UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA E AMBIENTALE LABORATORIO DI IDRAULICA URBANA VISID

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA E AMBIENTALE LABORATORIO DI IDRAULICA URBANA VISID"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA E AMBIENTALE LABORATORIO DI IDRAULICA URBANA VISID CODICE DI CALCOLO PER LA VERIFICA IDRAULICA DEI SISTEMI IDRAULICI IN PRESSIONE MANUALE D USO A cura di: - Dr. Ing. Laura Bornatici - Prof. Ing. Carlo Ciaponi - Prof. Ing. Sergio Papiri Maggio 2005

2 VISID (versione.) Autore del software: Dr. Ing. Paolo Sanna Impostazione scientifica: Proff. Ingg. Carlo Ciaponi e Sergio Papiri Università di Pavia AVVERTENZE: Questo software è utilizzabile a titolo gratuito e non può essere rivenduto. Nonostante questo software sia stato provato e controllato con cura, gli autori non possono formulare alcuna garanzia, né espressa, né implicita per quanto riguarda le sue prestazioni e la sua idoneità per un qualunque scopo. L utilizzatore si assume pertanto l intero rischio per quanto riguarda la qualità delle prestazioni e dei risultati ottenuti. 2

3 INDICE PREMESSA. 4 2 RICHIAMI TEORICI POSIZIONE DEL PROBLEMA 4 2 Tipologia delle reti 4 22 Definizione degli elementi costituenti la rete 5 23 Schema dell erogazione 5 24 Convenzione di segno delle portate circolanti nei tronchi 6 25 Definizione delle variabili utilizzate 6 26 Relazione fra i numeri degli elementi che costituiscono la rete 6 27 Formule di resistenza idraulica 7 28 Il problema della verifica idraulica PROCEDURA DI CALCOLO Formule risolutive. 9 3 DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA DI CALCOLO MODELLO IDRAULICO 0 3 I lati (o tronchi) I nodi I nodi di alimentazioni della rete 4 4 USO DEL PROGRAMMA INSTALLAZIONE CREAZIONE DEL FILE DI INPUT Gruppo lati Gruppo nodi Gruppo nodi di alimentazione Gruppo caratteristiche idrauliche Gruppo tipi di alimentazione Gruppo coefficienti Gruppo lati disattivati ESECUZIONE DEL PROGRAMMA MESSAGGI DI ERRORE 24 3

4 PREMESSA In questo manuale è descritto un programma di calcolo per la verifica idraulica delle reti di distribuzione idrica, anche con maglie chiuse. Nel programma, sviluppato presso il Laboratorio di Idraulica Urbana del Dipartimento di Ingegneria Idraulica dell Università di Pavia nell ambito della Tesi di Laurea dell Ing. Paolo Sanna, è implementata una procedura di calcolo basata sul noto metodo di H. Cross, estesa al caso generale in cui la rete è alimentata in più punti, anche mediante impianti di pompaggio. Il programma, a differenza di molti altri codici esistenti, è in grado di trattare l erogazione all utenza, non solo con lo schema di erogazione concentrata nei nodi, ma anche con quello di erogazione distribuita lungo il tronco. Il programma consente inoltre di trattare impianti di pompaggio in linea e perdite di carico localizzate dovute a dispositivi di strozzamento. Il programma denominato VISID (Verifica Idraulica di Sistemi Idraulici Distributori) fa parte del materiale didattico messo gratuitamente a disposizione degli studenti nell ambito di alcuni insegnamenti impartiti presso la Facoltà di Ingegneria dell Università di Pavia. 2 RICHIAMI TEORICI Nel seguito sono richiamati alcuni concetti teorici riguardanti il problema della verifica idraulica di una rete di distribuzione idrica ed è sinteticamente descritta la procedura implementata nel programma di calcolo. 2. Posizione del problema 2 Tipologia delle reti Dal punto di vista topologico le reti si distinguono in: - reti ramificate o aperte: presentano una struttura ad albero ramificato, cioè senza circuiti chiusi, così che il percorso fra ogni punto di alimentazione e ogni punto di erogazione è univocamente determinato; - reti a maglie chiuse (o reticolari): i vari tronchi della rete sono fra loro connessi mediante circuiti chiusi, così che fra ogni punto di alimentazione e ogni punto di erogazione esistono più percorsi possibili; - reti miste: sono costituite da una o più parti a maglie chiuse e da una o più parti ramificate. Figura 2- Schemi topologici delle reti P. Sanna (996) Verifica idraulica di sistemi idraulici distributori Implementazione di un codice di calcolo Tesi di Laurea, Facoltà di Ingegneria dell Università di Pavia. 4

5 22 Definizione degli elementi costituenti la rete Gli elementi costituenti la rete sono: - lato o tronco: insieme di condotte fra loro connesse che costituiscono un elemento con caratteristiche uniformi per quanto riguarda: diametro, materiale, portata circolante (o erogata lungo il percorso); - nodo: punto di connessione di due o più tronchi, o punto di estremità in cui il tronco non si connette ad altri tronchi; - maglia: insieme di tronchi fra loro connessi in un circuito chiuso; - maglia elementare: maglia che non contiene altri circuiti chiusi al suo interno. 23 Schema dell erogazione Nel programma VISID l erogazione all utenza può essere schematizzata nei due seguenti modi: ) portate distribuite uniformemente lungo i tronchi Le portate erogate all utenza, che sono distribuite in modo irregolare lungo un tronco, vengono distribuite in modo uniforme lungo il tronco stesso. Con questa ipotesi la portata circolante nel tronco varia da sezione a sezione. Ogni tronco è caratterizzato dai due valori di portata q e q 2 che transitano in corrispondenza dei due nodi di estremità. Figura 2-2 Schema dell erogazione: portate uniformemente distribuite lungo i tronchi 2) portate concentrate nei nodi Le portate erogate all utenza, che sono distribuite in modo irregolare lungo un tronco, vengono concentrate nei nodi di estremità del tronco stesso. In generale, la portata totale erogata lungo il tronco è ripartita in parti uguali fra i due nodi. Con questa schematizzazione, le portate circolanti in ogni tronco sono costanti. Ogni tronco è quindi caratterizzato da una portata circolante costante q = q = q 2. Figura 2-3 Schema dell erogazione: portate concentrate nei nodi 5

6 24 Convenzione di segno delle portate circolanti nei tronchi Nel programma VISID le portate circolanti nel tronco sono definite attraverso i valori q e q 2 che esse assumono nei nodi di estremità, rispettivamente indicati con N e N2 (nello schema con erogazione concentrate nei nodi q = q 2. ) Quale dei due nodi debba essere indicato con N e quale con N2 rappresenta una scelta arbitraria dell utente (per i sistemi ramificati nei quali il verso di percorrenza dell acqua è univocamente fissato, si consiglia di indicare con N il nodo di monte e con N2 il nodo di valle). Una volta definiti, per ciascun tronco, N e N2, la convenzione di segno per q e q 2 è la seguente: - q = portata del tronco nel nodo N: positiva se entra nel tronco; - q 2 = portata del tronco nel nodo N2: positiva se esce dal tronco; Figura 2-4 Convenzione di segno per le portate circolanti nei tronchi 25 Definizione delle variabili utilizzate Le variabili utilizzate nella trattazione che segue sono: - L = numero dei lati - N = numero dei nodi - M = numero delle maglie elementari - i = indice del generico lato (i =, L) - j = indice del generico nodo (j =, N) - k = indice della generica maglia elementare (k =, M) - Q j = portata concentrata nel j-esimo nodo [l/s] (positiva se entrante; negativa se uscente) - z j = quota geometrica del j-esimo nodo [m] riferita ad un sistema comune (z = 0) - H j = quota piezometrica del j-esimo nodo [m] riferita al un sistema comune (z = 0) - p j = pressione del j-esimo nodo = H j - z j [m] - Y j = valore minimo della pressione [m] che va garantito al j-esimo nodo - l l = lunghezza dell i-esimo lato [m] - q i = portata circolante nell i-esimo lato (in una qualsiasi sezione) [l/s] - q i = portata circolante nell i-esimo lato in corrispondenza del nodo N [l/s] - q 2i = portata circolante nell i-esimo lato in corrispondenza del nodo N2 [l/s] - D i = diametro interno dell i-esimo lato [mm] 26 Relazione fra i numeri degli elementi che costituiscono la rete Fra i numeri degli elementi (lati, nodi, maglie elementari) che costituiscono una rete, qualunque sia la sua configurazione topologica, esiste la seguente relazione: L = N + M - () 6

7 27 Formule di resistenza idraulica Per il calcolo delle perdite di carico, in questa versione, il codice di calcolo VISID consente solo l utilizzo di espressioni monomie (peraltro di comune applicazione in Italia) che, per una tubazione percorsa da una portata q costante lungo il percorso, hanno una formulazione del tipo: J i a i d i q = b (2) D nella quale J i rappresenta la cadente piezometrica [m/m] del lato i-esimo e a, b e d sono parametri che dipendono dal tipo di materiale costituente la condotta (vedi Tab. 2.). Per il tronco i-esimo con portata q costante, la perdita di carico H è quindi esprimibile nel seguente modo: H a qi a i = s i b li = si ri q d i (3) Di nella quale: - s = indicatore di segno della portata (s = + se q > 0; s = - se q < 0) - r = perdita di carico per unità di portata (r = b l/ D d ) Formula Tipo di materiale b a d De Marchi-Marchetti Acciaio con rivestimento 0,000983,8 4,80 bituminoso interno a spessore Scimemi-Veronese Acciaio senza saldatura semplicemente 0,00456,82 4,7 bitumato DN 400 mm Orsi Acciaio saldato semplicemente 0,000986,83 4,87 bitumato DN 400 mm Scimemi Fibrocemento e ghisa sferoidale con 0,000984,78 4,78 rivestimento interno cementizio Datei-Marzolo PVC PEad PRFV 0,000944,80 4,80 Tabella 2. - Formule di resistenza di tipo monomio Per i tronco i-esimo con portata distribuita lungo il percorso, la perdita di carico H è invece esprimibile nel seguente modo: i a+ 2i a+ q i q2i Hi = ri (4) q q ( a + ) 7

8 28 Il problema della verifica idraulica La verifica idraulica di un sistema di distribuzione idrica, di cui è nota la geometria e alcune condizioni di alimentazione, consiste nel calcolare, per una prefissata configurazione di portate erogate, la configurazione delle portate transitanti nei tronchi e le quote piezometriche nei nodi e ciò al fine di accertare che queste assumano valori conformi ai requisiti richiesti. Sia assegnata una rete di cui si conosce la struttura topologica; per una maggiore semplicità della trattazione si assuma l ipotesi che essa sia alimentata in un unico nodo (individuato con la numerazione ) con un carico iniziale definito H e si schematizzi l erogazione all utenza con portate concentrate nei nodi. Con queste ipotesi il problema della verifica idraulica si pone nel seguente modo: A) dati del problema: - dati relativi alla rete: L, N, M - dati relativi ai lati: l i, D i, a i, b i, d i (i =,L) - dati relativi ai nodi: H, Q j, z j (j =,N) B) incognite del problema: - incognite relative ai tronchi: q i (i =,L) ---- il numero delle incognite è L - incognite relative ai nodi: H j (j = 2, N) ---- il numero delle incognite è N- C) equazioni disponibili: - equazioni di continuità ai nodi: i j q + Q = 0 (5) nella quale la sommatoria è estesa ai tronchi confluenti nel j-esimo nodo e i segni delle portate q i sono assunti con la stessa convenzione di segno delle portate Q j ; le equazioni (5) possono essere scritte per ogni nodo, ma quelle indipendenti sono pari a N-. - equazioni del moto per i tronchi: H = H H = s r q (6) N N2 a le equazioni (6) possono essere scritte per ogni tronco e quindi sono pari a L D) bilancio fra incognite ed equazioni Il numero delle incognite è pari a L + N ; il numero delle equazioni è pari a L + N ; ne consegue che il problema è idraulicamente determinato. Si può dimostrare che il problema ammette un unica soluzione, cioè che esiste un unica configurazione di portate circolanti nella rete (e corrispondentemente un unica configurazione di quote piezometriche nei nodi) che soddisfa il sistema di equazioni (5) e (6). E) separazione del problema di verifica in due fasi Alcune procedure adottate per la verifica idraulica di sistemi idrici (ad esempio quella di H. Cross implementata in VISID) anziché risolvere con un unico calcolo il sistema formato dalle equazioni (5) e (6), scindono il problema in due parti: ) determinazione delle portate q i circolanti nella rete; 2) calcolo delle quote piezometriche H j nei nodi. 8

9 Il calcolo delle portate q i (in numero di L) può avvalersi delle equazioni di continuità (5) che però, essendo in numero di N-, non sono sufficienti a rendere determinato il problema. Si riconosce, in base alla () che per rendere determinato il problema, servono ulteriori M equazioni. A tal fine, possono essere adottate, in base al principio di unicità della quota piezometrica in un nodo 2, le M equazioni di bilanciamento dei carichi sulle maglie: H i = 0 (7) nella quale la sommatoria è estesa a tutti i tronchi che costituiscono la maglia. Una volta calcolata la configurazione delle portate, è immediato calcolare, attraverso le (6) le quote piezometriche dei nodi H j, a partire da quella nota nel nodo. 2.2 Procedura di calcolo La procedura di calcolo implementata nel programma VISID si riconduce al noto metodo di H. Cross che consiste nell operare su una configurazione di portate arbitraria, ma congruente con le equazioni di continuità (5), una serie di correzioni che conducano ad una distribuzione equilibrata, ovvero in grado di soddisfare le equazioni (7). Le correzioni vengono apportate facendo circolare in ciascuna delle M maglie una portata correttiva pari a: Hi Hi q k = = (8) Hi Si q i nella quale le sommatorie sono estese ai tronchi appartenenti alla maglia. Il procedimento viene iterato fin a quando in ogni maglia lo sbilanciamento [numeratore della (8)] non assume un valore sufficientemente piccolo Formule risolutive Gli elementi delle sommatorie ( H i e S i ) rappresentati nella (8) assumono una diversa formulazione, a seconda della tipologia degli elementi tronco per i quali vengono calcolati (per una descrizione degli elementi tronco vedi successivo punto 3) a) tronchi di solo trasporto a H = s r q (9) a S = a r q (0) 2 Il principio di unicità della quota piezometrica in un nodo di un sistema a maglie chiuse esprime il concetto che in un qualsiasi nodo la quota piezometrica, calcolata a partire da un altro nodo a quota piezometrica nota, assume identico valore, qualsiasi sia la successione di tronchi (percorso) utilizzata per il calcolo. 9

10 b) tronchi con erogazione distribuita uniformemente sulla lunghezza H = r q a+ q q q 2 2 a+ ( a + ) () a a q σ q 2 S = r (2) q q 2 (σ = + se q e q 2 hanno segno concorde; σ = - in caso contrario) c) tronchi sui quali la differenza di carico è costante (tronchi fittizi) H = cos t. (3) S = 0 (4) d) tronchi con aumento del carico secondo una curva caratteristica (impianti di pompaggio in linea) HT 2 HT H = HT + ( ) q QP (5) QP2 QP HT HT QP QP 2 S = (6) 2 In queste espressioni QP, HT e QP 2, HT 2 rappresentano gli estremi del segmento rettilineo (Portate QP Prevalenze HT) con cui viene approssimata la curva caratteristica della pompa per portate di funzionamento comprese fra QP e QP 2. 3 DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA DI CALCOLO 3. Modello idraulico Il modello idraulico adottato dal programma opera su uno schema di rete descritto attraverso: - lati (o tronchi); - nodi; - punti di alimentazione. 3 I lati (o tronchi) I lati (o tronchi) possono essere utilizzati per rappresentare le seguenti situazioni: - Tubazioni con servizio di solo trasporto Si tratta dei lati della rete che, o perché svolgono unicamente una funzione di trasporto, o perché l erogazione da essi effettuata è stata schematizzata attraverso portate concentrate nei nodi, sono caratterizzati da portate transitanti q costanti lungo il tratto. Per questi tronchi la perdita di carico H è calcolata con la relazione: 0

11 a q a H = s b l = s r q (7) d D nella quale: - s = indicatore di segno della portata (s = + se q > 0; s = - se q < 0) - r = perdita di carico per unità di portata (r = b l/ D d ) - l = lunghezza del lato [m] - D = diametro interno della tubazione[m] - b, a, d = coefficiente ed esponenti della formula di resistenza dipendenti dal tipo e dallo stato del materiale costituente la condotta. Il programma consente di adottare per ogni tronco qualsiasi valore dei parametri a, b, d. E inoltre possibile utilizzare, per ogni tronco, un diverso coefficiente amplificativo C a delle perdite di carico, così da tenere in conto situazioni particolarmente tormentate per presenza di pezzi speciali, saracinesche, diramazioni e allacci, o per eventuali deterioramenti delle pareti interne delle tubazioni dovute all azione del liquido e al loro invecchiamento. Il verso assunto convenzionalmente come positivo (ai fini dell attribuzione e/o dell interpretazione del segno della portata e della conseguente perdita di carico) è quello che va dal nodo assunto come iniziale N al nodo assunto come finale N2. L utente, in fase di descrizione della rete e di approntamento del file di input, può scegliere indifferentemente a quale dei due nodi di estremità attribuire le funzioni di nodo iniziale N. Per i sistemi ramificati nei quali il verso di percorrenza dell acqua è univocamente fissato, si consiglia di indicare con N il nodo di monte e con N2 il nodo di valle. Figura 3- Tronchi con servizio di solo trasporto - Tubazioni con erogazione uniforme lungo il percorso: Si tratta dei lati della rete per i quali l erogazione all utenza è stata schematizzata come uniformemente distribuita lungo il tronco stesso e che quindi sono caratterizzati da portate transitanti q variabili con continuità lungo il tratto. Per questi tronchi la perdita di carico H è calcolata con la relazione: H = r q q a+ q q 2 2 a+ ( a + ) (8) nella quale, oltre ai simboli già spiegati per la (7): - q = portata del tronco nel nodo N (positiva se entra nel tronco) - q 2 = portata del tronco nel nodo N2 (positiva se esce dal tronco).

12 E facile riconoscere dalla (8) che il segno della perdita di carico è concorde con quello della portata q o q 2 con valore assoluto maggiore. Anche per questi tronchi è possibile adottare valori diversi dei parametri della formula di resistenza e moltiplicare le perdite di carico per un coefficiente amplificativo C a. Figura 3-2 Tronchi con erogazione uniformemente distribuita lungo il percorso - Perdite di carico localizzate (dispositivi di strozzamento) Il programma VISID consente di tenere in conto, nella verifica idraulica, di perdite di carico localizzate che si verificano in dispositivi di strozzamento (valvole, saracinesche, rubinetti) e che sono valutabili con l espressione: 2 V H = 2g m C (9) c 2 nella quale: - V = velocità media della corrente nella condotta non strozzata - m = rapporto di apertura della saracinesca = A /A essendo A l area della luce lasciata libera dal dispositivo e A l area della sezione piena del tubo (m = per dispositivo completamente aperto; m = 0 per dispositivo completamente chiuso) - C c = coefficiente di contrazione, assunto pari a 0,6. Nel programma il dispositivo di strozzamento viene introdotto come un tronco equivalente avente le seguenti caratteristiche geometriche ed idrauliche: - l = lunghezza = m - - D A m C c = (20) m C c b = (2) 2 g C a - a = 2 ; d = 2 Tutti gli elementi sopra elencati devono essere introdotti nel file di input direttamente dall utente che deve preliminarmente calcolare i valori di D e di b mediante le relazioni (20) e (2). 2

13 Figura 3-3 Dispositivi di strozzamento - Aumento di carico localizzato (pompe in linea) Il programma VISID consente di tenere in conto, nella verifica idraulica, di incrementi di carico localizzati attuati mediante impianti di pompaggio inseriti in linea. Ogni eventuale impianto di pompaggio in linea è descritto attraverso la sua curva caratteristica (Portate QP Prevalenze HT) 3 e l indicazione del verso del pompaggio (dal nodo N al nodo N2). L incremento del carico H (negativo in quanto di segno opposto rispetto alle normali perdite di carico) è calcolato con l espressione: HT 2 HT H = HT + ( ) q QP (22) QP2 QP nella quale QP, HT e QP 2, HT 2 rappresentano gli estremi del segmento rettilineo con cui viene approssimata la curva caratteristica della pompa per portate di funzionamento comprese fra QP e QP 2. Figura 3-4 Impianti di pompaggio in linea - Tronchi fittizi Per tronco fittizio si intende un collegamento fittizio fra due nodi, caratterizzato da una differenza di quota piezometrica costante tra i suoi estremi. 3 La curva caratteristica viene approssimata con una spezzata e inserita nel file dei dati attraverso 6 coppie di coordinate portata QP, prevalenza HT ). 3

14 Questo elemento è usato, in casi molto particolari, quando sia necessario fissare la quota piezometrica in un nodo sommando algebricamente un valore costante alla quota piezometrica di un altro nodo. La descrizione del tronco fittizio richiede la definizione della differenza di carico tra i suoi estremi, nel rispetto della convenzione di segno che assume come positiva la perdita di carico osservata nel passare dal nodo iniziale N al nodo finale N2: H = H H N N 2 = valore assegnato Figura 3-5 Tronchi fittizi 32 I nodi I nodi sono utilizzati per rappresentare i punti di connessione di due o più tronchi o il punto di estremità in cui il tronco non si connette ad altri tronchi. Gli elementi caratteristici del nodo assegnati dall utente sono le portate ivi concentrate (positive se uscenti, negative se entranti) e la quota geometrica. La quota piezometrica del nodo rappresenta la variabile incognita che il programma deve calcolare. Sono inclusi fra i nodi anche i punti di alimentazione della rete, per i quali vanno inseriti, in una apposita sezione del file di input, le caratteristiche di funzionamento idraulico. 33 I nodi di alimentazioni della rete Il programma è in grado di trattare reti con molteplici punti di alimentazione che possono rientrare nelle due seguenti tipologie: - Alimentazione a quota piezometrica fissa (serbatoi) Questo tipo di alimentazione comprende i serbatoi (a pelo libero o in pressione) per i quali viene assegnato dall utente il valore della quota piezometrica (nell ambito della normale escursione che caratterizza il loro funzionamento), secondo l espressione H = z + h essendo: - H = quota piezometrica nel nodo di alimentazione [m] - z = quota geometrica del piano campagna nel nodo di alimentazione [m] - h = altezza piezometrica stabilita dal serbatoio [m] riferita al piano campagna. 4

15 Figura 3-6 Alimentazione con serbatoi - Alimentazione con quota piezometrica funzione della portata di alimentazione Questo tipo di alimentazione comprende gli impianti di pompaggio la cui curva caratteristica Portata pompata (QP) Prevalenza (HT) determina una quota piezometrica variabile in funzione della portata di alimentazione, secondo la relazione: H = z + h m + HT HT = curva caratteristica della pompa essendo: - H = quota piezometrica nel nodo di alimentazione [m] - z = quota geometrica del piano campagna nel nodo di alimentazione [m] - h m = altezza piezometrica immediatamente a monte della pompa [m] riferita al piano campagna - HT = prevalenza di lavoro della pompa [m] - QP = portata pompata in rete [l/s]. con f ( QP) Figura 3-7 Alimentazione con impianti di pompaggio Va sottolineato che le portate di alimentazione rientrano fra le incognite del problema di verifica idraulica. In un nodo di alimentazione, infatti, il valore della portata: - deve consentire il rispetto delle equazioni di continuità nel nodo; - una volta ripartita nei tronchi che confluiscono nel nodo deve consentire il rispetto delle equazioni di bilanciamento dei carichi sulle maglie; 5

16 - deve essere compatibile con il valore della quota piezometrica del nodo nel rispetto della curva caratteristica dell eventuale pompa. Solo nel caso in cui il punto di alimentazione sia unico, la sua portata è praticamente determinabile a priori applicando l'equazione di continuità generale (la portata di alimentazione è uguale alla somma delle portate erogate). Va anche segnalato che, nel caso di alimentazioni plurime, alcune particolari condizioni idrauliche potrebbero determinare il fatto che uno o più serbatoi, anziché alimentare la rete, sono alimentati dalla rete stessa. L algoritmo di calcolo è in grado di riconoscere queste situazioni e di calcolare in modo corretto le portate di scambio fra la rete e i serbatoi. 4 USO DEL PROGRAMMA 4. Installazione Per l installazione non sono richiesti particolari requisiti hardware. Creata una cartella a cui può essere dato un nome a piacere, è necessario copiarvi i seguenti file: VISID.EXE BRUN45.EXE CONF. Si consiglia di adottare questa cartella anche come cartella di lavoro dove tenere i file di input e di output del calcolo corrente. 4.2 Creazione del file di input La descrizione del sistema da verificare e le varie opzioni adottate dall utente devono essere trasmesse al programma attraverso un file (che il programma una volta mandato in esecuzione legge) a cui può essere assegnato un nome ed un estensione a piacere (ad esempio pavia.txt ). Il file può essere costruito mediante un qualsiasi text-editor (ad esempio Blocco note o WordPad di Windows). I dati vengono introdotti organizzati in gruppi; ciascun gruppo è individuato dal carattere delimitatore, posto all inizio delle righe che delimitano il gruppo di dati. E necessario assicurarsi che il carattere non venga preceduto, nella riga, da nessun altro carattere. I gruppi di dati necessari per una descrizione completa del sistema sono i seguenti:. lati 2. nodi 3. nodi di alimentazione 4. caratteristiche idrauliche 5. tipi di alimentazione 6. coefficienti 7. lati disattivati L organizzazione e la struttura dei dati per i vari gruppi è nel seguito descritta Gruppo lati I dati che descrivono i lati sono organizzati in righe, ciascuna delle quali contiene tutte le informazioni relative ad un lato secondo il seguente schema : N N2 Nome Lunghezza Diametro Portata erogata Tipo 6

17 dove i diversi simboli hanno il seguente significato: - N è il numero che identifica il nodo iniziale del tronco 4 - N2 è il numero che identifica il nodo finale del tronco - Nome è il nome che identifica il lato; può essere una qualsiasi combinazione di caratteri alfanumerici, composta al massimo da 6 elementi, delimitata dal carattere "; se il numero dei caratteri è superiore a 6 vengono considerati solamente i primi 6 caratteri - Lunghezza [m] è la lunghezza del lato; se il lato è un tronco fittizio o una pompa il valore assegnato non ha significato e non è utilizzato dal programma - Diametro [m] è il diametro interno del lato; se il lato è un tronco fittizio o una pompa il valore assegnato non ha significato e non è utilizzato dal programma - Portata distribuita [l/s] è l eventuale portata erogata attribuita al lato e che viene ipotizzata uniformemente distribuita lungo la sua lunghezza; se il lato corrisponde ad un tronco fittizio o a una pompa o ad un dispositivo di strozzamento, questo valore deve essere necessariamente posto uguale a zero - Tipo è un codice rappresentato da un numero intero che bisogna associare ad ogni lato e che ne identifica la tipologia e le conseguenti caratteristiche idrauliche descritte, più in dettaglio, nel successivo gruppo di dati Caratteristiche idrauliche. Avvertenze generali - Tutti i dati sopra descritti vanno inseriti, avendo cura di non ometterne nessuno. I dati non utilizzati dal programma (ad esempio: lunghezza e diametro di lati che schematizzano pompe o tronchi fittizi) possono essere posti uguali a zero. - La stringa Nome può essere omessa, ma è comunque necessario inserire la coppia di caratteri " che devono delimitare questa stringa. - Nella numerazione dei nodi va usata tutta la successione dei numeri interi a partire dal numero. - Nella numerazione dei nodi non va usato il numero 0 che è attribuito automaticamente dal programma ad un nodo fittizio necessario per la corretta schematizzazione dei punti di alimentazione Gruppo nodi I dati che descrivono i nodi sono organizzati in righe, ciascuna delle quali contiene tutte le informazioni relative ad un nodo secondo il seguente schema : NN Q z dove i simboli assumono il seguente significato: - NN è un numero intero che identifica il nodo - Q [l/s] è il valore della portata concentrata uscente (positiva) o entrante (negativa) nel nodo 4 Si ricorda che la scelta su quale dei due nodi debba assumere la funzione nodo iniziale è a discrezione dell utente e che questa scelta determina la convenzione di segno per il tronco (vedi 24) 7

18 - z [m] è la quota geometrica del nodo, rispetto ad un riferimento comune. Avvertenze generali - Non è necessario rispettare un particolare ordine di inserimento. - Tutti i nodi inseriti devono essere richiamati nella descrizione dei tronchi Gruppo nodi di alimentazione I dati che descrivono i nodi di alimentazione sono organizzati in righe, ciascuna delle quali contiene tutte le informazioni relative ad un nodo di alimentazione secondo il seguente schema : NN Tipo dove i simboli assumono il seguente significato: - NN è il numero intero che identifica il nodo, fra quelli già elencati nel gruppo Nodi, in cui è localizzato un serbatoio o un impianto di pompaggio per l alimentazione della rete - Tipo è un numero intero a cui corrisponde la descrizione del tipo di alimentazione nel gruppo di dati successivo Tipi di alimentazione Gruppo caratteristiche idrauliche Questo gruppo consente di attribuire ad ogni lato le caratteristiche che ne descrivono il funzionamento idraulico (struttura della formula per il calcolo di H e di S e valori dei parametri). Si ricorda che nel gruppo lati ad ogni tronco è associato un numero intero (Tipo) per la definizione della formulazione delle perdite di carico. Nel gruppo Caratteristiche idrauliche, ad ogni numero intero Tipo elencato nel gruppo lati sono associate le sue caratteristiche, sia in termini di tipologia del lato (erogante, fittizio, pompa in linea, dispositivo di strozzamento) e quindi di tipo di formula idraulica per il calcolo di H e di S (vedi punto 2.2.), sia in termini dei valori dei parametri da inserire nella formula. Il contenuto di questa serie di dati è organizzato in righe che presentano una struttura diversa a seconda della tipologia del lato. In ogni caso, il primo elemento della riga è un numero intero progressivo che corrisponde al codice Tipo assegnato ad ogni tronco, mentre il secondo elemento è un numero (, 2 o 3) che identifica il tipo di lato in conformità alla seguente codifica: - codice = il lato corrisponde ad una tubazione o ad un dispositivo di strozzamento per i quali valgono le formule (9) e (0) [per le tubazioni con servizio di solo trasporto o per i dispositivi di strozzamento ridotti a tronchi equivalenti] e le formule () e (2) [per i tronchi con erogazione distribuita uniformemente lungo il percorso]; - codice 2 = il lato corrisponde ad un tronco fittizio per il quale valgono le formule (3) e (4); - codice 3 = il lato corrisponde ad una pompa in linea per la quale valgono le formule (5) e (6). In questo caso, il H assume il significato di un incremento di carico. Le righe contenenti i dati assumono quindi la seguente struttura: 8

19 ) nel caso di una tubazione o di un dispositivo di strozzamento (codice ): Tipo b a d Ca dove i simboli assumono il seguente significato: - Tipo è un numero intero che corrisponde al codice Tipo assegnato ad ogni tronco per la definizione della formulazione delle perdite di carico - è il codice indicante che si tratta di una tubazione o di un dispositivo di strozzamento - b, a, d sono il coefficiente e gli esponenti della formule (9) e () per il calcolo delle perdite di carico - Ca è un coefficiente di amplificazione delle perdite di carico. 2) nel caso di un tronco fittizio (codice 2): Tipo 2 H dove i simboli assumono il seguente significato: - Tipo è un numero intero che corrisponde al codice Tipo assegnato ad ogni tronco per la definizione della formulazione delle perdite di carico - 2 è il codice indicante che si tratta di un tronco fittizio - H è la differenza fra la quota piezometrica del nodo N e quella del nodo N2. 3) nel caso di una pompa in linea (codice 3): Tipo 3 h m QP HT QP2 HT2 QP3 HT3 QP4 HT4 QP5 HT5 QP6 HT6 dove i simboli assumono il seguente significato: - Tipo è un numero intero che corrisponde al codice Tipo assegnato ad ogni tronco per la definizione della formulazione delle perdite di carico - 3 è il codice indicante che si tratta di un gruppo di pompaggio in linea - h m = 0 per le pompe in linea - QPn [l/s] HTn [m] è la generica coppia di coordinate portata-prevalenza con cui si descrive la curva caratteristica della pompa (n compreso tra e 6). 9

20 4.2.5 Gruppo tipi di alimentazione Questo gruppo consente di attribuire ad ogni nodo di alimentazione le caratteristiche che ne descrivono il funzionamento idraulico. Si ricorda che nel gruppo nodi di alimentazione, ad ogni nodo è associato un numero intero (Tipo) per la definizione della sua tipologia e delle sue caratteristiche. Nel gruppo Tipi di alimentazione, ad ogni numero intero Tipo elencato nel gruppo Nodi di alimentazione sono associate le sue caratteristiche, sia in termini di tipologia del nodo (serbatoio o gruppo di pompaggio), sia in termini dei valori dei parametri che ne descrivono il funzionamento idraulico. Il contenuto di questa serie di dati è organizzato in righe che presentano una struttura diversa a seconda della tipologia del nodo. In ogni caso, il primo elemento della riga è un numero intero progressivo che corrisponde al codice Tipo assegnato ad ogni nodo di alimentazione, mentre il secondo elemento è un numero ( o 2) che identifica il tipo di nodo in conformità alla seguente codifica: - codice = il nodo di alimentazione corrisponde ad un serbatoio (a pelo libero o in pressione) a carico piezometrico prefissato - codice 2 = il nodo di alimentazione corrisponde ad un gruppo di pompaggio che stabilisce un carico piezometrico variabile in funzione della portata immessa in rete secondo un assegnata curva caratteristica. Le righe contenenti i dati assumono quindi la seguente struttura: ) nel caso di serbatoio (codice ): Tipo h dove i simboli assumono il seguente significato: - Tipo è un numero intero che corrisponde al codice Tipo assegnato ad ogni nodo di alimentazione per la definizione della sua tipologia - è il codice indicante che si tratta di un nodo di alimentazione a carico prefissato (serbatoio) - h [m] è l altezza piezometrica garantita dall elemento di alimentazione e riferita al piano campagna. 2) nel caso di un gruppo di pompaggio (codice 2): Tipo 2 h m QP HT QP2 HT2 QP3 HT3 QP4 HT4 QP5 HT5 QP6 H6 dove i simboli assumono il seguente significato: - Tipo è un numero intero che corrisponde al codice Tipo assegnato ad ogni nodo di alimentazione per la definizione della sua tipologia - 2 è il codice indicante che si tratta di un gruppo di pompaggio 20

21 - h m [m] = altezza piezometrica immediatamente a monte della pompa, riferita al piano campagna - QPn [l/s] HTn [m] è la generica coppia di coordinate portata-prevalenza con cui si descrive la curva caratteristica della pompa (n compreso tra e 6) Gruppo coefficienti Questo gruppo contiene i valori di tre coefficienti che vengono utilizzati dal programma: Epsilon Cp Cs dove i simboli assumono il seguente significato: - Epsilon [m] è il massimo sbilanciamento accettabile per ogni maglia, raggiunto il quale il processo iterativo viene arrestato (valore consigliato 0,0 0,50 m) - Cp è un coefficiente moltiplicativo delle portate erogate assegnate come dati; l uso di questo coefficiente consente di modificare facilmente gli scenari di erogazione. Se il coefficiente viene posto pari a zero la verifica idraulica è effettuata in condizioni di richiesta nulla - Cs è un coefficiente moltiplicativo delle perdite di carico che è applicato indistintamente a tutte le tubazioni. Può essere usato per amplificare tutte le perdite di carico della medesima percentuale. Di norma assume un valore pari a Gruppo lati disattivati Questo gruppo contiene l elenco dei tronchi, fra quelli assegnati come dati, che si vogliono considerare disattivati nell ambito di un calcolo di verifica (questa opzione è particolarmente utile per verificare il funzionamento della rete in caso di esclusione di uno o più tronchi per rotture o manutenzioni). Il gruppo di dati deve sempre contenere nella prima riga il numero n di lati da escludere; nel caso in cui non si intenda escludere alcun tronco va inserito il valore 0. Le righe successive, in numero pari ad n, contengono le coppie di nodi N e N2 che individuano i lati da considerare disattivati. n N N2.. Nn N2n 4.3 Esecuzione del programma Dopo essersi posizionati nella cartella contenente i file eseguibili, fare doppio click su VISID.EXE. Apparirà la prima schermata che consente di introdurre l eventuale percorso (se il file dati non si trova nella cartella corrente), il nome e l estensione del file che contiene la descrizione del sistema da verificare (input file). Terminata la digitazione del nome del file, alla conferma dei dati digitati segue la presentazione del menù principale che propone le seguenti scelte: 2

22 . COPERTINA 2. CALCOLI 3. STAMPA FILE INPUT 4. STAMPA RISULTATI 5. INFORMAZIONI 6. USCITA Ognuna di queste scelte è nel seguito esaminata in dettaglio. COPERTINA Questa opzione consente di visualizzare alcune informazioni relative al programma di calcolo. CALCOLI Scegliendo questa opzione, si manda in esecuzione il procedimento iterativo risolvente. Nel caso di sistemi non molto complessi il calcolo dura poche frazioni di secondo. La ricomparsa del Menù indica che il calcolo è terminato. STAMPA DEL FILE DI INPUT Consente la stampa del file di input. Procedura consigliata: assegnare il nome del file nella casella OUTPUT File (ad esempio PAVIA.INP; confermare; uscire dal programma; aprire il file con un text-editor (ad esempio Blocco Note di Windows; stampare il file dal text-editor). La stampa riproduce il contenuto del file di input organizzato nei medesimi gruppi di dati che lo costituiscono:. lati 2. nodi 3. nodi di alimentazione 4. caratteristiche idrauliche 5. tipi di alimentazione 6. coefficienti 7. tronchi disattivati. STAMPA RISULTATI Come è ovvio, questa opzione è subordinata al fatto che in precedenza siano stati eseguiti i calcoli; qualora si tentasse di stampare i risultati senza aver provveduto ai calcoli, un messaggio comunica la necessità di provvedervi. La stampa dei risultati viene preceduta dalla richiesta di indicazione del nome del file di output attraverso il quale si vogliono memorizzare i risultati: assegnare il nome del file nella casella OUTPUT File (ad esempio PAVIA.RIS) e confermare. La stampa dei risultati (da effettuarsi attraverso un text-editor che apra il file) è organizzata in quattro parti, attivabili, una per volta, tramite un menù; esse sono: ) LATI provvede alla stampa di tutte le grandezze relative ai lati, siano essi tubazioni, tronchi fittizi o gruppi di pompaggio. La stampa è organizzata in righe, una per ogni lato della rete. Ogni riga contiene i seguenti elementi: N N2 Lato Lung. D q q2 Pd DH Tipo 22

23 dove i simboli assumono il seguente significato: - N è il numero di identificazione del nodo iniziale - Nn2 è il numero di identificazione del nodo finale - Nome è il nome del lato - Lung è la lunghezza del lato - D è il diametro interno del lato - q è la portata in corrispondenza del nodo N positiva se entrante nel tronco - q2 è la portata in corrispondenza del nodo N2 positiva se uscente dal tronco - Pd è la portata distribuita linearmente lungo il percorso - DH è la variazione di quota piezometrica fra Ne N2 - Tipo è il codice che rappresenta le caratteristiche idrauliche. Merita osservare che il tabulato, poiché riproduce il contenuto della matrice topologica costruita dal programma, ripete 2 volte i dati relativi a ciascun lato (N-N2 e N2-N). 2) NODI provvede alla stampa di tutte le grandezze relative ai nodi. La stampa è organizzata in righe, una per ogni nodo della rete. Ogni riga contiene i seguenti elementi: Nodo H z h dove i simboli assumono il seguente significato: - Nodo è il numero di identificazione del nodo - H è la quota piezometrica risultante dai calcoli - z è la quota geometrica come definita nei dati di input - h è l altezza piezometrica risultante pari a (H-z) riferita al piano di campagna. 3) LATI & NODI provvede alla stampa di tutte le grandezze relative ai lati e ai nodi in un unico tabulato che contiene quindi elementi di entrambe le stampe viste precedentemente. 4) RETE provvede alla stampa dei seguenti elementi:. dati generali sulla rete: numero di lati, numero dei nodi, numero delle alimentazioni, numero delle maglie e portata totale erogata 2. una tabella topologica indicante i collegamenti fra i vari nodi 3. una tabella contenente, per ogni maglia, l elenco dei nodi ad essa appartenenti 4. la sequenza di ramificazioni nelle quali il programma ha suddiviso la rete ai fini della definizione della distribuzione delle portate di primo tentativo. 5) INFORMAZIONI questa opzione fornisce alcune informazioni generali sui calcoli eseguiti. In particolare vengono forniti: il numero delle iterazioni eseguite, lo sbilanciamento finale dei carichi (Σ H) per ogni maglia, le eventuali pompe nelle quali è stata determinata una portata fuori dal campo definito dalla curva caratteristica. 6) USCITA Permette l uscita dal programma. 23

24 4.4 Messaggi di errore Lo scopo di questo paragrafo è quello di fornire alcune indicazioni circa gli errori in cui si può incorrere, in fase di predisposizione del file di input. Si ricorda che la stampa del file di input consente di evidenziare in modo agevole la maggior parte degli errori di digitazione. La stampa della matrice dei collegamenti (opzione RETE all interno dell opzione STAMPA RISULTATI) consente inoltre un agevole verifica circa la correttezza della descrizione della rete. In caso di errore che porta ad un blocco, il programma, prima di abbandonare l esecuzione, comunica il codice dell errore. Le numerose sperimentazioni numeriche effettuate con il programma hanno portato a riconoscere alcune cause di errore che sono nel seguito descritte con il corrispondente codice. Codice Errore Descrizione 6 overflow : il diametro di una tubazione è stato posto a zero; 9 indice fuori limite ; le cause di questo errore sono molteplici: - il programma si è bloccato in fase di iterazione: in una riga del gruppo dei dati lati c è un nodo oltre Nmax; - il programma si è bloccato in fase di individuazione dei percorsi della rete: come nel caso precedente; - il programma si è bloccato in fase di lettura dati: come nel caso precedente; - il programma si è bloccato in fase di lettura dati: è presente un valore in più in una riga del gruppo dei dati nodi ; - il programma si è bloccato al termine delle iterazioni: ad un Tipo utilizzato nel gruppo de dati lati non corrisponde la descrizione nel gruppo di dati caratteristiche idrauliche ; 62 input oltre la fine del file : nel gruppo dei dati lati da escludere è stato specificato un numero di lati diverso da zero e non sono stati specificati tutti i nodi estremi di questi lati; 70 disco protetto dalla scrittura : si sta utilizzando un disco floppy protetto dalla scrittura. Sono stati riscontrati alcuni casi che non conducono ad un blocco del programma e quindi non comportano un uscita e una comunicazione del codice d errore; essi si verificano quando:. il programma non progredisce nella fase di individuazione delle maglie: è stata lasciata una riga vuota nel gruppo di dati lati. 2. Il numero delle maglie individuate non corrisponde: un lato è stato inserito più di una volta. Per interrompere l esecuzione, in questi ultimi casi, è necessario premere i tasti Ctrl e Break contemporaneamente. 24

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA E AMBIENTALE LABORATORIO DI IDRAULICA URBANA. PVnet

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA E AMBIENTALE LABORATORIO DI IDRAULICA URBANA. PVnet UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA E AMBIENTALE LABORATORIO DI IDRAULICA URBANA PVnet CODICE DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DEI SISTEMI IDRAULICI IN PRESSIONE MEDIANTE

Dettagli

SISTEMI DI CONDOTTE: Il dimensionamento idraulico

SISTEMI DI CONDOTTE: Il dimensionamento idraulico SISTEMI DI CONDOTTE: Il dimensionamento idraulico Carlo Ciaponi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale Posizione del del problema Rete da progettare di cui è

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio

ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio È dato un pozzo con piano campagna H posto a 90 m s.l.m., dal quale l acqua è sollevata verso un serbatoio il cui pelo libero H

Dettagli

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto.

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto. Manuale operativo Multicompact 7 2. PREMESSA Il software Acquedotti consente la verifica di reti a maglie o aperte in ipotesi di moto permanente. Risultati del calcolo sono: portata, velocità e perdita

Dettagli

SCHEMA DEL PROGETTO 1. STUDIO PREVENTIVO DELLA POPOLAZIONE FUTURA. P n = P o (1 + i ) n

SCHEMA DEL PROGETTO 1. STUDIO PREVENTIVO DELLA POPOLAZIONE FUTURA. P n = P o (1 + i ) n SCHEMA DEL PROGETTO 1. STUDIO PREVENTIVO DELLA POPOLAZIONE FUTURA Applicazione della formula dell interesse composto: P n = P o (1 + i ) n dove P o = popolazione nota relativa ad un generico anno; P n

Dettagli

- 1 - UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Idraulica, dei Trasporti e del Territorio

- 1 - UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Idraulica, dei Trasporti e del Territorio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Idraulica, dei Trasporti e del Territorio SINTESI DELLA TESI DI LAUREA STATO DELL ARTE SULLE PERDITE NELLE

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3 INDICE 1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI.................................... pag. 2 1.1 Riferimenti Normativi........................................ pag. 2 1.2 Generalità sull Impianto.......................................

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Corso di Archivistica

Corso di Archivistica Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le tabelle Lezione 6 Creare un data base Introduzione La presente è la prima di una serie di lezioni finalizzate alla creazione

Dettagli

Statistica 4038 (ver. 1.2)

Statistica 4038 (ver. 1.2) Statistica 4038 (ver. 1.2) Software didattico per l insegnamento della Statistica SERGIO VENTURINI, MAURIZIO POLI i Il presente software è utilizzato come supporto alla didattica nel corso di Statistica

Dettagli

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing Macchina di Turing Una macchina di Turing è costituita dai seguenti elementi (vedi fig. 1): a) una unità di memoria, detta memoria esterna, consistente in un nastro illimitato in entrambi i sensi e suddiviso

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE

COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE COMUNE DI LIZZANO (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE PROGETTO ARCHITETTONICO: ARCH. Vincenzo La Gioia PROGETTO IMPIANTI:

Dettagli

III ESONERO DI IDRAULICA

III ESONERO DI IDRAULICA III ESONERO DI IDRAULICA Politecnico di Bari, II Facoltà di Ingegneria - Taranto, Corso di Idraulica, A.A. 010-011 Ingegneria Civile e per l Ambiente e il Territorio ESERCIZIO 1 Data la rete aperta riportata

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

ShellMemory. Sistema operativo Microsoft Windows 98 o superiore Libreria SAPI e voce sintetica Casse audio

ShellMemory. Sistema operativo Microsoft Windows 98 o superiore Libreria SAPI e voce sintetica Casse audio Progetto Software to Fit - ShellMemory Pagina 1 Manuale d'uso ShellMemory Memory è un gioco didattico realizzato con l'obiettivo di aiutare l'alunno ad esercitare la capacità di memorizzazione o le capacità

Dettagli

Sommario. Addizione naturale

Sommario. Addizione naturale Sommario Introduzione Rappresentazione dei numeri interi positivi Rappresentazione dei numeri interi Operazioni aritmetiche Modulo e segno Addizione e sottrazione urale Addizione e sottrazione in complemento

Dettagli

TFR On Line PREMESSA...3 ACCESSO AD ARGO TFR ON LINE...5

TFR On Line PREMESSA...3 ACCESSO AD ARGO TFR ON LINE...5 PREMESSA...3 ACCESSO AD ARGO TFR ON LINE...5 AVVIO RAPIDO...7 SELEZIONE DEL DIPENDENTE...8 LEGGIMI...8 MANUALE...8 GUIDA INVIO FILE...9 CERCA DIPENDENTE...9 INSERIMENTO DEI DATI DI SERVIZIO...11 ELABORAZIONE

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Ing. Simone Giovannetti

Ing. Simone Giovannetti Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Ing. Simone Giovannetti Firenze, 29 Maggio 2012 1 Incertezza di Misura (1/3) La necessità di misurare nasce dall esigenza

Dettagli

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:..

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:.. CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO Descrizione Amministrazione:.... Anno:.. Mese:.. Dati quantitativi del prodotto (1) CdR (2) prodotto (3) Prodotto (4) Volume nell anno (5) Tempo

Dettagli

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Gaetano D Aquila Sommario Cosa è un foglio elettronico Caratteristiche di Microsoft Excel Inserimento e manipolazione dei dati Il formato dei dati

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Conti correnti. 130.1 Conto corrente di corrispondenza. 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente. TXT HTM PDF pdf

Conti correnti. 130.1 Conto corrente di corrispondenza. 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente. TXT HTM PDF pdf TXT HTM PDF pdf P1 P2 P3 P4 313 Conti correnti Capitolo 130 130.1 Conto corrente di corrispondenza..........................................313 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente...................................

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Gestione e allineamento delle Giacenze

Gestione e allineamento delle Giacenze Release 5.20 Manuale Operativo INVENTARIO Gestione e allineamento delle Giacenze Il modulo permette la contemporanea gestione di più inventari, associando liberamente ad ognuno un nome differente; può

Dettagli

E.C.M. Educazione Continua in Medicina. MyEcm. Manuale utente

E.C.M. Educazione Continua in Medicina. MyEcm. Manuale utente E.C.M. Educazione Continua in Medicina MyEcm Manuale utente Versione 1.3.3 Ottobre 2014 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 3 1. Introduzione 4 2. Registrazione 5 3. Accesso a myecm 8 3.1

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio Potente ed aggiornato strumento di progettazione di reti idranti e sprinkler secondo le norme UNI EN 12845, UNI 10779 e NFPA 13 - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Manuale Operativo DATALOG EDI. Rel. 4.90. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale Operativo DATALOG EDI. Rel. 4.90. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit EDIFACT Manuale Operativo DATALOG EDI Rel. 4.90 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale Operativo Sommario 1 DATALOG EDI... 3 1.1 EDIFACT... 3 1.1.1 Installazione Componenti... 3 1.1.2 Inserimento

Dettagli

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel Esercitazione Exel: il foglio di lavoro B.1 Introduzione Exel è un applicazione che serve per la gestione dei fogli di calcolo. Questo programma fa parte del pacchetto OFFICE. Le applicazioni di Office

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

130.1 Conto corrente di corrispondenza

130.1 Conto corrente di corrispondenza 139 Capitolo 130 Conti correnti 130.1 Conto corrente di corrispondenza..........................................139 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente................................... 139 130.1.2

Dettagli

GUIDA RAPIDA di FLUR20XX

GUIDA RAPIDA di FLUR20XX GUIDA RAPIDA di COMPATIBILITA è compatibile con i sistemi operativi Microsoft Windows 9x/ME/NT/2000/XP/2003/Vista/Server2008/7/Server2008(R. Non è invece garantita la compatibilità del prodotto con gli

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

1 ACCESSO AL NET@PORTAL... 3 2 CARICAMENTO DELLE RICHIESTE/PRESTAZIONI... 4 3 MONITORAGGIO DELLE RICHIESTE... 8 4 DOWNLOAD ESITI...

1 ACCESSO AL NET@PORTAL... 3 2 CARICAMENTO DELLE RICHIESTE/PRESTAZIONI... 4 3 MONITORAGGIO DELLE RICHIESTE... 8 4 DOWNLOAD ESITI... MANUALE UTENTE NET@PORTAL ADEGUAMENTO DEL. 185/08 Sommario 1 ACCESSO AL NET@PORTAL... 3 2 CARICAMENTO DELLE RICHIESTE/PRESTAZIONI... 4 2.1 CREAZIONE DEL FILE CSV PER IL CARICAMENTO MASSIVO DELLE RICHIESTE...

Dettagli

TFR On Line PREMESSA

TFR On Line PREMESSA PREMESSA Argo TFR on Line è un applicazione, finalizzata alla gestione del trattamento di fine rapporto, progettata e realizzata per operare sul WEB utilizzando la rete INTERNET pubblica ed il BROWSER

Dettagli

[ Analisi della. concentrazione] di Luca Vanzulli. Pag. 1 di 1

[ Analisi della. concentrazione] di Luca Vanzulli. Pag. 1 di 1 [ Analisi della concentrazione] di Luca Vanzulli Pag. 1 di 1 LA CONCENTRAZIONE NELL ANALISI DELLE VENDITE L analisi periodica delle vendite rappresenta un preziosissimo indicatore per il monitoraggio del

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 PREFAZIONE AL TEMA Nella parte sottostante è rappresentato lo schema circuitale dell impianto idraulico, dove, vengono raffigurate:

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008 Manuale di Attivazione Edizione Ottobre 2008 Manuale attivazione PaschiInTesoreria - Ottobre 2008 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione del

Dettagli

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Funzioni di Esportazione Importazione 1 Indice AIRONE GESTIONE RIFIUTI... 1 FUNZIONI DI ESPORTAZIONE E IMPORTAZIONE... 1 INDICE...

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Capitolo Comunicazione di dati

Capitolo Comunicazione di dati Capitolo Comunicazione di dati Questo capitolo tratta di tutto ciò che è necessario sapere per trasferire programmi tra due calcolatori grafici CASIO connessi utilizzando il cavo che viene fornito come

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Rappresentazione binaria

Rappresentazione binaria Rappresentazione binaria DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI RICERCATORE ASSOCIATO DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII.UNISI.IT

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE DEI BACINI LAGO DI VARESE, LAGO DI COMABBIO E PALUDE BRABBIA

IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE DEI BACINI LAGO DI VARESE, LAGO DI COMABBIO E PALUDE BRABBIA IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE DEI BACINI LAGO DI VARESE, LAGO DI ALLEGATO 1 ALLA RELAZIONE GENERALE MANUALE D USO DEL MODELLO CONDIVISO GIUGNO 2007 GRAIA srl

Dettagli

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014

PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 PROVA DI TENUTA DI UN IMPIANTO A GAS UNI 7129-1:2008 UNI 11528:2014 La PROVA DI TENUTA di un impianto gas è una verifica che deve essere eseguita obbligatoriamente su un NUOVO IMPIANTO interno di adduzione

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record 5.3 TABELLE In un sistema di database relazionali le tabelle rappresentano la struttura di partenza, che resta poi fondamentale per tutte le fasi del lavoro di creazione e di gestione del database. 5.3.1

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 GUSCI Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE centro di taglio; valutazione delle sollecitazioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Appunti di: MICROSOFT EXCEL

Appunti di: MICROSOFT EXCEL Appunti di: MICROSOFT EXCEL INDICE PARTE I: IL FOGLIO ELETTRONICO E I SUOI DATI Paragrafo 1.1: Introduzione. 3 Paragrafo 1.2: Inserimento dei Dati....4 Paragrafo 1.3: Ordinamenti e Filtri... 6 PARTE II:

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione 2007

Manuale di Attivazione. Edizione 2007 Manuale di Attivazione Edizione 2007 Manuale attivazione PaschiInAzienda - 2007 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione del servizio 5 3.1.

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata Lezione n.6 Unità di controllo microprogrammata 1 Sommario Unità di controllo microprogrammata Ottimizzazione, per ottimizzare lo spazio di memoria occupato Il moltiplicatore binario Esempio di architettura

Dettagli

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi.

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. I CIRCUITI ELETTRICI Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. Definiamo ramo un tratto di circuito senza diramazioni (tratto evidenziato in rosso nella

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Giuseppe Giuliano HydroTool Calcolo di reti idriche in pressione Dario Flaccovio Editore Giuseppe Giuliano HydroTool Calcolo di reti idriche in pressione ISBN 978-88-579-0125-1 2012 by Dario Flaccovio

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Versione 11/03/2004 Contenuto e scopo esercitazione Contenuto esempi di problema di programmazione

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico

Università degli Studi di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico La ricerca scientifica italiana nel campo dell idraulica: presentazione dei risultati dei progetti PRIN 2008 Ferrara, 24-25 gennaio 2013 PRIN - ADATTAMENTO DEI SISTEMI E DEI SERVIZI IDROPOTABILI A SCENARI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI OGGETTO: RIFACIMENTO DELLA RETE IDRICA DI VIA P. UMBERTO E CORSO UMBERTO I Acquedotto La rete idrica, è composta da condotte in pressione, poste a 1 m sotto il piano

Dettagli

BavInAzienda. Manuale di Attivazione. Edizione Maggio 2010

BavInAzienda. Manuale di Attivazione. Edizione Maggio 2010 BavInAzienda Manuale di Attivazione Edizione Maggio 2010 Manuale Attivazione BavInAzienda - Maggio 2010 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

Evasione. Evasione. Vendite. Magazzini Immagini

Evasione. Evasione. Vendite. Magazzini Immagini Schema di funzionamento del Carico da Ordini Ordine Archivio di Transito Univoco Evasione Codifica Controllo Articoli Generico Evasione Movimenti Documenti Giacenze Testata Scadenze Vendite Dettaglio Ingrosso

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

CONDOTTE DI ADDUZIONE. Trasportano una portata da un serbatoio ad un altro

CONDOTTE DI ADDUZIONE. Trasportano una portata da un serbatoio ad un altro CONDOTTE DI ADDUZIONE Trasportano una portata da un serbatoio ad un altro H 1 J Piezometrica Y H Y = J.L J = Cadente piezometrica Y = Carico disponibile L = Lunghezza della condotta Verifica di una condotta

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

Database Modulo 2. Le operazioni di base

Database Modulo 2. Le operazioni di base Database Modulo 2 Le operazioni di base L architettura concettuale dei dati ha lo scopo di astrarre dal mondo reale ciò che in questo è concettuale, cioè statico. 2 In altri termini gli oggetti del mondo

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO TEMA NR.1 TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI ANNO 2015

SOLUZIONE ESAME DI STATO TEMA NR.1 TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI ANNO 2015 SOLUZIONE ESAME DI STATO TEMA NR.1 TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI ANNO 2015 PREFAZIONE AL TEMA Nella parte sottostante è rappresentato lo schema circuitale dell impianto idraulico, dove, vengono raffigurate:

Dettagli

Se si provvederà alla digitazione del nome tutte le stampe saranno successivamente personalizzate.

Se si provvederà alla digitazione del nome tutte le stampe saranno successivamente personalizzate. HS108D (THW-10) Principi di Idraulica e Simulazione di Pompe Centrifughe Serie-Parallelo Sistema Operativo: Windows Descrizione del programma Il modulo di simulazione comprende un sinottico con lo schema

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

DESCRIZIONE. Introduzione

DESCRIZIONE. Introduzione SymCAD/C.A.T.S. modulo Sanitario Schema - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - DESCRIZIONE Introduzione Il modulo

Dettagli

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice.

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice. LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre delle funzionalità avanzate delle calcolatrici scientifiche e statistiche. È possibile

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

ShellExcel. Una domanda contiene i riferimenti (#A, #B, #C) alle celle che contengono i dati numerici del

ShellExcel. Una domanda contiene i riferimenti (#A, #B, #C) alle celle che contengono i dati numerici del Progetto Software to Fit - ShellExcel Pagina 1 Manuale d'uso ShellExcel ShellExcel è una interfaccia per disabili che permette ad un alunno con difficoltà di apprendimento di esercitarsi ripetitivamente

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico Parte 6 Fogli Elettronici: MS Excel Elementi di Informatica - AA. 2008/2009 - MS Excel 0 di 54 Foglio Elettronico Un foglio elettronico (o spreadsheet) è un software applicativo nato dall esigenza di:

Dettagli

Le principali novità di Word XP

Le principali novità di Word XP Le principali novità di Word XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina Il programma può essere aperto in diversi modi, per esempio con l uso dei pulsanti di seguito riportati. In alternativa

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli