Le matrici. A cura di Benedetta Noris, 17 aprile Cos è una matrice. 2 Rappresentazione di una matrice generica 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le matrici. A cura di Benedetta Noris, 17 aprile Cos è una matrice. 2 Rappresentazione di una matrice generica 2"

Transcript

1 Le matrici A cura di Benedetta Noris, 17 aprile 2012 Indice 1 Cos è una matrice 1 2 Rappresentazione di una matrice generica 2 3 Somma di matrici e prodotto di una matrice per un numero 3 4 Alcune matrici speciali 5 5 Prodotto di matrici 6 6 Proprietà del prodotto di matrici 8 7 Matrici e sistemi lineari 10 8 Metodo di eliminazione di Gauss per la risoluzione dei sistemi lineari 11 9 Rango di una matrice Teorema di Rouché-Capelli Esercizi Determinante di una matrice quadrata Inversa di una matrice quadrata 21 1 Cos è una matrice (1.1 Definizione. Una matrice è una tabella di elementi ordinati per righe e colonne. (1.2 Esempio. Alcune famiglie segnano le spese effettuate mensilmente in una tabella, ecco per esempio le spese relative al mese di gennaio. Famiglia Casa Cibo Salute Varie Trasporti Alberti Bianchi Casali

2 2. Rappresentazione di una matrice generica 2 Corrispondentemente costruiamo la seguente matrice Una matrice è caratterizzata da il numero delle righe il numero delle colonne l insieme a cui appartengono i suoi elementi (1.3 Esempio. Ecco un esempio di matrice con 3 righe e 4 colonne, formata di numeri naturali M = Si dice anche che M è una matrice 3 4 su N (N è l insieme dei numeri naturali. Si osservi che M ha infatti 3 4 = 12 elementi. (1.4 Esempio. Ecco un esempio di matrice 2 3 su R (R è l insieme dei numeri reali ( π 2 Rappresentazione di una matrice generica Vediamo ora come si rappresenta una matrice generica, cioè una matrice qualunque della quale non vogliamo specificare né gli elementi, né il numero di righe e colonne. Una tale rappresentazione è necessaria per dare definizioni e per fare dimostrazioni che siano valide in generale (cioè che non siano valide solo per una singola matrice. Attenzione alle notazioni che vengono introdotte di seguito: saranno poi usate nel resto della dispensa. Se non vogliamo specificare il numero di righe della matrice, lo indicheremo con n. Analogamente, indicheremo il numero di colonne della matrice generica con m. Un elemento della matrice viene rappresentato con una lettera del alfabeto (a, b, c,..., unitamente con due indici a pedice che forniscono la sua posizione all interno della tabella. Il primo indice rappresenta la riga a cui appartiene l elemento; il secondo indice rappresenta la colonna a cui appartiene l elemento. Scriveremo per esempio a ij = elemento che sta nella riga i e colonna j.

3 3. Somma di matrici e prodotto di una matrice per un numero 3 Quindi la rappresentazione di una matrice generica n m sarà la seguente a 11 a a 1j... a 1m a 21 a a 2j... a 2m A =.... a i1 a i2... a ij... a im.... a n1 a n2... a nj... a nm oppure potremo scrivere più brevemente A = (a ij, i = 1... n, j = 1... m. 3 Somma di matrici e prodotto di una matrice per un numero La somma di due matrici è definita solo quando le due matrici hanno lo stesso numero di righe e lo stesso numero di colonne. Prima di definire la somma tra matrici generiche vediamo un esempio. (3.1 Esempio. Tornando all Esempio 1.2, supponiamo di essere in possesso di un altra matrice, che rappresenti le spese del mese di febbraio e di voler conoscere la spesa complessiva del bimestre. Quello che dovremo fare sarà chiaramente sommare le spese per la casa della famiglia Alberti corrispondenti ai due mesi, e così via. Essendo i dati disposti nello stesso ordine, dovremo quindi sommare i numeri che si trovano nella stessa posizione. La spesa del bimestre sarà quindi la seguente L esempio precedente dovrebbe chiarire per quale motivo abbia senso sommare solo matrici aventi lo stesso numero di righe e lo stesso numero di colonne. Esso mostra anche che la somma tra matrici si effettua sommando gli elementi di uguale posizione, vediamo ora la definizione formale. (3.2 Definizione. Date due matrici A = (a ij e B = (b ij, entrambe n m, la matrice somma C = A + B è una matrice C = (c ij di ordine n m così definita c ij = a ij + b ij i = 1... n, j = 1... m. Le proprietà della somma tra matrici dipendono dalle proprietà dell insieme numerico a cui appartengono gli elementi della matrice. Poiché ci occuperemo di matrici reali, la somma tra matrici eredita le proprietà della somma tra numeri reali, come la proposizione seguente mostra.

4 3. Somma di matrici e prodotto di una matrice per un numero 4 (3.3 Proposizione (Proprietà della della somma di matrici. Siano A, B, C matrici n m su R, valgono le seguenti proprietà 1. A + B = B + A (proprietà commutativa; 2. (A + B + C = A + (B + C (proprietà associativa; 3. esiste una matrice n m, che indicheremo con 0, tale che A + 0 = A (esistenza dell elemento neutro; 4. data A esite una matrice, che indicheremo con A, tale che A + ( A = 0 (esistenza degli elementi inversi. Dimostrazione. 1. Chiamiamo D = A+B ed E = B+A, dobbiamo dimostrare che D = E. Dalla definizione sappiamo che d ij = a ij +b ij mentre e ij = b ij +a ij. Per la proprietà commutativa dei numeri reali si ha d ij = e ij per tutti gli indici i = 1... n, j = 1... m, cioè le due matrici D ed E hanno tutti gli elementi uguali, quindi D = E. 2. Simile al punto 1., utilizzando la proprietà associativa dei numeri reali. 3. Dobbiamo esibire esplicitamente la matrice 0 avente le caratteristiche richieste: essa sarà la matrice n m avente tutti gli elementi uguali a 0. Infatti a ij + 0 = a ij per tutti gli indici i = 1... n, j = 1... m e quindi A + 0 = A come richiesto. 4. Data A = (a ij definiamo A = si vede facilmente che A + ( A = 0. a a 1m.. a n1... a nm Vediamo ora cosa succede quando sommiamo delle matrici uguali tra loro. Prendiamo una generica matrice n m e proviamo a sommare 3 copie uguali di essa. Usando le proprietà dei numeri reali si vede che il risultato è il seguente: a a 1m a a 1m a a 1m a n1... a nm a n1... a nm a n1... a nm = 3a a 1m.. 3a n1... 3a nm Quindi la matrice A + A + A ha, nella posizione i, j, l elemento 3a ij. Introduciamo un nuovo simbolo (attenzione si tratta di una nuova definizione! per indicare questa matrice: scriveremo 3A. Più in generale diamo la seguente definizione. (3.4 Definizione (prodotto di un numero per una matrice. Sia c un numero reale e sia A una matrice reale n m. Il prodotto della matrice A per il numero c è una matrice n m che si indica ca avente elementi ca = (ca ij (è ottenuta moltiplicando tutti gli elementi di A per il numero c.

5 4. Alcune matrici speciali 5 Abbiamo appena visto che, quando c è un numero intero, la matrice ca coincide con la matrice ottenuta sommando c volte la matrice A stessa. Nel caso in cui c = 1 ritroviamo la matrice ( 1A = A introdotta nella Proposizione 3.3, punto 4. (3.5 Esempio. Tornando all Esempio 1.2, supponiamo che si voglia utilizzare la tabella delle spese di gennaio per avere un preventivo delle spese annuali di ciascuna famiglia. Un modo alquanto rozzo è supporre che le spese siano circa le stesse ogni mese. In questa ipotesi per avere la spesa annuale è sufficiente moltiplicare ciascun indice di spesa per 12, cioè moltiplicare la matrice per 12: preventivo spese annuali = 12 spese di gennaio = 4 Alcune matrici speciali Alcune matrici meritano dei nomi particolari Si chiama matrice riga (o vettore riga una matrice avente una sola riga, cioè n = 1. Analogamente si dice matrice colonna (o vettore colonna una matrice avente una sola colonna, cioè m = 1. Ecco come rappresentiamo le generiche matrici riga e colonna matrice riga: (a a 1m matrice colonna: Matrice quadrata: il numero di colonne è uguale al numero di righe. Chiamiamo matrice quadrata di ordine n una matrice n n. Si chiama diagonale principale di una matrice quadrata di ordine n l insieme degli elementi a 11,... a nn, cioè degli elementi che hanno l indice di riga uguale all indice di colonna. (4.1 Esempio. La seguente matrice quadrata 3 3 è un esempio di quadrato magico cioè tale che la somma dei numeri presenti in ogni riga, in ogni colonna e in entrambe le diagonali dia sempre lo stesso numero. Gli elementi della diagonale principale sono 8, 5, 2. La matrice quadrata avente tutti gli elementi sulla diagonale principale uguali a 1 e tutti gli altri elementi uguali a 0 si chiama matrice unità o matrice identità. Per esempio la matrice identità di ordine 3 è I 3 = a 11. a n1

6 5. Prodotto di matrici 6 Una matrice quadrata che soddisfa la proprietà a ij = a ji per qualunque indice i = 1... n, j = 1... n, si chiama matrice simmetrica. Per esempio M = (4.2 Esercizio. Sia A una matrice simmetrica di ordine n e sia I n la matrice identità di ordine n. Dimostrare che A + I n è simmetrica. Svolgimento. Chiamiamo B = A + I n, avente elementi b ij. Dobbiamo dimostrare che b ij = b ji per ogni i j. Gli elementi sulla diagonale principale di B sono b ii = a ii + 1 i = 1... n (ricordare che la diagonale principale è data dagli elementi aventi l indice di riga uguale all indice di colonna. Tutti gli altri elementi di B invece sono uguali ai corrispondenti elementi di A b ij = a ij i j. Quindi dall ipotesi che a ij = a ji per ogni i j deduciamo che anche b ij = b ji per ogni i j. 5 Prodotto di matrici Prima di studiare il prodotto di matrici generiche, vediamo come si definisce il prodotto tra una matrice riga e una matrice colonna. La prima cosa importante da sapere è che il prodotto tra una matrice riga e una matrice colonna è ben definito solo quando esse hanno lo stesso numero di elementi (in quanto come vedremo si moltiplicano gli elementi uno a uno. Sia per esempio n il numero di elementi delle due matrici, vediamo cioè come si fa il prodotto tra una matrice riga 1 n e una matrice colonna n 1. (5.1 Definizione. Siano date una matrice riga 1 n e una matrice colonna n 1: A = (a a 1n B = Il loro prodotto è il numero che si ottiene moltiplicando i loro elementi a uno a uno e poi sommando, cioè A B = a 11 b 11 + a 12 b a 1n b n1. Si osservi che questo si può scrivere in modo più compatto usando il simbolo di sommatoria A B = n a 1i b i1. i=1 b 11. b n1

7 5. Prodotto di matrici 7 (5.2 Esempio. Un fruttivendolo oggi ha venduto solo 22 mele, 7 pere, e 18 banane. Le mele costano ciascuna p 1, le pere p 2 e le banane p 3. Se ordiniamo la quantità di frutta venduta in una matrice riga e i prezzi (nello stesso ordine in una matrice colonna come segue p 1 A = ( B = p 2 p 3, si vede che il prodotto A B fornisce il ricavo giornaliero del fruttivendolo: A B = 22p 1 + 7p p 3. A partire dal prodotto di una matrice riga per una colonna si definisce la moltiplicazione tra matrici. Infatti fare il prodotto di due matrici A e B significa moltiplicare le righe di A per le colonne di B, disponendo poi i vari numeri ottenuti in un modo particolare che ora specificheremo. Non è possibile moltiplicare tra loro matrici di dimensioni qualunque! Poiché moltiplichiamo le righe di A per le colonne di B, occorre che esse abbiano la stessa lunghezza. Quindi posso calcolare A B solo quando A è n m e B è m p. n m m m, n e p sono numeri naturali qualunque, l importante è che, se le righe di A contengono n elementi, allora anche le colonne di B contengano n elementi. Il prodotto tra due matrici è una matrice, in particolare A B = C n m m p n p La matrice prodotto C ha per elementi i vari numeri ottenuti moltiplicando tra loro le righe di A per le colonne di B. In quale ordine devono essere disposti questi elementi? L ordine più intuitivo possibile: il prodotto della riga i della matrice A per la colonna j della matrice B occupa la posizione ij della matrice prodotto C. Sintetizziamo quanto detto in una definizione. (5.3 Definizione (prodotto di matrici. Sia A = (a ik una matrice n m e sia B = (b kj una matrice m p. Il prodotto C = A B è una matrice n p avente elementi c ij così definiti: m c ij = a ik b kj, k=1 p

8 6. Proprietà del prodotto di matrici 8 cioè c ij è il prodotto della riga i di A per la colonna j di B. (5.4 Esempio. Siano A = ( B = allora C = A B si calcola nel modo seguente: ( svolgendo i conti si ottiene C = ( Evitiamo fraintendimenti: per fare il prodotto tra una matrice riga e una matrice colonna esse devono avere lo stesso numero di elementi. Invece per fare il prodotto tra due matrici generiche A e B non è necessario che questo avvenga. La condizione corretta in questo caso è che le righe di A abbiano lo stesso numero di elementi delle colonne di B. Poichè il numero di righe di A può essere diverso dal numero di colonne di B, le due matrici in generale non hanno lo stesso numero di elementi. 6 Proprietà del prodotto di matrici Discutiamo qui le principali proprietà del prodotto di matrici (a elementi reali senza dimostrarle. Iniziamo con un esempio importante. (6.1 Esempio (non validità della proprietà commutativa. In generale se è possibile calcolare A B non è detto che sia possibile calcolare B A. Soltanto quando le due matrici sono quadrate è possibile calcolare sia A B che B A (perché?. Vediamo un esempio ( ( A = B = A B = 2 1 ( B A = ( Quindi anche quando è possibile effettuare entrambi i prodotti il risultato non è necessariamente lo stesso! Cioè la moltiplicazione tra matrici quadrate non è commutativa. Proprietà associativa. Siano A matrice n m, B matrice m p e C matrice p q, allora A (B C = (A B C. Controlliamo le dimensioni delle matrici che stiamo moltiplicando. Calcolare A (B C significa effettuare prima il prodotto B C (che è una matrice m q e poi moltiplicare il risultato per A, ottenendo infine una matrice n q. Invece quando.

9 6. Proprietà del prodotto di matrici 9 calcoliamo (A B C otteniamo al primo passo matrice n p, cioè il prodotto A B. Moltiplicando questo risultato per C si ottiene ancora una matrice n q. La proprietà associativa ci assicura che i risultati ottenuti seguendo queste due strade diverse sono uguali. Proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma (a sinistra. Sia A una matrice n m e siano B, C due matrici m p, allora Si controllino le dimensioni della matrici. A (B + C = A B + A C. Proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma (a destra. A, B due matrici n m e sia C una matrice m p, allora Siano (A + B C = A C + B C. Scriviamo entrambe le proprietà distributive (da destra e da sinistra perché, non valendo la proprietà commutativa, non è ovvio che valgano entrambe. Esistenza dell elemento neutro per le matrici quadrate. Sia I n la matrice identità di ordine n. Per ogni matrice quadrata A di ordine n si ha A I n = I n A = A. (6.2 Esercizio. Dimostrare quest ultima proprietà tramite la definizione di prodotto di matrici (Definizione 5.3. Svolgimento. Dimostriamo che A I n = A e lasciamo per esercizio l altra identità. Chiamiamo a ij gli elementi di A, b ij gli elementi della matrice identità I n e chiamiamo c ij gli elementi della matrice prodotto C = A I n. La definizione di prodotto dice che c ij = n a ik b kj = a i1 b 1j + a i2 b 2j a in b nj. k=1 Ora sfruttiamo il fatto che la matrice identità ha una forma particolare, cioè b ii = 1, b ij = 0 se i j. Vediamo che conseguenze ha questo fatto sulla somma scritta sopra: c ij = a i1 b 1j + a i2 b 2j a ij b jj a in b nj solo il termine contenente b jj sopravvive poiché tutti gli altri termini sono moltiplicati per 0. Quindi c ij = a ij b jj = a ij 1 = a ij, cioè C = A.

10 7. Matrici e sistemi lineari 10 7 Matrici e sistemi lineari (7.1 Esempio. Sia A la seguente matrice 2 3 e b il seguente vettore colonna di lunghezza 2 ( ( 6 2, 2 18 A = 0, b = Possiamo associare ad A e b un sistema lineare di 2 equazioni in 3 incognite nel modo seguente. Denotiamo le 3 incognite come x 1, x 2, x 3 e scriviamo la seguente equazione tra matrici ( 6 2, x 1 x 2 x 3 = Svolgendo il prodotto si ottiene ( ( 6x1 3x1 + 2, 2x x 3 0 = + 4x 2 + x 3 7 Poiché due matrici sono uguali solo se i loro elementi sono tutti uguali tra loro, l espressione precedente è equivalente al seguente sistema lineare di 2 equazioni in 3 incognite { 6x1 + 2, 2x x 3 = 0 3x1 + 4x 2 + x 3 = 7. ( Più in generale, data una matrice n m e dato un vettore colonna con n elementi a a 1m b 1 A =.. b =., a n1... a nm b n associamo loro il seguente sistema lineare di n equazioni nelle m incognite x 1,..., x m a 11 x a 1m x m = b 1. a n1 x a nm x m = b n. Chiamando x il vettore colonna che ha per elementi le incognite x 1,... x n, possiamo scrivere equivalentemente il sistema nella forma compatta A x = b. Il vettore x è detto vettore delle incognite, mentre b è detto vettore dei termini noti. Si osservi che è richiesta una specifica condizione sulle dimensioni di A e b per poter associare loro un sistema lineare. (7.2 Esempio. Il seguente sistema di 2 equazioni in 2 incognite { 3x x 2 = 0 x 1 4e x 2 = e 3

11 8. Metodo di eliminazione di Gauss per la risoluzione dei sistemi lineari 11 non è lineare in quanto vi compaiono delle funzioni non lineari delle incognite x 1, x 2. Invece il sistema { 3x1 + 2x 2 = 0 x 1 4x 2 = e 3 è lineare poichè vi compaiono solo funzioni lineari delle incognite. (7.3 Definizione. Data una matrice A di ordine n m e dato un vettore colonna b con n elementi, si chiama matrice completa del sistema la matrice [A b] ottenuta accostando ad A il vettore colonna b dei termini noti. Si noti che il sistema è univocamente determinato dalla sua matrice completa. (7.4 Esempio. In riferimento all esempio 7.1 si ha [A b] = 6 2, Metodo di eliminazione di Gauss per la risoluzione dei sistemi lineari In questa sezione vediamo un metodo comodo per risolvere i sistemi lineari. Il metodo si avvale della matrice completa associata al sistema e delle sue proprietà. Iniziamo con un esempio. (8.1 Esempio. Per risolvere il sistema seguente, per prima cosa scriviamo la matrice completa x 1 + 2x 2 + 3x 3 = 6 2x 1 x 2 + x 3 = 2 [A b] = x 1 + 8x x 3 = Lasciamo la prima riga della matrice completa invariata e modifichiamo la seconda e la terza riga della matrice completa. Più precisamente, eseguiamo le seguenti operazioni sostituiamo la seconda riga con: sostituiamo la terza riga con: seconda riga 2 (prima riga terza riga 3 (prima riga. Otteniamo: Si osservi che abbiamo scelto le operazioni con lo scopo di ottenere 0 al primo posto nelle ultime due righe. Si osservi inoltre che abbiamo eseguito tali operazioni sulla matrice completa! Facciamo un ultima operazione sostituiamo la terza riga con: terza riga + 2 (seconda riga, 5

12 8. Metodo di eliminazione di Gauss per la risoluzione dei sistemi lineari 12 otteniamo: A questo punto scriviamo il sistema associato a quest ultima matrice: x 1 + 2x 2 + 3x 3 = 6 5x 2 5x 3 = 10 x 3 = 2 e risolviamolo per sostituzione, partendo dall ultima riga x 3 = 2, 5x = 10 di modo che x 2 = 0, x = 6 di modo che x 1 = 0. Il metodo si basa sulla proprietà (che noi non dimostreremo che le soluzioni così ottenute sono soluzioni del sistema iniziale (verificarlo per esercizio. Generalizziamo l esempio appena visto. Dato un sistema A x = b, il metodo di Gauss consiste nel eseguire delle operazioni sulle righe della matrice completa [A b]; le operazioni concesse sono lo scambio di due righe la moltiplicazione di una riga per un numero diverso da 0 la sostituzione di una riga con la somma della riga stessa e di un altra riga; lo scopo di queste operazioni è ottenere una matrice a scalini; una volta ottenuta la matrice a scalini, scrivere il sistema associato a quest ultima e risolverlo per sostituzione partendo dall ultima riga. Il metodo di Gauss si basa sulla proprietà (che non dimostreremo che il sistema finale ha le stesse soluzioni del sistema iniziale. (8.2 Definizione. Data una matrice A, una operazione elementare su A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi scambio di due righe di A moltiplicazione di una riga di A per un numero diverso da 0 sostituzione di una riga di A con la somma della riga stessa e di un altra riga. (8.3 Proposizione. Se due matrici complete [A b] e [A b ] si ottengono l una dall altra mediante operazioni elementari, allora i sistemi Ax = b e A x = b hanno le stesse soluzioni. Vediamo ora con maggior precisione cosa sia una matrice a scalini e diamone alcuni esempi.

13 8. Metodo di eliminazione di Gauss per la risoluzione dei sistemi lineari 13 (8.4 Definizione. Una matrice a scalini è una matrice con la proprietà che il primo elemento non nullo di una riga si trova più a destra del primo elemento non nullo della riga precedente. (8.5 Esempio. Siano A = , M = La matrice A è a scalini, mentre la matrice M non lo è A questo punto abbiamo illustrato in dettaglio il metodo di eliminazione di Gauss per la risoluzione dei sistemi lineari, vediamo come applicarlo in un esercizio. (8.6 Esercizio. Risolvere, se possibile, il seguente sistema utilizzando il metodo di Gauss { 1 2 x x 3 = 0 3x 1 = 1 + x 2 + 2x 3. Svolgimento. Scrivendo il sistema in forma ordinata { 1 2 x 2 + x 3 = 1 3x 1 x 2 2x 3 = 1, si vede subito che è sufficiente scambiare di posto le due equazioni per ottenere una matrice a scalini: [A b] = /2 1 1 Quindi non ci resta che risolvere il sistema per sostituzione. Si ha x 3 = x 2 e, sostituendo nell altra equazione, ( 3x 1 x = 1, 2 di modo che x 1 = 1. Quindi il sistema è indeterminato, cioè ha infinite soluzioni. Scegliendo per esempio come variabile libera x 2, possiamo scrivere le soluzioni nella forma seguente x 1 1 x 2 x 3 = x x 2

14 9. Rango di una matrice 14 9 Rango di una matrice (9.1 Definizione. Il rango di una matrice è il numero di righe diverse da 0 della corrispondente matrice ridotta a scalini, ovvero della matrice a scalini ottenuta da essa mediante operazioni elementari. (9.2 Esempio. La matrice A dell esempio 8.1 ha rango 3. La matrice A dell esercizio 8.6 ha rango 2. (9.3 Esercizio. Determinare il rango della matrice A = Svolgimento. Applichiamo il procedimento visto nella sezione precedente per ridurre A a scalini. Per esempio possiamo procedere come segue: portiamo la riga 1 in alto, poi effettuiamo la prima riduzione A a questo punto scambiamo la riga 2 con la 3 ed effettuiamo la seconda riduzione possiamo dividere la terza riga per 48 e l ultima riga per 3, e poi concludere la riduzione Nessuna riga è identicamente nulla, quindi il rango di A è 4. (9.4 Esercizio. Determinare il rango della matrice seguente A = k al variare del parametro reale k.

15 9. Rango di una matrice 15 Svolgimento. Per prima cosa cerchiamo di ridurre la matrice a scalini: k k + 3 Se k + 3 = 0 allora la matrice ottenuta è a scalini. Altrimenti non è a scalini in quanto il primo elemento non nullo dell ultima riga non è più a destra del primo elemento non nullo della penultima riga. Dunque, se k = 3 allora abbiamo ridotto A ad una matrice a scalini avente esattamente una riga nulla. Quindi in questo caso il rango di A è 3. Se k 3 allora dobbiamo proseguire e ridurre la matrice a scalini. Per esempio possiamo moltiplicare la terza riga per (k + 3/2 e sommarla all ultima riga, ottenendo Quindi il rango è ancora (9.5 Esercizio. Determinare il rango della matrice ( k 1 1 k al variare del parametro reale k. Svolgimento. Scambiando le due righe ( 1 k k 1 si vede che quando k = 0 la matrice è già ridotta a scalini: ( 1 0 quando k = Quindi per k = 0 il rango della matrice è 2. Quando k 0 invece possiamo effettuare la riduzione a scalini moltiplicando la prima riga per k e sommandola alla seconda. Si ottiene ( 1 k 0 k 2 1 Questa matrice ha una riga nulla solo se k = 1 oppure k = 1. Riassumendo: se k = ±1 il rango della matrice è 1; in tutti gli altri casi il rango è 2..

16 10. Teorema di Rouché-Capelli Teorema di Rouché-Capelli Vediamo ora un criterio che ci permette di stabilire se un sistema sia risolubile, calcolandone solo il rango, senza necessità di risolverlo. (10.1 Teorema di Rouché-Capelli. Il sistema lineare Ax = b ammette soluzioni se e solo se il rango di A è uguale al rango della matrice completa [A b]. Il teorema di Rouché-Capelli è una conseguenza della definizione di rango e della Proposizione 8.3. Vediamo come applicarlo per stabilire la risolubilità di un sistema contenente dei parametri. (10.2 Esercizio. Stabilire per quali valori di b = (b 1, b 2, b 3 il sistema 2x 3 + x 4 + 5x 5 = b 1 x 1 2x 2 4x 3 + x 4 2x 5 = b 2 x 1 + 2x 2 + 2x 3 + 7x 5 = b 3 è risolubile. Svolgimento. Per poter applicare il teorema di Rouché-Capelli dobbiamo confrontare il rango di A con il rango di [A b]. A tale scopo dobbiamo ridurre a scalini la matrice completa associata al sistema: b b b b b b b 3 b 2 + b 3 b b 3 b 2 + b 3 b 1 b 2 b 3 Quindi il rango di A è 2. Il rango di [A b] è 2 solo se b 1 b 2 b 3 = 0. Quindi per il teorema di Rouché-Capelli il sistema è risolubile se e solo se b 1 b 2 b 3 = 0. (10.3 Esercizio. Risolvere il sistema dell esercizio precedente con b 1 = 1, b 2 = b 3 = 1/2. Svolgimento Sostituendo il valore di b dato, otteniamo il sistema { x1 + 2x 2 + 2x 3 + 7x 5 = 1/2 2x 3 + x 4 + 5x 5 = 1. Ricaviamo x 3 dalla seconda equazione poi sostituiamolo nella prima equazione x 3 = x x , x 1 + 2x 2 + x 4 + 8x 5 = 3 2.

17 10. Teorema di Rouché-Capelli 17 Quindi il sistema è indeterminato, cioè ha infinite soluzioni. Scegliendo ad esempio come parametri liberi x 2, x 4, x 5, possiamo scrivere le soluzioni nella forma x = 3/2 2x 2 x 4 8x 5 x 2 x 4 /2 + x 5 /2 1/2 x 4 x 5 (10.4 Esercizio. Stabilire per quali valori di k R il sistema { kx 2ky = 1 x ky = 0 è risolubile. Svolgimento. La matrice completa associata al sistema è [A b] = k 2k 1 1 k 0 Riduciamo la matrice completa a scalini. Scambiando tra loro le due righe si vede che per k = 0 è già a scalini, infatti si ha se k = Quindi per k = 0 il rango di A è 1, mentre il rango di [A b] è 2. Per il teorema di Rouché- Capelli il sistema non è risolubile in questo caso. Per k 0 la matrice a scalini si può scrivere come segue 1 k 0 0 k 2. 2k 1 Osserviamo che k 2 2k = 0 se e solo se k = 0, 2. Quindi per k 0, 2 il rango di A è 2 e coincide con il rango di [A b], per cui, per il teorema di Rouché-Capelli, il sistema è risolubile in questo caso. Per k = 2 invece si ha 1 2 0, cosicché in questo caso il sistema non è risolubile. Riassumendo, il sistema è risolubile se e solo se k 0, 2.

18 11. Esercizi Esercizi (11.1 Esercizio. Un commerciante effettua le seguenti vendite giorno merce a b c primo secondo terzo Stabilire a quale prezzo avrebbe dovuto vendere ciascuna merce per avere un ricavo giornaliero di AC35, AC35 e AC30 rispettivamente? Svolgimento. Indicando con x = (x 1, x 2, x 3 i tre prezzi rispettivamente, si tratta di risolvere il seguente sistema 3x 1 + 2x 2 + x 3 = 35 2x 1 + 3x 2 + x 3 = 40 x 1 + x 2 + 2x 3 = 30 Applichiamo il metodo di Gauss. Per prima cosa riduciamo la matrice completa a scalini [A b] = Poi risolviamo l ultima equazione: x 3 = 10, da cui x 2 + 5x 3 = 55 quindi x 2 = 5, x 1 = 30 x 2 2x 3 quindi x 1 = 5. (11.2 Esercizio. Risolvere, se possibile, il seguente sistema x 1 + x 4 = 3 2x 3 2(x 1 + x 2 + 5x 3 + x 4 = 7 3x 1 + 5x 3 + 6x 4 = x 2 6x 2 + x 3 = 3 + x 1 utilizzando il metodo di Gauss. Risultato. Non ammette soluzioni. (11.3 Esercizio. Risolvere, se possibile, il seguente sistema x 1 + x 4 = 1 + 2x 3 3x 1 + 2x 2 + x 3 = 2 2x 1 = 3 + x 2 + x 4 utilizzando il metodo di Gauss.

19 12. Determinante di una matrice quadrata 19 Risultato. Infinite soluzioni. Per esempio, parametrizzando con x 3, si ha x 1 = 7x 3 + 2/3, x 2 = 19x 3 2, x 4 = 1/3 5x 3. (11.4 Esercizio. Calcolare il rango della matrice seguente al variare del parametro k R 1 2k 0 3k Risultato. Se k = ±1 il rango è 2, altrimenti il rango è Determinante di una matrice quadrata Se A è una matrice quadrata di ordine n, denotiamo con A 1j la matrice ottenuta da A eliminando la prima riga e la j-esima colonna. Si noti che A 1j è quindi una matrice quadrata di ordine n 1. (12.1 Esempio. Se A è la matrice allora A 11 = ( A = ( 4 6, A 12 = 7 9, ( 4 5, A 13 = 7 8 (12.2 Definizione. Se A = (a è una matrice quadrata di ordine 1, cioè la matrice contentente il solo numero a, allora il determinante di A è il numero a stesso. Se A è una matrice quadrata di ordine n 2, il determinante di A è il seguente numero definito per ricorsione n deta = ( 1 j+1 a 1j deta 1j. j=1 Attenzione! Il determinante è definito solo per matrici quadrate. Non è mai possibile calcolare il determinante di una matrice che non sia quadrata. (12.3 Esempio. Il determinante della generica matrice 2 2 è ( a11 a det 12 = a a 21 a 11 a 22 a 12 a (12.4 Esercizio. Calcolare il determinante della matrice A = Svolgimento. Applicando la definizione si ha: ( ( deta = 2 det 1 det = 2 (3 1 1 (3 1 1 (1 1 = 2 ( det 1 1. =

20 12. Determinante di una matrice quadrata 20 Vediamo alcune proprietà che possono essere utili per il calcolo del determinante. (12.5 Proposizione (Proprietà del determinante. Il determinante di una matrice quadrata gode delle seguenti proprietà Il determinante della matrice identità I n è 1; se una matrice ha due righe (o due colonne uguali, allora il suo determinante è 0; se una matrice ha una riga (o una colonna nulla, allora il suo determinante è 0; se si scambiano tra loro due righe, il determinante cambia segno; moltiplicando una riga per un numero c, il determinante viene moltiplicato per c. Vediamo come applicare alcune di queste proprietà per il calcolo del determinante di una matrice 5 5. (12.6 Esercizio. Calcolare il determinante della matrice A = Svolgimento. Per prima cosa scambiamo la quarta riga con la prima. Questo è vantaggioso per il calcolo perché la quarta riga contiene un maggior numero di zeri. Per far cioò applichiamo la quarta proprietà. deta = det = ( 1 det (nel secondo passaggio abbiamo applicato la definizione di determinante. Poi continuiamo ad applicare la definizione in modo ricorsivo: = det = det ( 1 det = 2 det Scambiamo la terza riga con la prima e proseguiamo ( = ( 2 det = ( 2 det = 4.

21 13. Inversa di una matrice quadrata 21 (12.7 Esercizio. Calcolare il determinante della matrice A = Risultato. deta = Inversa di una matrice quadrata (13.1 Definizione. Una matrice quadrata A di ordine n è detta invertibile se eiste un altra matrice di ordine n, che indicheremo con A 1, tale che La matrice A 1 sarà chiamata inversa di A. A A 1 = A 1 A = I n. Attenzione! La matrice inversa è definita solo per matrici quadrate. Non ha senso chiedersi se una matrice non quadrata sia invertibile. Per capire se una matrice sia o meno invertibile non è necessario calcolarne l inversa. Il teorema seguente afferma che è sufficiente calcolarne il determinante. (13.2 Teorema (Invertibilità di una matrice. Una matrice quadrata è invertibile se e solo se il suo determinante è diverso da 0. (13.3 Esempio. Stabiliamo se le seguenti matrici sono invertibili calcolandone il determinante ( A = M = Si ha deta = 5, quindi A è invertibile. Invece detm = 0, quindi M non è invertibile (svolgere i conti. Vediamo ora come si possa calcolare la matrice inversa di una matrice data (invertibile utlizzando il metodo di Gauss. Applicheremo in realtà una variante del metodo di eliminazione di Gauss. Esponiamo il metodo tramite un esempio. (13.4 Esempio (Calcolo della matrice inversa. Si vuole calcolare la matrice inversa della matrice invertibile A = (per esercizio controllare che A è invertibile calcolandone il determinante. Per prima cosa costruiamo una nuova matrice, ottenuta accostando ad A la matrice identità avente lo stesso ordine di A (cioè la matrice identità di ordine 3: [A I 3 ] =

22 13. Inversa di una matrice quadrata 22 Il secondo passo consiste nel ridurre [A I 3 ] a scalini applicando il metodo di Gauss usuale: [A I 3 ] 0 5/2 1 3/ /2 1 3/ /2 0 5/ /5 2/5 7/5 1 Abbiamo ottenuto una matrice a scalini e il metodo di Gauss usuale si fermerebbe qui. Per il calcolo della matrice inversa invece dobbiamo proseguire, applicando una variante del metodo di Gauss, che procede per eliminazione dal basso verso l alto, fino ad ottenere una matrice nella forma seguente: Qui il simbolo * indica un numero qualunque. L importante è ottenere la matrice identità sulla sinistra. Vediamo come funziona il metodo di eliminazione dal basso verso l alto. Si lascia sempre l ultima riga invariata. Inoltre effettuiamo la seguente operazione ottenendo sostituiamo la seconda riga con: / /5 seconda riga + 5/7 (terza riga, /14 0 5/7 2/5 7/5 1 A questo punto lasciamo invariate la seconda e la terza riga e ottenendo sostituiamo la prima riga con: / /5 prima riga 2/5 (seconda riga, 12/7 0 2/7 25/14 0 5/7 2/5 7/5 1 Infine, moltiplichiamo la prima riga per 1/2, la seconda riga per 2/5, la terza riga per 5/7, ottenendo la matrice nella forma desiderata /7 0 1/ /7 0 2/ /7 1 5/7 La matrice ottenuta sulla destra è l inversa di A, cioè 6/7 0 1/7 A 1 = 5/7 0 2/7 2/7 1 5/7 Per esercizio (e sempre all esame! controllare che A A 1 = I 3.

23 13. Inversa di una matrice quadrata 23 (13.5 Esercizio. Stabilire se A = è invertibile. Risultato. No perché deta = 0. (13.6 Esercizio. Stabilire per quali valori del parametro k R la matrice è invertibile. 1 2k 0 3k Risultato. Invertibile se e solo se k ±1, in quanto deta = 6k 2 6. (13.7 Esercizio. Calcolare la matrice inversa di A = Risultato. A 1 = 1/2 1/2 0 1/2 3/2 1 1/2 1/2 1

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria.

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria. Capitolo 2 Campi 2.1 Introduzione Studiamo ora i campi. Essi sono una generalizzazione dell insieme R dei numeri reali con le operazioni di addizione e di moltiplicazione. Nel secondo paragrafo ricordiamo

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3 SISTEMI LINEARI. Esercizi Esercizio. Verificare se (,, ) è soluzione del sistema x y + z = x + y z = 3. Trovare poi tutte le soluzioni del sistema. Esercizio. Scrivere un sistema lineare di 3 equazioni

Dettagli

Sistemi lineari. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Sistemi lineari. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Sistemi lineari Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Esercizi svolti. risolvere, se possibile, l equazione xa + B = O, essendo x un incognita reale

Esercizi svolti. risolvere, se possibile, l equazione xa + B = O, essendo x un incognita reale Esercizi svolti 1. Matrici e operazioni fra matrici 1.1 Date le matrici 1 2 1 6 A = B = 5 2 9 15 6 risolvere, se possibile, l equazione xa + B = O, essendo x un incognita reale Osservazione iniziale: qualunque

Dettagli

Esercitazione 6 - Soluzione

Esercitazione 6 - Soluzione Anno Accademico 28-29 Corso di Algebra Lineare e Calcolo Numerico per Ingegneria Meccanica Esercitazione 6 - Soluzione Immagine, nucleo. Teorema di Rouché-Capelli. Esercizio Sia L : R 3 R 3 l applicazione

Dettagli

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1 MATRICI E SISTEMI SISTEMI LINEARI Sistemi lineari e forma matriciale (definizioni e risoluzione). Teorema di Rouché-Capelli. Sistemi lineari parametrici. Esercizio Risolvere il sistema omogeneo la cui

Dettagli

SISTEMI LINEARI, METODO DI GAUSS

SISTEMI LINEARI, METODO DI GAUSS SISTEMI LINEARI, METODO DI GAUSS Abbiamo visto che un sistema di m equazioni lineari in n incognite si può rappresentare in forma matriciale come A x = b dove: A è la matrice di tipo (m, n) dei coefficienti

Dettagli

= elemento che compare nella seconda riga e quinta colonna = -4 In generale una matrice A di m righe e n colonne si denota con

= elemento che compare nella seconda riga e quinta colonna = -4 In generale una matrice A di m righe e n colonne si denota con Definizione di matrice Una matrice (di numeri reali) è una tabella di m x n numeri disposti su m righe e n colonne. I numeri che compaiono nella tabella si dicono elementi della matrice. La loro individuazione

Dettagli

Geometria BIAR Esercizi 2

Geometria BIAR Esercizi 2 Geometria BIAR 0- Esercizi Esercizio. a Si consideri il generico vettore v b R c (a) Si trovi un vettore riga x (x, y, z) tale che x v a (b) Si trovi un vettore riga x (x, y, z) tale che x v kb (c) Si

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 3 Algebra delle matrici. Una tabella rettangolare: la matrice. Una tabella rettangolare: la matrice

Corso di Matematica e Statistica 3 Algebra delle matrici. Una tabella rettangolare: la matrice. Una tabella rettangolare: la matrice Pordenone Corso di Matematica e Statistica 3 Algebra delle UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

Dettagli

ESERCIZI SULLE MATRICI

ESERCIZI SULLE MATRICI ESERCIZI SULLE MATRICI Consideriamo il sistema lineare a, x + a, x + + a,n x n = b a, x + a, x + + a,n x n = b a m, x + a m, x + + a m,n x n = b m di m equazioni in n incognite che ha a, a,n A = a m, a

Dettagli

Giuseppe Accascina. Note del corso di Geometria e Algebra

Giuseppe Accascina. Note del corso di Geometria e Algebra Giuseppe Accascina Note del corso di Geometria e Algebra Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Anno Accademico 26-27 ii Istruzioni per l uso Faremo spesso riferimento a ciò che è stato

Dettagli

SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI

SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI Appunti presi dalle lezioni del prof. Nedo Checcaglini Liceo Scientifico di Castiglion Fiorentino (Classe 4B) January 17, 005 1 SISTEMI LINEARI Se a ik, b i R,

Dettagli

Esercitazione di Calcolo Numerico 1 22 Aprile Determinare la fattorizzazione LU della matrice a 1 1 A = 3a 2 a 2a a a 2 A =

Esercitazione di Calcolo Numerico 1 22 Aprile Determinare la fattorizzazione LU della matrice a 1 1 A = 3a 2 a 2a a a 2 A = Esercitazione di Calcolo Numerico 22 Aprile 29. Determinare la fattorizzazione LU della matrice a A = 3a 2 a 2a a a 2 ed utilizzarla per calcolare il det(a). 2. Calcolare il determinante della matrice

Dettagli

( ) TEORIA DELLE MATRICI. A. Scimone a.s pag 1

( ) TEORIA DELLE MATRICI. A. Scimone a.s pag 1 . Scimone a.s 1997 98 pag 1 TEORI DELLE MTRICI Dato un campo K, definiamo matrice ad elementi in K di tipo (m, n) un insieme di numeri ordinati secondo righe e colonne in una tabella rettangolare del tipo

Dettagli

La riduzione a gradini e i sistemi lineari (senza il concetto di rango)

La riduzione a gradini e i sistemi lineari (senza il concetto di rango) CAPITOLO 4 La riduzione a gradini e i sistemi lineari (senza il concetto di rango) Esercizio 4.1. Risolvere il seguente sistema non omogeneo: 2x+4y +4z = 4 x z = 1 x+3y +4z = 3 Esercizio 4.2. Risolvere

Dettagli

Si consideri il sistema a coefficienti reali di m equazioni lineari in n incognite

Si consideri il sistema a coefficienti reali di m equazioni lineari in n incognite 3 Sistemi lineari 3 Generalità Si consideri il sistema a coefficienti reali di m equazioni lineari in n incognite ovvero, in forma matriciale, a x + a 2 x 2 + + a n x n = b a 2 x + a 22 x 2 + + a 2n x

Dettagli

Introduciamo ora un altro campo, formato da un numero finito di elementi; il campo delle classi resto modulo n, con n numero primo.

Introduciamo ora un altro campo, formato da un numero finito di elementi; il campo delle classi resto modulo n, con n numero primo. Capitolo 3 Il campo Z n 31 Introduzione Introduciamo ora un altro campo, formato da un numero finito di elementi; il campo delle classi resto modulo n, con n numero primo 32 Le classi resto Definizione

Dettagli

Sistemi di equazioni lineari

Sistemi di equazioni lineari Sistemi di equazioni lineari I sistemi di equazioni si incontrano in natura in molti problemi di vita reale. Per esempio, prendiamo in considerazione una bevanda a base di uova, latte e succo d arancia.

Dettagli

Precorso di Matematica

Precorso di Matematica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA Precorso di Matematica Anna Scaramuzza Anno Accademico 2005-2006 4-10 Ottobre 2005 INDICE 1. ALGEBRA................................. 3 1.1 Equazioni

Dettagli

Argomento 13 Sistemi lineari

Argomento 13 Sistemi lineari Sistemi lineari: definizioni Argomento 3 Sistemi lineari I Un equazione nelle n incognite x,,x n della forma c x + + c n x n = b ove c,,c n sono numeri reali (detti coefficienti) eb è un numero reale (detto

Dettagli

LEZIONE Equazioni matriciali. Negli Esempi e si sono studiati più sistemi diversi AX 1 = B 1, AX 2 = R m,n, B = (b i,h ) 1 i m

LEZIONE Equazioni matriciali. Negli Esempi e si sono studiati più sistemi diversi AX 1 = B 1, AX 2 = R m,n, B = (b i,h ) 1 i m LEZIONE 4 41 Equazioni matriciali Negli Esempi 336 e 337 si sono studiati più sistemi diversi AX 1 = B 1, AX 2 = B 2,, AX p = B p aventi la stessa matrice incompleta A Tale tipo di problema si presenta

Dettagli

Dipendenza e indipendenza lineare

Dipendenza e indipendenza lineare Dipendenza e indipendenza lineare Luciano Battaia Questi appunti () ad uso degli studenti del corso di Matematica (A-La) del corso di laurea in Commercio Estero dell Università Ca Foscari di Venezia campus

Dettagli

2x 5y +4z = 3 x 2y + z =5 x 4y +6z = A =

2x 5y +4z = 3 x 2y + z =5 x 4y +6z = A = Esercizio 1. Risolvere il sistema lineare 2x 5y +4z = x 2y + z =5 x 4y +6z =10 (1) Soluz. La matrice dei coefficienti è 1 4 6, calcoliamone il rango. Il determinante di A è (applico la regola di Sarrus):

Dettagli

LEZIONE 3. Typeset by AMS-TEX

LEZIONE 3. Typeset by AMS-TEX LEZIONE 3 3 Risoluzione di sistemi Supponiamo che AX = B sia un sistema di equazioni lineari Ad esso associamo la sua matrice completa (A B Per la Proposizione 236 sappiamo di poter trasformare, con operazioni

Dettagli

Sistemi lineari - Parte Seconda - Esercizi

Sistemi lineari - Parte Seconda - Esercizi Sistemi lineari - Parte Seconda - Esercizi Terminologia Operazioni elementari sulle righe. Equivalenza per righe. Riduzione a scala per righe. Rango di una matrice. Forma canonica per righe. Eliminazione

Dettagli

1 Introduzione alle matrici quadrate 2 2 a coefficienti in R.

1 Introduzione alle matrici quadrate 2 2 a coefficienti in R. 1 Introduzione alle matrici quadrate 2 2 a coefficienti in R Per introdurre il concetto di matrice, a 2 righe e 2 colonne, iniziamo col considerare griglie o tabelle di numeri Gli elementi della griglia,

Dettagli

LEZIONE 4. { x + y + z = 1 x y + 2z = 3

LEZIONE 4. { x + y + z = 1 x y + 2z = 3 LEZIONE 4 4.. Operazioni elementari di riga. Abbiamo visto, nella precedente lezione, quanto sia semplice risolvere sistemi di equazioni lineari aventi matrice incompleta fortemente ridotta per righe.

Dettagli

Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango)

Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango) CAPITOLO 5 Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango) Esercizio 5.1. Scrivere un vettore w R 3 linearmente dipendente dal vettore v ( 1, 9, 0). Esercizio 5.2. Stabilire se i vettori

Dettagli

Parte 1. Sistemi lineari, algoritmo di Gauss, matrici

Parte 1. Sistemi lineari, algoritmo di Gauss, matrici Parte 1. Sistemi lineari, algoritmo di Gauss, matrici A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Brevi richiami sugli insiemi, 1 Insiemi numerici, 3 3 L insieme R n, 4 4 Equazioni

Dettagli

Lezione 4 - Esercitazioni di Algebra e Geometria - Anno accademico

Lezione 4 - Esercitazioni di Algebra e Geometria - Anno accademico Trasformazioni elementari sulle matrici Data una matrice A K m,n definiamo su A le seguenti tre trasformazioni elementari: T : scambiare tra loro due righe (o due colonne) di A; T : sommare ad una riga

Dettagli

misura. Adesso, ad un arbitrario punto P dello spazio associamo una terna di numeri reali x

misura. Adesso, ad un arbitrario punto P dello spazio associamo una terna di numeri reali x 4. Geometria di R 3. Questo paragrafo è molto simile al paragrafo : tratta infatti delle proprietà geometriche elementari dello spazio R 3. Per assegnare delle coordinate nello spazio, fissiamo innanzitutto

Dettagli

Inversa. Inversa. Elisabetta Colombo

Inversa. Inversa. Elisabetta Colombo Corso di Approfondimenti di Matematica per Biotecnologie, Anno Accademico 00-0, http://users.mat.unimi.it/users/colombo/programmabio.html e 3 con i Matrici inverse di matrici quadrate e con i Sia A una

Dettagli

Appunti su Indipendenza Lineare di Vettori

Appunti su Indipendenza Lineare di Vettori Appunti su Indipendenza Lineare di Vettori Claudia Fassino a.a. Queste dispense, relative a una parte del corso di Matematica Computazionale (Laurea in Informatica), rappresentano solo un aiuto per lo

Dettagli

08 - Matrici, Determinante e Rango

08 - Matrici, Determinante e Rango Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 08 - Matrici, Determinante e Rango Anno Accademico 2013/2014 D.

Dettagli

Sui determinanti e l indipendenza lineare di vettori

Sui determinanti e l indipendenza lineare di vettori Sui determinanti e l indipendenza lineare di vettori 1 Si dice che m vettori v 1, v 2,,v m di R n sono linearmente indipendenti, se una loro combinazione lineare può dare il vettore nullo solo se i coefficienti

Dettagli

Vettori e matrici. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Vettori e matrici. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Vettori e matrici Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utentiunifeit/lorenzopareschi/ lorenzopareschi@unifeit Lorenzo Pareschi Univ Ferrara

Dettagli

1 Definizione di sistema lineare omogeneo.

1 Definizione di sistema lineare omogeneo. Geometria Lingotto. LeLing1: Sistemi lineari omogenei. Ārgomenti svolti: Definizione di sistema lineare omogeneo. La matrice associata. Concetto di soluzione. Sistemi equivalenti. Operazioni elementari

Dettagli

Inversa di una matrice

Inversa di una matrice Geometria Lingotto. LeLing: La matrice inversa. Ārgomenti svolti: Inversa di una matrice. Unicita e calcolo della inversa. La inversa di una matrice. Il gruppo delle matrici invertibili. Ēsercizi consigliati:

Dettagli

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO Definizione: un equazione è di secondo grado se, dopo aver applicato i principi di equivalenza, si può scrivere nella forma, detta normale: ax + bx + c 0!!!!!con!a 0 Le lettere

Dettagli

Il teorema di Rouché-Capelli

Il teorema di Rouché-Capelli Luciano Battaia Questi appunti (1), ad uso degli studenti del corso di Matematica (A-La) del corso di laurea in Commercio Estero dell Università Ca Foscari di Venezia, campus di Treviso, contengono un

Dettagli

Prodotto scalare e prodotto vettoriale. Elisabetta Colombo

Prodotto scalare e prodotto vettoriale. Elisabetta Colombo Corso di Approfondimenti di Matematica Biotecnologie, Anno Accademico 2010-2011, http://users.mat.unimi.it/users/colombo/programmabio.html Vettori Vettori 1 2 3 4 di di Ricordiamo il in R n Dati a = (a

Dettagli

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Sistemi di equazioni lineari. Rango di matrici Come è noto (vedi [] sez.0.8), ad ogni matrice quadrata A è associato un numero reale det(a) detto determinante

Dettagli

Decomposizione LU di una matrice quadrata

Decomposizione LU di una matrice quadrata Appendice al Cap. 5 Decomposizione LU di una matrice quadrata Una qualunque matrice quadrata M = {m ij } di ordine N, reale, invertibile, i cui minori principali siano tutti non nulli, si può sempre decomporre

Dettagli

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d SPAZI VETTORIALI 1. Esercizi Esercizio 1. Stabilire quali dei seguenti sottoinsiemi sono sottospazi: V 1 = {(x, y, z) R 3 /x = y = z} V = {(x, y, z) R 3 /x = 4} V 3 = {(x, y, z) R 3 /z = x } V 4 = {(x,

Dettagli

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 2: soluzioni

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 2: soluzioni Corso di Geometria 2- BIAR, BSIR Esercizi 2: soluzioni Esercizio Calcolare il determinante della matrice 2 3 : 3 2 a) con lo sviluppo lungo la prima riga, b) con lo sviluppo lungo la terza colonna, c)

Dettagli

MATRICI E VETTORI APPROFONDIMENTO PER IL CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA SARA POLTRONIERI

MATRICI E VETTORI APPROFONDIMENTO PER IL CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA SARA POLTRONIERI MATRICI E VETTORI APPROFONDIMENTO PER IL CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA SARA POLTRONIERI LE MATRICI DEFINIZIONE: Una matrice è un insieme di numeri disposti su righe e colonne. 1 3 7 M = 2 5 1 M è

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica. Geometria. a.a Canale 3 Prof. P. Piazza Magiche notazioni

Corso di Laurea in Fisica. Geometria. a.a Canale 3 Prof. P. Piazza Magiche notazioni Corso di Laurea in Fisica. Geometria. a.a. 23-4. Canale 3 Prof. P. Piazza Magiche notazioni Siano V e W due spazi vettoriali e sia T : V W un applicazione lineare. Fissiamo una base B per V ed una base

Dettagli

A.A CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5.

A.A CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5. A.A. 2015-2016. CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5. Esercizio 5.1. Determinare le ultime tre cifre di n = 13 1625. (Suggerimento. Sfruttare il Teorema di Eulero-Fermat)

Dettagli

Lezione 9: Le matrici

Lezione 9: Le matrici Lezione 9: Le matrici Ancora un po di sistemi in generale: le notazioni Nella lezione precedente abbiamo visto vari esempi di sistemi lineari in cui si verificavano i seguenti casi: una sola soluzione,

Dettagli

POTENZE DI MATRICI QUADRATE

POTENZE DI MATRICI QUADRATE POTENZE DI MATRICI QUADRATE In alcune applicazioni pratiche, quali lo studio di sistemi dinamici discreti, può essere necessario calcolare le potenze A k, per k N\{0}, di una matrice quadrata A M n n (R)

Dettagli

Esercizi sui sistemi di equazioni lineari.

Esercizi sui sistemi di equazioni lineari. Esercizi sui sistemi di equazioni lineari Risolvere il sistema di equazioni lineari x y + z 6 x + y z x y z Si tratta di un sistema di tre equazioni lineari nelle tre incognite x, y e z Poichè m n, la

Dettagli

04 - Numeri Complessi

04 - Numeri Complessi Università degli Studi di Palermo Scuola Politecnica Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche Appunti del corso di Matematica 04 - Numeri Complessi Anno Accademico 2015/2016 M. Tumminello,

Dettagli

Anno 1. Divisione fra polinomi

Anno 1. Divisione fra polinomi Anno 1 Divisione fra polinomi 1 Introduzione In questa lezione impareremo a eseguire la divisione fra polinomi. In questo modo completiamo il quadro delle 4 operazioni con i polinomi. Al termine di questa

Dettagli

Lezione 7: Il Teorema di Rouché-Capelli

Lezione 7: Il Teorema di Rouché-Capelli Lezione 7: Il Teorema di Rouché-Capelli In questa lezione vogliamo rivisitare i sistemi lineari e dare alcuni risultati che ci permettono di determinare dato un sistema lineare se ammette soluzioni e da

Dettagli

Anno 4 Matrice inversa

Anno 4 Matrice inversa Anno 4 Matrice inversa 1 Introduzione In questa lezione parleremo della matrice inversa di una matrice quadrata: definizione metodo per individuarla Al termine della lezione sarai in grado di: descrivere

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x 2y 2z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga sulla matrice del primo sistema: 1 1 1 3 1 2 R 2 R 2 3R 0 4 5.

SISTEMI LINEARI. x 2y 2z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga sulla matrice del primo sistema: 1 1 1 3 1 2 R 2 R 2 3R 0 4 5. SISTEMI LINEARI Esercizi Esercizio. Risolvere, se possibile, i seguenti sistemi: x y z = 0 x + y + z = 3x + y + z = 0 x y = 4x + z = 0, x y z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Marta Cardin Paola Ferretti Stefania Funari Introduzione soft alla matematica per l economia e la finanza: I SISTEMI LINEARI

Dettagli

RIDUZIONE E RANGO , C = 2 5 1

RIDUZIONE E RANGO , C = 2 5 1 MATRICI E SISTEMI RIDUZIONE E RANGO Riduzione di matrici (definizioni, trasformazioni elementari). Calcolo del rango e dell inversa (metodo di Gauss, metodo di Gauss-Jordan). 3 4 Esercizio Ridurre per

Dettagli

Prima di risolverli, è necessario prevedere se ci saranno soluzioni e, eventualmente, quante saranno.

Prima di risolverli, è necessario prevedere se ci saranno soluzioni e, eventualmente, quante saranno. Sistemi lineari Prima di risolverli, è necessario prevedere se ci saranno soluzioni e, eventualmente, quante saranno. La discussione di un sistema si imposta in questo modo: 1 studiare il rango della matrice

Dettagli

x 1 Fig.1 Il punto P = P =

x 1 Fig.1 Il punto P = P = Geometria di R 2 In questo paragrafo discutiamo le proprietà geometriche elementari del piano Per avere a disposizione delle coordinate nel piano, fissiamo un punto, che chiamiamo l origine Scegliamo poi

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Sede di Fermo Corso di 7 - CALCOLO NUMERICO CON MATRICI Richiami teorici Operazioni fondamentali Siano A = {a ij } e B = {b ij }, i = 1,..., m, j = 1,..., n due

Dettagli

1 Equazioni parametriche e cartesiane di sottospazi affini di R n

1 Equazioni parametriche e cartesiane di sottospazi affini di R n 2 Trapani Dispensa di Geometria, Equazioni parametriche e cartesiane di sottospazi affini di R n Un sottospazio affine Σ di R n e il traslato di un sottospazio vettoriale. Cioe esiste un sottospazio vettoriale

Dettagli

Esercitazioni di Algebra e Geometria

Esercitazioni di Algebra e Geometria Esercitazioni di Algebra e Geometria Anno Accademico 2010 2011 Dott.ssa Elisa Pelizzari e-mail elisa.peli@libero.it Esercitazioni: lunedì 14.30 16.30 venerdì 14.30 16.30 Ricevimento studenti: venerdì 13.30

Dettagli

+2 3 = = =3 + =3 + =8 =15. Sistemi lineari. nelle stesse due incognite. + = + = = = Esempi + =5. Il sistema è determinato

+2 3 = = =3 + =3 + =8 =15. Sistemi lineari. nelle stesse due incognite. + = + = = = Esempi + =5. Il sistema è determinato Sistemi di equazioni SISTEMI LINEARI Un sistema di equazioni è un insieme di equazioni per le quali si cercano eventuali soluzioni comuni. +=7 =1 Ognuna delle due equazioni ha infinite soluzioni. La coppia

Dettagli

Corso di Matematica per la Chimica

Corso di Matematica per la Chimica Dott.ssa Maria Carmela De Bonis a.a. 2013-14 Pivoting e stabilità Se la matrice A non appartiene a nessuna delle categorie precedenti può accadere che al k esimo passo risulti a (k) k,k = 0, e quindi il

Dettagli

Esercizi sulla retta. Gruppo 1 (4A TSS SER, 4B TSS SER, 4A AM )

Esercizi sulla retta. Gruppo 1 (4A TSS SER, 4B TSS SER, 4A AM ) Esercizi sulla retta. Gruppo 1 (4A TSS SER, 4B TSS SER, 4A AM ) 1. Scrivere l'equazione della retta passante per i punti P1(-3,1), P2(2,-2). Dobbiamo applicare l'equazione di una retta passante per due

Dettagli

Anno 2. Risoluzione di sistemi di primo grado in due incognite

Anno 2. Risoluzione di sistemi di primo grado in due incognite Anno Risoluzione di sistemi di primo grado in due incognite Introduzione In questa lezione impareremo alcuni metodi per risolvere un sistema di due equazioni in due incognite. Al termine di questa lezione

Dettagli

1 Fattorizzazione di polinomi

1 Fattorizzazione di polinomi 1 Fattorizzazione di polinomi Polinomio: un polinomio di grado n nella variabile x, è dato da p(x) = a n x n + a n 1 x n 1 + + a 1 x + a 0 con a n 0, a 0 è detto termine noto, a k è detto coefficiente

Dettagli

m = a k n k + + a 1 n + a 0 Tale scrittura si chiama rappresentazione del numero m in base n e si indica

m = a k n k + + a 1 n + a 0 Tale scrittura si chiama rappresentazione del numero m in base n e si indica G. Pareschi COMPLEMENTI ED ESEMPI SUI NUMERI INTERI. 1. Divisione con resto di numeri interi 1.1. Divisione con resto. Per evitare fraintendimenti nel caso in cui il numero a del Teorema 0.4 sia negativo,

Dettagli

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n SPAZI E SOTTOSPAZI 1 SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n Spazi di matrici. Spazi di polinomi. Generatori, dipendenza e indipendenza lineare, basi e dimensione. Intersezione e somma di sottospazi,

Dettagli

Per esempio, una matrice 4 4 triangolare alta ha la forma. 0 a. mentre una matrice di ordine 4 triangolare bassa è del tipo

Per esempio, una matrice 4 4 triangolare alta ha la forma. 0 a. mentre una matrice di ordine 4 triangolare bassa è del tipo Matrici triangolari Prima di esporre il metodo LU per la risoluzione di sistemi lineari, introduciamo la nozione di matrice triangolare Ci limiteremo al caso di matrici quadrate anche se l estensione a

Dettagli

1 Il polinomio minimo.

1 Il polinomio minimo. Abstract Il polinomio minimo, così come il polinomio caratterisico, è un importante invariante per le matrici quadrate. La forma canonica di Jordan è un approssimazione della diagonalizzazione, e viene

Dettagli

Corso di Matematica B - Ingegneria Informatica Testi di Esercizi

Corso di Matematica B - Ingegneria Informatica Testi di Esercizi A. Languasco - Esercizi Matematica B - 1. Sistemi lineari e Matrici 1 A: Sistemi lineari: eliminazione gaussiana Corso di Matematica B - Ingegneria Informatica Testi di Esercizi A1. Determinare, con il

Dettagli

Note per il corso di Geometria e algebra lineare 2009-10 Corso di laurea in Ing. Elettronica e delle Telecomunicazioni

Note per il corso di Geometria e algebra lineare 2009-10 Corso di laurea in Ing. Elettronica e delle Telecomunicazioni Note per il corso di Geometria e algebra lineare 009-0 Corso di laurea in Ing. Elettronica e delle Telecomunicazioni Spazi di n-uple e matrici. I prodotti cartesiani RR R e RRR R 3, costituiti dalle coppie

Dettagli

Esercizi svolti sui sistemi lineari

Esercizi svolti sui sistemi lineari Esercizio 1. Risolvere il seguente sistema lineare al variare del parametro reale t: t x + (t 1)y + z = 1 (t 1)y + t z = 1 2 x + z = 5 Soluzione. Il determinante della matrice dei coefficienti è t t 1

Dettagli

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari Sviluppi e derivate delle funzioni elementari In queste pagine dimostriamo gli sviluppi del prim ordine e le formule di derivazioni delle principali funzioni elementari. Utilizzeremo le uguaglianze lim

Dettagli

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee 1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee Vogliamo dare una idea, senza molte pretese, dei concetti che stanno alla base di alcuni calcoli svolti nella classificazione delle coniche. Supponiamo di

Dettagli

08 - Matrici, Determinante e Rango

08 - Matrici, Determinante e Rango Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 08 - Matrici, Determinante e Rango Anno Accademico 2013/2014 D.

Dettagli

Esercitazione di Matematica su matrici e sistemi lineari

Esercitazione di Matematica su matrici e sistemi lineari Esercitazione di Matematica su matrici e sistemi lineari Notazioni: deta, A T =trasposta di A, A 1 =inversa di A. 1. Si considerino le matrici A, B, C, D denite da 1 0 5 1 A = 0, B = 0 0, C = 0 1 0 6 1

Dettagli

ESERCITAZIONE SU CALCOLO MATRICIALE, APPLICAZIONI LINEARI E FORME QUADRATICHE

ESERCITAZIONE SU CALCOLO MATRICIALE, APPLICAZIONI LINEARI E FORME QUADRATICHE ESERCITAZIONE SU CALCOLO MATRICIALE, APPLICAZIONI LINEARI E FORME QUADRATICHE Calcolo matriciale Il problema che vogliamo affrontare è quello di introdurre un operazione di prodotto fra due date matrici

Dettagli

Sistemi di equazioni lineari

Sistemi di equazioni lineari Sistemi di equazioni lineari A. Bertapelle 25 ottobre 212 Cos è un sistema lineare? Definizione Un sistema di m equazioni lineari (o brevemente sistema lineare) nelle n incognite x 1,..., x n, a coefficienti

Dettagli

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0.

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0. Elementi di Algebra e Logica 2008. Esercizi 4. Gruppi, anelli e campi. 1. Determinare la tabella additiva e la tabella moltiplicativa di Z 6. (a) Verificare dalla tabella moltiplicativa di Z 6 che esistono

Dettagli

LEZIONE 8. k e w = wx ı + w y j + w z. k di R 3 definiamo prodotto scalare di v e w il numero

LEZIONE 8. k e w = wx ı + w y j + w z. k di R 3 definiamo prodotto scalare di v e w il numero LEZINE 8 8.1. Prodotto scalare. Dati i vettori geometrici v = v x ı + v y j + v z k e w = wx ı + j + k di R 3 definiamo prodotto scalare di v e w il numero v, w = ( v x v y v z ) w x = v x + v y + v z.

Dettagli

Matrici. Matrici.h Definizione dei tipi. Un po di esercizi sulle matrici Semplici. Media difficoltà. Difficili

Matrici. Matrici.h Definizione dei tipi. Un po di esercizi sulle matrici Semplici. Media difficoltà. Difficili Matrici Un po di esercizi sulle matrici Semplici Lettura e scrittura Calcolo della trasposta Media difficoltà Calcolo del determinante Difficili Soluzione di sistemi lineari È veramente difficile? 1 Matrici.h

Dettagli

ESERCIZI MATEMATICA GENERALE - Canale III

ESERCIZI MATEMATICA GENERALE - Canale III ESERCIZI MATEMATICA GENERALE - Canale III Vettori Prof. A. Fabretti 1 A.A. 009/010 1 Dati in R i vettori v = (1,,, u = (,, 1 e w = (,, calcolare: a la combinazione lineare u + v + 4 w b il prodotto scalare

Dettagli

LEZIONE 1 C =

LEZIONE 1 C = LEZIONE 1 11 Matrici a coefficienti in R Definizione 111 Siano m, n Z positivi Una matrice m n a coefficienti in R è un insieme di mn numeri reali disposti su m righe ed n colonne circondata da parentesi

Dettagli

1 Relazione di congruenza in Z

1 Relazione di congruenza in Z 1 Relazione di congruenza in Z Diamo ora un esempio importante di relazione di equivalenza: la relazione di congruenza modn in Z. Definizione 1 Sia X = Z, a,b Z ed n un intero n > 1. Si dice a congruo

Dettagli

Congruenze. Alberto Abbondandolo Forte dei Marmi, 17 Novembre 2006

Congruenze. Alberto Abbondandolo Forte dei Marmi, 17 Novembre 2006 Congruenze Alberto Abbondandolo Forte dei Marmi, 17 Novembre 2006 1 Il resto nella divisione tra interi Consideriamo i numeri naturali 0, 1, 2, 3,... ed effettuiamone la divisione per 3, indicando il resto:

Dettagli

IV-2 Forme quadratiche

IV-2 Forme quadratiche 1 FORME QUADRATICHE 1 IV-2 Forme quadratiche Indice 1 Forme quadratiche 1 2 Segno di una forma quadratica 2 2.1 Il metodo dei minori principali........................................ 3 3 Soluzioni degli

Dettagli

Chi non risolve esercizi non impara la matematica.

Chi non risolve esercizi non impara la matematica. 5.5 esercizi 9 Per trovare la seconda equazione ragioniamo così: la parte espropriata del primo terreno è x/00, la parte espropriata del secondo è y/00 e in totale sono stati espropriati 000 m, quindi

Dettagli

x 2 + (x+4) 2 = 20 Alle equazioni di secondo grado si possono applicare i PRINCIPI di EQUIVALENZA utilizzati per le EQUAZIONI di PRIMO GRADO.

x 2 + (x+4) 2 = 20 Alle equazioni di secondo grado si possono applicare i PRINCIPI di EQUIVALENZA utilizzati per le EQUAZIONI di PRIMO GRADO. EQUAZIONI DI SECONDO GRADO Un'equazione del tipo x 2 + (x+4) 2 = 20 è un'equazione DI SECONDO GRADO IN UNA INCOGNITA. Alle equazioni di secondo grado si possono applicare i PRINCIPI di EQUIVALENZA utilizzati

Dettagli

1.4 PRODOTTI NOTEVOLI

1.4 PRODOTTI NOTEVOLI Matematica C Algebra. Le basi del calcolo letterale.4 Prodotti notevoli.4 PRODOTTI NOTEVOLI Il prodotto fra due polinomi si calcola moltiplicando ciascun termine del primo polinomio per ciascun termine

Dettagli

ALGEBRA LINEARE PARTE II

ALGEBRA LINEARE PARTE II DIEM sez. Matematica Finanziaria Marina Resta Università degli studi di Genova Dicembre 005 Indice PREMESSA INVERSA DI UNA MATRICE DETERMINANTE. DETERMINANTE DI MATRICI ELEMENTARI................. MATRICI

Dettagli

Funzioni elementari: funzioni potenza

Funzioni elementari: funzioni potenza Funzioni elementari: funzioni potenza Lezione per Studenti di Agraria Università di Bologna (Università di Bologna) Funzioni elementari: funzioni potenza 1 / 36 Funzioni lineari Come abbiamo già visto,

Dettagli

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ.

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ. ESERCIZI SVOLTI DI ALGEBRA LINEARE (Sono svolti alcune degli esercizi proposti nei fogli di esercizi su vettori linearmente dipendenti e vettori linearmente indipendenti e su sistemi lineari ) I. Foglio

Dettagli

1 Determinante di una matrice 1. 2 Calcolo della matrice inversa 7. 3 Calcolo del rango 8. 4 Soluzioni degli esercizi 12. n! = n.

1 Determinante di una matrice 1. 2 Calcolo della matrice inversa 7. 3 Calcolo del rango 8. 4 Soluzioni degli esercizi 12. n! = n. 1 DETERMINANTE DI UNA MATRICE 1 Determinante e rango Indice 1 Determinante di una matrice 1 2 Calcolo della matrice inversa 7 3 Calcolo del rango 8 4 Soluzioni degli esercizi 12 1 Determinante di una matrice

Dettagli

OPERAZIONI IN Q = + = = = =

OPERAZIONI IN Q = + = = = = OPERAZIONI IN Q A proposito delle operazioni tra numeri razionali, affinché il passaggio da N a vero e proprio ampliamento è necessario che avvengano tre cose: Q risulti un ) le proprietà di ciascuna operazione

Dettagli

X Settimana = 0 R. = 0 R x, x R. + (x 0 R. ) x 0 R = = x 0 R

X Settimana = 0 R. = 0 R x, x R. + (x 0 R. ) x 0 R = = x 0 R X Settimana 1 Elementi basilari della teoria degli anelli (I parte) Un anello (R, +, ) è un insieme non vuoto R dotato di due operazioni (binarie), denotate per semplicità con i simboli + e + : R R R,

Dettagli

Matematica II,

Matematica II, Matematica II,.05.04 Diamo qui la nozione di determinante di una matrice quadrata, le sue prime proprieta, e ne deriviamo una caratterizzazione delle matrici non singolari e una formula per l inversa di

Dettagli