Il sentimento della famiglia ne I Promessi Sposi di Cristanziano Serricchio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sentimento della famiglia ne I Promessi Sposi di Cristanziano Serricchio"

Transcript

1 Cristanziano Serricchio Il sentimento della famiglia ne I Promessi Sposi di Cristanziano Serricchio Uno dei temi più suggestivi e illuminanti de I Promessi Sposi, degno di meditazione in tempi come i nostri, è certamente quello della famiglia, non solo per i molteplici richiami di ordine estetico ed ideologico, ma anche etico e religioso, minacciata com è da certo relativismo culturale dilagante in una società, specie quella occidentale, impoverita di valori e incerta nelle sue tensioni e intenzioni. La sacralità e centralità della famiglia fondata sul matrimonio costituisce il motivo centrale e il fine conclusivo di tutta la narrazione manzoniana, ossia la condizione persuasiva ed efficace per rappresentare sul piano poetico e sociale la varia e composita realtà umana e additare, specie alle nuove generazioni, la speranza rigeneratrice che deriva dalla condizione di una famiglia unitaria, meno sola e fragile, integra nella concezione cristiana della vita. Per Alessandro Manzoni il sentimento della famiglia è il modo stesso di concepire la vita con le sue miserie e le sue passioni, con le fuggevoli gioie e i dolori, costantemente presente in ogni pagina. Non v è personaggio, o episodio che non riconduca, in un modo o nell altro, a considerare questo elementare e insopprimibile valore della vita, sia quando, ad esempio, la supremazia della famiglia è così pressante da coartare e annullare la personalità di Gertrude, sia quando il ricordo di essa è del tutto spento, come nel cuore inaridito della vecchiaccia nel castello dell Innominato. Sono esempi estremi, che congiuntamente ad altri tipi e modelli di famiglia, rappresentati nel concreto spettacolo del romanzo, offrono la misura della capacità inventiva e di penetrazione psicologica dello scrittore nella intima realtà individuale e sociale, e costituiscono il fertile humus poetico, in cui è possibile cogliere nella sua dimensione cristiana la natura etico- religiosa del meditare e sentire manzoniano. Il poeta, che fu schivo dal parlare di sé, dei propri sentimenti e delle proprie passioni, e geloso custode della propria intimità familiare, si rivela, tanto nella lirica (basti pensare a Ermengarda) quanto nella prosa (e molti possono essere gli esempi), un profondo e sottile indagatore del cuore umano e sapiente conoscitore dei problemi e bisogni, delle ansie e speranze tanto dei grandi quanto degli umili protagonisti della sua cantafavola, destinata ad aprire la grande fioritura del romanzo europeo. 113

2 Il sentimento della famiglia ne I promessi Sposi Indubbiamente il lievito della sua invenzione poetica, che gli permette di dar vita a una folla di personaggi, così vari e diversi tra loro da rappresentare la coralità delle tensioni e sofferenze umane, Manzoni lo trova nella sua esperienza di uomo e di padre di numerosa famiglia, avvinto dal fascino della madre e dall amore per la moglie, e provato dal dolore per i numerosi lutti. Giulia ed Enrichetta restano i modelli femminili, dai quali nascono i personaggi più delicati della sua poesia, fra cui Ermengarda e Lucia. Né si può trascurare la suggestione del rapporto familiare Alessandro-Giulia-Enrichetta, che richiama, sia pure su altro piano, l altro rapporto Renzo Agnese e Lucia. Egli era andato corroborando la forza del suo sentire non solo nella quotidiana esperienza di vita domestica, ma anche alla luce della sua meditazione eticoreligiosa, che lo porta dalla dimensione illuministica a quella cristiana e cattolica, per cui il dramma umano è sentito attraverso le pene della vita, e la soluzione è offerta dalla fiducia in Dio e dall intervento costante della Provvidenza. Il modello di famiglia delineato nel romanzo da Manzoni, in rapporto a questa visione della vita, è quello che, attraverso ostacoli e difficoltà di ogni sorta, alla fine riusciranno a realizzare i due giovani promessi sposi. Ma quale difficile cammino dovranno percorrere, quali e quante traversie, riservate a ciascuno di essi, dovranno affrontare e superare: Lucia col sentimento pudico e potente del suo amore, che le accende il volto di improvvisi rossori, e con la dolcezza del suo carattere mite illuminato da una sconfinata fiducia nella Provvidenza; e Renzo con la furia lieta dei suoi vent anni, instancabile pellegrino in un mondo di soprusi e di miserie, sorretto sempre da una indomabile forza fisica e morale, e deciso a tutti i costi a far sua la semplice contadinotta brianzola che ama. È una famiglia che nasce dalle sofferenze e privazioni e che si andrà formando attraverso i patimenti e le persecuzioni. Lucia è sola con la madre vedova e dalla sua educazione attinge, con la purezza dei costumi e la fede cristiana, la semplice genuinità del suo comportamento. Anche Renzo, privo di genitori, è solo nella lotta per vincere, da buon montanaro, ostacoli e pericoli sempre nuovi. In Lucia vede la compagna che riempirà di amore e di conforto la sua solitudine e sarà la madre dei suoi figli, e in Agnese ritrova, con la saggezza e l innata bontà della popolana, le dolcezze materne da lungo tempo perdute. Per questo già si considera parte integrante della famiglia e chiama Agnese madre e ne segue fiducioso i consigli, come quello di ricorrere all Azzeccagarbugli o quello del matrimonio per sorpresa, perché sa che quei pareri spregiudicati non hanno altro fine che il loro bene, e perché egli sente di essere riamato da lei con puro amore materno. Qui il sentimento della famiglia è tutto fondato sull amore, sulla sanità dei principi morali e religiosi, cui si ispira la loro esistenza e sulla dedizione di ciascun membro agli altri. Agnese, che ricorda le buone vedove onorate del Vangelo, è orgogliosa di essere madre di Lucia, e felice di poter avere Renzo per genero. Se le tribolazioni di questi tre umili popolani si concluderanno, dopo tante vicissitudini, con la morte 114

3 Cristanziano Serricchio di don Rodrigo durante la peste e col sospirato matrimonio, celebrato dal non più pavido don Abbondio, ad accoglierli non sarà più la vecchia casetta piena di tristi ricordi, ma la nuova casa nel nuovo paese di adozione. Nel doloroso distacco dai propri monti è il malinconico addio ad un passato non certamente felice, e il segno di una maturità conseguita con la lotta e le privazioni, temprati dal dolore, ma sorretti dall amore vicendevole, che cementa la loro unità, e dalla speranza fidente in un avvenire non lontano di pace. In Renzo e Lucia il sentimento della famiglia diventa sentimento dell amore, in cui quello umano, anche se tenuto a freno, non è soffocato ma esaltato da quello divino. Di ben altra natura e ispirata a ben diversi principi è la famiglia di Gertrude, su cui grava, secondo la giusta osservazione di Mario Sansone, un «atmosfera pesante e oppressiva». Accanto alla ingenua purezza di Lucia, Gertrude acquista un rilievo più intensamente fosco e drammatico. Il suo sguardo penetrante, le sue ambigue parole rivelano subito il male interiore che la tormenta, ma anche il tenue lume di una speranza di poter trarre un qualche bene dal bene che si accinge a fare a quella creatura così fiduciosa in lei ma anche tanto diversa. Gertrude è la vittima ignara e indifesa del più errato concetto di famiglia, espresso da una società impostata su leggi assurde e ingiuste. La polemica di Manzoni contro le storture giuridico-sociali più moralmente inique del Seicento si appunta anche contro il formalismo diffuso nell educazione, condannato persino dagli oratori sacri dell epoca come Jacques Benigne Bossuet e Jean-Baptiste Massillon. Il principe, cui il poeta nega il nome di padre, perché, tutto preso dal falso splendore del proprio casato, si fa disumano carnefice della figlia, è anch esso vittima di una falsa concezione secentesca dell onore e della dignità della famiglia e delle condizioni sociali e politiche del tempo. Nell apparente splendore che lo circonda, tra lo sfarzo dei saloni, proprio quando con la sua autorità domina incontrastato sulla povera Gertrude come sulla principessa e sul principino, oltre che sugli altri figli cadetti, sui familiari e sulla servitù, egli è tremendamente solo, privato degli affetti più elementari, rispettato e temuto da tutti, ma non amato da alcuno, né dalla figlia Gertrude che ha terrore al solo «rumore dei passi di lui», né dal figlio primogenito, al quale tutti gli altri sono stati sacrificati, perché destinato, come scrive Manzoni, «a conservar la famiglia, a procrearr cioè dei figliuoli, per tormentarsi a tormentarli nella stessa maniera». Triste eredità che annienta in lui, col retaggio del casato e della ricchezza, ogni sentimento di libertà e di amore. La solitudine smembra questa famiglia, e la lontananza distrugge gli affetti più cari. I figli cadetti sono tutti allontanati e rinchiusi in collegio. Il solo educato in famiglia è il principino. Anche Gertrude ancora fanciullina è relegata in convento, tra bambole vestite da suora e santini, senza poter così mai acquistare confidenza con la madre, né questa con lei. Quando pensava alla famiglia «il pensiero se ne arretrava spaventato». «Il solo castello nel quale Gertrude», annota Manzoni, «potesse immaginare un rifugio tranquillo e 115

4 Il sentimento della famiglia ne I promessi Sposi onorevole [...] era il monastero». Quando vi entra per sempre, Gertrude, assetata di affetto paterno e familiare e di amore, si ritrova tutto ad un tratto inaridita, frustrata, condannata suo malgrado ad una vita di rinunce non desiderata, senza neppure il conforto di un sia pur tenue barlume di fede, che la famiglia, nella sua ipocrita congiura, aveva del tutto spento in lei. Quando Manzoni va alla ricerca, come in questo caso, di una definizione più approfondita della condizione umana, attraverso una continua verifica della realtà sociale, è portato a registrare nell aristocrazia della nascita, anche lui nobile, spesso la presenza riprovevole del falso orgoglio di casta, congiunto al freddo calcolo, al puntiglio licenzioso e a un sentimento snaturato della famiglia. La legge si basa sulla violenza, il potere sulla negazione dei diritti altrui. Basti pensare a don Rodrigo, al conte Attilio, a Egidio, all Innominato prima della conversione, a questa specie umana, guasta dalla falsa formazione familiare e dalle male abitudini della loro posizione sociale. Sono personaggi senza luce di coscienza sui quali grava un senso falso della dignità familiare. Fra tutti questi personaggi d autorità, l Innominato e il cardinale Carlo Borromeo costituiscono la mirabile coppia in cui Manzoni scolpisce con potenza michelangiolesca e forza poetica l ideale superiore di purezza e di perfezione evangelica cui può pervenire l animo umano, sia attraverso il tormento del travaglio interiore, sia mediante una vita d abnegazione e d umiltà, che scorra limpida come ruscello. Si può pertanto notare che fra Manzoni e i potenti come fra Manzoni e gli umili non c è distacco sentimentale, perché gli uni e gli altri, al di là del rapporto sociale che spesso li unisce anche quando li contrappone fra loro, sono visti, contrariamente a quanto afferma Antonio Gramsci, nella loro più schietta interiorità, secondo la natura e la gradazione di responsabilità morale e umana di ciascuno, per cui ogni creatura è rappresentata anche artisticamente sempre sub specie aeternitatis, destinata per questo a risolversi dal piano individuale a quello del trascendente. Manzoni ha un senso profondo ed evangelico della verità umana, perché egli sa guardare con sentita penetrazione psicologica e con bonomia, prima che i personaggi, gli uomini stessi ai quali si ispira. Gli individui, soli con se stessi, i gruppi o le folle che animano le grandi scene di massa del romanzo, nelle vicissitudini durante il forzato viaggio dei promessi sposi, diventano occasione per cogliere e rappresentare la verità dolente delle cose, particolare e universale al tempo stesso. Non vi è, è vero, polemica sociale, c è però l impegno del poeta a esplorare in tutti i sensi la condizione drammatica degli uomini, a tutti i livelli, potenti o umili, oppressori o oppressi, accomunati dalla stessa ansia di vivere, tormentati dal male stesso di vivere, per cui non vi può essere speranza alcuna di bene senza la fiducia in Dio e nell opera della Provvidenza. I vari accenni a condizioni e a episodi di vita famigliare, come quella di Lucia, o del sarto del villaggio, esempio di una felice vita cristiana, ma altri possono essere gli esempi, danno la misura della capacità di Manzoni di penetrare nel «guaz- 116

5 Cristanziano Serricchio zabuglio del cuore umano» per rappresentarne i sentimenti più vivi e sofferti. La madre, che depone sul carro dei monatti Cecilia la figliola morta, è la glorificazione più altamente poetica del sentimento materno, della pietà di una madre dinanzi alla propria creatura morta, il simbolo stesso del dolore che richiama alla mente l immagine evangelica della Madonna e del Cristo morto, celebrata nel canto iacoponiano dello Stabat Mater, e scolpita più incisivamente nella stupenda Pietà da Michelangelo, anch essa colta nell intimità di un sentimento pacato e fermo di dolore e di amore filiale. È la pietà del dolore cristiano e universale, rassegnato e fiducioso, velato di tristezza ma aperto alla speranza. Infine, padre Cristoforo che scioglie Lucia dal voto, nelle ultime parole che pronuncia, raccomanda: «Se Dio vi concede figliuoli, abbiate in mira d allevarli per Lui, d istillar loro l amore di Lui e di tutti gli uomini, e allora li guiderete bene in tutto il resto». Qui l immagine sacra della famiglia si completa nel legame spirituale più sentito a tenerla unita. Il quadro conclusivo, che sembra assumere il tono di una semplice cronaca famigliare, ha una pacata ma incantata validità artistica. «Prima che finisse l anno del matrimonio venne alla luce una bella creatura, e fu [...] una bambina. Ne venner o col tempo non so quant altri [...] E furon tutti ben inclinati». Quanta poesia in tale scorcio di vita famigliare con la presenza serena di Lucia, Renzo, Agnese. Il vecchio Alessandro, rileggendo il brano e forse ripensando alla sua famiglia, deve aver gioito nella «tentazione di stare un po, ancora, in compagnia dei suoi burattini». In questo ritratto di famiglia felice egli si ritrova con tutte le debolezze e speranze degli uomini additando in cuor suo, proprio nella sacralità della famiglia, vivissimo esempio per tutti, il bene supremo concesso all intera umanità sofferente. Tornare pertanto a rileggere il romanzo de I Promessi Sposi, oggi, in una società tormentata da aspirazioni materialistiche, può essere una buona occasione per verificare la validità e attualità del suo messaggio poetico. La critica, del resto, a tal proposito e in rapporto a idee e valori affettivi nel mondo manzoniano, è andata intensificando la ricerca rivelando spesso le perplessità di valutazione soprattutto nella definizione del rapporto fra il dato ideologico e quello inventivo che costituisce la struttura sostanziale del capolavoro manzoniano. Prescindendo da certe forzature critiche, non sempre di natura filologica e artistica, il ritratto che finora si è tentato di comporre di Manzoni scaturisce dalla penetrazione, oltre il semplice dato biografico, degli aspetti della vita interiore dello scrittore in rapporto alla ricca problematica filosofica, etico-religiosa e politicosociale del suo tempo. Così il giudizio di Manzoni diventa anche il giudizio sulla funzione dello scrittore e dell intellettuale in una società caratterizzata da tensioni di natura illuministica e rivoluzionaria da un lato e da tendenze moderate e conservatrici dall altro. Nella coralità non sempre concorde di queste voci resta pur sempre valido e illuminante l incontro con la pagina manzoniana, l unico modo possibile per per- 117

6 Il sentimento della famiglia ne I promessi Sposi venire ad un rapporto più vivo e reale col mondo del poeta e della società, in cui egli si inserisce operativamente e responsabilmente, proprio in quel famoso decennio , tormentato dal crollo delle istituzioni tradizionali e da condizioni di incertezza socio-politica e linguistica. Il programma di Manzoni, sorretto da una profonda e sofferta esperienza religiosa e da una lucida meditazione ideologica, appare così rivolto a formare intellettualmente e moralmente la coscienza e l intelligenza degli italiani, adombrata, argutamente, nei suoi venticinque lettori, in un periodo particolarmente delicato della situazione del nostro paese. Di qui nasce l eccezionale impegno di Manzoni nell opera di rinnovamento della nostra cultura, di ricerca della verità umana e di chiarificazione e affermazione dei valori etici e religiosi, civili e sociali della vita. Se da una parte egli mirò, secondo Lanfranco Caretti, «a demistificare l historia ufficiale», condannando la violenza e il sopruso, la viltà e la rinuncia, la corruzione e l ignoranza, nella difesa cristiana della dignità e della libertà degli uomini, dall altra tentò di svelare e interpretare la realtà attraverso una continua verifica della storia, i cui protagonisti sono anche gli umili, depositari ingenui, ma pur autentici, dei valori di vita insegnati dal Vangelo. La poetica giovanile dell eletto sentire, ricca di fermenti morali e ispirata a principi di comprensione e di solidarietà umana, continua ad essere ne I Promessi Sposi il suo modo di sentire la realtà, colta nei vari aspetti del valore e della miseria, in cui i protagonisti della storia, umili e potenti, oppressi e oppressori, diventano oggetto di tutta una complessa problematica etico-sociale, ma soprattutto centro di un arte volutamente disliricata di Manzoni per dare una struttura nuova e possibilmente oggettiva al romanzo. Per questo I Promessi Sposi possono considerarsi per certi aspetti una rappresentazione impersonale della storia umana, in cui le vicende dei vari protagonisti, dai maggiori ai minori fino alle masse corali, paiono svolgersi da sé, senza che l autore faccia sentire la sua presenza per determinarle, tanto viva è in lui l esigenza di raccontare con una certo distacco la vita drammatica e passionale delle sue creature. Ma la sua apparente assenza di partecipazione lirica agli eventi e ai sentimenti rappresentati è opportunamente contemperata dalla prospettiva etico-religiosa nella quale la sua concezione cristiana lo porta a cogliere l essenza stessa del vivere. «Sentire e meditare» diventa pertanto la formula del suo essere poeta, per cui l oggettività del sentire si identifica con la soggettività del meditare, e il sentimento espresso nella ricca e notevole vicenda del romanzo si viene a identificare col suo pensiero fino a costituire l intuizione fondamentale da cui nasce e vive la poesia de I Promessi Sposi. Si può dire che Manzoni senta sentimentalmente le grandi idee ispiratrici della sua visione umana e religiosa del vivere, il che gli consente di superare la concezione pessimistica e tragica del reale e di cogliere anche nelle sventura la presenza di un significato trascendente. La ricca tematica e la struttura del romanzo sem- 118

7 Cristanziano Serricchio brano articolarsi mirabilmente nell ambito di questa poetica, dove il sentimento diventa romanticamente il motivo animatore della sua poesia. Vi sono pagine in cui le descrizioni e figurazioni si ispirano alla più semplice verità quotidiana e domestica, come in quello scorcio di vita serena e di intimità famigliare nel borgo al chiudersi di una giornata di lavoro (VII). È un quadro di limpida poesia, in cui il sentimento della famiglia assume il tono delicato e malinconico di certa pittura fiamminga e l espressione nella sua semplicità preannuncia, specie nei tocchi misurati delle campane, l addensarsi di eventi tristi. Lo stesso sentimento si avverte nella brevissima scena del distacco dei due promessi, in quella che doveva essere la loro notte nuziale: «Comiciava a imbrunire. Buona notte, disse tristemente Lucia a Renzo, il quale non sapeva risolversi d andarserne. Buona notte, rispose Renzo, ancor più tristamente» (III). In questo, come in altri esempi, si nota la straordinaria capacità narrativa di Manzoni, rivelatrice della sua partecipazione umana alla umile realtà quotidiana rappresentata. Si può anche osservare che il sentimento della famiglia sia strettamente legato a quello della casa, sul quale il poeta richiama costantemente l attenzione del lettore, ogni volta che l incalzare degli avvenimenti lo porta a considerare l incertezza terrena della condizione umana. Il tema della casa diventa anche il tema della nostalgia, ad esempio nel pianto segreto e dolcissimo di Lucia, preludio chopiniano alla trasfigurazione poetica del sentimento soffuso di abbandono lirico e di accorata commozione nel famoso addio. Lucia vive tutta nelle vibrazioni di un sentimento d amore non certamente tiepido, ma carico di quell ansia che nasce dal turbamento di una passione profonda, che però vuol trovare il suo giusto appagamento nel crisma della legge divina. Lo stesso sentimento afferra Renzo, dopo la separazione dolorosa, andando verso Milano. La tristezza nostalgica di Renzo, sulla quale insiste Manzoni, è resa più profonda dalla vista dei momenti più altamente drammatici della sommossa milanese. Qui l epopea popolare, già sottolineata da Natalino Sapegno, nasce dal moto spontaneo di affetto e di solidarietà del poeta per chi è nella sventura, e, ampliandosi sino alla visione corale di masse assetate di giustizia, assume proporzioni e risonanze altamente epiche, fusa al turbinio delle passioni e delle ansie terrene, nella presenza risolutrice del soprannaturale. Manzoni descrive con intensità drammatica e svela, al di là di ogni distacco, la sua partecipazione alla sofferenza degli umili e degli inermi. La rappresentazione delle famiglie, sconvolte, smembrate o distrutte nella loro unità e sacralità, raggiunge momenti di più sofferta e commossa partecipazione nella verità di certe scene durante l imperversare della peste. Sono uomini, donne, bambini, intere famiglie che fuggono, apparentemente folle anonime ma costituite da persone umane, famiglie che cercano scampo altrove per ritrovarsi dopo il flagello e continuare a vivere, ad amare, a soffrire. Spunta qui anche il tema della roba che avrà ben altro sviluppo nel verismo verghiano. 119

8 Il sentimento della famiglia ne I promessi Sposi L unità della famiglia, oltre la morte, è vista come compimento del dolore terreno e inizio della serenità celeste. Il più puro dei sentimenti umani, quello materno, specie nell episodio di Cecilia, è esaltato e trafitto dal più acuto dolore dinanzi alla tragica certezza della morte. E tutto questo è detto con una tonalità stilistica, una misurata scansione ritmica che innalza l episodio, sul piano artistico, alla dignità della più alta poesia. È superfluo ricordare altri momenti in cui l amore, il dolore, l istinto materno sono rappresentati, come in varie scene profondamente umane al lazzaretto e nello «spedale d innocenti». Renzo nel suo pellegrinaggio (c è forse la suggestione virgiliana di Enea, o quella dantesca, sia pure su piani diversi?) diventa protagonista e spettatore dell eterno dramma dell umanità alla ricerca del vero significato della propria condizione umana, sorretto e guidato dalla forza coraggiosa di vincere difficoltà e ostacoli di ogni sorta, e raggiungere, attraverso l esperienza del dolore e del male, il bene perduto. Commedia divina e umana quella dantesca, umana e divina al tempo stesso, si potrebbe dire, quella rappresentata da Manzoni. In essa il sentimento della famiglia occupa, come si è visto, un posto certamente non di secondo piano. Si noti ancora che quando Renzo, dopo aver cercato a lungo Lucia nel lazzaretto, sente la sua voce, la vede «chinata sopra un lettuccio», ossia nell atteggiamento più congeniale alla donna, quello della dedizione al sacrificio. Padre Cristoforo, che scioglie Lucia dal voto, nelle ultime parole che pronuncia (XXXVI), non è soltanto il sacerdote e il confessore, ma il padre, perché l immagine sacra della famiglia si completa nel legame spirituale più sentito a tenerla unita. L intonazione etico-religiosa ed oratoria del brano, sottolineata da critici di grande levatura, è la logica conclusione di una vicenda, narrata da un grandissimo poeta, che ha della vita una visione cristiana e cattolica. In questa esortazione, che non può essere assunta come il vero «sugo di tutta la storia», trova la sua più limpida espressione la concezione filosofico-religiosa di Manzoni nel superamento delle ultime remore giansenistiche e nella visione di dolore e di speranza che egli ha della vita. È il momento conclusivo di quel crescendo drammatico, che dalla apparizione singolare di don Abbondio, colto nella sua proverbiale calma, passa via via, attraverso l avvicendarsi di altri personaggi di primo piano o minori, in un numero che si va facendo sempre più vasto, alla rappresentazione corale di masse, che si muovono perché sospinte da preoccupazioni e bisogni diversi e spesso contrastanti, in cui si incontrano e si scontrano umili e potenti, oppressi e oppressori, buoni e malvagi, tutti però accomunati da una condizione esistenziale dolorosa e drammatica, che anche quando sembra toccare il fondo della malvagità e della disperazione, si apre a poco a poco alla speranza e alla salvazione, mentre in ogni recesso dell anima si va facendo strada il lume della Provvidenza. Il tono pacatamente dimesso e sorridente, che assume il finale de I Promessi Sposi, e che non trova il consenso totale della critica, è giustificato dallo stesso 120

9 Cristanziano Serricchio Manzoni, che in una lettera al figliastro Stefano Stampa scrive celiando: «Anche a me piace di più il lieto fine; e non ho potuto trattenermi dalla tentazione di stare un po ancora in compagnia dei miei burattini». Se il matrimonio può essere finalmente celebrato da Don Abbondio solo dopo che si è accertato della morte di don Rodrigo, se dopo il rito religioso, come si è detto, gli sposi sono invitati al palazzetto di don Rodrigo per il pranzo nuziale offerto dal signor marchese, se nella residenza del bergamasco, dove viene messa su una casa più grande, fornita di mobili, di corredo e di attrezzi, Renzo si infuria perché gli altri non trovano bella Lucia, tutti questi elementi di vita domestica e giornaliera non solo non diminuiscono il valore poetico e umano del racconto, ma servono a riportare, per così dire, la calma dopo la tempesta, in modo che «le ultime ondate di narrazione», come osservava finemente Baldini, si vengono spegnendo gradatamente in un «pianissimo pieno di riposo e di dolcezza». Si è detto che «sentimentalmente il Manzoni era piuttosto frigido» (Montanelli). Io credo che a dimostrare il contrario sia proprio una rilettura attenta, specie da parte dei giovani, e senza pregiudizi, dei Promessi Sposi. Bibliografia essenziale Manzoni dopo un secolo, in «Italianistica» (1973). Cultura e Scuola, n (1974). Cesare ANGELINI, Invito al Manzoni, Brescia Antonio BALDINI, Il finale dei Promessi Sposi, in «I libri del giorno», Milano Lanfranco CARETTI, Dante Manzoni e altri studi, Milano-Napoli Lanfranco CARETTI, Manzoni. Ideologia e stile, Torino 1972; «Cultura e Scuola», (1974), n Arcangelo LEONE DE CASTRIS, L impegno del Manzoni, Firenze Francesco DE SANCTIS, La letteratura italiana nel sec.xix, a cura di L. Blasucci, Bari Michele DELL AQUILA, Manzoni. La ricerca della lingua nella testimonianza dell epistolario, Bari Giuseppe GALLAVRESI, Manzoni intimo, vol. III, Milano Antonio GRAMSCI, Letteratura e vita nazionale, Torino Giovanni GETTO, Storia della letteratura italiana, Rizzoli Arturo CJEMOLO, Il dramma di Manzoni, Firenze Alessandro MANZONI, Tutte le opere, a cura di A. Chiari e F. Ghisalberti, Milano, Mondadori. Alessandro MANZONI, Lettere, a cura di C. Arieti, 3 tomi, Milano 1970 Renzo NEGRI, Manzoni diverso, Milano

10 Il sentimento della famiglia ne I promessi Sposi Alberto MORAVIA, Alessandro Manzoni e l ipotesi di un realismo cattolico, in «L uomo come fine», Milano Giorgio PETROCCHI, Manzoni. Letteratura e vita, Milano Filippo PIEMONTESE, Manzoni, Brescia Luigi RUSSO, Ritratti e disegni storici dal Manzoni al De Sanctis, Bari Luigi RUSSO, Personaggi di Promessi Sposi, Bari Mario SANSONE, L opera poetica di Alessandro Manzoni, Messina Mario SANSONE, A. Manzoni, in «Orientamenti culturali», La letteratura italiana. I Maggiori, II, Milano Natalino SAPEGNO, Manzoni tra De Sanctis e Gramsci, in «Società», VII, I. (1952). Natalino SAPEGNO, Ritratto del Manzoni ed altri saggi, Bari Donato VALLI, Romagnosi e Manzoni tra realtà e storia, Lecce Raffaele MICCIOLO, Il pensiero pedagogico di A. Manzoni, Adrian,

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

LA MONACAZIONE FORZATA

LA MONACAZIONE FORZATA LA MONACAZIONE FORZATA Per monacazione si intende una forma di vita totalmente consacrata a Dio rinunciando a ricchezze e affetti per distaccarsi dal mondo e seguire l ideale evangelico. Lo stile di vita

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

I promessi sposi. Capitolo 9

I promessi sposi. Capitolo 9 I promessi sposi Capitolo 9 Le sequenze 1. Separazione di Renzo dalle due donne 2. Arrivo di Lucia e Agnese al convento dei cappuccini di Monza 3. Trasferimento con il padre guardiano al monastero 4. Incontro

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014-2015 1 PREMESSA La SCUOLA CATTOLICA svolge la sua missione educativa

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook GIACOMO LEOPARDI una famiglia di rango nobiliare da...(nasce)... a Recanati nel 1798 PADRE il conte Monaldo Leopardi: uomo molto colto; aveva messo insieme una notevole biblioteca; l'orientamento politico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI

TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI I Promessi Sposi 1 TEMI PER UNA LETTURA CRITICA DEI PROMESSI SPOSI S - Interesse per la Storia A - Intervento dell Autore nella Narrazione I C - Impegno Civile D - Visuale religiosa del Manzoni P - Personaggi

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

UN PO DI ENIGMISTICA MANZONIANA

UN PO DI ENIGMISTICA MANZONIANA UN PO DI ENIGMISTICA MANZONIANA REBUS N. 1 (5, 2, 5) Cosa si disse in paese quando Renzo e Lucia si ritrovarono?! NZO REBUS N. 2 (5, 5) A quale personaggio attribuiresti le parole di questo rebus? B A

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

Il Romanticismo movimento culturale Germania Sturm und Drang

Il Romanticismo movimento culturale Germania Sturm und Drang Il Romanticismo I profondi mutamenti che sconvolsero l Europa tra la fine del XVIII e l inizio del XIX secolo determinarono la nascita di un nuovo movimento culturale: il Romanticismo. Questa nuova esigenza

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura.

RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura. RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura. Vede passare un carro di appestati morti e prega per loro, sperando

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante Che cosa può rendere felice la società? Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Immaginare diverse modalità di risoluzione dei problemi. - Dare risposte originali.

Dettagli

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità)

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità) LetteradiNatale2015dell'AbateGeneraleOCist Misericordiosi))come))il))Padre) Roma,8dicembre2015 Solennitàdell'Immacolata Carissimi Vi scrivo questa lettera di Natale proprio mentre inizia il Giubileo della

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Dilecti amici Carissimi giovani

Dilecti amici Carissimi giovani 5 INDICE Dilecti amici 1. Auguri per l anno della gioventù 9 2. Cristo parla con i giovani 12 3. La giovinezza è una ricchezza singolare 15 4. Dio è amore 19 5. La domanda sulla vita eterna... 22 6....

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli