REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE GENERALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE GENERALE"

Transcript

1 D.D.G.n.1306 Mis 227 REPUBBLICA ITALIANA prg. REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE GENERALE Concessione finanziamento bando rep /08/2012 GURS n.37 del 31/08/2012 prima sottofase (Allegato 1) - Misura 227 Sostegno agli investimenti non produttivi PSR Sicilia 2007/2013 fondo F.E.A.S.R COMUNE DI COLLESANO (PA) Domanda di aiuto nr VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTO il D. P. Reg. 28 febbraio 1979, n. 70 che approva il Testo Unico delle leggi sull'ordinamento del Governo e dell Amministrazione della Regione Siciliana; VISTA la legge reg.le N 10 del 15/05/2000 e s.m.i.; VISTA la legge regionale N. 1 del 09 gennaio 2013 per l esercizio provvisorio della Regione Siciliana per l anno finanziario 2013 pubblicato sulla G.U.R.S. del 11/01/2013; VISTO il decreto dell Assessore Regionale all Economia n dell 17 maggio 2013 con il quale, ai fini della gestione e rendicontazione, le unità previsionali di base sono ripartite in capitoli e, ove necessario, in articoli; VISTO il Regolamento (CE) n. 1290/2005 del Consiglio, del 21 giugno 2005, relativo al finanziamento della politica agricola comune; VISTO il Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, del 20 settembre 2005, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e s.m.i.; VISTO il Regolamento (CE) n. 1320/2006 della Commissione del 5 settembre 2006 recante disposizioni per la transizione al regime di sostegno allo sviluppo rurale istituito dal regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio; VISTO il Regolamento (CE) n.1944/2006 del Consiglio del 19 dicembre 2006 che modifica il Regolamento (CE) n.1698/2005 sul sostegno allo sviluppo rurale istituito dal Regolamento (CE) n.1698/2005 del Consiglio; VISTO il Regolamento (CE) n.1974/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 recante disposizioni di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTO Regolamento (CE) n.1975/2006 della Commissione del 7 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio per quanto riguarda l attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le misure di sostegno dello sviluppo rurale e s.m.i.; VISTO Regolamento (CE) n. 65/2011 della Commissione del 27 gennaio 2011 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio per quanto riguarda l'attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le misure di sostegno dello sviluppo rurale; VISTO il Regolamento (CE) n. 883/2006 della Commissione, del 21 giugno 2006 recante modalità di applicazione del Regolamento (CE) n.1290/2005 del Consiglio, inerente alla tenuta dei

2 conti degli organismi pagatori, le dichiarazioni delle spese e delle entrate e le condizioni di rimborso delle spese nell ambito del FEAGA e del FEASR; VISTO il Regolamento (CE) n. 885/2006 della Commissione, del 21 giugno 2006 recante modalità di applicazione del Regolamento (CE) n.1290/2005 del Consiglio, per quanto riguarda le condizioni per la delega delle funzioni da parte dell Organismo pagatore; VISTO il Regolamento (CE) n. 1848/2006 della Commissione, del 14 dicembre 2006 relativo alle irregolarità e al recupero delle somme indebitamente pagate nell ambito del finanziamento della PAC nonché all instaurazione di un sistema di informazione in questo settore e che abroga il Regolamento 595/91 del Consiglio; VISTO il Regolamento (CE) n. 363/2009 della Commissione, del 4 maggio 2009 che modifica il Regolamento (CE) n.1974/2006 della Commissione recante disposizioni di applicazione del regolamento (CE) n.1698/2005 del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR); VISTA la Decisione C (2008) 735 del 18 febbraio 2008 con la quale la Commissione Europea ha approvato il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Sicilia per il periodo 2007/2013; VISTA la Decisione C(2009) del 18 dicembre 2009 con la quale la Commissione Europea ha approvato la revisione del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Sicilia per il periodo di programmazione 2007/2013 e modifica la Decisione della CE C( del 18 febbraio 2008 recante approvazione del Programma di Sviluppo Rurale; VISTA la Decisione C(2012) 9760 del 19 dicembre 2012 con la quale la Commissione Europea ha approvato che approva la revisione del programma di sviluppo rurale della Regione Sicilia per il periodo di programmazione e modifica la decisione della Commissione C(2008) 735 del 18 febbraio 2008 recante approvazione del programma di sviluppo rurale; VISTA la Legge 16 gennaio 2003 n. 3 recante Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione ed in particolare l art. 11 della medesima relativo al "Codice unico di progetto"; VISTA la delibera CIPE n. 143 del 27 dicembre 2002 che disciplina le modalità e le procedure per l avvio a regime del sistema CUP in attuazione dell art. 11 della legge 16 gennaio 2003 n. 3 Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione ; VISTO il Decreto Presidenziale 5 dicembre 2009 n. 12 Regolamento di attuazione del Titolo II della legge regionale 16 dicembre 2008 n. 19, recante norme per la riorganizzazione dei Dipartimenti regionali. Organizzazione del governo e dell Amministrazione della regione ; VISTO il Decreto Presidenziale n del 31 dicembre 2009 con il quale è stato conferito alla Dott.ssa Rosaria Barresi l incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura; PRESO ATTO che, in ottemperanza al trasferimento delle competenze dal Dipartimento Foreste al Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali, così come previsto e regolamentato dal precitato D.P.Reg., in data 9/06/2010 è avvenuta la consegna della documentazione relativa alle misure e 227 del PSR 2007/2013; VISTO l Ordine di Servizio del Dirigente Generale del Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali n. 2 del 17/06/2010; ViSTA la nota prot del 05/08/2010 del Dirigente Generale del Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali con la quale si conferisce l incarico dirigenziale al Servizio 6 Gestione Fondi Comunitari alla dott. Marinella Pedalà. VISTO il D.D.G.534 del 19/08/2010 di preposizione agli incarichi dirigenziali del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali. VISTO il D.D.G.659 del 14/10/2010 che decreta l aggiornamento della struttura del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali.

3 PRESO ATTO che, in ottemperanza al trasferimento delle competenze dal Dipartimento Foreste al Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali, così come previsto e regolamentato dal precitato D.P.Reg., in data 9/06/2010 è avvenuta la consegna della documentazione relativa alle misure e 227 del PSR 2007/2013; CONSIDERATO che è attribuita al Dirigente Generale del Dipartimento Regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura la qualifica di Autorità di Gestione del Programma medesimo; CONSIDERATO che, in particolare in base al Reg. CE n. 1290/2005, nella gestione degli interventi della politica agricola comune del FEAGA e del FEASR è previsto un organismo pagatore; VISTI i decreti legislativi 27/05/1999. n. 165 e 15 giugno 2000, n. 188 che attribuiscono all Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (AGEA), con sede in Roma, la qualifica di Organismo Pagatore delle disposizioni comunitarie a carico del FEAGA e del FEASR; VISTO l art. 60 della legge regionale 14 aprile 2006, n. 14 che istituisce l Agenzia della Regione Siciliana per le erogazioni in agricoltura ARSEA; CONSIDERATO che, nelle more della costituzione e riconoscimento dell ARSEA quale Organismo Pagatore, in conformità alle norme citate, le relative funzioni sono svolte dall AGEA; TENUTO CONTO che l AGEA, nel rispetto dei regolamenti comunitari, assicura attraverso il portale SIAN la gestione delle misure del PSR e la raccolta delle informazioni relative agli aiuti erogati ai singoli beneficiari con il FEASR ; VISTO il DM 22 dicembre 2009 n recante Disposizioni del regime di condizionalità ai sensi del Reg. (CE) n. 73/2009 e delle riduzioni ed esclusioni per inadempienze dei beneficiari dei pagamenti diretti e dei Programmi di Sviluppo Rurale, che abroga il DM 20 marzo 2008 n. 1205; VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Interventi Strutturali n del 17/10/2008 registrato alla Corte dei Conti il 9/12/2008 Reg. 1 fg. 379 con il quale viene approvato il protocollo stipulato in Roma, in data 11 settembre 2008 tra l Assessorato Agricoltura e Foreste e AGEA (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura) avente ad oggetto la definizione delle modalità di collaborazione nell ambito degli interventi pubblici di competenza dei soggetti sottoscriventi finalizzato al pieno utilizzo delle opportunità di semplificazione e accelerazione delle procedure di efficacia dei controlli offerti dal SIAN, al fine di dare compiuta attuazione agli indirizzi in materia di politica agricola regionale dalla stessa stabiliti; VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura n. 116 del 16/02/2010, registrato alla Corte dei Conti l 8 aprile 2010 Reg. 1 fg. 23, con il quale viene approvato il Protocollo d intesa stipulato in Roma, in data 9 febbraio 2010 tra l Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari e AGEA (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura) avente ad oggetto la delega, da parte di AGEA alla Regione Siciliana, per l esecuzione di alcune fasi delle proprie funzioni di autorizzazione dei pagamenti e controllo nell ambito del PSR della Sicilia per il periodo 2007/2013; VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Interventi Strutturali n. 880 del 27/05/2009, registrato alla Corte dei Conti il 11/06/2009 Reg. 1 fg. 268 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 28 del 19/06/2009 S.O. n. 24, con il quale sono state approvate le Disposizioni attuative e procedurali generali misure a investimento parte generale contenenti lo schema procedurale di riferimento per la presentazione, il trattamento e la gestione delle domande relative all attuazione alle misure previste dal Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Sicilia per il periodo 2007/2013; VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura n. 403 dell'11 maggio 2010, registrato alla Corte dei Conti il 28/06/2010 Reg. 1 fg. 56, con il quale sono approvate modifiche alle Disposizioni attuative e procedurali generali misure a investimento parte generale ; VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Regionale degli Interventi Strutturali per

4 l Agricoltura n. 652 del 30 giugno 2010, registrato alla Corte dei Conti il 04/08/2010 Reg. 1 fg. 92, con il quale sono approvate integrazioni alle Disposizioni attuative e procedurali generali misure a investimento parte generale ; VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Interventi Strutturali n del 16 dicembre 2008, registrato alla Corte dei conti il 22 gennaio 2009 al Reg. n. 1 fg. n. 48 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 13 del 27/03/2009, con il quale è stato approvato il Manuale delle procedure per la determinazione delle riduzioni, delle esclusioni e delle sanzioni per le iniziative previste dal Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Sicilia per il periodo 2007/2013; VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Interventi Strutturali n. 977 del 05/06/2009 registrato alla Corte dei Conti il 25/06/2009 al Reg. 1 foglio 357 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 54 del 27/11/2009, con il quale sono state approvate integrazioni e modifiche al Manuale delle procedure per la determinazione delle riduzioni, delle esclusioni e delle sanzioni per le iniziative previste dal Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Sicilia per il periodo 2007/2013; VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali dell Assessorato regionale delle Risorse agricole ed alimentari n. 343 del 18/06/2010 inerente le modifiche delle Disposizioni attuative relative anche alla Misura 227 del PSR Sicilia 2008/2013 in relazione al trasferimento delle funzioni e dei compiti al Dipartimento su citato; VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali dell Assessorato regionale delle Risorse agricole ed alimentari n. 986 del 20/12/2010, registrato alla Corte dei Conti reg. n. 2 fgl. 33 del 01/02/2011 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 10 del 04/03/2011, con il quale sono state approvate le Disposizioni attuative parte specifiche Misura 227 del PSR Sicilia 2007/2013 per il finanziamento delle iniziative presentate nell ambito della Misura in questione; VISTA la decisione C (2010) 7762 del 12/11/2010 di approvazione del regime di aiuto n N 143/2010. VISTA La Decisione della Commissione Europea C (2010) 7762 del 12/11/2010 la Commissione considera che il regime di Aiuti di Stato/Italia (Sicilia) Aiuti di Stato n.143/2010 Sostegno agli investimenti non produttivi (De Minimis) di cui alla Misura 227, può beneficiare della deroga di cui all art.107, paragrafo 3, lettera c), del Trattato sul funzionamento dell Unione Europea. PRESO ATTO che la Misura 227 Sostegno agli investimenti non produttivi prevista dal Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Sicilia per il periodo 2007/2013, rientra nel raggruppamento omogeneo di cui al Titolo II del regolamento n. 1975/2006, definito Misure a investimento ; VISTO il Decreto n.80 del 31/01/2011 del Dirigente Generale del Dipartimento Interventi Strutturali per l Agricoltura pubblicato sulla GURS n.20 del 06/05/2011 con il quale sono state approvate Le griglie di elaborazione relative alla Misura 227 del PSR Sicilia 2007/2013; VISTO il bando Pubblico Rep del 13/08/2012 GURS n.37 del 31/08/2012 prima sottofase (Allegato 1) e le Disposizioni attuative inerenti la Misura 227 Sostegno agli investimenti non produttivi del PSR Sicilia 2007/2013; VISTO il decreto del Dirigente dell Area1 del Dipartimento Interventi Strutturali per l'agricoltura n. 241 del 29/01/2013 con il quale è stata impegnata la somma di Euro ,27 sul capitolo del bilancio della Regione Siciliana per la realizzazione del PSR Sicilia ; VISTO il D.P. Reg. n.3299 del 10/06/2013 con il quale è stato conferito l incarico di Dirigente generale del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali dell Assessorato alle Risorse Agricole ed Alimentari, al dott. Pietro Lo Monaco;

5 VISTO il D.D.G.n. 901 del 19/09/2013 registrato alla Corte dei Conti con reg.9 foglio n.188 del 12/11/2013, del Dirigente Generale del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali con il quale è stata approvata la graduatoria definitiva dei progetti presentati per la Misura 227 relativa alla prima sottofase del bando pubblico rep del 13/08/2013 Sostegno agli investimenti non produttivi del PSR Sicilia 2007/2013 in conformità alle Disposizioni attuative e procedurali misure a investimento ed ai criteri di selezione definiti dall Amministrazione, ai sensi dell art. 78 del Regolamento CE n. 1698/2005; VISTO il D.D.G.n. 978 del 09/10/2013 registrato alla Corte dei Conti con reg.9 foglio n.190 del 12/11/2013,, del Dirigente Generale del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali con il quale è stata integrata la graduatoria definitiva di cui al D.D.G. n.901 del 19/09/2013 in premessa, inerente i progetti presentati per la Misura 227 relativa alla prima sottofase del bando pubblico rep del 13/08/2013 Sostegno agli investimenti non produttivi del PSR Sicilia 2007/2013 in conformità alle Disposizioni attuative e procedurali misure a investimento ed ai criteri di selezione definiti dall Amministrazione, ai sensi dell art. 78 del Regolamento CE n. 1698/2005; VISTA la domanda d aiuto nr , pervenuta all Azienda Regionale Foreste Demaniali di Palermo, del COMUNE DI COLLESANO C.F PI con sede legale in Corso Vittorio Emanuele (PA) rappresentato legalmente dal Sindaco Meli Giovanni Battista nato il 31/10/1963 a Palermo C.F.MLEGNN63R31G273B, intesa ad ottenere la concessione di un contributo nella misura del 100% della spesa ammissibile, ai sensi della Misura 227, per la realizzazione di Sostegno agli investimenti non produttivi presso il Comune di Collesano (PA); VISTO il progetto a firma del Ing. Liborio Panzeca e del RUP Dott. Fabio Fiandaca per un importo complessivo di ,34 come da computo metrico progettuale compreso di spese generali e di IVA; VISTO il Computo metrico approvato e rimodulato dal Funzionario direttivo Tec. Sup. F.le Geom. Sergio Scozzari dell Ufficio Provinciale di Palermo del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali ammesso per ,34; VISTA la scheda di istruttoria datata 09/04/2013 AGEA.ASR a firma del Funzionario direttivo Tec. Sup. F.le Geom. Sergio Scozzari dell Ufficio Provinciale di Palermo del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali, con la quale si esprime il parere positivo; VISTA la scheda di ricevibilità datata 09/04/2013 AGEA.ASR a firma del Funzionario direttivo Tec. Sup. F.le Geom. Sergio Scozzari dell Ufficio Provinciale di Palermo del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali, con la quale si esprime la ricevibilità del progetto; VISTA la scheda di ammissione al finanziamento datata 10/04/2013 AGEA.ASR a firma del Funzionario direttivo Tec. Sup. F.le Geom. Sergio Scozzari dell Ufficio Provinciale di Palermo del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali, con la quale si ammette a finanziamento il COMUNE DI COLLESANO; VISTA la scheda di fine istruttoria datata 10/04/2013 AGEA.ASR a firma del Funzionario direttivo Tec. Sup. F.le Geom. Sergio Scozzari dell Ufficio Provinciale di Palermo del Dipartimento regionale Azienda Foreste Demaniali, con la quale si esprime esito positivo per l ammissione a finanziamento del COMUNE DI COLLESANO alla concessione di ,34; CONSIDERATO che l anzidetto progetto è corredato di ogni parere, nulla-osta, autorizzazione e concessione necessarie a consentire l immediato avvio dei lavori (o l attivazione delle procedure di affidamento dei lavori) e, a seguito delle risultanze istruttorie, è meritevole di approvazione sotto il profilo tecnico ed economico per un importo di spesa di ,34 ivi comprese le spese generali; RITENUTO che per le sopraesposte considerazioni l iniziativa predetta è meritevole di essere assistita ai sensi della Misura 227 I sottofase del PSR Sicilia 2007/2013 del bando

6 rep.12322/2013 con un contributo di ,34, pari al 100% della spesa ritenuta ammissibile di ,34comprensivo della quota FEASR nella misura del 72,34%, nonché della quota statale nella misura del 27,66%; CONSIDERATO che, ai sensi dell art. 71 del Reg. (CE) 1698/2005, l IVA sostenuta dai soggetti non passivi di cui all art. 13 della direttiva del Consiglio 2006/112/CE non è ammissibile al contributo del FEASR; CONSIDERATO che il PSR Sicilia 2007/2013 comprende misure i cui beneficiari finali sono la Regione Siciliana ed altri Enti pubblici che non possono recuperare, e non possono rendicontare alla Commissione Europea, il costo dell IVA sostenuto per la realizzazione degli interventi; CONSIDERATO che, al fine di garantire il pagamento dell IVA ai soggetti pubblici beneficiari del PSR Sicilia 2007/2013, è stato istituito il capitolo di spesa Fondo speciale per il rimborso dell'iva non recuperabile e non rendicontabile alla Commissione Europea; CONSIDERATO che l importo dell IVA per il progetto presentato dal Comune di Caronia corrisponde ad ,08 gravante sul capitolo di spesa della Regione Siciliana denominato Fondo speciale per il rimborso dell'iva non recuperabile e non rendicontabile alla Commissione Europea; CONSIDERATO che l importo dell IVA non è rendicontabile alla Commissione Europea ma recuperabile ai sensi delle disposizioni attuative di cui al D.D.G. n.765 citato sarà calcolata a parte e rimborsata con le procedure previste all art.3 delle Disposizioni attuative con apposita istruttoria e domanda di pagamento da parte dell Ufficio istruttore territoriale; CONSIDERATO che il contributo concesso dall UPA provinciale risulta pari ad ,34, di cui la parte rendicontabile sul PSR Sicilia 2007/2013 e concessa sulla Misura 227 del PSR Sicilia 2007/2013 corrisponde ad ,26 a fronte del capitolo del bilancio della Regione Siciliana per la realizzazione del PSR Sicilia ; VISTE le modalità di erogazione del contributo per la concessione di pagamento a titolo di anticipo, acconti in corso d opera o saldo finale previste dalle Disposizioni attuative specifiche della Misura 227 salvo successive modifiche ed integrazioni; VISTE le prescrizioni e gli obblighi derivanti dal procedimento istruttorio, in ordine alla tempistica di realizzazione e rendicontazione; VISTE le prescrizioni inerenti la realizzazione dell intervento, rilasciate dagli Enti Gestori competenti; VISTI gli obblighi in materia di adempimenti contabili del destinatario finale, comprese le limitazioni relative alla gestione dei flussi finanziari ed ai pagamenti in contanti; obblighi in materia di pimenti connessi al monitoraggio fisico e finanziario degli interventi; i riferimenti in ordine al sistema dei controlli, delle riduzioni e delle sanzioni per violazioni; i riferimenti per la presentazione delle domande di pagamento (anticipo, SAL e saldo) conformemente a quanto previsto dall Organismo Pagatore e dalle disposizioni vigenti; i riferimenti per la presentazione della domanda di proroga o di variante (presentazione, documentazione, procedimento istruttorio e concessione o diniego); i ai controlli che l Amministrazione si riserva di svolgere durante le attività; obbligo per il beneficiario di apertura di un conto corrente dedicato. FATTI SALVI i vincoli e gli obblighi derivanti da ogni altra disposizione di legge e senza pregiudizio di eventuali diritti di terzi; A TERMINE delle vigenti disposizioni di legge.

7 D E C R ET A Art.1 (Approvazione progetto) E approvato, ai fini dell intervento finanziario previsto dalla Misura 227 I sottofase del PSR Sicilia 2007/2013, del bando pubblico rep del 13/08/2012, il progetto esecutivo di cui alla domanda d aiuto rilasciata informaticamente sul portale SIAN con il n concernente le opere e gli acquisti ritenuti ammissibili conformemente a quanto indicato nelle premesse, per la spesa complessiva di ,34, ivi comprese le spese generali ed IVA, così suddivise per tipologia d intervento: Costo complessivo progetto ,37 spese generali ,89 IVA non rendicontabile alla CE ,08 Totale complessivo ,34 Importo istruito al netto dell'iva rendicontabile sul PSR ,26 Intensità di aiuto 100% rendicontabile sul PSR Sicilia ,26 Al progetto approvato è stato attribuito il seguente CUP G45C Art.2 (Concessione aiuto) Il Comune di COMUNE DI COLLESANO C.F PI con sede legale in Corso Vittorio Emanuele (PA) rappresentato legalmente dal Sindaco Meli Giovanni Battista nato il 31/10/1963 a Palermo C.F.MLEGNN63R31G273B, intesa ad ottenere la concessione di un contributo nella misura del 100% della spesa ammissibile, ai sensi della Misura 227, per la realizzazione di Sostegno agli investimenti non produttivi ha presentato richiesta di concessione di un contributo nella misura del 100% della spesa ammissibile, ai sensi della Misura 227, per la realizzazione di Sostegno agli investimenti non produttivi presso il Comune di Collesano (PA) con domanda di aiuto n è ammesso ad usufruire di un contributo di ,34 corrispondente al 100% della spesa ritenuta ammissibile, così suddiviso per tipologia d intervento: Costo complessivo progetto ,37 spese generali ,89 IVA non rendicontabile alla CE ,08 Totale complessivo ,34 Importo istruito al netto dell'iva rendicontabile sul PSR ,26 Intensità di aiuto 100% rendicontabile sul PSR Sicilia ,26 Il contributo rendicontabile sul FEASR di cui sopra al netto dell IVA pari ad ,26, è

8 comprensivo della quota FEASR nella misura di ,49 nonché della quota statale nella misura di ,77 graverà sul capitolo di spesa del bilancio della regione siciliana dell Assessorato delle Risorse Agricole ed Alimentari Dipartimento regionale degli interventi strutturali per l agricoltura. La quota dell IVA di ,08 graverà sull apposito fondo regionale IVA capitolo di spesa n Art.3 (Tipologia d aiuto) L aiuto di cui all art.2 potrà essere erogato sotto forma di contributo in conto capitale e/o in conto interessi, o in forma combinata con le modalità indicate nelle Disposizioni attuative e procedurali Misure a investimento Parte Generale - PSR Sicilia 2007/2013 capitolo 5 Fondo di garanzia e procedura conto interessi, salvo successive modifiche e integrazioni. Art.4 (Termine esecuzione attività e proroghe) Il termine ultimo di esecuzione è di 12 mesi dalla data di notifica del presente decreto da parte del Dipartimento Azienda Foreste Demaniali. In ogni caso secondo l Allegato A delle Disposizioni Attuative parte generale delle Misure ad investimento all art. 5.3 indicano che il tempo massimo concesso per l esecuzione degli interventi finanziati è fissato al massimo in 12 mesi per gli investimenti relativi a macchine e attrezzature e in 24 mesi per investimenti relativi a strutture, impianti e tipologie analoghe, fatte salve specifiche indicazioni previste nelle disposizioni attuative delle Misure o eventuali disposizioni impartite dell'autorità di Gestione. Il suddetto tempo massimo decorre dalla data di adozione e notifica del provvedimento di concessione del contributo adottato dalla competente struttura regionale. Non potranno essere concesse proroghe se non quelle consentite dai casi di forza maggiore previsti all art. 47 del Regolamento CE n. 1974/2006 del 15 dicembre In ogni caso può essere concessa una sola proroga e per un periodo non superiore a 6 (sei) mesi. Nel caso in cui tale termine non venga rispettato l Amministrazione potrà procedere alla revoca del contributo. Art. 5 (Domande di pagamento) Le domande di pagamento per la richiesta dell anticipazione, dell acconto per stati d avanzamento in corso d opera e del saldo finale dovranno essere presentate e rilasciate informaticamente attraverso il portale SIAN ( tramite il Centro di Assistenza Agricola (CAA) che detiene il fascicolo aziendale, oppure tramite un professionista cui la Ditta abbia dato delega alla presentazione della domanda di pagamento. Le domande di pagamento informatiche, così come restituite dal sistema, devono essere presentate in forma cartacea, complete degli allegati, in duplice copia di cui una in originale, secondo le modalità previste dalle Disposizioni attuative e procedurali generali misure a investimento parte generale e dalle Disposizioni attuative parte specifica Misura 227 del PSR Sicilia 2007/2013. Art. 6 (Anticipazione aiuto) E data facoltà alla Ditta di richiedere un anticipazione sul contributo di cui all art. 2, non superiore al 50% dello stesso, ai sensi del Reg. (UE) n. 679/2011 della Commissione del 14 luglio 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 1974/2006 recante disposizioni di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR). L erogazione dell anticipazione è subordinata alla presentazione di una fideiussione bancaria o di una polizza assicurativa o di una garanzia equivalente di importo pari al 110% dell anticipo

9 concesso. Le garanzie fidejussorie dovranno essere stipulate con istituti bancari o con imprese di assicurazione autorizzati dall AGEA (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura). Le modalità per l erogazione dell anticipazione prevista sono indicate al punto 17.1 delle Disposizioni attuative specifiche della Misura 227 del PSR Sicilia 2007/2013 salvo eventuali successive modifiche ed integrazioni. A tal fine la Ditta dovrà presentare apposita domanda di pagamento secondo le procedure previste dalla circolare n. 18 del 19 marzo 2009 emanata dall AGEA, reperibile all indirizzo internet: In applicazione del paragrafo 3 dell articolo 56 del Reg. (CE) n. 1974/2006 l Organismo Pagatore (AGEA), sulla base delle autorizzazioni predisposte dalla Regione, può procedere allo svincolo della garanzia fidejussoria qualora sia accertato che l importo delle spese effettivamente sostenute, corrispondenti all aiuto pubblico concesso per l investimento, superi l importo dell anticipo erogato. Art. 7 (Stato d avanzamento lavori) L erogazione del contributo potrà essere effettuata in acconto, per stati d avanzamento in corso d opera, e successivo saldo finale, oppure direttamente a saldo finale a conclusione delle spese previste dal progetto approvato. Per le operazioni la cui spesa ammessa è inferiore o uguale a euro, il beneficiario può richiedere l erogazione di un unico acconto. La domanda di pagamento in forma cartacea dovrà essere corredata dalla documentazione prevista delle Disposizioni attuative e procedurali generali misure a investimento parte generale e s.m.i., nonché delle Disposizioni attuative specifiche della Misura 227 del PSR Sicilia 2007/2013 salvo eventuali successive modifiche ed integrazioni Sulla base di quanto indicato all Allegato A delle Disposizioni Attuative parte generale delle Misure ad investimento all art. 3.3, per le operazioni la cui spesa ammessa è superiore a euro, il beneficiario può richiedere l erogazione di più acconti, il cui importo, tenuto conto dell eventuale anticipazione erogata, può arrivare complessivamente sino al 90% del contributo concesso. L erogazione di stati di avanzamento avverrà in funzione della completezza delle azioni rendicontate stabilite dal bando. Art. 8 (Saldo) Il pagamento del saldo finale può essere effettuato in funzione della spesa sostenuta per la realizzazione delle attività comprovata da fatture, da documenti probatori e documenti aventi forza probatoria equivalente. Alla domanda di pagamento dovrà essere allegata la documentazione prevista al punto 3.4 delle Disposizioni attuative e procedurali generali misure a investimento parte generale e s.m.i., delle Disposizioni attuative specifiche della Misura 227 del PSR Sicilia 2007/2013, nonché dalla seguente documentazione: relazione tecnica finale redatta dal direttore dei lavori; certificato di regolare esecuzione, computo metrico consuntivo delle spese sostenute; documentazione comprovante la spesa: copia delle fatture o altri documenti contabili provvisti delle relative dichiarazioni liberatorie rese dai fornitori/creditori e documentazione comprovante il pagamento delle stesse (mandati, bonifici o assegni ecc.); in caso di pagamenti in natura, impiego di mezzi e attrezzatura aziendale e di personale interno va prodotta la relativa documentazione dimostrativa. certificazione di provenienza o identità clonale e passaporto del materiale vivaistico impiegato, rilasciati esclusivamente da vivai autorizzati secondo la vigente normativa (D.L. 386/2003 e DDG 14/2007); richiesta di variazione della qualità colturale presso la competente Agenzia del Territorio (solo per gli interventi riconducibili alla linea a); planimetria catastale dell impianto realizzato con l esatta indicazione delle specie impiantate e delle eventuali opere connesse realizzate;

10 DURC La domanda di pagamento del saldo finale deve essere presentata e rilasciata da parte della Ditta sul portale SIAN entro e non oltre i 60 giorni successivi ai termini indicati all art. 4 per la realizzazione delle attività (salvo specifiche diverse disposizioni previste nelle disposizioni attuative delle singole misure). La domanda di pagamento su supporto cartaceo, corredata della suddetta documentazione tecnica, dovrà essere inoltrata essere inoltrata al Dipartimento Azienda dal Dirigente Responsabile dell Ufficio Provinciale entro 15 giorni dalla data di rilascio informatico. Il mancato rispetto dei termini stabiliti, qualora non adeguatamente motivato, comporta l avvio delle procedure di verifica e l eventuale revoca totale o parziale del contributo. In caso di parziale realizzazione dell'iniziativa progettuale approvata dovrà essere garantita la funzionalità dei lavori e delle opere realizzate nonché degli acquisti e delle forniture effettuate. Qualora sia riscontrato che i lavori eseguiti non siano un lotto funzionale sono avviate le procedure per la pronuncia della decadenza totale e la revoca della concessione del contributo, nonché per l eventuale restituzione delle somme eventualmente già erogate a titolo di anticipo o acconto. Il pagamento del saldo finale è subordinato al positivo accertamento, da parte di un funzionario dell Amministrazione per i privati, della corretta esecuzione dei lavori; in fase di collaudo, oltre agli accertamenti di rito, dovrà essere verificata, con idonea strumentazione, l esatta superficie oggetto d impianto (comprensiva delle aree tecniche) al netto delle eventuali tare. La superficie così determinata costituirà la base per il pagamento delle spese di manutenzione e di mancato reddito. Il certificato di collaudo o l accertamento finale verrà approvato con provvedimento del responsabile di Misura e trasmess all AGEA per la successiva liquidazione In fase di saldo finale dovrà essere rendicontata tutta la spesa non compresa nelle domande di acconto (SAL); la fideiussione bancaria (o la polizza assicurativa o garanzia equivalente) verrà svincolata solo in fase di saldo a conclusione dell'operazione considerata. Il controllo amministrativo per l autorizzazione al pagamento dello stato di avanzamento va effettuato sul 100% delle richieste pervenute e prevede la verifica della documentazione presentata e la congruità delle spese dichiarate rispetto allo stato di avanzamento delle attività. L Amministrazione erogherà stati di avanzamento in funzione della completezza delle azioni rendicontate stabilite dal bando. La Regione si riserva tuttavia di effettuare visite sul luogo ove vengono realizzati gli interventi per la verifica dello stato effettivo di realizzazione delle attività. Prima di liquidare la domanda di pagamento saranno effettuati controlli, in conformità a quanto previsto dagli articoli 27 e 28 del Reg. (CE) n. 1975/2006 (sostituiti dagli artt. 25 e 26 del Reg. UE 65/2011), dei controlli in loco, su un campione che rappresenti almeno il 4% della spesa pubblica dichiarata alla Commissione ogni anno e almeno il 5% della spesa pubblica dichiarata alla Commissione per l intero periodo di programmazione. Se nel corso dei controlli il funzionario incaricato rilevi difformità, infrazioni o anomalie, tali da comportare riduzioni o esclusioni dei benefici, saranno applicate le disposizioni indicate al punto 2.3 ed al punto 3 del Manuale delle procedure per la determinazione delle riduzioni, delle esclusioni e delle sanzioni, allegato A al D.D.G. n del16/12/2008 e s.m.i.. A conclusione dell iter amministrativo e di controllo di ciascuna domanda di pagamento, il competente Servizio del Dipartimento, su proposta del Dirigente del Servizio preposto, provvede all inoltro dell elenco di liquidazione all Organismo Pagatore per l erogazione degli aiuti. Art. 9 (Obblighi e prescrizioni generali) La Ditta è tenuta ad osservare i seguenti obblighi: tenuta di un apposito conto corrente bancario riservato ai movimenti finanziari, effettuati dalla data di notifica del presente decreto, relativi alla realizzazione dell iniziativa per la quale è stato concesso il contributo; non alienare e non mutare la destinazione di un bene o porzione di bene nei cinque anni successivi alla data di adozione del presente decreto. Il mancato rispetto dei vincoli di cui sopra comporta l avvio del procedimento per la pronunzia della decadenza totale dai

11 contributi e la revoca degli stessi, nonché il recupero delle somme già erogate, oltre ad eventuali danni; affiggere una targa informativa contenente una descrizione del progetto e la bandiera europea conforme alle specifiche grafiche di cui al punto 4 dell Allegato VI del Reg. (CE) n. 1974/2006, corredata dalla dicitura: «Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali» (per operazioni superiori a euro ); effettuare il pagamento delle spese inerenti il progetto approvato esclusivamente con le modalità previste dalle Disposizioni attuative e procedurali generali misure a investimento del PSR Sicilia 2007/2013; fornire all Amministrazione regionale tutti i dati e le informazioni necessarie a consentire l implementazione del sistema di monitoraggio regionale e la predisposizione di relazioni periodiche alla Commissione, ad eccezione di quelli rilevabili dalle domande d aiuto e di pagamento. Art. 10 (Obblighi e prescrizioni specifiche) Il beneficiario oltre a quanto previsto al precedente art. 9 e secondo quanto indicato nelle Le griglie di elaborazione relative alla Misura 227 (Decreto n.353/2010) è tenuto ad osservare i seguenti obblighi e prescrizioni: Presentazione nei termini stabiliti nella domanda annuale di pagamento dei premi annuali di manutenzione e perdita di reddito. Presentazione, nel quinquennio relativo alle manutenzioni, della documentazione a corredo dell istanza. Presentazione, nel quindicennio relativo all ottenimento del premio concernente il mancato reddito, della documentazione a corredo dell istanza. Non destinare ad altro uso, per tutta la durata dell impegno, la superficie impiantata ed accertata in sede di verifica finale e rispettare le prescrizioni di massima e polizia forestale vigenti. Non esercitare il pascolo sulla superficie rimboschita senza specifica autorizzazione degli organi competenti, fatti salvi i casi di pascolo abusivo di terzi se adeguatamente documentato ( segnalazione e/o denuncia antecedente alla comunicazione di effettuazione del controllo in loco. Comunicare eventuali variazioni nella conduzione del terreno alle autorità competenti. Eseguire nelle annualità successive all esecuzione dell impianto tutte le operazioni e cure colturali per assicurare la piena affermazione ed il regolare sviluppo del nuovo soprassuolo, secondo le indicazioni riportate nel piano di coltura e conservazione sottoscritto al momento della presentazione della domanda di aiuto. Non eseguire il taglio anticipato delle piante e l estirpazione delle ceppaie nonché le irrazionali potature. Non effettuare innesti e interventi di potatura finalizzati a produzione da frutto di essenze impiantate. Non effettuare tagli di ceduazione prima della maturazione economica dell impianto. Comunicazione di cause di forza maggiore. Veridicità delle dichiarazioni rese deliberatamente. Rispetto delle norme sulla pubblicità. Art.11 (Ammissibilità delle spese) Sono ammissibili esclusivamente le spese sostenute nel rispetto delle condizioni previste dal punto 5.2 delle Disposizioni attuative e procedurali generali misure a investimento parte generale, circa la decorrenza per l ammissibilità delle spese delle Disposizioni attuative specifiche della Misura 227 del PSR Sicilia 2007/2013 e dalle Disposizioni Attuative parte generale delle Misure ad investimento e s.m.i.

12 Art. 12 (Varianti) Le eventuali variazioni al progetto approvato dovranno essere autorizzate dall Amministrazione regionale, previa presentazione di apposita istanza corredata della necessaria documentazione, pena la revoca del finanziamento, così come previsto al punto 5.7 delle Disposizioni attuative e procedurali generali misure a investimento parte generale del PSR Sicilia 2007/2013 e.s.m.i.. La variante non può comportare l aumento dell importo ammesso a finanziamento, pertanto eventuali maggiori oneri rispetto alla spesa ammessa rimangono a carico della ditta. Art. 13 (Controlli) Le domande di pagamento sono sottoposte ai controlli di cui agli art. 26, 27 e 30 del Reg. (CE) 1975/2006; in particolare verranno effettuati controlli amministrativi, in loco ed ex post. I controlli amministrativi riguarderanno: 1. la veridicità della spesa oggetto di domanda; 2. la conformità degli investimenti realizzati con quelli previsti dall iniziativa approvata; 3. la rispondenza dei documenti giustificativi delle spese con le attività realizzate o con le forniture di beni e servizi dichiarate. Per le domande di pagamento di anticipo verrà verificata la validità e la veridicità della polizza fideiussoria. Per le domande di pagamento di stato d avanzamento verrà effettuata la verifica della documentazione fiscale presentata e la congruità delle spese dichiarate rispetto allo stato di avanzamento delle attività; l Amministrazione regionale si riserva di effettuare visite sul luogo ove vengono realizzati gli interventi, per la verifica dello stato effettivo di realizzazione delle attività. Per le domande di pagamento di saldo finale i controlli riguarderanno: 4. la verifica della documentazione fiscale presentata e della congruità delle spese effettivamente sostenute rispetto alle quali è possibile erogare il saldo del contributo; 5. l effettuazione di una visita in situ per la verifica dell effettiva realizzazione delle attività o dei lavori per i quali si richiede il saldo; 6. l acquisizione della documentazione tecnica necessaria. I controlli in loco verranno effettuati, in conformità a quanto previsto dall art. 28 del Reg. (CE) n. 1975/2006, su un campione di domande selezionato dall Organismo Pagatore (AGEA). I controlli ex post, che verranno eseguiti dopo il pagamento finale su un campione selezionato dall Organismo Pagatore (AGEA), sono volti a verificare il mantenimento degli impegni di cui al precedente articolo 9, secondo trattino.. L'Amministrazione regionale si riserva di effettuare inoltre controlli di veridicità sulle dichiarazioni rese dal beneficiario, ai sensi del D.P.R. n. 445/2000. Art. 14 (Riduzioni, esclusioni) Se nel corso dei controlli verranno rilevate difformità, infrazioni o anomalie, tali da comportare il mancato rispetto degli impegni, si applicheranno le riduzioni e/o esclusioni previste dagli artt. 19 e 20 del DM 22 dicembre 2009 n , nei modi previsti ai punti 2.3, e 3 del Manuale delle procedure per la determinazione delle riduzioni, delle esclusioni e delle sanzioni, allegato A al D.D.G. n del 16/12/2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 13 del 27/03/2009 e le griglie delle sanzioni specifiche della Misura 227, approvate con D.D.G. n. 353 del 22/04/2010, consultabili sul sito Inoltre, ai sensi dell articolo 31, paragrafo 2 del reg. CE 1975/2006, qualora si accerti che il beneficiario ha reso deliberatamente una falsa dichiarazione, l'iniziativa è esclusa dall'aiuto e si procederà al recupero degli importi già versati per tale operazione. In questa fattispecie il beneficiario è escluso altresì dalla concessione del contributo per la stessa misura per il corrispondente esercizio FEASR e per l'esercizio FEASR successivo. In caso di dichiarazioni mendaci si applicheranno gli articoli 75 e 76 del D.P.R n. 445 In applicazione di quanto stabilito dall articolo 31 del regolamento CE n. 1975/2006 e dall'art. 30 del Reg. UE 65/2011, se al momento della domanda di pagamento a saldo di un operazione

13 l importo richiesto dal beneficiario è superiore del 3% dell importo del contributo accertato a seguito del controllo amministrativo e/o in loco, si applica una riduzione pari alla differenza tra i due importi, la cui entità viene decurtata dall importo del contributo accertato. Tuttavia tale riduzione non si applica qualora il beneficiario sia in grado di dimostrare che non è responsabile dell inclusione dell importo del titolo di spesa non ammissibile. La riduzione descritta si applica anche qualora le spese non ammissibili siano individuate nel corso dei controlli in loco ed ex post (articoli 28 e 30 del Regolamento CE n. 1975/ articoli 25 e 29 del Regolamento (UE) 65/2011). Art. 15 (Trasferimento impegni e cambio beneficiario) Nel periodo compreso tra la data di adozione del provvedimento di concessione del contributo e la fine del periodo vincolativo di cui agli impegni ex-post inerente il rispetto degli obblighi previsti in ordine alla non alienabilità ed ai vincoli di destinazione di cui all articolo 72 del Reg. (CE) n. 1698/2005 e richiamati nell articolo 16 del presente regolamento, non è possibile variare l assetto proprietario. Successivamente alla liquidazione del saldo, per il periodo stabilito nelle norme attuative della misura/sottomisura e/o azione, i beni che hanno beneficiato delle provvidenze recate dal Programma di Sviluppo Rurale non possono essere ceduti o distolti senza giusta causa dall impiego e dalla destinazione prevista. Nel caso in cui il beneficiario ceda totalmente o parzialmente la sua azienda ad un altro soggetto, nel periodo del rispetto degli impegni, quest ultimo può subentrare nell impegno purché sia in possesso almeno dei requisiti di accesso e quelli di valutazione ai fini della graduatoria. Qualora il subentrante non dimostri il possesso dei requisiti di ammissibilità o non intenda assumersi gli impegni del cedente, viene avviata nei confronti di quest ultimo la procedura di revoca e recupero delle somme erogate. Il beneficiario è tenuto a notificare all Amministrazione regionale le variazioni intervenute entro 90 giorni continuativi dal perfezionamento della transazione. Art. 16 (Responsabilità verso terzi) Il beneficiario del contributo è l unico responsabile di qualunque danno che, in conseguenza dell esecuzione e dell esercizio dell iniziativa, venga eventualmente arrecato a persone e/o a beni pubblici e privati, restando l Amministrazione regionale indenne da qualsiasi responsabilità, azione o molestia. Art. 17 (Disposizioni finali) Per quanto non previsto dagli articoli precedenti si applicano le norme comunitarie e nazionali, nonché le disposizioni regionali citate in premessa al presente decreto. Il presente provvedimento sarà trasmesso alla Corte dei Conti per il prescritto controllo preventivo di legittimità. Palermo, lì 12/12/2013 IL DIRIGENTE GENERALE (Ing. Pietro Lo Monaco)

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE GENERALE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE GENERALE - 1 - D.D.G.n 901 Mis 227 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE GENERALE GRADUATORIA

Dettagli

D.D.G. n 542 del 08/07/2013 Mis 226

D.D.G. n 542 del 08/07/2013 Mis 226 D.D.G. n 542 del 08/07/2013 Mis 226 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE DIPARTIMENTO REGIONALE DELLE FORESTE DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE GENERALE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. n 902 Mis 226/AZIONE B PRIVATI REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE GENERALE GRADUATORIA

Dettagli

DDS n del 29 ottobre 2014 Servizio IV U.O. n. 35 REPUBBLICA ITALIANA

DDS n del 29 ottobre 2014 Servizio IV U.O. n. 35 REPUBBLICA ITALIANA DDS n. 5049 del 29 ottobre 2014 Servizio IV U.O. n. 35 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA DELLO SVILUPPO AGRICOLO E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE

Dettagli

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 50

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 50 14 2-12-2011 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 50 ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DECRETO 30 agosto 2011. Griglie di elaborazione relative alla misura 124 Cooperazione

Dettagli

PSR SICILIA 2007/2013, MISURA 132-2^ SOTTOFASE DECRETO DI CHIUSURA RIEPILOGO PAGAMENTI

PSR SICILIA 2007/2013, MISURA 132-2^ SOTTOFASE DECRETO DI CHIUSURA RIEPILOGO PAGAMENTI D.D.S. n 866/2015 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA VISTO lo Statuto

Dettagli

UFFICIO SERVIZIO AGRICOLTURA DI PALERMO DECRETO DI PROROGA AL DECRETO DI CONCESSIONE DELL'AIUTO

UFFICIO SERVIZIO AGRICOLTURA DI PALERMO DECRETO DI PROROGA AL DECRETO DI CONCESSIONE DELL'AIUTO D.D.S 5533/2015 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA EX DIPARTIMENTO REGIONALE

Dettagli

ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n

ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n 29-3-2013 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 16 27 Vista la nota prot. n. 6033 del 25 gennaio 2013, ricevuta da A.N.F.E. Delegazione regionale Sicilia in data 31 gennaio 2013, con

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA D.D.G. n. 347/2013 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Programma di Sviluppo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO

REPUBBLICA ITALIANA IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO D.D.S. N 360 REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL' AGRICOLTURA DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA (EX DIPARTIM. REG.LE INTERVENTI STRUTTURALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XII

REPUBBLICA ITALIANA IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XII D.D.S. Chiusura progetto n 7343 del 30/09/2015 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1085 del 21 Maggio 2015 Oggetto: Reg. CE

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA

ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA D.D.S. n 393/ 2015/SV13 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA Servizio

Dettagli

DECRETO CHIUSURA PROGETTO

DECRETO CHIUSURA PROGETTO D.D.S. n 5148/2015 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA DELLO SVILUPPO RURALE DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA SERVIZIO 12 UFFICIO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO FORESTE E FAUNA Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 427 DI DATA 03 Ottobre 2016 OGGETTO: Regolamento (UE) n. 1305/2013 - Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1196 del 26 Settembre 2017 Reg. UE 1305/2013

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 719 del 31 marzo 2015 Oggetto: Reg. CE 1698/05

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 401 del 28 Marzo 2017 Reg. UE 1305/2013 -

Dettagli

D.D.G. n 28 del 28/02/2012 Mis 226 REPUBBLICA ITALIANA

D.D.G. n 28 del 28/02/2012 Mis 226 REPUBBLICA ITALIANA D.D.G. n 28 del 28/02/2012 Mis 226 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE DIPARTIMENTO REGIONALE DELLE FORESTE DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA FORESTE DEMANIALI IL DIRIGENTE

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 921 del 21 Luglio 2017 Reg. UE 1305/2013

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 445 del 13/04/2016 Oggetto: Reg. UE n. 1308/2013

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1501 del 10/11/2017 Reg. UE 1305/2013 - PSR

Dettagli

D.D.S. Rep.n 1113/2016 del 19/02/2016 CUP G78G Pacchetto Giovani - mis. 121 SALDO REPUBBLICA ITALIANA

D.D.S. Rep.n 1113/2016 del 19/02/2016 CUP G78G Pacchetto Giovani - mis. 121 SALDO REPUBBLICA ITALIANA D.D.S. Rep.n 1113/2016 del 19/02/2016 CUP G78G12000050007 Pacchetto Giovani - mis. 121 SALDO REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA Dipartimento Regionale dell Agricoltura

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA Dipartimento Regionale dell Agricoltura D.D.G. n. 4131 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA Dipartimento Regionale dell Agricoltura PSR Sicilia 2007/2013

Dettagli

Misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli Scheda integrativa per la determinazione delle riduzioni/esclusioni

Misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli Scheda integrativa per la determinazione delle riduzioni/esclusioni ALLEGATO A Misura Primo imboschimento dei terreni agricoli Scheda integrativa per la determinazione delle riduzioni/esclusioni Elenco degli impegni della Misura Primo imboschimento dei terreni agricoli

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XIII^

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XIII^ D.D.S. n. 4984 REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA,DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA SERVIZIO ISPETTORATO PROVINCIALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 766 del 27/04/2018 Oggetto: Reg. UE n. 1308/2013

Dettagli

PSR REG. CE 1975/06 e 796/04 - recepimento D.M. 22 Dicembre 2009

PSR REG. CE 1975/06 e 796/04 - recepimento D.M. 22 Dicembre 2009 (1) Programma Sviluppo Rurale Regione SICILIA 227 investimenti non produttivi A e B Impegno n.1 (4) Descrizione impegno (art. 25 REG 1975/06) Comunicare tempestivamente, e comunque entro e non oltre 10

Dettagli

D.D.G. n. 765 REPUBBLICA ITALIANA

D.D.G. n. 765 REPUBBLICA ITALIANA D.D.G. n. 765 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI IL DIRIGENTE GENERALE VISTO lo Statuto della

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 2884 del 29/12/2014 Oggetto: Reg. CE 1698/05

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il Reg. (CE) n. 1290/2005 del Consiglio del 21 giugno 2005 relativo al finanziamento della politica agricola comune;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il Reg. (CE) n. 1290/2005 del Consiglio del 21 giugno 2005 relativo al finanziamento della politica agricola comune; DGR N.584 DEL 5 DICEMBRE 2012 OGGETTO: Reg.(CE) n. 1698/05. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) del Lazio per il periodo 2007-2013. Modifiche e integrazioni alla DGR n. 724/2008 recante disposizioni regionali

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Regione Autonoma della Sardegna Modalità e procedure per l erogazione dell aiuto agli operatori biologici iscritti nell elenco regionale, relativo al rimborso delle spese di controllo e certificazione,

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento DE MARTINO FILIPPA. Responsabile dell' Area F.

DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento DE MARTINO FILIPPA. Responsabile dell' Area F. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AMBIENTE E SISTEMI NATURALI FORESTE E SERVIZI ECOSISTEMICI DETERMINAZIONE N. G12795 del 20/09/2017 Proposta n. 16388 del 19/09/2017 Oggetto: Regolamento (UE) n.

Dettagli

POR FESR 2007/2013. Asse II Inclusione, Servizi Sociali, Istruzione e Legalità, Linea f. Avviso pubblico nella vita e nella casa

POR FESR 2007/2013. Asse II Inclusione, Servizi Sociali, Istruzione e Legalità, Linea f. Avviso pubblico nella vita e nella casa UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA POR FESR 2007/2013 Asse II Inclusione, Servizi Sociali, Istruzione e Legalità, Linea 2.2.2 f Avviso pubblico nella vita e nella casa Cagliari,

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1083 del 08/09/2016 Oggetto: Reg. UE n. 1308/2013

Dettagli

OGGETTO: PSR Calabria Misura 321 Presa d atto e autorizzazione alla corresponsione di benefici.

OGGETTO: PSR Calabria Misura 321 Presa d atto e autorizzazione alla corresponsione di benefici. REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.6 AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE SETTORE N.3 Sviluppo Rurale, Zootecnia, Credito, Riordino e Trasformazione Fondiaria DECRETO DIRIGENTE DEL SETTORE

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI RIDUZIONI ED ESCLUSIONI NELL AMBITO DEL SOSTEGNO PER LE MISURE A INVESTIMENTO ALLEGATO A AL D.D.G. N. 199 DEL 20/9/2013 GRIGLIE ELABORAZIONE RELATIVE

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 8 AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI SETTORE N. 10 PSR 14/20 Sviluppo aree rurali, Prevenzione calamità, Sistema irriguo DECRETO DIRIGENTE GENERALE (assunto

Dettagli

Burc n. 40 del 1 Settembre 2014

Burc n. 40 del 1 Settembre 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico e faunistico DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG DISR - DISR 06 - Prot. Uscita N.0018195 del 21/06/2017 Ministero delle politiche agricole L AUTORITÀ DI GESTIONE VISTO il Reg. (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre

Dettagli

Delibera di Giunta Regionale n. 269 del 18/03/2011

Delibera di Giunta Regionale n. 269 del 18/03/2011 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Delibera di Giunta Regionale n. 269 del 18/03/2011 Regolamento n. 1698/05, Programma regionale di sviluppo rurale 2007-2013: bando di apertura presentazione

Dettagli

DECRETO DI REVOCA DEL DECRETO DI CONCESSIONE DELL'AIUTO

DECRETO DI REVOCA DEL DECRETO DI CONCESSIONE DELL'AIUTO D.D.S. n 1649/2015 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI PER L AGRICOLTURA SERVIZIO XIII ISPETTORATO

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO 16

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO 16 D.D.S.n0 REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA,DELLO SVILUPPO RURALE EDELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA EX DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana Allegato al D.D.G. n. 2742 del 25/09/2017 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA

Dettagli

Servizio Sviluppo dell offerta e disciplina di settore Cdr Determinazione n del 23 dicembre 2013

Servizio Sviluppo dell offerta e disciplina di settore Cdr Determinazione n del 23 dicembre 2013 Prot. N. 15524 DETERMINAZIONE N. 1756 DEL 23 dicembre 2013 Oggetto: L.R. 18 maggio 2006 n. 5 Deliberazione della Giunta Regionale n. 34/23 del 15 Novembre 2012 - Bando Finanziamenti a favore dei Ristoranti

Dettagli

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO ED OCCUPAZIONALE. Su proposta del Direttore della Direzione Regionale Agricoltura;

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO ED OCCUPAZIONALE. Su proposta del Direttore della Direzione Regionale Agricoltura; DETERMINAZIONE N. C0791 DEL 02/04/2009 Oggetto: Aggiudicazione definitiva e approvazione dei verbali repertorio n. 6258 del 09/12/2008 1 parte, repertorio n. 6270 del 22/12/2008 2 parte, repertorio n.

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 97 Trieste 19/01/2015 Proposta nr. 20 Del 19/01/2015 Oggetto: Regolamento di cui agli artt. 29, 30, 31, 32, 33 e 48 L. R. 18/05

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.8 AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI

GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.8 AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI REGIONE C AL ABRI A GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.8 AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE VICARIO (assunto il 25/10/2017 prot. n.742) Registro dei decreti dei Dirigenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana Allegato al D.D.G. n. 2743 del 25/09/2017 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA

Dettagli

Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Servizio Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Servizio Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Servizio Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1431 del 29/09/2011 Oggetto: Reg. CE n. 1234/07

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XIII

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XIII D.D.S. n 5509/2015/SV13 REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA EX DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO GOVERNO DEL TERRITORIO, MOBILITA' E RISORSE NATURALI DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DEL IV DIPARTIMENTO N. 58 DEL 31-03-2017 OGGETTO: REG (UE) 1305/2013. PROGRAMMA

Dettagli

Documenti da allegare alla richiesta di erogazione

Documenti da allegare alla richiesta di erogazione C1 Documenti da allegare alla richiesta di erogazione a) Anticipazione 1 Certificazione ai sensi della vigente normativa antimafia 2. Fideiussione bancaria o polizza assicurativa 3. Certificato di vigenza

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA 4063 06/05/2011 Identificativo Atto n. 254 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013. MISURA 112 "INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI" NONO PERIODO. SECONDO RIPARTO AGGIUNTIVO

Dettagli

CITTA DI CORLEONE Provincia di Palermo Ufficio Tecnico - V Settore - Servizio LL.PP.

CITTA DI CORLEONE Provincia di Palermo Ufficio Tecnico - V Settore - Servizio LL.PP. CITTA DI CORLEONE Provincia di Palermo Ufficio Tecnico - V Settore - Servizio LL.PP. TRASPARENZA VALUTAZIONE E MERITO Art. 35 del 33 del 14/03/13 PERIODO DI RIFERIMENTO ANNO 13 N PROCEDIMENTO UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA N. 1222/AFP DEL 22/12/2014 Oggetto: PSR Marche 2007/2013 Filiere Locali - Elenco n. 4629, n. 2 domande istruite Misura 121 Autorizzazione pagamento

Dettagli

Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria. N 222 del 19/01/2011. OGGETTO: Reg. CE 1698/ PSR Calabria : Misura

Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria. N 222 del 19/01/2011. OGGETTO: Reg. CE 1698/ PSR Calabria : Misura REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA FORESTE E FORESTAZIONE DECRETO DIRIGENTE DEL (assunto 18 GEN 2011 prot. n 6 ) Dipartimento 6 Settore 3 Servizio 8 Registro dei decreti dei

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale Il Dirigente Generale Servizio I Programmazione per gli interventi in materia di formazione professionale Oggetto: impegno della somma di euro 3.217.009,61 per l erogazione del saldo, sul capitolo di spesa

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 15626 del 06/10/2016 Proposta: DPG/2016/16182 del 05/10/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 239 DEL 08/04/2013 OGGETTO LEGGE 24.12.2004, N. 313 "DISCIPLINA DELL'APICOLTURA". AVVISO PUBBLICO REGIONALE

Dettagli

DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI PER L AGRICOLTURA) SERVIZIO XIII^ ISPETTORATO PROVINCIALE DELL'AGRICOLTURA DI PALERMO

DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI PER L AGRICOLTURA) SERVIZIO XIII^ ISPETTORATO PROVINCIALE DELL'AGRICOLTURA DI PALERMO D.D.S. n 6601 / 2014 REPUBBLICA ITALIANA Assessorato Reg.le dell Agricoltura dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea Dipartimento Reg. dell Agricoltura (ex DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1568 del 12 Agosto 2015 Oggetto: Reg. CE

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. 748

IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. 748 D.D.G. 748 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana IL DIRIGENTE GENERALE VISTO lo Statuto

Dettagli

Deliberazione di Giunta regionale n. 160 del 14 febbraio 2014

Deliberazione di Giunta regionale n. 160 del 14 febbraio 2014 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Deliberazione di Giunta regionale n. 160 del 14 febbraio 2014 Regolamento (CE) n. 1698/2005 Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013. Riattivazione

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLIV BARI, 18 APRILE 2013 N. 55 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale Il Dirigente Generale Servizio II Programmazione per gli interventi in materia di istruzione scolastica, universitaria e post universitaria Oggetto: impegno della somma complessiva di euro 1.371.705,73

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG DISR - DISR 06 - Prot. Uscita N.0012109 del 13/04/2017 Ministero delle politiche agricole L AUTORITÀ DI GESTIONE VISTO il Reg. (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.8 Agricoltura e Risorse Agroalimentari SETTORE N.3

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.8 Agricoltura e Risorse Agroalimentari SETTORE N.3 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N.8 Agricoltura e Risorse Agroalimentari SETTORE N.3 Sviluppo rurale, Zootecnia, Credito, Riordino e Trasformazione Fondiaria DECRETO DIRIGENTE GENERALE REGGENTE

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 155 del 06/11/2014

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 155 del 06/11/2014 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 155 del 06/11/2014 DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE PSR PUGLIA 2007-2013 28 ottobre 2014 n. 339 Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013. Asse III Misura

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LA RESPONSABILE DI P.O.

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LA RESPONSABILE DI P.O. AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 3370 Trieste 05/12/2013 Proposta nr. 1188 Del 05/12/2013 Oggetto: Regolamento di cui agli artt. 29, 30, 31, 32, 33 e 48 L.

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO GOVERNO DEL TERRITORIO, MOBILITA' E RISORSE NATURALI (cod. DP.A4.02.4D.01) SERVIZIO ECONOMIA DEL TERRITORIO, ATTIVITA' INTEGRATIVE, INFRASTRUTTURE RURALI E

Dettagli

ALLEGATO B (Beneficiari soggetti privati)

ALLEGATO B (Beneficiari soggetti privati) ALLEGATO B (Beneficiari soggetti privati) PROCEDURE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI A CARICO DI REGIONE LOMBARDIA IN ATTUAZIONE DELLE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA FONDAZIONE CARIPLO INTERVENTI EMBLEMATICI

Dettagli

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE SISTEMI NATURALI DETERMINAZIONE N. G15439 del 03/11/2014 Proposta n. 18106 del 27/10/2014 Oggetto: Regolamento (CE)

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XIII

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XIII D.D.S. n 3277/2015/SV13 REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA EX DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI

Dettagli

GRIGLIE DI ELABORAZIONE DELLA MISURA 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli. Allegato A al DDG n del 6/8/2013

GRIGLIE DI ELABORAZIONE DELLA MISURA 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli. Allegato A al DDG n del 6/8/2013 GRIGLIE DI ELABORAZIONE DELLA MISURA 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli Allegato A al DDG n. 3897 del 6/8/2013 La Misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli si caratterizza sia come

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT. N REP. 648 DEL

DETERMINAZIONE PROT. N REP. 648 DEL Servizio energia ed economia verde DETERMINAZIONE PROT. N. 42178 REP. 648 DEL 29.12.2016 Oggetto: Programmazione unitaria 2014-2020 - Strategia 2 Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 1513 Trieste 17/06/2013 Proposta nr. 388 Del 14/06/2013 Oggetto: Regolamento di cui agli artt. 29, 30, 31, 32, 33 e 48 L. R.

Dettagli

Visto il Regolamento di funzionamento dell' ARPEA approvato con Deliberazione della Giunta Regionale 17 dicembre 2007, n ;

Visto il Regolamento di funzionamento dell' ARPEA approvato con Deliberazione della Giunta Regionale 17 dicembre 2007, n ; ARPEA- ORGANISMO PAGATORE DELLA REGIONE PIEMONTE DECRETO N 11 del 26/05/2016 - Domanda Unica Oggetto: REGOLAMENTO (UE) N. 1307/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 dicembre 2013; REGOLAMENTO

Dettagli

Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria. N del

Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria. N del REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA FORESTE E FORESTAZIONE DECRETO DIRIGENTE DEL (assunto prot. N ) Dipartimento 6 Settore 3 Servizio 8 Registro dei decreti dei Dirigenti della

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 1217 Trieste 18/04/2014 Proposta nr. 376 Del 17/04/2014 Oggetto: Regolamento di cui agli artt. 29, 30, 31, 32, 33 e 48 L. R.

Dettagli

29/08/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 69. Regione Lazio

29/08/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 69. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 9 agosto 2017, n. G11463 Reg. (UE) n. 1305/2013, art. 19. Programma di Sviluppo Rurale

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Centro di Responsabilità

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Centro di Responsabilità DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Centro di Responsabilità CITTA' METROPOLITANA DI FIRENZE - PO GESTIONE E TUTELA AMBIENTALE DEL TERRITORIO, AGRICOLTURA, SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA NELL EMPOLESE VALDELSA

Dettagli

AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DETERMINAZIONE. Estensore MARANGI ANTONIO. Responsabile del procedimento MARANGI ANTONIO

AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DETERMINAZIONE. Estensore MARANGI ANTONIO. Responsabile del procedimento MARANGI ANTONIO REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA USI CIVICI, CREDITO E CALAMITA NATURALI DETERMINAZIONE N. G14826 del 31/10/2017 Proposta n. 19069 del 30/10/2017 Oggetto:

Dettagli

CHECK-LIST N. 3 - INGEGNERIA FINANZIARIA CONTROLLO DOCUMENTALE E IN LOCO SULL OPERAZIONE FINANZIATA E VERBALE. POR Calabria FSE

CHECK-LIST N. 3 - INGEGNERIA FINANZIARIA CONTROLLO DOCUMENTALE E IN LOCO SULL OPERAZIONE FINANZIATA E VERBALE. POR Calabria FSE CHECK-LIST N. 3 - INGEGNERIA FINANZIARIA CONTROLLO DOCUMENTALE E IN LOCO SULL OPERAZIONE FINANZIATA E VERBALE Controlli eseguiti ai sensi dell art. 60.b del Reg CE 1083/2006 e art. 13.2 del Reg. CE 1828/2006

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale

Regione Umbria Giunta Regionale Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE RISORSA UMBRIA. FEDERALISMO, RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI Servizio Agricoltura sostenibile e gestione procedure P.S.R. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XIII

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO XIII D.D.S. n 1598/2015/SV13 REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AGRICOLTURA EX DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO CULTURA SETTORE BENI CULTURALI

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO CULTURA SETTORE BENI CULTURALI REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO CULTURA SETTORE BENI CULTURALI. Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Sandra Logli Decreto N

Dettagli

Allegato parte integrante

Allegato parte integrante Allegato parte integrante Allegato d) - Modifiche ed integrazioni ai criteri e modalità per gli aiuti alla nuova imprenditorialità femminile e giovanile Modifiche ed integrazioni ai criteri e modalità

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 998 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 e ss.mm.ii. sul

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA N. 58/AFP DEL 17/02/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA N. 58/AFP DEL 17/02/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA N. 58/AFP DEL 17/02/2014 Oggetto: Reg. CE n 1698/05 PSR Marche 2007-2013 DDS n. 247/S10 del 01/08/08 DDS n. 313/S10 del 14/10/09 DDS n. 427/S10

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 135 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 135 del 62704 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 135 del 30-11-2017 DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE PSR PUGLIA 22 novembre 2017, n. 260 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. Misura 16 Cooperazione.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 5 del 21 1 2016 2745 Il presente decreto è dichiarato esecutivo. Dato a Bari, addì 14 gennaio 2016 EMILIANO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente DETERMINAZIONE Num. 4547 del 27/03/2017 BOLOGNA Proposta: DPG/2017/4754 del 24/03/2017 Struttura proponente: SERVIZIO AREE

Dettagli

AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DETERMINAZIONE. Estensore ESPOSITO NUNZIO. Responsabile del procedimento ESPOSITO NUNZIO

AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DETERMINAZIONE. Estensore ESPOSITO NUNZIO. Responsabile del procedimento ESPOSITO NUNZIO REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA SISTEMI DI CONTR. E COORDINAM. INTERNO DETERMINAZIONE N. G07362 del 24/05/2017 Proposta n. 9664 del 24/05/2017 Oggetto:

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 2141 Trieste 10/07/2014 Proposta nr. 1545 Del 10/07/2014 Oggetto: Regolamento di cui agli artt. 29, 30, 31, 32, 33 e 48 L.

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 87 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 87 del 36316 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 87 del 28-7-2016 DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE DEL PSR PUGLIA 22 luglio 2016, n. 247 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. Misura 16 Cooperazione.

Dettagli

Decreto n 1073/ART Servizio sostegno e promozione comparto produttivo artigiano

Decreto n 1073/ART Servizio sostegno e promozione comparto produttivo artigiano Decreto n 1073/ART Servizio sostegno e promozione comparto produttivo artigiano CUP D91I14000010009 Impegno CAPITOLO 9676 esercizio finanziario 2014 Trieste, Il Direttore del servizio centrale di ragioneria

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali D.M. di impegno 7411 del 3/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 15 gennaio 1991, n.30 concernente la Disciplina della riproduzione animale e successive modificazioni ed integrazioni; VISTO il decreto

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 166 del 29/12/2015

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 166 del 29/12/2015 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 166 del 29/12/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 09 dicembre 2015, n. 2236 PO FESR 2007-2013. Asse I - Linea di Intervento: 1.1 - Azione 1.1.1 - Asse

Dettagli

Allegato I Check list PROGRAMMAZIONE DESCRIZIONE SI NO NA NOTE DESCRIZIONE SI NO NA NOTE

Allegato I Check list PROGRAMMAZIONE DESCRIZIONE SI NO NA NOTE DESCRIZIONE SI NO NA NOTE Allegato I Check list PROGRAMMAZIONE Nell organigramma dell Agenzia sono chiaramente identificate le funzioni del personale assegnato? Le pratiche sono state assegnate formalmente al TOD e al responsabile

Dettagli