PREPARAZIONE SALUTO GESTIONE DELL ESITO IDENTIFICAZIONE CONCLUSIONE ELABORAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREPARAZIONE SALUTO GESTIONE DELL ESITO IDENTIFICAZIONE CONCLUSIONE ELABORAZIONE"

Transcript

1 LE FASI DEL COLLOQUIO PREPARAZIONE SALUTO IDENTIFICAZIONE GESTIONE DELL ESITO ELABORAZIONE CONCLUSIONE

2 PREPARAZIONE OGNI COLLOQUIO ESIGE UNA PREPARAZIONE CHE GARANTISCA DI AVERE TUTTE LE INFORMAZIONI NECESSARIE SUL CLIENTE E SULLA PROPRIA ORGANIZZAZIONE, SUI PROBLEMI REALI O POTENZIALI E SULLE SOLUZIONI POSSIBILI. SENZA UN AGGIORNAMENTO CONTINUO CHE PERMETTA DI AFFRONTARE I COLLOQUI QUOTIDIANI E SENZA UNA PREPARAZIONE SPECIFICA PER UN COLLOQUIO IMPORTANTE, MANCA LA COMPETENZA COME FATTORE ESSENZIALE.

3 (RAC)-COGLIERE LE INFORMAZIONI PER PIANIFICARE E ORGANIZZARE IL LAVORO A PARTIRE DALLE ESIGENZE DEL CLIENTE, OCCORRE (RAC)-COGLIERE E ORGANIZZARE LE INFORMAZIONI IN MANIERA TALE DA POTER MIGLIORARE IL PROPRIO LAVORO E/O IL LAVORO DELL ORGANIZZAZIONE. QUESTE INFORMAZIONI PERMETTONO DI INDIVIDUARE I FATTORI DA MIGLIORARE PER AUMENTARE IL LIVELLO DELLA CUSTOMER CARE: TURN KNOWLEDGE INTO A VALUE CERCATE DI INDIVIDUARE DEI TOOLS DA UTILIZZARE IN BASE ALLE VOSTRE NECESSITA

4 SALUTO NORMALMENTE LE PERSONE SI FANNO UN IDEA DEL LORO INTERLOCUTORE NEI PRIMI SECONDI DI UN INCONTRO E DI UN CONTATTO TELEFONICO OCCORRE QUINDI SENZA DIVENIRE ARTIFICIALE- ASSUMERE UN ATTEGGIAMENTO DI DISPONIBILITA. E IMPORTANTE, PER ES., CHIAMARE LA PERSONA CON IL SUO NOME E IL SUO TITOLO PER RENDERE IL RAPPORTO PIU PERSONALE. L EMPATIA DEVE EMERGERE FIN DAL PRIMO SECONDO!

5 IDENTIFICAZIONE IN QUESTA FASE SI TRATTA DI IDENTIFICARE CORRETTAMENTE LE ESIGENZE O I PROBLEMI CHE IL CLIENTE VUOLE PRESENTARE. PER FARE CIO E ESSENZIALE UN ASCOLTO EMPATICO (DOMANDE DI PRECISIONE E RIPETIZIONI PER VERIFICARE DI AVER COLTO IN MODO ADEGUATO LE INFORMAZIONI) ASCOLTO, ATTENZIONE E COMPRENSIONE SONO FATTORI DETERMINANTI IN QUESTA FASE!

6 Identificazione Atteggiamento positivo Attenzione incondizionata - Fare domande di chiarimento- Riformulazione - Rispondere con precisione - Verificare se le risposte sono soddisfacenti VOI CLIENTE - Incoraggiare a parlare - Non interrompere - Non contraddire e criticare - Non attribuire colpe - Aiutarlo a porsi domande - Cogliere tutte le informazioni per iscritto - Rumori e disturbi dell ambiente - disattenzione - pregiudizi personali - punti di debolezza personali

7 ELABORAZIONE IN QUESTA FASE SI PRESENTANO AL CLIENTE LE PROPOSTE CHE RISPONDONO A QUANTO RICHIESTO. SE NON FOSSE POSSIBILE DARE IMMEDIATAMENTE UNA RISPOSTA, OCCORRE CONCORDARE UN APPUNTAMENTO PER IL QUALE VI IMPEGNERETE A DARE UNA RISPOSTA SODDISFACENTE. TENETE CONTO DI QUANTO DETTO SULLA CUSTOMER ORIENTATION. LA VOSTRA FLESSIBILITA E VELOCITA SARANNO PERCEPITE PREVALENTEMENTE IN QUESTA FASE.

8 CONCLUSIONE SI RICONFERMANO I CONTENUTI CENTRALI DI QUANTO CONCORDATO. E IMPORTANTE CHE IL CLIENTE POSSA PERCEPIRE CHE IL COLLOQUIO CON VOI SIA STATO UTILE E CHE VOI SIETE SEMPRE DISPONIBILI. NON CI DEVE MAI ESSERE UN COLLOQUIO SENZA ESITO (ES. ACTION PLAN/IMPEGNI CONCORDATI)

9 GESTIONE DELL ESITO LA GESTIONE DELL ESITO RIGUARDA, PRIMA DI TUTTO, L ADEMPIMENTO DEGLI IMPEGNI CONCORDATI. E QUI CHE SI GIOCA LA VOSTRA AFFIDABILITA! L AFFIDABILITA SI GIOCA ANCHE NEI CONFRONTI DELLA PROPRIA AZIENDA. FA PARTE DELLA GESTIONE DELL ESITO LA COMUNICAZIONE DI INFORMAZIONI IMPORTANTI DA RIPORTARE A: - CERTI REPARTI DELLA PROPRIA ORGANIZZAZIONE - COLLEGHI CHE TRATTANO CON LO STESSO CLIENTE PER MIGLIORARE L ORGANIZZAZIONE (MICRO E/O MACRO)

10 L IMPORTANZA DEL CLIENTE SIAMO CONSAPEVOLI CHE LA COERENZA TRA IL LIVELLO DELLE ATTESE DEL CLIENTE E IL RISULTATO OTTENUTO CONTRIBUISCE AL SUCCESSO DEL PROPRIO LAVORO E DI QUELLO DELL ORGANIZZAZIONE CI METTIAMO NEI PANNI DEI NOSTRI CLIENTI INTERNI/ESTERNI PER INTERPRETARE I BISOGNI E LE ASPETTATIVE CONOSCIAMO LE ESIGENZE DEI NOSTRI CLIENTI INTERNI/ESTERNI E LAVORIAMO PER SODDISFARLE

11 SIAMO CONSAPEVOLI DI CREARE, CON IL NOSTRO LAVORO, VALORE AGGIUNTO PER I CLIENTI INTERNI ED ESTERNI COGLIAMO IL LEGAME TRA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E I RISULTATI DELLA NOSTRA AZIENDA VALORIZZIAMO LE CAPACITA E LA PROFESSIONALITA DEI NOSTRI CLIENTI

12 COME SVILUPPARE CONCRETAMENTE LE ABILITÀ PERSONALI ALLENANDOLE SETTIMANALMENTE SKILL - LAB

13 SKILL LAB LO SKILL LAB NASCE PER L INNOVAZIONE E LO SVILUPPO DELLE ABILITÀ PROFESSIONALI E PERSONALI ED E CORREDATO DI UNA PALESTRA DOVE SPERIMENTARE, FARE PRATICA ED ALLENARSI.

14 OBIETTIVI DELLO SKILL LAB REALIZZARE SALTI COGNITIVI ACCRESCERE LE COMPETENZE DELLE PERSONE A TUTTI I LIVELLI LAVORARE SULLA FRONTIERA DELLA CONOSCENZA REALIZZARE UN APPROFONDIMENTO SULLE COMPETENZE, OPERANDO SULLA FRONTIERA DELLA INTELLIGENZA DISPONIBILE A LIVELLO INTERNAZIONALE

15 CREARE IL NUOVO AVVIARE UN PROCESSO DI RICERCA, DI INNOVAZIONE E DI SPERIMENTAZIONE DI NUOVE IDEE SPERIMENTARE E DIFFONDERE IDEE APPLICABILI CREARE UNO SPAZIO PER LA SPERIMENTAZIONE E LA DIFFUSIONE AZIENDALE DELLA INNOVAZIONE

16 LA FORMAZIONE, COME LEVA CON CUI FAVORIRE LA CRESCITA GLOBALE DELLE NOSTRE PERSONE, SI BASA SU DUE ELEMENTI CARDINE LA KNOWLEDGE PER LA MASTERY DEL KNOW HOW LO SVILUPPO DELLE ABILITA PERSONALI E PROFESSIONALI

17 IL TRAINING ON THE JOB, MOMENTO FONDAMENTALE (LEARNING BY DOING) DELLO SVILUPPO DELLE ABILITA SUL CAMPO, VA PREPARATO CON UN ALLENAMENTO SPECIFICO, PRIMA DELLA PARTITA

18 LO SKILL LAB PRVEDE DI SPERIMENTARE UN ALLENAMENTO SPECIFICO PER IRROBUSTIRE IN PALESTRA I MUSCOLI E PER PROVARE GLI SCHEMI DI GIOCO PRIMA DELLA PARTITA.

19 LO SKILL LAB E DUNQUE UNA PALESTRA MANAGERIALE CHE, PARTENDO DALLA METAFORA DELLO SPORT, PERMETTA DI CREARE LE CONDIZIONI PER UNO SVILUPPO CONTINUO DELLE ABILITA PERSONALI

20 LA PALESTRA VA INTESA COME UN LABORATORIO FINALIZZATO ALLO SVILUPPO DELLE ABILITA, CHE PERMETTE AI MANAGER DI METTERSI ALLA PROVA, IN UN AMBIENTE PROTETTO, PROVANDO E RIPROVANDO, SENZA PAURA DI SBAGLIARE, CONIUGANDO L ACQUISIZIONE DI CONOSCENZE E LO SVILUPPO DELLE ABILITA

21 PER TRADURRE AL MEGLIO, IN AZIONE, I CONCETTI APPRESI OCCORRE ALLENARSI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA PERSONALI (AD ES. COMUNICAZIONE, COACHING) E DI BUSINESS (WORK OUT)

delle persone. La formazione parte dalla conoscenza, come base per lo svilupp attraverso l utilizzo l allenamento settimanale.

delle persone. La formazione parte dalla conoscenza, come base per lo svilupp attraverso l utilizzo l allenamento settimanale. Sessione Sviluppo Introduzione INTRODUZIONE Questo modulo formativo nasce allo scopo di aiutare il manager ad approfondire la conoscenza delle fasi caratteriz zzanti il processo di sviluppo delle persone.

Dettagli

La valorizzazione delle competenze e la condivisione della conoscenza nelle moderne organizzazioni

La valorizzazione delle competenze e la condivisione della conoscenza nelle moderne organizzazioni La valorizzazione delle competenze e la condivisione della conoscenza nelle moderne organizzazioni Competence evaluation and knowledge sharing in the modern organization Giovanna Coppini Personae 1 OMPETENZA

Dettagli

CATALOGO FONDO FORTE AVVISO 1/2016

CATALOGO FONDO FORTE AVVISO 1/2016 CATALOGO FONDO FORTE AVVISO 1/2016 INDICE LA SPENDING REVIEW: COME FARE DI PIU CON MENO Responsabili di Funzione, Impiegati e Quadri, interessati ad analizzare i diversi modelli esistenti nel campo della

Dettagli

LEADERSHIP DELL INNOVAZIONE. GLI ANTIRUGGINE DELLA MENTE Crescere fuori dagli schemi

LEADERSHIP DELL INNOVAZIONE. GLI ANTIRUGGINE DELLA MENTE Crescere fuori dagli schemi LEADERSHIP DELL INNOVAZIONE GLI ANTIRUGGINE DELLA MENTE Crescere fuori dagli schemi Obiettivi L iniziativa si pone l obiettivo di: fornire ai partecipanti modelli e linguaggi innovativi per lo sviluppo

Dettagli

Accompagnare al cambiamento

Accompagnare al cambiamento Accompagnare al cambiamento percorso per Guadagnare salute Rendere facili le scelte salutari Reggio Emilia 24-25-26 settembre 2009 E.Centis*, P.Beltrami*, G.P.Guelfi** (*) Azienda USL Bologna (**) Università

Dettagli

Formazione esperienziale

Formazione esperienziale Il Judo della vendita Formazione esperienziale per le reti di vendita, i team di lavoro, il management 1 FORMIAMO CON L ESPERIENZA La proposta formativa di TrainerMKT si basa sulla sperimentazione attiva.

Dettagli

P.O Progett- azioni Percorsi di sviluppo per le persone e le organizzazioni

P.O Progett- azioni Percorsi di sviluppo per le persone e le organizzazioni P.O Progett- azioni Percorsi di sviluppo per le persone e le organizzazioni IL NOSTRO APPROCCIO La parola chiave che caratterizza l approccio consulenziale di Personnel Organization è CO- PROGETTAZIONE

Dettagli

Valorizzazione della risorsa femminile nelle aziende della Provincia di Modena attraverso lo sviluppo delle carriere delle lavoratrici e l

Valorizzazione della risorsa femminile nelle aziende della Provincia di Modena attraverso lo sviluppo delle carriere delle lavoratrici e l 2010 Valorizzazione della risorsa femminile nelle aziende della Provincia di Modena attraverso lo sviluppo delle carriere delle lavoratrici e l introduzione di strumenti di conciliazione Premessa Le donne

Dettagli

Formatori Sicurezza. Percorso formativo per:

Formatori Sicurezza. Percorso formativo per: Formatori Sicurezza Percorso formativo per: Consulenti, dirigenti, datori di lavoro, responsabili e addetti SPP, professionisti della sicurezza e dell'igiene del lavoro, formatori. INDICE Obiettivi pag.

Dettagli

Servizio di mediazione

Servizio di mediazione Servizio di mediazione Obiettivo del lavoro di mediazione è favorire da entrambe le parti il superamento degli ostacoli nella comunicazione. Nell ottica di: creare autonomia nell accesso ai servizi da

Dettagli

Organismo paritetico sulla formazione. La cornice di riferimento: la realizzazione del Piano d Impresa e le linee guida

Organismo paritetico sulla formazione. La cornice di riferimento: la realizzazione del Piano d Impresa e le linee guida Organismo paritetico sulla formazione La cornice di riferimento: la realizzazione del Piano d Impresa e le linee guida Milano, 16 aprile 2009 Agenda Introduzione La cornice di riferimento I nostri principi

Dettagli

Programma del corso di ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

Programma del corso di ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Programma del corso di ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Insegnamento Corso di laurea Settore Scientifico ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE LM77 - MANAGEMENT SECSP10I CFU 10 Obiettivi

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE: COLLABORARE E PARTECIPARE Componenti e loro descrittori

COMPETENZA CHIAVE: COLLABORARE E PARTECIPARE Componenti e loro descrittori COMPETENZA CHIAVE: COLLABORARE E PARTECIPARE Componenti e loro descrittori 1 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: CHE COSA SONO? - Le competenze chiave sono definite dai citati atti di indirizzo dell

Dettagli

Il colloquio di selezione assertivo

Il colloquio di selezione assertivo Il colloquio di selezione assertivo 1 Scopo della presentazione Fornire modalità e suggerimenti per affrontare al meglio un colloquio di lavoro Modalità di valutazione Test attitudinale Test logici, di

Dettagli

SESSIONE 3 Allegato 3 IL COLLOQUIO DI LAVORO

SESSIONE 3 Allegato 3 IL COLLOQUIO DI LAVORO SESSIONE 3 Allegato 3 IL COLLOQUIO DI LAVORO Incontro fissato Due o più attori (ruoli) Presenza reale o virtuale di uno o entrambi Uno guida il processo Conversazione / comunicazione: - linguaggio verbale

Dettagli

AFFRONTARE LE SFIDE. Learning Focus: corsi focalizzati sull'allenamento di specifiche competenze comportamentali in momenti evolutivi

AFFRONTARE LE SFIDE. Learning Focus: corsi focalizzati sull'allenamento di specifiche competenze comportamentali in momenti evolutivi AFFRONTARE LE SFIDE Learning Focus: corsi focalizzati sull'allenamento di specifiche competenze comportamentali in momenti evolutivi COSA SONO Corsi focalizzati sull allenamento di specifiche competenze

Dettagli

Performance Appraisal 2016 Give your Feedback!

Performance Appraisal 2016 Give your Feedback! Performance Appraisal 2016 Give your Feedback! Feedback Guide Give your Feedback! Perché dare e ricevere un Feedback? E la fase conclusiva e anche la più cruciale del processo di Performance Appraisal

Dettagli

PROGETTO: I COLORI DELLE EMOZIONI

PROGETTO: I COLORI DELLE EMOZIONI PROGETTO: I COLORI DELLE EMOZIONI L apprendimento nella scuola dell infanzia deve essere attivo, costruttivo e cooperativo e deve stimolare nei bambini la voglia di conoscere. Dai tre ai sei anni, infatti,

Dettagli

Il Potere delle parole

Il Potere delle parole Scuola di Coaching e Training fondata e diretta da Roberto Ferrario nel 00 Coach certificato ICF e Master Trainer in PNL certificato da R. Dilts Il Potere delle parole Corso sulle tecniche di comunicazione

Dettagli

UN INVESTIMENTO SULLE RISORSE UMANE PER ESSERE AL PASSO CON LE TRASFORMAZIONI DELLA COMUNICAZIONE E OTTENERE RISULTATI D ECCELLENZA.

UN INVESTIMENTO SULLE RISORSE UMANE PER ESSERE AL PASSO CON LE TRASFORMAZIONI DELLA COMUNICAZIONE E OTTENERE RISULTATI D ECCELLENZA. UN INVESTIMENTO SULLE RISORSE UMANE PER ESSERE AL PASSO CON LE TRASFORMAZIONI DELLA COMUNICAZIONE E OTTENERE RISULTATI D ECCELLENZA. Voi ci affidate persone, noi vi restituiamo risultati Campus nasce dall

Dettagli

Il sistema di valutazione

Il sistema di valutazione Il sistema di valutazione Si propone di: Esaminare il lavoro svolto e valutarlo Favorire la crescita professionale migliorando le prestazioni Pianificare il lavoro da svolgere coinvolgendo i dipendenti

Dettagli

PROGETTO: acquisizione competenze documentazione

PROGETTO: acquisizione competenze documentazione PROGETTO: acquisizione competenze documentazione - la pratica della documentazione comporta una progressiva capacità di oggettivare i percorsi realizzati; - raggiungere,con gli strumenti della documentazione,

Dettagli

MASTER IN SELEZIONE, GESTIONE E SVILUPPO DEL PERSONALE

MASTER IN SELEZIONE, GESTIONE E SVILUPPO DEL PERSONALE Organizzazione PERSeO S.r.l. Personale MODULI E ARGOMENTI XXVII EDIZIONE MASTER IN SELEZIONE, GESTIONE E SVILUPPO DEL PERSONALE Edizione 2016 Moduli e argomenti trattati nell area: selezione e valutazione

Dettagli

ASSERTIVITà: COMPORTAMENTI E COMUNICAZIONE Stabilire relazioni positive, gestire i conflitti, saper dire di no

ASSERTIVITà: COMPORTAMENTI E COMUNICAZIONE Stabilire relazioni positive, gestire i conflitti, saper dire di no ASSERTIVITà: COMPORTAMENTI E COMUNICAZIONE Stabilire relazioni positive, gestire i conflitti, saper dire di no Durata: 2 giorni WebCode: 1.3.5 Quota: 1.590,00 IVA esclusa Tipologia: Full immersion Face

Dettagli

Lavorare con l Europa negli enti locali Percorso di assistenza tecnica rivolto alla Provincia di Mantova

Lavorare con l Europa negli enti locali Percorso di assistenza tecnica rivolto alla Provincia di Mantova Lavorare con l Europa negli enti locali Percorso di assistenza tecnica rivolto alla Provincia di Mantova Provincia di Mantova, 23 marzo 2017 Giuseppe Caruso - Project Manager Ufficio Politiche europee

Dettagli

IL COLLOQUIO DI SELEZIONE

IL COLLOQUIO DI SELEZIONE IL COLLOQUIO DI SELEZIONE IL COLLOQUIO DI LAVORO Il colloquio è un momento carico di tensione non solo per il candidato, ma anche per il selezionatore Infatti, chi ti sta di fronte ha l arduo compito di

Dettagli

I DSA e lo studio sostenere i b/r nei compiti a casa

I DSA e lo studio sostenere i b/r nei compiti a casa I DSA e lo studio sostenere i b/r nei compiti a casa Elena Bortolotti Un primo bisogno un clima positivo! Andrich Miato e Miato (2007) oggi i giovani hanno bisogno di vivere in un clima positivo e coerente

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE SULLE RELAZIONI INTERPERSONALI E I COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

CORSI DI FORMAZIONE SULLE RELAZIONI INTERPERSONALI E I COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI CORSI DI FORMAZIONE SULLE RELAZIONI INTERPERSONALI E I COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI Docente: Dott.ssa Antonella CASELLA Consulente per Fondazione Geometri e Geometri Laureati dell Emilia Romagna Premessa

Dettagli

NEWSLETTER n. 1 Giugno 2016

NEWSLETTER n. 1 Giugno 2016 NEWSLETTER n. 1 Giugno 2016 Progetto SGAG Skill generator game assessment Il progetto Il progetto ha lo scopo di creare un gioco educativo digitale per aiutare i giovani a sviluppare competenze trasversali,

Dettagli

Il marketing nell economia e nella gestione d impresa

Il marketing nell economia e nella gestione d impresa Il marketing nell economia e nella gestione d impresa Obiettivi conoscitivi Definire il concetto di marketing nell insieme dei rapporti tra impresa e mercato Definire gli obiettivi di marketing partendo

Dettagli

Dott.ssa Enrica Locati, psicologa INCONTRI RIVOLTI ALLE EDUCATRICI

Dott.ssa Enrica Locati, psicologa INCONTRI RIVOLTI ALLE EDUCATRICI INCONTRI RIVOLTI ALLE EDUCATRICI L INTELLIGENZA EMOTIVA Descrizione: le emozioni sono alla base sia dello sviluppo cognitivo che di quello sociale. Il corso, attraverso esercitazioni teoriche e pratiche,

Dettagli

LA SEDUTA DI ALLENAMENTO

LA SEDUTA DI ALLENAMENTO La seduta di allenamento Scuola Calcio Settore Giovanile Scuola Calcio LA SEDUTA DI ALLENAMENTO Giovanni Di Rocca - stagione sportiva 2014/2015 Scuola Calcio 1 La seduta di allenamento Scuola Calcio L

Dettagli

La Cultura d Impresa in Italia Le evidenze di ricerca sulle Imprese e sulla popolazione italiana

La Cultura d Impresa in Italia Le evidenze di ricerca sulle Imprese e sulla popolazione italiana Cultura d Impresa: significati, valori e prospettive La Cultura d Impresa in Italia Le evidenze di ricerca sulle Imprese e sulla popolazione italiana Milano, 9 Marzo 2007 Giuseppe Minoia Questa ricerca

Dettagli

LA FORMAZIONE A CATALOGO

LA FORMAZIONE A CATALOGO La Formazione a Catalogo di BB Formazione consente di sviluppare le competenze indispensabili al ruolo professionale e di acquisire best practice, metodologie e strumenti utili per accrescere la propria

Dettagli

Corso di SPECIALIZZAZIONE METODOLOGIE E STRATEGIE PER L INSEGNAMENTO INFANTILE

Corso di SPECIALIZZAZIONE METODOLOGIE E STRATEGIE PER L INSEGNAMENTO INFANTILE Proposta 2 Corso di SPECIALIZZAZIONE METODOLOGIE E STRATEGIE PER L INSEGNAMENTO INFANTILE PERCORSO DI FORMAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA PROFESSIONALITA DOCENTE PER L INFANZIA MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DEL

Dettagli

UNA FORMAZIONE DIVERSA

UNA FORMAZIONE DIVERSA UNA FORMAZIONE DIVERSA Durata 12 mesi data inizio e data fine: aprile 2011 - aprile 2012 Coerenza piano Il piano presentato si muove nella direzione della valorizzazione delle diversità in Azienda, in

Dettagli

La didattica per competenze, costruzione di moduli interdisciplinari

La didattica per competenze, costruzione di moduli interdisciplinari La didattica per competenze, costruzione di moduli interdisciplinari Interdisciplinarietà non come somma di discipline. Modulo interdisciplinare Quali competenze per risolvere un problema interdisciplinare.

Dettagli

Baldo Sicurezza Ambiente società di consulenza e servizi professionali. Dott. UGO BALDO - STUDIO B.S.A.

Baldo Sicurezza Ambiente società di consulenza e servizi professionali. Dott. UGO BALDO - STUDIO B.S.A. società di consulenza e servizi professionali Mettiamo a frutto tutta la nostra esperienza nel tuo settore. Dall analisi della, all audit ambientale, fino alla del personale, Studio BSA, un team di chimici

Dettagli

CENTRO di FORMAZIONE CONTINUA

CENTRO di FORMAZIONE CONTINUA CENTRO DI FORMAZIONE CONTINUA FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY COMITATO REGIONALE ABRUZZESE descrizione sintetica del CENTRO di FORMAZIONE CONTINUA 17 giugno 2011 Il presente documento descrive il progetto di

Dettagli

MARKETING E PUBBLICITA DELLO STUDIO PROFESSIONALE E REGOLE E STRUMENTI DI COMUNICAZIONE

MARKETING E PUBBLICITA DELLO STUDIO PROFESSIONALE E REGOLE E STRUMENTI DI COMUNICAZIONE Presentazione della «Guida IFAC per la gestione dei piccoli e medi Studi professionali» MARKETING E PUBBLICITA DELLO STUDIO PROFESSIONALE E REGOLE E STRUMENTI DI COMUNICAZIONE 1 PROGRAMMA MARKETING E PUBBLICITA

Dettagli

PUBLIC SPEAKING Obiettivi Temi trattati Metodologia di lavoro Durata

PUBLIC SPEAKING Obiettivi Temi trattati Metodologia di lavoro Durata PUBLIC SPEAKING Presentare in pubblico programmi, progetti, relazioni ed anche idee e punti di vista è un attività continua in azienda, eppure spesso non ci si sente preparati o ci si rende conto di essere

Dettagli

TrainingBox. Il TrainingBox è un percorso progettato per coloro che si occupano di formazione e sviluppo all interno delle organizzazioni.

TrainingBox. Il TrainingBox è un percorso progettato per coloro che si occupano di formazione e sviluppo all interno delle organizzazioni. ISTUD TrainingBox TrainingBox Il TrainingBox è un percorso progettato per coloro che si occupano di formazione e sviluppo all interno delle organizzazioni. La finalità generale è quella di sostenere i

Dettagli

STRATEGIE PER LA MOTIVAZIONE ALLO STUDIO. Maurizio Muraglia IC Valderice,

STRATEGIE PER LA MOTIVAZIONE ALLO STUDIO. Maurizio Muraglia IC Valderice, STRATEGIE PER LA MOTIVAZIONE ALLO STUDIO Maurizio Muraglia IC Valderice, 3.5.2017 LA MOTIVAZIONE: UNA COSTELLAZIONE DI SIGNIFICATI ASPETTATIVA LA MOTIVAZIONE NON E DELL ALLIEVO MA E DISTRIBUITA FAMIGLIA

Dettagli

Life Skills: le competenze della vita Gianluca Fovi MD, PhD Rieti 24 Maggio 2012

Life Skills: le competenze della vita Gianluca Fovi MD, PhD Rieti 24 Maggio 2012 Life Skills: le competenze della vita Gianluca Fovi MD, PhD Rieti 24 Maggio 2012 Le radici di Unplugged UNPLUGGED MODELLO INFLUENZA SOCIALE LIFE SKILLS EDUCAZIONE NORMATIVA Il Modello dell influenza

Dettagli

ESSERE VOLONTARIO. COSA VUOL DIRE?

ESSERE VOLONTARIO. COSA VUOL DIRE? ESSERE VOLONTARIO. COSA VUOL DIRE? CAPACITA? NE ABBIAMO? ALTRIMENTI LE COSTRUIAMO Torino, 4 Maggio 2017 Prima giornata di formazione dei volontari mentori Progetto Early Warning Europe SOFT SKILL Autonomia

Dettagli

LA GESTIONE PROFESSIONALE DELLE RELAZIONI DI RUOLO

LA GESTIONE PROFESSIONALE DELLE RELAZIONI DI RUOLO LA GESTIONE PROFESSIONALE DELLE RELAZIONI DI RUOLO Essere una squadra è prima di tutto un modo di pensare 1. Lo scenario Nell attuale situazione caratterizzata da una crescente complessità e discontinuità

Dettagli

Chiarezza obiettivo Riflessione Controllo di sé Autovalutazione

Chiarezza obiettivo Riflessione Controllo di sé Autovalutazione Progetto x competenza EMOZIONANDO Competenza imparare ad imparare: è l abilità di perseverare nell apprendimento, di organizzare il proprio apprendimento anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

SUL DIZIONARIO DELEGA È DEFINITA COME L ASSEGNAZIONE AD ALTRI DI POTERI E FUNZIONI RELATIVE A DETERMINATI COMPITI DELEGARE

SUL DIZIONARIO DELEGA È DEFINITA COME L ASSEGNAZIONE AD ALTRI DI POTERI E FUNZIONI RELATIVE A DETERMINATI COMPITI DELEGARE LA DELEGA 1. 1 Delegare 1. 2 SUL DIZIONARIO DELEGA È DEFINITA COME L ASSEGNAZIONE AD ALTRI DI POTERI E FUNZIONI RELATIVE A DETERMINATI COMPITI DELEGARE AFFIDARE AD ALTRI QUANTO NORMALMENTE RIENTRA NELL

Dettagli

Industrial Management School. Percorso. Technical account. Sviluppo delle competenze relazionali e commerciali per tecnici. Percorsi.

Industrial Management School. Percorso. Technical account. Sviluppo delle competenze relazionali e commerciali per tecnici. Percorsi. Industrial Management School Technical account Sviluppo delle competenze relazionali e commerciali per tecnici Percorsi area After Sales La mappa Modulo Service ambassador - Field customer care Comunicazione

Dettagli

OBIETTIVI PRIMO BIENNIO

OBIETTIVI PRIMO BIENNIO OBIETTIVI PRIMO BIENNIO OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI 1 ACQUISIRE UN COMPORTAMENTO CORRETTO 1a rispetta gli orari 1b rispetta le scadenze dell attività didattica 1c rispetta i locali, gli arredi, gli strumenti

Dettagli

Thumbs Up Orienta: la proposta. Thumbs Up Orienta: i punti di forza

Thumbs Up Orienta: la proposta. Thumbs Up Orienta: i punti di forza Thumbs Up Orienta 1 Thumbs Up 2 Thumbs Up Orienta: la proposta 3 Thumbs Up Orienta: i punti di forza 4 Contatti Creiamo un ponte tra giovani e mondo del lavoro Ridurre il divario tra giovani e lavoro,

Dettagli

L insegnamento del Laboratorio di Fisica. Alcune considerazioni didattiche

L insegnamento del Laboratorio di Fisica. Alcune considerazioni didattiche L insegnamento del Laboratorio di Fisica Alcune considerazioni didattiche La Fisica nasce come scienza sperimentale, ma è spesso insegnata in modo soltanto teorico. Senza il supporto del laboratorio, si

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO SCOPRITALENTO

PRESENTAZIONE PROGETTO SCOPRITALENTO SCOPRITALENTO 2015-2016 PRESENTAZIONE PROGETTO SCOPRITALENTO Un modello di innovazione didattica e di orientamento alternanza scuola lavoro di tipo leggero per il triennio delle Scuole secondarie di secondo

Dettagli

Cantieri di Intraprendenza e Lavoro

Cantieri di Intraprendenza e Lavoro CANTIERECASCINE Perché Per trovare la propria strada, crescere e incontrare il mondo del lavoro con consapevolezza Dove Presso 7 sedi decentrate Cantieri di Intraprendenza e Lavoro Career Counselling Formazione

Dettagli

Delega ed Empowerment

Delega ed Empowerment Professione: MANAGER - Le Palestre Delega ed Empowerment 2017 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo documento è stato ideato e preparato da TEH-A per il cliente destinatario;

Dettagli

Circolare n. 210 R Verona, 2 3 / 0 1 / All'attenzione DOCENTI. E p.c. ATA

Circolare n. 210 R Verona, 2 3 / 0 1 / All'attenzione DOCENTI. E p.c. ATA Circolare n. 210 R Verona, 2 3 / 0 1 / 2 0 1 8 All'attenzione E p.c. DOCENTI ATA OGGETTO: UNITA FORMATIVA LAVORARE IN RELAZIONE per docenti del Liceo Artistico di Verona e degli istituti del secondo grado

Dettagli

COACHING PRESENTAZIONE SERVIZIO BOCCONI ALUMNI ASSOCIATION

COACHING PRESENTAZIONE SERVIZIO BOCCONI ALUMNI ASSOCIATION COACHING PRESENTAZIONE SERVIZIO BOCCONI ALUMNI ASSOCIATION 2 INDICE Perché il Coaching? Coaching e Mentoring: le differenze Ruoli, competenze e comportamenti del Coach e del Coachee (cliente) Regole del

Dettagli

Capitolo 1 La didattica della vela

Capitolo 1 La didattica della vela Prefazione Questo libro è rivolto a tutti coloro che si occupano dell insegnamento della vela in corsi di tutti i livelli e sui diversi supporti: deriva, cabinato e catamarano. Crediamo che ci si debba

Dettagli

COMUNICAZIONE D IMPRESA

COMUNICAZIONE D IMPRESA COMUNICAZIONE D IMPRESA - La Comunicazione d Impresa - Overview ALESSANDRA POGGIANI - COMUNICAZIONE D IMPRESA LA COMUNICAZIONE D'IMPRESA La comunicazione d impresa consiste principalmente in un attività

Dettagli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE e KNOWLEDGE MANAGEMENT

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE e KNOWLEDGE MANAGEMENT Spett.le PROPOSTA FORMATIVA: PUBBLICA AMMINISTRAZIONE e KNOWLEDGE MANAGEMENT PER IL COMUNE DI PREMESSA: IL CONTESTO ISTITUZIONALE Le Amministrazioni Pubbliche locali vivono una fase di grandi trasformazioni.

Dettagli

LIFE SKILLS - SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL CORSO DA PARTE DEI PARTECIPANTI

LIFE SKILLS - SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL CORSO DA PARTE DEI PARTECIPANTI LIFE SKILLS - SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL CORSO DA PARTE DEI PARTECIPANTI 1) Il corso ha corrisposto, in linea di massima, alle Sue aspettative iniziali? Si 17 No 0 Perché? Ero già a conoscenza di queste

Dettagli

Consulenza Aziendale TRACCIAMO INSIEME A TE LA STRADA PER IL FUTURO DELLA TUA IMPRESA

Consulenza Aziendale TRACCIAMO INSIEME A TE LA STRADA PER IL FUTURO DELLA TUA IMPRESA BDM4BUSINESS Business Development Management Consulenza Aziendale TRACCIAMO INSIEME A TE LA STRADA PER IL FUTURO DELLA TUA IMPRESA WWW.BDM4YOU.COM La consulenza aziendale di impresa è il processo attraverso

Dettagli

La stru(ura dei Career Service

La stru(ura dei Career Service La stru(ura dei Career Service Delega al Job Placement Ufficio Supporto alle inizia$ve di orientamento in ingresso, in i$nere e Job Placement Aprile 2016 Che cosa sono i Career Service? Sono servizi e inizia$ve

Dettagli

I futuri leader delle Tlc? Li alleva VueTel e l'università Sapienza

I futuri leader delle Tlc? Li alleva VueTel e l'università Sapienza 15-12-15 Corrierecomunicazioni.it online http://www.corrierecomunicazioni.it/job-skill/38542_i-futuri-leader-delle-tlc-li-alleva-vuetel-e-luniversita-sapienza.htm I futuri leader delle Tlc? Li alleva VueTel

Dettagli

Dott.ssa Elena Moltini Psicologa-Psicoterapeuta

Dott.ssa Elena Moltini Psicologa-Psicoterapeuta Dott.ssa Elena Moltini Psicologa-Psicoterapeuta L AUTO MUTUO AIUTO: DEFINIZIONE momento di incontro tra persone singole, in coppie o famiglie, unite da uno stesso problema, stato di bisogno o di difficoltà

Dettagli

I GIORNI DELLA LETTURA 20, 21, 22 APRILE 2009

I GIORNI DELLA LETTURA 20, 21, 22 APRILE 2009 CIRCOLO DIDATTICO ALDA COSTA Via Previati, 31-44100 Ferrara tel. 0532\205756 fax 0532\241229 Email: feee017001@istruzione.it PROGETTO LETTURA I GIORNI DELLA LETTURA 20, 21, 22 APRILE 2009 CIRCOLO DIDATTICO

Dettagli

ASPETTI DELLA MOTIVAZIONE SCOLASTICA

ASPETTI DELLA MOTIVAZIONE SCOLASTICA ASPETTI DELLA MOTIVAZIONE SCOLASTICA Maurizio Muraglia Comenius Regio 2013 LA MOTIVAZIONE: UNA COSTELLAZIONE DI SIGNIFICATI ASPETTATIVA LA MOTIVAZIONE NON E DELL ALLIEVO MA E DISTRIBUITA FAMIGLIA GRUPPO

Dettagli

Strutture per ANZIANI

Strutture per ANZIANI Organismo accreditato da ACCREDIA UNI EN ISO 9001:2008 SGQ Certificato n. 1150 Strutture per ANZIANI Un nuovo approccio gestionale Non onorare la vecchiaia, è demolire la casa dove ci si deve addormentare

Dettagli

LO STAKEHOLDER ENGAGEMENT

LO STAKEHOLDER ENGAGEMENT LO STAKEHOLDER ENGAGEMENT Cosa occorre fare per essere concretamente un'impresa sostenibile? Il Rapporto di Sostenibilità 2015 É focalizzato sui temi di maggior rilevanza per il core business e per gli

Dettagli

Protezione Civile Regione Friuli Venezia Giulia

Protezione Civile Regione Friuli Venezia Giulia Protezione Civile Regione Friuli Venezia Giulia La comunicazione in 1. Comunicazione per prevenire l (e creare attenzione, membership, ecc) 2. Comunicazione per gestire l La comunicazione informare vs

Dettagli

CICLO DI MANAGEMENT. Tre giornate per aumentare la consapevolezza e il governo delle competenze di gestione e sviluppo delle risorse umane

CICLO DI MANAGEMENT. Tre giornate per aumentare la consapevolezza e il governo delle competenze di gestione e sviluppo delle risorse umane CICLO DI MANAGEMENT Tre giornate per aumentare la consapevolezza e il governo delle competenze di gestione e sviluppo delle risorse umane La Gestione delle Risorse e il Ciclo del Management BOLOGNA, 26

Dettagli

LIFE SKILLS - SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL CORSO DA PARTE DEI PARTECIPANTI

LIFE SKILLS - SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL CORSO DA PARTE DEI PARTECIPANTI 1) Il corso ha corrisposto, in linea di massima, alle Sue aspettative iniziali? Sì LIFE SKILLS - SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL CORSO DA PARTE DEI PARTECIPANTI Si 11 Abbastanza 1 No 0 Non risponde 1 Perché

Dettagli

Dott. Paolo Cardoso. Psicologo Psicoterapeuta. Viale Cialdini 19, Firenze Via Lungo l Affrico 140, Firenze

Dott. Paolo Cardoso. Psicologo Psicoterapeuta. Viale Cialdini 19, Firenze Via Lungo l Affrico 140, Firenze Dott. Paolo Cardoso Psicologo Psicoterapeuta Viale Cialdini 19, 50137 Firenze Via Lungo l Affrico 140, 50137 Firenze Tel.: 338.9381870-3289039747 E-mail: paolo.cardoso@gmail.com - claudia.gambetti@gmail.com

Dettagli

PNL, un decalogo per la gestione efficace dell aula

PNL, un decalogo per la gestione efficace dell aula SEMINARIO DI SVILUPPO PROFESSIONALE DEI FORMATORI IPAF 2016 PNL, un decalogo per la gestione efficace dell aula Pier Angelo Cantù Bologna, 21 Gennaio 2016 Savoia Regency Hotel La PNL E lo studio della

Dettagli

I processi direzionali

I processi direzionali Metodi e strumenti per il controllo dei processi: certificazione ed accreditamento I processi direzionali Relatore: Dott.ssa Maria Rita Cavallo ASL TO 3 Pinerolo GLI 8 PRINCIPI DEL TQM Organizzazione orientata

Dettagli

del Lavoro e la Crea dell Occupa del Lavoro e la Creazion dell Occupazione SOLCO Srl per Catalogo FONDIR 2016

del Lavoro e la Crea dell Occupa del Lavoro e la Creazion dell Occupazione SOLCO Srl per Catalogo FONDIR 2016 Servizi per l Organizza del Lavoro e la Creazion dell Occupazione Servizi l Organizza SOLCO Srl per Catalogo FONDIR 2016 del Lavoro e la Crea dell Occupa Servizi per l Organizza del Lavoro e la Creazion

Dettagli

Ampliamento dell offerta formativa. a.s. 2012-2013

Ampliamento dell offerta formativa. a.s. 2012-2013 Ampliamento dell offerta formativa Premessa: Ampliamento dell offerta formativa. In un sistema scolastico come quello italiano, in cui il momento della formazione al lavoro è costantemente rinviato, uno

Dettagli

INDICAZIONI METODOLOGICHE PER COSTRUIRE UNA UDA:

INDICAZIONI METODOLOGICHE PER COSTRUIRE UNA UDA: Progetto nazionale di educazione al patrimonio culturale e al paesaggio 2014-2015 Scuola, cittadinanza, sostenibilità Le pietre e i cittadini Corso di aggiornamento per docenti TERRITORIO E MUSEO: il caso

Dettagli

Project manager advanced

Project manager advanced Industrial Management School advanced - Approfondire le competenze di Project risk, gestire i conti economici di un progetto e saper negoziare con gli stakeholder - La metodologia Agile per la gestione

Dettagli

Innovazione di prodotto: definizione e processo

Innovazione di prodotto: definizione e processo Innovazione di prodotto: definizione e processo Obiettivi della lezione Innovazione di prodotto: definizioni Il ciclo di vita del prodotto e le principali strategie di marketing collegate 1 Invenzioni

Dettagli

La domanda di consulenza manageriale da parte delle pmi italiane Stato dell arte e prospettive. Roma, 9 Giugno 2016

La domanda di consulenza manageriale da parte delle pmi italiane Stato dell arte e prospettive. Roma, 9 Giugno 2016 La domanda di consulenza manageriale da parte delle pmi italiane Stato dell arte e prospettive Roma, 9 Giugno 2016 Abbiamo intervistato un campione di 408 titolari e manager di imprese italiane con fatturato

Dettagli

AMOS Abilità e motivazione allo studio

AMOS Abilità e motivazione allo studio AMOS Abilità e motivazione allo studio Cosa è un test? Un test consiste essenzialmente in una misurazione oggettiva e standardizzata di un campione di comportamento. La funzione fondamentale è quella di

Dettagli

«METTERSI INSIEME E UN INZIO, RIMANERE INSIEME E UN PROGRESSO, LAVORARE INSIEME E UN SUCCESSO» (Henry Ford) Ilaria Franchini Delega Economia e Lavoro

«METTERSI INSIEME E UN INZIO, RIMANERE INSIEME E UN PROGRESSO, LAVORARE INSIEME E UN SUCCESSO» (Henry Ford) Ilaria Franchini Delega Economia e Lavoro «METTERSI INSIEME E UN INZIO, RIMANERE INSIEME E UN PROGRESSO, LAVORARE INSIEME E UN SUCCESSO» (Henry Ford) Ilaria Franchini Delega Economia e Lavoro ASSEMBLEA CITTADINA 18 novembre 2015 Pochi dati da

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZOGNO SCUOLA PRIMARIA DI AMBRIA PLESSO POTENZIATO DI AMBRIA Impariamo a stare insieme. giocando! REFERENTI: De Pasquale

Dettagli

La metodologia di progettazione: accenni al Project Cycle Management (Gestione del ciclo del progetto)

La metodologia di progettazione: accenni al Project Cycle Management (Gestione del ciclo del progetto) La metodologia di progettazione: accenni al Project Cycle Management (Gestione del ciclo del progetto) Provincia di Mantova _ 06 aprile 2017 Giuseppe Carlo Caruso - Project Manager Ufficio Politiche europee

Dettagli

SPI. Corso di Empowerment Professionale introduttivo al Counseling

SPI. Corso di Empowerment Professionale introduttivo al Counseling Corso di Empowerment Professionale introduttivo al Counseling L'obiettivo è l'acquisizione delle competenze di Counseling che si esprimono nella capacità di ascolto, l'accettazione incondizionata, la congruenza,

Dettagli

Chi è Agenzia per il Green

Chi è Agenzia per il Green Chi è Agenzia per il Green L Agenzia per il Green nasce dal felice incontro di persone dai percorsi professionali diversi che hanno trovato un identità comune nella condivisione di esperienze, conoscenze

Dettagli

LAVORO COLLABORATIVO PARTE 1 - MODALITÀ' PER PROMUOVERE LA RISORSA COMPAGNI

LAVORO COLLABORATIVO PARTE 1 - MODALITÀ' PER PROMUOVERE LA RISORSA COMPAGNI LAVORO COLLABORATIVO PARTE 1 - MODALITÀ' PER PROMUOVERE LA RISORSA COMPAGNI 1 CREARE UN CLIMA INCLUSIVO 2 CONOSCERE LA DIFFICOLTÀ DEL COMPAGNO 4 linee operative: - abbassare i livelli di competitività:

Dettagli

Informazioni preliminari AZIENDA B1

Informazioni preliminari AZIENDA B1 Informazioni preliminari AZIENDA B1 28 Settembre 2017 h.17.00 Il Sole 24 Ore - Via Monte Rosa 91 - Milano Profilo aziendale L azienda mira a creare un servizio innovativo, nei campi del wellness e del

Dettagli

Live the present, plan the future.

Live the present, plan the future. Live the present, plan the future. Assobagno Mastery School L organizzazione del percorso Assobagno e Angaisa invitano i manager e le risorse delle aziende associate a seguire percorsi formativi specifici

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO e Classico G. Asproni LICEO ARTISTICO R. Branca

LICEO SCIENTIFICO e Classico G. Asproni LICEO ARTISTICO R. Branca LICEO SCIENTIFICO e Classico G. Asproni LICEO ARTISTICO R. Branca PIANO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DOCENTE Premessa La comunicazione del MIUR n.2915, del 15/09/2016 sulla progettazione delle attività

Dettagli

Lo scenario per nuove imprese e nuovi imprenditori

Lo scenario per nuove imprese e nuovi imprenditori Lo scenario per nuove imprese e nuovi imprenditori Gli imperativi dello scenario Globalizzazione Stato Societa Imprenditorialità Impresa Mercato del lavoro Lavoro autonomo Neoimpresa Gli imperativi dello

Dettagli

Corso di Laurea in Servizio Sociale

Corso di Laurea in Servizio Sociale Corso di Laurea in Servizio Sociale L organizzazione dei servizi sociali Gestire il Cambiamento Organizzativo Tra modelli e compiti di leadership Tratto da: Piccardo C. e Colombo L., Governare il cambiamento,

Dettagli

Hanno però dato anche sempre spazio ai sogni, al desiderio di cambiare, di contribuire a dare vita ad un mondo diverso.

Hanno però dato anche sempre spazio ai sogni, al desiderio di cambiare, di contribuire a dare vita ad un mondo diverso. Sogni e bisogni Le cooperative sono nate per rispondere a bisogni anche molto concreti. Hanno però dato anche sempre spazio ai sogni, al desiderio di cambiare, di contribuire a dare vita ad un mondo diverso.

Dettagli

AZIENDA INNOVATION & CHANGE. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

AZIENDA INNOVATION & CHANGE. Programma di sviluppo continuo dell innovazione AZIENDA INNOVATION & CHANGE Programma di sviluppo continuo dell innovazione Per Le Nuove sfide è necessario valutare i nostri punti di forza e di debolezza per poter mettere a punto un piano d azione che

Dettagli

Lo sviluppo delle soft skills per fare la differenza. Cameriere e barista protagonisti dell accoglienza e della vendita.

Lo sviluppo delle soft skills per fare la differenza. Cameriere e barista protagonisti dell accoglienza e della vendita. Lo sviluppo delle soft skills per fare la differenza Cameriere e barista protagonisti dell accoglienza e della vendita Relazione finale Sommario Partecipanti ed organizzazione... 2 Obiettivi e contenuti...

Dettagli

Un azienda leader di mercato

Un azienda leader di mercato Company profile Un azienda leader di mercato Quotata su AIM Italia Primi Sui Motori, società su AIM di Borsa Italiana, in oltre 10 anni di attività ha raggiunto una posizione di leadership nel settore

Dettagli

Comune di Venezia DIREZIONE POLITICHE SOCIALI, PARTECIPATIVE E DELL ACCOGLIENZA

Comune di Venezia DIREZIONE POLITICHE SOCIALI, PARTECIPATIVE E DELL ACCOGLIENZA Comune di Venezia DIREZIONE POLITICHE SOCIALI, PARTECIPATIVE E DELL ACCOGLIENZA Servizio Immigrazione e Promozione dei diritti di cittadinanza e dell asilo Oggetto: indagine di soddisfazione del dispositivo

Dettagli

A seguito della nostra conversazione abbiamo il piacere di presentarvi le offerte formative riservate ai vostri iscritti.

A seguito della nostra conversazione abbiamo il piacere di presentarvi le offerte formative riservate ai vostri iscritti. Shenker for A seguito della nostra conversazione abbiamo il piacere di presentarvi le offerte formative riservate ai vostri iscritti. 1) Team Work: corso Frontale di Classe nelle sedi di Milano, Torino

Dettagli

Non c è blu senza il giallo e senza l arancione

Non c è blu senza il giallo e senza l arancione è parte di Non c è blu senza il giallo e senza l arancione Vincent Van Gogh è parte di Contribuiamo a costruire il futuro in cui vorremmo vivere. Siamo un azienda di persone. Il nostro successo nasce anche

Dettagli