La Valutazione dell Attaccamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Valutazione dell Attaccamento"

Transcript

1 La Valutazione dell Attaccamento La Strange Situation L Adult Attachment Interview La I.A.L. (Intervista sull Attaccamento in età di Latenza)

2 La Strange Situation La S.S. è una modalità osservativa che consiste in una sequenza standard di otto episodi cui partecipano la madre, il bambino ed un estraneo. Durante le sequenze il bambino è sottoposto ad un crescendo di stress in cui il genitore lascia due volte il bambino (una volta in compagnia di un estraneo e una volta da solo) per poi ritornare. Sulla base di queste osservazioni la A. ha descritto tre configurazioni di attaccamento, tre modi, cioè, in cui i bambini organizzano il loro comportamento riguardo alle loro figure di attaccamento.

3 Modello di Attaccamento Comportamento di Attaccamento Modello B: Sicuro Esplora l ambiente (Base Sicura) Ricerca la madre quando è assente La accoglie attivamente al rientro cercandone la vicinanza Riprende l esplorazione Modello A: Insicuro- Evitante Esplora l ambiente Nessun disagio durante l assenza della madre Continua l esplorazione La ignora o la rifiuta al suo rientro

4 Modello di Attaccamento Comportamento di Attaccamento Modello C: Insicuro Ambivalente Mostra disagio nel nuovo ambiente Inconsolabile alla separazione Non trova conforto al rientro Non riprende l esplorazione. Modello D: Disorganizzato- Disorientato Comportamenti contraddittori (freezing protratti) Si avvicina al genitore con la testa votata Si allontana dal caregiver se è spaventato dall estraneo

5 L Adult Attachment Interview (A.A.I.) (George, Kaplan e Main, 1985)

6 L A.A.I. è un intervista semistrutturata durante la quale al soggetto viene chiesto di concentrarsi sui primi anni di vita e sulle sue prime esperienze di attaccamento con i genitori. La modalità con cui l individuo risponde alla serie di domande sulle sue esperienze di attaccamento infantile porta ad una classificazione generale dell attuale stato mentale dell adulto rispetto all attaccamento.

7 La classificazione dell intervista non si basa sulla valutazione del contenuto dei modelli operativi interni. Il contenuto è tenuto in considerazione, ma le distinzioni in relazione alla valutazione globale della sicurezza/autonomia si basano sulle modalità con le quali l adolescente o l adulto elaborano le memorie emotive delle esperienze di attaccamento.

8 L'A.A.I., per la sua forma semi-strutturata, include domande che sono poste in un ordine ben stabilito; allo stesso tempo, però, come avviene nel colloquio clinico, i soggetti, vengono incoraggiati a parlare, a descrivere e valutare le loro esperienze. L intervista, nella quale l intervistatore cerca di trarre dal soggetto un racconto coerente, mira a sorprendere l inconscio : al soggetto, infatti, viene consentito di riflettere sulle proprie esperienze di attaccamento nel momento stesso in cui ne parla e avendo l opportunità di coglierne le eventuali contraddizioni.

9 Al soggetto vengono chiesti: 5 aggettivi che descrivano il rapporto con la madre Episodi corrispondenti 5 aggettivi che descrivano il rapporto con il padre Episodi corrispondenti Cosa faceva quando era turbato - Se si è sentito rifiutato- Perché i genitori si sono comportati così - Com è cambiata la relazione con i genitori Come queste esperienze possano aver influenzatolo lo sviluppo della sua personalità.

10 Il processo di codifica si articola in diverse fasi. Scale dell Esperienza. Il codificatore legge la prima volta il trascritto per assegnare i punteggi relativi alle probabili esperienze con la figura di attaccamento del soggetto in base alle cinque scale per l Esperienza: Affetto Rifiuto Inversione di ruolo/coinvolgimento Motivazione al successo Trascuratezza.

11 Scale degli Stati della mente. Una volta assegnati i punteggi alle Esperienze con le figure di attaccamento, il codificatore rilegge il trascritto assegnando, questa volta, i punteggi allo stato della mente rispetto all attaccamento. Queste scale rilevano essenzialmente le rappresentazioni mentali correlate alle esperienze di attaccamento e come è stata organizzata l informazione riferita a queste esperienze. Le scale per verificare gli Stati della mente sono: Coerenza del trascritto, Idealizzazione, Incapacità a ricordare la propria infanzia, Rabbia, Passività del discorso, Non risoluzione del Trauma, Non risoluzione del lutto, Paura della perdita, Monitoraggio metacognitivo, Coerenza della mente.

12 Una volta attribuiti i punteggi a tutte le scale, il soggetto è assegnato ad una delle categorie che definiscono nel miglior modo possibile tutti gli stati della mente rispetto all attaccamento: Sicuro (Free/Autonomus) Distanziante (Dismissing) Preoccupato (Entangled) Irrisolto/Disorganizzato (Unresolved) Non classificabile (Cannot Classify)

13 Categoria: Sicuro/Autonomo (Free) I soggetti appartenenti a questa categoria attribuiscono valore alle relazioni di attaccamento e considerano le esperienze di attaccamento influenti, pur rimanendo relativamente indipendenti ed obiettivi riguardo ad ogni esperienza o relazione specifica. Mantengono un discorso coerente e collaborativo. Danno valore all attaccamento, ma sembrano oggettivi rispetto ad ogni particolare evento o rapporto. La descrizione e la valutazione delle esperienze di attaccamento sono coerenti, siano le esperienze favorevoli o negative.

14 Lo stato attuale della mente degli F si caratterizza per la presenza di alcuni dei seguenti aspetti: Coerenza del trascritto da moderata ad alta Riconoscimento del bisogno di dipendere dagli altri, dell impatto delle relazioni e delle esperienze dell attaccamento sulla propria personalità, dei sentimenti di mancanza e di bisogno reciproco tra le persone Una prospettiva equilibrata delle relazioni riconoscendo i propri contributi personali e contestualizzando le esperienze e i rapporti difficili dell infanzia Relativa facilità nell affrontare le tematiche dell intervista, come dimostrato da un fluire libero del discorso, da un pensiero fresco e da possibili insight

15 Riconoscimento delle imperfezioni sia di Sé che degli altri con relativa facilità e spirito compassionevole La sensazione da parte del lettore, che il soggetto abbia sviluppato una forte identità personale. Riguardo alla storia personale, questi soggetti hanno spesso avuto nell infanzia una figura di attaccamento che gli è servita da base sicura. Esistono casi, però, in cui le figure di attaccamento sono state inadeguate, ciononostante, gli F rimangono almeno moderatamente coerenti nel descriverle.

16 Categoria: Distanziante (Dismissing) I soggetti appartenenti a questa categoria presentano un stato mentale che indica un tentativo attuale di limitare l influenza delle relazioni e delle esperienze di attaccamento sul pensiero, sui sentimenti e sulla vita quotidiana. Queste persone si ritengono forti, normali e/o indipendenti. Liquidano con distacco le esperienze e le relazioni di attaccamento. Normalizzano gli eventi (una madre molto normale) senza fornire episodi o contraddette da episodi raccontati, i trascritti tendono ad essere molto brevi.

17 Emerge una mancanza di riconoscimento dell impatto delle relazioni o esperienze di attaccamento che può manifestarsi attraverso : Un modo di affrontare l intervista a livello astratto, non sostenuto da ricordi di episodi; L idealizzazione e la mancanza di ricordi dell infanzia, in questi casi la memoria autobiografica non sosterrà o contraddirà attivamente la memoria semantica; Non riconoscimento dell impatto sul Sé degli aspetti negativi relativi alle esperienze infantili; La svalutazione delle figure o degli eventi relativi all attaccamento, insistendo sul proprio senso di forza e autonomia;

18 La mancanza di espressione di dolore, angoscia, e di sentimenti di bisogno e dipendenza dagli altri; Descrizione di aspetti negativi che, quando presenti, vengono minimizzati, normalizzati e riportati ad un analisi in termini positivi per il Sé. Dal punto di vista delle storia personale i soggetti sembrano aver vissuto esperienze di mancanza di affetto attivo, vicinanza e sostegno, se non vero e proprio rifiuto da parte delle figure di attaccamento. Non è però inconsueto che alcuni soggetti Ds abbiano avuto genitori iperprotettivi, pressanti per il successo e a volte proponenti un inversione dei ruoli.

19 Categoria:Invischiata/Preoccupata(Entangled) I soggetti appartenenti a questa categoria sono confusi, mancano di obiettività, e sono preoccupati con o dalle relazioni familiari e/o dalle esperienze del passato. Passivi e vaghi, impauriti e sopraffatti, o arrabbiati, in conflitto e pseudoanalitici, mostrano un senso di identità debole o confuso. Non coerenti. Preoccupati dalle passate relazioni/esperienze di attaccamento, i soggetti appaiono arrabbiati, passivi, o spaventati. Le frasi sono spesso lunghe, grammaticalmente confuse e i trascritti sono spesso eccessivamente lunghi.

20 Lo stato della mente può caratterizzarsi per: Incapacità a percepire il Sé indipendentemente dal proprio coinvolgimento nelle relazioni precoci o nelle esperienze negative; Incapacità a riconoscere il proprio contributo nella conduzione di un rapporto; Mancanza di focalizzazione chiara, incisiva e obiettiva nel corso dell intervista; Gli E possono perdere il filo del discorso catturati dai loro ricordi; Fanno continuo riferimento alla relazione attuale con il genitore su richiesta della relazione durante l infanzia;

21 Possono avere dei lapsus confondendo il Sé con il genitore e il passato con il presente; Possono fornire informazioni non metabolizzate ; Possono mostrare valutazioni oscillatorie; Spesso le loro interviste sono molto più lunghe della media. La loro storia personale si caratterizza per la presenza di almeno un genitore coinvolgente e/o ipercritico e/o iperprotettivo, e/o debole e/o imprevedibile, più raramente rifiutante anche se può essere presente la presenza di esperienze abuso.

22 Categoria:Irrisolta/Disorganizzata (Unresolved) Tale stato può emergere solo in relazione alle domande relative alla perdita e all abuso. Esso può manifestarsi: Attraverso dei lapsus nel monitoraggio del ragionamento (credere che la persona non sia morta o negare l avvenuto abuso, ritenersi irragionevolmente responsabile per la morte o l abuso ricevuto, disorientamento spazio-temporale);

23 Attraverso dei lapsus nel monitoraggio del discorso (attenzione inusuale ai dettagli, linguaggio poetico e retorico, frasi in sospeso, cambiamento di discorso); Dal racconto di reazioni comportamentali estreme (inclusi i meccanismi di spostamento). Alla persona con uno stato di attaccamento U deve necessariamente essere attribuita una migliore categoria alternativa.

24 Categoria: Non classificabile (Cannot Classify) Infine, pochissimi individui hanno una narrativa che non può rientrare nelle strategie organizzate, sia Sicure che Insicure. In tali interviste, infatti, il soggetto presenta la copresenza di stati mentali relativi all attaccamento teoricamente incompatibili. Ad esempio, possono risultare Ds verso un genitore e E verso l altro, oppure possono risultare E per una parte dell intervista, per poi cambiare utilizzando una modalità Ds o U. Questa categoria è molto rara, solo il 7%-10% degli individui in campioni a basso rischio, infatti, sono considerarti inclassificabili. Al contrario, l incidenza di questa categoria aumenta in campioni clinici.

25 Corrispondenza fra configurazioni dell attaccamento nella Strange Situation e stato della mente relativo all attaccamento nell Adult Attachment Interview

26 Strange Situation Adult Attachment Modello B: Sicuro Modello A: Insicuro- Evitante Sicuro Autonomo (Free) Insicuro Distanziante(Ds) Modello C: Insicuro Ambivalente Modello D: Disorganizzato- Disorientato Invischiata Preoccupata (Entangled) Irrisolta Disorganizzata (Unresolved)

27 L Attachment Interview for Childhood and Adolescence (A.I.C.A.) o Intervista sull Attaccamento nella Latenza (I.A.L) (Ammaniti et al., 1995)

28 L A.I.C.A o I.A.L. è una versione dell A.A.I. adattata a soggetti adolescenti. La struttura e la sequenza delle domande rimangono le stesse ma il linguaggio è stato semplificato e adattato all età. Alcune domande sono state eliminate perché non utilizzabili con soggetti di questa età: Es: Sono state eliminate le domande sui figli: (preoccupazioni per il futuro, per la separazione etc.) Sono state inserite nuove domande relative alle relazioni con i pari: Es: Hai un amico a cui tieni particolarmente; Puoi descrivere il rapporto con lui

29 Il sistema di codifica dell intervista rispetto alle categorie principali dell attaccamento: Sicuro/Autonomo Distanziante/Svalutante Preoccupato/Invischiato Irrisolto/Disorganizzato rimane la stessa dell A.A.I.

Story Task) nella valutazione dei

Story Task) nella valutazione dei L utilizzo del MCAST (Manchester Child Attachment Story Task) nella valutazione dei bambini con ADHD Dott.ssa Antonella Marianecci - antonellamarianecci@yahoo.it Dott.ssa Francesca Manaresi - francesca.manaresi@fastwebnet.it

Dettagli

Le relazioni precoci nell ottica della teoria dell attaccamento

Le relazioni precoci nell ottica della teoria dell attaccamento Le relazioni precoci nell ottica della teoria dell attaccamento 1 Una ricerca sugli effetti della deprivazione materna Le migliori condizioni di vita di un bambino comportano la presenza di una casa e

Dettagli

Attaccamento e relazioni di coppia

Attaccamento e relazioni di coppia Attaccamento e relazioni di coppia Contesto Attraverso l evoluzione delle cure materne e dei meccanismi di affiliazione relativi a queste cure, le relazioni sessuali tra adulti hanno avuto la possibilità

Dettagli

Attaccamento e relazioni di coppia Terzo Incontro. Dott.ssa Marta ZIGHETTI Psicologa e Psicoterapeuta sistemica Terapeuta EMDR

Attaccamento e relazioni di coppia Terzo Incontro. Dott.ssa Marta ZIGHETTI Psicologa e Psicoterapeuta sistemica Terapeuta EMDR Attaccamento e relazioni di coppia Terzo Incontro Dott.ssa Marta ZIGHETTI Psicologa e Psicoterapeuta sistemica Terapeuta EMDR L Attaccamento Il legame di attaccamento definisce il rapporto tra il bambino

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

LA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. Dott.ssa Federica Papalini

LA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. Dott.ssa Federica Papalini LA TEORIA DELL ATTACCAMENTO Dott.ssa Federica Papalini Perché trattare la Teoria dell Attaccamento? Perché descrive i comportamenti, le reazioni emotive ed i modelli mentali che guidano la vita psichica

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

Sviluppare l attaccamentol

Sviluppare l attaccamentol Sviluppare l attaccamentol Lo sviluppo affettivo del bambino: Costruzione dei legami significativi a partire dalla prima infanzia, che influenzano lo sviluppo della personalità Modello teorico più attuale:

Dettagli

L adozione a scuola. Come sostenere i bambini con difficoltà di. attaccamento.

L adozione a scuola. Come sostenere i bambini con difficoltà di. attaccamento. L adozione a scuola Come sostenere i bambini con difficoltà di attaccamento. 2 Bisogni..Competenze Bambini e bambine adottati sono, prima di tutto, bambini e bambine, con gli stessi bisogni degli altri

Dettagli

Parent training per l ADHD

Parent training per l ADHD Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Parent training per l ADHD Programma CERG: sostegno cognitivo, emotivo e relazionale dei

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale Dolore frustrazione e legami affettivi nel ciclo vitale Dottoressa Tiziana Mizzoni Psicologa e Psicoterapeuta Gestazione Spazio mentale del bambino Pensare Individuale Pensare Comune Maturità della Coppia

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

L importanza del lavoro psicoterapeutico sui modelli d attaccamento adulto

L importanza del lavoro psicoterapeutico sui modelli d attaccamento adulto L importanza del lavoro psicoterapeutico sui modelli d attaccamento adulto La Teoria dell Attaccamento fornisce una cornice teorica con una solida base empirica, che consente di comprendere aspetti importanti

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO Jesús Palacios Università di Siviglia Milano, 10 giugno, 2011 Ricerca sull adozione La ricerca sull adozione é un fenomeno relativamente recente Si

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

La mente adolescente. L adolescenza: emozioni intense, coinvolgimento sociale, creatività La mente e il cervello: l integrazione L attaccamento

La mente adolescente. L adolescenza: emozioni intense, coinvolgimento sociale, creatività La mente e il cervello: l integrazione L attaccamento La mente adolescente L adolescenza: emozioni intense, coinvolgimento sociale, creatività La mente e il cervello: l integrazione L attaccamento 1 I falsi miti Gli ormoni impazziti fanno andare fuori di

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

LE ORIGINI DELLA TEORIA DI BOWLBY 1

LE ORIGINI DELLA TEORIA DI BOWLBY 1 LE ORIGINI DELLA TEORIA DI BOWLBY 1 Attualmente uno dei temi di maggiore interesse in ambito psicologico è il ruolo dei legami fra il bambino e le sue figure adulte di riferimento e il loro contributo

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA ASPETTI TEORICI DEL TRAUMA NEI CASI DI ABUSO E MALTRATTAMENTO SUI BAMBINI, INDICATORI E LINEE GUIDA NELLA SEGNALAZIONE.. DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA COSA SI INTENDE

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

ATTACCAMENTI TRAUMATICI

ATTACCAMENTI TRAUMATICI ATTACCAMENTI TRAUMATICI Giovanni Liotti Scuola di Psicoterapia Cognitiva Convegno Attaccamento Traumatico Napoli, 12 Aprile 2013 Sviluppo Traumatico Sviluppo della personalità che avviene in contesti relazionali

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO Caratteristiche generali Bullismo = azioni di aggressione o di manipolazione sociale da parte di singoli o gruppi di pari perpetrati in maniera intenzionale e sistematica Diffuso

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI GIORNATE DI SUPPORTO ALLA FORMAZIONE DEI REFERENTI PER LA DISLESSIA DELLA LOMBARDIA 22 Aprile 2008 DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI Rosy Tavazzani Montani PERCHE L INSEGNANTE DOVREBBE

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

consolare, confortare, venire in aiuto,

consolare, confortare, venire in aiuto, COUNSELING in SANITA In una Prospettiva Multimodalale ----------- Counseling come servizio di orientamento e come strumento di supporto nei servizi socio-psico-pedagogici Counseling Aziendale tra empowerment

Dettagli

ABUSO SESSUALE SU MINORI. A cura del MAL.AB di TRIESTE

ABUSO SESSUALE SU MINORI. A cura del MAL.AB di TRIESTE AUMENTO DELLA CAPACITÀ DI INDIVIDUAZIONE RELATIVO ALLA SITUAZIAZIONE DI ABUSO SESSUALE SU MINORI A cura del MAL.AB di TRIESTE Presentazione Chi siamo Cos è il Mal.Ab. Perché è stato pensato questo evento

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Le difficoltà emotivo-relazionali in ambito evolutivo Tutti quei segnali di disagio e di sofferenza, che coinvolgono la dimensione emotiva e

Dettagli

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Le nuove sfide dell educazione Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Vivere le emozioni difficili La sofferenza nell età evolutiva Educare bambini e adolescenti al dolore emotivo

Dettagli

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto Madre adolescente: due minori a rischio Scheda di sintesi del progetto 1 Il progetto Madre adolescente: due minori a rischio. Sostegno alla genitorialità in adolescenza per la tutela dei minori è promosso

Dettagli

Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015

Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015 Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015 Quali difficoltà devono affrontare i figli dopo la separazione dei genitori? Genitori e figli hanno

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

Aspetti clinici del trattamento psicologico in Oncologia Medica

Aspetti clinici del trattamento psicologico in Oncologia Medica Aspetti clinici del trattamento psicologico in Oncologia Medica F. Gallina*, M. Bani*, L.Tagliabue,, U. Mazza* * U.O. S. Psicologia Clinica, Dipartimento Salute Mentale, A.O. San Gerardo, Monza U.O.C.

Dettagli

APPROFONDIMENTI L Attaccamento

APPROFONDIMENTI L Attaccamento dott.ssa DANILA LUZI APPROFONDIMENTI L Attaccamento L attaccamento è legame che unisce il bambino a chi si prende cura di lui. La teoria dell a. fu formulata alla fine degli anni 1960 e la sua diffusione

Dettagli

MASSIMO AMMANITI: LE CATEGORIE DELLE RAPPRESENTAZIONI MATERNE IN GRAVIDANZA

MASSIMO AMMANITI: LE CATEGORIE DELLE RAPPRESENTAZIONI MATERNE IN GRAVIDANZA MASSIMO AMMANITI: LE CATEGORIE DELLE RAPPRESENTAZIONI MATERNE IN GRAVIDANZA Le categorie materne nella letteratura Le osservazioni ormai classiche della Deutsch sulla psicologia femminile e materna hanno

Dettagli

Argomenti 1 modulo 2

Argomenti 1 modulo 2 Argomenti 1 modulo 2 Argomenti 2 modulo perdite lutto 3 TERZO MODULO IL LUTTO INFANTILE 4 Il lutto infantile : ciò che i minori pensano della morte 5 Il lutto infantile : ciò che i minori pensano della

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica e medico/legale Si riferisce ad una serie di comportamenti

Dettagli

I riti e la narrazione nell affido

I riti e la narrazione nell affido PROVINCIA DI TORINO AFFIDO FAMILIARE ISTRUZIONI PER L USO I riti e la narrazione nell affido Torino 6 dicembre 2011 Marco Chistolini 1 Docente: Dr. Marco Chistolini IL CASO DI ALÌ Alì è un bambino di 4

Dettagli

Schizofrenia e metacognizione

Schizofrenia e metacognizione Dott.ssa Sibilla Giangreco Psicologa Centro Clinico ALETEIA sibillagiangreco@gmail.com Schizofrenia e metacognizione IL TRATTAMENTO IN GRUPPO DELLE ALLUCINAZIONI ACUSTICHE SECONDO IL PROTOCOLO ENTROPIA

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA CELIACHIA

GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA CELIACHIA GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA CELIACHIA Mastering the coeliac condition: from medicine to social science and food technology Firenze, 29-30-31 marzo 2012 Sabato 31 marzo 2012 Irene G. Cimma Psicologa e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Vademecum per insegnare l'italiano come L2. Badia Polesine

Vademecum per insegnare l'italiano come L2. Badia Polesine Vademecum per insegnare l'italiano come L2 Badia Polesine Quali sono gli aspetti della presenza di alunni migranti che ti creano problemi professionali? Cosa ti piace fare? Leggere Mangiare cibi sconosciuti

Dettagli

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 OSSERVAZIONI CLINICHE - MOTIVO DELLA CONSULTAZIONE : DISTURBO

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus PRINCIPI DELL INTERVENTO EFFICACE NEI CASI DI SOSPETTO ABUSO

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

TEORIA DELL ATTACCAMENTO

TEORIA DELL ATTACCAMENTO TEORIA DELL ATTACCAMENTO E una teoria spaziale : noi ricerchiamo la vicinanza alle persone che ci danno sicurezza. - Il concetto di base sicura esplica questa concettualizzazione. E una teoria multidisciplinare.

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA)

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) 30 OTTOBRE 2011 Gruppo Famiglie Adottive Roseto degli Abruzzi (TE) Affiliato LE RADICI E LE ALI COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) CICLO VITALE DELLA COPPIA

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Aspetti relazionali dell accoglienza del bambino in ospedale

Aspetti relazionali dell accoglienza del bambino in ospedale Aspetti relazionali dell accoglienza del bambino in ospedale Paola Coscia A.F.D. Coordinatore Infermieristico S.C. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda Uno dei diritti

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

Presentazione di Giorgio Nardone Presentazione di Giovanni Poles Presentazione di Ines Testoni

Presentazione di Giorgio Nardone Presentazione di Giovanni Poles Presentazione di Ines Testoni Indice Presentazione di Giorgio Nardone XIX Presentazione di Giovanni Poles XXI Presentazione di Ines Testoni Emozioni senza via d uscita XXIII XXVII Parte teorica Capitolo 1 Lutto e perdita: dalle definizioni

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

M.K. Shear, E. Frank, A. Fagiolini, V.J. Grochocinsky, G.B. Cassano SCI-SAS. Structured Clinical Interview for Separation Anxiety Symptoms

M.K. Shear, E. Frank, A. Fagiolini, V.J. Grochocinsky, G.B. Cassano SCI-SAS. Structured Clinical Interview for Separation Anxiety Symptoms M.K. Shear, E. Frank, A. Fagiolini, V.J. Grochocinsky, G.B. Cassano SCI-SAS Structured Clinical Interview for Separation Anxiety Symptoms Expanded Separation Anxiety Interview Ansia di separazione in età

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE Sabrina Marzo, Psicologa, Torino Riassunto La diffusione delle famiglie ricostituite e la presenza di diritti e responsabilità risultanti conflittuali per la complessità

Dettagli

SIDS : SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE. Suggerimenti per gli operatori che entrano in contatto con una famiglia colpita

SIDS : SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE. Suggerimenti per gli operatori che entrano in contatto con una famiglia colpita SIDS : SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE Suggerimenti per gli operatori che entrano in contatto con una famiglia colpita Obiettivo e metodo Obiettivo: Metodo: fornire spunti di riflessione e consigli pratici affinché

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Capire per intervenire La spiegazione che ciascuno di noi si dà del comportamento altrui definisce gli

Dettagli

Strategie per il benessere: emozione e relazione. Il rapporto tra pari Dott. Federica Biassoni

Strategie per il benessere: emozione e relazione. Il rapporto tra pari Dott. Federica Biassoni Università Cattolica del Sacro Cuore Strategie per il benessere: emozione e relazione Il rapporto tra pari Dott. Federica Biassoni Restituzione esercitazioni! Lettura dell espressione: centralità degli

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Sindrome di Asperger : INTERESSI SPECIALI

Sindrome di Asperger : INTERESSI SPECIALI Sindrome di Asperger : INTERESSI SPECIALI Tony Attwood La bambina andò incontro al postino nel vialetto e disse: Ti piacciono i Deltic? Prima che potesse rispondere continuò: Sono i treni diesel più potenti.

Dettagli