Regolamento Tirocini Curricolari (approvato dal CCSA di Ingegneria Industriale in data 18 dicembre 2014)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Tirocini Curricolari (approvato dal CCSA di Ingegneria Industriale in data 18 dicembre 2014)"

Transcript

1 Regolamento Tirocini Curricolari (approvato dal CCSA di Ingegneria Industriale in data 18 dicembre 2014) 1. Riferimenti normativi Il presente regolamento è stato redatto sulla base dei riferimenti normativi indicati di seguito: 1.1 Delibera della Giunta della Regione Lombardia n. X/825 del 25 ottobre 2013 In seguito denominata più semplicemente DGR D.R. 653 del 5 settembre 2012 Regolamento Didattico di Ateneo 2. Oggetto e ambito di applicazione Questo Regolamento ha per oggetto la gestione dei Tirocini Curricolari effettuati dagli allievi iscritti ai Corsi di Studio afferenti al Consiglio di Corso di Studio Aggregato di Ingegneria Industriale dell Università degli Studi di Brescia. I Tirocini Curriculari sono un esperienza formativa ed orientativa svolta dall allievo in un luogo di lavoro. Essi sono finalizzati all'acquisizione degli obiettivi di apprendimento specifici del Corso di Studio cui l allievo è iscritto, previsti nel relativo Regolamento Didattico, e che vengono realizzati nell'ambito della durata complessiva del Corso. Nello svolgimento del Tirocinio, il tirocinante è assimilato ad un lavoratore in virtù del fatto che svolge mansioni ed orari consueti ai luoghi di lavoro a cui accede. I tirocini non costituiscono tuttavia un rapporto di lavoro e il tirocinante non perde mai la sua natura di studente universitario in formazione. 3. Validità Il presente Regolamento è valido a partire dall Anno Accademico 2014/2015.

2 4. Soggetti e loro compiti 4.1 Tirocinante Il Tirocinante è uno studente regolarmente iscritto ad un Corso di Studio del CCSA di Ingegneria Industriale che desidera impiegare alcuni crediti destinati alle attività a scelta libera nello svolgimento di un Tirocinio Curricolare. Per poter esercitare questa facoltà è necessario che lo studente abbia inserito nel piano di studi un attività del tipo STAGE/PROGETTO da almeno 6 CFU. 4.2 Soggetto Promotore Il soggetto promotore ha funzioni di progettazione, attivazione e monitoraggio del Tirocinio, nonché di presidio della regolarità e qualità dell'iniziativa, in relazione alle finalità definite nel progetto formativo. Per gli studenti dell Università degli Studi di Brescia il soggetto promotore è l Università stessa che svolge questa funzione attraverso la Commissione Tirocini del CCSA per quanto riguarda gli aspetti didattici e attraverso l Unità Operativa Complessa (U.O.C.) Orientamento, Stage, Placement, per quanto riguarda gli aspetti amministrativi. 4.3 Soggetto Ospitante Può svolgere il ruolo di Soggetto Ospitante qualsiasi soggetto, persona fisica o giuridica, di natura pubblica o privata che sia già convenzionato o che abbia le caratteristiche in regola per poter stipulare con l Università la Convenzione per lo Svolgimento di Tirocini Formativi. A tal proposito si rimanda alle pagine internet della U.O.C. Orientamento, Stage, Placement dell Università degli Studi di Brescia. 4.4 Tutori del Tirocinio a) Tutore Universitario Il Tutore Universitario è scelto tra il personale docente e ricercatore di ruolo dell Università degli Studi di Brescia. Individuato preferibilmente tra i docenti del Corso di Studio frequentato dal Tirocinante, e con la sua collaborazione, tra i docenti della materia più attinente al tema del progetto formativo da sviluppare. Viene nominato dal CCSA attraverso l approvazione del progetto formativo individuale. Il Tutore Universitario collabora alla stesura del progetto formativo individuale, all'organizzazione e al monitoraggio del Tirocinio, redige inoltre una Relazione Finale del Tirocinio (cfr. punto 5.6.b del presente regolamento). Esercita inoltre le sue competenze professionali ai fini del presidio della regolarità e della qualità del Tirocinio, in relazione alle finalità definite nel progetto formativo. b) Tutore Aziendale Il Tutore Aziendale viene nominato dal Soggetto Ospitante ed è responsabile dell'attuazione del Progetto Formativo Individuale e dell'inserimento e affiancamento del tirocinante sul luogo di lavoro per tutta la durata del Tirocinio, anche aggiornando e vidimando la documentazione relativa al 2

3 Tirocinio stesso (tra cui il registro presenze del Tirocinio), redige inoltre una Relazione Finale del Tirocinio (cfr. punto 5.6.b del presente regolamento). Il Tutore Aziendale deve possedere esperienze e competenze professionali adeguate per garantire il raggiungimento degli obiettivi del Tirocinio. c) Collaborazione tra i Tutori Il Tutore Universitario e il Tutore Aziendale collaborano per il migliore svolgimento delle attività, per il loro monitoraggio e l'attestazione dell'attività svolta e delle competenze acquisite. 4.5 Commissione Tirocini La Commissione Tirocini è una commissione del CCSA di Ingegneria Industriale con il compito di presidiare lo svolgimento dei Tirocini Curricolari di propria pertinenza affinché essi avvengano nel rispetto del presente Regolamento. La Commissione Tirocini viene nominata dal CCSA ed è composta da un numero minimo di tre membri e da un massimo pari al numero di Corsi di Studio del Consiglio stesso. Per svolgere il proprio compito la Commissione Tirocini opera secondo le indicazioni del CCSA e, in particolare: a) Predispone ed aggiorna i regolamenti affinché possano essere sottoposti al Consiglio per l approvazione, le linee guida e la modulistica relativa ai tirocini. b) Esamina preventivamente ed approva i progetti formativi individuali. c) Esamina gli esiti dei tirocini conclusi affinché le valutazioni e i crediti formativi dei tirocini possano essere verbalizzati. d) Entro il 31 ottobre di ogni anno trasmette al CCSA una relazione sull attività svolta e sui relativi dati sommari (ad esempio: numero di tirocini approvati e valutati, attività di relazione, numero di aziende e di tutori coinvolti); criticità emerse; punti di forza; proposte di miglioramento. 5. Regole di gestione del Tirocinio 5.1 Generalità Nel Regolamento Didattico di ogni Corso vanno previsti: a) Le regole per lo svolgimento delle attività formative di Tirocinio, nel caso in cui esse siano previste dai piani di studio, sia come attività obbligatorie sia come attività opzionali. b) Il numero CFU attribuibili alle attività di Tirocinio nell ambito dei piani di studio. c) Le regole per l esercizio delle eventuali opzioni da parte dell allievo. 5.2 Attivazione del Tirocinio Il Tirocinio è svolto sulla base di una convenzione di Tirocinio e di un progetto formativo individuale: a) Il modello della convenzione è predisposto dalla U.O.C. Orientamento, Stage, Placement e il modello del progetto formativo è predisposto dalla Commissione Tirocini in accordo con la stessa U.O.C. Entrambi i modelli sono resi disponibili sul sito internet della U.O.C. stessa e del CCSA. 3

4 b) La convenzione è sottoscritta dai rappresentanti legali, o dai loro delegati, dell Università e del soggetto ospitante e prevede le regole di realizzazione di una pluralità di tirocini. c) Il progetto formativo individuale è sottoscritto dai rappresentanti legali, o dai loro delegati, dell Università e del Soggetto Ospitante, dal Tirocinante, dal Tutore Universitario e da un Membro della Commissione Tirocini. Contiene gli elementi descrittivi del Tirocinio, le attività, gli obiettivi e le modalità di svolgimento dello stesso. 5.3 Limiti all attivazione del Tirocinio a) Il tirocinante non può sostituire i lavoratori con contratti a termine nei periodi di picco delle attività né sostituire il personale nei periodi di malattia, maternità, ferie o infortuni, o per ricoprire ruoli necessari all'organizzazione. b) Il Soggetto Ospitante può realizzare con uno stesso Tirocinante un solo Tirocinio nell ambito di un singolo Corso di Studio. c) Il soggetto ospitante non può realizzare un Tirocinio con persone con cui ha avuto precedenti rapporti di lavoro dipendente o altre forme di collaborazione. d) Non vi devono essere, di norma, rapporti di parentela, affinità o coniugio, fra il tirocinante e i membri degli organi direttivi e dell organigramma del soggetto ospitante. 5.4 Attuazione del Tirocinio a) Spettano all Università il presidio della qualità dell'esperienza di Tirocinio con particolare riferimento alla sua valenza formativa e ai compiti di tutoraggio e le garanzie assicurative. b) Spetta al soggetto ospitante il presidio dell'attuazione del Tirocinio secondo quanto previsto dal progetto formativo individuale con particolare riferimento ai compiti di tutoraggio. c) Il tirocinante ha l'obbligo di attenersi a quanto previsto nel proprio progetto formativo individuale, svolgendo le attività concordate con il Tutore Universitario e con il Tutore Aziendale. d) Il tirocinante deve svolgere le attività coerenti con gli obiettivi formativi del Tirocinio che non possono riguardare: attività non comprese nel progetto formativo; attività elementari connotate da compiti generici e ripetitivi (cfr. DGR 825 allegato A punto 3.3.c); attività riconducibili alla sfera privata di individui (cfr. DGR 825 allegato A punto 3.3.c) ). e) Il tirocinante non può svolgere, per l intero Tirocinio, attività organicamente necessarie al funzionamento del Soggetto Ospitante (cfr. DGR 825 allegato A punto 3.2.a). 4

5 5.5 Durata del Tirocinio e computo delle attività formative a) La durata del Tirocinio è il periodo temporale entro il quale devono svolgersi le attività previste dal progetto formativo individuale. b) Qualora, per motivi indipendenti dalla volontà dei soggetti coinvolti, non si riesca a raggiungere gli obiettivi formativi previsti è possibile prorogare la data di termine prevista. c) La durata massima del Tirocinio, comprese le eventuali proroghe, è di 12 mesi. d) È necessario, anche per motivi di certificazione del Tirocinio, tenere un registro delle presenze (cfr. punto 5.6.b del presente regolamento) del tirocinante nel luogo di svolgimento del Tirocinio. e) La quantità di tempo da dedicare alle attività formative va da 25 a 30 ore per CFU. f) Nel computo delle attività formative vanno considerate solo quelle destinate alle attività previste dal Progetto Formativo Individuale e come tali riportate nel Diario delle Attività Formative compreso nella Relazione Finale del Tirocinio. g) Non vanno considerate, e nemmeno svolte, attività escluse dalla DGR 825. h) Non vanno nemmeno considerate le fasi di tragitto delle trasferte e attività di preparazione della documentazione di avvio e chiusura del Tirocinio. 5.6 Accertamento del raggiungimento degli obiettivi formativi a) Una volta concluso il Tirocinio i soggetti coinvolti Tirocinante, Tutore Aziendale e Tutore Universitario - concorrono a far pervenire alla Commissione Tirocini una Relazione Finale del Tirocinio e un Registro Presenze. b) I modelli della Relazione e del Registro Presenze sono predisposti dalla Commissione Tirocini e sono resi disponibili sulle pagine del sito e-learning della Commissione Tirocini. c) La Commissione Tirocini del CCSA valuta gli esiti dei tirocini conclusi, affinché i relativi crediti formativi possano essere riconosciuti e verbalizzati, primariamente sulla base del raggiungimento degli obiettivi formativi del Tirocinio. Qualora, per motivi indipendenti dalla volontà dei soggetti coinvolti, non siano stati raggiunti tutti gli obiettivi formativi previsti, il tirocinante può presentare richiesta di riconoscimento dei relativi crediti accompagnata da una dichiarazione di consenso del Tutor universitario. d) La Commissione Tirocini ha facoltà di convocare il Tirocinante per un colloquio individuale qualora lo ritenga utile ad una migliore valutazione del Tirocinio. e) La Commissione Tirocini individua e pubblica un numero adeguato di appelli per la verbalizzazione dei tirocini. In particolare andrà fissato almeno un appello in corrispondenza di ogni sessione di laurea e in data utile a consentire l iscrizione all appello di laurea con i crediti del Tirocinio acquisiti. f) Gli allievi che intendono chiedere la valutazione e la verbalizzazione dell attività di Tirocinio devono iscriversi ad uno degli appelli d esame a questo fine predisposti per consentire la preventiva verifica automatica della legittimità della verbalizzazione. 5

