Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo"

Transcript

1 30 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo Un rilevante progresso comunitario Giorgio Ferrero Presidente Coldiretti Piemonte Il provvedimento, frutto della riforma Fischler del 2003, trasforma in modo radicale il sistema degli aiuti al settore, orientando la produzione verso il mercato, il consumatore e la qualità della produzione, in un ottica di filiera. Concetto su cui Coldiretti si è spesa molto negli ultimi anni, cercando di portare su questo tema la discussione intorno alla riforma stessa e, una volta approvata la Pac, non abbiamo mancato occasione per sottolineare l importanza della massima coerenza e tempestività nella sua applicazione a livello nazionale. Riteniamo la nuova Pac un rilevante progresso comunitario sia sul terreno della cultura alimentare sia su quello della cultura e dell economia del territorio che diventano due asset strategici per l Unione Europea e l Italia nella competizione globale. Il disaccoppiamento renderà le imprese più efficienti perchè l agricoltore deciderà cosa produrre in base alla convenienza e all equilibrio tra domanda e offerta, con un ri-orientamento verso il mercato. Questo strumento, in particolare legato all eco-condizionabilità, e le misure di qualità contenute nell articolo 69 (fra le quali, l esenzione da contaminazioni ogm di tutte le sementi messe a coltura) debbono essere applicati in forte sinergia: l uno per evitare l abban- dono dell attività a seguito dell entrata in vigore del regime di pagamento unico; l altra per incentivare politiche della qualità legate a tipi specifici di agricoltura ritenuti importanti per la tutela dell ambiente e per la valorizzazione della qualità e della commercializzazione dei prodotti agricoli. Com è evidente si tratta di provvedimenti di cruciale importanza per dare concretezza e prospettive allo spirito di riforma della Politica agricola europea. In particolare è vitale l applicazione dell articolo 69 perché vengano premiati i comportamenti imprenditoriali orientati alla qualità e alla valorizzazione delle risorse del territorio. Nel 2004 l Italia ha dovuto formulare le sue opzioni politiche per l applicazione della riforma Pac Bartolomeo Bianchi Presidente Confagricoltura Piemonte Confagricoltura si è schierata a favore della partenza del disaccoppiamento dal 2005, con la sola eccezione del settore lattiero caseario, e per l applicazione del disaccoppiamento totale anziché parziale. Abbiamo quindi salutato con favore le scelte del Governo italiano che sono andate proprio in questa direzione. Partire dal 2005, un obiettivo alla nostra portata, era ed è fondamentale per evitare incertezze tra gli operatori e sui mercati fondiari. D altro canto, la scelta del disaccoppiamento totale è quella che, considerate le opzioni permesse dai regolamenti comunitari, tutela il reddito degli agricoltori e ne migliora il potete contrattuale rispetto agli altri oggetti della filiera, a monte ed a valle. E inoltre un sistema meno complesso da gestire e consente il pieno utilizzo della dotazione finanziaria assegnata all Italia. La scelta è sta poi opportunamente temperata dall introduzione di pagamenti supplementari per le produzioni di qualità ed a finalità ambientale: uno strumento del tutto nuovo le cui conseguenze sono comunque tutte da verificare. La Confagricoltura è stata anche contraria alla rego-

2 SPECIALE larizzazione dei pagamenti diretti. Perché, data la distribuzione dei sostegni e gli orientamenti produttivi delle aziende sul territorio, questo strumento, una volta applicato, avrebbe determinato una forte ridistribuzione dei trasferimenti diretti a carico dei produttori storici, con forti rischi per la competitività delle nostre imprese. Un ultima notazione riguarda la condizionalità dei pagamenti diretti. Il decreto ministeriale applicativo costituisce, a nostro avviso, un buon compromesso tra chi, come la Confagricoltura, chiedeva un applicazione leggera, graduale e flessibile, almeno in questa prima fase, e chi invece ha ritenuto di dover introdurre da subito un maggior numero di impegni di buona prassi a carico delle imprese. L applicazione della riforma è solo iniziata e le scelte sono state sinora, nel complesso, soddisfacenti. Ora nel 2005 occorre proseguire il faticoso ma utilissimo lavoro tecnico di affinamento ed interpretazione della normativa. Vanno effettuate le ulteriori scelte per applicare la riforma (si pensi al delicato problema della gestione della riserva dei pagamenti disaccoppiati) ed infine vanno anche monitorati gli strumenti sin qui adottati per tararli, se del caso e non appena possibile, rispetto alle esigenze dei mercati e delle imprese. Un occasione per affrontare i temi della qualità ambientale e dei prodotti agroalimentari Attilio Borroni Presidente CIA Piemonte Il seminario tenuto dalla Regione il 13 e 14 gennaio è stata l occasione per un approfondito dibattito sui cambiamenti della PAC dopo che sono finiti in soffitta i vecchi meccanismi, prima dei prezzi garantiti e poi degli aiuti ad ettaro. Gli aiuti alle aziende saranno in futuro sganciati dalla produzione (disaccoppiati) e saranno calcolati sulla base della rendita storica del triennio Sulla riforma della Pac il nostro Paese non ha tenuto un comportamento molto coerente. L Italia è passata in pochi mesi dall essere tra i Paesi più tenaci sostenitori dell accoppiamento parziale degli aiuti (legati alla produzione effettiva) alla scelta del disaccoppiamento totale. Quali saranno le conseguenze del disaccoppiamento dell aiuto unico aziendale sull agricoltura piemontese non è dato a sapersi con certezza. Un tempo gli aiuti tracciavano la rotta agli investi- menti, ora lo farà il mercato. Gli agricoltori saranno più liberi di decidere a seconda dei segnali che arriveranno dal mercato perché il disaccoppiamento garantirà loro la certezza e la stabilità dei redditi, ma quali decisioni prenderanno? Qualche agricoltore ha incominciato a fare i conti ed ha già scoperto che, per esempio, sotto una certa soglia di prezzo del mais è più conveniente non produrre che produrre, anche se, pur non producendo, avrà l obbligo di osservare comunque nella sua azienda le regole della ecocondizionalità stabilite dallo Stato italiano insieme alle Regioni, cioè dovrà tenere i suoi terreni in buone condizioni agronomiche ed ambientali. E importante, secondo la Cia del Piemonte, che le regole dell ecocondizionalità mettano tutti gli agricoltori italiani sullo stesso piano e non siano diverse a seconda delle varie Regioni, creando situazioni di disparità che possono determinare distorsioni nella concorrenza tra i vari sistemi produttivi. E necessario inoltre che venga usato molto buon senso nello stabilire le norme per l ecocondizionalità e che si ricorra a tutte le gradualità necessarie nella loro applicazione. Il miglioramento della qualità dovrebbe essere anche l obbiettivo da perseguire con le trattenute di cui all art. 69 del regolamento CE 1782/03. Tali trattenute saranno utilizzate per i pagamenti supplementari alle aziende nei settori dei seminativi e dell allevamento, le quali si impegnano ad osservare alcune norme a tutela dell ambiente e per migliorare la qualità dei prodotti agricoli. La prima impressione, da verificare ancora sul campo, è che, con le regole già stabilite per erogare i fondi dell art. 69, non si farà molta selezione. La banalizzazione dei criteri per accedervi ne ha fortemente ridimensionato l utilità, ma va detto anche che sono meglio norme banali che norme fantasiose o velleitarie. Il Piemonte, secondo la Cia del Piemonte, deve cogliere l occasione della riforma della PAC per avviare una seria discussione sul significato di qualità ambientale e dei prodotti agroalimentari, che sono tra gli obbiettivi fondamentali della politica comunitaria, onde poter mettere in cantiere in futuro delle azioni adeguate per la loro valorizzazione, utilizzando al meglio le risorse comunitarie. Sulla qualità dei prodotti agroalimentari vanno dette parole chiare. Se è vero che il Piemonte non sarà in grado di competere con i prezzi ed i volumi di produzione di Paesi come la Cina, è altrettanto vero che il Piemonte Agricoltura/45

3 32 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC non può chiudersi dentro una qualità di nicchia, tutta incentrata sulla difesa della tradizione e sulla tutela della biodiversità, destinata ad una ristretta elite di consumatori. Il prezzo da pagare, se si facesse la scelta solo della qualità di nicchia, sarebbe un restringimento notevole dell economia agricola piemontese ed una riduzione netta degli occupati in agricoltura. Il Piemonte deve puntare invece ad una qualità diffusa, di massa, alla valorizzazione di tutte le produzioni agroalimentari, ad un potenziamento del legame con il territorio di tutto l agroalimentare piemontese. La Pubblica Amministrazione e le Organizzazioni agricole devono preoccuparsi di come far uscire dall anonimato e tipicizzare le stragrande maggioranza produzioni agroalimentari piemontesi, perché possano essere distinte dalle altre e riconosciute dai consumatori. Il compito è immane, perché una valida strategia di valorizzazione delle produzioni agroalimentari del Piemonte richiede un approccio complessivo, aziendale e di filiera, che unisca in modo sinergico diversi elementi : si pensi alla formazione, agli investimenti, alle strutture organizzative e fisiche per la commercializzazione, oltre che all informazione, alla pubblicità, alla promozione. Pur essendo immane, il compito è comunque ineludibile. Privilegiare una logica di sistema per una maggiore competitività Tommaso Mario Abrate Presidente Confcooperative Piemonte Fedagri La realtà socio-economica e territoriale nelle zone rurali del Piemonte vede la presenza non diversamente da altre regioni sia d un pluralismo tipologico di modelli territoriali di sviluppo (economie rurali) di cui l agricoltura è parte sia di sistemi locali a spiccata specializzazione agricola/agroalimentare (economie agro-alimentari). Il PSR dovrà essere capace di politiche agrarie e rurali diverse per realtà diverse coniugando in chiave qualitativa sviluppo agricolo e sviluppo rurale. Ciò che, dunque, auspica Confcooperative e impegneremo al riguardo tutte le nostre cultura e volontà - è che il futuro PSR abbia a privilegiare per dare reale efficacia alle politiche di intervento una logica (ottica) di sistema al fine di un reale rafforzamento della capacità competitiva sia dei sistemi produttivi territoriali locali (vale a dire della multifunzionalità dell agricoltura, ivi presente in modo fattuale o potenziale) e sia delle filiere agroalimentari piemontesi relativi a prodotti di qualità ed a commodity (ammesso che sia ancora il caso di utilizzare tale ultima nozione per cereali, riso, frutta, ecc. ). In tale contesto, si chiede che il prossimo PSR: - fermi restando gli obiettivi del miglioramento della qualità commerciale dei prodotti, che è per altro frutto di un organizzazione che coinvolge più attori e più fasi (rintracciabilità: dal campo alla tavola), e della qualità ambientale delle zone rurali, - ferma restando la necessità di un impegno rilevante nell insediamento giovani, nell assistenza tecnica alla gestione, nella formazione professionale, nell innovazione, nella ricerca (ancorché come noto tale tipologia di intervento non sia prevista dai regolamenti comunitari dello sviluppo rurale, ma essa può essere finanziata con risorse regionali); - sia attuato fondamentalmente per progetti integrati di sistema produttivo territoriali locale e per progetti integrati di filiera agroalimentare territoriale. Occorre dunque superare la modalità di attuazione della politica agraria e rurale fatta propria anche dal PSR per bandi relativi a singole misure. Cogliamo tra gli stessi imprenditori agricoli e della trasformazione più avvertiti la consapevolezza del limite dell intervento pubblico a bando su singola misura a favore di interventi fondato su progetti integrati di filiera ed intersettoriali costituiti da più misure, i cui benefici avendo carattere di sistema sono maggiori di quelli ottenibili come semplice sommatoria dei singoli progetti di investimento. In particolare, una modalità di attuazione del PSR per progetti integrati di filiera agroalimentare territoriale darebbe ragione a quanti sostengono che: - la competizione agroalimentare a livello internazionale si esercita sempre più tra sistemi di ordine superiore alle imprese (e ciò vale per le imprese agricole, ma anche per le PMI agroalimentari, e tra queste le cooperative, che pure costituiscono il perno dello sviluppo di distretti o filiere agroalimentari); - la capacità competitiva è sempre di più l esito di strategie integrate di filiera di attori di sistemi locali. I 3 obiettivi generali della nuova politica di sviluppo rurale individuati dalla Proposta di Regolamento sullo sviluppo rurale e cioè il: miglioramento della competitività dell agricoltura e della silvicoltura attraverso il sostegno alla ristrutturazione

4 SPECIALE miglioramento dell ambiente e dello spazio naturale attraverso il sostegno alla gestione del territorio miglioramento della qualità della vita nelle zone rurali e l incoraggiamento della diversificazione delle attività economiche sembrano meglio attuabili mediante una strategia di progetti integrati che preveda un impiego coordinato di pacchetti di misure Ora, non è certo un caso che Fedagri Confcooperative chieda che si privilegi nel PSR una logica di sistema. Detta richiesta se ha, come osservato, robuste ragioni teoriche e si avvale di non modeste realizzazioni, si fonda sull esperienza stessa della Federazione, che opera per fare sistema ed è essa stessa un sistema di filiere per statuto: 230 cooperative agricole aderenti, 600 milioni di fatturato, aziende associate. E chiaro che in qualsiasi progetto integrato di filiera è fondamentale la presenza delle strutture di trasformazione cooperative e non ed è fondamentale il rapporto da contrattualizzare (se le imprese di trasformazione non sono cooperative) con i necessari controlli pubblici tra la fase della produzione e la fase della trasformazione. Al riguardo rilevo come la richiamata proposta di regolamento sullo sviluppo rurale evidenzi criticità in ordine al dispiegarsi di un efficace politica di sviluppo rurale innovativa quando per esempio sembra porre limiti alla definizione di progetti integrati con l uso di misure afferenti ad assi diversi e prospetta il finanziamento solo ad imprese micro o piccole che certo non costituiscono l asse portante della maggior parte delle filiere e dei distretti agroalimentari relativi a prodotti di qualità od a commodity. Trattasi di una norma inaccettabile che deve essere cancellata, ripristinando la disciplina propria della misura G del PSR di cui al reg. (CE) n. 1257/99. Così come sorprende il fatto che non sia presente la misura dell ingegneria finanziaria, per altro non prevista dal PSR Si chiede che la Regione Piemonte si batta nelle opportune sedi perché la misura dell ingegneria finanziaria sia introdotta nel regolamento sullo sviluppo rurale. Come non vedere l importanza dell ingegneria finanziaria per lo sviluppo di una finanza ad hoc per le imprese locali. Confcooperative sta ragionando in merito alla misura dell ingegneria finanziaria, da collocare dentro come per il vero fuori del PSR, ed all uopo presenteremo in Regione non appena possibile organiche proposte. Riservare le risorse del PSR essenzialmente al finanziamento di progetti integrati richiede che vengano compiute scelte di discontinuità rispetto al passato periodo di programmazione. Occorre: concentrazione, territorializzazione e finalizzazione delle misure; un approccio programmatico e gestionale integrato; la partecipazione di attori sociali ed istituzionali; un serio ripensamento rispetto alle azioni agroambientali, che tante risorse hanno assorbito nel PSR ; fuor di metafora mi chiedo in particolare se la produzione integrata (azione F1) non debba essere considerata anche alla luce della nuova regolamentazione comunitaria un atto dovuto e non sia necessario un uso progressivo delle politiche agroambientali in chiave territoriale (di tutela dell ambiente, di cura del paesaggio, di difesa idro-geologica, ecc.); un attenzione forte in chiave operativa della multifunzionalità dell agricoltura analizzata nelle sue diverse possibilità ed espressa in progetti locali; capire come integrare le politiche di sviluppo rurale con le politiche del I pilastro capire come integrare le politiche di sviluppo rurale con le nuove politiche di sviluppo regionale; capire come integrare PSR con le altre politiche regionali di sviluppo rurale in senso lato (piani di distretti, ecc. ; insomma un PSR nuovo più che un nuovo PSR, per il quale vale un impegno culturale e tecnico senza pari Pur con alcuni limiti, si tratta di una riforma positiva Michele Bechis Presidente CAPAC Vorrei esprimere anche in questa sede il giudizio tutto sommato positivo sulla Riforma della Pac 2003: - perché raramente si è osservata una politica economica definire programmi e stabilire risorse per un lasso di tempo così ampio (la sicurezza dei finanziamenti consente, da un lato, agli imprenditori di operare in un quadro di relativamente maggiori certezze a medio-lungo termine e, dall altro, al pubblico di ipotizzare politiche di intervento in grado di incentivare significative modificazioni di carattere strutturale); Agricoltura/45

5 34 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC - per le scelte effettuate a partire dal disaccoppiamento, con lo svincolo dell aiuto al tipo di prodotto realizzato ed al numero di animali allevati, e dal definitivo orientamento dell agricoltura a produrre prodotti e servizi richiesti dai consumatori (mercato); - per aver reso possibile l allargamento dell Ue; - per aver posto una delle condizioni necessarie ad una positiva conclusione dei negoziati multilaterali sul commercio internazionale in sede WTO. Nei confronti della riforma della Pac furono sollevati una serie di rilievi critici, che mette conto di riprendere di seguito solo per titoli: - il sostegno disaccoppiato legato agli ettari eligibili come possibile ulteriore barriera al ricambio generazionale; - l insufficiente potenziamento del II pilastro; - la modesta attenzione all agricoltura perché si orienti a svolgere gli attesi servizi multifunzionali (di tutela dell ambiente, di cura del paesaggio, di difesa idro-geologica, ecc.); - effetti di distorsione nel mercato fondiario; - conseguenze negative sulla cooperazione di trasformazione e commercializzazione legate al possibile abbandono di produzioni e di allevamenti; - a dispetto dell obiettivo categorico dell Ue di ridurre le differenze socio-economiche tra le regioni in ritardo di sviluppo e la media comunitaria, la Pac riformata sembra privilegiare ancora le aree più dotate in termini strutturali e infrastrutturali, operando pertanto in senso geograficamente, economicamente e socialmente opposto a quello della convergenza e della coesione europea, che è obiettivo prioritario per le altre politiche strutturali dell UE. Si era anche evidenziato come la riforma del I pilastro avrebbe potuto andare incontro a non pochi rischi di ordine finanziario nel corso del settennio e che la stessa nuova politica di sviluppo rurale avrebbe richiesto decisioni non secondarie, in qualche modo di rottura rispetto al periodo di programmazione Si era infine osservato che almeno in parte alcuni degli ora ricordati limiti della riforma avrebbero potuto essere attenuati da un oculata attuazione del I pilastro ed da un approccio innovativo dello sviluppo rurale. In ogni caso, occorre sottolineare la lungimiranza dell allora Commissario all Agricoltura F. Fischler per aver compreso che solo decisioni (modifiche) drastiche avrebbero, da un lato, giustificato (legittimato) la Pac davanti agli Stati ed ai cittadini europei, contribuenti e consumatori, e, dall altro, difeso la Pac stessa dall assalto di quanti in Europa ieri (come oggi per il vero) ritengono del tutto sproporzionata l ammontare di risorse destinate dal bilancio comunitario all agricoltura, per giunta in una situazione di stagnazione economica, di elevata disoccupazione e di necessità crescenti dell Ue-25 in termini di investimenti in ricerca, formazione, innovazione ed infrastrutture. In realtà siamo di fronte ad una contrazione della spesa agricola in relazione al PIL dell UE, dimezzatasi in termini percentuali nell ultimo decennio. Infine per quanto attiene l applicazione dell art. 69 del reg. (CE) n. 1782/03 mi auguro che quanto deciso per l anno 2005 rispetto per esempio ai seminativi abbia carattere provvisorio e sia oggetto di revisione. E mia opinione che forme di sostegno alla qualità dei prodotti e all ambiente poco selettive rischino di risultare una complicazione burocratica (una partita di giro) con un incentivazione tutto sommato modesta e non già un efficace stimolo a comportamenti esemplari in direzione di un rafforzamento dell integrazione di filiera. Gli imprenditori davanti alla sfida del mercato globale Giancarlo Sironi Presidente dell Associazione delle Cooperative agroalimentari di Legacoop La riforma della PAC mette gli imprenditori di fronte alle sfide del mercato globale così come non era mai avvenuto dalla definizione della Politica Agricola Comune nella Comunità Europea. Le preoccupazioni generali hanno una particolare focalizzazione su due tematiche: 1. Le produzioni ortofrutticole che potrebbero essere attivate nelle aziende agricole che riorientano la propria attività, una volta acquisito il premio unico, verso queste produzioni. Ciò potrebbe indurre delle distorsioni di mercato verso coloro che professionalmente lavorano nel comparto ortofrutticolo e che non possono accedere al premio unico. 2. Per quanto riguarda il futuro del Piano di Sviluppo rurale preoccupa molto l ipotesi dell esclusione dai finanziamenti pubblici (compresi anche gli aiuti di Stato) delle aziende (anche cooperative) di medie e grandi dimensioni. L ipotesi di finanziare solo le microimprese non sembra una politica agricola coerente con le sfide del mercato globale. Se le microimprese possono operare con successo sui mercati locali, solo le medie/grandi imprese sono in grado di competere con le imprese agroalimentari di livello europeo o mondiale.

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

VE R S O L A N U O VA PA C LA R I F O R M A D E L G I U G N O 2 0 0 3 E L A S U A A P P L I C A Z I O N E I N ITA L I A

VE R S O L A N U O VA PA C LA R I F O R M A D E L G I U G N O 2 0 0 3 E L A S U A A P P L I C A Z I O N E I N ITA L I A FO R U M IN T E R N A Z I O N A L E D E L L AG R I C O LT U R A E D E L L AL I M E N TA Z I O N E VE R S O L A N U O VA PA C LA R I F O R M A D E L G I U G N O 2 0 0 3 E L A S U A A P P L I C A Z I O N

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme una guida pratica per una visione di insieme sommario Presentazione 3 I pilastri della 4 Uno sguardo d insieme 5 Le novità per il I Pilastro 6 Le novità per il II Pilastro 9 Glossario 12 Il volume è frutto

Dettagli

La politica agricola comune

La politica agricola comune La politica agricola comune Continua... ANNI di Politica Agricola Comune Pronti per il futuro U N A P A R T N E R S H I P T R A L ' E U R O P A E G L I A G R I C O L T O R I Agricoltura e sviluppo rurale

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Il modello di sviluppo rurale definito dall UE dalla teoria all attuazione: una sfida ancora aperta

Il modello di sviluppo rurale definito dall UE dalla teoria all attuazione: una sfida ancora aperta ILARIA LEONARDI MARIA SASSI Il modello di sviluppo rurale definito dall UE dalla teoria all attuazione: una sfida ancora aperta Quaderno di ricerca n.6 COMITATO SCIENTIFICO Prof. Paolo AUTERI Prof. Carlo

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 SETTEMBRE 2013 Sommario 1 Il quadro di riferimento 1.1 La Politica Agricola Comune 1.2 Gli obiettivi tematici e le priorità per i PSR

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013 collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014 INEA 2014 RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

La nuova Pac 2014-2020

La nuova Pac 2014-2020 La nuova Pac 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele Canali, Mario

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive

Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Il settore ortofrutticolo riveste un importanza

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Diversifarm Idee imprenditoriali innovative nell agricoltura delle Marche

Diversifarm Idee imprenditoriali innovative nell agricoltura delle Marche associazionealessandrobartola Studi e ricerche di economia e di politica agraria Collana Tesi on-line Larisa Lupini Diversifarm Idee imprenditoriali innovative nell agricoltura delle Marche PRESENTAZIONE

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli