PAT PAT. Distretto di Castelnovo ne Monti. Il Programma delle Attività. Territoriali (PAT) Territoriali (PAT)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAT PAT. Distretto di Castelnovo ne Monti. Il Programma delle Attività. Territoriali (PAT) Territoriali (PAT)"

Transcript

1 PAT Il Programma delle Attività Territoriali (PAT) Distretto di Castelnovo ne Monti 2006 Il Buon Samaritano a ricordo dell On. Prof. Pasquale Marconi, fondatore dell Ospedale S. Anna. Autore Suor Gemma Chiapponi, Castelnovo ne Monti 1953 PAT Il Programma delle Attività Territoriali (PAT) Distretto di Castelnovo ne Monti 2007

2

3 Indice Il Programma delle Attività Territoriali (PAT) del Distretto di Castelnovo ne Monti Presentazione Il Distretto Caratteristiche della popolazione Il sistema sanitario del Distretto La sanità pubblica L area delle cure primarie Le cure domiciliari Le cure palliative Assistenza pediatrica Attività consultoriale Programmi di screening Le visite e le prestazioni specialistiche ambulatoriali Il Servizio Sociale Unificato L attività di assistenza dedicata agli anziani Area famiglia, infanzia, età evolutiva Area disabili adolescenti e adulti I Servizi per la Salute Mentale I Servizi per le Dipendenze Patologiche L assistenza farmaceutica I Servizi Ospedalieri L assistenza in emergenza - urgenza Investimenti URP - CMC - Numero Verde

4 Presentazione Il PAT 2007 si inscrive nelle profonde modificazioni ed innovazioni che la Regione Emilia Romagna sta approntando in materia di programmazione sociosanitaria e di funzioni di governance del sistema e degli strumenti attraverso i quali queste funzioni si esplicano. Nel momento in cui si definiscono i contenuti del PAT 2007 sono, infatti, in corso di approvazione alcuni atti fondamentali: il Piano Socio-sanitario, il Fondo Regionale per la Non Autosufficienza, il sistema di accreditamento dei servizi sociali e sociosanitari, la trasformazione delle II.PP.AA.BB. presenti sul territorio in ASP (Aziende di Servizi alla Persona). Per le Aziende Sanitarie Locali e per gli Enti Locali questo significa condividere una prospettiva di grande cambiamento e, nello stesso tempo, garantire le programmazioni richieste con gli strumenti ancora vigenti. Nell accostarci a realizzare compiutamente le innovazioni in corso, è utile tracciare un bilancio delle attività realizzate nel corso del 2006, bilancio che conferma la capacità dell Azienda di fornire risposte di qualità ai bisogni dei cittadini del Distretto e definire la programmazione per l anno in corso. Le principali novità che hanno caratterizzato l attività del Distretto montano nel 2006 sono state: l apertura della nuova sede del Centro Diurno per Disabili Rosa dei Venti ; l inaugurazione dei nuovi Poliambulatori Ospedalieri al piano 1 dell Ospedale S.Anna e la sede dell Unità Farmaceutica Distrettuale; il progetto GAL con la consegna domiciliare dei farmaci da parte di Poste Italiane nei confronti degli anziani abitanti in particolare nel Comune di Ramiseto; la celebrazione del 75 anniversario della fondazione dell Ospedale S.Anna ( ). Provincia di Reggio Emilia Guastalla Correggio Reggio Emilia Montecchio Scandiano Castelnuovo nei Monti 4

5 Presentazione L anno 2007 sarà l ultimo anno di vigenza del Piano Sociale di Zona : un esperienza che ha visto molti professionisti impegnati nei diversi luoghi di programmazione, con un costante ed elevato contributo trasversale a tutti gli ambiti di intervento. Ci sembra di potere apprezzare una ormai consolidata caratteristica del nostro sistema che fa dell integrazione istituzionale, professionale ed organizzativa con i Comuni della montagna uno dei valori fondamentali, in particolare dal 2003, anno di approvazione dell Accordo di Programma per l organizzazione del Servizio Sociale Unificato. Nell avviarci quindi alla fase di predisposizione del nuovo Piano Sociale - che nei documenti regionali viene ridefinito come Piano di Zona distrettuale per la salute e per il benessere sociale potremo conferire l esperienza sinora condotta, che ci consente di condividere i problemi della nostra comunità, le scelte strategiche per il suo benessere e la conseguente allocazione delle risorse in una logica di massima integrazione. Per il 2007, oltre agli interventi che saranno previsti nei singoli settori, si prevedono le seguenti azioni: SPAZI: individuazione di una sede idonea, adiacente all area ospedaliera, nella quale collocare tutti i sevizi territoriali afferenti il Distretto e il Dipartimento Cure Primarie, al fine di superare la molteplicità delle locazioni in essere e la conseguente frammentazione delle sedi. Nel frattempo, per consentire l avanzamento dei cantieri in ambiente ospedaliero, il Servizio Infermieristico Domiciliare e il Servizio Riabilitazione e Recupero Funzionale, unitamente ad un aula di Informatica, troveranno temporanea collocazione in un immobile di proprietà della Comunità Montana posto in Via Roma n. 5, non lontano dalla sede ospedaliera. Integrazione socio-sanitaria e gestione del Fondo Regionale per non Autosufficienza (FRNA): per la prima volta la Regione Emilia Romagna ha attribuito il FRNA alle A.USL, e la Conferenza Sociale e Sanitaria Territoriale lo ha distribuito ai Distretti sulla base del numero di anziani ultra 75 enni. La programmazione e la gestione del fondo, finalizzato per ora al settore anziani non autosufficienti, saranno garantite dal Comitato di Distretto composto dai Sindaci dei Comuni del Distretto e dal Direttore del Distretto. Shining Mountains: nell ambito della promozione di stili di vita sani, sta proseguendo la collaborazione con la Comunità Montana per la realizzazione di un progetto a finanziamento europeo che vede coinvolti il Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione e la Medicina Sportiva per la individuazione dei Percorsi Salute sul territorio della Comunità Montana, e la rielaborazione di ricette locali in chiave salutistica: Dieta Appenninica. Percorso cardio-protetto: il progetto, su proposta del Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano, che ha finanziato l iniziativa per euro, vede coinvolti il Comune di Castelnovo ne Monti, la Cardiologia ASMN, il Dipartimento di Salute Pubblica e il Distretto A.USL e l Associazione Il Cuore della Montagna, ed è finalizzato a realizzare un percorso cardio-sicuro nell area del Parco ai piedi della Pietra di Bismantova, nel tratto Carnola-Vologno. Esecuzione dei lavori di alloggiamento della Risonanza Magnetica Nucleare donata da un privato cittadino. 5 Franco Viappiani Direttore del Distretto di Castelnovo ne Monti Gianluca Marconi Sindaco del Comune di Castelnovo ne Monti Comune Capo Distretto

6 Il Distretto Il Distretto di Castelnovo ne' Monti comprende i comuni di Busana, Carpineti, Casina, Castelnovo ne' Monti, Collagna, Ligonchio, Ramiseto, Toano, Vetto e Villa Minozzo, con una popolazione residente complessiva di abitanti al Il territorio si estende per una superficie complessiva di kmq, interamente classificato come montano: nel complesso rappresenta 1/3 del territorio provinciale. Compito del Distretto è quello di assicurare alla popolazione la disponibilità dei servizi sanitari e sociosanitari integrati, nei limiti dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza). Distretto di Castelnovo ne Monti Casina Vetto Carpineti Ramiseto Castelnovo ne Monti Busana Toano Villa Minozzo Collagna Ligonchio COMUNI Busana Carpineti Casina Castelnovo ne' Monti Collagna Ligonchio Ramiseto Toano Vetto d'enza Villa Minozzo Totale Provincia Popolazione residente del Distretto di Castelnovo nè Monti per Comune Popolazione residente al Popolazione residente al Popolazione residente al Fonte: Regione Emilia-Romagna - Servizio controllo di gestione e sistemi statistici. Popolazione residente al Popolazione residente al Popolazione residente al

7 Caratteristiche della popolazione La popolazione del Distretto, che era lievemente aumentata negli ultimi anni, nel 2006 è calata dello 0,27% rispetto all'anno precedente. Questo effetto, come appare evidente dal bilancio demografico, è legato principalmente a tre fattori: il saldo naturale è negativo in tutti i comuni del distretto e la lieve ripresa della natalità non compensa la mortalità; incremento della popolazione anziana, dovuto all'aumento della speranza di vita alla nascita; l'incremento dell immigrazione, pur presente anche se di minor rilevanza rispetto alla provincia, non compensa il saldo naturale, per cui si assiste a un calo della popolazione. Il bilancio demografico è infatti negativo in tutti i comuni ad eccezione di Casina e Castelnovo ne Monti, e nel complesso registra un calo di 93 residenti. L'andamento demografico descritto porta ad un lieve aumento del numero di minori e, soprattutto, ad un progressivo aumento di anziani (categorie di popolazione che utilizzano maggiormente i servizi sanitari e socio-sanitari), rispetto a giovani e adulti. Natalità Il tasso di natalità è lievemente aumentato rispetto agli anni '90 ma resta quello più basso della provincia. I comuni con la natalità più elevata negli ultimi anni sono Casina e Castelnovo ne Monti, mentre quelli più piccoli presentano dati molto oscillanti; la natalità più bassa si registra a Ligonchio. 12 Natalità nel Distretto di Castelnovo ne Monti e in Provincia di Reggio Emilia 10 Tasso di natalità x Distretto Provincia Anno di calendario 7

8 Caratteristiche della popolazione Fenomeno dell'invecchiamento I cittadini ultrasessantacinquenni al 1 gennaio 2006 erano 9.443, il 27,4% della popolazione residente nel Distretto, proporzione più elevata della provincia. Di questi, più del 53% ha più di 74 anni (5.046); gli ultraottantenni sono < 1 anno 1-14 anni anni anni anni > 74 anni Totale Popolazione residente del distretto di Reggio Emilia per fasce di età e sesso al Maschi Femmine Totale Distr. di Reggio E. Totale Provincia ,8% 11.2% 37,8% 26,1% 12,6% 11,5% 100% ,7% 10,4% 34,4% 23,8% 12,9% 17.7% 100% Fonte: Regione Emilia-Romagna - Servizio controllo di gestione e sistemi statistici ,7% 10,8% 36,1% 24,9% 12,8% 14,7% 100% ,1% 13,2% 41,1% 24,4% 10,1% 10,1% 100% L'immigrazione Come nel resto della Provincia, anche nel Distretto di Castelnovo ne Monti si rileva da tempo un aumento di cittadini extracomunitari, anche se in maniera molto meno evidente rispetto agli altri distretti della Provincia. Gli stranieri regolarmente iscritti all anagrafe costituiscono il 6,1% della popolazione residente. Tra i paesi comunitari quello più rappresentato è la Polonia, mentre tra gli altri paesi europei la quota maggiore è quella della comunità albanese (405), seguita da quella ucraina (136). I non europei sono il 3,2% della popolazione e il paese maggiormente rappresentato è il Marocco, seguito dalla Tunisia. Si tratta di una popolazione giovane (i due/terzi circa hanno meno di 40 anni), con una elevata percentuale di donne ed ampia presenza di bambini nelle scuole. Mortalità La mortalità non ha subito, negli ultimi anni, variazioni significative a livello provinciale ed è sostanzialmente simile a quella regionale. In generale nella nostra provincia, come del resto in Italia e in tutti i paesi industrializzati, le cause che portano alla morte sono differenziate per gruppi di età: la morte per cause violente, ed in particolare per incidenti stradali, è la principale causa di morte nella popolazione giovane; i tumori costituiscono la prima causa di morte negli adulti da 45 a 74 anni (in particolare nella fascia 45-64); le patologie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte in assoluto e con particolare frequenza negli ultrasettantacinquenni. 8

9 Il sistema sanitario del Distretto Il sistema sanitario del Distretto si struttura in diverse aree di attività che comprendono: La sanità pubblica L assistenza in emergenza urgenza Le cure primarie Distretto I servizi ospedalieri La salute mentale L assistenza farmaceutica Dipendenze patologiche La sanità pubblica Come negli anni precedenti, anche nel 2007 molti servizi dell AUSL sono impegnati, in collaborazione con Comuni, Comunità Montana, Provincia, Scuole e Volontariato, in numerosi progetti per favorire l adozione di comportamenti sani. I principali progetti in corso nel Distretto di Castelnovo ne Monti sono: favorire una corretta alimentazione (progetti rivolti alla popolazione giovanile e in età adulta); promuovere l attività fisica (progetti rivolti ai giovani, agli adulti, e ai cardiopatici; collaborazione agli interventi che favoriscono la mobilità ciclo-pedonale); prevenire e combattere l abitudine al fumo (progetto regionale tabagismo con alcuni sottoprogetti rivolti alla scuola, servizi sanitari (MMG), popolazione, corsi per smettere di fumare; verifica del rispetto della normativa); prevenire e combattere l abuso di alcool e l uso di droghe (progetti rivolti soprattutto al mondo giovanile; favorire scelte consapevoli e l adozione di comportamenti non a rischio (progetti di sicurezza stradale; prevenzione dell AIDS; prevenzione del doping); prevenire gli incidenti domestici (partecipazione al Progetto Regionale soprattutto con interventi rivolti ai bambini). 9

10 La sanità pubblica Nel abbiamo partecipato al Progetto Nazionale PASSI, indagine sugli stili di vita e i fattori di rischio per la salute, che nel 2007 proseguirà come progetto di sorveglianza sanitaria della popolazione. Da quest anno i Servizi della AUSL parteciperanno attivamente alla gestione del Laboratorio Didattico Multimediale Luoghi di Prevenzione rivolto alle scuole ed operatori sanitari. Nel 2007 prenderanno avvio alcuni progetti mirati alla prevenzione delle recidive nei soggetti che hanno già avuto accidenti cardiovascolari. Nel distretto di Castelnovo ne Monti verrà proposto ai pazienti cardiopatici un programma di attività fisica con adeguati sistemi di protezione e controllo e l attività fisica verrà incentivata attraverso progetti rivolti alla popolazione residente ed ai turisti. Epidemiologia Compito dell Epidemiologia è descrive lo stato di salute e di malattia della popolazione della Provincia di Reggio Emilia attraverso strumenti propri quali: Registro di Mortalità; Registro Tumori Reggiano; Registro Regionale Mesoteliomi; Osservatorio Regionale Infortuni sul lavoro; Sistema Informativo Malattie Infettive. Vengono inoltre utilizzati altri archivi quali ad esempio le SDO (schede di dimissione ospedaliera) e il CedAP (certificato di assistenza al parto). Le principali linee di progetto riguardano: studi generati da dati correnti; epidemiologia delle disuguaglianze, con particolare riguardo per le condizioni di salute degli immigrati; epidemiologia ambientale: stime di impatto sulla salute dell'inquinamento atmosferico; mortalità estiva nella popolazione anziana; coordinamento della linea epidemiologica nell'ambito del progetto regionale triennale sull'impatto sulla salute degli inceneritori di rifiuti solidi urbani; epidemiologia valutativa. I Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) effettuano interventi nei luoghi di lavoro (comparti produttivi a maggior rischio o singole aziende) per ridurre i fattori di rischio più gravi e diffusi. I comparti produttivi più rilevanti nel Distretto sono l agricolo e l edile. Per il comparto agricolo (nel quale resta particolarmente grave la mortalità per ribaltamento e schiacciamento da trattrice sui pendii montani) si è lavorato, insieme ai rappresentanti delle aziende e dei lavoratori, per creare iniziative di assistenza alle piccole aziende agricole e sono stati divulgati opuscoli in quattro lingue per i lavoratori immigrati nonché organizzati corsi di formazione. Nei due anni trascorsi è stato divulgato un video sulla sicurezza nei campi, che prende in esame i sistemi di prevenzione utili a fronteggiare i principali rischi in agricoltura. Nel 2007 è in programma l attivazione di momenti di sensibilizzazione in agricoltura per i lavoratori immigrati. In edilizia, oltre a una notevole attività di vigilanza (ispezionati n. 95 cantieri), si è collaborato anche con altri enti (Direzione Provinciale del Lavoro, Carabinieri, INPS, INAIL) allo scopo di verificare congiuntamente sia la sicurezza sul lavoro che eventuali irregolarità sul piano contributivo o per la presenza di lavoratori in nero. 10

11 La sanità pubblica Nel corso del 2007 particolare attenzione verrà attribuita al controllo sulla formazione dei lavoratori, in particolare dei lavoratori stranieri, per i quali una formazione adeguata risulta fondamentale per una reale prevenzione degli infortuni. Altri comparti oggetto di intervento sono: caseifici, strutture sanitarie e grande distribuzione (con interventi volti a prevenire il rischio da movimentazione manuale dei carichi, che può indurre patologie professionali all apparato osteo-muscolo-scheletrico), materie plastiche e manufatti in vetroresina (per il rischio chimico); altri comparti (verifica applicazione della 626/94 e formazione alla sicurezza). Distretto di Castelnovo ne Monti Alcuni dati di attività Aziende controllate Ispezioni e verifiche Pareri Nuovi Insed. Produttivi Ore formazione-informazione SPSAL SPSAL Nel 2007 si darà continuità agli interventi già attivati nei piani di lavoro prima richiamati, avviando altresì interventi di prevenzione mirati alla sicurezza e all igiene del lavoro anche presso allevamenti zootecnici, in coordinamento con il SPSAL del Distretto di Scandiano. Andamento dell Indice di Incidenza Totale in provincia di Reggio Emilia e nella Regione Emilia Romagna negli anni Anno I.I. RE 5,99 5,32 I.I. ER 5,68 5,33 N. infortuni indennizzati Indice di incidenza (I.I.)= x 100 N. Addetti VS 2000 Fonte : Banca Dati INAIL 5,16 4,89 4,68 4,27-28,71% 5,21 4,89 4,79 4,64-18,31% L andamento degli Indici di Incidenza totale nella nostra Regione evidenzia nella provincia di Reggio Emilia negli ultimi 5 anni un calo del fenomeno infortunistico raggiungendo un valore nell anno 2005 inferiore alla media regionale, ma soprattutto ha registrato il maggior decremento percentuale di tutte le province (-28,7%). 11

12 La sanità pubblica Andamento dell Indice di Incidenza per Grandi Gruppi INAIL in provincia di Reggio Emilia negli anni G1 Lavoraz ioni agric ole 8,59 7,88 6,91 6,9 8 6, 65 6,72 G2 Chimic a c a rta c uoio 7,62 7,60 6,6 3 6,6 4 5,77 5,33 G3 Co st ruz io ni imp ia n t i 7,73 7,23 6,70 6,46 6,02 6,09 G4 En e rg ia c o mun ic a z io ni 20,00 18,18 14,85 15,09 7,26 12,00 G5 Legno affini 9,29 9,82 9,31 8,1 5 6, 99 7,79 G6 Me t a ll i ma cchine 9,19 8,37 7,66 7,1 2 7, 16 6,44 G7 Ge o lo gia minerali 11,2 7 10,84 1 0,64 9,70 9,59 9,23 G8 Te ssile confezio n e 2,20 2,55 2,3 9 2,0 3 2,04 1,72 G9 Tra s p o rti magaz zino 9,24 6,95 8,0 3 7,1 6 7,40 2,36 G0 S e rvizi 2,92 2,55 2,5 2 2,6 0 2,51 2,60 To ta le 5,99 5,32 5,1 6 4,8 9 4,68 4,27 Fonte: Banca dati INAIL L azione dei Servizi di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (SPSAL) si è soprattutto concentrata in questi anni nei Grandi Gruppi: Agricoltura (GG1), Chimica (GG2), Edilizia (GG3), Legno (GG5), Metalmeccanica (GG6) e Ceramica (GG7), comparti in cui si evidenzia un alto numero di infortuni e di occupati. L Unità Operativa Impiantistica Antinfortunistica (UOIA) L Unità Operativa Impiantistica Antinfortunistica svolge azioni di prevenzione e vigilanza verificando le condizioni di sicurezza relative ad impianti elettrici, di sollevamento, di riscaldamento, apparecchi a pressione, ascensori. Le priorità per il 2006 che la Regione e l Azienda USL di Reggio Emilia hanno definito riguardano gli apparecchi e gli impianti a servizio di aziende a più elevato rischio lavorativo (luoghi con pericolo di esplosione, grandi aziende, TAV, edilizia), strutture per anziani, scuole, strutture sanitarie ed edifici ad elevata affluenza di pubblico (luoghi di spettacolo, banche, poste, uffici pubblici). Tutta la Provincia Verifiche ad impianti ed apparecchi Sopralluoghi Ore di supporto tecnico UOIA UOIA

13 La sanità pubblica Il Servizio di Igiene Pubblica Il Servizio di Igiene Pubblica Reggio Sud, competente per il territorio dei Distretti di Castelnovo ne Monti, Montecchio e Scandiano, realizza nel Distretto di Castelnovo ne Monti interventi di prevenzione collettiva e promozione della salute mirati all individuazione, rimozione o riduzione dei rischi. L attività viene svolta esprimendo pareri preliminari per le amministrazioni locali, effettuando controlli e vigilanza sui vari contesti presenti nel territorio, ed infine con interventi sanitari diretti. Tali interventi sono svolti nei seguenti ambiti: prevenzione e profilassi delle malattie infettive (vaccinazioni nell adulto, indagini epidemiologiche in occasione di malattie infettive e provvedimenti conseguenti) con particolare attenzione alle malattie infettive emergenti o riemergenti quali tubercolosi, meningiti, legionellosi, malattia di Lyme. L attività viene svolta in stretta collaborazione con i medici di base e con la rete ospedaliera e con estrema attenzione alle categorie a maggior rischio. La campagna di vaccinazione antinfluenzale nella prossima stagione invernale continuerà con la collaborazione dei medici di medicina generale e con l obiettivo, coerente con quello nazionale, di mantenere la copertura di almeno il 75% dei cittadini di età superiore ai 65 anni (nella campagna 2006 è stata raggiunta una copertura del 78%). Proseguirà la campagna antitetanica rivolta alle donne ultra sessantenni, con chiamata al compimento dei 60 anni ed obiettivo di arrivare ad una copertura di oltre il 45% (nel 2006 è stata raggiunta una copertura del 51,6). Continuerà la campagna di vaccinazione contro la malattia pneumococcica e verrà attivata la vaccinazione contro la varicella, vaccinazioni indirizzate a categorie di popolazione a rischio. Infine nel Distretto si continuerà ad esercitare un attenta sorveglianza dei casi di morso di zecca, con l obbiettivo di individuare gli eventuali seguiti dermatologici, suggestivi per malattia di Lyme. Interventi di Profilassi delle malattie infettive nel Distretto di Castelnovo ne Monti Indagini epidemiologiche N intervistati nel corso di indagini epidemiol. N. Consulenze a viaggiatori internazionali Alcuni dati di attività relativi alle vaccinazioni effettuate dal Servizio di Igiene Pubblica nel Distretto di Castelnovo ne Monti antidifterite e tetano antitetano* antiepatite A antiepatite B antimeningococcica antitifica antinfluenzale totale* antipneumococcica *=in collaborazione con i MMG del Distretto /

14 La sanità pubblica Igiene edilizia degli ambienti di vita e delle strutture ad uso collettivo: vigilanza presso strutture sanitarie, socio assistenziali, scolastiche, sportive, di pubblico spettacolo, turistico-alberghiere, educativo-ricreative. Sopralluoghi nel Distretto di Castelnovo ne Monti Strutture scolastiche: n. sopralluoghi Strutture sportive : n. sopralluoghi Piscine: n. campioni Ambiente e salute I servizi del Dipartimento di Sanità Pubblica operano, in collaborazione con l Agenzia Regionale per l Ambiente (ARPA), per fornire una lettura accurata delle possibili correlazioni tra i valori degli inquinanti atmosferici ed ambientali rilevati nel nostro territorio e le condizioni di salute della popolazione, per offrire indicazioni utili alla programmazione del monitoraggio e delle indagini ambientali ed alle scelte di programmazione ed uso del territorio delle pubbliche amministrazioni Medicina Legale Per quanto riguarda l attività relativa alle domande di invalidità civile per il 2007 ci si impegna a mantenere gli attuali tempi di attesa, già allineati con gli standard regionali per le Commissioni invalidi. Valutazioni di Invalidità Civile, Distretto di Castelnovo ne Monti Domande valutate Invalidi al 100%..con indennità di accompagnamento Tempi medi di attesa in giorni Legge Accertamento della condizione di handicap per: detrazioni fiscali, permessi lavorativi retribuiti, esenzione del pagamento del bollo auto, contributo regionale per l acquisto di computer e per abolizione barriere architettoniche e adattamento dei veicoli per deficit motorio, (etc.). Per il 2007 ci si impegna a mantenere i tempi di attesa al di sotto dei tempi previsti dalla normativa nazionale e regionale. Legge 104: dati di attività Distretto di Castelnovo ne Monti Domande valutate Tempi medi di attesa in giorni tra richiesta e convocazione a visita

15 La sanità pubblica Attività certificatoria Presso il Servizio di Igiene Pubblica viene svolta inoltre l attività certificatoria con visite per il rilascio di certificati di idoneità al lavoro, idoneità alla guida (per rilascio e rinnovo di patente), al porto d armi, etc. Nel 2006 nel Distretto di Castelnovo Monti sono state rilasciate 3951 certificazioni (oltre 200 in più rispetto all anno precedente). Medicina dello sport Il Servizio di Medicina dello Sport, che ha valenza provinciale con sede centrale in Reggio Emilia ed ambulatori periferici in C.Monti, Correggio e Guastalla, è impegnato nella tutela sanitaria delle attività sportive agonistiche e non agonistiche ed inoltre nella promozione dell attività fisica nella popolazione generale. Il Servizio nel 2006 ha proseguito nell obiettivo di diffondere il Libretto Sanitario dello Sportivo, documento personale di certificazione della idoneità sportiva non agonistica, rilasciato gratuitamente a minori e disabili dai Medici di Base e Pediatri di libera scelta, con spesa a carico della AUSL. Il Centro di Medicina dello Sport di Castelnovo ne Monti, attivo presso il Centro CONI, si è fatto carico delle valutazioni di idoneità sportiva agonistica per minori e disabili, in forma gratuita, e per maggiorenni, a pagamento. Il Servizio realizza altresì esperienze di promozione di corretti stili di vita attraverso lo sviluppo di attività motoria e sportive in gruppi di popolazione. Nel 2006 il Servizio di Medicina dello Sport ha collaborato con i Cardiologi dell ASMN, operanti presso l Ospedale S. Anna, alla elaborazione di Programmi di Promozione dell attività fisica: Percorsi Cardio protetti nel Parco Nazionale dell Appennino tosco emiliano, progetto finanziato dal Parco Nazionale dell Appennino Tosco Emiliano. Percorsi di salute, progetto finanziato dalla Comunità Montana dell Appennino reggiano con fondi europei Shining Mountains. Il Servizio partecipa alla Consulta Provinciale dello Sport e mantiene rapporti con CONI, Enti di Promozione, Società Sportive ed Istituzioni Scolastiche. Dati di attività della Medicina delle Sport nel Distretto di Castelnovo ne Monti Certificazioni sportivi <18 anni Certificazioni sportivi >18 anni Certificazioni sportivi totale

16 La sanità pubblica SIAN - Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Il SIAN è un servizio aziendale con un unica direzione centrale e una sede d attività in ogni Distretto. Interviene nei seguenti ambiti di attività: controllo produzione e commercializzazione alimenti igiene della nutrizione igiene acque potabili controllo dell utilizzo di fitosanitari nella produzione agricola ispettorato micologico L attività di controllo è programmata privilegiando e i comparti a maggior rischio per la salute del consumatore, verificando nel contempo tutte le segnalazioni inviate da enti o da cittadini relative a prodotti alimentari non adatti al consumo o a condizioni igieniche non adeguate alla produzione e al commercio. In campo nutrizionale si è favorito il miglioramento dei comportamenti alimentari con iniziative d informazione e d educazione sanitaria e con la sorveglianza nutrizionale delle fasce di popolazione più sensibili (infanzia e anziani). Si è curata la formazione del personale addetto alla produzione degli alimenti in materia d igiene della produzione alimentare: nel corso dell anno addetti hanno conseguito l attestato di formazione Sommando le attività nei settori di competenza SIAN nel corso del 2006 si possono riassumere i seguenti dati: Attività Distretto di Castelnovo ne Monti n ispezioni n pareri emessi n campioni acqua e alimenti analizzati n pareri e consulenze in campo nutrizionale Nel corso del 2007 il controllo del comparto alimentare sarà effettuato secondo lo schema seguente: Comparto Produzioni industriali Produzioni artigianali Supermercati Grande ristorazione collettiva Piccola ristorazione % di controllo su esistenti 100% 50% 100% 100% 50%

17 La sanità pubblica Sanità Pubblica Veterinaria La realtà produttiva del Territorio di Castelnovo né Monti è composta da n. 51 stabilimenti di lavorazione carne e di lavorazione latte, la cui produttività in carni ed alimenti derivati per l anno 2006 è quantificabile in tonnellate, totalmente destinate al mercato interno nazionale. Compiti principali della Sanità Pubblica Veterinaria per la tutela della salute pubblica sono: Il controllo delle malattie infettive ed infestive trasmissibili a carattere zoonosico; Il controllo della qualità igienico-sanitaria degli alimenti di origine animale; La partecipazione, con altri Servizi sanitari alla tutela dell ambiente e al miglioramento della qualità della vita della popolazione; la tutela del patrimonio zootecnico mediante: Il controllo dello stato di salute nei confronti di quegli eventi (infettivi e non) che determinano danni socio-economici importanti. Obiettivo delle attività sanitarie è assicurare lo stato sanitario del bestiame allevato nonché il rispetto del suo benessere, la tutela dell'ambiente e la salubrità delle relative produzioni zootecniche e più in generale di tutti gli alimenti di origine animale. Consistenze al N Allevamenti bovini N Capi bovini N Allevamenti suini N Capi suini N allevamenti ovi-caprini N Capi ovi-caprini N Impianti di commercializzazione, sosta, ricovero e cura animali vivi ed altri allevamenti N Impianti di macellazione, sezionamento e deposito di carni N Impianti di lavorazione e trasformazione di carni N capi macellati (D.L.vo 286/94) N capi macellati (D.L.vo 495/97) N tonnellate carni sezionate N tonnellate carni depositate N Tonnellate carni lavorate N Impianti di lavorazione e trasformazione di latte e derivati N Tonnellate latte lavorato N Impianti di distribuzione e somministrazione alimenti origine animali N Impianti produzione alimenti per animali N controlli effettuati secondo DM 7/1/2000 Campioni per Bse/PNR/PNAA/Aflatossine/Ig.zootecnica N sterilizzazioni piccoli animali N. Microchippature A.T.V. Castelnovo M Dalla tabella riportata si evidenzia come il Servizio Veterinario si impegna, anche per l anno 2007, a mantenere costante il livello di controllo degli impianti e delle attività di competenza Accessi

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO

3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO 3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO 3.1. Il Servizio sanitario nazionale: principi ispiratori, universalità del Servizio, equità, cooperazione Principi ispiratori

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro

Salute e Sicurezza sul lavoro Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 1 2008 Salute e Sicurezza sul lavoro Indice Presentazione 5 Introduzione 6 Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli