Legal marketing: impostare campagne di marketing nel rispetto delle vigenti normative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Legal marketing: impostare campagne di marketing nel rispetto delle vigenti normative"

Transcript

1 Legal marketing: impostare campagne di marketing nel rispetto delle vigenti normative di Gabriele Faggioli * e Andrea Reghelin ** L American Marketing Association definisce il marketing come l insieme di attività e processi che consentono a un impresa di conoscere il mercato per poi creare, comunicare e trasferire allo stesso le proprie offerte di valore 1. Questa definizione pone l accento su un aspetto peculiare del marketing, ovvero il rapporto tra impresa e mercato. Oggi, la gestione del rapporto tra impresa e mercato è fortemente caratterizzata dal rispetto delle nuove tendenze normative che impattano sempre di più le attività di marketing e dai cui le imprese non possono prescindere nell esercizio della loro attività. Ciò ha determinato, per alcuni operatori del settore, una visione minimalista della compliance, piuttosto che un opportunità da sfruttare. In prima analisi si rileva che, essendo numerosi gli ambiti sui quali le attività di marketing possono impattare, l ordinamento giuridico italiano è privo di un unica fonte normativa e di una vera a propria regolamentazione specifica della materia, ma al contrario, sussistono una pluralità di fonti che ne disciplinano i diversi aspetti. Il presente articolo, lungi dal voler avere una pretesa di esaustività e completezza, si pone l obiettivo di esaminare le principali normative applicabili al marketing che devono essere osservate dagli operatori economici anche per evitare i rischi connessi all irrogazione delle sanzioni previste. La pubblicità Tra i principali strumenti promozionali utilizzati per attuare le strategie di marketing un posto fondamentale è occupato dalla pubblicità. La pubblicità è uno strumento principalmente rivolto nei confronti dei consumatori. In tali casi, la disciplina applicabile è contenuta nel d. lgs. n. 206/2005 (Codice del Consumo) e in particolare dal Titolo III rubricato pratiche commerciali, pubblicità e altre informazioni commerciali relativo alle pratiche commerciali intercorrenti tra i professionisti e i consumatori 2. La pubblicità, proprio in considerazione dei soggetti quali si rivolge, è uno strumento che deve essere utilizzato in modo da non danneggiare gli interessi dei consumatori che hanno diritto ad un informazione corretta e non ingannevole per le scelte di consumo. Il Codice del Consumo definisce il concetto di pratica commerciale come qualsiasi azione, omissione, condotta o dichiarazione, comunicazione commerciale ivi compresa la pubblicità e la commercializzazione del prodotto, posta in essere da un professionista, in relazione alla promozione, vendita o fornitura di un prodotto ai consumatori (art. 18 comma 1 lett.d). Non sempre le pratiche commerciali sono veicolate dallo strumento pubblicitario per finalità di marketing. Lo sono soltanto quelle attività che mirano, attraverso strategie di mercato, a formulare delle valide offerte di valore per mantenere la propria clientela e attirare l interesse di nuovi consumatori. Il Codice del Consumo, con l art. 20, comma 1, sancisce un espresso divieto di esercizio delle pratiche commerciali scorrette che si applica a tutte le pratiche commerciali esercitate con ogni mezzo e con ogni forma, tra cui anche il marketing. Le pratiche scorrette sono quelle contrarie alla diligenza * Legale, Adjunct Professor MIP - Politecnico di Milano * * Legale 1 La definizione è tratta dal sito internet ufficiale dell American Marketing Association, rinvenibile al link: pages/definitionofmarketing.aspx. 2 Le pratiche commerciali di natura pubblicitaria per finalità di marketing sono definite come qualsiasi azione, omissione, condotta, dichiarazione o comunicazione commerciale, compresi la pubblicità e il marketing, posta in essere da un professionista. Tale definizione è tratta dal sito ufficiale dell Unione Europea, rinvenibile al link: Sistemi&Impresa N.1 - gennaio/febbraio 2013

2 professionale 3 o che sono false o idonee a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio 4. Le pratiche commerciali scorrette si dividono in ingannevoli 5 e aggressive 6. Con riferimento alla veicolazione dei messaggi pubblicitari, il Codice del Consumo precisa che le imprese devono prestare la massima attenzione al requisito della trasparenza ovvero della riconoscibilità del messaggio pubblicitario da parte del pubblico e, in generale, a tutte le disposizioni normative che si occupano specificamente di pubblicità. A titolo meramente esemplificativo: il Codice del Consumo considera una pratica commerciale ingannevole quella costituita dall impiego di contenuti redazionali nei mezzi di comunicazione per promuovere un prodotto, qualora i costi di tale promozione siano stati sostenuti dal professionista senza che ciò emerga dai contenuti o da immagini o suoni chiaramente individuabili per il consumatore ; il D. Lgs. 145/ ha lo scopo di tutelare i professionisti dalla pubblicità ingannevole e comparativa, stabilendo che la pubblicità deve essere palese, veritiera e corretta, oltre che chiaramente riconoscibile come tale. Ancora, la pubblicità a mezzo stampa deve essere distinguibile dalle altre forme di comunicazione al pubblico, con modalità grafiche di evidente percezione. il D. Lgs. n.177/2005, noto come testo unico dei servizi di media audiovisivi (ex testo unico della radiotelevisione) vieta la comunicazione commerciale audiovisiva occulta che si verifica Quando la presentazione orale o visiva di beni, di servizi, del nome, del marchio o delle attività di un produttore di beni o di un fornitore di servizi in un programma è fatta dal fornitore di servizi di media per perseguire scopi pubblicitari e possa ingannare il pubblico circa la sua natura. Tale presentazione si considera intenzionale, in particolare, quando è fatta dietro pagamento o altro compenso. In ambito televisivo è stato recentemente regolamentato l inserimento di prodotti, o product placament, definito all art. 2 comma 1 lett. ll) del d. lgs 177/2005 come ogni forma di comunicazione commerciale audiovisiva che consiste nell inserire o nel fare riferimento a un prodotto, a un servizio o a un marchio così che appaia all interno di un programma dietro pagamento o altro compenso 8. In relazione ai casi nei quali il product placement è consentito, l art. 40-bis T.U., introdotto a seguito di modifica con il d.lgs. 44/2010, stabilisce che l inserimento di prodotti è consentito nelle opere cinematografiche, in film e serie prodotti per i servizi media audiovisivi, in programmi sportivi e in programmi di intrattenimento leggero, con esclusione dei programmi per bambini. L inserimento può avvenire sia dietro corrispettivo monetario ovvero dietro fornitura gratuita di determinati beni e servizi, quali aiuti alla produzione e premi, in vista della loro inclusione all interno di un programma. Ai sensi dell art. 40-bis comma 2, i programmi all interno del quale vengono posizionati i prodotti devono, inoltre, soddisfare i seguenti presupposti: il loro contenuto e, nel caso di trasmissione televisive, la loro programmazione non devono essere in alcun caso 3 L Art. 18, comma 1, lett. h) Codice del Consumo definisce la diligenza professionale come il normale grado della specifica competenza ed attenzione che ragionevolmente i consumatori attendono da un professionista nei loro confronti rispetto ai principi generali di correttezza e di buona fede nel settore di attività del professionista. 4 L Art. 20, comma 2, Codice del Consumo, stabilisce che: Una pratica commerciale è scorretta se è contraria alla diligenza professionale, ed è falsa o idonea a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico, in relazione al prodotto, del consumatore medio che essa raggiunge o al quale è diretta o del membro medio di un gruppo qualora la pratica commerciale sia diretta a un determinato gruppo di consumatori. 5 Le pratiche commerciali ingannevoli si dividono a loro volta in: azioni ingannevoli attive definite come le pratiche che contengono informazioni non rispondenti al vero o, seppur di fatto corrette, in qualsiasi modo inducono o sono idonee ad indurre in errore il consumatore medio riguardo ad uno o più dei seguenti elementi e, in ogni caso, lo induce o è idonea a indurlo ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso ( ) (Art. 21, comma 1, Codice del Consumo), e azioni ingannevoli omissive definita come la pratica che tenuto conto di tutte le caratteristiche e circostanze del caso, nonché dei limiti del mezzo di comunicazione impiegato omette informazioni rilevanti di cui il consumatore medio ha bisogno in tale contesto per prendere una decisione consapevole di natura commerciale e induce o è idonea ad indurre in tal modo il consumatore medio ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso (Art 22 comma 1 Codice del Consumo ). 6 Le pratiche aggressive, sono definite, ai sensi dell art. 24 del Codice del Consumo, come quelle pratiche che con molestie, coercizione, ricorso alla forza fisica o indebito condizionamento limitano considerevolmente la libertà di scelta del consumatore che viene indotto ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso. 7 D.lgs. 2 agosto 2007 n. 145 (in Gazz. Uff., 6 settembre, n. 207) contiene disposizioni in materia di Attuazione dell'articolo 14 della direttiva 2005/29/CE che modifica la direttiva 84/450/CEE sulla pubblicità ingannevole. 8 Con particolare riferimento al contesto cinematografico, i product placement è stato invece regolamentato dal decreto legislativo del 22 gennaio 2004, n. 28 come integrato dal decreto ministeriale del 30 luglio In base a tale disciplina, applicabile esclusivamente ai film nazionali (restano esclusi i film stranieri nonché i telefilm, le fiction, gli sceneggiati televisivi, ed in generale le opere cinematografiche prodotte per il circuito televisivo) il product placement è da considerarsi legittimo esclusivamente nei casi in cui: la presenza di marchi sia palese, veritiera e corretta e sia integrata nello sviluppo dell azione; le inquadrature dei marchi e dei prodotti siano coerenti con il contesto narrativo; sia altresì inserito nei titoli di coda un idoneo avviso che renda nota la partecipazione delle ditte produttrici di detti marchi e prodotti ai costi di produzione del film. Sistemi&Impresa N.1 - gennaio/febbraio

3 influenzati in modo da compromettere la responsabilità e indipendenza editoriale del fornitore di servizi media; non incoraggiano direttamente l acquisto o la locazione di beni o servizi, in particolare facendo specifici riferimenti promozionali a tali beni o servizi; non danno indebito rilievo ai prodotti in questione; Lo scopo delle manifestazioni a premio è quello di favorire la conoscenza di prodotti, servizi, ditte, insegne, marchi o la vendita di determinati prodotti o la prestazione di servizi aventi, comunque, fini anche in parte commerciali. Qualora il programma nel quale sono inseriti prodotti è prodotto ovvero commissionato dal fornitore di servizi media audiovisivi ovvero da società da esso controllata, i telespettatori devono essere chiaramente informati dell esistenza dell inserimento di prodotti mediante avvisi all inizio e alla fine della trasmissione, nonché alla ripresa dopo un interruzione pubblicitaria (art. 40-bis comma 3). L art. 40-bis comma 5 specifica, infine, che la forma di comunicazione del product placement viene consentita e subordinata all adozione, da parte dei soggetti interessati i produttori, le emittenti, anche analogiche, le concessionarie di pubblicità e gli altri soggetti interessati di procedure di autoregolamentazione, che specifichino la declinazione applicativa dell inserimento dei prodotti. I documenti di autoregolamentazione devono essere comunicati all Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) che è chiamata a verificarne l attuazione. La pubblicità riceve inoltre una specifica regolamentazione dal d.lgs. 145/2007 con riferimento ai rapporti con le imprese ovvero alla tutela delle imprese nei loro rapporti commerciali. Viene in sostanza sanzionata la pubblicità che, risultando ingannevole, sia altresì idonea a pregiudicare il comportamento economico dei soggetti ai quali è rivolta, ovvero sia idonea a ledere un concorrente. La normativa in esame ha lo scopo di tutelare i professionisti dalla pubblicità ingannevole e dalle sue conseguenze sleali e di stabilire le condizioni di liceità della pubblicità comparativa. L art. 2, del decreto, contiene le definizioni di pubblicità ingannevole (lett. b) e pubblicità comparativa (lett. d). Per quanto riguarda la prima, si definisce ingannevole qualsiasi pubblicità che in qualunque modo, compresa la sua presentazione è idonea ad indurre in errore le persone fisiche o giuridiche alle quali è rivolta o che essa raggiunge e che, a causa del suo carattere ingannevole, possa pregiudicare il loro comportamento economico ovvero che, per questo motivo, sia idonea a ledere un concorrente ; per quanto riguarda, invece, la pubblicità comparativa la norma la definisce come qualsiasi pubblicità che identifica in modo esplicito o implicito un concorrente o beni o servizi offerti da un concorrente. Gli elementi per definire ingannevole la pubblicità sono stabiliti dall art. 3 d. lgs. 145/2007. Precisamente, si deve aver riguardo: alle caratteristiche dei beni o dei servizi; al prezzo o al modo in cui questo è calcolato e alle condizioni alle quali i beni o i servizi sono forniti; alla categoria, alle qualifiche e ai diritti dell operatore pubblicitario. Allo stesso modo, l art. 4 prevede le condizioni di liceità della pubblicità comparativa. Accanto alle norme sulla pubblicità, si evidenzia come anche altre iniziative promozionali ricevano una specifica regolamentazione da parte della normativa. Si consideri, ad esempio la normativa sulle manifestazioni a premio. Lo scopo delle manifestazioni a premio, come testualmente recita l art. 1 9, comma 1, del D.P.R. 430/2001 contenente disposizioni in materia di Regolamento concernente la revisione organica della disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio, nonché delle manifestazioni di sorte locali, ai sensi dell articolo 19, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449 è quello di favorire la conoscenza di prodotti, servizi, ditte, insegne, marchi o la vendita di determinati prodotti o la prestazione di servizi aventi, comunque, fini anche in parte commerciali. Le manifestazioni a premio si dividono in concorsi e operazioni a premio. I concorsi a premio sono le manifestazioni nelle quali l attribuzione dei premi offerti dipende dalla sorte o dall abilità dei candidati (in particolare, il concorso può prevedere che il vincitore sia designato meramente a sorte, oppure che quest ultimo possa interagire con la propria abilità all assegnazione del premio, come nel caso di adempiere per primi una determinata attività, rispondere esattamente a quesiti o eseguire lavori la cui valutazione è riservata a terze persone o a speciali commissioni). Le operazioni a premio sono invece le manifestazioni che prevedono un premio per tutti coloro che acquistano un determinato quantitativo di prodotti o servizi, e ne offrono la documentazione, raccogliendo e consegnando un certo numero di prove documentali di acquisto (anche su supporto 9 L art. 1, D.P.R. 430/2001 recita : i concorsi e le operazioni a premio di ogni specie, consistente in promesse di premi al pubblico dirette a favorire, nel territorio dello Stato, la conoscenza dei prodotti, dei servizi, ditte, insegne, marchi o la vendita di determinati prodotti o la prestazione di servizi aventi, comunque, fini anche in parte commerciali Sistemi&Impresa N.1 - gennaio/febbraio 2013

4 magnetico), nonché le offerte di un regalo a tutti coloro che acquistano o vendono un determinato prodotto o servizio. In relazione a queste tipologie di manifestazioni il D.P.R. 430/2001 definisce nel dettaglio i requisiti necessari per la loro organizzazione, quali, a titolo esemplificativo, la durata, i destinatari, i premi ammissibili, gli obblighi di preventiva comunicazione al Ministero dello Sviluppo economico, i requisiti del regolamento e del materiale pubblicitario, ecc. Anche in considerazione del recente inasprimento delle sanzioni il rispetto di questo regolamento è imprescindibile nel caso di organizzazione di una manifestazione premio. La protezione dei dati personali Cambiando decisamente l oggetto del discorso, tra le normative che sicuramente hanno un impatto rilevante rispetto alla gestione di attività di marketing vi è La nuova definizione di dato personale contiene ora esclusivamente qualunque informazione relativa a persona fisica, identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale. quella in materia di protezione dei dati personali (d.lgs. 196/2003). Occorre infatti considerare che al fine di poter pianificare al meglio le proprie strategie commerciali e pubblicitarie e così anche i propri servizi e prodotti offerti al pubblico, le imprese molto spesso avvertono l esigenza di conoscere quanto più possibile la propria clientela attuale e potenziale, i suoi gusti, le sue abitudini e necessità, anche per l effettuazione di campagne promozionali mirate (es. direct marketing). Il trattamento di dati personali per finalità di marketing deve ovviamente avvenire nel rispetto della complessa normativa di riferimento che ha da un lato il riferimento principale del Codice in materia di protezione dei dati personali, e dall altro si completa grazie ad un numeroso corpo di provvedimenti generali del Garante per la protezione dei dati personali. Senza poter in questa sede scendere nel dettaglio dei diversi adempimenti necessari al legittimo trattamento di dati personali per finalità di marketing, ci si limiterà ad alcune considerazioni in relazioni ad alcuni recenti aggiornamenti alla normativa che hanno un impatto di particolare rilievo. In primo luogo non può non farsi menzione dell importante novità introdotta nel d.lgs. 196/2003 dal Decreto Legge n. 201/2011, Disposizioni urgenti per la crescita, l equità e il consolidamento dei conti pubblici, noto come Decreto Salva Italia convertito con la legge del 22 dicembre 2011, n Il decreto in questione ha comportato la modifica della definizione di dato personale contenuta nel Codice escludendo dal suo ambito di applicazione i dati inerenti le persone giuridiche, enti e associazioni. La nuova definizione di dato personale contiene ora esclusivamente qualunque informazione relativa a persona fisica, identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale. L esclusione delle persone delle persone giuridiche dall applicazione del Codice non comporta, tuttavia, in relazione ad alcune attività di marketing il venir meno degli adempimenti precedentemente previsti dal Codice della privacy. Questo perché il legislatore con il d.lgs. 69/2012 ha ritenuto che parti del Codice in materia di protezione dei dati personali (in particolare il Titolo X relativo alle comunicazioni elettroniche) continuassero ad applicarsi anche alle persone giuridiche, gli enti e le associazioni. Con riferimento al direct marketing, per esempio, ai sensi dei commi 1 e 2 dell articolo 130 d.lgs. 196/2003 (come modificato dal d.lgs 69/2012), l uso di sistemi automatizzati di chiamata o di comunicazione, senza l intervento di un operatore, posta elettronica, telefax, Mms (Multimedia Messaging Service), Sms (Short Message Service) o messaggi di altro tipo, per l invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale è consentito con il consenso del contraente o utente. L articolo in questione prevede l obbligo del preventivo consenso nei confronti del contraente o dell utente, rispettivamente definiti come qualunque persona fisica, persona giuridica, ente o associazione parte di un contratto con un fornitore di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico per la fornitura di tali servizi, o comunque destinatario di tali servizi tramite schede prepagate e come qualsiasi persona fisica che utilizza un servizio di comunicazione elettronica accessibile al pubblico, per motivi privati o commerciali, senza esservi necessariamente abbonata. In sostanza il legislatore ha volontariamente inserito tali definizioni per fare in modo che le norme in questione rimanessero applicabili alle persone giuridiche enti e associazioni. Il registro delle oppisizioni In relazione al marketing effettuato mediante telefono e posta cartacea l articolo 130, comma 3 del d.lgs. 196/2003 prevede che ulteriori comunicazioni per le finalità di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale effettuate con mezzi diversi da quelli precedentemente elencati sono consentite con il consenso dell interessato (persona fisica) o qualora sia applicabile una causa di esclusione del consenso Sistemi&Impresa N.1 - gennaio/febbraio

5 oppure ai sensi di quanto previsto dall articolo 130 comma 3-bis d.lgs. 196/2003. Quest ultimo articolo prevede che il trattamento dei dati contenuti negli elenchi di contraenti (elenchi telefonici) mediante l impiego del telefono e della posta cartacea e per le finalità di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale è consentito nei confronti di chi non abbia esercitato il diritto di opposizione, con modalità semplificate e anche in via telematica, mediante l iscrizione della numerazione della quale è intestatario e degli altri dati personali, in un registro pubblico delle opposizioni (Le previsioni dell articolo 130 comma 3-bis si applicano anche alle persone giuridiche, enti o associazioni). L art. 130 comma 3-bis del Codice in materia di protezione dei dati personali fa riferimento a un altra novità recentemente introdotta in materia di direct marketing, ovvero il registro delle opposizioni istituito con il D.P.R. 78/2010 (ed esteso anche in riferimento alla posta cartacea dal d.l. 70/2011. Il registro delle opposizioni consente alle persone fisiche e giuridiche (meglio contraenti ) le cui numerazioni sono riportate negli elenchi telefonici di iscriversi per opporsi al trattamento delle medesime numerazioni effettuato mediante l impiego del telefono per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. Ciò comporta per le aziende che vogliono utilizzare le numerazioni o le informazioni contenute negli elenchi telefonici per effettuare attività di marketing mediante telefono o posta cartacea di verificare la presenza o meno del nominativo del destinatario nel registro delle opposizioni. Si sottolinea tuttavia che le norme generali sopra menzionate sono in realtà meglio declinate dalla normativa che in taluni casi prevede ulteriori obblighi e in altri eccezioni. Ciò che ne deriva, allo stato attuale, è un quadro normativo molto complesso che sta creando non poche preoccupazioni agli operatori del marketing. Senza contare che, con riferimento alle attività di marketing esistono specifiche norme e provvedimenti da considerare in materia di notificazione dei trattamenti al Garante per la protezione dei dati personali (es. per attività di analisi di abitudini e scelte di consumo), di fidelizzazione della clientela (es. emissione e utilizzo di carte fedeltà), di utilizzo di cookies, ecc. In conclusione, non è possibile non fare riferimento ad ulteriori ambiti normativi che devono essere tenuti in considerazione per la pianificazione di attività di marketing, ovvero quelle poste a tutela del diritto d autore e dei diritti connessi (l. 633/1941) della proprietà industriale (d.lgs. 30/2005) e della concorrenza (artt ss. del Codice Civile). Il diritto d autore e la proprietà industriale Sotto il primo profilo accade frequentemente che campagne promozionali o pubblicitarie prevedano l utilizzo di brani musicali, fotografie, brani di opere cinematografiche o letterarie al fine di renderli elementi costitutivi e qualificanti l ideazione pubblicitaria. Nella maggioranza dei casi si tratta di opere dell ingegno protette dalla legge sul diritto d autore. Questa legge attribuisce agli autori di un opera dell ingegno due ordini di diritti: i diritti morali d autore, inalienabili e perpetui, ed i diritti di utilizzazione economica, alienabili e di durata limitata. L utilizzo delle opere dell ingegno di carattere creativo tutelate dalla legge sul diritto d autore presuppone quindi una specifica autorizzazione del medesimo o del soggetto titolare dei diritti di sfruttamento economico. Ne segue che l utilizzo non autorizzato di opera dell ingegno all interno di una campagna pubblicitaria possa integrare sia la violazione dei diritti economici di sfruttamento dell opera, sia una violazione del diritto morale dell autore qualora sia ravvisabile una lesione all onore dello stesso, in relazione al tipo di prodotto o servizio reclamizzato, ai contenuti, toni e tecniche di realizzazione dello spot e dal modo in cui la musica interagisce nel contesto dello spot stesso 10. Il diritto d autore, inoltre, tutela anche l utilizzo dei ritratti di persone note (vietato nel caso in cui non sia stato prestato il consenso da parte della persona ritratta o, dopo la sua morte, dai soggetti legati ad esso da vincoli di parentela) e ulteriori diritti definiti connessi che devono essere tenuti in considerazione rispetto all utilizzo di un opera dell ingegno all interno di una campagna pubblicitaria; ci si riferisce, per esempio ai diritti del produttore di fonogrammi, ai diritti dei produttori di opere cinematografiche o audiovisive o sequenze di immagini in movimento ed ai diritti degli interpreti ed esecutori. Sotto il secondo profilo è indubbia l importanza nello svolgimento di attività di marketing del rispetto della disciplina della proprietà industriale con particolare riferimento alla tutela dei segni distintivi. La normativa di riferimento è contenuta nel Codice della Proprietà Industriale (d.lgs. n. 30/2005). Con specifico riferimento al segno distintivo di maggiore rilevanza, il marchio, si sottolinea come lo stesso abbia la funzione principale di contraddistinguere prodotti, servizi e imprese e rappresenta un importante strumento di comunicazione tra imprese e consumatori. Per i consumatori, i marchi costituiscono dei riferimenti in base ai quali attuare le proprie scelte di mercato, in quanto comunicano qualità, conoscenze, valori nonché informazioni aggiuntive e in parte anche non direttamente collegate al prodotto stesso. 10 Cass. Civile 29 maggio 2003, n Sistemi&Impresa N.1 - gennaio/febbraio 2013

6 L art. 20 del Codice della Proprietà Industriale attribuisce al titolare del marchio registrato, il diritto di usare, in modo esclusivo, il segno in funzione distintiva e di vietare ai terzi di utilizzare il segno in violazione dei propri diritti esclusivi. Da ciò ne deriva che la pianificazione di attività di marketing deve essere impostata in modo tale da non ledere i diritti sui marchi registrati da terzi (ed in generale sugli altrui segni distintivi), o sui quali non si possiedono licenze di utilizzo da parte dei legittimi titolari. Sotto questo profilo si rileva come l art. 22 del Codice della Proprietà industriale (unitarietà dei segni distintivi) stabilisca il divieto di adottare come ditta, denominazione o ragione sociale, insegna e nome a dominio di un sito usato nell attività economica o altro segno distintivo un segno uguale o simile all altrui marchio se, a causa dell identità o dell affinità tra l attività di impresa dei titolari di quei segni e i prodotti o servizi per i quali il marchio è adottato, possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico che può consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni. Il precedente divieto si estende all adozione come ditta, denominazione o ragione sociale, insegna e nome a dominio di un sito usato nell attività economica o altro segno distintivo di un segno uguale o simile ad un marchio registrato per prodotti o servizi anche non affini, che goda nello stato di rinomanza se l uso del segno senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio o reca pregiudizio agli stessi. Sotto il terzo profilo, si rileva come l art del Codice Civile stabilisca il principio generale in base al quale La concorrenza deve svolgersi in modo da non ledere gli interessi dell economia nazionale e nei limiti stabiliti dalla legge. Il successivo art specifica ulteriormente che, ferme le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi e dei diritti di brevetto, compie atti di concorrenza sleale chiunque: 1. usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l attività di un concorrente; 2. diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull attività di un concorrente, idonei a determinare il discredito o si appropria di pregi dei prodotti o dell impresa di un concorrente; 3. si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l altrui azienda. Il rispetto delle normative vigenti nelle attività di marketing può condurre anche ad un più alto livello di fiducia e credibilità La norma in esame si affianca a numerose norme specifiche con la quale si deve necessariamente coordinare, molte di esse sopra menzionate, quali, a titolo esemplificativo: il codice della proprietà industriale, la legge sul diritto d autore, il codice del consumo, il d.lgs. 145/2007 relativo alla pubblicità nei rapporti tra imprese e le normative antitrust. La dottrina e la giurisprudenza sono concordi nel ritenere la concorrenza sleale un illecito extracontrattuale. Rispetto all art c.c. ( Qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno ) l art c.c. prevede una diversa l intensità della tutela e diversi presupposti dell illecito (costituisce un atto di concorrenza sleale un attività contraria ai principi della correttezza professionale e idonea a danneggiare l altrui azienda). L illecito concorrenziale è generalmente qualificato come illecito di pericolo, essendo sufficiente la potenziale idoneità della condotta a generare un danno, non essendo invece necessario l effettivo verificarsi di un pregiudizio del destinatario. Sono stati, ad esempio, considerati atti di concorrenza sleale l imitazione servile, l uso di segni distintivi altrui (compreso il nome a dominio), atti denigrativi e comparativi illeciti, l appropriazione di pregi (quando l imprenditore attribuisce ai propri prodotti i pregi appartenenti esclusivamente a quelli di un concorrente orientamento maggioritario) la concorrenza parassitaria (imitazione sistematica e continuativa delle iniziative di un concorrente), la pubblicità ingannevole e le pratiche commerciali scorrette. Conclusioni In conclusione, seppur nella necessarie sintesi, appare con evidenza che gli operatori economici nell affrontare attività di marketing si trovano ad affrontare un panorama normativo variegato e complesso con i connessi rischi di incorrere in violazioni. La complessità del mercato e le forti interazioni tra gli attori che lo compongono, fanno dunque sempre di più emergere l importanza di considerare gli aspetti legali delle scelte aziendali, non solo in un ottica di protezione ma anche di opportunità. Il diritto gioca, e giocherà, negli anni a venire un ruolo sempre più importante all interno delle strategie di un azienda. Senza contare che il rispetto delle normative vigenti nelle attività di marketing può condurre anche ad un più alto livello di fiducia e credibilità, caratteristiche queste imprescindibili per far parte di un mercato caratterizzato da elevata interconnessione, comunicazione multicanale, numerosi concorrenti e un insieme di stakeholder sempre più ampio. Sistemi&Impresa N.1 - gennaio/febbraio

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

presentano un ciclo di seminari sul tema MINORI E NUOVE TECNOLOGIE IL FENOMENO DEL PRODUCT PLACEMENT: COMUNICAZIONE AZIENDALE E TUTELA DEI MINORI

presentano un ciclo di seminari sul tema MINORI E NUOVE TECNOLOGIE IL FENOMENO DEL PRODUCT PLACEMENT: COMUNICAZIONE AZIENDALE E TUTELA DEI MINORI LA DR. SSA ELEONORA CAMAIONI e IL DR SIMONE CALZOLAIO presentano un ciclo di seminari sul tema MINORI E NUOVE TECNOLOGIE IL FENOMENO DEL PRODUCT PLACEMENT: COMUNICAZIONE AZIENDALE E TUTELA DEI MINORI Simone

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE VI LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ COMMERCIALE ATTRAVERSO I MEZZI DI COMUNICAZIONE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Premessa ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA PUBBLICITÀ NEL FRANCHISING

LA PUBBLICITÀ NEL FRANCHISING LA PUBBLICITÀ NEL FRANCHISING PROF. AVV. ALDO FRIGNANI Professore di diritto privato dell Unione Europea, Università degli studi di Torino Frignani Virano & Associati studio legale, Torino www.studiofrignani.com

Dettagli

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D. LGS. N.

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D. LGS. N. PRIVACY POLICY Le presenti linee programmatiche di condotta relative alla disciplina della riservatezza e della privacy (la Privacy Policy ) si riferiscono al sito www.vision- group.it ed hanno ad oggetto

Dettagli

La normativa italiana

La normativa italiana La normativa italiana Qual è la normativa italiana riguardo a questi fenomeni? D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196 (Codice della privacy); D.Lgs 9 aprile 2003, n. 70 (Commercio elettronico); D.Lgs 6 settembre

Dettagli

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La legislazione italiana ha sempre dato attuazione alle Direttive Comunitarie nel campo della tutela dei consumatori anche se ha riscontrato in passato

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1 FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI di Avv. Luca Giacopuzzi 1 I programmi di fidelizzazione a favore della clientela costituiscono, essenzialmente, un operazione

Dettagli

La registrazione al Sito implica l accettazione da parte dell utente delle presenti Condizioni di Utilizzo dei Servizi.

La registrazione al Sito implica l accettazione da parte dell utente delle presenti Condizioni di Utilizzo dei Servizi. Dati Societari Note Legali Il presente sito (di seguito il Sito ) è realizzato da YYKK snc (www.yykk.com) e i contenuti sono gestiti da BAGNO BIANCONERO DI BERTOZZI GIUSEPPE & C. SNC con sede in VIA VENEZIA

Dettagli

1. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO

1. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con il decreto legislativo 196 del 30

Dettagli

INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI 6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI L IMPRESA è L ATTIVITA SVOLTA DALL IMPRENDITORE IN MODO PROFESSIONALE ED ORGANIZZATO DIVERSO è IL CONCETTO DI AZIENDA AZIENDA COMPLESSO DI BENI ORGANIZZATI DALL IMPRENDITORE

Dettagli

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico Decreto Ministro Poste e Telecomunicazioni 9 dicembre 1993, n. 581 Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico (G.U. n.8 del 12.1.1994) IL MINISTRO DELLE

Dettagli

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1 Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. 2012 Pagina 1 INDICE Sommario MISSION... 3 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2. PRINCIPI DEL CODICE

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI Privacy INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. N.196 del 30 Giugno 2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Gentile Signora, Egregio Signore, La

Dettagli

Pubblicità Sanitaria: linee guida inerenti l applicazione dell art. 48 del Codice Deontologico

Pubblicità Sanitaria: linee guida inerenti l applicazione dell art. 48 del Codice Deontologico Pubblicità Sanitaria: linee guida inerenti l applicazione dell art. 48 del Codice Deontologico 1. PREMESSA 1. Le presenti linee-guida, in attuazione dell art. 48 del Codice Deontologico 1, sono riferite

Dettagli

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro INTRODUZIONE Il presente documento detta le linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

SEZIONE I Disposizioni generali. Articolo 1 Definizioni. 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

SEZIONE I Disposizioni generali. Articolo 1 Definizioni. 1. Ai fini del presente regolamento si intende: Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite, di cui alla delibera n. 538/01/CSP del 26 luglio 2001 integrato dalle modifiche apportate dalle delibere nn. 250/04/CSP, 34/05/CSP, 105/05/CSP,

Dettagli

DELIBERA N. 538/01/CSP. Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite L AUTORITA

DELIBERA N. 538/01/CSP. Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite L AUTORITA DELIBERA N. 538/01/CSP Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite L AUTORITA NELLA riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del 25 luglio 2001 e in particolare nella

Dettagli

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L.

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. Codice Etico Indice 1. Missione e valori...1-2 2. Regole generali...3 2.1 Osservanza delle regole generali e comportamento etico.3 2.2 Esclusività...4 3. Responsabilità...4

Dettagli

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione ed uso del marchio Art. 2

Dettagli

COMUNE DI NOVATE MILANESE - PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI NOVATE MILANESE - PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI NOVATE MILANESE - PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 12

Dettagli

CRAL ALENIA SPAZIO TORINO

CRAL ALENIA SPAZIO TORINO CRAL ALENIA SPAZIO TORINO Privacy INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. N.196 del 30 Giugno 2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Gentile Signora,

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003 INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003 GLOBAL HUMANITARIA ITALIA ONLUS con sede in Viale Monza 59-20125 Milano, in qualità di "titolare"(1) del trattamento(2) dei dati

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo I SEGNI DISTINTIVI: IL MARCHIO I SEGNI DISTINTIVI DELL IMPRENDITORE Presupposto della possibilità che la concorrenza

Dettagli

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione Codice di condotta Titolo I. Oggetto e campo di applicazione 1. Definizione Il codice di condotta contiene l insieme dei principi e delle regole che orientano e guidano il comportamento del Formatore nell

Dettagli

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti MARCHIO e BREVETTO Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016 DIRITTO DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Diritto della proprietà intellettuale ( in senso stretto ) -

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI

LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI Con l accesso all Area Riservata Fornitori Qualificati (l Area ), l Utente accetta integralmente i seguenti termini e condizioni di utilizzo (le Condizioni

Dettagli

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Codice Civile Libro Quinto Del lavoro Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Art. 2569. Diritto di esclusività. Chi ha registrato nelle forme stabilite dalla legge un nuovo marchio idoneo

Dettagli

IL VINO, L ETICHETTA E LA SUA TUTELA. Non c è dubbio che, negli ultimi tempi, il packaging (ovvero

IL VINO, L ETICHETTA E LA SUA TUTELA. Non c è dubbio che, negli ultimi tempi, il packaging (ovvero IL VINO, L ETICHETTA E LA SUA TUTELA Non c è dubbio che, negli ultimi tempi, il packaging (ovvero etichette e contenitori) ha rivestito sempre più un ruolo fondamentale nel fenomeno vino. Come evidenziato

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DEI DISPOSITIVI MEDICI, DEL SERVIZIO FARMACEUTICO E DELLA SICUREZZA DELLE

Dettagli

P R O V I N C I A A U T O N O M A D I T R E N T O. BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DEL «PREMIO ArtiGIANO» Articolo 1

P R O V I N C I A A U T O N O M A D I T R E N T O. BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DEL «PREMIO ArtiGIANO» Articolo 1 P R O V I N C I A A U T O N O M A D I T R E N T O BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DEL «PREMIO ArtiGIANO» Articolo 1 Il «Premio ArtiGIANO» è riservato ad imprese che nel biennio 2010/2011 si sono

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011

CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011 CODICE ETICO Approvato dai membri del CDA a ottobre 2011 2 Premessa Con il la Belli S.r.l. vuole creare una sorta di carta dei diritti e doveri morali che definiscono la responsabilità etico-sociale di

Dettagli

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo NOTE LEGALI L uso dei materiali e dei servizi della Piattaforma Sicuramentelab è regolamentato dal seguente accordo. L uso del sito costituisce accettazione delle condizioni riportate di seguito. 1. Definizioni

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.CASATASSO.COM NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT

WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza

Dettagli

Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE

Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE TITOLO I. P R I N C I P I G E N E R A L I 4. ART. 1 - Finalità Il presente codice deontologico contiene norme comportamentali finalizzate a qualificare

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 30 aprile 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014)

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014) SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Dipartimento di Prevenzione S.C. Attività giuridico- amministrative del Dipartimento di Prevenzione e Trasparenza dei

Dettagli

NORMATIVA SULLA PRIVACY

NORMATIVA SULLA PRIVACY NORMATIVA SULLA PRIVACY Il presente codice si applica a tutti i siti internet della società YOUR SECRET GARDEN che abbiano un indirizzo URL. Il documento deve intendersi come espressione dei criteri e

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com DAL MARCHIO AL BRAND CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014 Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com PROGRAMMA - Il brand come segno distintivo - Il marchio come cardine del sistema dei segni

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Regolamento del contest

Regolamento del contest Regolamento del contest Art. 1 -Soggetto promotore e finalità 1.1 Il soggetto promotore del contest Artisticamente è CIERRECI Srl, con sede in Cassino (FR), via San Pasquale 14-03043. 1.2 Il contest è

Dettagli

REGOLAMENTO CONTEST GIULIETTA: GET GOING

REGOLAMENTO CONTEST GIULIETTA: GET GOING REGOLAMENTO CONTEST GIULIETTA: GET GOING 1.! SOCIETA PROMOTRICE La società promotrice del contest GIULIETTA: GET GOING (di seguito il Contest ) è FCA Italy spa, P. Iva 07973780013, con sede legale in Corso

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA PER L OFFERTA DEI SERVIZI A SOVRAPPREZZO E LA TUTELA DEI MINORI

CODICE DI CONDOTTA PER L OFFERTA DEI SERVIZI A SOVRAPPREZZO E LA TUTELA DEI MINORI CODICE DI CONDOTTA PER L OFFERTA DEI SERVIZI A SOVRAPPREZZO E LA TUTELA DEI MINORI Premesso che: 1. gli operatori di comunicazioni mobili riconoscono l importanza di informare in maniera trasparente ed

Dettagli

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ASSOCIAZIONE DOTTORI E RAGIONIERI COMMERCIALISTI Tivoli, 18.11.2009 Relatore dott. Enrico Crisci Il nome "deontologia" deriva dal greco

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

1. Organizzatore e oggetto del concorso 1.1 Organizzatore. 1.2 Oggetto del concorso. 2. Obiettivi e contenuti. Regolamento

1. Organizzatore e oggetto del concorso 1.1 Organizzatore. 1.2 Oggetto del concorso. 2. Obiettivi e contenuti. Regolamento 1. Organizzatore e oggetto del concorso 1.1 Organizzatore Organizzatore del Premio Innovazione ITAS è ITAS MUTUA con sede in Piazza delle Donne Lavoratrici, 2 38123 Trento, rappresentato dal Direttore

Dettagli

1. ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI GENERALI

1. ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI GENERALI 1. ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI GENERALI Il presente Sito è gestito da Saint-Gobain PPC Italia S.p.A. con sede in Via Romagnoli 6, 20146 Milano MI (Italia). Saint-Gobain PPC Italia S.p.A appartiene al

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

http://www.sabart.it

http://www.sabart.it Via Zoboli,18-42124 Reggio Emilia - Italy Tel. +39 0522 508511 Fax. +39 0522 514542 Web: www.sabart.it e-mail: info@sabart.it PEC: sabartsrl@legalmail.it Oggetto: Informativa per il sito web In questa

Dettagli

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro

Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico. dott.ssa Paola D Alessandro Le nuove linee guida della pubblicità dei dispositivi medici al pubblico dott.ssa Paola D Alessandro 1 La Direzione generale sta procedendo alla modifica delle linee guida del 2010 riguardo all utilizzo

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

SIM CARD RICARICABILE HOPTEL ATTIVAZIONE SIM CARD - ATTIVAZIONI MULTIPLE

SIM CARD RICARICABILE HOPTEL ATTIVAZIONE SIM CARD - ATTIVAZIONI MULTIPLE SIM CARD RICARICABILE HOPTEL ATTIVAZIONE SIM CARD - ATTIVAZIONI MULTIPLE Il presente modulo deve essere SEMPRE allegato al modulo di identificazione debitamente compilato e sottoscritto. INFORMATIVA AI

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli

Ai fini della corretta lettura ed interpretazione delle presenti condizioni generali si considerano

Ai fini della corretta lettura ed interpretazione delle presenti condizioni generali si considerano CONDIZIONI GENERALI SITO INTERNET Ai fini della corretta lettura ed interpretazione delle presenti condizioni generali si considerano convenzionalmente applicabili le seguenti definizioni: VDA NET S.R.L.,

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.2008 e successive modiche e integrazioni TRATTAMENTO DEI DATI NELLE ISTITUZIONI

Dettagli

LA PRIVACY DI QUESTO SITO

LA PRIVACY DI QUESTO SITO LA PRIVACY DI QUESTO SITO 1) UTILIZZO DEI COOKIES N.B. L informativa sulla privacy on-line deve essere facilmente accessibile ed apparire nella pagina di entrata del sito (ad esempio mediante diciture

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL MANIFESTO DEL PADOVA STREET SHOW

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL MANIFESTO DEL PADOVA STREET SHOW 9-10-11-12 GIUGNO 2016 BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL MANIFESTO DEL PADOVA STREET SHOW www.padovastreetshow.com Organizzazione: Associazione Culturale Street Film Via Giobatta Valvasori 4/A CAP 35124 Padova

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Prescrizioni per il trattamento di dati personali per finalità di marketing, mediante l'impiego del telefono con operatore, a seguito dell'istituzione del registro pubblico delle opposizioni - 19 gennaio

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle imprese Roma, 29 settembre 2014, prot.

Dettagli

LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO WEB

LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO WEB LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO WEB Premesse Con il presente documento la Scamper Srl, con sede in (59100) Prato, via Rimini, 27, titolare del sito www.scamper.it, intende dare notizia sulle modalità

Dettagli

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica.

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. di Leda Rita Corrado (*) Riferimenti: Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa

Dettagli

PROPRIETA INTELLETTUALE

PROPRIETA INTELLETTUALE NOTE LEGALI L accesso e la fruizione del presente sito da parte degli utenti è subordinato all accettazione dei termini e delle condizioni di cui alle presenti note legali, di cui l utente prende atto.

Dettagli

EMANUELE MONTELIONE. Come si costruisce una strategia attraverso i marchi: analisi di alcuni marchi famosi e di alcune strategie esemplari

EMANUELE MONTELIONE. Come si costruisce una strategia attraverso i marchi: analisi di alcuni marchi famosi e di alcune strategie esemplari EMANUELE MONTELIONE Come si costruisce una strategia attraverso i marchi: analisi di alcuni marchi famosi e di alcune strategie esemplari 27 Gennaio 2014 Centro Congressi - Fiera di Cagliari PROGRAMMA

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

Oggetto: Informativa per il sito web

Oggetto: Informativa per il sito web Oggetto: Informativa per il sito web In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta dell informativa

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto

La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto Padova, 22 Novembre 2012 Studio Legale Seno Francini & Partners Avv. Fabrizio Seno Avv. Gherardo Piovesana OPERE DELL INGEGNO DA

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli