L abuso del diritto tra teoria e dogmatica (precauzioni per l uso)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L abuso del diritto tra teoria e dogmatica (precauzioni per l uso)"

Transcript

1 [in Eguaglianza, ragionevolezza e logica giuridica, a cura di G. Maniaci, Giuffrè, Milano, 2006, pp ] L abuso del diritto tra teoria e dogmatica (precauzioni per l uso) GIORGIO PINO Aut facio ad meam utilitatem et possum, aut ad aemulationem et inhonestam considerationem et non possum. Baldo degli Ubaldi, XIV sec. Nei suoi limiti e nella sua vocazione, la dottrina dell abuso finisce allora col testimoniare l antica miseria del diritto e la pena del giurista che cerca di riscattarla. P. Rescigno, Premessa A) In un rapporto giuridico che intercorre tra un debitore e un creditore, quest ultimo non può frazionare la sua pretesa in una pluralità di azioni giudiziarie distinte: infatti, moltiplicando i giudizi per far valere pro parte la stessa ed unica pretesa creditoria si determina una illogica complicazione del meccanismo di esazione del credito, che crea il rischio di dare luogo a giudicati contraddittori, e si determina una perversione del rapporto giuridico originario, che è per sua natura unitario; il pregiudizio che in tal modo viene arrecato al debitore (costretto a subire una pluralità di azioni giudiziarie) non è giustificato da alcun interesse del creditore che sia meritevole di tutela da parte dell ordinamento giuridico 1. Ringrazio Raul Calvo, Bruno Celano, Paolo Comanducci, Ernesto Garzón Valdés, Riccardo Guastini, Luigi Lombardi Vallauri, José Juan Moreso, Pablo Navarro, Aldo Schiavello e Vittorio Villa per i loro preziosi commenti. 1 Cfr. Corte di Cassazione, sez. I civ., 14 novembre 1997 n , in «Corriere giuridico», 1998, pp. 540 ss.; cfr. anche Corte di Cassazione, sez. I civ., 23 luglio 1997 n. 6900, in «Foro italiano», 1998, I, c

2 B) Il mancato o negligente uso, da parte del titolare di un diritto (di proprietà su un edificio), della facoltà di agire in difesa del proprio diritto, per rimuovere una situazione che risulti dannosa non solo per il titolare del diritto stesso (legittimato ad agire in giudizio), ma anche per altri, può costituire un uso anormale del diritto stesso ed essere fonte di responsabilità risarcitoria, perché attiene all esercizio di ciascun diritto sostanziale la facoltà di farlo valere nell ambito della legge che lo riconosce ed in confronto di chi ha posto o sta per porre in essere una situazione particolare contraria a quel diritto 2. C) Nell ambito di un contratto di apertura di credito, la banca, pur ricorrendo una giusta causa di recesso tipizzata dalle parti nel contratto, non può recedere con modalità del tutto impreviste ed arbitrarie, tali da contrastare con la ragionevole aspettativa del cliente che, in base ai rapporti usualmente tenuti dalla banca ed all assoluta normalità commerciale dei rapporti in atto, abbia fatto conto di poter disporre della provvista redditizia per il tempo previsto 3. Queste vicende sinteticamente riportate, tratte da alcune controversie decise da giudici italiani in tempi diversi negli ultimi decenni, pur se eterogenee tra loro esibiscono un tratto comune: in esse si è ritenuto che un soggetto, pur esercitando un proprio diritto espressamente riconosciuto dalla legge o da un contratto, non stesse in realtà perseguendo un fine meritevole di tutela da parte dell ordinamento, ed anzi realizzasse un obbiettivo (o comunque un effetto) ad esso contrario, e che quindi non gli dovesse essere riconosciuta tutela in sede giurisdizionale. In altre parole, le vicende sopra descritte sono accomunate dalla circostanza che viene messa all opera, nell ambito della giustificazione di una decisione giudiziaria, una figura peculiare del pensiero giuridico: l abuso del diritto, o meglio il divieto dell abuso del diritto (dove ovviamente diritto deve intendersi come espressione ellittica per diritto soggettivo ). Il problema dell abuso del diritto può essere considerato dunque come una ipotesi in cui l attribuzione di un certo diritto, effettuata in via generale ed astratta dall ordinamento, finisce per disattendere nel caso concreto le finalità che la giustificano, o comunque finisce con il determinare una situazione che l ordinamento non dovrebbe tollerare (in considerazione di qualche criterio di valutazione) 4. Si tratta a ben vedere di una situazione speculare rispetto a quella, prevista da molti ordinamenti, dell esercizio di un diritto come causa di giustificazione rispetto alla commissione di un reato: una fattispecie che in astratto è prevista dalla legge penale come reato viene corretta e diventa lecita se nel caso concreto la condotta antigiuridica costituisce al tempo stesso esercizio di un diritto. 2 Cfr. Corte di Cassazione, sez. II civ., 15 novembre 1960 n. 3040, in «Foro italiano», 1961, I, cc. 256 ss. 3 Cfr. Corte di Cassazione, sez. I civ., 14 luglio 2000 n. 9321, in «Foro italiano», 2000, I, cc ss.; cfr. anche Tribunale Roma 28 febbraio 1983, in «Foro italiano», 1984, I, c. 1986; Corte di Cassazione, 21 maggio 1997 n. 4538, in «Foro italiano», 1997, I, c Cfr. A. Gambaro, Abuso del diritto, cit., che in proposito parla di «fallimento della programmazione normativa». 2