Regolamento Tirocini Curricolari (approvato dal CCSA di Ingegneria Industriale in data 03 maggio 2017)

Regolamento Tirocini Curricolari (approvato dal CCSA di Ingegneria Industriale in data 03 maggio 2017) Regolamento Tirocini Curricolari (approvato dal CCSA di Ingegneria Industriale in data 03 maggio 2017) 1. Riferimenti normativi Il presente regolamento è stato redatto sulla base dei riferimenti normativi

Dettagli

Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria REGOLAMENTO DI FACOLTA PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI STAGE ESTERNO E PROGETTO FORMATIVO INTERNO NELL AMBITO DEI PIANI DI STUDIO DEI CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO (in ordinamento ex D.M. 270/04)

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO DA UTILIZZARE ESCLUSIVAMENTE PER L ATTIVAZIONE DI STAGE CON SEDE OPERATIVA IN REGIONE LOMBARDIA

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO DA UTILIZZARE ESCLUSIVAMENTE PER L ATTIVAZIONE DI STAGE CON SEDE OPERATIVA IN REGIONE LOMBARDIA Rep. Prot. CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO DA UTILIZZARE ESCLUSIVAMENTE PER L ATTIVAZIONE DI STAGE CON SEDE OPERATIVA IN REGIONE LOMBARDIA (ai sensi della D.G.R. n. 825 del 25/10/2013

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÁ DI ECONOMIA

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÁ DI ECONOMIA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÁ DI ECONOMIA (Sede di Milano) Regolamento dei tirocini curriculari Soggetti coinvolti I soggetti coinvolti nell attivazione del tirocinio sono tre: 1. l ente

Dettagli

CONVENZIONE COLLETTIVA DI TIROCINIO CURRICULARE. Tra. (codice fiscale: ), di seguito soggetto promotore, con sede legale in

CONVENZIONE COLLETTIVA DI TIROCINIO CURRICULARE. Tra. (codice fiscale: ), di seguito soggetto promotore, con sede legale in CONVENZIONE COLLETTIVA DI TIROCINIO CURRICULARE (d.g.r. 25 ottobre 2013, n. X/825, e d.d.u.o. 5 novembre 2013, n. 10031) Tra (codice fiscale: ), di seguito soggetto promotore, con sede legale in ( ) (c.a.p.

Dettagli

Università degli Studi di Palermo Corso di Studi in Giurisprudenza

Università degli Studi di Palermo Corso di Studi in Giurisprudenza Università degli Studi di Palermo Corso di Studi in Giurisprudenza REGOLAMENTO CONCERNENTE IL TIROCINIO CURRICULARE PRESSO CATTEDRA DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA Art. 1 Definizioni 1. Nell ambito

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI TIROCINIO NEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA QUANTITATIVA E COMPUTAZIONALE (QUANTITATIVE AND COMPUTATIONAL

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI TIROCINIO NEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA QUANTITATIVA E COMPUTAZIONALE (QUANTITATIVE AND COMPUTATIONAL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI TIROCINIO NEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA QUANTITATIVA E COMPUTAZIONALE (QUANTITATIVE AND COMPUTATIONAL BIOLOGY) Approvato dal Consiglio del Centro di Biologia

Dettagli

Art. 1 - Descrizione dell attività di tirocinio

Art. 1 - Descrizione dell attività di tirocinio REGOLAMENTO TIROCINI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (Modificato dal Consiglio del Dipartimento di Matematica, Informatica ed Economia nella seduta del 27 febbraio 2013 e nella seduta del 15 aprile

Dettagli

(Regolamento approvato dal Consiglio di Facoltà del 16/1/04 e modificato dai Consigli di Facoltà del 9/09/04 e del 7/09/07)

(Regolamento approvato dal Consiglio di Facoltà del 16/1/04 e modificato dai Consigli di Facoltà del 9/09/04 e del 7/09/07) (Regolamento approvato dal Consiglio di Facoltà del 16/1/04 e modificato dai Consigli di Facoltà del 9/09/04 e del 7/09/07) Tirocinio lauree triennali: Economia e Commercio (CLEC), Economia Aziendale (CLEA)

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA DEI MATERIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM53

SCUOLA POLITECNICA CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA DEI MATERIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM53 Regolamento in tema di tirocini Corso di Laurea Magistrale in: Ingegneria dei Materiali, (ai sensi del D.M.270/04), Giusta delibera del Consiglio di corso di studio del: 09.06.2015 Classe di appartenenza:

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche Procedura da seguire per l attivazione dei tirocini curriculari di formazione e di orientamento Informazioni generali I tirocini curriculari di formazione e di orientamento sono disciplinati in base al

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Industriale

Dipartimento di Ingegneria Industriale Regolamento delle attività di tirocinio formativo per i corsi di studio del Dipartimento di Ingegneria Industriale (Approvato in Consiglio di Dipartimento in data 20 aprile 2016) Articolo 1 (Definizioni

Dettagli

IL CENTRO PER L IMPIEGO DI ANCONA INCONTRA L UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE

IL CENTRO PER L IMPIEGO DI ANCONA INCONTRA L UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE IL CENTRO PER L IMPIEGO DI ANCONA INCONTRA L UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE TIROCINI FORMATIVI L.R. N. 2/2005, ART. 18 DGR N. 1134 del 29/07/2013 PRINCIPI E CRITERI APPLICATIVI Articolo 1: Il Tirocinio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio Culturale Corso di Laurea in Studi filosofici e storici Classe L-5 REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE art. 1 Gerarchia delle fonti Il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMOLECOLARI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMOLECOLARI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMOLECOLARI Approvato nel Consiglio di Facoltà del 28 aprile 2010 Modificato nella riunione del Comitato Ordinatore del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E MECCANICA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E MECCANICA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E MECCANICA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO Approvato dal Consiglio di Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica di data

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO CURRICULARE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO CURRICULARE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO CURRICULARE del Corso di Studio in Valutazione del Funzionamento Individuale in Psicologia Clinica e della Salute ART. 1 Il presente regolamento stabilisce

Dettagli

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/ Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/ 1. Oggetto, ambito di applicazione e definizioni 2. Soggetti 2.1 Soggetti Promotori 2.2 Soggetti Ospitanti 2.3 Tutorship 3. Disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO TIROCINI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO TIROCINI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO TIROCINI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (Con le modifiche approvate dal Consiglio del Dipartimento di Matematica, Informatica ed Economia nelle sedute del 27 febbraio 2013 e del 15 Aprile

Dettagli

3. Se non diversamente indicato dall Ordinamento del singolo CdS, il tirocinio s intende facoltativo.

3. Se non diversamente indicato dall Ordinamento del singolo CdS, il tirocinio s intende facoltativo. REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZI GIURIDICI PER L IMPRESA, CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE POLITICHE E SOCIALI E CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA (D.M.

Dettagli

VISTA la Legge 196/97 e successivo D.M. n. 142/98; la Circolare n. 24 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 12/09/2011;

VISTA la Legge 196/97 e successivo D.M. n. 142/98; la Circolare n. 24 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 12/09/2011; IL RETTORE D.R. 1031 VISTO il DM 270/04; VISTA la Legge 196/97 e successivo D.M. n. 142/98; VISTA VISTA VISTO la Circolare n. 24 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 12/09/2011; la delibera

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Industriale

Dipartimento di Ingegneria Industriale Regolamento delle attività di tirocinio formativo per i corsi di studio del Dipartimento di Ingegneria Industriale (Approvato in Consiglio di Dipartimento in data 17 giugno 2015) Articolo 1 (Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER TIROCINI Emanato con decreto rettorale Rep. 668 /2013 prot. n /I/3 del

REGOLAMENTO DI ATENEO PER TIROCINI Emanato con decreto rettorale Rep. 668 /2013 prot. n /I/3 del REGOLAMENTO DI ATENEO PER TIROCINI Emanato con decreto rettorale Rep. 668 /2013 prot. n. 34207/I/3 del 23.12.2013 Art. 1 Definizioni L Università degli Studi di Bergamo nell ambito delle sue finalità istituzionali

Dettagli

Art.3 - Ammissione al tirocinio curriculare e al tirocinio per tesi di laurea magistrale o prova finale di laurea

Art.3 - Ammissione al tirocinio curriculare e al tirocinio per tesi di laurea magistrale o prova finale di laurea Regolamento per lo svolgimento del tirocinio curriculare degli studenti iscritti ai Corsi di Studio della Scuola di Ingegneria e Architettura dell Alma Mater Studiorum Università di Bologna, adottato in

Dettagli

LINEE GUIDA. c) gli uffici di servizio sociale per i minorenni (USSM) del Ministero della giustizia;

LINEE GUIDA. c) gli uffici di servizio sociale per i minorenni (USSM) del Ministero della giustizia; Allegato alla Delib.G.R. n. 34/20 del 7.7.2015 LINEE GUIDA Disciplina dei Tirocini di orientamento, formazione e inserimento/reinserimento finalizzati all inclusione sociale, all autonomia delle persone

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (Mathematics) Classe L-35 Scienze Matematiche

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (Mathematics) Classe L-35 Scienze Matematiche REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (Mathematics) Classe L-35 Scienze Matematiche (Emanato con D.R. n. 619 del 07.06.2017 pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 08.06.2017 e

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ENGINEERING MANAGEMENT INGEGNERIA GESTIONALE. Classe LM-31 Ingegneria Gestionale

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ENGINEERING MANAGEMENT INGEGNERIA GESTIONALE. Classe LM-31 Ingegneria Gestionale REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ENGINEERING MANAGEMENT INGEGNERIA GESTIONALE Classe LM-31 Ingegneria Gestionale Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Regolamento Didattico

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA E CONSERVAZIONE DELLE OPERE D'ARTE PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti curriculari

Dettagli

VISTA la Legge 196/97 e successivo D.M. n. 142/98; la Circolare n. 24 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 12/09/2011;

VISTA la Legge 196/97 e successivo D.M. n. 142/98; la Circolare n. 24 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 12/09/2011; IL RETTORE D.R. 1026 VISTA la Legge 196/97 e successivo D.M. n. 142/98; VISTA VISTA VISTO VISTE VISTO la Circolare n. 24 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 12/09/2011; la legge 28 giugno

Dettagli

ALLEGATO D. Regolamento di attivazione dei tirocini presso il Comune di Prato

ALLEGATO D. Regolamento di attivazione dei tirocini presso il Comune di Prato ALLEGATO D Regolamento di attivazione dei tirocini presso il Comune di Prato Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 398 del 11/10/2011 INDICE Articolo 1: Principi Generali Articolo 2: Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROVE FINALI PER I CORSI DI LAUREA EX DM 270/04 (Approvato CCSA del 29 maggio 2015)

REGOLAMENTO DELLE PROVE FINALI PER I CORSI DI LAUREA EX DM 270/04 (Approvato CCSA del 29 maggio 2015) REGOLAMENTO DELLE PROVE FINALI PER I CORSI DI LAUREA EX DM 270/04 (Approvato CCSA del 29 maggio 2015) 1. Riferimenti normativi. 1.1. Decreto Ministeriale 22-10-2004 n. 270, art. 10 (Obiettivi ed attività

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (Engineering management) Classe L-8 Ingegneria dell Informazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (Engineering management) Classe L-8 Ingegneria dell Informazione REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (Engineering management) Classe L-8 Ingegneria dell Informazione Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Regolamento Didattico

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEI TIROCINI IN LOMBARDIA

LE NUOVE REGOLE DEI TIROCINI IN LOMBARDIA Nota informativa novembre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro LE NUOVE REGOLE DEI TIROCINI IN LOMBARDIA La Regione Lombardia ha deliberato i Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO del Corso di Studio in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali - STPPM - ART.

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO del Corso di Studio in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali - STPPM - ART. REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO del Corso di Studio in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali - STPPM - ART. 1 Il presente regolamento stabilisce le modalità, i tempi e le scadenze

Dettagli

SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Regolamento di SCIENZE DEL LIBRO E DEL DOCUMENTO. Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso. Requisiti curriculari

SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Regolamento di SCIENZE DEL LIBRO E DEL DOCUMENTO. Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso. Requisiti curriculari SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Regolamento di SCIENZE DEL LIBRO E DEL DOCUMENTO Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti curriculari Per frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI SCIENZE UMANISTICHE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI TIROCINIO della Facoltà di Scienze umanistiche Premessa Le attività di tirocinio dei Corsi di laurea di primo

Dettagli

1. DEFINIZIONE DEI COMPITI DIDATTICI DEI DOCENTI

1. DEFINIZIONE DEI COMPITI DIDATTICI DEI DOCENTI LINEE GUIDA RELATIVE AL REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE, AUTOCERTIFICAZIONE E VERIFICA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI SERVIZIO AGLI STUDENTI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI (approvate dal Senato

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo REGOLAMENTO DEL TIROCINIO PRATICO-PROFESSIONALE Corsi di Laurea Specialistica/Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche e Farmacia (Classe 14S e LM13) Art. 1 - Definizione del tirocinio Il tirocinio,

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche Procedura da seguire per l attivazione dei tirocini curriculari di formazione e di orientamento Informazioni generali I tirocini curriculari di formazione e di orientamento sono disciplinati in base al

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 (Ingegneria meccanica) Dipartimento

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO CURRICULARE

CONVENZIONE DI TIROCINIO CURRICULARE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI Via Verdi, 60 Dalmine (BG) Tel. 035 561230 Fax 035 370805 URL: http://www.itisdalmine.it e-mail: segreteria@itisdalmine.it CONVENZIONE DI TIROCINIO CURRICULARE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE Corsi di studi: L20 - Scienze della comunicazione per i media e le istituzioni, L20 - Scienze della comunicazione per le culture e le arti, LM59 -

Dettagli

Lauree triennali Tirocini e stage: cosa sono Il tirocinio formativo e di orientamento è un periodo di formazione in strutture organizzative (enti,

Lauree triennali Tirocini e stage: cosa sono Il tirocinio formativo e di orientamento è un periodo di formazione in strutture organizzative (enti, Lauree triennali Tirocini e stage: cosa sono Il tirocinio formativo e di orientamento è un periodo di formazione in strutture organizzative (enti, aziende, ecc.) che offre agli studenti l'occasione per

Dettagli

Convenzione per adesione TRA

Convenzione per adesione TRA CONVENZIONE QUADRO PER ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE DIDATTICA E DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO TRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA E VARIE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO Convenzione

Dettagli

Report Attività di Tirocinio Laurea Magistrale Ingegneria Civile anno 2013/14

Report Attività di Tirocinio Laurea Magistrale Ingegneria Civile anno 2013/14 Report Attività di Tirocinio Laurea Magistrale Ingegneria Civile anno 2013/14 SOMMARIO 1. Introduzione 2. L attività di gestione dei tirocini e il sito web Tirocini 3. Servizio placement adica 4. Analisi

Dettagli

Modello approvato dal Tavolo Tecnico Sicurezza (ASL DTL INAIL - OOSS) nella seduta del 28 giugno 2013

Modello approvato dal Tavolo Tecnico Sicurezza (ASL DTL INAIL - OOSS) nella seduta del 28 giugno 2013 Modello approvato dal Tavolo Tecnico Sicurezza (ASL DTL INAIL - OOSS) nella seduta del 28 giugno 2013 Prot. N. «Protocollo» del «Dataprotocollo» CONVENZIONE DI TIROCINIO N. «ID» (AI SENSI DELLA D.G.R.

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARE TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARE TRA CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARE TRA L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma, con sede legale in Roma, Via Don Carlo Gnocchi 3 00166 Roma, codice fiscale

Dettagli

Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell'ambiente

Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell'ambiente REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI CORSI DI STUDIO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, DEGLI ALIMENTI E DELL AMBIENTE Art. 1 - Definizione delle attività didattiche

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Prot. Monza, CONVENZIONE PER ATTIVITA FORMATIVE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra l IPSSEC A.OLIVETTI con sede in Monza Via Lecco 12 codice fiscale 8850070101151 d'ora in poi denominato "soggetto promotore",

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN BENI CULTURALI

REGOLAMENTO UNICO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN BENI CULTURALI REGOLAMENTO UNICO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN BENI CULTURALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE E DELLA PROGETTAZIONE EDUCATIVA

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA LAUREE MAGISTRALI. REGOLAMENTO STAGE DI PROGETTO Approvato dal CdF del (Revisione del )

FACOLTA DI ECONOMIA LAUREE MAGISTRALI. REGOLAMENTO STAGE DI PROGETTO Approvato dal CdF del (Revisione del ) FACOLTA DI ECONOMIA LAUREE MAGISTRALI REGOLAMENTO STAGE DI PROGETTO Approvato dal CdF del 23.06.2010 (Revisione del 12.06.2013) Soggetti coinvolti I soggetti coinvolti nell attivazione dello stage di progetto

Dettagli

Con la presente si richiede l avvio di uno stage della durata di Sig./a. si dichiara che

Con la presente si richiede l avvio di uno stage della durata di Sig./a. si dichiara che DIPARTIMENTO DI STUDI PER L ECONOMIA E L IMPRESA Via E. Perrone, 8 800 Novara NO Tel. 03 3754 - Fax 03 3755 segreteria.stage.disei@uniupo.it MODULO AVVIO STAGE x STUDENTI Consegnato il Con la presente

Dettagli

Regolamento per il tirocinio

Regolamento per il tirocinio Corso di Laurea Magistrale in Economia e Diritto Regolamento per il tirocinio Seduta del Consiglio di Dipartimento del 20 ottobre 2016 Art. 1 - Definizione e finalità 1. L ordinamento didattico del Corso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Corso di Laurea in Design del prodotto industriale Classe: L4 - Disegno industriale Art. 1 - Requisiti per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DI TIROCINI DIDATTICI (STAGE) NELL AMBITO DEI CORSI DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA 1. PREMESSA E OBIETTIVI

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Centro di Ateneo Orientamento Studenti

Università degli Studi della Basilicata Centro di Ateneo Orientamento Studenti Università degli Studi della Basilicata Centro di Ateneo Orientamento Studenti FACSIMILE CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE TRA L Università degli Studi della Basilicata, con sede in Via Nazario

Dettagli

DEFINIZIONE DEL TIROCINIO

DEFINIZIONE DEL TIROCINIO CONVENZIONE COLLETTIVA DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE IN REGIONE LOMBARDIA (ai sensi della Delibera della Giunta della Regione Lombardia del 25 ottobre 2013, numero 825 e del Decreto del Dirigente della

Dettagli

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE Corso di studi: L19 Scienze dell educazione/educazione di comunità REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE GENERALITÀ. ATTIVAZIONE E

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Design del Prodotto Industriale. Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO. Laurea in Design del Prodotto Industriale. Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Design del Prodotto Industriale Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: L4 - Disegno industriale ART. 1 - REQUISITI PER L'ACCESSO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E DELLE RELAZIONI SINDACALI (Counsellor of labour law and labour relations) (CLASSE L-14) (Emanato con

Dettagli

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in GIURISTA PER LE IMPRESE E PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in GIURISTA PER LE IMPRESE E PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in GIURISTA PER LE IMPRESE E PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Conoscenze richieste per l'accesso Per essere ammessi al corso

Dettagli

Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto. (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008)

Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto. (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008) Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008) Sommario Art. 1 Oggetto... 3 Art. 2 - Tipologia degli insegnamenti... 3 Art. 3 - Requisiti...

Dettagli

La tutela della sicurezza dei tirocinanti e dei lavoratori non subordinati FERRARA 02 MAGGIO Job Centre. 2 maggio 2016.

La tutela della sicurezza dei tirocinanti e dei lavoratori non subordinati FERRARA 02 MAGGIO Job Centre. 2 maggio 2016. 2 maggio 2016 I servizi Tipologia di servizio 1: 1) Orientamento / Consulenza specialistica Consulenza individuale per l orientamento professionale Seminari di orientamento al lavoro Seminari per studenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL TIROCINIO PRATICO-PROFESSIONALE Classe LM-13 Ciclo Unico in Farmacia e Farmacia Industriale

REGOLAMENTO DEL TIROCINIO PRATICO-PROFESSIONALE Classe LM-13 Ciclo Unico in Farmacia e Farmacia Industriale REGOLAMENTO DEL TIROCINIO PRATICO-PROFESSIONALE Classe LM-13 Ciclo Unico in Farmacia e Farmacia Industriale Art. 1 - Definizione del tirocinio Il tirocinio, previsto dall'ordinamento Didattico vigente

Dettagli

darte Dipartimento di Architettura e Territorio

darte Dipartimento di Architettura e Territorio ALLEGATO 2 Regolamento per il riconoscimento di tirocini e altre attività formative di tipo F del Corso di Studio magistrale a ciclo unico in Architettura (Classe LM-4: Architettura e Ingegneria edile-architettura)

Dettagli

Università degli Studi di Salerno. Report Attività di Tirocinio anno 2014/15

Università degli Studi di Salerno. Report Attività di Tirocinio anno 2014/15 Università degli Studi di Salerno Consiglio Didattico di Ingegneria Civile ed Ambientale (CODIC) COMMISSIONE TIROCINI Report Attività di Tirocinio anno 2014/15 REDATTO DA: VERIFICATO DA: APPROVATO DA:

Dettagli

Regolamento per l'assegnazione di stage ed elaborato finale per le lauree triennali del Collegio Didattico di Informatica Tirocini Esterni

Regolamento per l'assegnazione di stage ed elaborato finale per le lauree triennali del Collegio Didattico di Informatica Tirocini Esterni Regolamento per l'assegnazione di stage ed per le lauree triennali del Collegio Didattico di Informatica Tirocini Esterni Tirocinio ed Elaborato. Il tirocinio si può svolgere esternamente all'università,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE Corso di studi magistrale in Musicologia LM 45 REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE GENERALITÀ. ATTIVAZIONE E SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ARCHEOLOGIA/ ARCHAEOLOGY. (Classe LM-2 Archeologia)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ARCHEOLOGIA/ ARCHAEOLOGY. (Classe LM-2 Archeologia) Allegato 1 al D.R. n. 1518 del 19.10.2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ARCHEOLOGIA/ ARCHAEOLOGY (Classe LM-2 Archeologia) Art. 1 Definizioni 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZIONE E GESTIONE DEI TIROCINI CURRICOLARI, FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZIONE E GESTIONE DEI TIROCINI CURRICOLARI, FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZIONE E GESTIONE L Università Telematica San Raffaele Roma nell ambito delle proprie finalità istituzionali promuove il tirocinio curriculare ed il tirocinio extracurriculare. Agli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI LINGUE E LETTERATURE, COMUNICAZIONE, FORMAZIONE E SOCIETÀ

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI LINGUE E LETTERATURE, COMUNICAZIONE, FORMAZIONE E SOCIETÀ UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI LINGUE E LETTERATURE, COMUNICAZIONE, FORMAZIONE E SOCIETÀ Corso di Studio in Scienze della Formazione Primaria CORSO DI STUDIO IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI TIROCINI CURRICULARI PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI NAPOLI FEDERICO II

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI TIROCINI CURRICULARI PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI NAPOLI FEDERICO II REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI TIROCINI CURRICULARI PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI NAPOLI FEDERICO II Approvato con deliberazione n. 294 del 26 MAGGIO 2015 Premessa Il

Dettagli

Università degli studi di Palermo

Università degli studi di Palermo Prot. 49233 del 13/07/2009 DECRETO N. 4274/2009 IL RETTORE VISTA la L. 24 giugno 1997, n. 196; VISTO il D.M. 25 marzo 1998, n. 142 Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di

Dettagli

FACOLTÀ DI AGRARIA. REGOLAMENTO DEL TIROCINIO PRATICO-APPLICATIVO corsi di laurea DM 270/04. Art. 1 - Definizione e scopi

FACOLTÀ DI AGRARIA. REGOLAMENTO DEL TIROCINIO PRATICO-APPLICATIVO corsi di laurea DM 270/04. Art. 1 - Definizione e scopi FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DEL TIROCINIO PRATICO-APPLICATIVO corsi di laurea DM 270/04 Art. 1 - Definizione e scopi 1. Il tirocinio consiste nello svolgimento di alcune attività applicative con rilevante

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO DI ÉUPOLIS LOMBARDIA. (Delibera del CdA n. 6 del 19 gennaio 2015)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO DI ÉUPOLIS LOMBARDIA. (Delibera del CdA n. 6 del 19 gennaio 2015) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO DI ÉUPOLIS LOMBARDIA (Delibera del CdA n. 6 del 19 gennaio 2015) Éupolis Lombardia Istituto superiore per la ricerca, la statistica

Dettagli

https://plitvice.unibo.it/plitvice-regolamenti/stamparegolamentocds...

https://plitvice.unibo.it/plitvice-regolamenti/stamparegolamentocds... 1 di 5 12/05/2015 09:43 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 8772 - CULTURE E TECNICHE DELLA MODA (L) Ordinamento: DM270 Titolo: CULTURE E TECNICHE DELLA MODA Testo: Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA

Dettagli

INSEGNAMENTI OPZIONALI GRUPPO 1

INSEGNAMENTI OPZIONALI GRUPPO 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STRATEGIA E CONSULENZA AZIENDALE CLASSE LM-77 PIANO DEGLI STUDI per gli studenti che si iscrivono al I anno nell a.a.2017/18 Il Corso di laurea magistrale in Strategia e Consulenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE Corsi di studio: Beni Culturali (L-1 2074) Archeologia (LM-2 2004) REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE GENERALITÀ. ATTIVAZIONE E

Dettagli

SI CONVIENE QUANTO SEGUE: ARTICOLO 1

SI CONVIENE QUANTO SEGUE: ARTICOLO 1 Via Tre Venezie, 63 20821 Meda (MB) Tel. 0362.341125 - fax 0362.344230 www.afolmonzabrianza.it lavoro@afolmonzabrianza.it Reviewed by: RSQ Modulo Page: 1 of 5 Approved by: RSQ Date: 12.01.2009 Revision:

Dettagli

ingresso e soggiorno di lavoratori stranieri per tirocinio formativo a cura di Emilia Pauletti Treviso, 13 dicembre 2013

ingresso e soggiorno di lavoratori stranieri per tirocinio formativo a cura di Emilia Pauletti Treviso, 13 dicembre 2013 ingresso e soggiorno di lavoratori stranieri per tirocinio formativo a cura di Emilia Pauletti Treviso, 13 dicembre 2013 rigida programmazione degli ingressi artt.3 e 21 T.U. Immigrazione attraverso le

Dettagli

3. Nella richiesta potranno essere indicate le preferenze rispetto al Soggetto ospitante e sulla data di inizio

3. Nella richiesta potranno essere indicate le preferenze rispetto al Soggetto ospitante e sulla data di inizio Modalità di attivazione del Tirocinio Formativo e di Orientamento (TFO) 1. Il TFO può essere attivato su richiesta dello studente o su iniziativa dei Soggetti ospitanti che manifestano l interesse ad ospitare

Dettagli

CONVENZIONE TIROCINIO OPERATORE SOCIO SANITARIO TRA

CONVENZIONE TIROCINIO OPERATORE SOCIO SANITARIO TRA CONVENZIONE TIROCINIO OPERATORE SOCIO SANITARIO TRA L Associazione Cnos Fap, d ora innanzi denominata soggetto promotore con sede legale in Selargius - Via Don Bosco, 14, P.Iva 00521620922, C.F. 00521620922

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA CORSO DI STUDI IN SICUREZZA IGIENICO-SANITARIA DEGLI ALIMENTI REGOLAMENTO DI TIROCINIO PRATICO APPLICATIVO DM 270/2004 Art. 1 Premesse e definizioni Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO TIROCINI PRE-LAUREA CdS MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA Approvato dal Consiglio di Dipartimento For.Psi.Com in data

REGOLAMENTO TIROCINI PRE-LAUREA CdS MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA Approvato dal Consiglio di Dipartimento For.Psi.Com in data REGOLAMENTO TIROCINI PRE-LAUREA CdS MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA Approvato dal Consiglio di Dipartimento For.Psi.Com in data 09.10.2014 Il tirocinio pre-laurea, previsto al II anno del percorso formativo

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 396 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 396 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 396 del 15-6-2015 O G G E T T O Convenzione con l'istituto Tecnico Statale "Guido Piovene" di Vicenza per lo svolgimento

Dettagli

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie Calabria di Francesca Fazio Introduzione Con deliberazione di Giunta regionale n. 268 del 29 luglio 2013, pubblicata nel BUR n. 18 del 16 settembre 2013, la Regione Calabria ha approvato la propria Proposta

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - BRESCIA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - BRESCIA Pubblicato all'albo camerale dal 28/12/2016 al 3/01/2017 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - BRESCIA Brescia, 16 dicembre 2016 DETERMINAZIONE N.118/SG: CONVENZIONE CON IL LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Pagina 1 di 6 INDICE Art. 1 Caratteristiche del tirocinio professionale... 3 Art. 2 Carattere giuridico

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO PER STAGE IN REGIONE LOMBARDIA. (Rif. Convenzione n... stipulata in data.. )

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO PER STAGE IN REGIONE LOMBARDIA. (Rif. Convenzione n... stipulata in data.. ) PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO PER STAGE IN REGIONE LOMBARDIA (Rif. Convenzione n.... stipulata in data.. ) Da utilizzare esclusivamente per stage svolti in aziende con sede operativa nella Regione

Dettagli

CORSI DI STUDIO DEL DJSGE - TARANTO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO

CORSI DI STUDIO DEL DJSGE - TARANTO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO CORSI DI STUDIO DEL DJSGE - TARANTO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Bari Aldo Moro approvato con D.R. 2959 del 14

Dettagli

FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA

FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Regolamento del Corso di Laurea in Requisiti di accesso Per essere ammessi al Corso di Laurea è necessario il possesso di Diploma di scuola media superiore di durata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER Articolo 1 1. In attuazione di quanto previsto dall art. 3, comma 9 del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, nonché dall art. 7 del Regolamento

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Comitato per la Didattica, Consiglio Didattico e Commissione di Gestione della Qualità

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Comitato per la Didattica, Consiglio Didattico e Commissione di Gestione della Qualità Università degli Studi di Siena Dipartimento di Scienze storiche e dei beni culturali Regolamento didattico del corso di laurea in SCIENZE STORICHE E DEL PATRIMONIO CULTURALE HISTORY AND CULTURAL HERITAGE

Dettagli

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali SCUOLA DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali Art. 1 Requisiti per l accesso al corso Conoscenze richieste per l accesso Per essere ammessi al corso di laurea

Dettagli

VADEMECUM PER L ATTIVAZIONE DEL TIROCINIO POST LAUREA FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI PSICOLOGI sez. A-sez. B

VADEMECUM PER L ATTIVAZIONE DEL TIROCINIO POST LAUREA FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI PSICOLOGI sez. A-sez. B VADEMECUM PER L ATTIVAZIONE DEL TIROCINIO POST LAUREA FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI PSICOLOGI sez. A-sez. B Il tirocinio pratico post laurea è un percorso indispensabile per chi intende sostenere

Dettagli

CONVENZIONE PER ATTIVAZIONE DI TIROCINI POST LAUREA. Tra. il soggetto promotore

CONVENZIONE PER ATTIVAZIONE DI TIROCINI POST LAUREA. Tra. il soggetto promotore Convenzione n. del CONVENZIONE PER ATTIVAZIONE DI TIROCINI POST LAUREA Tra il soggetto promotore l Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, cod. fiscale n. 81006500607, con sede legale

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Comitato per la Didattica, Consiglio Didattico e Commissione di Gestione della Qualità

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Comitato per la Didattica, Consiglio Didattico e Commissione di Gestione della Qualità Università degli Studi di Siena Dipartimento di Scienze storiche e dei beni culturali Regolamento didattico del corso di laurea in SCIENZE STORICHE E DEL PATRIMONIO CULTURALE HISTORY AND CULTURAL HERITAGE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO nella PROFESSIONE EDUCATIVA Il Corso di laurea in Scienze dell Educazione dell Università degli Studi di Perugia, si è prefisso l obiettivo di valorizzare e potenziare l

Dettagli

Beni Culturali: Conoscenza, Gestione Valorizzazione (L ) Beni Culturali (L )

Beni Culturali: Conoscenza, Gestione Valorizzazione (L ) Beni Culturali (L ) SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE Corso di studi: Beni Culturali: Conoscenza, Gestione Valorizzazione (L-1 2194) Beni Culturali (L-1 2074) REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI STAGE DESTINATI AGLI STUDENTI E AI LAUREATI DELL'UNIVERSITÀ DELLA VALLE D'AOSTA - UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D'AOSTE

REGOLAMENTO PER GLI STAGE DESTINATI AGLI STUDENTI E AI LAUREATI DELL'UNIVERSITÀ DELLA VALLE D'AOSTA - UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D'AOSTE Emanato con Decreto Rettorale n. 124, prot. n. 10562/A3 del 9 dicembre 2014 REGOLAMENTO PER GLI STAGE DESTINATI AGLI STUDENTI E AI LAUREATI DELL'UNIVERSITÀ DELLA VALLE D'AOSTA - UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE

Dettagli