione in modo chiaro Usare schemi grafici semplici da capire Fornire l informazione visiva con colori a forte contrasto (fare attenzione che possa essere visibile in tutti gli orari del giorno e in qualsiasi condizione climatica) Mostrare le informazioni visive con caratteri alfanumerici sufficientemente grandi (da ricordare: la dimensione dei caratteri deve aumentare all aumentare della distanza media di lettura!) Evitare la combinazione di colore rosso-verde Non usare soltanto colori quale mezzo esclusivo d informazione (ad es. nelle mappe, tabelle, diagrammi, sistemi a guida, ecc ) Fornire la possibilità di ripetere i messaggi informativi (audio e video) a richiesta Assicurarsi che i sitiweb per le informazioni online siano accessibili in base agli standard della Web Accessibility Initiative (WAI) 27

28 Accessibilità per tutti ma come? Fornire gli uffici informazione e gli sportelli informativi di: sistemi audio a induzione magnetica (per la comunicazione a persone che usano l apparecchio acustico) impiegati che conoscano il linguaggio dei segni e le lingue straniere. I luoghi dove si trovano tali servizi dovrebbero essere indicati con delle mappe contenenti disegni semplificati; Quando viene sviluppato del materiale informativo o viene aggiornato, consultare i rappresentanti delle diverse PRM interessate per avere un parere da loro Indicazioni di base per avere spazi pubblici più accessibili Il seguente grafico mostra lo spazio minimo che le persone con difficoltà deambulatorie devono avere per muoversi: Figura 1: Spazio minimo necesssario per il movimento con supporti alla mobiltà (Fonti: Stadt Graz: Barrierefreies Bauen für alle Menschen; Schweizerische Fachstelle für behindertengerechtes Bauen: Obstacle free traffic areas Demands of people with disabilities, UK Department for Transport: Inclusive mobility) 28

29 Accessibilità per tutti ma come? tenere sempre gli spazi per la mobilità liberi da ostacoli progettare e costruire infrastrutture pedonali in modo tale che due persone PRM possano passare contemporaneamente in modo facile e sicuro nei villaggi, comuni e città, fornire di corrimano su entrambi i lati le strade più trafficate assicurarsi che ci sia sempre una rampa o un ascensore accessibile, quale opzione alternativa alle scale o all ascensore tradizionale dotare di corrimano entrambi i lati delle scale o delle rampe assicurarsi che le pendenze longitudinali degli scivoli non siano troppo ripide (preferibilmente 6%) evitare scivoli trasversali evitare sottopassaggi pedonali segnalare il confine dei marciapiedi sia visivamente che con segnali tattili segnalare i gradini sia visivamente che con segnali tattili dotare di una buona illuminazione le infrastrutture pedonali predisporre attraversamenti pedonali sicuri, specie nelle strade più trafficate assicurarsi che non ci siano solo marciapiedi alti agli attraversamenti (l altezza massima del marciapiede dev essere di 3 cm) dotarsi di luoghi dove potersi riposare accessibili (si raccomanda di porne sempre qualcuno a una distanza media di 300 m) fornire bagni sufficientemente accessibili fornire sistema a guida tattile, quando non ci sono altre guide naturali tattili quali pareti, ringhiere, ecc fornire una segnalazione semaforica acustica e tattile per gli attraversamenti pedonali 29

30 Accessibilità per tutti ma come? provvedere a una manutenzione frequente delle infrastrutture pedonali e ciclistiche (spazzatura, rimozione neve, prevenzione gelate, riparazione di superfici rotte, pulizia delle panchine, svuotamento dei cassonetti, controllo dell illuminazione) istallare specifici sistemi di guida e segnalazione per pedoni e ciclisti quando si pianificano le infrastrutture per i ciclisti, tenere in considerazione anche bicilette con rimorchio, tricicli e tamdem, che necessitano solitamente di corsie più ampie, di più spazio per le manovre, avendo questi mezzi un maggiore raggio di curvatura rispetto alle biciclette tradizionali offrire la possibilità di parcheggi accessibili anche per tandem, biciclette con rimorchio e tricicli nel processo di pianificazione, sviluppo e valutazione delle misure relative a nuove costruzioni, bisogna sempre coinvolgere i rappresentanti dei diversi gruppi di PRM, per migliorare le misure anche con il loro parere assicurarsi che le PRM siano coinvolte nel processo di partecipazione coi cittadini si dall inizio del processo di pianificazione quando si sviluppano delle soluzioni per gli spazi condivisi nei luoghi pubblici, così che le loro necessità e richieste possano essere prese in considerazione Alcune semplici raccomandazioni per avere trasporti pubblici più accessibili fare attenzione che tutte le fermate e le stazioni per i trasporti pubblici siano accessibili anche per persone, che hanno difficoltà a fare scale e gradini, e che possono usare l ascensore fornire posti a sedere e luoghi riparati, per proteggersi dal mal tempo, presso le fermate e le piazzole 30

31 Accessibilità per tutti ma come? fornire informazioni ai passeggeri in modo semplice e accessibile ad ogni fermata dei trasporti pubblici fare attenzione che ci sia abbastanza spazio per consentire le manovre ad una carrozzina, un deambulatore o un passeggino, ad ogni fermata dei trasporti pubblici progettare le stazioni per i trasporti publici in modo tale che la loro pianta sia semplice e ben strutturata fornire sistemi a guida tattile e visiva facili da capire e usare, all interno dei mezzi pubblici e nelle stazioni di scambio intermodale assicurarsi che i distributori automatici di biglietti siano accessibili per tutti fornire alternative ai distributori automatici per l acquisto dei biglietti assicurarsi che la rete dei trasporti pubblici, le tabelle degli orari e il sistema di tariffazione siano facili da comprendere e da ricordare far attenzione che le procedure in caso di emergenza siano communicate chiaramente a tutti i passeggeri, in un formato accessibile assicurarsi che le procedure in caso di emergenza tengano conto degli aspetti dell accessibilità far attenzione che le informazioni sulle linee e le diverse destinazioni, sui trasporti pubblici, siano facilmente leggibili in ogni ora del giorno e con qualsiasi condizione climatica equipaggiare tutti i mezzi del trasporto pubblico con un dispositivo in grado di aiutare le PRM a superare lo spazio vuoto tra l entrata del veicolo e la piattaforma / marciapiede dare la stessa priorità alla manutenzione e riparazione dei dispositivi che garantiscono l accessibilità (quali ad esempio i dispositivi per le informazioni in tempo reale, le rampe, gli ascensori, ecc ) e alla manutenzione e riparazione delle altre parti funzionali dell infrastruttura o dei veicoli 31

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana)

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) n.prog.: Iniz: Luogo di abitazione: Data di nascita: Dominio

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees Attività 9 La città fangosa Minimal Spanning Trees Sommario la nostra società ha molti collegamenti in rete: la rete telefonica, la rete energetica, la rete stradale. Per una rete in particolare, ci sono

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

La prevenzione delle cadute nell anziano

La prevenzione delle cadute nell anziano Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari La prevenzione delle cadute nell anziano Consigli utili Indice II problema delle

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile

Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile Note legali: La responsabilità per il contenuto di questa pubblicazione è degli autori. Esso non necessariamente riflette

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia Nuovi ascensori per edifici preesistenti ThyssenKrupp Elevator Italia Chiedete il meglio Tecnologia Design Servizio Qualità ThyssenKrupp Elevator Italia offre il proprio know-how tecnico al servizio di

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli