1. NATURA E TITOLARITA Á DEL DIRITTO 1. Inquadramento normativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. NATURA E TITOLARITA Á DEL DIRITTO 1. Inquadramento normativo"

Transcript

1 CAPITOLO 6 di Luca Pecoraro Sommario 1. Natura e titolaritaá del diritto. 2. La costituzione del diritto e requisiti del marchio L'uso La notorietaá. 3. Coesistenza tra marchio di fatto e marchio registrato. 4. La circolazione del marchio. 5. Estinzione del marchio di fatto. ± Caso 1. Quando l'uso puoá far sorgere un diritto sul marchio di fatto? Su chi grava l'onere probatorio del preuso? Come si puoá assolvere a tale onere? Possono coesistere un marchio di fatto ed un successivo marchio registrato nella medesima zona? Indice dei contenuti: a) Uso del marchio di fatto e acquisto di capacitaá distintiva. b) Successione di utilizzatori, onere della prova del preuso e coesistenza tra i segni. c) La risposta del Tribunale. ± T. Trieste, ± Bibliografia. Riferimenti normativi: artt. 2571, 2598, n. 1, c.c.; artt. 2, 12, lett. b), 28 c.p.i.; artt. 8, n. 2, lett. c), n. 4, 52, n. 1, lett. a) ec), r.m.c.; art. 4, 4 o co., lett. b), direttiva 2008/95/CE. 1. NATURA E TITOLARITA Á DEL DIRITTO 1. Inquadramento normativo Come sopra illustrato, la fattispecie costitutiva principale del diritto di esclusiva su un marchio consiste nella registrazione, ai sensi dell'art. 2 c.p.i. e dell'art. 6 r.m.c. 1 Per un inquadramento dell'istituto, in dottrina si vedano: UBERTAZZI, Commentario breve alle leggi su proprietaá intellettuale e concorrenza, Padova, 2007; RICOLFI, I segni distintivi, diritto interno e comunitario, Torino, 1999; MANGINI, Il marchio non registrato, Padova, 1964; FRAN- CESCHELLI R., Sui marchi di impresa, Torino, 1988; SENA, Il diritto dei marchi, Milano, 2007; SPO- LIDORO, Il preuso del marchio, inaa.vv., Commento tematico alla legge marchi, Torino, 1998; VANZETTI, DI CATALDO, Manuale di diritto industriale, Milano, 2005; CARTELLA, nel Codice della ProprietaÁ Industriale, Milano, 2006; ABRIANI, I segni distintivi, intratt. Cottino, Padova, 2001; BARBUTO, Art c.c., inla giurisprudenza sul codice civile, Libro V tomo VI, diretto da Cesare Ruperto, Milano,

2 6 Tuttavia lo stesso art. 2 c.p.i. e, prima ancora, l'art c.c., riconoscono all'uso ed alla notorietaá a questo conseguente un'efficacia costitutiva di diritti sul marchio non registrato, piuá comunemente definito ``marchio di fatto''. Per effetto della previsione dell'art. 2, 4 o co., c.p.i., al marchio di fatto e al piuá ampio novero dei cc.dd. ``diritti non titolati'', ossia quelli diversi dal marchio registrato (e quindi anche la ditta, l'insegna, le informazioni aziendali riservate, le indicazioni geografiche e i nomi a dominio) viene riconosciuta una tutela secondo le disposizioni del Codice di proprietaá industriale e non piuá, quindi, solo attraverso la disciplina sulla concorrenza sleale ed, in particolare, l'art. 2598, n. 1, c.c. Di conseguenza anche al marchio di fatto saraá applicabile, in quanto compatibile, la disciplina processuale e sanzionatoria prevista dal codice della proprietaá industriale, inclusa la competenza delle Sezioni specializzate istituite presso alcuni Tribunali con il d.lg. n. 168/ La natura del diritto sul marchio di fatto eá stata in alcuni casi ricondotta a quella di un diritto assoluto 3,inaltri alla disciplina sulla concorrenza sleale 4. La giurisprudenza tende ad applicare al marchio di fatto i principi generali previsti per il marchio registrato. In particolare, la piuá recente giurisprudenza ha ribadito l'applicabilitaá diretta della disciplina e della tutela del marchio registrato al marchio di fatto quando quest'ultimo abbia una notorietaá generale e non puramente locale 5. Tuttavia le differenze non solo di disciplina ma anche e, prima, di natura tra il marchio registrato e quello di fatto esistono e sono costantemente presenti a chi si trovi a doversi confrontare con un marchio non registrato. 2 Si ritiene che in caso di marchio di fatto non si applichi la limitazione circa la legittimazione all'azione di nullitaá di cui all'art. 122, 2 o co., c.p.i., in capo al solo titolare dei diritti anteriori ed al suo avente causa, ritenendo legittimato a far valere la nullitaá di un marchio di fatto anche il titolare di un successivo marchio registrato sulla base di un anteriore diritto di terzi su un segno anteriore identico o simile. 3 In tal senso, fra gli altri, LA VILLA, Introduzione al diritto dei marchi d'impresa, Torino, 1996, In tal senso, fra gli altri, MANGINI, op. cit., 81ss.; RICOLFI, op. cit., T. Napoli, , GADI, 2004, 959; T. Milano, , RDI, 2005, 356 ss. 174

3 INQUADRAMENTO NORMATIVO Una prima differenza attiene al riconoscimento della titolaritaá del diritto: semplice e generalmente univoco nel caso di registrazione, risultando titolare chi eá indicato come tale nel certificato di registrazione; necessariamente meno certo nel caso del marchio di fatto, richiedendo una non sempre agevole attivitaá di accertamento e ricognizione. In linea di principio il diritto sul marchio di fatto spetta a chi utilizza il marchio medesimo. Incertezze possono sorgere nel caso in cui chi utilizzi il marchio non registrato sia a cioá legittimato da accordi o, comunque, non coincida con l'effettivo titolare del segno. Tale ipotesi eá quella che si puoá verificare in caso di vendita in Italia di prodotti recanti il marchio di fatto, fabbricati e marchiati da altro soggetto all'estero 6. In tale situazione, ad esempio, per individuare l'effettivo titolare del diritto al segno di fatto occorreraá avere riguardo alla natura del marchio come di ``fabbrica'' o di ``commercio'', e alle relazioni contrattuali intercorrenti tra il produttore e il rivenditore, al fine di accertare se la fabbricazione (e quindi l'apposizione del segno) avviene su commissione o se, al contrario, la rivendita si pone come una fase del processo produttivo-commerciale avviato dal fabbricante. Sotto altro profilo, parte della dottrina ha ritenuto di poter individuare una differenza tra il marchio registrato e quello di fatto richiedendo, quale presupposto imprescindibile sin dall'origine di quest'ultimo, la qualifica di imprenditore in capo al suo titolare, a differenza che nel caso di marchio registrato, dove tale qualitaá non eá richiesta. Al di laá della relativa rilevanza pratica di tali considerazioni, altri Autori hanno osservato che anche con riguardo al marchio di fatto puoá verificarsi il caso di titolaritaá separata dalla qualitaá di imprenditore, seppure temporaneamente o per eventi particolari, come nel caso di cessione di azienda separatamente dal segno, o di successione ereditaria 7. Occorre comunque ricordare che il marchio per sua natura, ai sen- 6 Cass., , n. 348, GADI, 42ss.; per una rassegna di possibili cause di incertezza sulla titolaritaá del diritto sul marchio non registrato CARTELLA, op. cit., 33 ss. 7 In tal senso CARTELLA, op. cit.,

4 6 si degli artt c.c. e 7 c.p.i. eá destinato a contraddistinguere prodotti e servizi e che, traendo origine il marchio di fatto dall'uso che ne viene fatto, appare normale che lo stesso e la sua sopravvivenza siano strettamente e inscindibilmente legati alla sussistenza di un'attivitaá di impresa, cioeá, appunto, di produzione e scambio di beni o servizi. In caso di conflitto tra piuá soggetti che facciano parimenti uso del marchio non registrato, la relativa titolaritaá spetteraá al soggetto che per primo lo ha utilizzato, a condizione che persistano i requisiti per l'esistenza e la validitaá del marchio medesimo (e che il preutente riesca a dare prova del tempo e della natura del proprio utilizzo). PotraÁ invece verificarsi il caso di una pluralitaá di titolari di un medesimo marchio di fatto anche per i medesimi prodotti o servizi in ambiti territoriali distinti, essendo tale titolaritaá connessa all'uso del segno e alla notorietaá territorialmente acquisita dallo stesso per effetto di tale utilizzo, come si vedraá piuá ampiamente in seguito LA COSTITUZIONE DEL DIRITTO E REQUISITI DEL MARCHIO. L'elemento costitutivo principale del diritto sul marchio di fatto consiste nell'uso che dello stesso viene fatto dal titolare per contraddistinguere i propri beni o servizi. Tuttavia solo se da tale uso derivi notorietaá non puramente locale il marchio di fatto saraá in condizione di impedire la registrazione del segno da parte di un altro imprenditore, privandolo del requisito della novitaá, come previsto dall'art. 12, lett. b), c.p.i. La notorietaá meramente locale del marchio derivante dall'uso, pur non impedendo la registrazione del segno da parte di terzi, consentiraá al preutente di continuare a farne uso, anche ai fini della pubblicitaá, nei limiti della diffusione locale e del preuso, nonostante la registrazione del segno, come risulta dal combinato disposto degli artt c.c. e 12, lett. b), c.p.i. Con riguardo ai requisiti del marchio di fatto, la normativa nulla dispone espressamente. Nel tentativo di colmare tale carenza, in dottrina e in giurispru-

5 INQUADRAMENTO NORMATIVO denza si eá affermato che il marchio di fatto deve essere dotato di tutti i requisiti (novitaá, liceitaá capacitaá distintiva) che la legge richiede per i marchi registrati 8. Tale opinione eá ora rafforzata dalla previsione dell'art. 22. c.p.i. relativamente all'unitarietaá dei segni distintivi. E Á stato osservato peraltro, che, ove cosõá non fosse, il marchio di fatto godrebbe di un regime di favore rispetto a quello registrato del tutto ingiustificato 9. Le conseguenze della carenza di uno o piuá dei predetti requisiti saranno invece diverse in caso di marchio di fatto o registrato, difettando nel primo caso proprio del presupposto formale della registrazione. In altre parole, trovando il marchio di fatto la propria fattispecie costitutiva nell'uso, l'eventuale carenza di un requisito rileveraá con riguardo alla possibile prosecuzione dell'uso del segno e alla sua capacitaá di coesistere con un segno registrato o addirittura di invalidarlo. Meno condivisibile pare, invece, essere la tesi secondo la quale il difetto di novitaá impedirebbe addirittura il sorgere di un marchio di fatto: quest'ultimo, infatti, nasce di per seâ, per il semplice uso posto in essere 10. Al piuá,incaso di difetto originario di un requisito del segno, potraá parlarsi di un marchio di fatto ``irregolare'', il cui utilizzo potraá essere impedito dall'attivazione di un soggetto legittimato L'USO. L'art c.c., recitando «chi ha fatto uso di un marchio non registrato ha la facoltaá di continuare ad usarne...» prevede quale elemento costitutivo del diritto sul marchio di fatto esclusivamente l'uso che dello stesso eá stato fatto prima della registrazione da parte di altro soggetto del medesimo segno. L'uso quale fattispecie costitutiva del diritto sul marchio non registrato eá ribadita dall'art. 12, lett. b), c.p.i., che espressamente prevede che «l'uso precedente del segno, quando non importi noto- 8 VANZETTI, DI CATALDO, op. cit., 281; Cass., , n. 3076, GADI, 1976, n. 791, P. Monza, , ivi, 1992, CARTELLA, op. cit., 42, CARTELLA, op. cit.,

6 6 rietaá di esso, o importi notorietaá puramente locale, non toglie la novitaá, ma il terzo preutente ha diritto di continuare nell'uso del marchio, anche ai fini della pubblicitaá, nei limiti della diffusione locale, nonostante la registrazione del marchio stesso». Nonostante le espressioni utilizzate dalle norme citate, parte della dottrina ha ritenuto che l'uso non sia di per seâ sufficiente per far sorgere il diritto sul segno di fatto, essendo necessaria anche la notorietaá conseguente al medesimo 11. Tuttavia tale orientamento non eá facilmente compatibile con il dato letterale dell'art. 12, lett. b), c.p.i., che espressamente contempla la possibilitaá dell'esistenza di un marchio di fatto anche privo di notorietaá, prev edendo espressamente che non toglie novitaá al marchio successivamente registrato, l'uso che ``non importi notorietaá''. Pare quindi piuá condivisibile la posizione della dottrina e della giurisprudenza che ritiene il semplice uso sufficiente a conferire capacitaá distintiva e quindi a completare la fattispecie costitutiva del diritto sul segno non registrato 12, rilevando la notorietaá e l'estensione della stessa al fine di conferire al marchio di fatto un mero potere di coesistenza con il marchio registrato ovvero, addirittura, un'efficacia invalidante dello stesso. CioÁ non significa che l'uso del marchio di fatto non comporti la conoscenza dello stesso nel pubblico, essendo tale conoscenza la conseguenza naturale ed inevitabile della commercializzazione dei beni o dei servizi contraddistinti con il segno. Tuttavia tale conoscenza potraá essere del tutto limitata, ed in tal caso il marchio saraá semplicemente ``conosciuto'', oppure tale conoscenza potraá avere un grado di diffusione e di riconoscimento tale da consentire di accedere alla ``notorietaá'' (che a sua volta potraá essere locale o generale). Con riguardo alle caratteristiche richieste percheâ l'uso possa determinare la costituzione di un diritto sul marchio di fatto vi sono opinioni in dottrina e in giurisprudenza non concordanti DI CATALDO, I segni distintivi, Milano, 1993; CORRADO, Segni distintivi, ditta, insegna, marchio, Milano, 1975, T. Trieste, , RDI, 2008, 43 ss.; SPOLIDORO, op. cit., 49; in tal senso pare orientato anche CARTELLA, op. cit., 62, sebbene quest'ultimo a p. 68, nt. 42, paia anche sostenere che l'efficacia costitutiva si perfezioni nel momento in cui, per effetto dell'uso, si realizza il collegamento mnemonico segno di fatto/pubblico.

7 INQUADRAMENTO NORMATIVO E Á stato affermato che l'uso del marchio deve essere intenzionale e continuo, non sperimentale o casuale 13,eche non possa concretizzarsi in episodi isolati o sporadici di vendita 14,e,ancora, che debba essere effettivo 15. Tuttavia, come eá stato anche fatto notare in dottrina, tali caratteristiche dell'uso devono adattarsi all'ipotesi espressamente contemplata dall'art. 12, lett. b), c.p.i., di un uso del marchio che non importi notorietaá 16. Se pertanto pare compatibile con tale previsione normativa l'esigenza che l'uso del marchio non sia episodico o sporadico, e che sia attuale ed effettivo, meno coerente apparirebbe il requisito della continuitaá,potendoipotizzarsi anche un uso discontinuo (ad esempio, stagionale o per particolari ricorrenze o campagne commerciali) 17. potraá essere di ``fabbrica'' o di ``commercio'', rilevando unicamente l'effettivo impiego del segno per contraddistinguere i prodotti o i servizi. Un problema che si eá posto riguarda l'idoneitaá dell'utilizzo del marchio nella mera fase preparatoria alla commercializzazione, come nel caso, ad esempio, di mera diffusione a livello di intermediari commerciali (grossisti, distributori). In tale caso da alcuni eá stata ritenuta perfezionata la fattispecie costitutiva del diritto nella misura in cui l'immissione sul mercato sia intervenuta in un ragionevole lasso di tempo 18. Tuttavia viene ritenuto necessario che lo sbocco sul mercato (e quindi il collegamento con la clientela) si verifichi effettivamente, non potendo altrimenti ritenersi sorta la necessaria capacitaá distintiva del segno quantomeno con riguardo ad uno specifico mercato anche locale A. Catanzaro, , GADI, 1990, 648; T. Catania, , ivi, 1977, A. Milano, , GADI, 1992, RICOLFI, op. cit., 86; MANGINI, op. cit., CARTELLA, op. cit., Si pensi, ad esempio, a manifestazioni sportive quali la Coppa America di vela, che non ha avuto (e non ha) cadenze periodiche predefinite e continuative, oppure eventi socio-culturali (concerti con una pluralitaá di artisti) o religiosi, quali l'ostensione della Sindone per un marchio destinato, ad esempio, a contraddistinguere un servizio di guide turistiche, salvo poi valutare le conseguenze del non uso protratto nel tempo intercorrente tra una manifestazione e la successiva. In senso contrario CARTELLA, op. cit., 68, il quale ritiene che la carenza di continuitaá impedisca l'acquisto di capacitaá distintiva del segno. 18 Lodo , GADI, 1992, 529 ss. 19 Non eá stato quindi ritenuto sufficiente a costituire un diritto sul marchio in Italia l'apposi- 179

8 6 Altra ipotesi che ha sollevato divergenze di opinioni eá quella in cui il marchio, prima di essere effettivamente usato per contraddistinguere prodotti o servizi, sia oggetto di una preventiva campagna pubblicitaria e se tale pubblicitaá rappresenti una forma di uso idonea a far sorgere il marchio di fatto. La tesi prevalente pare riconoscere efficacia costitutiva alla pubblicitaá, purcheâ a questa segua in un ragionevole lasso di tempo l'effettiva commercializzazione del bene o servizio ovvero purcheâ sussista un collegamento tra la pubblicitaá e i prodotti da contrassegnare, nel senso che questi esistano giaá o siano in fase di produzione 20. Tale impostazione crea il problema di definire quale intervallo di tempo possa essere considerato adeguato o accettabile tra la diffusione della pubblicitaá e l'immissione sul mercato del prodotto contrassegnato. Quale soluzione si eá proposto in dottrina di considerare la pubblicitaá rilevante solo se accompagnata dall'effettiva collocazione del prodotto sul mercato, attribuendole quindi un ruolo di «coadiutore del processo di caricamento di valenza distintiva del segno» 21. Tuttavia tale posizione non pare risolvere il problema dell'incertezza sulla sorte della registrazione di un segno uguale al marchio di fatto nel periodo di tempo intercorrente tra la pubblicitaá e l'effettiva commercializzazione del prodotto, e dell'entitaá che tale lasso di tempo deve avere per far perdere di efficacia costitutiva la successiva immissione sul mercato. Invero la questione appare piuá teorica che reale: un marchio intanto esiste in quanto sia destinato a contraddistinguere un prodotto o un serv izio(art. 7 c.p.i.). Se non esiste un prodotto o un servizio almeno in fase di preparazione per l'imminente immissione sul mercato (conformemente al progetto industriale e di marketing che l'impresa necessariamente ha predisposto anche in modo elementare o sommario), non puoá esistere nemmeno un marchio destinato a contraddistinguerlo e conseguentemente chiunque pozione del marchio su prodotti destinati esclusivamente all'esportazione, T. Modena, , GADI, 1972, T. Catania, , GADI, 1997, 244; Lodo , ivi, 1992, 529 ss. 21 CARTELLA, op. cit., 84,

9 INQUADRAMENTO NORMATIVO trebbe registrare un segno uguale a quello che sarebbe soltanto uno slogan pubblicitario, salvo che cioá non contrasti con altri diritti dell'ideatore dello stesso (ad esempio il diritto di autore) LA NOTORIETA Á. Ove si ritenga, come sopra esposto, che la notorietaá non sia un requisito per la costituzione del diritto sul marchio di fatto, ritenendo, conformemente alla previsione dell'art. 12, lett. b), c.p.i., che tale efficacia costitutiva sia da ricondursi unicamente all'uso del segno, il concetto di notorietaá diventa unicamente l'elemento essenziale per valutare il grado di efficacia del marchio e l'ambito territoriale di tutelabilitaá del medesimo. L'art. 12, lett. b), c.p.i., piuá volte citato, differenzia gli effetti collegati all'uso del marchio di fatto in base, appunto, al grado di notorietaá raggiunto, escludendo una capacitaá invalidante del successivo segno registrato nel caso in cui l'uso del primo marchio non importi notorietaá ovvero determini una notorietaá solo locale. In particolare si eá ritenuto che efficacia locale si abbia nel momento in cui la conoscenza del marchio sia rimasta contenuta entro confini territoriali piuttosto ristretti 22. AldilaÁ dell'enunciazione teorica, l'applicazione pratica di tale principio ha evidenziato ampi margini di soggettivitaá, portando a risultati anche notevolmente diversi tra loro. E Á quindi stato ritenuto che la notorietaá non sia locale quando si estende a piuá regioni 23,mentrel'ambito di una sola regione eá stato oggetto di pronunce divergenti 24.Inaltricasi eá stato ritenuto che l'uso in tre regioni non abbia comportato notorietaá generale 25. Pare quindi potersi concludere nel senso che la valutazione circa la notorietaá locale o generale del segno deve essere effettuata con riferimento al caso concreto, indagando gli effetti conoscitivi che si sono prodotti a seguito dell'uso del segno e tenendo conto 22 MANGINI, op. cit., 19; T. Genova, , GADI, 1974, T. Milano, , T, 1956, In senso favorevole alla notorietaá non puramente locale, T. Napoli, , GADI, 2004, 959; T. Vigevano, , ivi, 1973, 935; nel senso invece della notorietaá meramente locale in caso di estensione limitata ad una sola regione, T. Genova, , cit. 25 T. Roma, , GADI, 2004,

10 6 del favor che la normativa comunitaria e nazionale sembrano accordare alla registrazione del marchio. La valutazione dell'ambito di notorietaá ha, infatti, come si vedraá meglio infra, diretta conseguenza sulla capacitaá invalidante della registrazione del successivo segno uguale ovvero sulla mera idoneitaá a sopravvivere del marchio di fatto. SaraÁ quindi necessario, da parte dell'interprete, considerare con attenzione le caratteristiche del marchio, l'eventuale coincidenza di questo con la ditta dell'impresa che lo utilizza (circostanza che potrebbe determinare una maggiore forza espansiva del segno e quindi una maggiore notorietaá attuale o potenziale) 26,lanatura dei prodotti o dei servizi per i quali il segno eá utilizzato e le eventuali affinitaá rispetto ad altri prodotti e servizi. In tale indagine, al fine di evitare interpretazioni che superino e confliggano con il chiaro significato del testo normativo, pare doversi porre estrema attenzione al fatto che l'art. 12, lett. b), c.p.i., utilizza il concetto di ``locale'' facendo riferimento all'estensione geografica della notorietaá. Ogni altra considerazione circa la natura, la tipologia o le caratteristiche merceologiche dei prodotti o della clientela al quale i beni e servizi si riferiscono appare ultronea e non autorizzata dalla norma. In particolare si eá arrivati ad affermare che una notorietaá pur diffusa sul territorio nazionale ma connessa con un utilizzo limitato merceologicamente o destinato ad una clientela ``elitaria'' non ostacolerebbe la registrazione del marchio successivo 27,ecioÁ anche quando il segno sia utilizzato per contraddistinguere prodotti appartenenti alla medesima categoria merceologica, differenziati solo per la qualitaá e il prezzo. Tale interpretazione appare andare contro il disposto normativo e limitare eccessivamente la rilevanza del marchio di fatto. Ove un marchio di fatto sia utilizzato per contraddistinguere su tutto il territorio nazionale o su ampia parte di esso una determinata categoria di prodotti (ad esempio, capi di abbigliamento) a nulla dovrebbe rilevare, ai fini della notorietaá invalidante del suc- 26 Cfr. sul punto CARTELLA, op. cit., 106ss. 27 CARTELLA, op. cit., 96 ss. 182

11 INQUADRAMENTO NORMATIVO cessivo marchio registrato, il fatto che detti prodotti siano destinati ad una clientela non generalizzata, in quanto, ad esempio, estremamente giovane, ovvero benestante. Il Codice fa infatti riferimento esclusivamente all'estensione geografica della notorietaá, pertanto risulterebbe arbitrario ritenere dotato di novitaá il marchio successivamente registrato per contraddistinguere prodotti dello stesso tipo, a meno che tali prodotti possano considerarsi, ai sensi dell'art. 12 e dell'art. 20 c.p.i., non identici neâ affini a quelli per i quali eá utilizzato il marchio di fatto, e l'uso del marchio registrato non possa determinare, a causa dell'identitaá o somiglianza tra i prodotti, un rischio di confusione che puoá consistere anche in un rischio di associazione tra i due segni. 3. COESISTENZA TRA MARCHIO DI FATTO E MARCHIO REGISTRATO. Come anticipato, la pre-esistenza di un marchio di fatto e quindi il preuso di un determinato segno per contraddistinguere prodotti o servizi, puoá avere diversi effetti e conseguenze in caso di successiva registrazione di un marchio identico o simile, in dipendenza del livello e del grado di notorietaá acquisita dal marchio di fatto. Ove l'uso del segno abbia importato notorietaá non puramente locale, il marchio di fatto avraá un'efficacia addirittura invalidante del successivo marchio registrato, privando quest'ultimo del requisito della novitaá. Non soltanto, quindi, l'utilizzatore del marchio di fatto avraá in tal caso il diritto di continuare l'uso dello stesso, ma nessun altro imprenditore potraá registrare un segno identico o simile o comunque idoneo a determinare un rischio di confusione tra i due segni, con legittimazione da parte del preutente di agire ai sensi dell'art. 122, 2 o co., c.p.i., per ottenere la dichiarazione di nullitaá del marchio registrato. Qualora, invece, l'uso del marchio di fatto, non importi notorietaá, o importi notorietaá meramente locale, la successiva registrazione del marchio identico o simile, per i medesimi beni o servizi, saraá (in presenza dei requisiti di legge) valida ed efficace. Tuttavia il titolare del marchio di fatto potraá continuare l'uso del segno, anche ai fini della pubblicitaá,«nei limiti della diffusione lo- 183

12 6 cale» giaá raggiunta [art. 12, lett. b), c.p.i.] ovvero «nei limiti in cui anteriormente se ne eá valso» (art c.c.). Il problema che si pone al riguardo, eá quello dell'individuazione dei limiti del preuso, entro i quali eá autorizzata la continuazione dell'utilizzo del marchio di fatto da parte del titolare, nonostante la sopravvenuta registrazione di un marchio uguale o simile. Si tratta della c.d. ``cristallizzazione'' del marchio di fatto. Alcuni Autori hanno operato una distinzione circa le modalitaá di prosecuzione dell'uso del marchio di fatto a seconda che il segno abbia una qualche notorietaá locale o non abbia alcuna notorietaá 28. Tale distinzione non appare peroá conforme alla previsione normativa, che non opera distinzione alcuna, ma si limita a prevedere che l'uso consentito sia conforme a quello giaá attuato. Questo sembra significare che il titolare potraá continuare, nel medesimo ambito territoriale, ad utilizzare il marchio di fatto, secondo le medesime modalitaá. Dovrebbe quindi ritenersi che non possano esservi mutamenti neâ quantitativi neâ qualitativi in tale utilizzo. potraá quindi essere utilizzato per i prodotti e i servizi per i quali era giaá utilizzato prima della registrazione, noncheâ per i prodotti e servizi affini ai sensi degli artt. 12, lett. b), e 20 c.p.i. Altrettanto chiara sembra la norma nel non consentire all'utilizzatore del marchio di fatto ampliamenti dell'ambito territoriale di utilizzo del marchio, impedendo quindi, ad esempio, l'apertura di punti vendita in altre regioni o al di fuori del perimetro di notorietaá raggiunto, cosõá come la pubblicizzazione del marchio mediante mezzi a diffusione piuá ampia di quelli in precedenza utilizzati. PiuÁ ardua si presenta la valutazione circa la possibilitaá da parte del preutente di incrementare quantitativamente l'utilizzo nella medesima zona in cui il marchio eá giaá conosciuto o in cui eá diffusa la sua notorietaá. Tali ipotesi potrebbero aversi nel caso di apertura di ulteriori punti vendita nella medesima zona, ovvero di pubblicizzazione del marchio, sempre nella medesima zona in cui eá giaá noto, ma inten- 28 CARTELLA, op. cit., 163 ss. 184

13 INQUADRAMENTO NORMATIVO sificando la frequenza dei messaggi o differenziando i mezzi impiegati. La soluzione piuá conforme al dettato normativo dovrebbe essere quella che consente l'uso del marchio nei limiti territoriali in cui il preutente se ne eá valso, senza ulteriori limitazioni quantitative o qualitative. Tali ulteriori condizionamenti all'utilizzo del marchio di fatto non paiono potersi ricavare dal codice della proprietaá industriale, che contempla esclusivamente la restrizione consistente nella ``diffusione locale''. da cioá deriverebbe quindi la possibilitaá per il preutente di incrementare il numero di punti vendita o la comunicazione promozionale purcheâ nella medesima zona in cui l'attivitaá commerciale e pubblicitaria giaá si attuava, anche se da tale comportamento potrebbe derivare un incremento di clientela. Il codice della proprietaá industriale non pare infatti escludere tale possibilitaá, che eá implicita nella stessa facoltaá di proseguire l'utilizzo del marchio di fatto. Maggiori perplessitaá potrebbero sorgere con riguardo alla lettera dell'art c.c. che, genericamente, prevede la possibilitaá per il preutente di continuare ad usare il marchio «nei limiti in cui anteriormente se ne eá valso». Tali limiti potrebbero anche essere interpretati nel senso di cristallizzare le possibilitaá di azione del preutente entro i limiti quantitativi raggiunti fino al momento della registrazione del marchio da parte di terzi, indipendentemente dal rispetto della medesima zona territoriale di diffusione del segno. Detta interpretazione, pur conforme al tenore del citato articolo del codice civile, pare ora confliggere con il testo dell'art. 12, lett. b), c.p.i. Da un lato, infatti, come visto, il codice della proprietaá industriale consente la prosecuzione dell'utilizzo con il limite della medesima diffusione locale e, dall'altro lato, prevede la possibilitaá di un marchio di fatto privo di notorietaá o con una notorietaá puramente locale. Non viene quindi operata, a livello di effetti, alcuna distinzione tra un marchio di fatto conosciuto in ambito locale ma privo di quel maggiore grado di diffusione che determina la notorietaá dello stesso, ed il segno giaá notorio nel medesimo ambito. 185

14 6 Da tale considerazione dovrebbe derivare quindi la possibilitaá per l'attivitaá imprenditoriale implicante l'utilizzo del marchio di poter incrementare tale uso e la clientela (e quindi anche il grado di conoscibilitaá), purcheâ entro i confini territoriali giaá indicati. In caso contrario, e pur tenendo conto del favor che il legislatore ha riconosciuto al marchio registrato, si attribuirebbe a quest'ultimo la possibilitaá di invadere il mercato locale in cui opera il marchio di fatto, consentendogli di profittare, senza un motivo che paia poterlo legittimare, anche della conoscenza che del segno precedente si eá realizzata nel territorio, e costringendo il preutente ad una situazione di soggezione e di inazione forzata. Da un lato si manterrebbe in vita il marchio di fatto, per poi impedire al titolare ogni attivitaá, pur nel predetto ristretto ambito territoriale, di sostegno effettivo e di incremento della propria attivitaá e della propria clientela e di ampliamento del grado di conoscenza del segno distintivo e dei propri prodotti o servizi. Con cioá non si intende riproporre la tesi della impossibilitaá di coesistenza del marchio di fatto con quello registrato, con possibilitaá per il primo di escludere nell'ambito territoriale del preuso, la presenza del secondo 29. La posizione sopra sostenuta appare anzi perfettamente conforme alla tesi del ``duopolio'' e alla coesistenza dei due segni nel medesimo territorio, oltre che necessaria, alla luce delle evoluzioni dell'economia moderna, a non ridurre il diritto sul marchio di fatto ad una semplice parvenza e per garantire al titolare dello stesso quella minima possibilitaá competitiva idonea a giustificare la sua esistenza sul mercato. Con riguardo alla coesistenza tra marchio di fatto e registrato, si deve considerare l'applicabilitaá dell'istituto della convalidazione, di cui all'art. 28 c.p.i. 30. La tolleranza per cinque anni da parte del titolare di un marchio 29 La tesi dell'incompatibilitaá della coesistenza del marchio di fatto con quello successivo oggetto di registrazione prima della riforma del 1992 era sostenuta sia in giurisprudenza sia in dottrina, cfr. Cass., , n. 2024, GI, 1983, 276; A. Trento, , GADI, 1992, 206; T. Torino, , Im, 1992, La tesi contraria del ``duopolio'' era stata giaá sostenuta da A. Roma, , GADI, 1991, 624, e successivamente si eá generalmente affermata: A. Torino, , ivi, 1996, 3409, 221; Cass. n. 4405/2006; Cass., , n Per approfondimenti si veda il relativo capitolo della presente opera. 186

15 INQUADRAMENTO NORMATIVO di fatto che importi notorietaá non puramente locale di un successivo marchio registrato puoá determinare, in assenza di registrazione in malafede, la sopravvenuta impossibilitaá di chiedere la dichiarazione di nullitaá della registrazione. La convalidazione non si ritiene, al contrario, applicabile al conflitto tra marchi di fatto in considerazione della natura eccezionale della relativa previsione e quindi della non suscettibilitaá di applicazione analogica 31. Per quanto riguarda la prova del preuso e della sua estensione, eá pacificamente riconosciuto che lo stesso incomba sul preutente LA CIRCOLAZIONE DEL MARCHIO. Il diritto sul marchio di fatto puoá essere oggetto di trasferimento conformemente alle previsioni in materia di marchi registrati 33. Il cessionario, ai fini della determinazione dell'anterioritaá, subentra nella situazione giuridica e di fatto del cedente, potendo quindi avvalersi dell'utilizzo posto in essere da quest'ultimo. 5. ESTINZIONE DEL MARCHIO DI FATTO. L'estinzione del diritto sul marchio di fatto eá la conseguenza della cessazione del suo utilizzo da parte dell'avente diritto. Tuttavia non eá sempre vero il contrario, ossia che dalla cessazione dell'uso del segno discenda, quantomeno immediatamente, l'estinzione del marchio. E Á infatti opinione comune che l'effetto estintivo conseguente alla cessazione dell'utilizzo possa esplicare i propri effetti in modo progressivo, in dipendenza del grado di notorietaá del marchio, della sua diffusione, della sua forza e idoneitaá distintiva 34. Non eá previsto un termine allo scadere del quale si verifica l'estinzione del segno. In alcuni casi si eá cercato di ricollegare tale termi- 31 T. Roma, , GADI, 2003, 891; CARTELLA, op. cit., T. Trieste, , RDI, 2008, 43; T. Milano, , ivi, 2005, 356 ss. Sono stati ritenuti mezzi di prova idonei i documenti contabili, le fatture, i cataloghi, le pubblicazioni stampa, fotografie di prodotti, oltre che testimoni; per una rassegna di casistica BARBUTO, op. cit., 3911; CARTELLA, op. cit., 201ss. 33 T. Milano, , GADI, 1994, 256; Cass. n. 6259/1982; RICOLFI, op. cit., CARTELLA, op. cit., 180ss. 187

16 6 ne a quello decadenziale del marchio registrato 35 in altri alla perdita di notorietaá conseguente alla cessazione dell'uso 36. In considerazione del fatto che la legge ricollega al marchio di fatto diversi effetti a seconda del grado di notorietaá di cui lo stesso gode, pare effettivamente possibile che l'effetto estintivo conseguente al non uso si manifesti in modo progressivo. CosõÁ, la riduzione di una notorietaá generale in una puramente locale, dovrebbe privare il marchio di fatto della possibilitaá di invalidare la registrazione del segno da parte di terzi, ma non di continuare a farne uso nei limiti della residua notorietaá. Ne dovrebbe ritenersi in ogni caso sufficiente a far ritenere esistente un diritto sul marchio di fatto il mero ricordo dello stesso, ove tale reminiscenza sia meramente un fatto storico e non piuá collegata ad un'attivitaá commerciale ed alla precedente utilizzazione 37. E Á stato tuttavia affermato che il diritto sul marchio di fatto sarebbe riappropriabile a seguito del non uso solo quando se ne sia perso & completamente il ricordo nel pubblico 38. CASISTICA Caso 1: QUANDO L'USO PUO Á FAR SORGERE UN DIRITTO SUL MARCHIO DI FATTO? SU CHI GRAVA L'ONERE PROBATORIO DEL PREUSO? COME SI PUO Á ASSOLVERE A TALE ONERE? POSSONO COESISTERE UN MARCHIO DI FATTO ED UN SUCCESSIVO MARCHIO REGISTRATO NELLA MEDESIMA ZONA? FATTI La Villa F. s.p.a. conviene in giudizio l'azienda Agricola Frattina di Manlio e Diego della Frattina lamentando che tale societaá, utilizzando il segno ``Frattina'' a titolo di ditta e insegna ed il segno ``Conti della Frattina'' in funzione di marchio sulle etichette dei suoi vini, avrebbe posto in essere un'ipotesi di contraffazione dei marchi di cui la prima era titolare. L'azienda agricola convenuta sosteneva che il marchio ``Conti della Frattina'' costituiva la registrazione del marchio di fatto utilizzato dai Conti della Frattina da tempo immemorabile e formulava 35 T. Torino, , in Le sezioni specializzate, 2004, n. 441; T. Venezia, , GADI, 1994, n T. Milano, , GADI, 2004, T. Catania, , GADI, 1977, 917; CARTELLA, op. cit., RICOLFI, op. cit.,

17 CASISTICA eccezioni di nullitaá dei marchi della attrice. Depositava cospicua documentazione al fine di fornire la prova del preuso del marchio. DOMANDE DELLE PARTI La Villa Frattina s.p.a. chiedeva accertarsi la contraffazione del marchio della convenuta e la declaratoria della nullitaá dello stesso. L'Azienda Agricola Frattina domandava il rigetto delle domande avversarie e, in via riconvenzionale la nullitaá del marchio dell'attrice, in subordine la decadenza per non uso. PARTICOLARITA Á DEL CASO Il Tribunale di Trieste ha ritenuto legittimo considerare la continuitaá dell'utilizzo del marchio di fatto tra dante causa e attuale titolare dello stesso, noncheâ provare l'uso del marchio, in difetto di specifica prova documentale, mediante testimoni. Indice dei contenuti: a) Uso del marchio di fatto e acquisto di capacitaá distintiva. b) Successione di utilizzatori, onere della prova del preuso e coesistenza tra i segni. c) La risposta del Tribunale. a) USO DEL MARCHIO DI FATTO E ACQUISTO DI CAPACITA Á DISTINTIVA. L'uso intenso e non interrotto del segno distintivo da circa trenta anni eá idoneo ad attribuire capacitaá distintiva nel settore dei vini e delle grappe? b) SUCCESSIONE DI UTILIZZATORI, ONERE DELLA PROVA DEL PREUSO E COESISTENZA TRA I SEGNI. Ai fini del preuso del marchio puoá essere considerata la continuitaá della produzione da parte del suo attuale titolare, del suo dante causa e prima ancora di altri soggetti appartenenti alla medesima famiglia? L'uso di fatto del marchio, pur in difetto di una specifica prova documentale, puoá essere provato mediante prove testimoniali che in sede di complessiva valutazione possano ritenersi attendibili? Ai fini dell'invalidazione del successivo marchio registrato su chi grava l'onere di dimostrare che in data anteriore al deposito della domanda di registrazione il marchio di fatto era utilizzato, l'entitaá dell'utilizzo e l'ambito della relativa notorietaá? Il preuso locale del marchio conferisce il diritto di continuare ad utilizzarlo, per lo stesso genere di prodotto, nell'ambito dell'uso 189

18 6 fattone, senza poter vietare al titolare del successivo marchio registrato di farne anch'egli uso nella medesima zona? c) LA RISPOSTA DEL TRIBUNALE. Il Tribunale di Trieste, affrontando le questioni sopra riassunte, ha fornito risposta affermativa a tutti i quesiti indicati, individuando nel preutente il soggetto gravato dell'onere probatorio circa l'utilizzo del marchio di fatto e la sua notorietaá. Materiali T. TRIESTE, Pres. Sansone ± Est. Merluzzi Villa Frattina s.p.a. c. Azienda Agricola Frattina di Manlio e Diego della Frattina s.s. SENTENZA (omissis) Ritenuta l'infondatezza delle diverse censure mosse dalla convenuta avverso la validitaá dei marchi registrati da parte attrice, e riconosciuta quindi la piena validitaá dei medesimi, va ora affrontata la questione principale del presente giudizio, ovvero quella relativa all'affermato preuso del segno ``Conti della Frattina'' da parte dell'azienda convenuta rispetto ai marchi registrati da Villa Frattina s.p.a. Preliminarmente si deve rilevare che la convenuta ha dato prova, nel corso del presente giudizio, della circostanza che il nome-marchio ``Conti della Frattina'' oggi utilizzato corrisponde a quello della casata, di cui sono discendenti i conti Manlio e Diego della Frattina, odierni titolari dell'azienda Agricola Frattina (doc. nn. da 32 a 36 e da 40 a45conv.). E Á stata poi fornita la prova che l'azienda dei Conti della Frattina ha esercitato l'attivitaá agricola nella localitaá Frattina del comune di Pravisdomini (PN) dove la presenza dell'antica famiglia eá attestata da molti secoli (cfr. documentazione in atti). Ritiene il Collegio che nel corso del giudizio sia stata pure raggiunta la prova del fatto che l'azienda Agricola Frattina ha esercitato l'impresa agricola sulle proprie terre, producendo e commercializzando dei vini. Sul punto della produzione dei vini, pur rilevando la correttezza for- 39 T. Trieste, , RDI, 2008,

19 MATERIALI male dell'osservazione di parte attrice secondo la quale l'azienda Agricola Frattina di Manlio e Diego della Frattina s.s. venne costituita appena nel 1997 (doc. 27 att.), si deve rilevare che la convenuta ha fornito adeguata prova della circostanza che giaá nei decenni precedenti l'azienda Agricola Frattina produceva e commercializzava vini (in particolare Tocai, Cabernet e Verduzzo). In veritaá la documentazione prodotta dalla convenuta per la parte piuá risalente nel tempo si riferisce a soggetti diversi, ovvero alla ``Eredi Co. Francesco della Frattina'' (doc. nn. da 1 a 3 conv.), alla ``Azienda Agricola co. dot. Mario Frattina e F.lli fu Giuseppe'' (doc. nn. 8 e 9), alla ``Co. Frattina Bruno e F.lli'' (doc. n. 10), ``Frattina Co. Mario e F.lli'' (doc. numeri da 11 a 13), ``Azienda Agricola Frattina'' (doc. n. 14), e poi ancora alla ``Della Frattina eredi'' (doc. n. 16); dai primi anni '80 in poi si trova invece il costante riferimento all'azienda Agricola Frattina di Carlo della Frattina (padre degli attuali titolari), e cosõá ad esempio nei documenti nn. 19, 20 e 21, relativi agli anni 1981/82. (omissis) Alle circostanze documentali si aggiungono poi le dichiarazioni testimoniali, in particolare quelle rese da Antonini Pietro (giaá mezzadro presso l'azienda Agricola dei Conti della Frattina) e da Campaner Graziano (sindaco del comune di Pravisdomini). In sintesi si puoá quindi comprovare una continuitaá nella produzione di vini sulle terre di famiglia da parte dell'azienda Agricola dei Conti della Frattina, giaá di proprietaá del Conte Carlo (padre degli attuali titolari) e prima ancora riconducibile ad altri soggetti appartenenti alla medesima famiglia. Poste tali premesse, rimane per altro da risolvere la questione piuá delicata, ovvero quella collegata all'affermato preuso da parte dell'azienda agricola convenuta del marchio di fatto ``Conti della Frattina'' precedentemente alla registrazione di Villa Frattina s.p.a. (ovvero anteriormente al 1978). (omissis) In ordine al preuso, si deve riconoscere che il materiale istruttorio raccolto non conduce a conclusioni in termini di certezza: da un canto si denota il difetto di una prova specifica documentale in tal senso (circostanza particolarmente sottolineata da parte attrice), d'altro canto eá 191

20 6 stato rilevato che diverse deposizioni testimoniali fanno propendere per la fondatezza della ricostruzione propugnata dalla convenuta. (omissis) Ritiene il collegio, valutato il complesso del materiale istruttorio raccolto, che possano ritenersi attendibili le testimonianze dianzi citate, secondo le quali vi fu un utilizzo del nome Conti della Frattina in funzione di marchio per contraddistinguere i vini prodotti dall'azienda convenuta (almeno parzialmente) anche nel corso degli anni '70. Quanto all'estensione dell'utilizzo, osserva il Tribunale che la convenuta non ha dimostrato che in data anteriore al 1978 il marchio ``Conti della Frattina'' era utilizzato con notorietaá nazionale, come invece era suo preciso onere. Al contrario, sulla base della documentazione versata in atti, si deve riconoscere che la produzione di vini da parte dell'azienda Agricola Frattina in quegli anni era alquanto contenuta: un tanto risulta sia dalle «denunce della produzione vinicola» che «dalle denunce delle giacenze di vino» prodotte in atti dalla convenuta. Tale circostanza eá stata poi indirettamente confermata dalle testimonianze assunte: il teste Antonini ha infatti dichiarato che all'epoca il vino si vendeva tramite damigiane e bottiglioni ed ha poi precisato che «la produzione piuá massiccia in bottiglie avviene da 5-10 anni». In ultima analisi, considerato il volume della produzione e non essendovi prova che il nome-marchio ``Conti della Frattina'' fosse apposto su tutto il prodotto, si deve ritenere che il segno era utilizzato con notorietaá puramente locale, con estensione che si puoá indicare nelle province di Pordenone e di Udine. Quanto alla tutela da apprestare nel caso di preuso locale di un marchio di fatto, ritiene il Tribunale di dover aderire alla tesi, anche di recente ribadita dalla Suprema Corte, secondo la quale «il preuso locale di un marchio non registrato conferisce al titolare del segno il diritto di continuare a utilizzarlo, per lo stesso genere di prodotto, nell'ambito dell'uso fattone, senza tuttavia che il preutente abbia anche il diritto di vietare a colui che successivamente registra il marchio di farne anch'egli uso nella zona di diffusione locale, in quanto eá configurabile una sorta di regime di ``duopolio'', atto a consentire, nell'ambito locale, la ``coesistenza'' del marchio preusato e di quello successivamente registrato» (Cass., , n. 4405; in senso analogo Cass., 192

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo I SEGNI DISTINTIVI: IL MARCHIO I SEGNI DISTINTIVI DELL IMPRENDITORE Presupposto della possibilità che la concorrenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

Marchio geografico e marchio collettivo. Prima definizione di marchio geografico (M.G.) e di marchio collettivo

Marchio geografico e marchio collettivo. Prima definizione di marchio geografico (M.G.) e di marchio collettivo Marchio geografico e marchio collettivo Prima definizione di marchio geografico (M.G.) e di marchio collettivo M.C.): M.G. è quello che contiene o che consiste in un nome di un località geografica. M.C.

Dettagli

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c.

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. - In materia di diritto tavolare, lo Studio ha ottenuto l affermazione

Dettagli

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto

I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto I nomi a dominio Corso Nuove tecnologie e diritto 3 maggio 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Cos è un nome a dominio - Combinazione di lettere e numeri a cui sono associati univocamente uno

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

In linea generale, l impresa collettiva è quella

In linea generale, l impresa collettiva è quella UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE -Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA COLLETTIVA E SCOPI ASSOCIATIVI In linea generale, l impresa collettiva è quella - esercitata in comune da più soggetti; - nella titolarità

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO GLI ULTIMI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISOLUZIONE N. 85 DEL 12 MARZO 2002 Circolare n. 10/2002 Documento

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI Avv. Debora Brambilla Dottore di ricerca brambilla@iplawgalli.com Contributoryinfringement o contraffazione

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto

La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto Padova, 22 Novembre 2012 Studio Legale Seno Francini & Partners Avv. Fabrizio Seno Avv. Gherardo Piovesana OPERE DELL INGEGNO DA

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE Gli effetti di una rottura coniugale, come è noto, sono numerosi e coinvolgono questioni psicologiche, affettive, mutamenti di stile, di vita, limitazioni

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Euronics Italia S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) MEDIONET

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Il Dirigente Generale

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com Tra i contratti d impresa, il consignment stock agreement, o più semplicemente

Dettagli

IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO

IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO IL CARATTERE DISTINTIVO DEL MARCHIO ACQUISITO MEDIANTE L USO NELL INTERPRETAZIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA Sommario: 1. Brevi cenni sul marchio Europeo 2. L art. 3 comma 3 della direttiva e i precedenti

Dettagli

Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX

Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX CAUSA n. 31817/2005 1 Giurisprudenza Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX CREDITONLINE SPA/ALPI Consulenza

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 OBBLIGO DI CONTRIBUZIONE SOCIO DI SRL IL QUESITO Alcuni miei clienti sono soci di srl e ricoprono l incarico

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Codice Civile Libro Quinto Del lavoro Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Art. 2569. Diritto di esclusività. Chi ha registrato nelle forme stabilite dalla legge un nuovo marchio idoneo

Dettagli

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO di Antonello Fabbro (Tribunale di Treviso) Gli artt. 2758 comma 2 e 2772, co. 3, del codice civile prevedono il privilegio speciale,

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Un vecchio fabbricato edificato nella prima metà del secolo scorso nel territorio rurale, ad uso abitativo, non legato ad alcuna azienda agricola o coltivatore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA QUINTA SEZIONE CIVILE il dott. Roberto Ghiron, in funzione di Giudice Unico di

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA QUINTA SEZIONE CIVILE il dott. Roberto Ghiron, in funzione di Giudice Unico di REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA QUINTA SEZIONE CIVILE il dott. Roberto Ghiron, in funzione di Giudice Unico di primo grado, V Sezione Civile del Tribunale di Roma ha pronunciato

Dettagli

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO RISOLUZIONE N.126/E Roma, 16 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Adempimenti contabili degli enti non commerciali ed obbligo di rendicontazione di cui all'art. 20

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Allegato alla Circolare 5/2010 Studio Ghidini, Girino e Associati

Allegato alla Circolare 5/2010 Studio Ghidini, Girino e Associati Codice della Proprietà Industriale: testo coordinato con le modifiche apportate dal d.lgs. 13 agosto 2010 n. 131, recante Modifiche al decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30, recante il codice della

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Direzione Centrale Normativa

Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 75/E Roma, 26 luglio 2010 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Esenzione dall imposta sulle successioni e donazioni dei trasferimenti di quote sociali

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste... TITOLO VIII DELL AZIENDA. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste... TITOLO VIII DELL AZIENDA. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXIII TITOLO VIII DELL AZIENDA Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2555. Nozione... 1 1. La nozione di azienda

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA 16 maggio 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il trasferimento d azienda e di ramo d azienda A) La nozione di trasferimento d azienda (art. 2112,

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Un tema spesso controverso e dibattuto, che ogni anno torna di grande attualità con la presentazione della dichiarazione dei redditi, è quello dell

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Il fumo del camino invade la terrazza del vicino, ma quanto nuoce alla salute? Cassazione sentenza n. 309/2013 commento e testo

Il fumo del camino invade la terrazza del vicino, ma quanto nuoce alla salute? Cassazione sentenza n. 309/2013 commento e testo Il fumo del camino invade la terrazza del vicino, ma quanto nuoce alla salute? Cassazione sentenza n. 309/2013 commento e testo Avvocati.it E sempre necessario l accertamento della denunciata intollerabilità

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Sommario. CAPITOLO I I marchi d'impresa. Inquadramento dell'istituto. CAPITOLO II Gli impedimenti assoluti alla registrazione

Sommario. CAPITOLO I I marchi d'impresa. Inquadramento dell'istituto. CAPITOLO II Gli impedimenti assoluti alla registrazione Presentazione di Mario Barbuto... p. XVII CAPITOLO I I marchi d'impresa. Inquadramento dell'istituto di Nicola Bottero e Massimo Travostino Sommario: 1. La natura del marchio. 2. Le funzioni giuridicamente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 629/2007 proposto da: FALLIMENTO L.C. S.R.L., in persona

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 giugno 2010 OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti 2 INDICE PREMESSA...3 1. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE DESTINATE A SERVIZIO DI CASE

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 163/E

RISOLUZIONE N. 163/E RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 25 novembre 2005 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.p.A. Con l interpello specificato

Dettagli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli MARCHI GEOGRAFICI INDICAZIONI DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli Santa Sofia, 5 maggio 2011 ore CEUB- Centro Residenziale Universitario Bertinoro Le diverse tipologie

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 25 ottobre 2004, n. 20644 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto notificato il

Dettagli

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

La proprietà industriale e intellettuale nell era dell information technology

La proprietà industriale e intellettuale nell era dell information technology La proprietà industriale e intellettuale nell era dell information technology Il ruolo dei diritti di privativa per le aziende del web 2.0 Avv. Nicolò Ghibellini - www.avvghibellini.com I diritti di proprietà

Dettagli

IRPEF: cessione immobili da demolire

IRPEF: cessione immobili da demolire Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 74 12.03.2014 IRPEF: cessione immobili da demolire Per la Cassazione, la cessione di un fabbricato da demolire non può essere riqualificata in

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro.

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. Sovente, i lavoratori autonomi (agenti, collaboratori a progetto, consulenti ecc.) che intendono

Dettagli

Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013

Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013 Circolare N.182 del 13 Dicembre 2013 Artigiani e agricoli. Quali sono gli adempimenti per vendere online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha fornito

Dettagli

IL TRIBUNALE DI VENEZIA. Prima Sezione Civile. Il Giudice Unico dott.ssa Anna Maria Marra ha pronunziato la seguente SENTENZA

IL TRIBUNALE DI VENEZIA. Prima Sezione Civile. Il Giudice Unico dott.ssa Anna Maria Marra ha pronunziato la seguente SENTENZA Tribunale di Venezia, Sez. I, 10 febbraio 2012 IL TRIBUNALE DI VENEZIA Prima Sezione Civile Il Giudice Unico dott.ssa Anna Maria Marra ha pronunziato la seguente SENTENZA nella causa civile in primo grado,

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli