Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno"

Transcript

1 Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno

2 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Content Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno... 4 L ACCESSIBILITÀ È IMPORTANTE - MA PER CHI?... 4 L'ACCESSIBILITÀ È IMPORTANTE MA PERCHÈ?... 9 Le barriere all'accessibilità Accessibilità per tutti ma come? LE PRINCIPALI RACCOMANDAZIONI PER UN INFORMAZIONE E UNA COMUNICAZIONE PIÙ ACCESSIBILI INDICAZIONI DI BASE PER AVERE SPAZI PUBBLICI PIÙ ACCESSIBILI ALCUNE SEMPLICI RACCOMANDAZIONI PER AVERE TRASPORTI PUBBLICI PIÙ ACCESSIBILI ALCUNE SEMPLICI RACCOMANDAZIONI PER AVERE SERVIZI PUBBLICI PIÙ ACCESSIBILI SEMPLICI RACCOMANDAZIONI PER AVERE UN ASSISTENZA CLIENTI A FINE VIAGGIO ACCESSIBILE L accessibilità non è soltanto un concetto ma anche una questione d abitudine!

3 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Il progetto ISEMOA ISEMOA è un progetto triennale supportato dall'unione Europea nell'ambito del programma EIE. ISEMOA ha l'obiettivo di aiutare i governi locali e regionali Europei ad accrescere l'efficienza energetica nei trasporti migliorando l'accessibilità della "catena delle mobilità", che si ha tra un'origine e una destinazione, così da poter consentire a tutti i cittadini e ai turisti (includendo a pieno titolo le Persone a Ridotta Mobilità) l'adozione di uno stile di vita meno dipendente dall'auto. Inoltre, migliorando l'accessibilità degli spazi pubblici e dei mezzi pubblici, si accresce la qualità e l'attrattività dei trasporti pubblici e si contribuisce a migliorare la sicurezza dei pedoni e dei ciclisti. Per raggiungere questo obiettivo, ISEMOA sviluppa ben calibrati sistemi di gestione della qualità per garantire il continuo miglioramento dell'accessibilità lungo l'intera catena della mobilità, esistente tra origine e destinazione, nei comuni, città e regioni Europee. Al centro degli schemi ISEMOA c'è un processo di monitoraggio e controllo partecipato che consente ai portatori d'interesse locali e regionali di valutare, insieme al certificatore esterno, lo stato dell'accessibilità degli spazi pubblici e dei trasporti pubblici locali e di sviluppare strategie e/o misure per continuare a migliorare la qualità dell'accessibilità. Per maggiori informazioni su ISEMOA è possibile consultare il sito web Coordinatore del progetto: Austrian Mobility Research FGM-AMOR, Michaela Kargl, Liberatoria: La sola responsabilità per il contenuto di questo report è dell'autore. Questa non rappresenta l'opinione della Comunità Europea. La Commissione Europea non è responsabile per qualsiasi uso possa essere fatto delle informazioni qui contenute. Questa brochure è stata realizzata all'interno del progetto Europeo ISEMOA "Improving seamless energy-efficient mobility chains for" all in Ottobre ISEMOA è un progetto cofinanziato dalll'unione Europea all'interno del programma is EIE 2009 STEER. 3

4 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Accessibilità - perchè ne abbiamo bisogno L accessibilità è importante - ma per chi? Lui è Tobia. Ha 11 anni. Finiti i compiti va a trovare i suoi amici. Lui usa spesso il suo monopattino o la bicicletta, perchè sono più divertenti e gli fanno risparmiare tempo. Quando vuole fare visita al suo compagno di classe, che sta a 15 km di distanza, Tobia prende l autobus. Lei è la Sig.ra G. e ha 85 anni. Ogni giorno lei fa una breve passeggiata per fare un pò d esercizio e prendere aria. Lei può camminare da sola usando il suo bastone da passeggio, ma si sente più sicura se c è qualcuno che l accompagna. Fino all anno scorso amava giocare a carte, ma da quando la sua vista è peggiorata, non può più giocare. 4

5 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Lui è il Sig. M. E diventato papà di un piccolo maschietto quattro mesi fa. Lui fa il carpentiere e ama il suo lavoro, ma non vede l ora di tornare a casa per prendersi cura di sua moglie e suo figlio. Ama fare passeggiate con suo figlio, specie il fine settimana. Lui è il Sig. R. E padre di due bimbi, una bimba di quattro anni e un bimbo di due. E felice che adesso entrambi i bimbi vanno allo stesso asilo. Questo gli semplifica la vita e gli fa risparmiare tempo, dal momento che può portare i suoi figli all asilo la mattina e poi proseguire in bicicletta al lavoro senza fare troppi giri Lei è la Sig. O. Lei si è laureata da poco in geografia e adesso lavora nel settore turistico. Come molte altre ragazze anche lei ama fare shopping e andare fuori la sera. Nelle sue vacanze ama viaggiare e visitare paesi stranieri. Usa la sedia a rotelle da più di 10 anni. 5

6 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Lui è il Sig. R. Lavora come scienziato presso l Istituto di Ricerca Spaziale. Quando deve tenere una lezione all Università, viaggia con mezzi pubblici. Il Sig. S. è non vedente ed è molto felice che al giorno d oggi sugli autobus c è anche un servizio informativo audio per passeggeri, che gli dà maggiore sicurezza per capire quando scendere alla fermata giusta. Lei è la Sig. W. con la sua nipotina Elena, che frequenta le scuole elementari. Entrembe non vedono l ora che Elena possa andare a scuola da sola, ma al momento è ancora troppo pericoloso, perchè ci sono alcune strade molto trafficate da attraversare. La Sig. W. non guida l auto e di solito va a piedi per brevi distanze, ad esempio per fare shopping o andare a prendere Elena a scuola. Lui è il Sig. K. E' già andato in pensione ma si tiene impegnato con piccoli lavoretti domestici, in casa e in giargino, e segue i suoi hobby: gli piacciono le lunghe passeggiate e andare a ballare con sua moglie, in un corpo di ballo locale. Il Sig. K. non ci sente bene e usa l'apparecchio acustico da diversi anni. 6

7 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Queste sono solo alcune delle persone che vivono nel nostro quartiere. A prima vista non hanno nulla in comune. Invece, ciascuno di essi affronta delle barriere e dei problemi quando deve muoversi in spazi pubblici o con i mezzi pubblici, così si dice che tutti appartengono al gruppo delle PRM - Persone a Ridotta Mobilità. Il gruppo delle PRM comprende non solo i disabili, ma anche gli anziani (specie quelli oltre i 75/80 anni) bambini, persone che accompagnano bimbi piccoli, ma include anche persone con difficoltà d'apprendimento, persone che trasportano bagagli pesanti o ingombranti, persone più basse della media, persone che hanno poca dimestichezza con la lingua locale, persone con problemi di orientamento, persone con disagi psichici e mentali, persone con artriti, persone con problemi alle anche o alle coronarie, daltoniche o analfabete, persone in riabilitazione da interventi chirurgici o malattia, e persone con problemi fisici temporanei, quali una gamba rotta, ecc... 7

8 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Secondo le stime degli esperti 1 più di un terzo della popolazione Europea rientra tra le persone a ridotta mobilità (PRM) che incontrano barriere quando camminano o vanno in bicicletta, in spazi pubblici o si muovono con i mezzi di trasporto pubblici. Inoltre, se consideriamo anche le condizioni di disagio temporaneo a brevissimo termine, quale il trasporto di bagagli pesanti, la riabilitazione da interventi chirurgici o malattia, il viaggio in un paese straniero, si può dedurre che ciscuno di noi, in un modo o in un altro, si trova a sperimentare una situazione di ridotta mobilità. Ognuno di noi sperimenta situazioni che a volte ci impediscono di camminare o andare in bicicletta in luoghi pubblici o quando si usano i mezzi pubblici. Soltanto la frequenza e l'intensità con cui questi ostacoli ci limitano, ci distingue gli uni dagli altri. 1 Accesso e inclusione - Migliorare l Accessibilità dei Trasporti per tutti, CEMT/CM(2006)7FINAL, p. 3. 8

9 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno L'accessibilità è importante, ma perchè? La mobilità è parte integrante della nostra vita. Per realizzare i nostri compiti ma anche per il tempo libero ogni giorno siamo "mobili": dobbiamo andare al lavoro, a scuola o dal dottore, svolgere altre commissioni, ma vogliamo anche incontrare amici, andare al ristorante, in palestra o al cinema, o semplicemente fare una bella passeggiata o un giro in bicicletta... Accessibilità significa raggiungere dei luoghi... facilmente Ogni viaggio è composto da diversi elementi che possono essere rappresentati da ciò che chiamiamo "catena della mobilità". Questa è descritta dal grafico seguente, che mostra gli elementi della catena della mobilità prima, durante e dopo il viaggio: Di solito le persone cominciano un viaggio soltanto quando sono abbastanza sicure che ciascun elemento della catena della mobilità funzioni adeguatamente e gli permetta di raggiungere la loro destinazione desiderata. 9

10 Accessibilità perchè ne abbiamo bisogno Se soltanto un singolo elemento della catena non funziona adeguatamente, ad es. se c'è una barriera tra uno soltanto degli elementi della catena della mobilità, rischia di non far funzionare l'intera catena. Quindi è di fondamentale importanza che l'intera catena della mobilità sia accessibile. Ciò è particolarmente vero per le PRM, per le quali avere elementi non accessibili nella catena della mobilità non è soltanto un fastidio ma può trasformarsi in un problema insormontabile. Per esempio: se c'è soltanto una strada trafficata che non può essere attraversata in sicurezza, l'intero percorso è inaccessibile per un bambino; se ci sono scarse opportunità per sedersi e riposarsi, l'intero percorso è inaccessibile per un anziano; se la prenotazione per un autobus a richiesta possono farsi soltanto per telefono e in lingua locale, un turista straniero non potrà essere in grado di fare questo viaggio in autobus; se c'è un unico marciapiede in pietra che non può essere oltrepassato, l'intero percorso diventa inaccessibile per un a persona in sedia a rotelle; se c'è solo un'unica rampa di scale per salire, l'intero percorso è inaccessibile per una persona che si porta dietro il trolley della spesa o una valigia pesante. Per avere spazi pubblici e trasporti pubblici più accessibili e consentire a tutte le persone di poter usare quotidianamente modalità di trasporto più sostenibili, (come camminare, andare in bicicletta o altri trasporti pubblici) queste esigenze devono essere tenute in considerazione nella pianificazione, progettazione, costruzione, organizzazione e manutenzione degli spazi pubblici e mezzi pubblici e le barriere devono essere evitate o rimosse. 10

11 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Le barriere all'accessibilità Guardando in dettaglio, ad ogni passaggio della catena della mobilità esistono dei bisogni comuni: prima di iniziare un viaggio è necessario per tutti raccogliere informazioni aggiornate, affidabili, complete e sufficientemente dettagliate: abbiamo tutti bisogno di informazioni sulle strade più rapide, sui servizi disponibili, informazioni sulla rete dei trasporti pubblici, gli orari, le abitudini e le usanze più comuni di trasporto, e le informazioni riguardanti l'accessibilità della strada. durante il viaggio, tutte le persone necessitano di cartelli informativi per orientarsi e trovare la strada giusta, e di condizioni che gli consentano di muoversi in modo sicuro lungo la strada; dopo il viaggio a volte le persone vorrebbero contattare l'operatore del trasporto pubblico o le autorità cittadine per chiedere aiuto (ad es. se hanno perso alcuni beni di proprietà durante il viaggio) oppure fornire un riscontro (ad es. raccontare le proprie esperienze, lamentele o suggerimenti per migliorie) Quando questi bisogni comuni non sono presi in considerazione nella pianificazione, progettazione, costruzione, organizzazione e gestione degli spazi pubblici e mezzi di trasporto pubblici, le barriere esistono a tutti i livelli della catena della mobilità. In basso si possono notare alcuni esempi di barriere comuni: 11

12 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Esempi di alcune barriere comuni prima dell'inizio del percorso che rendono di frequente difficile la pianificazione e l'organizzazione del viaggio: L'informazione necessaria non è disponibile nè accessibile Il servizio clienti non è adatto alle esigenze delle PRM Esempi di barriere comuni lungo il percorso che spesso rendono alle PRM difficile e talvolta impossibile camminare, andare in bicicletta e viaggiare coi mezzi pubblici. I marciapiedi e le fermate dei mezzi pubblici diventano troppo ristretti o limitati 12

13 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Le scale o le scale mobili sono l'unico percorso obbligato e non c'è nessun'altra strada, rampa o scala mobile alternativa I gradini, le rampe o altri ostacoli lungo la strada non sono segnalati con colori contrastanti I corrimano sono posizionati solo su un lato della rampa o delle scale e a volte non esistono proprio I colori del passamano non sono in contrasto con il suolo o la parete a fianco I marciapiedi hanno a volte pendenze trasversali, pendenze lunghe e/o ripide longitudinali 13

14 I bisogni comuni e le barriere più frequenti I marciapiedi hanno superfici irregolari, discontinue o scivolose La manutenzione delle infrastrutture per pedoni non è una priorità Non ci sono delimitazioni tattili quali pareti, ringhiere, marciapiedi, nessuna guida tattile al suolo e i sistemi di guida lungo la strada sono ostruiti (ad es. da biciclette parcheggiate, neve o foglie secche) Non c'è alcun dislivello fisico o segnale tattile tra il marciapiede, la strada e pista ciclabile 14

15 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Ci sono maciapiedi molto alti negli attraversamenti Ci sono semafori che non sono accessibili a tutti Ci sono poche possibilità di attraversare in sicurezza per i pedoni C'è un numero limitato di luoghi dove potersi riposare e/o riparare 15

16 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Ci sono pochi bagni pubblici accessibili I pedoni sono costretti a fare lunghe deviazioni (ad es. a causa di alte reti metalliche, segnalazioni inadeguate, mancanza di scorciatoie per pedoni,...) Ci sono situazioni di alta pericolosità quali l'affollamento o veicoli che passano ad alta velocità,...) Ci sono aree in cui non ci si sente sicuri o a proprio agio come pedoni. Questi luoghi "paurosi" possono essere gli attraversamenti pedonali sotterranei, le stazioni metropolitane sotterranee e aree dove ci sono poche persone o una scarsa illuminazione 16

17 I bisogni comuni e le barriere più frequenti I servizi cui si accede quotidianamente (specialmente supermarket, centri sportivi, cinema, ecc...) non sono progettati per i clienti che arrivano in bicicletta, a piedi o con il trasporto pubblico L'infrastruttura non è progettata per biciclette con rimorchi, tricicli, tandem,... Non ci sono informazioni per i passeggeri, accessibili o facili da comprendere, alle fermate e alle stazioni dei trasporti pubblici E' difficile orientarsi e trovare la strada giusta a causa di stazioni per il trasporto pubblico troppo ampie, complicate e dispersive 17

18 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Ottenere un biglitetto per il trasporto pubblico da un distributore di biglietti automatico a volte è un'impresa E' difficile riconoscere il "giusto" veicolo da prendere alle fermate o stazioni dove si sono parecchi veicoli simili in partenza Il numero della linea e la destinazione finale del mezzo pubblico non si riescono a leggere facilmente, a causa di riflessi, scarsa illuminazione, sporco o polvere Salire o scendere da un mezzo pubblico può essere difficile, a causa grandi spazi o differenze d'altezza tra la piattaforma e il veicolo, o quando ci sono solo gradini all'entrata del veicolo 18

19 I bisogni comuni e le barriere più frequenti I mezzi di trasporto pubblici si fermano troppo lontano dal gradino, sia perchè il conducente non se ne interessa sia perchè l'accesso alla fermata potrebbe essere ostruito da macchine parcheggiate o altri ostacoli Trovare un posto a sedere quando il veicolo è già in movimento può essere molto complicato C'è uno spazio limitato per sedie a rotelle o passeggini Non si riescono a individuare chiaramente i corrimano, cinghie per aggrapparsi o altri supporti all'interno del mezzo pubblico 19

20 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Sebbene i mezzi pubblici siano ancora utilizzati regolarmente, alcune attrezzature, quali rampe, ascensori, autoparlanti o schermi informativi per informazioni in tempo reale ai passeggeri, gabinetti accessibili, sono fuori uso Le informazioni ai passeggeri vengono fornite soltanto in formato audio, oppure non c'è alcun sistema di informazione in tempo reale C'è molto timore di non essere in grado di contattare gli autisti se c'è bisogno durante il percorso A volte gli autisti non sono consapevoli delle esigenze dei diversi gruppi di PRM o non sanno rispondere al meglio ai loro bisogni. Il risultato di ciò è che c'è una reciproca incomprensione tra l'autista e il passeggero che porta a situazioni di incertezza e ostilità 20

21 I bisogni comuni e le barriere più frequenti La mancanza di informazioni chiare e procedure d emergenza, che tengano in considerazione l importanza dell accessibilità, nel caso ci siano improvise deviazioni o interruzioni del servizio Lo stress è solitamente causato dalla calca di gente che procede a passo sostenuto e si presenta tipicamente nelle fasi iniziali o finali del viaggio con mezzi pubblici C è una pausa insufficiente tra l arrivo e la ripartenza, quindi lo scambio modale con altri mezzi pubblici non tiene conto della camminata lenta di molte PRM Quando si pianifica un servizio di trasporto, viene data priorità alla minimizzazione dei tempi di viaggio, trascurando il fatto che molti passeggeri hanno bisogno di tempi più lunghi per salire o scendere dai veicoli. Ciò pone un enorme pressione agli autisti che cercano di non creare ritardi e rispettare la tabella di marcia. A causa di ciò molti autisti non hanno nè pazienza nè la cosiderazione necessaria per trattare i passeggeri PRM con il dovuto rispetto 21

22 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Mancanza di depositi bagagli (accessibili) presso le stazioni e i nodi di scambio inter- modale Acune delle più comuni barriere che si incontrano dopo il viaggio sono: Nessuna chiara o accessibile informazione su chi contattare in caso di reclami o suggerimenti migliorativi, riguardo gli spazi pubblici o i trasporti pubblici. Gli impiegati che lavorano agli sportelli di assistenza alla clientela o agli oggetti smarriti non sono preparati a risolvere le problematiche legate all acessibilità o alla comunicazione con le PRM Non viene fornita nessuna chiara informazione a chi ritrova oggetti smarriti, riguardo a chi consegnarli e dove. Inoltre i luoghi presso cui consegnare gli oggetti smarriti non sono in molti casi accessibili 22

23 I bisogni comuni e le barriere più frequenti Esistono uffici degli oggetti smarriti che possono essere contattati solo di persona. Questa è una barriera per molte persone specialmente se l ufficio è molto lontano dal posto in cui vivono tali persone o se lo sportello degli oggetti smarriti non è accessibile Uffici degli oggetti smarriti che non possono essere contattati in modo rapido in forma scritta come ad es. via SMS, o fax 23

24 Accessibilità per tutti ma come? Accessibilità per tutti ma come? E molto importate rimuovere le barriere negli spazi pubblici e trasporti pubblici così da migliorare l accessibilità per i passeggeri, i ciclisti e i pedoni per facilitare l accesso ai servizi di uso quotidiano quali negozi, asili e centri sportivi. Esistono molte linee guida per la progettazione senza barriere di spazi pubblici, edifici, veicoli e infrastrutture per i trasporti pubblici e in gran parte dei paesi Europei sono state pubblicate anche norme techniche e standard, per l applicabilità diretta di tali indicazioni. Tuttavia queste norme tecniche e standard non sono uniformi in Europa e variano da paese a paese. Questa brochure fornisce alcune raccomandazioni di base su come evitare le più frequenti barriere lungo la catena della mobilità. Da queste sarà possibile ricavare alcune idee per passare ad azioni mirate. Nell usare questa brochure va considerato che: Non esiste una ricetta universale o una panacea per specificare in dettaglio come rendere gli spazi pubblici e i trasporti pubblici accessibili: nella maggior parte dei casi esistono diverse possibili soluzioni per rimuovere o evitare certe barriere ed è essenziale che le soluzioni applicate siano adattate alle condizioni locali Le seguenti checklists, non possono mai considerarsi esaustive e complete Queste raccomandazioni non definiscono particolari standard (quali l ampiezza minima dei marciapiedi, pendenza minima, ecc...); per avere queste misure è necessario consultare le norme e gli standard nazionali! 24

25 Accessibilità per tutti ma come? Migliorare l accessibilità non è una questione di soluzioni speciali per pochi, ma rendere piuttosto la mobilità più semplice per tutti. Tutte le misure per migliorare l accessibilità devono basarsi sui principi del design universale. Per migliorare con successo l accessibilità di spazi pubblici e trasporti pubblici è estremamente importante che non vengano prese in considerazione soltanto le esigenze di un particolare gruppo di utenti ma che vengano applicati i principi del Design Universale / Design per tutti, così che gli spazi pubblici e i trasporti pubblici possano essere fruibili per tutti, nella massima misura possibile, senza che ci sia bisogno di adattamenti o di un design speciale. Per raggiungere questo scopo bisogna tenere in considerazione i seguenti 7 principi del Design Universale: Il design deve essere utile per persone con diversa abilità Il design soddisfare un ampia gamma di preferenze e abilità L uso del design deve essere facile da capire, indipendente dall esperienza, dalle capacità cognitive, linguistiche, o di concentrazione Il design deve comunicare le necessarie informazioni agli utenti in modo efficace, indipendentemente dalle condizioni di contesto o dale capacità sensoriali degli utenti Il design deve minimizzare i pericoli o le conseguenze avverse di azioni accidentali o non intenzionali Il design può essere usato in modo efficiente, confortevole e col minimo sforzo Lo spazio e le dimensioni appropriate vengono fornite per l uso degli spazi, indipendentemente dalla dimensione del corpo, postura o mobilità 25

26 Accessibilità per tutti ma come? Applicando i principi del design universale possono essere trovate soluzioni anche per requisiti conflittuali, come ad esempio i marciapiedi agli attraversamenti: ad esempio il Grazer T, che è la combinazione fra un sistema a guida tattile e un livello ribassato per l attraversamento, consente a tutti di attraversare la strada in modo sicuro e confortevole. Bisogna ricordarsi che le preoccupazioni per la sicurezza e rischio percepito sono alcune tra le principali barriere che impediscono alla gente di camminare e andare in bicicletta negli spazi pubblici e di viaggiare con i mezzi pubblici. Per superare queste barriere è necessario, da un lato progettare, pianificare, costruire e mantenere gli spazi pubblici e i trasporti pubblici in modo tale che il rischio per la sicurezza sia minimizzato per tutti, incluse le PRM. Comunque, dall altro lato è necessario migliorare la formazione e le misure per accrescere la sensibilità al fine di informare la gente, specialmente le PRM, sulle soluzioni sviluppate, vincere le paure e aumentare il livello di confidenza. 26

27 Accessibilità per tutti ma come? Le principali raccomandazioni per un informazione e una comunicazione più accessibile Offrire sempre informazioni in modo tale che vi si possa accedere almeno attraverso 2 diversi sensi: ad es. fornire informazioni sia audio che video, oppure in formato visivo e tattile Offrire sempre diversi canali di comunicazione (ad es. internet/ , telefono, centro informativo) per contatti con la clientela (quali i servizi di prenotazione, riscontri pratici, richieste di informazione, ecc ) Usare un linguaggio semplice (ad es. evitare frasi lunghe e involute, termini tecnici, giri di parole, abbreviazioni, ecc ) Strutturare l informazione in modo chiaro Usare schemi grafici semplici da capire Fornire l informazione visiva con colori a forte contrasto (fare attenzione che possa essere visibile in tutti gli orari del giorno e in qualsiasi condizione climatica) Mostrare le informazioni visive con caratteri alfanumerici sufficientemente grandi (da ricordare: la dimensione dei caratteri deve aumentare all aumentare della distanza media di lettura!) Evitare la combinazione di colore rosso-verde Non usare soltanto colori quale mezzo esclusivo d informazione (ad es. nelle mappe, tabelle, diagrammi, sistemi a guida, ecc ) Fornire la possibilità di ripetere i messaggi informativi (audio e video) a richiesta Assicurarsi che i sitiweb per le informazioni online siano accessibili in base agli standard della Web Accessibility Initiative (WAI) 27

28 Accessibilità per tutti ma come? Fornire gli uffici informazione e gli sportelli informativi di: sistemi audio a induzione magnetica (per la comunicazione a persone che usano l apparecchio acustico) impiegati che conoscano il linguaggio dei segni e le lingue straniere. I luoghi dove si trovano tali servizi dovrebbero essere indicati con delle mappe contenenti disegni semplificati; Quando viene sviluppato del materiale informativo o viene aggiornato, consultare i rappresentanti delle diverse PRM interessate per avere un parere da loro Indicazioni di base per avere spazi pubblici più accessibili Il seguente grafico mostra lo spazio minimo che le persone con difficoltà deambulatorie devono avere per muoversi: Figura 1: Spazio minimo necesssario per il movimento con supporti alla mobiltà (Fonti: Stadt Graz: Barrierefreies Bauen für alle Menschen; Schweizerische Fachstelle für behindertengerechtes Bauen: Obstacle free traffic areas Demands of people with disabilities, UK Department for Transport: Inclusive mobility) 28

29 Accessibilità per tutti ma come? tenere sempre gli spazi per la mobilità liberi da ostacoli progettare e costruire infrastrutture pedonali in modo tale che due persone PRM possano passare contemporaneamente in modo facile e sicuro nei villaggi, comuni e città, fornire di corrimano su entrambi i lati le strade più trafficate assicurarsi che ci sia sempre una rampa o un ascensore accessibile, quale opzione alternativa alle scale o all ascensore tradizionale dotare di corrimano entrambi i lati delle scale o delle rampe assicurarsi che le pendenze longitudinali degli scivoli non siano troppo ripide (preferibilmente 6%) evitare scivoli trasversali evitare sottopassaggi pedonali segnalare il confine dei marciapiedi sia visivamente che con segnali tattili segnalare i gradini sia visivamente che con segnali tattili dotare di una buona illuminazione le infrastrutture pedonali predisporre attraversamenti pedonali sicuri, specie nelle strade più trafficate assicurarsi che non ci siano solo marciapiedi alti agli attraversamenti (l altezza massima del marciapiede dev essere di 3 cm) dotarsi di luoghi dove potersi riposare accessibili (si raccomanda di porne sempre qualcuno a una distanza media di 300 m) fornire bagni sufficientemente accessibili fornire sistema a guida tattile, quando non ci sono altre guide naturali tattili quali pareti, ringhiere, ecc fornire una segnalazione semaforica acustica e tattile per gli attraversamenti pedonali 29

30 Accessibilità per tutti ma come? provvedere a una manutenzione frequente delle infrastrutture pedonali e ciclistiche (spazzatura, rimozione neve, prevenzione gelate, riparazione di superfici rotte, pulizia delle panchine, svuotamento dei cassonetti, controllo dell illuminazione) istallare specifici sistemi di guida e segnalazione per pedoni e ciclisti quando si pianificano le infrastrutture per i ciclisti, tenere in considerazione anche bicilette con rimorchio, tricicli e tamdem, che necessitano solitamente di corsie più ampie, di più spazio per le manovre, avendo questi mezzi un maggiore raggio di curvatura rispetto alle biciclette tradizionali offrire la possibilità di parcheggi accessibili anche per tandem, biciclette con rimorchio e tricicli nel processo di pianificazione, sviluppo e valutazione delle misure relative a nuove costruzioni, bisogna sempre coinvolgere i rappresentanti dei diversi gruppi di PRM, per migliorare le misure anche con il loro parere assicurarsi che le PRM siano coinvolte nel processo di partecipazione coi cittadini si dall inizio del processo di pianificazione quando si sviluppano delle soluzioni per gli spazi condivisi nei luoghi pubblici, così che le loro necessità e richieste possano essere prese in considerazione Alcune semplici raccomandazioni per avere trasporti pubblici più accessibili fare attenzione che tutte le fermate e le stazioni per i trasporti pubblici siano accessibili anche per persone, che hanno difficoltà a fare scale e gradini, e che possono usare l ascensore fornire posti a sedere e luoghi riparati, per proteggersi dal mal tempo, presso le fermate e le piazzole 30

31 Accessibilità per tutti ma come? fornire informazioni ai passeggeri in modo semplice e accessibile ad ogni fermata dei trasporti pubblici fare attenzione che ci sia abbastanza spazio per consentire le manovre ad una carrozzina, un deambulatore o un passeggino, ad ogni fermata dei trasporti pubblici progettare le stazioni per i trasporti publici in modo tale che la loro pianta sia semplice e ben strutturata fornire sistemi a guida tattile e visiva facili da capire e usare, all interno dei mezzi pubblici e nelle stazioni di scambio intermodale assicurarsi che i distributori automatici di biglietti siano accessibili per tutti fornire alternative ai distributori automatici per l acquisto dei biglietti assicurarsi che la rete dei trasporti pubblici, le tabelle degli orari e il sistema di tariffazione siano facili da comprendere e da ricordare far attenzione che le procedure in caso di emergenza siano communicate chiaramente a tutti i passeggeri, in un formato accessibile assicurarsi che le procedure in caso di emergenza tengano conto degli aspetti dell accessibilità far attenzione che le informazioni sulle linee e le diverse destinazioni, sui trasporti pubblici, siano facilmente leggibili in ogni ora del giorno e con qualsiasi condizione climatica equipaggiare tutti i mezzi del trasporto pubblico con un dispositivo in grado di aiutare le PRM a superare lo spazio vuoto tra l entrata del veicolo e la piattaforma / marciapiede dare la stessa priorità alla manutenzione e riparazione dei dispositivi che garantiscono l accessibilità (quali ad esempio i dispositivi per le informazioni in tempo reale, le rampe, gli ascensori, ecc ) e alla manutenzione e riparazione delle altre parti funzionali dell infrastruttura o dei veicoli 31

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

Firenze,9 giugno 2014. Regolamento STI-PRM. Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta

Firenze,9 giugno 2014. Regolamento STI-PRM. Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta Firenze,9 giugno 2014 Regolamento STI-PRM Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta Regolamento 2 La convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle persone con Disabilità Considerando.

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 20 giugno 2006) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Anche un solo gradino all ingresso può compromettere l accessibilità del locale alle persone che utilizzano la carrozzina. ACCESSIBILITÀ

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Schede di misure. MMV Gestione della mobilità durante le manifestazioni. Foto: sbb.ch

Schede di misure. MMV Gestione della mobilità durante le manifestazioni. Foto: sbb.ch Schede di misure MMV Gestione della mobilità durante le manifestazioni Foto: sbb.ch Schede di misure per settori d attività rilevanti Schede di misure per settori d attività rilevanti... 1 Offerte supplementari

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE VADEMECUM PER L ENTE GESTORE Questo vademecum si rivolge agli enti gestori del trasporto pubblico e fornisce loro alcune indicazioni per migliorare il servizio offerto al passeggero disabile. TRASPORTO

Dettagli

Idoneità al trasporto disabili ADA e visione d insieme. Come contattarci

Idoneità al trasporto disabili ADA e visione d insieme. Come contattarci THE RHODE ISLAND PUBLIC TRANSIT AUTHORITY Come contattarci RIde: (401) 461-9760 RIPTA: (401) 781-9400 www.ripta.com RideProgram@ripta.com THE RHODE ISLAND PUBLIC TRANSIT AUTHORITY Idoneità al trasporto

Dettagli

Ostacoli senza barriere

Ostacoli senza barriere Ostacoli senza barriere Le barriere architettoniche dovrebbero essere scomparse o quanto meno diminuite notevolmente grazie a normative specifiche e al, pur lento, diffondersi di una cultura dell'accessibilità.

Dettagli

PARCHEGGI PER BICICLETTE IN AREE RESIDENZIALI

PARCHEGGI PER BICICLETTE IN AREE RESIDENZIALI Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / PARCHEGGI PARCHEGGI PER BICICLETTE IN AREE RESIDENZIALI Visione d insieme Nelle zone residenziali tutti gli abitanti dovrebbero poter disporre di un

Dettagli

Progetto Mai più soli/e-care

Progetto Mai più soli/e-care COMUNE DI PIEVE DI CENTO Progetto più soli/e-care UN QUESTIONARIO PER CHI HA PIÙ DI 75 ANNI Caro cittadino, cara cittadina, il Comune di Pieve di Cento intende raccogliere alcune informazioni al fine di

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

La città di Federico. Piccola guida alle barriere architettoniche

La città di Federico. Piccola guida alle barriere architettoniche La città di Federico Piccola guida alle barriere architettoniche 1 Ciao! Mi chiamo Federico e sono un bambino come te: vado a scuola, mi piace giocare con gli amici, andare al cinema o a mangiare la pizza.

Dettagli

OCCHIO ALLO SCALINO: SUPERARLO O ELIMINARLO?

OCCHIO ALLO SCALINO: SUPERARLO O ELIMINARLO? Centro Regionale di Informazione sulle Barriere Architettoniche OCCHIO ALLO SCALINO: SUPERARLO O ELIMINARLO? Arch. Paola Pascoli Attività del Centro Regionale di Informazione sulle Barriere Architettoniche

Dettagli

PARCHI DA GIOCO PER TUTTI. Esigenze minime circa i piazzali privi di ostacoli

PARCHI DA GIOCO PER TUTTI. Esigenze minime circa i piazzali privi di ostacoli PARCHI DA GIOCO PER TUTTI Esigenze minime circa i piazzali privi di ostacoli ESIGENZE MINIME CIRCA I PIAZZALI PRIVI DI OSTACOLI I criteri qui elencati si riferiscono alle elevate esigenze dei Parchi da

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Lizzano

Al Sindaco del Comune di Lizzano Al Sindaco del Comune di Lizzano OGGETTO: DOMANDA DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - LEGGE 9 GENNAIO 1989, N. 13. Il/La sottoscritto/a

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche

Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche Tutti insieme nella CACCIA alla BARRIERA Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche PRESENTAZIONE VI PRESENTO ALCUNI NOSTRI AMICI GIUSEPPE MAMMA MARIA NONNO GIACOMO BABBO ADELMO

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 1 luglio 2014) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

dalla Costituzione alla Convenzione dell ONU

dalla Costituzione alla Convenzione dell ONU dalla Costituzione alla Convenzione dell ONU ROCCO ROLLI TACTILE VISION ONLUS UNA CITTÀ PER TUTTI L accessibilità nei percorsi pubblici per le persone con disabilità visiva L'ACCESSIBILITÀ E IL DIRITTO

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

CARTELLA STAMPA NOVEMBRE 2012 1 CARTELLA STAMPA

CARTELLA STAMPA NOVEMBRE 2012 1 CARTELLA STAMPA 1 CARTELLA STAMPA CARTELLA STAMPA NOVEMBRE 2012 INDICE P.4 SNCF PRESENTA idbus P.6 ROTTE idbus P.8 L UNICITÀ DI idbus P.14 PER MAGGIORI INFORMAZIONI SU idbus 2 CARTELLA STAMPA SNCF, LEADER EUROPEO DELLA

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

"...servizi di trasporto pubblico ed in particolare i tram e le metropolitane dovranno essere accessibili agli invalidi non deambulanti...

...servizi di trasporto pubblico ed in particolare i tram e le metropolitane dovranno essere accessibili agli invalidi non deambulanti... M come Mobilità L'articolo 27 della legge 118/71 stabilisce tra l'altro : "...servizi di trasporto pubblico ed in particolare i tram e le metropolitane dovranno essere accessibili agli invalidi non deambulanti..."

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

SERVIZI 4 UFFICIO POSTALE A MILANO, ITALIA

SERVIZI 4 UFFICIO POSTALE A MILANO, ITALIA UFFICIO POSTALE A MILANO, ITALIA Ufficio Postale a Milano, Italia 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Ufficio Postale Nome Ufficio Postale succursale n.23 Localizzazione Via San Simpliciano 5, Milano,

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE Relazione generale PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO

Dettagli

SERVIZI 7 INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO

SERVIZI 7 INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio 1. DESCRIZIONE DELL EDIFICIO Tipologia Nome Localizzazione Anno e tipologia d'intervento Programma intervento

Dettagli

turistica accessibile

turistica accessibile La filiera II parte turistica accessibile Catania 04 giugno 2015 Monastero dei Benedettini di San Nicolò l Arena Docente: A.S. Valentina Urso; Testimonianze: Giuseppe Palermo Quale tipo di atteggiamento

Dettagli

Concorso internazionale di studenti Facile accesso verso l ingresso dei veicoli ferroviari

Concorso internazionale di studenti Facile accesso verso l ingresso dei veicoli ferroviari Concorso internazionale di studenti Facile accesso verso l ingresso dei veicoli ferroviari Contenuto Scopo del concorso....................................... S 2 premio..................................................s

Dettagli

NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI...

NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI... NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI... ASCENSORI I nostri ascensori utilizzano le tecnologie più avanzate e innovative per conseguire elevati standard di affidabilità, sicurezza, comfort di marcia e rispetto

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento che accompagna la

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento che accompagna la COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 4.12.2008 SEC(2008) 2954 C6-0469/08 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE Documento che accompagna la proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Città d acqua unica al mondo,

Città d acqua unica al mondo, Città d acqua unica al mondo, Venezia è speciale, sia dal punto di vista monumentale e ambientale, che dal punto di vista morfologico: le isole che la compongono, collegate tra loro da centinaia di ponti,

Dettagli

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA CO 2 footprint Aid 2 IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA Obiettivi: Gli studenti diventano consapevoli di come il loro contributo nelle emissioni di CO2 dipenda dalla loro scelta del mezzo di trasporto

Dettagli

B come Barriere Architettoniche

B come Barriere Architettoniche B come Barriere Architettoniche La definizione sintetica di barriera architettonica la troviamo nel d.m. 236/89, art 2. E riassumibile : A) gli ostacoli fisici che limitano e impediscano la mobilità dei

Dettagli

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Fisioterapista Glenda Rigoni Il vero fare per gli altri è mettere gli altri in condizione di fare da soli EQUAZIONE DELLE 4 A Ambiente accessibile

Dettagli

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis Autori Liyana Adjarova, Energy Agency of Plovdiv (BGR) Ina Karova, Energy Agency of Plovdiv (IT) Ioanna Lepinioti, impronta di Massimo Infunti (IT) Billy Carslaw, Camera di Commercio di Birmingham (UK)

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002 Fonte: Progettare per tutti senza barriere architettoniche, Maggioli editore, Rimini 1997 Titolo: SICUREZZA E RACCORDI CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO Prof. Arch. Fabrizio Vescovo SICUREZZA E RACCORDI CON

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte)

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte) Pubblicato il: 04/01/2005 Aggiornato al: 18/01/2005 (seconda parte) di Gianluigi Saveri Relativamente all impianto elettrico devono essere rimosse tutte quelle barriere che non permettono o che in qualunque

Dettagli

OSSERVAZIONI ALLO STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PER IL SISTEMA TPL ELETTRIFICATO A TECNOLOGIA INNOVATIVA

OSSERVAZIONI ALLO STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PER IL SISTEMA TPL ELETTRIFICATO A TECNOLOGIA INNOVATIVA OSSERVAZIONI ALLO STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PER IL SISTEMA TPL ELETTRIFICATO A TECNOLOGIA INNOVATIVA MONTESILVANO OSSERVAZIONI ALLO STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PREDISTOSTO DALLA GTM spa PER IL SISTEMA

Dettagli

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis Autori Liyana Adjarova, Energy Agency of Plovdiv (BGR) Ina Karova, Energy Agency of Plovdiv (IT) Ioanna Lepinioti, impronta di Massimo Infunti (IT) Billy Carslaw, Camera di Commercio di Birmingham (UK)

Dettagli

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Ci Vado ad Occhi Chiusi Albenga accessibile OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Progetto cofinanziato da Comunità Europea Regione Liguria Comune di Albenga In collaborazione con Unione Italiana dei

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 Per ogni caratteristica di qualità del modello, vengono qui elencate le principali linee guida e best practice menzionate

Dettagli

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera Incontri di aggiornamento Progetto: te la segnalo io la barriera 27 maggio 2006 Montecchio (VI) Mobilità urbana e spazi pubblici Menomazione: qls perdita o anormalità di CONCETTI GENERALI una struttura

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

Autorità di Regolazione dei Trasporti: dal 4 luglio in vigore il Regolamento sulla tutela dei passeggeri nel trasporto ferroviario.

Autorità di Regolazione dei Trasporti: dal 4 luglio in vigore il Regolamento sulla tutela dei passeggeri nel trasporto ferroviario. Autorità di Regolazione dei Trasporti: dal 4 luglio in vigore il Regolamento sulla tutela dei passeggeri nel trasporto ferroviario. Con la emanazione del Regolamento (CE ) n. 1371/2007 (entrato in vigore

Dettagli

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BASILICATA POLO DI MATERA Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura (Classe 4/S) CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

L infrastruttura a supporto del cicloturismo

L infrastruttura a supporto del cicloturismo L infrastruttura a supporto del cicloturismo fare sistema tra rete ferroviaria e piste ciclabili La crisi del turismo in Italia 1 Il cicloturismo Cicloturisti e altri 2 Le strutture Le strutture La rete

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER MOBILITY MANAGER D AZIENDA

CORSO DI FORMAZIONE PER MOBILITY MANAGER D AZIENDA BRESCIA 21 e 28 febbraio 7 marzo 2005 CORSO DI FORMAZIONE PER MOBILITY MANAGER D AZIENDA IL CONTRIBUTO DELLA BICICLETTA AL PIANO PER LA MOBILITA AZIENDALE Ing. Enrico Chiarini Ing. Enrico Chiarini - Corso

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Convegno Disabilità e Trasporti Palazzo della Gran Guardia 7 giugno 2013

Convegno Disabilità e Trasporti Palazzo della Gran Guardia 7 giugno 2013 Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca Convegno Disabilità e Trasporti Palazzo della Gran Guardia 7 giugno 2013 Attuazione Regolamento CE n 1107/2006 OGGETTO DELLA PRESENTAZIONE: Rif. Normativi

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Progettare per tutti Seminario Peccioli, 23 novembre 2012

Progettare per tutti Seminario Peccioli, 23 novembre 2012 L uso degli ausili per la mobilità negli edifici pubblici e privati di Stefano Maurizio (architetto; titolare dell'omonimo studio di architettura presso Marcon - Venezia; componente del CERPA Italia Onlus

Dettagli

Vivalto, il nuovo treno a due piani

Vivalto, il nuovo treno a due piani Vivalto, il nuovo treno a due piani Spazio e comfort al servizio dei viaggiatori Spazio, comfort e tecnologia Vivalto è il nome del nuovo treno a due piani per il trasporto locale Un mezzo all avanguardia

Dettagli

Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale. LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD

Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale. LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD Accessibilità al Servizio Ferroviario Regionale LUIGI LEGNANI Amministratore delegato di TRENORD Verona, 7 giugno 2013 Accessibilità e disabilità in ferrovia: a che punto siamo? Molto è stato fatto e il

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

1 Premio Nazionale TURISMI ACCESSIBILI. Giornalisti, comunicatori e pubblicitari superano le barriere BANDO 2015-2016

1 Premio Nazionale TURISMI ACCESSIBILI. Giornalisti, comunicatori e pubblicitari superano le barriere BANDO 2015-2016 1 Premio Nazionale TURISMI ACCESSIBILI Giornalisti, comunicatori e pubblicitari superano le barriere BANDO 2015-2016 Sommario Introduzione... 2 Mercato di riferimento... 3 Obiettivi... 3 Destinatari...

Dettagli

H 10 PLAYA MELONERAS PALACE

H 10 PLAYA MELONERAS PALACE H 10 PLAYA MELONERAS PALACE Europa > Spagna > Gran Canaria TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro European Mobility Week Problematiche e misure per una mobilità urbana sostenibile Palermo 20 settembre 2007 Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro Maria Rosa Vittadini Università

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

La progettazione accessibile Corso di formazione Provincia di Bergamo

La progettazione accessibile Corso di formazione Provincia di Bergamo La progettazione accessibile Corso di formazione Provincia di Bergamo Accessibilità degli spazi in relazione alle necessità di utenti con difficoltà visive STEFAN VON PRONDZINSKI HANDICAP DI MOBILITÀ Circolare

Dettagli

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503)

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) PIANO DI LOTTIZZAZIONE DELLA ZONA C1 - RESIDENZIALE DI ESPANSIONE COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) Il progetto

Dettagli

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Indice 1. INTRODUZIONE 3 1.1 Cos è il Gioco del Traffico? 3 1.2 Perché partecipare al Gioco del Traffico? 3 1.3 Tempistica

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

MODULO DIDATTICO. Ufficio Agenda 21 del Comune di Udine Anno 2009. La scuola sostenibile PUBBLICAZIONE DI FINE PROGETTO

MODULO DIDATTICO. Ufficio Agenda 21 del Comune di Udine Anno 2009. La scuola sostenibile PUBBLICAZIONE DI FINE PROGETTO MODULO DIDATTICO Ufficio Agenda 21 del Comune di Udine Anno 2009 La scuola sostenibile PUBBLICAZIONE DI FINE PROGETTO Agenda 21 e la scuola Il coinvolgimento delle scuole nei processi di Agenda 21 costituisce

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO

CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO Il cliente che non si trova al punto di partenza 10 minuti prima del orario stabilito non vengono aspettati dall autobus. I Passeggeri che pagano andata e ritorno hanno il

Dettagli

Simboli - Dettagli e norme

Simboli - Dettagli e norme Simboli - Edilizia, particolari Edilizia, particolari Edilizia, particolari - Pareti esterne Legno, isolante, cartongesso Massetto sottofondo C 1s muro, cappotto Mattoni, rivestimento ardesia Massetto

Dettagli

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile Workshop ManagEnergy Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile La promozione della Mobilità Sostenibile Simone Antinucci Roma, 8 luglio 2011 Roma, 7-8 Luglio Workshop:

Dettagli

L'accessibilità delle risorse turistiche: il progetto TOURRENIA. Roberto Demontis, Eva Lorrai, Laura Muscas CRS4

L'accessibilità delle risorse turistiche: il progetto TOURRENIA. Roberto Demontis, Eva Lorrai, Laura Muscas CRS4 L'accessibilità delle risorse turistiche: il progetto TOURRENIA Roberto Demontis, Eva Lorrai, Laura Muscas CRS4 Progetto Tourrenia Finanziato dal Programma Operativo Marittimo Italia Francia Partners:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

E PROMOZIONE OF RESEARCH AND. Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I)

E PROMOZIONE OF RESEARCH AND. Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

INTERVENTI DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO e MOBILITÀ CICLISTICA

INTERVENTI DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO e MOBILITÀ CICLISTICA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE INTERVENTI DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO e MOBILITÀ CICLISTICA Visione d insieme Nelle aree residenziali con poco traffico lo spazio

Dettagli

Competenze delle Amministrazioni comunali in materia di eliminazione delle barriere architettoniche (aggiornato al 30 settembre 2015)

Competenze delle Amministrazioni comunali in materia di eliminazione delle barriere architettoniche (aggiornato al 30 settembre 2015) Competenze delle Amministrazioni comunali in materia di eliminazione delle barriere architettoniche (aggiornato al 30 settembre 2015) Sulla base delle normative vigenti, le Amministrazioni comunali della

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA ELEZIONE DEL 1 Qualora io venissi eletto, intendo proporre le seguenti 1) Abbellire la nostra scuola e costruire altre aule nuove. 2) Mettere più giochi per ragazzi

Dettagli

Assessorato alle Politiche dei Disabili

Assessorato alle Politiche dei Disabili Assessorato alle Politiche dei Disabili Con la collaborazione di Ambito distrettuale di Trieste, L.R. 41/1996 domanda-offerta di trasporto per cittadini disabili da Indagine conoscitiva 2012 proposte In

Dettagli

Così fan tutte. Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY. Biciclettiamo Milano. Milano, Palazzo Reale, 3 ottobre 11

Così fan tutte. Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY. Biciclettiamo Milano. Milano, Palazzo Reale, 3 ottobre 11 Così fan tutte (le virtuose) Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY Eugenio Galli Così fan tutte (le virtuose) 1 Trends La mobilità ciclistica sta conoscendo una nuova giovinezza. Nei Paesi europei, con

Dettagli

Barriere architettoniche nella Circoscrizione Prato Ovest: una mappatura del territorio

Barriere architettoniche nella Circoscrizione Prato Ovest: una mappatura del territorio Barriere architettoniche nella Circoscrizione Prato Ovest: una mappatura del territorio a cura di Umberto Materassi e Paolo Sambo Prato, dicembre 2006 Circoscrizione Prato Ovest Via Isidoro del Lungo,

Dettagli

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Indice 1. INTRODUZIONE ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 1.1 Cos è il Gioco del Traffico 3 1.2 Perchè partecipare

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

RELAZIONE SULLA MOBILITA URBANA PER I CITTADINI CON DISABILITA NELLA CITTA DI PISA

RELAZIONE SULLA MOBILITA URBANA PER I CITTADINI CON DISABILITA NELLA CITTA DI PISA RELAZIONE SULLA MOBILITA URBANA PER I CITTADINI CON DISABILITA NELLA CITTA DI PISA Pianificare la qualità urbana anche a favore dei disabili e delle loro famiglie è sicuramente un obiettivo da raggiungere,

Dettagli

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service ZP11-0355, 26 luglio 2011 IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service Indice 1 Panoramica 3 Descrizione 2 Prerequisiti fondamentali

Dettagli