3 2. L abuso del diritto in prospettiva teorica 2.1. L abuso del diritto nella cultura giuridica (recente) La formula abuso del diritto figura da molto tempo nell armamentario e nell immaginario dei giuristi, tanto che si è parlato a questo proposito di uno dei «correttivi più noti» 5 presente negli ordinamenti giuridici contemporanei. In alcuni ordinamenti (Svizzera, Germania, Spagna) esso è stato espressamente codificato o addirittura costituzionalizzato, in altri invece (Italia, Francia) ha conservato lo status di (controversa) creazione dottrinale. In ogni caso, la funzione della figura è di riporre un duttile strumento nelle mani dei giuristi (dei giudici e, con modalità diverse, dei dogmatici) al fine di introdurre un correttivo extra ordinem nella trama del diritto puramente legale, e ciò in forza di una delega che viene attribuita all interprete dal legislatore oppure, a seconda dei casi, che l interprete si auto-attribuisce 6. Nella cultura giuridica italiana, l interesse per la figura dell abuso del diritto ha seguito l incerto andamento di un fiume carsico ovvero, se si vuole usare un immagine ancora più suggestiva, ha assunto le sembianze dell araba fenice 7 : l interesse è emerso sporadicamente probabilmente in maniera non casuale in alcuni momenti della storia della nostra cultura giuridica, destando adesioni entusiaste e critiche anche aspre, per poi attraversare lunghi periodi di malinconico confino nel ripostiglio in cui il giurista ripone gli attrezzi che non gli servono più, perché sostituiti da altri più nuovi, più precisi, o forse solo più alla moda. Poiché la prospettiva che intendo adottare in questo paper non è primariamente di storiografia o di sociologia della cultura giuridica, non mi diffonderò sulle ragioni culturali del carattere altalenante dell interesse (in positivo e in negativo) verso la figura dell abuso del diritto da parte dei giuristi italiani, se non per introdurre la banale constatazione che, nel corso del Novecento, l attenzione verso questa figura è stata risvegliata da quanti si sono fatti portatori di progetti di metodologia giuridica in senso ampio antiformalistici. Così, per limitarci a pochi ma significativi esempi, agli inizi del Novecento troviamo alcuni appassionati interventi, sia dottrinali che giurisprudenziali, volti a stigmatizzare la possibilità che l esercizio del diritto soggettivo venga piegato al capriccio e agli scopi egoistici del titolare, a 5 Così S. Patti, Abuso del diritto, in Digesto delle Discipline Privatistiche Sez. civile, vol. I, Utet, Torino, 1987, pp. 1-9 (p. 1); cfr. anche A. Gambaro, Abuso del diritto. II) Diritto comparato e straniero, in Enciclopedia Giuridica, vol. I, Istituto dell Enciclopedia Italiana, Roma, 1988, p. 1 6 Cfr. R. Sacco, L esercizio e l abuso del diritto, in G. Alpa, M. Graziadei, A. Guarneri, U. Mattei, P. G. Monateri, R. Sacco, Il diritto soggettivo, Torino, Utet, 2001, pp (spec. p. 321); S. Patti, Abuso del diritto, cit., p. 7, dove si riconduce la problematica dell abuso al contrasto tra una visione «letterale» ed una «costruttiva» del codice civile. 7 L immagine dell araba fenice è evocata da G. Alpa, I principi generali, Giuffrè, Milano, 1993, p

4 scapito del sentimento di solidarietà e della funzione sociale che permeano (dovrebbero permeare?) l esercizio del diritto e specialmente del diritto di proprietà 8. Negli anni Sessanta, in un clima di più generale rinnovamento della cultura civilistica italiana alla luce di valori e principi ricavabili dalla Costituzione repubblicana del 1948, ritroviamo una dotta e assai influente rivalutazione della teoria dell abuso del diritto, utilizzata come istanza particolare di un più ampio programma metodologico antiformalistico, che poneva l enfasi sul pluralismo giuridico e sui cosiddetti corpi sociali intermedi 9. Alla fine degli anni Novanta, infine, la formula sembra conoscere una nuova fortuna, con l apparire di una pluralità di interventi variamente favorevoli alla rivalutazione del divieto di abuso del diritto, improntati a svariate metodologie antiformalistiche (tra le quali si notano alcune riproposizioni del pluralismo e del solidarismo cattolico, e le suggestioni della analisi economica del diritto) 10. È probabile inoltre che l interesse degli studiosi si acuisca anche nei prossimi anni, considerato che il divieto di abuso del diritto figura nella Carta europea dei diritti fondamentali (c.d. Carta di Nizza) 11. A dire il vero, comunque, l infelice formulazione di questa disposizione non sembra implicare nulla di più della necessità di effettuare un bilanciamento o ponderazione fra i diversi diritti enumerati dalla Carta. 8 Le espressioni virgolettate sono tratte da A. Levi, Sul concetto di buona fede. Appunti intorno ai limiti del diritto soggettivo, Genova, 1912, spec. p. 95 (i limiti cui si riferisce l autore nel sottotitolo sono di carattere etico, e ispirati ad esigenze di solidarietà sociale). Ragguagli sulla vicenda, con interessanti riferimenti giurisprudenziali, in D. Corradini, Il criterio della buona fede e la scienza del diritto privato, Giuffrè, Milano, 1970, pp (a proposito delle «tendenze anticoncettualistiche» nella civilistica italiana della prima metà del Novecento). Sulla parentesi antiformalistica apparsa nella cultura giuridica italiana dei primi del Novecento, sino ad allora massicciamente presidiata da due distinte forme di formalismo (la Scuola dell Esegesi e la Pandettistica), si veda G. Tarello, La Scuola dell Esegesi e la sua diffusione in Italia (1969), in Id., Cultura giuridica e politica del diritto, il Mulino, Bologna, 1988, pp (spec. pp , ). 9 Il riferimento è soprattutto a P. Rescigno, L abuso del diritto, in «Rivista di diritto civile», 1965, I, pp. 205 ss. Per una ricostruzione del programma metodologico e gius-politico attribuibile ai giuristi di questa corrente, si veda G. Tarello, Orientamenti della magistratura e della dottrina sulla funzione politica del giurista-interprete (1972), in G. Visintini (a cura di), Metodologia nello studio della giurisprudenza civile e commerciale. Antologia di saggi, Giuffrè, Milano, 1999, pp (spec. pp ). Per alcuni cenni sulla stagione della costituzionalizzazione della cultura giuridica italiana, v. G. Pino, Il diritto all identità personale. Interpretazione costituzionale e creatività giurisprudenziale, il Mulino, Bologna, 2003, cap. I. 10 Nel 1997 appare un volume monografico della rivista «Diritto privato» dedicato all abuso del diritto; del 1998 è la ripubblicazione in volume, con una postfazione, del saggio di Pietro Rescigno menzionato alla nota precedente (L abuso del diritto, il Mulino, Bologna, 1998, pp , da cui citerò). 11 Si tratta dell art. 54, intitolato Divieto dell abuso del diritto: «Nessuna disposizione della presente Carta deve essere interpretata nel senso di comportare il diritto di esercitare un attività o compiere un atto che miri alla distruzione dei diritti o delle libertà riconosciute nella presente Carta o di imporre a tali diritti e libertà limitazioni più ampie di quelle previste dalla presente Carta» (l articolo ricalca, inserendovi un richiamo espresso all abuso del diritto, l art. 17 della CEDU). 4

5 Nonostante l apparente tecnicismo della questione, la figura dell abuso del diritto ha suscitato (specialmente nel contesto di ordinamenti in cui il relativo divieto non è stato codificato) accese polemiche e entusiastiche adesioni, che hanno visto contrapporsi da una parte quanti, in nome della certezza del diritto, hanno rifiutato sdegnati la possibilità di subordinare l esercizio di diritti soggettivi riconosciuti dalla legge ad uno standard tanto evanescente da dare luogo in maniera quasi inevitabile a decisioni giudiziali variabili caso per caso, e tendenzialmente imperscrutabili (in quanto basate, in ultima istanza, su scelte di valore irrimediabilmente soggettive); e dall altra, quanti hanno abbracciato con favore questa figura in ragione del fatto che essa favorisce un opera di moralizzazione, da parte del giurista, dell arida lettera del diritto positivo 12. Non solo: la discussione dogmatica sull abuso del diritto ha chiamato a raccolta argomenti ancora più fondamentali relativi al modo di concepire la giustificazione filosofico-politica dell organizzazione giuridica. Così, i sostenitori di una visione individualista e liberale, sul presupposto che compito dell ordinamento è di assicurare il libero godimento dei diritti individuali (come sfere di libertà, al cui interno l individuo è quasi un sovrano in miniatura), hanno stigmatizzato la figura come una pericolosa intrusione nell ambito di libertà che l ordinamento garantisce ai singoli tramite la legge generale e astratta, mentre i fautori di concezioni maggiormente orientate in senso comunitarista (ad esempio, di ispirazione sia cattolica che socialista) hanno sottolineato come l esercizio dei diritti soggettivi non si possa risolvere nella sfera egoistica del titolare, ma debba inserirsi armoniosamente nella rete degli interessi perseguiti dalla comunità politica nel suo complesso, ed emergenti dalla coscienza sociale. E così, accade che la figura dell abuso del diritto venga considerata, dal punto di vista storico, come lo strumento che avrebbe determinato o agevolato una progressiva erosione del principio, tipico e anzi fondante degli ordinamenti giuridici borghesi-liberali, della assoluta discrezionalità e della immunità da ogni forma di controllo degli atti compiuti in nome della libertà e della autonomia privata, e che pertanto, nel corso del Novecento, avrebbe «consentito il passaggio da una morale dell economia di stampo liberale ad una di tipo sociale» 13. L accendersi di simili dispute attorno ad un argomento tanto settoriale non dovrebbe comunque stupire, ove si considerino quantomeno i due seguenti ordini di fattori. In primo luogo, l utilizzo in contesti giuridici di formule vaghe connotate in senso valutativo (ovvero di espressioni vaghe socialmente tipiche 14 ) si presta sovente a dare adito ad accese polemiche ideologiche, e a vivaci reazioni emotive: basti ricordare, ad esempio, gli aspri dibattiti che hanno attraversato la 12 Emblematiche in tal senso le parole conclusive del saggio di P. Rescigno, L abuso del diritto, cit., p. 144, riportate in epigrafe. 13 Così S. Patti, Abuso del diritto, cit., p Così C. Luzzati, La vaghezza delle norme. Un analisi del linguaggio giuridico, Giuffrè, Milano, 1990, spec. cap. X. 5

6 civilistica europea riguardo alla figura del buon padre di famiglia, utilizzata come parametro di giudizio della condotta delle parti in alcuni rapporti giuridici 15 ; a conferma di ciò, è stato osservato che «tutte le controversie suscitate dalla teoria dell abuso, tutti i timori che essa ha suscitato circa l invasione dei giudici della sfera delle libertà individuali, si sono acquietati non appena la stessa cosa è stata chiamata responsabilità per colpa» 16. In secondo luogo, la teoria del diritto soggettivo è per sua natura destinata ad affondare le radici nelle idee più fondamentali sull organizzazione politico-giuridica: quantomeno dall illuminismo giuridico in poi, la garanzia dei diritti soggettivi può essere considerata l architrave e il banco di prova alla luce del quale valutare gli ordinamenti giuridici sotto il profilo della loro legittimità 17. La formula abuso del diritto, a dire il vero, ha qualcosa di misterioso, almeno per un giurista kelsenianamente puro. Come risulta a prima vista, e come verrà chiarito meglio nel seguito dell esposizione, la peculiarità di questa figura deriva dal suo carattere paradossale, che lo fa assomigliare quasi ad un ossimoro: prima facie, infatti, all esercizio di un diritto dovrebbe corrispondere uno spazio di libertà, disegnato dalle norme di un ordinamento giuridico che ascrivono quel diritto a determinati soggetti (o meglio, a determinate categorie di soggetti); pertanto, chi discorre di abuso del diritto parrebbe assumere la posizione paradossale e apparentemente contraddittoria che l esercizio di una pretesa o di una libertà in astratto garantita dal diritto oggettivo costituisca, in un caso concreto, un fatto illecito o comunque antigiuridico 18. (Ai fini di questo saggio, userò le locuzioni atto illecito o atto antigiuridico in un senso non strettamente tecnico, ossia senza collegarle necessariamente alle teoriche della responsabilità civile e risarcitoria: nel contesto della presente discussione, 15 Alcune indicazioni in proposito in S. Rodotà, Diligenza (Diritto civile), in Enciclopedia del diritto, vol. XII, Giuffrè, Milano, 1964, pp (spec. pp ); D. Corradini, Il criterio della buona fede e la scienza del diritto privato, cit., pp Così A. Gambaro, Il diritto di proprietà, Giuffrè, Milano, 1995, p. 478, che parla in proposito della «magia delle parole». 17 Si veda in proposito N. E. Simmonds, Rights at the Cutting Edge, in M. Kramer, N. E. Simmonds, H. Steiner, A Debate over Rights. Philosophical Enquiries, Clarendon, Oxford, 1998, pp , 134, 138, dove si raffigurano le versioni classiche delle fondamentali teorie del diritto soggettivo (la teoria della volontà e la teoria dell interesse) come basi per altrettante interpretazioni del significato morale dei sistemi di diritti (giuridici), e per altrettante teorie della legittimità politica e della struttura delle istituzioni politiche. 18 Sulla impossibilità logica di concepire l abuso del diritto (considerato quindi una formula intrinsecamente contraddittoria), si veda ad esempio M. Rotondi, L abuso di diritto, in «Rivista di diritto civile», 1923, pp. 104 ss.; F. Santoro Passarelli, Dottrine generali del diritto civile, Jovene, Napoli, (I ed. 1944), pp. 76 ss. (in base alla considerazione che il dovere di solidarietà fa parte strutturalmente del concetto di diritto soggettivo, e pertanto l esercizio abusivo del diritto cade al di fuori del contenuto del diritto: una strategia argomentativa a dire il vero eroica); A. De Cupis, Il danno, vol. I, Giuffrè, Milano, 1966, p. 32. Si noti che le posizioni di questi autori intendono collocarsi su un piano concettuale, definitorio: non si limitano ad affermare che, in maniera contingente, l ordinamento italiano non riconosce il divieto di abuso del diritto, piuttosto negano la possibilità stessa di concepire qualcosa come l abuso del diritto. 6

7 infatti, è irrilevante stabilire se da un atto di esercizio abusivo di un diritto debba derivare una responsabilità risarcitoria, oppure l inefficacia dell atto (giuridico) compiuto: si tratta di un problema dogmatico, la cui soluzione è contingente rispetto ai singoli ordinamenti considerati, e che non inficia in alcun modo la discussione svolta nel testo) Un inventario di problemi Lo strumento abuso del diritto può essere maneggiato dai giuristi in modi diversi ovvero, usando assai liberamente una nota immagine wittgensteiniana, nel contesto di giochi interpretativi diversi 19. Nel gioco dell applicazione giudiziale del diritto, esso è impiegato nel contesto della giustificazione di un provvedimento giudiziale (ossia, nella costruzione della premessa maggiore del sillogismo giudiziale), al fine di accreditare una specifica decisione relativa ad un caso concreto. Nel gioco dell interpretazione dottrinale, l abuso del diritto può figurare sia nell ambito di una attività esegetica, che si svolge a diretto contatto con specifici documenti legislativi (o comunque normativi) e che mira a proporre specifiche opzioni interpretative relative a classi di casi, sia nell ambito di una attività sistematica, che mira a ricostruire e sistematizzare in maniera organica e ordinata un settore più o meno ampio dell ordinamento giuridico (ad esempio con l individuazione di un principio implicito). Nel gioco della teoria del diritto, ossia della riflessione sui discorsi della giurisprudenza dogmatica e giudiziaria, e sui concetti (giuridici) che figurano in tali discorsi, il concetto di abuso del diritto viene sottoposto ad analisi al fine di chiarire terapeuticamente il suo ruolo e la sua portata nell ambito dei discorsi dei giuristi, e di esplicitare le tecniche argomentative impiegate, i presupposti e gli obiettivi di chi utilizza (o anche di chi rifiuta) tale nozione, e così via: è quest ultimo il gioco che si cercherà di giocare in queste pagine, e quindi vale forse la pena di precisarne l ambito in maniera leggermente più diffusa. Una ricognizione teorica del concetto di abuso del diritto è un discorso che include un analisi di uno o più dei seguenti problemi 20 : un problema di 19 Cfr. L. Wittgenstein, Ricerche filosofiche (1953), Einaudi, Torino, 1967, 48 ss.; Id., Della certezza (1969), Einaudi, Torino, 1978, 65. Per una introduzione a queste tematiche wittgensteiniane, che qui si possono solo sfiorare, cfr. A. Kenny, Wittgenstein, Penguin, London, pp Per una ricognizione di diversi possibili giochi interpretativi in ambito giuridico, si veda P. Chiassoni, L interpretazione della legge: normativismo semiotico, scetticismo, giochi interpretativi, in AA. VV., Studi in memoria di Giovanni Tarello, vol. II, Giuffrè, Milano 1990, pp ; Id., Interpretive Games: Statutory Construction Through Gricean Eyes, in P. Comanducci, R. Guastini (a cura di), Analisi e diritto Ricerche di giurisprudenza analitica, Giappichelli, Torino 2000, pp Seguo qui liberamente l impostazione meta-metodologica di P. Chiassoni, Lacune nel diritto. Appunti per una tipologia realistica, in L. Triolo (a cura di), Prassi giuridica e controllo di razionalità, Giappichelli, Torino, 2001, pp ; Id., Finzioni giudiziali. Progetto di voce per un vademecum giuridico, in P. Comanducci, R. Guastini (a cura di), Analisi e diritto Ricerche di giurisprudenza analitica, Giappichelli, Torino, 2002, pp

8 definizione, che, banalmente, riguarda l individuazione della definizione del concetto di abuso del diritto che si decide di adottare in sede teorica; un problema fenomenologico, che riguarda le operazioni tipicamente svolte dai giuristi al fine di individuare i casi di abuso del diritto (fenomenologia descrittiva), e le operazioni cui sarebbe opportuno che essi facessero ricorso (o non facessero ricorso) per individuare in maniera corretta simili casi (fenomenologia prescrittiva); un problema metodologico, che riguarda le operazioni tipicamente svolte dai giuristi come conseguenza del caso di abuso del diritto rilevato, ossia la soluzione di diritto che essi stabiliscono in una sentenza o propongono de sententia ferenda per i casi di abuso (metodologia descrittiva), e le operazioni che essi dovrebbero, oppure non dovrebbero, effettuare in simili casi (metodologia prescrittiva). Una ricognizione teorica del concetto di abuso del diritto può avere molteplici finalità, che possono peraltro concorrere nell ambito di una medesima indagine. Ad esempio, può essere elaborata al fine di accreditare una certa concezione più generale sulla natura del diritto (oggettivo), con riferimento alla struttura del diritto, ai rapporti tra diritto e morale, alla defettibilità degli enunciati giuridici, e così via: in tal caso potremmo dire che l analisi teorica si pone in una prospettiva filosofica 21. Oppure potrebbe avere una finalità marcatamente prescrittiva e stipulativa, indicando ai giuristi quali operazioni devono o non devono fare per accertare e risolvere i casi di abuso del diritto, pur non proponendo soluzioni precise relativamente a specifici casi concreti: in tal caso potremmo dire che l analisi teorica si pone in una prospettiva dogmatica o di alta dogmatica 22. Oppure, ancora, potrebbe essere finalizzata a rendere conto delle manipolazioni interpretative e logico-argomentative cui i giuristi sottopongono gli enunciati del discorso delle fonti (in senso ampio) in materia di abuso del diritto, senza prendere posizione alcuna, tendendo così a risolversi in una caccia alle ideologie, come si diceva un tempo, o più in generale in una storiografia e/o sociologia della scienza giuridica: in tal caso potremmo parlare di una meta-giurisprudenza descrittiva (o, eventualmente, una meta-teoria 21 Ad esempio, l indagine di M. Atienza, J. Ruiz Manero, Ilícitos atípicos. Sobre el abuso del derecho, el fraude de ley y la desviación de poder, Trotta, Madrid, 2000, è apertamente finalizzata a corroborare una teoria del diritto che renda conto della struttura a due livelli del diritto: il livello delle regole e quello dei principi. Per una discussione, si veda J. J. Moreso, Come far combaciare i pezzi del diritto, in P. Comanducci, R. Guastini (a cura di), Analisi e diritto Ricerche di giurisprudenza analitica, Giappichelli, Torino, 1998, pp Un altro esempio è rappresentato da François Ost, Entre droit et non-droit: l intérêt. Essai sur les fonctions qu exerce la notion d intérêt en droit privé, Publications des Facultés Universitaires Saint-Louis, Bruxelles, 1990, pp , in cui l analisi dell abuso del diritto si inserisce in una più ampia indagine relativa al ruolo della nozione di interesse nel diritto (sul punto cfr. anche infra, 4.2.). 22 Secondo la definizione di M. Jori, A. Pintore, Manuale di teoria generale del diritto, Giappichelli, Torino, 1988, p

9 descrittiva, a seconda del discorso-oggetto su cui il teorico esercita le sue arti analitiche) 23. Oppure, infine, potrebbe avere una finalità ricostruttiva e, in un certo senso, di servizio : prendendo come punto di riferimento i discorsi dei giuristi positivi allorché si occupano di abuso del diritto (e quindi mutuando i risultati dell analisi descrittiva appena vista), l indagine procede ad una ricostruzione concettuale che li renda quanto più possibile precisi e teoricamente fecondi, esplicitando i presupposti teorici che condizionano, spesso in modo alquanto confuso, le varie opzioni dogmatiche, proponendo ri-definizioni dei concetti impiegati sia dalla giurisprudenza dogmatica che dalla giurisprudenza giudiziaria, e sgombrando il discorso dei giuristi positivi da eventuali oscurità, contraddizioni, intuizioni vaghe, ecc.: in tal caso potremmo dire che l analisi teorica si pone in una prospettiva meta-dogmatica in funzione teorica, o di meta-giurisprudenza (o meta-teoria) ricostruttiva 24. In questa sede, adotterò principalmente quest ultima prospettiva. Nel prosieguo della trattazione ( 3.-6.) tenterò dunque di passare in rassegna i principali problemi teorici (di definizione, fenomenologici, metodologici), posti dalla figura dell abuso del diritto, a partire da quello, pregiudiziale, della sua definizione. Solo alla fine ( 8.), accennerò brevemente al problema dell abuso del diritto dal punto di vista deontologico, che riguarda il fondamento e i limiti della dottrina dell abuso nel diritto italiano: un problema non strettamente teorico ma dogmatico, o di alta dogmatica, ossia di ricognizione e ricostruzione di un (segmento del) diritto positivo vigente. In relazione alla prospettiva qui adottata, quella della teoria del diritto, le riflessioni svolte in questo saggio non avranno come punto di riferimento esclusivo una specifica esperienza giuridica. Più precisamente, pur prendendo spunto prevalentemente dall esperienza italiana, le osservazioni che svolgerò potranno essere estese anche ad altre esperienze giuridiche, caratterizzate dalla condivisione di alcuni tratti distintivi fondamentali: la preminenza di fonti legislative del diritto e la soggezione del giudice alla legge, con la conseguenza che i giudici non hanno ufficialmente una funzione creativa del diritto e devono adottare le proprie decisioni sulla base di norme preesistenti (in qualche senso) al giudizio, le quali devono essere utilizzate per la giustificazione 23 Cfr. R. Guastini, Immagini della teoria del diritto (1994), in Id., Distinguendo. Studi di teoria e metateoria del diritto, Giappichelli, Torino, 1996, pp (spec. pp ). Purtroppo, indagini di questo tipo non sono molto praticate nella cultura giuridica italiana; punto di riferimento imprescindibile, e pressoché isolato, rimangono le ricerche di Giovanni Tarello: cfr. ad es. Teorie e ideologie nel diritto sindacale. L esperienza italiana dopo la Costituzione, Comunità, Milano, (I ed. 1967); Id., Orientamenti della magistratura e della dottrina sulla funzione politica del giurista-interprete, cit.; Id., Dottrine del processo civile, il Mulino, Bologna, Per un recente tentativo di imitazione, cfr. G. Pino, Teorie e dottrine dei diritti della personalità. Uno studio di meta-giurisprudenza analitica, in «Materiali per una storia della cultura giuridica», 2003, 1, pp Cfr. R. Guastini, Immagini della teoria del diritto, cit., pp ; questo tipo di ricerca sembra coincidere con quella che Giacomo Gavazzi aveva denominato «teoria generale fatta dal basso»: cfr. G. Gavazzi, L onere. Tra la libertà e l obbligo, Giappichelli, Torino, 1985, pp

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Il diritto e il suo rovescio. Appunti sulla dottrina dell abuso del diritto

Il diritto e il suo rovescio. Appunti sulla dottrina dell abuso del diritto [in «Rivista critica del diritto privato», 1/2004, pp. 25-60.] Il diritto e il suo rovescio. Appunti sulla dottrina dell abuso del diritto GIORGIO PINO 1. Premessa La formula abuso del diritto compare

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO ISTITUTO GIURIDICO MONOGRAFIE E STUDI 1. CESARE CAVALLINI, L oggetto del processo di rivendica, 2002. 2. ANTONINO BARLETTA, La stabilità della vendita forzata,

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI CAPITOLO I L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO: 1. Il concetto di autonomia finanziaria. 2. Il federalismo fiscale. 2.1. Le regioni a statuto speciale. 2.2. Le regioni a

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

STUDIO CAMPESE AVVOCATI aderente a LEGALI.IT GUIDA NAZIONALE AVVOCATI ITALIANI

STUDIO CAMPESE AVVOCATI aderente a LEGALI.IT GUIDA NAZIONALE AVVOCATI ITALIANI Articolo pubblicato su La Voce del Foro. Rivista dell Ordine degli Avvocati di Benevento, numero 3/2009, pagine 84-86. (www.ordineavvocati.bn.it). CONSIGLI PER GLI ACQUISTI. di UGO CAMPESE Facendo seguito

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

Il principio di sussidiarietà orizzontale ex art. 118 u.c. Cost. e il Partenariato Pubblico Privato nel settore delle opere pubbliche

Il principio di sussidiarietà orizzontale ex art. 118 u.c. Cost. e il Partenariato Pubblico Privato nel settore delle opere pubbliche Il principio di sussidiarietà orizzontale ex art. 118 u.c. Cost. e il Partenariato Pubblico Privato nel settore delle opere pubbliche dott. Gaetano Pecoraro. La sussidiarietà nella dimensione orizzontale

Dettagli

LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE SU INTERNET

LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE SU INTERNET LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE SU INTERNET Alcune istruzioni per l uso a cura della Prof.ssa Rita Mele Diritto ed Economia A.S. 2013/14 1 LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE IN INTERNET Le

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati.

O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati. O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5 Affidamento diretto del servizio di trasporto malati. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati Cons. St.,

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier

Studio Legale Casella e Scudier Circolare n. 2/2011 del 20 settembre 2011* SICUREZZA E SALUTE DEL LAVORO NELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E NELLE COOPERATIVE SOCIALI: EMANATO IL DECRETO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DEL DECRETO 81/08

Dettagli

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI CLAUDIA TROISI La complessa tematica dei diritti fondamentali dei minori è stata affrontata, con particolare completezza espositiva e rigore metodologico, da Pasquale Stanzione

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno ai sensi dell articolo 125-ter del Decreto Legislativo

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

DIRITTO INTERNAZIONALE (curr.: Storico politico, St. internazionali, Governo locale e III settore)

DIRITTO INTERNAZIONALE (curr.: Storico politico, St. internazionali, Governo locale e III settore) DIRITTO INTERNAZIONALE (curr.: Storico politico, St. internazionali, Governo locale e III settore) Docente: RICCARDO PISILLO MAZZESCHI Numero ore: 60 Periodo: Primo semestre Crediti: 9 Settori: IUS/13

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO Le istituzioni politiche dell Unione europea Le funzioni delle istituzioni politiche Riflettono il loro carattere rappresentativo delle istanze che coesistono nell UE Il centro nevralgico dell Unione europea

Dettagli

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU La società e le regole Gruppi e società Dalla vita quotidiana al Diritto e all Economia Il Diritto e l Economia: scienze sociali Origini

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Ufficio per gli Incontri di Studio

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Ufficio per gli Incontri di Studio CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Ufficio per gli Incontri di Studio Incontro di studio sul tema: Illecito aquiliano e ingiustizia del danno Roma, 29-30 maggio 2008 Hotel Jolly Midas Responsabilità

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Commissione Tributaria Regionale della Lombardia

Commissione Tributaria Regionale della Lombardia Direzione Regionale della Lombardia Commissione Tributaria Regionale della Lombardia Apertura dell Anno giudiziario tributario Milano, 25 febbraio 2011 Intervento di Carlo Palumbo Direttore Regionale dell

Dettagli

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*)

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) NOTE E COMMENTI 801 Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) Bernardo Giorgio Mattarella Rispetto alle consulte di garanzia statutarie, la sentenza 200/2008 della Corte

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 FINALITA SPECIFICHE Il corso di Diritto nel biennio promuove e sviluppa: 1) la comprensione

Dettagli

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX IL NEGOZIO GIURIDICO (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA I testi delle Circolari dello Studio si trovano nel sito www.casellascudier.it 1 2 Il Certificatore Energetico: una nuova professione? Padova, 25 giugno 2010 Sono moltissime, ed assai varie, le questioni

Dettagli

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario j TRIBUNALE CIVILE DI (luogo di domicilio/residenza del disabile) Ricorso ex articoli 3 e 4, comma 1, legge n. 67/2006 i PER Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, con sede legale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

La responsabilità medica a 360 Torino 7 aprile 2014 CIMO ASMD

La responsabilità medica a 360 Torino 7 aprile 2014 CIMO ASMD La responsabilità medica a 360 Torino 7 aprile 2014 CIMO ASMD Gli aspetti civilistici Balduzzi novità sì, novità no. Differenti tecniche di difesa per il medico. Cosa è il «Balduzzi» Art. 3 DL n. 158/2012

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

Il libero convincimento

Il libero convincimento Il libero convincimento Prof. Tonino Di Bona Mezzi di prova Per "mezzi di prova" si intendono gli istituti giuridicoprocessuali preordinati per introdurre nel processo i dati di ricostruzione del fatto.

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO Il bilancio della attuale situazione Il punto di partenza del lavoro della Commissione Difesa di Ufficio UCPI, teso a proporre valide ipotesi di riordino della materia 1, è

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

DAL PROBLEMA DELLA CAUSA AI DERIVATI ATMOSFERICI

DAL PROBLEMA DELLA CAUSA AI DERIVATI ATMOSFERICI DAL PROBLEMA DELLA CAUSA AI DERIVATI ATMOSFERICI Alessandra Protani * In principio, la giurisprudenza di merito tentava di avvicinare i contratti derivati ad alcuni dei contratti tipici disciplinati nel

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

Intervento avv. Alessandra Carozzo, Presidente dell Associazione Avvocati Amministrativisti del Piemonte.

Intervento avv. Alessandra Carozzo, Presidente dell Associazione Avvocati Amministrativisti del Piemonte. ASSOCIAZIONE AVVOCATI AMMINISTRATIVISTI DEL PIEMONTE ADERENTE ALL'UNIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI AMMINISTRATIVISTI WWW.AVVOCATIAMMINISTARTIVISTIPIEMONTE.ORG Torino, 17 febbraio 2015 Inaugurazione Anno

Dettagli

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI 2 ATTIVITÀ ESECUTIVA E TUTELA GIURISDIZIONALE 5 CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI SOMMARIO: 1. Orientamenti generali e schema della disciplina del processo di esecuzione. 2.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... pag. XIII CAPITOLO I

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... pag. XIII CAPITOLO I INDICE-SOMMARIO Introduzione... pag. XIII CAPITOLO I USURA E GIUSTIZIA: L ABUSO A SCOPO DI LUCRO DELLE ALTRUI CONDIZIONI DI DEBOLEZZA NELLE RELAZIONI ECONOMICHE 1. L usura come violazione della giustizia

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Banca d'italia Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Saluto di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 ottobre 2011 Do il benvenuto

Dettagli

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste Ai gentili clienti Loro sedi Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie Premessa modeste L accertamento bancario, come noto, è la procedura che permette ai verificatori di reperire dati

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione...

INDICE SOMMARIO. Prefazione... INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO 1 ASSICURAZIONE E RESPONSABILITÀ: INTERA- ZIONE E PREGIUDIZI 1. Assicurazione e sicurezza... 1 2. La società delle tutele e la garanzia assicurativa... 6 3.

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 44 del 24 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli